Erodoto, il primo storico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Erodoto, il primo storico"

Transcript

1 Storia 5 - SCHEDA 1 Alunna/o... Classe... Data... Erodoto, il primo storico 1. La figura dello storico nacque in Grecia con Erodoto, vissuto tra il V e il IV secolo a.c.. I suoi scritti sono per noi una fonte molto importante. Leggi il testo che segue, poi rispondi alle domande. PER RICORDARE All inizio della sua opera, che intitolò Storie, Erodoto scrisse: «Questa è l esposizione che Erodoto fa delle sue ricerche, affinché gli avvenimenti umani non siano dimenticati e le grandi e meravigliose imprese compiute dai Greci e dagli altri popoli non restino senza gloria.» Nelle sue Storie Erodoto non descrisse un solo popolo o un particolare periodo storico, ma fece il resoconto dei suoi viaggi in molti luoghi del mondo antico. Egli, infatti, visitò tutte le grandi civiltà del tempo e non si limitò a raccontare le guerre tra i popoli e gli eventi più importanti, ma descrisse i paesaggi e le caratteristiche geografiche dei territori visitati, soffermandosi sulle usanze delle genti che vi abitavano. Erodoto era molto interessato dalla cultura e dalle credenze religiose dei popoli e i suoi scritti ci offrono tantissime notizie sulla storia antica. Erodoto si dichiarò sempre molto orgoglioso di essere un cittadino greco, ma ebbe un grande rispetto per le altre genti e per le loro civiltà. Dove e in quale periodo visse Erodoto?... Come si intitola la sua opera?... Come raccolsle le informazioni alla base dei suoi resoconti? Ascoltò i racconti di altri. Elaborò con la sua fantasia le notizie ricevute. Compì ricerche nel corso dei suoi viaggi. Erodoto afferma di voler esporre le sue ricerche perché: gli hanno chiesto di farlo. ha scoperto cose molto importanti. non siano dimenticati i fatti della storia umana. Erodoto si interessò solo del mondo greco? Sì No Nelle sue Storie Erodoto racconta: solo le guerre tra popoli. le guerre e i principali fatti politici. le caratteristiche delle varie civiltà che ha conosciuto. Che cosa prova per le civiltà diverse da quella greca? (Segna più di una risposta). Indifferenza Interesse Rispetto Disprezzo Curiosità Insofferenza 182

2 Storia 5 - SCHEDA 2 Alunna/o... Classe... Data... L Italia preromana 1. Quali popoli abitavano la Penisola italica prima del dominio di Roma? Nell elenco che segue ne trovi alcuni, confusi tra altri che mai abitarono la Penisola. Riconosci e colora solo i nomi dei popoli italici. Assiri Sumeri Piceni Veneti Hittiti Umbri Siculi Babilonesi Egizi Celti Liguri Etruschi Micenei Sanniti Sardi Achei Iapìgi Latini Bruzi 2. Osserva le fonti storiche illustrate e collega ognuna di esse con il quadretto posto nella zona dell Italia in cui visse il popolo che ne fu autore. CELTI Golasecca Po CAMUNI Palafitte SANNITI MAR LIGURE M A R ETRUSCHI PICENI A D R I A UMBRI Tevere SARDI LATINI SABINI APULI T I C O M A R LUCANI MESSAPI T I R VENETI R E N O BRUZI IO ION MAR MED ITER ELIMI RAN EO SICANI ITALI MAR LIGURI SICULI 3. Osserva le fonti illustrate nell esercizio 2 e rispondi: in base all analisi delle fonti, sai dire quali materiali sapevano lavorare i popoli italici?

3 Storia 5 - SCHEDA 3 Alunna/o... Classe... Data... I nuraghi: giganti millenari 1. Leggi il testo che segue, poi rispondi alle domande e svolgi le attività richieste. Il nome nuraghe deriva da nurra, che nel dialetto di Nuoro significa «mucchio», oppure «cavità». Visti da lontano, in effetti, i nuraghi sembrano grandi mucchi di pietre, mentre avvicinandosi ad essi ci si accorge che tra i muri di pietra si nascondono ampie cavità. Esistono due tipi di nuraghe: quelli a corridoio, costruiti con grossi massi non lavorati, che raggiungono i 10 metri di altezza e quelli a torre tronco-conica, che sono alti anche 20 metri. Qualche studioso ritiene che i nuraghi più primitivi, risalenti al III millennio a.c., fossero usati come sepolcri; l opinione più diffusa, però, è che i nuraghi fossero fortezze, nelle quali le popolazioni di pastori e agricoltori, con i loro animali e raccolti, trovavano rifugio in caso di attacco nemico. Nel corso dei secoli, poi, le torri a tronco di cono si moltiplicarono e, unite tra loro, assunsero forme simili a quella di un castello; attorno ad esse furono costruite cinte di mura, che proteggevano i villaggi di capanne dai tentativi di conquista straniera. Le miniere di rame e la posizione geografica della Sardegna in cui sorsero i nuraghi, al centro del Mediterraneo occidentale, attrassero infatti altri popoli, primi tra tutti i Fenici e i loro discendenti Cartaginesi. - Quale antico popolo costruì i nuraghi?... - Quale isola del Mediterraneo occidentale fu abitata da quel popolo?... - Ricordi se Fenici e Cartaginesi riuscirono a colonizzare almeno in parte quell isola? Se sì, ricordi il nome di almeno una città da essi fondata? - Sottolinea nel testo: in rosso gli antichi significati della parola nurra, da cui deriva il nome nuraghe; in verde quale fu, secondo l opinione più diffusa, la funzione dei nuraghi; in blu i motivi che indussero diversi altri popoli a tentare la conquista dell isola in cui si trovano i nuraghi. 184

4 Storia 5 - SCHEDA 4 Alunna/o... Classe... Data... LA CIVILTÀ ETRUSCA 1. Osserva la carta e colora allo stesso modo la legenda e l area in cui si sviluppò la civiltà etrusca. 2. Rileggi, sul tuo sussidiario, le pagine che parlano degli Etruschi, poi, per ciascuna delle frasi seguenti, scegli con X il completamento esatto. Cuma Melfi La civiltà etrusca si sviluppò in un area compresa tra: Napoli Paestum SARDI Calabria, Puglia e Campania. Toscana, Umbria e Lazio. Palermo Messina Mozia Il territorio abitato dagli Etruschi era: Reggio ELIMI Naxos SICANI Agrigento Catania ricco di minerali, ma poco adatto all agricoltura e al Cartagine Siracusa commercio marittimo. ricco di minerali e di terreni fertili e molto adatto al commercio via mare. La società etrusca era organizzata in: città-stato, governate da re, detti lucumoni, sostenuti dai nobili e dai sacerdoti. un unico stato governato da un re eletto dai nobili. I sacerdoti etruschi: erano detti druidi e per capire il volere degli dèi osservavano le stelle. erano detti arùspici e interpretavano la volontà degli dèi con la divinazione, osservando il volo degli uccelli e le viscere degli animali. La civiltà etrusca: ebbe frequenti rapporti con Roma e contribuì alla crescita della civiltà romana, dalla quale fu assorbita. ebbe con Roma solo conflitti, che portarono alla totale distruzione degli Etruschi. 3. Colora i riquadri con i nomi degli elementi che possono essere riferiti alla civiltà etrusca, poi collega ognuno dei nomi colorati al suo significato. Nuraghi Piramidi Porpora Necropoli Volta ad arco Bucchero Forni a doppia camera Filigrana e granulazione Palafitte CELTI Ceramica pregiata il cui aspetto imita il metallo. Forni per fondere i minerali metallici, soprattutto ferrosi, capaci di raggiungere alte temperature. Tecniche di oreficeria che usano l oro ridotto in fili sottili e minuscole sfere. Tipo di costruzione che permetteva di ottenere aperture curve, ampie e stabili. Vasti insiemi di sepolture, radunate a formare vere «città dei morti». REZI Mantova VENETI Adria LIGURI Spina Genova Bologna MAR Ancona LIGURE PICENI Populonia Arezzo Perugia UMBRI Vulci Orvieto Tarquinia SABINI Roma EQUI LATINI VOLSCI SANNITI MAR MEDI M A R T I TERRA R R E N NEO M A R O A D R I A SICULI IAPIGI LUCANI T I C O Siponto ITALI ETRUSCHI BRUZI MESSAPI Taranto Sibari Locri Crotone MAR IONIO 185

5 Storia 5 - SCHEDA 5 Alunna/o... Classe... Data... I misteri della lingua etrusca 1. Leggi con attenzione in testo che segue, poi svolgi le attività richieste. La lingua degli Etruschi, come la loro origine, conserva ancora molti aspetti misteriosi. Per esempio: tutte le lingue parlate in Europa sono di origine indoeuropea, derivano cioè dalla lingua parlata nell antichità dai popoli che abitavano le regioni centro-orientali del continente eurasiatico; l etrusco invece, è stato accertato, non è una lingua di origine indoeuropea. Sono state ritrovate alcune migliaia di iscrizioni etrusche, dipinte o incise su metallo, terracotta o roccia, ma si tratta di scritti troppo brevi per consentire studi approfonditi sulla lingua. Le iscrizioni più lunghe, invece, sono solo una decina, tra cui quella sull abito dell Arringatore, una statua di bronzo conservata a Firenze, quella incisa sul modello di fegato di animale in bronzo ritrovato a Piacenza e quelle sulle dodici bende che rivestivano una mummia ritrovata ad Alessandria d Egitto e ora conservata nel museo di Zagabria, in Croazia. Si è scoperto che gli Etruschi, dopo aver appreso l alfabeto in Campania, presso le colonie greche fondate dai Calcidesi sulla costa tirrenica, trasmisero l uso della scrittura a molte popolazioni dell Italia antica. A partire dal VI secolo a.c., infatti, tutte le culture del Nord Italia adattarono alle loro lingue l alfabeto trasmesso loro dagli Etruschi. Modello di fegato in bronzo per la divinazione. Il brano parla di un «modello di fegato di animale in bronzo» con incise alcune iscrizioni (lo vedi nella fotografia a lato). Ricorda le usanze religiose degli Etruschi e rispondi: nella società etrusca, chi avrebbe potuto servirsi di questo modello? Per farne quale uso? Sottolinea nel testo: in rosso, il brano che parla delle più importanti fonti scritte in lingua etrusca; in nero, le frasi che spiegano perché non è stato possibile approfondire la conoscenza della lingua etrusca. Rispondi. La lingua etrusca ha origini indoeuropee come le altre lingue d Europa? Sì No Da chi appresero, gli Etruschi, l uso dell alfabeto?... Chi, grazie agli Etruschi, poté conoscere l uso della scrittura?... Da dove provenivano i coloni calcidesi che trasmisero agli Etruschi l uso dell alfabeto? Ricordi il nome dato all area situata nel Sud della Penisola italica, che ospitava le ricche colonie greche? 186

6 Storia 5 - SCHEDA 6 Alunna/o... Classe... Data... La tomba a tumulo degli Etruschi 1. Un tipo particolare di tomba etrusca è quella a tumulo, che vedi ricostruita nel disegno qui sotto. Leggi le didascalie e collegale al disegno inserendo i numeri nei quadretti. 1. La camera funeraria, in cui venivano posti i resti del defunto, era circolare e delimitata da una serie di lastre di roccia. 2. La cupola costituiva la volta della camera funeraria ed era ottenuta facendo sporgere progressivamente all interno i vari anelli dei blocchi di pietra. 3. Un pilastro di pietra sorreggeva la lastra che chiudeva la cupola. 4. Il dromos era un corridoio coperto attraverso il quale si accedeva alla tomba. 5. La collina artificiale che copriva la tomba, e che prende il nome di tumulo, poteva arrivare a un diametro di 30 metri. Ricordi quale altra antica popolazione vissuta nella penisola greca costruì tombe a tumulo? Indicane il nome, la città principale e, se lo ricordi, il periodo in cui si sviluppò la sua civiltà. 187

7 Storia 5 - SCHEDA 7 Alunna/o... Classe... Data... L abbigliamento etrusco 1. Leggi il brano che segue, poi compila la successiva tabella. In età arcaica gli uomini etruschi andavano in giro a torso nudo, in seguito si diffuse l uso di indossare una tunica corta o un giubbetto, con un mantello colorato gettato sulle le spalle. Il mantello, più ampio e ricamato, divenne poi la veste nazionale degli Etruschi: la tèbennos. Le donne e gli anziani usavano una tunica lunga fino ai piedi. La tunica era solitamente di stoffa leggera pieghettata o decorata ai bordi; sopra di essa portavano un manto colorato più pesante. Tra l abbigliamento femminile troviamo anche gonne, casacche e corpetti. Le calzature più comuni erano sandali, stivaletti alti e una caratteristica scarpa, di origine greco-orientale, con la parte anteriore a punta e rivolta verso l alto. Il copricapo più diffuso era una calotta di lana, ma ne esistevano di molte fogge: a punta, conici, a cappuccio, a falde larghe. A partire dal V secolo a.c. prevalse l uso di andare a capo scoperto e gli uomini, che prima usavano portare la barba, incominciarono a radersi il volto e a tenere i capelli corti. Le donne ricorrevano alle più svariate acconciature con capelli lunghi, pioventi, a coda, annodati o intrecciati dietro le spalle, lasciati cadere a boccoli sulle spalle o annodati a corona sul capo e raccolti in reticelle o cuffie. L abbigliamento era completato da gioielli preziosi: orecchini, collane, bracciali, fibule e pettorali, nella cui produzione gli Etruschi erano maestri. abiti calzature e copricapo barbe, capelli, gioielli uomini donne 188

8 Storia 5 - SCHEDA 8 Alunna/o... Classe... Data... Le origini di Roma 1. Rispondi alle domande seguenti. La fondazione di Roma risale, secondo la tradizione, al 753 a.c. Chi ne fu il fondatore, secondo la leggenda?... Gli storici, invece, ritengono che il primo nucleo di Roma sia nato dall unione di alcuni villaggi costruiti in riva al Tevere. A quali popoli appartenevano? Su quale colle sorse il primo nucleo di Roma?... Nei primi due secoli della sua storia Roma fu governata da una monarchia: che cosa significa? 2. Il luogo in cui Roma fu fondata rendeva la città ben difendibile e le permetteva di prosperare grazie al controllo degli scambi commerciali. Metti in ordine (con numeri da 1 a 8) le frasi che spiegano perché (l esercizio è avviato). 1 6 Roma era ben difendibile perché In quel punto del Tevere, inoltre, giungevano le navi mercantili che risalivano il fiume dal mare sorgeva in cima a un colle. La città poteva controllare gli scambi perché Infine, Roma era vicina al mare, di cui poteva servirsi per i suoi traffici commerciali. era situata vicino a un punto attraversabile del Tevere, presso l isola Tiberina, quindi, e le navi, più piccole, che trasportavano le merci provenienti dall interno. per attraversare il fiume, le carovane con le merci dovevano passare in quel luogo. 3. Come ricorderai, la nascita e lo sviluppo di Roma si intrecciano strettamente con le vicende del popolo etrusco. Osserva la linea del tempo e rispondi alle domande. IX VI sec. a.c. 753 a.c. VI sec. a.c. 474 a.c. IV sec. a.c. III sec. a.c. ETRUSCHI Sviluppo della civiltà etrusca. Prima espansione Fondazione di Roma Seconda espansione etrusca Inizia il declino etrusco Invasione dei Celti Conquista romana Quando Roma fu fondata, la civiltà etrusca era in espansione o in declino? Etruschi e Romani ebbero periodi di espansione contemporanea? Sì No Quando iniziò il declino etrusco, Roma continuava la sua espansione? Sì No In quale periodo l espansione romana causò la caduta della civiltà etrusca? 189

9 Storia 5 - SCHEDA 9 Alunna/o... Classe... Data... Roma, dalla monarchia alla repubblica 1. Leggi il testo che segue, poi rispondi alle successive domande. Nel 509 a.c. i patrizi e il popolo di Roma si ribellarono alla monarchia di Tarquinio il Superbo, ultimo re di origini etrusche. I racconti della tradizione narrano che Sesto, il figlio di Tarquinio, offese gravemente la nobildonna Lucrezia, moglie di un importante patrizio romano. Questo fatto fu la scintilla che provocò la rivolta contro Tarquinio, ritenuto un re dispotico e crudele, ma non fu la sola causa della ribellione. I patrizi di Roma, infatti, mal sopportavano la monarchia dei re di origine etrusca, che governavano senza favorire i loro interessi, e presero questo fatto come pretesto per cacciare il re e proclamare la repubblica. Con la repubblica, il senato formato dai patrizi assunse maggiori poteri, primo tra tutti quello di eleggere i due senatori che avrebbero governato lo stato, guidato l esercito in caso di guerra, amministrato le ricchezze di Roma con l aiuto dei censori e la giustizia con l aiuto dei pretori. Sottolinea nel testo le parti che spiegano quale fatto diede origine alla rivolta contro Tarquinio il Superbo. Questo avvenimento fu l unico vero motivo della ribellione? Sì No Quale altro motivo indusse i patrizi a deporre il re etrusco?... A chi era affidato il governo della repubblica?... Chi eleggeva questi personaggi?... Chi aiutava i due governanti ad amministrare le ricchezze di Roma e la giustizia? Sai dire quale sistema di governo, tra monarchia e repubblica, è più democratico? Perché? Repubblica significa «cosa di tutti» perché chi governa è eletto dai cittadini. A Roma, i governanti erano eletti da tutti i cittadini o solo da alcuni? Da quali? Ricordando la data di fondazione di Roma, calcola e scrivi quale fu la durata della monarchia a Roma, prima dell istituzione della repubblica

10 Storia 5 - SCHEDA 10 Alunna/o... Classe... Data... La leggenda di Orazio Coclite 1. Leggi il testo che segue, poi svolgi le attività richieste. Cacciato da Roma, il re Tarquinio il Superbo chiese aiuto al sovrano etrusco Porsenna, affinché questi lo aiutasse a riprendere il potere. Porsenna mosse il suo esercito contro Roma ma, secondo la leggenda, le gesta eroiche di alcuni Romani lo convinsero a ritirare i suoi soldati. Tra gli eroi di Roma vi fu Orazio Coclite, un imponente guerriero che si oppose, da solo, all attacco dell esercito etrusco. Quando gli Etruschi attaccarono, Coclite era di guardia sul ponte Sublicio e vide che i soldati romani, colti di sorpresa, si davano alla fuga. Se gli Etruschi fossero riusciti ad attraversare il ponte, avrebbero certamente invaso la città. Orazio Coclite, allora, gridò ai suoi commilitoni di non fuggire e di affrettarsi a tagliare il ponte, per impedire il passaggio dei nemici. Poi, raggiunto l ingresso del ponte, sfidò i comandanti etruschi: «Servi di un tiranno! Avete rinunciato alla vostra libertà e ora volete toglierci la nostra! Venite avanti e morirete!». Gli Etruschi, sorpresi da tanto coraggio, indugiarono per alcuni preziosi istanti, poi scagliarono i loro giavellotti, ma Coclite riuscì a scansarli. Gli attaccanti, allora, si gettarono verso il ponte, ma chi lo raggiunse fu trafitto dalla spada dell eroe romano. Finalmente, alle spalle di Orazio, una parte del ponte fu abbattuta e l eroe, pur appesantito dalla corazza, si gettò nel Tevere. Roma era ormai salva e nuotando con vigore, tra una pioggia di giavellotti, Coclite raggiunse incolume la riva. Ricorda ciò che hai studiato e rispondi: perché Tarquinio il Superbo chiese aiuto proprio a un sovrano etrusco?... Secondo te, la leggenda di Orazio Coclite: riferisce esattamente i fatti accaduti. si basa su alcuni fatti accaduti, ma ne ingigantisce l importanza per esaltare il valore di Roma e dei suoi soldati. è frutto di pura fantasia ed è inventata solo per glorificare Roma e la crescita della sua potenza. Spiega brevemente il perché della tua risposta Rifletti sul seguente quesito. Roma diviene repubblica dopo aver cacciato un re di origine etrusca e allora è necessario che sia i Romani sia i loro nemici si convincano della sua invincibilità. La leggenda di Orazio Coclite serve a Roma per diffondere questa idea? Pensi che la leggenda abbia raggiunto il suo scopo?

11 Storia 5 - SCHEDA 11 Alunna/o... Classe... Data... La scuola nella Roma antica 1. Leggi il brano che segue e rispondi alle domande. A Roma le scuole si diffusero soprattutto a partire dal II secolo a.c., quando i Romani ebbero contatti più frequenti con la più avanzata civiltà greca. Per questo gli insegnanti erano, di solito, schiavi greci istruiti. I Romani più ricchi facevano istruire i figli in casa, da un loro schiavo; gli altri inviavano i figli in scuole private, spesso situate in misere stanzette. La scuola era a tempo pieno: gli alunni andavano a scuola dal mattino fino alle quattro del pomeriggio. L anno scolastico iniziava a marzo; ogni nove giorni c era un giorno di vacanza. Le vacanze estive duravano due mesi e mezzo, da luglio a metà ottobre. Le scuole elementari duravano cinque anni; gli alunni imparavano a leggere, a scrivere e a fare semplici calcoli. Con le elementari terminava la carriera scolastica della maggior parte dei ragazzi; solo poche famiglie, infatti, potevano permettersi di far frequentare ai figli le scuole medie e le superiori. (da H.G. Wells, La macchina del tempo, Mursia) 192 Quando cominciarono a diffondersi le scuole a Roma?... Chi erano gli insegnanti?... Quando iniziava l anno scolastico? Quanto duravano le vacanze estive?... Perché la maggior parte dei bambini romani smetteva di studiare dopo le elementari?

12 Storia 5 - SCHEDA 12 Alunna/o... Classe... Data... Roma conquista l Italia 1. Divenuta repubblica, Roma estese rapidamente il proprio dominio sulla Penisola italica e sul Mediterraneo. Leggi la carta che illustra, con la sua legenda, le tappe dell espansione romana in Italia e rispondi alle domande. In base a quando indicato da cartina e legenda, quali popoli abitavano le terre conquistate da Roma tra il 343 e il 290 a.c.?... I territori che i Romani conquistarono tra il 290 e il 275 a.c. comprendevano le colonie fondate in Italia da un popolo non italico: quale?... Ricordi come era chiamato l insieme delle colonie fondate nel Sud della Penisola italica da quel popolo?... MAR MEDITER Le isole Sicilia, Sardegna e Corsica furono conquistate da CARTAGINESI GRECI Reggio PROVINCIA DI SICILIA Roma strappandole alla sua grande rivale Cartagine. Trova Cartagine Siracusa questa città sulla carta ed evidenziala con un cerchio; sai dire in quale continente si trova? Ricordi da quale popolo di abili navigatori fu fondata? Il Nord della penisola fu conquistato dai Romani combattendo, tra gli altri, un popolo proveniente dai territori situati oltre le Alpi, nell Europa centrale. Di quale popolo si tratta? CELTI (GALLI) LIGURI MAR LIGURE CARTAGINESI CARTAGINESI Bologna VENETI Rimini Senigallia Ancona ETRUSCHI Sentinum (295) UMBRI Veio Roma LATINI SANNITI PROVINCIA DI CORSICA E SARDEGNA MAR RANEO Cuma Napoli TI RR Palermo ENO Domini di Roma verso la metà del IV secolo a.c. Territorio conquistato da Roma dal 343 al 290 a.c. Territorio conquistato da Roma dal 290 al 275 a.c. Territorio conquistato da Roma dal 275 al 219 a.c. Battaglie MAR ADR Benevento (275) Forche Caudine IATICO Taranto (321) Eraclea (280) Messina Turii Crotone GRECI Locri MAR IONIO 2. I Romani favorirono i loro successi militari e il loro sviluppo economico costruendo un importante rete stradale che copriva tutta la Penisola. Osserva la carta e rispondi alle domande. Le merci che giungevano al porto di Brindisi, quali vie potevano percorrere per raggiungere Roma? Quali, invece, per raggiungere Piacenza? Per Roma:... Per Piacenza:... Quali strade portavano più rapidamente da Aquileia a Genova, poi a Roma e infine a Reggio, in Calabria?... MA Genova MAR LIGURE R M Piacenza EDI Via Emilia M A R TER Bologna Via T I RAN Padova Via Postumia Via Cassia Aurelia Flaminia Via Roma R R EO Aquileia Rimini M A R A D R I A T Via Capua E Porto Ascolano Latina Aterno N O Via Traiana Via Appia Via Popilia Reggio I C O Bari Brindisi Taranto R MA IO N I O

13 Storia 5 - SCHEDA 13 Alunna/o... Classe... Data... Il matrimonio a Roma 1. Leggi il brano che segue, poi rispondi alle successive domande. A Roma, come in quasi tutte le civiltà antiche, raramente ci si sposava per amore. I matrimoni erano infatti concordati tra i padri dei futuri sposi. Le ragazze erano in età da marito già a 12 anni, i ragazzi potevano prendere moglie a 14 anni anche se non molti lo facevano così giovani. Il matrimonio era preceduto da una cerimonia di fidanzamento, nella quale i padri prendevano l impegno davanti a testimoni di unire i loro figli. Il ragazzo recava un dono, di solito un anello, alla ragazza. Per il matrimonio esistevano vari tipi di cerimonie. Quella più sontuosa e celebrata dalle famiglie patrizie si svolgeva nella casa della sposa. Questa indossava una tunica e un velo bianchi e calzari arancioni. Veniva celebrato un sacrificio e si esaminavano le viscere dell animale morto per ricavare auspici. Se questi erano favorevoli gli sposi ratificavano il contratto davanti a dieci testimoni che portavano dolci al sesamo, mentre una matrona univa le mani dei due sposi. La sposa pronunciava la seguente formula: Ubi tu Gaius, ego Gaia cioè: «Dove tu sei gaio, io sono gaia», e il matrimonio era suggellato. Dopo il banchetto nuziale l uomo accompagnava la sposa nella sua casa e giunti davanti alla soglia la prendeva in braccio per evitare che inciampasse, cosa che era considerata di cattivo auspicio per i Romani. A quanti anni potevano sposarsi le ragazze romane?... Quale dono riceveva la ragazza dal fidanzato?... Che cosa indossava la sposa il giorno del matrimonio?... Quale formula pronunciava la sposa? Che cosa significa?... Perché lo sposo, dopo il matrimonio, prendeva in braccio la sposa prima di entrare in casa? Matrimonio romano 194

14 Storia 5 - SCHEDA 14 Alunna/o... Classe... Data... L abbigliamento a Roma 1. Leggi il seguente testo, poi rispondi alle domande. Nell antica Roma l abbigliamento era molto semplice. Gli uomini indossavano una veste di lana a maniche corte: la tunica. Sopra la tunica portavano la toga, un mantello bianco, avvolto intorno a un braccio in modo da lasciare libero l altro. Gli schiavi portavano solo la tunica e chi svolgeva lavori manuali utilizzava la toga solo nelle occasioni importanti. La toga praetexta aveva una striscia viola ed era indossata dai magistrati e dai ragazzi fino ai anni. Secondo l età e la classe sociale s indossavano diversi tipi di toghe. La toga picta, rossa e ricamata in oro, era usata dagli imperatori e da valorosi generali durante le sfilate trionfali; quella candida da chi lavorava negli uffici pubblici. Ai funerali s indossava la toga pulla, fatta di lana nera. Le donne vestivano una tunica composta da due pezzi, che davanti arrivava sotto le ginocchia e dietro ai polpacci. Sopra la tunica portavano la stola, una veste lunga a maniche corte o senza maniche fissata da una cintura. Tutti i Romani indossavano la toga? Chi non la portava mai?... Quali erano i diversi tipi di toghe? Da chi erano indossate?... Come vestivano le donne?... Come vestivano i ragazzi della tua età?

15 Storia 5 - SCHEDA 15 Alunna/o... Classe... Data... Un avamposto dell impero 1. Leggi il brano che segue, poi rispondi alle domande, sul quaderno o sul retro della scheda. Vindolanda era un posto di frontiera romano, edificato vicino al vallum, un muro difensivo voluto dall imperatore Adriano nel nord dell Inghilterra, per proteggere l Impero da eventuali invasioni. L edificio più grande del vilaggio era una locanda dotata di stanze, latrine, cucina, sala da pranzo, caldaie, bagno, birreria, dormitori per gli schiavi e stalle. Vi erano poi alcune abitazioni per le famiglie dei militari sposati, attrezzate per cucinare, ma di solito si cucinava all esterno, in apposite verande. I resti trovati nelle tombe della necropoli testimoniano che l età media della comunità era piuttosto bassa: 36 anni per gli uomini e 28 per le donne e la mortalità infantile era elevata, a causa soprattutto della durezza del clima. Agli abitanti di questo desolato avamposto mancavano le raffinatezze conosciute nelle città dell Impero, ma essi godevano, tuttavia, della maggior parte delle comodità abituali per un cittadino romano. C erano porte con serrature, finestre con inferriate, pozzi e riserve d acqua. Il bestiame forniva quasi tutto il necessario per vivere a Vindolanda. Dagli animali dipendevano trasporti, cibo (come latte, formaggi), agricoltura, divertimenti e vestiario. Gli animali fornivano il grasso per le candele, le ossa per manici di coltelli e per pettini, spilloni, aghi, punte, dadi e pezzi da gioco. Il cuoio serviva per cinture, borse, elmetti, finimenti, tende, armature e calzature; dalla lana si ricavavano tessuti. I cereali arrivavano dal Sud dell Inghilterra; un alimento molto comune erano le nocciole, raccolte dai boschi circostanti, e i gambi di cavolo coltivati sul posto malgrado il clima ostile. Adattamento da: Giovanni Caselli, L impero romano e il medio evo, Editrice Piccoli I resti del Vallo di Adriano Dove sorgeva Vindolanda? Perché l età media della comunità era molto bassa e il tasso di mortalità infantile elevato? Perché il bestiame era importante? Di che cosa si cibavano gli abitanti? 196

16 Storia 5 - SCHEDA 16 Alunna/o... Classe... Data... Cristianesimo e Impero romano 1. Leggi il brano che segue, in cui Teofilo, uno dei primi cristiani di Alessandria d Egitto, spiega il motivo del contrasto tra cristianesimo e Impero; poi, ricordando ciò che hai studiato, indica se le frasi sono vere (V) o false (F). «Io onorerò l imperatore ma non lo adorerò e, in ogni modo, pregherò per lui. Io adoro soltanto l unico e vero Dio, che ha creato anche l imperatore. L imperatore deve essere onorato ma non adorato perché non è Dio, ma un uomo che Dio ha collocato in quella posizione non perché sia adorato, ma perché eserciti la giustizia sulla Terra». Per i Romani l imperatore era un dio e doveva essere adorato come gli altri dèi. V F l I cristiani riconoscevano la natura divina dell imperatore. V F I cristiani si riunivano tra loro per pregare e per ricordare gli insegnamenti di Cristo, per questo i Romani pensavano che volessero complottare contro lo stato. V F Tuttavia, i Romani non perseguitarono mai i cristiani. V F 2. Spiega sul retro della scheda o sul quaderno il motivo per cui i cristiani non riconoscevano l imperatore come un dio. Catacombe del III-IV sec. d.c. circa. 197

17 Storia 5 - SCHEDA 17 Alunna/o... Classe... Data... Il calendario romano 1. Leggi il seguente testo, poi rispondi alle domande sui utilizzando il retro della sheda. Il primo mitico re romano, Romolo, stabilì che l anno avesse 10 mesi, poi Numa Pompilio portò l anno a 12 mesi per farlo coincidere con l anno solare. Nel 46 a.c. Giulio Cesare riformò il calendario su base solare. L anno venne così fissato in 365 giorni e furono introdotti gli anni bisestili con cadenza quadriennale. Questo calendario è alla base di quello che usiamo ancora oggi. Gli anni erano contati a partire dalla fondazione di Roma (753 a.c.) e l inizio dell anno era fissato a marzo, ma fu portato a gennaio nel 153 a.c. Nel IV sec. d.c., l imperatore Costantino introdusse la settimana della durata di 7 giorni. Le festività erano proclamate al popolo dai sacerdoti: i Romani avevano 45 giorni di ferie pubbliche e 22 giorni di festività singole. Inoltre avevano 12 giorni di ludi (giochi) singoli e 103 di ludi raggruppati su più giorni. Quindi, complessivamente, anche se alcune feste non erano rigidamente osservate, a Roma circa la metà dell anno non era lavorativa. Chi stabilì che il calendario avesse 12 mesi? Chi fissò l anno in 365 giorni? Costantino... Chi introdusse la settimana? In tutto quanti giorni di festa c erano nella Roma antica? Giulio Cesare

18 Storia 5 - SCHEDA 18 Alunna/o... Classe... Data... Le invasioni barbariche 1. Osserva la cartina: colora di verde l Impero romano d Occidente e di giallo l Impero romano d Oriente; quindi rispondi alle domande. Qual era la capitale dell Impero romano d Occidente? E di quello d Oriente? Con quale altro nome è conosciuto l Impero romano d Oriente? Da che cosa deriva questa denominazione? Quale imperatore divise l impero in due parti?... Perché?. Quale fu la causa principale che determinò la fine dell Impero romano d Occidente? 2. Indica con R le frasi che si riferiscono ai Romani, con G le frasi che si riferiscono ai Germani. Abitavano la domus e le insulae. Vivevano in capanne di legno. Si dedicavano all agricoltura. Praticavano la caccia e l allevamento. Non conoscevano la scrittura. Conoscevano la scrittura. Erano valorosi guerrieri. Costruivano grandi opere pubbliche. 3. Indica se le affermazioni sono vere (V) o false (F), poi, sul retro della scheda, riscrivi quelle false in modo che risultino vere. Dopo le invasioni barbariche la popolazione europea aumentò. Alcune parole italiane derivano da vocaboli delle lingue parlate dagli antichi popoli germanici. L Impero romano d Oriente fu anch esso occupato dai Germani. Spaventati dai saccheggi, i contadini si rifugiarono nelle città. Dopo la caduta di Roma in Europa si formarono i regni dei bizantini. V V V V V F F F F F 199

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F IC Conti JESI Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F CENTRO- PERIFERIA Mappa Concettuale CENTRO PERIFERIA = SPAZI GERACHICIZZATI con SCAMBIO INEGUALE caratterizzati dall intercambiabilità

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN. Storia: (Libro in adozione: M. Meschini-R. Persico, Popoli, tempi e storie, I, Archimede).

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN. Storia: (Libro in adozione: M. Meschini-R. Persico, Popoli, tempi e storie, I, Archimede). LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN. PROGRAMMA A.S. 2014-2015. CLASSE I A. MATERIA: Storia-Geografia Prof. Crescenzo Palumbo Storia: (Libro in adozione: M. Meschini-R. Persico, Popoli, tempi e storie,

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà.

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà. DI Organizzazione delle informazioni. 1. Confrontare i quadri storici delle civiltà studiate. 2. Usare cronologie e carte storicogeografiche per rappresentare le conoscenze studiate. 1.1 Individuare la

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LA CIVILTÁ CRETESE QUANDO? Nell isola di Creta che si trova al centro del mar Mediterraneo, tra la Grecia e l Africa DOVE? posizione molto importante

LA CIVILTÁ CRETESE QUANDO? Nell isola di Creta che si trova al centro del mar Mediterraneo, tra la Grecia e l Africa DOVE? posizione molto importante LA CIVILTÁ CRETESE QUANDO? 2000 a.c. 1450 a.c. fine civiltà cretese le cause potrebbero essere: - un terremoto - rivolte interne - invasione di genti straniere DOVE? tr. Nell isola di Creta che si trova

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

COME PRENDERE APPUNTI Studiare per concetti. Prendere appunti

COME PRENDERE APPUNTI Studiare per concetti. Prendere appunti COME PRENDERE APPUNTI Studiare per concetti Prendere appunti Facilita la concentrazione, migliora la resa dello studio e abitua all autocontrollo e all organizzazione dei propri testi scritti. Si mettono

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

Programma di Geostoria

Programma di Geostoria ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C.G L. EINAUDI con sezione associata: Liceo Scientifico di Stato "GIORDANO BRUNO" Via Baccu Arrodas, Muravera Anno Scolastico 2013/2014 Programma di Geostoria Classe

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

STEFANO BETTONI EMMA RAIMONDI. Progetto didattico di Gianfranco Bresich. Quaderno di lavoro. Storia Geografia

STEFANO BETTONI EMMA RAIMONDI. Progetto didattico di Gianfranco Bresich. Quaderno di lavoro. Storia Geografia STEFANO BETTONI EMMA RAIMONDI Progetto didattico di Gianfranco Bresich Quaderno di lavoro Storia Geografia internet: www.primaria.saperescuola.it e-mail: redazione@deagostiniscuola.it Le fotografie di

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole CHE COS È LA STORIA? Studiare un libro di Storia vuol dire fare un viaggio interessante in un mondo nuovo: questo viaggio porta nel passato! La Storia vuole raccontare i fatti del passato come sono realmente

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI

TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI DI ALESSANDRA SPREAFICO, REVISIONE A CURA DI ANGELA PLAZZOTTA, CENTRO COME 2 IL TESTO CHE ABBIAMO SEMPLIFICATO È STATO REALIZZATO PER ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

La democrazia moderna è nata in Grecia

La democrazia moderna è nata in Grecia 01 Democrazia significa potere del popolo La democrazia è un sistema politico (regole e istituzioni di uno stato) dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti. La democrazia ha queste caratteristiche:

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

Gli italiani trascorrono in media 1 ora e 27 minuti al giorno alla guida, a una velocità media di 30,7 km/h.

Gli italiani trascorrono in media 1 ora e 27 minuti al giorno alla guida, a una velocità media di 30,7 km/h. Bologna, 19 ottobre 2015 PRESENTATI I RISULTATI DELL OSSERVATORIO UNIPOLSAI SULLE ABITUDINI DI GUIDA DEGLI ITALIANI IN SEGUITO ALL ANALISI DEI DATI DELLE SCATOLE NERE INSTALLATE NELLE AUTOMOBILI Gli italiani

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo.

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo. GLI ETRUSCHI L origine del popolo etrusco è incerta; essendo gli insediamenti più antichi sulla costa, si suppone che venissero da Oriente (ma questa è solo una delle tante ipotesi formulate dagli studiosi).

Dettagli

LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA

LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA Gli autori greci e latini hanno sempre posto in cattiva luce il comportamento

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

geografia classe quinta VALLE D AOSTA, PIEMONTE E LIGURIA SCHEDA N. 1

geografia classe quinta VALLE D AOSTA, PIEMONTE E LIGURIA SCHEDA N. 1 SCHEDA N. 1 VALLE D AOSTA, PIEMONTE E LIGURIA 1. Sulla cartina muta colora in giallo la Valle d Aosta, in rosa il Piemonte e in azzurro la Liguria. Con l aiuto dell atlante geografico allegato al tuo libro

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA. Note storiche

INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA. Note storiche INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA Note storiche 16 INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA NOTE STORICHE 17 Note storiche Antiche, molto antiche sono le origini della civiltà della Sardegna. I primi uomini la raggiunsero

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Mozia Residence. La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi

Mozia Residence. La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi Mozia Residence La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi La Storia La laguna dello Stagnone, una delle più belle riserve naturali orientate della provincia di

Dettagli

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I.

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I. Che cosa simboleggia la rosa dei Tudor? La rosa dei Tudor simboleggia l unione tra le famiglie inglesi dei Lancaster e degli York. Il simbolo della rosa Tudor fu il risultato del matrimonio tra Enrico

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Il mio libro di storia

Il mio libro di storia Il mio libro di storia INIZIA a.s. 2013/2014 maestra Valeria Famà Indice Sumeri Assiri Mesopotamia Gli Egizi Babilonesi Il mio laboratorio di storia La valle dell'indo La civiltà cinese Gli Ebrei I Fenici

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

IL GIOCO DELL OCA. Un po di storia

IL GIOCO DELL OCA. Un po di storia IL GIOCO DELL OCA Un po di storia 1 Il Gioco dell oca è un gioco di percorso molto antico: alcuni documenti degli antichi Egizi o alcuni reperti dell antico popolo cinese dimostrano che questo tipo di

Dettagli

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1

Esame di Alfabetizzazione Informatica. L'Impero Romano 1 Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Lingue e Letterature Moderne Esame di Alfabetizzazione Informatica L'Impero Romano 1 A.A 2010/2011 Prof. Francesco FONTANELLA 1 Questo documento è stato

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero Leggo il testo e faccio gli esercizi. Non importa se non capisco tutto subito, posso ritornare tante volte sul testo. unità Carlo Magno e il Sacro Romano Impero 5.1 II popolo dei Franchi crea uri grande

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI LINGUA CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO ALUNNO 1 PROVA DI COMPRENSIONE DEL TESTO Leggi

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE CHIOGGIA (VE) DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: FRANCESCA FUIANO CLASSE: II D Scienze Applicate PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI STORIA Introduzione:

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli