TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE)"

Transcript

1 TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE) N ARGOMENTI Possibili sinergie, nel'ambito del continuo processo di trasformazione dell'alleanza Atlantica, tra il ruolo svolto dalla NATO e quello assunto dall'unione Europea. Ricerca tecnologica, sviluppo ed acquisizione di capacità militari adeguate al livello di ambizione dell'italia, quale membro delle organizzazioni internazionali di cui fa parte quali: ONU, NATO, UE. Hong Kong - Cina: "Un paese due sistemi". Quali possibili sviluppi nel breve medio termine, nel rapporto tra le due entità, alla luce delle spinte democratiche che si palesano nell'ex colonia britannica, oggi parte del gigante cinese? "La postura dello strumento militare tra interessi vitali nazionali e risorse prevedibilmente disponibili nel prossimo futuro, alla luce delle esigenze individuabili nel prossimo futuro", come delineato nelle Linee Guida per il Libro Bianco (pto 38). 5 Difesa Paese e Difesa di Polizia quale modello integrato sostenibile al servizio di una moderna democrazia, come e perché? 6 La "U.S. National Space Policy" a confronto con gli interessi dei principali attori mondiali nel settore. 7 La Long Term Vision della European Defence Agency. 8 La National Security Strategy americana, dall edizione 2002 a quella attuale. 9 Coinvolgimento nel terrorismo internazionale: l'isis. Analisi del fenomeno dalla sponda europea. Evidenze conosciute, psicologia applicata ad una scelta di vita. 10 La politica estera di sicurezza dell'ue nei confronti dell'iran. 11 Vigilanza e sicurezza nel traffico commerciale in Mediterraneo. 12 Cooperazioni ed alleanze militari al di fuori del mondo occidentale: strategie, interessi e effetti sulla stabilità di un mondo sempre più globalizzato. Case study: Gibuti. 13 La politica estera e di sicurezza degli Stati Uniti nell'era del Presidente Barack Obama quale oggi appare e nei suoi possibili scenari futuri. 14 Il contrasto patrimoniale alla criminalità organizzata di stampo nazionale. 15 La criminalità organizzata nel contesto internazionale Strumenti di contrasto e possibile evoluzione. 16 Politica comune di sicurezza e di difesa dell Unione Europea: Quali linee di sviluppo? 17 La cooperazione civile-militare nel contesto di campagne contro-insurrezionali. Obiettivi strategici ed operativi perseguibili attraverso la relazione con le Organizzazioni non-governative e le Organizzazioni internazionali. 18 Il ruolo delle Forze di Polizia nelle Operazioni di Stabilizzazione, anche con riferimento all'addestramento delle Forze di polizia locali 19 Sicurezza esterna e sicurezza interna come ambito di interazione tra Forze Armate e Forze di Polizia 20 FF.AA. italiane: possibili riflessi della "Spending review" sul nuovo Modello Professionale. 21 Le cooperazioni ed alleanze militari non occidentali. 22 Ipotesi di configurazione di uno strumento militare dell Unione Europea per fronteggiare le crisi del XXI secolo. 23 La forza d'intervento rapido nell'europa dell'est 24 Il contrasto al riciclaggio internazionale dei proventi illeciti 25 Evoluzione dei sistemi illegali di pagamento e riciclaggio via Internet. 26 L'evoluzione delle attività terroristiche ed eversive in Africa. 27 Analisi e commenti relativi al "Quadriennal Defence Review" pubblicato dal Pentagono nel marzo Africa: importante area di produzione e di transito nel commercio internazionale degli stupefacenti. 29 Interessi Nazionali (vitali e strategici) dell'italia e Politica di Sicurezza e di Difesa nel sistema internazionale: un paradigma di difficile declinazione a causa di stereotipi e preconcetti, che ostacolano il dibattito intorno alla Funzione Difesa. Quali le origini di questo fenomeno e le possibili linee evolutive.

2 30 Medio Oriente ed armi di distruzione di massa: profili geopolitici e geostrategici. 31 UE: dopo l'unione monetaria, quali prospettive ed opportunità per una BCE che pervenga ad un'unione Bancaria? 32 BCE e sistema bancario tra esigenza di regolamentazione e auspici ottimizzanti il sistema finanziario. 33 Le grandi Agenzie di Ratings, il PIL e le Organizzazioni internazionali. Strumenti e condizionamenti per una nuova politica industriale 34 Analisi e prospettive degli assetti industriali nazionali nel panorama del mercato europeo della Difesa con particolare riferimento agli armamenti a tecnologia avanzata. 35 Il partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP) L Industria italiana della Difesa: sua partecipazione a Programmi europei e sue prospettive nel panorama del mercato europeo e nei rapporti con le Industrie della Difesa di altri Stati EU. La cantieristica italiana. Analisi delle capacità tecnologiche e industriali esistenti, a fronte delle esigenze di medio e lungo termine dello strumento navale nazionale. 38 Globalizzazione, considerazioni sulla eventuale nuova Bretton Wood. 39 Lo scenario economico dopo la crisi della finanza mondiale La Nuova Banca di Sviluppo (NDB), cui la Dichiarazione di Fortaleza del 15 luglio 2014 rappresenta l'atto costitutivo, proietta sulla scena dell'economia globale i paesi del BRICS, lasciando presagire nuove vie evolutive nelle politiche finanziarie e di sviluppo a livello mondiale. Tracciare il punto di situazione della trattativa in atto e declinare i plausibili scenari futuri. Il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (Transatlantic Trade and Investment Partnership - TTIP) si presenta come un accordo USA - UE in grado di incidere profondamente sulle economie nazionali dei Paesi membri dell'ue e degli Stati Uniti. Tracciare il punto di situazione della trattativa in atto e declinare i plausibili scenari futuri. Africa: le crisi dimenticate. Dalla guerra in Mali alla guerra civile nella Repubblica Centrafricana e la crisi della Repubblica Democratica del Congo. Interventi militari, cooperazione internazionale e possibili scenari futuri. 43 Sistema internazionale di contrasto alla guerra attivata dall'isis: evoluzione dei fattori di rischio e possibili prospettive politiche. 44 La frammentazione geopolitica degli Stati, fenomeno crescente in bilico tra l'instabilità politica interna ed esterna, con la necessità di recuperare pregresse identità culturali ed etnie di diversa appartenenza. 45 L'evidenza di nuovi nazionalismi tra i confini europei. Ostacolo alla costruzione della democrazia europea 46 L'inviolabilità dei confini oggi non è più un tabù. Dall'Ucraina alla Libia attraverso il Medio Oriente 47 Asia e Cina: Analisi di un continente tra evoluzioni e ipotesi di declino. 48 Una Europa diversa voluta ed efficiente come prospettiva per equilibrare se stessa e lo scacchiere mondiale. 49 Le emergenze planetarie viste da vicino. Analisi del pianeta tra criticità e rimedi urgenti da apportare. 50 Il complesso percorso della democrazia nel Vicino Oriente: un confronto politico tra gli attori principali. 51 Europa e Sud-America: sicurezza e collaborazione internazionale. 52 La Libia di oggi. Analisi di un Paese in trasformazione. 53 Geopolitica e geoeconomia del Mediterraneo Allargato a tre anni dalle rivolte arabe. Quali margini per una nuova politica di cooperazione euromediterranea. 54 La via orientale al ragionamento strategico: l approccio indiretto 55 Le attuali principali linee di tendenza seguite nel campo della politica internazionale da Brasile, India, Cina, Russia e Sudafrica. 56 La sfida del progresso cinese nel contesto aerospaziale del XXI secolo. Punto di situazione, prospettive future e criticità. 57 CINA: l'impatto sulla politica degli Stati Uniti in Europa, con il cambiamento di strategia nei confronti dell'asia 58 Il Pakistan e la guerra globale al terrore (GWOT). 59 Gli scenari e le prospettive della governance mondiale: l'integrazione regionale come fattore di stabilità.

3 60 I BRICS e gli altri Paesi emergenti: chi, dove, come e quando. 61 La Turchia, come attore regionale e globale. 62 Il ruolo della Germania in Europa 63 I conflitti irrisolti nell area dell ex Unione Sovietica. 64 I limiti della Potenza Americana. Possibili scenari futuri. 65 Afganistan e dintorni: analisi e punto di situazione dopo ISAF 66 Expo 2015: quali opportunità sono offerte all'italia sullo scenario internazionale 67 Il semestre Europeo a guida Italiana Le sfide dell'italia nella globalizzazione quale momento di rilancio ed opportunità. 69 Modelli di decisionismo istituzionale: il sistema delle lobbies. 70 Internet, quale strumento del fenomeno terroristico. 71 I mass media, social networks e le guerre informatiche. Le grandi multinazionali e le conquiste online. 72 Analisi degli elementi che condizionano il sostegno dell'opinione pubblica nelle operazioni militari internazionali. 73 Il sistema cooperativo di difesa cibernetica: nuove frontiere per la NATO. 74 Descrivere l'organizzazione e il funzionamento dei posti comando del livello joint/combined comparativamente con una struttura per la gestione operativa scelta nell'ambito civile (Industria, Protezione Civile, Unità di Crisi del Ministero Affari Esteri, ecc.). Dal raffronto, dedurre similitudini e differenze esprimendo il proprio motivato parere sui livelli di efficacia delle differenti realtà organizzative prese in esame nel quadro delle specifiche missioni cui esse sono assegnate Descrivere l'organizzazione e il funzionamento dei posti comando del livello "joint and combined" in operazione con riferimento alle soluzioni più aggiornate mediante l'uso dell'informatica, esprimendo proprie valutazioni sulla loro efficacia alla luce dei modelli propri dell'information Communication Technology. Descrivere l'organizzazione e il funzionamento dei posti comando in operazione con riferimento alle soluzioni più aggiornate mediante l'uso dell'informatica, esprimendo proprie valutazione sulla loro funzionalità nell'attuazione del Processo decisionale di pianificazione (PDP), così come definito in ambito NATO e nazionale. Esaminare il "Processo decisionale di pianificazione" (PID/0-5 Vol.I e Vol. II "La pianificazione delle operazioni"), in un contesto di "comprehensive approach", esprimendo il proprio motivato parere in merito alla sua utilizzabilità per la pianificazione delle Peace Support Operations. Descrivere il Processo decisionale di pianificazione con riguardo alle esperienze maturate presso i comandi di Divisione e Corpo d'armata, con attenzione ai sistemi automatizzati di supporto, esprimendosi criticamente sulle soluzioni adottate. 79 La proiezione di forza dal mare: ruolo ed importanza negli scenari attuali. 80 EU Battle Groups: origini, particolarità e prospettive di impiego. 81 Nelle operazioni controinsurrezionali, il favore della popolazione nei confronti del contingente militare costituisce elemento determinante di successo. Illustrare gli aspetti strategici e tattici delle operazioni controinsurrezionali analizzando in particolare i rapporti tra contingente militare e popolazione locale. 82 L'information Warfare quale nuova dimensione della conflittualità. 83 La possibilità che le Forze Armate siano chiamate a condurre operazioni fuori dal territorio nazionale introduce l'esigenza di sviluppare per tempo capacità "cultural understanding capability (CUC)". Quali i provvedimenti adottati al riguardo e le possibili linee evolutive, alla luce degli ammaestramenti delle più recenti operazioni. 84 NATO Maritime Strategy. Il ruolo del Potere Marittimo della NATO, quale elemento dell approccio comprehensive alle sfide presenti e future. 85 Gli interventi militari nella prevenzione e gestione delle crisi: iniziative e modalità praticabili. 86 La politica estera dell India nei confronti dell'asia Centrale. 87 L'aiuto della Cina nello sviluppo dei Paesi africani.

4 88 Prospettive strategiche di medio-lungo periodo nei rapporti tra Israele ed i paesi islamici della regione mediorientale. 89 La politica estera e di difesa ucraina. Punto di situazione nei rapporti con la Russia e relazioni con la comunità euro-atlantica. 90 Evoluzione del Concetto Strategico della NATO, dal Summit di Lisbona del 2010 al Summit in Galles del 2014 e suoi riflessi nelle strutture organizzative e nell'evoluzione dei dispositivi. 91 La NATO: tra storia e valore dimostrato oggi. Cosa è e cosa potrebbe essere in una Europa ancora incompiuta? 92 La NATO oggi tra vecchie e nuove esigenze e opportunità per riequilibrare sviluppo e cultura della difesa Europea. 93 Politica estera europea nell'area del mediterraneo allargato. 94 La crisi della sovranità degli Stati: verso un nuovo disordine globale? 95 Il ruolo della Public Diplomacy nella politica estera e di sicurezza degli stati e delle organizzazioni internazionali. 96 Hard power, soft power e smart power nella politica della UE e degli USA. 97 I rapporti tra Russia e NATO. 98 Le Nazioni Unite di fronte alla minaccia del terrorismo: contenuti e significato della risoluzione 1805 (2008) del Consiglio di Sicurezza. 99 Evoluzione delle relazioni tra Russia e NATO e Russia e UE. Possibili sviluppi futuri. 100 L'Unione Europea: analisi dei trend demografici e prevedibili scenari futuri. 101 L'Unione Europea di fronte all'immigrazione. Politiche e metodi per garantire sicurezza, stabilità, lavoro, integrazione. 102 La Cooperazione Strutturata Permanente secondo la previsione del Trattato istitutivo di Lisbona L Iniziativa : passato, presente e possibile futuro di questa importante Iniziativa intergovernativa multilaterale che vede coinvolti Paesi Europei e Paesi della sponda sud del Mediterraneo. La credibilità dell'europa nella geopolitica mondiale dal trattato di Maastricht (1992), attraverso quello di Lisbona fino alla ridefinizione dei rapporti con gli Stati Uniti de i BRICS. Mediterranean Dialogue e Istanbul Cooperation Initiative (ICI) : linee di tendenza dei rapporti della NATO verso i Paesi della sponda sud del Mediterraneo. Mediterraneo Allargato: prospettive di crescita e cooperazione tra i Paesi rivieraschi. Il Partenariato Euro-Mediterraneo (PEM), la Politica Europea di Vicinato (PEV) e la Union for the Mediterranean (UfM). 107 Le relazioni strategiche fra l UE e gli altri poli (USA, Cina, Russia, ecc.), in relazione agli interessi nazionali del nostro Paese. 108 Prospettive del rapporto transatlantico "e sicurezza globale". 109 L integrazione europea dei Paesi balcanici e le sue ricadute per l Italia. 110 L'UE nel controllo sulla proliferazione degli armamenti di distruzione di massa. 111 Le radici culturali - anche occidentali - del partito Ba th, con riferimento a ideologi come Zaki Al-Arsuzi e Sati Al-Husri, coniugandosi con fattori politici e sociali contingenti, sembrano aver prodotto un fenomeno geopolitico oscuro e minaccioso, apparentemente inspiegabile dal punto di vista occidentale: il così detto Stato Islamico (IS). La conoscenza delle ideologie di fondo e dei fenomeni storici che ispirano questo ipotetico Stato contribuirebbe ad una migliore interpretazione dei fatti, anche per preconizzare possibili scenari futuri. 112 L Albania quale case study: modelli e strategie per l allargamento della NATO. 113 Sfide attuali e prospettive future dell Istanbul Cooperation Initiative (ICI). 114 La politica dell Unione Europea in Asia Centrale. 115 Le Rivoluzioni negli Affari Militari: modelli teorici e disamine critiche nelle relazioni internazionali:dibattiti e prospettive alla luce di paradigmi sociologici. 116 Il problema energetico correlato alle vicende dell''ucraina. Quali protagonisti? Il ruolo delle Organizzazioni internazionali. 117 La politica energetica ed economica della Cina e le possibili ripercussioni geopolitiche.

5 118 L'acqua, risorsa fondamentale, quale fattore possibile di conflitti. 119 L'approvvigionamento energetico nel sistema globale: analisi, criticità e possibili futuri scenari. 120 La protezione del sistema di approvvigionamento energetico italiano via mare: criticità e possibili sviluppi futuri. 121 Attività estrattive di idrocarburi nel Mediterraneo: importanti per il fabbisogno energetico dei Paesi dell area, ma foriere di possibili rischi ambientali 122 Il Mediterraneo: energie da fonti tradizionali, energie rinnovabili, efficienza energetica e tecnologie per la sicurezza quale volano di sviluppo in un ottica transfrontaliera. 123 La violenza sulle donne nei conflitti post cold war : la risoluzione UN 1325en Il mondo sciita e sunnita: analisi sul confronto culturale, politico e militare. 125 L'immigrazione dal Mediterraneo: studio per un approccio regolamentato della gestione umanitaria tra diritto d'asilo, solidarietà necessaria ed altri problemi collegati. 126 La nuova dimensione della leadership del comandante militare nel nuovo contesto organizzativo e funzionale delle forze armate. 127 Formazione delle risorse umane militari per affrontare missioni internazionali. 128 Le difficoltà delle comunità cristiane e delle minoranze religiose nel contesto internazionale. 129 Potere spirituale e potere temporale. L'alibi delle religioni. 130 Società pre-industriale, industriale, post-industriale: come cambiano le motivazioni degli individui e del gruppo. 131 Applicabilità alla dimensione marittima della gestione del controllo dello spazio aereo quale supporto alla Maritime Security 132 La possibile ricaduta occupazionale derivante dall'implementazione del progetto SIAT (Sistemi Integrati per l'addestramento Terrestre) nell'ambito del territorio "Velivoli di 5^ generazione, integrazione con le piattaforme legacy (aeree, marittime e terrestri) in una futura arena netcentrica. Sfide per un nuovo concetto d'impiego". Evoluzione degli equilibri relativi all'area centro asiatica In vista del ridimensionamento del contingente NATO in Afghanistan e dell'escalation jihadista nei territori irakeno-siriani. 135 "Indagine tecnico giuridica sulle definizioni e le implicazioni derivanti dal concetto di Personnel Recovery". 136 Minaccia terroristica e possibili scenari alla luce della crisi in Medioriente. Fenomeno dei foreign fighters e connessi rischi per l'italia. 137 Aspetti comuni delle crisi intorno al Mar Nero, i teatri Ucraino e Siriano/Iracheno. Necessità di bilanciamento delle ambizioni e delle strategie dei principali attori regionali, globali e dei rispettivi proxy alla luce di un'analisi delle interrelazioni. Proposta per opzioni nazionali nel campo della strategia e del Crisis Management. 138 Controllo di Gestione: sviluppo di indicatori standardizzati per la misurazione della qualità della formazione erogata dagli Istituti militari. 139 Intervento umanitario e responsibility to protect. 140 L'avvento dell'era cyber e la difficile applicazione del principio di proporzionalità. 141 Implementazione del ciclo di intelligence tramite l'utilizzo della Social Media Intelligence (SOCMINT). 142 La responsabilità internazionale dello Stato per illeciti commessi dai propn contingenti dispiegati nell'ambito di missioni di Peace Keeping. 143 La minoranza come potenziale fattore di destabilizzazione nei rapporti interstatali e all'interno dello stato nazionale. 144 Possibili modelli operativi applicabili al nostro strumento militare, in diretta relazione ai parametri di riferimento (quantitativo-qualitativo-capacitativo e geostrategico), al fine di rispondere alle esigenze ed alle sfide future. 145 L'integrazione del dominio cibernetico, nell'ambito dell'approccio combined arms, nella condotta delle operazioni militari. 146 L'evoluzione futura degli scenari operativi: l'impatto dell'espansione delle Megacities sulle operazioni militari. 147 Le relazioni internazionali quale strumento moltiplicatore dell' effectiveness dello strumento militare: policy della Difesa e dei maggiori Paesi NATO e non, nonché vantaggi nazionali derivanti dalle loro implementazioni. 148 Metodologia di comunicazione strategica da applicare in caso di rilevante danno di immagine "Europa della Difesa": individuazione dei tratti salienti dell'integrazione tra vari Stati nel contesto dell'unione Europea. Limiti e opportunità che tale integrazione presenta attualmente, in particolare per quanto concerne le funzioni di tipo strategico, della difesa e della sicurezza in genere. Strategie espansive delle multinazionali e conflitti locali. Fornire un quadro attuale e prospettico delle più importanti aree di conflitto determinate dalla presenza di attori economici sovranazionali (multinazionali). Il diritto internazionale delle emergenze: l'attuazione in Italia dei rilevanti obblighi internazionali e i riflessi che ne conseguono sul sistema delle FFAA nazionali.

6 152 Attuale fase storica della comunità internazionale e ruolo del diritto al suo interno. 153 Il quadro Industriale Europeo nel settore della Difesa. 154 Modalità e possibilità di sviluppo di una "scuola integrata di strategia", da realizzarsi attraverso una partnership strutturata e coordinabile, tra mondo accademico, della ricerca e realtà istituzionali, onde fornire costanti ed aggiornati elementi di supporto conoscitivo alle decisioni dei vertici nazionali (ed eventualmente multinazionali). 155 Il sistema dei controlli delle armi chimiche. 156 Il ruolo della Giustizia Penale Internazionale.

TEMI PER LA 66^ SESSIONE ORDINARIA E 14^ SESSIONE SPECIALE

TEMI PER LA 66^ SESSIONE ORDINARIA E 14^ SESSIONE SPECIALE TEMI PER LA 66^ SESSIONE ORDINARIA E 14^ SESSIONE SPECIALE N ARGOMENTI 1 2 3 4 Possibili sinergie, nel'ambito del continuo processo di trasformazione dell'alleanza Atlantica, tra il ruolo svolto dalla

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2015-2016 TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE)

ANNO ACCADEMICO 2015-2016 TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE) ANNO ACCADEMICO 2015-2016 TEMI PER TESI IASD (LAVORO INDIVIDUALE DEL FREQUENTATORE) N ARGOMENTI 1 Difesa Paese e Difesa di Polizia quale modello integrato sostenibile al servizio di una moderna democrazia,

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo

Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro. L Europa nel mondo Consultazione per il programma del PSE per le elezioni europee 2009: Documento di lavoro 1. La sfida L Europa nel mondo Negli ultimi 20 anni, il mondo è cambiato in modo irreversibile. La stessa natura

Dettagli

NUOVO (DIS)ORDINE MEDITERRANO Attori, risorse, crisi

NUOVO (DIS)ORDINE MEDITERRANO Attori, risorse, crisi NUOVO (DIS)ORDINE MEDITERRANO Attori, risorse, crisi Milano, 27 febbraio 14 maggio 2016 Spazio Open Viale Montenero, 6 Porta romana In collaborazione con: 1 1. Presentazione Negli ultimi cinque anni il

Dettagli

Educazione ai diritti umani; campagna contro la

Educazione ai diritti umani; campagna contro la GIULIO TERZI MINISTRO DEGLI ESTERI 1 Educazione ai diritti umani; campagna contro la pena di morte; libertà di religione; diritti dei bambini nei conflitti; diritti delle donne e lotta contro le mutilazioni

Dettagli

CRONOLOGIA ESSENZIALE

CRONOLOGIA ESSENZIALE CRONOLOGIA ESSENZIALE 1992: MISSIONI DI PETERSBERG, ambito UEO; (adottate nel Trattato di Amsterdam - 1997) 1993: NASCITA DI EUROCORPS 1996: NASCITA DI EUROFOR, EUROMARFOR, EUROGENDFOR. 1996: ACCORDI DI

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

La strategia italiana in materia di cyber-security Cyber risks, social network e rischi reputazionali Boyd e app spingono il cybercrime nell

La strategia italiana in materia di cyber-security Cyber risks, social network e rischi reputazionali Boyd e app spingono il cybercrime nell La strategia italiana in materia di cyber-security Cyber risks, social network e rischi reputazionali Boyd e app spingono il cybercrime nell indifferenza generale La Direttiva Comunitaria per prevenire

Dettagli

Le Relazioni Internazionali dell UE (Hill

Le Relazioni Internazionali dell UE (Hill Le Relazioni Internazionali dell UE (Hill & Smith,, 2005) L UE, sistema politico con processi interni di integrazione e un proprio processo di policy- making,, può produrre azione internazionale? Linkage

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

NUOVO (DIS)ORDINE MEDITERRANO Attori, risorse, crisi

NUOVO (DIS)ORDINE MEDITERRANO Attori, risorse, crisi NUOVO (DIS)ORDINE MEDITERRANO Attori, risorse, crisi Milano, 27 febbraio 14 maggio 2016 Spazio Open Viale Montenero, 6 Porta romana In collaborazione con: 1 1. Presentazione Negli ultimi cinque anni il

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI INDICE INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI 1. Il significato giuridico di ingerenza umanitaria pag. 9 2. Grozio:

Dettagli

IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO IL MEDITERRANEO TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO 17 novembre 2011 DIVENTIAMO CITTADINI EUROPEI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI XV EDIZIONE TORINO Silvia Colombo Istituto Affari Internazionali (IAI) -

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

La trasformazione delle forze militari della NATO. Lt.Gen. (r) Carlo Cabigiosu

La trasformazione delle forze militari della NATO. Lt.Gen. (r) Carlo Cabigiosu La trasformazione delle forze militari della NATO Lt.Gen. (r) Carlo Cabigiosu Nel corso degli interventi di questi due giorni di Convegno si è parlato a lungo dell evoluzione dell Alleanza dal punto di

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti Istituto d Istruzione Superiore Istituto Tecnico Turistico MATERIA: disciplina alternativa alla RC CLASSE IV Sezione I A.S. 2014/15 L educazione un processo continuo Educazione e comunicazione La comunicazione

Dettagli

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014.

CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. CALRE, Santiago de Compostela, 7 NOVEMBRE 2014. Colleghi, il ruolo che mi è stato affidato, di coordinatore del Gruppo di lavoro sull immigrazione della Calre, nel 2013, rappresenta un compito molto delicato

Dettagli

LA STRATEGIA ITALIANA IN MATERIA

LA STRATEGIA ITALIANA IN MATERIA LA STRATEGIA ITALIANA IN MATERIA DI CYBER SECURITY STEFANO MELE HackInBo 2014 - Bologna 03 MAY 2014 @MeleStefano Avvocato specializzato in Diritto delle Tecnologie, Privacy, Sicurezza ed Intelligence.

Dettagli

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001

1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 1. Consiglio europeo straordinario - Bruxelles, 21 settembre 2001 B5-0666, 0668 e 0674/2001 Risoluzione del Parlamento europeo sulla riunione straordinaria del Consiglio europeo del 21 settembre 2001 a

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sulla ricerca in materia di sicurezza - le tappe future (2004/2171(INI))

Risoluzione del Parlamento europeo sulla ricerca in materia di sicurezza - le tappe future (2004/2171(INI)) P6_TA-PROV(2005)0259 Ricerca sulla sicurezza Risoluzione del Parlamento europeo sulla ricerca in materia di sicurezza - le tappe future (2004/2171(INI)) Il Parlamento europeo, visto il trattato che adotta

Dettagli

Piano degli Studi. Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici Insegnamenti del I anno. Insegnamenti/Altre attività

Piano degli Studi. Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici Insegnamenti del I anno. Insegnamenti/Altre attività Piano degli Studi Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici Insegnamenti del I anno Culture e conflitti nel mondo contemporaneo Nazioni Unite, sicurezza collettiva e diritto internazionale

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

GLOBAL ECONOMICS AND SOCIAL AFFAIRS - GESAM LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016

GLOBAL ECONOMICS AND SOCIAL AFFAIRS - GESAM LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 GLOBAL ECONOMICS AND SOCIAL AFFAIRS - GESAM LIVELLO I - EDIZIONE III A.A. 2015-2016 Presentazione Il Global Economics and Social Affairs International Master (GESAM) è organizzato dall Università Ca Foscari

Dettagli

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi.

Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini. L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. Abstract Tesi di Laurea di Serena Sartini L Unione Europea e gli aiuti umanitari. La Crisi dei Grandi Laghi. L oggetto principale dello studio è stata l analisi della politica di aiuto umanitario dell

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per gli affari esteri 16.2.2015 2014/2232(INI) PROGETTO DI RELAZIONE su "Diritti umani e tecnologia: impatto dei sistemi di sorveglianza e di individuazione delle

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

VIRTUAL - REGIONAL MARITIME TRAFFIC CENTRE. Capitano di Vascello Luca BERCINI (FORUM P.A. ROMA, 11 MAGGIO 2006)

VIRTUAL - REGIONAL MARITIME TRAFFIC CENTRE. Capitano di Vascello Luca BERCINI (FORUM P.A. ROMA, 11 MAGGIO 2006) Stato Maggiore della Marina VIRTUAL - REGIONAL MARITIME TRAFFIC CENTRE Capitano di Vascello Luca BERCINI (FORUM P.A. ROMA, 11 MAGGIO 2006) REGIONAL MARITIME DOMAIN INTERESSI STRATEGICI ITALIANI TEATRO

Dettagli

I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020

I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020 I programmi comunitari di assistenza esterna 2014-2020 2007-2013 2014-2020 IPA - strumento di assistenza preadesione IPA - strumento di assistenza preadesione ENPI -Strumento europeo di vicinato e partenariato

Dettagli

Vertice Nato 2016: quale agenda per l Italia

Vertice Nato 2016: quale agenda per l Italia Vertice Nato 2016: quale agenda per l Italia di Alessandro Marrone e Ester Sabatino ABSTRACT Il presente documento riporta gli elementi chiave di un seminario a porte chiuse organizzato dall Istituto Affari

Dettagli

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali

DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE. a cura dell Istituto Affari Internazionali DOCUMENTI IAI LA COOPERAZIONE NATO-RUSSIA: SVILUPPI RECENTI E PROSPETTIVE a cura dell Istituto Affari Internazionali Saggio presentato nell ambito de Osservatorio Transatlantico a cura dell Istituto Affari

Dettagli

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 22 giugno 2015 (OR. en) 8394/15 LIMITE CO EUR-PREP 20 NOTA Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: Consiglio Oggetto: Consiglio europeo (25 e

Dettagli

TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA

TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA TRATTATO DI AMICIZIA E COOPERAZIONE TRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA FEDERAZIONE RUSSA La Repubblica Italiana e la Federazione Russa - fondandosi sulle secolari tradizioni di amicizia, cooperazione, simpatia

Dettagli

Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici

Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici Piano degli Studi Curriculum in Conflitti Politica internazionale e studi strategici Anno Insegnamenti/Altre attività CFU I Culture e conflitti nel mondo contemporaneo 6 I Nazioni Unite, sicurezza collettiva

Dettagli

L Europa in seconda fila

L Europa in seconda fila Introduzione Per un paese in crisi come l Italia, la dimensione europea è, sia politicamente sia economicamente, essenziale. Tanto più importante, quindi, è il ruolo che l Europa nel suo complesso riuscirà

Dettagli

GIANFRANCO LIZZA. Titolare della Cattedra di Geografia politica ed economica Facoltà di Scienze politiche Università di Roma «La Sapienza» A 350844

GIANFRANCO LIZZA. Titolare della Cattedra di Geografia politica ed economica Facoltà di Scienze politiche Università di Roma «La Sapienza» A 350844 GIANFRANCO LIZZA Titolare della Cattedra di Geografia politica ed economica Facoltà di Scienze politiche Università di Roma «La Sapienza» A 350844 GEOPOLITICA Itinerari del potere UTET L I B R E R I A

Dettagli

TABELLA N. 6 STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

TABELLA N. 6 STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE TABELLA N. 6 STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NOTA INTEGRATIVA MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Nota Integrativa

Dettagli

Le sfide internazionali della cooperazione civile-militare

Le sfide internazionali della cooperazione civile-militare Le sfide internazionali della cooperazione civile-militare Prof. David Alexander CESPRO - Università di Firenze Assistenza militare nei disastri: situazione generale Valori medii annuali 1999-2008 Disastri:

Dettagli

AGENDA DEL DISARMO E DELLA PACE PER LA PROSSIMA LEGISLATURA

AGENDA DEL DISARMO E DELLA PACE PER LA PROSSIMA LEGISLATURA AGENDA DEL DISARMO E DELLA PACE PER LA PROSSIMA LEGISLATURA Una proposta per i leader delle coalizioni e dei partiti politici impegnati nelle Elezioni di Febbraio 2013 Rete Italiana per il Disarmo Tavolo

Dettagli

Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare

Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare A12 Fabrizio Minniti Il regime di non proliferazione nucleare Copyright MMXV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040 Ariccia (RM) (06) 93781065

Dettagli

Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011

Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011 1 Cav. Lav. Prof. Giancarlo Elia Valori (Presidente de La Centrale Finanziaria Generale ) Intervista a cura della redazione - 01 Giugno 2011 1. La politica del petrolio è una tradizionale attitudine sia

Dettagli

Per scaricare una copia del rapporto del Credit Suisse Research Institute The End of Globalization or a More Multipolar World", cliccare qui.

Per scaricare una copia del rapporto del Credit Suisse Research Institute The End of Globalization or a More Multipolar World, cliccare qui. CREDIT SUISSE AG Paradeplatz 8 Casella postale CH-8070 Zurigo Svizzera Telefono +41 844 33 88 44 Fax +41 44 333 88 77 media.relations@credit-suisse.com Comunicato stampa Credit Suisse Verso la fine della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA

CAMERA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA N. TAB. 6 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE (PADOAN) Bilancio di previsione dello Stato per l anno finanziario 215 e bilancio pluriennale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3786 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DI STANISLAO Disposizioni concernenti l istituzione di servizi per l assistenza psicologica

Dettagli

Spazio Europeo della Ricerca UNA MAASTRICHT PER LA RICERCA

Spazio Europeo della Ricerca UNA MAASTRICHT PER LA RICERCA Spazio Europeo della Ricerca UNA MAASTRICHT PER LA RICERCA Ricerca e innovazione sono al centro dell Agenda Europa 2020 che mira a far uscire l Europa dall attuale stato di crisi. Per la prima volta, il

Dettagli

SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI

SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI SENZA FRONTIERE 10 TREND EMERGENTI PER IL SETTORE ASSICURATIVO OSSERVATORIO REPUTATIONAL & EMERGING RISK 1 6 SENZA FRONTIERE L Internazionalizzazione come direttrice strategica per intercettare i benefici

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

66 Sessione istituto Alti Studi per la Difesa - Scenario internazionale

66 Sessione istituto Alti Studi per la Difesa - Scenario internazionale 9 gennaio 2015 Paolo Quercia @PQuercia www.paoloquercia.net Definizione della regione, intersezione di altre regioni, ruolo pivot/ponte, potenze regionali Conflitti in Siria e in Iraq, eventi baricentrici

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3053-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147.

Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. Decreto Ministeriale 7 maggio 2015 Organizzazione del contingente dei Corpi civili di pace, ai sensi dell'articolo 1, comma 253, della legge 27 dicembre 2013, n. 147. (G.U. 20 maggio 2015, n. 115) IL MINISTRO

Dettagli

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE

UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE IN UN CURRICOLO DI TRIENNIO DI SCUOLA SUPERIORE Dipartimento di Discipline storiche Università di Bologna IRRE Emilia Romagna Insegnare storia mondiale: risorse storiografiche e risorse didattiche Seminario di studio UN ESPERIENZA DI STORIA MONDIALE

Dettagli

Roma, 17 18 Gennaio 2014

Roma, 17 18 Gennaio 2014 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN GEOPOLITICA E ORIGINE DELLE MINACCE CONVENZIONALI E NON CONVENZIONALI Roma, 17 18 Gennaio 2014 L Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe (OSDIFE) e l Università degli Studi

Dettagli

L Atlante della geostoria economia mondiale

L Atlante della geostoria economia mondiale L Atlante della geostoria economia mondiale Revisione critica delle discipline storiche e sociali per un educazione adatta alla nuova società globale Paleolitico: Ominazione Disciplina Argomento Mondo

Dettagli

Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea. 1 Luglio 31 Dicembre 2011. Programma

Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea. 1 Luglio 31 Dicembre 2011. Programma Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea 1 Luglio 31 Dicembre 2011 Programma Roma, il 29 giugno 2011 1 Priorità della Presidenza Integrazione europea come fonte di crescita Europa sicura Europa

Dettagli

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA Bruxelles, 12 dicembre 2003 Introduzione Mai l Europa è stata così prospera, sicura e libera. Alla violenza della prima metà

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 16 ottobre 2015 (OR. en) EUCO 26/15 CO EUR 10 CONCL 4 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio

Le evacuazioni di Security da aree ad alto rischio Convegno La gestione integrata della safety e della security aziendale e il ruolo del security manager ANMIL 22 Ottobre 2014 Bologna Penetrazione jihadista nel mondo nel 2011 In giallo evidenziati i Paesi

Dettagli

FONTI DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO: LA MINACCIA SAUDITA. di Luca Fucini * * * Secondo un analisi condotta dallo Stratetic Studies Institutes dello

FONTI DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO: LA MINACCIA SAUDITA. di Luca Fucini * * * Secondo un analisi condotta dallo Stratetic Studies Institutes dello FONTI DI FINANZIAMENTO AL TERRORISMO: LA MINACCIA SAUDITA di Luca Fucini * * * Secondo un analisi condotta dallo Stratetic Studies Institutes dello US Army War College, le organizzazioni terroristiche

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO

COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO 6 COOPERAZIONE E SVILUPPO: LE PAROLE VINCENTI DELL ITALIA NEL MONDO Giampaolo Cantini è il volto e l anima della Direzione italiana per la cooperazione e lo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Dettagli

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO MATERIA: Geografia Generale e Turistica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: Prima C Unità 1 GLI STRUMENTI DI BASE Forma e misura della terra Le carte geografiche L informatica applicata

Dettagli

La Community per la sicurezza nazionale. Rita Forsi MiSE - CERT

La Community per la sicurezza nazionale. Rita Forsi MiSE - CERT La Community per la sicurezza nazionale Rita Forsi MiSE - CERT Contesto Italiano della cyber security D. Lgs. 70/2012 Il decreto prevede l individuazione del CERT Nazionale presso il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it.

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it. Dipartimento di Scienze Criminologiche Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Corsi di Formazione e Master Anno Accademico 2014/2015 Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

Il Fondo Inframed e la cooperazione euromediterranea

Il Fondo Inframed e la cooperazione euromediterranea Il Fondo Inframed e la cooperazione euromediterranea Prof. Franco Bassanini Cassa Depositi e Prestiti, Presidente Cinquant anni fa, subito dopo la fine della guerra, alcuni Stati europei capirono che non

Dettagli

L Italia e la NATO, tra missioni internazionali e polizza di assicurazione

L Italia e la NATO, tra missioni internazionali e polizza di assicurazione L Italia e la NATO, tra missioni internazionali e polizza di assicurazione di Giulia Formichetti e Alessandro Marrone Abstract Il documento riporta gli atti della conferenza Gli interessi nazionali e la

Dettagli

UDIENZA DEGLI ECCELLENTISSIMI CAPITANI REGGENTI AL CORPO DIPLOMATICO E CONSOLARE

UDIENZA DEGLI ECCELLENTISSIMI CAPITANI REGGENTI AL CORPO DIPLOMATICO E CONSOLARE UDIENZA DEGLI ECCELLENTISSIMI CAPITANI REGGENTI AL CORPO DIPLOMATICO E CONSOLARE Signor Segretario di Stato per gli Affari Esteri Signori Rappresentanti Diplomatici e Consolari La Reggenza è particolarmente

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO Premessa... V INTRODUZIONE 1. Sistema inter-statale, diritto internazionale e valori comuni dell umanità... 1 2. Piano del lavoro e linee direttrici... 2 PARTE I SISTEMA DEGLI STATI E GOVERNO

Dettagli

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE

STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE STATO MAGGIORE DELLA DIFESA II REPARTO INFORMAZIONI E SICUREZZA CENTRO INTELLIGENCE INTERFORZE (NC) Ruolo e prospettive dell intelligence militare per la sicurezza cibernetica e a difesa delle infrastrutture

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Tesi congressuale 1 COOPERAZIONE NELL AREA DEL MEDITERRANEO : DALL INTEGRAZIONE SOCIALE ALLO SVILUPPO DI MERCATO

Tesi congressuale 1 COOPERAZIONE NELL AREA DEL MEDITERRANEO : DALL INTEGRAZIONE SOCIALE ALLO SVILUPPO DI MERCATO Tesi congressuale 1 COOPERAZIONE NELL AREA DEL MEDITERRANEO : DALL INTEGRAZIONE SOCIALE ALLO SVILUPPO DI MERCATO Ufficio di Coordinamento - Consigliere Nazionale Coordinatore: Giuliano D ANTONIO - Presidente

Dettagli

I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO

I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO I. STRATEGIA DELL OSCE PER FAR FRONTE ALLE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO SECOLO STRATEGIA DELL OSCE PER AFFRONTARE LE MINACCE ALLA SICUREZZA E ALLA STABILITÀ NEL VENTUNESIMO

Dettagli

editoriale I nuovi punti cardinali

editoriale I nuovi punti cardinali editoriale I nuovi punti cardinali Sul Pacifico si affacciano le due maggiori economie mondiali del XXI secolo, Stati Uniti e Cina, oltre a molti dei paesi che hanno registrato i più alti tassi di crescita

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 3 I centri dell economia mondiale: una prospettiva storica La Globalizzazione: una prospettiva storica Benefici e canali di trasmissione della Globalizzazione

Dettagli

Ian O. Lesser L America riscopre l Atlantico, a Sud

Ian O. Lesser L America riscopre l Atlantico, a Sud Ian O. Lesser L America riscopre l Atlantico, a Sud Malgrado il gran parlare del pivot to Asia della politica estera americana, all Atlantico si guarda con rinnovato interesse: e questa volta soprattutto

Dettagli

RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA

RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA RELAZIONI TRANSATLANTICHE: USA E CANADA L'UE e i suoi partner nordamericani, Stati Uniti d'america e, condividono i valori comuni di democrazia, diritti umani e libertà economica e politica, e hanno interessi

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

Liceo Europeo M.Delfico - Teramo. Anno scolastico 2014/2015

Liceo Europeo M.Delfico - Teramo. Anno scolastico 2014/2015 Liceo Europeo M.Delfico - Teramo Anno scolastico 2014/2015 Materia di insegnamento: Geografia Classe: 2H Docenti: Valentina Gagliano Philippe Dedeur Testo in adozione: D. Cotroneo, Territori e radici.

Dettagli

MASTER DI SPECIALIZZAZIONE IN STUDI EUROPEI

MASTER DI SPECIALIZZAZIONE IN STUDI EUROPEI ISTITUTO DI STUDI EUROPEI ALCIDE DE GASPERI (D.P.R. N 492 DEL 29/4/1956 E D.P.R. N 1126 DELL 11/10/1982) SCUOLA POST-UNIVERSITARIA DI STUDI EUROPEI 60 ANNO ACCADEMICO 2014-2015 MASTER DI SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 51 DEL 24 SETTEMBRE 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 51 DEL 24 SETTEMBRE 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 3 agosto 2007 - Deliberazione N. 1449 - Area Generale di Coordinamento N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

AFGHANISTAN LA CONFERENZA DI KABUL: LA SVOLTA CHE NON C È STATA ARGO. Agosto 2010 Rapporto n. 13

AFGHANISTAN LA CONFERENZA DI KABUL: LA SVOLTA CHE NON C È STATA ARGO. Agosto 2010 Rapporto n. 13 Agosto 2010 Rapporto n. 13 AFGHANISTAN LA CONFERENZA DI KABUL: LA SVOLTA CHE NON C È STATA ARGO Analisi e Ricerche Geopolitiche sull Oriente Osservatorio sull Asia minore, centrale e meridionale Piazza

Dettagli

La NATO nel XXI secolo

La NATO nel XXI secolo La NATO nel XXI secolo Indice 4-5 Rispondere alle nuove minacce alla sicurezza 6-7 Le origini dell Alleanza 8-9 La fine della Guerra Fredda 10-11 Come funziona la NATO 12-13 Costruire la sicurezza attraverso

Dettagli

anno I, n. 2, 2011 Recensioni

anno I, n. 2, 2011 Recensioni M. L. Maniscalco, J. M. Nomikos, S. Ducci, cur., Oltre il segreto. Information sharing e intelligence transnazionale, Rende (CS), Altrimedia Edizioni 2011, pp.142 In un contesto sempre più globalizzato

Dettagli