I n d i c e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I n d i c e 103 111 115 119 123 129 133"

Transcript

1 I n d i c e 7 Introduzione 11 ATTIVITÀ 1 Le fonti e gli elementi datanti 15 ATTIVITÀ 2 La Stratigrafia 23 ATTIVITÀ 3 Cenni di Paleontologia 27 ATTIVITÀ 4 Fossili 35 ATTIVITÀ 5 Cenni di Paletnologia. L industria litica 41 ATTIVITÀ 6 Statuette femminili 47 ATTIVITÀ 7 L Arte rupestre 53 ATTIVITÀ 8 Il Megalitismo 57 ATTIVITÀ 9 Manufatti fittili delle civiltà del territorio 63 ATTIVITÀ 10 Primo approccio con l Epigrafia: le tavolette sumeriche 67 ATTIVITÀ 11 Epigrafia: le tavolette di Ebla 71 ATTIVITÀ 12 Epigrafia: i Geroglifici 75 ATTIVITÀ 13 Stele egizie 79 ATTIVITÀ 14 Affreschi minoici 83 ATTIVITÀ 15 Maschere micenee 87 ATTIVITÀ 16 La Civiltà fenicio-punica 93 ATTIVITÀ 17 La produzione vascolare greca 103 ATTIVITÀ 18 I templi greci 111 ATTIVITÀ 19 Le metope delle 12 fatiche di Eracle 115 ATTIVITÀ 20 Gli Ostraka 119 ATTIVITÀ 21 La Domus romana 123 ATTIVITÀ 22 Le Decorazioni parietali: i 4 stili pompeiani 129 ATTIVITÀ 23 I Larari 133 ATTIVITÀ 24 La Gemma Augustea

2 137 ATTIVITÀ 25 Leggere un iscrizione latina 145 ATTIVITÀ 26 Ricerca sul campo: materiali romani di reimpiego 149 ATTIVITÀ 27 La scultura dei Tetrarchi 153 ATTIVITÀ 28 Paleografia. La scrittura onciale 157 ATTIVITÀ 29 Cenni di Araldica 163 ATTIVITÀ 30 Sepolture e corredi funerari 170 APPENDICE A Scheda semplificata di reperto archeologico 173 APPENDICE B Carta quadrettata 175 Bibliografia

3 Introduzione Quella dell Archeologia a scuola è una nuova risorsa da scoprire e da valorizzare, ma pochi docenti hanno la possibilità di mandare avanti un discorso del genere, se privi di un supporto teorico-pratico (che allo stato attuale, appunto, manca). Ci sono scuole che propongono il Laboratorio di Archeologia: basta vedere alcuni siti per notare che però fanno ricorso a risorse esterne, a esperti e operatori museali. Il docente può ricorrere a questo libro per svolgere un Laboratorio in autonomia durante un intero anno scolastico, oppure semplicemente ispirarsi soltanto a qualcuna delle attività proposte. Struttura del testo Il periodo trattato nel presente volume tratta di un arco temporale che va dalla Preistoria al Medioevo. Il programma contiene 30 Attività, ognuna delle quali propone Suggerimenti operativi, articolati in step e corredati da Bibliografia (che riguarda anche i testi da cui sono state riprodotte manualmente alcune immagini), Sitografia, nonché uno o più dei seguenti strumenti: Materiale didattico, che fornisce gli strumenti per la classificazione di quel determinato tipo di reperto/documento (classificazione che verrà poi esplicitata dagli allievi mediante la compilazione di una Scheda semplificata di reperto archeologico fornita in Appendice); Scheda operativa, con varie attività da proporre ai ragazzi. In Appendice, oltre alla Scheda di reperto, è presente anche la Carta quadrettata: entrambe vanno utilizzate per alcune attività in aggiunta alla Scheda operativa. Le attività proposte riguardano discipline diverse: Paleontologia, Epigrafia, Araldica, Storia dell Arte, Paleografia, per dare ai discenti un idea dell unitarietà del sapere e della cooperazione fra le diverse discipline che non vanno concepite come racchiuse in compartimenti stagni. Con il presente materiale si intende inoltre fornire un supporto per: rafforzare la tendenza all astrazione dei discenti, insegnare loro il contatto con la realtà materiale nell ambito della disciplina storica.

4 8 Laboratorio archeologia Nella maggior parte delle attività si ricorre al metodo deduttivo-globale: agli allievi prima viene fornita una visione generale dell argomento trattato (mediante introduzione da parte del docente), quindi si offrono gli strumenti per analizzare un oggetto preciso (mediante il Materiale didattico, che contiene, ad esempio, repertori di tipologie). Gli alunni in questo modo dal generale entreranno nel particolare, costituito dal reperto che analizzano. Le attività proposte sono di diverso grado di difficoltà: in linea di massima si può affermare che le prime sono più semplici, le successive più impegnative. Infatti, man mano che si sviluppano le competenze degli alunni, verranno svolte attività sempre più diversificate e complesse.

5 Elenco delle attività u ATTIVITÀ 1: Le fonti e gli elementi datanti Materiale didattico 1: Fonti ed elementi datanti Scheda operativa 1: Tipi di fonte e cronologia u ATTIVITÀ 2: La Stratigrafia Materiale didattico 2: L Unità stratigrafi ca Scheda operativa 2: Riconoscere le unità stratigrafi che u ATTIVITÀ 3: Cenni di Paleontologia Materiale didattico 3: Tipologie di fossilizzazione Scheda operativa 3: Riconoscere il tipo di fossilizzazione u ATTIVITÀ 4: Fossili Materiale didattico 4a: Classifi cazione di Linneo e Scala geologica dei tempi Materiale didattico 4b: Repertorio di fossili Scheda operativa 4: Riconoscere alcuni fossili u ATTIVITÀ 5: Cenni di Paletnologia. L industria litica Materiale didattico 5: L Industria litica Scheda operativa 5: Identifi chiamo alcuni manufatti u ATTIVITÀ 6: Statuette femminili Materiale didattico 6: Dalla venere paleolitica alla dea madre neolitica Scheda operativa 6: Statuette femminili u ATTIVITÀ 7: L Arte rupestre Materiale didattico 7: L Arte rupestre Scheda operativa 7: Analisi di pitture rupestri u ATTIVITÀ 8: Il Megalitismo Materiale didattico 8: Strutture megalitiche Scheda operativa 8: Strutture megalitiche u ATTIVITÀ 9: Manufatti fittili delle civiltà del territorio Materiale didattico 9: Manufatti fi ttili: forme e decorazioni Scheda operativa 9: Classifi care reperti fi ttili u ATTIVITÀ 10: Primo approccio con l Epigrafia: le tavolette sumeriche Materiale didattico 10: Ideogrammi sumerici Scheda operativa 10: La scrittura sumerica u ATTIVITÀ 11: Epigrafia: le tavolette di Ebla Materiale didattico 11: La scrittura cuneiforme Scheda operativa 11: Mi esercito con la scrittura cuneiforme u ATTIVITÀ 12: Epigrafia: i Geroglifici Materiale didattico 12: Cenni sulla scrittura gerolifi ca Scheda operativa 12: Esercitati con i Geroglifi ci u ATTIVITÀ 13: Stele egizie Materiale didattico 13: Alcune stele egizie Scheda operativa 13: Arte fi gurativa egizia u ATTIVITÀ 14: Affreschi minoici Materiale didattico 14: Alcuni affreschi minoici Scheda operativa 14: Affreschi minoici u ATTIVITÀ 15: Maschere micenee Materiale didattico 15: Produzione orafa micenea Scheda operativa 15: Maschere micenee Introduzione 9

6 u ATTIVITÀ 16: La Civiltà fenicio-punica Materiale didattico 16: Elementi di Iconografia fenicio-punica Scheda operativa 16: Simboli fenicio-punici u ATTIVITÀ 17: La produzione vascolare greca Materiale didattico 17a: Tipologie vascolari della Ceramica greca Materiale didattico 17b: Stili decorativi della Ceramica greca Scheda operativa 17: Ricostruzione e classificazione di vasi greci u ATTIVITÀ 18: I templi greci Materiale didattico 18a: La pianta del Tempio greco Materiale didattico 18b: Elementi del Tempio greco Materiale didattico 18c: Gli ordini architettonici Scheda operativa 18: Architettura greca u ATTIVITÀ 19: Le metope delle 12 fatiche di Eracle Materiale didattico 19: Le dodici fatiche di Eracle Scheda operativa 19: Individuare le fatiche di Eracle u ATTIVITÀ 20: Gli Ostraka Materiale didattico 20: La scrittura greca e gli Ostraka Scheda operativa 20: Decifrare alcuni ostraka u ATTIVITÀ 21: La Domus romana Materiale didattico 21: La domus romana Scheda operativa 21: Gli ambienti della casa romana u ATTIVITÀ 22: Le Decorazioni parietali: i 4 stili pompeiani Materiale didattico 22: Le Decorazioni parietali: i 4 stili pompeiani Scheda operativa 22: Riconosco gli stili pompeiani u ATTIVITÀ 23: I Larari Materiale didattico 23: Tipologie di larario Scheda operativa 23: Analizziamo un larario u ATTIVITÀ 24: La Gemma Augustea Materiale didattico 24: Lettura della Gemma Augustea Scheda operativa 24: Figure e allegorie della Gemma Augustea u ATTIVITÀ 25: Leggere un iscrizione latina Materiale didattico 25a: La Scrittura Capitale Quadrata Lapidaria Materiale didattico 25b: Abbreviazioni delle iscrizioni Materiale didattico 25c: Onomastica latina Materiale didattico 25d: Come trascrivere le iscrizioni Scheda operativa 25: Decifrare iscrizioni latine u ATTIVITÀ 26: Ricerca sul campo: materiali romani di reimpiego Materiale didattico 26: materiale romano reimpiegato nelle chiese romaniche Scheda operativa 26: Individuare e catalogare il materiale di reimpiego u ATTIVITÀ 27: La scultura dei Tetrarchi Materiale didattico 27: La scultura dei Tetrarchi Scheda operativa 27: La Tetrarchia u ATTIVITÀ 28: Paleografia. La scrittura onciale Materiale didattico 28: La Scrittura onciale Scheda operativa 28: Decifrare e usare la scrittura onciale u ATTIVITÀ 29: Cenni di Araldica Materiale didattico 29: Repertorio di scudi e decorazioni araldiche Scheda operativa 29: Analizzare e realizzare scudi u ATTIVITÀ 30: Sepolture e corredi funerari Materiale didattico 30: Metodi di sepoltura e corredi funerari Scheda operativa 30: Corredi funerari 10 Laboratorio archeologia

7 attività 1 Le fonti e gli elementi datanti Per svolgere questa attività, l ideale sarebbe avere a disposizione un cortile con giardino dove è possibile rinvenire monete recenti e altri oggetti (può provvedere l insegnante disponendo qua e là delle monete da 50 lire degli anni 70, ad esempio). Altrimenti si può lavorare in classe, dove ci sono sicuramente più elementi datanti (calendari, circolari, diari, ecc.), anche se troppo riferiti al presente. OBIETTIVI CONOSCENZE: saper individuare la differenza fra i diversi tipi di fonte, conoscere la funzione degli elementi datanti. OBIETTIVI ABILITÀ: classificare i diversi tipi di fonte, collocare gli eventi nel tempo. SUGGERIMENTI OPERATIVI Step 1: Presentazione argomento e consegna materiale didattico L insegnante, dopo aver introdotto l argomento che verrà trattato, consegna a ogni alunno/gruppo il «Materiale didattico» presente in questo capitolo e la «Scheda operativa». Step 2: Ricerca sul campo L insegnante conduce gli alunni (muniti di guanti di lattice, per motivi di igiene, e di berrettino in caso di giornata calda) nel cortile o nel giardino della scuola e li invita a cercare degli oggetti significativi. In alternativa, invita i ragazzi a effettuare una ricerca analoga all interno della classe. Step 3: Analisi L alunno/il gruppo, una volta messo insieme il materiale reperito (tappi di bottiglia, cocci, monete, copertine di quaderno, ecc.), cerca di distinguere fra: fonti scritte e fonti materiali, oggetti che forniscono indicazioni sulla datazione e oggetti che non forniscono tali dati. Step 4: Sintesi L alunno/il Gruppo svolge gli esercizi della «Scheda operativa». BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE Harari M. (1999), I tramiti per la conoscenza dell antico: la cultura materiale (materiale per il Corso di Perfezionamento in Didattica dell Antico), Ferrara, Tecomproject Editore. Harari M. (2001), Percorsi archeologici (materiale per il Corso di Perfezionamento in Didattica dell Antico), Ferrara, Tecomproject Editore. Attività 1 11

8 1 materiale didattico Fonti ed elementi datanti La Storia che studiamo sui libri è il risultato del lavoro di diversi studiosi che hanno analizzato, confrontato e interpretato le fonti. Tipi di fonte Le fonti sono quei reperti da cui si ricavano testimonianze per una ricostruzione storiografi ca e possono essere: scritte (tavolette, papiri, iscrizioni, lettere, leggi, manoscritti); iconografi che (sculture, dipinti, rilievi, incisioni); materiali (vasi, armi, strumenti, oggetti, monumenti); orali (registrazioni, storie tramandate di padre in fi glio). Nel corso di questo Laboratorio avrai a che fare con le prime tre tipologie di fonte. Elementi datanti Alcuni dei documenti citati sopra possono essere degli «elementi datanti», cioè dei reperti che, essendo in qualche modo attribuibili a un determinato periodo, aiutano nella datazione di ciò che si trova vicino a essi. La datazione di un oggetto si basa sui seguenti fattori: materia in cui è fatto; stile in cui è realizzato; forma; decorazione; eventuali iscrizioni con indicazioni cronologiche. Per reperti recanti sostanze organiche si ricorre alla tecnica del «Carbonio 14» (che non si può utilizzare per materiali risalenti a oltre anni fa). Gli elementi datanti forniscono quello che si chiama «terminus post quem» («termine dopo il quale»): il ritrovamento di elementi datanti come le monete potrà condurre a ragionare circa il «terminus ante quem» («termine prima del quale») e il «terminus post quem» e a formulare ipotesi sulla successione cronologica e stratigrafi ca. Se scavando nel cortile di casa tua trovassi una moneta come quella raffi gurata sopra (una vecchia lira), avresti un elemento datante, perché in basso è segnato proprio l anno in cui essa è stata Una moneta da 100 lire. coniata. In questo caso, il 1967 sarà il «terminus post quem». Anche nei libri puoi trovare un indicatore cronologico, nel marchio del copyright riportato nel retrofrontespizio, dove ci sarà una scritta di questo genere: 2007 Edizioni Erickson. Anche in questo caso abbiamo un elemento datante , A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson

9 scheda operativa 1 Tipi di fonte e cronologia Esercizio A Nella tabella sottostante puoi vedere alcuni oggetti che studierai nel corso di questo Laboratorio. Per ognuno prova a effettuare la classifi cazione precisando se si tratta di fonte scritta, materiale o iconografi ca. Tavoletta eblaita. Ostrakon. Tavoletta su merica. Strumento liti co preistorico. È una fonte: È una fonte: È una fonte: È una fonte: scritta materiale iconografi ca scritta materiale iconografi ca scritta materiale iconografi ca scritta materiale iconografi ca Ceramica greca. Iscrizione romana. Frammento di vaso neolitico. Scultura dei Tetrarchi. È una fonte: È una fonte: È una fonte: È una fonte: scritta materiale iconografi ca scritta materiale iconografi ca scritta materiale iconografi ca scritta materiale iconografi ca (continua) 2007, A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson 13

10 4B materiale didattico Repertorio di fossili Legno silicizzato Fossile di derivazione vegetale. Si tratta di legno che ha subito il fenomeno della sostituzione: gli atomi di carbonio (C) del legno, col passare del tempo, sono stati sostituiti dal composto chimico della silice (la cui formula chimica è SiO 2 ), conservando tutti i dettagli del legno originale. In alcuni casi è possibile riconoscere persino gli anelli di accrescimento della pianta. Trilobiti La classe delle Trilobiti appartiene al tipo degli Artropodi (che tradotto letteralmente vuol dire «dai piedi articolati»), gruppo di cui fanno parte tutti quegli animali invertebrati il cui scheletro esterno è suddiviso in segmenti articolati. In particolare i trilobiti, animali esclusivamente marini, avevano un esoscheletro diviso in tre parti sia orizzontalmente Legno silicizzato. che verticalmente. Le tre parti longitudinali erano la testa (cephalon), il torace (torax) e la coda (pygidium), ognuna delle quali era fornita di zampe uguali tra di loro, a esclusione del primo paio che formava le antenne. La testa aveva una parte centrale convessa, detta glabella, posta tra le due guance, su ciascuna delle quali si trovavano poi degli occhi molto sviluppati. Il torace e la coda, oltre a essere forniti di zampe, presentavano anche un paio di branchie respiratorie. Alcune trilobiti possedevano la capacità di nuotare nella massa d acqua, altre vivevano ancorate sui fondali marini. Apparse all inizio del Cambriano, ebbero il massimo sviluppo dell Ordoviciano, dopodiché iniziarono a perdere importanza e a diminuire fi no a scomparire nel Permiano. Trilobite. Esacoralli (sottoclasse) Esacorallo. Animali marini appartenenti al Tipo dei Celenterati. Una colonia di coralli è data dall insieme di tutti gli scheletri dei singoli animali dei coralli, i cosiddetti polipi, che appunto si costruiscono uno scheletro calcareo che li contiene. I coralli possono essere solitari o coloniali, in entrambi i casi vivono ancorati al fondale marino. Questi ultimi vivono in molti nel medesimo scheletro e danno vita alle cosiddette barriere e/o scogliere coralline. Gli esacoralli comparvero nel Triassico medio e sono tuttora diffusi nei nostri mari. (continua) , A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson

11 (continua) materiale didattico 4B Adesso vediamo alcuni esempi di Cefalopodi, classe cui appartengono animali esclusivamente marini dotati di una conchiglia, che può essere sia interna che esterna rispetto alle parti molli. Sono così chiamati per via del piede che si è man mano trasformato in tentacoli che circondano la bocca e che vengono utilizzati sia per la locomozione che per la cattura delle prede. Alla classe dei cefalopodi appartengono varie sottoclassi tra cui ricordiamo l Ammonoidea e svariati ordini tra cui Belemnitidae Orthoceratida. Ammonoidea (sottoclasse) Anche questi erano Molluschi (tipo) Cefalopodi (classe) simili a seppie, calamari e polipi. Possedevano una conchiglia conica suddivisa in numerosi setti e avvolta a spirale, dentro la quale si ritraevano e che chiudevano mediante l utilizzo di placchette di calcite; la bocca era circondata da una serie di tentacoli. Questi animali sono così chiamati in quanto la loro conchiglia avvolta a spirale richiama in qualche modo l avvolgimento delle corna del dio egizio Ammone. Apparsi nel Devoniano, furono molto numerose nel Giurassico per poi scomparire alla fi ne del Cretaceo. Belemnitida Ammonite. Tali animali, anch essi simili alle seppie, ai polipi e ai calamari attuali, erano provvisti di endoscheletro, ossia di una parte dura interna (chiamata rostro) circondata dalle parti molli. I belemniti avevano un aspetto molto simile a un siluro perché questa era la forma del rostro, l unica che si sia fossilizzata. Apparsi nel Permiano, ebbero il massimo sviluppo nel Mesozoico e scomparvero poi durante il Cretacico. Orthoceratida Organismi provvisti di una conchiglia dritta e sottile, che dà loro il nome (che signifi ca «cono dritto»). Le loro conchiglie erano suddivise in camere, diverse Belemnite. a seconda del periodo di vita dell animale. Alcune arrivavano ai due metri di lunghezza e a un diametro di 10 centimetri. Comparsi nell Ordoviciano inferiore scomparvero nel Triassico. Orthoceras. Bilvalvia (Lamellibranchi) Con questo termine si indicano tutti quegli organismi acquatici appartenenti al Tipo dei Molluschi caratterizzati da un esoscheletro (ovvero la parte dura esterna che protegge le parti molli interne) formato da due parti (le valve) unite tra di loro, che possono essere identiche (in questo caso si parla di conchiglia equivalve) o diverse (conchiglia inequivalve). (continua) 2007, A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson 31

12 4B materiale didattico (continua) Fanno parte di questa classe animali come la arselle, le cozze, le ostriche, ecc., organismi acquatici che possono sia vivere ancorati a un supporto solido come una roccia, sia nuotare all interno della massa d acqua. La loro comparsa viene posta nel Cambriano medio. Nel Siluriano e Devoniano iniziano a comparire forme adattate anche alla vita nelle acque salmastre e dolci. Attualmente sono ancora molto diffusi. Gasteropoda A questa classe appartengono animali sia acquatici che terrestri (come le lumache e le patelle), provvisti di una conchiglia Bivalve. esterna calcarea generalmente a forma di tubo conico o elicoconico. La conchiglia racchiude al suo interno le parti molli; alcune di esse rimangono sempre all interno, altre invece, come il piede e il capo, possono essere estromesse. Il piede consiste in un muscolo utilizzato per la locomozione, mentre il capo è quella parte molle nella quale si trovano organi come la bocca, gli occhi e i tentacoli. Più o meno contemporanei dei bivalvia, sono comparsi nel Cambriano inferiore e sono diffusi anche attualmente. Gasteropode , A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson

13 8 materiale didattico Strutture megalitiche Le strutture megalitiche sono quei monumenti preistorici composti da grandi blocchi di pietra variamente sovrapposti e infi ssi nel suolo. Vediamone le composizioni basilari. Il Menhir (dal bretone «pietra lunga») è un monolito di forma allungata piantato verticalmente nel terreno; compare isolato o in allineamento (lineare o circolare) con altri menhir. Nella foto accanto si vede un menhir antropomorfo di Filitosa (in Corsica): si distinguono i lineamenti del volto (occhi, naso, bocca) e il rilievo di un pugnale in basso. Alcuni menhir antropomorfi sono scolpiti anche nella parte posteriore, con un abbozzo di colonna vertebrale. Trilithon. Il Trilithon (dal greco «tre pietre») è costituito, come suggerisce il nome stesso, da tre pietre, due delle quali ortostatiche e conficcate nel terreno e una sovrapposta orizzontalmente ad esse a mo di architrave. Il Dolmen (dal bretone: «tavola di pietra») è una derivazione del trilithon ed è formato da più pietre conficcate nel terreno e sovrastate da una lastra orizzontale di copertura. Menhir di Filitosa. Il Cairn (termine bretone) è un tumulo di terra o pietre posto sopra un dolmen. Il Cromlech (dal gaelico «recinto circolare») è un circolo di megaliti (come quello di Stonehenge). L Allée couverte (dal francese «camminata coperta») è una sorta di corridoio formato da due fi lari paralleli di ortostati piantati nel terreno e chiuso da lastroni orizzontali. La Tomba dei giganti (il cui nome deriva dal fatto che in passato si riteneva vi fosse sepolto un gigante) è un monumento funerario collettivo nuragico, formato da lastroni di pietra infissi nel suolo. La facciata è costituita da una composizione architettonica curvilinea (esedra) dietro la quale si sviluppava una lunga camera sepolcrale absidata, coperta con lastroni di pietra (sul genere dell allée couverte). La stele centrale dell esedra spicca per altezza, è centinata (cioè curva nella parte superiore) e ha alla base una piccola apertura da cui probabilmente si introducevano i corpi dei defunti. Nelle foto vediamo alcuni dettagli della Tomba dei Giganti di Capichera presso Arzachena (Sardegna settentrionale), utilizzata dal al a.c. In origine era un allée couverte (datata all Età del Rame), tramutata poi (nell Età del Bronzo) in Tomba dei giganti mediante l aggiunta dell esedra. La stele centinata di Capichera è la più alta conosciuta: Tomba dei giganti di Capichera, Arzachena. misura oltre 4 m , A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson

14 scheda operativa 8 Strutture megalitiche Esercizio A Osserva le immagini e rispondi alle domande e individua di quali monumenti si tratta. Palaggiu (Corsica) Stonehenge (Inghilterra) menhir allineamento di menhir trilithon dolmen cromlech cairn allée couverte tomba dei giganti. menhir allineamento di menhir trilithon dolmen cromlech cairn allée couverte tomba dei giganti. Esercizio B La foto raffigura la tomba dei giganti di Capichera. Inserisci nell immagine i nomi delle seguenti parti: allée couverte, esedra, stele centinata, apertura per l inserimento dei corpi. Esercizio C Produci con la creta o altro materiale plasmabile un piccolo plastico di una struttura megalitica. Tomba dei giganti di Capichera. 2007, A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson 55

15 18B materiale didattico Elementi del Tempio greco Osserviamo la parte anteriore del tempio dal basso verso l alto. Vediamo innanzitutto lo stereobate e lo stilobate, quindi le colonne (sormontate da un capitello), sopra le quali si ha «trabeazione», costituita da tre elementi orizzontali che sono, dal basso verso l alto: l architrave, il fregio, la cornice. Sopra la trabeazione vi sono le seguenti parti: il frontone, che è un elemento architettonico triangolare, posto come coronamento dei due lati minori del tempio; il timpano, che è la parete triangolare delimitata dalla trabeazione e dalle cornici rampanti del frontone; le cornici rampanti, che sono oblique e insieme alla cornice orizzontale, defi niscono il timpano; gli acroteri, elementi decorativi posti agli angoli e al vertice del timpano. TIMPANO E FRONTONE ACROTERIO CORNICE RAMPANTE CORNICE FREGIO COLONNA ARCHITRAVE CAPITELLO STILOBATE Particolare di veduta frontale del tempio , A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson

16 materiale didattico 18C Gli ordini architettonici I templi greci sono realizzati in stili o ordini diversi: dorico, ionico e corinzio. Ordine dorico Nello stile dorico, che nasce nel Peloponneso nella seconda metà del VII secolo a.c. e fi o- risce nel VI, la colonna presenta le seguenti peculiarità: un fusto scanalato che poggia direttamente sullo stilobate, la rastremazione, ossia la graduale diminuzione di sezione, del fusto dal basso verso l alto, un capitello schiacciato composto da abaco quadrato ed echino, un fregio con alternanza di triglifi (lastre quadrangolari con tre scanalature verticali) e metope (lastre quadrangolari dipinte o in rilievo). Capitello dorico. OCCHIO ABACO ECHINO ABACO CANALE Ordine ionico Lo stile ionico compare fra VII e VI secolo a.c. nelle città costiere dell Asia Minore e nelle isole egee per poi approdare ad Atene nella seconda metà del VI secolo a.c. Presenta le seguenti peculiarità: la colonna poggia su un basamento formato da toro (modanatura convessa) e scozia (modanatura concava), il capitello è decorato a volute, il fregio ha un bassorilievo continuo. Ordine corinzio Lo stile corinzio raggiunge il suo apice nel IV secolo a.c. ed è caratterizzato dai seguenti elementi: la colonna poggia anch essa su un basamento formato da toro e scozia, la colonna è molto slanciata, il capitello è decorato con foglie d acanto scolpite, il fregio ha un bassorilievo continuo. Capitello ionico. Capitello corinzio. VOLUTA ABACO VOLUTA CAULICOLO 2007, A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson 107

17 18 scheda operativa Architettura greca Esercizio A Osserva la piantina del tempio qui a fi anco e compila il testo sottostante. Il tempio riprodotto è: TETRASTILO ESASTILO OTTASTILO Perché? Il tempio è anche: PROSTILO ANFIPROSTILO PERIPTERO DIPTERO Perché? Esercizio B Disegna nello spazio quadrettato la piantina di un tempio periptero ottastilo. (continua) , A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson

18 (continua) scheda operativa 18 Esercizio C Individua i seguenti elementi del tempio e scrivili sul disegno. Colonna Trabeazione Architrave Triglifo Cornice Timpano Frontone Stilobate Cornice rampante Fregio Metopa Capitello Esercizio D Riconosci lo stile cui appartengono questi capitelli? dorico ionico corinzio Perché? dorico ionico corinzio Perché? dorico ionico corinzio Perché? 2007, A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson 109

19 29 materiale didattico Repertorio di scudi e decorazioni araldiche L Araldica è la disciplina che si occupa dei titoli nobiliari, degli alberi genealogici e degli stemmi. Gli stemmi sono emblemi araldici che hanno: forma (di scudo di diverso genere), colore, decorazioni caratteristiche per ogni famiglia o ente o associazione. Nell immagine accanto, si possono vedere i nomi delle diverse zone dello scudo, ricavate dalla suddivisione in tre parti sia in orizzontale che in verticale, con l aggiunta di 2 parti centrali. Va segnalato che destra e sinistra sono riferite allo scudo, non a chi guarda. Il fondo dello scudo si chiama «campo». CANTONE DESTRO DEL CAPO FIANCO DESTRO CANTONE DESTRO DELLA PUNTA CAPO POSTO D ONORE CUORE OMBILICO PUNTA CANTONE SINISTRO DEL CAPO FIANCO SINISTRO CANTONE SINISTRO DELLA PUNTA Le parti dello scudo. Alcuni tipi di scudo Francese moderno o Sannitico Francese antico Appuntato Spagnolo (continua) , A.R. Vizzari, Laboratorio atorio archeologia, Trento, Erickson

20 (continua) materiale didattico 29 Inglese A bandiera A losanga o romboidale Ovale Quando uno scudo è diviso da una o più linee, si hanno le partizioni. Vediamo di seguito le più semplici. Partizioni semplici Partito Addestrato Sinistrato Troncato Trinciato Tagliato Lo scudo partito è diviso in due parti uguali da una linea verticale mentre quello troncato è diviso in due da una linea orizzontale. Lo scudo addestrato è diviso per un terzo da una linea verticale situata a destra, mentre quello sinistrato è diviso per un terzo da una linea verticale situata a sinistra. Lo scudo trinciato è diviso in due parti da una diagonale che parte dall angolo superiore destro e raggiunge l inferiore sinistro; al contrario, lo scudo tagliato è diviso in due parti da una diagonale che parte dall angolo superiore sinistro e raggiunge l inferiore destro. Figure Le fi gure effi giate negli scudi appartengono a diverse categorie: fi gure naturali: animali (leoni, orsi, cavalli, serpenti, api, ecc.), vegetali e anatomiche. fi gure fantastiche: liocorni, unicorni, centauri, sirene, grifi, ippogrifi, chimere, aquile bicipiti, draghi, pegasi, ecc.; fi gure artifi ciali: ancore, torri, spade, asce, armature, ecc. Gli animali e le fi gure fantastiche possono essere rappresentati in diverse posizioni. Nella pagina successiva analizzeremo alcune di queste posizioni. (continua) 2007, A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson 159

21 29 materiale didattico (continua) Posizioni Stante: raffi gurato in piedi e fermo. Passante: ritratto nell atto di camminare. Rampante (o Inalberato o Levato, ecc., a seconda dell animale): raffigurato sulle due zampe posteriori. Seduto: è raffi gurato in riposo, mentre appoggia la parte posteriore. Testa tagliata. Nascente: da una linea di partizione spunta la fi gura, di cui si vedono: testa, collo, zampe anteriori e punta della coda o delle ali. Addossati: due fi gure speculari sono poste di schiena l una rispetto all altra. Affrontati: due fi gure speculari sono poste l una di fronte all altra. Le immagini sono tratte e rielaborate da: , A.R. Vizzari, Laboratorio atorio archeologia, Trento, Erickson

22 scheda operativa 29 Analizzare e realizzare scudi Esercizio A Analizza i seguenti scudi (in certi casi non bisogna crocettare). Tipo di scudo Tipo di partizione Tipo di figura Posizione della/e figura/e Sannitico Romboidale Appuntato Ovale Inglese Partito Addestrato Sinistrato Troncato Trinciato Tagliato Naturale Fantastica Artifi ciale Stante Passante Rampante Seduto Testa tagliata Nascente Addossati Affrontati Sannitico Romboidale Appuntato Ovale Inglese Partito Addestrato Sinistrato Troncato Trinciato Tagliato Naturale Fantastica Artifi ciale Stante Passante Rampante Seduto Testa tagliata Nascente Addossati Affrontati Sannitico Romboidale Appuntato Ovale Inglese Partito Addestrato Sinistrato Troncato Trinciato Tagliato Naturale Fantastica Artifi ciale Stante Passante Rampante Seduto Testa tagliata Nascente Addossati Affrontati Sannitico Romboidale Appuntato Ovale Inglese Partito Addestrato Sinistrato Troncato Trinciato Tagliato Naturale Fantastica Artifi ciale Stante Passante Rampante Seduto Testa tagliata Nascente Addossati Affrontati (continua) 2007, A.R. Vizzari, Laboratorio archeologia, Trento, Erickson 161

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA

Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA Ricomposizione dell attico dei portici del Foro di Augusto con frammenti originali, calchi in resina e integrazioni in pietra calcarea Cariatide dall attico dei

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Le fonti della storia

Le fonti della storia Le fonti della storia Per comprendere bene queste pagine devi conoscere il significato delle parole autoctono ed editto. Aiutati con il dizionario: Autoctono:... Editto:.... La storia è una scienza che

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

Storia facile per la classe terza

Storia facile per la classe terza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini per la classe terza L origine della Terra e la Preistoria Scuola primaria

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

A R A L D I CA STEMMI DIPINTI SU SCUDI IN FERR0 1 FIGURE RELIGIOSE

A R A L D I CA STEMMI DIPINTI SU SCUDI IN FERR0 1 FIGURE RELIGIOSE A R A L D I CA STEMMI DIPINTI SU SCUDI IN FERR0 1 FIGURE RELIGIOSE 1.1 A VERGINE MARIA 1.2 A CHERUBINO Coronata, stante su una luna crescente d oro con Gesù Testa di puttino (bambino) d oro posta in Bambino

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

LA SIMMETRIA. Prof Rosa Cassarino

LA SIMMETRIA. Prof Rosa Cassarino LA SIMMETRIA Lavoro svolto dagli alunni della I E in preparazione dell attività sperimentale, inserita nel progetto DIGI Scuola, che sarà effettuata nel prossimo anno scolastico. Prof Rosa Cassarino ISOMETRIE

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

PROPOSTE SCUOLE 2015-2016

PROPOSTE SCUOLE 2015-2016 PROPOSTE SCUOLE 2015-2016 L'insolita visita guidata I laboratori del LABENUR Il Museo LABENUR a scuola Programma di laboratori, visite guidate, attività didattiche per l'anno 2015-2016 a cura di Anemos

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte

Corso di Storia delle Arti visive. 2. L origine dell arte Corso di Storia delle Arti visive 2. L origine dell arte 1 Il mondo antico: l origine dell arte L arte figurativa del Paleolitico ha lo scopo di favorire la caccia per cui vengono rappresentati prevalentemente

Dettagli

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Il Museo Archeologico dell Alto Mantovano, fondato nel 1967 e allestito a cura del Gruppo Archeologico Cavriana,

Dettagli

I LABORATORI. del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza

I LABORATORI. del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza I LABORATORI del SABATO al MUSEO Il maggio museale della Sapienza 7, 14, 21 e 28 maggio 2016 7 maggio 2016 Circolando L avventuroso viaggio del sangue attraverso le vie del corpo umano. Prima un filmato

Dettagli

Programmi didattici. Le scuole & il Museo Archeologia a Varese

Programmi didattici. Le scuole & il Museo Archeologia a Varese Le scuole & il Museo Archeologia a Varese Programmi didattici Museo Civico Archeologico di Villa Mirabello - Varese Museo Civico Preistorico Isolino Virginia - Lago di Varese - Biandronno Visite guidate

Dettagli

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino.

Planimetria dei giardini della Reggia con individuazione del rettangolo in cui verrà collocato il Fantacasino. OGGETTO DELL INTERVENTO: DESCRIZIONE L intervento consiste nella costruzione di un padiglione prevalentemente in legno, dalle forme barocche, la cui funzione ludica è esplicitata tanto nell estetica quanto

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

1) INDIVIDUARE LA PIETRA Potrà trovare una delle seguenti tipologie:

1) INDIVIDUARE LA PIETRA Potrà trovare una delle seguenti tipologie: GUIDA GENERALE PER LA COMPILAZIONE ON LINE DELLE SCHEDE DI CENSIMENTO Gentile Esploratore della Memoria, sta collaborando al grande censimento Pietre della Memoria che raccoglierà in un unico sito tutte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI STORIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO STORIA - Ambito disciplinare STORIA Storia Scuola Primaria CLASSE

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: x LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 2 I (anno scolastico 2010/2011) MODULO N 1 Le rappresentazioni grafiche U.D.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE MIRELLA RAFFAELLI

PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE MIRELLA RAFFAELLI PROGRAMMAZIONE DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE MIRELLA RAFFAELLI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 LICEO GALILEO GALILEI SIENA INTRODUZIONE Il disegno e la storia dell arte, grafico e teorica sono materie

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PERCORSI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRESENTAZIONE Anche per l anno scolastico 2013/2014 la Cooperativa Colline Metallifere torna a proporre alle scuole primarie e secondarie i Percorsi Didattici

Dettagli

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Comune di Grosseto AL EO! Guida alle attività didattiche REGIONE TOSCANA ITr,M :,; I i[ 1,1.A MAREMMA MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA ffllffl MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Coordinamento:

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

IL REIMPIEGO DI NEL A ROMA

IL REIMPIEGO DI NEL A ROMA IL REIMPIEGO DI ELEMENTI ARCHITETTONICI NEL BATTISTERO LATERANENSE A ROMA di Massimo Baldi Il complesso del Laterano Il battistero, lato strada Il portico di ingresso originale La Storia Fondato in epoca

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO A. CRESPELLANI di BAZZANO

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO A. CRESPELLANI di BAZZANO MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO A. CRESPELLANI di BAZZANO Estate 2013 LABORATORI PER I CENTRI ESTIVI OGGI FACCIO UN VASO Ai bambini verranno mostrate alcune semplici immagini per illustrare le attività di estrazione,

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE

LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE LA LUCE CHE PROVIENE DAL SOLE Forma del fascio di luce e distanza Quesiti per un indagine sulle idee spontanee 1. Quale forma attribuiresti al fascio di luce solare che illumina un area circolare a livello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA...

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... LABORATORIO ARCHEOLOGICO DEGLI ALUNNI DI 3 a - 4 a A - 4 a B DELLA Scuola Primaria di Sedegliano Anno Scolastico 2009-2010 LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... Le fotografie sono state scattate nel corso

Dettagli

La Nuova Luna www.lanuovaluna.it

La Nuova Luna www.lanuovaluna.it La Nuova Luna www.lanuovaluna.it Tel. 0782 41051 Fax 1786055083 archeo@lanuovaluna.it lanuovaluna@tiscali.it ostello@lanuovaluna.it La cooperativa La Nuova Luna nasce nel 1996. Dal 1997 gestisce il Parco

Dettagli

Qui cade sua altezza

Qui cade sua altezza Qui cade sua altezza Silvia Sbaragli N.R.D. Bologna DFA, SUPSI Locarno (Svizzera) Pubblicato in: Sbaragli S. (2010). Qui cade sua altezza. La Vita Scolastica. 18, 25-27. Nell insegnamento della matematica

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA

LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA Albertina Chiodi Scuola Primaria - Classe I LA FORMAZIONE TEMPORALE E SPAZIALE I UNITA DI APPRENDIMENTO DAL TEMPO AI TEMPI DELLE ESPERIENZE A SCUOLA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 INSEGNANTI Sommavilla Patrizia IB Vitrone Valentina IA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE

Dettagli

PROGETTAZIONE CURRICOLARE ARTE E IMMAGINE

PROGETTAZIONE CURRICOLARE ARTE E IMMAGINE PROGETTAZIONE CURRICOLARE ARTE E IMMAGINE COMPRENDERE E APPREZZARE LE OPERE D ARTE SCUOLA DELL INFANZIA COMPETENZA OBIETTIVI CONTENUTI MODALITA DI VERIFICA CONOSCENZE (SAPERE) -Conoscere l opera d arte

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE F. DE SANCTIS Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 ! LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 Programmazione Didattica Disciplinare BIENNIO: CLASSI PRIME DISCIPLINA: GEOSTORIA A.S. 2015/2016

Dettagli

UN ALFABETO MISTERIOSO

UN ALFABETO MISTERIOSO UN ALFABETO MISTERIOSO Oggi in classe i bambini hanno trovato una strana iscrizione sulla lavagna: Mattia, il più studioso, riconosce subito i simboli della scrittura utilizzata nell antico Egitto: il

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

* L attività è stata pensata specificamente per quelle classi che vogliono avvicinarsi all istituzione Museo.

* L attività è stata pensata specificamente per quelle classi che vogliono avvicinarsi all istituzione Museo. Associazione culturale per la tutela e la valorizzazione Tel. : 345-4418830 E-mail: info@heredia.it Web: www.heredia.it storico-ambientale della Centuriazione a nord-est di Padova. PROPOSTE DIDATTICHE

Dettagli

La Storia della Vita sulla Terra

La Storia della Vita sulla Terra Le Ere Geologiche La Terra, secondo gli scienziati, ha circa 4,5 miliardi di anni e la vita sul pianeta è iniziata circa 3,5 miliardi di anni fa! La Storia della Vita sulla Terra La Storia della Vita sulla

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE

ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE ARTE E IMMAGINE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: ARTE E IMMAGINE DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO 2012 TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche

EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche EVOLUZIONE sistema Terra nelle ere geologiche ERA GEOLOGICA Periodo in milioni anni Regno vegetale Regno animale Anello di congiunzione Fossile guida Eventi geologici Era Archeozoica 4600 570 Alghe (acqua)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

Gli ordini architettonici nell architettura romana

Gli ordini architettonici nell architettura romana Gli ordini architettonici nell architettura romana L approccio dei Romani agli ordini architettonici e alle loro regole è meno dogmatico e meno denso di implicazioni filosofiche, rispetto a quello degli

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine

IMMAGINARTE Laboratori di educazione all immagine Il nostro gruppo lavoro, formato da persone che da anni operano nel settore dell illustrazione, della grafica e della didattica, propone laboratori di educazione all immagine, rivolti agli studenti delle

Dettagli

Uno scorcio sull Italia. Lingua e arte per i principianti di lingua italiana

Uno scorcio sull Italia. Lingua e arte per i principianti di lingua italiana 1 Uno scorcio sull Italia. Lingua e arte per i principianti di lingua italiana 1. I templi greci: Paestum e Agrigento VI V secolo a.c Livello A1 2 A. Introduzione Fra i secoli VIII e VII a.c. alcune popolazioni

Dettagli

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare CLASSI TERZE, QUARTE E QUINTE MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari IL LUOGO BARI CITTÀ SUL MARE LA CONCA BARESE LA STORIA L uomo vive nel territorio GEOGRAFIA Posizione geografica:il promontorio sul

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

Codici ed affreschi. Questa chiesa rupestre merita un approfondimento e una pubblicazione monografica.

Codici ed affreschi. Questa chiesa rupestre merita un approfondimento e una pubblicazione monografica. Codici ed affreschi. Alcuni studiosi della storia dell arte hanno accennato alla possibilità di uno stretto contatto tra codici miniati ed affreschi. Qui presentiamo un caso significativo: un particolare

Dettagli

Alcune osservazioni di Paleo-astronomia,

Alcune osservazioni di Paleo-astronomia, Parte II Alcune osservazioni di Paleo-astronomia, astronomia, archeo-astronomia astronomia e archeo-astronomia astronomia cristiana Enrico Calzolari Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

Cari ragazzi, con questo manuale vi aiuterò a realizzare gli animali della giungla utilizzando dell'argilla. Mi raccomando, prima di iniziare andate

Cari ragazzi, con questo manuale vi aiuterò a realizzare gli animali della giungla utilizzando dell'argilla. Mi raccomando, prima di iniziare andate Cari ragazzi, con questo manuale vi aiuterò a realizzare gli animali della giungla utilizzando dell'argilla. Mi raccomando, prima di iniziare andate a leggere le avvertenze...e buon lavoro! 1. 3. 5. 7.

Dettagli

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione

4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Dispensa lezione 4 Contabilità Il bilancio d esercizio 4.1 La rilevazione delle operazioni di gestione Abbiamo visto che la gestione di un impresa si compie tramite una serie di operazioni tra loro coordinate.

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

Laboratori di educazione all immagine

Laboratori di educazione all immagine Il nostro gruppo lavoro, formato da persone che da anni operano nel settore dell illustrazione, della grafica e della didattica, propone laboratori di educazione all immagine, rivolti agli studenti delle

Dettagli

Archivi e Laboratorio Didattico. Descrizione di un modello

Archivi e Laboratorio Didattico. Descrizione di un modello Archivi e Laboratorio Didattico. Descrizione di un modello Antonio Brusa Università di Bari/Silsis di Pavia Milano, 19 ottobre 2006 Filottrano 17 aprile 2007 Fermo 29 gennaio 2008 I documenti omogenei:

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

SCUOLA CITTÀ PESTALOZZI

SCUOLA CITTÀ PESTALOZZI SCUOLA CITTÀ PESTALOZZI Scuola sperimentale statale - Centro Risorse per la formazione docenti Via delle Casine, n.1 50122 FIRENZE tel. 055-2340825 fax 055-2261070 e-mail: pestal@tin.it URL: http://www.bdp.it/pestalozzi

Dettagli

NOVEMBRE - FEBBRAIO UNITA DI LAVORO LE CONSONANTI M-R-S-L F-P-N-V Z-D-B-T

NOVEMBRE - FEBBRAIO UNITA DI LAVORO LE CONSONANTI M-R-S-L F-P-N-V Z-D-B-T TITOLO: AREA DI APPRENDIMENTO: CLASSE: PERIODO: LE CONSONANTI AREA LINGUISTICA PRIMA NOVEMBRE - FEBBRAIO ANNO SCOLASTICO: 2010/2011 UNITA DI LAVORO LE CONSONANTI M-R-S-L F-P-N-V Z-D-B-T ASCOLTO, COMPRENSIONE

Dettagli

Servizi per la didattica 2014/2015

Servizi per la didattica 2014/2015 Servizi per la didattica 2014/2015 Servizio didattico Tel. 06-49913924 Fax 06-49913653 Dott.ssa La Marca: 349-2360256 Dott.ssa Savino: 320-4871773 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL ANTICHITÀ Sulle orme della

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 ASSISTENTE DI SCAVO ASSISTENTE DI SCAVO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

omune Selva di Cadore

omune Selva di Cadore omune Selva di Cadore Scuola dell'infanzia Viaggio al museo Con questo laboratorio i bimbi avranno un primo approccio alla realta museale. Una visita animata accompagnera i bambini in un viaggio nel tempo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

PROPOSTE DEL MATTINO PER LE SCUOLE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROPOSTE DEL MATTINO PER LE SCUOLE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CO39442 PROPOSTE DEL MATTINO PER LE SCUOLE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 MATTINE IN GIOCO Una mattina dedicata al gioco tra le stanze dell Ambarabà scoprendo e ritrovando modi diversi di giocare ed esplorando

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli