MINIGUIDE PAGAMENTI INTERNAZIONALI. di Luca De Stefani. di Antonio di Meo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINIGUIDE PAGAMENTI INTERNAZIONALI. di Luca De Stefani. di Antonio di Meo"

Transcript

1 MINIGUIDE PAGAMENTI INTERNAZIONALI di Luca De Stefani di Antonio di Meo collana mini guide oggi per le e domani imprese imprenditore Dicembre Aprile

2

3 mini guide per le imprese PAGAMENTI INTERNAZIONALI di Antonio di Meo

4 Versione on line disponibile su: Tutti i diritti di traduzione e riproduzione sono riservati. L utilizzo anche parziale del testo della presente guida dovrà essere autorizzato dalla Camera di Commercio di Padova e dall'autore Antonio Di Meo, compresi adattamenti totali o parziali e con qualsiasi mezzo (compresi copie fotostatiche, film didattici e i microfilm).

5 PRESENTAZIONE La propensione all export è una delle caratteristiche delle aziende padovane che si trovano ora però a competere su mercati internazionali sempre più difficili, concorrenziali ed in continua evoluzione. Uno dei problemi che le aziende affrontano giornalmente nei rapporti con l estero è quello dei pagamenti come è emerso dai seminari e corsi organizzati nel 2007 in collaborazione dalle due speciali della Camera di Padova, PromoPadova e PadovaPromex sui mancati pagamenti all estero, crediti documentari e le lettere di credito. Questa guida vuole essere uno strumento operativo e schematico per dare le informazioni di base sui pagamenti internazionali senza la pretesa di essere un trattato completo sull argomento, ma fornendo comunque informazioni su caratteristiche, contenuti, vantaggi, rischi, costi e punti di attenzione dei vari strumenti di pagamento, nell ottica di un servizio di utilità pratica per le imprese. Dicembre 2008 Il Presidente della Camera di Commercio di Padova Roberto Furlan 5

6

7 INDICE 1. INTRODUZIONE PREMESSA 1.1 RISCHI DELLA VENDITA CON L ESTERO 1.2 COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE 1.3 CONDIZIONI DI PAGAMENTO 2. QUANDO PAGARE 2.1 IN VIA ANTICIPATA 2.2 IN VIA POSTICIPATA 2.3 IN VIA CONTESTUALE 3. FORME DI PAGAMENTO 3.1 IL BONIFICO BANCARIO 3.2 L ASSEGNO BANCARIO 3.3 IL LOCK BOX 3.4 L INCASSO DOCUMENTARIO 3.5 L INCASSO SEMPLICE 3.6 IL PAGHERÒ CAMBIARIO INTERNAZIONALE (PROMISSORY NOTE) 3.7 LA CAMBIALE TRATTA INTERNAZIONALE (BILL OF EXCHANGE) 3.7 LA LETTRE DE CHANGE RELEVÉ (LCR) 3.8 L INCASO ELECTRONICO DE EFECTO (IEF) 3.9 IL LASTSCHRIFTEN (BANK LASTSCHRIFTEN) 3.10 IL CREDITO DOCUMENTARIO 3.11 LA STAND BY LETTER OF CREDIT 4. GARANZIE BANCARIE INTERNAZIONALI 4.1 LA RICHIESTA DI EMISSIONE DI GARANZIA BANCARIA 4.2 LA GARANZIA DI PAGAMENTO (PAYMENT GUARANTEE) 4.3 LA GARANZIA DI RESTITUZIONE (ADVANCE PAYMENT BOND) 4.4 LA GARANZIA DELL OFFERTA (BID BOND) 4.5 LA GARANZIA DI BUONA ESECUZIONE (PERFORMANCE BOND) SISTEMI DI PAGAMENTO 5.1 SWIFT (SOCIETY FOR WORLD-WIDE INTERBANKING FINANCIAL TELECOMUNICATIONS) 5.2 T.A.R.G.E.T. (TRANS- EUROPEAN AUTOMATED REAL-TIME GROSS SETTLEMENT EXPRESS TRANSFER SYSTEM) 5.3 E.B.A. (EURO BANKING ASSOCIATION) 5.4 SEPA (SINGLE EURO PAYMENTS AREA) 5.5 IBAN E BIC UTILIZZO OBBLIGATORIO PROFILO AUTORE BIBLIOGRAFIA

8

9 1. INTRODUZIONE PREMESSA DELL AUTORE Questa Guida si propone di fornire alcune informazioni base relative alle forme di pagamento utilizzate nel commercio internazionale. Per fare questo abbiamo ritenuto di trattare la materia in modo schematico al fine di favorire una consultazione pratica e, nel contempo, una applicazione efficace. I singoli argomenti saranno, pertanto, sviluppati in schede contenenti la spiegazione (che cos è), la funzione, le caratteristiche, l articolazione, i contenuti, i punti di attenzione, i rischi, i costi, i vantaggi e la normativa di riferimento. Prima di introdurci nell esame delle singole forme di pagamento, delle modalità di pagamento e degli strumenti di garanzia internazionale, riteniamo necessario focalizzare l attenzione sui principali rischi che un impresa si trova ad affrontare nello sviluppo di una trattativa commerciale con l estero e sugli aspetti più salienti di una compravendita internazionale. 1.1 RISCHI DELLA VENDITA CON L ESTERO La rischiosità di un operazione di fornitura nasce come somma dei rischi presenti nelle fasi della trattativa commerciale. A prescindere dal rischio di cambio (a cui l impresa può far fronte con operazioni di copertura a termine oppure con altri strumenti di copertura più sofisticati), è relativamente agevole raggruppare le fasi della trattativa commerciale in due periodi distinti e, conseguentemente, evidenziare, per ciascuno, la tipologia di rischio connessa. Più precisamente: 1. Fase compresa tra il contratto e la consegna della merce In questo periodo si affrontano i rischi connessi con la sospensione o la revoca della commessa e con il mancato ritiro della merce. È opportuno tutelarsi contro tali rischi facendosi rilasciare dal cliente un acconto significativo, così da scoraggiare successivi ripensamenti. Tale comportamento diventerà pressoché obbligato per la fornitura di impianti, di macchine o di altri beni personalizzati che, nel caso di mancato ritiro da parte del cliente, non sarebbero vendibili ad altri. Di fronte alle prevedibili difficoltà che il cliente facesse per rilasciare acconti elevati, è possibile trovare una forma di accordo tramite il rilascio di una garanzia (bancaria o assicurativa) a fronte dell acconto stesso (detta advance payment bond ), per il buon funzionamento dell impianto (detta performance bond ) o per la semplice partecipazione ad una gara 9

10 d appalto (detta bid bond ). È bene però ricordare che, in questi casi, si affronta l ulteriore rischio della escussione arbitraria delle garanzie (che sono sempre autonome rispetto al contratto ed escutibili a semplice richiesta scritta). È buona norma, pertanto, specialmente quando gli importi diventano rilevanti, valutare una copertura assicurativa presso Sace, che rappresenta l organismo pubblico per l assicurazione del credito all esportazione. Vale inoltre la pena ricordare che, nella fase successiva alla determinazione del prezzo, è sempre presente il rischio di un aumento nei costi di produzione, a fronte del quale è parzialmente possibile tutelarsi prevedendo specifiche clausole di revisione dei prezzi; 2. Fase riguardante la definizione della condizione di pagamento Tale momento diventa significativo nei casi in cui il fornitore concede al cliente una dilazione di pagamento e, perciò, decide di posticipare l incasso rispetto alla consegna del bene. In questo modo il venditore si assume, oltre ai rischi esposti in precedenza, anche quelli connessi con le operazioni di credito. In altre parole, il cliente potrebbe non pagare la fornitura. Si parla di rischio commerciale quando il mancato pagamento ha la causa nell ambito del rapporto cliente/fornitore (contestazione sulla merce, insolvenza del debitore, ecc...). Quando invece il pagamento è impedito, nonostante la solvibilità del debitore e la sua volontà di adempiervi, da particolari situazioni politiche (guerre, sommosse, rivoluzioni, eventi di forza maggiore, ecc...) o economiche (per esempio, un blocco dei pagamenti verso l estero disposto dallo Stato del debitore), si parla di rischio paese. In entrambi i casi, è possibile contenere i rischi richiedendo al cliente una garanzia bancaria a proprio favore, emessa da una banca di sicura solvibilità e di un paese non a rischio che garantisca il pagamento in caso di mancato adempimento da parte dell obbligato principale. Tale garanzia, per risultare efficace, dovrà essere autonoma rispetto al contratto di fornitura (per impedire che contestazioni sulla merce blocchino l impegno della banca), irrevocabile, incondizionata e vincolante al pagamento dietro semplice richiesta. In alternativa, rispetto alla lettera di garanzia, è opportuno accordarsi con il cliente per l apertura di un credito documentario. Tale forma di pagamen- 10

11 to richiede però molta attenzione ed esperienza in quanto gli accordi tra le parti devono essere assolutamente chiari ed i documenti da presentare per ottenere l incasso devono essere redatti con grande precisione. Uno strumento ulteriore per affrontare il rischio di mancato incasso è rappresentato dall assicurazione dei crediti, rivolgendosi a compagnie di Assicurazione di estrazione privata oppure a compagnie di estrazione pubblica, tra le quali si ricordano Sace, la Società di assicurazione dei crediti all esportazione. 1.2 COMPRAVENDITA INTERNAZIONALE Il mercato internazionale presenta alcune specificità sulle quali è bene riflettere in anticipo onde evitare di trovarsi in situazioni particolarmente complesse o conflittuali. La fornitura verso clienti esteri comporta, infatti, il sorgere di difficoltà ulteriori rispetto a quelle che si presentano con clienti domestici. Si pensi, a puro titolo esemplificativo, alle problematiche legate all uso di lingue diverse, alle difficoltà nel reperire informazioni sul paese di residenza del cliente e sul cliente stesso, alle differenti abitudini e normative in campo commerciale, nonché ai problemi connessi all uso di monete diverse. La gestione dei rapporti commerciali in campo internazionale richiede sistematicità ed integrazione tra le diverse aree aziendali (commerciale, amministrativa, finanziaria, produttiva, logistica, ecc.). Sarebbe opportuno, pertanto, che l impresa, in occasione di forniture sui mercati esteri, elaborasse una sorta di check list per assicurarsi di non aver lasciato indefinito qualche aspetto contrattuale. In particolare, risulta importante regolare chiaramente, in forma scritta: l oggetto del contratto, con indicazione delle specifiche tecniche del bene oggetto della compravendita, delle eventuali tolleranze e del tipo di imballaggio; l importo e la moneta di fatturazione. In epoche non remote, la possibilità di realizzare utili su cambi in conseguenza delle cosiddette svalutazioni competitive era, per le aziende che fatturavano in valuta forte, un elemento di appetibilità notevole. Con l introduzione della moneta unica, i margini di manovra in questo campo si sono notevolmente ridotti. Resta invece sempre valida la considerazione che la fatturazione 11

12 in moneta forte consente un più facile smobilizzo dei crediti. Fatturare, inoltre, in moneta forte permette di finanziarsi nella stessa valuta, a tassi normalmente più bassi e senza affrontare il rischio di cambio in quanto l incasso della valuta relativa alla vendita viene utilizzata per estinguere il finanziamento; la definizione del significato attribuito a determinati termini adottati nel contratto come, ad esempio, il fatto che qualsiasi termine di resa della merce sarà interpretato secondo quanto stabilito dalla Camera di Commercio Internazionale di Parigi (Incoterms), o che cosa si intende per spedizione della merce; quando il contratto entrerà in vigore o, ancora, quali le condizioni affinché le parti possano adempiere ai propri obblighi contrattuali; le garanzie offerte dal venditore sulla merce, i limiti e la durata di tali garanzie, i tempi e i modi per avanzare eventuali reclami, le modalità di risarcimento in caso di accertata legittimità del reclamo; i casi di forza maggiore, l eventuale riserva di proprietà, la lingua ufficiale del contratto; il trasporto ed i termini di resa. L importanza di questi elementi contrattuali è decisiva, in termini di economicità dell operazione, di sicurezza dell incasso, di eliminazione di potenziali controversie; la documentazione: è necessario avere assoluta certezza di poter produrre tutti i documenti che verranno richiesti (visti consolari, certificati sanitari, ecc.) e conoscere esattamente la normativa import-export del paese interessato (visti doganali all importazione, divieti ed autorizzazioni); la legge applicabile al contratto, per definire, in caso di controversia, quale legge dovrà essere applicata; il foro competente e la possibilità di accedere a forme di arbitrato in caso di controversie non sanabili in via amichevole o con forme di conciliazione; la condizione di pagamento. 12

13 1.3 CONDIZIONI DI PAGAMENTO Dalle brevi considerazioni svolte nelle pagine precedenti risulta evidente che è possibile affrontare le problematiche legate ai pagamenti in modi assai diversi. Purtroppo, non sempre le imprese possono scegliere la soluzione più sicura, in quanto frequentemente essa rappresenta la più costosa per il cliente o perché le diverse esigenze aziendali portano ad imboccare strade già note o spesso obbligate. Niente di male in questo. Ciò che conta è sapere esattamente quali vantaggi, quali rischi e quali costi ogni scelta comporta. Ogni contratto di compravendita internazionale, infatti, dovrebbe regolare in modo chiaro gli accordi per quanto attiene il pagamento del prezzo, definendo esattamente: il momento in cui verrà effettuato il pagamento della fornitura ( quando pagare); il modo con cui avverrà il trasferimento dei fondi (sistema di pagamento); la moneta di pagamento ( in che moneta pagare); il luogo di pagamento ( dove pagare); le banche che interverranno nell operazione; la forma tecnica di pagamento che sarà utilizzata. Moneta, luogo, banche Per quanto riguarda in che moneta pagare, dove pagare e le banche che interverranno nell operazione ci limitiamo semplicemente a specificare quanto gli operatori economici sanno bene, vale a dire che, quando si opera con una controparte estera, occorre concordare in quale moneta fissare il prezzo della vendita, tenendo ben presente che, diversamente dall euro, si sarà esposti al rischio di cambio. Il rischio, cioè, di incassare una quantità di unità di conto nazionale inferiore a quella attesa (per l esportatore) oppure di dover utilizzare (per l importatore) una quantità di moneta nazionale superiore a quella prevista. 13

14 Come conseguenza di quanto sopra la fatturazione potrà avvenire: in unità di conto nazionale (Euro); nella moneta della controparte estera; in altra moneta. Con riferimento al luogo di pagamento, lo stesso avviene tramite sistema bancario internazionale e, cioè, tramite le banche che hanno instaurato tra di loro una serie di rapporti di conto reciproco o, almeno, di corrispondenza, per le operazioni in ambito extra Unione Europea, mentre per i pagamenti tra i 27 Paesi membri dell Unione Europea più Irlanda, Lienchtestein, Norvegia e Svizzera i pagamenti verranno veicolati attraverso piattaforme create appositamente dal sistema bancario europeo che movimentano sistemi di compensazione transeuropea. Il luogo in cui dovrà essere pagato quanto dovuto, potrà essere presso: la banca del venditore; la banca del compratore; una banca terza. Momento di pagamento Riguardo al momento in cui dovrà avvenire il pagamento, le parti potranno concordare che lo stesso sia effettuato prima, dopo o contestualmente alla consegna della merce. Si parlerà, dunque, di pagamento: in via anticipata in via posticipata in via contestuale Forme di pagamento Le diverse forme di pagamento in uso nel commercio internazionale sono, invece, le seguenti: 14

15 il bonifico bancario ( banker s swift transfer or transmission oppure bank transfer via Swift); la rimessa di assegni bancari ( check or cheque); il Lock box system; l incasso documentario ( documents against payment); l incasso semplice di effetti e/o ricevute bancarie ( clean collection); la Lettre de change relevè ( LCR) - Francia; l incaso electronico de efecto ( IEF) - Spagna; il Banklastschrift - Germania, Austria; il pagherò cambiario internazionale ( promissory note); la cambiale tratta internazionale ( bill of exchange); l apertura di credito documentario ( documentary credit). La scelta di una delle forme di pagamento sopra indicate impone agli operatori economici e, in particolare all esportatore, di seguire alcune regole nella definizione della condizione di pagamento al fine di governare meglio il livello di rischio circa l incasso del credito da parte del venditore, che varia a seconda degli argomenti fissati nel contratto e di alcune situazioni che, qui di seguito, riportiamo: il tempo concordato per il pagamento; il luogo previsto per il pagamento; il termine con cui viene resa la merce ( FOB, CIF o altro termine Incoterms 2000); le banche che intervengono nell operazione; le normative interne e le consuetudini del Paese importatore; 15

16 l affidabilità della controparte estera (Rischio commerciale); la situazione politico-economica del Paese in cui risiede la controparte (rischio Paese); il grado di sicurezza insito, appunto, nella forma tecnica prescelta per il pagamento della fornitura; la possibilità di attivare una copertura del rischio di credito sia esso solo commerciale o anche politico. Per favorire una corretta definizione della forma di pagamento si suggerisce alla clientela di seguire alcune regole operative che riportiamo di seguito e che riteniamo utili per affrontare il Rischio di Credito e per non lasciare nulla al caso nella negoziazione di un contratto con l estero: informarsi circa l affidabilità e la solvibilità della controparte estera e/o del proprio partner; non lasciare alla controparte estera piena discrezionalità di scegliere e definire la condizione di pagamento; andare alla trattativa con la controparte estera già preparato circa le possibili soluzioni di pagamento; definire in modo preciso la forma tecnica di pagamento usando una terminologia appropriata; concordare, nel caso di credito documentario, il contenuto/articolazione dello stesso e la data entro cui dovrà essere notificato; concordare la data entro cui dovrà pervenire l eventuale garanzia bancaria e/o la Stand by Letter of credit ed il loro contenuto; fissare il tempo (la scadenza) in cui il pagamento dovrà essere effettuato e le modalità del relativo trasferimento valutario; indicare la banca presso cui dovrà pervenire il pagamento dall estero, precisandone le coordinate bancarie (IBAN, BIC Code, ecc.); informarsi circa la banca che l acquirente estero utilizzerà per il trasferimento; 16

17 precisare chi dovrà pagare le spese e le commissioni bancarie (banca italiana e banca estera) relative all operazione oggetto della trattativa; valutare la moneta/divisa contrattuale per gestire, poi, l eventuale rischio di cambio; ricordarsi che, nel caso in cui la transazioni sia espressa in valuta estera, la stessa sarà negoziata dalla banca al cambio del giorno di negoziazione; non dimenticare le dirette implicazioni che la condizione di pagamento ha con i termini di consegna della merce (Ex works, Fca, Fob, Cfr, Cif, ecc.) e con i documenti, soprattutto nei pagamenti contro presentazione degli stessi (incassi e crediti documentari); dare forma scritta agli accordi presi utilizzando testi standard da adattare di volta in volta alle singole operazioni. Sistemi di pagamento Indipendentemente dalla forma di pagamento che si adotterà, il sistema internazionale, in particolare, ha utilizzato sistemi di pagamento che permettono di veicolare i regolamenti tra una banca e l altra nel modo più sicuro e veloce possibile e con un linguaggio uniforme. I sistemi di pagamento esistenti che andremo ad analizzare sono i seguenti: Swift (Society for World-wide Interbanking Financial Telecomunications); Target (Trans- european Automated Real-time Gross settlement Express Transfer system); Eba (Euro Banking Association); Sepa (Single Euro Payments Area). Fatte queste considerazioni di carattere generale ci apprestiamo ad esaminare nel dettaglio quanto segue: il momento del pagamento, quando, cioè, pagare le singole forme di pagamento i sistemi di pagamento. 17

18

19 2. QUANDO PAGARE 2.1 IN VIA ANTICIPATA Per il venditore è certamente la condizione da preferire in quanto, con il pagamento anticipato, il compratore trasferisce l importo relativo alla compravendita prima di ricevere la merce. Il venditore spedirà, così, la merce ordinata dal compratore soltanto quando l importo relativo alla fornitura sarà stato accreditato sul conto corrente allo stesso intestato. Il rischio, così, è totalmente a carico del compratore, in quanto non ha la certezza che gli sarà spedita la merce, nella data e nel luogo concordato e se la riceverà conformemente agli standard tecnici e alle caratteristiche stabilite nel contratto. Il compratore, che si trovi in questa situazione, potrebbe, comunque, cautelarsi dal suddetto rischio richiedendo all azienda di far aprire a suo favore, da una banca primaria, prima del trasferimento dell importo, una garanzia a tutela dell esborso che effettuerà. Si tratta di una garanzia di restituzione dell importo pagato in via anticipata in caso di non spedizione della merce. Viene denominata «advance payment bond». 2.2 IN VIA POSTICIPATA È la situazione che preferisce il compratore, in quanto riceve la merce ordinata prima di eseguire il trasferimento dei fondi a favore del venditore. In questo modo, è sul venditore che gravano tutti i rischi in quanto produce la merce, la mette a disposizione del compratore nel luogo e nei termini concordati e la spedisce fino a destinazione. Con il pagamento posticipato rispetto alla spedizione della merce, il venditore corre il rischio che il compratore non paghi o paghi in ritardo. È senz altro la modalità di pagamento più diffusa e, proprio per i rischi a cui l esportatore è esposto, è necessario che la definizione della condizione di pagamento sia effettuata con attenzione per minimizzare i suddetti rischi. 19

20 2.3 IN VIA CONTESTUALE Il pagamento contestuale, comunemente conosciuto con il termine contrassegno, si ha quando il regolamento del prezzo della fornitura avviene contestualmente alla consegna della merce: questa forma di pagamento è molto conosciuta anche come cash on delivery - in sigla C.O.D. In questo caso il venditore incarica uno spedizioniere di consegnare la merce solo se riceverà per la stessa: banconote, oppure un assegno bancario o un assegno circolare, oppure un pagherò cambiario, oppure la firma di accettazione su di una tratta, oppure una dichiarazione bancaria di ricevimento di ordine di pagamento a favore del venditore, oppure una dichiarazione bancaria di blocco dei fondi, oppure un attestazione bancaria di avvenuto trasferimento dei fondi, irrevocabile e condizionata a favore del venditore Fra le possibilità sopra elencate, soltanto l ultima (l attestazione bancaria di avvenuto trasferimento dei fondi o il ritiro di un assegno circolare emesso da primaria banca) assicura il pagamento della fornitura. 20

21 3. FORME DI PAGAMENTO 3.1 IL BONIFICO BANCARIO CHE COS È Il bonifico bancario consiste nel trasferimento di un importo eseguito da una banca su istruzioni del debitore/ordinante, ad una banca corrispondente nel Paese del beneficiario, con l invito ad effettuare a quest ultimo un pagamento incondizionato. FUNZIONE Il trasferimento di qualsiasi somma di denaro riguardante qualsiasi tipo di operazione sottostante di carattere mercantile, non mercantile, finanziaria o di tipo compensativa, da un soggetto ad un altro per il tramite del canale bancario. CARATTERISTICHE Il bonifico bancario viene effettuato via SWIFT (swift transfer - ST 1 ), oppure, anche se più raramente, per posta (mail transfer - MT); è, di norma, irrevocabile e definitivo; può riguardare qualsiasi importo, sia di entità modeste che di valore elevato; ha costi estremamente contenuti; il compratore di un bene e/o di un servizio, al momento in cui matura l impegno del pagamento, dà disposizione alla propria banca di accreditare l importo della fornitura a favore di un beneficiario presso la banca dallo stesso indicata; la banca che riceve l ordine di pagamento, sulla base delle istruzioni ricevute dal proprio cliente, dopo aver accertato l esistenza dei fondi e/o la 1. Vedi informazioni più dettagliate sul SWIFT a pagina

22 disponibilità del fido, provvederà, a seconda dei casi, ad addebitare il conto corrente dello stesso, oppure ad accendergli un finanziamento in euro e/o in valuta oppure ad addebitargli il conto in valuta, oppure a ritirare il contante (banconote) necessario per effettuare il trasferimento; accertata, quindi, l esistenza dei fondi e/o la disponibilità del fido, la banca trasferisce l importo, generalmente via swift, alla banca corrispondente, istruendola di effettuare il pagamento a favore del beneficiario; la banca che, invece, riceve i fondi, accredita il beneficiario avvisandolo dell operazione eseguita; il trasferimento dell importo a favore del beneficiario, avviene con la movimentazione dei conti in valuta che le banche di tutto il mondo scambiano tra di loro e che sono conosciuti con il termine di conti nostro se espressi in valuta estera, oppure conti loro se in euro. In ambito UEM i bonifici in euro vengono inviati direttamente alla banca del beneficiario facendo transitare i fondi attraverso il Sistema delle Banche Centrali Europee (SEBC) che gestisce il sistema Target - Transeuropean Automated Real Time Gross Settlement Express Transfer (Trasferimento espresso transeuropeo automatizzato dai regolamenti lordi in tempo reale). DISPOSIZIONE DI PAGAMENTO La disposizione di pagamento a favore dell estero (bonifico bancario) viene sottoscritta dall ordinante su modelli appositamente predisposti dalle banche al fine di raccogliere le richieste di ordini di pagamento a favore dell estero che saranno eseguite dalla banca nel rispetto delle istruzioni ricevute e sempre che siano presenti i presupposti per dare corso all ordine medesimo. DATI CONTENUTI L indicazione della disposizione di pagamento a favore dell estero; le istruzioni circa l addebito dell importo che potranno prevedere l addebito del conto corrente n., l accensione di un finanziamento ad una data scadenza, l addebito di un conto in valuta o la consegna dei contanti necessari al pagamento; l indicazione del beneficiario e del suo indirizzo a favore del quale va trasferito l importo; 22

23 l indicazione della banca del beneficiario presso la quale deve essere trasferito l importo a favore dello stesso; l indicazione di tutte le coordinate bancarie (IBAN - International Bank Account Number, SWIFT - Society for worldwide interbank financial telecommunication, ecc.); l indicazione della causale valutaria cioè se trattasi di pagamento di fattura d acquisto merci, di provvigioni da versare o altro; l importo in cifre e in lettere con il codice della divisa; l indicazione di chi si fa carico delle spese e commissioni bancarie; la firma dell ordinante. ARTICOLAZIONE Un azienda italiana riceve ordine di acquisto da compratore svizzero con pagamento a mezzo bonifico bancario pagabile a 30 giorni dalla data di spedizione della merce; 1. ricevuta la merce e trascorsi i 30 giorni, il compratore svizzero darà disposizione alla propria banca di accreditare l importo della fornitura a favore del venditore italiano presso la banca da quest ultimo indicata; 2. la banca svizzera, accertato che l acquirente abbia i fondi per pagare, trasferirà la somma, addebitando al suo cliente l ammontare della fornitura e, nel contempo, dando istruzioni alla banca italiana di bonificare l importo al venditore; 3. quando la banca italiana (con cui il venditore intrattiene rapporto di conto) riceverà i fondi, accrediterà il venditore avvisandolo dell operazione eseguita; 4. a questo punto il ricavo è definitivo. 23

24 PUNTI DI ATTENZIONE Precisare in che data dovrà essere effettuato il bonifico bancario; concordare con il cliente il modo di trasmissione, meglio lo swift; fornire al proprio cliente le coordinate bancarie internazionali e cioè, il codice IBAN e il codice identificativo della Banca (Bic Code - Bank Identification Code); indicare la causale del pagamento, cioè a che titolo viene effettuato il pagamento; verificare in anticipo che la banca dell importatore intrattenga rapporto di corrispondenza o possa scambiare le chiavi di controllo con la propria banca; ricordarsi che, in ambito UEM, fino all importo di ,00, le commissioni, cosiddette di intervento, non sono dovute; accordarsi con il compratore sulla suddivisione delle spese (di norma ognuno si accolla quelle della propria banca) specificando la ripartizione con l acronimo inglese Share ; ricordarsi che l articolazione di un bonifico bancario dipende da come viene canalizzato il trasferimento dell importo, a seconda, cioè, se lo stesso giunga al beneficiario direttamente tramite banca corrispondente della banca del beneficiario oppure tramite banca non corrispondente, intermediaria; al fine di tutelarsi dal rischio di mancato pagamento, non trascurare mai che l iniziativa di impartire le istruzioni per il pagamento a mezzo bonifico bancario, è sempre del debitore, che potrebbe non disporre o ritardare di disporre il pagamento a favore del beneficiario. RIFERIMENTI NORMATIVI Direttiva 95/7/CE del 27/01/1997 relativa agli ordini di pagamento internazionali: I bonifici transfrontalieri; Regolamento CE 2560/2001 in applicazione alla Direttiva 95/7/CE, in vigore dal 01/07/

25 3.2 L ASSEGNO BANCARIO (check / cheque) CHE COS È L assegno bancario costituisce un ordine disposto da un soggetto(traente, in inglese drawer) nei confronti di una banca (trattario, in inglese drawee) indicata sullo stesso, di pagare a vista una somma determinata all ordine di un beneficiario, nominativamente indicato, oppure, semplicemente all ordine, contro addebito su di un conto corrente intrattenuto con la banca medesima. FUNZIONE La sua funzione è quella di legittimare il portatore dell assegno a presentarsi ad una banca al fine di ottenere il pagamento dell importo iscritto sulla faccia dell assegno, indipendentemente dal tipo di operazione sottostante per la quale il medesimo è stato emesso. CARATTERISTICHE A seconda della disciplina giuridica in materia vigente nei singoli Paesi, l assegno bancario può essere considerato un titolo di credito (Paesi di civil law) oppure un negotiable instrument 2 (Paesi di common law); può essere considerato titolo esecutivo che permette la possibilità di esercitare un eventuale azione di regresso senza una preventiva sentenza del giudice oppure (a seconda della disciplina vigente nei singoli Paesi), privo dell esecutività che implica la necessità di ottenere una sentenza del giudice per esercitare un azione di regresso; l autonomia, che ne fa uno strumento indipendente dal contratto sottostante da cui trae origine, almeno per i paesi che hanno sottoscritto (o si sono uniformati) alle convenzioni di Ginevra degli anni Trenta; l astrattezza, in quanto ha valore ed efficacia indipendentemente dalla causa che l ha originato; 2. Strumento di negoziazione privo delle caratteristiche giuridiche di autonomia e astrattezza tipico dei titoli di credito (vedi Convenzione di Ginevra) 25

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Pagamenti Internazionali 2

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Pagamenti Internazionali 2 UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini Pagamenti Internazionali 2 CheckList per pagamenti Verifica di affidabilità/solvibilità controparte Scelta (o preferenza) per soluzione di pagamento da portare in

Dettagli

i n t r o d u z i o n e

i n t r o d u z i o n e Università degli Studi di Bergamo lezioni 12, 13 e 14 I PAGAMENTI INTERNAZIONALI i n t r o d u z i o n e caratteristiche dei pagamenti dove quando come i rischi del credito i regolamenti semplici i pagamenti

Dettagli

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale Pagamenti Internazionali

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale Pagamenti Internazionali UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale Pagamenti Internazionali Pagamenti internazionali Obiettivo: Sicurezza nell ottenere il pagamento (entità,

Dettagli

IL PASSAPORTO PER IL TUO BUSINESS. CiviInternational. Prodotti e servizi per il commercio internazionale. www.civibank.it

IL PASSAPORTO PER IL TUO BUSINESS. CiviInternational. Prodotti e servizi per il commercio internazionale. www.civibank.it IL PASSAPORTO PER IL TUO BUSINESS CiviInternational Prodotti e servizi per il commercio internazionale www.civibank.it PRODOTTI E SERVIZI PER IL COMMERCIO INTERNAZIONALE I mercati esteri rappresentano,

Dettagli

Regolamenti e Finanziamenti nel commercio internazionale. Prof. Michele Rutigliano

Regolamenti e Finanziamenti nel commercio internazionale. Prof. Michele Rutigliano Regolamenti e Finanziamenti nel commercio internazionale Prof. Michele Rutigliano 1 ESTERO MERCI RISCHI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE INCASSO DOCUMENTARIO CREDITO DOCUMENTARIO 2 RISCHIO CONTRAENTE PER L

Dettagli

PAGAMENTI INTERNAZIONALI

PAGAMENTI INTERNAZIONALI PAGAMENTI INTERNAZIONALI Dott. Antonio Di Meo www.studiodimeo.com AGENDA Condizioni di pagamento nella vendita internazionale Bonifici bancari e assegni bancari Incassi documentari, incassi semplici ed

Dettagli

Metodi di pagamento negli scambi commerciali internazionali e recupero crediti all estero

Metodi di pagamento negli scambi commerciali internazionali e recupero crediti all estero Incontro informativo Metodi di pagamento negli scambi commerciali internazionali e recupero crediti all estero Milano, 12 ottobre 2010 Metodi di pagamento negli scambi commerciali internazionali e recupero

Dettagli

1. Stati Uniti: la revoca degli assegni bancari pag. 23 2. Assegno bancario: i paesi che hanno aderito alle Convenzioni del 30 e 31 pag.

1. Stati Uniti: la revoca degli assegni bancari pag. 23 2. Assegno bancario: i paesi che hanno aderito alle Convenzioni del 30 e 31 pag. ADEMPIMENTI VALUTARI 1. Quali gli adempimenti valutari pag. 2 2. Differenza fra operazioni canalizzate e decanalizzate pag. 4 3. Quando è dovuta la CVS pag. 4 4. CVS per importi pagabili a rate o per forniture

Dettagli

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Pagamenti Internazionali 3

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Pagamenti Internazionali 3 UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini Pagamenti Internazionali 3 CheckList per pagamenti Verifica di affidabilità/solvibilità controparte Scelta (o preferenza) per soluzione di pagamento da portare in

Dettagli

AREA DI SPECIALIZZAZIONE TECNICO DEL COMMERCIO ESTERO PAGAMENTI INTERNAZIONALI

AREA DI SPECIALIZZAZIONE TECNICO DEL COMMERCIO ESTERO PAGAMENTI INTERNAZIONALI AREA DI SPECIALIZZAZIONE TECNICO DEL COMMERCIO ESTERO PAGAMENTI INTERNAZIONALI a cura di Denisa Sefer Serigrafia Giovane e dinamica LEADER Innovazione & ricerca Vari modelli in base ai settori Stampa digitale:

Dettagli

RIMESSE DOCUMENTARIE E INCASSI ELETTRONICI DI L.C.R. (Lettre de Changhe Relevé)

RIMESSE DOCUMENTARIE E INCASSI ELETTRONICI DI L.C.R. (Lettre de Changhe Relevé) Foglio informativo riguardante RIMESSE DOCUMENTARIE E INCASSI ELETTRONICI DI L.C.R. (Lettre de Changhe Relevé) aggiornato al 1 ottobre 2015 Sezione 1: INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Banca di Credito

Dettagli

Foglio informativo n. 302/014. Operatività con l estero. Garanzie Internazionali.

Foglio informativo n. 302/014. Operatività con l estero. Garanzie Internazionali. Foglio informativo n. 302/014. Operatività con l estero. Garanzie Internazionali. Informazioni sulla banca. Banca Prossima S.p.A. Sede Legale e Amministrativa: Piazza Paolo Ferrari, 10-20121 Milano. Tel.:

Dettagli

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale Pagamenti Internazionali

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale Pagamenti Internazionali UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini Corso di Economia e Tecnica del Commercio Internazionale Pagamenti Internazionali Pagamenti internazionali Obiettivo: Sicurezza nell ottenere il pagamento (entità,

Dettagli

COD - CASH ON DELIVERY

COD - CASH ON DELIVERY COD - CASH ON DELIVERY Il pagamento contestuale o «cash on delivery» (COD) si ha quando il regolamento del prezzo della fornitura avviene contestualmente alla consegna della merce. In questo caso si incaricherà

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

C.C.I.A.A. di Vicenza. Le operazioni internazionali: i pagamenti ed il recupero del credito

C.C.I.A.A. di Vicenza. Le operazioni internazionali: i pagamenti ed il recupero del credito C.C.I.A.A. di Vicenza INCONTRI DI AGGIORNAMENTO Le operazioni internazionali: i pagamenti ed il recupero del credito Vicenza, 20 ottobre 2008 Che cos è il pagamento? Atto materiale, esecutivo dell obbligazione

Dettagli

Strumenti bancari a supporto dell internazionalizzazione delle Pmi offerti dalle Casse Rurali Trentine. Cavedine, 29 maggio 2014

Strumenti bancari a supporto dell internazionalizzazione delle Pmi offerti dalle Casse Rurali Trentine. Cavedine, 29 maggio 2014 Strumenti bancari a supporto dell internazionalizzazione delle Pmi offerti dalle Casse Rurali Trentine Cavedine, 29 maggio 2014 Approcciare i mercati esteri Conosco tutti i costi che sosterrò per arrivare

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4vb -Presentazione di documenti export Incasso o accettazione di effetti, documenti ed assegni estero

FOGLIO INFORMATIVO. 4vb -Presentazione di documenti export Incasso o accettazione di effetti, documenti ed assegni estero Pagina 1/5 FOGLIO INFORMATIVO 4vb -Presentazione di documenti export Incasso o accettazione di effetti, documenti ed assegni estero INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale:

Dettagli

CREDITI DOCUMENTARI E LETTERA DI CREDITO STAND-BY: CARATTERISTICHE E RISCHI

CREDITI DOCUMENTARI E LETTERA DI CREDITO STAND-BY: CARATTERISTICHE E RISCHI FOGLIO INFORMATIVO relativo a: CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA EMILVENETA S.P.A. Viale Reiter, 34 41121 - Modena Tel.: 059/235785 Fax: 059/4900498 [email:

Dettagli

pag. 56 le NUU 600 pag. 62 2.2.4. Nuove Norme ed Usi uniformi relativi ai crediti documentari:

pag. 56 le NUU 600 pag. 62 2.2.4. Nuove Norme ed Usi uniformi relativi ai crediti documentari: 1. CONSIDERAZIONI SUI PAGAMENTI INTERNAZIONALI 1.1. Gli aspetti generali sui pagamenti internazionali pag. 3 1.2. La definizione della condizione di pagamento pag. 6 1.2.1. Quando pagare pag. 6 1.2.2.

Dettagli

Alessandro Fichera 2001 http://web.tiscalinet.it/fichera

Alessandro Fichera 2001 http://web.tiscalinet.it/fichera / / / / Alessandro Fichera 2001 http://web.tiscalinet.it/fichera! #"%$&(')*+$,.- Una delle più grosse problematiche che gli operatori devono affrontare nelle vendite all estero è quella concernente il

Dettagli

Foglio informativo "ESTERO - SERVIZI DIVERSI"

Foglio informativo ESTERO - SERVIZI DIVERSI Foglio informativo "ESTERO - SERVIZI DIVERSI" Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica : Tercas - Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo S.p.A. Sede legale e amministrativa : C.so

Dettagli

TERMINI TECNICI PER DEFINIRE LA CONDIZIONE DI PAGAMENTO

TERMINI TECNICI PER DEFINIRE LA CONDIZIONE DI PAGAMENTO TERMINI TECNICI PER DEFINIRE LA CONDIZIONE DI PAGAMENTO Articoli a cura di Antonio Di Meo tratto da Fiscalità e Commercio Internazionale rivista mensile di IPSOA, n. 6 e 7 Giugno/Luglio 2012 Studio DI

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

SERVIZIO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS È IL SERVIZIO ESTERO. Aggiornato al 02 Gennaio 2013 n.1 1

SERVIZIO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS È IL SERVIZIO ESTERO. Aggiornato al 02 Gennaio 2013 n.1 1 SERVIZIO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO GIUSEPPE TONIOLO Via Sebastiano Silvestri n.113 - cap 00045 - Genzano di Roma (RM) Capitale e riserve al 31/12/2011-33.894.597 Tel.:

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

Bonifici nazionali ed esteri

Bonifici nazionali ed esteri BANCA PRIVATA INDIPENDENTE FONDATA NEL 1888 GENOVA FOGLIO INFORMATIVO Bonifici nazionali ed esteri Aggiornato al 1 gennaio 2014 (D.Lgs 1/9/93 n.385 Titolo VI, deliberazione CICR 4/3/2003 e relative disposizioni

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.15 ESTERO - INCASSI EXPORT - AGGIORNAMENTO AL 01/04/2013 INCASSI EXPORT

BANCO DI SARDEGNA - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.15 ESTERO - INCASSI EXPORT - AGGIORNAMENTO AL 01/04/2013 INCASSI EXPORT INCASSI EXPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in Sassari,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INCASSO DI ASSEGNI, EFFETTI E DOCUMENTI IN VALUTA ESTERA O IN EURO DI CONTO ESTERO

FOGLIO INFORMATIVO INCASSO DI ASSEGNI, EFFETTI E DOCUMENTI IN VALUTA ESTERA O IN EURO DI CONTO ESTERO INCASSO DI ASSEGNI, EFFETTI E DOCUMENTI IN VALUTA ESTERA O IN EURO DI CONTO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA: DENOMINAZIONE e FORMA GIURIDICA SEDE LEGALE SEDE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO TELEMATICO Banca delle

Dettagli

Norme uniformi della CCI (Camera Commercio Internazionale) relative agli incassi

Norme uniformi della CCI (Camera Commercio Internazionale) relative agli incassi Appendice 5 Norme uniformi della CCI (Camera Commercio Internazionale) relative agli incassi Sommario Disposizioni generali e definizioni Ambito di applicazione delle norme (NUI 522) Art. 1 Definizione

Dettagli

CHE SONO I CREDITI DOCUMENTARI, LETTERE DI CREDITO (SBLC), LETTERE DI GARANZIA, FINANZIAMENTI IMPORT-EXPORT, ANTICIPI FATTURE EXPORT

CHE SONO I CREDITI DOCUMENTARI, LETTERE DI CREDITO (SBLC), LETTERE DI GARANZIA, FINANZIAMENTI IMPORT-EXPORT, ANTICIPI FATTURE EXPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 - Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

CREDITO DOCUMENTARIO ESTERO

CREDITO DOCUMENTARIO ESTERO Aggiornato al 01/10/2015 N release 0002 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

I Rischi insiti nel commercio internazionale

I Rischi insiti nel commercio internazionale I Rischi insiti nel commercio internazionale Nel commercio internazionale esistono varie tipologie di rischio: occorre conoscerle per valutare quali coprire, quali cedere e quali accollarsi consapevolmente

Dettagli

TRASPARENZA BANCARIA FOGLIO INFORMATIVO SERVIZI ESTERO

TRASPARENZA BANCARIA FOGLIO INFORMATIVO SERVIZI ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca: Banca del Fucino S.p.A. Indirizzo: Via Tomacelli 139-00186 Roma Telefono: 06.68976.1 Fax: 06.68300129 Sito internet: www.bancafucino.it E-mail: info@bancafucino.net Codice

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

CHE COS'È IL CREDITO DOCUMENTARIO / LETTERA DI CREDITO STAND - BY

CHE COS'È IL CREDITO DOCUMENTARIO / LETTERA DI CREDITO STAND - BY INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca: CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI TREVISO CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede legale: VILLANOVA D ISTRANA (TV), via Monte Santo 6/A. Tel.: 0422 832237 - Fax: 0422 832419. Sede amministrativa

Dettagli

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.Lgs. 385 DEL 1/9/1993 DELIBERA CICR DEL 4/3/2003

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.Lgs. 385 DEL 1/9/1993 DELIBERA CICR DEL 4/3/2003 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE S.C.P.A. Sede Legale e amministrativa: via Tosco Romagnola n. 101/A Fornacette (PI). Tel. 0587281111 fax 0587281242. Codice ABI 08562.1 Iscritta all albo delle

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

CORSO DI DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

CORSO DI DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE CORSO DI DIRITTO DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE VI^ LEZIONE I sistemi di pagamento e le garanzie internazionali Docente: Dr. Gianni ANGELUCCI 1 I PAGAMENTI E LE GARANZIE INTERNAZIONALI Moneta e Strumenti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle OPERAZIONI OCCASIONALI

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle OPERAZIONI OCCASIONALI FOGLIO INFORMATIVO relativo alle OPERAZIONI OCCASIONALI INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Padana B.C.C. Società Cooperativa Via Garibaldi, 25-25024 Leno (BS) Tel.: 030 9040265/280 Fax: 030 9068361 e-mail:

Dettagli

Foglio informativo n. 303/018. Operatività con l estero. Rimesse Documentate e Servizio incasso assegni sbf.

Foglio informativo n. 303/018. Operatività con l estero. Rimesse Documentate e Servizio incasso assegni sbf. Foglio informativo n. 303/018. Operatività con l estero. Rimesse Documentate e Servizio incasso assegni sbf. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo

Dettagli

LE NUOVE NORME DELLA CAMERA DI COMMERCIO INTERNAZIONALE PER LE GARANZIE BANCARIE A PRIMA RICHIESTA (URDG PUBBLICAZIONE N. 758)

LE NUOVE NORME DELLA CAMERA DI COMMERCIO INTERNAZIONALE PER LE GARANZIE BANCARIE A PRIMA RICHIESTA (URDG PUBBLICAZIONE N. 758) LE NUOVE NORME DELLA CAMERA DI COMMERCIO INTERNAZIONALE PER LE GARANZIE BANCARIE A PRIMA RICHIESTA (URDG PUBBLICAZIONE N. 758) Seminario Palazzo Torriani - Udine 7 luglio 2010 1 La Pubblicazione n. 758

Dettagli

TRASPARENZA BANCARIA SE-SVESTERO Rel. 02 FOGLIO INFORMATIVO SERVIZI ESTERO

TRASPARENZA BANCARIA SE-SVESTERO Rel. 02 FOGLIO INFORMATIVO SERVIZI ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca: Banca del Fucino S.p.A. Indirizzo: Via Tomacelli 107-00186 Roma Telefono: 06.68976.1 Fax: 06.68300129 Sito internet: www.bancafucino.it E-mail: info@bancafucino.net Codice

Dettagli

CREDITO DOCUMENTARIO ESTERO

CREDITO DOCUMENTARIO ESTERO Data release 5/11/2013 N release 0016 Pagina 1 di 7 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale: P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Modalità di pagamento. 16121 Genova 20156 MILANO Tel. +39-010-57299.11 Tel. +39-02 3347681 Fax +39-010-541.453 Fax +39-02 33476831

Modalità di pagamento. 16121 Genova 20156 MILANO Tel. +39-010-57299.11 Tel. +39-02 3347681 Fax +39-010-541.453 Fax +39-02 33476831 Modalità di pagamento Iscotrans S.p.a. Iscotrans S.p.a. Via alla Porta degli Archi, 3 Via Triboniano,103 16121 Genova 20156 MILANO Tel. +39-010-57299.11 Tel. +39-02 3347681 Fax +39-010-541.453 Fax +39-02

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CREDITI DOCUMENTARI & LETTERE DI CREDITO STAND-BY INCASSI DOCUMENTARI

FOGLIO INFORMATIVO CREDITI DOCUMENTARI & LETTERE DI CREDITO STAND-BY INCASSI DOCUMENTARI Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia 29/7/2009) FOGLIO INFORMATIVO CREDITI

Dettagli

LE PRINCIPALI FORME DI PAGAMENTO INTERNAZIONALI

LE PRINCIPALI FORME DI PAGAMENTO INTERNAZIONALI LE PRINCIPALI FORME DI PAGAMENTO INTERNAZIONALI Stefano Linares, Linares Associates PLLC - questo testo è inteso esclusivamente per uso personale e non per una distribuzione commerciale. Eventuali copie

Dettagli

Caratteristiche e rischi tipici

Caratteristiche e rischi tipici Foglio N. 6.06.0.MC informativo Redatto in ottemperanza alla deliberazione CICR del 4 marzo 2003, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n 72 del 27 marzo del 2003 e delle Istruzioni di Vigilanza emanate

Dettagli

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE Una delle maggiori difficoltà che devono affrontare gli imprenditori che operano con l estero è l individuazione delle condizioni di pagamento

Dettagli

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE

I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE I PAGAMENTI INTERNAZIONALI IN UN OTTICA LEGALE E CONTRATTUALE Una delle maggiori difficoltà che devono affrontare gli imprenditori che operano con l estero è l individuazione delle condizioni di pagamento

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

F.A.Q. (Frequently Asked Questions)

F.A.Q. (Frequently Asked Questions) NUOVA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO

FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni a responsabilità limitata (di seguito la Banca ) Sede Legale e Direzione

Dettagli

Foglio informativo n. 301/016. Operatività con l estero. Crediti documentari e Stand-by Letter of Credit.

Foglio informativo n. 301/016. Operatività con l estero. Crediti documentari e Stand-by Letter of Credit. Foglio informativo n. 301/016. Operatività con l estero. Crediti documentari e Stand-by Letter of Credit. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo

Dettagli

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO

SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO SOLUZIONI PER OPERARE CON L ESTERO ORIENTARSI NEL BUSINESS INTERNAZIONALE L attività con l estero rappresenta un area di business di estrema importanza per molte imprese italiane. Operare nei mercati internazionali,

Dettagli

OPERAZIONI PER CASSA DI IMPORTO SUPERIORE A 5.000,00

OPERAZIONI PER CASSA DI IMPORTO SUPERIORE A 5.000,00 Data release 01/10/2015 N release 0012 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale: P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Sommario ADEMPIMENTI VALUTARI ASSEGNO BANCARIO. Ipsoa - Pagamenti internazionali. Casi risolti

Sommario ADEMPIMENTI VALUTARI ASSEGNO BANCARIO. Ipsoa - Pagamenti internazionali. Casi risolti ADEMPIMENTI VALUTARI 1. Quali gli adempimenti valutari pag. 3 2. Differenza fra operazioni canalizzate e decanalizzate pag. 4 3. Quando è dovuta la CVS pag. 5 4. Sussiste l obbligo della CVS nei compensi

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI

Foglio Informativo BONIFICI NAZIONALI E BONIFICI ESTERI Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20-80121 NAPOLI Recapiti (telefono e fax): 0817976411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

OPERAZIONI DI INCASSO O ACCETTAZIONE DI EFFETTI, DOCUMENTI ED ASSEGNI SULL ESTERO

OPERAZIONI DI INCASSO O ACCETTAZIONE DI EFFETTI, DOCUMENTI ED ASSEGNI SULL ESTERO Foglio informativo relativo a OPERAZIONI DI INCASSO O ACCETTAZIONE DI EFFETTI, DOCUMENTI ED ASSEGNI SULL ESTERO Aggiornato al 14 maggio 2015 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Sezione I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Piazza Galvani, 4 40124 Bologna Indirizzo telematico:

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA. Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce

Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA. Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce Gli strumenti di pagamento e la MONETA BANCARIA Prof. Carlo Aprile ITS Deledda - Lecce Il concetto di pagamento Il pagamento è l atto mediante il quale il compratore si libera dell obbligazione derivante

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: SERVIZIO ESTERO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: SERVIZIO ESTERO FOGLIO INFORMATIVO relativo a: SERVIZIO ESTERO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA EMILVENETA S.P.A. Viale Reiter, 34 41121 - Modena Tel.: 059/235785 Fax: 059/4900498 [email: info@bancaemilveneta.it / www.bancaemilveneta.it]

Dettagli

CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY (SBLC)

CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY (SBLC) Pagina 1 di 11 CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY (SBLC) INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione sociale: Banco delle Tre Venezie Spa (con acronimo B.T.V. SPA) Forma giuridica: Società per

Dettagli

CASSA DI RISPARMIO DI BRA - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.200.70 - ESTERO - INCASSI EXPORT - AGGIORNAMENTO AL 24/10/2015

CASSA DI RISPARMIO DI BRA - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.200.70 - ESTERO - INCASSI EXPORT - AGGIORNAMENTO AL 24/10/2015 INCASSI EXPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di BRA S.p.A. Sede legale e amministrativa in Via Principi di Piemonte, 12 12042 BRA (CN) Telefono 0172/4351 (centralino) - Fax 0172/421721 Indirizzo

Dettagli

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) SERVIZIO INCASSI:

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) SERVIZIO INCASSI: Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) N SERVIZIO INCASSI: - EFFETTI DOCUMENTI ASSEGNI PENSIONI - STIPENDI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - INCASSI VINCITE

Dettagli

Foglio informativo (n. 21) INCASSI E PAGAMENTI

Foglio informativo (n. 21) INCASSI E PAGAMENTI Foglio informativo (n. 21) INCASSI E PAGAMENTI INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA POPOLARE DI LAJATICO SOC. COOP. P. A. Sede legale: 56030 LAJATICO (PISA) VIA GUELFI, 2 Sede

Dettagli

Informazioni sulla Banca

Informazioni sulla Banca Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.Lgs 385 del 1/9/1993 Delibera CICR del 4/3/2003 - Provvedimento 15/02/2010 della Banca d Italia) Foglio informativo SERVIZI DI INCASSO

Dettagli

I RISCHI INSITI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

I RISCHI INSITI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE I RISCHI INSITI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE I CREDITI DOCUMENTARI I RISCHI INSITI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE I RISCHI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE: PROSPETTO DI SINTESI Nel commercio internazionale

Dettagli

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI

UTILIZZO DELLO SCADENZARIO OPERAZIONI PRELIMINARI Pagina 1 di 29 UTILIZZO DELLO SCADENZARIO Di seguito vengono indicate le operazioni preliminari necessarie per poter gestire lo Scadenzario, e alcuni esempi di utilizzo. OPERAZIONI PRELIMINARI impostare

Dettagli

BONIFICO. BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini. www.bancacarim.it

BONIFICO. BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini. www.bancacarim.it Data release 22/12/2014 N release 0020 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale: P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

serfactoring CONDIZIONI ECONOMICHE MASSIME APPLICABILI San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring CONDIZIONI ECONOMICHE MASSIME APPLICABILI San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Operazioni di factoring pro solvendo Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato

Dettagli

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 - serfactoring TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema di foglio informativo Operazioni Maturity Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato

Dettagli

Flavio CARICASOLE Responsabile Servizio Estero Commerciale UBI Banca

Flavio CARICASOLE Responsabile Servizio Estero Commerciale UBI Banca L Internazionalizzazione virtuosa: difendere il fatturato estero dell impresa utilizzare efficacemente la liquidità ricorrere al credito per accelerare lo sviluppo Flavio CARICASOLE Responsabile Servizio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO A BONIFICI ESTERI E NEGOZIAZIONE DI ASSEGNI ESTERI

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO A BONIFICI ESTERI E NEGOZIAZIONE DI ASSEGNI ESTERI FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO A BONIFICI ESTERI E NEGOZIAZIONE DI ASSEGNI ESTERI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Bedizzole Turano Valvestino Credito Cooperativo Soc. Coop. Via Garibaldi n. 6a 25081 - Bedizzole

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO DIPENDENTI

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO DIPENDENTI Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE ORDINARIO DIPENDENTI Conto corrente riservato a: dipendenti di Banca Finanziaria Internazionale

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INCASSI E PAGAMENTI

FOGLIO INFORMATIVO INCASSI E PAGAMENTI Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO INCASSI E PAGAMENTI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA FINANZIARIA INTERNAZIONALE S.P.A. in breve BANCA FININT

Dettagli

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO BONIFICI TRANSFRONTALIERI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO BONIFICI TRANSFRONTALIERI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE PRIVATE BANKING CONSUMATORI Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO BONIFICI IN VALUTA ESTERA O IN EURO DI CONTO ESTERO

FOGLIO INFORMATIVO BONIFICI IN VALUTA ESTERA O IN EURO DI CONTO ESTERO BONIFICI IN VALUTA ESTERA O IN EURO DI CONTO ESTERO (trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari D.lgs.1/9/93 n.385 Delibera CICR 4/3/03 INFORMAZIONI SULLA BANCA: DENOMINAZIONE e FORMA

Dettagli

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6

serfactoring San Donato Milanese, 25 novembre 2013 Pagina 1 di 6 TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI FINANZIARI Schema foglio informativo Operazioni di factoring pro soluto Servizio offerto da Serfactoring S.p.A. Via dell Unione Europea, 3-20097 San Donato Milanese

Dettagli

TRASPARENZA BANCARIA FOGLIO INFORMATIVO CONTI CORRENTI IN DIVISA E C/C IN EURO DI NON RESIDENTI

TRASPARENZA BANCARIA FOGLIO INFORMATIVO CONTI CORRENTI IN DIVISA E C/C IN EURO DI NON RESIDENTI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca: Banca del Fucino S.p.A. Indirizzo: Via Tomacelli 107-00186 Roma Telefono: 06.68976.1 Fax: 06.68300129 Sito internet: www.bancafucino.it E-mail: info@bancafucino.net Codice

Dettagli

CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY

CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

Foglio Informativo Bonifico. NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti)

Foglio Informativo Bonifico. NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) Pagina 13-07-01 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.p.A. GRUPPO

Dettagli

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI

TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI Sezione I - Informazioni sulla banca BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA Società

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A BREVE TERMINE 1 Le Operazioni di Impiego: I Finanziamenti a Breve Termine Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio-

Dettagli

BANCA DI SASSARI S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.15.06 INCASSI EXPORT AGGIORNAMENTO AL 16.3.2015 INCASSI EXPORT

BANCA DI SASSARI S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.15.06 INCASSI EXPORT AGGIORNAMENTO AL 16.3.2015 INCASSI EXPORT INCASSI EXPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini, 2-07100 Sassari Codice fiscale, Partita Iva e

Dettagli

CREDITI DI FIRMA ITALIA/ESTERO

CREDITI DI FIRMA ITALIA/ESTERO Aggiornato al 07/10/2015 N release 0008 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Le operazioni disciplinate dalle norme sui servizi di pagamento ed offerte dalla Banca sono:

Le operazioni disciplinate dalle norme sui servizi di pagamento ed offerte dalla Banca sono: Foglio Informativo Conto Corrente Servizi Accessori Aggiornamento al 01/10/2015 Decorrenza condizioni dal 01/10/2015 Informazioni sulla Banca PRADER BANK AG SPA p.tta della Mostra, 2 39100 BOLZANO (BZ)

Dettagli

10a Estero - Credito Documentario e mandato irrevocabile di pagamento anticipato di credito documentario import

10a Estero - Credito Documentario e mandato irrevocabile di pagamento anticipato di credito documentario import Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 10a Estero - Credito Documentario e mandato irrevocabile di pagamento anticipato di credito documentario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE TIPICHE DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE BREVITA' FUORI PIAZZA

FOGLIO INFORMATIVO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE TIPICHE DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE BREVITA' FUORI PIAZZA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 Email: info@bancapadovana.it

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo a ESTERO - INCASSI EXPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA SOC. COOPERATIVA

Dettagli