LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI ERBA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI ERBA"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI ERBA ANNO SCOLASTICO CLASSE 1^E - PROGRAMMA SVOLTO DI ITALIANO Prof. ssa Eleonora Colzani EPICA OMERO E L EPICA GRECA pp UNA BIOGRAFIA LEGGENDARIA LA QUESTIONE OMERICA GLI STUDI DI MILMAN PARRY LA TESI DI RICHARD JANKO LA CONGETTURA DI POWELL LA LINGUA DEI POEMI I POEMI OMERICI COME FONTE STORICA L AEDO L ILIADE: IL POEMA DI UN LEGGENDARIO ASSEDIO pp IL TITOLO IL CICLO DELLE STORIE DI TROIA IL MITO E LA VERITA STORICA IL CONTENUTO DEL POEMA LE PARTIZIONI DELL OPERA STRUTTURA E SIMMETRIE LA TECNICA DI COMPOSIZIONE LA SUSPENSE OMERICA I PERSONAGGI L AMBIENTAZIONE LO STILE EPICO IL RETAGGIO DELLA TRADIZIONE ORALE LE TRADUZIONI TEMI PARAFRASI, RIASSUNTO, ANALISI DEI SEGUENTI PASSI: - Proemio - Crise e Agamennone - Achille si scontra con Agamennone - Odisseo e Tersite - L esercito Acheo si schiera nella pianura - Elena sulle mura di Troia - Paride e Menelao - Ettore e Andromaca: l addio - Patroclo, eroe sfortunato - Il pianto dei cavalli di Achille - Il duello tra Ettore ed Achille - Achille e Priamo - I funerali di Ettore L ODISSEA, IL POEMA DI UN LEGGENDARIO RITORNO pp IL TITOLO LA PROBABILE GENESI L APPARTENENZA AL CICLO TROIANO: I NOSTOI LE PARTIZIONI DELL OPERA

2 UN RACCONTO DI RACCONTI UNA NARRAZIONE A PIU VOCI LE TRAME E IL SISTEMA DEI PERSONAGGI IL PROTAGONISTA I PERSONAGGI DELLA NOVELLA POPOLARE I PERSONAGGI APPARTENENTI AL MONDO DEL MERAVIGLIOSO E DEL FIABESCO I PERSONAGGI DEL CICLO TROIANO L AMBIENTAZIONE TEMI LO STILE PARAFRASI, RIASSUNTO, ANALISI DEI SEGUENTI PASSI: - Il proemio, narrami, o musa - Il concilio degli dei - Atena nella reggia di Odisseo - Penelope - L inganno della tela - La partenza di Telemaco - Il racconto di Menelao - Calipso e Odisseo - Nausicaa - Il palazzo e il giardino di Alcinoo - Nella terra dei Ciclopi - Circe - Tiresia, Achille e Aiace - Le Sirene - Scilla e Cariddi - Odisseo si rivela a Telemaco - Argo, il cane di Odisseo - Euriclea - La strage: Odisseo uccide Antinoo ed Eurimaco - Il segreto del talamo - L epilogo VIRGILIO E L EPICA LATINA pp. 363 IL CONTESTO STORICO LA BIOGRAFIA LE PRIME OPERE IL POEMA: GENESI, TRAMA, SISTEMA DEI PERSONAGGI, TEMI E STILE L ENEIDE pp IL TITOLO LA GENESI MITO E LA STORIA IL CONTENUTO, LA STRUTTURA E IL TEMPO UN CONFRONTO CON I POEMI OMERICI L EROE OMERICO E L EROE VIRGILIANO UN EROE NUOVO E COMPLESSO I PERSONAGGI TRAGICI I GIOVANI EROI LE FIGURE PARENTALI GLI DEI L AMBIENTAZIONE IL NARRATORE TEMI

3 LO STILE IL FINE ENCOMIASTICO LA FORTUNA PARAFRASI, RIASSUNTO ED ANALISI DEI SEGUENTI PASSI: - Il proemio e l ira di Giunone. - La tempesta - Laocoonte e Sinone - Polidoro - Le Arpie - La passione di Didone - Il suicidio di Didone - Enea consulta la Sibilla - La discesa agli inferi: Caronte, Cerbero, Minosse, l ombra di Didone - L incontro con Anchise negli Inferi - Eurialo e Niso - Camilla L EPICA CONTEMPORANEA LETTURA DI TOLKIEN, Lo hobbit O DI MARTIN, Il trono di spade ANTOLOGIA IL TESTO NARRATIVO: CARATTERISTICHE ESSENZIALI DELLA NARRAZIONE pp GLI ELEMENTI FONDAMENTALI DI UN TESTO NARRATIVO: STORIA, NARRATORE, DESTINATARIO LA FOCALIZZAZIONE INTERNA, ESTERNA, ONNISCIENTE LA FABULA E L INTRECCIO LE SEQUENZE E LA LORO TIPOLOGIA IL RIASSUNTO A PARTIRE DALLE SEQUENZE IL SISTEMA DEI PERSONAGGI LA PRESENTAZIONE E LA CARATTERIZZAZIONE DEI PERSONAGGI IL PUNTO DI VISTA NARRATIVO DISCORSO INDIRETTO E DIRETTO, MONOLOGO INTERIORE, SOLILOQUIO, FLUSSO DI COSCIENZA SCELTE LESSICALI E STILISTICHE LETTURA ED ANALISI DEI SEGUENTI TESTI: - CALVINO, IL BOSCO SULL AUTOSTRADA; - DE MAUPASSANT, LA PAURA; - HARUKY, LA CITTÀ DEI GATTI; - VERGA, CAVALLERIA RUSTICANA; - STENDHAL, NEL MEZZO DI UNA BATTAGLIA; - FRUTTERO/ LUCENTINI, LO SFAVILLANTE SPETTACOLO DEL PALIO; - DE BALZAC, UNA PENSIONE PARIGINA; - BRIZZI, DOMENICA LUNATICA. LE TIPOLOGIE DELLA NARRAZIONE STORIA E CARATTERISTICHE DEI VARI GENERI NARRATIVI

4 LA NARRAZIONE FANTASTICA pp ; BUZZATI, LA GIACCA STREGATA. - ORWELL, IL GRANDE FRATELLO. - LANDOLFI, IL RACCONTO DEL LUPO MANNARO. IL RACCONTO GIALLO pp CHRISTIE, DOPPIO INDIZIO. - DOYLE, L OSPITE E IL SUO BASTONE. IL RACCONTO DELL ORRORE pp POE, LA MASCHERA DELLA MORTE ROSSA. - SHELLEY, IL RITORNO DELLA CREATURA. LA NARRAZIONE REALISTICA pp ; pp DICKENS, INGIUSTIZIA A SCUOLA. - VERGA, LA ROBA. LA NARRAZIONE PSICOLOGICA pp ; pp PIRANDELLO, IL TRENO HA FISCHIATO. QUALCHE PROBLEMA DEL NOSTRO TEMPO pp ; pp LETTURA DI TESTI DEDICATI ALLA GIOVINEZZA - C. A. CIAMPI, LA GENERAZIONE DELLE 3M - CONCITA DE GREGORIO, BRILLANTI MA SFIDUCIATI - G. P. CHARMET, UN CORPO DA PENSARE - E. BUDAY, MA CE L HAI LA FIDANZATINA? - A. PHILIPS, UN IDENTITA DISTINTA LETTURA DI TESTI DEDICATI ALLA SHOA - J. STREICHER, IL FUNGO VELENOSO - A. FRANK, L ALLOGGIO SEGRETO - G. CORNI, MORIRE NEL GHETTO - P. LEVI, IL VIAGGIO DELLA MORTE GLI AUTORI VERGA pp BIOGRAFIA OPERE PENSIERO E POETICA STILE LETTURA E COMMENTO DELLE SEGUENTI NOVELLE:

5 - ROSSO MALPELO - LA LUPA - LA ROBA PIRANDELLO pp BIOGRAFIA OPERE PENSIERO E POETICA STILE LETTURA E COMMENTO DELLE SEGUENTI NOVELLE: - LA GIARA - CIAULA SCOPRE LA LUNA - IL TRENO HA FISCHIATO - LA PATENTE SCRITTURA LA COMPETENZA TESTUALE: COME PRODURRE UN TESTO CORRETTO: - LA CORRETTEZZA ORTOGRAFICA; - LA CORRETTEZZA MORFOSINTATTICA: L USO DEI PRONOMI PERSONALI E RELATIVI; L USO DEI MODI E TEMPI VERBALI. COME PRODURRE UN TESTO COESO E COERENTE: - LA CONCORDANZA DEL SOGGETTO E DEL PREDICATO; - L USO DEI CONNETTIVI; - L USO DELLA PUNTEGGIATURA - LA COERENZA DEI CONTENUTI RISCRIVERE UN TESTO: PRENDERE APPUNTI DURANTE L ASCOLTO PRENDERE APPUNTI DA UN TESTO SCRITTO COME FARE UN RIASSUNTO COME FARE UNA PARAFRASI IL TEMA ESPOSITIVO AVVIO AL TEMA ARGOMENTATIVO GRAMMATICA MORFOLOGIA DEL VERBO I PRONOMI LE PREPOSIZIONI

6 I COMPLEMENTI: OGGETTO, TERMINE, LUOGO, TEMPO, CAUSA, FINE, CONCESSIVO, SPECIFICAZIONE, MEZZO, MODO, COMPAGNIA, UNIONE, LIMITAZIONE, MATERIA, COLPA, PENA, STIMA, PREZZO, MISURA, PARAGONE, PARTITIVO LETTURA LETTURE PERSONALI RECUPERO/APPROFONDIMENTO RIPRESA DEI MODULI RELATIVI ALLA COMPETENZA TESTUALE E ALLA GRAMMATICA Manuali in adozione: NOTARBARTOLO/ GRAFFIGNA, GRAMMATICA NUOVA PER PARLARE, RAGIONARE E SCRIVERE IN ITALIANO, BULGARINI; CERRITO/ MESSINEO, LIBRIAMOCI- COMPRENDERE, ANALIZZARE, DISCUTERE I TESTI / NARRATIVA, LE MONNIER; CIOCCA/ FERRI, NARRAMI, O MUSA, MONDADORI SCUOLA. ERBA, 8 GIUGNO 2015 L INSEGNANTE F.TO ELEONORA COLZANI I RAPPRESENTANTI DI CLASSE F.TO SARA TIPRIGAN F.TO ALESSANDRO CIBEI

7 LIBRI DI TESTO E CONTENUTI Liceo Scientifico G. Galilei Programma di Lingua e civiltà inglese Classe I E a.s Docente: prof.ssa Laura Molinari FUNZIONI LINGUISTICHE E GRAMMATICALI: From English Plus Entry Checker, fotocopie integrative e appunti sul quaderno: Revisione e consolidamento delle strutture grammaticali, delle funzioni linguistiche e del lessico acquisite negli anni precedenti negli anni della scuola secondaria di primo tipo: Vocabulary: the alphabet and the spelling; personal presentation; greetings; countries and nationalities; phone numbers; jobs; colours; presentation of other people; feelings and emotions; numbers, classroom objects; classroom language; time; dates; festivities; birthdays housework Grammar: Personal subject pronouns; Articles (a/an/the), possessive adjectives; questions with who; what, how; where; prepositions of place; pronunciation of The ; demonstratives (this/that/these/those); Saxon Genitive; object pronouns; Simple present to be (affirmative, interrogative, negative form, short answers); there is/there are; Simple present to have (affirmative, interrogative, negative form, short answers); particular use of to have; ; simple present and spelling rules; present continuous and spelling rules; simple past to be; there was/were; simple past and spelling rules; can/could and modals; to be good/bad at; cardinal numbers and ordinal numbers Lessons:1; 2; 3; 4; 5 (A, B); 6; 7; 8 From the book English Plus pre-intermediate : UNIT 1 Face to face : Vocabulary: character and personality; false friends; compound adjectives; Face reading Reading: Different: Jasmine and Beth (pagg. 8-9); Communication and attitude; Reading: A penguin with a difference (pag. 108); How to describe a person (a friend; a member of a family ) Grammar: Present Simple: interrogative, negative forms; short answers; Adverbs of frequency; adverbs of manner; Present Continuous order of adjectives: interrogative, negative forms; short answers.vocabulary: sports and free-time activities; talking about tastes and preferencies; like+ing; verbs of emotions; UNIT 2 TV : reading pag. 15; Vocabulary: TV programs; Reading: harsh reality (pagg ); Reading: Lost (pag. 116). Grammar: Simple Past To be (affirmative, interrogative, negative forms; short answers; to be born; There was/there were; Simple past (affirmative, interrogative, negative forms; short answers): regular and irregular verbs (libro + fotocopie dei paradigmi dei verbi irregolari); Past Continuous affirmative, interrogative, negative forms; short answers; Simple Past vs Past Continuous. Vocabulary: the weather UNIT 3 Disposable world: Vocabulary: containers and quantities; Reading: The Consumer Quiz (pag. 23); Vocabulary about the environment. Reading: The no impact family (pag. 24). Grammar:

8 Countable and uncountable nouns; How much/ how many?; quantity expressions; Much/many/lots of/a lot of; some/any/no/: little/few. Comparatives and superlatives (affirmative form, interrogative, negative forms; short answers); conjunctions: and; but; or UNIT 7 Take action : vocabulary: action and protest; reading: Plan of action (pag ); reading: Save the Amazon ; (pag. 62) phrasal verbs. Grammar: future (to be going to for intentions or probabilities; present continuous for arrangements in the future; the use of will) 1 st Conditional; might and will UNIT 8: film and fiction : vocabulary: books and films genres; compound nouns. Grammar: like/would like; making suggestions and proposals; positive, negative replies; what/how about?; would like/ like; let s..; why don t we?; Shall.?; can for abilities, requests, permissions (affirmative, negative, interrogative forms; short answers);could; modals Culture and Clil readings The face of the Uk (pag. 187) A national Obsession (pag. 188) Think globally, act locally (pag. 189) The mother of modern nursing (pag. 193) TESTI IN ADOZIONE Ben Weltz:, ENGLISH PLUS Entry Checker Ben Weltz: ENGLISH PLUS, (Pre-Intermediate), ediz. Oxford A. Amendolagine, N. Coe, M. Harrison, K. Paterson GRAMMAR SPECTRUM GOLD, ediz. Oxford Per lo svolgimento del programma nel corso dell anno, sono stati utilizzati i seguenti sussidi: - Libri di testo in adozione; - CD che li corredano - Fotocopie; - Appunti delle lezioni Erba, 6/6/2015 Il docente Gli studenti

9

10 LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI ERBA ANNO SCOLASTICO CLASSE 1^E - PROGRAMMA SVOLTO DI GEOSTORIA Prof. ssa Eleonora Colzani STORIA 1. LE ORIGINI DELL UMANITA (PP. 4-21) - L ESSERE UMANO E IL PRODOTTO DI UNA LUNGA EVOLUZIONE DAGLI OMINIDI ALL UOMO MODERNO - IL PALEOLITICO E IL PIU ANTICO STADIO DELL UMANITA NEL CORSO DEL QUALE SI COMPIE L EVOLUZIONE DELL UOMO - NEL MESOLITICO AVVENGONO LE PRIME TRASFORMAZIONI DELL AMBIENTE - LA SVOLTA DEL NEOLITICFO: L INVENZIONE DELL AGRICOLTURA MODIFICA LA VITA DEGLI ESSERI UMANI - CON L AFFERMAZIONE DELL AGRICOLTURA NASCONO I PRIMI VILLAGGI E LE PRIME CITTA APPROFONDIMENTO: IL VILLAGGIO DI CATAL HUYUK. 2. I POPOLI DELLA MESOPOTAMIA (PP ) - LE CARATTERISTICHE AMBIENTALI DELLA MESOPOTAMIA FAVORISCONO LA NASCITA DELLE PRIME CIVILTA - I SUMERI SI ORGANIZZANO IN CITTA STATO INDIPENDENTI ED INVENTANO LA SCRITTURA - GLI ACCADI FONDANO IL PRIMO STATO UNITARIO DELLA MESOPOTAMIA - L ANTICO IMPERO DI BABILONIA SCOPRE LA LEGGE - GLI ITTITI AFFERMANO LA PROPRIA SUPERIORITA GRAZIE AL CAVALLO E AL FERRO - GLI ASSIRI COSTRUISCONO UN IMPERO BASATO SULLA FORZA APPROFONDIMENTO: LA STORIA DELLA SCRITTURA; IL CODICE DI HAMMURABI. 3. LA CIVILTA EGIZIA, UN DONO DEL NILO (PP ) - LA VITA ECONOMICA E LA CIVILTA DELL EGITTO DIPENDONO DAL NILO - LA STORIA DEL REGNO D EGITTO - LA SOCIETA EGIZIA E ORGANIZZATA SECONDO UNA RIGIDA SCALA GERARCHICA - LA RELIGIONE EGIZIA APPROFONDIMENTO: LA SCRITTURA GEROGLIFICA E LA SUA DECIFRAZIONE: LA STELE DI ROSETTA; IL MITO DI ISIDE, OSIRIDE E HORUS; IL CULTO DEI MORTI E LA TOMBA DI TUTANCHAMON. 4. LA CIVILTA DELL ANTICA PALESTINA: EBREI E FENICI (PP.60-73) - L ANTICA PALESTINA - LE VICENDE DEGLI EBREI E LA BIBBIA - L ANTICA STORIA EBRAICA E SEGNATA DAL NOMADISMO E DALL INCONTRO-SCONTRO CON I POPOLI DELLA TERRA DI CANAAN - LA RELIGIONE EBRAICA - I FENICI, UN POPOLO DI MERCANTI E MARINAI - L ALFABETO FENICIO

11 APPROFONDIMENTO: I SACRIFICI UMANI; I FENICI E LA LEGGENDA DELLA SCOPERTA DEL VETRO. 5. LE ORIGINI DELLA CIVILTA GRECA: DAI CRETESI AI SECOLI OSCURI (PP ) - NELL ISOLA DI CRETA SORGE LA PRIMA CIVILTA EUROPEA - CRETA FULCRO DI IMPORTANTI TRAFFICI COMMERCIALI - LA CIVILTA CRETESE E UNA CIVILTA URBANA, RICCA, BEN ORGANIZZATA E PACIFICA - GLI ACHEI DANNO VITA ALLA SOCIETA MICENEA, UNA CIVILTA DI GUERRIERI - LA SCOMPARSA IMPROVVISA DEI MICENEI - L ETA OSCURA DELLA GRECIA - I POEMI OMERICI SONO UN IMPORTANTE DOCUMENTO STORICO PER CONOSCERE IL MONDO GRECO DEI SECOLI OSCURI APPROFONDIMENTO: IL CULTO DELLA DEA MADRE; LA SCOPERTA DI TROIA E MICENE; LA CULTURA DELLA VERGOGNA. 6. LA NASCITA DELLE POLEIS E LE COLONIE (PP ) - LA POSIZIONE GEOGRAFICA E LA CONFORMAZIONE DEL TERRITORIO DELLA GRECIA INFLUENZANO LA SUA STORIA - LA RIVOLUZIONE AGRARIA ED UN FORTE INCREMENTO DEMOGRAFICO DETERMINANO LA NASCITA DELLA POLIS - LA POLIS E UNA CITTA STATO AUTONOMA IN CUI LA SOVRANITA E ESERCITATA DAI SUOI STESSI MEMBRI, OVVERO I CITTADINI - LA COLONIZZAZIONE PRODUCE VITALITA ECONOMICA ED IMPORTANTI CAMBIAMENTI SOCIALI - DAI CONTRASTI FRA ARISTOCRATICI, CLASSI EMERGENTI E CONTADINI NASCE LA TIRANNIDE - LE POLEIS GRECHE, DIVISE POLITICAMENTE, SONO UNITE DA UNA COMUNE IDENTITA CULTURALE - IN GRECIA NASCE LA FILOSOFIA APPROFONDIMENTO: LA CITTA ANTICA: ACROPOLI ED AGORA ; GLI OPLITI, UN ESERCITO DI CITTADINI 7. POLIS ARISTOCRATICA E POLIS DEMOCRATICA: SPARTA E ATENE (PP ) - SPARTA ED ATENE: DUE MODELLI CONTRAPPOSTI D I VITA E DI GOVERNO - LA SOCIETA SPARTANA: MILITARIZZATA E DIVISA IN CLASSI - IL SISTEMA POLITICO OLIGARCHICO SPARTANO - ATENE, UNA CITTA DEDITA AI COMMERCI ED APERTA AGLI STRANIERI - LA RIFORMA DI SOLONE TENTA DI SPEZZARE I PRIVILEGI DEI NOBILI, MA NON PLACA I CONFLITTI SOCIALI - LA TIRANNIDE DI PISISTRATO INCONTRA UN VASTO APPOGGIO POPOLARE - LA RIFORMA DI CLISTINE AVVIA ATENE VERSO UN REGIME DEMOCRATICO, ALLARGANDO LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLA VITA POLITICA APPROFONDIMENTO: LA CONDIZIONE FEMMINILE A SPARTA; LICURGO E L EDUCAZIONE DEGLI SPARTANI; LA CONDIZIONE FEMMINILE AD ATENE; GLI EFEBI 8. L IMPERO PERSIANO: IL NEMICO DI TUTTI I GRECI (PP ) - UN IMPERO MULTIETNICO FONDATO DA CIRO - DARIO RIORGANIZZA L AMMINISTRAZIONE DELL IMPERO - LA PRIMA GUERRA PERSIANA - LA SECONDA GUERRA PERSIANA

12 APPROFONDIMENTO: ORIENTE ED OCCIDENTE NASCITA DI UNA IDEOLOGIA; LE TERMOPILI 9. PERICLE E LA GUERRA DEL PELOPONNESO (PP ) - L ATENE DEL V SECOLO - FILOSPARTANI ED ANTISPARTANI AD ATENE - L ATENE DI PERICLE, LA PIU DEMOCRATICA E LA PIU TIRANNICA FRA LE CITTA GRECHE - LA GUERRA DEL PELOPONNESO: IL CONSERVATORISMO SPARTANO CONTRO LA SPINTA ESPANSIVA DI ATENE - TRAMONTO DI SPARTA ED ATENE, ASCESA DI TEBE APPROFONDIMENTO: LA NASCITA DEL TEATRO 10. DALLA DECADENZA DELLE POLEIS ALL ETA DI ALESSANDRO MAGNO (PP ) - LA CRISI DELLE POLEIS - I MACEDONI - L IMPERO UNIVERSALE DI ALESSANDRO MAGNO - LE MONARCHIE DEI DIADOCHI - L ELLENISMO 11. L ITALIA PREROMANA (PP ) - GLI ETRUSCHI APPROFONDIMENTO: L ORIGINE DEGLI ETRUSCHI; LA DIVINAZIONE: GLI ARUSPICI 12. L ASCESA DI ROMA: LE ORIGINI E LA MONARCHIA (PP ) - I MITI SULLE ORIGINI DI ROMA - ROMA, DA VILLAGGIO A CITTA - ROMA MONARCHICA - CONTRASTO FRA PATRIZI E PLEBEI - LA FAMIGLIA PATRIARCALE - LA RELIGIONE ROMANA APPROFONDIMENTO: ESSERE SCHIAVI A ROMA; IL FUNERALE DEI NOBILI 13. ROMA REPUBBLICANA (PP ) - IL PASSAGGIO DALLA MONARCHIA ALLA REPUBBLICA - I CONSOLI E LE ALTRE MAGISTRATURE ROMANE - LE ISTITUZIONI POLITICHE E IL RUOLO DEL SENATO - LA SOCIETA ROMANA E LO SCONTRO FRA PATRIZI E PLEBEI APPROFONDIMENTO: CLELIA E CAMILLA, DONNE CORAGGIOSE E GUERRIERE 14. LA CONQUISTA DELL ITALIA (PP ) - NEL QUARTO SECOLO ROMA RIAFFERMA LA SUA SUPREMAZIA REGIONALE - LE GUERRE CONTRO I SANNITI E LA CONQUISTA DI GRAN PARTE DELL ITALIA CENTRO- MERIDIONALE - LA RIORGANIZZAZIONE DELL ESERCITO ROMANO - DOPO LA GUERRA CONTRO TARANTO E PIRRO, ROMA SI AFFACCIA AD ORIENTE - I TERRITORI CONQUISTATI VENGONO ORGANIZZATI IN MUNICIPI E FEDERAZIONI

13 APPROFONDIMENTO: L UMILIAZIONE DELLE FORCHE CAUDINE 15. LE GUERRE PUNICHE E LA CONQUISTA DEL MEDITERRANEO (PP ) - LO STATO CARTAGINESE - ROMA E CARTAGINE IN CONFLITTO PER LA CONQUISTA DEL MEDITERRANEO: LA PRIMA GUERRA PUNICA - ANNIBALE VENDICA LA SCONFITTA DI CARTAGINE: LA SECONDA GUERRA PUNICA - LE MIRE ESPANSIONISTICHE DI ROMA SI VOLGONO ALLA CONQUISTA DELL ORIENTE - ROMA SOTTOMETTE DEFITIVAMENTE LA GRECIA, LA MACEDONIA E CARTAGINE APPROFONDIMENTO: LA LUNGA MARCIA DI ANNIBALE 16. LA CRISI E LA FINE DELLA REPUBBLICA (PP ) - PROBLEMI SOCIALI A ROMA DOPO LE CONQUISTE DEL TERZO SECOLO - I GRACCHI TENTANO SENZA SUCCESSO DI RESTITUIRE ALLA PICCOLA PROPRIETA TERRIERA IL SUO PESO SOCIALE - CAIO MARIO E LA RIFORMA DELL ESERCITO - MARIO E SILLA - LE RIFORME DI SILLA - ASCESA DI POMPEO E CRASSO - IL PRIMO TRIUMVIRATO - ASCESA DI CESARE E CAMPAGNE IN GALLIA - CESARE DITTATORE A VITA - IL TRIONFO DI OTTAVIANO SU MARCO ANTONIO E LA FINE DELLA REPUBBLICA GEOGRAFIA APPROFONDIMENTO: IL REGNO DEGLI SCHIAVI IN SICILIA; MARIO, UN UOMO NUOVO; LA RIVOLTA DI SPARTACO; IL CURSUS HONORUM 1. IL SISTEMA TERRA E I SUOI BIOMI (PP ) - IL GEOSISTEMA - CLIMI E BIOMI - UN MONDO INQUINATO - IL CAMBIAMENTO CLIMATICO 2. LE RISORSE E LA LORO GESTIONE (PP ) - LE RISORSE NATURALI - LE RISORSE ENERGETICHE - LA GESTIONE DELLE RISORSE 3. LA CRISI DELLA GRECIA (APPUNTI) - LA CRISI ECONOMICA GRECA - LE CAUSE - GLI EVENTI PRINCIPALI - I POSSIBILI SCENARI 4. LA QUESTIONE UCRAINA (APPUNTI)

14 - CAUSE ED EVENTI PRINCIPALI - SITUAZIONE ATTUALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1. LA FAMIGLIA COME SOCIETA NATURALE 2. I GRUPPI SOCIALI 3. IL DIRITTO 4. SCIENZA E TECNICA Manuale in adozione: E. CANTARELLA, G. GUIDORIZZI, E. FEDRIZZI, A. DELLA VALENTINA, TEMPO E SPAZIO, VOL. 1, EINAUDI SCUOLA ERBA, 8 GIUGNO 2015 L INSEGNANTE F.TO ELEONORA COLZANI I RAPPRESENTANTI DI CLASSE F.TO SARA TIPRIGAN F.TO ALESSANDRO CIBEI

15 Liceo Scientifico Statale Anno scolastico G. Galilei Erba 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA svolto nelle classi 1 a E Insegnante: prof.ssa Raffaella Cetti ALGEBRA Insiemi Cenni di teoria degli insiemi. Significato dei simboli. Sottoinsiemi. Insieme delle parti. Operazioni di unione, intersezione. Gli insiemi numerici Insieme N, Q, Z. Proprietà delle quattro operazioni in Q (associativa, commutativa, distributiva, di raccoglimento).potenze e loro proprietà; potenze ad esponente negativo. Potenze di 10; notazione scientifica e ordine di grandezza. Monomi e polinomi Monomi: definizione e grado. Addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione e potenza di monomi. Somma e differenza di polinomi; moltiplicazione di un polinomio per un monomio e di due polinomi. Prodotti notevoli. Divisione di un polinomio per un monomio. Divisione di polinomi - Algoritmo per la divisione di due polinomi. Regola di Ruffini. Teorema del resto. Scomposizione di un polinomio in fattori Raccoglimento a fattor totale e parziale. Scomposizione mediante i prodotti notevoli. Somma e differenza di due cubi. Scomposizione di trinomi del tipo x²+bx+c ed estensione del metodo al generico trinomio di 2 grado (trinomi caratteristici). Scomposizione con l uso del teorema del resto e della regola di Ruffini. Frazioni algebriche Semplificazione di frazioni. Somma, differenza, prodotto, quoziente e potenza di frazioni algebriche. Espressioni. Condizioni di esistenza di una frazione algebrica. Equazioni e problemi Definizione di identità e equazione. Equazioni equivalenti: 1 e 2 principio di equivalenza. Risoluzione e verifica di una equazione. Equazioni determinate, indeterminate, impossibili. Problemi risolubili con equazioni di 1 grado. Equazioni frazionarie. STATISTICA Caratteri qualitativi e quantitativi. Modalità. Frequenze. Rappresentazioni grafiche dei dati: ortogrammi, aerogrammi, istogrammi. Media aritmetica semplice e ponderata. Media quadratica. Moda e mediana. Misure di dispersione:campo di variabilità; deviazione standard e varianza. GEOMETRIA Nozioni fondamentali della geometria Postulati e teoremi; definizioni, termini primitivi. Definizioni relative a: rette, semirette, segmenti, angoli, figure concave e convesse. Angolo retti, acuti, ottusi. Rette perpendicolari. Proiezione su una retta di punto e di segmento. Asse di un segmento. I triangoli Definizioni di altezza, bisettrice, mediana Triangoli congruenti: i primi tre criteri di congruenza. Triangolo isoscele e teoremi ad esso relativi. Le disuguaglianze nei triangoli: 1 teorema dell angolo esterno; disuguaglianze tra elementi di un triangolo; classificazione dei triangoli rispetto ai lati e rispetto agli angoli. Secondo criterio di congruenza generalizzato. Rette parallele Rette tagliate da una trasversale. Rette parallele: definizione; postulato di Euclide. Criteri di parallelismo. Proprietà fondamentali delle rette parallele. Distanza di due rette parallele. 2 teorema dell angolo esterno. Somma degli angoli interni di un triangolo e di un poligono. Criterio particolare di congruenza dei triangoli rettangoli. Parallelogrammi Parallelogrammi e loro proprietà. Criteri per riconoscere un parallelogramma. Parallelogrammi particolari: rettangolo, rombo, quadrato: definizioni e proprietà Gli alunni L insegnante

16 Liceo Scientifico Statale "G. Galilei" - Erba Anno Scolastico Classe 1 E SA Programma di Fisica (in corsivo gli argomenti trattati in laboratorio) INTRODUZIONE Le fasi dell indagine fisica. Misure, leggi sperimentali, teorie, applicazioni. GRANDEZZE FISICHE E MISURE Operazioni di misura. Grandezza fisica. Misura di una grandezza fisica. Unità di misura. Strumenti di misura. Caratteristiche del campione di misura. Misure dirette e misure indirette. Unità di misura fondamentali e derivate. Il Sistema Internazionale. Potenze di dieci. Notazione scientifica. Ordine di grandezza. Cifre significative. Arrotondamento. Multipli e sottomultipli delle unità di misura. Esercizi. LUNGHEZZE, SUPERFICI, VOLUMI Misure di lunghezza. Unità di misura di lunghezza. Strumenti di misura delle lunghezze. Metodo di triangolazione. Determinazione sperimentale della distanza di un punto inaccessibile. Equivalenze. Misure di superficie. Misure di volume. Capacità di un recipiente. Esercizi. INCERTEZZA DELLA MISURA Determinazione sperimentale della durata dell oscillazione di un pendolo semplice. Incertezza della misura. Errori sistematici e casuali. Errore di parallasse. Sensibilità, portata e prontezza di uno strumento di misura. Dispersione della misura. Semidispersione. Valore medio. Incertezza assoluta e relativa. Incertezza della somma e della differenza. Incertezza del prodotto di una grandezza e di un numero. Incertezza del prodotto e del quoziente di due grandezze. Esercizi. RAPPRESENTAZIONE DEI DATI SPERIMENTALI Uso del foglio elettronico per costruire tabelle. Elaborazione dei dati sperimentali mediante il foglio elettronico. Costruzione di un grafico a barre e valutazione della compatibilità di una serie di misure. Costruzione di un grafico a dispersione e ricerca di una relazione di proporzionalità diretta. Inserimento della linea di tendenza. Inserimento delle barre di errore in un grafico a dispersione. FORZE, DEFORMAZIONE E ELASTICITÀ Concetto di forza. Effetti di una forza. Tipi di forze. Definizione di forza. Manifestazione delle forze a due a due e principio di azione e reazione. Forze e interazioni. Orientamento di una forza. Forze a contatto e forze a distanza. La molla elicoidale. Allungamento di una molla. Dinamometro. Forza peso. Misura del peso con il dinamometro. Unità di misura delle forze. Massa, peso, accelerazione di gravità. La bilancia elettronica e la misura della massa. Legge di Hooke. Coefficiente di elasticità. Misura dell intensità di una forza. Determinazione sperimentale del coefficiente di elasticità di più molle elicoidali. Esercizi. DENSITÀ Densità e sua unità di misura. Esercizi. EQUILIBRIO DEL PUNTO MATERIALE Forze, movimento ed equilibrio. Definizione di punto materiale in equilibrio. Forze opposte: equilibrio e non equilibrio. Equilibrio di un corpo agganciato a un dinamometro disposto verticalmente. Tensione in un filo e trasmissione dell intensità. Equilibrio di un corpo appoggiato e forze normali. Equilibrio di un corpo agganciato a un dinamometro e sostenuto da un tavolino elevatore. Il reciproco neutralizzarsi delle forze come condizione necessaria per l equilibrio. Problema delle tre forze concorrenti in un punto: intuizione e verifica della regola del parallelogramma. Esercizi. STRUMENTI MATEMATICI PER LO STUDIO DELL EQUILIBRIO Grandezze scalari e vettoriali. Caratteristiche di un vettore. Metodo punta-coda. Rappresentazione grafica di vettori. Metodo punta-coda. Operazioni con i vettori nel piano. Somma di vettori. Prodotto di un vettore per un numero reale. Differenza di vettori. Scomposizione di un vettore lungo due direzioni assegnate. Componenti di un vettore lungo due direzioni perpendicolari. Seno, coseno, tangente di un angolo acuto. Inverse del seno, del coseno, della tangente. Rappresentazione polare di un vettore nel piano: intensità e direzione orientata. Calcolo vettoriale. Determinazione della

17 somma di due o più forze e dell equilibrante di un insieme di forze complanari. Semplici applicazioni al problema delle tre forze concorrenti. Esercizi. Erba, 8 giugno L insegnante I rappresentanti degli alunni

18 PROGRAMMA SVOLTO DI SCIENZE a.s. 2014/2015 CLASSE 1E scienze applicate SCIENZE DELLA TERRA La posizione della Terra nell Universo. I telescopi. Il Sistema solare. Il Sole: composizione e struttura. I pianeti: pianeti rocciosi, gassosi e di ghiaccio. I corpi minori del Sistema solare Teoria geocentrica e eliocentrica. Le leggi di Keplero. La legge di gravitazione universale La forma e le dimensioni della Terra. Le coordinate geografiche I fusi orari I moti di rotazione e di rivoluzione e le loro conseguenze. Le stagioni. La Luna e la sua morfologia I moti della Luna e le fasi. Le eclissi. Il cielo e le costellazioni Le distanze tra le stelle Le fasi della vita delle stelle Diagramma H-R L origine dell Universo e la teoria dell espansione. Lezione di astronomia presso l Osservatorio astronomico di Merate Il Sistema Terra La Terra e le sue sfere: litosfera, idrosfera, atmosfera e biosfera. La litosfera La struttura a strati della Terra La nozione di tempo geologico Le basi della geologia moderna Agenti esogeni ed endogeni Alterazione chimica e degradazione fisica Il suolo come risorsa. L idrosfera Il ciclo dell acqua Le proprietà dell acqua Acque dolci e salate Le acque marine La composizione delle acque salate

19 I fattori che concorrono alle variazioni della densità dell acqua Correnti,onde e maree. L inquinamento delle acque marine Le acque dolci: fiumi, laghi e ghiacciai Le acque sotterranee Il carsismo L azione dei ghiacciai L inquinamento delle acque continentali L acqua dolce come risorsa. Il paesaggio come prodotto di interazioni. Le forme del paesaggio. Il paesaggio della Brianza: laghi e colline di origine glaciale. CHIMICA Grandezze fondamentali e derivate Unità di misura SI Il metodo sperimentale Lo studio della materia e delle sue trasformazioni Fenomeni fisici e fenomeni chimici Miscugli omogenei ed eterogenei Elementi e composti L atomo e i suoi costituenti Protoni, elettroni e neutroni Numero atomico e numero di massa Elementi e simboli chimici Gli isotopi Ioni positivi e negativi La tavola degli elementi di Mendeleev Gruppi e periodi. Testi in uso: Bosellini Le scienze della Terra astronomia,idrosfera,geomorfologia Ed. Bovolenta Brady e Senese Chimica blu Dalla materia alle proprietà periodiche Ed. Zanichelli L insegnante Gli studenti

20 Liceo Scientifico Galilei Erba Anno scolastico 2014/2015 Programma effettivamente svolto DISEGNO E STORIA DELL ARTE Libri di testo: C. Morganti Grafein 1- Edizione Le Monnier Scuola Cricco-Di Teodoro-Il Cricco Di Teodoro-Dalla Preistoria all età gotica-edizione verde DOCENTE: PAOLA ROSA CERAVOLO CLASSE 1E DISEGNO Nozioni di geometria e costruzioni geometriche fondamentali: nozioni fondamentali(uso degli strumenti Squadratura del foglio) lo schizzo dinamico schizzo a mano libera di solidi complessi concetto di punto costruzioni di triangoli e quadrilateri costruzioni di poligoni regolari dato il raggio o il lato Le proiezioni ortogonali: proiezioni ortogonali del punto appartenente a piani paralleli proiezioni ortogonali di figure piane appartenenti a piani proiettanti proiezioni ortogonali di solidi retti aventi asse parallelo a due quadri di riferimento proiezioni ortogonali di solidi semplici o complessi data la visione spaziale o reale STORIA DELL ARTE Dalla preistoria alle civiltà minoica e micenea L Archeologia I grandi monumenti in pietra L origine della pittura e della scultura nel Paleolitico L arte egizia il tempio e le piramidi; la pittura e il rilievo I palazzi monumentali della civiltà minoica Le tombe micenee La Grecia arcaica Il tempio e le sue tipologie: gli ordini architettonici L uomo protagonista assoluto dell arte greca ( il Kouros e Korai) La pittura vascolare Dallo stile severo all arte classica La rappresentazione del movimento: Mirone La Grecia classica e l Ellenismo L equilibrio raggiunto: Policleto Fidia e l Acropoli di Atene L arte nella crisi della Polis: Prassitele, Skopas, Lisippo L Ellenismo: Pergamo e Rodi L Arte Etrusca I Romani e L Arte Erba I rappresentanti di classe L insegnante (Paola Rosa Ceravolo)

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Liceo scientifico A. Einstein

Liceo scientifico A. Einstein Liceo scientifico A. Einstein Cervignano del Friuli CLASSE 1^ALSA PROGRAMMA DIDATTICO MODULI REALIZZATI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Prof.ssa Marilena Beltramini Anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMA

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Frazioni e numeri razionali I numeri naturali sono i primi numeri che hai incontrato, quando hai cominciato a contare con le dita. Ma vuoi eseguire tutte le sottrazioni. E allora hai bisogno dei numeri

Dettagli