Guida. caccia. alla maturita i 2o15 PRIMA PROVA SECONDA PROVA TERZA PROVA ESAME ORALE HIGH SCORE 100.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida. caccia. alla maturita i 2o15 PRIMA PROVA SECONDA PROVA TERZA PROVA ESAME ORALE HIGH SCORE 100. www.italiaorienta.it"

Transcript

1 Guida La La prima in Italia da 20 anni ESAME DI STATO ORIENTAMENTO POST-DIPLOMA LAVORO PRIMA PROVA SECONDA PROVA TERZA PROVA ESAME ORALE HIGH SCORE 100 caccia alla maturita i 2o15 A cura di In collaborazione con DISTRIBUZIONE GRATUITA NELLE SCUOLE

2

3 SCEGLIETE SENZA FARVI INFLUENZARE, NON VE NE PENTIRETE Editoriale 3 di Mariano Berriola* La Guida alla Maturità, (Esame di Stato, per dirlo correttamente) è il prodotto di orientamento cui gli esperti di Italia Orienta hanno lavorato per un progetto La Guida in collaborazione con maggio 2015 offrirvi uno strumento di informazione ed orientamento al tempo stesso. Una Guida didattico-emotiva per farvi entrare nello spirito giusto dell Esame. Una serie di strumenti di conoscenza e le dritte giuste per farvi sentire più preparati e sereni nel momento della grande prova. Dall emozione del primo giorno fino al salto liberatorio dell esame orale, è giusto conoscere i passi che ci avvicineranno al nostro traguardo. NOVITA' Abbiamo deciso, per quest anno, di portare numerose novità all interno della Guida. Nella sezione interviste, ad esempio, leggerete i consigli di un Coach sulla gestione dello stress pre-esame e le dritte migliori per una buona presentazione date da un professore universitario. E, ancora, abbiamo deciso di provare le App migliori che ti possono aiutare nella preparazione degli esami. Una parte importante è poi dedicata al lavoro, con approfondimenti sulla stesura del Curriculum e sulle nuove figure più richieste dal mercato. E se volessi partire? Abbiamo pensato anche a questo, con un dossier sui principali programmi europei che ti permettono di fare un esperienza all estero. UN OCCHIO AL FUTURO Per combattere la disoccupazione giovanile, e più in generale fare le scelte giuste di studio e di lavoro, occorre un serio percorso di riflessione su di sé e di conoscenza delle opportunità che abbiamo davanti. Presentiamo nella Guida una piccola introduzione al mondo universitario. Per chi invece sta già pensando ad un inserimento nel mondo del lavoro, è bene capire come muoversi e conoscere cosa cercano le aziende. Da non sottovalutare poi la fase di preparazione del curriculum e il momento del colloquio. LE DOMANDE DELLA SCELTA Ora, che si tratti di scegliere l università, la ricerca di un lavoro o altro, dicevamo prima dell importanza della scelta. Da dove partire dunque? È bene iniziare a porsi alcune domande che possono aiutarci a capire meglio qual è il percorso più adatto a noi stessi. Le tre domande che vi propongo sono: 1) chi sono, cosa so fare, cosa mi piace fare? Serve a capire quali sono le nostre attitudini, propensioni e interessi 2) cosa voglio fare? Per mettere ordine nella nostra scala dei valori ed essere aderenti e coerenti con la stessa 3) cosa posso fare? Questo per capire che il nostro obiettivo deve essere raggiungibile e non campato in aria. FATE ESPERIENZE! Dopo che avrete messo un po in ordine le vostre idee, e fissato il vostro obiettivo, resterà da capire quali sono i passi e le mosse da mettere subito in campo. Il consiglio che sento di darvi è quello di continuare a studiare e a formarvi per bene; nei prossimi anni si stima che occorreranno figure sempre più preparate e competenti. Ricordate che una bassa qualifica o un basso Italia Orienta Piazza dell'enciclopedia Roma direttore responsabile Mariano Berriola Hanno collaborato a questo numero Raffaele Nappi, Davide Iannotta, Maria Diaco livello di scolarizzazione vi espongono a maggiori rischi di disoccupazione, esclusione sociale e povertà. Pensateci e iniziate a darvi da fare con letture, studio ed esperienze di lavoro in alternanza con la scuola e l università. Prendetevi un biglietto low cost e andate a lavorare all estero, a fare qualunque cosa, purché onesta. Servirà ad aprirvi la mente, a mettervi in gioco e a scoprirvi davvero. Per tutti quelli che lo hanno fatto è stata una vera manna. Fidatevi. Come scrivo nel titolo di questo editoriale, evitate di farvi influenzare. La scelta è soltanto vostra. Possiamo mai immaginare il nostro futuro con dentro i sogni e le aspettative di qualcun altro? NON SIETE SOLI Vi segnalo, infine, che potrete approfondire i temi a voi graditi e rivolgervi al tutor on line per trovare il sostegno di esperti di orientamento. Un ringraziamento particolare lo rivolgo a tutte le direzioni regionali con i loro uffici scolastici, ai delegati all orientamento delle scuole superiori, a tutti i docenti che hanno contribuito alla realizzazione della Guida, ai presidi che ne assicurano ogni anno la distribuzione in classe. Grazie davvero. E per la vostra Maturità, un grande in bocca al lupo! *Presidente Fondazione Italia Progetto grafico: Alfredo Cozza Stampa: Arti Grafiche Boccia Via Tiberio Claudio Felice, 7 Salerno

4 La PRIMA 4 TEMPO A DISPOSIZIONE: 6 ore PUNTEGGIO: 15/15 LINGUA: ITALIANO PROVA I cinque anni, oramai, sono alle spalle. È il momento di dimostrare a tutti chi siete veramente. Studenti e studentesse, siete davanti alla prima prova dell Esame di Stato, a conclusione del vostro percorso di studi. Non lasciatevi spaventare, prendere dall ansia e dalla distrazione del tototema. Concentratevi sui vostri obiettivi: il tempo a disposizione c è, ed è tanto. Siate chiari nell esposizione e sicuri dei vostri mezzi. Scegliete la tipologia che più fa per voi senza tentennare. L esame di Maturità è una tappa obbligata per tutti, una porta che ognuno di noi deve oltrepassare per entrare di diritto nel mondo dei grandi. Le notti insonni e le intere giornate sui libri oramai sono alle spalle: è il momento. Ma senza avere paura. In bocca al lupo, ragazzi! TIPOLOGIA A ANALISI DEL TESTO TIPOLOGIA B SAGGIO BREVE O ARTICOLO DI GIORNALE TIPOLOGIA C TEMA DI ARGOMENTO STORICO TIPOLOGIA D TEMA DI ORDINE GENERALE LE 6 COSE DA FARE LA NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI La cantava anche Antonello Venditti, e ogni anno torna di moda. E la "notte prima degli esami", quella più lunga, quella indimenticabile, quella dove l ansia ti arriva fino alla gola, dove il ripasso non è mai abbastanza e appellarsi ai santi, oramai, #1 è inutile. Insomma: è la vostra ultima notte prima di diventare #4 grandi. Ecco come viverla al meglio Mangiate sano. Mettete da parte, se ci riuscite, #2 #5 Non preparatevi vestiti e maglie preferite, non caffè e bevande gassate sostituendole con una tisana servono. Tutto quello che c è da sapere è nel cervello rilassante #3 #6 Chiudete i libri, oramai è troppo tardi. Non Tenetevi stretta l emozione che vi portate perdete altro tempo. Quel che è fatto è fatto dentro. State insieme ai vostri migliori amici. Sarà indimenticabile Non bevete. Andate in giro, ma non fino a tardi. Appellarsi ai santi funziona fino a un certo punto. Non esagerate e non lasciatevi andare: il giorno dopo Più che alla scaramanzia datevi alla spensieratezza c è una prova che vi aspetta

5 La SECONDA PROVA Scuola 5 LICEI CLASSICI, SCIENTIFICI E LINGUISTICI Latino al classico e matematica allo scientifico, in perfetta alternanza con quanto uscito lo scorso anno. Si cambia, invece, al linguistico: da quest anno la scelta spetta al Ministero dell Istruzione che ha deciso di puntare sulla prima lingua (quella più studiata nei 5 anni). LICEI DELLE SCIENZE UMANE, ARTISTICI, COREUTICI E MUSICALI Pedagogia, antropologia e sociologia protagoniste della prova nel Liceo delle Scienze Umane che, però, per l indirizzo Economico-Sociale prevede un esame su Diritto ed Economia politica. Creativa e variegata la scelta dei licei artistici con prove a scelta nelle più diverse discipline: dal design alla scenografia fino alle discipline pittoriche. Debutto in scena per i licei coreutici e musicali che esordiscono alla seconda prova con Tecniche della danza al Coreutico e Teoria, analisi e composizione al Musicale. Stavolta giocate in casa: le materie d esame sono le vostre preferite, quelle che avete approfondito di più negli ultimi cinque anni. Montate in sella al vostro cavallo di battaglia e raccogliete quanti più punti possibili: saranno determinanti per la votazione finale. ISTITUTI PROFESSIONALI Tanta pratica, ma anche una buona dose di teoria nelle materie scelte per gli Istituti professionali: Psicologia generale e applicata per l indirizzo Servizi Socio-sanitari; Scienza e cultura dell alimentazione per l indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera; Tecniche professionali dei servizi commerciali per i Servizi Commerciali; Tecniche di produzione e organizzazione per Produzioni industriali e artigianali. ISTITUTI TECNICI Tante le tipologie di studio, altrettante le materie scelte per la seconda prova. Gli studenti degli Istituti tecnici dovranno provarsi con: Economia aziendale nell indirizzo Amministrazione, finanza e marketing; Lingua Inglese nell indirizzo legato al Turismo; Disegno, progettazione e organizzazione industriale per chi studia Meccanica, Meccatronica e Energia; Struttura, costruzione, sistemi e impianti del mezzo per l indirizzo Trasporti e Logistica; Progettazione Multimediale per chi studia Grafica e Comunicazioni. MUSIC COMPOSITION E SOUND DESIGN CORSI IN COLLABORAZIONE CON IL MASTER IN SONIC ARTS DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA GAME DESIGNER CORSO IN COLLABORAZIONE CON EVENTS HORIZON SCHOOL OF DIGITAL ART

6 LA TERZA 6 Scuola PROVA avanza, la prima prova è passata, la seconda prova pure: è il giorno del temuto quizzone. La terza prova è l ultimo step scritto. Una prova non troppo complessa, all apparenza, ma che richiede estrema attenzione, L orale considerando anche il poco tempo a disposizione. Restate concentrati durante tutto l esame, dimostrate alla Commissione che siete capaci di interagire e integrare le vostre conoscenze anche su materie differenti. Ricordate bene: la terza prova è l unica a non essere studiata direttamente dal Ministero, ma dalla vostra Commissione: saranno i professori interni e commissari esterni a stabilire domande, argomenti e modalità di svolgimento. Cercate di coglierne i segreti e datevi da fare. #1 LE 5 COSE DA SAPERE Secondo quanto si legge sulla normativa del dalla Commissione d esame con modalità predefinite, Ministero dell Istruzione, La terza prova è espressione che si riunisce già a partire dal 15 maggio. Si ha tempo #4 dell autonomia didattico-metodologica ed organizzativa fino al giorno prima della prova per modificare ed delle Istituzioni scolastiche ed è strettamente correlata integrare le domande. al piano dell offerta formativa utilizzato da ciascuna di #2 esse. Insomma, è bene prepararsi concentrandosi in La terza prova coinvolgerà non più di 5 discipline particolare sulle ultime tematiche studiate. e prevede regole ben precise: non più di 5 argomenti per la trattazione sintetica, da 10 a 15 quesiti a risposta La terza prova è a carattere pluridisciplinare: singola, da 30 a 40 quesiti a risposta multipla, non più nello specifico dovrete occuparvi della trattazione di 2 problemi scientifici a soluzione rapida (tali cioè da #5 sintetica di argomenti, rispondere a quesiti singoli non richiedere calcoli complessi) e, infine, non più di 2 o multipli, dare soluzione a problemi o casi pratici casi pratici e professionali, con un solo progetto. #3 professionali, sviluppare piccoli progetti. Non dimenticate la parte sulla lingua straniera. Possono essere inserite nel quizzone solo le materie per le quali i professori che compongono la Il testo della terza prova scritta è predisposto Commissione sono abilitati ad insegnare. ECCO COSA TI ASPETTA LA PROVA PUÒ CONTENERE: Trattazione sintetica di argomenti significativi, anche a carattere pluridisciplinare, contenente l indicazione della estensione massima consentita (numero delle righe o delle parole). Quesiti a risposta singola, volti ad accertare la conoscenza ed i livelli di competenza raggiunti dal candidato su argomenti riguardanti una o più materie, possono essere articolati in una o più domande chiaramente esplicitate. Le risposte devono essere contenute nei limiti della estensione massima indicata dalla Commissione. Quesiti a risposta multipla, per i quali vengono fornite più risposte, tra cui il candidato sceglie quella esatta, possono essere presentati anche in forma di risposta chiusa. Problemi a soluzione rapida, articolati in relazione allo specifico indirizzo di studio e alle esercitazioni effettuate dal candidato nel settore disciplinare coinvolto nel corso dell ultimo anno. Analisi di casi pratici, correlata ai contenuti dei singoli piani di studio dei vari indirizzi, alle impostazioni metodologiche seguite dai candidati e alle esperienze acquisite anche all interno di una progettazione di Istituto caratterizzata dall ampliamento dell offerta formativa. Ricordate: la trattazione di un caso pratico e professionale può coinvolgere più materie. Sviluppo di progetti. In particolare negli Istituti tecnici e professionali, in relazione ai singoli piani di studio, può essere richiesto lo sviluppo di un progetto che coinvolga diverse discipline, l esposizione di un esperienza di laboratorio, o anche la descrizione di procedure di misura o di collaudo di apparati o impianti.

7 ESAME Scuola 7 ORALE In archivio le prove scritte, ora tocca al tanto temuto esame orale. Ma come si affronta? Quanto dura? Che domande faranno? E la tesina? Come bisogna vestirsi? Sono tante le domande che aleggiano nella mente dei 490mila maturandi alle prese con l ultima prova, LE 5 prima di conseguire il diploma. Ecco come passarla indenni e, magari, anche con profitto. DRITTE PER NON AVERE PAURA #1 SEGUITE L ORALE DEI VOSTRI COMPAGNI Utile soprattutto per prendere dimestichezza con commissari e professori: cercate di capire come impostano il colloquio (quante domande fanno, quanto tempo lasciano per la risposta, se interrompono il candidato o lo lasciano terminare in santa pace). #2 RIPETERE, RIPETERE, RIPETERE Possibilmente davanti allo specchio e con l orologio alla mano. Guardarvi mentre ripetete la tesina vi aiuterà ad essere più sicuri al momento del colloquio. Ricordate: minuti (il tempo concesso per la presentazione della tesina), sotto pressione passano in un lampo. #3 ORGANIZZATE LE GIORNATE PRE-ESAME Fate una scaletta, divisa per giorni e argomenti, così che possiate ripassare tutte le materie che vi serviranno per l orale. Potete essere certi che se tralascerete anche solo una materia a causa della mancanza di tempo, vi si ripresenterà come prima domanda d esame. Meglio evitare, no? #4 DORMITE, RIPOSATE E RILASSATEVI L esame non deve essere un incubo, nemmeno fisicamente. Il sonno serve a recuperare le forze e aiuta la mente ad assimilare le nozioni studiate. Il giorno dell orale fate una bella colazione e arrivate a scuola freschi, riposati e (importantissimo) in orario. #5 PREPARATE L INCIPIT DEL VOSTRO DISCORSO Le parole con cui esordirete davanti ai commissari sono fondamentali per catturare l attenzione e disporre all ascolto. Siate creativi e mostrate di aver approfondito degli aspetti della vostra tesina anche al di là degli argomenti studiati in classe.

8 8 TOTOMATURITA' Dall Isis a Dante, dalla disoccupazione giovanile all EXPO. Abbiamo provato a mettere insieme le possibili tracce di quest anno, partendo dalle ricorrenze, dall attualità, dagli anniversari più prestigiosi. Cosa sceglieranno i commissari? Ecco a voi le percentuali #10 % PRIMA GUERRA MONDIALE Nel 2015 ricorrono i 100 anni dall intervento dell Italia durante la Grande Guerra. Non è improbabile, dunque, che la Commissione #20 possa scegliere l argomento della guerra, ricollegandolo alle travagliate vicende storiche attuali. % DISOCCUPAZIONE GIOVANILE La crisi è davvero finita? In pochi lo sanno. Resta forte, comunque, il tema della disoccupazione, con percentuali altissime tra i giovani, soprattutto nel nostro Paese. L ultima rilevazione dell ISTAT parla del 43 % di giovani senza lavoro. La Commissione potrebbe voler ascoltare il punto di vista dei ragazzi su un tema che li riguarda in prima persona. #15 % DANTE Il sommo poeta compie 750 anni. Quale migliore occasione per celebrare la lingua italiana? #30 % EXPO È il tema del momento. A Milano c è l esposizione universale sull alimentazione: Nutrire il pianeta, energia per la vita. Dopo il 1906 la manifestazione torna in Italia. La Commissione potrebbe invitarvi a riflettere sul tema del diritto all alimentazione, su come combattere la fame, sulla biodiversità, senza dimenticare i cambiamenti climatici. #25 % PAPA GIOVANNI PAOLO II Papa Francesco è l uomo del momento. Ma non dimentichiamoci che nel 2015 ricorrono 10 anni dalla morte di Karol Wojtyla, Giovanni Paolo II. La Commissione potrebbe invitarvi a riflettere sulla figura del Papa polacco, con uno stimolante confronto sulla Chiesa e sulle aperture del papato di oggi. C M Y CM MY CY CMY K

9 TESINA: Tesina DA GIOCARE LE CARTE 9 Partiamo da un dato di fatto: la tesina di fronte alla Commissione diventa il vostro biglietto da visita. Non sottovalutatela, non prendetela sottogamba: le fatiche delle prove scritte sono alle spalle, avete davanti, oramai, l ultimo sforzo prima della vera e propria Maturità. La Tesina diventa per voi l occasione per dimostrare ai componenti della Commissione chi siete davvero, cosa siete capaci di fare. Cercate di dimostrarvi sicuri nei tempi e nei modi. GIORNALINO.pdf 1 08/05/

10 PER L ACCESSO AI CORSI DI LAUR A NUMERO PROGRAMMATO CORSO DI PREPARAZIONE Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria, Medicina Veterina e Professioni Sanitarie A.A. 2015/2 PER L ACCESSO AI CORSI DI LAUREA CORSO DI PREPARAZIONE A NUMERO PROGRAMMATO el, Centro di Ateneo per l Orientamento, la Formazione e la Teledidattica dell Università Federico II d to il Corso di orientamento e preparazione, destinato a coloro che intendono partecipare alla one o test di ingresso per l accesso ai corsi di laurea a numero programmato in Medicina e Ch atria e protesi dentaria, Medicina Veterinaria e Professioni sanitarie (COPr2015). Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria, Medicina Veterinaria e Professioni Sanitarie A NUMERO PROGRAMMATO A.A. 2015/2016 Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria, Medicina Veterinaria e Professioni Sanitarie A.A. 2015/2016 che si terrà presso il Policlinico Universitario Federico II, in Via Pansini n 5, Napoli, prevede un di Il SOFTel, iscritti, Centro si di Ateneo svolgerà per l Orientamento, dalle ore 08:30 la Formazione alle ore 13:30, e la Teledidattica presumibilmente dell Università nell ultima Federico II di decade Napoli, di rà ha nell ultima attivato il Corso settimana di orientamento di Agosto e e preparazione, primi giorni destinato di Settembre a coloro che intendono partecipare alla prova di prevede lezioni specifiche frontali e test di autovalutazione sulle aree culturali così come previste da iali. dere al corso di preparazione bisogna seguire nell ordine la procedura che segue: ilare Ministeriali. il modulo d iscrizione utilizzando il form on-line, fino al 13 Luglio 2015 reperibile sul sito www ww.orientamento.unina.it e sulla pagina Facebook, compilando tutti i campi obbligatori presenti; are due copie di tale iscrizione; PER L ACCESSO AI CORSI DI LAUREA ammissione o test di ingresso per l accesso ai corsi di laurea a numero programmato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e protesi dentaria, Medicina Veterinaria e Professioni sanitarie (COPr2015). Il corso, che si terrà presso il Policlinico Universitario Federico II, in Via Pansini n 5, Napoli, prevede un numero massimo di iscritti, si svolgerà dalle ore 08:30 alle ore 13:30, presumibilmente nell ultima decade di Luglio e continuerà nell ultima settimana di Agosto e primi giorni di Settembre Il corso prevede lezioni specifiche frontali e test di autovalutazione sulle aree culturali così come previste dai Decreti Per accedere al corso di preparazione bisogna seguire nell ordine la procedura che segue: Compilare il modulo d iscrizione utilizzando il form on-line, fino al 13 Luglio 2015 reperibile sul sito sul sito e sulla pagina Facebook, compilando tutti i campi obbligatori presenti; gnare a mano, presso la sede del SOFTel in via Partenope, 36 (II piano) Napoli, il modulo d is nte compilato Stampare due e sottoscritto copie di tale iscrizione; in tutte le sue parti, in duplice copia, dal lunedì al venerdì dal giorno 06 iorno 13 Luglio 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:00, con esclusione del giorno 01 Giugno Consegnare a mano, presso la sede del SOFTel in via Partenope, 36 (II piano) Napoli, il modulo d iscrizione, debitamente compilato e sottoscritto in tutte le sue parti, in duplice copia, dal lunedì al venerdì dal giorno 06 Maggio zionare 2015 al l iscrizione giorno 13 Luglio effettuando 2015, dalle ore 09:30 il versamento alle ore 13:00, con di esclusione 100 (cento/00 del giorno 01 Giugno euro) in contanti all at azione del suddetto modulo. Non sono consentite altre forme di pagamento. Perfezionare l iscrizione effettuando il versamento di 100 (cento/00 euro) in contanti all atto della di presentazione tale versamento del suddetto sarà rilasciata modulo. dall Amministrazione Non sono consentite altre forme del SOFTel di pagamento. apposita ricevuta. Per ragioni f aso la somma versata all atto dell iscrizione potrà essere rimborsata dal SOFTel. A fronte di tale versamento sarà rilasciata dall Amministrazione del SOFTel apposita ricevuta. Per ragioni fiscali, in nessun caso la somma versata all atto dell iscrizione potrà essere rimborsata dal SOFTel. one deve essere effettuata solo ed esclusivamente di persona, o da delegato dell effettivo parteci L iscrizione deve essere effettuata solo ed esclusivamente di persona, o da delegato dell effettivo partecipante al tro e non oltre le ore del giorno 13 Luglio Poiché i partecipanti non potranno essere più corso, entro e non oltre le ore del giorno 13 Luglio Poiché i partecipanti non potranno essere più di 1.200, oni si chiuderanno al raggiungimento di detto limite, anche se anticipatamente rispetto ai termini fissati. le iscrizioni si chiuderanno al raggiungimento di detto limite, anche se anticipatamente rispetto ai termini fissati. Il 16 Luglio 2015 sarà pubblicato sul sito sul sito e sulla pagina Facebook glio 2015 sarà pubblicato sul sito sul sito e sulla pagina F l elenco dei partecipanti suddiviso nelle aule site in Via n 5 Napoli, presso il Policlinico Universitario Federico dei partecipanti suddiviso nelle aule site in Via Pansini, n 5 Napoli, presso il Policlinico Universitario II. L assistenza alla compilazione del modulo di prenotazione per utenti diversamente abili è assicurata presso la sede del SOFTel, previo accordo telefonico ai numeri /29/32. nza alla compilazione del modulo di prenotazione per utenti diversamente abili è assicurata presso la previo accordo telefonico ai numeri /29/32. Si precisa che il versamento di 100 è un contributo inerente esclusivamente la partecipazione al corso in oggetto e non è finalizzato ai concorsi di ammissione, per i quali è necessario rivolgersi alle segreterie studenti di facoltà. a che il versamento di 100 è un contributo inerente esclusivamente la partecipazione al corso in inalizzato ai concorsi di ammissione, per i quali è necessario rivolgersi alle segreterie studenti di fa Il Direttore del SOFTel Prof. Luigi Verolino Il Direttore del SOFTel Prof. Luigi Verolino

11 Tesina 11 Come preparare un ottima Tesina? Nel migliore dei casi sarebbe bene cominciare ad impostare il proprio lavoro già dal mese di maggio. Prendetevela con calma, analizzate con razionalità quello da cui volete partire e scegliete l argomento che considerate a voi più consono. Durante la fase di elaborazione non cadete nei soliti errori di valutazione: non eccedete con il numero delle pagine e con contenuti troppo complessi. Il rischio è di provocare domande su cui non siete preparati o di non permettere ai professori di seguirvi nel vostro percorso. Ricordatevi una cosa: non dovete realizzare un vero e proprio trattato filosofico né una ricerca scientifica. Mettete al bando il nozionismo ed evitate lo scopiazzamento da Internet: i professori, oramai, ci sono abituati. Alcuni di loro giurano di riuscire a scoprire l inganno in soli dieci minuti e quelli che hanno un particolare feeling con il web scommettono di risalire in meno di quindici minuti alla fonte dell ispirazione. Cercate di presentare un elaborato originale, con collegamenti studiati e pensati ad hoc, che sappia svelare anche un po quella che è la vostra personalità di fronte alla Commissione. Non dimenticate di curare l aspetto della presentazione multimediale: snello e fruibile e con qualche musica o filmato di sottofondo per integrare al meglio i contenuti esposti. Ci sono due tipi di Tesina. Vediamoli. MULTIMEDIALE Se siete i Mark Zuckerberg del linguaggio Java o del PowerPoint è inutile dire che una tesina multimediale è molto apprezzata dai professori ed è vantaggiosa per voi che dovrete discuterla. La possibilità di passare da un argomento all altro con un click ha un buon effetto sulla capacità associativa della memoria, ricorderete meglio i collegamenti e sarà anche più divertente e stimolante da preparare. Ricordatevi: il lavoro deve essere chiaro e facilmente consultabile. Meglio evitare, dunque, eccessi: pensate prima ai contenuti e dopo alla grafica! TESINA TRADIZIONALE La tesina cartacea è un must per gli studenti amanti della scrittura. Il consiglio è preparare un elaborato fluido e ricco, preferibilmente accompagnato da immagini, didascalie, citazioni e grafici per non renderlo troppo noioso alla vista e catturare l attenzione dei professori. Cercate di essere precisi nella scrittura, senza girare troppo intorno ai temi. Non avventuratevi nella stesura di un trattato lungo decine di pagine. Non avreste il tempo nemmeno di leggerle. LE7 COSE DA NON FARE Il colloquio orale è quello più temuto dagli studenti. Ecco 7 errori da non fare durante la prova: consigli e segreti per riuscire al meglio nell ultimo scoglio prima della Maturità. #1 SCEGLIERE UN ARGOMENTO USATO DA TUTTI È l errore più comune da fare: Leopardi, Wilde e D Annunzio rischiano di essere ascoltati troppe volte dalla Commissione in sede d esame. Confrontatevi, dunque, con i vostri amici e compagni di classe. Scegliete un argomento originale o, se proprio non ci riuscite, cercate di strutturare collegamenti e punti di vista particolari. #2 SCEGLIERE UN TEMA TROPPO DI PARTE Ok, abbiamo capito tutti che ci tenete a fare bella figura, ma occhio a non esagerare: scegliendo un tema troppo sbilanciato rischiereste di schierarvi inutilmente, urtando parte della Commissione. #3 FARE UNA PRESENTAZIONE ARRONZATA Non confondete semplicità con superficialità. Presentate alla Commissione un lavoro semplice, pulito, chiaro. Non aspettate gli ultimi giorni o l ultimo minuto per completare il vostro progetto. Rischiereste di apparire superficiali. #4 FARE COLLEGAMENTI TROPPO ARZIGOGOLATI Essere chiari è la regola base durante la prova orale. Mettetevi l anima in pace: anche se volete ci sono collegamenti tra una materia e l altra impossibili da fare. Spiegatelo alla Commissione, trasformate questa mancanza #5 in un punto di forza, dimostrando la capacità di affrontare un argomento multidisciplinare. SCEGLIERE UN ARGOMENTO TROPPO DISTANTE Se siete al liceo, Leopardi ci sta tutto. Ma se siete al professionale come contestualizzarlo? Cercate di partire da un argomento coerente con il vostro percorso di studi. #6 CITARE FATTI DI CUI SI SA POCO O NULLA Evitate di complicarvi la vita. Seguite il vostro percorso mentale senza buttartvi a capofitto in fatti o storie di #7 cui sapete poco, solo per fare bella figura di fronte alla Commissione. DIMOSTRARSI TROPPO SICURI DI SE Essere decisi è un punto, vantarsi un altro. Evitate di sfidare la Commissione sulle vostre convinzioni. Al contrario, dimostratevi disponibili al confronto e alla possibilità di avere più punti di vista su un determinato argomento.

12 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Dipartimento di SCIENZE ECONOMICHE Il Dipartimento di Scienze Economiche dell Università di Verona promuove e coordina l attività di ricerca e di didattica nelle Scienze Economiche e Statistiche. La qualità della ricerca prodotta dal Dipartimento ha ottenuto un ottima valutazione dall Agenzia Nazionale di Valutazione. Il Dipartimento offre il Corso di Laurea triennale in Economia e Commercio ed i corsi di Laurea Magistrale in Banca e Finanza, Economics (in inglese) e in International Economics and Business Management (in inglese). Per ulteriori informazioni: Il corso di laurea in Economia e Commercio risponde alla primaria finalità di fornire solide basi metodologiche interdisciplinari negli ambiti aziendale, economico, giuridico e matematico-statistico. Il percorso formativo si caratterizza per lo sviluppo delle capacità di analisi critica che consente il saper affrontare le problematiche proprie dei sistemi economici e delle aziende che ne costituiscono il tessuto. Il percorso di studio prevede inoltre l'obbligo di stage presso enti o istituti di ricerca, aziende e amministrazioni pubbliche. Gli sbocchi sono riferibili all'ampio spettro di professioni in campo economico, tanto nelle imprese, quanto nelle aziende pubbliche e non profit, o anche nell'ambito di uffici e studi di organismi territoriali, di enti di ricerca nazionali e internazionali. Il corso di laurea consente la continuazione degli studi nei corsi di laurea magistrale di area economica offerti dall Università di Verona o da altro Ateneo, e fornisce solide basi per la continuazione degli studi in corsi di Master presso Atenei italiani e stranieri. Il corso è a numero programmato ed è offerto nelle sedi di Verona e Vicenza. Per ulteriori informazioni: DIRETTORE Prof. Diego Lubian EDIFICIO Sede DSE - Vicolo Campofiore TELEFONO Students: , Students:

13 L'intervista 13 Iacopo è uno studente toscano affetto dalla sindrome di Escobar, una malattia genetica che lo ha costretto alla sedia a rotelle. Da un anno è diventato famoso per aver dato vita ad una campagna per i diritti dei disabili. E sulla Maturità racconta: Cari ragazzi, godetevi il momento, perché non torna più. È passato più di un anno da quel famoso battibecco con il Ministro Carrozza che ha fatto conoscere Iacopo. La voglia di lottare, sempre con il sorriso sulla bocca, però, non è passata. Anzi. Iacopo è diventato un fenomeno social, un comunicatore, spinto da idee e progetti sempre nuovi. Iacopo guarda avanti. Dopo la Maturità, tocca alla vita universitaria. Mi mancano 5 esami alla Laurea, sto studiando Scienze Politiche a Firenze. Ma i tempi della Maturità restano speciali racconta. VOGLIA DI VIVERE Il blog? Diciamo che l ho creato per me. Volevo raccontare le storie di quelli come noi senza la solita pesantezza, ma in maniera divertente, ironica. Ho voglia di viaggiare e di innamorarmi su un treno, ho voglia di andare all estero. In tanti, fino ad ora, hanno partecipato. Il nostro compito è quello di mantenere sempre alta l attenzione su questo tema, sulla nostra battaglia. Per questo abbiamo deciso di lanciare una ONLUS per abbattere le barriere. RAGAZZI, GODETEVI IL MOMENTO Ora, però, tocca ai ragazzi affrontare la Maturità. Un consiglio per gli studenti? Godersi il momento, perché non torna più. Non fatevi prendere dall ansia, dal panico, dall obbligo di ottenere un buon voto. Sono passati diversi anni e, sinceramente, nessuno mi ha ancora chiesto il voto della Maturità. Arriveranno momenti più seri e più difficili. Non fate sforzi sovrumani. Non studiate per il voto, ma per il piacere di farlo. Tornerei mille e mille volte a scuola per studiare meglio proprio quelle materie che oggi mi interessano. Magari potessi farlo. EMOZIONI Intanto il progetto va avanti, ogni giorno. Il momento più emozionate? Quello in cui arrivano le da tanti genitori Ph: Virginia Bettoja _ Ego in love che vivono la mia stessa situazione, o anche di peggiori. Queste sensazioni mi fanno credere nel progetto, mi danno speranza. CORSO SUPERIORE PROFESSIONALE DI FOTOGRAFIA PRATICA SUI SET FOTOGRAFICI E SHOOTING PROFESSIONALI PROGETTI CREATIVI E MOSTRE DURATA BIENNALE - INIZIO OTTOBRE 2015 INFORMAZIONI E COLLOQUI: VIA E. CAVIGLIA MILANO

14 MaturitApp 14 che aiutano per Le l'esame App Stanchi di studiare sui libri? Fatevi furbi e accendete lo smartphone! Sul mercato ci sono decine di App fatte apposta per aiutarvi nel ripasso pre-esame: dai riassunti di italiano ai corsi di lingua straniera, dalle infografiche per creare una mappa concettuale fino a fantastiche calcolatrici-fotocamere capaci di risolvere qualsiasi problema matematico con un solo click. Ecco alcune delle App che potrete usare per studiare (divertendovi) in vista delle prove. LVDVS Pensate che ripassare il latino sia noioso? Con questa App cambierete idea! Lvdvs è il perfetto mix tra svago e studio: nei primi livelli dovrete semplicemente accoppiare le parole giuste alle immagini che le rappresentano, in quelli finali potrete sfidare i vostri amici in particolarissime analisi grammaticali a tempo. Insomma, l ideale per non impazzire (di noia) davanti al manuale di latino senza trascurare la preparazione per la seconda prova. TEMI SVOLTI Totomaturità? Sì, ma in versione smart! Per questo c è la App Temi svolti: una selezione con più di 70 tracce già elaborate sui più svariati argomenti: dalla letteratura alla storia, passando per l attualità, Dante e la Divina Commedia. Un valido aiuto non tanto per scoprire in anteprima la traccia che vi capiterà all esame (quella, si sa, è sempre una sorpresa), ma per prendere spunti e ripassare come si scrive un perfetto tema d italiano. PHOTOMATH Il sogno di ogni studente delle superiori: trovarsi davanti al più difficile dei compiti di matematica, tirare fuori lo smartphone, scattargli una foto e avere istantaneamente la risposta esatta: ecco a voi PhotoMath. Lo strumento ideale per esercitarsi: con questa App è come avere un prof di matematica sempre in tasca pronto ad aiutarti quando ne hai più bisogno. Campi di Volontariato e Orientamento agli Studi (16-19 anni) Giulia fa volontariato in Sudafrica e sogna di impegnarsi per i diritti umani Claudia vuole diventare medico e fa uno stage in un ospedale in Argentina Andrea partecipa ad un progetto per la tutela degli squali alle Fiji E TU COSA FAI QUEST'ESTATE? Esplora il mondo, dai una mano, fai un viaggio che ti cambia la vita! Tel:

15 Social 15 FARELETTERATURA Cosa scegliere alla prima prova? Facile: l analisi del testo. La tipologia che a molti studenti sembra la più difficile diventerà un gioco da ragazzi con questa App che offre parafrasi, spiegazioni, commenti e ritratti degli autori di oltre ottanta opere dei grandi italiani. Manzoni, Leopardi, Montale non potranno farvi più nessuna paura. VERBI LATINI Coniugazioni, verbi irregolari, consecutio temporum: come ripassare tutto in così poco tempo? Facile: basta rispondere ad alcuni degli oltre 6000 quiz che offre questa App. Mettetevi alla prova e ripassate i verbi con pochi click. TANDEM Sudate freddo pensando a quando, durante l esame orale, dovrete sfoggiare le vostre abilità in inglese o francese? Niente paura: grazie a Tandem potrai metterti in contatto con migliaia di ragazzi di tutto il mondo, riuniti apposta per fare conversazione in lingua straniera e migliorare il proprio livello. Questa piacevole App, inoltre, dispone anche di una Chat, utile per rivedere anche la vostra padronanza nello scritto. SIMPLE MAPP Perfetta per creare la mappa concettuale della vostra tesina. Simple Mapp è molto intuitiva e semplice da usare: si possono realizzare collegamenti incrociati tra le idee, colorare le etichette e personalizzarle, inserire immagini e collegamenti a pagine web. Tutte le Mappe Mentali si sincronizzano, e si possono salvare su ogni dispositivo via Dropbox. TESINAPP Una tesina multimediale ha sempre un impatto più forte rispetto a quella tradizionale; ma quanta fatica per crearla: ecco perché nasce TesinApp. Un supporto ideale per trasformare il vostro elaborato in qualcosa di molto più accattivante e moderno. IMATEMATICA Formule, algoritmi, geometria analitica o algebra: la matematica non avrà più segreti per voi. Una App che contiene 120 argomenti, 1000 formule, 7 tra risolutori e calcolatrici, il tutto condito con una grafica accattivante e intuitiva. Particolarmente apprezzata la funzione per disegnare i grafici. MATURITA' OK Stress da esame? Niente paura: con questa App avrete a disposizione test e tutorial che vi aiutano a misurare il vostro livello di tensione e gestire l ansia da prestazione. Non solo! Maturità OK contiene altre tre App che vi saranno utilissime per affrontare l esame finale: una App per prendere appunti; una per registrarvi mentre ripetete le lezioni e un altra per condividerle con i vostri compagni di studio via mail o bluetooth. DRAGON DICTATION Scrivere la tesina richiede troppo tempo? Provate a dettarla! Dragon Dictation converte le tue parole in testo ed è cinque volte più rapida della battitura sulla tastiera. Non solo: potrete velocizzare anche le vostre ricerche via Web, twittare mentre studiate o aggiornare il vostro stato su Facebook semplicemente parlando tramite questa applicazione.

16 "STRESS 16 da esame? Fatevi passeggiata" una Come gestire l ansia e lo stress nei giorni che precedono la Maturità? Lo abbiamo chiesto ad Enrico Illuminati, Professional Coach, medico ed esperto di intelligenza emotiva. Ansia, stress e paura: gli studenti come possono imparare a gestire al meglio il periodo precedente la Maturità? È bene essere chiari fin da subito: lo stress può essere un nostro nemico o il nostro miglior alleato. Bisogna considerare che un grado adeguato di stress ci fa essere più vigili e pronti. È bene, a volte, porsi anche qualche domanda: cosa ci sta dando ansia e paura? Quanto sono fondate le nostre paure? I maturandi, a questo proposito, possono fare anche un esercizio basato sul respiro addominale, che ha tradizioni orientali: possono bastare due minuti, a occhi chiusi per aiutare a rilassarsi. Il respiro di pancia è una tecnica usata da molti sportivi, artisti e in generale persone che devono affrontare situazioni stressanti: ci riconnette al respiro che avevamo da bambini, aiutandoci nella gestione delle emozioni. Cosa fare, idealmente, la tanto sognata Notte prima degli esami? Prima di tutto smetterla di studiare! Ma so che la tentazione sarà grandissima. Tuttavia il suggerimento che sento di dare ai ragazzi è di fare una passeggiata, magari con un amico, o comunque in compagnia. Il punto fondamentale è muoversi: più che la notte prima, il pomeriggio precedente sarebbe da dedicare ad un attività ludica, uno sport, ma anche ascoltare musica, fare una lunga passeggiata. È bene, dunque, pianificare lo studio affinché il pomeriggio possa essere dedicato ad un attività che scarichi e rilassi il corpo. La mia Notte prima degli esami? Ero stressatissimo, ma la chiamata di un amico mi ha rasserenato parecchio. La prova orale è quella più temuta dai ragazzi: come affrontarla al meglio? Oltre ad aver studiato, ovviamente, l aspetto più importante di fronte alla Commissione riguarda il comportamento. È importante, infatti, mostrare un atteggiamento equilibrato: un atteggiamento troppo spavaldo, infatti, potrebbe sembrare aggressivo, mentre un atteggiamento troppo remissivo potrebbe far pensare che siete impreparati. Poi, ovviamente, dipende dalla Commissione. Quali sono gli errori più comuni da evitare? Sfatiamo un mito: imbottirsi di caffè e sigarette non aiuta, anzi, sono generatori di stress cattivo. Meglio evitare, poi, di stare troppo in casa nel periodo precedente gli esami. E, per carità, evitare di farsi stressare dagli amici ansiogeni. Tre parole per descrivere la Maturità Forza vitale: quella che è dentro di voi. Sorriso: quello da avere nei confronti di se stessi e della prova che state per affrontare: non è mica il patibolo! Respiro: ciò che vi connette con voi stessi e le vostre migliori risorse. Conosci i corsi di laurea tecnico scientifici più innovativi? Conosci le professioni più richieste dal mercato del lavoro? Sai come conseguire una laurea a doppio titolo? Iscriviti ad un corso di orientamento nella tua città! Per info:

17 "RAGAZZI, occhio Consigli degli esperti alla presentazione 17 Davanti alla Commissione dovrete fare una presentazione efficace nel breve tempo a disposizione. Come fare? Risponde Mauro Bologna, docente all Università degli Studi de L Aquila e autore del libro Progettare una presentazione. Il tempo è tiranno: come gestire i pochi minuti a disposizione per una presentazione? Fate una scaletta, un piano generale e rivedetelo ripetutamente, fino al risultato finale. Nella prima immagine spiegate in estrema sintesi il percorso che volete proporre, con il classico schema di Cosa, Chi, Dove, Quando e Perché. Mettendo subito in chiaro il vostro percorso sarete concisi ed efficaci. Questo primo passo in realtà è anche l ultimo da rifinire con cura, dopo aver preparato l intero materiale. Quali sono gli errori in cui si incorre più facilmente e come fare per evitarli? Gli errori possibili sono molti: troppe parole per ogni immagine, voler presentare troppo materiale in così poco tempo, scegliere colori che non stanno bene insieme o che non danno risalto agli elementi più importanti, scegliere caratteri tipografici poco leggibili per chi assisterà (considerare grandezza aula, distanza del pubblico dallo schermo, ecc.). Un valido schema di base è quello di tarare la presentazione al ritmo di 1 immagine al minuto e con ciascuna immagine contenente non più di 7 righe di 7 parole. Quanto influisce l aspetto grafico (lo stile, la cura delle immagini, etc.) all'interno di una presentazione? L aspetto può anche essere importante, ma la cosa principale è quello che avete da dire. Un buon testo resta un buon testo, comunque sia scritto: non è la penna che fa lo scrittore, sono le idee. Se avete tempo e voglia, curate pure la forma grafica e l estetica, ma solo dopo aver prodotto un testo impeccabile. Come si cattura l attenzione del pubblico? Con una presentazione efficace: parlando senza fretta, mostrando padronanza dell argomento, offrendo immagini corrispondenti al livello culturale di chi ascolta, lasciando un messaggio forte e chiaro. Buon lavoro a tutti!

18 In la Maturita' VOLO con 18 Intervista ai VIP All esame senza paura Dal Palco di Sanremo al banco della Maturità. Per i ragazzi de Il Volo è tempo di esami. Piero, Ignazio e Gianluca si raccontano in un intervista, tra ricordi di scuola e consigli in vista degli esami: Ansia? Cantate, starete meglio. Che tipo di studente eravate? Gianluca: Come tutti. Affrontando le varie materie con lo spirito dell età; devo farlo e cerco di farlo al meglio anche se mi pesa un po. Forse se avessi studiato musica, mi sarei impegnato di più Ma non è detto! Sai, quando una cosa che ti piace diventa un obbligo, magari non ti piace più. Ignazio: Come ho raccontato altre volte la mia infanzia e la vita da studente sono state un po diverse da quelle dei miei compagni. Ho avuto mia mamma in ospedale per tanto tempo e quindi mi sono dovuto gestire da solo e, con l aiuto di mia sorella. Ho studiato quando avevo il tempo di farlo, sicuramente al meglio, ma lo stretto necessario. Piero: Ho sempre considerato lo studio una cosa necessaria in ogni campo e quindi mi sono impegnato. Certo non sono mai stato un secchione, né il primo della classe. Anche adesso che oramai canto per professione, studio canto da diversi anni e vi assicuro che cantare per piacere e cantare con l insegnamento e lo studio è tutt altra cosa. Ve lo possono confermare qui i miei partner Gianluca e Ignazio che come me da anni studiano con impegno il canto. Cosa vi rimane degli anni passati tra i banchi di scuola? Ignazio: Sicuramente gli amici con i quali ho ancora bellissimi rapporti, specie quando torno a casa dopo le nostre tournée. È bello tornare tra loro e ritornare senza difficoltà. Mi descrivono come quello che racconta le ultime barzellette, che non passa mai il pallone, che sa fare le pizze e che non se la tira. Gianluca: In effetti nessuno di noi se la tira. Siamo stati insieme ognuno a casa degli altri, in Sicilia, in Abruzzo, frequentando i comuni amici che sono diventati amici di tutti. Anch io, guardando le foto di scuola, mi rivedo e mi sento con quello stesso spirito e con gli stessi sogni, che grazie a Dio e a tanti, si sono avverati. Piero: Gli amici soprattutto, il compagno di banco con il quale ho diviso tante giornate, tanti scherzi e tante marachelle. Ma anche gli insegnanti. Severi quando serviva, ma amici più grandi in tanti momenti. Forse anche quel po di inglese che a noi tre è servito moltissimo all inizio delle nostre lunghe trasferte all estero. Poi lo studio, quello vero, che ci serviva per affrontare il pubblico, le interviste, i rapporti con i discografici, i promoter dei concerti, la vita negli alberghi e nelle varie città che ci hanno ospitato. Tra tour, concerti e live riuscite ad esibirvi di fronte a migliaia di persone. Quali sono i vostri trucchi per gestire l ansia prima e durante un concerto? Ignazio: Abbiamo provato con lo Yoga, la meditazione, i lunghi respiri, ma non funzionano! Abbiamo così sperimentato un metodo tutto nostro che funziona moltissimo: ci diamo dei robusti pugni sulla spalla l uno con l altro. Piero: Così la tensione si scarica in un attimo e siamo pronti per l arena. Gianluca: E io che di solito canto per primo e devo rompere il ghiaccio ho sempre un aria intensa e appassionata. In effetti è il dolore del pugno di Ignazio, tira certe castagne! La Maturità si avvicina: un consiglio da dare ai tanti ragazzi che stanno per affrontarla? Ignazio: Non so se il nostro metodo può funzionare, ma non lo consiglio Potrebbe sfociare in una rissa (sorride). Piero: Il momento difficile è il prima. Cercate di saltarlo non pensandoci fino all ultimo e poi buttatevi! Non è certo il patibolo. Gianluca: Si deve fare! Quindi meglio farlo con convinzione, come quando entro in scena. Ecco, state per entrare in scena! Dite a voi stessi che siete preparati e pronti: Forza! Come sapete, come ci insegna un grande del teatro, Eduardo De Filippo nella vita gli esami non finiscono mai. E la Maturità è di certo tra i meno impegnativi. TUTTI: Per concludere prima di ogni impegno: cantate! Vi farà sentire meglio!

19 Lo SAPEVI che Curiosità Curiosita' sulla Maturita' in tutta Europa 19 In Italia, la vecchia normativa era chiara. All esame di Stato sarebbero uscite materie caratterizzanti il corso di studio. Non era scontato, dunque, che allo Scientifico uscisse matematica. E non sempre è uscita, tra lo stupore degli studenti. Ma, ancora, in Paesi come l Austria e la Slovenia il voto della Maturità è del tutto irrilevante. E in Croazia? L esame di Maturità su scala nazionale è stato introdotto solo a partire dall anno scolastico Ecco tutto quello che non sapevi sulla Maturità, con curiosità da tutta Europa e differenze con l Italia ITALIA - Con la vecchia normativa alla seconda prova potevano uscire materie caratterizzanti il corso di studio. Quindi non sempre, ad esempio, era scontato che ad uno Scientifico uscisse matematica. A volte capitava fisica. Marco, che ha conseguito il diploma nel 2000, racconta: Infatti, io che facevo lo Scientifico progetto Brocca mi son beccato fisica alla seconda prova. Il risultato? 4/15. Una bella sorpresa, insomma. EUROPA - In Paesi come l'austria e la Slovenia il voto della Maturità è del tutto irrilevante, dato che il diploma ottenuto una volta superato l esame di Stato dà la possibilità di iscriversi a qualsiasi corso universitario, senza eccezioni. BULGARIA - Secondo le statistiche del sito web del Ministero dell'istruzione Bulgaro, nel 2008 si sono iscritti all'esame di maturità studenti. Di questi, solo studenti hanno richiesto la terza materia facoltativa. Fra coloro che hanno scelto di sostenerla, poi, solo 845 l 'hanno superata con successo. Coloro che richiedono una terza materia da affrontare, comunque, hanno poi un significativo vantaggio quando chiedono l ammissione ad un Ateneo. CROAZIA - In Croazia l'esame finale (državna matura) su scala nazionale è stato introdotto solo nell'anno scolastico per gli studenti frequentanti una scuola superiore. Chi supera l esame di Stato può avviare il procedimento di iscrizione all università. Dal 1989 organizziamo per voi: Soggiorni Studio all Estero per studenti. Soggiorni Studio all Estero per universitari e laureandi. Corsi di preparazione per il superamento dei Cambridge Examination. Inserimento nell anno accademico all estero. Corsi intensivi di lingua inglese con stage lavorativo. INIZIA L UNIVERSITÀ CON UNA MARCIA IN PIÙ! Visita il nostro sito: e contattaci: tel. 0549/ fax. 0549/905992

20 20 La Università VITA in Ateneo Hai appena finito la Maturità, le vacanze sono oramai alle spalle e stai per cominciare una nuova vita: non sai cosa ti aspetta? Niente paura, tutti, prima o poi, siamo stati matricole all Università. Devi sapere, per prima cosa, che la vita in Ateneo sarà completamente diversa da quella che affrontavi a scuola: gli orari sono più flessibili, così come lo studio, che imparerai a gestire in base alle sessioni d esame. CI VUOLE PAZIENZA La transizione dalla vita scolastica a quella accademica richiede pazienza nella gestione del cambiamento, ma al tempo stesso, capacità di reazione rispetto alle novità, particolarmente articolate della realtà universitaria. La gestione del tuo progetto Studio cosa-divento chi rivolto alla costruzione della tua identità formativo-professionale deve abbracciare ogni piega del mondo universitario: lezioni, logistica, burocrazia, rapporto con colleghi e docenti, con le segreterie e, se è necessario, con il presidente del tuo corso di studi. IL NUOVO MONDO Nella tua nuova vita in Ateneo ti troverai a gestire relazioni con le segreterie, gli uffici di orientamento, gli spazi universitari di aggregazione (aule, biblioteche, mense, aree all aperto): cerca di condividere al meglio i luoghi preferiti dai tuoi colleghi universitari. Cerca, insomma, di essere recettivo, perspicace e proattivo. LA VIA IN SALITA La matricola in azione ha davanti a sé solo vie in salita, basta imparare a conoscere l ecosistema di riferimento. Datti degli step: parti dal sito, ad esempio. Ad ogni Ateneo, spesso, corrisponde un sito diverso, con una grafica differente e i menu collocati in modo personalizzato. Individua subito l offerta formativa e la didattica, condividi con i tuoi colleghi i dubbi e le perplessità sul piano di studi e sugli esami del primo anno accademico. Non sei l unico ad entrare nel nuovo mondo: anzi, sarai in bella compagnia. E-leaning e innovazione: UNINETTUNO oltre le barriere dell Università tradizionale Harvard? Università Minerva? No, Uninettuno. È dal 1992 che il Consorzio NETTUNO offre la possibilità di laurearsi a distanza, seguendo le lezioni dei migliori docenti su internet con un modello didattico unico che è stato più volte riprodotto sia negli Stati Uniti che in Europa. Un modello rivoluzionario nato dai risultati dei programmi di ricerca internazionali, e realizzato dal Rettore Maria Amata Garito con quasi 20 anni di anticipo rispetto ai nuovi modelli di insegnamento che stanno travolgendo le università tradizionali (come spiegato nel volume edito dalla McGraw-Hill "l università nel XXI secolo" in uscita a giugno). Dal 1992 sono stati gli studenti laureati presso il Consorzio NETTUNO. Ad oggi, invece, l Università Telematica Internazionale Uninettuno conta più di studenti iscritti, da 140 paesi del mondo, seguendo le lezioni sulla piattaforma internet disponibile in 5 lingue diverse (italiano, inglese, francese, arabo e greco). Sono 13 i Corsi di Laurea che abbracciano tutta l offerta formativa tradizionale, dall area dell Economia alla Psicologia, dalle Scienze delle Comunicazioni alla Conservazione dei Beni Culturali, dall Ingegneria alla Giurisprudenza, con il contributo dei più autorevoli docenti selezionati tra le personalità più influenti nei loro settori. Grazie al canale UNINETTUNO.UNIVERSITY.tv tutti, infine, possono accedere al sapere, con video lezioni 24 ore su 24. a cura di ALL SOCIAL srl

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli