Salvatore Massimo Stella R L Hermes 1357, Goi. Collesalvietti, LI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salvatore Massimo Stella R L Hermes 1357, Goi. Collesalvietti, LI"

Transcript

1 DIVAGAZIONI MINOICHE 1 SUL LABIRINTO, IL TORO, IL SERPENTE, ARIANNA E LE STELLE Asterios, il Minotauro e gli Equinozi Salatore Massimo Stella R L Hermes 1357, Goi. Collesalietti, LI Disco di Maratona Il museo di Maratona a pochi chilometri da Atene, edificato alle spalle del cumulo dei Plateesi, consera una collezione di preziosi oggetti ritroati sul campo della celebre battaglia, combattuta a difesa della Grecia nel 490 a.c. sulla celebre spiaggia dell Attica dagli Ateniesi 1 Titolo originale Mitologemi del Labirinto: il ero olto di Asterios il Minotauro dal olume Le suggestioni simboliche del mito, Edizioni Tipheret Roma Catania.

2 e dai Plateesi. Sono isibili urne, lekitoi, lapidi, statuette fittili otie ed altri oggetti di minor pregio. Tra i più ragguardeoli uno in particolar modo ha attirato la mia attenzione: un grande tondo di terracotta con al centro una grande stella a quindici punte il cui disco centrale contiene una spirale sinistrorsa. Una simbologia astrale associata alla rappresentazione del maiandros 2 primitio, e cioè ad una spirale che, diersamente dalla maggior parte di quelle rappresentate nel mondo antico (come edremo ad esempio più aanti nel disco di Festos), si presenta sinistrorsa. Ci ammonisce Jung nei suoi scritti sui sogni e l alchimia sostenendo che la strada che gira erso sinistra non porta al regno degli dei e delle idee eterne, bensì erso il basso, alle basi istintie animali della esistenza umana ; continua Jung ricordando che il moimento erso destra inece è un moimento corretto e tende erso la coscienza alla conoscenza iniziatica superiore. Naturalmente il contesto del disco di Maratona è completamente dierso, dal momento che qui, coerentemente con il luogo e gli eenti storici che lo hanno prodotto, si celebrano degli eroi caduti in battaglia che hanno intrapreso, con il trapasso, il loro percorso di katabasis 3 erso il mondo delle ombre. Il tutto è quindi in conformità e sintonia con la celebrazione di un eento luttuoso, ma glorioso per la Patris che è stata difesa eroicamente. Statere dì argento del V sec. ac 2 NdR. In It.= Meandro, percorso tortuoso. 3 NdR. In It = Discesa

3 La stella e il labirinto sono, quindi, coniugati in un significato simbolico che riconduce inariabilmente alla luminosità dell atto di alore nel percorso discendente delle anime che si distaccano dal mondo della rappresentazione. Abbiamo menzionato il disco di Festos 4, che studieremo nei dettagli più aanti, che nella sua spirale destrorsa conduce erso una conoscenza sicuramente iniziatica attraerso un percorso di tipo misterico, al centro del quale, nel lato A, è presente un fiore a otto petali. Questo, probabilmente, equiale, almeno dal punto di ista strettamente simbolico e tradizionale, alla stella a otto punte tanto cara alla simbologia dei macedoni delle tombe reali di Vergina. Ed è cosa piuttosto singolare che tale alenza possa essere sfuggita inspiegabilmente all occhio attento di Mircea Eliade che sapea sapientemente estrapolare le alenze iniziatiche di molti oggetti di culto dell antichità, indagati, del resto, da archeologi senza le necessarie conoscenze tradizionali. Anche qui al centro del labyrinthos abbiamo riferimenti astrali che riportano al significato originario e poco noto dell antichissimo mito minoico. Il mito greco narra che il Minotauro, oero il toro di Minosse (ma non era questo il ero nome dell essere teriomorfo antropofago), fratello di Arianna, era una la creatura mostruosa e feroce, per metà uomo e per metà toro, figlio del Toro di Creta, dono di Poseidone al re cretese Minosse, e di Pasifae, regina dell isola. 4 A pagina 107 del Volume citato.

4 Il fiore, l Aster al centro del Labirinto. Il meandro raffigurato nello statere d argento del V secolo a.c. coniato a Knossos, come siluppo della swastika sinistrorsa (ma esiste anche uno statere destrorso più antecedente coniato sempre a Knossos) ha al centro del labirinto un aster, una stella a otto punte del tutto simile al fiore del disco di Festos. Questo Aster, posto al centro di un cerchio di meandri, rimanda all altro nome del Minotauro, Asterios o Asterione. La parola Asterios in greco deria da un aggettio con il significato di stellare-stellato-delle stelle. Quindi il nome era un nome luminoso. E ragioneole ipotizzare che questo aster al centro del labirinto (da-pu-ri-to, lemma originale in lineare B 5 ), abbia un significato astrale, che pensiamo ada molto al di là di quanto affermato dal Kerényi, il quale indicaa che il percorso a spirale rappresentasse genericamente «un cammino erso la Luce». La parola labirinto, quindi, lungi da deriare da labrys, l ascia bipenne minoica, né quanto meno dall egeo-asianico labra-laura con il significato di pietra, grotta, come sostenuto da Eliade, riporterebbe, inece, come radice -bir- al significato di fuoco (-pur). La sillaba iniziale la (da-) potrebbe essere, analogamente al greco antico (siluppo del protogreco miceneo), un prefisso intensio col significato di molto. Quindi, un cammino per l acquisizione del molto fuoco, della molta luce; un percorso, a spirale o a meandro, per apprendere ciò che è iscritto probabilmente nella olta stellare, ciò che la olta stellare permette di far conoscere all uomo attraerso il significato della ita e della morte. Alternatiamente la sillaba da- potrebbe significare Terra (parola di origine arcadico-cipriota e quindi achea in comune anche alla parola Dā-Māter, cioè Demetra, la Dea della Terra) e quindi il tutto potrebbe significare luogo oe i sia la terra infuocata con simili analogie a luogo infuocato oero illuminato. 5 Lineare B, scrittura minoico-micenea del XIII secolo a.c.

5 D altronde Kerényi stesso, facendo osserare come in realtà i corridoi del Palazzo di Knossos conducano alla principale fonte di luce del palazzo, intuì, senza comunque silupparne la radice erbale, «cosa significasse da-pu-ri-to per i Minoici: un cammino erso la luce». In una taoletta di Knossos in lineare B si legge da-pu-ri-to-jo po-ti-ni-ja (che tradotto in greco antico suonerebbe come labyrinthoio potniai), cioè alla Signora del Labirinto, alla Grande Dea dei cretesi, raffigurata con i due serpenti in mano, datio a cui segue la parola meri, che tradotto in greco antico equiarrebbe a meli, cioè a miele. Il miele, sappiamo che era considerato nell antichità cibo di Verità e degli dei. In Egitto infatti Thot era eocato come dio della Conoscenza e della Verità attraerso offerte di miele con la formula dolce è la Verità. Anche a Creta lo ritroiamo nel mito di Zeus bambino, nutrito con il miele al tempo del suo esilio sul monte Ida, ed anche nel mito di Dionisos, nutrito dalle Iadi 6 con il diino miele, il denso e dolce liquido dorato, che riconduce ad un immaginario astrale e diino di un oro commestibile e prezioso, frutto dei fiori attraerso la magica opera delle api. Il mito di Asterios, trascurato dagli Elleni inasori, non giunse in Ellade I greci che raccolsero e diulgarono il mito del labirinto non tramandarono però questo aspetto luminoso, ritenuto illogico, del Minotauro che tale perdurò, quindi, esclusiamente nell isola. Si potrebbe ipotizzare una perersione opportunistica di un dierso mito originario. Il mito di Asterios è strettamente collegato alla Grande Dea Cretese, Ari-Dela (la oltremodo chiara, e in questa accezione connessa al simbolismo del disco lunare, poiché diinità del regime notturno) o Ari-Adne o Ari-Agne (Arianna, Aracne 7 ) come chiamata da Omero nell Iliade (XVIII-592). 6 Ammasso stellare della testa della costellazione zodiacale del Toro. 7 NDr. Aracne, Ragno, Ragnatela, Labirinto.

6 Forse lontana eco di quel primo e originario nome che in Lineare A suonaa come Asasara (di deriazione probabilmente luia col significato di Mia Signora, Mea Domina), la misteriosa dea dai riccioli belli, kalliplòkamos. E non potea aere dierso appellatio la Regina del Labirinto. Questa parola, kalliplòkamos, deria dal erbo greco pleko, intrecciareattorcigliare-complicare-ingarbugliare. Il mito della Signora Regina, oltremodo santa o oltremodo pura, inoltre, si siluppa in parallelo con un altra importante diinità, già nota nell isola, quel Dionysos Kresios, cretese 8. Queste due diinità concorrono, forse, a raffigurare per importanza il gotha del pantheon cretese con una più che erosimile prealenza della figura della Grande Dea Lunare dai nomi molteplici ed equialenti, ma ancora misteriosi, di Arianna-Rea-Demetra- Persefone. Prima di Zeus, ad Olimpia, una diinitàserpente In molte ceramiche ascolari a figure nere e a figure rosse il meandro, inconfondibile symbolon del labirinto cretese, è raffigurato con spirali continue rappresentando una ariante in forma curilinea del labirinto quadrato. Quale migliore rappresentazione grafica di una serpe, attorcigliata su se stessa, il labirinto di Knossos 9. Nella sua forma a spirale lo si ritroa non solo a Creta, ma anche a Babilonia (W.F. Jackson Knight). Era associato al cerello ed agli organi interni del corpo umano, nonché al mondo degli inferi, quindi ad un simbolismo ctonio e notturno. 8 Che si credea di origine tracia e che, inece, grazie alla decifrazione da parte di Ventris nel 52 della lineare B, ne ha fatto sorprendentemente anche un nume locale. 9 NdR. Per tracciare un labirinto basta una corda ripiegata su se stessa. Se solgiamo un labirinto aremo un segmento di retta.

7 Due serpenti tiene nelle mani la grande dea cretese con il seno nudo delle celeberrime statuette, conserate al Museo di Heraklion. Sappiamo, comunque, da Pausania che anche la diinità che precedette Zeus ad Olimpia aea l aspetto di un serpente. 10 Ed un serpente, in prossimità della fonte Ciane presso Siracusa, all interno di un anfratto, ingannò Persefone, per rapirla e trascinarla nell Ade, come ci riporta Nonno di Panopoli nelle sue Dionisiache. Oidio, nelle sue Metamorfosi, scrie che egli ingannò come serpe lucente la figlia di Deo. 11 Ma noi crediamo che comunque il mito cretese sia del tutto separato dal successio mito ellenico. A Creta il serpente assumea un significato differente, perduto per sempre nella cesura del medio eo ellenico, in quello spazio muto di storia oe la scrittura, già inentata e codificata nel II millennio a.c. dai cretesi e successiamente dai conquistatori micenei, scompare completamente per quasi quattro secoli di storia. Il significato del Serpente, del Labirinto e della Stella era necessariamente collegato a un traslato che non aea rispondenze in un ambito secolare o in astratte e intrigate mitologie teogoniche, ma doea essere proiettato nel dominio della più semplice e immediata osserazione della olta celeste. Ipotizziamo, ora, un legame euristico Il Serpente e la Stella non erano simboli apparentemente contraddittori, ma la oce coerente e unioca di riferimenti ad una fenomenologia che si è irrimediabilmente perduta poiché probabilmente non più compresa e quindi non tramandata nelle memorie della tradizione continentale posteriore. A complicare o, come spesso aiene nella ita, una buona olta a chiarire le cose, è quanto riportato da un autore cristiano apologeta, di origini siracusane, del IV secolo d.c., Giulio Firmico Materno. Nel De errore profanarum religionum l autore, infatti, riporta una formula 10 NdR. Accanto a Minera, Esculapio ed Ecate iene scolpito un serpente. 11 Demetra

8 misterica di un mito segreto, sicuramente recitato come ersetto dai mystes dei misteri a cui apparteneano. Seria come parola d ordine e come professione di fede per i fedeli. In base al testo tramandato è attribuibile, a ben alutare, da parte dei mitologi e storici delle religioni ai misteri di Dioniso o di Sabazio. La formula, che secondo il filologo e storico delle religioni ungherese Karl Kerényi, è di chiara deriazione cretese, suona in greco così: Tauros Dràcontos kai Patèr Taùrou Dràcon doe dràcontos è genitio di dràcon, e quindi la conseguente traduzione reciterebbe così: Il toro è padre del serpente e il serpente è padre del toro La formula introduce apparentemente un motio ciclico: la procreazione si perpetua indefinitamente nella forma del serpente e del toro e iceersa. Tale figura simbolica richiama alla mente la forma dell uroboros (dal greco ouroboros doe ourá ha significato di coda e boros di oracità), simbolo antichissimo che raffigura un serpente che si morde la coda che rigenerandosi ininterrottamente iene a formare una sorta di cerchio che si ripete con eidente riferimento a una periodicità ciclica temporale. È simbolo alchemico ed ermetico che rimanda alla natura ricorrente delle cose, ciò che è raffigurabile attraerso una sequenza che riprende dal principio dopo essere perenuta al proprio termine. In alcune rappresentazioni il serpente è anche raffigurato per metà bianco e per metà nero, atto a richiamare alla mente la natura dualistica delle cose e soprattutto il concetto che le opposizioni non sono in conflitto tra loro ma si integrano icendeolmente. Ma cosa significa in realtà che il Toro genera il Serpente e che questi quindi genererebbe il Toro? Come mai questi due esseri che si generano icendeolmente aeano così grande isibilità nell ambito religioso minoico? E perché proprio questi due animali e non altri? La risposta al quesito, sino ad ora mai formulato, ha una chiae di olta che crediamo possa rintracciarsi in quel simbolismo astrale che si troa al centro del labirinto cretese, e soprattutto nel ero nome del Minotauro, e cioè in Asterios.

9 La soluzione del dilemma è quindi da ricercare nei cieli dell isola cretese del III e II millennio a.c.. Innanzitutto per principiare errebbe da domandarsi in primis quando enia festeggiato l inizio del nuoo anno presso l antica ciiltà minoica. La risposta è fornita dalla leata eliaca di Sirio: quando la stella mattutina (la era stella mattutina, la più brillante dell unierso, essendo la splendente Venere o Lucifero, ma anche le brillantissime Gioe e Marte, dei semplici pianeti che brillano di luce riflessa) sorgea con tutta la sua costellazione al seguito (del Canis Maior, il Cane di Orione), nel mese di luglio. Ebbene lì era da collocare il capodanno, come aenia già da un millennio nell antico Egitto e, successiamente, nella antica Grecia. Ma da questi eenti astronomici non si deduce alcunché riguardo al simbolo del Toro né quanto meno del Serpente. Bisogna allora cercare altroe. Soiene allora che il Serpente e il Serpentario o Ofiuco (fig. 4) sono due costellazioni delle quali la seconda è considerata attualmente una delle tredici costellazioni zodiacali: come ci riporta Igino nel II sec. d.c.: «la testa inclinata nel gesto di chi si piega all indietro è rappresentato con un serpente tra le mani [ ] è delimitato all altezza delle ginocchia dal circolo

10 equinoziale, [ ] calca col piede sinistro gli occhi dello Scorpione [ ] quanto al Serpente che ha in mano, sfiora con la punta del olto la Corona Borealis, cinge in qualche modo a metà corpo il serpentario [ ] ; il serpente a sua olta ha due stelle nel capo, quattro sotto la testa tutte insieme [ ] in tutto fa entitré stelle». Il Serpente è una delle quarantotto costellazioni elencate da Tolomeo (I-II sec. d.c.). È l unica delle costellazioni ad essere diisa in due parti: la Testa del Serpente (Serpens Caput) ad oest e la Coda del Serpente (Serpens Cauda) ad est. Tra queste due parti si troa la costellazione di Ofiuco o del Serpentario, colui che porta il Serpente. Nella posizione diametralmente opposta sullo zodiaco ritroiamo sorprendentemente la costellazione del Toro. Ma cosa uol dire tutto questo? Come si accordano queste costellazioni con l uroboros Serpente- Toro? Utilizzando un semplice software planetario è possibile erificare che nella Creta del III e del II Millennio a.c. la prima costellazione che sorge all equinozio di primaera ad oriente, al learsi delle prime stelle al tramonto del sole, è proprio la testa del Serpente e la Corona Borealis. Ma la Corona Borealis non è l unica costellazione che rimanda alla mitologia cretese del labirinto e del Minotauro? Ebbene sì: racconta il mito che Teseo abbandonò Arianna su di una piccola isola mentre era addormentata; da Dionisos enne ridestata dal sonno profondo ed il dio, per consolarla, le donò la corona che riluce in cielo come «Corona di Arianna» 12 o Corona di Borea. Quindi sia Arianna, che il Serpente appartengono ad un contesto astrale, e nella fattispecie equinoziale, unico, raffigurando e rappresentando soprattutto per la popolazione cretese del III e II millennio a.c. la porta equinoziale 13 della ita, quella primaerile, segno nei cieli dell inizio della stagione della rinascita. 12 NdR. Secondo Eratostene ( Epitome dei Catasterismi). 13 NdR. Attualmente, a causa della precessione degli equinozi, la porta equinoziale si troa negli ultimi gradi della costellazione dei Pesci.

11 Ma prima abbiamo rammentato che nell emisfero celeste in posizione diametralmente opposta campeggiano le corna della costellazione del Toro e quindi è eidente che nella Creta dell era del bronzo, durante l equinozio di autunno la prima costellazione ad ascendere al sorgere delle prime stelle, al tramonto del sole, sia proprio il Tauros! Il Toro che sorge, al tramonto del Sole 14, ede iniziare la stagione della caduta delle foglie, dell autunno e dell inerno, della morte apparente e che dee a sua olta morire per poter riedere risorgere il Serpente e la sua Corona Che si troa nella costellazione dell Ofiuco. 15 Alla loro leata eliaca.

12 Non sarà certo un caso che nella descrizione omerica dello scudo di Achille nell Iliade, forgiato dallo metallurgo Efesto, dopo la menzione della riproduzione in esso della terra, del cielo, del sole e della luna (a cui seguono a cerchio tutte le costellazioni zodiacali), i primi gruppi di stelle altre ad essere nominati sono giusto l ammasso aperto delle Pleiadi e delle Iadi (entrambi facenti parte della costellazione del Toro, e soprattutto le Pleiadi 16 che sono le prime ad elearsi ad oriente nella leata eliaca 17, aanti alla salita delle corna del Toro e delle Iadi), Pleiadi menzionate per prime anche nell Odissea (canto V, 273 a proposito della zattera di Ulisse). Ecco il legame tra Toro e Serpente. Ecco perché al sorgere mattutino dell equinozio di primaera ritroeremo di conerso il Toro e al sorgere mattutino dell equinozio d autunno ritroeremo sempre di conerso e in opposizione astronomica il Serpente e la Corona Borealis, la Costellazione del Labirinto. Ecco perché il labirinto è la trasposizione simbolica di un Serpente aolto su se stesso, e Arianna, la Signora oltremodo pura e 16 NdR. Una delle sette stelle si chiama Asterope! 17 NdR. Siamo all equinozio di primaera. Inizia la buona stagione ed il clima è faoreole alla naigazione.

13 oltremodo santa dona il filo d oro a Teseo, simbolo astrale, che a contatto del paimento del labirinto assume la alenza simbolica del Serpente dorato, astrale, indispensabile per uccidere il Toro dalle sembianze per metà di Uomo che si ritroa al centro del molto fuoco o della terra infuocata del percorso notturno della luce astrale. Ecco perché nei misteri di Dionisos e, probabilmente, nella religione cretese il Toro rappresentaa l animale lunare che occorrea sacrificare affinché il mistero della ita potesse nuoamente aere un reinizio. Graf ricorda che Zeus Meilichios (Zeus il mite ) enia festeggiato nella penisola attica nelle festiità delle Diasie il 23 del mese di Antesterione (proprio nel mese di marzo, quindi nel mese della porta equinoziale di primaera) e che tale ricorrenza enia celebrata alle soglie di Atene festeggiando un diino Zeus dalle sembianze di un inusuale immenso serpente 18 (e ciò aenia non solo in Atene ma anche in altre località dell Ellade). E azzardato, allora, forse ipotizzare che il nome del mese attico di Antesterione, anziché deriare classicamente dalla parola anthos (fiore) possa in realtà aere un origine diersa? Vediamo quale. Mutuando il nome proprio da Asterion, il minotauro, preceduto dal suffisso antì (con alore di contro ) a significare proprio colui che lottò contro il minotauro (antì-asterion). Ecco Teseo che, uccidendo la creatura antropofaga teriomorfa, ha permesso al grande serpente-zeus di risorgere su Atene durante l equinozio di primaera. Mitra sacrifica il toro Bassoriliro del Mitreo di Santa Maria (Ce) 18 NdR. Che non potea essere elenoso, perché mite.

14 Altri miti, altre leggende, altre analogie Altre suggestie analogie si possono ritroare ad esempio anche nella religione misterica di Mitra, da ricondurre ad un antico retroterra iranico (enerato colà come nume della luce e come garante di contratti e della erità); tale religione che non aea isibilità pubblica era confinata in un ambito più priato, iniziatico, segreto, con connotazioni esoteriche peculiari (sette gradi iniziatici, con sacrificio simbolico all interno di una grotta, simboli cosmici quale le diinità connesse ai pianeti conosciuti e i dodici segni zodiacali), molto icina come corteo simbolico ai culti misterici iniziatici più moderni (rosacroce, massoneria, martinismo, martinezismo). L uccisione del toro da parte di Mitra aiene in un contesto di simbolismi nictomorfi (i mitrei sono spesso ipogei o ricaati in spazi oe si ricostruisce un ambiente che ricordi una grotta oe la olta è sempre affrescata con stelle e raffigurazioni celesti). In alcuni mitrei di Ostia Antica è possibile osserare, accanto all ara sacrificale, anche raffigurazioni di magnifici serpenti, ad ulteriore conferma che i due animali aeano alenze simboliche interconnesse. Rappresentano indiscutibilmente i ierà di questa religione misterica, magari non perfettamente compresi, ma deriaano da quel simbolismo astrale, che aea nelle porte equinoziali il suo primum moens. Mitra ie una icenda sui generis (con molti punti in comune con la religione cristiana, decisamente più sincretica di quanto si possa comunemente pensare), caratterizzata dalla nascita in una grotta, dalla cattura e dall immolazione del toro primordiale, dalla consumazione della carne (il corpo dell animale) durante il banchetto sacro, a cui partecipa anche il Sol Inictus, e da un iaggio sul carro diino, al termine del quale è accolto proprio dal Leontocefalo, o da un personaggio aolto dalle spire di un grosso serpente. Questo, alla luce delle mie considerazioni, rappresenta, dopo la tauroctonia rituale, dopo il sacrificio del Toro, il simbolo della rinascita del mondo, con il iatico del sorgere del Serpente e della sua Corona. Ma ritorniamo, ora, al concetto di sacrificio, correlato ad eenti astronomici. L accorciamento progressio del giorno, che inizia col solstizio d estate, per culminare nel solstizio d inerno con il giorno più corto che

15 dell anno, ha prodotto nell uomo una era e propria angoscia nel timore che l astro potesse decidere di non ritornare ad essere l attore principale, con la sua diina luce, della rinascita della ita. Esistea, allora, qualcosa che potesse garantire all uomo un ritorno della Luce e della abbondanza delle messi? E stato a causa di questa angosciosa aspettatia del ritorno che nell uomo si è prodotto un collegamento tra sacro e cicli delle terra. Eenti astrali e laoro della terra furono in questo modo collegati da un legame così forte che produssero l esigenza di poter incoraggiare e sostenere, con l aiuto di sacrifici a queste potenti diinità naturali, il regolare funzionamento ciclico delle stagioni. In tal guisa enia scongiurato il mancato ritorno della fertilità attraerso la pratica di doer sacrificare alcunché di questa stessa fertilità che producea messi e benessere. Questo sentimento sacrificale dienne parte integrante, ma lo è anche in epoca contemporanea nelle dierse forme di religione, del sacro connaturato all uomo e di conseguenza alla cultura dei popoli. Il sentimento d incertezza dell angoscioso appressarsi del tenebroso buio e del gelo della stagione della morte generò il mito del Toro e del Minotauro-Asterios, che occorrea sacrificare, e la prospettia soteriologica ciclica del serpente sempiterno e della sua splendida Signora-Corona. Bibliografia Essenziale 1. Daid R Sear, Greek Coins, ol.1 Europe, Seaby, London, SM Stella, Il Disco di Festos in Esonet.it; 865.html 3. Palmer L R, Minoici e Micenei, l antica ciiltà egea dopo la decifrazione della lineare B (Einaudi Ed 1979). 4. W.F. Jackson Knight Vergil and Homer, Agosti, et Al.) 6. Publio Oidio Nasone, Metamorfosi. Cur. Scioletto N. UTET Ed Firmico Materno Giulio, L' errore delle religioni pagane, Cur. Sanzi E. Città Nuoa Ed. (collana Testi patristici) 8. Kerenyi, Dioniso, Adelphi, CG Jung, Psicologia ed Alchimia, Opere, 12, Bollati Boringhieri 10. Igino, Mitologia Astrale, Adelphi Arato di Soli, Phaenomena. 12. Pausania, Viaggio in Grecia, ol 5 BUR Ed., Milano Touchais G, L Egeo prima dei Micenei in I Greci, Storia, Cultura, Arte e Società; Una Storia Greca, Formazione, Einaudi Ed. Torino, Niemeier W-D, Nascita e siluppo del mondo miceneo in op.cit.ibid. 15. Uchitel A, Preistoria del greco e archii di palazzo in op.cit ibid. 16. Graf F., Gli dei greci e i loro santuari in op.cit. ibid. 17. Sanzi E., Il Mitraismo Romano, in Roma Archeologica, I Culti Orientali a Roma, Elio de Rosa Editore, XXI, Roma, 2004.

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

Lo Zodiaco ed i suoi dintorni

Lo Zodiaco ed i suoi dintorni Lo Zodiaco ed i suoi dintorni A cura di Antonio Alfano INAF Osservatorio Astronomico di Palermo Associazione Specula Panormitana Cercheremo di capire insieme cosa è lo Zodiaco e quale significato ha assunto

Dettagli

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad affascinare tutti, soprattutto noi ragazzi. Il cielo è stato pressoché dimenticato per

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Codice Fiscale 94029820183

A.V.D.A. Associazione Vigevanese Divulgazione Astronomica Codice Fiscale 94029820183 Codice Fiscale 94029820183 a Vigevano dal 1996 www.avdavigevano.com CALENDARIO ASTRONOMICO MESE DI GIUGNO 10 Visibilità dei pianeti: MERCURIO: inizialmente il pianeta è ancora visibile al mattino, ma l

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

VENERDI 15 GENNAIO Alla scoperta del Grande Cacciatore Orione. DOMENICA 7 FEBBRAIO Osservazione solare. VENERDI 19 FEBBRAIO Il ruggito del Leone

VENERDI 15 GENNAIO Alla scoperta del Grande Cacciatore Orione. DOMENICA 7 FEBBRAIO Osservazione solare. VENERDI 19 FEBBRAIO Il ruggito del Leone 2016 VENERDI 15 GENNAIO Alla scoperta del Grande Cacciatore Orione Iniziamo l anno nuovo andando a scoprire il Grande Cacciatore, ossia la costellazione di Orione con tutte le sue meravigliose nebulose,

Dettagli

Osserva e scopri! Vi sono insenature naturali. Creta. Osservala attentamente e rispondi

Osserva e scopri! Vi sono insenature naturali. Creta. Osservala attentamente e rispondi I Cretesi L ambiente Vi sono insenature naturali. Osserva e scopri! Questa fotografia mostra l isola di Creta. Osservala attentamente e rispondi alle domande. Com è il territorio? Secondo te, c è la possibilità

Dettagli

Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6

Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6 Schiassi 20120127_Arte cretese, Pagina 1 di 6 CIVILTà CRETESE RIASSUNTO DELLA LEZIONE TIPO TWEET Twitter is an online social networking and microblogging service that enables its users to send and read

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

PLS. CAMERINO 16 febbraio 2011 - Angelo Angeletti

PLS. CAMERINO 16 febbraio 2011 - Angelo Angeletti PLS CAMERINO 16 febbraio 2011 - Angelo Angeletti Le costellazioni sono dei gruppi di stelle che, proiettate in una stessa zona della volta celeste, danno luogo a delle figure alle quali quasi tutti i popoli

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD. STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO

SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD. STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO SCUOLA BOTTEGA S. POLO A. s. 2014 /2015 CLASSE 1CD STORIA E GEOGRAFIA (Prof.ssa Manuela Magurno) RECUPERO /POTENZIAMENTO ESTIVO Civiltà minoica e micenea Quale civiltà si sviluppò nell isola di Creta?

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Riuscire a leggere il cielo notturno

Riuscire a leggere il cielo notturno Stella Polare - Il cielo del trimestre Il cielo autunnale: gennaio, febbraio e marzo 2011 di Vittorio Napoli (astronomiavisuale@infinito.it) Stella Polare Riuscire a leggere il cielo notturno vuol dire

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

TITOLO : La civiltà cretese e micenea

TITOLO : La civiltà cretese e micenea 1E 120112_Tomasi_Laciviltàcretesemicenea, Pagina 1 di 7 TITOLO : La civiltà cretese e micenea L isola di Creta e la sua posizione centrale nel Mediterraneo Arthur Evans Arthur Evans mentre analizza un

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso

Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso 3. I tempi del viaggio di Dante Dante vuole espressamente che al suo viaggio, un esperienza reale e concreta (come per es. nella Bibbia il passaggio

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario.

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario. IL Rosario Cose da fare: Pregare il Rosario, 5 decadi del Rosario stasera con la vostra famiglia. Continuare questa pratica attraverso ottobre, il mese che è specialmente dedicato al Rosario. Leggere le

Dettagli

la civiltà cretesesi sviluppa sull isola di Creta: terra fertile e al centro delle vie commerciali per mare

la civiltà cretesesi sviluppa sull isola di Creta: terra fertile e al centro delle vie commerciali per mare I popoli dell Egeo Guaraldi, Ismail, Nicolini, Petràz, Rivieccio 1 A LSSA INDICE I Minoici : I Micenei : Collocazione geografica Economia Il mito del Minotauro Periodo palaziale (2000-1100 A.C) La cultura

Dettagli

La prima civiltà: Minoica (o cretese)

La prima civiltà: Minoica (o cretese) La Grecia Antica La prima civiltà: Minoica (o cretese) VII millennio a.c. IV millennio a. C. Creta è abitata da popolazione autoctona che vive di caccia, pesca, agricoltura. Popoli provenienti dalle coste

Dettagli

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese

PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese DIMENSIONE CULTURA. Associazione culturale PARTIAMO DA OMERO! viaggio fra Musei Archivi e Biblioteche alla scoperta della storia del portogruarese PROGETTO DI DIDATTICA BIBLIOTECARIA E MUSEALE PER LE SCUOLE

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di

Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di Comune di Pecetto di Valenza Didascalie Strumenti del Parco Astronomico sulla Rocca di Pecetto di Valenza Progetto, rilevamenti e calcoli di: Luigi Torlai esperto di gnomonica e costruttore di meridiane.

Dettagli

Sguardi sull invisibile

Sguardi sull invisibile CATERINA PICCINI DA PONTE Sguardi sull invisibile Icone e incisioni presentazione del Patriarca Emerito card. Marco Cè meditazioni sulle icone di Giorgio Maschio fotografie di Francesco Barasciutti Marcianum

Dettagli

I GRECI DELLA MAGNA GRAECIA

I GRECI DELLA MAGNA GRAECIA I GRECI DELLA MAGNA GRAECIA TESTO SEMPLIFICATO PER STUDENTI NON ITALOFONI A CURA DI BATTAGLIA GRAZIA ETHEL 1 INDICAZIONI PER L INSEGNANTE: TESTO SEMPLIFICATO: PER STUDENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA (V ELEMENTARE)

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

1.6 Che cosa vede l astronomo

1.6 Che cosa vede l astronomo 1.6 Che cosa vede l astronomo Stelle in rotazione Nel corso della notte, la Sfera celeste sembra ruotare attorno a noi. Soltanto un punto detto Polo nord celeste resta fermo; esso si trova vicino a una

Dettagli

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria La prima immagine che si vede, entrando nel nostro sito web, è quella di Maria dipinta da Giotto nella volta della Cappella degli Scrovegni. La pagina

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

ORIENTARSI sulla TERRA

ORIENTARSI sulla TERRA ORIENTARSI sulla TERRA significato del termine orientarsi : il termine orientarsi indica letteralmente la capacità di individuare l oriente e fa quindi riferimento alla possibilità di localizzare i quattro

Dettagli

Corso di Strumentazione e Misure Elettriche

Corso di Strumentazione e Misure Elettriche Uniersità degli Studi di Palermo Facoltà di ngegneria Corso di Laurea in ngegneria Elettrica Corso di Strumentazione e Misure Elettriche Misure su circuiti a regime - sezione di misura Problema: misura

Dettagli

INTRODUZIONE S T O R I A D E L P E N S I E R O F I L O S O F I C O. Copyright 2008, 2015 Stefano Martini

INTRODUZIONE S T O R I A D E L P E N S I E R O F I L O S O F I C O. Copyright 2008, 2015 Stefano Martini S T O R I A D E L P E N S I E R O F I L O S O F I C O Secondo il filosofo Karl Jaspers, tra i secoli VIII e VI arco di tempo chiamato età assiale avviene un grande risveglio culturale in diverse parti

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. martedì 6 maggio 2008 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio

Državni izpitni center LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA. martedì 6 maggio 2008 / 60 minuti. VERIFICA DELLE COMPETENZE alla fine del secondo triennio C o d i c e d e l l' a l u n n o: Državni izpitni center *N08111121* SESSIONE ORDINARIA LINGUA ITALIANA PROVA SCRITTA martedì 6 maggio 2008 / 60 minuti All'alunno è consentito l'uso della penna stilografica

Dettagli

PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PERCORSO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano annuale I.R.C. -------- * ------- pag. 2 Nelle Indicazioni per il curricolo nel campo di esperienza il

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07

ILIADE. Prof.ssa Marcella Costato IC Cornate d Adda a.s.2006/07 ILIADE 1 PERSONAGGI DELL ILIADE I PERSONAGGI DELL ILIADE SONO UOMINI E DEI, ABITANTI DELLA GRECIA E DI TROIA. GLI UOMINI, SONO ECCEZIONALI E HANNO QUALITA FUORI DAL COMUNE. ESSI SONO GUERRIERI VALOROSI

Dettagli

LA VITA VERA E AUTENTICA È AL CENTRO

LA VITA VERA E AUTENTICA È AL CENTRO Giovanni Bertanza LA VITA VERA E AUTENTICA È AL CENTRO Luoghi e ritmi sacri per il Sé-ntire nel quotidiano Giovanni Bertanza, La vita vera e autentica è al centro Copyright 2013 Edizioni del Faro Gruppo

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

VA. Vettori applicati

VA. Vettori applicati VA. Vettori applicati I ettori, considerati da un punto di ista matematico, engono tutti riferiti all origine degli assi, in quanto si considerano equialenti tutti i segmenti orientati di uguale direzione,

Dettagli

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat NOVENA DI NATALE I testi liturgici che preparano alla Solennità del Natale del Signore sono densi di una ricchezza notevole. La tradizionale Novena di Natale sorge proprio per colmare la difficoltà dei

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

UN ALFABETO MISTERIOSO

UN ALFABETO MISTERIOSO UN ALFABETO MISTERIOSO Oggi in classe i bambini hanno trovato una strana iscrizione sulla lavagna: Mattia, il più studioso, riconosce subito i simboli della scrittura utilizzata nell antico Egitto: il

Dettagli

IL CALENDARIO CELESTE DEGLI ANTICHI

IL CALENDARIO CELESTE DEGLI ANTICHI Libri pubblicati in Russia nel 2011 T.V. Fomenko, A. T. Fomenko, G.V. IL CALENDARIO CELESTE DEGLI ANTICHI Gli zodiaci egiziani. La storia dei secoli di mezzo sulla carta del cielo. L astronomia cinese.

Dettagli

La vera storia di Betlemme I bambini a Betlemme I grandi a Betlemme

La vera storia di Betlemme I bambini a Betlemme I grandi a Betlemme 7 Indice I. La vera storia di Betlemme Premessa 11 1. Il figlio del dolore 15 2. La dolcezza di Betlemme 21 3. Samuele a Betlemme 43 4. L acqua del pozzo di Betlemme 51 5. Michea 61 6. Il figlio della

Dettagli

strumenti I colori: tra antropologia, psicologia, arte e semplificazioni varie

strumenti I colori: tra antropologia, psicologia, arte e semplificazioni varie I colori: tra antropologia, psicologia, arte e semplificazioni varie Letta su internet: domanda, urgente e disperata ho l'anello che cambia colore a seconda dell'umore ma ho perso la tabella!!! Risposta

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA ßIndice del volume AVVIO ALLO STUDIO DELLA STORIA I L l metodo della ricerca storica 2 1 Differenza tra Storia e Preistoria 2 2 Cronologia e periodizzazione 4 a classificazione delle fonti e la Storiografia

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

Gioachino Chiarini RIFLESSIONI SULLA DANZA DEL LABIRINTO

Gioachino Chiarini RIFLESSIONI SULLA DANZA DEL LABIRINTO Gioachino Chiarini RIFLESSIONI SULLA DANZA DEL LABIRINTO Nel canto XVIII dell Iliade si canta la massima impresa artistica del dio Efesto: la fabbricazione di nuove armi per Achille, dopo che Patroclo

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

Le Stelle un laboratorio per più discipline

Le Stelle un laboratorio per più discipline Le Stelle un laboratorio per più discipline Immacolata Ercolino Liceo Scientifico Statale "Piero Calamandrei" Napoli Smartphone e tablet per l insegnamento delle scienze 11-12 Settembre 2015, Città della

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

NIBIRU Di Pablo Ayo Di Pablo Ayo

NIBIRU Di Pablo Ayo Di Pablo Ayo NIBIRU NUOVE TEORIE Di Di Pablo Pablo Ayo Ayo Anni fa Zecharia Sitchin, filologo, linguista e archeologo, diede una sua interpretazione di alcune antiche tavolette sumere. Secondo Sitchin, gli dèi di NIBIRU,

Dettagli

È IL PESCE UN SIMBOLO CRISTIANO O ROMANO?

È IL PESCE UN SIMBOLO CRISTIANO O ROMANO? È IL PESCE UN SIMBOLO CRISTIANO O ROMANO? "Poiché dunque non vedeste alcuna figura il giorno in cui l Eterno vi parlò in Horeb dal m ezzo del Fuoco, vegliate diligentem ente sulle anim e vostre,perché

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Il sacro. Percorso 2. Il sacro. Statue di divinità femminili ritrovate a Creta: la religione greca arcaica onorava la Grande Madre.

Il sacro. Percorso 2. Il sacro. Statue di divinità femminili ritrovate a Creta: la religione greca arcaica onorava la Grande Madre. Percorso 2 Il sacro Il sacro In Grecia, come in molte altre civiltà antiche, il mito originariamente rappresenta l interpretazione della realtà. Nella coscienza del primitivo, la terra, che produce gli

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

COM È FATTA UNA MERIDIANA

COM È FATTA UNA MERIDIANA COM È FATTA UNA MERIDIANA L orologio solare a cui noi comunemente diamo il nome di meridiana, in realtà dovrebbe essere chiamato quadrante; infatti è così che si definisce il piano su cui si disegnano

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

Agli albori della civiltà greca (III II millennio a.c.) Le Cicladi e Creta

Agli albori della civiltà greca (III II millennio a.c.) Le Cicladi e Creta Agli albori della civiltà greca (III II millennio a.c.) Le Cicladi e Creta La civiltà cicladica si sviluppò nel corso del III millennio a.c. nell arcipelago delle Cicladi, circa 220 isole disposte in cerchio

Dettagli

Le carte Ti aiutano a collocare meglio nello spazio e nel tempo gli eventi trattati.

Le carte Ti aiutano a collocare meglio nello spazio e nel tempo gli eventi trattati. per studiare L approccio narrativo ai fatti del passato e la riflessione guidata sui temi e problemi della storia che caratterizzano Correva l anno ti offrono un avvicinamento critico alla storia politico-istituzionale

Dettagli

PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini

PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini LO SGUARDO SUL COSMO DEL PLANETARIO DI ROMA Comunicato stampa PROGRAMMA STELLE DI NATALE Dal 26 dicembre 2011 all 8 gennaio 2012 straordinari spettacoli e speciali appuntamenti dedicati ai bambini Roma,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

DELLA SCUOLA DEL SABATO CRISI IN CIELO 1 TRIMESTRE 2016

DELLA SCUOLA DEL SABATO CRISI IN CIELO 1 TRIMESTRE 2016 LEZIONE 1 DELLA SCUOLA DEL SABATO CRISI IN CIELO 1 TRIMESTRE 2016 SABATO 2 GENNAIO 2016 Durante questo trimestre studieremo i risultati della ribellione di Satana, e come fu contrastata dal piano divino

Dettagli

IMPARO A... ...collocare nel tempo

IMPARO A... ...collocare nel tempo AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 17 AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 1 IMPARO A......collocare nel tempo ordine cronologico Immagina che il tuo album di fotografie sia caduto a terra e che le foto

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli