Il corpus delle iscrizioni in Lineare B oggi: organizzazione e provenienze Massimiliano Marazzi Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il corpus delle iscrizioni in Lineare B oggi: organizzazione e provenienze Massimiliano Marazzi Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli"

Transcript

1 Il corpus delle iscrizioni in Lineare B oggi: organizzazione e provenienze Massimiliano Marazzi Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli 0. Premessa Lavorando in questi ultimi due anni a un aggiornamento dei settori epigrafico e linguistico originariamente contenuti nella Società Micenea 1), mi sono reso conto di come una serie pur banale di informazioni, generalmente note alla maggior parte degli specialisti del settore - e quindi date spesso per acquisite - rischino di passare in secondo piano e quindi,di conseguenza, di perdere quella rilevanza, soprattutto per la diffusione delle conoscenze basilari dell epigrafia micenea, che invece loro spetta. Mi riferisco a tutto quel patrimonio di dati che pertiene all ordinamento, distribuzione e contestualizzazione del patrimonio documentario in scrittura Lineare B. A fronte di un enorme serie di novità e di arricchimenti (a volte anche problematici) del panorama documentario avvenuti in questi ultimissimi anni 2), non è sempre seguita una loro traduzione in termini di ordinamento nell ambito delle conoscenze di base. Questo stato dei fatti rischia di riflettersi pericolosamente soprattutto in due specifici settori della produzione scientifica: quello delle opere dedicate alle conoscenze di base (o, più in generale, delle opere di ampia valutazione storica) e quello delle elaborazioni pertinenti al settore più propriamente linguistico. Seguendo, quindi, una linea in parte già tracciata in occasione del XII Colloquio Internazionale di Micenologia (Marazzi 2008), si intende in questa sede fornire un organico aggiornamento (al Maggio 2009) del patrimonio documentario miceneo, articolandolo secondo seguenti punti: A. Prefissi e sigle alla luce delle nuove scoperte e dei riordini: 1. Prefissi di luogo di provenienza organizzati per regioni 2. Sigle di serie delle tavolette distribuite secondo i prefissi di luogo 3. Sigle della serie W secondo l articolazione dei supporti e dei luoghi 4. Sigle della serie Z secondo l articolazione dei supporti e dei luoghi B. Stato dell organizzazione, delle edizioni e gli studi particolari dei documenti su supporti archiviari 3) secondo i luoghi di provenienza: 1. Creta: a) Knossos; b) Chania 2. Grecia: a) Argolide; b) Messenia; c) Beozia 3. Altre regioni della Grecia con ritrovamenti nuovi o particolari (Laconia, Elide, Focide e Tessaglia) 4. Testimonianze da altre regioni (Baviera) C. Quadro riassuntivo area per area e sito per sito. In margine ai diversi punti, che verranno svolti essenzialmente sotto forma di schemi d assieme, si integreranno, laddove possibile, le diverse informazioni con considerazioni di carattere bibliografico-critico e archeologico.

2 1. Nuovi prefissi e sigle 1.1. Luoghi di provenienza 4) AREA REGIONE SITO PREFISSO CRETA Centro-orientale Knossos KN Mallia MA Amnisos (da assegnare) GRECIA PELOPONNESIACA Occidentale Argolide Chania Mameluco Armenoi Micene Midea Tirinto KH MAM AR MY MI TI Messenia Pylos PY Laconia Xirokambi (da assegnare) GRECIA CONTINENTALE Elide Attica Focide Olimpia Eleusi Medeon OL EL ME Beozia Thebes Gla Kreusis Orchomenos TH GL KR OR Altre aree Tessaglia Costa Anatolica Iolkos/Dimini Mileto IOL (da assegnare) Baviera Bernstorf BE 1.2. Le sigle delle serie delle tavolette 5) A prescindere dalle sigle che caratterizzano i documenti su cretula (o supporti similari), su vasi (iscrizioni sia dipinte che incise) o, in base alle più recenti scoperte, su altri oggetti particolari, i cui criteri di attribuzione sono strettamente legati alle caratteristiche intrinseche al supporto scrittorio, le sigle identificative delle serie di tavolette seguono dall inizio degli studi micenologici criteri di carattere contenutistico. Alla prima lettera (maiuscola) con funzione di identificativo tematico generale (essenzialmente basato sulla comparsa di specifici logogrammi/oggettogrammi), segue una seconda lettera (minuscola) seguita da un numero identificativo, la cui funzione dovrebbe in linea di massima caratterizzare: a) il set di appartenenza del documento; b) il sito di provenienza dello stesso 6) ; d) il formato della

3 tavoletta sulla quale è redatto il documento 7) ; c) e, per quanto riguarda l elemento numerico, l individualità del documento stesso. Le scoperte effettuate in questi ultimi anni (essenzialmente a Thebes) e la riconsiderazione dei grandi corpora tradizionali (come quelli di Pylos e Knossos) hanno dimostrato come spesso i principi di tale sistema di organizzazione, fondato in primis, come si è detto, su un elemento tematico trasversale desunto dalla presenza di una precisa categoria di logogrammi, possano risultare fuorvianti. E ciò in relazione non solo al confine tematico fra gruppi di serie distinte, ma, in specifici casi, in rapporto alla connessione redazionale/funzionale esistente fra serie e set apparentemente separati 8). Un catalogo che raggruppi serie differenti di tavolette sotto un unico item in base al principio di processi/occasioni redazionali fra loro interrelati, come è avvenuto ad esempio nel caso del Catalogue di E. Laroche per i testi hittiti (Laroche 1971), rappresenta oggi una necessità sempre più pressante. Tenuto conto di tali limitazioni, il quadro aggiornato che si può tracciare sulla base del sistema di ordinamento corrente risulta al momento il seguente 9) : Raggruppamenti tematici Regione Sigle di provenienza Liste di personale Argolide MY (A-B) TI Au Al Serie Messenia PY Aa, Ab, Ac, An, Aq Beozia TH Av Liste/registrazioni relative a bestiame e cavalli (C-D) Creta Argolide Messenia KN TI PY Ag, Ai, Ak, Am, Ap, As, Bg, B Cb Cc, Cn, Cr Liste di campi calcolati in unità di semina (GRA) e liste di cereale raccolto (E) Creta Argolide Messenia KN MY TI PY Ca, Ce, Ch, Co, C, Da, Db, De, Df, Dg, Dh, Dk, Dl, Dm, Dn, Do, Dp, Dq, Dv, D Eu Ef Ea, Eb, Ed, En, Eo, Ep, Eq, Er, Es Registrazioni di prodotti agricoli e sostanze aromatiche e lavorazioni connesse (comprese liste di possibili offerte rituali) (F-G) Creta Argolide Messenia Beozia KN MY PY TH E Fo, Fu, Ge, Go Fa, Fg, Fn, Fr, Gn Fq, Ft, Gf, Gp, Gm Registrazioni e liste connesse con i processi di lavorazione e accumulo di metallo (J) Inventari di vasellame (K) Liste e inventari di tessuti (L) Creta KN KH Messenia PY Ja, Jn, Jo Beozia TH Creta KN K Argolide MY L Fh, Fp, Fs, F, Ga, Gg, Gm, Gv, G Gq Ka

4 Messenia PY La Beozia TH Lf Attribuzione di tasse/rimesse (M) Registrazione connesse con le materie per la produzione tessile (N-O) Creta Messenia Creta Argolide Messenia Beozia KN PY KN MY PY TH Lc, Ld, Le, Ln, L Ma, Mb, Mn Mc, M Oe, Oi Na, Ng, Nn, Ob, On Of, Oh Registrazioni di *189 (Q) Liste di arredi (compreso vasellame di diversa natura) (P?, T) Liste (e inventariamento al fine di manutenzione) di armi (da offesa e difesa) e carri da guerra (R-S) Liste miscellanee (comprese vasellame) (U) Creta KN Nc, Np, Oa, Od, Og Messenia PY Qa Messenia Creta Argolide Messenia Creta Argolide Messenia PY KN TI PY KN KH MY TI PY Pa, Pn, Ta, Tn Pp Si, Sl, Sm Sa, Sh Ra, R, Sc, Sd, Se, Sf, Sg, Sk, So, Sp Sq Ue, Ui Uh Ua, Ub, Un Beozia TH Ug, Uo, Up Liste e registrazioni miscellanee (per lo più riguardanti personale lavorativo) prive di logogrammi/oggettogrammi (V) Creta Argolide Messenia Beozia KN MY PY TH Uc, Uf, U V Va, Vn V Tavolette frammentate non (ancora ) inserite in serie (X) Creta Continente Greco Creta KN PY MY, TI,TH KN KH Vc, Vd, V Xa, Xn X Xd, Xe, Xf, X X 1.3. Le serie W I recenti studi sui supporti archiviari altri rispetto alle tavolette, hanno permesso un articolazione maggiore rispetto al passato. A prescindere dall importanza che tali caratterizzazioni hanno oggi assunto per la ricostruzione delle pratiche legate al monitoraggio del movimento dei beni (e delle prestazioni d opera?) 11), esse si sono riflesse in un più dettagliato sistema di ordinamento in serie delle stesse.

5 Il seguente schema riassume le diverse caratteristiche di tale articolazione: Categorie (con def. corrente in inglese e tedesco) Cretule pendule a 2 fori e 3 facce (gabled shaped hanging nodules with 2 holes;schnurplomben mit Etikettenfunktion mit Giebelfoermiger/dreigradiger/py ramidenförmiger Rs. ) Caratterizzazione Cretule per lo più sigillate sulla faccia α. e logogramma sulla sigillatura; le facce β. e γ. possono contenere brevi iscrizioni 12) Sigle di provenienza PY MY MI Serie Wr (con sigillatura in α.) Wo (senza sigillatura in α.) Wt (con sigillatura in α.) Wv (con sigillatura in α.) TH Wu (con sigillatura in α.) Contrassegni (noduli/dokets; noduli mit giebelförmiger Rs.) Etichette (labels) Si tratta di cretule prive di qualsiasi foro. Portano sulla faccia α. un logogramma (MUL/VIR) sulla sigillatura Etichette di argilla direttamente apposte su una superficie (spec. cesti per il contenimento di tavolette?): breve indicazione tematica incisa sulla superficie KN KN MYC PY KN Ws (con sigillatura in α.) Wm (senza sigillatura in α.) Wn Wq Wa Wb 1.4. Le serie Z Come per le serie W, anche nel caso della Z recenti ritrovamenti hanno cambiato parzialmente il quadro della situazione 13). Se, infatti la sigla da sola, seguita dal numero identificativo, mantiene la sua funzione caratterizzante le iscrizioni vascolari, l aggiunta di una seconda lettera è servita a identificare altre tipologie di reperti (la cui funzione resta talvolta ancora da definire con maggiore precisione) in base sia al materiale, sia alla classe formale di appartenenza. Il quadro che ne deriva può essere riassunto come segue: Z Sigla descrizione della classe del supporto Tutte le iscrizioni vascolari, dipinte e incise Regione/Area e Sigla di provenienza Grecia: MY, TI, MI, EL, TH, GL, KR, OR, IOL/DI Altre provenienze la cui sigla è da assegnare Creta: KN, MA, AR, MAM, KH Anatolia: Zh Supporti diversi su pietra Grecia: OL, IOL Zg Supporti altri/sigilli Grecia: ME Baviera: BE Amnisos Mileto

6 2. I documenti di carattere archiviario (tavolette, cretule ed etichette): lo stato delle arti area per area In questa seconda parte si intende offrire, in maniera sistematica, ma allo stesso tempo schematica, un informazione di carattere documentario, utile a chiarire l effettiva entità e l avanzamento nello studio delle testimonianze di carattere strettamente archiviario provenienti dai singoli siti. Come si potrà vedere nel corso dell esposizione, i dati sono spesso frammentati e la ricchezza di contributi tematici dispersa in ambiti disciplinari talvolta diversi. In questo senso, le due già ricordate recenti rassegne, curate entrambe da M. Del Freo (2005, 2008) hanno rappresentato un imprescindibile punto di partenza. Per quanto pertiene alle iscrizioni su ceramica, la cui problematica in parte esula da quella più propriamente archiviaria, si è scelto di trattare nell ambito dei singoli siti solo alcuni casi specifici, come quelli di Amnisos e Mileto per i quali manca ancora una definizione di sigla Creta a. Knossos E l unico sito, insieme a quello di Thebe in Beozia, per il quale è presente un corpus aggiornato, il CoMIK ( ) in quattro volumi. Anche per quanto riguarda l aspetto sfragistico collegato alle cretule iscritte, è di recente disponibile il volume II, 8 (2002) del CMS con una dettagliata discussione delle tipologie funzionali e dei luoghi di ritrovamento (cui si aggiungono le note in Krzyszkowska 2005, pp. 216ss.). A fronte della completezza degli strumenti a disposizione, diversamente stanno le cose per quanto concerne i problemi riguardanti la storia dei ritrovamenti e, di conseguenza il processo di ricontestualizzazione degli stessi, con gravi conseguenze per l attribuzione spaziale e cronologica dei diversi lotti di documenti. Dalla pubblicazione originaria di Scripta Minoa I e II, nei quali confluirono le liste e le concordanze a suo tempo elaborati da Evans durante e negli anni successivi agli scavi, un primo tentativo organico di riordinare tutte le informazioni è stato effettuato da L. Palmer in OKT. Parallelamente, quindi, alle diverse edizioni delle K(nossos) T(ablets), fino all ultima del, KT 5 del 1989, e alla elaborazione del CoMIK I-IV, è continuato un intenso lavoro di riordino di tutti i dati pertinenti ai diversi lotti di tavolette, da quelli in diverse circostanze riscoperti, a cominciare dal 1950, nei magazzini del Museo Archeologico di Iraklio, a quelli conservati nell ambito delle collezioni di diversi musei (University College e British Museum di Londra, Ashmolean Museum di Oxford, Museo di Manchester, National Museum di Atene, Stratigraphical Museum di Knossos). Le fasi più recenti che hanno caratterizzato tale ricerca sono riassumibili nella seguente tabella: Melena, 1996 Firth Sul ritrovamento nel 1984 di vecchie cassette contenenti frammenti di tavolette in LB nel Museo di Iraklio e sul lavoro di analisi e collegamento immediatamente seguito su tali frammenti Dettagliata rianalisi dell inventariamento, numerazione e contestualizzazione del corpus di tavolette cnossie dagli scavi Evans in poi, anche in relazione alle possibili caratteristiche redazionali

7 Killen Melena Firth-Melena Melena 1999 Firth 2000 Melena- Palaima 2001 Firth a Firth b Firth-Melena a Firth-Melena b Killen Firth Firth-Melena Firht-Melena 2008 Contestualizzazione delle tavolette provenienti dai Western Magazines sulla base delle osservazioni in Firth Nuovi joins sulle tavolette cnossie In continuazione del lavoro di Firth , comprende i depositi dell Arsenale e del Piccolo Palazzo Ancora sui frammenti di tavoletta rinvenuti nel 1984 e sulla loro ricollocazione contestuale, con illustrazione dei nuovi joins effettuati Sullo stato di ritrovamento di alcune tavolette cnossie Sullo stato delle ricerche del corpus cnossio, in margine alla pubblicazione dei voll. 2-4 di CoMIK In continuazione del lavoro in Firth e Firth-Melena , quadro generale del lavoro di ricontestualizzazione del corpus cnossio Su una serie di tavolette parzialmente andate perdute all indomani del primo inventario di Evans Sulle fasi di riscoperta e studio delle tavolette della serie 5000 Su 2 frammenti di tavoletta conservati al British Museum Sulla serie cnossia Wm Sui luoghi di ritrovamento della serie cnossia Wm Nuovi joins sulle tavolette cnossie Quadro riassuntivo dei precedenti lavori di inventariamento, numerazione e contestualizzazione del corpus cnossio in aggiunta a CoMIK I-IV già contenuti nell Appendice di CoMIK IV, pp. 219ss. in aggiunta a CoMIK I-IV Un tentativo di articolazione cronologica dei diversi depositi di tavolette attraverso un analisi incrociata fra i dati archeologici ed epigrafici (layout dei documenti, caratteristiche e mani scribali, specifiche caratteristiche fisiche dell argilla delle tavolette e specificità del tracciato dei segni/ductus) è stato condotto da J. Driessen in una serie di contributi (fra i quali, i più significativi: 1990, 1997 e 1999) culminati nella monografia sulla Room of Chariot Tablets (2000; ma si veda anche la sintetica rassegna del 2008). Gli studi di Driessen (che in parte tuttavia contrastano con alcune conclusioni raggiunte da Firht a) si basano sulla dimostrazione della non unitarietà cronologica del corpus cnossio, individuando una possibile

8 primaria articolazione temporale dello stesso in connessione con possibili fasi diverse di vita del Palazzo di Knossos, secondo il seguente schema: 1^ fase di occupazione di élites grecofone (TM II-IIIAiniziale) 2^ fase di amministrazione micenea (TM IIIA1-2) 3^ fase (finale?) di vita del palazzo (TM IIIA2-IIIB?) deposito della Room of Chariot Tablets (e della Room of Column Bases?) complesso delle tavolette provenienti dall area del Northern Entrance Passage gruppi di tavolette provenienti dal resto delle diverse aree del Palazzo (con possibili ulteriori articolazioni cronologiche che non escludono una contemporaneità fra gli archivi di Kossos e i ritrovamenti di Chania) Di notevole importanza risulta, a tal proposito, lo studio delle caratteristiche paleografiche del corpus cnossio, in termini di tendenza verso una sempre maggiore stilizzazione e semplificazione del tracciato dei segni (Driessen 2000, pp. 145ss.). Ciò permetterebbe l individuazione di 3 stili scribali, quindi di tre diversi raggruppamenti di mani scribali, caratterizzabili come più o meno conservatori (cf. fig. 1; alla fig. 2 uno schema di distribuzione tematica dei documenti nell ambito dei diversi settori del solo palazzo), le cui peculierità grafico-stilistiche troverebbero nelle poche tavolette pilie attribuibili a una fase di vita del palazzo più antica rispetto a quella di appartenenza della maggioranza dei documenti, e nelle tavolette chaniote diversi punti di collegamento, in antitesi rispetto a una koiné continentale che accomunerebbe gli stili dei documenti più tardi dei centri di Pilo, Micene, Tirinto e Tebe. La revisione in corso del corpus cnossio, unita alla pubblicazione del CoMIK e dello studio di Driessen sugli scribi della Room of Chariot Tablets, rappresenta inoltre la base per un riesame globale delle mani e dell organizzazione scribale per le quali rimane ancor oggi punto fondamentale lo studio di J.P. Olivier (1967, con le aggiunte in Sjöquist- Åström 1991, pp. 122ss.).

9 FIG. 1 (da J. Driessen)

10 FIG. 2 b. Chania Tenuto conto del numero limitato dei ritrovamenti effettuati fino a oggi durante lo svolgimento di scavi all interno del perimetro della città moderna, non esiste un corpus dei documenti chanioti. Il quadro dei ritrovamenti (cf. fig. 3) può essere schematizzato come segue:

11 1 KH Sq 1 Scavi 1989 (trincea nella Parodos Kanevaro) Contesto del TM IIIB (non puro) 2* KH Π 6659 Stesso scavo e contesto: l attribuzione alla LB rimane incerta a causa dell estrema frammentarietà del reperto 3* KH 3 Scavi 1971 Contesto del TM IIIB/C (non puro): la tavoletta, inizialmente identificata come LA, è rianalizzata dagli scopritori come 4-6 Ar 4 Gq 5 X 6 Ar 2 Gh 3 At 4 possibile LB Scavi 1990 (Parodos Kanevaro) Contesto del TM IIIB1 (certo) La diversa attribuzione di serie e numerazione riflette la differente trattazione condotta da Hallager-Vlasakis- Hallager (a sinistra) e quella in Godart Tzedakis (a destra). - Hallager-Tzedakis 1988 (contesto archeologico) - Hallager-Vlasakis-Hallager 1990 Hallager-Vlasakis-Hallager 1990 Hallager-Vlasakis-Hallager 1990 con riff. alla prima pubblicazione Hallager-Vlasakis-Hallager 1992 Hallager-Vlasakis 1997 Godart-Tzedakis 1991 Con la scoperta delle tavolette di Chania si collega la discussione sulla mano scribale di Ar 4/2 e Gq 5/3, la cui stretta somiglianza con la mano cnossia 115, ha portato in un primo momento a postulare un identificazione fra i due profili scribali (Olivier 1993). Sulla successiva differenziazione, pur accettandone le forti somiglianze, cf. Palaima , Godart-Tzedakis 1995, e lo stesso Olivier FIG 3 (sulla base di Hallager-Vlasakis)

12 2.2. Continente Greco Argolide Sul sistema Argolide e sui relativi documenti epigrafici ho avuto modo di recente (Marazzi 2008) di offrire un quadro aggiornato. Alcune tabelle qui di seguito riprendono quanto esposto in quella sede. a. Micene Il corpus di A. Sacconi (1974) ricomprende tutte le precedenti edizioni preliminari (MT I-IV), offrendo una documentazione completa di tutti i documenti fino alla data della sua pubblicazione. Le tavolette e cretule di Micene, già contenute nel corpus, sono state riedite nell ambito della raccolta di testi in trascrizione da Tirinto, Thebes e Micene (TITHEMY). Le cretule, poi, hanno ricevuto una specifica trattazione nell ambito dei nuovi studi dedicati particolarmente al loro uso archiviario e alla tipologia con esso connessa (cf. Tonplomben 2, cui si aggiungono le note in Krzyszkowska 2005, pp. 285ss.). Gli scavi successivi, e ancora in corso di svolgimento, nell area della cd. Casa Petsas hanno portato alla luce nuove evidenze, importanti soprattutto per la loro collocazione cronologica (TE IIIA2; cf. per tutti Shelton ; per successivi ritrovamenti i repertori in AR , p. 19 e figg ; ERGON 2006, pp. 28ss., figg ; 2007, pp. 36ss., figg (gli aggiornamenti relativi agli scavi di Micene, con la relativa documentazione fotografica possono essere consultati via web al sito ). Uno studio analitico dei contesti relativi ai ritrovamenti epigrafici dal complesso delle case extra-moenia (West House, House of the Shields, House of the Oil Merchant e House of the Sphinxes) è stato condotto in Tournavitou 1995, mentre in Varias Garcia 1999 è contenuta una valutazione generale delle tematiche relative all intero corpus 14). Incerta, ma passibile di riesame alla luce del nuovo ritrovamento da Olimpia/Kafkania, risulta l identificazione di una possibile iscrizione incisa sull ansa di un bacino di bronzo proveniente dal corredo della tomba a pozzo IV del circolo funerario A (Palaima 2003a). Il sito di Micene, quindi, presenta al momento, per quanto attiene alla documentazione proveniente dal continente greco, il quadro maggiormente articolato dell uso archiviario della LB (tenuto conto del fatto che limiti cronologici qui di seguito indicati determinano un termine ante quem al riguardo): TE IIIA2 TE IIIB1 TE IIIB2/C Area della Petseas House Depositi del complesso di case extra moenia: West House, House of the Shields, House of the Oil Merchant e House of the Sphinxes Depositi interni alla cittadella La situazione delle pubblicazioni e dei contesti dell intero corpus di Micene, suddiviso in ritrovamenti extra e intra moenia, può sintetizzarsi come segue (cf. fig. 4):

13 area INTRA MOENIA evidenze riff. essenziali epigrafiche per anno e serie attr. cronologica Citadel House : Oi , MT III, 35ss. (contesto TE IIIB2-1960: X : Wt 700 archeologico) - Tonplomben 2, 13s., Nr. 6 (cretula) = CMS V (1975), Nr. 594 House of Columns : L 710 Mylonas 1968; ATLAS 14 TEIIIB2-1968: Fu 711 Mylonas 1970; ATLAS 13 TEIIIB2 NE Acropolis: The North Storerooms area Petsas House : X : X 3 EXTRA MOENIA evidenze riff. essenziali epigrafiche per anno e serie : Ui 2 Shelton (con tutti i riff. precedenti); ATLAS 47s. attr. cronologica TE IIIA2-2001: Wq : X 5 (=MycMus BE 28604) Panaghia Houses : Wt Mylonas Shear 1987; ATLAS, 55s. - Tonplomben 2, 16s., Nr. 28 = CMS V, Suppl. 1B (1993), Nr. 49 Sphinx-House : Wt Tonplomben 2, 14s. = CMS I (1964), Nr : Ge (cretule) 602,3,4,5+,6,8+ - Tournavitou 1995, 257ss. (contesto archeologico) : Au 609 TE IIIB2 (?) TE IIIB1-1954: Go : Ue : Ui 709 House of Shields : X MT III, 30ss. - Tournavitou 1995, 257ss. (contesto archeologico) House of the Oil Merchant : 0e (per un totale di 29 tavv. iscritte+2 anep.) - MT III, 30ss. - Tournavitou 1995, 257ss. (contesto archeologico) TE IIIB1 TE IIIB1-1952: Fo : Au 102 West House : V 659, : Au 653,657, 658, : Eu : Ue 652+, 661, : Ui MT III, 13ss. - Tournavitou 1995, 257ss. (contesto archeologico) TE IIIB1

14 FIG. 4 b b. Tirinto Per Tirinto non esiste un corpus. Come per Micene, i ritrovamenti provengono sia intra che extra moenia. L edizione di quanto portato alla luce fino al 1983 è contenuta in TITHEMY. Sui contesti di provenienza e sulle edizioni preliminari (cf. fig. 5):

15 area evidenze epigrafiche per anno e serie Unterburg : X 6 INTRA MOENIA : X (per un totale di 11 documenti) : X : Al 7+, 7a-7g, : Sl 8-10 contesti ed edizioni preliminari - Contesto archeologico: Kilian 1981, 1983, 1988 (rispettivamente scavi , 1981, ) - Edizioni preliminari: Godart-Killen-Olivier 1979 (6); 1983 (7-24); Godart 1988 (7-24); Olivier 1988 (25) attr. cronologica TH III B finale (per il solo lotto scavato nel 1981) : Sm : Uh 12 area Unterstadt Settore sud-orientale Unterstadt Settore occidentale evidenze epigrafiche per anno e serie EXTRA MOENIA - scavi anteguerra (ritrovamento sporadico del 1966): X : Ef : Cb 4 contesti ed edizioni preliminari - Contesto archeologico: Gercke-Naumann 1974; Gercke-Gercke-Hiesel Edizioni preliminari: Godart-OLivier 1974 (2-4); Godart-Olivier 1975 (1-4); Lejeune 1976 (1-4); Deilaki Protonotariou- Sacconi 1978 (1) : Si 5 - Contesto archeologico: Gerke-Naumann 1974; Schachermeyr 1976, 118s.; Podzuweit-Salzmann Edizioni preliminari: Naumann-Godart-Olivier 1977 attr. cronologica TEIIIB/C (2-4) senza preciso contesto, non lontano da strutture del TE IIIB finale.

16 FIG. 5 c. Midea I nuovi scavi ( ) hanno qui portato alla luce soltanto cretule iscritte, tutte pubblicate nell ambito del CMS V, Suppl. 3, 2 (2004), Nafplion, nn. 236, 237, 238 e 240, dove, alle pp. 363ss. è discusso anche il contesto archeologico (cf. fig. 6). Una recente analisi delle testimonianze di Midea è contenuta in Krzyszkowska 2005, pp. 298s.

17 FIG. 6 (sulla base di K. Demakopoulou) Messenia: Pilo La situazione di Pilo risulta anomala rispetto agli altri centri che hanno offerto documentazione di tipo archiviario in LB. Infatti, pur essendo, per numero e importanza della documentazione, secondo soltanto a Knossos e pur usufruendo di una documentazione base dei contesti archeologici estremamente dettagliata e corretta (cf. PN I e III), manca al momento ancora di un vero e proprio corpus. Per le autografie si deve fare riferimento a quanto contenuto in Bennett 1955 (PT II), mentre per l ordinamento in trascrizione commentata dei documenti rimane unico punto di riferimento l opera di Bennett-Olivier (PTT). L atteso corpus, a cura di Bennett-Melena-Olivier-Palaima-Shelmerdine, pur circolando già in forma draft, priva di foto e autografie, dovrebbe trovare la propria edizione come vol. IV del PN, mentre, parallelamente, è prevista una seconda edizione delle PTT. A fronte del ritardo nella edizione delle opere standard, esiste tuttavia per Pilo una serie di strumenti di lavoro eccezionalmente ricca e attuale su aspetti specifici: a. definizione delle mani scribali e dei processi di monitoraggio e archiviazione Palaima 1988; Palaima-Wright 1985; Marazzi 1994, pp. 515ss.; Palaima 1996b; Pluta ; Shelmerdine ; b. edizione completa e aggiornata delle cretule: Tonblomben 1; a questa si aggiunge l analisi in Krzyszkowska 2005, pp. 289ss. In attesa della pubblicazione del corpus, segnalazioni di nuovi joins o frammenti sono conteuti in (in ordine cronologico): - Melena

18 - Melena Shelmerdine-Bennet Melena a - Melena Melena FIG. 7 (elab. da K. Kilian 1987) Anche se in numero limitato, anche per Pilo sono state individuate tracce di una fase scrittoriaamministrativa precedente a quella testimoniata dall insieme del restante corpus in LB. Si tratta delle tavolette attribuite con più o meno sicurezza alla cd. Mano 91 (H 91/S. 995) (certamente Ae 995 e Xa 1419; incerte Ua 994 e Xa 1420; certamente da escludere Xa 1449; cf. Palaima 1988, pp. 111ss., 133, 162ss., 166ss., con le modifiche in Palaima 2003, p. 164 e nota 16). Saremmo di fronte, quindi, alla chiara testimonianza di un organizzazione di carattere amministrativo letterata già matura al momento del funzionamento del complesso palaziale di età precedente (TE IIIA; cf. in proposito quanto ipotizzato già in Kilian 1987 e qui la fig. 7; uno studio recente delle diverse fasi costruttive è contenuto anche in Nelson 2001), le cui caratteristiche, per quanto attiene alle peculiarità stilistiche del tracciato dei segni, troverebbero, secondo quanto argomentato da Driessen (2000, pp. 152ss.), elementi di confronto

19 nei supposti depositi di Knossos caratterizzati dagli scribi conservatori. L organizzazione amministrativa dell ultima fase del palazzo (TE IIIB), con la sua organizzazione scribale e le aree specializzate nel controllo dei diversi settori produttivi testimoniati dalla documentazione archiviaria (cf. fig. 8) verrebbe pertanto a configurarsi come il punto di arrivo di un lungo processo nell ambito del quale i rapporti che la Messenia appare aver avuto con l ambiente cretese fin dall età protomicenea devono certamente aver giocato un ruolo non secondario, ma che allo stato attuale non è ancora possibile valutare pienamente (cf. lo stesso Driessen 2000, p. 156; id. in Companion, p. 75s.). FIG. 8 5

20 Beozia: Thebes La novità nel panorama non solo della documentazione in LB, ma anche delle pubblicazioni ed edizioni relative, è senza dubbio rappresentato dal sito di Thebes. Le pubblicazioni preliminari: - J. Chadwick (1969), Olivier (1971) e Spyropoulos-Chadwick (1975), seguite dal corpus di Godart-Sacconi (1978), tutte relative ai documenti messi in luce durante gli scavi dal 1964 al 1972; - l edizione del deposito di cretule rinvenuto nel 1982 in Piteros-Olivier-Melena 1990; - la riedizione di tavolette e cretule in TITHEMY (1991); - l edizione (comprensiva del contesto archeologico) dei nuovi documenti provenienti dagli scavi in TFC I (=AGS 2001) e TFC II, 2, (comprendente anche la revisione cronologica dei documenti rinvenuti dal 1964); hanno trovato un adeguata e rapida collocazione nel corpus del 2002 (TFC III=AGS 2002) e nell edizione dei testi in traslitterazione con analisi delle diverse mani scribali del 2005 (TFC IV). Solo la tavoletta Uq 434, rinvenuta nel 2005, ha visto pubblicazione successiva in Aravantinos- Godart-Sacconi 2008; mentre un quadro di sintesi sulla storia degli scavi connessi con il ritrovamento dei documenti in LB è offerto in Aravantinos 2008 (dal quale è tratto quanto qui, alla fig. 9). Ulteriore commento sulle cretule tebane è altresì contenuto in Krzyszkowska 2005, pp. 296ss.

21 FIG. 9 (sulla base di V. Aravantinos)

22 2.3. Altre regioni della Grecia con ritrovamenti nuovi o particolari A parte i nuovi ritrovamenti dalla Laconia, tutti i documenti epigrafici relativi alle rimanenti 3 regioni rappresentano delle novità sotto il profilo del supporto scrittorio e pongono nuovi problemi di definizione del concetto di letterarietà (nel senso di literacy) e documento archiviario fino a oggi corrente per il mondo miceneo. La discussione non può, evidentemente, essere affrontata in questa sede; ci si limiterà, pertanto, alla sola descrizione e ad alcune valutazioni critiche preliminari Laconia Fino alla primavera del 2009 rimaneva la sola Laconia, fra le regioni chiave legate ai processi di nascita e sviluppo della società micenea, a non testimoniare di un centro di potere politicoamministrativo facente uso dello strumento scrittorio. A fronte, infatti, dell esistenza di manifestazioni fondamentali nell ambito dei processi di sviluppo della società greca nell età di passaggio fra il Meso- e il Tardo-Elladico (si pensi all insediamento di A. Stephanos lungo la costa del golfo laconico, alla struttura protopalaziale attestata presso il Menelaion o alla tholos di Vaphiò), non era stato fino a oggi individuato un centro effettivamente rappresentativo del periodo di massimo sviluppo delle formazioni politico-territoriali micenee. E certamente ancora presto per tirare conseguenze in proposito, ma fa certamente ben sperare la notizia (Maggio 2009) dell individuazione di un sito, nei pressi del moderno villaggio di Xirokambi, a pochi chilometri di distanza da Sparta, caratterizzato non solo da numerosi reperti mobili micenei di prestigio, ma altresì da tracce di intonaco dipinto e tavolette in LB. I frammenti sembrerebbero appartenere a tavolette riportabili sia al cd. formato a foglia di palma, sia a quello a forma di pagina, elemento questo di capitale importanza per una prima valutazione del livello di organizzazione amministrativa (cf. la notizia nel web del 28 Aprile in Ethnosonline: ) Elide Durante gli scavi condotti nel 1994 dalla 7^ Ephoria di Olimpia, sulla collina di Kafkania- Agrilitses, nell immediata adiacenza della filiera superiore di un muro a secco di una struttura (apparentemente rettangolare) di carattere capannicolo fu ritrovato un ciottolo delle dimensioni di pochi centimetri, recante sulle due facce una serie di segni particolari (cf. per tutti Arapojanni- Rambach-Godart 2002; ibid. a p. VIII l intera bibliografia relativa alle relazioni preliminari). Secondo l interpretazione data da L. Godart il ciottolo recherebbe un iscrizione di carattere amministrativo relativo alla fornitura di un certo numero di doppie asce. Il contesto, secondo gli autori di difficile definizione tenuto conto delle manifestazioni ceramiche della regione, sarebbe in ogni caso particolarmente antico (fra il Mesoelladico II e l inizio del Tardoelladico I) elemento che verrebbe a configurare un uso della LB per usi amministrativi su un supporto molto particolare per un epoca estremamente alta (cf. quanto argomentato da L. Godart alle pp. 226ss.). Altro punto particolare è rappresentato dalla possibilità che l iscrizione della faccia a. si svolga in maniera bustrofedica, un uso fino a oggi non attestato da alcuna altra testimonianza LB, ma che, nel caso specifico, si potrebbe giustificare con l età antica dell iscrizione. E evidente come una valutazione piena del significato del ciottolo di Kafkania sarà possibile soltanto con la continuazione degli scavi in questo sito. La sigla per adesso assegnata a questo documento è, in linea con quanto già sopra indicato (cf. 1.4.), OL(impia) Zh Focide

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

LIBER: UN PROGETTO DI DIGITALIZZAZIONE DEI TESTI IN SCRITTURA LINEARE B

LIBER: UN PROGETTO DI DIGITALIZZAZIONE DEI TESTI IN SCRITTURA LINEARE B Archeologia e Calcolatori 25, 2014, 33-50 LIBER: UN PROGETTO DI DIGITALIZZAZIONE DEI TESTI IN SCRITTURA LINEARE B 1. Introduzione In questa nota sono presentati i risultati preliminari di un progetto di

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SEZIONE SITUAZIONE ANAGRAFICA SEZIONE POSIZIONE GIURIDICA (barrare la casella relativa) Pagina 1 di 7 SEZIONE DATI DI INSEGNAMENTO SEZIONE TIPOLOGIA DOMANDA (Barrare la casella di interesse) Pagina 2 di

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

c o l l e z i o n e continuat i va

c o l l e z i o n e continuat i va c o l l e z i o n e continuat i va www.aleimport.it A.L.e. Import è un azienda solida e in grande espansione. Il suo servizio e professionalità è in grado di fornire consegne in tutt Italia, in tempi estremamente

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli