LA PAROLA DEL PASSATO RI1'ISTA DI STUDI ANTICHI FASCICOLO CCCXXXIX GTET{\O NAPOLI MACCHIAROI, I F]DITORE 200,[ TESTRATTO]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PAROLA DEL PASSATO RI1'ISTA DI STUDI ANTICHI FASCICOLO CCCXXXIX GTET{\O NAPOLI MACCHIAROI, I F]DITORE 200,[ TESTRATTO]"

Transcript

1 LA PAROLA RI1'ISTA DI DEL PASSATO STUDI ANTICHI FASCICOLO CCCXXXIX TESTRATTO] GTET{\O NAPOLI MACCHIAROI, I F]DITORE 200,[

2 LA PAROLA DEL PASSATO.RIVISTA DI STUDI ANTICHI Direttore: GrovaM,u PucI-rase Cnnn,ttsrI-r Consiglio direttivo: Lurcr BEscHr - Sercro DoNeooNr - Euceì'lro G,{nrN Ar-nsnro Gtrt-u - Grr.r.mn,rt.tco M,rooorr ' F,rusro Zevr Vicedirettori: Iìa op Froro - Gr,tu.narco FrAccADoRr Redazione: RAFFAELLA IìERoBoN BENorr - Mlrusa Torronrlrr Gnrorllr Cunrstarr GnoegoN Wsrttr - Coordinamento: V^rERr,t GrcÀNTE L,\NZ,\RA VOLUANE LIX/2004. FASCICOLO VI (CCCXXXIX DELLA SERIE) FneNcescA. Prrosr, Epodé: persuasione, parificazione, cura delf axitna rclla iflessione pktoùca sulla musica 401 Manco BuouoconE, Peltuittun: praefectura efo municipiua? 418 Arune Me.nr,q. BrrescHr, A proposito di ffitti di propietà sacre in Attica 429 {ONUMENTI Lurcr M. C,tlrò, lo iepooureiov e la funzione della orori di Camiro 436 Fpopnrco DE RoMANrs, 'Misura' de llt Tetarte a Palmira. Una ilettura di Pat Rrccanoo CoNrrNr, Osseruczl oni linguisticbe 472 Pubblicazioni iceuute 476 I colhboratori del oolune LIX Ind.ice del uolume LIX 479 La "Parola del Passato" ha chiesto un contributo del C.N.R. pet il volume LIX/2004 Printed in Italy. Arte Tipografica - Via San Biagio dei Librai, Napoli

3 TESTI E MONUMENTI LO IEPOOYTEION E LA FUNZIONE DELLA ETOA DI CAMIRO Un episodio cruciale nella storia di Rodi è stato senza dubbio il teremoto che nel22817 a.c. ha distrutto in gran parte I'isola. ' Nonostante la tragedia dell'evento, il sisma ha tuttavia significato per Rodi la possibilità di un forte rinnovamento del paesaggio architettonico tra la {ine del III e l'inizio del II secolo a.c., non solo nella città di Rodi, ma anche nelle altre zone dell'isola; ancora due secoli dopo il sinecismo, che, alla {ine del V secolo a-c. ha portato alla fondazione in territorio ialisio della nuova polls, la ricostruzione si è resa necessaria non solo per Rodi stessa, ma anche per Camiro e Lindo con la risistemazione in senso monumentale delle acropoli cittadine e in particolare con la rcùizz - zione delle due sloai che delimitano i santuari poliadi.' Nello specifico, a Camiro la ricostruzione è stata intensa, come dimostrano le sottoscrizioni rinvenute nella città per reperire i fondi per le attività edilizie della polis, tutte datate tra la {ine del III e il II secolo a.c. ' Il dato è indicativo di una profonda esigenza di ripristinare le funzioni della città da parte delle aristocrazie locali ancora legate alla po/is presinecistica, soprattutto se confrontato con la situazione di Rodi dove la sola sottoscrizione privata che si conosce è quella relativa al restauro delle torri dopo il sisma. o La risistemazione del centro monumentale di Camiro è particolarmente grandiosa e riflette la vitalità della polis in periodo medioellenistico: CAIIò 2001, pp , nora 40. ' Su Camiro si veda da ultimo Ceuò 2001; su Lindo Lreeolrs 1991, con bibliografia precedente. ' MrcEor:rE 1992, 42-46, pp o MrcEorrE 1992, 37, pp.!

4 TESTI E MONUMENTI 4)7 i monumenti dell'actopoli vengono costruiti su un sistema di tetazze e if passaggio alla terrazza superiore, che ospita il tempio ù, Athana e Zats, è segnato dalla cosruzione di una imponente s/ori con un portico lungo oltre 200 metri e una serie di ambienti nella zona retrostante la navata. L'edificio ha una chiara valenza architettonica nell'economia dell'intero santuario ed è certamente uno degli esempi più autorevoli delle architetture terrazzate che in questo periodo vengono realizzate a Rodi e nel Dodecanneso. Meno evidente è la funzione del monumento all'interno del santuario, che nell'insieme presenta una situazione topografica non ancora chiarita. Allo stato attuale delle ricerche si presentano due ordini di problemi, strettamente corelati tra loro. Il primo è la difficoltà nello stabilire i limiti del santuario stesso, comprendere in altre parole se la sto,ì delimiti il confine dell'area sacra, proponendosi come propileo monumentale, o se questa si estendesse anche a nord della tetazza con Ia stoà, come sembrerebbe indicare la presenza di una base per altare in questa zona; seguendo tale ricostruzione, le terazze su cui si sviluppava l'intero complesso dovevano essere almeno tre, articolate su livelli di quota diversi. Il secondo deriva dal cattivo stato di conservazione delle strutture del santuado che non ci aiuta nell'analisi della sua topografia e ci {ornisce scarse informazioni sulla eventuale presenza di ulteriori edifici nell'area saoa olne oj tempio e al)a stoa, come invece sembrerebbero indicare sia le piante effettuate duante gli scavi ottocenteschi, ' sia le in{ormazioni epigrafiche. Se nelle prime infatti sono segnate alcune strutture nella terlazza superiore, successivamente non rinvenute durante gli scavi italiani, di cui non è possibile sostenere nulla di preciso, ma che in via ipotetica potrebbero essele strutture abitative appartenenti all'ultima fase di occupazione dell'aoopoli di Camiro ampiamente testimoniata anche nella zota dellz stoau e dell'abitato, le informazioni epigrafiche sono invece al riguardo più circostanziate. Da questa fonte conosciamo la presenza sull'acropoli del tempio, di installazioni idriche, éf,utpa, di un portico, orori, e di un edificio parti colare, lo iepo0ureiov, citato da una legge sacra di periodo romano, che commirurva una pena pecuniaria a chi avesse acceso fuochi nello iepo0ureiov e nella orori di fronte allo stesso iepo0uteiov;7 se tuttavia per gli ' R.A. Hrccnls, Cattlogue of the Tenacottes in the Depàifiext of Greek and Ronat Antiquitizs, Birtsh Museum,I (London, 1954), t^vv. 2 e ). ' C^rlò 2001, pp. 10r-106. Tiaii Cattzitenses 112; SoKoI-ovsKy 1962, r. 105, p. 17J; WTNAND 1987, n, { p. 96.

5 TESTI E MONUMENTI altri edifici sono stati rinvenuti i resti durante gli scavi, per quanto riguarda quest'ultimo non rimane nessuna traccia archeologica. La stoà citata dall'epigrafe I comunque con ogni probabilità il portico del santuario dell'acropoli. In un'isuizione più antica, che risale al momento della costruzione dell'edificio, si parla di un intervento edilizio che avrebbe interessato la orori e gli étr"urpo, cioè le cisterne che sono ancora conservate al di sotto del portico e che erano accessibili tramite alcuni pozzi dagli ambienti retrostanti il portico, ed anche in questo caso l'edificio viene identificato come la stoà, senza ulteriote specificazione. ' D'altra parte questo monumento è quello che a Camiro piìr corrisponde alla tipologia architettonica del portico greco: già G. Downey,' riportando f interpretazione comune della parola ro;, sosteneva che'a saà would be a colonnade consisting either of two parallel rows of columns or of one or two rows of columns running parallel with a wall'. Questa accezione della parola è quella che ancora oggi è ritenuta piìr probabile ed è stata ripresa interamente, circa quaranta anni dopo, dajj. Coulton che, nel suo libro sulla stoa greca, sostiene, riferendosi al 'free - standing portico' che: 'for sroà was undoubtedly the word used by the Greeks to refer to a building of this kind'. Le attestazioni della parola stoa in antico raccolte da Coulton si riferiscono sempre a edifici di questo tipo, e le eccezioni sono tarde e poche,'o anche se successivamente la Helmann, pure dprendendo i significati tradizionùi, allarga I'uso della parola anche all'accezione di galleria o passaggio copertorr e Kuhn nota come il termine orori a partire dal periodo classico indica non solo il portico a se stante, ma anche più genericamente un colonnato. " La stoà di fronte allo iepo0uceiov, connessa con le cisterne, è quindi necessariamente quella dell'acropoli e lo iepooureiov deve quindi essere collocato nel santuario di Athaza, in contasto con I'ipotesi di Segre che, come vedremo, lo identificava con la cosiddetta 'Agorà degli dèi' nei pressi del santuario inferiore. " ' Tituli Camircr ses 158; MrcEor-rE 199),42, pp G. DovNEy, The atcbitecturul sipificaace of the use of tbe uords Stoà atd ' Basilil<e in classical literatare, h «AJA», XL L9)7, p 'o Sul significato e Ie attestazioni della parola stoa nella letteratura e nelle testimonianze epigrafiche antiche cf. JJ. CouLToN, Tbe atchitectural deoelopmext of the Grcek Stoà (Oxford, 1976), pp " M.-Ch. Hrr,r'aaNr.r Recherches sut b uocabuhirc de farchitectare gecque, d'apùs les insciptions dc Délos (BEF AR 278, 1992), s.v..troii, pp " G. KuHN, Uxtenuchtxgex zxt Flrktiox det 9iubxballe h archaiscbet rxd klassischer Zeit, in «JDAI», 100, 198r, pp tr SEGRE 1914.

6 4)9 Tuttavia la mancanza di resti archeologici attribuibili a tale edificro non ci aiuta a determinarne la struttura e la funzione, anche se è possibile affrontare il problema in modo indiziario e deduttivo. Segre pensava che lo iepooureiov {osse una sorta di 'agorà degli dèi', sul modello di quella che si trova a Cirene e per questo l'identi{icava col recinto nel santuario inferiore che conteneva altari dedicati a diverse divinità. L'ipotesi di Segte era sostenuta dal confronto tra il recinto degli altari di Camiro e la descrizione di Pausania dello iepo0ùorov di Messene, dove d'altronde sono testimoniati epigraficamente anche gli iepo0rirot:'o 'Nel luogo chiamato dai Messenii iepo0éotov ci sono statue di tutti gli dèi che i greci venerano e anche una statua in bronzo di Epaminonda. Sono qui dedicati anche degli antichi tripodi, di quelli che Omero chiama intatti dal fuoco'. Da questa testimonianza sappiamo che il luogo si caratterizzaper la presenza di statue di divinità e di alcune o{{erte (i ripodi), ma non di altari, anche se la stessa parola usata per indicare il luogo è indissolubilmente legata al concetto del sacrificio e quindi indirettamente alla presenza di un altare sacrificale, D'alra parte la presenza delle statue nello iepo06otov di Messene sembra essere in connessione più con la pratica dell'offerta e del consumo delle carni che con il momento del sacrificio cruento sull'altare. Un passo di Omero e due di Aristo{ane chiariscono la funzione delle statue. In Omero, Teano, la sposa di Antenore, offrendo un peplo ad Atena lo pose sulle ginocchia della statua della dea. " Più esplicito è Aristofane: il primo dei due brani è un passo degli Uccelli in cui Pisthetairos, rispondendo a Evelpides sul perché le divinità fossero spesso accompagnate da uccelli di vario genere afferma: 'Hai in mente i sacrifici, quando gli si mettono in mano le viscere, secondo il rito? Così gli uccelli si prendono le viscere ancor prima di Zeus. E tra gli uomini nessuno allora giurava per un dio, ma tutti per gli uccelli'.'u Il secondo brano, dalle Ecclesiaxuse, riprende quanto detto nel primo: 'Ma dawero puoi credere che consegni le sue cose chiunqùe ha un po' di cervello? Non sono mica le nostre usanze queste: prendere piuttosto, quello si, perfino gli dèi; basta vedere le mani delle statue. Quando chiediamo che ci diano del bene, se ne stanno lì tenendo la mano aperta: pensano a prendere, alro che a dare!'. " " Hom., ll Yl, w. 296-J10. Paus. lv.j2. Il Wrrlr.ro pp '" Aoes vv Traduzione di D. Drr Conro. Eccl. vv ). Ttadrzione di G. PADUANo. 'i

7 440 TESTI E MONUMENfi Ancora si apprende da alcune iscrizioni che a Chio le mani e le ginocchia delle statue rimpiazzavano le tavole destinate a raccogliere le offerte; infatri in un'epigrafe le offerte sono divise in tò ég leipaq e in tù ég 1o6voro. '' In conclusione, attestata I'tsanza di offrire le viscere degjì animali sacrificati ponendole sulle braccia o su.lle ginocchia delle statue degli dèi a cui era diretto il sacri{icio, " è possibile che 7a utifizzazione delle statue all'interno dello iepoouteiov di Messene aveva uno scopo ben preciso: le statue hanno la stessa finalità della tprine(o, che era normalmente utilizzata per deporre le offerte destinate agli dèi;']o la presenza delle statue è quindi funzionale all'offerta, ma non è detto che sia necessaria ed è probabile che altri iepo0weio pur con le stesse finalità siano stati organizzari diversamente. Ancora, noi possiamo intendere dai passi di Aristo{ane che le statue dovevano avere un atteggiamento particolare che potesse permettere l'offerta delle viscere, cosa che non sembrano averc i kouroi rinvenuti accanto I'altare di Halios e riterr.tti dal Segre uno dei motivi per cui era possibile identificare lo iepooureiov con il recinto degli altari. " D'altronde la sistemazione di statue all'interno del luogo della 0uoio appare piuttosto rara rispetto alla norma che vede tra gli strumenti necessari per il sacrificio le tavole per offerte. Infatti nelle rappresentazioni vascolaila'cp&re(a e 1'altare sono in stretto rapporto tra di loro all'interno del sacri{icio; contrapposta dl'ùtarc la zpitne(a poteva seruire per le offerte non cruente e molto spesso era mobile, mentre l'altare era fisso. " La funzione dello iepo0uteiov, se prendiamo come esempio emblematico il caso di Messene, sarebbe quindi quella del saoificio e soprattutto quella dell'offerta agli dèi, ma diverse iscizioni provenienti dalle " D. Grr, Tnpezot rata: a rcglected aspect of Greek Sacifice, in «HThR», 67, 1914, p. 118, nota 3. Cf. Sul problema in generale Anrsroeumos, Birlr, a cura di N. Dut'rsan (Oxford, 1995), pp. ) Sul problema delle offerte di viscere agli dei ed in particolare di questa " usanza cf. B. LE GrrEN PoLLET, Espace sacificiel et corps d.es bétes iunolées, in L'F;pace Saci/iciel, p. 18. " Sull'uso delle apeza e sui modi di offrire agli dei le porzioni del sacrilicio cf. Gru 1974, pp f7, ii particolare il palagrato Trapezonata at tbe Thysia, pp '?1 Secne 1934, p Si tratta di una testa di Éozros e due torsi dl koaroi rinvenuti nel santuario inferiore appoggiati all'altare di Halios. La testa ed wro dei due torsi sono inseriti dalla Richter nel suo Melos Group che viene datato circa alla metà del VI secolo (G.M.A. Rrcurer, (ozroi, London and New York, 1960, p. 110, nn ) mentre il secondo Éoarro.r è inserito nell'anavysos- Ptoon 12 Group datati nella seconda metà del VI secolo a.c. (RrcHTER, op. cit., p. 125 n. 154). " J.L. Dun,rr.tr, Inaget pour u autel, h L'Espace Sactificiel, p. 49.

8 TESTI E MONUMENTI 441 te poleis e dalla stessa Rodi ci informano anche di un'altra funzione legata a questo edificio, quella della oitqorq èv iepo0ureior. 'r In particolare da Lindo provengono quindici iscrizioni onorarie,a in cui tra i privilegi concessi all'onorato si trova quello di sedere nello iepo0uteiov; è interessante notare come l'onore della oirqorq Èv iepooureir»r sia i.l più delle volte connesso alla rpoeòpio. In alcuni casi si tratta di onori decretati dall'intera polls lindia e sono inrodotte dalla formula Aivòror Èripaoov. Si tratta di un'onorificenza ra le più alte che doveva essere rati{icata dall'amminisrazione cittadina anche quando a proporla erano associazioni particolari. A Camiro abbiamo una sola attestazione dello stesso privilegio di periodo romano, in cui viene onorato un Sylla figlio di Sylla.,, A Ialisos sappiamo da una epigrafe che il rorvòv tò 'Id,u[oirov] ròv 'EpeOrpLo(6wrov ha decretato di onorare [Ter]ool6pog Tetooldpo con una colona aurea, una statua di bronzo ed infine con la oirlotq èv iepooutelror.']6 La situazione di Ialiso è tuttavia particolare, non è la polis che olhe gli onori stabiliti ad un personaggio benemerito, ma una associazione a carattere privato che detiene anche I'otganizzazione nelle feste ufficiali del santuario di Apollo Eretimio, il cui sacerdote è l'eponimo della polis di Ialiso. " D'alta parte la stessa città di Ialiso si trova in una posizione singolare rispetto alle altre due ^ntiche pobis rodie perché è proprio il suo territorio ad ospitare a partire dal sinecismo la nuova capitale " che ne ha condizionato lo sviluppo urbano e civile, per cui non solo la ricerca archeologica non ha rinvenuto a Ialiso un nucleo urbano articolato come quello delle altre due città, ma è anche difficile tracciare un quadro delle istituzioni ialisie. Fuori dall'isola di Rodi, ma all'interno del territorio amministrato direttamente da Lindos, due attestazioni di tale pratica vengono da Carpathos; la prima è una epigrafe proveniente dalle vicinanze della antica città di Arkaseia, dove un personaggio sconosciuto è invitato Èri (évro eiq tò iepo0ureiov;" la seconda invece viene dal santuario di " Sul problema WTNAND 1987, pp a IG XIl,1,847,846,848,849, 853; BuNKENBER] 194t,281,29j, )Ol-, )07, 330, 1)3, 389 teià in IG XIl, t,849), 404b, 407, 415, 4J6; frnand 1987, pp '15 Tituli Anirenses 86; trrnand 1987, pp. 9j-96. " Wruro 1987, pp '7 KoNroRrNr 1975, p KoNroRrNr 1975, p '?3 " IG XII, 1, 1,033; M. SaeF.e, IsciTioni d.i Scalpa to,'rn «Hlstoti^", t9)3, pp

9 TESTI E MONUMENTI Potidaion dove, di nuovo, con la stessa formula, viene onorato'iépov Kopno0lonoLirog. ru Ancora una testimonianza viene infine da una epigrafe che attesta l'uso dello iepo0ureiov ad Antiphellos in Licia- Secondo L. Robert il ritrovamento di questa pratica anche in Licia sarebbe dovuto ad una imitazione delle istituzioni rodie nel periodo compreso tra il 188 e il 167 a.c. quando la Licia era stata sotto il controllo rodio. " In conclusione, queste attestazioni sembrano dare valore all'affermazione di D. Musti e M. Torelli, r': secondo cui a Rodi e nel suo territorio'il hierotbyteion, linguisticamente del tutto corrispondente al biootbysion, sembra assolvere una funzione tra «luogo per sacrifici» e quello che altrove è L prytaneloz, un edificio quindi tra sacrale e magistratuale-cittadino'. Nelle tre polels questa doppia funzione, cioè quella sacrale e quella civica, sembra quindi venire del tutto assolta dallo iepo0ureiov, o perlomeno in tale modo è attestata con sicurezza a Camiro e a Lindo, dove al momento non esiste nessuna traccia dell'esistenza di pritaneo, come d'altronde di nessun altro degli altri edifici civili che catatterizzayano la vita delle città greche, mentre abbiamo visto che, essendo le città autonome per quanto riguarda gli affari interni e i rapporti tra di loro, si deve per forza di cose presupporre l'esistenza di in{rastutture cittadine di un certo respiro e di un consiglio cittadino che agisse a nome della città. A Lindo, dove il materiale epigrafico è di gran lunga più abbondante che nelle altre città, la pratica della oit4otq év iepo0uteior e l'istituzione degli iepooritor risale, con un certo grado di approssimazione, ad un momento che precede, se pur di poco, l'unificazione dello stato rodio e che comunque è attestata già alla fine del V secolo a.c.; infatti un deoeto di prossenia della città, pultroppo molto lacunoso, datato ù 411 a.c. ca., menziona una orrio Èv iepooureir»r, " mentre in una seconda epigrafe datata alla fine del V secolo si menziona uno iepo06roq.'n Lo iepooureiov è dunque una istituzione antica, presente nelle trc poleis ancora prima che venisse compilato il nomos rodio. Successivamente alla formazione dello stato rodio lo iepo0uteiov è attestato nella città di Rodi da due iscrizioni del II secolo a.c. in cui si ro DTTTENBERGER, SylP, 570, v. 20. L. Rortnr, Opeta Minoru Selecta li, pp " P,{usANr,r, Guida d,elh Grccia, Libro IV, La Messenia, a cura di D. MusTr e M. Tonpru (Milano, 1991), p., 258. BUN(ENBERG 1941, 15.! BuNKENBERG 1941,26.

10 TESTI E MONUMENTI 44) attesta l'invito érì (évto eiq tò iepooureiov.i' Lo iepo0ureiov a Rodi rappresenta quindi una istituzione ufficiale dello stato rodio, all'interno della quale si intrattengono gli ambasciatori di alri stati e si onotano gli sranieri benemerenti verso lo stato; accanto allo iepo0ureiov a Rodi si conosce anche un npuroveiov, citato tuttavia solo due volte in iscizioni di periodo medio imperiale (II secolo d.c.), in cui si concedono diversi onori per meriti politici e religiosi. Anche in questo caso, paradossalmente, nonostante la sostituzione del nome, è mantenuto il duplice carattere amministrativo e religioso della istituzione e nulla vieta di pensare che il npuraveiov di periodo imperiale abbia avuto una funzione analoga allo iepoouteiov ellenistico.'n Contemporaneamente nelle singole po/eis 1o iepoouteiov rimane per l'amminisrazione dei loro affari locali e la concessione della oiqorg a personaggi che si sono particolarmente distinti a lavore della polis. In nessun caso nelle città presinecistiche sono state comminate onorificenze éni (éwo o comunque legate ad interessi più generali, che invece erano prerogativa di Rodi. L'onorificenza della o(tqotq è con tutta probabilità legata alla pratica del banchetto, tuttavia l'espressione oirlorq év iepoourei<ol indica qualcosa di più complesso di un semplice banchetto e probabilmente a questo riguardo aveva ragione Segre quando affermava che 'il personaggio onorato è invitato ad un sacrifizio prima e piìr che a un banchetto'. " In realtà è difficile legare lo iepooureiov ad un momento piuttosto che a un altro del cerimoniale religioso, come è difficile nella pratica antica distinguele la circostanza del sacrificio e quella del banchetto come momenti separati del rituale. La moderna analisi antropologica tende sempre di più a vedere nel sacrificio e nel banchetto un'unica azione sacra. In un recente articolo C. Grottanelli " riassume le posi-, VTNAND 1987, p. 104 n. 6, da Magnesia sul Meandro, e n. 7. " E perciò probabile che i due edifici non coesistessero, ma che con i due nomi si indicasse la medesima costruzione; cf. (/rrano 1987, pp. 1U"119. Di parere contrario è Sacnr 1914 pp che cita a fatore della presenza di un Pritaneo ellenistico a Rodi un passo di Polibio (XVI 5, 8) ed una base di statua iscritta (IG XII I, 85), firmata da uno scultore di III secolo a.c., che tuttavia è dubbia a causa delle gravi lacune e per il {atto che le onorificenze decretate al personaggio rapprcsentato dalla statua non rispettano il hormale ordine che vede la oi,qorq accordata dopo la rpoeòpio, e non prima come nell'iscrizione in questione. " SEGRE 1914, p r3 GRoTTANELLT 199r-

11 TESTI E MONUMENTI zioni più significative riguardo l'argomento e propone nuovi strumenri di ricerca; quello che emerge in particolare è, seguendo le ipotesi già proposte da Vernant, r' che l'assunzione della carne da parte degli antichi doveva essere legata al rituale del sacrificio e non era pensabile al di fuori di questo, vale a dire che l'unico modo corretto di macellare un animale, e di conseguenza di mangiarne la carne, era all'interno del rito sacrificale. 10 Questo cambiamento di orientamento del signi{icato del sacrificio, non più come elemento di offerta agli dèi o di comuni cazione con I'extraumano, ma uccisione ritua[zzata per poter assumere carne in modo corretto, pone un legame indissolubile tra le due pratiche, anzi fa presupporre che ii sacrificio ed il banchetto {acciano parte di uno stesso rituale, come già in antico era stato intuito. '' Lo iepo0ureiov ha quindi in sé elementi che lo legano indissolubilmente tanto alla pratica del sacrificio quanto a quella del banchetto, giusti{icando così le oto]oet6 àv iepo0utei<ot offerte come onorilicenza a vari personaggi. Ancora nell'introduzione ad un volume di atti di un convegno, R. Étienne sottolinea che la nozione stessa di spazio sacrificale 'inàt..rut la complexité des éléments matériels liés au rite du sacri{ice sanglant ou non. L'autel n'est jamais seul en jeu et notte but n'est pas l'étude architecturale d'un monument, mais la restitution de toutes les traces matérielles liées au rituel du sacrifice: tables, arbres, perrhiranterion, lieu du banquet, relief du repas, stockage et débitage du bétail...'", e sempre nello stesio convegno J.L. Durant ribadisce che: 'la question la plus claire que taite la thusia est celle du manger et des implications de la nourriture carnée dans le statut ontologique des immortels, des humains et de leurs animaux domestiques'. ar Sulla stessa linea è P. Schmitt Pantel quando afferma esplicitamenre che la consumazione è un momento della pratica rituale del sacrificio. L'uccisione della vittima è in{atti di norma seguita dalla divisione, dalla cottura e dalla consuma- - " SuI rapporto tra il sacrificio e I'assunzione della carne nel mondo greco cf. in particolare: La cucixa del sacificio i tetd Ereca, a cura di M. DrrrriNe e J.-P. Venlaur (Torino, 1982; Patigi, 1979); cf. anche VJ. Rosi\^ch, The SysterL of Pubblic Sacifice ix Fourth-Century Athexs (Atlarta, 1994), p. ) e n. 5. a0 Cf. GRofil.NELLr 1993, in particolare ) Violenza e spargimerto di Sangue, pp. 16-2). " Ps. Plutarco, I/ sizrp osio dei Sette Sapiexti, a cura di P. Pueenu (Palermo, 1989), p. 48. n' R. Ermure, in L'Espace Sacificiel, p. 7. " J.L. DuRANr, Inrages pout ux autel, h L'Espace Sacificiel, p. 45.

12 TESTI E MONUMÉNfi 445 zione della carne, on come diverse leggi sacre decretano esplicitamente indicando l'obbligo di consumale Ia carne sul luogo del sacrificio. o' Esiste quindi a questo punto un problema di interpretazione del- I'esatto significato della parola iepo0ureiov: crea in{atti delle difficoltà stabilire se si intenda il luogo fisico dove aweniva l'uccisione della vittima, o piuttosto pe! estensione il banchetto e se, in questo caso, si tratti di banchetti legati alla normale vita del santuario, che potevano essere celebrati in luoghi adibiti a questa funzione, come àvòpdrveg o éoooropta, o di cerimonie celebrate in occasioni particolari cui veniva destinato un edificio specifico. Relativamente difficoltosa è quindi stata e continua ad essere la localizzazione dello iepo0ureiov alf interno della sistemazione dei santuari, anche di quelli, come Camiro e soprattutto Lindo, di cui si ha una conoscenza relativamente buona delle strutture architettoniche. Nel 1911 Blinkenberg ou notava che a Lindos non potevano essere effettuati sacifici all'interno del temenos di Athana lindia; nel santuado infatti, come nelle terazze superiori di quello di Camiro, non erano state trovate tfacce di altari. Le nacce di carbone trovate sull'acropoli potevano, secondo lo studioso, testimoniare l'esistenza di bracieri e non plesupponevano necessariamente la presenza di un altare, mentte i reperti ossei rinvenuti nel santuario, forse spezzati per poter estlarle il midollo, sembravano testimoniare piuttosto la pratica dei banchetti. Questa ipotesi ha {atto concludere al Blinkenberg che i sacrifici venissero celebrati al di {uori del recinto dell'acropoli, mentre i banchetti cerimoniali erano allestiti nel santuario, nello iepo0ureiov che era 'sans doute partie du sanctuaile'. Tuttavia Dyggve ha rinvenuto i resti di un altare monumentale sull'acropoli di fronte al Tempio di Atbana e identificato con maggiore precisione gli ambienti dietro i propilei del santuario superiore come lo iepooureiov citato dalle epigrafi, edificio destinato al banchetto, e in questo modo strettamente legato al luogo del sacrificio. n'ipotesi ripresa da E. Lippolis che ha recentemente notato che 'il termine (iepo0uteiov), relativemente raro, è strettamente legato al luogo dove venivano effettuati i sacrifici e sembra comprendere o sottointendere l'esistenza di un {a P. ScHMrTr-PÀ.NrEr, Sacificial Meal and, S?mposiorl: tuo Models of Cù)ic lrrstitutiots h tbe Archaic City, h Sympotìca, A symposium ot tbe Symposion, a cura di O. Murn,rr (Oxford, 1990), p. 14. Sul problemd anche GoLosrsl'r 1978, pp e p. )22 ss. '' Gotosterr 1978, pp. ) 'u Br"rNrerlBpne 1911, coll a) DYGGVE 1960, pp

13 TESTI E MONUMENfi éoootoptov in cui venivano consumati i resti dei sacrifici da parte degli aventi diritto'. {3 L'éonnt6ptov è stato associato, dallo stesso Lippolis, alla menzione di un àvòp<irv in un a epigrale datata a17'88 a.c., sistemato probabilmente sull'acropoli, " sulla scorta di quanto già precedentemente sostenuto da S. Hornblower che aveva identificato la funzione dei vari àvòpdrveg e defli oikoi dedicati dagli Hecatomnidi in Caria come éotrot6pr.o. '0 A Lindos l'dvòprirv dovrebbe essere identificato con le stanze costruite dietro la stoà superiore; " sarebbe in questo caso attestata archeologicamente, oltre che dalle fonti, la preparaziote di banchetti in ambienti appositi sulla acropoli di Lindo, legati alla presenza di uno iepo0uteiov. r inand tuttavia, notando che a Lindo tutte le epigrafi che menzionano lo iepo0urtiov sono state rinvenute immediatamente a nord-est della Grande Sro,ì e non sulla sommità dell'acropoli, ha conseguentemente supposto che dovesse sorgere in questa area del santuario e che, in mancanza di altri edifici, dovesse essere identificato con la stessa rroà; soluzione non scevra da problemi, primo {ra tutti il fatto che la rrorì di Lindo è costituita da un portico senza ambienti lerostanti.. Forse un chiarimento al problema della topografia del santuario di Lindo può venire da un confronto con quello di Camiro. Rispetto a Lindo il santuario di Camiro in periodo ellenistico appare piìr imponente nelle sue strutture architettoniche ma probabilmente aveva una analoga divisione delle [unziona]ità degli spazi. Se la stoà di Camiro presenta nella parte posteriore una serie di camere che potevano essere vtlizzate pq scopi civili o religiosi, queste invece vengono a mancare completamente a Lindo dove la Jror non è alfto che la monumentalizzazione del passaggio che portava all'acropoli. Tuttavia contrariamente a quanto aveva scritto il Dyggve, che attrlbuivala stoa * Lppor:s 199), p l-dpous 199), p " S. HorNsroweR, Maasolus (Oxlord, 1982), pp ; cf. arrche P. HEESTRòM, Fomul Banqueting at Labauzda, in Arcbitzctuft and SociebJ itt Hecatomnid Caza, Proceedings o{ the Uppsala Symposium 1987 (Uppsala, 1989), pp Il problema dell'identificazione degli oiàoi come sale da banchetto è affrontato anche nella prima parte di ul alrlo articolo dello stesso studioso: P- Hslr-srRaiÀ,I, The Plzmed Furctiox o/ tbe hbesikbar Pmpyhit, in «Opuscola Atheniensa», 17, 1988, pp ; cf. sugli àvòpòveq anche P. Heu-s,llròli{, Archìtecture. Charurteistit Buidirrg-Dpes arrd Paniclllaities of Sqb atd Techxique. Possible baplicatioxs for Hellelìstic Architecture, in J. IS^GER \ed.), Hekatomxid Caùa and the Ioxiar Rexaissaace (Oderse, 1994), pp. 40-4) e pp, " LFPous 199), p. l)9.

14 TESTI E MONUMENTI 447 in{eriore e quella superiore (i cosiddetti propilei) a due periodi costruttivi diversi, " e sulla scorta di Lauter, 'r Lippolis sostiene che l'intero complesso sia stato progettato unitariamente forse nella prima metà del III secolo a.c., anche se Ia reakzzaziote probabilrnente dovette durare a lungo e conoscere un'importante fase costruttiva negli anni dopo il terremoto; '4 fu reakzzato in ta1 modo un sistema architettonico che srettamente vincolato dalle condizioni orografiche dell'acropoli si sviìuppa necessariamente in modo più articolato rispetto a Camiro. È quindi con l,insieme delle due sloal che dobbiamo veri{icare se la funzione alf interno del santuario di Atbana della stoa di Camiro può avere un riscontlo con Lindo. A Lindo infatti la scalinata che conduce alla terrazza superiore per la quale, attraverso l'edificio a parasceni si giunge poi al cortile del tempio, funge da elemento unificatore dell'intero complesso che ha come facciata monumentale e scenografica il colonnato inferiore che, come a Camiro, corre per tutta la J/o; senza interrompersi, nascondendo la stessa scalinata. L'edificio superiore oltre la facciata si articola su due ali, di cui quella occidentale ha cinque camere nelle quali è stato idenri ficato l'àvòp<irv citato dal materiale epigrafico. Ecco ancora una volta che nel complesso di Lindo si incontra un sistema composto da tna stoà e da alcuni ambienti retrostanti, Certo, la forma del pianoro delle due aoopoli è diversa e a Lindo gli spazi sono molto più angusti, e proprio per questo la corrispondenza tra le due struttule ha un valore maggiore; d'altronde a Camiro, dove 7a stoàè stata costruita con tutto lo spazio disponibile e con le camere nella sua metà posteriore, non si è rinvenuto nessun'altro edificio. In conclusione credo che il complesso di Lindo e la stoà di Camiro possano essere considerati, dal punto di vista della loro funzione, perfettamente omologhi. Per quanto riguarda la stoà di Camiro è possibile, sulla scorta del materiale epigrafico, ricostruire con u na certa esattezzala funzione degli ambienti retrostanti. Il culto principale di Camiro, siruato nell'acropo'ii, è quello di 'A0rivo llol"rriq o Koperpriq, 55 e Zeùq llolrerig; in loro onore si celebravano le Panatenee sull'acropoli, menzionate da tre epigrafi,,n du- _. "_ C{. Lrppous 199r, p. 101; le date proposte dal Dyggve sono il 100 circa per J'edificio superiore e la fine del III seiolo per quello iriferiore. ') H. L^urER, Die Arcbitektu drs Hellenisnus (Datmstadt,1986), pp Lo studioso ritiene che la stoa superiore e quella inferiote facciano p-arte di un medesrmo progetto costruttivo da dararsi inrorno al 100 a.c_ " Lrppol-rs 199), p ' Tituli Carrlitenses " Tituli Canircnses 106, 14; 110, 56;159,3.

15 TESTI E MONUMÉNTI rante le quali sappiamo che erano saclificate delle vittime e venivano offerti dei banchetti; le stesse epigrafi ci informano che durante le feste erano tenuti degli agoni ginnici, sotto l'egida di un à1rovo0étng. Una in particolare ci informa che 'coloro i quali avevano a cuore di accrescere gli ànori degli dèi e la festa delle Panatenee, hanno ptomesso di versare alcuni fondi giatuitamente per la costruzione degli utensili (lpqotflpro) e delle cisterne e per i banchetti dei demi'. " Si tratta di una iscrizione della prima metà del II secolo a.c. in cui il richiamo agli étrurpo, che si rileriscono al complesso di cisterne e di pozzi che serviva la stoa, la presuppoffe che la sottoscrizione avesse Io scopo di ultimare i lavori nel complesso architettonico e di acquistare Ie attrezzature per il funzionamento dell'edi{icio che evidentemente in questa occasione doveva servire per I'allestimento di banchetti pubblici in occasioni delle feste. Questi banchetti, che quindi si tenevano presumibilmente nella stoa dell'acropoli, non sono tuttavia le uniche riunioni che avevano luogo nel santuario poliade. Una seconda iscrizione, rinvenuta nella terrazza superiore del santuario, in cui si tratta dell'elezione dei poorpoi, '" pone un solido legame tra le Kroivor, i pootpoi e il santuario dell'acropoli. I1 decreto, che fu rinvenuto tra le rovine del tempio di Atbana, stabi.liva che venissero iscritte, su una stele da porsi nel santuario di,4 thana,le rroivar dei Camiresi, sia quelle sull'isola che quelle sulla Perea; che alla rroivo di Chalkis fosse dato da scegliere se voler far parte del novero di quelle di Camiro; che venissero eletti i pootpoi di ciascuna rtoivo nel territorio della rroivo stessa e che i magistrati eletti {ossero successivamente riuniri év Kopiprot eiq tò iepòv tdq'a0ovoioq su invito degji iepororo(; da altre epigrali " sappiamo inoltre che il consiglio eta coadiuvato da un lpoppoteùg poorpòv. Non conosciamo se il lpoppoteriq fosse uno dei pootpoi stessi che ne prendeva l'incarico o se invece {osse la carica di un personaggio scelto al di fuori della cerchia dei paorpoi E possibile ipotizzare che i pootpoi si riunissero proprio nella stoà, edlticio che poteva essere attezzato a questo scopo e che doveva quindi ricoprire diverse funzioni. Particolarmente interessante è in questa circostanza il ruolo degli ieponoroi, sacerdoti camirensi che corrispondono a quelli che nel1e ojtre polzis sono chiamati iepo06tor e che forse può essere chiarito da una legge sacra rinvenuta nel demo di Tymno, appartenente alla Peraia conùollata da Camiro, che regola la concessione della storì sull'agorà e dei 1p1otr]pto (che " Tituli Cinireflses, 159, '" Tituli Can ire ses, n. 109; DIGNAS 2003, pp '" Tituli Anircrrses, 10r,. J8, 45, 46, 54, 62,78, 90, 110.

16 TESTI E MONUMENTI 449 come a Camiro erano conservati nella sloà stessa e ne costituivano l'equipaggiamento relativo) da parte dello iepo0ùtoq per la celebrazione di un sacrificio a vantaggio delle rroivot e dei òdpor.60 È probabile che anche a Camiro gli ieponoroi si occupassero della manutenzione degli edifici sacri e in particolare della sbà che dovevano preparare per le diverse occasioni in cui eru utllizz^ta, tra cui la convocazione dei pootpoi che si riunivano nel santuaio di Atbana, forse proprio negli ambienti dell'edificio. Allo stesso modo della sroà di Tymno, quella di Camiro era dunque concessa in uso per cerimonie di tipo diverso e in eflrambe i] divieto di accendere fuochi e, nel caso di Tymno, di appendere oggetti al tetto e sull'epistfio, sembra determinato dalla medesima prmccupazione relativa alla manuten ziore della stoà, Riprendendo il discorso dall'analisi topografica del santuario di Camiro la notizia che Ia stoà si trova di {ronte lo iepoouteiov ci obbliga a cercare in questa direzione. La s/oà sorge sulla terazza mediana del santuarlo dl Atbana sostenuta da un muro di terrazzamento che delimita avanti la Jroa stessa uno spazio relativamente stretto che corre lungo tttttala facciata del monumento, mentre il muro reftostante gli ambienti che corrono diefto il portico serve anche d,a tenazzamento per la terrazza superiore, quella dove è posizionato il tempio. L'edi{icio costfuito su questa terazza è relativamente complesso e comprende non solo gli ambienti reftostanti e il portico, ma anche le cisterne e i pozzi che si aprono in alcune delle camere, tvttavia la sottoscrizione menzionata in precedenza distingue chiaramente ra é),urpn, le installazioni idriche, e la oro6, il portico colonnato. ln modo analogo possiamo pensare nella legge sacra, una analoga distinzione tra quest'ultimo e lo iepooureiov, che indicherebbe gli ambienti dietro il portico stesso, nr luogo in connessione con i sacrifici e con l'onorificenza della oirqorg év iepo0uceia» e nel quale si preparavano i banchetti in occasione '" P.M. FRASER, G.E.Br,rN,The Rhodian Peraea aad, kk (Oxtord,1954), 26 pp. )9-41j J. Rorrrr, L. RoBERr, Bulletin epigrafique, 1955,2\0, p. 161; F. Sororowsxr, On tbe Lex Sacn of Tlmnos, «Transactions and Proceedings of the American PhilologicaÌ Association», LXXXVII, 1956, pp ; F. Soxotowsrr, Lois sacrées des cités gecques, Sxppléme t (P^tis, 1962), 111 pp. 179,181, rm. Br-ùrr.rsr, Die lxscbiften der rhodiscben Peraia (Bonn, 1991), 201, pp "' ln T;tul; Amìretses, 112 il divieto di accendere fuochi è nello iepooureiov ma anche èv r{ rpò roù iepo0ursiou otoq. Lo iepo0ureiov in questo caso identifica l'intero edificio di cd la stoà è un elemento accessorio; in modo analogo in una epigrafe del 129 d.c. da Me 'ez nella Siria settentrionale viene identificato il portico di fronte un dvòprirv (rrlq épnpoore toù rìvòpòvoq o[ro]dg) e forse anche in una seconda non datata da Palmira (npò roù àvòpòvoq I l). Cf. P.-L. Gatier, Instalhtiont ilu sobctuaife d.u Proche-Oieat romain: pou ex finir auec laldmx, in «Topoi>>, 1111, 200\, pp

17 4'O TESTI E MONUMENTI delle feste panatenaiche e si riunivano i magistrati delle rroivor, una isrituzione antica in connessione con le antiche divisioni presinecistiche' D'alra parte abbiamo a Camiro, come a Lindo, una serie di testimonianze epigrafiche di sacrifici officiati nell'acropoli Se tuttavia a Lindo è stato possibile rinvenire Eacce di un altare monumentale sulla terrazza supeiiore dell'acropoli, Io stesso non è posibile per Camiro a causa del cattivo stato di conservazione delle strutture sulla sommità del pianoro del santuario, anche se è presumibile ipotizzarne la presenza' Un secondo altare doveva trovarsi nella terazza immediatamente in- {eriore a quella della sfaì; qui infatti si ttova una piccola costruzione, posta 1,5 m. dih base del muro di tei:azzamento, che Iacopi pensava fosse un 'sacello' 6' ma che si tratta in realtà della base di un altare; atffaverso quattro scalini, infatti, si accede ad una piattaforma di m. 1,44 x 2,17 sulla quale doveva essere appoggiato l'altare vero e proprio. La costruzione è perfettamente allineata con i" p"tt. d.ll, ttrada che conduce all'auopoli e si "lt" trova al ceneo di un grande spazio, che probabilmente lormavala te,rrazza inferiore del grande sàntuario dell'acropoli. La valenza saua leg ata alta pra' tica del saci{icio di questo luogo potrebbe essere awalorata dal ritrovamento di un neptpovrrlprov arcaico, oggetto legato alla pratica del sacrificio u' Se l'ipotesi fin qui prospettata è esatta il santuario dell'acropoli pr"r.ot" un, articolazione più complessa di quella che sembtava avere a prima vista: distribuito su tre tenazze si cxattetizza quindi per una pro{onda gerarchia degli spazi che sono ritmati dai muri di t enazzarnento ' In questo santuario, come in quello di Lindo, l'ascesa è scandita da quinte a;chitettoniche successive ed ogot terrazza è catatter-izzata da un elemento cultuale importante. L'altare della'reirazza inferiore, 1o iepo0uteiov e la stoà con le sue installazioni, il tempio e probabilmente l'altare di Atbana e Zeus. kgati allo iepo0ureiov sono a Camiro gli ieponoroi k {y,nzioni di ques d s;erdoti comprendevano compiti relativi al sacrificio di quelle divinità che non godevuno dil privilegio di un sacerdote dedicato Sacerdozio secondario, " Jhe poteva essere esercitato in giovane età e che veniva officiato in "' G. J^coPr, Esplorazione atcheologica di Canito - II, in «Clara Rhodos», VI.Vll, 1911-ll, p.250, tig. )6. - ;'R.'Er;;"tit, Espacà sacificieh et autels dlliets, it L'Etpace SacÀ/iciel' oo "' - -An.h. "i se il fatto che è spesso menzionato dopo il demiurgo indica una i^ooiir"ru a"u, sua f,-rnziàne che sembra maniate per esempio a Lindo' ".rt" Cf. D.R. SMIrIr, Hiempoioi a»d Hierctlrytai ot Rhodes, «AC»' 4f, 1972' pp ; DIGN^S 20$, P. 41.

18 TESTI E MONUMENfi 451 onore di divinità minori o che portavano un'epiclesi particolare, aveva comunque sede nel santuario dell'acropoli dove sia a Lindo sia a Camiro sono attestati mrmerosi culti minori n' che in modo plausibile si dovevano concentrare nella parte in{eriore del santuario dell'acropoli, menme quella superiore era riseryata al culto pojiade secondo una scala gerarchica del sacro. uu Nello stesso tempo, riunioni e banchetti awenivano quindi nel santuario dell'acropoli il quale sembra catatter'tzzatsi non solo come luogo sacro, ma anche come centro politico e amministrativo della polis, nel quale si riuniscono i pootpoi delle rroivor e i òdpor di Camiro. Ma in che senso vanno lette queste informazioni? La città di Camiro, per come si conosce allo stato attuale degli scavi, si presenta come tr,a polis ar,omala sia nelle sue strutture architettoniche sia in quelle amministrative. Il santuario dell'acropoli sia a Lindo sia a Camiro rappresenta il centro amministrativo e politico della città, all'interno del quale si riuniscono i magistrati e si celebrano i riti cittadini. In particolare a Camiro dove le strutture cittadine sono piìr sviluppate rispetto le altre città presinecistiche le aree sacre sono particolarmente estese e al santuario superiore si affianca un nucleo cultuale inferiore, entrambi distinti nettamente dalla trama ubana per il diverso orientamento degli edifici e collegati da una via sacra. Il fatto che i due santuari a Camiro si sviluppano su uno stesso asse leggermente inclinato rispetto a quello urbano, fa sospettare I'appartenenza dei due complessi ad un analogo progetto esecutivo e li mette in stretta correlazione tra loro. " Nel santuario in{eriote la piazza che si apre di fronte Ia fontana è circondata da gradini che formano una sorta di theatrct e che caratterizzano uno spazio che ugualmente può avere valenze civili e allo stesso tempo religiose, come allo stesso modo si può ipotizzare per il teatro di Lindo, che, come notato dallo stesso Dyggve,' si "5 WN,{ND 1981, p. 75. * Sulla gerarchia dello spazio cultuale nei templi a terrazza cf. J. Scuor», Les espaces cultuels et leu i tefpétation, in «Klio», 77, 1995, pp "' A.DrYr:d., Camito. Ux esempio d,i utbaùstica sceaogtafica di età elbristica, Akten des XIII Interrationalen Kongress fiil Klassische Archàologie, Berlin 1988 (Mainz am Rhein, 1990), pp, 482-4$. La datazione del santuatio inferiore è controversa e oscilla tra il IV e f inizio del III secolo a.c. C{. L. MoRBrcoNE, I saced.oti di Halìos: fiammelto d,i catalogo rirueauto a Rodi, ir<asatene», XXVII- XXIX, n.s., , pp. J61-)80; PucLrEsE CARRATEU 1956, pp H. l-^orer., Stu)letat statt T1pus. Zu eixem helleùstiscber Atcbitekturmotio, in <<AA», 1982, pp.7$-124, abbassa la datazione tra la metà del III secolo e la metà del II secolo a.c,, con una maggiore approssimazione alla fine del III secolo, in un momento contemporaneo alla sistemazione del santuario superiore dell'acropoli. " DYGGVE 1960, pp. )

19 TESTI E MONUMENTI trova alìineato con il tempio di Athana sull'acropoli e per questo cosruito in una posizione sacrificata all'interno del tessuto urbano. L'unificazione politica dello stato Rodio e la costituzione del nuovo tomoso sembfa dunque aver comunque lasciato una forte autonornia nella gestione degli af{ari interni alle antiche poleis e la continuazione della partecipazione dei rodii agli affari locali delle tre città presinecistiche durante il periodo ellenistico è dimostrato in ultimo dall'analisi di A. Bresson'o su una famiglia Camirese, coinvolta nel commercio mariho del grano. Con tutta probabilità doveva condurre i suoi a{fari a Rodi stessa, ma ciò nonostante i loro nomi appaiono con una certa insistenza nelle liste sacerdotali di Camiro durante il III secolo a.c. Questa autonomia è garartita dalla cosiddetta règb *iennab, rigorosamente rispettata nelle elezioni degli eponimi; " questa si basava sulla ripartizione della popolazione delle pobis in tre tribù delle quali era capo un g6),op1oq e sull'alternanza delle tribù all'eleggibilità all'eponimato. L'eponimato per f intero stato rodio erà dato dal sacerdote di Halios, mentre le trc pobis ^vevano un eponimo locale che era per Lindo il sacerdote di Atbana, per Camiro il òoproupy6q, sacerdote di Estia e di Zeus Té),eroq, e per Ialiso il sacerdote di Apollo 'Epe0iproq. L'elezione all'eponimato nelle ffe città poteva awenire quindi solamente da parte di cittadini appartenenti a.lle gu),ni della città ed anche in questo caso il cittadino poteva concorere alla caica solo una volta ogni tre anni, quello in cui toccava alla rpulrq cui apparteneva. T'? Inolfte il cittadino per poter essere eletto al " La data dell'istituzione del nomos rodio è ancora dibattuta: secondo gli studi di G. Pugliese Carratelli la costituzione rodia non risale nel tempo oltre l'età di Alessandro; non esistono, secondo lo studioso, testimonianze epigra{iche o letterarie piìr antiche. Di diverso awiso è tuttavia P.M. Fraser, che sostiene che la costituzione delle leggi sia awenuta in un momento precedente al380 e molto probabilmente intorno al 195 quando furono cacciati i Diagoridi dal partito filoateniese, a riprova della somiglianza formale che la costiruzione rodia ha con quella ateniese. Cf. P.M. FR,rsER, Akxander and tbe Rbodiaa Co stitutiot,, in «PdP», VII, 1952, pp '0 A. BRESsoN, Rbod.es: ure fa*ille caniréeue d.e cotxnergaxts en blé, in «lndex», 9, 1980, pp " J. BENEDtr<TSSoN, Chmnologie de dzux listes de prérres KarniÉezs (Kobenhavn, 1940), p. 10; Bm,TKENBERG 1941, col. 95, p. 5; M. Secru, ljn nuooo /tattmento del catalogo d.ei sace oti di Ateta Lind.iz, in «PdP», III, 1949,p.69nota1; MoRRrcoNE 19, 1, pp ; G. Pucr-ms a C*t rrut, La formazioxe dello stato Rodlo, in «Studi Classici e Orientali», I, 1951, p. 84 sg.; FR^sEn 1953; M. Gu,urouccl Epigmfa Gteca, II (Roma, 1969), p. J42; Lrppol, 1991, pp " Sulla diversità di trartamento degli abitanti della Pereia tra Lindo e Camiro cf. Wrurrro 1990, pp

20 TESTI E MONUMENTI 45) sacerdozio maggiore doveva aver già ricoperto la carica di un sacerdozio minore all'interno della stessa po/ls; a Lindos gli eponimi dovevano essere stati sacerdoti di Poseidone"lzrmoq, di Apollo [[0toq, di Dioniso, o aver ricoperto la carica di àp1r.epo0rirog, a Camiro sacerdoti di Atbaru e Zeus, Asdepio, Serapide, Apollo, o essere stati àplteptorog. Sfortunatamente noi non sappiamo in che modo i cittadini erano divisi nelle tre tribù o quale relazione queste avessero con i òòpor, d'altraparte si conosce il nome di una sola tribù per Camiro, la 'Ai.0o.rpe vig, ed una per Lindos, la 'Apyeio.. Questa ripartizione ternaria della popolazione delle tre poleri ritorna nelle tre euì.si attestate a Rodi, che al posto dei più comuni nomi delle tre gui.«i doriche, riprendono i nomi delle tre antiche città: z\rvòio, 'Id,uoio, Koperpiq, il cui nome stesso indica un legame con le tre città. Tale sistema amministrativo evita l'accentramento delle attività amminisftative a Rodi, mantenendo soprattutto Camiro e Lindo centri politici attivi e importanti ed è in questa ottica che va inquadrata la necessità di ricostruzione delle po/eis dopo il terremoto e la struttura dei santuari poliadi e delle strutture same delle polels stesse. Tuttavia a Camiro accanto al sistema demotico, che nelle liste sacerdotali " sembra costantemente ignorato, 7a sono testimoniate anche alfte strutture amministfative, tra cui particolare interesse suscitano le rtoivot, istituzione di volta in volta diversamente interpretata: istituzione gentiizia, demo o suddivisione di demo, circoscrizione religiosa legata ai ne santuari delle re città. " Il problema delle rroivor riguarda particolarmente Camiro. Infard mentre i po.otpoi sono attestati in tutto il territorio di Rodi, Pugliese " Le liste sacerdotali rinvenute a Rodi sono in tutto 12. Nell'elenco di Morricone (Motnrcoxs 1951, pp. )61-)6\ quattro liste si riferiscono a sacerdozi di Liodos o del suo teritorio (cioè quelli di Athana flo),taq, Poseldote lnntog, Artemide 'Avòpopé6o, Zeus llorptirtoq), cinque ai culti di Camiro (due liste distinte di Damiurghi, wa di Atllana llo),rdg e Zeus lloì"reriq, una di Apollo Kdpverog, Ili0rog, Mtri,rivrrog, ALyévqq, e una lista di riptrelpr]oroi), una a quelli di Ialiso (relativa ad Apollo 'EpeoipLog), e infine due liste sono relative ai culti rodii (quella dei sacerdoti di Halios e quella dei rpogriror di Apollo lli0rog). Olre a queste si conosce una lista dei saierdoti di Asclepio nel Demo di Thyssanus, situato nella Perea e appartenente all'amministrazione del territorio camirese (c{. Gu,rnouccr 1969, p. 171) " Nella lista dei òoprouploi di Camiro il demotico appare solamente nei frammenti relativi agli anni d.c. e d.c., quaàdo l'isola aveva già perso compfetamente la sua indipendenza da Roma; cf. Guanoucct 1969, p. )42. " Cf. sulle kninaij. MlLxru4 lnsciptiot de Rhodes, in «BCH», 4;1880, pp. 138,145; Guanouccr, 1915; A. Morrarcrnr.ro, Note sulla snia d.i Rodi, i,n «Riv. Fil. Class.», 19)6, pp ; PucLTESE C^RRATELLT 1956.

IALISO (RODI): I ΜISSIONE (2009)

IALISO (RODI): I ΜISSIONE (2009) IALISO (RODI): I ΜISSIONE (2009) Ricerche sul tempio di Athana Ialisia Tra il 1985 e il 1989, la Scuola Archeologica Italiana di Atene, sotto l impulso dell allora Direttore, Antonino Di Vita e in accordo

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE CORSO DI STORIA DELL ARCHITETTURA Prof.ssa Irene Giustina Corso di Laurea in Ingegneria Civile V.O. Corso di Laurea

Dettagli

Atene Monumenti ed edifici storici

Atene Monumenti ed edifici storici Atene Monumenti ed edifici storici Legenda dei punti riportati sulla mappa A Agorà Akropolis Agorà in greco significa piazza e la piazza nel mondo ellenico era il cuore della città dove si votavano le

Dettagli

Indice. 1 I. L'eredità micenea Continuità e discontinuità tra Età del Bronzo e Età del Ferro

Indice. 1 I. L'eredità micenea Continuità e discontinuità tra Età del Bronzo e Età del Ferro Indice XIII Prefazione 1 I. L'eredità micenea Continuità e discontinuità tra Età del Bronzo e Età del Ferro 1 LI L'architettura nella Grecia preistorica e protostorica 1 1.1.1 Introduzione 2 1.1.2 Dal

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008)

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) Nel corso del 2008 sono state svolte due diverse missioni, in primavera (dal 27 marzo al 6 aprile) e in estate (dal 1 agosto al 2 settembre). Le due campagne sono state dirette

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

LA GRECIA LA GRECIA. Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) Età ellenistica (323-31 a.c.) Storia dell Architettura

LA GRECIA LA GRECIA. Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) Età ellenistica (323-31 a.c.) Storia dell Architettura Storia dell Architettura LA GRECIA Età arcaica (650-480 a.c.) Età classica (480-323 a.c.) 1 Età ellenistica (323-31 a.c.) LA GRECIA 1 Il tempio greco struttura e architettura ordine dorico ordine ionico

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio

Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio Il Partenone di Atene Le sculture delle metope e del fregio Veduta di Atene nell antichit antichità Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine 12/03/2013 Storia E un tempio greco di ordine dorico dedicato

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA

SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA SIRACUSA AREA ARCHEOLOGICA PIAZZA VITTORIA Negli anni Sessanta mentre erano in corso gli scavi per la costruzione del Santuario "Madonna delle Lacrime", sono stati ritrovati dei resti archeologici risalenti

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Sparta sive Lacedemone

Sparta sive Lacedemone Sparta sive Lacedemone 1 Situata nel Peloponneso, in una valle alluvionale creata dal fiume Eurota, è circondata da monti, tra cui il massiccio del Taigeto a ovest e il Parnone a est Fiume Eurota Monte

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento.

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento. Percorso di visita autoguidata al Lager di Dachau Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Dachau cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti in

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

I Pinakes di Locri Epizefiri

I Pinakes di Locri Epizefiri I Pinakes di Locri Epizefiri tavolette votive in terracotta prodotte a Locri fra il VI e il V sec. a.c. Il corpus analitico di 5360 frammenti dei pinakes è stato pubblicato, suddiviso in tre parti, in

Dettagli

28 lezioni digitali unità di apprendimento la nascita della polis e della CiViltà greca

28 lezioni digitali unità di apprendimento la nascita della polis e della CiViltà greca 28 lezioni digitali unità di apprendimento la nascita della polis e della CiViltà greca tempi In aula: 4 ore A casa: 5 ore luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore. Per alcune attività è necessaria

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

GLI OLMECHI. SCUBlMONDO 4 STORlA

GLI OLMECHI. SCUBlMONDO 4 STORlA GLI OLMECHI La civiltà Olmeca si sviluppò tra il 1200 e il 400 a.c. Gli studiosi hanno deciso di chiamarla Olmeca, utilizzando l antica definizione azteca della regione del Golfo del Messico in cui vissero,

Dettagli

La prima civiltà: Minoica (o cretese)

La prima civiltà: Minoica (o cretese) La Grecia Antica La prima civiltà: Minoica (o cretese) VII millennio a.c. IV millennio a. C. Creta è abitata da popolazione autoctona che vive di caccia, pesca, agricoltura. Popoli provenienti dalle coste

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese.

Vedere All interno dello spazio Lager esistono delle tabelle esplicative in tre lingue: tedesco, inglese, francese. Percorso di visita autoguidata al Lager di Ravensbrück Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Ravensbrück cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

Gennaio 2012 IISS G. Peano

Gennaio 2012 IISS G. Peano Gennaio 2012 IISS G. Peano LE FONTI Letterarie: non esistono testi sacri in senso stretto, né formule fisse di preghiera e liturgie (leit ourghia=azione del popolo) prestabilite. Poeti: compongono nuovi

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

La nascita della democrazia ad Atene

La nascita della democrazia ad Atene Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La nascita della democrazia ad Atene 1 Osserva

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

Viaggio di istruzione in NAVE GRECIA CLASSICA ATENE-DELFI-ARGOLIDE-OLYMPIA

Viaggio di istruzione in NAVE GRECIA CLASSICA ATENE-DELFI-ARGOLIDE-OLYMPIA SPECIALE: Viaggio di istruzione in NAVE 7 giorni GRECIA CLASSICA ATENE-DELFI-ARGOLIDE-OLYMPIA NAVE GRIMALDI LINES + BUS GT AL SEGUITO (INCLUSO IMBARCO IN NAVE A/R) DURATA: 7 GIORNI PERIODO : DA FEBBRAIO

Dettagli

Siria, rivive palazzo dei Re di Qatna grazie a Università di Udine

Siria, rivive palazzo dei Re di Qatna grazie a Università di Udine Siria, rivive palazzo dei Re di Qatna grazie a Università di Udine http://www.udine20.it/siria-rivive-palazzo-dei-re-di-qatna-grazie-a-universita-di-udine Udine, 24 settembre 2010 Il palazzo monumentale

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

Atene antica Storia e urbanistica dalla fondazione alla fine dell impero romano. di Pietro Villaschi e Francesco Sala

Atene antica Storia e urbanistica dalla fondazione alla fine dell impero romano. di Pietro Villaschi e Francesco Sala Atene antica Storia e urbanistica dalla fondazione alla fine dell impero romano di Pietro Villaschi e Francesco Sala Mappa di Atene Urbanistica L'antica Atene di epoca greca e romana, nel periodo del suo

Dettagli

Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure

Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure Osservazioni su un sito di interesse archeologico nei pressi di Finale Ligure Autore: Alfredo Pirondini Riassunto Viene descritto il sito, il suo orientamento ed i reperti (graffiti rupestri, pozze per

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845 Campania illustrata. 1632-1845 TEMPLI E TEATRI L area interessata dalla presenza dei templi è ovviamente quella del foro, quindi è giusto partire dall edificio consacrato a Giove, occupante il lato nord

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio

Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio Corso di Teoria e tecnica delle costruzioni storiche A.A. 2014-2015 Prof.Paolo Faccio Lezione 31 Ottobre 2014 Arch.Elisa Fain Prima parte: tecniche costruttive utilizzate per l edificazione dei templi

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO

Comune di BELLINZAGO LOMBARDO Comune di BELLINZAGO LOMBARDO 1/7 Provincia di Milano Settore Tecnico Protocollo di arrivo VALUTAZIONE DELL IMPATTO PAESISTICO DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA PAESISTICA DELL INTERVENTO DOMANDA DI GIUDIZIO

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c.

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c. GRANDE PALAZZO Palatium Magnum Il Grande o Sacro Palazzo fu impiantato dall imperatore Costantino (324-337). Come modello fu assunto il Palazzo di Diocleziano a Spalato. Si estendeva per 100.000 mq fra

Dettagli

Fidanzamento e matrimonio

Fidanzamento e matrimonio Fidanzamento e matrimonio Il rito del fidanzamento Il matrimonio era combinato La cerimonia nuziale L ingresso nella nuova casa Non necessario il periodo di fidanzament Il fidanzato La futura sposa Religioso

Dettagli

Museo Archeologico Nazionale di Venezia

Museo Archeologico Nazionale di Venezia Museo Archeologico Nazionale di Venezia Attività didattica 2014/2015 PERCORSI DIDATTICI a cura degli Assistenti del Museo Scuole primarie Scuole secondarie di I grado Scuole secondarie di II grado SERVIZIO

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Principali siti archeologici del Vicino Oriente datati tra X e VII millennio a.c.

Principali siti archeologici del Vicino Oriente datati tra X e VII millennio a.c. Principali siti archeologici del Vicino Oriente datati tra X e VII millennio a.c. Principali siti archeologici del X e IX millennio a.c. in alta Mesopotamia Principali siti archeologici del X e IX millennio

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

Senecio a cura di Emilio Piccolo e Letizia Lanza

Senecio a cura di Emilio Piccolo e Letizia Lanza Senecio a cura di Emilio Piccolo e Letizia Lanza Vico Acitillo 124 - Poetry Wave Vico Acitillo 124 - Poetry Wave www.vicoacitillo.net mc7980@mclink.it Napoli, 2009 La manipolazione e/o la riproduzione

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997)

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) Corso di formazione per insegnanti 2 incontro Francesca Piccinini Coordinatrice del sito UNESCO di Modena 22 ottobre 2013 Modena nel

Dettagli

Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874)

Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874) Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc (1814-1874) QUATREMERE DE QUINCY Voce Restauro dal Dizionario storico di Architettura 1832 Non si capisce quale pericolo potrebbe correre più di un edificio incompleto se

Dettagli

Il viaggio di Colombo

Il viaggio di Colombo Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*)

Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*) Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*) Quanti di noi avranno avuto un senso di leggero straniamento percorrendo le strade di numerosi centri storici italiani?

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

(guida scritta per audio guide) 1) Introduzione. 2) Retrospezione. 3) Spiegazione delle Necropoli

(guida scritta per audio guide) 1) Introduzione. 2) Retrospezione. 3) Spiegazione delle Necropoli TOMBE DEI RE 1 (guida scritta per audio guide) 1) Introduzione 2) Retrospezione 3) Spiegazione delle Necropoli 4) Guida alle tombe 1,2,3,4,5,6,7,8 e al tumolo vicino alla tomba 2 INTRODUZIONE Uscendo dalla

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

ATENE ACI RETE MOVING CLUB

ATENE ACI RETE MOVING CLUB ATENE ACI RETE MOVING CLUB 16/18 settembre 2005 PROGRAMMA Venerdì 16 SETTEMBRE Partenza da Roma con volo di linea Aegean Air per Atene Arrivo ad Atene, disbrigo formalita di sbarco e trasferimento all

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta

Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta Accessibilità e Partecipazione. Nuovi progetti per la fruizione del patrimonio culturale. Silvia Guideri, Debora Brocchini, Cinzia Murolo, Marta Coccoluto, Giuseppe Fichera (Parchi Val di Cornia Spa) TUTELA,

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald

Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Percorso di visita autoguidata al Lager di Buchenwald Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Buchenwald cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

Catalogo Tridimensionale 3D-Data

Catalogo Tridimensionale 3D-Data Catalogo Tridimensionale 3D-Data arch. Daniela De Mattia Dottore di Ricerca in Progettazione Architettonica per i Paesi del Mediterraneo e Professoressa a contratto presso la Facoltà di Architettura del

Dettagli

Ricostruzione del Neues Museum di Berlino, Germania

Ricostruzione del Neues Museum di Berlino, Germania Progetti Adolfo F. L. Baratta david chipperfield architects Ricostruzione del Neues Museum di Berlino, Germania Planimetria generale. È nel cuore dell attuale Museums Insel (Isola dei Musei), la parte

Dettagli

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro Progetti Roberto Gamba Planimetria. Pianoro (oltre 16.000 residenti) si estende a sud di Bologna su un territorio di 107 km 2 articolato lungo due vallate, sul torrente Zena e sul Savena, collegate tra

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

La Ma d d a l e n a. riflette in se l i n t e r a p e n i s ol a e in u n c e r t o

La Ma d d a l e n a. riflette in se l i n t e r a p e n i s ol a e in u n c e r t o m e d o r o La Ma d d a l e n a. La Ma d d a l e n a è, p e r c o s i d i r e, u n m i c r o c o sm o a u t o s u f f i c i e n t e, s t a c c a t o c o n il s u o a r c i p el a g o dalla Sa r d e g

Dettagli

Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori

Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori E2 L'ECCEZIONALE RITROVAMENTO Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori L'anfiteatro di Volterra é il primo scoperto in Italia da 1 00 anni Un capolavoro sommerso da trenta ila metri cubi dì terra di

Dettagli

La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico

La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico La Grecia: origini e sviluppo dello spazio scenico Il mondo greco e i principali teatri dell antichità Mappa della distribuzione dei teatri antichi greci e romani nel bacino del Mediterraneo Teatro greco

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli