Erodoto, il primo storico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Erodoto, il primo storico"

Transcript

1 Storia 5 - SCHEDA 1 Alunna/o... Classe... Data... Erodoto, il primo storico 1. La figura dello storico nacque in Grecia con Erodoto, vissuto tra il V e il IV secolo a.c.. I suoi scritti sono per noi una fonte molto importante. Leggi il testo che segue, poi rispondi alle domande. PER RICORDARE All inizio della sua opera, che intitolò Storie, Erodoto scrisse: «Questa è l esposizione che Erodoto fa delle sue ricerche, affinché gli avvenimenti umani non siano dimenticati e le grandi e meravigliose imprese compiute dai Greci e dagli altri popoli non restino senza gloria.» Nelle sue Storie Erodoto non descrisse un solo popolo o un particolare periodo storico, ma fece il resoconto dei suoi viaggi in molti luoghi del mondo antico. Egli, infatti, visitò tutte le grandi civiltà del tempo e non si limitò a raccontare le guerre tra i popoli e gli eventi più importanti, ma descrisse i paesaggi e le caratteristiche geografiche dei territori visitati, soffermandosi sulle usanze delle genti che vi abitavano. Erodoto era molto interessato dalla cultura e dalle credenze religiose dei popoli e i suoi scritti ci offrono tantissime notizie sulla storia antica. Erodoto si dichiarò sempre molto orgoglioso di essere un cittadino greco, ma ebbe un grande rispetto per le altre genti e per le loro civiltà. Dove e in quale periodo visse Erodoto?... Come si intitola la sua opera?... Come raccolsle le informazioni alla base dei suoi resoconti? Ascoltò i racconti di altri. Elaborò con la sua fantasia le notizie ricevute. Compì ricerche nel corso dei suoi viaggi. Erodoto afferma di voler esporre le sue ricerche perché: gli hanno chiesto di farlo. ha scoperto cose molto importanti. non siano dimenticati i fatti della storia umana. Erodoto si interessò solo del mondo greco? Sì No Nelle sue Storie Erodoto racconta: solo le guerre tra popoli. le guerre e i principali fatti politici. le caratteristiche delle varie civiltà che ha conosciuto. Che cosa prova per le civiltà diverse da quella greca? (Segna più di una risposta). Indifferenza Interesse Rispetto Disprezzo Curiosità Insofferenza 182

2 Storia 5 - SCHEDA 2 Alunna/o... Classe... Data... L Italia preromana 1. Quali popoli abitavano la Penisola italica prima del dominio di Roma? Nell elenco che segue ne trovi alcuni, confusi tra altri che mai abitarono la Penisola. Riconosci e colora solo i nomi dei popoli italici. Assiri Sumeri Piceni Veneti Hittiti Umbri Siculi Babilonesi Egizi Celti Liguri Etruschi Micenei Sanniti Sardi Achei Iapìgi Latini Bruzi 2. Osserva le fonti storiche illustrate e collega ognuna di esse con il quadretto posto nella zona dell Italia in cui visse il popolo che ne fu autore. CELTI Golasecca Po CAMUNI Palafitte SANNITI MAR LIGURE M A R ETRUSCHI PICENI A D R I A UMBRI Tevere SARDI LATINI SABINI APULI T I C O M A R LUCANI MESSAPI T I R VENETI R E N O BRUZI IO ION MAR MED ITER ELIMI RAN EO SICANI ITALI MAR LIGURI SICULI 3. Osserva le fonti illustrate nell esercizio 2 e rispondi: in base all analisi delle fonti, sai dire quali materiali sapevano lavorare i popoli italici?

3 Storia 5 - SCHEDA 3 Alunna/o... Classe... Data... I nuraghi: giganti millenari 1. Leggi il testo che segue, poi rispondi alle domande e svolgi le attività richieste. Il nome nuraghe deriva da nurra, che nel dialetto di Nuoro significa «mucchio», oppure «cavità». Visti da lontano, in effetti, i nuraghi sembrano grandi mucchi di pietre, mentre avvicinandosi ad essi ci si accorge che tra i muri di pietra si nascondono ampie cavità. Esistono due tipi di nuraghe: quelli a corridoio, costruiti con grossi massi non lavorati, che raggiungono i 10 metri di altezza e quelli a torre tronco-conica, che sono alti anche 20 metri. Qualche studioso ritiene che i nuraghi più primitivi, risalenti al III millennio a.c., fossero usati come sepolcri; l opinione più diffusa, però, è che i nuraghi fossero fortezze, nelle quali le popolazioni di pastori e agricoltori, con i loro animali e raccolti, trovavano rifugio in caso di attacco nemico. Nel corso dei secoli, poi, le torri a tronco di cono si moltiplicarono e, unite tra loro, assunsero forme simili a quella di un castello; attorno ad esse furono costruite cinte di mura, che proteggevano i villaggi di capanne dai tentativi di conquista straniera. Le miniere di rame e la posizione geografica della Sardegna in cui sorsero i nuraghi, al centro del Mediterraneo occidentale, attrassero infatti altri popoli, primi tra tutti i Fenici e i loro discendenti Cartaginesi. - Quale antico popolo costruì i nuraghi?... - Quale isola del Mediterraneo occidentale fu abitata da quel popolo?... - Ricordi se Fenici e Cartaginesi riuscirono a colonizzare almeno in parte quell isola? Se sì, ricordi il nome di almeno una città da essi fondata? - Sottolinea nel testo: in rosso gli antichi significati della parola nurra, da cui deriva il nome nuraghe; in verde quale fu, secondo l opinione più diffusa, la funzione dei nuraghi; in blu i motivi che indussero diversi altri popoli a tentare la conquista dell isola in cui si trovano i nuraghi. 184

4 Storia 5 - SCHEDA 4 Alunna/o... Classe... Data... LA CIVILTÀ ETRUSCA 1. Osserva la carta e colora allo stesso modo la legenda e l area in cui si sviluppò la civiltà etrusca. 2. Rileggi, sul tuo sussidiario, le pagine che parlano degli Etruschi, poi, per ciascuna delle frasi seguenti, scegli con X il completamento esatto. Cuma Melfi La civiltà etrusca si sviluppò in un area compresa tra: Napoli Paestum SARDI Calabria, Puglia e Campania. Toscana, Umbria e Lazio. Palermo Messina Mozia Il territorio abitato dagli Etruschi era: Reggio ELIMI Naxos SICANI Agrigento Catania ricco di minerali, ma poco adatto all agricoltura e al Cartagine Siracusa commercio marittimo. ricco di minerali e di terreni fertili e molto adatto al commercio via mare. La società etrusca era organizzata in: città-stato, governate da re, detti lucumoni, sostenuti dai nobili e dai sacerdoti. un unico stato governato da un re eletto dai nobili. I sacerdoti etruschi: erano detti druidi e per capire il volere degli dèi osservavano le stelle. erano detti arùspici e interpretavano la volontà degli dèi con la divinazione, osservando il volo degli uccelli e le viscere degli animali. La civiltà etrusca: ebbe frequenti rapporti con Roma e contribuì alla crescita della civiltà romana, dalla quale fu assorbita. ebbe con Roma solo conflitti, che portarono alla totale distruzione degli Etruschi. 3. Colora i riquadri con i nomi degli elementi che possono essere riferiti alla civiltà etrusca, poi collega ognuno dei nomi colorati al suo significato. Nuraghi Piramidi Porpora Necropoli Volta ad arco Bucchero Forni a doppia camera Filigrana e granulazione Palafitte CELTI Ceramica pregiata il cui aspetto imita il metallo. Forni per fondere i minerali metallici, soprattutto ferrosi, capaci di raggiungere alte temperature. Tecniche di oreficeria che usano l oro ridotto in fili sottili e minuscole sfere. Tipo di costruzione che permetteva di ottenere aperture curve, ampie e stabili. Vasti insiemi di sepolture, radunate a formare vere «città dei morti». REZI Mantova VENETI Adria LIGURI Spina Genova Bologna MAR Ancona LIGURE PICENI Populonia Arezzo Perugia UMBRI Vulci Orvieto Tarquinia SABINI Roma EQUI LATINI VOLSCI SANNITI MAR MEDI M A R T I TERRA R R E N NEO M A R O A D R I A SICULI IAPIGI LUCANI T I C O Siponto ITALI ETRUSCHI BRUZI MESSAPI Taranto Sibari Locri Crotone MAR IONIO 185

5 Storia 5 - SCHEDA 5 Alunna/o... Classe... Data... I misteri della lingua etrusca 1. Leggi con attenzione in testo che segue, poi svolgi le attività richieste. La lingua degli Etruschi, come la loro origine, conserva ancora molti aspetti misteriosi. Per esempio: tutte le lingue parlate in Europa sono di origine indoeuropea, derivano cioè dalla lingua parlata nell antichità dai popoli che abitavano le regioni centro-orientali del continente eurasiatico; l etrusco invece, è stato accertato, non è una lingua di origine indoeuropea. Sono state ritrovate alcune migliaia di iscrizioni etrusche, dipinte o incise su metallo, terracotta o roccia, ma si tratta di scritti troppo brevi per consentire studi approfonditi sulla lingua. Le iscrizioni più lunghe, invece, sono solo una decina, tra cui quella sull abito dell Arringatore, una statua di bronzo conservata a Firenze, quella incisa sul modello di fegato di animale in bronzo ritrovato a Piacenza e quelle sulle dodici bende che rivestivano una mummia ritrovata ad Alessandria d Egitto e ora conservata nel museo di Zagabria, in Croazia. Si è scoperto che gli Etruschi, dopo aver appreso l alfabeto in Campania, presso le colonie greche fondate dai Calcidesi sulla costa tirrenica, trasmisero l uso della scrittura a molte popolazioni dell Italia antica. A partire dal VI secolo a.c., infatti, tutte le culture del Nord Italia adattarono alle loro lingue l alfabeto trasmesso loro dagli Etruschi. Modello di fegato in bronzo per la divinazione. Il brano parla di un «modello di fegato di animale in bronzo» con incise alcune iscrizioni (lo vedi nella fotografia a lato). Ricorda le usanze religiose degli Etruschi e rispondi: nella società etrusca, chi avrebbe potuto servirsi di questo modello? Per farne quale uso? Sottolinea nel testo: in rosso, il brano che parla delle più importanti fonti scritte in lingua etrusca; in nero, le frasi che spiegano perché non è stato possibile approfondire la conoscenza della lingua etrusca. Rispondi. La lingua etrusca ha origini indoeuropee come le altre lingue d Europa? Sì No Da chi appresero, gli Etruschi, l uso dell alfabeto?... Chi, grazie agli Etruschi, poté conoscere l uso della scrittura?... Da dove provenivano i coloni calcidesi che trasmisero agli Etruschi l uso dell alfabeto? Ricordi il nome dato all area situata nel Sud della Penisola italica, che ospitava le ricche colonie greche? 186

6 Storia 5 - SCHEDA 6 Alunna/o... Classe... Data... La tomba a tumulo degli Etruschi 1. Un tipo particolare di tomba etrusca è quella a tumulo, che vedi ricostruita nel disegno qui sotto. Leggi le didascalie e collegale al disegno inserendo i numeri nei quadretti. 1. La camera funeraria, in cui venivano posti i resti del defunto, era circolare e delimitata da una serie di lastre di roccia. 2. La cupola costituiva la volta della camera funeraria ed era ottenuta facendo sporgere progressivamente all interno i vari anelli dei blocchi di pietra. 3. Un pilastro di pietra sorreggeva la lastra che chiudeva la cupola. 4. Il dromos era un corridoio coperto attraverso il quale si accedeva alla tomba. 5. La collina artificiale che copriva la tomba, e che prende il nome di tumulo, poteva arrivare a un diametro di 30 metri. Ricordi quale altra antica popolazione vissuta nella penisola greca costruì tombe a tumulo? Indicane il nome, la città principale e, se lo ricordi, il periodo in cui si sviluppò la sua civiltà. 187

7 Storia 5 - SCHEDA 7 Alunna/o... Classe... Data... L abbigliamento etrusco 1. Leggi il brano che segue, poi compila la successiva tabella. In età arcaica gli uomini etruschi andavano in giro a torso nudo, in seguito si diffuse l uso di indossare una tunica corta o un giubbetto, con un mantello colorato gettato sulle le spalle. Il mantello, più ampio e ricamato, divenne poi la veste nazionale degli Etruschi: la tèbennos. Le donne e gli anziani usavano una tunica lunga fino ai piedi. La tunica era solitamente di stoffa leggera pieghettata o decorata ai bordi; sopra di essa portavano un manto colorato più pesante. Tra l abbigliamento femminile troviamo anche gonne, casacche e corpetti. Le calzature più comuni erano sandali, stivaletti alti e una caratteristica scarpa, di origine greco-orientale, con la parte anteriore a punta e rivolta verso l alto. Il copricapo più diffuso era una calotta di lana, ma ne esistevano di molte fogge: a punta, conici, a cappuccio, a falde larghe. A partire dal V secolo a.c. prevalse l uso di andare a capo scoperto e gli uomini, che prima usavano portare la barba, incominciarono a radersi il volto e a tenere i capelli corti. Le donne ricorrevano alle più svariate acconciature con capelli lunghi, pioventi, a coda, annodati o intrecciati dietro le spalle, lasciati cadere a boccoli sulle spalle o annodati a corona sul capo e raccolti in reticelle o cuffie. L abbigliamento era completato da gioielli preziosi: orecchini, collane, bracciali, fibule e pettorali, nella cui produzione gli Etruschi erano maestri. abiti calzature e copricapo barbe, capelli, gioielli uomini donne 188

8 Storia 5 - SCHEDA 8 Alunna/o... Classe... Data... Le origini di Roma 1. Rispondi alle domande seguenti. La fondazione di Roma risale, secondo la tradizione, al 753 a.c. Chi ne fu il fondatore, secondo la leggenda?... Gli storici, invece, ritengono che il primo nucleo di Roma sia nato dall unione di alcuni villaggi costruiti in riva al Tevere. A quali popoli appartenevano? Su quale colle sorse il primo nucleo di Roma?... Nei primi due secoli della sua storia Roma fu governata da una monarchia: che cosa significa? 2. Il luogo in cui Roma fu fondata rendeva la città ben difendibile e le permetteva di prosperare grazie al controllo degli scambi commerciali. Metti in ordine (con numeri da 1 a 8) le frasi che spiegano perché (l esercizio è avviato). 1 6 Roma era ben difendibile perché In quel punto del Tevere, inoltre, giungevano le navi mercantili che risalivano il fiume dal mare sorgeva in cima a un colle. La città poteva controllare gli scambi perché Infine, Roma era vicina al mare, di cui poteva servirsi per i suoi traffici commerciali. era situata vicino a un punto attraversabile del Tevere, presso l isola Tiberina, quindi, e le navi, più piccole, che trasportavano le merci provenienti dall interno. per attraversare il fiume, le carovane con le merci dovevano passare in quel luogo. 3. Come ricorderai, la nascita e lo sviluppo di Roma si intrecciano strettamente con le vicende del popolo etrusco. Osserva la linea del tempo e rispondi alle domande. IX VI sec. a.c. 753 a.c. VI sec. a.c. 474 a.c. IV sec. a.c. III sec. a.c. ETRUSCHI Sviluppo della civiltà etrusca. Prima espansione Fondazione di Roma Seconda espansione etrusca Inizia il declino etrusco Invasione dei Celti Conquista romana Quando Roma fu fondata, la civiltà etrusca era in espansione o in declino? Etruschi e Romani ebbero periodi di espansione contemporanea? Sì No Quando iniziò il declino etrusco, Roma continuava la sua espansione? Sì No In quale periodo l espansione romana causò la caduta della civiltà etrusca? 189

9 Storia 5 - SCHEDA 9 Alunna/o... Classe... Data... Roma, dalla monarchia alla repubblica 1. Leggi il testo che segue, poi rispondi alle successive domande. Nel 509 a.c. i patrizi e il popolo di Roma si ribellarono alla monarchia di Tarquinio il Superbo, ultimo re di origini etrusche. I racconti della tradizione narrano che Sesto, il figlio di Tarquinio, offese gravemente la nobildonna Lucrezia, moglie di un importante patrizio romano. Questo fatto fu la scintilla che provocò la rivolta contro Tarquinio, ritenuto un re dispotico e crudele, ma non fu la sola causa della ribellione. I patrizi di Roma, infatti, mal sopportavano la monarchia dei re di origine etrusca, che governavano senza favorire i loro interessi, e presero questo fatto come pretesto per cacciare il re e proclamare la repubblica. Con la repubblica, il senato formato dai patrizi assunse maggiori poteri, primo tra tutti quello di eleggere i due senatori che avrebbero governato lo stato, guidato l esercito in caso di guerra, amministrato le ricchezze di Roma con l aiuto dei censori e la giustizia con l aiuto dei pretori. Sottolinea nel testo le parti che spiegano quale fatto diede origine alla rivolta contro Tarquinio il Superbo. Questo avvenimento fu l unico vero motivo della ribellione? Sì No Quale altro motivo indusse i patrizi a deporre il re etrusco?... A chi era affidato il governo della repubblica?... Chi eleggeva questi personaggi?... Chi aiutava i due governanti ad amministrare le ricchezze di Roma e la giustizia? Sai dire quale sistema di governo, tra monarchia e repubblica, è più democratico? Perché? Repubblica significa «cosa di tutti» perché chi governa è eletto dai cittadini. A Roma, i governanti erano eletti da tutti i cittadini o solo da alcuni? Da quali? Ricordando la data di fondazione di Roma, calcola e scrivi quale fu la durata della monarchia a Roma, prima dell istituzione della repubblica

10 Storia 5 - SCHEDA 10 Alunna/o... Classe... Data... La leggenda di Orazio Coclite 1. Leggi il testo che segue, poi svolgi le attività richieste. Cacciato da Roma, il re Tarquinio il Superbo chiese aiuto al sovrano etrusco Porsenna, affinché questi lo aiutasse a riprendere il potere. Porsenna mosse il suo esercito contro Roma ma, secondo la leggenda, le gesta eroiche di alcuni Romani lo convinsero a ritirare i suoi soldati. Tra gli eroi di Roma vi fu Orazio Coclite, un imponente guerriero che si oppose, da solo, all attacco dell esercito etrusco. Quando gli Etruschi attaccarono, Coclite era di guardia sul ponte Sublicio e vide che i soldati romani, colti di sorpresa, si davano alla fuga. Se gli Etruschi fossero riusciti ad attraversare il ponte, avrebbero certamente invaso la città. Orazio Coclite, allora, gridò ai suoi commilitoni di non fuggire e di affrettarsi a tagliare il ponte, per impedire il passaggio dei nemici. Poi, raggiunto l ingresso del ponte, sfidò i comandanti etruschi: «Servi di un tiranno! Avete rinunciato alla vostra libertà e ora volete toglierci la nostra! Venite avanti e morirete!». Gli Etruschi, sorpresi da tanto coraggio, indugiarono per alcuni preziosi istanti, poi scagliarono i loro giavellotti, ma Coclite riuscì a scansarli. Gli attaccanti, allora, si gettarono verso il ponte, ma chi lo raggiunse fu trafitto dalla spada dell eroe romano. Finalmente, alle spalle di Orazio, una parte del ponte fu abbattuta e l eroe, pur appesantito dalla corazza, si gettò nel Tevere. Roma era ormai salva e nuotando con vigore, tra una pioggia di giavellotti, Coclite raggiunse incolume la riva. Ricorda ciò che hai studiato e rispondi: perché Tarquinio il Superbo chiese aiuto proprio a un sovrano etrusco?... Secondo te, la leggenda di Orazio Coclite: riferisce esattamente i fatti accaduti. si basa su alcuni fatti accaduti, ma ne ingigantisce l importanza per esaltare il valore di Roma e dei suoi soldati. è frutto di pura fantasia ed è inventata solo per glorificare Roma e la crescita della sua potenza. Spiega brevemente il perché della tua risposta Rifletti sul seguente quesito. Roma diviene repubblica dopo aver cacciato un re di origine etrusca e allora è necessario che sia i Romani sia i loro nemici si convincano della sua invincibilità. La leggenda di Orazio Coclite serve a Roma per diffondere questa idea? Pensi che la leggenda abbia raggiunto il suo scopo?

11 Storia 5 - SCHEDA 11 Alunna/o... Classe... Data... La scuola nella Roma antica 1. Leggi il brano che segue e rispondi alle domande. A Roma le scuole si diffusero soprattutto a partire dal II secolo a.c., quando i Romani ebbero contatti più frequenti con la più avanzata civiltà greca. Per questo gli insegnanti erano, di solito, schiavi greci istruiti. I Romani più ricchi facevano istruire i figli in casa, da un loro schiavo; gli altri inviavano i figli in scuole private, spesso situate in misere stanzette. La scuola era a tempo pieno: gli alunni andavano a scuola dal mattino fino alle quattro del pomeriggio. L anno scolastico iniziava a marzo; ogni nove giorni c era un giorno di vacanza. Le vacanze estive duravano due mesi e mezzo, da luglio a metà ottobre. Le scuole elementari duravano cinque anni; gli alunni imparavano a leggere, a scrivere e a fare semplici calcoli. Con le elementari terminava la carriera scolastica della maggior parte dei ragazzi; solo poche famiglie, infatti, potevano permettersi di far frequentare ai figli le scuole medie e le superiori. (da H.G. Wells, La macchina del tempo, Mursia) 192 Quando cominciarono a diffondersi le scuole a Roma?... Chi erano gli insegnanti?... Quando iniziava l anno scolastico? Quanto duravano le vacanze estive?... Perché la maggior parte dei bambini romani smetteva di studiare dopo le elementari?

12 Storia 5 - SCHEDA 12 Alunna/o... Classe... Data... Roma conquista l Italia 1. Divenuta repubblica, Roma estese rapidamente il proprio dominio sulla Penisola italica e sul Mediterraneo. Leggi la carta che illustra, con la sua legenda, le tappe dell espansione romana in Italia e rispondi alle domande. In base a quando indicato da cartina e legenda, quali popoli abitavano le terre conquistate da Roma tra il 343 e il 290 a.c.?... I territori che i Romani conquistarono tra il 290 e il 275 a.c. comprendevano le colonie fondate in Italia da un popolo non italico: quale?... Ricordi come era chiamato l insieme delle colonie fondate nel Sud della Penisola italica da quel popolo?... MAR MEDITER Le isole Sicilia, Sardegna e Corsica furono conquistate da CARTAGINESI GRECI Reggio PROVINCIA DI SICILIA Roma strappandole alla sua grande rivale Cartagine. Trova Cartagine Siracusa questa città sulla carta ed evidenziala con un cerchio; sai dire in quale continente si trova? Ricordi da quale popolo di abili navigatori fu fondata? Il Nord della penisola fu conquistato dai Romani combattendo, tra gli altri, un popolo proveniente dai territori situati oltre le Alpi, nell Europa centrale. Di quale popolo si tratta? CELTI (GALLI) LIGURI MAR LIGURE CARTAGINESI CARTAGINESI Bologna VENETI Rimini Senigallia Ancona ETRUSCHI Sentinum (295) UMBRI Veio Roma LATINI SANNITI PROVINCIA DI CORSICA E SARDEGNA MAR RANEO Cuma Napoli TI RR Palermo ENO Domini di Roma verso la metà del IV secolo a.c. Territorio conquistato da Roma dal 343 al 290 a.c. Territorio conquistato da Roma dal 290 al 275 a.c. Territorio conquistato da Roma dal 275 al 219 a.c. Battaglie MAR ADR Benevento (275) Forche Caudine IATICO Taranto (321) Eraclea (280) Messina Turii Crotone GRECI Locri MAR IONIO 2. I Romani favorirono i loro successi militari e il loro sviluppo economico costruendo un importante rete stradale che copriva tutta la Penisola. Osserva la carta e rispondi alle domande. Le merci che giungevano al porto di Brindisi, quali vie potevano percorrere per raggiungere Roma? Quali, invece, per raggiungere Piacenza? Per Roma:... Per Piacenza:... Quali strade portavano più rapidamente da Aquileia a Genova, poi a Roma e infine a Reggio, in Calabria?... MA Genova MAR LIGURE R M Piacenza EDI Via Emilia M A R TER Bologna Via T I RAN Padova Via Postumia Via Cassia Aurelia Flaminia Via Roma R R EO Aquileia Rimini M A R A D R I A T Via Capua E Porto Ascolano Latina Aterno N O Via Traiana Via Appia Via Popilia Reggio I C O Bari Brindisi Taranto R MA IO N I O

13 Storia 5 - SCHEDA 13 Alunna/o... Classe... Data... Il matrimonio a Roma 1. Leggi il brano che segue, poi rispondi alle successive domande. A Roma, come in quasi tutte le civiltà antiche, raramente ci si sposava per amore. I matrimoni erano infatti concordati tra i padri dei futuri sposi. Le ragazze erano in età da marito già a 12 anni, i ragazzi potevano prendere moglie a 14 anni anche se non molti lo facevano così giovani. Il matrimonio era preceduto da una cerimonia di fidanzamento, nella quale i padri prendevano l impegno davanti a testimoni di unire i loro figli. Il ragazzo recava un dono, di solito un anello, alla ragazza. Per il matrimonio esistevano vari tipi di cerimonie. Quella più sontuosa e celebrata dalle famiglie patrizie si svolgeva nella casa della sposa. Questa indossava una tunica e un velo bianchi e calzari arancioni. Veniva celebrato un sacrificio e si esaminavano le viscere dell animale morto per ricavare auspici. Se questi erano favorevoli gli sposi ratificavano il contratto davanti a dieci testimoni che portavano dolci al sesamo, mentre una matrona univa le mani dei due sposi. La sposa pronunciava la seguente formula: Ubi tu Gaius, ego Gaia cioè: «Dove tu sei gaio, io sono gaia», e il matrimonio era suggellato. Dopo il banchetto nuziale l uomo accompagnava la sposa nella sua casa e giunti davanti alla soglia la prendeva in braccio per evitare che inciampasse, cosa che era considerata di cattivo auspicio per i Romani. A quanti anni potevano sposarsi le ragazze romane?... Quale dono riceveva la ragazza dal fidanzato?... Che cosa indossava la sposa il giorno del matrimonio?... Quale formula pronunciava la sposa? Che cosa significa?... Perché lo sposo, dopo il matrimonio, prendeva in braccio la sposa prima di entrare in casa? Matrimonio romano 194

14 Storia 5 - SCHEDA 14 Alunna/o... Classe... Data... L abbigliamento a Roma 1. Leggi il seguente testo, poi rispondi alle domande. Nell antica Roma l abbigliamento era molto semplice. Gli uomini indossavano una veste di lana a maniche corte: la tunica. Sopra la tunica portavano la toga, un mantello bianco, avvolto intorno a un braccio in modo da lasciare libero l altro. Gli schiavi portavano solo la tunica e chi svolgeva lavori manuali utilizzava la toga solo nelle occasioni importanti. La toga praetexta aveva una striscia viola ed era indossata dai magistrati e dai ragazzi fino ai anni. Secondo l età e la classe sociale s indossavano diversi tipi di toghe. La toga picta, rossa e ricamata in oro, era usata dagli imperatori e da valorosi generali durante le sfilate trionfali; quella candida da chi lavorava negli uffici pubblici. Ai funerali s indossava la toga pulla, fatta di lana nera. Le donne vestivano una tunica composta da due pezzi, che davanti arrivava sotto le ginocchia e dietro ai polpacci. Sopra la tunica portavano la stola, una veste lunga a maniche corte o senza maniche fissata da una cintura. Tutti i Romani indossavano la toga? Chi non la portava mai?... Quali erano i diversi tipi di toghe? Da chi erano indossate?... Come vestivano le donne?... Come vestivano i ragazzi della tua età?

15 Storia 5 - SCHEDA 15 Alunna/o... Classe... Data... Un avamposto dell impero 1. Leggi il brano che segue, poi rispondi alle domande, sul quaderno o sul retro della scheda. Vindolanda era un posto di frontiera romano, edificato vicino al vallum, un muro difensivo voluto dall imperatore Adriano nel nord dell Inghilterra, per proteggere l Impero da eventuali invasioni. L edificio più grande del vilaggio era una locanda dotata di stanze, latrine, cucina, sala da pranzo, caldaie, bagno, birreria, dormitori per gli schiavi e stalle. Vi erano poi alcune abitazioni per le famiglie dei militari sposati, attrezzate per cucinare, ma di solito si cucinava all esterno, in apposite verande. I resti trovati nelle tombe della necropoli testimoniano che l età media della comunità era piuttosto bassa: 36 anni per gli uomini e 28 per le donne e la mortalità infantile era elevata, a causa soprattutto della durezza del clima. Agli abitanti di questo desolato avamposto mancavano le raffinatezze conosciute nelle città dell Impero, ma essi godevano, tuttavia, della maggior parte delle comodità abituali per un cittadino romano. C erano porte con serrature, finestre con inferriate, pozzi e riserve d acqua. Il bestiame forniva quasi tutto il necessario per vivere a Vindolanda. Dagli animali dipendevano trasporti, cibo (come latte, formaggi), agricoltura, divertimenti e vestiario. Gli animali fornivano il grasso per le candele, le ossa per manici di coltelli e per pettini, spilloni, aghi, punte, dadi e pezzi da gioco. Il cuoio serviva per cinture, borse, elmetti, finimenti, tende, armature e calzature; dalla lana si ricavavano tessuti. I cereali arrivavano dal Sud dell Inghilterra; un alimento molto comune erano le nocciole, raccolte dai boschi circostanti, e i gambi di cavolo coltivati sul posto malgrado il clima ostile. Adattamento da: Giovanni Caselli, L impero romano e il medio evo, Editrice Piccoli I resti del Vallo di Adriano Dove sorgeva Vindolanda? Perché l età media della comunità era molto bassa e il tasso di mortalità infantile elevato? Perché il bestiame era importante? Di che cosa si cibavano gli abitanti? 196

16 Storia 5 - SCHEDA 16 Alunna/o... Classe... Data... Cristianesimo e Impero romano 1. Leggi il brano che segue, in cui Teofilo, uno dei primi cristiani di Alessandria d Egitto, spiega il motivo del contrasto tra cristianesimo e Impero; poi, ricordando ciò che hai studiato, indica se le frasi sono vere (V) o false (F). «Io onorerò l imperatore ma non lo adorerò e, in ogni modo, pregherò per lui. Io adoro soltanto l unico e vero Dio, che ha creato anche l imperatore. L imperatore deve essere onorato ma non adorato perché non è Dio, ma un uomo che Dio ha collocato in quella posizione non perché sia adorato, ma perché eserciti la giustizia sulla Terra». Per i Romani l imperatore era un dio e doveva essere adorato come gli altri dèi. V F l I cristiani riconoscevano la natura divina dell imperatore. V F I cristiani si riunivano tra loro per pregare e per ricordare gli insegnamenti di Cristo, per questo i Romani pensavano che volessero complottare contro lo stato. V F Tuttavia, i Romani non perseguitarono mai i cristiani. V F 2. Spiega sul retro della scheda o sul quaderno il motivo per cui i cristiani non riconoscevano l imperatore come un dio. Catacombe del III-IV sec. d.c. circa. 197

17 Storia 5 - SCHEDA 17 Alunna/o... Classe... Data... Il calendario romano 1. Leggi il seguente testo, poi rispondi alle domande sui utilizzando il retro della sheda. Il primo mitico re romano, Romolo, stabilì che l anno avesse 10 mesi, poi Numa Pompilio portò l anno a 12 mesi per farlo coincidere con l anno solare. Nel 46 a.c. Giulio Cesare riformò il calendario su base solare. L anno venne così fissato in 365 giorni e furono introdotti gli anni bisestili con cadenza quadriennale. Questo calendario è alla base di quello che usiamo ancora oggi. Gli anni erano contati a partire dalla fondazione di Roma (753 a.c.) e l inizio dell anno era fissato a marzo, ma fu portato a gennaio nel 153 a.c. Nel IV sec. d.c., l imperatore Costantino introdusse la settimana della durata di 7 giorni. Le festività erano proclamate al popolo dai sacerdoti: i Romani avevano 45 giorni di ferie pubbliche e 22 giorni di festività singole. Inoltre avevano 12 giorni di ludi (giochi) singoli e 103 di ludi raggruppati su più giorni. Quindi, complessivamente, anche se alcune feste non erano rigidamente osservate, a Roma circa la metà dell anno non era lavorativa. Chi stabilì che il calendario avesse 12 mesi? Chi fissò l anno in 365 giorni? Costantino... Chi introdusse la settimana? In tutto quanti giorni di festa c erano nella Roma antica? Giulio Cesare

18 Storia 5 - SCHEDA 18 Alunna/o... Classe... Data... Le invasioni barbariche 1. Osserva la cartina: colora di verde l Impero romano d Occidente e di giallo l Impero romano d Oriente; quindi rispondi alle domande. Qual era la capitale dell Impero romano d Occidente? E di quello d Oriente? Con quale altro nome è conosciuto l Impero romano d Oriente? Da che cosa deriva questa denominazione? Quale imperatore divise l impero in due parti?... Perché?. Quale fu la causa principale che determinò la fine dell Impero romano d Occidente? 2. Indica con R le frasi che si riferiscono ai Romani, con G le frasi che si riferiscono ai Germani. Abitavano la domus e le insulae. Vivevano in capanne di legno. Si dedicavano all agricoltura. Praticavano la caccia e l allevamento. Non conoscevano la scrittura. Conoscevano la scrittura. Erano valorosi guerrieri. Costruivano grandi opere pubbliche. 3. Indica se le affermazioni sono vere (V) o false (F), poi, sul retro della scheda, riscrivi quelle false in modo che risultino vere. Dopo le invasioni barbariche la popolazione europea aumentò. Alcune parole italiane derivano da vocaboli delle lingue parlate dagli antichi popoli germanici. L Impero romano d Oriente fu anch esso occupato dai Germani. Spaventati dai saccheggi, i contadini si rifugiarono nelle città. Dopo la caduta di Roma in Europa si formarono i regni dei bizantini. V V V V V F F F F F 199

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La vita quotidiana ad Atene

La vita quotidiana ad Atene laboratorio 8 Claudia Vinassa La vita quotidiana ad Atene Prerequisiti conoscere la storia di Atene nel v secolo sapere come era strutturata la famiglia in Grecia e qual era la condizione della donna collocare

Dettagli

Come si fa una ricerca scolastica

Come si fa una ricerca scolastica Come si fa una ricerca scolastica nell'epoca di Internet Per prima cosa......occorre individuare con chiarezza l'argomento della ricerca Poi......dobbiamo cercare il materiale Libri (Enciclopedie o altri)

Dettagli