TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE)"

Transcript

1 TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE) N ARGOMENTI Possibili sinergie, nel'ambito del continuo processo di trasformazione dell'alleanza Atlantica, tra il ruolo svolto dalla NATO e quello assunto dall'unione Europea. Ricerca tecnologica, sviluppo ed acquisizione di capacità militari adeguate al livello di ambizione dell'italia, quale membro delle organizzazioni internazionali di cui fa parte quali: ONU, NATO, UE. Hong Kong - Cina: "Un paese due sistemi". Quali possibili sviluppi nel breve medio termine, nel rapporto tra le due entità, alla luce delle spinte democratiche che si palesano nell'ex colonia britannica, oggi parte del gigante cinese? "La postura dello strumento militare tra interessi vitali nazionali e risorse prevedibilmente disponibili nel prossimo futuro, alla luce delle esigenze individuabili nel prossimo futuro", come delineato nelle Linee Guida per il Libro Bianco (pto 38). 5 Difesa Paese e Difesa di Polizia quale modello integrato sostenibile al servizio di una moderna democrazia, come e perché? 6 La "U.S. National Space Policy" a confronto con gli interessi dei principali attori mondiali nel settore. 7 La Long Term Vision della European Defence Agency. 8 La National Security Strategy americana, dall edizione 2002 a quella attuale. 9 Coinvolgimento nel terrorismo internazionale: l'isis. Analisi del fenomeno dalla sponda europea. Evidenze conosciute, psicologia applicata ad una scelta di vita. 10 La politica estera di sicurezza dell'ue nei confronti dell'iran. 11 Vigilanza e sicurezza nel traffico commerciale in Mediterraneo. 12 Cooperazioni ed alleanze militari al di fuori del mondo occidentale: strategie, interessi e effetti sulla stabilità di un mondo sempre più globalizzato. Case study: Gibuti. 13 La politica estera e di sicurezza degli Stati Uniti nell'era del Presidente Barack Obama quale oggi appare e nei suoi possibili scenari futuri. 14 Il contrasto patrimoniale alla criminalità organizzata di stampo nazionale. 15 La criminalità organizzata nel contesto internazionale Strumenti di contrasto e possibile evoluzione. 16 Politica comune di sicurezza e di difesa dell Unione Europea: Quali linee di sviluppo? 17 La cooperazione civile-militare nel contesto di campagne contro-insurrezionali. Obiettivi strategici ed operativi perseguibili attraverso la relazione con le Organizzazioni non-governative e le Organizzazioni internazionali. 18 Il ruolo delle Forze di Polizia nelle Operazioni di Stabilizzazione, anche con riferimento all'addestramento delle Forze di polizia locali 19 Sicurezza esterna e sicurezza interna come ambito di interazione tra Forze Armate e Forze di Polizia 20 FF.AA. italiane: possibili riflessi della "Spending review" sul nuovo Modello Professionale. 21 Le cooperazioni ed alleanze militari non occidentali. 22 Ipotesi di configurazione di uno strumento militare dell Unione Europea per fronteggiare le crisi del XXI secolo. 23 La forza d'intervento rapido nell'europa dell'est 24 Il contrasto al riciclaggio internazionale dei proventi illeciti 25 Evoluzione dei sistemi illegali di pagamento e riciclaggio via Internet. 26 L'evoluzione delle attività terroristiche ed eversive in Africa. 27 Analisi e commenti relativi al "Quadriennal Defence Review" pubblicato dal Pentagono nel marzo Africa: importante area di produzione e di transito nel commercio internazionale degli stupefacenti. 29 Interessi Nazionali (vitali e strategici) dell'italia e Politica di Sicurezza e di Difesa nel sistema internazionale: un paradigma di difficile declinazione a causa di stereotipi e preconcetti, che ostacolano il dibattito intorno alla Funzione Difesa. Quali le origini di questo fenomeno e le possibili linee evolutive.

2 30 Medio Oriente ed armi di distruzione di massa: profili geopolitici e geostrategici. 31 UE: dopo l'unione monetaria, quali prospettive ed opportunità per una BCE che pervenga ad un'unione Bancaria? 32 BCE e sistema bancario tra esigenza di regolamentazione e auspici ottimizzanti il sistema finanziario. 33 Le grandi Agenzie di Ratings, il PIL e le Organizzazioni internazionali. Strumenti e condizionamenti per una nuova politica industriale 34 Analisi e prospettive degli assetti industriali nazionali nel panorama del mercato europeo della Difesa con particolare riferimento agli armamenti a tecnologia avanzata. 35 Il partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP) L Industria italiana della Difesa: sua partecipazione a Programmi europei e sue prospettive nel panorama del mercato europeo e nei rapporti con le Industrie della Difesa di altri Stati EU. La cantieristica italiana. Analisi delle capacità tecnologiche e industriali esistenti, a fronte delle esigenze di medio e lungo termine dello strumento navale nazionale. 38 Globalizzazione, considerazioni sulla eventuale nuova Bretton Wood. 39 Lo scenario economico dopo la crisi della finanza mondiale La Nuova Banca di Sviluppo (NDB), cui la Dichiarazione di Fortaleza del 15 luglio 2014 rappresenta l'atto costitutivo, proietta sulla scena dell'economia globale i paesi del BRICS, lasciando presagire nuove vie evolutive nelle politiche finanziarie e di sviluppo a livello mondiale. Tracciare il punto di situazione della trattativa in atto e declinare i plausibili scenari futuri. Il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (Transatlantic Trade and Investment Partnership - TTIP) si presenta come un accordo USA - UE in grado di incidere profondamente sulle economie nazionali dei Paesi membri dell'ue e degli Stati Uniti. Tracciare il punto di situazione della trattativa in atto e declinare i plausibili scenari futuri. Africa: le crisi dimenticate. Dalla guerra in Mali alla guerra civile nella Repubblica Centrafricana e la crisi della Repubblica Democratica del Congo. Interventi militari, cooperazione internazionale e possibili scenari futuri. 43 Sistema internazionale di contrasto alla guerra attivata dall'isis: evoluzione dei fattori di rischio e possibili prospettive politiche. 44 La frammentazione geopolitica degli Stati, fenomeno crescente in bilico tra l'instabilità politica interna ed esterna, con la necessità di recuperare pregresse identità culturali ed etnie di diversa appartenenza. 45 L'evidenza di nuovi nazionalismi tra i confini europei. Ostacolo alla costruzione della democrazia europea 46 L'inviolabilità dei confini oggi non è più un tabù. Dall'Ucraina alla Libia attraverso il Medio Oriente 47 Asia e Cina: Analisi di un continente tra evoluzioni e ipotesi di declino. 48 Una Europa diversa voluta ed efficiente come prospettiva per equilibrare se stessa e lo scacchiere mondiale. 49 Le emergenze planetarie viste da vicino. Analisi del pianeta tra criticità e rimedi urgenti da apportare. 50 Il complesso percorso della democrazia nel Vicino Oriente: un confronto politico tra gli attori principali. 51 Europa e Sud-America: sicurezza e collaborazione internazionale. 52 La Libia di oggi. Analisi di un Paese in trasformazione. 53 Geopolitica e geoeconomia del Mediterraneo Allargato a tre anni dalle rivolte arabe. Quali margini per una nuova politica di cooperazione euromediterranea. 54 La via orientale al ragionamento strategico: l approccio indiretto 55 Le attuali principali linee di tendenza seguite nel campo della politica internazionale da Brasile, India, Cina, Russia e Sudafrica. 56 La sfida del progresso cinese nel contesto aerospaziale del XXI secolo. Punto di situazione, prospettive future e criticità. 57 CINA: l'impatto sulla politica degli Stati Uniti in Europa, con il cambiamento di strategia nei confronti dell'asia 58 Il Pakistan e la guerra globale al terrore (GWOT). 59 Gli scenari e le prospettive della governance mondiale: l'integrazione regionale come fattore di stabilità.

3 60 I BRICS e gli altri Paesi emergenti: chi, dove, come e quando. 61 La Turchia, come attore regionale e globale. 62 Il ruolo della Germania in Europa 63 I conflitti irrisolti nell area dell ex Unione Sovietica. 64 I limiti della Potenza Americana. Possibili scenari futuri. 65 Afganistan e dintorni: analisi e punto di situazione dopo ISAF 66 Expo 2015: quali opportunità sono offerte all'italia sullo scenario internazionale 67 Il semestre Europeo a guida Italiana Le sfide dell'italia nella globalizzazione quale momento di rilancio ed opportunità. 69 Modelli di decisionismo istituzionale: il sistema delle lobbies. 70 Internet, quale strumento del fenomeno terroristico. 71 I mass media, social networks e le guerre informatiche. Le grandi multinazionali e le conquiste online. 72 Analisi degli elementi che condizionano il sostegno dell'opinione pubblica nelle operazioni militari internazionali. 73 Il sistema cooperativo di difesa cibernetica: nuove frontiere per la NATO. 74 Descrivere l'organizzazione e il funzionamento dei posti comando del livello joint/combined comparativamente con una struttura per la gestione operativa scelta nell'ambito civile (Industria, Protezione Civile, Unità di Crisi del Ministero Affari Esteri, ecc.). Dal raffronto, dedurre similitudini e differenze esprimendo il proprio motivato parere sui livelli di efficacia delle differenti realtà organizzative prese in esame nel quadro delle specifiche missioni cui esse sono assegnate Descrivere l'organizzazione e il funzionamento dei posti comando del livello "joint and combined" in operazione con riferimento alle soluzioni più aggiornate mediante l'uso dell'informatica, esprimendo proprie valutazioni sulla loro efficacia alla luce dei modelli propri dell'information Communication Technology. Descrivere l'organizzazione e il funzionamento dei posti comando in operazione con riferimento alle soluzioni più aggiornate mediante l'uso dell'informatica, esprimendo proprie valutazione sulla loro funzionalità nell'attuazione del Processo decisionale di pianificazione (PDP), così come definito in ambito NATO e nazionale. Esaminare il "Processo decisionale di pianificazione" (PID/0-5 Vol.I e Vol. II "La pianificazione delle operazioni"), in un contesto di "comprehensive approach", esprimendo il proprio motivato parere in merito alla sua utilizzabilità per la pianificazione delle Peace Support Operations. Descrivere il Processo decisionale di pianificazione con riguardo alle esperienze maturate presso i comandi di Divisione e Corpo d'armata, con attenzione ai sistemi automatizzati di supporto, esprimendosi criticamente sulle soluzioni adottate. 79 La proiezione di forza dal mare: ruolo ed importanza negli scenari attuali. 80 EU Battle Groups: origini, particolarità e prospettive di impiego. 81 Nelle operazioni controinsurrezionali, il favore della popolazione nei confronti del contingente militare costituisce elemento determinante di successo. Illustrare gli aspetti strategici e tattici delle operazioni controinsurrezionali analizzando in particolare i rapporti tra contingente militare e popolazione locale. 82 L'information Warfare quale nuova dimensione della conflittualità. 83 La possibilità che le Forze Armate siano chiamate a condurre operazioni fuori dal territorio nazionale introduce l'esigenza di sviluppare per tempo capacità "cultural understanding capability (CUC)". Quali i provvedimenti adottati al riguardo e le possibili linee evolutive, alla luce degli ammaestramenti delle più recenti operazioni. 84 NATO Maritime Strategy. Il ruolo del Potere Marittimo della NATO, quale elemento dell approccio comprehensive alle sfide presenti e future. 85 Gli interventi militari nella prevenzione e gestione delle crisi: iniziative e modalità praticabili. 86 La politica estera dell India nei confronti dell'asia Centrale. 87 L'aiuto della Cina nello sviluppo dei Paesi africani.

4 88 Prospettive strategiche di medio-lungo periodo nei rapporti tra Israele ed i paesi islamici della regione mediorientale. 89 La politica estera e di difesa ucraina. Punto di situazione nei rapporti con la Russia e relazioni con la comunità euro-atlantica. 90 Evoluzione del Concetto Strategico della NATO, dal Summit di Lisbona del 2010 al Summit in Galles del 2014 e suoi riflessi nelle strutture organizzative e nell'evoluzione dei dispositivi. 91 La NATO: tra storia e valore dimostrato oggi. Cosa è e cosa potrebbe essere in una Europa ancora incompiuta? 92 La NATO oggi tra vecchie e nuove esigenze e opportunità per riequilibrare sviluppo e cultura della difesa Europea. 93 Politica estera europea nell'area del mediterraneo allargato. 94 La crisi della sovranità degli Stati: verso un nuovo disordine globale? 95 Il ruolo della Public Diplomacy nella politica estera e di sicurezza degli stati e delle organizzazioni internazionali. 96 Hard power, soft power e smart power nella politica della UE e degli USA. 97 I rapporti tra Russia e NATO. 98 Le Nazioni Unite di fronte alla minaccia del terrorismo: contenuti e significato della risoluzione 1805 (2008) del Consiglio di Sicurezza. 99 Evoluzione delle relazioni tra Russia e NATO e Russia e UE. Possibili sviluppi futuri. 100 L'Unione Europea: analisi dei trend demografici e prevedibili scenari futuri. 101 L'Unione Europea di fronte all'immigrazione. Politiche e metodi per garantire sicurezza, stabilità, lavoro, integrazione. 102 La Cooperazione Strutturata Permanente secondo la previsione del Trattato istitutivo di Lisbona L Iniziativa : passato, presente e possibile futuro di questa importante Iniziativa intergovernativa multilaterale che vede coinvolti Paesi Europei e Paesi della sponda sud del Mediterraneo. La credibilità dell'europa nella geopolitica mondiale dal trattato di Maastricht (1992), attraverso quello di Lisbona fino alla ridefinizione dei rapporti con gli Stati Uniti de i BRICS. Mediterranean Dialogue e Istanbul Cooperation Initiative (ICI) : linee di tendenza dei rapporti della NATO verso i Paesi della sponda sud del Mediterraneo. Mediterraneo Allargato: prospettive di crescita e cooperazione tra i Paesi rivieraschi. Il Partenariato Euro-Mediterraneo (PEM), la Politica Europea di Vicinato (PEV) e la Union for the Mediterranean (UfM). 107 Le relazioni strategiche fra l UE e gli altri poli (USA, Cina, Russia, ecc.), in relazione agli interessi nazionali del nostro Paese. 108 Prospettive del rapporto transatlantico "e sicurezza globale". 109 L integrazione europea dei Paesi balcanici e le sue ricadute per l Italia. 110 L'UE nel controllo sulla proliferazione degli armamenti di distruzione di massa. 111 Le radici culturali - anche occidentali - del partito Ba th, con riferimento a ideologi come Zaki Al-Arsuzi e Sati Al-Husri, coniugandosi con fattori politici e sociali contingenti, sembrano aver prodotto un fenomeno geopolitico oscuro e minaccioso, apparentemente inspiegabile dal punto di vista occidentale: il così detto Stato Islamico (IS). La conoscenza delle ideologie di fondo e dei fenomeni storici che ispirano questo ipotetico Stato contribuirebbe ad una migliore interpretazione dei fatti, anche per preconizzare possibili scenari futuri. 112 L Albania quale case study: modelli e strategie per l allargamento della NATO. 113 Sfide attuali e prospettive future dell Istanbul Cooperation Initiative (ICI). 114 La politica dell Unione Europea in Asia Centrale. 115 Le Rivoluzioni negli Affari Militari: modelli teorici e disamine critiche nelle relazioni internazionali:dibattiti e prospettive alla luce di paradigmi sociologici. 116 Il problema energetico correlato alle vicende dell''ucraina. Quali protagonisti? Il ruolo delle Organizzazioni internazionali. 117 La politica energetica ed economica della Cina e le possibili ripercussioni geopolitiche.

5 118 L'acqua, risorsa fondamentale, quale fattore possibile di conflitti. 119 L'approvvigionamento energetico nel sistema globale: analisi, criticità e possibili futuri scenari. 120 La protezione del sistema di approvvigionamento energetico italiano via mare: criticità e possibili sviluppi futuri. 121 Attività estrattive di idrocarburi nel Mediterraneo: importanti per il fabbisogno energetico dei Paesi dell area, ma foriere di possibili rischi ambientali 122 Il Mediterraneo: energie da fonti tradizionali, energie rinnovabili, efficienza energetica e tecnologie per la sicurezza quale volano di sviluppo in un ottica transfrontaliera. 123 La violenza sulle donne nei conflitti post cold war : la risoluzione UN 1325en Il mondo sciita e sunnita: analisi sul confronto culturale, politico e militare. 125 L'immigrazione dal Mediterraneo: studio per un approccio regolamentato della gestione umanitaria tra diritto d'asilo, solidarietà necessaria ed altri problemi collegati. 126 La nuova dimensione della leadership del comandante militare nel nuovo contesto organizzativo e funzionale delle forze armate. 127 Formazione delle risorse umane militari per affrontare missioni internazionali. 128 Le difficoltà delle comunità cristiane e delle minoranze religiose nel contesto internazionale. 129 Potere spirituale e potere temporale. L'alibi delle religioni. 130 Società pre-industriale, industriale, post-industriale: come cambiano le motivazioni degli individui e del gruppo. 131 Applicabilità alla dimensione marittima della gestione del controllo dello spazio aereo quale supporto alla Maritime Security 132 La possibile ricaduta occupazionale derivante dall'implementazione del progetto SIAT (Sistemi Integrati per l'addestramento Terrestre) nell'ambito del territorio "Velivoli di 5^ generazione, integrazione con le piattaforme legacy (aeree, marittime e terrestri) in una futura arena netcentrica. Sfide per un nuovo concetto d'impiego". Evoluzione degli equilibri relativi all'area centro asiatica In vista del ridimensionamento del contingente NATO in Afghanistan e dell'escalation jihadista nei territori irakeno-siriani. 135 "Indagine tecnico giuridica sulle definizioni e le implicazioni derivanti dal concetto di Personnel Recovery". 136 Minaccia terroristica e possibili scenari alla luce della crisi in Medioriente. Fenomeno dei foreign fighters e connessi rischi per l'italia. 137 Aspetti comuni delle crisi intorno al Mar Nero, i teatri Ucraino e Siriano/Iracheno. Necessità di bilanciamento delle ambizioni e delle strategie dei principali attori regionali, globali e dei rispettivi proxy alla luce di un'analisi delle interrelazioni. Proposta per opzioni nazionali nel campo della strategia e del Crisis Management. 138 Controllo di Gestione: sviluppo di indicatori standardizzati per la misurazione della qualità della formazione erogata dagli Istituti militari. 139 Intervento umanitario e responsibility to protect. 140 L'avvento dell'era cyber e la difficile applicazione del principio di proporzionalità. 141 Implementazione del ciclo di intelligence tramite l'utilizzo della Social Media Intelligence (SOCMINT). 142 La responsabilità internazionale dello Stato per illeciti commessi dai propn contingenti dispiegati nell'ambito di missioni di Peace Keeping. 143 La minoranza come potenziale fattore di destabilizzazione nei rapporti interstatali e all'interno dello stato nazionale. 144 Possibili modelli operativi applicabili al nostro strumento militare, in diretta relazione ai parametri di riferimento (quantitativo-qualitativo-capacitativo e geostrategico), al fine di rispondere alle esigenze ed alle sfide future. 145 L'integrazione del dominio cibernetico, nell'ambito dell'approccio combined arms, nella condotta delle operazioni militari. 146 L'evoluzione futura degli scenari operativi: l'impatto dell'espansione delle Megacities sulle operazioni militari. 147 Le relazioni internazionali quale strumento moltiplicatore dell' effectiveness dello strumento militare: policy della Difesa e dei maggiori Paesi NATO e non, nonché vantaggi nazionali derivanti dalle loro implementazioni. 148 Metodologia di comunicazione strategica da applicare in caso di rilevante danno di immagine "Europa della Difesa": individuazione dei tratti salienti dell'integrazione tra vari Stati nel contesto dell'unione Europea. Limiti e opportunità che tale integrazione presenta attualmente, in particolare per quanto concerne le funzioni di tipo strategico, della difesa e della sicurezza in genere. Strategie espansive delle multinazionali e conflitti locali. Fornire un quadro attuale e prospettico delle più importanti aree di conflitto determinate dalla presenza di attori economici sovranazionali (multinazionali). Il diritto internazionale delle emergenze: l'attuazione in Italia dei rilevanti obblighi internazionali e i riflessi che ne conseguono sul sistema delle FFAA nazionali.

6 152 Attuale fase storica della comunità internazionale e ruolo del diritto al suo interno. 153 Il quadro Industriale Europeo nel settore della Difesa. 154 Modalità e possibilità di sviluppo di una "scuola integrata di strategia", da realizzarsi attraverso una partnership strutturata e coordinabile, tra mondo accademico, della ricerca e realtà istituzionali, onde fornire costanti ed aggiornati elementi di supporto conoscitivo alle decisioni dei vertici nazionali (ed eventualmente multinazionali). 155 Il sistema dei controlli delle armi chimiche. 156 Il ruolo della Giustizia Penale Internazionale.

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA Bruxelles, 12 dicembre 2003 Introduzione Mai l Europa è stata così prospera, sicura e libera. Alla violenza della prima metà

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

All inizio del diciannovesimo

All inizio del diciannovesimo Atlante 11 Un mondo di città All inizio del diciannovesimo secolo, il nostro pianeta contava un miliardo di esseri umani. All alba del ventunesimo ne accoglie sette. Questa esplosione demografica, che

Dettagli

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza Italiana iglio dell unione Europea 2014 Presidenza Italiana iglio ne Europea 1 Luglio - 31 Dicembre 2014 EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

"Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi"

Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi Convegno "Populismi e democrazia in Europa" Vicenza, 31 gennaio 2014 "Perché l'europa: le sfide di ieri e di oggi" PERCHÉ L'EUROPA IN ORIGINE? E' pensiero comune credere che i padri fondatori dell'unione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 16.12.2014 COM(2014) 910 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Programma

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota.

Si invita il Consiglio ad adottare, quali conclusioni del Consiglio, il testo riportato nell'allegato della presente nota. Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 10 ottobre 2014 (OR. en) 14141/14 NOTA PUNTO "A" Origine: Destinatario: Oggetto: presidenza Consiglio JAI 765 ASIM 88 FRONT 215 RELEX 826 COMIX 544 Progetto di

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Documento Programmatico Pluriennale per la Difesa per il triennio 2014-2016

Documento Programmatico Pluriennale per la Difesa per il triennio 2014-2016 Ministero della Difesa Documento Programmatico Pluriennale per la Difesa per il triennio 2014-2016 Presentato al Parlamento dal Ministro della Difesa Roberta PINOTTI Ministero della Difesa Documento Programmatico

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Armaments, Disarmament and International Security

Armaments, Disarmament and International Security SIPRI YEARBOOK 2014 Armaments, Disarmament and International Security Sintesi in italiano STOCKHOLM INTERNATIONAL PEACE RESEARCH INSTITUTE Il SIPRI è un istituto internazionale indipendente impegnato in

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Le implicazioni per la politica di difesa e lo strumento militare. Fabrizio Coticchia, Istituto Universitario Europeo (EUI)

Le implicazioni per la politica di difesa e lo strumento militare. Fabrizio Coticchia, Istituto Universitario Europeo (EUI) Le implicazioni per la politica di difesa e lo strumento militare Fabrizio Coticchia, Istituto Universitario Europeo (EUI) 1 1) Introduzione Le forze armate italiane sono da anni impiegate nel contesto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ comune-info.net http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ T-tip, il re è nudo Nelle foto di Riccardo Troisi l azione diretta di sabato 18 aprile contro i fantasmi del T- tip nel centro di Roma.

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Capitolo primo La governance: che cos è?

Capitolo primo La governance: che cos è? Capitolo primo La governance: che cos è? 1. Definire la governance Governance è un termine mutuato dall inglese e se volessimo darne una definizione in italiano facendoci aiutare da un dizionario scopriremmo

Dettagli

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi Ang e l a De l Ve c c h i o I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE Angela Del Vecchio I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE BARI

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

L ITALIA IN UN MONDO CHE CAMBIA

L ITALIA IN UN MONDO CHE CAMBIA L ITALIA IN UN MONDO CHE CAMBIA Suggerimenti per la politica estera italiana GIUGNO 2012 con la collaborazione dell Ufficio Studi di Finmeccanica L ITALIA IN UN MONDO CHE CAMBIA Suggerimenti per la politica

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA

XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA XII - LO SVILUPPO ECONOMICO COME ARGINE ALLA GUERRA 44 - LE GUERRE RESE IMPRODUTTIVE, PER I PAESI INDUSTRIALIZZATI, DALL ACCRESCIUTA PRODUZIONE DI RICCHEZZA In tutta la storia le guerre sono state determinate

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole

TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole Come la cooperazione normativa minaccia la legittimità democratica degli Stati di darsi delle regole Ci sono buone ragioni per temere che i risultati

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio del Consigliere Militare Servizio di Coordinamento della Produzione di Materiali di Armamento RAPPORTO del PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI sui lineamenti

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Il partenariato transatlantico su commercio ed investimenti: presupposti e prospettive

Il partenariato transatlantico su commercio ed investimenti: presupposti e prospettive Il partenariato transatlantico su commercio ed investimenti: presupposti e prospettive n. 83 dicembre 2013 A cura dello IAI (Istituto Affari Internazionali) IL PARTENARIATO TRANSATLANTICO SU COMMERCIO

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica EXECUTIVE SUMMARY

Presidenza del Consiglio dei Ministri Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica EXECUTIVE SUMMARY 2014 Presidenza del Consiglio dei Ministri Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica Relazione sulla politica dell informazione per la sicurezza 2014 EXECUTIVE SUMMARY Con la presente

Dettagli

COSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2014 (OR. en)

COSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2014 (OR. en) COSIGLIO EUROPEO Bruxelles, 27 giugno 2014 (OR. en) EUCO 79/14 CO EUR 4 COCL 2 OTA DI TRASMISSIOE del: Segretariato generale del Consiglio alle: delegazioni Oggetto: COSIGLIO EUROPEO 26 e 27 GIUGO 2014

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA. Contributi di Istituti di ricerca specializzati

XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA. Contributi di Istituti di ricerca specializzati XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE NELL'AMBITO DEL PROCESSO DI BARCELLONA Contributi di Istituti di ricerca specializzati Settembre 2005 XIV legislatura I NEGOZIATI RELATIVI ALLA RIAMMISSIONE

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si rimanda

Dettagli

NATO. Un solido. Rivista della N. 4. INVERNO 1998 Sped. abb. post. 45% (art. 2 comma 20/B legge 662/96) Filiale di Roma Pubblicazione trimestrale

NATO. Un solido. Rivista della N. 4. INVERNO 1998 Sped. abb. post. 45% (art. 2 comma 20/B legge 662/96) Filiale di Roma Pubblicazione trimestrale NATO Rivista della Un solido ancoraggio per alleati e partner N. 4 INVERNO 1998 Sped. abb. post. 45% (art. 2 comma 20/B legge 662/96) Filiale di Roma Pubblicazione trimestrale AP foto Lettera del Segretario

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica EXECUTIVE SUMMARY

Presidenza del Consiglio dei Ministri Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica EXECUTIVE SUMMARY Presidenza del Consiglio dei Ministri Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica Relazione sulla politica dell informazione per la sicurezza 2013 EXECUTIVE SUMMARY Con la presente Relazione,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli