LE ORIGINI APPROFONDIMENTI I CACCIATORI DELLE GROTTE DI SAN DANIELE E SAN ROMUALDO LA CERAMICA AD IMPRESSO DELLA BASSA ISTRIA I CASTELLIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ORIGINI APPROFONDIMENTI I CACCIATORI DELLE GROTTE DI SAN DANIELE E SAN ROMUALDO LA CERAMICA AD IMPRESSO DELLA BASSA ISTRIA I CASTELLIERI"

Transcript

1 Le Origini Approfondimenti 45 LE ORIGINI APPROFONDIMENTI I CACCIATORI DELLE GROTTE DI SAN DANIELE E SAN ROMUALDO LA CERAMICA AD IMPRESSO DELLA BASSA ISTRIA I CASTELLIERI I MONUMENTI FUNEBRI DELL ETÀ DEL BRONZO MONCODOGNO GLI ISTRI: I CASTELLIERI GLI ISTRI: I TESORI DELLE TOMBE GLI ISTRI IN AMBITO ADRIATICO E CENTRO-EUROPEO NESAZIO CAPITALE DEGLI ISTRI L ARTE DELLE SITULE A NESAZIO

2 46 Capitolo primo I CACCIATORI DELLE GROTTE DI SAN DANIELE E SAN ROMUALDO Durante l ultima era glaciale, in un periodo compreso fra i 70 e i 10 mila anni fa, si alternarono cicli climatici più miti a cicli più rigidi e tutto l Alto Adriatico, fino all altezza di Zara all incirca, era coperto dalla terraferma dato che il livello del mare era a quei tempi più basso di 97 metri. Risalgono al pleistocene superiore o alla fine della glaciazione Würm 2 - stadiale i primi insediamenti umani nella caverna S. Daniele II, che si trova nella Bassa Istria, a circa 5 km NE dal centro della città di Pola, e quelli nella grotta di S. Romualdo, che si apre sulla parete rocciosa del Canale di Leme, e a Vergottini, presso Villanova di Parenzo. L analisi del carbonio radioattivo (C14) presente in diversi campioni di carbone e di ossa animali carbonizzate provenienti da S. Daniele II ha fornito un età che varia da ± 850 a ±50 anni fa. Significa che la caverna di S. Daniele è stata intensamente frequentata dall ultima glaciazione all inizio del disgelo. Il clima secco e rigido, San Daniele II (Pola), inizio degli scavi

3 Le Origini Approfondimenti 47 con brevi periodi piovosi, è dimostrato dai reperti animali ossei raccolti attorno al focolare. I reperti ci svelano che si trattava di un ambiente simile alla steppa con biotopi simili alla tundra, con enormi pascoli e limitate foreste, abitati da animali del tipo alpino e polare nord-europeo, assieme a cavalli e asini selvatici, bovini selvatici, suini, cervi, uccelli, anfibi e pesci. Le ossa rinvenute appartenevano in prevalenza a individui giovani e rappresentano i resti dell alimentazione dei cacciatori del tempo. Sono spezzate e spesso bruciate. Dati analoghi sull ambiente sono stati forniti anche dalla grotta di S. Romualdo nel Canale di Leme, che servì a lungo come tana all orso delle caverne. Lì è stato scoperto il primo resto umano fossile in Istria: un dente, appartenente a un cacciatore molto giovane del paleolitico superiore del gruppo Homo sapiens fossilis. Nello stesso strato sono stati trovati manufatti silicei e un canino perforato di cervo, che doveva essere importante come trofeo o amuleto. I resti di cacciatori del paleolitico inferiore, appartenenti allo stesso gruppo dell Homo sapiens fossilis, scoperti nella grotta S. Daniele II, sono più abbondanti. Attorno a un rogo erano sparsi frammenti di ossa appartenenti al minimo a tre e al massimo a cinque persone, di ambo i sessi e di diversa età. Erano ominidi paleomediterranei con caratteristiche dell uomo di Cromagnon. Oltre ai resti umani, sono numerosi i manufatti di silice e di osso e le schegge non lavorate, rinvenuti nella caverna di S. Daniele II, a rendere testimonianza di un ambiente in cui venivano appunto lavorati utensili di silice e di osso. Erano oggetti con cui gli ominidi si recavano a caccia e che servivano anche per preparare il cibo, per conciare le pelli, per lavorare l osso e il legno. Qui l uomo si stabilì soprattutto nel tardo paleolitico, circa anni fa, quando incominciarono a manifestarsi grandi cambiamenti negli usi e nel comportamento umani. San Romualdo, Leme, reperti

4 48 Capitolo primo LA CERAMICA AD IMPRESSO DELLA BASSA ISTRIA Visola presso Medolino, ceramica ad impresso I primi recipienti di ceramica segnano una nuova era nello sviluppo storico dell uomo, il neolitico. Si tratta di un fenomeno avvenuto durante il sesto millennio a. C. L arte della lavorazione del vasellame di argilla mescolata a calcite e quarzite, ma anche a grossolane schegge di calcare o vegetali, giunse in Istria proveniente da Sud. Si ricavavano semplici contenitori fatti a mano, ancora a imitazione delle forme presenti in natura, come zucche o contenitori ottenuti scavando pezzi di legno o intrecciando arbusti. Le pareti levigate, di argilla ancora umida, venivano ricoperte da impronte impresse con oggetti acuminati: punteruoli di osso o di legno, giunture di piccole ossa animali, orli di conchiglie o di unghie. Questa tecnica decorativa e la relativa cultura sono state chiamate ceramica ad impresso. Nella sua fase iniziale le impronte finivano per ricoprire la superficie del vasellame senza ordine alcuno. In Istria questa fase non ha ancora trovato riscontri, anche se è attestata alle spalle del Golfo di Trieste, nel Litorale sloveno e sulle isole quarnerine. In una fase successiva i ceramisti decoravano recipienti della stessa forma (grandi pentole ovali o sferiche, bacili emisferici) organizzando le impronte in modo da creare motivi in serie, intrecciati, zigzaganti e ondulati. I giacimenti di questo tipo di vasellame a motivi impressi sono concentrati nella Bassa Istria. In seguito al fenomeno della trasgressione del mare, alcuni si trovano oggi proprio sulla costa (Visola a Medolino, Monte Grosso-Debeljak a Promontore o Pradisel nei pressi di Pavici), ma anche tutti gli altri sono relativamente vicini al mare. I più distanti sono Monte Orsino presso Butkovici (15 km circa) e S. Michele presso Valle (8 km circa). In tutti i casi sono stati trovati frammenti di recipienti decorati con gli orli di conchiglia. L argilla e gli altri in-

5 Le Origini Approfondimenti 49 gredienti venivano ricavati nei pressi dei villaggi. Una volta modellati e in parte essiccati, i vasi venivano cotti a una temperatura che probabilmente non superava i 750 C, com è confermato dal predominante color rossiccio della ceramica cotta. Accanto a recipienti che servivano per le necessità quotidiane (trasporto di liquidi, preparazione dei cibi, ecc.), ne venivano prodotti altri, più particolari, con cura e attenzione. Dall argilla ben mondata si ricavavano semplici recipienti ovali dalle pareti relativamente sottili, che venivano levigate accuratamente; a quel punto tutta la superficie era spalmata di argilla diluita, sulla quale con l orlo dei cardi venivano tirate sottili linee o venivano impresse sequenze di piccole conchiglie della stessa specie. In questo modo si creavano complessi motivi di linee parallele e oblique. Non sappiamo quale effettiva importanza, significato o funzione avessero questi recipienti nella vita di ogni giorno per i pastori e gli agricoltori del primo neolitico nell allora Istria meridionale, ma in ogni caso essi dimostrano abilità e destrezza nell arte della ceramica. I CASTELLIERI Nel corso dei primi secoli del secondo millennio a. C., attorno al 1800 a. C., in Istria sorsero i primi abitati fortificati, i castellieri. La loro apparizione è la conseguenza delle grandi migrazioni indoeuropee e della stratificazione sociale. L Istria si trovava ai margini delle civiltà mediterranee, che dal mare si erano diffuse fino al centro del continente, e alla confluenza di territori e culture europee preistoriche, orientali e occidentali, che stavano incamminandosi verso nuovi traguardi. Da quell epoca l Istria incominciò ad essere intensamente abitata. Erano tempi insicuri, motivo per cui i villaggi venivano costruiti in posizioni strategiche, particolarmente protette, ed erano cinti da mura. Nonostante la mancanza di importanti materie prime, furono le condizioni

6 50 Capitolo primo Castelliere di Leme naturali, climatiche e geologiche, a convincere le nuove numerose comunità patriarcali a rimanere sul posto, cercando riparo all interno di abitati protetti da mura e a difendere i propri territori. I castellieri erano situati in cima a colli conici, sugli speroni sovrastanti le valli di alcuni paleo-corsi d acqua, su pianori circondati da profonde doline carsiche, lungo la costa marina e sulle isole. I loro numerosi ruderi sono oggi facilmente individuabili nel paesaggio grazie alle cime tronche delle alture e alle pendici terrazzate, senza dire che diverse città odierne, specie quelle in quota, si sono sviluppate dagli antichi castellieri. Lo confermano pure le numerose indicazioni topografiche tuttora in uso, come Gradina, Gradac, Gradišće o Gračišće, Stari grad, Castellier, Castelvenere,

7 Le Origini Approfondimenti 51 ecc. Nell elenco del 1903, C. Marchesetti ne conta, nell area che comprende le isole del Quarnero, l Istria fino alla Fiumara, la Carniola, il Litorale sloveno e la valle dell Isonzo, ben 455 unità, di cui circa 350 nella penisola istriana. Non sappiamo quando tutti questi abitati nacquero, quanto a lungo vissero o quando la vita vi si spense. Solo in pochi di essi sono stati effettuati scavi archeologici, e nella maggioranza dei casi la datazione viene stabilita in base alle caratteristiche dei tanti reperti di superficie di frammenti fittili. Una volta scelta l ubicazione del futuro villaggio, il terreno veniva spianato e le pietre spaccate poi servivano per innalzare possenti mura a secco attorno a tutta l area. I paramenti murari erano formati da grossi blocchi di pietra, il cui interno veniva riempito di sassi più piccoli e del pietrame scartato durante lo spianamento delle sommità collinari. Di solito le mura seguivano circolarmente la configurazione del terreno, talvolta in più ordini. Nei posti che erano già in buona parte naturalmente protetti, grosse mura e massicci argini venivano eretti solamente nei punti di più facile accesso. Nei pressi di alcuni castellieri si può notare un ulteriore cinta difensiva esterna, prospiciente la linea delle mura, formata da blocchi di pietra verticalmente e saldamente conficcati nel terreno. In tal modo l accesso all abitato, che si guadagnava attraverso stretti e complicati passaggi, diventava ancora più arduo. Nelle prime fasi di costruzione delle mura i passaggi si presentano larghi, ma ben presto vi si aggiungono vari muretti e divisori per intralciare o impedire il passaggio. All interno dell abitato erano dislocate case dalle fondamenta rettangolari in pietra, sulle quali veniva fissata una struttura di legno o di arbusti intrecciati e ricoperti Nesazio, forno per la ceramica

8 52 Capitolo primo di argilla. E i tetti, con tutta probabilità, dovevano assomigliare a quelli che fino a pochi anni fa si potevano ancora vedere nelle campagne istriane, coperti di paglia, di tavole o di lastre di pietra. L intera costruzione del tetto e delle pareti divisorie era sostenuta da massicce travi profondamente incastrate nelle fondamenta e puntellate con lamelle di pietra. Questi villaggi erano di diversa estensione ed erano probabilmente organizzati in particolari comunità territoriali, gravitanti su un centro più grande, attraverso il quale comunicavano col resto del mondo. Data la scarsità di materie prime, gli abitanti di quei villaggi dell età del bronzo si occupavano principalmente di pastorizia e di agricoltura. Dalle analisi dei resti ossei risulta che prevaleva l allevamento di bestiame minuto (pecore o capre) e più raro era invece quello bovino. I resti di animali selvatici, uccelli o pesci, che dimostrano la pratica della caccia e della pesca, sono assai più scarsi. Gli animali domestici venivano allevati soprattutto per il latte e la lana o per essere impiegati nei pesanti lavori agricoli. Un reperto assai frequente nei castellieri sono le macine di pietra per i cereali. Tra i resti della cultura materiale predominano numerosi i frammenti di recipienti fittili, che in virtù di alcune forme particolari ci parlano delle affinità fra coloro che abitavano l Istria nell età del bronzo e gli abitanti delle isole alto-adriatiche e quelli del Carso (ad es. varie forme di recipienti con piastrina a linguetta sui manici a gomito o l uso di piatti tripodi). Il vasellame veniva fatto a mano e spesso era accuratamente levigato e decorato con semplici motivi plastici o ad impresso. Sono piuttosto frequenti anche i ritrovamenti di frammenti di piastre fittili con fori rotondi, che sono resti di forni per la cottura della ceramica. Negli abitati, oltre alle officine ceramiche, ve ne erano anche altre. Dalla lavorazione di ossa animali si ottenevano aghi, punte o levigatoi. Venivano inoltre lavorate le pelli animali, la lana e il legno, i cui resti però, dato l ambiente carsico, non si sono conservati. Una particolare importanza la dovevano rivestire le fonderie, le cui materie prime - i metalli - provenivano da altre regioni. Sono stati trovati alcuni tipi di stampi per la fusione di oggetti in bronzo (Moncodogno, Vermo, Pola, Sermino), che dimostrano la presenza di fonditori. Si fabbricavano elementi di armi (punte di lancia, pugnali), arnesi (asce, coltelli, punteruoli, scalpelli) e semplici monili di fili metallici (orecchini spiraliformi, pezzi di collane).

9 Le Origini Approfondimenti 53 Grazie alla sua posizione geografica l Istria era inserita nei grandi flussi e vie commerciali dell epoca, ad esempio fra il Baltico e il Mediterraneo, attraverso le quali giungeva da settentrione l ambra. Nelle tombe istriane dell età del bronzo sono state trovate spesso perle di ambra. La vita spirituale degli abitanti dei castellieri, a parte i riti funebri, ci è ignota. Ma c è un eccezione: la costruzione circolare in cima a S. Angelo Piccolo, alle spalle di Parenzo. I massicci blocchi di pietra disposti circolarmente, la scoperta di un piccolo canale scavato, che finisce con un incavo, e di un colatoio di ceramica sembrano indicare un area cultuale posta fra due grandi abitati a castelliere. I MONUMENTI FUNEBRI DELL ETÀ DEL BRONZO Gli abitanti dei castellieri usavano seppellire i propri defunti in posizione fetale. I morti venivano rinchiusi in arche fatte di sottili lastre di pietra, spesso smussate (venivano scalpellati gli orli). Il fondo dell arca veniva ricoperto di sottile ghiaia, che talvolta la riempiva tutta. Di solito un arca conteneva i resti di più defunti. I corredi funebri erano di regola assai semplici (qualche orecchino di sottili fili di bronzo, delle armille dello stesso genere, o qualche perla di ambra, dei coltelli di bronzo). Più dei corredi funebri era forse significativa la struttura che ricopriva l arca o la posizione della tomba stessa. Lungo le mura e accanto alle entrate dei villaggi c erano delle piattaforme recintate, nelle quali si trovava l arca funebre con la lastra di copertura a vista. Gruppi di queste piattaforme componevano una necropoli. Ne sono state scoperte alcune accanto al castelliere di Monte Orsino presso Butkovići a nord di Dignano, ma anche a Gradina sull isola di Brioni Maggiore. Nelle aree che circondano i castellieri sono sovente disseminati, senza alcun ordine a noi comprensibile, numerosi, piccoli tumuli di pietra che contengono al centro un arca formata da la-

10 54 Capitolo primo Albonese, punta di lancia di bronzo stre di pietra. Essi si notano in particolare nei dintorni di Monte Orsino, quindi nella zona detta Paravia, fra la baia di Colone e Barbariga, o a Zabgnacco vicino a Villa di Rovigno, ma anche altrove. I piccoli tumuli in questione spesso conservano tracce di un muro circolare, all interno del quale è situata l arca. Di particolare significato dovevano essere i solitari, grandi tumuli di pietra posti proprio in cima alle alture. Con la loro posizione e grandezza sottolineavano l importanza rivestita dai defunti in vita. Solo pochi sono stati esplorati (Monte Val Marin vicino a Pola, Bombiste presso Bagnole, Monte Gromazza a Cavrano) e fra questi il più importante è risultato essere quello di Maclavun nei pressi di Sossici. A giudicare dai ruderi della costruzione circolare e dal corridoio d accesso, che ricorda un dromos, con tutta probabilità esso rappresenta i resti di una tomba con copertura a cupola (tomba a tholos), che all epoca, verso la metà dell età del bronzo, quando nella Grecia micenea si dedicavano tombe del genere a eroi e famiglie particolarmente illustri, doveva esprimere un tentativo di imitazione di quel mondo. Nello spazio all interno del muro circolare furono trovate tracce di combustione e di modeste celebrazioni, mentre a nord dell entrata si trova una tomba murata che conteneva i resti di diversi defunti. Si suppone che al centro potesse trovarsi la tomba principale, o che forse essa sia ancora in seno alla cinta circolare, di fronte all entrata. L architettura delle tombe istriane dell età del bronzo e alcuni coltelli bronzei, che in esse sono stati trovati, attestano i legami fra la penisola istriana e le culture del Mediterraneo orientale della stessa epoca, durante tutto il secondo millennio a. C. Un cambiamento repentino, pressoché totale, avvenne durante l XI sec. a. C., con il diffondersi di un nuovo modo di seppellire i defunti: l incinerazione.

11 Le Origini Approfondimenti 55 MONCODOGNO Moncodogno è il nome di una collinetta (81 metri sul livello del mare) poco distante da Rovigno, dalla quale lo sguardo domina la costa dalle Brioni alle isole rovignesi e il mare aperto dell Alto Adriatico. Nel 1953 gli archeologi vi accertarono l esistenza di un castelliere e ben presto vi iniziarono degli scavi. Quelle prime esplorazioni servirono a stabilire l estensione dell abitato, a pianta ovale (260 x 160 metri), circondato da mura concentriche. Tornarono alla luce la porta occidentale, che conduceva al mare, e quella settentrionale, che portava verso la fossa cultuale. Al centro, sulla parte più elevata dell abitato, particolari mura delimitavano l area dell acropoli. Qui, nel settore nord-orientale, furono scoperte grandi costruzioni rettangolari. Gli scavi, ripresi nel 1997, hanno riportato alla luce innumerevoli altri reperti e novità su Moncodogno, ma anche sull età del bronzo in Istria. All inizio del secondo millennio a. C., verso l anno 1800, una comunità di nuovi arrivati inaugurò enormi lavori all assestamento della vetta di questo poggio. Furono estratti e spaccati grandi blocchi di pietra per creare uno spiazzo su cui estendere il villaggio. Enormi blocchi di pietra piatta servirono per costruire il paramento esterno del muro principale, alto fino a 3 metri e largo altrettanto. Sul lato occidentale c era l accesso principale al villaggio, un passaggio che dava sul mare, e che doveva provocare una grande impressione. Venne intramezzato a più riprese. Percorrendo un viottolo a gradini si raggiunge una strozzatura che può essere attraversata solo da una persona alla volta, mentre un corridoio, che si svolge anch esso a gradini, conduce a un ambiente più largo, antistante un altro stretto passaggio che sbocca sulla prima terrazza dell abitato. Accanto al principale passaggio occidentale sorgeva la necropoli, con le arche inserite in piattaforme cinte da mura, di cui se ne è conservata una dalla parte settentrionale, perché col tempo è stata dimenticata, tanto che sopra vi fu eretto un antemurale alla cinta principale e poi un altro all angolo meridionale dell ingresso. Il secondo passaggio è situato sul lato settentrionale del muro di cinta che, tramite un sinuoso e stretto corridoio recintato, conduce verso la fossa alle pendici dell altura.

12 56 Capitolo primo La zona centrale e la più elevata di Moncodogno è circondata da un analogo muro massiccio che chiude l area rettangolare dell acropoli. Qui, nella zona nord-orientale, si trovavano le costruzioni più grandi, che avevano fondamenta rettangolari e che furono più volte tramezzate nel corso dei secoli. C erano numerosi focolari e tutto attorno spazi aperti cinti da muricci. Davanti a una delle case si trovava una grande fornace per la cottura delle ceramiche. Verso ovest, a una quota leggermente inferiore rispetto all acropoli, in uno spazio semicircolare recintato, sorgeva la città alta ovvero la zona artigianale dell abitato, mentre sulle terrazze più in basso, lungo il muro principale, si estendeva la città bassa, dove le abitazioni più piccole si allineavano lungo il margine esterno. Di fronte alla porta occidentale si è scavato nelle fondamenta di una casa a due livelli. Vi si trovava una struttura forse simile agli odierni focolari aperti. Per tutte le costruzioni si usavano, oltre alla pietra, travi di legno che venivano fissate in buche da palo di solito scavate nella roccia di base. Il castelliere visse fra il 1800 e il 1200 a. C. Della sua vita quotidiana sono rimasti soprattutto frammenti di vasellame di ceramica e di ossa animali (resti dei pasti). Il legame con il mare è rivelato dal ritrovamento di lische di grandi pesci che si possono catturare solo a grandi profondità. I reperti più importanti sono quelli che dimostrano i legami di Moncodogno e dell Istria con i lontanissimi territori danubiani e dell Italia settentrionale (la scoperta di oggetti enigmatici - idoli in forma di panetti) o con il Mediterraneo orientale, Cipro e Creta (piatti tripodi) e Micene (frammenti di ceramica dipinta). Moncodogno, il sito

13 Le Origini Approfondimenti 57 GLI ISTRI: I CASTELLIERI Negli ultimi secoli del secondo millennio a. C., nel periodo della tarda età del bronzo, giunsero dai territori subdanubiani, dalle Alpi sud-orientali e dalla fascia settentrionale dei Balcani genti nuove, che si espansero verso l Europa occidentale e settentrionale e il Mediterraneo orientale, e che si distinguevano soprattutto perché cremavano i defunti. Durante l XI sec. giunsero anche in Istria. In molti castellieri la vita allora cessò, ma in molti altri continuò. Forse vennero anche fondati nuovi insediamenti dello stesso tipo, su cui però oggi non possiamo ancora pronunciarci. Gli insediamenti protetti da mura, che sorgevano in posizioni strategiche, apparentemente continuarono a seguire le vecchie tradizioni dell età del bronzo. In ogni caso, per un altro millennio la vita continuò all interno delle mura a secco. Furono aggiunte - fenomeno notevole - alte mura parallele, che oggi si presentano come grandi argini a difesa dei lati più facilmente accessibili degli abitati. Strutture del genere sono documentate a Castellier presso Corte, sopra Isola, e a Nesazio. Non sappiamo che aspetto avessero le case dell età del ferro, ma alcune di quell epoca sono state esplorate ai confini della penisola, nel castelliere di Elleri sopra Muggia, a Cattinara, Monrupino e Duino. Hanno sempre una pianta rettangolare, con le fondamenta in pietra e sovrastrutture in legno ricoperto di argilla. I tetti erano probabilmente di paglia, ma dato il gran numero di travi portanti, documentate in un abitazione del castelliere di Elleri, si suppone che per le coperture venissero usate anche sottili lastre di pietra. I pavimenti erano per lo più ricoperti da calcare frantumato e argilla pressata. La più interessante è un abitazione documentata a Monrupino, il cui pavimento era ricoperto da fasce di ciottoli infissi nell argilla. Alcune delle vecchie entrate negli abitati vennero chiuse: nei loro pressi e sulle terrazze all interno delle mura si estesero le necropoli che accoglievano le ceneri dei defunti (Vermo, Castelliere di Leme, Pola, S. Martino di Torre). Nelle necropoli situate nelle immediate vicinanze degli insediamenti sono state notate tracce di devastazioni delle vecchie strut-

14 58 Capitolo primo Nesazio, stamnos daunio (metà VI sec. a. C.) ture funerarie dell età del bronzo, il cui materiale veniva poi reimpiegato per la costruzione di campi funerari molto simili, con piccole arche di pietra (Castelliere di Leme, Nesazio), in cui di solito venivano custoditi i resti di defunti accompagnati da corredi funebri intenzionalmente rotti (frammenti di monili, di vesti) e contenuti in recipienti dalle forme particolari. Sono i corredi funebri e i numerosi rifiuti, rimasti dopo i rituali che si tenevano nelle aree delle necropoli, a fornirci il maggior numero di informazioni sulla loro vita quotidiana. La loro sopravvivenza si fondava sull allevamento del bestiame e la coltivazione della terra. Nei primi secoli dal loro arrivo in Istria rimasero legati alle vecchie tradizioni della cultura continentale dei campi di urne, ma già andava delineandosi un gruppo culturale che può essere identificato con gli Istri. Molto presto all interno di quelle stesse necropoli apparvero sempre più spesso oggetti importati da aree limitrofe o più distanti, e anche nella modellazione dei loro prodotti, specie delle ceramiche funerarie, ben presto prevalse il gusto mediterraneo. La grande quantità e varietà di merci straniere comprovano l importanza dell Istria nei commerci e nella mediazione fra gruppi culturali differenti. L abbondanza di prodotti d oltremare italici attesta la presenza degli Istri nell Adriatico, Istri che gli scrittori antichi menzionano come pericolosi pirati. Dai corredi funebri traspaiono con evidenza i tentativi di imitare le usanze delle civiltà mediterranee (recipienti per banchetti o simposi, libagioni di vino, ventagli di bronzo). Oltre a praticare i mestieri tradizionali (lavorazione della ceramica, della lana, di ossa, legno, metalli), essi costruivano navi a cucitura. Data l abbondanza di merci prestigiose e la monumentalità delle sue sculture di pietra, molto presto Nesazio incominciò a emergere fra tutti gli altri castellieri, diventando il più importante centro economico, spirituale e politico. La stratificazione esistente nei rapporti sociali è testimoniata dalle differenze riscontrate nei corredi funebri, mentre il raggruppamento di tombe singole indica chiaramente l esistenza di comunità, famiglie e stirpi elitarie e distinte. Le fonti scritte degli ultimi secoli della vecchia era,

15 Le Origini Approfondimenti 59 quando gli Istri entrarono direttamente in conflitto con i Romani, ci fanno sapere che i castellieri erano organizzati in una lega a capo della quale stava un sovrano ereditario (rex) e che le singole stirpi (populi, civitates) avevano ognuna un proprio duce (princeps). GLI ISTRI: I TESORI DELLE TOMBE Quasi tutto ciò che sappiamo degli Istri, delle differenze sociali e dei gruppi sociali privilegiati o dei mestieri di cui potevano occuparsi in vita, l abbiamo appreso grazie ai corredi funebri trovati nei loro campi di urne. A far da urne cinerarie erano di solito contenitori appositi. Quelli più antichi (XI e X sec. a. C. ) avevano la forma di una tazza con un manico alto, erano lucidissimi, e se il defunto aveva goduto di uno status speciale, accanto ai suoi resti venivano collocati numerosi bracciali di bronzo, qualche ago, qualche pendaglio, torques o orecchino, tutti intenzionalmente danneggiati. Durante il IX e l VIII sec. a. C., scompaiono ad un tratto i ricchi corredi, in compenso però le urne assumono una nuova forma di boccale panciuto o recipiente panciuto senza collo, e sono decorate con svariati motivi geometrici. La maggior parte dei recipienti veniva infatti decorata con rappresentazioni di meandri, spirali, linee ondulate e altri motivi semplici. In questo periodo i corredi funebri (coltelli, armille, spilloni) sono piuttosto rari, ma in compenso sono fregiati da raffinate incisioni con motivi simili a quelli dei recipienti, inoltre compaiono i primi oggetti importati dal territorio italico. I più notevoli sono i grandi recipienti dipinti a motivi geometrici, che si fabbricavano nell area della Daunia, ovvero dell odierna Puglia, e altri che provenivano anche dall area etrusca meridionale. I crateri e gli stamnoi servivano per conservare il vino, che a quei tempi era un vero e proprio lusso, accessibile solo ai più ricchi. Dalla fine dell VIII sec. fino al IV e III sec. a. C. recipienti di

16 60 Capitolo primo varie forme, legati ai rituali della libagione del vino, fanno sempre più spesso parte dei corredi funebri presenti nelle tombe più ricche. È un fenomeno particolarmente evidente a Nesazio. Accanto ai crateri sferici per conservare il vino, compaiono dei boccali, gli oinochoe, per mescerlo, dapprima di origine etrusca e poi, dalla fine del VI sec., anche greca. Dal V sec. entrano in uso anche piccoli recipienti per bere vino: gli skyphoi e i kylikes. Venivano fabbricati nelle officine attiche e in quelle adriatiche dell Etruria. Oggetti simili, di gran lusso e prestigio, giungevano in quelle comunità ancora preistoriche attraverso doni, forse scambi commerciali o perfino atti di pirateria, come dicono le fonti antiche. Ricchezza voleva anche dire poter avere tanti recipienti bronzei, tra cui i più preziosi erano le situle decorate con figure. Spesso tutti questi oggetti venivano riparati e rabberciati con fili di bronzo o grappe di piombo. Una posizione elevata in vita era testimoniata anche dal possesso di oggetti particolari, come i pesanti manici di ventaglio, simili a scettri, o parte di scettri, che potevano appartenere alla padrona di casa o a qualche sacerdotessa. A quel tempo le donne che si occupavano della lavorazione della lana, della filatura e tessitura godevano di uno status speciale e il loro semplice simbolo era un pendaglio in forma di pettine, munito di denti corti, che usavano nella tessitura. Assai raramente ci si imbatte in tombe di guerrieri. Sono stati trovati solamente tre elmi bronzei conici, adibiti a urne cinerarie per seppellirvi i resti di defunti. E raramente venivano accluse alle tombe lance o spade di ferro (le cosiddette mahaire) con lama ricurva a un solo taglio, il tutto sempre apposta deformato e spezzato intenzionalmente. I frammenti di vestiario e di monili, come fibule, aghi, pendagli vari, perle di osso, di vetro e perfino di ambra, sono assai rari e modesti rispetto ai molti recipienti. I più numerosi sono i bracciali, di solito fatti di fili di bronzo piegati a spirale, a sezione rotonda o quadrata. Solo negli ultimi secoli a. C. incominciano timidamente a comparire monili più preziosi, dal nostro punto di vista, d argento e perfino indorati, provenienti dalle officine liburniche. Pizzughi, collana di perle di vetro

17 Le Origini Approfondimenti 61 GLI ISTRI IN AMBITO ADRIATICO E CENTRO-EUROPEO Per la sua posizione geografica, l Istria con gli Istri venne a trovarsi al centro, a guisa di ponte, delle numerose rotte che partivano dal Mediterraneo e da varie direzioni dell Adriatico verso l Europa centrale e viceversa. Succede da sempre e succedeva anche durante l ultimo millennio a. C. All interno del proprio territorio peninsulare gli Istri conducevano in effetti una vita pressoché insulare. I numerosi oggetti rinvenuti nelle loro tombe a urne cinerarie erano delle più diverse origini. Nell XI e X sec. a. C. erano ancora legati alle lontane regioni settentrionali e orientali dell Europa, da cui erano penetrati in Istria. I numerosi oggetti di bronzo rivelano le loro ascendenze nel territorio della Polonia meridionale (torques a più fili); d altronde esistevano già contatti con l insediamento della tarda età del bronzo di Frattesina, alla foce del Po, donde giungevano le cosiddette perle di palafitte, fatte di pasta di vetro. Solo dal IX e VIII sec. a. C. possiamo riconoscere qualche modesto recipiente a forma di boccale panciuto, tipico delle urne cinerarie istriane, nelle necropoli dei grandi centri del Veneto, come Este e Padova o S. Lucia (Most na Soči) centro della comunità culturale detta appunto di Santa Lucia. Particolarmente vistosi sono i tanti, grandi recipienti, dipinti a motivi geometrici opachi, provenienti dalle officine daunie del Sud Italia. In Istria continuarono ad arrivare per secoli, ma ancora non sappiamo se per gli Istri erano importanti per se stessi o per ciò che potevano contenere. Oltre a quelli ora citati, è interessante un tipo di pentola panciuta, dall imboccatura rivoltata e rinforzata sull orlo, di ceramica ad impasto. È attestata nella Daunia e in Istria durante il IV e III secolo a. C., anche se non in misura così abbondante come la raffinata ceramica dipinta. Sono contenitori particolarmente interessanti per il loro aspetto disadorno, che si ritrovano a una tale distanza, e che sembrano un prodotto istriano. Forse anche in questo caso quello che contava non era la qualità della ceramica, ma il contenuto del recipiente, che per

18 62 Capitolo primo Nesazio, vasi di provenienza attica, apula e altoadriatica (IV sec. a. C.) noi rimane sconosciuto. Sembra che l Istria rivestisse un ruolo piuttosto significativo nei contatti fra l area dell odierna Bassa Carniola, i suoi centri di potere nell età del ferro, e i territori del Piceno, sulla costa occidentale adriatica. Può darsi che gli Istri fossero, assieme ai Liburni, gli intermediari nel rifornimento dei vasi dauni dipinti - attraverso il Piceno - per la Bassa Carniola e che forse, d altra parte, fornissero al Piceno armi di ferro della Carniola. Si suppone che gli Istri fabbricassero addirittura delle imitazioni dei costosi recipienti greci destinati a contenere bevande, che poi piazzavano presso le genti insediate lontano dal mare (ad es. il kylix di Novo Mesto). In ogni caso, presso gli Istri sono di gran lunga più numerosi gli oggetti e le tecnologie di varia importazione rispetto a quelli provenienti dalla penisola nelle regioni limitrofe. A Nesazio confluiscono i riverberi di tutti i contatti spirituali e politici dell Istria con il mondo di allora. Le monumentali sculture di pietra esprimono il raccordo fra Oriente e Occidente, mentre nell arte delle situle c è la narrazione epica delle gesta dei sovrani delle comunità prealpine e alpine, ancora preistoriche, ma giunte a contatto con le grandi civiltà mediterranee. La lunga, frastagliata costa dell Istria e la morfologia stessa della penisola consentono di mantenere da qualsiasi punto contatti diretti con il mare. L interno dista al massimo 30 km dalla costa, da quella sia orientale che occidentale. Quest ultima è bassa, molto articolata, ricca di baie, insenature, golfi e isolette,

19 Le Origini Approfondimenti 63 mentre la costa orientale è ripida, meno accessibile, ma con alcuni profondi canali dotati di approdi sicuri. Date queste condizioni naturali e la posizione di centralità nell Adriatico, l Istria è venuta a trovarsi in un punto dove passavano gli esploratori e i mercanti del mondo mediterraneo, e ciò ne ha favorito la navigazione. Il mare ha rappresentato sempre un importante fonte alimentare nonostante in Istria siano rari i reperti ossei ittici; giacimenti di gusci di conchiglie marine sono stati invece scoperti anche lontano dal mare, in posti come l odierna Vermo. Se nelle tombe istriche a urne cinerarie dell età del ferro sono stati trovati in gran numero oggetti provenienti dalle officine italiche d oltremare del Piceno, dell Etruria, della Daunia, ecc., nondimeno le antiche fonti scritte attestano che gli Istri non solo partecipavano pariteticamente alla navigazione adriatica, ma avevano un proprio particolare tipo di imbarcazione. Scrittori antichi come Marco Verrio Flacco, Sesto Pompeo e Paolo Diacono illustrano il modo in cui le navi istriche furono costruite, cioè cucite, perciò furono chiamate serilla o serilia. Forse una di queste navi è quella che appare nella scena della battaglia navale raffigurata sulla situla di Nesazio (500 circa a. C.). Già nel a. C. lo spartano Cleomene, dopo aver doppiato Capo Brindisi, continuò a navigare in mezzo all Adriatico perché temeva, a sinistra, ciò che avrebbe potuto riservargli la costa dell Italia, dove non c erano approdi, e, a destra, aveva paura degli Illiri, Liburni e Istri, tribù alquanto famigerate per le loro gesta piratesche. Verso la fine del III sec., ovvero nel 221 a. C., i Nesazio, dettagli della situla bronzea con battaglia navale, cca. 500 a. C.

20 64 Capitolo primo Romani presero a pretesto la difesa della propria flotta dalla pirateria per muovere la prima guerra agli Istri. Come i loro vicini Liburni, gli Istri si preoccupavano innanzitutto di proteggere le proprie coste e litorali; all epoca il tipo di navigazione sottocosta e le correnti marine costringevano infatti i lenti mercantili ad avvicinarsi o tentare gli sbarchi. Fino alla metà del VI secolo a. C. i Liburni riuscirono a impedire ai mercanti greci di penetrare nell Adriatico, e in seguito, probabilmente in alleanza con altri popoli della sponda adriatica orientale, ne approfittarono per entrare in possesso, in modo del tutto naturale dati i tempi, ovvero con la rapina, di merci ricercate, come ceramiche dipinte, vino, oggetti di bronzo, ecc. Oggetti che potevano essere ottenuti anche come doni offerti ai capi, a garanzia di una navigazione tranquilla. Gli Istri probabilmente facevano da mediatori negli scambi commerciali, per esempio tra la zona del Piceno e la regione dell odierna Bassa Carniola. Tenendo conto di ciò, è possibile che essi non fossero tanto dei pirati pericolosi nel vero senso del termine, quanto navigatori e mercanti che facevano di tutto per mantenere e proteggere il proprio ruolo sul mare. NESAZIO CAPITALE DEGLI ISTRI Nesazio (latino Nesactium, greco Nεσakτιοv), in croato Vizače, presso Altura, era una città degli Istri che i Romani assediarono per ben due anni nel 178 e 177 a. C. La sua caduta e il suicidio dell ultimo re Epulone sono ritenuti gli inizi della fase romana nella storia dell Istria. Dopo la distruzione ad opera degli Avari e degli Slavi alla fine del VI secolo, si perdette la memoria di essa. Solamente nel tardo Ottocento, dopo una serie di studi su documenti medievali e dopo l esplorazione dei vari castellieri, un gruppo di storici e archeologi istriani riuscì a identificare e a collegare il posto chiamato in croato Vizače, presso Altura,

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 GLI OMINIDI Originariamente l uomo non aveva l attuale struttura corporea e non possedeva le capacità e le potenzialità che vediamo

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze

Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze Visita didattica al museo della preistoria Paolo Graziosi via Sant Egidio- Firenze Il giorno mercoledì 12 novembre la nostra classe (1 F) ha visitato il museo della preistoria Paolo Graziosi. Il museo

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PERCORSI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRESENTAZIONE Anche per l anno scolastico 2013/2014 la Cooperativa Colline Metallifere torna a proporre alle scuole primarie e secondarie i Percorsi Didattici

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

I LABORATORI. del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza

I LABORATORI. del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza I LABORATORI del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza 7, 14, 21 e 28 maggio 2016 7 maggio 2016 Circolando L avventuroso viaggio del sangue attraverso le vie del corpo umano. Prima un filmato

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria INIZIA Indice arcaica Bang Big primaria secondaria terziaria La Pangea quaternaria Le ere L' evoluzione dell'uomo ETA DELLA PIETRA NEOLITICO

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III

PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III Comune di Rosignano Marittimo U.O. Attività Culturali Museo Archeologico Palazzo Bombardieri Coop. Capitolium s.r.l. PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III MUSEO ARCHEOLOGICO PALAZZO BOMBARDIERI

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

Il Neolitico. Che cosa sai già? Che cosa imparerai?

Il Neolitico. Che cosa sai già? Che cosa imparerai? Nel periodo del Neolitico gli uomini hanno cambiato il loro modo di vivere: da cacciatori e raccoglitori sono diventati agricoltori e allevatori. Che cosa sai già? Dove abitavano gli uomini nel Neolitico?

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole CHE COS È LA STORIA? Studiare un libro di Storia vuol dire fare un viaggio interessante in un mondo nuovo: questo viaggio porta nel passato! La Storia vuole raccontare i fatti del passato come sono realmente

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

La specie umana fra passato e futuro

La specie umana fra passato e futuro La specie umana fra passato e futuro 2 a parte (Società civile) Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 10 marzo 2011 18 a lezione Sommario 1 Società civile Origini della

Dettagli

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci Il tumulo della capanna (Recinto della necropoli della Banditaccia), oltre alla tomba omonima, ospita altre tre sepolture monumentali. Si tratta di un fenomeno

Dettagli

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e Le origini dell Uomo L uomo attuale, il risultato di milioni di anni di evoluzione che si è svolta per la maggior parte sul piano biologico e solo in tempi recenti è divenuta anche una evoluzione culturale,

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Finalità. Obiettivi. Attività

Finalità. Obiettivi. Attività Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza Indirizzo: Contrà Santa Corona, 4-36100 Vicenza (VI) Telefono: 0444222815 Email: museonatarcheo@comune.vicenza.it Presentazione Il Museo Naturalistico Archeologico

Dettagli

Museo Laboratorio della Preistoria

Museo Laboratorio della Preistoria Comune di Vaie Museo Laboratorio della Preistoria Museo Laboratorio della Preistoria Situato nel centro storico di Vaie, il piccolo Museo offre un interessante collezione di ricostruzioni sperimentali

Dettagli

Posizione delle cave di pietra ollare esistenti nel territorio di Alagna.

Posizione delle cave di pietra ollare esistenti nel territorio di Alagna. LA PIETRA OLLARE La pietra ollare è una roccia di natura scistosa di colore verde cenerino. Ne esistono in alta Valgrande due varietà: una forma compatta a grana molto fine, talora leggermente untuosa

Dettagli

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO GIOVANNI RAMBOTTI DI DESENZANO D/G

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO GIOVANNI RAMBOTTI DI DESENZANO D/G MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO GIOVANNI RAMBOTTI DI DESENZANO D/G OFFERTA DEI SERVIZI EDUCATIVI Il Museo Civico Archeologico Rambotti di Desenzano ha aperto nel 1990 e dall anno scolastico 2008-2009 l attività

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare CLASSI TERZE, QUARTE E QUINTE MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari IL LUOGO BARI CITTÀ SUL MARE LA CONCA BARESE LA STORIA L uomo vive nel territorio GEOGRAFIA Posizione geografica:il promontorio sul

Dettagli

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali.

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali. il testo: Uguali e diversi. Alle radici dell umanità. 01 Le nostre lontane origini L homo sapiens sapiens è comparso in Africa circa 40000 (quarantamila) anni fa. L homo sapiens è il risultato di una lunga

Dettagli

Nel regno dei Saevates

Nel regno dei Saevates Nel regno dei Saevates Esplora il museo MANSIO SEBATVM! illustrationi: gruppegut La cartella di lavoro appartiene a Chi erano i Saevates? Nella seconda Età del Ferro il popolo dei Saevates insediava la

Dettagli

Storia delle immagini

Storia delle immagini Anno 2004 Massimo A. Cirullo Storia delle immagini 1 arte della preistoria Egitto Creta e Micene Dispensa elettronica in formato PDF per i miei studenti di prima media arte della preistoria e più antiche

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Centro di Ricerche Storiche di Rovigno C O L L A N A D E G L I A T T I N. 26

Centro di Ricerche Storiche di Rovigno C O L L A N A D E G L I A T T I N. 26 Centro di Ricerche Storiche di Rovigno C O L L A N A D E G L I A T T I N. 26 Centro di Ricerche Storiche - Rovigno Unione Italiana - Fiume Università Popolare di Trieste R e d a z i o n e e A m m i n i

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

La mostra dal titolo Culti

La mostra dal titolo Culti CULTI DELLA FERTILITÀ NEL II MILLENNIO a.c. A LAVELLO di Addolorata Preite BASILICATA REGIONE Notizie La mostra dal titolo Culti della fertilità nel II millennio a.c., allestita nel Civico Antiquarium

Dettagli

GLI OLMECHI. SCUBlMONDO 4 STORlA

GLI OLMECHI. SCUBlMONDO 4 STORlA GLI OLMECHI La civiltà Olmeca si sviluppò tra il 1200 e il 400 a.c. Gli studiosi hanno deciso di chiamarla Olmeca, utilizzando l antica definizione azteca della regione del Golfo del Messico in cui vissero,

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli

Struttura del castello I fossati

Struttura del castello I fossati P robabilmente il castello ebbe origine come ampliamento delle torri che erano costruzioni molto massicce, isolate e situate di solito in posti strategici. I castelli erano circondati da possenti mura

Dettagli

Gli Animali della Preistoria

Gli Animali della Preistoria Gli Animali della Preistoria Lynx lynx Lince Hippopotamus amphibius - Ippopotamo anfibio Coelodonta antiquitatis Rinoceronte lanoso Ursus spelaeus Orso delle caverne Felis silvestris Gatto selvatico Mammuthus

Dettagli

GLOSSARIO DI GEOGRAFIA

GLOSSARIO DI GEOGRAFIA Acqua dolce: l acqua del fiume non ha tanti sali, per questo non è salata, è acqua dolce. Aeroporto: è il luogo dove partono e arrivano gli aerei. Affluente: è un fiume piccolo che entra in un fiume grande.

Dettagli

LE SALE ED I REPERTI

LE SALE ED I REPERTI LE SALE ED I REPERTI SALA 1 I pastori del Bronzo Finale X secolo a.c. Il Chianti 3000 anni fa Sulla collina di Poggio La Croce, a Radda in Chianti, sede di uno scavo etrusco iniziato nel 1989, durante

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

Museo e Parco archeologico di Cecina Coop. Capitolium, Il Cosmo, Itinera Tel/fax 0586/769022, mobile 340/1446885

Museo e Parco archeologico di Cecina Coop. Capitolium, Il Cosmo, Itinera Tel/fax 0586/769022, mobile 340/1446885 Alla cortese attenzione Direzione Didattica I Circolo Direzione Didattica II Circolo Direzione Scuola Media Statale G. Galilei Progetto Archeologia PIA - A. S. 2009-2010 Anche per l anno scolastico 2009-2010,

Dettagli

STORIA PER CLASSE TERZA

STORIA PER CLASSE TERZA STORIA PER CLASSE TERZA Il presente file riporta alcuni testi semplificati di storia di classe terza per una bambina che conosce discretamente l italiano. Tali testi riguardano la preistoria, compresa

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti:

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti: Museo Nazionale Preistorico Etnografico L. Pigorini w w w.pigorini/beniculturali.it Scuola dell infanzia Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell infanzia, per dare

Dettagli

Lo speleologo del 2000

Lo speleologo del 2000 Lo speleologo del 2000 di MARINO SEMERARO 3 Circolo Didattico Chiarelli, Martina Franca (TA) L ambiente si trasforma ripercorriamone le tappe Annualità 2009-2010 Che cos è la speleologia? A cosa serve

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Il Museo Archeologico dell Alto Mantovano, fondato nel 1967 e allestito a cura del Gruppo Archeologico Cavriana,

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2 di: Alfonsina Russo La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO Venosa: Loreto-Notarchirico Il Parco Paleolitico di Loreto-Notarchirico è ubicato in prossimità del

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

Servizi per la didattica 2014/2015

Servizi per la didattica 2014/2015 Servizi per la didattica 2014/2015 Servizio didattico Tel. 06-49913924 Fax 06-49913653 Dott.ssa La Marca: 349-2360256 Dott.ssa Savino: 320-4871773 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL ANTICHITÀ Sulle orme della

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

Nave da carico. Nave da guerra

Nave da carico. Nave da guerra I Fenici I commerci fenici L'espansione fenicia trasse origine dai commerci, che i Fenici praticavano su tutte le coste mediterranee. Si erano mossi sulle rotte aperte dai Micenei alla ricerca di metalli

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte Corso di Storia delle Arti visive 2. L origine dell arte 1 Il mondo antico: l origine dell arte L arte figurativa del Paleolitico ha lo scopo di favorire la caccia per cui vengono rappresentati prevalentemente

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo CAMPO PIANELLI il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo Il 5 di ottobre del 1875, i membri della neonata Sezione Alpinisti dell Enza si recarono a Castelnovo ne Monti e, sotto la guida

Dettagli