Programma A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma A.S. 2014 15"

Transcript

1 Liceo Artistico Statale U.Boccioni Milano Programma A.S DOCENTE Prof./ssa: ATANASSIU Matreria: STORIA DELL'ARTE Classe 1^ sez.a Indirizzo PRIMO BIENNIO COMUNE N.O. P1. Programma svolto A.S '15 Capitolo 1. L arte della Preistoria Il contesto storico culturale: I primi uomini e i loro segni, Le prime espressioni dell uomo preistorico, Le funzioni dell arte, Cartina I principali siti archeologici in Europa (pp. 8 9), Le espressioni figurative: L Età paleolitica (graffiti rupestri e arte parietale), La scultura paleolitica (le Veneri), L Età neolitica (la schematizzazione della forma e l incisione a graffito), Le stele antropomorfe (pp ), Le prime forme di architettura: Le costruzioni megalitiche (i menhir, i dolmen, i cromlech) (pp ). Capitolo 2. L arte in Mesopotomia Il contesto storico culturale: Le prime civiltà storiche, Mesopotamia: il succedersi di varie popolazioni, box Modelli di città nel Vicino Oriente, città tempio nel Vicino Oriente (pp ), Edifici pubblici monumentali: Le aree templari dei Sumeri, Le ziqqurat, Le città palazzo del I millennio a.c. (pp ), Le arti figurative: Analisi d opera: Lo Stendardo di Ur (p. 34), L arte dal II millennio a.c.: Il primo regno babilonese: la stele di Hammurabi, L arte degli Assiri: Caccia ai leoni (pp ). Capitolo 3. L arte degli Egizi Il contesto storico culturale: La formazione della civiltà egizia, L alternarsi di fasi storiche e culturali, La struttura sociale e l arte (p. 40), Cartina L antico Egitto, Tavola sinottica Egitto, l arte e la storia con esercitazione di schematizzazione personalizzata (p. 41), L architettura monumentale: Le costruzioni funerarie del III millennio a.c. (mastabe, piramidi, il Complesso di Giza, le sepolture rupestri), L architettura del tempio (pp ), La pittura: Analisi d opera: Le tombe dipinte dei funzionari del Nuovo Regno (pp ) Capitolo 4. L arte nel Mediterraneo orientale Il contesto storico culturale: Nuovi modelli per l architettura (p.64), Cartina Il mondo egeo (p. 65), Tavola sinottica: Cronologia della civiltà egea (p. 65), Le arti figurative a Creta: La Taurocatapsìa, la Dea dei serpenti (p. 67), Architettura a Creta: i grandi palazzi Il palazzo di Cosso (pp ), L architettura micenea: le rocche micenee (p. 71), Percorso: Due rocche micenee: Micene e Tirinto (p.72), L architettura funeraria, il Tesoro di Atreo a Micene (p. 73), I corredi delle tombe principesche: la tecnica dello sbalzo e quella dell agemina (pp ), Il naturalismo nella brocchetta di Gurnià (p.76). Capitolo 5. La Grecia arcaica Il contesto storico culturale: Popoli e culture in Grecia nella prima Età del ferro, Dall integrazione dei popoli della Grecia nasce una nuova cultura, Arte e tèchne, L uomo e la natura (pp ), Tavola sinottica: Le fasi dell arte greca (p.83). L età della formazione: lo stile geometrico e analisi del Cratere di Atene del

2 Metropolitan Museum di New York (p.84), Analisi dell opera: Anfora del lamento funebre (p.86), Focus: arte e tecnica: La ceramica: tecniche, forme e tipi (p. 87), Il tempio greco: Le origini di una tipologia, La forma del tempio, Gli elementi costitutivi del tempio, il tempio greco e gli ordini architettonici secondo Vitruvio Pollione, Le tipologie del tempio (pp ), L ordine dorico: parti costitutive e schema grafico (p. 91), un esempio: il Tempio della Concordia ad Agrigento, L ordine ionico: parti costitutive schema grafico (pp ) un esempio: La Loggia delle Cariatidi (pp ), L ordine corinzio: parti costitutive schema grafico (p. 101). I santuari nell antica Grecia: il Santuario di Delfi (p.103), La scultura arcaica: Kleobis e Biton (p. 105), Il Koùros di Melos (p.106), Analisi dell opera: Il Moskhòphoros (p.107), le metope nei templi dorici della Sicilia (p.112) Capitolo 6. L affermazione del classicismo L egemonia artistica di Atene, L arte e la società, La riflessione teorica (pp ), L Acropoli di Atene con ricostruzione grafica del complesso (p.116), Il Partenone (pp ), I Propilei (pp ), il Tempio di Atena Nike (pp ), L Erettèo (p. 121), Focus: Il Partenone ad Atene: la geometria e l ottica al servizio dell arte. La scultura l arte severa: L Auriga di Delfi (p. 125), lo Zeus di Capo Artemisio, il Discobolo di Mirone (p. 126), Policleto e il canone proporzionale applicato al Doriforo (p. 122), le metope fidiache del Partenone (p. 137) Capitolo 7. Il tardo classicismo Una nuova attenzione ai sentimenti individuali (p.147), La scultura Prassitele: Afrodite Cnidia, Apollo Sauroctono, Ermes con Dioniso bambino (p.149), Skopas: Menade danzante (p. 151), Lisippo: Apoxyòmenos (p ) Capitolo 8. L arte ellenistica Il mondo muta con la dinastia macedone, Un arte spettacolare e realista, Gli eventi fondamentali (p. 162), La scultura I caratteri della scultura, I temi della scultura ellenistica (p. 168), Analisi dell opera La Nike di Samotracia (pp ), L arte a Pergamo Epigono e le statue dei Gàlati (p. 173), Analisi dell opera L altare di Pergamo (pp ), Arte rodia: il gruppo del Laocoonte (p. 176) Dal Capitolo 10 I princìpi costruttivi dell architettura etrusca (p. 193), il Tempio (pp ), la statuaria alle origini di Roma: Bruto capitolino, l Arringatore del Trasimeno (p. 208) Dal Capitolo 11 I Romani e l arte, La relazione con la cultura greca, Un arte fra realismo e classicismo (p. 210) Tavola sinottica Cronologia dei principali eventi e dell evoluzione dell arte romana (p. 211) Milano, 3 giugno 2015 P2. Compiti per le vacanze per TUTTA la classe 1) Individuare quattro opere architettoniche romane considerate più importanti e schematizzare il testo relativo su foglio A4. 2) Individuare almeno quattro tecniche costruttive delle murature romane e descriverle per iscritto su foglio A4. 3) Fornire la spiegazione delle caratteristiche dei quattro stili pittorici pompeiani per iscritto su foglio A4.

3 P3. Compiti ESTIVI aggiuntivi per coloro che hanno la sufficienza (=6*) P4. Indicazioni di lavoro per quanti hanno l'insufficienza Debito formativo Milano,6/28/2015 Prof./ssa ATANASSIU

4 Liceo Artistico Statale U.Boccioni Milano Programma A.S DOCENTE Prof./ssa: CORSINI Matreria: LINGUA E CULTURA STRANIERA (INGLESE) Classe 1^ sez.a Indirizzo PRIMO BIENNIO COMUNE N.O. P1. Programma svolto A.S '15 Da: English plus Pre Intermediate Student s Book & Workbook di Ben Wetz Oxford University Press sono state svolte le Unità 1, 2, 3,7, 4 più tutte le relative attività della sezione Grammar Bank e del Workbook, le sezioni Everyday listening & speaking delle Unità 1, 2, 3 e 7; le sezioni Culture & Clil delle Unità 1 e 2. La maggior parte delle letture e i testi dei listening a volte forniti in fotocopia ( letture: pagg. 8/9, 16/7, 24/25, pag. 34, pag.60, pag. 62, pag. 108, pag. 124, pag.156; listening/audioscript: T 1.04 pag. 10, T 1.14 pag. 18, T 1.23/ 1.24 pag. 26, T 2.05 pag. 62) sono serviti come base per oral reports; i dialoghi delle sezioni Everyday listening & speaking sono serviti come modelli da riprodurre oralmente a memoria. Durante il periodo di recupero sono stati svolti, soprattutto sul libro di testo di Grammatica Going for Grammar, esercizi di supporto agli esponenti linguistici del primo trimestre specificatamente presente semplice, continuo, passato semplice e continuo. Maggiori esponenti linguistico grammaticali: uso di presente semplice, continuo; verbi di stato; avverbi di frequenza e di modo; uso di passato semplice, continuo; verbi irregolari; pronomi relativi, partitivi, quantificatori, uso di comparativi e superlativi di maggioranza, minoranza, uguaglianza; passato prossimo, passato prossimo vs passato remoto, ever, never, just, already; futuro : present continuous, to be going to, will, may/might, 1st conditional. Maggiori funzioni comunicative: parlare, identificare e descrivere: persone, luoghi, attività di routine e hobbies, vacanze, tv, internet, ambiente; azioni di protesta; chiedere informazioni personali, raccontare e/o parlare di un fatto passato e recente; capire conversazioni sulla famiglia e vita in famiglia degli adolescenti; parlare di differenti quantità ; paragonare, esprimere piani, intenzioni future, previsioni, ipotesi possibili; uso di ora, data, spelling; redazione di lettere personali informali e formali e brevi composizioni. Lessico: Carattere e personalità, aggettivi composti, falsi amici; televisione e programmi televisivi, verbi irregolari; contenitori e quantità, l ambiente, nomi composti; Internet; manifestazioni e campagne di protesta, verbi frasali, prefissi. Per l elenco dettagliato degli esponenti linguistici, delle relative funzioni e del lessico vedi anche indice del libro di testo.

5 Sono state svolte attività di reading, writing, listening di tipologia KET ( Key English Test livello A2) su fotocopie fornite dall insegnante. Going for Grammar di Lelio Pallini Edizioni Black CatCideb è stato usato come testo di riferimento e per attività da svolgere principalmente come attività di recupero. TAVOLA DEI VERBI IRREGOLARI ( selezione pagg ) P2. Compiti per le vacanze per TUTTA la classe Lettura graduata con esercizi: The Canterville Ghost Oscar Wilde Livello B1.2 Edizioni Liberty ISBN ,80 Euro Entro la prima settimana di settembre 2015 ci sarà una verifica per tutta la classe sulla suddetta lettura. P3. Compiti ESTIVI aggiuntivi per coloro che hanno la sufficienza (=6*) Svolgere tutti gli esercizi ( tranne le sezioni Focus on Pet e le Unità 16 e 20) del libro: GET READY 1 Livello A2 B1 di Perin Porcelli Cohen Edizioni Liberty ISBN ,90 Euro Da presentare all'insegnante il primo giorno di lezione a settembre La mancata presentazione comporterà una valutazione negativa. P4. Indicazioni di lavoro per quanti hanno l'insufficienza Debito formativo Svolgere tutti gli esercizi ( tranne le sezioni Focus on Pet e le Unità 16 e 20) del libro: GET READY 1 Livello A2 B1 di Perin Porcelli Cohen Edizioni Liberty ISBN ,90 Euro

6 Da presentare all'insegnante il primo giorno di lezione a settembre La mancata presentazione comporterà una valutazione negativa. Milano,6/7/2015 Prof./ssa CORSINI

7 Liceo Artistico Statale U.Boccioni Milano Programma A.S DOCENTE Prof./ssa: GALBIATI Matreria: LABORATORIO ARTISTICO Classe 1^ sez.a Indirizzo PRIMO BIENNIO COMUNE N.O. P1. Programma svolto A.S '15 Primo argomento di indagine laboratoriale: Immagine paesaggistica. Applicazione delle esperienze sul segno, gradazioni tonali e cromatiche, apprese nella disciplina, alla progettazione di un immagine paesaggistica sulla base degli indizi di profondità e della prospettiva aerea secondo fasi essenziali di progetto: esempi fotografici e pittorici schizzi con più ipotesi di composizione dell immagine varianti cromatiche dell immagine scelta esecuzione con pastelli colorati secondo argomento di indagine laboratoriale: Sintesi, rielaborazione, stilizzazione della figura umana. Utilizzo della rappresentazione sintetica della figura o di particolari di essa, a sagoma/silhouette, per progettare un immagine di ambientazione e presentazione del modellino tridimensionale (riproduzione fotografica) realizzato nel laboratorio di geometriche, secondo le seguenti fasi: ideazione (schizzi preliminari) Prove di colore Realizzazione con tempera a tinte piatte. Il previsto montaggio fotografico non è stato realizzato se non in forma dimostrativa per esaurimento del tempo disponibile. P2. Compiti per le vacanze per TUTTA la classe P3. Compiti ESTIVI aggiuntivi per coloro che hanno la sufficienza (=6*) P4. Indicazioni di lavoro per quanti hanno l'insufficienza Debito formativo

8 Milano,6/22/2015 Prof./ssa GALBIATI

9 Liceo Artistico Statale U.Boccioni Milano Programma A.S DOCENTE Prof./ssa: GALLI Matreria: SCIENZE NATURALI (Biol. Chim. scienze Terra) Classe 1^ sez.a Indirizzo PRIMO BIENNIO COMUNE N.O. P1. Programma svolto A.S '15 Conoscenze di base Grandezze fisiche fondamentali e unità di misura. Concetto di massa, peso, densità e pressione. Temperatura e calore. Chimica Materia ed energia Gli stati di aggregazione della materia e i passaggi di stato. Sostanze pure e miscugli. Le trasformazioni fisiche e chimiche della materia.. Elementi e composti Gli elementi chimici. La tavola periodica degli elementi. I composti chimici e le formule chimiche. Le particelle della materia Le particelle più piccole dell atomo. Cenni alla struttura atomica; Breve storia dell atomo; il numero atomico e il numero di massa. Gli isotopi. Cenni sugli orbitali e la configurazione elettronica. Legami chimici: covalenti e ionici Scienze della Terra La Terra come pianeta I corpi del Sistema solare. Il moto dei pianeti intorno al Sole (leggi di Keplero e della gravitazione universale). La forma e le dimensioni della Terra. Il moto di rotazione terrestre. Il moto di rivoluzione terrestre. L alternanza delle stagioni. L atmosfera Caratteristiche dell atmosfera. Il riscaldamento terrestre. L inquinamento atmosferico: i gas serra e l effetto serra; i CFC e il buco nell ozonosfera. La pressione atmosferica e i venti; cenni sulla circolazione atmosferica generale. L umidità dell aria,le nuvole e le precipitazioni. P2. Compiti per le vacanze per TUTTA la classe Fare una ricerca sulle caratteristiche degli organismi viventi.

10 P3. Compiti ESTIVI aggiuntivi per coloro che hanno la sufficienza (=6*) Fai una ricerca sull'effetto serra e i cambiamenti climatici ad esso correlati. P4. Indicazioni di lavoro per quanti hanno l'insufficienza Debito formativo Ristudiare la teoria utilizzando il libro di testo.elaborare schemi che riassumano le informazioni in modo sintetico ma completo.gli schemi relativi a ciascun argomento dovranno essere consegnati alla prima verifica. Eseguire gli esercizi di fine capitolo Per ogni argomento puoi trovare dei brevi video esplicativi su you tube: video sull effetto serra video sull effetto serra i movimenti della Terra Milano,6/24/2015 Prof./ssa GALLI

11 Liceo Artistico Statale U.Boccioni Milano Programma A.S DOCENTE Prof./ssa: GIUDICI Matreria: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classe 1^ sez.a Indirizzo PRIMO BIENNIO COMUNE N.O. P1. Programma svolto A.S '15 CLASSE 1A SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ANNO SCOLASTICO 2014/15 DOCENTE PAOLA GIUDICI PROGRAMMA REALMENTE SVOLTO CONTENUTI attività ed esercizi a carico naturale attività ed esercizi di opposizione, resistenza, velocità attività ed esercizi con attrezzi codificati e non codificati attività ed esercizi di rilassamento, per il controllo segmentario e generale e controllo della respirazione attività ed esercizi in varietà di ampiezza, di ritmo ed in situazioni spazio temporali variate attività ed esercizi di equilibrio in situazioni dinamiche complesse, coordinazione generale attività sportive individuali ed attività sportive di squadra organizzazione di attività di arbitraggio degli sport di squadra (pallavolo, baseball, ultimate, dodgeball, basket, calcio, tennistavolo) metodi d allenamento relative alle attività svolte esercitazioni di assistenza diretta ed indiretta durante lo svolgimento delle attività elementi di prevenzione degli infortuni uso della terminologia tecnica applicazione di alcune elementi di fisiologia regolamenti tecnici modificazioni delle funzioni fisiologiche in relazione all attività motoria

12 ATTIVITA DI RECUPERO E DI SOSTEGNO Il lavoro in palestra è stato eseguito nel rispetto dei limiti individuali e nello studio di strategie di adattamento corporeo finalizzate all apprendimento del gesto motorio efficace, armonioso ma soprattutto personalizzato. Questo tipo di attenzione è stata guidata dall insegnante, ma ha teso ad essere affidata all allievo in modo da favorire non solo la responsabilità e la presa in carico di sé, ma anche l individuazione di soluzioni individuali e creative della persona. Di solito le lacune e le mancanze in ambito corporeo sono attribuibili ad una scarsità di esperienze pratiche, ne consegue che il sostegno è consistito soprattutto nell incentivare il lavoro e la ripetizione dei gesti motori in contesti il più possibile variabili per stimolare gli automatismi e la scioltezza degli apprendimenti. Milano 29 maggio 2015 Paola Giudici P2. Compiti per le vacanze per TUTTA la classe P3. Compiti ESTIVI aggiuntivi per coloro che hanno la sufficienza (=6*) P4. Indicazioni di lavoro per quanti hanno l'insufficienza Debito formativo Milano,6/20/2015 Prof./ssa GIUDICI

13 Liceo Artistico Statale U.Boccioni Milano Programma A.S DOCENTE Prof./ssa: MATTINA Matreria: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe 1^ sez.a Indirizzo PRIMO BIENNIO COMUNE N.O. P1. Programma svolto A.S '15 PROGRAMMA SVOLTO Classe : I Sez. A Materia : LINGUA E LETTERATURA ITALIANA ANNO SCOLASTICO : 2014/2015 Docente: Prof Giuseppe Mattina Testi: Jacomuzzi, Miliani, Sauro: Trame e Intrecci, Vol. A, Narrativa. Jacomuzzi, Miliani, Sauro, Trame e Intrecci, EPICA. Il TESTO NARRATIVO: La storia e il racconto; Fabula e intreccio. Tecniche di alterazione della fabula. I tipi di sequenze. La struttura di base del testo narrativo; I blocchi narrativi, Lo schema della narrazione. Luigi Pirandello, Il treno ha fischiato I PERSONAGGI: L autore, i personaggi, La gerarchia dei personaggi: ruoli e funzioni, Esercizi di correzione e auto correzione di testi scritti. Presentazione del personaggio: presentazione diretta, indiretta. Caratterizzazione del personaggio: Tipi e individui, Descrizione fisica, Caratterizzazione sociale, psicologica e ideologica. LO SPAZIO E IL TEMPO: I luoghi, la funzione dello spazio, la dimensione spaziale. Il Tempo: gli elementi della dimensione temporale, La collocazione cronologica, La durata narrativa. L analessi e la prolessi. L ambientazione spaziale; Lo spazio come atmosfera e come elemento narrativo.

14 IL NARRATORE, LE TECNICHE ESPRESSIVE: Autore e narratore, realtà e invenzione; Autore implicito e lettore implicito. Narratore interno, narratore esterno. Il punto di vista: Focalizzazione. Le parole e i pensieri dei personaggi. Lingua e stile. Parole e pensieri dei personaggi: Il discorso diretto, Il dialogo, Il monologo, Il soliloquio, Il monologo interiore. Italo Calvino, Ultimo viene il corvo. RIASSUMERE UN TESTO NARRATIVO: le tecniche; i rapporti di successione cronologica e di causa effetto; le informazioni principali. Umberto Eco, Come viaggiare con un salmone. Il Testo Letterario come opera aperta. Il tema, Il messaggio, Il contesto. I generi letterari: Origine e sviluppo dei generi. I generi come prodotti storici. Lingua e stile nel testo letterario: Denotazione e Connotazione, Il Campo semantico, Lo spostamento semantico, Le figure retoriche. Lo stile: i registri linguistici, il registro colloquiale, medio, aulico. La Narrazione breve: I diversi modi di rappresentare il reale connessi a situazioni di vita quotidiana. Esperienze interiori e moti dell animo. Il mito e la favola; La fiaba e la novella; Dalla novella al racconto moderno. Esiodo, Pandora e l origine del male La novella. La novella antica, La novella classica, La novella orientale. La novella medievale: Il contesto cittadino, Le caratteristiche della novella del Boccaccio. Giovanni Boccaccio, Chichibio e la gru. Il racconto fantastico: i generi. Il racconto realistico: i generi. Isaac Asimov, Il fedele amico dell uomo. Richard Brautigan, L autobus vecchio Il romanzo: Nascita e sviluppo del romanzo moderno. Il Don Chisciotte, il primo romanzo moderno. Il romanzo e il suo pubblico nel Settecento. La diffusione del romanzo nell Ottocento, L affermazione del romanzo storico, Gli aspetti strutturali. Alessandro Manzoni, Don Abbondio e i bravi (da I Promessi Sposi). Il Realismo: i caratteri, Il Naturalismo francese, il Verismo italiano. Giovanni Verga, Agonia e morte di Gesualdo (da Mastro don Gesualdo). EPICA Le tecniche dell Epica, I caratteri dei poemi epici, Aspetti strutturali dei poemi antichi,

15 i personaggi, Fabula e Intreccio, La lingua e lo stile, Le figure retoriche. L Epica Greca: Omero, La questione, Tempo di Omero e tempo dei poemi. L Iliade: fondamento storico; La trama, La struttura e la vicenda. I personaggi, Gli eroi. Brani: Il Proemio, La lite tra Achille e Agamennone, La morte di Patroclo, Il riscatto del corpo dci Ettore e i funerali. L Odissea: La struttura, La vicenda, I personaggi, Il ritorno. Il Proemio, Polifemo, Il canto delle sirene(sintesi). L Epica Latina: Virgilio e la sua epoca, L Eneide: il poema che celebra Roma, L argomento e la struttura del poema, i personaggi. Proemio, Le Arpie, La maledizione e il suicidio di Didone, La discesa agli Inferi Epica cavalleresca: L Epica medievale, Le trasformazioni, La diffusione. La fortuna del Ciclo Carolingio, Chanson de Roland, La diffusione del ciclo Bretone: le caratteristiche, i temi, i personaggi. L Epica rinascimentale, La diffusione dei Cantari, La Corte, I valori, I temi. Ludovico Ariosto, Proemio (da Orlando Furioso). TESTI DI NARRATIVA: Lettura, analisi ed esposizione dei seguenti romanzi: 1. Georges Simenon, Maigret e la ragazza morta 2. Ray Bradbury, Fahrenheit 451. GRAMMATICA I suoni e le lettere: vocali, consonanti. Le sillabe, la divisione. L elisione e il troncamento Elementi di Fonologia. Ortografia e punteggiatura. Le principali regole ortografiche. La formazione delle parole. Le parti variabili e invariabili del discorso. Morfologia: Il nome, L articolo, L aggettivo, Il pronome, Il verbo, L avverbio, La preposizione, La congiunzione, L esclamazione. Scheda ed esercizi sul riassunto. Milano, 06/06/2015 FIRMA STUDENTI FIRMA DOCENTE

16 P2. Compiti per le vacanze per TUTTA la classe Prof. : Mattina Giuseppe Classe: 1 Sez.: A A.S.: MATERIALI PER LE VACANZE ITALIANO Lettura : 1 Libro di Narrativa a scelta degli alunni Con Schedatura e breve Riassunto. GRAMMATICA Ripasso degli argomenti: Parti variabili e invariabili del discorso. STORIA: L Identità romana, 416. La crisi della Repubblica, 434. Il Docente. P3. Compiti ESTIVI aggiuntivi per coloro che hanno la sufficienza (=6*) P4. Indicazioni di lavoro per quanti hanno l'insufficienza Debito formativo Milano,6/5/2015 Prof./ssa MATTINA

17 Liceo Artistico Statale U.Boccioni Milano Programma A.S DOCENTE Prof./ssa: MATTINA Matreria: STORIA E GEOGRAFIA Classe 1^ sez.a Indirizzo PRIMO BIENNIO COMUNE N.O. P1. Programma svolto A.S '15 Classe : I Sez. A Materia : Storia e Geografia ANNO SCOLASTICO : 2014/2015 Docente: Prof. Giuseppe Mattina Testo: De Corradi, Giardina, Gregori, Storia e Geografia, Dalla Preistoria alla Repubblica romana. Italia e Mediterraneo PROGRAMMA SVOLTO Programma : LA STORIA: Concetto di Storia e Storiografia. Utilità dello studio della Storia. Gli strumenti dello storico, Le fonti: Materiali, Scritte, Iconografiche. Le migrazioni. La Cronologia, Le Epoche Storiche. La Datazione. Concetto di Storia e Preistoria. Tempo lineare e tempo circolare. Creazionismo ed Evoluzionismo. Obiettivi didattici. Il Linguaggio della Disciplina. STORIA E PREISTORIA: La Preistoria: La comparsa e la diffusione dell uomo sulla terra. Le età della Preistoria. Il rapporto uomo ambiente, l evoluzione dell uomo, Il progresso tecnico, Nomadismo e Sedentarietà. Le grandi migrazioni indoeuropee. Lo sviluppo della lingua. L espansione della civiltà verso il mare. La società nella preistoria: la rivoluzione del Neolitico, La scoperta dell agricoltura, I primi animali domestici. La ceramica. La nascita del villaggio e lo sviluppo delle città. La nascita della metallurgia. L organizzazione delle risorse e le civiltà fluviali. Le civiltà dell antica Mesopotamia: la nascita della scrittura, il commercio. I Sumeri e gli Accadi. Assiri, Ittiti, Babilonesi e Persiani.

18 La civiltà dell Egitto: Lo stato del faraone, l organizzazione, la scrittura, le risorse del fiume Nilo. L Area Siro palestinese: I Fenici,, Gli Ebrei. LE RELIGIONI DELLE SOCIETA ARCAICHE Il culto dei morti, Forme della religiosità animistiche, Le società totemiche, I riti di iniziazione, I sacerdoti, La nascita dei culti agrari. Politeismo e Monoteismo. ANTICHITA CLASSICA: LA GRECIA: la Civiltà Cretese Micenea; Il mondo greco arcaico: Le popolazioni della Grecia; l ambiente e il territorio; Navigazione ed espansione della civiltà greca. Le città nell antica Grecia: la nascita della polis, i luoghi della polis: l Acropoli e l Agorà. Atene e Sparta: La costituzione e l organizzazione oligarchica di Sparta; L economia schiavista, gli schiavi. La donna nella famiglia e nella società. Cultura e religiosità del mondo greco: Religione e religiosità in Grecia, Le divinità dell Olimpo, Composizione e ruolo degli dei; I giochi Olimpici. I culti Misterici, I misteri Eleusini. Il ruolo della cultura greca: lo sviluppo e la nascita della Filosofia, della Scienza, della Retorica, della Morale; la Storiografia, la Matematica, l Astronomia, la Medicina. La nascita della politica: Oligarchia e Democrazia. Le riforme di Clistene; Il sistema di Pericle. Le guerre persiane e la supremazia ateniese, La guerra del Peloponneso. L età di Pericle; Arte e cultura nella Grecia dell età classica. La crisi della polis e l impero di Alessandro Magno. L inizio dell età ellenistica, I regni ellenistici. ANTICHITA CLASSICA: ROMA. I popoli della penisola italica preromana : gli Etruschi, Nascita e sviluppo della città di Roma, le tecniche e l organizzazione della struttura statale, la diffusione del modello urbano. Roma da Monarchia a Repubblica, la Repubblica consolare. La conquista dell Italia e l espansione di Roma. Una nuova potenza mediterranea. Lo sviluppo economico: i caratteri generali dell economia romana, Modi di produzione,la società romana: patrizi e plebei, Gli schiavi. La famiglia e la vita Religiosa nella Roma arcaica. Le istituzioni dello Stato romano durante la repubblica: i comizi centuriati; la repubblica oligarchica romana. Le principali magistrature. Documenti: La costruzione di strade, dei ponti e degli acquedotti. Le vie consolari. L espansione territoriale : la conquista dell Italia; lo scontro fra Roma e Cartagine, Le guerre puniche. La conquista della Grecia e l espansione verso l Oriente. Identità romana. La crisi della Repubblica. GEOGRAFIA

19 La geografia come scienza del dove ; Le coordinate geografiche; Le carte e la loro rappresentazione. I modelli, Le scale, Le carte tematiche e la rappresentazione dello spazio. L Italia fisica e politica, cartine e Studio delle condizioni fisiche e politiche, La situazione demografica.. Studio del territorio: Carte delle zone climatiche e delle strutture fisiche dei rilievi. Caratteri del paesaggio. L uomo e l ambiente: gli interventi, I disastri ambientali. L urbanizzazione: La fondazione di una città, Le città più popolate del mondo. I caratteri delle città: Europee, Asiatiche, Nord americane, Australiane, Sudamericane. I flussi migratori, Le mete, Identikit dell immigrato. Breve storia dell emigrazione italiana. I diritti umani: Dichiarazione O.N.U. Diritti dell uomo; Diritti del fanciullo ( ONU 1959). Le organizzazioni intergovernative, Le organizzazioni non governative. Breve studio introduttivo : La Costituzione Italiana: contesto storico e politico, elementi di diritto, studio e analisi degli artt Milano, 06/06/2015 Firma studenti Firma del Docente P2. Compiti per le vacanze per TUTTA la classe P3. Compiti ESTIVI aggiuntivi per coloro che hanno la sufficienza (=6*) P4. Indicazioni di lavoro per quanti hanno l'insufficienza Debito formativo Milano,6/5/2015 Prof./ssa MATTINA

20 Liceo Artistico Statale U.Boccioni Milano Programma A.S DOCENTE Prof./ssa: RINALDI Matreria: DISCIPLINE GEOMETRICHE Classe 1^ sez.a Indirizzo PRIMO BIENNIO COMUNE N.O. P1. Programma svolto A.S '15 Trimestre Introduzione alla Disciplina : storia, evoluzione, significato, il contesto contemporaneo Gli enti fondamentali della Geometria Euclidea : punto, retta, piano La geometria piana Le figure geometriche primarie : triangolo equilatero, quadrato, cerchio : proprietà, struttura e relazioni, variazione della struttura geometrica La copertura del Piano : Le Tassellazioni Regolari : definizione, descrizione, proprietà Le tassellazioni Semiregolari : definizione, descrizione, proprietà Progetto di tassellazione periodica nel piano Il pentagono, caratteri, proprietà e sezione aurea Il pentagono nella natura La geometria solida I poliedri regolari, classificazione e proprietà geometriche Sezione Aurea, natura e architettura Il programma ha costituito la preparazione per il lavoro del Laboratorio Artistico Pentamestre La Geometria Descrittiva Introduzione ai metodi di rappresentazione Classificazione : proiezioni parallele e proiezioni centrali Significato di proiezione, la costruzione del disegno proiettivo Metodo di Monge o delle doppie Proiezioni Ortogonali : storia, contestualizzazione e comprensione

21 del metodo I piani di proiezione, astrazione e passaggio dal reale alla rappresentazione Gli enti geometrici nelle PO Proiezione di : Punto, segmento, figura piana Solidi : prismi, piramidi, gruppi di solidi prismatici Procedura : utilizzo di due o tre piani di proiezione, rotazioni, sezioni e utilizzo del piano ausiliario Trattazione della funzione della geometria descrittiva nella progettazione e nella produzione di sviluppi per la costruzione di modelli tridimensionali P2. Compiti per le vacanze per TUTTA la classe 1. disegnare la proiezione ortogonale di una composizione di solidi sui tre piani orizzontale, verticale e laterale 2. disegnare la proiezione di una piramide retta con base dodecagonale troncata, esattamente con lo stesso procedimento seguito nell'ultima tavola dove la piramide era esagonale non vi spaventate, dovete solo trovare più punti eseguite le stesse proiezioni sui tre piani e sul piano ausiliario e costruite il modello, buon lavoro P3. Compiti ESTIVI aggiuntivi per coloro che hanno la sufficienza (=6*) come sopra P4. Indicazioni di lavoro per quanti hanno l'insufficienza Debito formativo Milano,6/14/2015 Prof./ssa RINALDI

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Bellezza e armonia nell antica Grecia I canoni di bellezza dell antica Grecia ed i loro rapporti con l estetica odierna

Bellezza e armonia nell antica Grecia I canoni di bellezza dell antica Grecia ed i loro rapporti con l estetica odierna Bellezza e armonia nell antica Grecia I canoni di bellezza dell antica Grecia ed i loro rapporti con l estetica odierna 2009 Lavoro di maturità in storia dell arte e scienza Prof. Vera Segre e Nicolas

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Piano annuale per la Classe 4^ A

Piano annuale per la Classe 4^ A Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI 1. Proiezioni Assonometriche e ortogonali 2. Teoria delle proiezioni ortogonali Pag. 1 Pag. 2. 3. SCHEDE OPERATIVE SULLE PROIEZIONI

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico Idoneità alla 3^ classe: ESAMI IDONEITA' INTEGRATIVI A.SC. 2013/14 1 Grimaldi Sabrina: in poss. promoz. al 2 anno Istituto Alberghiero 2 anno Storia e Geografia (orale) 2 anno Storia dell Arte (orale)

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

L IMMAGINE CHE NON C ERA

L IMMAGINE CHE NON C ERA L IMMAGINE CHE NON C ERA SEZIONE SCIENTIFICA DEL CONCORSO LA PAGINA CHE NON C ERA BANDO DELLA II EDIZIONE Se è vero che un'immagine può essere più esplicativa di tante parole, allora perché non provare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari)

ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) 1 3^ UDA febbraio - marzo 2013 NARRARSI AGLI ALTRI suggerimenti ad

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

I POLIEDRI NELL ARTE

I POLIEDRI NELL ARTE I POLIEDRI NELL ARTE La geometria è per le arti plastiche quello che è la grammatica per l arte dello scrittore Apollinaire Paolo Uccello (1397-1475) fu un pittore e mosaicista partecipe della scena artistica

Dettagli