Il sistema di gestione e controllo nel Programma transfrontaliero I PA Adr iat ic CBC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema di gestione e controllo nel Programma transfrontaliero I PA Adr iat ic CBC"

Transcript

1 Il sistema di gestione e controllo nel Programma transfrontaliero I PA Adr iat ic CBC

2 Lo st rument o f inanziario I PA IPA: I nst rument f or Pre- Accession Assist ance IPA è diret t o a support are i Paesi Candidati (PC) e i Paesi Potenziali Candidati (PCC) per il recepimento dell acquis communautaire, in vist a della prossima adesione all UE Base giuridica Regolament o (CE) n. 1085/ 2006 (Reg. I PA) Regolament o (CE) n. 718/ 2007 (Reg. di at t uazione)

3 I PA Adriat ic CBC Componente II. Cooperazione transfrontaliera : Programma transfrontaliero I PA Adriat ico : INTERREG IIIA Transf ront aliero Adriatico : NPPA I NTERREG- CARDS/PHARE

4 I PA Adriat ic CBC Slovenia Croatia Bosnia and Herzegovina Aree Aree eligibili eligibili Se rbia Italy Adriatic Se a Montenegro Aree Aree in in deroga deroga (20%) (20%) Albania Serbia Serbia (Phasing (Phasing out out ) 2012) Eligible Program m e Are a Territorial de rogation Phas ing Out Greece

5 La governance (i) 5

6 La governance (ii) AUTORITÀ TÀDI GESTIONE ONE Regione Regione Abruzzo Abruzzo - - Servizio Servizio Attività Attività Internazionali Internazionali LE LE AUTORITÀ AUTORI TÀ TÀDI DI CERTI CERTI FI FICAZI CAZIONE Regione Regione Abruzzo Abruzzo Servizio Servizio Autorità Autorità di di Certificazione Certificazione AUTORITÀ TÀDI DI AUDIT Regione Regione Abruzzo Abruzzo Ispettivo Ispettivo Contabile Contabile Struttura St rut t ura Speciale Speciale di di Supporto Support o Controllo Cont rollo LE LE STRUTTURE COMI COMITATO CONGI CONGI UNTO UNTO DI DI CONTROLLO composto composto dai dai di di livello livello centrale centrale e e livello livello regionale/locale regionale/locale dei dei governi governi dei dei paesi paesi partecipanti. partecipanti. SEGRETARIATO ATO TECNICO CO CONGIUNTO presso presso Regione Regione Abruzzo Abruzzo Servizio Servizio Attività Attività Internazionali Internazionali UFFI UFFICI CI CONTROLLI PRI PRI MO MO LI LIVELLO

7 I l Comit at o Congiunt o di Cont rollo (JMC) Il Il Comitato Comitato Congiunto Congiunto di di Controllo Controllo (Joint (Joint Monitoring Monitoring Committee Committee JJMC), congiunt congiuntamente e all allautorità Autoritàdi di Gestione, ione, deve deve accertare t ar e l'efficacia l'efficacia e qualità qualitàdell'attuazione del del Programma. Programma. Il Il numero numero massimo massimo dei dei membri membri del del JMC JMC è il il seguente: seguente: Autorità Autorità d d Gestione Gestione Albania: Albania: 6 6 (2 (2 centrali centrali regionali/locali) regionali/locali) Bosnia Bosnia Herzegovina: Herzegovina: 3 3 (centrali) (centrali) Croazia: Croazia: 8 8 (1 (1 centrale centrale regionali/locali) regionali/locali) Grecia: Grecia: 4 4 (2 (2 centrali centrali regionali/locali) regionali/locali) Italia Italia : : 9 9 (2 (2 centrali centrali regionali/locali) regionali/locali) Montenegro: Montenegro: 2 2 (centrali) (centrali) Serbia: Serbia: 1 1 rappresentante rappresentante (centrale) (centrale) Slovenia: Slovenia: 9 9 (2 (2 centrali centrali regionali/locali) regionali/locali) Il Il rappresentante rappresentante della della Commissione Commissione Europea Europea partecipa partecipa alle alle riunioni riunioni in in qualità qualità di di consulente consulente 7

8 Compit i del JMC (a) (a) esaminare e ed ed approvare e i i criteri eri per per la la selezione selezione delle delle operazioni finanziate dal dal Programma ed ed approvare ogni ogni eventuale revisione di di tali tali cr criteri i sulla base delle delle necessità à di di programmazione; (b) (b) approvare i i Bandi pr prima della della pubblicazione (da (da par part te del del STC); STC); (c) (c) essere essere responsabile per per la la selezione e llapprovazione dei dei progetti; (d) (d) valutare periodicamente i i progressi compiut i i rriguar iguardo do al al conseguimento degli degli obiettivi specifici del del Programma, sulla sulla base base dei dei documenti presentati dall dallautorità di di Gestione; (e) (e) esaminare i i risultati dell'attuazione, in in par part ticolar icolare il il conseguiment o degli degli obiettivi fissati fissati per per ciascun asse asse prioritario; (f) (f) esaminare ed ed approvare le le relazioni annuali e finali finali sull' sull' at att tuazione di di cui cui all' all' ar art ticolo del del Regolament o di di at att tuazione IIPA; PA; (g) (g) approvare i i Proget Proget tti i St Strat rategici; 8

9 L Aut orit à di Gest ione (AdG) L Autorità di di gestione è responsabile r della della gestione ione e at attuazione t del del Pr Programma, conf conformemente or e al al pr principio di di sana sana gestione finanziaria. L AdG AdG è llinterlocutrice r ice principale incipale della della Commissione Europea. L AdG AdG svolge svolge ttut utt ti i i i compit compiti i specif specificat icati i nell nellar art t del del Regolament o di di at att tuazione IIPA. PA. 9

10 Compit i dell AdG (1) (a) (a) gar garant antir ire che che le le operazioni destinate a beneficiare di di un un finanziamento siano siano selezionate conformemente ai ai criteri criteri applicabili al al programma transfrontaliero e siano siano conformi alle alle norme norme comunitarie e nazionali applicabili per per llintero intero periodo di di attuazione; (b) (b) garantire llesistenza di di un un sist sist ema ema inf informat izzat izzato di di regist regist razione e conservazione dei dei dati daticont contabili rrelat elativi ivi a ciascuna oper operazione, nonché nonché la la raccolta dei dei dati datirelativi all allattuazione necessari per per la la gestione finanziaria, il il controllo, le le verifiche, gli gli audit audit e la la valutazione; (c) (c) verificare la la regolarità delle delle spese; spese; (d) (d) gar garant antir ire che che le le oper operazioni siano siano at att tuat uate in in conf confor ormit mità con con le le disposizioni sugli sugli appalti appalti pubblici; (e) (e) gar garant antir ire che che i i benef beneficiar iciari i ffinali inali e gli gli alt altr ri i or organismi coinvolti nell nellat att tuazione delle delle oper operazioni mant mant engano engano un un sistema di di contabilità separato o una una codificazione contabile adeguata per per tutte tutte le le transazioni relative all alloperazione, ferme ferme restando le le norme norme contabili nazionali; 10

11 Compit i dell AdG (2) (f) (f) garantire garantire che che le le valutazioni valutazioni del del Programma Programma siano siano eseguite e in in conformità or àcon l' l'articolo t 109; 109; (g) (g) istituire istituire procedure procedure per per far far sì sìche tutti t ti i documenti i relativi i r ivi alle alle spese spese e e agli agli audit, audit, necessari necessari per per garantire garantire una una pista pista di di controllo controllo adeguata, adeguata, siano siano conservati conservati applicando applicando le le disposizioni disposizioni di di cui cui all' all'articolo ar t 134; 134; (h) (h) garantire garantire che che l'autorità l'autoritàdi di certificazione certificazionericeva riceva tutte tutte le le informazioni informazioni necessarie necessarie in in merito merito alle alle procedure procedure e verifiche verifiche eseguite eseguite in in relazione relazione alle alle spese spese ai ai fini fini della della certificazione; certificazione; (i) (i) guidare guidare i i lavori lavori del del comitato comitato congiunto congiunto di di controllo controllo e trasmettergli trasmettergli i i document document i i at att ti i a consent consentir ire un un cont contr rollo qualit qualitat ativo ivo dell dellattuazione del del programma programma transfrontaliero, transfrontaliero, alla alla luce luce dei dei suoi suoi obiettivi obiettivi specifici; specifici; (j) (j) elaborare elaborare e presentare presentare alla alla Commissione, Commissione, previa previa approvazione approvazionedel del comitato comitato congiunto congiunto di di controllo, controllo, i i rapporti rapporti annuali annuali e finali finali sull'attuazione; sull'attuazione; (k) (k) gar garant antir ire il il rrispet ispett to dei dei rrequisit equisiti i in in mat mater eria ia di di informazione informazione e pubblicità. pubblicità. 11

12 I l Segret at iat o Tecnico Congiunt o (STC) Il Il STC STC rappresenta la la principale struttura tecnicoamministrativa che che suppor supporta t a le le ststrutture r t ur e oper operative del del Programma nello nello svolgimento dei dei rispettivi compiti. Il Il personale del del STC, STC, dir diret ett to dall dallautorità di di Gestione, è costituito unità àa tempo tempo pieno pieno nel nel campo campo della della Gest Gestione, Comunicazione, Assist Assistenza inf infor ormat matica, Pr Pr oget ogett ti, i, Finanze e Cont Cont rrollo ollo Finanziar io io e Audit Audit e una una unità unitàpart-t part-time nel nel campo campo legale. legale. 12

13 Compit i del STC (a) (a) Facilitare ar e le le relazioni r tra t r a gli gli stakeholder; ; (b) (b) ffor ornir nire inf infor ormazioni sul sul Pr Pr ogr ogramma; (c) (c) assist assister ere il il J MC MC nella nella pr prepar eparazione azione e pubblicazione dei dei ttest esti i dei dei bandi; bandi; (d) (d) raccogliere le le proposte progettuali presentate; (e) (e) or organizzar e le le rriunioni iunioni del del J MC MC ed ed alt altr ri i incont incontr ri; i; (f (f)) ver verif ificar icare llammissibilità ffor ormale delle delle pr propost oposte pr proget ogett tuali presentate; (g) (g) svolgere le le attività attivitàdi di pre-istruttoria dei dei progetti; (h) (h) assist assister ere le le st str rut utt tur ure di di gest gestione del del Pr Pr ogr ogramma nelle nelle lor loro funzioni; (i) (i) rraccoglier e ed ed elabor elaborar are, e, a livello livello cent centr rale, i i dat dati i sull sullattuazione al al fine fine di di monitorare ll at att tuazione del del Pr Pr ogr ogramma; (l) (l) raccogliere le le relazioni sullo sullo stato stato di di avanzamento dai dai Beneficiari finali. finali. 13

14 L Aut orit à di Cert if icazione (AC) L AC AC è responsabile per per la la corretta certificazione delle delle spese spese ef eff fet ett tuat uate nel nel cor corso so di di at att tuazione del del Pr Pr ogr ogramma ed ed è ffunzionalment e indipendent e dall' dall' Aut Autor orit ità di di Gestione. L organizzazione dell dellac come come dipartimento separato assicur assicura che che llac AC sia sia indipendente nell nelleseguire le le funzioni di di cer cert tif ificazione. La La separ separazione azione delle delle ffunzioni unzioni non non viene viene garantita soltanto formalmente e legalmente, ma ma anche anche nella nella gestione giornaliera. 14

15 Compit i dell AC (1) (a) (a) elaborare e trasmettere alla alla Commissione le le dichiarazioni di di spesa certificate e le le domande di di pagamento; (b) (b) certificare che: che: --la la dichiarazione di di spesa spesa è corretta, proviene da da sistemi di di contabilità af affidabili f ed ed è basata a su su documenti i giustificativi if icat ivi verificabili; --le le spese spese dichiar dichiarate at e sono sono conf conformi or alle alle nor norme comunit comunitarie ie e nazionali applicabili e sono st state e sostenute e in in rapporto r t o alle alle operazioni selezionate per per il il finanziamento conformemente ai ai criteri criteri applicabili al al programma e alle alle norme norme comunitarie e nazionali; (c) (c) garantire ant e di di aver ricevuto r o dall dalladg informazioni adeguate in in merito merito alle alle pr procedur ocedure seguit seguite e alle alle ver verif ifiche iche ef eff fet ett tuat uate in in rrelazione alle alle spese spese figuranti nelle nelle dichiarazioni di di spesa; spesa; (d) (d) ttener cont conto o dei dei risult risultati i di di t ut tutte t e le le at attivitàt à di di audit audit svolte svolte dall'autorità di di audit audit o sotto sotto la la sua sua responsabilità; 15

16 Compit i dell AC (2) (e) (e) tenere tenere una una contabilità inf informat izzat izzata delle delle spese spese dichiarat e alla alla Commissione; (f) (f) tenere tenere la la contabilità degli degli importi recuperabili e degli degli importi ritirati a seguit seguito o della della soppr soppressione t ot totale o o par parziale del del cont contributo r o per per un'operazione; (g) (g) inviar inviare alla alla Commissione una una dichiarazione annuale che che per per ciascun asse asse pr prior iorit itar ario io del del pr progr ogramma ttr ransf ansfr ront ontalier aliero ident identif ifichi ichi gli gli importi ritirati, recuperati, da da recuperare e gli gli importi importi per per i i quali quali è stata stata st stabilit abilita llimpossibilit à di di un un recupero nell nellanno precedente o per per i i quali quali il il recupero non non è previsto. 16

17 L Aut orit à di Audit (AA) L AA AA è responsabile dell dellefficace funzionamento dei dei sistemi di di gestione e controllo rollo ed ed è funzionalmente indipendente dall dalladg e dall dallac. L AA AA utilizza ilizza una una struttura r t ur a operativa iva esterna er na ed ed è assistita da da un un gruppo di di revisori (GR), (GR), ist istit ituit uito ll11 11 dicembr e 2008, 2008, che che compr comprende un un rrappr appresent esentant ante per per ogni ogni paese paese par part tecipant ecipante nel nel Pr Pr ogr ogramma. 17

18 Compit i dell AA (a) (a) Assicur ar are che che gli gli audit audit ef eff fet ett tuat uati i (sui (sui pr proget ogett ti i e sul sul sist sistema di di ffunzionament o delle delle Aut Autor orit ità e delle delle strutture del del Programma) assicur assicurino ino un un efficiente funzionamento del del sistema di di gestione e controllo del del Programma; (b) (b) predisporre un un parere parere annuale sull sullef eff ficienza del del sist sistema da da inviar inviare alla alla Commissione Europea. Gli Gli audit sul sul sistema ema di di funzionamento f o verranno effettuati dai dai del del Gruppo di di Revisori, uno uno per per paese, paese, e dall dallautorità di di Audit Audit per per llautorità di di Gestione e per per llautorità di di Cer Cer ttif ificazione pr presso la la Regione Abr Abruzzo, con con llassistenza di di una una Struttura esterna. Gli Gli audit audit delle delle operazioni verranno garantiti dalla dalla struttura esterna, selezionata con con bando bando pubblico. 18

19 Gli Uf f ici Cont rollo di Primo Livello (FLCO) In I n conformità or àcon quanto quanto disposto dall dallar art t del del Reg. Reg. (CE) (CE) n. n. 718/ 718/ (( Cont Cont rrollor ollori i rresponsabili di di ver verif ificar icare la la legittimità e la la regolarità delle delle spese spese )) il il Programma ha ha previsto llindividuazione e llistituzione di di un un Ufficio f icio Controllo rollo di di Primo Primo Livello Livello (Fir (First st Level Level Cont Cont rrol ol Of Off fice FLCO) FLCO) in in ogni ogni Paese Paese partecipante. Ogni Ogni FLCO FLCO ef eff fet ett tua i i controlli (amministrativi e a campione) sui sui benef beneficiar iciari i sit situat uati i sul sul pr propr oprio io Paese Paese e ver verif ifica ica i i document ii amministrativi e di di rendicontazione relativi relativi a tutte tutte le le oper operazioni (100%) (100%) che che vengono indicat indicate da da par part te dei dei Beneficiari Principali/Finali nella nella rendicontazione, al al fine fine di di verificare lleleggibilità della della spesa. spesa. 19

20 I l Sist ema I nf ormat ivo e Gest ionale FINALITÀ Registrazione r azione e conservazione dei dei dati dati contabili. Raccolta dei dei dati dati relativi relativi all allattuazione.. Gestione finanziaria, controllo, r ollo, verifiche, iche, audit e valutazione.

21 I l Sist ema I nf ormat ivo e Gest ionale: le f unzioni (i)

22 I l Sist ema I nf ormat ivo e Gest ionale: le f unzioni (ii)

23 Per inf ormazioni, not izie e document i sul Programma Transf ront aliero I PA Adriat ico : www. adriat icipacbc. org inf icipacbc. org

24

Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic

Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic Avviso Pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma IPA-Adriatic Allegato A Profilo, competenze richieste e requisiti di partecipazione

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP. PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: dgr 193/2013 "Approvaz ione programma "Energia ef f i c i e n t e - piano per promuovere e sos t enere l ' e f f i c i e n z a energe t i c a del l

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE Cosa è Digicult Il portale web Il magazine online Il podcast e la newsletter L'agenzia D i gi C U L T è u n a p i a t t a f o r m a c u l t u r al e It alia n a o n li

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME

IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME IPA ADRIATIC CBC PROGRAMME Prospettive future per la regione Adriatica nella Cooperazione Territoriale Europea L Aquila 14 Aprile 2014 Avv. Paola Di Salvatore Autorità di Gestione Programma IPA Adriatic

Dettagli

Tratto da SaluteInternazionale.info

Tratto da SaluteInternazionale.info Tratto da SaluteInternazionale.info La via cooperativa alla privatizzazione della sanità. Il caso di Modena 2015-03- 04 14:03:47 Redaz ione SI Gianluigi T rianni La convenzione tra Ausl di Modena e Coop

Dettagli

dr.ssa PALMINA ROMANO promano@studioamconsulting.it - tel 349.3594459 - www.studioamconsulting.it.

dr.ssa PALMINA ROMANO promano@studioamconsulting.it - tel 349.3594459 - www.studioamconsulting.it. LE FONTI DI FINANZIAMENTO PUBBLICO E PRIVATO PER IL TERZO SETTORE: ANALISI DELLE OPPORTUNITÀ, DELLE FONTI D INFORMAZIONE, GUIDA ALLA LETTURA DEI BANDI. dr.ssa PALMINA ROMANO promano@studioamconsulting.it

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

FormezPa Centro servizi, assistenza, studi e formazione per l ammodernamento delle PA

FormezPa Centro servizi, assistenza, studi e formazione per l ammodernamento delle PA FormezPa Centro servizi, assistenza, studi e formazione per l ammodernamento delle PA Avviso pubblico per la selezione di esperti per il Segretariato Tecnico Congiunto presso la Regione Abruzzo del Programma

Dettagli

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti:

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti: REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Finanze e Credito Servizio Informatica Servizio Agevolazioni nelle Operazioni creditizie di garanzia Manuale per la compilazione

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io;

compr ese quelle r elat ive al f unzionament o del sist ema bibliot ecar io; &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD 5(*2/$0(172 %,%/,27(&$&2081$/( $UW²&RPSLWLHVHUYL]LGHOOD%LEOLRWHFD La Bibliot eca di Mede è un ist it uzione cult ur ale che, ispir andosi ai pr incipi det t at i dal Manif

Dettagli

3. ORGANISMI INTERMEDI

3. ORGANISMI INTERMEDI PON Governance e Azioni di Sistema FSE 2007-2013 Descrizione dei Sistemi di gestione e controllo ex art. 21, Reg. (CE) n.1828/2006 Allegato XII 3. ORGANISMI INTERMEDI 3.1 Dipartimento Funzione Pubblica

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA C.A.P. 98060 C.F. 00108980830 Reg. N del DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO : CONTROLLI INTERNI DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO. ATTO

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea

Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Programmazione 2014-2020: le sfide per la nuova dimensione della cooperazione territoriale europea Silvia Grandi Dirigente Responsabile - Servizio intese istituzionali e programmi speciali d area sigrandi@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD

23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD C O M U N E *5((138%/,&352&85(0(17² $&48,67,9(5', 23325781,7$ (69,/8332'(/7(55,725,2 *OLDFTXLVWLYHUGLGHO&2081(',)(55$5$ GDOODWHRULDDOODSUDWLFD Saler no 15 giugno 2007 VALERI A NARDO VALERIA NARDO 1 C O

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia I l segmento degli istituti superiori deve neces s ar iamente tener conto delle

Dettagli

Rapporto d audit. Azienda: TD SRL Tipo audit: CERTIFICAZIONE Norma : UNI EN ISO 9001:2008 Data dell audit : 13/03/2015 n dossier : 3150511

Rapporto d audit. Azienda: TD SRL Tipo audit: CERTIFICAZIONE Norma : UNI EN ISO 9001:2008 Data dell audit : 13/03/2015 n dossier : 3150511 Rapporto d audit Azienda: TD SRL Tipo audit: CERTIFICAZIONE Norma : UNI EN ISO 9001:2008 Data dell audit : 13/03/2015 n dossier : 3150511 Responsabile del dossier : Afnor Italia srl Tel. : +39 039 325

Dettagli

SVILUPPATO E DISTRIBUITO DA:

SVILUPPATO E DISTRIBUITO DA: SVILUPPATO E DISTRIBUITO DA: Head Office & Mar keting Depar tment: Bologna, via dell Elettr icista 10, 40138 Tel e Fax: +39 051 307060 Software Development & Customer Service: Salerno, V ia Posidonia 307/b,

Dettagli

nella programmazione 2014-2020

nella programmazione 2014-2020 La cooperazione territoriale europea nella programmazione 2014-2020 Monica Bellisario Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Brescia, 2 ottobre 2014 PO CTE 2014-2020 IN ITALIA I territori

Dettagli

Ragioneria Generale dello Stato IGRUE LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013

Ragioneria Generale dello Stato IGRUE LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 LINEE GUIDA SUI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Roma, 19 aprile 2007 1 Indice PARTE I IL QUADRO ISTITUZIONALE E NORMATIVO 2007 2013... 4 1. Sintesi delle principali innovazioni

Dettagli

Banca dati degli Indicatori Annuario (http://annuario.isprambiente.it/)

Banca dati degli Indicatori Annuario (http://annuario.isprambiente.it/) APPENDICE Banca dati degli Indicatori Annuario (http://annuario.isprambiente.it/) Introduzione La gestione e la dif fusione dell infor mazione ambientale sono tra le funzioni istituzionali più significative

Dettagli

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana

Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 Modello di convenzione tra Capofila e Partner Parte italiana Versione gennaio

Dettagli

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO Bozza di linee guida sulle funzioni dell Autorità di Certificazione Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 COMMISSIONE EUROPEA STATO MEMBRO Responsabili d Asse

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA

Conto Corrente. Offert a POS-sibile SFERA IMPRESA Conto Corrente Offert a riservat a ai nuovi client i impresa, con fat t urat o annuo non superiore a 2.500.000, che richiedono cont est ualment e anche l at t ivazione del servizio POS. SEMPREPIU IMPRESA

Dettagli

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica U NIVERSITÀ DEGLI STUDI DI F ACOLTÀ D IPARTIMENTO DI DI P ALERMO I NGEGNERIA I NGEGNERIA I NFORMATICA CORSO DI I N GEG N ERIA AT GE GN ERI A I N FORM FO RMA TIICA CA LAUREA PER PE R I IN S I ST EMI LIIG

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO E DELIBERATIVO DI RIFERIMENTO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO E DELIBERATIVO DI RIFERIMENTO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI COMUNI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA AFFERENTI ALLE PROVINCE DI FERRARA, RAVENNA, FORLÌ-CESENA E RIMINI AVENTI POPOLAZIONE

Dettagli

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012).

RESOCONTO 35 COMITATO IPA (Bruxelles, 5 dicembre 2012). Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA COMMERCIALE INTERNAZIONALE Divisione VI Europa e Mediterraneo RESOCONTO 35 COMITATO

Dettagli

WWW.CONSORZIODAFNE.COM

WWW.CONSORZIODAFNE.COM ;9,&RQJUHVVRIDUH,O&DPELDPHQWRQHO6LVWHPD6DQLWDULR L3URYYHGLWRULHJOL(FRQRPLWUD&LWWDGLQR,VWLWX]LRQLH0HUFDWRµ %HUJDPR2WWREUH 5HOD]LRQH,O&RQVRU]LR'$)1(HODGHPDWHULDOL]]D]LRQHGHL GRFXPHQWLQHOODVXSSO\ FKDLQ IDUPDFHXWLFD

Dettagli

1HZVOHWWHU6,7$' QXP 6HWWHPEUH 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH. $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3. 6,7$' pag. 4. 6WUDGDULR8QLFR pag.

1HZVOHWWHU6,7$' QXP 6HWWHPEUH 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH. $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3. 6,7$' pag. 4. 6WUDGDULR8QLFR pag. 1HZVOHWWHU6,7$' 6HWWHPEUH QXP 6RPPDULR 3UHVHQWD]LRQH Cosa è una newsletter pag. 2 Cosa è un groupware pag. 2 $WWLYLWjSURJHWWLGDWLVHUYL]LHLQL]LDWLYH pag. 3 6,7$' pag. 4 6WUDGDULR8QLFR pag. 6 $SSHQGLFH pag.

Dettagli

ppunti ed esercizi del corso di I nf orm a tica B I ng eg neria M ecca nica, P ia cenza I nf orm a tica C I ng eg neria dei T ra sporti, P ia cenza lg eb ra di B ool, b locch i f unziona li, ta b ella

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO POR FESR LAZIO 2007/2013 CCI 2007IT162PO004

DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO POR FESR LAZIO 2007/2013 CCI 2007IT162PO004 DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO POR FESR LAZIO 2007/2013 CCI 2007IT162PO004 Versione Aprile 2012 INDICE 1 DATI GENERALI... 3 1.1 Informazioni presentate da:... 3 1.2 Le informazioni fornite

Dettagli

Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities

Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities Legnaro, 19 novembre 2013 Progetto Alterenergy Energy sustainability for Adriatic Small Communities Finanziamento Europeo: programma Transfrontaliero IPA Adriatico dott. Loris Agostinetto Settore Bioenergie

Dettagli

chalky finish soft touch Mobili, pareti, complementi d arredo, oggetti, colori... scopri gli elementi chiave per uno stile shabby chic.

chalky finish soft touch Mobili, pareti, complementi d arredo, oggetti, colori... scopri gli elementi chiave per uno stile shabby chic. chalky finish soft touch Mobili, pareti, complementi d arredo, oggetti, colori... scopri gli elementi chiave per uno stile shabby chic. rinnovare mobili, pareti, quadri, oggetti, tutto ciò che ci circonda:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (DGRV n. 504 del 02/03/2010 e DDR n. 426 del 11/05/2010)

AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO SANITARIO (DGRV n. 504 del 02/03/2010 e DDR n. 426 del 11/05/2010) ALLEGATO 1 Regione del Veneto AZIENDA ULSS 16 DI PADOVA In esecuzione della Deliberazione del Direttore Generale n. del è indetto AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE Al PERCORSI FORMATIVI PER OPERATORE SOCIO

Dettagli

Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione

Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione Legge 1329/ 65 Sabatini 2**(772 Agevolazione per l acquist o o il leasing di nuove m acchine ut ensili o di produzione %(1(),&,$5, Piccole e m edie im prese appart enent i a St at i m em bri dell Unione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE Piano Aziendale Gest ione Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure 2010/2012

DIREZIONE GENERALE DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE Piano Aziendale Gest ione Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure 2010/2012 REV. 0 Pag. 1 / 22 INDICE PREMESSA 1. Scopo 2. Campo applicazione 3. Responsabilità 4. Specifiche di Servizio/Prodotto 5. Obiettivi 6. Modalità applicative 7. Distribuzione 8. Conclusioni ALLEGATO Progetti

Dettagli

Partita la procedura per l iscrizione all'elenco dei beneficiari del 5x1000 per il 2015

Partita la procedura per l iscrizione all'elenco dei beneficiari del 5x1000 per il 2015 Newsletter realizzata nell ambito del Piano di interventi per l associazionismo della Città metropolitana di Bologna Aprile 2015 Partita la procedura per l iscrizione all'elenco dei beneficiari del 5x1000

Dettagli

Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente

Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente Movimenti ripetitivi: Strumenti e supporti per il Medico competente S. Nicola la Strada, 3 aprile 2012 r. Pietro Carm in Dr. Movimenti ripetitivi: Uno strumento mancante, la Legge NON PREVISTE NORME SPECIFICHE

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione

Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione Programmazione 2014-2020 Cooperazione territoriale europea: Quadro giuridico e stato di attuazione Michele Migliori Direzione Generale Programmazione Territoriale Intese Relazioni europee e internazionali

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

PROPOSTA DI CONVENZIONE RISERVATA:

PROPOSTA DI CONVENZIONE RISERVATA: PROPOSTA DI CONVENZIONE RISERVATA: - ESCLUSIVA CON: Nexus SRL - Agenzia Taranto Corso Umberto I, 169 Taranto 099.4002870 349.3656078 Partner Proposta Commerciale - STRALCIO CONVENZIONE Regolamento Riferimenti

Dettagli

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013 Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA CERTIFICAZIONE DELLA SPESA DEL P.O. FSE 2007-2013 Versione 4.0 Aggiornata al 19 settembre 2014 COORDINAMENTO E REDAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA SULL ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE GARANZIA GIOVANI

LINEE GUIDA SULL ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE GARANZIA GIOVANI LINEE GUIDA SULL ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE GARANZIA GIOVANI PREMESSA... 3 FUNZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA IN QUALITÀ DI ORGANISMO INTERMEDIO DEL PIANO ATTUATIVO REGIONALE GARANZIA GIOVANI...

Dettagli

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica.

Ha presenziato ai lavori l Ing. Mancurti Capo del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica. PROGRAMMA DI ASSISTENZA TECNICA TRA ISTITUTZIONI (PATTI) Italia-Albania Dipartimento per le Politiche Regionali della Presidenza del Consiglio Roma, 12 aprile 2011 Seconda riunione Si è svolta a Roma lo

Dettagli

Il Programma Urbact II

Il Programma Urbact II Il Programma Urbact II Indice dei contenuti Le caratteristiche del Programma Obiettivi e Priorità Tematiche Ambito Geografico ed Attori Eleggibili Risorse Finanziarie La candidatura: indicazioni per la

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Andrea Raschi. Qualifica professionale. Esperienza professionale. Nome/Cognome

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Andrea Raschi. Qualifica professionale. Esperienza professionale. Nome/Cognome Curriculum Vitae Informazioni personali Nome/Cognome Indirizzo via G.Galiei,13 06019 Umbertide (PG) Telefono +39 338 8692643 E-mail Web site Cittadinanza raschiandrea@libero.it www.fisiobrain.com Italiana

Dettagli

DISTRE,TTO SOCIO. SANITARIO N.

DISTRE,TTO SOCIO. SANITARIO N. I \ t DISTRE,TTO SOCIO. SANITARIO N. 45 Comune di Modica Comune di Scicli Comune di lspica Comune di Pozzallo AZIENDA SAN.PROV DISTRETTO DI MODICA Le Amministrazioni Comunali di: PROTOCOLLO D'INTESA DBL

Dettagli

MANUALE SISTEMA DI GESTIONE Ed.1 Rev.1 del 02/05/13

MANUALE SISTEMA DI GESTIONE Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 DS DIRIGENTE SCOLASTICO A n t o n e l la R o m e o CI CONSIGLIO DI ISTITUTO RESP. RELAZIONI ESTERNE A n t o n io S a n t o r o RESP. SERV. PREVENZIONE E PROTEZIONE M i l le l l i/ S a n t o r o ** COLLABORATORI

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

C E R T I F I C A T O R E E N E R G E T I C O D E G L I E D I F I C I

C E R T I F I C A T O R E E N E R G E T I C O D E G L I E D I F I C I C E R T I F I C A T O R E E N E R G E T I C O D E G L I E D I F I C I D. G. R. 1 7 5 / 0 0 r e q u i s i t i ( D. G. R. n. 1 0 5 0 / 0 0 ) Tecnici qualificati, singoli o associati, con diploma di laurea

Dettagli

REGOLE di PARTECIPAZIONE H2020

REGOLE di PARTECIPAZIONE H2020 REGOLE di PARTECIPAZIONE H2020 Testo di compromesso (ver. luglio 2013) UNICO SET DI REGOLE PER HORIZON 2020 REGOLAMENTO FINANZIARIO DELL UE A COPERTURA DI TUTTI I PROGRAMMI DI RICERCA/INIZIATIVE DI FINANZIAMENTO

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati

Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati Il ruolo del Geologo nella bonifica dei siti contaminati Geol. Giovanni Savarese 1 D.Lgs 3 Aprile 2006, n 152 Norme in materia Ambientale Supp. 90 GU n.88 del 14/ 04/ 2006 Parte IV Titolo V Bonifica di

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 in Emilia-Romagna

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 in Emilia-Romagna Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 in Emilia-Romagna Seminario DirEUropa:i fondi europei come opportunità per lo sviluppo locale Rimini, 16 aprile 2014 Michele Migliori Servizio Politiche europee

Dettagli

DIREZIONE CULTURA e CREATIVITA' Politiche giovanili, pace e cooperazione decentrata. DETERMINAZIONE Nr. 2956 / 2012 IL RESPONSABILE

DIREZIONE CULTURA e CREATIVITA' Politiche giovanili, pace e cooperazione decentrata. DETERMINAZIONE Nr. 2956 / 2012 IL RESPONSABILE DIREZIONE CULTURA e CREATIVITA' Politiche giovanili, pace e cooperazione decentrata DETERMINAZIONE Nr. 2956 / 2012 OGGETTO: Progetto "Youth AdriNet", IPA Adriatic CBC Programme 2007/2013. Approvazione

Dettagli

48(67,21$5,26$1,7$5,2. Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale

48(67,21$5,26$1,7$5,2. Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale 48(67,21$5,26$1,7$5,2 Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale DI CHI ARAZI ONI DELL ASSI CURATO RELATI VE ALLE SUE PRECEDENTI ED ATTUALI CONDIZIONI SANI TARIE 1 STATO DI SALUTE

Dettagli

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata La Regione Basilicata ha attivi sul proprio territorio 3 Programmi di investimento delle risorse comunitarie per un ammontare

Dettagli

PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T PARTENZA 01 APRILE 435,00

PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T PARTENZA 01 APRILE 435,00 PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T P E N S IO N E C O M P LE TA C O N LE B E V A N D E PARTENZA 01 APRILE 435,00 CAPO VERDE - BOAVISTA A TLA N TIS C LU B M A R IN E 9G G /7N

Dettagli

titolo di studio Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l Università di Bologna il 26/5/1983 altri titoli di studio e professionali

titolo di studio Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l Università di Bologna il 26/5/1983 altri titoli di studio e professionali Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI nome e cognome MICHELE DE VITA data di nascita 2 aprile 1957 Ancona qualifica Dirigente (dall 1/6/1998) amministrazione Camera di Commercio di Ancona incarico attuale

Dettagli

Il buon funzionamento del team di lavoro

Il buon funzionamento del team di lavoro Team Building 21-22 s e t t e m b r e 20 10 Valori emergenti Lavoro di squadra Leadership situazionale Comunicazione trasparente, solidale, interattiva, sintetica Costruzione di rapporti WIN - WIN Il buon

Dettagli

Lucca 7 luglio 2013 Seminario. Procedure per la gara del trasporto pubblico locale in Toscana

Lucca 7 luglio 2013 Seminario. Procedure per la gara del trasporto pubblico locale in Toscana Lucca 7 luglio 2013 Seminario Procedure per la gara del trasporto pubblico locale in Toscana I dat i alla base della rif orm a del 2010 DISOMOGENEITA NEI FATTORI CHE CARATTERIZZANO L OFFERTA DI TRASPORTO

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

STEFANIA SALERNO VIA TRIPOLI, 89 INT. 11 SCALA A - 00198 ROMA. stefaniasalerno@hotmai l.com

STEFANIA SALERNO VIA TRIPOLI, 89 INT. 11 SCALA A - 00198 ROMA. stefaniasalerno@hotmai l.com CURR ICULUM V I TAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Ind i r izzo STEFANIA SALERNO VIA TRIPOLI, 89 INT 11 SCALA A - 00198 ROMA Telefono 349/6906028 E-mai l stefaniasalerno@hotmai l com Nazional i

Dettagli

La strutturazione dei processi della Funzione Sistemi Informativi come percorso di implementazione della IS Governance: modelli e strumenti operativi

La strutturazione dei processi della Funzione Sistemi Informativi come percorso di implementazione della IS Governance: modelli e strumenti operativi La strutturazione dei processi della Funzione Sistemi Informativi come percorso di implementazione della IS Governance: modelli e strumenti operativi Andrea Pagliari, Elisa Pozzoli Copyright SDA Bocconi

Dettagli

risultato indicatore composito 93,20% 79,60%

risultato indicatore composito 93,20% 79,60% PDR 2010 INDICATORI QUOTA NAZIONALE MARGINE OPERATIVO LORDO (a criteri IAS) RICAVI PRO CAPITE (a criteri IAS) risultato indicatore composito erogazione 93,20% 79,60% PDR 2010 QUOTA REGIONALE Accordi regionali

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 BILANCIO PLURIENNALE 2010-2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 BILANCIO PLURIENNALE 2010-2012 Agenzia Mobilita Metropolitana Torino Consorzio tra Enti Locali ALLEGATO A BILANCIO DI PREVISIONE 200 e BILANCIO PLURIENNALE 200-202 025 TORINO, Via Belfiore 23/C TEL.. 0 302.52./23 FAX: 0 302.52.00 Cod.

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna

Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020. Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Lodovico Gherardi Regione Emilia-Romagna 1 La Cooperazione Territoriale Europea si inserisce nell ampio panorama di interventi programmati dalla Comunità Europea

Dettagli

- Decisione di esecuzione della Commissione C(2014)8021 del 29 ottobre 2014 che adotta l Accordo di Partenariato 2014-2020 Italia;

- Decisione di esecuzione della Commissione C(2014)8021 del 29 ottobre 2014 che adotta l Accordo di Partenariato 2014-2020 Italia; REGIONE PIEMONTE BU15 16/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 marzo 2015, n. 3-1201 Programmazione Fondi Strutturali e d'investimento Europei 2014-2020. Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR. Circolare Prot.n. AOODGAI/4462 del 31/03/2011

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR. Circolare Prot.n. AOODGAI/4462 del 31/03/2011 1 LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR ELABORAZIONE a cura dell Ufficio Studi e Consulenza PON-POR-IFTS Anquap La progettazione dei Piani Integrati d Intervento PON-FSE per l anno scolastico 2011/2012

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE DEL PROGRAMMA DI LAVORO PER IL 2015

PROGETTO PRELIMINARE DEL PROGRAMMA DI LAVORO PER IL 2015 Consiglio di amministrazione PROGETTO PRELIMINARE DEL PROGRAMMA DI LAVORO PER IL 2015 DEL CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA CT/CA-007/2014IT ADOTTATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI SUL RENDICONTO GENERALE DELLO STATO

ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI SUL RENDICONTO GENERALE DELLO STATO ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XIV N. 3 RELAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI SUL RENDICONTO GENERALE DELLO STATO (Per l esercizio finanziario 2014) Trasmessa alla Presidenza il

Dettagli

A.5 Quali sono i territori non direttamente transfrontalieri che possono partecipare ai progetti?

A.5 Quali sono i territori non direttamente transfrontalieri che possono partecipare ai progetti? A. PRIMA DI DEPOSITARE IL DOSSIER A.1 Come trovare un partner? Per trovare un partner si può: - Rivolgersi ad un'amministrazione italiana o francese che si occupi di progetti europei (vedi lista sul vademecum

Dettagli

I nit ial Public Of f ering")

I nit ial Public Of f ering) L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene

Dettagli

FPJS Manuale descrittivo sui sistemi e le procedure di gestione e controllo del Fondo di Partecipazione JESSICA della Regione Siciliana

FPJS Manuale descrittivo sui sistemi e le procedure di gestione e controllo del Fondo di Partecipazione JESSICA della Regione Siciliana FPJS Manuale descrittivo sui sistemi e le procedure di gestione e controllo del Fondo di Partecipazione JESSICA della Regione Siciliana (Versione 2.0) Versione 2.0 Dicembre 2012 INDICE LISTA DEGLI ACRONIMI...

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

La normativa nazionale ed europea in materia di controllo ufficiale

La normativa nazionale ed europea in materia di controllo ufficiale Le disposizioni in materia di sicurezza alimentare applicate ai laboratori accreditati Roma 15-16 Novembre 2011 La normativa nazionale ed europea in materia di controllo ufficiale 1 Le disposizioni in

Dettagli

Osservatorio Europeo. Osservatorio Europeo CRED.IT SOCIETA' FINANZIARIA SPA

Osservatorio Europeo. Osservatorio Europeo CRED.IT SOCIETA' FINANZIARIA SPA Osservatorio Europeo CRED.IT SOCIETA' FINANZIARIA SPA Il mercato dell'auto Il mercato dell'auto (in numero d'immatricolazioni di veicoli nuovi) 8 2.162. 2.5.28 3 3.9.4 1. 1 6 1. 1 7 6 213. 386 182. 554

Dettagli

Posta Pick up Light SP ALT CENTRO RAM1

Posta Pick up Light SP ALT CENTRO RAM1 Posta Pick up Light Caratteristiche del servizio: Il servizio Posta Pick up Light ha per oggetto il ritiro da parte del portalettere di Posta Prioritaria, Posta Raccomandata e Posta Assicurata diretta

Dettagli

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE

FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE FONDI COMUNITARI E LORO UTILIZZAZIONE Corso di formazione convenzionato da INPS per i dipendenti delle Amministrazioni pubbliche partecipanti al programma Valore P.A. A.A. 2015-2016 1. Finalità I Fondi

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE Programma Operativo ITALIA-FRANCIA MARITTIMO 2007 2013 Sommario 1. Premessa 3 2. Obiettivi e destinatari 4 3. Strategia 7 4. Azioni di comunicazione 10 5. Calendario

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011

REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011 REGIONE PIEMONTE BU52 29/12/2011 Codice DB1601 D.D. 5 dicembre 2011, n. 618 Programma Operativo Regionale (POR) della Regione Piemonte, a titolo dell'obiettivo "Competitivita' regionale e Occupazione",

Dettagli