GUIDA PAESE: EMIRATI ARABI UNITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA PAESE: EMIRATI ARABI UNITI"

Transcript

1 GUIDA PAESE: EMIRATI ARABI UNITI

2 INDICE 1. QUADRO ECONOMICO POLITICO GENERALE INTRODUZIONE CENNI SULLA FORMA DI GOVERNO QUADRO ECONOMICO PERCHÈ INVESTIRE NEGLI EAU? QUADRO GIURIDICO GENERALE QUADRO GIURIDICO INTERNO QUADRO GIURIDICO INTERNAZIONALE CONVENZIONE BILATERALE TRA ITALIA ED EMIRATI ARABI UNITI SULLA PROMOZIONE E LA PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI RICONOSCIMENTO DEI PROVVEDIMENTI GIURISDIZIONALI ED ARBITRALI STRANIERI STRATEGIE E FORME DI INVESTIMENTO A CONFRONTO INTRODUZIONE INVESTIMENTI INDIRETTI Compravendita Disciplina relativa ad agenzia, distribuzione e franchising Fonti normative Esercizio di attività di Agenzia Commerciale Normativa ed adempimenti imposti all Agente Commerciale Disciplina sostanziale del rapporto di Agenzia Commerciale INVESTIMENTI DIRETTI Le tipologie di investimento diretto Ufficio di rappresentanza e succursale Introduzione Quadro normativo Registrazione La Limited Liability Company (LLC) Introduzione Costituzione della LLC nel mainland Costituzione di società nelle Free Zone CENNI DI DIRITTO DEL LAVORO FONTI NORMATIVE TIPOLOGIA DI CONTRATTI DI LAVORO SVOLGIMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO NEGLI EAU

3 4.4 RETRIBUZIONE E SALARIO MINIMO LA TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI SCIOGLIMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO

4 1. QUADRO ECONOMICO POLITICO GENERALE 1.1 Introduzione Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) si trovano nella parte sud-est della penisola arabica, la parte meridionale del Golfo Persico. Il Paese ha una superficie piuttosto ridotta ( Km2, meno di 1/3 dell Italia) con una popolazione di circa abitanti; tuttavia, l importanza degli EAU è enorme, sia per la posizione geografica strategica sia per la produzione di petrolio. Un tempo pescatori di perle, gli abitanti degli EAU hanno messo a buon frutto i proventi del petrolio, ed hanno adottato in gran parte lo stile di vita occidentale. Fino al 1971, costituivano una sorta di protettorato della Gran Bretagna (denominati gli Stati della Costa dei Pirati o Stati della Tregua, a causa dei vari trattati stipulati fra i loro sovrani e la Gran Bretagna), che ne gestiva la politica estera, oltre che garantirne la difesa. 1.2 Cenni sulla forma di governo L attuale federazione di monarchie assolute ereditarie si è costituita, come Stato unitario, alla fine del secolo scorso. Nel 1971, infatti, sei Emirati (Abu Dhabi, Dubai, Sharjah, Ajman, Umm Al Quwain e Fujairah) hanno costituito la Federazione degli Emirati Arabi Uniti, cui ha aderito, nel 1972 anche l Emirato di Ras Al Khaimah. Dal 1971 alla fine degli anni Novanta, gli aspetti politico-istituzionali degli EAU sono stati regolati da una Costituzione provvisoria, che solo nel 1996 è diventata permanente. L assetto costituzionale odierno si compone dei seguenti organi di governo: il Consiglio Supremo Federale, il Consiglio Federale Nazionale e il Consiglio dei Ministri. Il Consiglio Supremo Federale, formato dai sette Emiri che governano gli Emirati membri, costituisce l organo supremo della Federazione, cui la Costituzione demanda la competenza legislativa nelle aree specificatamente elencate negli articoli 120 e 121. Tra le materie riservate alla potestà legislativa del Consiglio Supremo Federale vi sono gli affari esteri, la sicurezza e la difesa, la cittadinanza e l immigrazione, l educazione, la sanità, la politica valutaria, - 4 -

5 l estradizione e altri settori che riguardano i servizi fondamentali ai cittadini. Il potere legislativo relativamente alle materie non riservate dalla Costituzione o dalle leggi federali al Consiglio Supremo Federale rimane ai singoli Emirati. Il Consiglio Supremo Federale guida la politica della Federazione, nomina i membri del Governo e della Corte Suprema, ratifica le leggi federali in materia di politica interna ed estera (dette leggi possono, tuttavia, essere emendate dal Presidente del Consiglio Supremo Federale). Ogni decisione deve ottenere l assenso di cinque membri, inclusi quello dell Emiro di Abu Dhabi e quello dell Emiro di Dubai che godono, quindi, di un vero e proprio diritto di veto. Sebbene la Costituzione non lo stabilisca espressamente, il Consiglio Supremo Federale è sempre stato presieduto dall Emiro di Abu Dhabi, mentre l incarico di Vice-presidente o di primo Ministro è stato usualmente ricoperto dall Emiro di Dubai. Il Consiglio Federale Nazionale è un organo con funzione consultiva ed è composto da quaranta membri. Ogni Emirato elegge un numero prestabilito di membri che varia in relazione alla densità di popolazione. Il ruolo principale del Consiglio Federale Nazionale è quello di esaminare ed eventualmente proporre emendamenti a ogni tipo di iniziativa legislativa federale. Esso, inoltre, svolge un ruolo di controllo sull operato dei ministri. Altra importante funzione è la redazione del documento di programmazione finanziaria annuale. Il Consiglio dei Ministri, l organo esecutivo, è presieduto dal Primo Ministro e dal Vice-Primo Ministro, entrambi nominati dal Presidente del Consiglio Supremo Federale sulla base di una consultazione con gli altri membri. L attuale regime degli EAU presenta una notevole stabilità. L Emirato di Abu Dhabi domina, di fatto, gli altri sei Emirati sia in termini politici sia in termini economici per la rilevanza delle entrate petrolifere. 1.3 Quadro economico Dalla scoperta delle risorse petrolifere nel 1958, gli EAU hanno subito una profonda trasformazione: da regione impoverita di piccoli principati nel deserto ad uno Stato moderno che garantisce alti standard di vita

6 Gli EAU sono tra i paesi arabi di maggiore interesse, grazie all elevato reddito, derivante non solo dal petrolio ma anche dall industria manifatturiera, dal commercio, dai servizi e dalla fortissima propensione all import, trainata dalla domanda interna, sia di beni di investimento sia di beni di consumo, ma soprattutto dalla domanda di altri paesi del Medio Oriente, dell Africa e dell Asia, nei confronti dei quali gli EAU svolgono la funzione di distributori di beni importati da terzi. Ciò pone il Paese in una posizione strategica di piattaforma ad ampio raggio per raggiungere i mercati del Middle East, Far East e dell Africa. Le opportunità maggiori nel settore dei beni di investimento riguardano l industria petrolifera, le attrezzature elettriche e per la distribuzione idrica, le macchine e le attrezzature meccaniche, in particolare per le industrie leggere; mentre nel settore dei beni di consumo, riguardano la produzione e la commercializzazione di gioielli, mobili e abbigliamento. L Italia esporta molto negli EAU (4,735 miliardi di Euro nel 2011), ciononostante è solamente al settimo posto nella graduatoria dei fornitori degli EAU. Vi sono, però, ampi margini per migliorare la penetrazione italiana nel mercato. Interessanti prospettive commerciali ed economiche sono offerte anche dall erogazione di servizi e, soprattutto, dalla partecipazione a gare d appalto indette dalle singole municipalità o dalle autorità emiratine. In tal senso, si rileva come molti settori risultino ancora parzialmente inesplorati, tra essi si segnalano quelli dello smaltimento dei rifiuti, della gestione e dell erogazione di servizi essenziali. L economia degli EAU continua ad essere fortemente dipendente dal petrolio e dal gas, nonostante il Governo abbia intrapreso una politica di diversificazione dell economia, riducendo al 25% la porzione di PIL derivante dagli stessi. La necessità di diversificare tra settori economici ha spinto gli EAU ad investire in infrastrutture e telecomunicazioni e a stimolare il settore privato, il commercio e gli investimenti esteri. Negli ultimi anni il Governo ha promosso e favorito la creazione di un clima favorevole per gli affari, eliminando i controlli sui cambi e agganciando la moneta nazionale al Dollaro statunitense (la moneta - 6 -

7 nazionale è il Dirham, legato al Dollaro statunitense al cambio 3,673/1 Dirham/Dollaro. Il tasso di cambio medio Dirham/Euro a maggio 2012 è stato di 4,704/1). 1.4 Perchè investire negli EAU? In estrema sintesi, qui di seguito, alcune delle motivazioni principali che rendono un investimento negli EAU particolarmente attrattivo: posizione strategica tra l Europa e l Asia; area a sviluppo molto rapido; dazi alle importazioni bassi; economia stabile; tassazione favorevole; forte presenza di Free Zone per le imprese manifatturiere, ma anche per il commercio ed i servizi finanziari; infrastrutture integrate e moderne, porti ben attrezzati, diversi aeroporti internazionali, efficienti sistemi di comunicazione, acqua ed elettricità abbondanti, rete stradale altamente sviluppata; vicinanza ai mercati dell Africa, dell Asia centrale e dell India

8 2. QUADRO GIURIDICO GENERALE 2.1 Quadro giuridico interno Il sistema giuridico degli EAU viene classificato come misto civil law islamico. Ciò in quanto, sebbene la legislazione locale derivi, in via generale, da quella egiziana (e, quindi, da una tradizione di diritto civile ove il precedente giudiziario non è vincolante per i giudici che dovranno decidere casi analoghi), molte questioni continuano ad essere disciplinate dalla Shari a (Legge Coranica). La Costituzione degli EAU prevede, infatti, che l Islam sia la religione di Stato e la Shari a la fonte principale del diritto, pertanto nessuna legge degli EAU può contraddire i principi di tale legislazione coranica. Va segnalato, tuttavia, che, nella prassi, l applicazione della Shari a è limitata a questioni di carattere personale dei cittadini degli EAU e di altri cittadini mussulmani che si trovano negli EAU ed a quelle in merito alle quali non esiste una legge o una norma federale o dell Emirato in questione. Le attività economiche sono regolate sia da leggi federali sia da leggi emanate nei singoli Emirati. Sebbene già dalla fine degli anni 80 ed, in particolare, nella prima metà degli anni 90, le Autorità abbiano cercato di uniformare il corpus normativo da applicare all intero Paese, questo processo non può dirsi ancora concluso ed esistono a tutt oggi diversità procedurali e legislative tra un Emirato e l altro. Il sistema giudiziario è strutturato in un sistema di corti federali civili accanto alle quali operano le corti islamiche che giudicano seguendo le regole dettate dalla Shari a. Sia per le decisioni delle corti federali, sia per le decisioni delle corti islamiche è previsto il doppio grado di giurisdizione. Entrambe possono essere appellate di fronte ad una corte di livello superiore. La Suprema Corte Federale è la corte di ultima istanza. La Corte Suprema Federale è composta da cinque giudici nominati dal Consiglio Supremo Federale. Le Corti che applicano la Shari a, sono presenti in tutti gli Emirati. Esse hanno competenza nell ambito del diritto delle persone e della - 8 -

9 famiglia, del diritto penale e, in casi specifici e limitati, giudicano su questioni di diritto civile. L indipendenza del potere giudiziario è garantita dalla Costituzione. 2.2 Quadro giuridico internazionale Gli EAU sono membro del Consiglio della Cooperazione del Golfo (CCG), della Lega Araba, dell Organizzazione della Conferenza Islamica (OCI), delle Nazioni Unite (ONU), dell Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) e dell Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC), nonché delle altre più importanti organizzazioni internazionali e regionali. Si segnala che gli EAU hanno ratificato, tra l altro, la Convenzione di Parigi del 20 marzo 1883 sulla tutela della proprietà industriale e intellettuale e la Convenzione di New York del 1958 sul riconoscimento ed esecuzione dei lodi arbitrali stranieri. Qui di seguito si elencano gli accordi bilaterali stipulati con l Italia e in vigore: Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni fiscali, con Protocollo aggiuntivo, stipulata ad Abu Dhabi il 22 gennaio 1995 (Legge di ratifica n. 309/1997); Accordo sulla promozione e protezione degli investimenti, con Protocollo aggiuntivo, stipulato ad Abu Dhabi il 22 gennaio 1995 (Legge di ratifica n. 32/1997); Accordo diretto a stabilire servizi aerei fra i loro rispettivi territori, e al di là di essi, firmato ad Abu Dhabi il 3 aprile 1991 (Legge di ratifica n. 202/1997); Memorandum sulle Consultazioni Rafforzate, firmato nel gennaio 2007; Accordo istitutivo di un Gruppo di Collaborazione interparlamentare, firmato nel gennaio 2009; Accordo di cooperazione militare, ratificate nel 2003; Scambio di note in materia economica, finanziaria e culturale (notificato nel luglio 1974 a Roma, in vigore dal 24/07/1974); Accordo nel settore della cooperazione economica, - 9 -

10 industriale, tecnologica e finanziaria, firmato a Roma il 24/12/1984, ratificato il 4/05/1986, è in vigore dal 4/05/1986 con rinnovo tacito quinquennale. Ai fini di una completa valutazione del quadro giuridico internazionale, occorre tenere in considerazione che gli EAU non hanno ratificato la Convenzione di Vienna dell 11/04/1980 sulla compravendita internazionale di beni mobili. 2.3 Convenzione bilaterale tra Italia ed Emirati Arabi Uniti sulla promozione e la protezione degli investimenti Un accordo di promozione e protezione degli investimenti rappresenta, grazie al suo contenuto in termini di principi, la sede naturale in cui trovano la loro sintesi le norme comportamentali che i soggetti che intervengono nell operazione di investimento sono tenuti a osservare. L Italia e gli EAU hanno firmato ad Abu Dhabi nel gennaio 1995 una Convenzione bilaterale sulla promozione e la protezione degli investimenti. La Convenzione è stata ratificata in Italia il 3/02/1997 con legge n. 32 ed è entrata in vigore il 29/4/1997. In termini generali, l Accordo impegna i Governi ad adoperarsi attivamente per creare un ambiente favorevole agli scambi ed agli investimenti con misure amministrative e promozionali utili a rafforzare il clima di fiducia essenziale allo sviluppo della cooperazione economica bilaterale. Il principale aspetto contemplato dell accordo riguarda il riconoscimento del trattamento della nazione più favorita. In base a detto principio, gli Stati contraenti si impegnano ad accordare agli investimenti e ai relativi proventi dell altra parte contraente un trattamento non meno favorevole di quelli già stabiliti in accordi commerciali con altri Paesi terzi. Lo stesso principio trova applicazione in materia di gestione, mantenimento, uso, godimento, acquisizione o cessione di investimenti, o di qualsiasi altra attività connessa. Inoltre, la Convenzione:

11 a) garantisce gli operatori economici dei due Paesi contro eventuali provvedimenti discriminatori, sancendo il principio di non discriminazione; b) riconosce il diritto al risarcimento in caso di danni conseguenti a disordini o a provvedimenti di nazionalizzazione o esproprio; c) stabilisce il principio di libertà di rimpatrio di capitali e redditi; d) stabilisce il principio del diritto di surroga; e) individua i criteri guida per facilitare la ricomposizione delle controversie tra gli Stati. 2.4 Riconoscimento dei provvedimenti giurisdizionali ed arbitrali stranieri L assenza di convenzioni bilaterali o multilaterali per il riconoscimento dei provvedimenti giurisdizionali negli EAU ostacola notevolmente il riconoscimento e l esecuzione negli EAU di un provvedimento emesso da una qualsiasi autorità giudicante ordinaria straniera. Alla luce di ciò e attesa l assenza di accordi in essere con l Italia in materia di assistenza giudiziaria, è bene prevedere nel testo dei contratti che disciplinino i rapporti commerciali con soggetti di nazionalità emiratina un apposita clausola compromissoria che sottoponga le controversie a camere arbitrali locali 1 o anche internazionali 2, i cui lodi potranno essere eseguiti in loco. Nel 2006, infatti, gli EAU hanno sottoscritto la Convenzione Internazionale di New York del sul riconoscimento ed esecuzione dei lodi arbitrali internazionali. Si badi, tuttavia, che occorre prestare attenzione alle norme inderogabili circa la competenza delle corti ordinarie su talune materie. Si pensi, ad esempio, ai rapporti di agenzia o distribuzione disciplinati dalla Commercial Agency Law che prevede la necessaria sottoposizione delle controversie derivanti da un contratto registrato ad un comitato ad hoc. Oppure si tenga in considerazione la difficile eseguibilità di lodi arbitrali emessi in forte contrasto con la Shari a o con principi fondamentali dell ordinamento. 1 es. Dubai International Arbitration Centre (DIAC), Abu Dhabi Commercial Conciliation & Arbitration Centre 2 International Chamber of Commerce

12 3. STRATEGIE E FORME DI INVESTIMENTO A CONFRONTO 3.1 Introduzione Nella prassi commerciale internazionale, gli investimenti stranieri vengono convenzionalmente qualificati in due categorie: a) investimenti indiretti; b) investimenti diretti. Gli investimenti indiretti sono quelle forme di investimento che non sono volte a costituire una presenza stabile dell azienda straniera nel territorio di investimento e sono rappresentate principalmente dalla compravendita, dall agenzia, dalla distribuzione e dal franchising. Gli investimenti diretti sono, invece, quelle forme di investimento che sono volte a costituire una presenza stabile dell azienda straniera nel territorio di investimento attraverso, principalmente, l apertura di uffici di rappresentanza o di succursali, e attraverso la costituzione o l acquisizione di società locali. 3.2 Investimenti indiretti Un azienda italiana che intenda avviare la commercializzazione dei propri prodotti nel mercato degli EAU, ma non ha ancora una propria organizzazione di vendita in loco può considerare di vendere i propri prodotti: a) direttamente al cliente emiratino, tramite un normale contratto di compravendita o di fornitura; b) attraverso le figure di intermediari maggiormente invalse nella prassi internazionale (agenti, distributori, franchisee). La compravendita rappresenta certamente la forma contrattuale più semplice di export dei prodotti negli EAU. Tuttavia, in considerazione del fatto che i prodotti stranieri possono essere importati negli EAU solo da soggetti muniti di apposite licenze, l azienda italiana dovrà assicurarsi che l acquirente emiratino disponga delle menzionate licenze

13 In considerazione di questa limitazione all importazione dei prodotti negli EAU, può risultare opportuno per l azienda italiana provvedere alla nomina di un agente o distributore o franchisee per il territorio, i quali poi provvederanno anche a questi incombenti doganali. Ciò soprattutto nel caso in cui la clientela selezionata sia costituita da utilizzatori che (verosimilmente) non dispongono delle necessarie licenze o comunque che difficilmente accetterebbero di provvedere all espletamento delle formalità doganali all importazione (come nel caso del settore luxury ) Compravendita La disciplina della compravendita è contenuta principalmente nel Codice Civile degli EAU (Federal Law 5/1985). Disposizioni aggiuntive si rinvengono, inoltre, per quanto riguarda le vendite business to business (B2B) nella Commercial Transaction Law (Federal Law 18/1993). Le vendite business to consumers sono invece regolate da una legge specifica sulla tutela dei consumatori (Federal Law 4/1979). Come si è avuto modo di evidenziare, gli EAU non hanno ratificato la Convenzione di Vienna del 1980 sulla compravendita internazionale dei beni mobili. Ne consegue che detta Convenzione troverà applicazione al contratto di compravendita tra un azienda italiana ed un azienda emiratina solo se la legge applicabile al contratto è quella italiana (non sussistono limitazioni alla scelta della legge applicabile al contratto di compravendita) e le parti non hanno escluso l applicabilità della Convenzione di Vienna al contratto. Il Codice Civile emiratino definisce la compravendita come the exchange of non-money property for money (ovvero: lo scambio di beni diversi dal danaro con danaro). Gli elementi essenziali di un contratto di compravendita sono, quindi, l oggetto e il prezzo. Analogamente all Italia, in base al diritto civile emiratino la compravendita di un bene si perfeziona con la manifestazione del consenso tra le parti. Da tale momento scaturiscono, a carico dell acquirente, l obbligazione di pagamento del prezzo e, a carico del venditore, l obbligazione di trasferire la proprietà del bene compravenduto, che deve essere esente da vizi o difetti. Le manifestazioni di volontà possono essere espresse verbalmente o per iscritto o per comportamenti concludenti

14 Di regola, il trasferimento della proprietà dei beni dal venditore all acquirente avviene con il consenso. Nel caso di vendita a rate le parti possono concordare la riserva di proprietà (disciplinata sia nel Codice Civile sia nella Commercial Transaction Law). La Commercial Transaction Law prevede che, nella vendita a rate con riserva di proprietà, il compratore acquisisca a titolo derivativo la proprietà del bene solo con il pagamento dell'ultima rata, ma assuma i rischi di perimento dei beni dal momento della consegna. La normativa in questione prevede altresì che, prima di aver saldato l ultima rata, l acquirente non possa in alcun modo disporre del bene, salvo che il venditore lo autorizzi a ciò per iscritto. Ai fini dell'opponibilità a terzi della riserva di proprietà, la Commercial Transaction Law richiede che il contratto di vendita contenente la riserva di proprietà sia stipulato in forma scritta ed abbia data certa anteriore al momento in cui è sorto il diritto di un terzo sulla cosa oggetto di riserva di proprietà. Per quanto concerne, invece, l'opponibilità della riserva di proprietà ai terzi creditori nel caso di fallimento, ai sensi della normativa in questione è necessario che il contratto di vendita abbia data anteriore alla dichiarazione di fallimento. Va sottolineato che la disciplina dettata dagli EAU in merito alla compravendita business to business (B2B) è molto simile a quella italiana. Differenze si rinvengono soltanto in merito ai termini di decadenza e prescrizione della garanzia. Difatti, se i beni consegnati differiscono da quelli ordinati per natura, quantità o presentano vizi o difetti, l acquirente deve contestare tali circostanze entro 15 giorni dalla consegna o immediatamente alla scoperta, qualora trattasi di vizi occulti. Il diritto alla garanzia dell acquirente si prescrive in 60 giorni dalla consegna od in 6 mesi dalla consegna, a seconda che il vizio sia palese od occulto. Tale garanzia per vizi o difetti è comunque derogabile, per cui può essere diversamente disciplinata tra le parti Disciplina relativa ad agenzia, distribuzione e franchising

15 Fonti normative Il rapporto di agenzia è disciplinato principalmente dalla normativa federale degli EAU, la Commercial Agency Law (d ora innanzi, CAL ) 3, più volte novellata negli anni e da ultimo modificata nel La normativa trova applicazione sia al rapporto di agenzia, sia ai rapporti di distribuzione e di franchising. Essa, infatti, fa riferimento ad un concetto ampio di Agenzia Commerciale 4 in grado di ricomprendere tutte le tipologie di rapporto indicate. Tale normativa appare particolarmente sfavorevole per gli operatori stranieri, in quanto sono abilitati ad esercitare attività di Agenzia Commerciale in senso lato (ivi compresi, come detto, distributori e franchisee) esclusivamente persone fisiche con cittadinanza emiratina o società locali con capitale detenuto interamente da soggetti con cittadinanza emiratina. Inoltre, la CAL prevede una disciplina sostanzialmente favorevole per l agente, il distributore e il franchisee, attribuendo a quest ultimo molteplici tutele. La disciplina relativa al contratto di agenzia è contenuta anche nella Commercial Transaction Law e nel Codice Civile, le cui previsioni trovano applicazione in via residuale, in speciale modo nel caso di contratti di agenzia non registrati e/o non sottoposti alla CAL Esercizio di attività di Agenzia Commerciale Come si è avuto modo di osservare, negli EAU l attività di Agenzia Commerciale può essere esercitata solo da un cittadino emiratino o da un impresa partecipata interamente da cittadini degli EAU. Ciò implica l impossibilità per un azienda straniera di detenere una partecipazione sociale in una società locale che svolga attività di Agenzia Commerciale. Molteplici possono essere però le soluzioni per ovviare a tale ostacolo. 3 Federal Law No. 18/1981, come modificata dalla legge federale 14/1998, dalla legge federale 18/1981 e dalla legge federale 2/ L art. 1 della CAL recita: The Trade Agency: means representation of the principal by an agent for the purpose of distribution, selling, display or rendering of a commodity or service in the State, against a commission or profit

16 Il controllo sulla gestione dell attività di promozione commerciale negli EAU può essere effettuato, ad esempio, attraverso un ufficio di rappresentanza o succursale dell investitore registrati negli EAU, o tramite una società a capitale misto costituita negli EAU che agisca in qualità di importatore e di trading company (previo ottenimento della necessaria licenza per la commercializzazione degli specifici prodotti in questione) Normativa ed adempimenti imposti all Agente Commerciale a. La forma e il contenuto del contratto di Agenzia Commerciale La registrazione del contratto di Agenzia Commerciale presso il Ministero dell Economia e del Commercio è un elemento essenziale ai fini della validità del contratto ai sensi della CAL e, quindi, viene richiesta dagli agenti/distributori/franchisee al fine di garantirsi una posizione di tutela nei confronti del preponente straniero. Il contratto deve rispettare alcuni requisiti ai fini della registrazione. In primo luogo, il contratto deve essere stipulato per iscritto, con sottoscrizioni autenticate da un notaio e tradotto in lingua araba. In secondo luogo, la CAL indica il contenuto minimo del contratto sul quale, all atto della registrazione, vengono effettuati controlli da parte delle autorità. Così, il contratto di Agenzia Commerciale deve contenere: informazioni relative all azienda preponente; informazioni relative all agente/distributore/franchisee; informazioni relative alla tipologia di rapporto che si intende instaurare; caratteristiche del produttore straniero e indicazione circa l esistenza di eventuali branch del preponente nel territorio degli EAU; lista dei prodotti da promuovere e/o commercializzare nel territorio; indicazioni relative al marchio o alla denominazione dei prodotti; durata del rapporto; territorio in cui deve avvenire la promozione commerciale;

17 eventuali restrizioni del diritto di esclusiva (nei limiti evidenziati infra). b. La procedura di registrazione presso il Ministero dell Economia e del Commercio Prima dell inizio dell attività, è necessario, come anticipato, che l agente provveda a richiedere la registrazione presso il Ministero dell Economia e del Commercio in un apposito registro. Non è ammessa una registrazione per categorie di prodotto (es. tessile, alimentari), bensì è necessaria l indicazione specifica del prodotto e del preponente (ad esempio, componenti meccaniche della società X ). Il Registro degli Agenti Commerciali è tenuto presso il Ministero dell Economia e del Commercio, autorità competente per il rilascio della licenza ai sensi della CAL, e contiene tutti i dati degli agenti autorizzati ad operare negli EAU, siano essi persone fisiche o giuridiche. Il Ministero dell Economia e del Commercio, qualora accolga la richiesta di registrazione, emette un certificato di iscrizione dell agente, richiedendo la pubblicazione dei dati sulla Gazzetta Ufficiale degli EAU. Di ciò verranno informate le Municipalità, le Dogane e la Federazione delle Camere di Commercio. c. Modifiche e cessazione dell attività L Agente Commerciale, il suo rappresentante (in caso di società) o i suoi successori (in caso di decesso), dovranno informare il Ministero dell Economia e del Commercio di qualsiasi modifica concernente l Agente Commerciale, entro 60 giorni dall avverarsi di tali cambiamenti. Essi saranno pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale e il Ministero informerà di ciò le competenti Autorità, entro i successivi 30 giorni. In caso di cessazione, per qualsiasi motivo, del rapporto contrattuale, l Agente Commerciale sarà tenuto entro 60 giorni a richiedere al Ministero la cancellazione dal registro. Il preponente non ha la possibilità di intervenire nella procedura di cancellazione. d. Durata e cessazione del contratto di Agenzia Commerciale

18 La CAL prevede la possibilità di stipulare sia contratti di Agenzia Commerciale a tempo determinato sia a tempo indeterminato. In entrambi i casi, gli effetti di un eventuale recesso o risoluzione o mancato rinnovo non sono immediati ma conseguono alla cancellazione del contratto dal Registro degli Agenti Commerciali. Sino a tale momento, il preponente non avrà il diritto di nominare un altro Agente Commerciale ed il precedente Agente Commerciale potrà ottenere un provvedimento ministeriale al fine di bloccare i beni del preponente in Dogana. In caso di risoluzione del contratto da parte del preponente e di disaccordo dell Agente Commerciale (con conseguente rifiuto di quest ultimo di richiedere la cancellazione della registrazione), il primo dovrà dimostrare all autorità competente (Committee) che tale risoluzione è giustificata, ossia che essa è dovuta a fatto o colpa dell Agente Commerciale. Il medesimo principio trova applicazione nel caso di mancato rinnovo del contratto in seguito alla scadenza del termine. Alla luce di quanto sopra esposto, è utile prevedere nel testo contrattuale una clausola risolutiva espressa che specifichi nel dettaglio gli eventi che sono dalle parti qualificati come giusta causa. e. Risoluzione delle controversie Ai sensi dell art. 27 della CAL, le controversie relative ai contratti di Agenzia Commerciale registrati sono inderogabilmente sottoposte, in prima istanza, alla giurisdizione di un apposito comitato interno al Ministero dell Economia e del Commercio, il Committee for the Settlement of Disputes of Commercial Agencies (di seguito, il Comitato ). Solo in caso di giudizio di secondo grado, si può adire la giurisdizione ordinaria. L art. 3 della CAL prevede espressamente che un contratto di Agenzia Commerciale che non sia registrato presso il Ministero sia nullo. Di conseguenza il Comitato e le corti non ne potranno riconoscere la validità ai sensi della CAL e, quindi, nessuna pretesa, in tal caso, potrà vantare alcuna delle parti ai sensi della CAL 5. 5 Art. 3 della CAL recita (omissis) Any trade agency not registered in the above register shall not be considered, nor legal cases there for shall be heard

19 Eventuali pretese derivanti da un contratto non registrato potranno essere fatte valere, qualora ne sussistano i presupposti, in forza delle disposizioni della Commercial Transaction Law o del Codice Civile. La giurisprudenza emiratina, tuttavia, non ha ancora assunto un orientamento univoco circa l accoglibilità della pretesa dell Agente Commerciale non registrato basata sulle fonti da ultimo citate Disciplina sostanziale del rapporto di Agenzia Commerciale a. Oggetto del rapporto L Agente Commerciale, ai sensi della CAL, è definito come una persona fisica o giuridica che rappresenta gli interessi del produttore non residente, il preponente, impegnandosi alla promozione e/o alla distribuzione dei prodotti all interno del territorio degli EAU dietro pagamento di una provvigione/compenso. Ovviamente, se le provvigioni troveranno applicazione nel caso dell agente, il compenso del distributore e del franchisee sarà rappresentato dal profitto (dato essenzialmente dalla differenza tra il prezzo di acquisto dal produttore e il prezzo di rivendita dei prodotti sul mercato locale). b. Protezione del territorio accordo di esclusiva Ai sensi dell art. 5 CAL, l Agente Commerciale registrato deve inderogabilmente godere del diritto di esclusiva nella commercializzazione dei prodotti nel territorio assegnatogli. L area geografica per cui è concessa l esclusiva deve includere almeno un Emirato o, in alternativa, più Emirati o l intero territorio degli EAU. Restrizioni contrattuali a tale norma sono ammissibili solo nel caso in cui i prodotti siano divisibili in più categorie: nell ambito del medesimo territorio, potranno quindi essere nominati più agenti per diverse linee di prodotti. L Agente Commerciale può, a sua volta, nominare uno o più sub-agenti nella zona assegnata. Inoltre, un soggetto può essere registrato come Agente Commerciale unicamente se è in possesso della necessaria licenza per l importazione delle merci previste contrattualmente. In ragione della protezione del territorio assegnato ex art. 5 e 7 CAL, nessun soggetto diverso dall Agente Commerciale potrà

20 vendere/importare i prodotti del preponente nell area indicata nel contratto di Agenzia Commerciale registrato. In caso di violazione di tale prescrizione, ad esempio tramite una vendita diretta del preponente, l Agente Commerciale avrà diritto ugualmente alla provvigione anche nel caso in cui la compravendita sia avvenuta senza il suo contributo professionale. In attuazione di quanto sopra indicato, l Agente Commerciale potrà richiedere un provvedimento al Ministero dell Economia e del Commercio volto a bloccare l importazione delle merci, se quest ultimo ravvisi una violazione del disposto dell articolo 23 CAL (esclusiva dell agente e provvigione in caso di vendita diretta). Una volta emanato il provvedimento, la merce verrà rilasciata solo a seguito dell approvazione del Ministero o dell Agente Commerciale o, comunque, in caso la controversia giunga ad un provvedimento definitivo. c. Patto di non concorrenza La CAL non vieta l esistenza di agenti plurimandatari, dunque è opportuno prevedere all interno del contratto di Agenzia Commerciale un apposita clausola di non concorrenza. Tuttavia, l efficacia di tali previsioni appare notevolmente limitata alla luce del fatto che spesso i contratti di Agenzia Commerciale non vengono registrati. d. Tutela della Proprietà Intellettuale Dal 1993 è vigente una normativa che tutela i diritti di proprietà intellettuale negli EAU. Si consiglia, quindi, di registrare i marchi ed i brevetti relativi ai prodotti commercializzati prima di incaricare l agente/distributore/franchisee. In tal modo si può evitare che l agente, il distributore o il franchisee registrino o, in ogni caso, utilizzino in maniera illegittima tali diritti. E quindi opportuno disciplinare dettagliatamente le questioni inerenti la protezione dei diritti di proprietà intellettuale del preponente nel contratto di agenzia/distribuzione/franchising. e. Obbligazioni dell Agente Commerciale

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

La Normativa del Lavoro in Cina

La Normativa del Lavoro in Cina La Normativa del Lavoro in Cina di Giovanni Pisacane g.pisacane@greatwayadvisory.com www.greatwaylimited.com Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti LA NORMATIVA DEL

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA Elementi di studio e riflessione sulle forme contrattuali, derivate dalla applicazione della disciplina del c.c., legislativa, normativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli