Indirizzo: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indirizzo: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO RINO MOLARI SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN) ESAME DI STATO 2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5 F Indirizzo: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Anno scolastico 2014/2015 1

2 PROFILO DELLA CLASSE La classe, composta all inizio del triennio da 22 alunni, è attualmente formata da 21 studenti, 12 femmine e 9 maschi. Del gruppo classe fa parte un alunno certificato che ha seguito la programmazione di classe. Lo scorso anno scolastico si è verificato il ritiro di una studentessa nel primo quadrimestre. Nel presente anno il numero degli allievi è rimasto immutato. Dal punto di vista disciplinare, alcuni alunni hanno evidenziato un temperamento vivace. La maggior parte di essi sono comunque risultati ben integrati all interno della classe, disponibili al confronto con i docenti e collaborativi. La classe, nel corso del triennio, è stata caratterizzata da una sostanziale continuità didattica, si è infatti verificato l avvicendamento degli insegnanti di alcune discipline (Matematica, Spagnolo, italiano). Gli allievi, a tal proposito, hanno mostrato un buon impegno ad adeguarsi alle differenze metodologiche di insegnamento. Tutti gli alunni, anche coloro che sono sempre stati contraddistinti da maggiori difficoltà nello svolgimento di operazioni complesse, hanno seguito un percorso di apprendimento e crescita costante e significativo che, seppure non omogeneo, ha permesso loro di conseguire a vari livelli un discreto metodo di studio ed una preparazione adeguata. Alcuni allievi, in particolare, si sono distinti per serietà, motivazione, e curiosità intellettuale. Essi sono stati in grado di valorizzare le loro abilità cognitive, dimostrando una lodevole capacità di rielaborare gli insegnamenti e i dati disciplinari acquisiti e di pervenire a risultati consistenti, animando lo svolgimento delle lezioni con interventi e apporti personali significativi. Altri ragazzi, meno numerosi dei primi, anch essi assidui nell interesse e nell impegno, ma con competenze più modeste, hanno conseguito un livello di preparazione mediamente discreto. Al processo di maturazione globale hanno sicuramente contribuito anche gli interessi e la curiosità intellettuale che gli alunni hanno coltivato non solo attraverso l attività curricolare, ma anche tramite le iniziative culturali promosse dalla scuola, che sono diventate occasioni di dialogo e di approfondimento. Tutti i docenti concordano, in questo contesto, che, la classe, nel suo insieme, sia pervenuta ad un buon livello di maturità e che gli obiettivi educativi e didattici che il Consiglio di Classe ha individuato in sede di programmazione all inizio dell anno scolastico siano stati raggiunti. 2

3 CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO CLASSE 5ªF anno classe SCRUTINATI AMMESSI NON AMMESSI DEBITI FORMATIVI M F TOT M F TOT M F TOT M F TOT 2012/13 3ª /14 4ª /15 5ª Materie di insegnamento PERCORSO E CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO 3^ F 2012/2013 4^ F 2013/2014 5^ F 2014/2015 Religione MUSSONI MANUEL MUSSONI MANUEL MUSSONI MANUEL Lingua e letteratura italiana RUSSO DOMENICA MARIA DONATI DANIELE DONATI DANIELE Storia POLLINI PIO DONATI DANIELE DONATI DANIELE Lingua straniera inglese Lingua straniera francese Lingua straniera spagnolo LAZZARINI FRANCA SAPIGNOLI MANUELA ZANNONI BEATRICE LAZZARINI FRANCA SAPIGNOLI MANUELA RODRIGUEZ F. MARIA OLGA LAZZARINI FRANCA SAPIGNOLI MANUELA RODRIGUEZ F. MARIA OLGA Lingua straniera spagnolo PIVA MILENA PIVA MILENA PIVA MILENA Lingua straniera tedesco DALLA CORTE MARIA TERESA DALLA CORTE MARIA TERESA DALLA CORTE MARIA TERESA Matematica applicata BIANCHI NADIA BIANCHI NADIA SPADA LAURA Economia aziendale e geo. Pol. FUCILI, GHERARDO FUCILI, GHERARDO FUCILI, GHERARDO Diritto MAGNANI LUIGI MAGNANI LUIGI MAGNANI LUIGI Relazioni internazionali MAGNANI LUIGI MAGNANI LUIGI MAGNANI LUIGI Informatica Educazione fisica Sostegno Sostegno LOMBARDINI ANDREA CALISESI GIANCARLO BELLAVISTA MARIA ANGELA LOMBARDINI ANDREA / CALISESI GIANCARLO BELLAVISTA MARIA ANGELA / CALISESI GIANCARLO BELLAVISTA MARIA ANGELA BERARDI ANDREA 3

4 PIANO DI STUDI DELLA CLASSE ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO C L A S S I Ind. Relazioni internazionali per il marketing Biennio Triennio Materie d insegnamento 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Religione Italiano Storia Prima lingua straniera Inglese Seconda lingua straniera Francese, Tedesco o Spagnolo a scelta Terza lingua comunitaria Diritto Relazioni internazionali Matematica Scienze integrate (Biologia, Chimica, ecc..) 4 4 Geografia 3 3 Economia Aziendale Diritto ed economia 2 2 Tecnologie della comunicazione 2 2 Scienze motorie e sportive Informatica TOTALE ore

5 METODO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di Classe ha lavorato con serenità, in buon clima di collaborazione, che ha consentito di raggiungere un accordo pieno nella definizione degli obiettivi didattici ed educativi e nel loro perseguimento. Pertanto ai docenti è stato possibile un confronto ampio e aperto. Ogni docente, nel rispetto della personalità altrui, ha guidato gli allievi alla conoscenza dei contenuti della propria disciplina, utilizzando diverse strategie di insegnamento, per facilitarne la comprensione. Si è preoccupato di valorizzare i progressi in itinere e i risultati positivi e di gestire l errore come momento di riflessione e di apprendimento. La partecipazione degli studenti e dei genitori ai Consigli di Classe è stata adeguata e contraddistinta da spirito di collaborazione, condivisione e partecipazione. OBIETTIVI COMUNI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Durante il triennio, nell ambito delle Programmazioni educativo-didattiche, il Consiglio di Classe, oltre agli obiettivi didattici operativi specifici per ogni disciplina, condivisi nelle riunioni di Aree disciplinari e di Dipartimento, ha definito alcune irrinunciabili finalità trasversali, in coerenza con quelle indicate dal P.O.F. di Istituto, raggiungendo i seguenti obiettivi comuni: Obiettivi educativi: Capacità di rispettare l ambiente, le regole e le persone; Sollecitare il senso di responsabilità, di autonomia e di socializzazione sia nei rapporti tra gli alunni, sia nei confronti del corpo docente; Abituare alla puntualità nei confronti degli impegni assunti; Capacità di applicarsi con impegno, responsabilità e continuità; Capacità di collaborare con insegnanti e compagni; Capacità di ascoltare e intervenire in modo corretto nel rispetto delle opinioni altrui e delle regole date. Obiettivi cognitivi Conoscenze: Conoscere argomenti e contenuti attinenti alle varie discipline, con particolare riguardo ai concetti di tipo trasversale; Conoscere le coordinate fondamentali ed i linguaggi specifici di ciascuna disciplina. Competenze: saper applicare le conoscenze acquisite anche in contesti nuovi; saper leggere, interpretare, rielaborare e produrre testi di varia tipologia (espositivi, argomentativi, scientifici, economici, giuridici, tecnici ); saper organizzare il proprio lavoro con consapevolezza e autonomia ed orientarsi dinanzi a nuovi problemi, utilizzando conoscenze, strumenti e tecniche già acquisiti; Affinamento delle competenze linguistiche a livello di lessico, strutture sintattiche e logiche, uso di registri adeguati; Affinamento delle capacità argomentative Affinamento delle capacità di analisi, sintesi e di elaborazione Affinamento delle capacità logiche di tipo critico Capacità: saper documentare il proprio lavoro; saper utilizzare le competenze acquisite in contesti diversificati; 5

6 saper applicare principi e regole in ambito interdisciplinare, operare collegamenti, esprimere giudizi motivati. METODI E STRUMENTI Attività: Lezione frontale, lezione dialogata, esercitazioni individuali in classe, esercitazioni a coppia / piccoli gruppi in classe, elaborazione di schemi/mappe concettuali, relazioni su ricerche individuali e collettive, esercitazioni pratiche, lezioni con esercizi applicativi. Constata l assenza di docenti di discipline non linguistiche in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche all interno dell organico dell Istituzione scolastica il consiglio di classe dichiara di non aver programmato nessuna unità CLIL. Materiali: Libro di testo, fotocopie, software didattici Laboratori: Linguistico, multimediale, aula video Strumenti: Registratore, televisore VERIFICHE Prove strutturate Prove semi strutturate Saggi /articoli /temi tradizionali Relazioni Componimenti Sintesi Ascolti Soluzione problemi Interrogazioni CRITERI DI VALUTAZIONE Nella valutazione scritta si sono considerati: pertinenza, organicità, correttezza formale, ricchezza di contenuti, rielaborazione personale ed arricchimenti. Nella valutazione orale si sono osservati i seguenti criteri: possesso delle nozioni, organizzazione e applicazione dei concetti, correttezza espositiva nei diversi linguaggi, approfondimento e rielaborazione critica, collegamenti interdisciplinari. Fattori che concorrono alla valutazione impegno ed efficace metodo di studio 6

7 rispetto delle scadenze e dei doveri scolastici interesse e motivazione assiduità nella partecipazione evoluzione del processo di apprendimento contributo al dialogo educativo 7

8 DEFINIZIONE DELLA SCALA DEI VOTI DA UTILIZZARE PER LA CLASSIFICAZIONE Il consiglio di classe ha formulato e si è impegnato a rispettare la seguente scala dei voti: GIUDIZIO Gravemente insufficiente VOTO IN DECIMI VOTO IN QUINDICESI MI ELEMENTI DI GIUDIZIO Tre/Quattro Conoscenze molto lacunose e/o limitate capacità di ordine logico Esposizione carente e frammentata Insufficiente Cinque Conoscenze incomplete e/o lacunose o modeste capacità logiche di studio Esposizione stentata Sufficiente Sei 10 Conoscenze di accettabile livello e/o capacità logiche adeguate Esposizione lineare Discreto Sette Conoscenze sufficientemente articolate Capacità logiche soddisfacenti. Metodo di studio diligente Esposizione sciolta Buono Otto Conoscenze approfondite e personalizzate Capacità logiche apprezzabili Metodo di studio produttivo Esposizione chiara Ottimo Nove/Dieci Conoscenze ricche, rielaborate personalmente e criticamente Capacità logiche di notevole livello Metodo di studio efficiente e d efficace Esposizione ricca e brillante Per quanto riguarda la quantificazione dei crediti scolastici e formativi e del voto di condotta, il Consiglio di Classe ha assunto i criteri descrittori individuati dal Collegio Docenti. ATTIVITA' EXTRACURRICOLARI ED INTEGRATIVE Soggiorno linguistico in Germania ( Berlino) in classe IV gg. 8 Corso di pronto soccorso (ore 6) docente conduttore prof. Giancarlo Calisesi. Soggiorno linguistico in Spagna ( Salamanca ) in classe III gg. 8 (studenti II lingua) Soggiorno linguistico in Spagna ( Valencia ) in classe IV gg. 8 (studenti III lingua) Certificazione linguistica di Spagnolo DELE B1 Certificazione linguistica di Inglese PET B1 e First B 2 Scambio linguistico-culturale con la Higth scool Livingstone di New Jersey USA in classe V Intervento sulle regole in video-conferenza del Dott. Gherardo Colombo (Classe V) Partecipazione al seminario sulla Positive economy a San Patrignano (Classe V) Progetto Sbankiamo sull economia etica gestito da operatori della Caritas di Rimini (Classe IV) Soggiorno studio Francia a Parigi nell anno scolastico periodo 2-8 marzo 8

9 TEMATICHE DI APPROFONDIMENTO PERSONALE Il Consiglio di Classe ha incoraggiato gli studenti a svolgere attività di approfondimento in piena autonomia (intesa come capacità di operare delle scelte), per renderli maggiormente partecipi del proprio percorso di apprendimento. La specificità dei lavori effettuati consiste nell interesse personale degli studenti per le tematiche affrontate nonché nella consapevolezza di poter affinare conoscenze e metodi di ricerca che permetteranno loro di integrarsi con maggiore sicurezza nel proseguimento degli studi o nel mondo del lavoro. Candidato Titolo* Tematica Approfondimento Personale 1. BEDETTI ELISA La parità dei generi/femminismo 2. BOJANO ASJA San Patrignano 3. CAMPIDELLI MICHELE Lo sport sulle Alpi 4. CAVALLI CATERINA La sopravvivenza 5. CHIARI CAROLINA Il viaggio 6. DONADIO GIUSEPPE Il lavoro 7. FABBRI JENNIFER Il pregiudizio 8. FALCINELLI DENNIS La mafia 9. GOLIA DEBORA Equitazione 10. GORI GIADA Il futurismo 11. GRILLI MARILENA Panamà, Puente del mundo corazon del universo 12. GUERRINI FILIPPO Il mare 13. MANUZZI SERENA Il sogno americano 14. MULARONI ANDREA Fuga da una prigionia di pensiero dittatura e propaganda 15. PAGLIERANI ENRICO La crisi 16. PIERONI ISABELLA Stamattina ho messo le tue scarpe percorso nella malattia mentale 17. RICCI FABIO Il teatro 18. RUSSELLINI SAMUEL RAP Bomba HipHop 19. SUCCI GIULIA Il continente americano 20. TOSI LORENZO La prima guerra mondiale 21. ZANNONI EUGENIA Stati Uniti d America * La titolazione argomentativa potrebbe subire dei cambiamenti, in relazione alla completezza del discorso che sarà strutturato. 9

10 RELAZIONI E PROGRAMMI 10

11 DIRITTO RELAZIONI INTERNAZIONALI Prof. Luigi Magnani Testi utilizzati: Diritto: Angelo Busani Franca Deponti - Diritto per le relazioni internazionali per il Marketing Ed. Le Monnier scuola Relazioni internazionali: Simone Crocetti Mauro Cernesi Economia e Mondo 2 Ed. Tramontana SVOLGIMENTO DEL PROGRAMMA E RISULTATI CONSEGUITI La classe si presenta sostanzialmente omogenea quanto ad abilità e capacità di apprendimento. Tenendo presente questa situazioni di partenza, il programma di entrambe le discipline è stato sviluppato con l obiettivo prioritario di favorire un grado di acquisizione della materia particolarmente approfondito per tutti. A tale scopo, la lezione teorica è stata supportata da riferimenti al contesto istituzionale, politico e finanziario, poiché la sensibilizzazione alle problematiche sociali, attraverso l analisi dei contenuti disciplinari, contribuisce certamente a sollecitare interesse e partecipazione. Il programma svolto è da ritenersi, in tutte le sue articolazioni, conforme alle tematiche proposte dalle indicazioni ministeriali. Si evidenzia in particolare per Relazioni internazionali come le nozioni concernenti la politica di bilancio, il sistema tributario e l Irpef siano stati esaminati, invece, nei loro contenuti fondamentali. Lo svolgimento del lavoro è sempre avvenuto in un clima collaborativo e nel comportamento non sono stati mai riscontrati particolari episodi richiedenti interventi disciplinari. I risultati conseguiti risultano positivi, anche se differenziati, per una non omogeneità di abilità, interessi, impegno e partecipazione al dialogo educativo. Tutti gli allievi, comunque, hanno seguito la trattazione delle lezioni in modo sostanzialmente partecipativo. METODOLOGIE E STRUMENTI DI LAVORO Nel complesso il lavoro è stato svolto su basi didattiche e metodologiche tese ad evidenziare gli aspetti pratici e funzionali delle discipline, per renderle quanto più possibile aderenti alle situazioni concrete in cui il discente vive e alle finalità formative dell istituto. Gli argomenti sono stati affrontati sia sotto l aspetto concettuale che dal punto di vista dell informazione e del riferimento costante ad eventi politici ed economici. E stato adottato il metodo della lezione frontale interattiva o dell autoverifica, tramite l esecuzione di test e quesiti, cercando sempre di coinvolgere gli allievi nella discussione e orientandoli alla comprensione del contesto istituzionale ed economico. Gli strumenti di lavoro adoperati sono stati i libri di testo, lo sviluppo alla lavagna di schemi e di mappe concettuali. OBIETTIVI DISCIPLINARI analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino a spiegare i comportamenti individuali e collettivi in chiave economica; riconoscere la varietà e lo sviluppo storico delle forme economiche, sociali e istituzionali attraverso le categorie di sintesi fornite dall economia e dal diritto; riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali e la loro dimensione locale/globale; individuare e analizzare le problematiche del processo di internazionalizzazione delle imprese; 11

12 Obiettivi specifici per Relazioni internazionali: Riconoscere il tipo di politiche economico-finanziarie poste in essere per la governabilità di un intero paese Riconoscere il ruolo del bilancio dello Stato come strumento di politica economica Analizzare il fenomeno della spesa pubblica con particolare riferimento alla spesa sociale Analizzare le tipologie di tributi e gli effetti della pressione fiscale Obiettivi specifici per Diritto: Riconoscere i principali organismi operanti a livello internazionale Utilizzare la normativa di diritto privato e internazionale Individuare i sistemi e le modalità di pagamento nel commercio internazionale Individuare la normativa applicata per la risoluzione di controversie commerciali caratterizzate da elementi di internazionalità VERIFICHE E VALUTAZIONE E stata effettuata sia la verifica formativa che sommativa. La verifica formativa è avvenuta in modo tradizionale mediante interrogazioni individuali ed esercitazioni scritte rendendo consapevoli gli studenti di eventuali lacune o del loro progresso e favorendo la capacità di autovalutazione. Nella verifica sommativa si è tenuto conto della partecipazione alla attività didattica, dell interesse e dell impegno personale, della frequenza scolastica, dei livelli di conoscenza, competenza ed abilità conseguiti. Elementi rilevanti di valutazione sono stati altresì il comportamento in classe, il progresso rispetto alla situazione di partenza, il conseguimento di un adeguato senso di responsabilità. 12

13 PROGRAMMA SVOLTO DIRITTO LE FONTI DEL DIRITTO E GLI ORGANISMI NAZIONALI E INTERNAZIONALI 1. Aspetti generali 2. Le organizzazioni mondiali 3. Le organizzazioni regionali europee 4. Le organizzazioni italiane per l internazionalizzazione delle imprese LA CONTRATTAZIONE INTERNAZIONALE E LE CONDIZIONI DI RECIPROCITA 1. La redazione del contratto internazionale 2. Le condizioni di reciprocità IL CONTRATTO INTERNAZIONALE DI COMPRAVENDITA 1. Aspetti generali 2. La formazione del contratto 3. Le condizioni generali di vendita e di acquisto 4. Fornitura e resa della merce 5. Il pagamento 6. Obblighi del venditore 7. Obblighi del compratore 8. I contratti di compensazione GLI ALTRI CONTRATTI: AGENZIA E DISTRIBUZIONE 1. Aspetti generali 2. Il contratto d agenzia 3. Il contratto di distribuzione I CONTRATTI DI SPEDIZIONE E TRASPORTO E LE DOGANE 1. I contratti di spedizione e trasporto 2. Le dogane LE JOINT VENTURE 1. Perché ricorrere a una joint venture 2. Le forme di joint venture 3. Come scegliere il tipo di joint venture 4. Le fasi di costituzione di una joint venture 5. Il gruppo europeo di interesse economico I SISTEMI E LE CONDIZIONI DI PAGAMENTO 1. Aspetti generali 2. Sistemi di pagamento 13

14 3. Le condizioni di pagamento LE MODALITA DI PAGAMENTO 1. Le principali forme di pagamento nel commercio internazionale 2. Il credito documentario LE GARANZIE NEI CONTRATTI INTERNAZIONALI 1. Aspetti generali 2. La fideiussione 3. Le garanzie autonome LA GIUSTIZIA INTERNAZIONALE 1. Aspetti generali 2. Lo spazio di giustizia UE LA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA 1. Strutture e competenze 2. La Corte di giustizia Ue 3. Il Tribunale Ue 4. Decisioni della Corte Ue e del Tribunale in materia economica LA CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA 1. La protezione diplomatica 2. Funzioni e composizione della Corte internazionale di giustizia 3. Avvio a fasi del processo 4. Sentenze della Corte internazionale di giustizia L ARBITRATO, LA MEDIAZIONE E LA NEGOZIAZIONE 1. I sistemi alternativi di risoluzione delle controversie 2. L arbitrato 3. La mediazione e la negoziazione RELAZIONI INTERNAZIONALI MOD. 1 L ATTIVITÀ ECONOMICA PUBBLICA UN. 1 LA PRESENZA DEL SOGGETTO ECONOMICO PUBBLICO NEL SISTEMA ECONOMICO Il problema delle scelte nel sistema economico. Il ruolo dello Stato e della finanza pubblica. Il sistema liberista e la finanza neutrale. La finanza della Riforma sociale e il sistema collettivistico. 14

15 La crisi del Finanza congiunturale e finanza funzionale. Il sistema economico misto. L ampia nozione di soggetto pubblico. UN. 2 LE DIVERSE FUNZIONI SVOLTE DAL SOGGETTO PUBBLICO NEL SISTEMA ECONOMICO Le ragioni dell intervento pubblico nell attività economica. La correzione dei fallimenti del mercato. La funzione redistributiva del reddito. Le altre funzioni dell intervento pubblico. Le differenti modalità dell intervento pubblico nell economia. UN. 3 L INTERVENTO PUBBLICO DIRETTO E LA REGOLAMENTAZIONE DEL MERCATO La proprietà e l impresa pubblica. La dicotomia Stato-mercato. La proprietà pubblica. L impresa pubblica. Il processo di privatizzazione. La regolamentazione del mercato come soluzione. L Autorità garante della concorrenza. L influenza della legislazione di protezione sul funzionamento dei mercati. UN. 4 LA POLITICA ECONOMICA Gli obiettivi e gli strumenti della politica economica. La politica economica nell ambito dell Unione europea. La politica fiscale. La politica monetaria. La politica valutaria. L obiettivo della stabilità economica. L obiettivo dello sviluppo. L obiettivo della occupazione. L obiettivo della lotta all inflazione. L obiettivo dell aggiustamento della bilancia dei pagamenti. MOD. 2 LA POLITICA FISCALE UN. 1 IL FENOMENO DELLA SPESA PUBBLICA Il concetto di spesa pubblica. La classificazione della spesa pubblica. L espansione della spesa pubblica. Il problema del controllo della spesa pubblica. La politica della spesa pubblica. Gli effetti negativi di un eccessiva espansione della spesa pubblica. UN. 2 LA SPESA SOCIALE Lo Stato sociale. La previdenza sociale in generale. Il sistema pensionistico. Le prestazioni previdenziali a sostegno del reddito. L assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali. L assistenza sanitaria: lineamenti generali (fino pag. 172) UN. 3 LE ENTRATE PUBBLICHE Le entrate pubbliche in generale. Classificazione delle entrate pubbliche. I tributi in particolare. Le dimensioni delle entrate pubbliche. Le entrate pubbliche come strumento di politica economica. UN. 4 LE IMPOSTE L obbligazione tributaria. Il presupposto di imposta. Gli elementi dell imposta. I diversi tipi di imposte. I diversi tipi di progressività di imposta. I principi giuridici di imposta. Il principio di generalità o universalità dell imposta. Il principio di uniformità dell imposta. Il principio di progressività. Gli effetti microeconomici dell imposta. L evasione fiscale. L elusione fiscale. La rimozione dell imposta. La traslazione dell imposta. Ammortamento e diffusione dell imposta. UN. 5 LA POLITICA DI BILANCIO La programmazione della politica economica. Le tipologie di bilancio. I principi del bilancio preventivo italiano. Le fasi del processo di bilancio. Le classificazioni del bilancio. I saldi di bilancio. Il controllo sulla gestione e sulle risultanze di bilancio. La tesoreria dello Stato. Il disavanzo pubblico. Il debito pubblico e le politiche europee. La spending review. La politica di bilancio. Dal centralismo al federalismo fiscale. 15

16 MOD. 3 IL SISTEMA TRIBUTARIO ITALIANO UN. 1 IL SISTEMA TRIBUTARIO Che cos è il sistema tributario. La dichiarazione dei redditi. UN. 2 L IRPEF I caratteri dell Irpef. Le singole categorie di reddito. Santarcangelo di Romagna 15/5/2015 Prof. Luigi Magnani 16

17 Religione cattolica Relazione finale Prof. : Manuel Mussoni Il programma poneva come obbiettivo primario quello di dare un metodo di interpretazione del contesto culturale in cui viviamo; attraverso di esso lo studente può maturare un senso critico adeguato e una capacità di affrontare ed argomentare in maniera attiva le questioni più importanti che caratterizzano la nostra cultura. Il lavoro iniziale ha visto un approfondimento del rapporto tra culto e cultura analizzando lo sviluppo dell'azione rituale nella Scrittura e nella vita ecclesiale concludendo con un'analisi del contesto culturale odierno per valutare il nesso tra sacrificio nel rito religioso e sacrificio come atteggiamento di vita orientato all'amore per l'altro. La serietà con cui gli studenti hanno partecipato al dibattito in classe ha favorito lo sviluppo di questa tematica fino all'ambito della sessualità riflettendo su alcune interpretazioni antropologiche e sulle dinamiche relazionali vissute nel contesto odierno. Durante il percorso sono state confrontate più volte concezione di vita cristiana e concezione di vita nella cultura post-moderna; non si è trattato di elencare modi di agire, ma di considerare concetti come bene individuale e bene comune. L'ultimo tassello di questo percorso ruotava attorno al concetto di salvezza approfondito nel contesto biblico, in quello teologico fino alla lettura del contesto culturale odierno. La riflessione religiosa e la tensione del pensiero umano verso spazi che superano l'indagine empirica hanno aperto un confronto sulle considerazioni della morte nelle varie religioni. In particolare si è tentato un lavoro di approfondimento e di comprensione del fenomeno del fondamentalismo religioso e del terrorismo alla luce dei gravi fatti di cronaca osservati in questi mesi. Per favorire l'attenzione e la partecipazione sono stati frequentemente analizzati casi di cronaca attuale; si evidenzia una buona capacità critica e dialettica nel commentare fenomeni di attualità. La classe ha mostrato fin dall inizio una buona capacità di ascolto e di riflessione, sono emersi anche vivaci e ricchi contributi durante dibattiti aperti. Questo ha portato a cambiare a volte il metodo di lezione, da lezioni frontali in cui era richiesto solo ascolto a lezioni basate su dialogo e confronto continuo. Viste la disponibilità a lavorare e la maturità dimostrata durante i dibattiti si può concludere che gli obbiettivi sono stati positivamente raggiunti. 08/05/2015 Manuel Mussoni 17

18 Docente: Prof. Daniele Donati Italiano SCHEDA INFORMATIVA ANALITICA PER MATERIE 1. Programma 1) IL REALISMO. Ripasso delle caratteristiche generali del Realismo; il Naturalismo; il Verismo. E. e J. De Goncourt, prefazione a Germinie Lacerteux. Zola, un brano da Il romanzo sperimentale e uno da L Assommoir. 1a) VERGA. Vita, opere e poetica. Prefazione de L amante di Gramigna. Prefazione de "I Malavoglia". Da "Vita dei campi": "Rosso Malpelo" "Fantasticheria". Brani dal romanzo "I Malavoglia" Da "Novelle rusticane": "La roba". Riassunto del romanzo "Mastro don Gesualdo". 1b) CARDUCCI, Inno a Satana. 2) IL DECADENTISMO. Il Decadentismo e le sue caratteristiche generali. La Scapigliatura; Praga, "Preludio"; Boito, "Dualismo". Baudelaire. Al lettore ; "Corrispondenze"; "L'albatros". Rimbaud. "Bisogna farsi veggente", "Vocali". Verlaine. "Arte poetica", "Languore". Nietszche, un brano da "Così parlò Zarathustra". Huysmans, un brano da "A ritroso". Wilde, un brano da "Il ritratto di Dorian Gray". 2a) PASCOLI. Vita, opere e poetica. Parte de "Il Fanciullino". Da "Myricae": X agosto Novembre "Temporale" Il lampo "Il tuono" Da "Canti di Castelvecchio": "Il gelsomino notturno" 2b) D'ANNUNZIO. Vita, opere e poetica. 18

19 Da "Alcyone": "La sera fiesolana" "La pioggia nel pineto". I romanzi. Brani da: "Il piacere" "Le vergini delle rocce" "Notturno". 3) LE AVANGUARDIE. Il Novecento: le nuove teorie filosofiche e scientifiche. Le Avanguardie e le loro caratteristiche comuni: Espressionismo, Cubismo, Astrattismo, Dadaismo, Surrealismo. 3a) IL FUTURISMO. Marinetti, brani dai "Manifesti" e da "Zang Tumb Tumb". Palazzeschi, "Chi sono?". 3b) IL CREPUSCOLARISMO. Corazzini, Desolazione di un povero poeta sentimentale. Gozzano, Totò Merumeni. Moretti, A Cesena. 4) IL NUOVO ROMANZO. Il rinnovamento della narrativa nei primi decenni del Novecento e le caratteristiche comuni dei suoi autori. Proust, un brano da "La ricerca del tempo perduto". Joyce, un brano dall 'Ulisse". Kafka, un brano da "La metamorfosi". 4a) PIRANDELLO. Vita, opere e poetica. Parte del saggio "L'umorismo". Dalle "Novelle per un anno": "Il treno ha fischiato". I romanzi; brani da: "Il fu Mattia Pascal" "Uno, nessuno e centomila". I drammi teatrali; conoscenza dei drammi: Così è (se vi pare). "Sei personaggi in cerca d autore". 4b) SVEVO. Vita, opere e poetica. I romanzi; brani da: "La coscienza di Zeno". 5) LA NUOVA POESIA. Il rinnovamento della poesia nei primi decenni del Novecento. 19

20 5a) Ungaretti. Da "L'allegria": Il porto sepolto Girovago "In memoria" Veglia San Martino del Carso "Soldati" Mattina "I fiumi". 5b) Montale. Da "Ossi di seppia": "Non chiederci la parola" "Meriggiare" "Spesso il male di vivere" "Forse un mattino andando" I limoni. 6) IL NEOREALISMO Introduzione al Neorealismo: caratteristiche generali. Ciascuno degli studenti ha letto più opere complete, prese in prestito nel corso degli anni dalla biblioteca di istituto. e porterà all esame un opera di un autore del Novecento a sua scelta. Il testo in adozione è: Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria, L attualità della letteratura vol. III, ed. Paravia. Dante Alighieri, Paradiso, canti I, XV, XVII, XXXIII. 2. Finalità e obiettivi Dato il livello mediamente buono di interesse e di impegno nello studio dimostrato in generale dalla classe già nei precedenti anni scolastici, l obiettivo principale durante quest anno è stato di mantenere la partecipazione alle lezioni in aula, e di stimolare la capacità degli studenti di utilizzare quanto appreso tramite discussioni su argomenti che collegavano la Letteratura al loro vissuto personale. Il vasto programma della quinta classe è stato affrontato con l'idea di offrire agli alunni un approccio alle più diverse correnti e ai numerosi autori di rilievo; di conseguenza, pur curando in particolar modo lo studio degli autori italiani più importanti, sono state tenute numerose lezioni sugli autori stranieri, in alcuni casi in forma di rapide lezioni singole (ad esempio riguardo a Proust, Kafka, Joyce), in altri in maniera un po più approfondita (come per Baudelaire). Si è cercato altresì di far comprendere agli alunni la pluralità delle influenze che una corrente artistica può comportare, anche in ambiti diversi da quello letterario; a questo scopo sono state tenute alcune lezioni sulle espressioni delle arti figurative nei periodi oggetto di studio. 3. Metodologia didattica 20

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Lo studio dell'economia Aziendale per la classe Terza degli Istituti Tecnici ad indirizzo Amministrazione Finanza Marketing concorre a far perseguire

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico Programmazione Didattica del Consiglio della Classe II Sez. C Ind linguistico A.S. 2015/16 1. COMPOSIZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E L apprendimento di due lingue comunitarie permette

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO 1 di 7 04/12/2013 157 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA Lingua e civiltà tedesca DOCENTI A.Cavessi,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese

Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Curriculo per la disciplina Lingua e cultura straniera 2: francese Secondo Biennio e Quinto anno Docente: Isabelle Rohmer OBBIETTIVI E COMPETENZE Proseguendo il percorso già iniziato durante il Primo Biennio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2012/2013 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2012/2013 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina:Educazione fisica Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. A.S.2014-2015 Docente:CARLOTTO MONICA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 1^A è numerosa, vivace e partecipe anche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Coordinatore di classe: LUISE CARMELA Presentazione sintetica della classe 1) Storia del triennio 2) Attività di recupero 3) Profilo

Dettagli

RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES. - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti:

RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES. - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti: RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: A.S. ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti: Evoluzione della classe rispetto ai livelli individuati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE L. MANARA 00152 ROMA VIA BASILIO BRICCI, 4 Fax 06/67663900Tel. 06/121127825 XXIV

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: Geografia CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sede Coordinata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI fax:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE

PIANO DI STUDIO Anno Scolastico 2013 / 2014 CLASSE 2 A DOCENTE DANIELA MAZZA DISCIPLINA INGLESE SITUAZIONE DELLA CLASSE COMPOSIZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO "E. da Rotterdam Via Giovanni XXIII, 8-20080 - Cisliano (MI) C.M.: MIIC86900D Tel / Fax 02 9018574 e-mail: info@albaciscuole.it Internet: www.albaciscuole.it PIANO DI STUDIO Anno Scolastico

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO- SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA. Alessandro Filosi - Terracina SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli