I PIÜ ANTICHI VETRI DELLA CAMPANIA. I RINVENIMENTI DA VIVARA (NA) ED IL LORO CONTESTO ARCHEOLOGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ü^* @ I PIÜ ANTICHI VETRI DELLA CAMPANIA. I RINVENIMENTI DA VIVARA (NA) ED IL LORO CONTESTO ARCHEOLOGICO"

Transcript

1 I PIÜ ANTICHI VETRI DELLA CAMPANIA. I RINVENIMENTI DA VIVARA (NA) ED IL LORO CONTESTO ARCHEOLOGICO CLAUDIO GIARDINO, CARLA PEPE Líisola di Vivara Lisola di Vivara ha restituito le piü antiche attestazioni di vetro nella Campania. Thle documentazione, tenuto conto della sua alta antichità, può dirsi relativamente ampia. Vivara costituiva in età pre-protostorica un promontorio della piü vasta isola di Procida, cui era collegata mediante un istmo sabbioso oggi sprofôndato a seguito dell'abbassamento della linea di costa. Alta 120 m sul livello del mare, domina sia il Canale d'ischia che quello di Procida, consentendo così ai suoi abitanti di esercitare agevolmente il controllo della navigazione lungo il golfo di Napoli. Era inoltre in grado di offrire alle imbarcazioni molteplici possibilità di approdo, tutte ben visibili dall'acropoli. Le pareti a picco, alte e scoscese che circondano l'isola le forniscono una difesa naturale dif f icilmente superabile contro eventuali aggressori (fig. 1). I \ rsurxroctmo Nl Sl MÌ!rc(! *^^.*. rto.^ ro3sdl fig. 1: Il comprelìsorio di Procida-Vivara. La particolare collocazione geografica e la posizione strategica ne fecero d.urante la prima metà del II millennio a.c. un formidabile avamposto nel Tirreno centromeridionale per il controllo delle rotte transmarine dirette verso i ricchi giacimenti metalliferi della Toscana, della Liguria e della Sardegna. Gli scavi all'insediamento di Punta {'Alaca e la "fossa arpha" L"isola è stata oggetto di indagini archeologiche sino dagli anni'30, sebbene ricerche sistematiche abbiano avuto inizio solo piü tardi, nel Le ricerche interessarono principalmente Punta Capitetlo, Punta Mezzogiomo e Punta d'alaca, rispettivamente nelle estremità settentrionale, meridionale ãd occidentale delf isola (fig.2).in tutte le tre aree gli scavi restituirono, insieme ad abbon-

2 172 Il Vetro in Italia mericlionale e insulare fig. 2:Vivara, le aree oggetto di scavo. danti ceramiche indigene attribuibili pressoché esclusivamente ai momenti iniziali del Bronzo medio, anche frammenti di importazione riferibili alle coeve culture egee, dimostrando in tal modo come Vivara sin dagli inizí del suo popolamento avesse costituito un centro privilegiato per gli scambi con il mondo miceneo. Molteplici indizi indicano come i commerci con ilbacino orientale del Mediterraneo non si siano limitati unicamente a portare nell'isola flegrea prodotti pregiati - quallp.h Mojim li gti olii, i vini ed i pro- ii: =::::5 -,:_=lt_rg.,::.,.' fumi che dovevano costituire il contenuto del vasellame miceneo ritrovato negli scavi-, ffiâ abbiano anche fortemente influenzato Ia cultura e la società delle comunità residenti. Sono infatti stati scoperti i resti di un complesso sistema di computo mediante rondelle fittili (r tokens), che rappresentano una forma di archiviazione e di memorizzazione ben attestata nel Vicino Oriente. Non mancano inoltre esempi di ceramiche di tipo miceneo fabbricate in loco, mentre pure all'egeo richiama una struttura abitativa rettangolare della Punta d'alaca la cui copertura era costituita da tegole ricavate da un tufo locale lamellare. Ai traffici egei va anche rapportata la presenza dí perle di pasta vitrea sull'isola, concentrate nell'insediamento di Punta d'alaca. Il gruppo piü consistente di pezziè stato rinvenuto in una speciale struttura, denominata convenzionalmente "fossa alpha", tuttora in corso di scavo. Si tratta di un'ampia struttura ipogeica circolare nella quale, at di sotto di uno spesso strato di resti organici carbonizzati, è stato riscontrato un livello archeologico preesistente che ha restituito un considerevole numero di manufatti particolarmente significativi. Sono stati qui recuperati infatti oggetti di speciale prestigio, molti dei quali di provenienza egea: oltre alle perle di pasta vitrea, numerosi bronzi (tra cui, in particolare, vari frammenti di spilloni e resti di vasellame metallico), ceramiche indigene e

3 Sezione archeologica 173 d'importazione (fra le piü antiche rinvenute nell'insediamento: T.E. I-II A), nonché urr'appliqueinlamina d'oro. Va rilevato come quest'ultimo reperto costituisca sino ad ora un unicum nel panorama della media età del bronzo della Penisola ltaliana. La peculiarità di questi rinvenimenti induce a supporre, in attesa che lo scavo della struttura venga completato, che la "fossa alpha" avesse una funzione diversa da quella di semplice fossa, come era stato inizialmente ipotizzato oltre una decina di anni fa. La struttura ipogeica doveva essere forse legata a funzioni cultuali o funerarie (da qui proviene l'unico frammento di osso umano dell'insediamento, un pezzo di tibia destra), comunque di speciale rilevanza. Le perle di pasta vitrea da Vivara Provengono da Vivara, ed in particolare dall'insediamento della Punta d'alaca, cinque perle in pasta vitrea (fig. 3) (1).,":- t' o tl (o OD fig. 3: Vivara, Punta d'alaca, perle ilr pasta vitrea: L) inv. 805/383; 2) it:.82s/ 385; 3) inv. 82Sl384; 4) inv. 965/10;5) inv. 965/LL.? Possono riconoscersi tre tipi distinti. Tipo I, perla globulare: 1) Inv. B0S/383: frammento di grossa perla sferica lievemente schiacciata ai poli, di colore biancastro; diam. mm L9, alt. mm IT.Dallatrincea D'. Tipo II, perla cilindrica: 2) Inv. 825/385: piccola perla di forma cilindrica, di colore biancastroi diam. mm 7, alt. mm. 8. Dal fondo della fossa alpha. Tipo III, perla discoidale: 3) Inv. B2S/384: piccola perla di forma discoidale, di colore biancastro; diam. mm B, alt. mm. 3,5. Dal fondo della fossa atpha. 4) Inv. 965/t0 piccola perla di forma discoidale, di colore giallo; diam. mm 6,5, alt. mm. 3. Dal fondo della fossa alpha. 5) Inv. 965 / 7I piccola perla di forma discoidale, di colore biancastro; diam. mm 8, alt. mm. 4. Dal fondo della fossa alpha. Va rilevato come ad eccezione del primo esemplare, il piü grosso e l'unico globulare, tutti gli altri provengano dagli strati basali della "fossa alpha" e siano tutti abbastanza simili per dimensioni. Questi ultimi dovevano probabilmente fare parte di uno stesso oggetto, probabilmente una collanarcalizzata con elementi giatli e bianchi, discoidali e cilindrici.

4 174 ll Vetro in ltalia meridionale e insulare Le indagini archeometriche I reperti vitrei provenienti da Vivara sono stati tutti analizzati facendo ricorso a tecniche che garantissero di non procurare ai reperti il minimo danno, utilizzando sperimentalmente una strumentazione portatile che consentisse di ridurre al minimo i pericoli di danneggiamento. È stato impiegato a tal fine un nuovo sistema analitico a raggi X portatile denominato SEXI (Structúral and Elemental X-ray Lrstrument) per l'esecuzione di analisi di fluores cenzax e di diffrattometria X in modo non invasivo e non distruttivo (2) Tâli indagini hanno permesso di rilevare come le perle differiscano fra loro per composizione. Le due piü piccole, discoidali, (inv. 965/70 e 965/ 11) sono risulàte assai ricche in calcio, con una minore quantità di ferro; non sono stati individuati altri componenti nella miscela.. I due esemplari di forma sferica e cilindrica (inv. 805/383 e B2S/385) presentano invece un basso tenore di calcio ed un maggiore contenuto di ferro; in particolare ngllo spettro delpezzo nv B2/3BS è possibilè osservare i picchi L del piombo, non_ ché tracce di potassio. Già nei piü antichi documenti relativi alla produzione vetraria, i primi dei quali risalenti al secondo millennio a.c., si rileva chè per produrre il vetro sono necessari duecomponenti (STERNINI7995,pp. 33-3a.). Oitre ãila sostanza base, il vetrificante, la silice (SiO2, che fonde sui 1700 "C), è infatti necessario aggiungere delle sostanze fondenti, costituite generalmente da alcali, essenzialmenteããsidõ di sodio (NarO) o di potassio (ÇO). Le perle di Vivara sono risultate prodotte con una miscela in cui alla silice era stata aggiunta come fondente, per coadiuvare il processo di fusione, della soda; un vetro di tale composizione fonde infatti ad una temperatura compresa fra i 1000 ed i 1100'C (HENDERSON 1985, p. 272). Solo nel caso della perlina cilindrica sono state osservate tracce di pofig.4: Perle in pasta vitrea del Bronzo medio in Italia mericlionale e Sicilia. a) Perle in vetro; b) Perle in vetro ed elementi egei.

5 Sezione archeologica 175 tassio. Alcuni ossidi, come quetti di calcio, vengono inoltre comunemente usati come stabílizzanti poiché rendono il vetro meno soggetto ad alterazioni rispetto a quello composto unicamente da silice ed alcali. Nei piccoli esemplari discoidali vivaresi è stata rilevata una consistente presenza di calcio: benché tali elevati tenori di calcio aumentassero la fragilità dei pezzi, nel contempo, però, ne incrementaveìno la durezza, rendendoli così maggiormente resistenti all'usura da frizione, caratteristica questa particolarmente vantãggiosa per d.egli elementi di pendenti o collane di minute dimensioni (3). Può quindútrutã significativo che in ambedue i pezzipiü grandi, la perla globulare e quella cilindricá, il tenore di calcio sia minore. Va del resto osservato come percentuali abbastanza alte di calcio costituiscano una caratteristica decisamente frequente nei vetri pre-protostorici (DAYTON- DAYTON 1'978, pp. a37-a3\. È stato ipotizzato che essè siano legate ad. un'aggiunta di frammenti di conchiglie alla sabbia di base durante la fusione 1ÉUNOERSON tgbs, p.277), secondo un uso che, almeno per l'età romana, è documentato da Plinio (PLI- NIO, Nat. Hist XXXVI, I92). Contenuti di ferro sono stati riscontrati nei vari esemplari, piü marcati in quelli di dimensioni maggiori. Questo elemento poteva contribuire a fãmire al vetro una def:l-ü -,= (l Jil!l,.,,.,.t$1 -..,"r"- 7ll \==^í,4.// õ -2 fig. 5: Ipotesi di rotte commerciali fra Egeo ed area italiana nel perioclo cli formazior"re clelle é/ifes micenee: a) Direttrice corìlìessa con la formazione cli rapporti stabili nel basso Tirreno; b) Rotte clei naviganti egei verso Occiclente c) -. Connessioni -. transmarine - fra cerchie culturali incligene del Mecliterraneo centro-occiclentale;

6 176 Il Vetro in Italia meridionale e insulare E I 1rnÊ.ãr Èr(i(ilt.laìlíj n r!'lceclrar'ìe:ì1âi Ì fig. 6. Provenienza delle perle in pasta vitrea meridionali e siciliane del Bronzo medio: suddivisione per natura delle fonti archeologiche. bole tinta vetde-azzurrina, ed era generalmente legato 3d impurezze della sabbia silicica. Nella sola perla cilindrica è stata rilevata la presenza di piombo, un componente il cui uso in campo vetrario è stato accertato già da periodi assai antichi e che, tra l'altro, contribuiva ad abbassare il punto di fusione (FRANK 1982, pp.82-85). Le perle vitree nel contesto del Mediterraneo centrale protostorico Le perle di pasta vitrea rappresentano un rinvenimento se non eccezionale, senza dubbio assai poco frequente nei siti del Mediterraneo centro-occidentale della prima metà del II millennio a.c. Del resto il vetro in questi periodi piü antichi doveva costituire un materiale di considerevole pregio e valore, anche nel mondo miceneo (HAEVERNICK 1963, p. 130). IJn'eco ci è fornita dall'iliade, dove nella descrizione della corazza di Agamennone viene sottolineata l'ornamentazione in smalti vetrosi (Iliade,XI,20-28). Il vetro, al pari dellafai'ence, dellalavorazione dell'avorio e dell'oreficeria, costifuiva quindi una produzione di lusso, riservata ad una élite.la fusione di perle in forme monovalvi di steatite, quali quelle trovate a Knosso (RENFREW 1972, p. 360) e che er;ìno probabilmente le stesse impiegate per rcalizzarcmonili d'oro, costituisce un'ulteriore indicazione degli stretti legami fra le due forme artigianali. L'-area egea costituiva un fondamentale centro di produzione vetraria, specie per quanto concerne i monili (FOSTER L979,pp.5-9; STERNINIl995, pp ). Va anzi ricordato come perle in vetro blu provengano dalle tombe a pozzo di Micene, da contesti cioè alquanto antichi (DAYTON-DAYTON 7978, pp ); l'arte vetraria egea è del resto strettamente connessa sia con la metallurgia, che con la manifattura quest'ultima probabilmente già praticata localmente nel III millennio de1la fal'ence, a.c. (RENFREW 7972, pp ). I reperti di Vivara di tutti e tre i tipi identificati trovano comunque stringenti con. fronti con materiali analoghi provenienti dal sepolcreto miceneo di Aidonia, in Argolide, da tombe databili intorno al XV secolo a.c. ( ). Appare quindi evidente come tali oggetti siano strettamente connessi con le navigazioni egee, sia che essi abbiano raggiunto Vivara come pregiata mercanzia, sia che siano stati realizzati quí su ispirazione micenea. Va infatti sottolineato come gli abitanti dell'isola fossero in possesso delle conoscenze necessarie per effettuarne una produzione in loco, considerando gli stretti contatti dal punto di vista tecnologico fra lavorazione vetraria e metallotecnica (5). Osservando una carta di distribuzione dei rinvenimenti di perle vitree del Bronzo medio sino ad ora noti nell'italia meridionale ed in Sicilia (fig. a) (6), si rileva come le presenze appaiono concentrate soprattutto in due regioni geografiche, l'area siciliana (7) - includendo con questa designazione anche le isole Eolie e Malta - e l'area

7 Sezione archeologica 177 pugliese-lucana (8). Le perle risultano generalmente associate con altri elementi di provenienza egea: tale fenomeno, pure rilevabile a Vivara, si riscontra infatti anche in vari altri contesti pressoché coevi della Sicilia (Castelluccio, Grotta del Maccarrone, Fogliuta di Adrano, Monte Grande), delle Eolie (Acropoli di Lipari, Montagnola di Capo Graziano) e della Puglia (Grotta Manaccore). Esse costituiscono quinái un significativo documento di quei rapporti transmarini fra le comunità indigene italiane degli rnizi dell'età del bronzo e l'ambiente egeo del periodo della formazione delle éiites micenee (fig. 5). Una interessante indicazione sull'importanza assunta da questi elementi di ornamento per le popolazioni indigene che li ricevevano è fornita dai contesti nei quali i rinvenimenti in questione si sono verificati. Essi sono infatti in grande prevalen za di natura funeraria e/o cultuale; in particolare questi rappresentano oltre l'80"/" dell'insieme dei rinvenimenti, rispettoal20 % ciróa costituito dagli insediamenti (fig. 6). Thli dati confermano ulteriormente l'alto valore simbolico e di prestigio rivestito da questi oggetti, destinati a rappresentare lo status del defunto o ad onorare la divinità. Tale osservazione conferma indirettamente la valenza cultuale o funeraria attribuita alla struttura ipogeica vivarese denominata "fossa alpha", che quindi con ogni verosimigliartza rivestiva un significato del tutto particolare nel contesto dell'insediamento della Punta d'alaca. NOTE 1) Un catalogo degli esemplari rinvenuti nelle campagrìe di scavo I980-t982è in MARAZZIL994,p ) Cfr., sulla strumentazione, il lavoro di C. CANEVA, C. GIARDINO, F. PAGLIETI, P. PLESCIA, Indiaiduazione medinnte PnD degli elementi costituzionali di antichi aetri carnpani n fini archeologici e di conseraazione, in questo stesso volume. 3) Sugli effetti del calcio, cfr., tra gli altri, LOCARDI 1977, p. g1.. 4) Cfr. in particolare le perle clella Tomba a camera 7 di Aiclonia: KAZA-PAPAGEORGIOU 1996, pp. 58,66, figg. 34, 55. 5ì _Sulla ipotesi di una fabbricazione in loco delle perle in faïence dell'età clel bronzo europea, cfr. BERG ONZI-CARDARELLI 199 L-I992, pp. 2I8-2't 9, no ta 3. 6) Per i rinvenimenti cli perle in pasta vitrea e fnilence del Bronzo medio ir-r Italia settentrionale, cfr. BERGONZI-CARDARELLII ,pp.21,8-219; per quelle della Sarclegna, cfr. MELIS 1989,pp ) Sicilia: Castelluccio: ORSI 1892, pp , nota 38; Valsavoia: ORSI 1902a, p. 117, tav. II: 33; Carra Canabarbara: ORSI 1902b,p.787, tav. VI:6; Grotta del Maccarrone:CULTRARO 1989, pp , tav.iii: 2 a-e; Fogliuta di Adrano: CULTRARO,L9ï9,p.273, tav.iii:2 f; Monte Grande: }y'.arazzilgg4,nota2; Acropoli cli Lipari: BERNABÒ BREA-CAVALIËR 1980, pp.256,5m,fig.98: h; BERNABÒ BREA-CAVALIER 1991, p.136. Malta, Târxien Cemetery: EVANS 197L, p.163, tav. 59: 11. 8) S. Domenica di Ricadi: PACCI 7987, p. 37, fig.1:3 a-c; Toppo Daguzzo: CIPOLLONI SAMPÒ 1986, pp , fig. 9: 6; Grotta Manaccore: BAUMGARTEL 1953, p. 22, tav. X: 4 e fig. 9: 11; Murgia Timone: PATRONI 1898, coll , figg ; Matera - Cappuccini: RELLINI 1929, p BIBLIOGRAFIA BAUMGARTEL E. J. 1953, The Caue of Manaccora, Monte Gargano. Part li, The Contents of the Three Archneological Stratn, "Papers of the British School at Rome", XXI, pp BERGONZI G., CARDARELLI A , Status symbol e oggetti d'ornamento nella media età del bronzo dell'ltnlia settentrionnle: nmbra, fai'ence, pnsta uitrea, metalli preziosi, in L'età del bronzo in ltalia nei secoli dnl XVI al XIV n.c., "Atti del Congresso" (Viareggio 1989), "Rassegna di Archeolo gia",1.0, Firenze, pp.2l BERNABÒ BREAL., CevarIER Nt.ííao,Ìvleligunìs -Li[óraIV.L'AcropolídiLiparineltapreistoria, palermo. BERNABÒ BREA L., CAVALIER M , M;tigunìs - Lipára Vt. Filícudi. tnsedinmentii det'età del bronzo, Palermo.

8 178 Il Vetro in Italia meridiolrale e insulare CPOLLONI SAMPO M. 1986, La tomba tre dell'acropoli di Tbppo d'aguzzo (Potenzn). Elementi per uno studio preliminare, "AION", VIII, pp. L-40. CULTRARO M. 1989, II castelluccinno etneo nel qundro dei rapporti tra Sicilia, penisola italinna ed Egeo nei secc. XVI e XV a.c., "Sileno", XV pp DAYTON J., DAYTON A.1978, Minerals, Metals, Glazing I Mnn or Who uas Sesostris /?, London. EVANS I.D. L971., The Prehistoric Antiquities of the Maltese Islands: a Suraey, Lonclon. FOSTER K. P. 1979, Aegean Faience of the Bronze Age, New Haveu-Lonclon. FRANK , Glsss and Archneology, London-New York. HAEVERNICK T. E. t963, Mycenaean Glass, " Archaeology", 16 (3), pp HENDERSON J. 1985, The rau materials of early glnss production, "Oxforcl Journal of Archaeology", 4 (3), pp KAZA-PAPAGEORGIOU K.1996, Finds from the excaantion of the Mycenaean cemetery nt Aidonin, gS0,inK.DEMAKOPOULOU (ed.),theaidonintreasure.senlsandlezuelleryof theaegeanlatebronzeage, Athens, pp LOCARDI B. 1977, Aspetti chimico-fisici rigunrdnnti Ia produzione del aetro, in G. SCARINCI, T. TONINAIO, B. LOCARDI,Vetri. Quaderni di chimica npplicata, Milano, pp MARAZZIM. 1994, Le perline di pasta aitrea, in Viaarn Centro commerciale mediterraneo dell' età del bronzo. II Le tracce dei contatti con il mondo egeo (scaai 1976-L982), Roma, pp MELIS M. G. 1989, Studio tipologico delleperle in aetro e infaïence rinaenute in Sardegna, "Antichità Sarcle", 2,pp ORSI P. 1892, La neuopoli sicula di Castelluccio (Siracusa), "BPI", XV[I, pp.1.-34, ORSI P. I902a, Necropoli e stazioni sicule di transízione. l. La necropoli di Vnlsnooja (Catania), in "BPI", XXVIII, pp ORSIP.lg02b,Necropoliestazionisiculeditrnnsizione.lLsEolcretodiCaaaCanaBarbara,in"BPl", XXVII, pp PACCI M. 1987, Reaisione e nuoae proposte d'interyretazione per i materinli delle tombe di Snnta Domenica di Ricadi, "Sicilia Archeologica", 64, pp PATRONI G. 1898, IIn uillaggio siculo presso Mntera, "MorìArìt", 8, coll RELLINI [J.1929, Nuooe osseraazioni sulle età eneolitica ed enea nel territorio di Matera, "Atti e Mem. Soc. Magna Grecia", pp. 129-L47. RENFREW C. 1972, The Emergence of Ciuilisation. The Cyclades and the Aegean fu the Third Millennium 8.C., Lonclon. STERNINI M. 1995, La fenice di sabbia. Storin e tecnologin del uetro antico,bari.

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI VETRO

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI VETRO MATERIALI VETRO 1 IERI E OGGI Cent anni fa: il vetro appannato Oggi: il vetro isolante 2 Cos è il vetro Osserviamo quattro tipi di vetro Oggetti di vetro (classificazione) 3 Osserviamo quattro tipi di

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

TESSERE VITREE A FOGLIA D ORO NEI MOSAICI DI AQUILEIA

TESSERE VITREE A FOGLIA D ORO NEI MOSAICI DI AQUILEIA Quaderni Friulani di Archeologia XVI/2006 TESSERE VITREE A FOGLIA D ORO NEI MOSAICI DI AQUILEIA Marco VERITÀ INTRODUZIONE In epoca romana fu scoperta la possibilità di racchiudere tra due strati di vetro

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

FILIGRANA E GRANULAZIONE

FILIGRANA E GRANULAZIONE Tecniche di lavorazione orafe FILIGRANA E GRANULAZIONE Pierangelo Fiorino ORO nome latino simbolo numero atomico peso specifico durezza temperatura di fusione aurum AU 79 19,3 gr/cm3 2,5-3 (scala Mohs)

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE 44 HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE Lavinia Sole COLLEZIONI NUMISMATICHE DEI MUSEI DELLA PROVINCIA DI CALTANISSETTA Le principali collezioni numismatiche

Dettagli

L area archeologica di via Aldini (Roma - X Municipio): la necropoli romana

L area archeologica di via Aldini (Roma - X Municipio): la necropoli romana The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

ARCHEOCLUB D ITALIA SEDE DI SAN SEVERO. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 3-4 - 5 dicembre 2004 A T T I

ARCHEOCLUB D ITALIA SEDE DI SAN SEVERO. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 3-4 - 5 dicembre 2004 A T T I ARCHEOCLUB D ITALIA SEDE DI SAN SEVERO 25 CONVEGNO NAZIONALE sulla Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia San Severo 3-4 - 5 dicembre 2004 A T T I a cura di Armando Gravina SAN SEVERO 2005 Stampa:

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

Giuseppe Voza L'ETÀ DEL BRONZO E LA CULTURA DI THAPSOS tratto da:servizio Museo Archeologico Regionale " Paolo Orsi"- Progetto Scuola-Museo 5-L'età

Giuseppe Voza L'ETÀ DEL BRONZO E LA CULTURA DI THAPSOS tratto da:servizio Museo Archeologico Regionale  Paolo Orsi- Progetto Scuola-Museo 5-L'età Giuseppe Voza L'ETÀ DEL BRONZO E LA CULTURA DI THAPSOS tratto da:servizio Museo Archeologico Regionale " Paolo Orsi"- Progetto Scuola-Museo 5-L'età del Bronzo e la cultura di Phapsos Come è noto, nella

Dettagli

NOTIZIARIO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA - 2.I

NOTIZIARIO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA - 2.I ISTITUTO ITALIANO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA NOTIZIARIO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA - 2.I Italia settentrionale e peninsulare 2015-2.I- www.iipp.it - ISSN 2384-8758 ISTITUTO ITALIANO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI In questa sede verranno esaminati 11 campioni provenienti dallo scavo archeologico del Mastio e della Chiesa nell sito di Castel Pagano Apricena,

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Analisi degli insediamenti

Analisi degli insediamenti Analisi degli insediamenti Molteplici significati del termine insediamento (modelli di insediamento; abitato) Qui usato nel senso più ampio in riferimento a specifici luoghi: insediamenti come luoghi dove

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Servizi per la didattica 2014/2015

Servizi per la didattica 2014/2015 Servizi per la didattica 2014/2015 Servizio didattico Tel. 06-49913924 Fax 06-49913653 Dott.ssa La Marca: 349-2360256 Dott.ssa Savino: 320-4871773 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL ANTICHITÀ Sulle orme della

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA CARATTERIZZAZIONE E PROVENIENZA DI MATERIALI DI INTERESSE ARCHEOLOGICO Massimo Oddone Istituto C.N.R. per l Energetica e le Interfasi, Sezione di Pavia Dipartimento di Chimica

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Produzione e Recupero-Riciclo

Produzione e Recupero-Riciclo Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli Produzione e Recupero-Riciclo - IL VETRO - Storia del vetro - VETRO NATURALE: ossidiana, conosciuta ed usata sin dai tempi preistorici. -

Dettagli

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca Itinerario della Sicilia Greca La Sicilia è culla di un antica storia che affonda le sue radici nei lontanissimi secoli Ante Christum, quando a dominare erano i greci, diffusori di una cultura fatta di

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE)

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi 181 CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi LO SCAVO Lavori edili eseguiti dalla ditta Bonini e Bussolati di Parma nel comparto N-E del

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

ELISABETTA ONNIS - Curriculum Vitae

ELISABETTA ONNIS - Curriculum Vitae ELISABETTA ONNIS - Curriculum Vitae TITOLI DI STUDIO 10/ 2011 Dottorato di Ricerca in Archeologia (Preistoria), presso l Università di Roma Sapienza, dal titolo Tumuli e altri contesti funerari nei territori

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO

ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CILTURALI E IDENTITA SICILIANA / DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI DAL MUSEO ALLO SCAVO Progetto didattico Anno scolastico 2013-2014 Lo scavo come strumento di conoscenza:

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Come si può leggere nell introduzione del trattato sugli acquedotti di Frontino, il noto curator aquarum (magistrato preposto

Dettagli

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA...

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... LABORATORIO ARCHEOLOGICO DEGLI ALUNNI DI 3 a - 4 a A - 4 a B DELLA Scuola Primaria di Sedegliano Anno Scolastico 2009-2010 LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... Le fotografie sono state scattate nel corso

Dettagli

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com La stratigrafia archeologica 02. Storia e concetti di base J. P. Droop (1882-1963) 1963) John Percival Droop fu un archeologo classico, ancora oggi celebre per i suoi studi su di un tipo particolare di

Dettagli

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 4. LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 1 Lippolis 1984, pp. 31-34. 2 Goudineau 1968, pp. 320-322. 3 Lamboglia 1950, p. 69. 4 Cristofani 1972, p. 506. 5 Palermo 1990, pp. 114-115. 6 Cristofani

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

I 10 migliori posti da visitare in Sicilia

I 10 migliori posti da visitare in Sicilia Da Palermo a Lampedusa I 10 migliori posti da visitare in Sicilia Un tour in senso orario dell isola più grande del Mediterraneo Pubblicato da CharmingSicily.com I migliori posti in giro per l isola Tutti

Dettagli

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante

Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante Analisi delle ceneri di rifiuti civili e industriali mediante il microscopio riscaldante ing. Chiara Venturelli Expert System Solutions Srl, Modena, Italia Introduzione La termovalorizzazione è un processo

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

Nascite simili e diverse: il passaggio all'assetto territoriale protourbano durante la fase terminale del Bronzo finale in Etruria meridionale

Nascite simili e diverse: il passaggio all'assetto territoriale protourbano durante la fase terminale del Bronzo finale in Etruria meridionale Barbara Barbaro Nascite simili e diverse: il passaggio all'assetto territoriale protourbano durante la fase terminale del Bronzo finale in Etruria meridionale Una evoluzione tendente alla concentrazione,

Dettagli

ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007

ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007 ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007 ANALISI ARCHEOMETALLURGICHE ESEGUITE SU UN QUINCUSSIS PROVENIENTE DALL AREA VESUVIANA. CONFRONTO CON UN RITROVAMENTO ANALOGO DAL MUSEO ARCHEOLOGICO

Dettagli

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia*

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* CHIARA DE SANTIS Fig. 1 Pianta della Tomba Comune di Viterbo Località

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015 La Rete è sul web: grandevercelli.it ed è costituita da: DOSSIER 01 30 GIUGNO 2015 RICONTESTUALIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE A VER- CELLI DI ALCUNI REPERTI STORICO-ARCHEOLOGICI SIGNIFICATIVI In ottemperanza

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Sergio Mancini geologo - Università di Siena Nell entroterra della provincia di La

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I

ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO NAZIONALE. sulla. Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia. San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I ARCHEOCLUB D'ITALIA SEDE DI SAN SEVERO 23 CONVEGNO NAZIONALE sulla Preistoria - Protostoria - Storia della Daunia San Severo 23-24 novembre 2002 A T T I a cura di Armando Gravina SAN SEVERO 2003 Stampa:

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

I vetri di Montebelluna: analisi delle forme in rapporto alle associazioni di corredo

I vetri di Montebelluna: analisi delle forme in rapporto alle associazioni di corredo I vetri di Montebelluna: analisi delle forme in rapporto alle associazioni di corredo Claudia Casagrande, Annamaria Larese Questo contributo presenta il risultato di uno studio preliminare effettuato sui

Dettagli

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico LAVORI DI RICERCA 20534 Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti (Azienda Speciale della Camera di Commercio

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

DISCIPLINARE TECNICO. Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in: REGIONE SICILIANA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE PALERMO DISCIPLINARE TECNICO Per la realizzazione della rete regionale di monitoraggio dei suoli a fini ambientali che si articola in:

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

Fibra Ceramica. Catalogo generale

Fibra Ceramica. Catalogo generale Fibra Ceramica Catalogo generale La storia della società KERAUNION Nel 1, in Bohemia (oggi Repubblica Ceca) viene fondata la ditta Keraunion per produrre vasellame ed oggetti in vetro e cristallo. Dal

Dettagli

Servizio Museo Archeologico Regionale " Paolo Orsi"- Progetto Scuola-Museon.3 DALL'ETÀ DEL RAME ALL'ETÀ DEL BRONZO LE COMUNITÀ SICILIANE TRA ORIENTE

Servizio Museo Archeologico Regionale  Paolo Orsi- Progetto Scuola-Museon.3 DALL'ETÀ DEL RAME ALL'ETÀ DEL BRONZO LE COMUNITÀ SICILIANE TRA ORIENTE Servizio Museo Archeologico Regionale " Paolo Orsi"- Progetto Scuola-Museon.3 DALL'ETÀ DEL RAME ALL'ETÀ DEL BRONZO LE COMUNITÀ SICILIANE TRA ORIENTE E OCCIDENTE Enrico Procelli DALL'ETÀ DEL RAME ALL'ETÀ

Dettagli

Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l. incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, NUMERO ELENCO:

Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l. incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, NUMERO ELENCO: Marcantonio Raimondi, Apollo, Kupferstichkabinett, inv. 47 3 -l incisione, mm 222 x 180. Berlino, Staatliche Museen, Moderno, Apollo, 1511-1513, biancone, 10,2 x 4,7 (senza cornice), cm _14,8 x 9,2 x 3,1

Dettagli

VI MEMORIAL MARINO SIMIC (Gorizia Bled) 6-7 settembre 2014. Tappe del raduno: SABATO 06 SETTEMBRE. - Ospedale segreto partigiano Franja (Cerkno)

VI MEMORIAL MARINO SIMIC (Gorizia Bled) 6-7 settembre 2014. Tappe del raduno: SABATO 06 SETTEMBRE. - Ospedale segreto partigiano Franja (Cerkno) VI MEMORIAL MARINO SIMIC (Gorizia Bled) 6-7 settembre 2014 Tappe del raduno: SABATO 06 SETTEMBRE - Ospedale segreto partigiano Franja (Cerkno) La seconda guerra mondiale fu una delle prove più dure per

Dettagli

LEAD-COLOURED LEAD-FREE

LEAD-COLOURED LEAD-FREE PROGETTO LIFE09 ENV/IT/000427 Replacement of toxic lead compounds by new non-toxic substitutes as brilliant aid agent in polychromatic glazes LEAD-COLOURED LEAD-FREE FINAL REPORT Coordinating beneficiary:

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE

CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di Nascita Cittadinanza Stefano Iavarone Indirizzo Telefono E-mail ISTRUZIONE E FORMAZIONE A.a. 2012/13 - in corso Dottorato di ricerca

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

ll Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera

ll Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera http://mostreemusei.sns.it/index.php?page=_layout_mostra&id=817&lang=it ll Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera Spilamberto, Spazio Eventi L. Famigli 11 dicembre 2010-25 aprile 2011

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

I CONTENITORI DA TRASPORTO A PISA COME INDICATORI DELLE ROTTE COMMERCIALI MEDITERRANEE TRA X E XIV SECOLO.

I CONTENITORI DA TRASPORTO A PISA COME INDICATORI DELLE ROTTE COMMERCIALI MEDITERRANEE TRA X E XIV SECOLO. Beatrice Fatighenti I CONTENITORI DA TRASPORTO A PISA COME INDICATORI DELLE ROTTE COMMERCIALI MEDITERRANEE TRA X E XIV SECOLO. INTRODUZIONE Con questo contributo si intende affrontare il tema, poco trattato

Dettagli

Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno

Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno 1 2 Provincia autonoma di Trento Soprintendenza per i beni culturali Ufficio beni archeologici Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno 3 Il sito dall alto (foto Rensi)

Dettagli

Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure

Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure Autore: Alfredo Pirondini Riassunto Viene descritto il sito, il suo orientamento ed i reperti (graffiti rupestri, pozze per

Dettagli

CERAMICA BIZANTINA DALLA CAMPANIA

CERAMICA BIZANTINA DALLA CAMPANIA CERAMICA BIZANTINA DALLA CAMPANIA I rari esemplari di ceramica bizantina di importazione, assegnabili ai secc. XII-XIII, in Campania sono stati rinvenuti nei centri costieri di Gaeta, Napoli, Salerno,

Dettagli

Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici. archeologia@storia.palermo

Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici. archeologia@storia.palermo Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici archeologia@storia.palermo Premessa La U.O. X per i Beni Archeologici della Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo,

Dettagli

Investigazioni Archeologiche dei Siti Funerari Sotterranei. David Cardona

Investigazioni Archeologiche dei Siti Funerari Sotterranei. David Cardona Investigazioni Archeologiche dei Siti Funerari Sotterranei David Cardona METODOLOGIA ARCHEOLOGICA E SITI SOTTERRANEI STRATIGRAFIA Lo studio e interpretazione della stratificazione di pietre, sedimenti,

Dettagli

La chiesa di san Pietro in Ottava e il borgo di Speziale

La chiesa di san Pietro in Ottava e il borgo di Speziale La chiesa di san Pietro in Ottava e il borgo di Speziale a cura di Ilaria Pecoraro, Francesco Chialà e Francesco Vinale Stilo Editrice Appendice didattica La presente appendice didattica presenta una serie

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012

Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 1 Il traffico crocieristico in Italia nel 2012 IL TRAFFICO CROCIERISTICO IN ITALIA NEL 2012 Risposte Turismo realizza per il terzo anno uno speciale dedicato al turismo crocieristico, dedicato in particolare

Dettagli

Esempi di tecniche decorative con le. argille nelle collezioni del MIC. Percorso tematico per il corso. Dipingere con gli ingobbi

Esempi di tecniche decorative con le. argille nelle collezioni del MIC. Percorso tematico per il corso. Dipingere con gli ingobbi Esempi di tecniche decorative con le argille nelle collezioni del MIC Percorso tematico per il corso Dipingere con gli ingobbi Faenza settembre 2011 A cura di Anna Lega SALA DIDATTICA: IMPASTO MARMORIZZATO

Dettagli

9. Cibo e bevande nella sfera funeraria dell età del Bronzo: rito e simbolismo nelle tombe a camera di Murgia Timone (Matera)

9. Cibo e bevande nella sfera funeraria dell età del Bronzo: rito e simbolismo nelle tombe a camera di Murgia Timone (Matera) 9. Cibo e bevande nella sfera funeraria dell età del Bronzo: rito e simbolismo nelle tombe a camera di Murgia Timone (Matera) ILARIA MATARESE (1) SUMMARY FOOD AND DRINKS IN THE BRONZE AGE BURIAL CONTEXT:

Dettagli