II PERIEGESI. Attica e Beozia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II PERIEGESI. Attica e Beozia"

Transcript

1 II PERIEGESI Attica e Beozia 3 Settembre 2002, martedì Il ritrovo è a Roma, a Fiumicino, di mattina. Dei periegeti del primo viaggio quest anno manca Mauro Moggi e sarà molto rimpianto. Mancano anche Michele Moggi, Nicoletta Gosio, Moreno e Sara. Ci sono però nuovi viaggiatori che poi diventeranno dei punti di riferimento per gli anni a venire: c è un altra Nicoletta (Onesti), germanista a Siena e con lei compare anche Maria Rita Digilo. Nicoletta diventerà una presenza quasi costante nei viaggi a seguire, Maria Rita scomparirà quasi senza lasciar traccia di sé. Ci sono anche Franco Savelli e Teresa Napoli che diventeranno presenze assidue. Abbiamo con noi anche Sandro Biotti, che sostituisce il nostro grecista Lifodi. Sandro non verrà più nei nostri viaggi, ma resterà sempre in contatto con noi, in particolare per parteciparci delle sue notevoli messe in scena dei tre grandi tragici del quinto secolo. Siamo in tutto 13 : Riccardo, Massimo Osanna, chi scrive (Primo), Plinio, Teresa, Franco, Sara, Monica, Nicoletta Onesti, Maria Rita Digilo, Paolo Zanieri, Sandro Biotti e Rosalba. In realtà siamo molti di più: Osanna si è portato dietro i suoi studenti della scuola di specializzazione in archeologia. Un gruppo nutrito, in tutto una trentina di persone, con pochi uomini e molte donne. Subito battezzate come il gruppo delle fanciulle in fiore. Effettivamente ce ne sono alcune proprio belle. Sono tutti gentili, ma i due gruppi non si amalgameranno mai. Purtroppo! Forse la differenza d età, il diverso rapporto con Osanna: per noi amico accompagnatore, per loro maestro. Forse la diversità di abitudini. Ad esempio noi amiamo mangiare con comodo e conversare a tutto campo. Loro spesso si accontentano di panini e conducono la conversazione su temi altri rispetto a quelli antichistici. Noi siamo dei dilettanti, loro aspirano ad essere dei professionisti archeologi. Certe nostre scivolate sul mitologico, sull antropologico, sul letterario, non le amano più di tanto. Forse si sentono anche un po snobbati, forse non ci sanno neanche ben inquadrare. Sembriamo turisti, ma di mondo antico ne sappiamo quanto loro, talvolta di più. Facciamo altri lavori, ma siamo interessati alle loro cose forse più di loro. Diciamo che complessivamente i due gruppi convivono senza troppo mischiarsi. Appena arrivati al Venezilos puntiamo subito su Atene. Un bus di linea ci porta in piazza Syntagma e da lì prendiamo dei taxi che ci portano all Hotel Plaza vicino a Piazza della Vittoria e al Museo Archeologico Nazionale. Il prezzo è decisamente esoso. Il nostro albergo (Hotel Plaza) è in una posizione un po eccentrica rispetto alle nostri sedi consuete sempre volte a stare il più vicino possibile ai luoghi che vogliamo visitare. E in Acharnon, vicino al Museo archeologico, ma ancora di più è capace di evocare i luoghi in cui si svolgono Gli Acarnesi.

2 Già nel primo pomeriggio partiamo in metropolitana verso l acropoli. La guida è di Osanna: guida ferrea e determinata. La prima tappa è alla stazione Acropolis della metropolitana, ancora parzialmente in costruzione, ma già allestita a museo con, ben in evidenza, le trouvailles effettuate in loco grazie agli scavi. Da lì ci dirigiamo verso la collina delle Muse. Abbiamo il lato Sud Ovest dell Acropoli di fronte e Osanna ci traccia un panorama storico dell insediamento. Pone l attenzione in particolare sulla grande scalinata costruita in età giulio claudia, ci parla di Mnesicles e dei Propilei e di tutti i culti che insistevano sul lato Ovest dell acropoli. Ci indica le mura micenee, il pelasgicon... Mentre ci avviciniamo al monumento a Filopappo comincia a piovere ed è una pioggia battente che non accenna a diminuire. Ognuno cerca riparo come può. Si cerca ancora di riprendere il filo del discorso, di parlare delle mura di Temistocle, delle grandi mura che portavano al Pireo, ma non va. La compagnia si sgrana, ognuno cerca una sistemazione di fortuna. Qualcuno anche in quella che è detta la prigione di Socrate. Molti riparano in albergo e poi da lì si recheranno a cena in un ristorante vicino. Altri mangiano e bevono ad un ristorante all inizio della via Apostolou Paoulu. Ci ritroviamo tutti (ma a tarda ora) sulla terrazza dell Hotel Plaza da cui sui gode una magnifica vista sull acropoli illuminata. 4 Settembre Mercoledì Al Plaza la colazione è molto ricca, lo yogurt è ottimo. Intorno a noi il cicaleggio delle fanciulle in fiore. Plinio e Franco si sono già riconosciuti e cominciano a duettare: sarà una costante toscana di molti viaggi in Grecia e anche in Sicilia. Oggi e domani saranno giorni dedicati ad Atene. Oggi visiteremo l acropoli e le sue pendici, poi il Museo Archeologico Nazionale. Domani sarà la volta delle agorà. Di nuovo ci fermiamo alla stazione della metro Acropolis, ancora per vedere il museo in loco. Veramente bravi questi greci nel saper valorizzare i rinvenimenti antichi nel corso dei lavori della metro. Avremo modo di vederne anche altri esempi, ad esempio alla stazione di Monastiraki dove è stato rinvenuto e valorizzato l antico percorso dell Ilisso. Poi saliamo all acropoli. Si prendono prima di tutto in esame i culti che insistono sull area ovest delle pendici. Per l esattezza: - L aeropago; - Il cimitero miceneo; - Il culto eroico di Egeo (con la rupe da cui aveva fatto il famoso catapontismos ) ed Epiblate; - Il culto di Afrodite Pandemos, con una traduzione gustosissima di Plinio del termine pandemos (lett: di tutto il popolo e cioè, in pliniano: che la dà a tutti ); - Il culto della fertilità con gli altari di Demetra Cloe ( la verdeggiante ) e kourotropos ( nutrice di fanciulli ); - Il culto di Hermes, divinità del passaggio. E non poteva non essere dal momento che, proprio dal lato ovest, insisteva l acceso più semplice alla sommità;

3 - Il culto delle Cariti. Ci soffermiamo al c.d. pilastro di Eumene II di Pergamo, parliamo della quadriga di Eumene, del riutilizzo da parte di Agrippa. Un breve accenno alla porta Boulé. Grande attenzione viene portata ai propilei di Mnesicle. Ne ripercorriamo la storia. Pausania alla mano cerchiamo di ricostruire le statue che ornavano i Propilei: - La Afrodite Sosandra, lett. : che salva gli uomini ; - La statua di Alenia, cortigiana amata da Aristogìtone, che si fa strappare la lingua piuttosto che rivelare il complotto; - Il diitrefes il soldato colpito da frecce (Pausania) diremo noi un San Sebastiano ante litteram. E chissà se i cristiani non si siano ispirati proprio da qui ; - Poi la statua di Athena Lemnia, donata dagli abitanti di Lemnno, dai coloni ateniesi di Lemno; - E anche la statua di Athena Igea, che in età romana venne assimilata e onorata come Livia, la moglie di Augusto; - Ma da qui si doveva vedere la potente statua di Athena Promachos, di Fidia, bronzea, alta oltre 9 metri, che, con il suo cimiero luccicante, era visibile ai naviganti già dal golfo del Pireo. Si arriva dunque sulla spianata dell Acropoli. Si cerca di definirne le costruzioni più antiche. L ampio palazzo di Eretteo in primis. E, di fronte, l ara e il primo tempio di Athena Polias. Sul tempio di Athena Polias Osanna terrà una lezione magistrale alla Università di Siena nell Inverno a venire. Molti di noi ci saranno. Si parla delle vicissitudine del tempio della Polias, di ciò che resta. In particolare dei frontoni del tempio di Athena Polias (ora al museo dell Acropoli) fatti in epoca pisistratidea. Si visita con accuratezza l altro tempio di Athena, quello dedicato al figlio Eretteo. E l occasione per una escursione sui primi re mitici di Atene. Si inizia dal mito della nascita di Erittonio. A Riccardo viene lasciata l elucidazione dell episodio mitico dell amore di Efesto per Athena. Si dilunga in particolari assai sapidi (lo sperma di Efesto, le ginocchia della dea dagli occhi scintillanti ) su cui si appunta l arguzia di Plinio. Grande digressione anche sul kasmages, il mito dello sprofondamento di Erittonio, ma anche di tanti altri eroi greci e comunque antichi. Pensiamo anche allo stesso Romolo. Sul luogo dello sprofondamento di Erittonio sarebbe poi stato costruito proprio l Eretteo. Si continua con il mito e la genealogia dei re di Atene: le figlie di Eretteo. Il problema della cista con gli oggetti sacri ad Atena diventa il tema di un intenso dibattito. In cosa consistevano, cosa erano, perché venivano nascosti. Il luogo ci dà l occasione per parlare anche della casa delle Arrefore (da ta arretà : le cose nascoste) e delle casa delle Ergastine (le giovani ateniesi che vi venivano a tessere il peplo di Atena). Nell Eretteo viene onorata Athena, ma anche una Athena ctonia, per un certo tempo deve essere insistito anche un culto oracolare di Athena. E poi di Poseidone, della contesa per il possesso dell Attica. Di una dualità che continua dagli dei ai primi re a cominciare da Eretteo e Bute che si dividono le cariche di re e sacerdote.

4 Si arriva al Partenone e qui è una vero seminario a cielo aperto. Si comincia con Pisistrato e la istituzione delle panatenaiche, istituite nel 563. Per poi passare a parlare non del Partenone, ma dei Partenoni. Dall Ecatonpodon, al Partenone di Temistocle, alla sua distruzione ad opera dei Persiani. Al Partenone di Cimone, per arrivare infine al Partenone di Pericle: da Callicrate a Ictino. Il 449 e la pace di Callia come data in cui, anche formalmente, si decide di ricostruire l acropoli e quindi di venire meno al c.d. giuramento di Platea. Si cercano le tracce di questo confronto (fra Cimone e Pericle) nei segni del manufatto. Per poi passare alla lettura estetica: la particolarità delle colonne, il fregio del naos, le metope, i due frontoni. A cominciare dal frontone est: la nascita di Athena, il carro del sole e della luna. Nell ovest la contesa fra Poseidone ed Atena per il possesso dell Attica, compresa fra i due fiumi: l Ilisso e l Eridano. Con la fantasia ricostruiamo poi l interno del tempio: la cella, la statua crisoelefantina di Atena, la sua difficile gestione e conservazione fin dall antichità. Si visita il Museo dell Acropoli (ancora il vecchio). Il tempo per mangiare qualcosa e poi via a visitare (ormai è pomeriggio) il Museo Archeologico di Atene. Rientriamo in albergo nel tardo pomeriggio. Alcuni cenano lì, altri vanno in centro. Biotti ci porta al Platanos, dove sembra essere giù stato con la Scuola. Sarà la prima di tante cene in un ambiente molto greco pur essendo nel cuore turistico della città: siamo proprio dietro l agora romana, la biblioteca di Adriano e la Torre dei Venti. Ma di questo, lì per lì, non ce ne rendiamo conto, tanto siamo presi dal piacere della convivialità. 5 Settembre 2002 Giovedì Sarà la giornata dedicata alle Agora di Atene: le tante agorà. Osanna è inflessibile: si parte all ora stabilita, chi è in ritardo si arrangia e ci raggiunge quando vuole. Di nuovo una sosta alla fermata Acropolis della metro. Questa volta si discute dell urbanistica ateniese, dello sviluppo della città. Dai primi insediamenti, ancora di epoca micenea sull acropoli, alla necropoli sul lato ovest, agli insediamenti alle pendici del lato nord est: fra la collina dell acropoli e l Ilisso. Qui sarebbe stato il luogo dell arcaia agorà, qui probabilmente anche il primo teatro e un tempio di Teseo: il primo Theseion. Quindi, praticamente, il cuore della città antica sarebbe stato fra l attuale via dei Tripodi, la piazza Lisicrate (che sarà sede di tanti nostri convivi, ma molto dopo) e la porta di Adriano. Lo spostamento dell agorà nella parte ovest sarebbe avvenuto assai tardi, forse addirittura all inizio del VI secolo. A dimostrazione di questa tesi Osanna ci conduce a vedere quelli che secondo lui (e anche altri studiosi) sono i sotterranei del Thesion, ora rinvenuti nei sotterranei di un palazzo privato. La visita non è possibile al comune pubblico e riusciamo ad entrare solo grazie ai suoi buoni uffici.

5 Usciti saliamo fino alla Grotta di Aglauro. Nuova incursione nel mito delle figlie di Cecrope e della sfortunata Aglauro. Riccardo si profonde in tortuose congetture su cosa fossero i famosi arretà contenuti nella cista che Atena affida alle figlie del re. Elucubrazioni anche sul significato della genitura di Atene da Efesto ed Atena. Con naturalmente, nuove proiezioni dell episodio dello sperma di Efesto che continuamente ritorna. A tratti si ha l impressione di entrare in un cinema a luci rosse. Ci distoglie da questo conversare l arrivo alla piazza Diogene e la visita al monumento a Lisicrate. Siamo lungo la via del Tripodi, in cui insistevano i monumenti dedicati ai vincitori degli agoni tragici. Il monumento a Lisicrate è di fine V secolo e una preziosa testimonianza dell iniziale uso del capitello c.d. corinzio, a foglie di acanto che tanta fortuna avrà nel periodo ellenistico e il cui primo uso documentato lo abbiamo trovato nel tempio di Ictino a Basse. E l occasione per un caro ricordo della visita al tempio di Apollo Epicourios dell anno prima. Ma poi riprendiamo il nostro cammino toccando uno dei luoghi più sacri del mondo antico. Visitiamo infatti il teatro e i templi di Dioniso. Forse i primi agoni tragici avvennero nell arcaia agorà, ma ben presto fu qui che si svolsero i sacri riti dedicati a Dioniso. Qui sul lato sud della collina dell acropoli. Il teatro era assai ampio, ma non imponente come quello di Epidauro. Vide rappresentate le prime delle opere di Eschilo, di Sofocle, di Euripide. Vide i loro trionfi e anche quello di altri le cui opere, forse pur pregevoli, non ci sono giunte, incapaci di sopravvivere alle ultime espunzioni dei grammatici alessandrini, alle dimenticanze della nuova religione che pur tanto doveva a Dioniso- Bacco. Ma più ancora alla crisi bizantina del VII secolo, alle lotte iconoclaste, alla tragedia della IV Crociata. Mentre siamo a discutere nell orchestra Biotti ci fa sentire la ricostruzione moderna di un pezzo di musica che cerca di riprodurre l accompagnamento musicale di uno stasimo antico. Ho perso la memoria di cosa fosse, ma i commenti sono stati tutti volti alla sgradevolezza della sensazione musicale. Da qui parte una digressione sulla musica antica, sulla sua tonalità diversa, e quindi su un discorso musicale che male si presta ad essere percepito da orecchie moderne. Sopra la cavea è ben visibile la Grotta di Trasillo, non visitabile al momento e dedicato al terribile mito di Niobe. Segue la visita all edificio che per un certo tempo accolse il serpente dell Asclepeion, monumento tardo avvenuto durante le fasi finali della guerra del Peloponneso. Sofocle sembra aver tenuto il serpente sacro proprio nella sua abitazione: non era un privilegio da poco. Proseguiamo col cercare di ricostruire le strutture del santuario di Themis. Osanna è un profluvio di cose, di nozioni, di dati. Passiamo di fronte al teatro di Erode Attico, con lunga digressione sulla figura dell illustre ateniese-romano. Osanna fa riferimento agli scavi della sua villa nella Penisola del Parnone che visiteremo nel corso della V Periegesi. Siamo ora sul lato nord-ovest dell acropoli. Si parla delle fonti di acqua dolce che dovevano rifornire la città micenea e che forse furono il motivo principale per cui questo scoglio, destinato a diventare così importante, venne scelto dai primi insediamenti umani. Si parla dell accesso nord alla città micenea e del palazzo fortezza che ne doveva vigilare l accesso.

6 Pranziamo in un ristorante vicino al Museo Kannellopoulos. Poi si riparte (è ormai pomeriggio) per la visita delle nuove agorà. Si parla della Stoà di Attalo, ricostruita ex novo dagli americani, e che ora ospita il Museo dell Agorà. Poi della Stoà di Mezzo e della Stoà di Zeus. Si percorre la via panatenaica e si inizia la via sacra verso Eleusi, dove andremo domani. Ci soffermiamo di fronte alle povere vestigia dell altare dei dodici, distrutto dalla metropolitana per il Pireo. Era la prima sosta della sacra Pompè che tante volte Riccardo cercherà di ripercorrere. Poi visitiamo il tempio di Athena ed Efesto, più noto come Thesion. E il tempio di Apollo Patroon. E il Bouleterion. Alla fine della giornata non c è stata pietra che non sia stata nominata, accarezzata, ricordata, segnata con mille rimandi. 6 Settembre venerdì Stamani ci aspetta il pullman e si parte per Eleusi. Durante il viaggio Riccardo legge con molta partecipazione l Inno omerico a Demetra. Visita accurata del santuario con la guida di Osanna. Poi si visita il Museo. Dissertazione sulla ceramica greca di fronte all Hydria con Polifemo e Odisseo. Si pranza sul mare, di fronte a Salamina. Plinio cita a lungo lo scritto di Cesare Brandi sulla Grecia. Ora è la volta dell articolo su Le ciminiere di Eleusi. Nel pomeriggio si torna ad Atene di buon ora. Si cena ancora al Platanos 7 Settembre Sabato Anche stamattina ci aspetta il pullman. Partiamo con un po di ritardo ed Osanna è molto spazientito. Ci dirigiamo verso Il Pireo. Visitiamo in primis il Museo Archeologico che non ha niente che invidiare ad altri musei di Atene. Ricchissimo di materiale ceramico, di tombe, anche ricostruite. Segue poi il giro dell Aktà, il grande promontorio che divide i due approdi del Pireo. E l occasione per una dottissima riflessione condotta da Osanna sui porti di Atene, sulle scelte di Temistocle, sullo sviluppo del nuovo porto, sulla strada che lo collegava ad Atene. Si osserva la collina di Mounichia dove sorgeva un palazzo di Ippia ed un tempio di Artemide. Divinità molto cara ai Pisistratidi che erano originari di Brauron.

7 Si prosegue per il tempio di Apollo Soter a Voulagmeni. Il tempio è stato inglobato in un grande albergo. Per visitarlo dobbiamo chiedere il permesso che ci viene gentilmente concesso. Triste spettacolo di un tempio antico, così importante ridotto a miseri lacerti e poi inglobato e marginalizzati all interno di una struttura turistica che lo vive come una seccatura ( Ah lo potessimo livellare ). Si percorre tutta la costa che porta a Sounio. Osanna vorrebbe farci vedere anche le cave del Laurion, ma il nostro autista è veramente un problema (non conosce le strade, non si sa orientare ) ed è un pericolo (non si fa consigliare, parla solo greco ). Dopo vari tentativi infruttuosi ci consoliamo con una buona taverna sul mare. Assai costosa, cosa che crea qualche malumore fra le Fanciulle in fiore. Si prosegue per Sounion. Visitiamo il tempio di Athena e di Frontis, si cercano le vestigia del porto antico. Infine siamo al tempio di Poseidone dove aspettiamo il tramonto. Ripartiamo per Thoricos dove ci aspetta un albergo assai modesto con luci flebili. La notte il tempo cambia ed arriva un temporale di fine estate che rovescia fiumi di acqua sulla costa. 8 Settembre Domenica Al mattino fa fresco, ma l aria si è fatta diafana dopo la notte di temporali. Modesta colazione, in un albergo modesto nel più tipo stile D Amico. Andiamo a visitare in primo luogo l acropoli di Toricos, poi le tombe micenee. Poi il teatro di Thoricos con il sacello con colonne in antis che si affaccia sullo stesso. Naturalmente dedicato a Dioniso. Secondo il mito Demetra sarebbe approdata qui, provenendo da Creta. Forse riferimento a un primo insediamento di epoca addirittura minoica, da parte dei cretesi interessati alle vicine cave argentifere del Laurion. E l occasione per una dottissima dissertazione sulle origini del teatro, i rapporti con Creta, il mito di Dioniso. Osanna tiene lezione, ma anche Sandro Biotti dà importanti contributi. Si riparte a mattino avanzato per Brauron, dove visitiamo il santuario di Artemide Brauronia. Qui venivano a fare le orsette le giovani fanciulle della migliore società ateniese. Il luogo è tipicamente artemideo: una palude selvaggia, formata dall Erasinos il torrente che qui si impaluda prima di gettarsi nel mare. Ci sono i suggestivi resti del santuario, la stoà, l estiatorium e un grande fico dei cui frutti Franco farà razzia. Sarà l inizio di una attitudine che verrà sovente ripetuta anche negli anni a seguire. Molto apprezzata anche perché l ora si è fatta tarda e non abbiamo ancora mangiato. Anche le fanciulle in fiore si mostrano interessate alla raccolta di Franco. E l occasione per una valutazione accurata. Le passiamo in rassegna una ad una, man mano che si avvicinano ai fichi. Ne segue un confronto, una discussione somatoestesica molto accanita fra me Franco e Plinio. Anche questo avrà molte altre ripetizioni negli anni a seguire. Osanna macina informazioni e impegni di viaggio in modo inflessibile. Dopo un breve relax si riparte alla volta di Maratona. Il gruppo vuol mangiare. Riccardo cerca la solita taverna sul

8 mare, con le tovaglie a quadri.. Pranziamo gradevolmente sul mare di Maratona. E il ristorante Limenaki in cui ritorneremo anche nel 2010, in Inverno con un drappello di periegeti scelti, in pieno Gennaio. Poi visitiamo il tumulo degli ateniesi e dei plateesi. Segue la visita all interessantissimo museo locale con moltissimi reperti anche di origine neolitica: una vera e propria chicca. Nelle vicinanze una villa di Erode Attico, i cui ruderi ci proponiamo di visitare un altra volta. Si discute della battaglia di Maratona, del suo valore. Plinio parla di Eschilo e del fratello Cinegiro che qui troverà la morte. Biotti tende a ridurre l importanza storica della battaglia, suggerendo l idea che si sia trattato di poco più che una scaramuccia. Osanna taglia la testa al toro obbligando a ripartire alla volta di Ramnunte. Il nostro autista è una vera frana: non sa dove sia, non sa leggere la cartina. Mi rendo conto di orientarmi meglio io di lui e cerco di guidarlo: non è cosa facile. Ma con un po di peripezie arriviamo alla mèta. In un paesaggio di grande suggestione visitiamo il tempio di Themi (arcaico) e di Nemesis. (classico). In lontananza verso il mare vediamo ciò che resta di una città micenea. Osanna ci avverte che vi sono incorso interessantissmi scavi, ma al momento non aperti al pubblico. Si sta facendo sera. Ripartiamo alla volta di Skala Europos, il porto dell Europos. Dove ci aspetta l Hotel Alkionis. Arrivarci non è facile, il nostro autista ci fa fare una grossa divagazione sulle montagne della Beozia. Osanna ci fornisce dati storici su questa zana a lungo contesa fra Atene e Tebe. L Hotel Halkionis è di fronte al mare, di là si vede l Eubea. E un albergo sgangheratissimo che fa rimpiangere quello di Torikos. Ce ne lamenteremo con D amico che preso atto con rincrescimento del problema ci farà iniziare il viaggio seguente (la terza periegesi) proprio da questo stesso albergo. Si cena ad una trattoria su mare. Alla fine della cena attacca a piovere. 9 Settembre Lunedì Il mattino ha l aria fresca e una luce accecante. L ambiente della colazione è misero, illuminato dalla luce del mare e dal turbinio delle fanciulle in fiore. Ci dirigiamo al Santuario di Anfiarao che è nell entroterra non molto distante da Skala Europos. E lunedì e lo troviamo chiuso. Le reti alte, forse anche la presenza di un custode ci impediscono di fare quello che è nostro solito. Cerchiamo di farci un idea del sito dall alto. Si parla del santuario e del mito di Anphiarao, dei sette contro Tebe. Delle parole di Eschilo che lo dipinge fra le truppe che vanno all assalto di Tebe. Parole alte e toccanti: mentre tutti gli altri hanno scudi

9 dalle decorazioni elaborate che cercano di suggerire idee sulla loro grandezza e nobiltà, Anfiarao lo ha levigato perché per lui è più importante essere che apparire (Plinio).. Reggeva uno scudo di bronzo tondo e senza alcune insegna: perché non vuole sembrare prode, ma esserlo (Eschilo: I sette contro Tebe) Si discute molto di Anfiarao, dei suoi rapporti con Tidèo, di come ne provocasse indirettamente la morte. Di come venga descritto da Eschilo. Meglio : di come venga scolpito nella sua invettiva contro Tideo e Polinice che l avevano, complice la moglie Erifile, costretto a una guerra che non voleva e di cui, da buon profeta sapeva il triste esito. Del sesto eroe ora dirò: tutto saggezza, profeta di sommo valore, Anfiarào, è schierato alle porte Omolèe. Scaglia aspre ingiurie contro Tideo: lo chiama omicida, sconvolgitore della città, maestro supremo di sciagure in Argo, araldo delle Erinni, sacerdote dello sterminio, autore del malvagio consiglio che mosse Adrasto. Alzando gli occhi al cielo, biasima anche Polinice, tuo fratello, smembrando in due parti il suo nome; e tali parole gli escono dalle labbra: «Oh che bella impresa, gradita agli Dei e bella da udire, e da narrare ai posteri: mettere a sacco la città natale, e gli dei della Patria, e sopra di lei scagliare un'orda straniera! E chi potrà inaridire con buon diritto la fonte della madre? La terra patria presa a forza con le lance, come speri di averla poi amica? Io queste zolle ingrasserò: andrò nascosto sotto la terra ostile

10 io, il profeta. Ora si combatta: io spero che il mio destino non sia senza onore». Secondo il mito infatti Anfiarao provocò la morte di Tideo, alleato nell'esercito ma suo nemico, perché lo aveva condannato alla rovina. Si dice, infatti, che grazie alla sua arte profetica Anfiarao sapesse che la spedizione dei Sette sarebbe finita in un disastro. Così respinse l'offerta del cognato Adrasto di partecipare alla spedizione; ma in altri tempi aveva giurato che qualora fosse stato in disaccordo con Adrasto, sua moglie Erifile avrebbe fatto da arbitro inappellabile. E Tideo convinse Polinice a corrompere Erifile con la Collana di Armonia. Così Anfiarao fu costretto ad andare in guerra. Quando la rovina dei Sette apparve inevitabile, Anfiarao vide che Tideo era stato colpito a morte da Melanippo; ma Atena, che proteggeva Tideo come avrebbe protetto Diomede, di lui figlio, accorse: portava all'eroe una pozione che lo avrebbe salvato. Anfiarao non potè sopportare che Tideo vivesse, e si lanciò su Melanippo: lo decapitò e lanciò il cranio a Tideo. Questi ne divorò il cervello, e Atena si disgustò, abbandonando Tideo alla morte. Ma il profeta non scampò alla sua sorte: Periclimeno, figlio di Poseidone lo inseguì implacabile. Anfiarao invocò Zeus ed Apollo: la terra si aprì davanti al suo carro. Da allora Anfiarao fu l'immagine che appariva in sogno a chi lo invocava nell'oraclo di Oropos; o forse già fin da quel tempo si trova là dove Dante lo incontrò: all'inferno, nella Quarta Bolgia dell'ottavo Cerchio. Tra gli indovini. Su Anfiarao, profeta e veggente, Riccardo si ripropone con complesse letture esegetiche e mitologiche. Che vengono pesantemente rintuzzate da Osanna. Bisogna dire che lo reprime proprio impedendogli di lanciarsi nei suoi complessi, intrigati, intelligenti, fantasiosi, a volte sgangherati ipotesi sul mondo antico. Ma si rifarà negli anni a venire, Osanna assente. Si riparte alla volta di Tebe dove arriviamo ancora in tempo per visitare il Museo archeologico con una raccolta impressionante di Larnaka micenei (urne di terracotta dipinte usati come bare). Importante materiale proveniente dal Santuario di Apollo Ptoo e da quello dei Cabiri: li visiteremo entrambi al prossimo anno. Ora andiamo alla ricerca di un ristorante, ma sopra tutto Riccardo impone una visita alla Rupe della Sfinge. Lì dove sedeva la fanciulla terribile ora c è un ristorante chiuso. Riusciamo comunque ad entrare. Nonostante l incuria e l abbandono il luogo trasmette un che di sacrale capace di evocare molto dell immanifesto che è continuamente all orizzonte del nostro viaggio. Un immanifesto che Riccardo non cessa mai di indicare, di evocare, di suggerire.

11 Ripartiamo per la fortezza di Eleutherìa. E molto tardi, c è molta fame. Cercando un ristorantino bellino con i tavoli sul mare abbiamo finito per far passare il tempo. Finiamo in una locanda trucida per camionisti al passo di Eleutheria. C è chi si contenta di un panino, chi di un insalata. Alcuni mangiano, di tutto punto, tutto quello che viene da una fumosa ed un untuosissima griglia sistemata proprio sulla strada. Fa tutto molto trash on the road. Mi ricorda Orazio (V Satira) e la sua lurida popina. Anche per digerire (o per dimenticar la fame, per qualcuno) visitiamo la fortezza del IV secolo di Eleuthere. Nello splendore della loro civiltà i greci sono all avanguardia anche nell arte della guerra. Hanno inventato la falange, l hanno sfruttata in tutte le sue potenzialità. E con essa che hanno combattuto al guerra del Peloponneso e questa ha messo in evidenza molte fragilità. Ad esempio per gli ateniesi la inadeguatezza della scelta periclea di trasformare Atene in un isola (con le lunghe mura) abbandonando il territorio. Da qui la determinazione di presidiare l Attica che informerà di sé tutta la politica ateniese dopo la sconfitta. Nascono così le fortezze attiche. Una è questa. Volta a presidiare il passo che porta a Tebe. Diventato sempre più importante con il crescere della potenza tebana. Si costruiscono mura dunque. E ambienti dove poter alloggiare truppe e provviste per difendere ed offendere. La fortezza di Eleuthere diventerà così un luogo dove far stazionare truppe di primo impatto contro un eventuale aggressione, ma anche dove far trascorre un periodo ai giovani ateniesi appena arruolati, prima di essere immessi nella falange. Un periodo di servizio militare diremo noi (loro lo chiamavano Efebia ) in cui apprendevano l arte della guerra cominciando dal compiere azioni non canoniche in territorio nemico: azioni di sabotaggio in particolare. Un mezzo eccezionale per esercitare, punzecchiare il nemico, far scaricare l aggressività giovanile. Naturalmente insieme con l arte della costruzione di fortezze compare anche la poliorcetica che è l arte nell espugnarle. Un arte che avrà con Demetrio Poliorcete, figlio di Antigono (uno dei diadochi di Alessandro Magno) il suo primo punto d arrivo. Tutto verrà però di lì a breve superato di slancio da Roma. La visita alla fortezza, lasciata peraltro in completo abbandono, è interessantissima. Osanna ci parla delle fortezze dell Attiva, di quelle dell isola di Kea che ci invita a visitare. Di quelle di Ergostena che visiteremo domani. La fortezza a dominio del passo è un po più in alto. Occorre un po di arrampicata. Poi c è da avventurarsi fra le mura, i sassi, le sassaie. Mi ritrovo accanto Teresa, agilissima e velocissima. Ammirata per i suoi settantanni portati con leggerezza. Una delle fanciulle in fiore (Chiara) ci dà

12 belle informazioni sulle soglie, sulle porte, sulle divinità che le presiedono. Non mi ricordo molto di quello che dice, ma è molto interessante Riuniti nel pullman si riparte per Porto Germenò, l antica Ergostena. Altra fortezza attica a presidio della costa nord della Megaride e del Golfo di Corinto. Arriviamo a sera. L albergo è un po meglio del solito e ha anche una bella piscina. Che invita ad un bagno tonificante. Solo che l acqua è talmente carica di sostanze contro l inquinamento biologico, che è fortemente tossica. Molti ne escono con pelle e mucose fortemente irritati. Per cena scendiamo a piedi fino al mare e ceniamo in un bel ristorante dove si mangia anche bene. Il ritorno a piedi è bellissimo: la strada è buia e silenziosa, l aria piena degli odori del Mediterraneo, intorno lo sciame cicaleggiante delle fanciulle in fiore E qui Plinio propone a Osanna lo scambio scellerato: tutte le nostre donne in cambio di una sola delle sue fanciulle. 10 Settembre Martedì Al mattino andiamo a piedi a visitare la fortezza attica di Porto Germenò. L ambiente è di potente bellezza: le rovine antiche che degradano verso il mare. Anzi che si gettano in amre (la costa è interessata ad un fenomeno di bradisismo che ha fatto abbassare nel mare la linea antica di costa. Il mare è di intensa bellezza. Con una spiaggia lunga e di rena sottile. Su tutto troneggia il Citerone a Nord con le sue ninfe, le baccanti, Edipo appeso, le greggi del re di Corinto e di Tebe Il bagno è un esperienza collettiva. Solo Franco e Plinio si ritirano sotto un ligustro e fanno gli animali di terra. Ma intanto continuano nell opera di catalogazione ora anche anche con più dati obbiettivi Dopo pranzo riprendiamo la via di Atene passando per Eleutere, poi scendendo ad Eleusi. Qui Riccardo vuole scendere per ripercorrere (a ritroso) la ierà odos. Arriviamo ad Atene in tempo per visitare il Museo del Keramicos. Osanna non si risparmia ed è prodigo di notizie sul quartiere del Ceramico. La sua storia, le sue strade e le sue necropoli. La sua porta (il Dipilon). Orami nel tardo pomeriggio rientriamo all Hotel Plaza. Il tempo di scaricare i bagagli e si riparte per il centro. Per molti il ritrovo è al Platanos che d ora in poi diventerà una consuetudine di ogni nostro passaggio per Atene. Abbiamo imparato il nome di un cameriere (Dimitrios), così lo chiamiamo come se fossimo vecchi amici. Lui non ci riconosce, ma è gratificato dalla familiarità e ci trova sempre un bel posto sotto i platani e ci serve velocemente. Si mangia bene, si spende poco e siamo in un angolo appartato della Plaka, che, da lì, è facilmente raggiungibile. 11 Settembre Mercoledì Ritorno via Roma Fiumicino

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti 2014/2015 Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia / Arachova Delfi / Kalambaka / Meteore / Salonicco / Filippi / Kavala / Vergina / Termopili

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Scacchi ed enigmistica

Scacchi ed enigmistica Scacchi ed enigmistica Di Adolivio Capece Sciopero della fame in massa Visto che con un capo avean da fare col qual non si potea più ragionare nessuno, ad un tratto, s'è più fatto avanti e han smesso di

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli