Appunti di Archeologia. Sardegna nuragica 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appunti di Archeologia. Sardegna nuragica 1"

Transcript

1

2 Appunti di Archeologia Sardegna nuragica 1

3 Collana Appunti di Archeologia Giovanni Lilliu Giovanni Lilliu SARDEGNA NURAGICA Cura editoriale Paola Sotgiu Sardegna nuragica Guida ai siti a cura di Giulio Concu Glossario a cura della redazione Il Maestrale Progetto grafico e impaginazione Nino Mele Imago multimedia 2006, Edizioni Il Maestrale Redazione: via Monsignor Melas Nuoro Telefono e Fax Internet: ISBN La casa editrice esperite le pratiche per acquisire tutti i diritti relativi al corredo iconografico della presente opera, rimane a disposizione di quanti avessero comunque a vantare ragioni in proposito. Il Maestrale

4 Nuraghe Losa, Abbasanta SARDEGNA NURAGICA

5 STORIA DELLE SCOPERTE E DEGLI STUDI Tomba di Giganti Sedda e Sa Caudeba, Villanovaforru Alla metà del secolo XVI Sigismondo Arquer, in Sardiniae brevis historia et descriptio, tabula chorographica insulae ac metropolis illustrata (Cosmographia Universalis di S. Münster), tra le curiosità della Sardegna, descrive, per primi, i nuraghi. Antichissime rovine egli dice costruite a somiglianza di torri rotonde, ristrette in alto, fatte di grossissimi sassi, presentano porte strettissime e, dentro lo spessore del muro, scale che portano alla sommità. Le rovine che gli abitanti dell isola chiamano nuraghos, a forma di fortezza sono forse resti delle opere di Norax, il dux venuto in Sardegna con gli Iberi-Hispani, fondatori della città di Nora. Dopo questo scritto e sino alle soglie dell 800, gli autori che si sono occupati delle antichità sarde hanno avuto interesse soltanto per il nuraghe. Nella concezione metastorica che avevano del più remoto passato (del periodo congetturale, si diceva allora), essi si incuriosivano per il monumento a se stante, vistoso nella sua architettura. Nessuna idea del contorno ambientale e culturale in cui la forma fisica era nata e si era specchiata, costituendo l elemento di maggiore attrazione e significato. Le domande alle quali si tenta di dare risposta sono quelle sul popolo (o popoli) che avrebbe fatto erigere tanti e così singolari edifici e sul tempo della loro costruzione, nonché sulla loro destinazione. Secondo le inclinazioni delle varie epoche, gli autori ne hanno dette delle belle. Nel secolo XVII, come artefici di nuraghi sono chiamati in causa i grandi demiurghi nazionali sardi (oltre Norax, Iolaos e il suo architetto Dedalo); ma anche i Titani- Etiopi (entra in ballo l elemento favoloso dei popoli-giganti). Nel secolo XVIII, la influenza della letteratura biblica porta a fantasticare di genti antidiluviane; taluno, però, scende terra terra vedendo l intervento di Greco- Sardi o di vari popoli locali foederati ac socii. Da ultimo spunta la feniceria, di gran moda nel dibattito ottocentesco sui nuraghi e altre cose della cosiddetta antistoria. Sardegna nuragica _ 7

6 Quanto all età delle torri, si brancola nel buio. Per i più, tempi antichissimi e mitici, quelli degli eroi, dei giganti, dei paladini, degli orchi, e anche del diluvio. Il gesuita Matteo Madao (secolo XVIII) azzarda una data: il 1227 a.c.; ci azzecca per un periodo dello sviluppo dei nuraghi. Ribassista Stanislao Stefanini (stesso secolo), che scende al tempo delle guerre tra i Sardi e gli eserciti punico e romano. Opinioni tra le più disparate sulla destinazione del monumento: fortezza, sepolcro (mausoleo, trofeo, casa d abitazione, silos. A formare questa girandola di pareri, per lo più di gusto retorico e letterario (non passa la minima idea sul contenuto della costruzione in cultura materiale), contribuisce anche la pretesa di dare soluzione etimologica al nome di nuraghe. E qui si assiste alla più accesa e fantasiosa, quanto inutile, gara di proposte: nuraghe dall eroe Norax e da Nora, o dal greco noeros (memorialis) e necraces-necros (defunctum), o dal fenicio nura=fuoco. Un gioco etimologico da eruditi di provincia, che nulla sanno e capiscono di archeologia professa e militante. Il tentativo che si fa di trovare le ragioni esplicative del monumento anche nel confronto con forme architettoniche esterne alla Sardegna finisce nel generico, perché è assolutamente superficiale la conoscenza che se ne ha. Obelischi, tholoi, l etrusca Grotta (o Tanella) di Pitagora, sono portati a riscontro, senza un qualche giusto nesso formale e storico. Su questo sfondo conoscitivo, di tono classicheggiante, barocco, ma soprattutto mitico creatosi intorno ai nuraghi dal secolo XVI al XVIII, l 800 introduce un modo positivo di guardare al fenomeno nuragico. Si avverte cioè la presenza dell occhio archeologico, anche se restano non poche incrostazioni, alimentate dal clima romantico dell epoca, del passato favoleggiare. Al movimento contribuisce l ingresso della cultura laica, sebbene continui l apporto, una volta esclusivo, di uomini di chiesa di spiccata intelligenza (Vittorio Angius e Giovanni Spano). L interesse è altresì ravvivato dal contributo dei viaggiatori stranieri che giungono alla ricerca delle meraviglie dell isola dimenticata. Essi svelano ai locali il megalitismo atlantico e mediterraneo, recano il messaggio pelasgico presunto nel ciclopismo di Micene e italo-etrusco, né si fanno scrupolo di stabilire approcci tra il colossale nuragico e la monumentalità di piramidi, ziqqurath, Su Nuraxi, Barumini 8 _ Sardegna nuragica

7 Tomba dei Giganti di Madau, Fonni teocalli, tumuli anatolici, topes dell Afghanistan, torri del fuoco dell India e chi più ne ha più ne metta. Accostamenti epidermici è vero, pure impressioni talvolta nello stile del viaggiatore, ma tali da spingere l interesse ad allargare positivamente la comprensione del sino ad allora isolato patrimonio monumentale sardo più remoto. Già all inizio del secolo ci si accorge che quest ultimo non è fatto soltanto di nuraghi. Il padre agostiniano Gelasio Floris, per primo, additò la presenza di pietre fitte (menhirs in lingua bretone). Più tardi, a comporre la complessa tematica nuragica, vennero la scoperta di tombe di Giganti, di pozzi (per i quali si favoleggiò di carceri e altre amenità), e l individuazione della piccola plastica in bronzo (nella materia venne purtroppo anche l inganno di centinaia di falsi orripilanti, che fecero mostra privilegiata di sé nel Museo Archeologico e Scienze naturali di Cagliari, sorto nel 1802 e vi restarono sino a quando non li cacciò via Ettore Pais alla fine del secolo). Fu Alberto della Marmora, che alla passione ornitologica e di geologo e all attenzione per la storia e le tradizioni dell isola associava l interesse per le sue antichità a svestire i monumenti nuragici e il nuraghe più di tutti dei veli (o per meglio dire degli spessi e impenetrabili panni) del mito. Visitandone una quantità, disegnandoli, descrivendoli, mettendoli sulla carta topografica, egli dimostrò che le antichissime torri sarde non erano castelli in aria, sperduti in una sorta di deserto dei 10 _ Sardegna nuragica Sardegna nuragica _ 11

8 Nuraghe S. Antine, Torralba Tartari, ma fabbriche legate a precisi territori e a forme di vita con cui facevano tutt uno. Dimostrò anche (ma già l aveva scritto V. Angius, proponendone una classificazione) che la costruzione non era rimasta eternamente un isolato volume a secchio di sabbia rovesciato, ma aveva maturato col tempo, aggregando torri minori alla maggiore delle origini, una complessa storia architettonica e civile. A entrare nella trama di questa storia, compatta e arruffata, provò G. Spano, con l aiuto dello scavo (anche di quello stratigrafico, che mira a leggere le sequenze delle culture e dei tempi) e dei materiali restituiti all interno e all esterno dei nuraghi e di altri edifici megalitici. Sull onda del Congresso internazionale di paleontologia celebratosi nel 1871 a Bologna, un congresso festoso, dove tirava l aria nuova dell unità nazionale (accolse i congressisti la banda cittadina), egli propose tre età o strati della presenza dell uomo in Sardegna nel periodo preistorico, pur restando ancora alla idea biblica delle prime stirpi nel quadro d una storia umana monogenetica e all apporto caldeo-cananeo. Il che stava bene con tutta la cornice orientale, e fenicia particolarmente, nella quale il secolo XIX collocò il dipinto, per la verità assai monotono, dell antistoria della Sardegna. Così forte era, allora, l ideologia fenicia, che Alberto della Marmora, pur essendo uomo di stampo positivista, si lasciò andare al sogno d un impero cananeo esteso dall Asia alla Scozia (al che altri rispondeva col disegno fantastico di una comunità pelasgica diffusa dalla Bitinia alla Celtiberia). Con la tripartizione in Età della Pietra, del Bronzo e del Ferro, caratterizzata da diversi elementi di cultura materiale, G. Spano saldava la preistoria sarda a quella europea, sprovincializzava lo studio delle testimonianze dell epoca cosiddetta congetturale la quale ora non lo era più a causa delle nuove acquisizioni metodologiche e scientifiche, per quanto limitate esse fossero. In particolare, riguardo ai nuraghi, che il canonico di Ploaghe riteneva abitazioni (altri suggerivano ipotesi alternative di tempio, sepolcro e fortezza), l immagine mitologica cade definitivamente. Inserite e legate al territorio che si tenta di delimitare, Sardegna nuragica _ 13

9 espresse dalla struttura economica di un paesaggio fortemente antropizzato, le grandi torri, con i prossimi villaggi, sono opera dice Spano di uomini non barbari o selvatici, ma inciviliti e agricoli. Col tramonto del secolo cede anche il mito più resistente, l ideologia fenicia, l etnico cananeo. Lo rimuove Ettore Pais, che cerca di comporre archeologia nuragica e storia, fondandosi sulla tradizione letteraria che la schiarisce, sebbene a intermittenza. Egli dà il merito dell origine e dello sviluppo della protostoria isolana ai veri protagonisti, ossia ai sardi indigeni, ritenuti di estrazione occidentale, di matrice etnica e linguistica libioibero-ligure (ciò che è giusto, ma solo in parte). Nella perenne dialettica della storia antica mediterranea di Oriente e Occidente, l Occidente viene recuperato ed enfatizzato, rovesciando l ideologia. Ma il risultato più importante dello studio del grande storico romano resta l identificazione di una civiltà locale, con un marchio specifico, molto singolare. Di questa civiltà egli non legge ancora le singole vicende, per quanto tenti di individuare due fasi inseguendo un certo progresso nella metallurgia. La fase più antica, originale, la suggerirebbero i bronzi non figurati; della più recente, tributaria del mercato fenicio-punico, sarebbero segno statuette e navicelle in bronzo, oggetti di ferro, paste vitree e ambra. L ombra dei Fenici, che il Pais aveva rimosso dai nuraghi, si fa nuovamente corpo come decisa ed esclusiva influenza sulla produzione materiale dei Protosardi. Come si vede, il terreno è preparato, sotto il duplice segno dell archeologia e della storia, per il grande sviluppo che la nuragologia (intesa nella globalità dei suoi contenuti) ha avuto e ha in questo secolo. Esso comincia felicemente con un volume di sintesi di Giovanni Pinza (Monumenti primitivi della Sardegna). Anche per il Pinza la civiltà nuragica si produce lungo le Età del Bronzo e del Ferro. Egli studia le classi dei monumenti, i materiali, affronta i problemi cronologici, che rimangono però fondamentalmente irrisolti. Insomma, una visione d insieme della protostoria della Sardegna che, per quel momento, non poteva essere migliore. Il capitolo sui nuraghi è abbastanza elaborato; più in profondità va l esame sui prodotti metallurgici, nei quali è riconosciuta una corrispondenza di tipologia manifatturiera e di formule stilistiche con la produzione etrusca cosiddetta di arte orientale. Interno del Pozzo sacro di S. Cristina, Paulilatino 14 _ Sardegna nuragica

10 Betili da Tamuli, Macomer Il Pinza individua nella Sardegna dei nuraghi una certa indipendenza culturale, una identità regionale, e anche un luogo di conservazione nella mobilità mediterranea, una sorta di scrigno di fenomeni prototipici duri ad aprirsi alle novità e al progresso. Immagine monolitica, chiusa a riccio, della civiltà nuragica. Alla concezione di un processo nuragico senza scosse, basato sulla forza della tradizione di un continuum, resta fedele anche Antonio Taramelli, il maggiore archeologo sardo della prima metà di questo secolo. L antropologia, come la fisionomia etnica e monumentale, è figlia della terra e dell ambiente, egli scrive con accento deterministico. La civiltà sarda antica gli appare un qualcosa senza precedenti, conclusa in se stessa e nei suoi principi, radicata sulla propria identità quasi immutabile. Una sorta di misticismo etnico ed etico del popolo nuragico, un senso di indivisione di tempo-spazio dello stesso. Isolamento, autoctonia, per cui scrive ancora Taramelli fu assai minore la somma di realtà e di affetti utili che la gente sarda poté gettare nel mondo. A parte questa ottica limitante, la stagione taramelliana (trent anni dal 1903 al 1933) fu fervidissima di opere. Scavi di villaggi, dei più grandi nuraghi, di tombe megalitiche, di santuari e di pozzi sacri. E poi nutrite ricerche da campo, la carta archeologica e poi ancora una quantità di pubblicazioni scientifiche e di divulgazione. Infine, la realizzazione dei nuovi musei archeologici nazionali di Cagliari e Sassari. Dall insieme appare un disegno di attività articolata e diffusa nel territorio, mirata a risolvere problemi dell archeologia nuragica. Non solo: indirizzata anche, nel possibile, a esplicare le opere e i giorni di un piccolo mondo antico che per i più era ancora una sfinge. Premeva altresì di svelare i risvolti intricati d una civiltà straordinaria che sembrava non avere avuto proiezioni all esterno, mentre dopo la ricerca risulterà che ce n erano state, e non poche. Le esplorazioni topografiche mettevano in evidenza un assetto d urbanismo per distretti, con villaggi diffusi nel territorio il cui centro direzionale di vita e di lavoro era il nuraghe nelle forme più complesse, ritenuto un vero e proprio fortilizio-reggia (Palmavera-Alghero, Santu Antine-Torralba, Losa-Abbasanta, Lugherras-Paulilàtino: nuraghi scavati, tutti, dal Taramelli). Apporto nuovissimo ed eccezionale fu quello della ricerca nei santuari (Abini-Teti, Santa Vittoria-Serri) e nei templi a pozzo, sicché si poterono chiarire vari aspetti dell architettura sacra e della religione nuragica, fondata prevalentemente sul culto delle acque. Il rinvenimento di ricchi ripostigli di bronzi d uso (Monti Idda- Decimoputzu) e figurati (Santa Vittoria) consentì di studiare tecniche fusorie, classificare forme e individuare stili di una produzione di grande rilievo per affermare la presenza di un florido artigianato locale e, nello stesso tempo, il collegamento con centri metallurgici di altre regioni mediterranee (Etruria, Cipro, Creta, ecc.) e atlantiche. Dunque strutture nuragiche aperte, comunicanti. Una visione in contrasto con quella che il Taramelli offre in generale della civiltà protosarda. Sardegna nuragica _ 17

11 Ricostruzione di capanna circolare L interesse puntuale sulle antichità nuragiche, proposte a studiosi di tutta Europa, cadde in occasione del Convegno archeologico internazionale, tenutosi a Cagliari nel Il Convegno, voluto dal Taramelli, aprì e accreditò l archeologia sarda a un vasto pubblico e fece conoscere, nello stesso tempo, un immagine distinta e gratificante della Sardegna in un periodo oscuro della sua storia recente. Le speranze e il fervore di rinnovamento dell ultimo dopoguerra hanno destato un forte slancio di iniziative nel dominio della nuragologia. Da una parte la mostra dei bronzetti, esposti nell agosto del 1949 a Venezia a un pubblico internazionale che li accolse con favore (seguirono altre mostre in diverse città europee), confermò il valore dell antica arte sarda, e stimolò ad approfondirne il segreto, tenendo conto della fortuna del segno col quale le figurine erano state presentate nel catalogo: il segno, appunto, dell anticlassico o del barbarico. Dall altra parte, nel 51, durando i lavori sino al 55, veniva dissepolto il grande nuraghe Su Nuraxi, a Barùmini. Uno scavo fondamentale, perché dentro il fortilizio e nel contiguo villaggio di capanne si presentò una stratigrafia architettonica e culturale esemplare. Spiccava la sequenza di livelli, nei quali si potevano leggere e ricostruire le vicende di vita e di lavoro d una comunità nuragica dalla metà del II millennio alla fine del VI secolo a.c. Così si dissolveva l idea del monolitismo, della compattezza e del continuum unilineare della civiltà dei nuraghi, cara agli studiosi del passato. Gli altri grandi scavi di fortilizi-regge, che oggi si stanno praticando a Genna Maria-Villanovaforru e a Piscu-Suelli, confermano e precisano la storia nuragica di Barùmini. Non minore è l attenzione per gli abitati. In quelli di Palmavera-Alghero, S Urbale-Teti, Bruncu Màdugui-Gésturi, Seruci-Gonnesa, le divisioni del terreno archeologico mostrano l aspetto materiale e non soltanto materiale del vissuto nel declinare del II millennio a.c.; ma si colgono anche esiti successivi. Situazione analoga nell arce di Antigori-Sàrroch, dove uno scavo ha messo in luce apporti di ceramiche micenee insieme a prodotti locali. Anche il tema delle architetture sepolcrali, precipuamente nella forma della tomba di Giganti, è stato approfondito, chiarendone l evoluzione: dal tipo più antico, con la stele arcuata, a quello di struttura nuragica, alla varietà più recente con fregio a dentelli (in tutto circa 800 anni di svolgimento). Ampliato il quadro e analizzati più nell intimo sono gli aspetti della religione, con l aggiunta di scoperte di altri santuari (S. Cristina-Paulilàtino) e di templi a pozzo tra i quali eccellono, per architettura e suppellettile, quelli di S. Cristina e di Su Tempiesu- Orune. Ma presentano elementi di interesse struttivo pure i semplici pozzi di Sa Testa-Olbia, Cuccuru Arrìus-Cabras e Tatinu-Nuxis. Il progresso negli studi è segnato dalla pubblicazione di singoli monumenti o di generi monumentali (nuraghi, templi, tombe), artistici (statuette) e usuali (prodotti metallurgici). Ma sono i lavori di sintesi sulla civiltà nuragica che oggi ne consentono una conoscenza nel complesso, dilatata all esterno. Ora non si può dire più, come una volta, che la preistoria sarda è un mondo bello, straordinario, il quale però non esce dal proprio guscio per confrontarsi. Diverse mostre l hanno portata nella penisola e all esterno ed è quasi d obbligo affrontarne i problemi in congressi, seminari e altre manifestazioni scientifiche che si rivolgono ad aspetti protosto- 18 _ Sardegna nuragica Sardegna nuragica _ 19

12 rici e storici di culture mediterranee ed europee. La nuragologia si avvicina pian piano ai fasti dell etruscologia. Insomma la civiltà nuragica non è più fuori del mondo, circola (e di più dovrebbe circolare) per largo spazio nella conoscenza degli studiosi e nel dominio del pubblico colto. A ciò è valso e vale un insieme di fattori favorevoli: c è la puntuale attenzione sugli studi nuragici delle università sarde nelle quali esiste l insegnamento delle antichità sarde, perfezionato nella Scuola di specializzazione in studi sardi; c è pure una migliore organizzazione culturale (oltre che di tutela) nelle soprintendenze; sono cresciuti numericamente e in qualità gli archeologi. La presenza di riviste specializzate che trattano anche la nuragologia («Studi sardi», «Nuovo bullettino archeologico sardo», «Quaderni» della Soprintendenza di Sassari), la divulgazione a livello di associazioni e di scuola, l esistenza di musei pure in piccoli centri hanno accresciuto l interesse e la sensibilità del pubblico. Oggi la conoscenza della civiltà nuragica interviene altresì come fatto di memorie, di storia sarda, utile per figurare e rafforzare l identità politica e morale dell isola. Su Nuraxi, Barumini 20 _ Sardegna nuragica

13 SEQUENZA E CRONOLOGIA DELLA CIVILTÀ NURAGICA Fronte Mola - Thiesi Corongiu e Maria - Nurri Molineddu - Oristano Friarosu - Mogorella S. Sabina - Silanus Palmavera - Alghero Caduta l idea del blocco e la mitologia cronologica, il mondo dei nuraghi, secondo gli studi attuali, si presenta come un insieme diversificato, dinamico, articolato nello spazio e nel tempo, con una vicenda storica lunga e peculiare, peraltro non astratta dalle cose esterne. Vi si riconoscono, per singoli periodi, caratteri e modi di pensare e di vivere differenti, dovuti a contributi personali delle comunità, a inclinazioni e a comportamenti d epoca, anche a contatti o apporti etnici di fuori. Mille e trecento anni di storia nuragica (dal 1800 al 500 a.c., senza contare gli strascichi) recano in se stessi dimensioni tali da moltiplicare eventi e rivolgimenti, rispecchiati, d altra parte, dalle forme visibili giunte sino a noi (monumenti e avanzi di cultura materiale). Appunto individuando lo stile diverso dei monumenti e il variare dei materiali ( spie di cangianti modi di produzione degli uomini di allora), sono state identificate e proposte cinque fasi attraverso le quali è passato lo svolgimento, sempre progressivo, della civiltà dei Protosardi. Gli stessi dati archeologici e quelli provenienti dalla misurazione di radioattività di sostanze organiche rinvenute negli scavi (prova del carbonio 14) offrono il supporto per definire, con una certa approssimazione al vero, i limiti cronologici di ciascuna fase. Ecco le cinque tappe nuragiche, con il riferimento alle tradizionali età della preistoria, e i termini di tempo: fase I: a.c. (Bronzo antico); fase II: a.c. (Bronzo medio); fase III: a.c. (Bronzo recente e finale); fase IV: a.c. (Ferro antico); fase V: a.c. (Ferro recente). I 600 anni delle fasi I-II vedono lo sviluppo della cultura cosiddetta di Bonnànaro e il suo passaggio alla facies Subbonnànaro. Nei 300 della fase III fiorisce la bella età dei nuraghi. La stagione delle aristocrazie occupa i quattro secoli della fase IV. Infine, la fase V corrisponde a tempi nuragici di pura sopravvivenza e di resistenza conservativa nelle zone interne e libere, mentre in quelle conquistate dall imperialismo cartaginese la civiltà nuragica appare completamente deculturata. 22 Sardegna Nuragica Sardegna nuragica _ 23

14 URBANISMO ED EDILIZIA Nuraghe Palmavera, Alghero Quello che si vede, qui, discende direttamente dalla preistoria, ha scritto Manlio Brigaglia riferendosi al paesaggio agrario sardo, un paesaggio archeologico. Un blocco nel quale orizzontalmente si sono integrati tutti i successivi assetti storici e che dimostra di essersi saputo adattare alle varie realtà ambientali ed economiche del tempo nuragico e prenuragico. Circa settemila nuraghi e centinaia di villaggi e di tombe megalitiche di età nuragica rappresentano da un lato memorie importanti e significative di epoche che furono, dall altro segnano all antica, nel contemporaneo, i vasti e silenti spazi sui quali insistono da millenni. Compongono un paesaggio alla grande, sia perché è grande, nei volumi e nelle pietre che li formano, la misura delle costruzioni (megalitismo), sia perché la maglia urbanistica si diffonde in grandi campi, disegnando un insieme coerente tra artificio e natura: grandi monumenti di pietra in un isola di pietra. La irregolare costellazione che trapunta, soprattutto di torri, l intero territorio dell isola si cominciò a formare nel Bronzo antico. Ma fu nel Bronzo medio, con l intensificarsi dei nuraghi monotorri, e nel Bronzo recente, quando dai castelli-regge partirono impulsi organizzativi, che essa si andò dilatando sino a definirsi in un assetto e arredo urbanistico appagante i bisogni essenziali della vita. Fondamento economico-sociale ne era il ruralismo e quella del villaggio la cultura. Gli studi non sono giunti al punto da riconoscere precisi disegni del territorio, nella partizione economica dei suoli e nei suoi limiti. Né è possibile, al momento, indicare uno o più sistemi agrari, i quali, comunque, dovettero essere di livello non superiore a quello voluto da una società essenzialmente di pastori e contadini, a seconda della vocazione naturale dei luoghi di residenza. È però certo (e ciò si desume dalla disseminazione dei nuraghi ai quali tanto spesso sono associati nuclei di abitazione) che l uomo era legato alla terra, in modo da farla fruttare al meglio. Sardegna nuragica _ 25

15 Purtroppo la ricerca non è così avanzata da suggerire dove il lavoro fosse libero (quando indirizzato al sostentamento di piccole comunità?) o servile (quando imposto dal profitto di classe dei principi dimoranti nelle regge-castelli, risultato della fatica di folta manodopera dipendente?). È stato fatto un calcolo teorico dello spazio di terreno coltivabile e di pascolo costituente il patrimonio rurale di un villaggio plurinucleare nuragico della zona pastorale. Sette nuraghi, con relativo nucleo abitativo, del comune di Mamoiada (Nuoro), occupano insieme un area di circa 270 ettari. Ciascun nucleo aveva a disposizione 38 ettari di terra per circa 35 abitanti. Ciascun gruppo familiare (di 10 persone) fruiva di poco più di tre ettari per gli usi regolati dalla comunità. Nello stesso territorio di Mamoiada, un vasto tratto di campagna privo di abitazione umana sarebbe stato il salto di godimento collettivo dei pascoli. Nient altro che una supposizione stimolante per una ricerca di economia agraria e di demografia nuragica. Sempre in via di ipotesi, calcolando 30/35 unità presso ogni nuraghe e moltiplicando la cifra per settemila nuraghi che si conoscono tra conservati e distrutti in tutta la Sardegna, questa avrebbe avuto, nel periodo di maggior fiore della civiltà nuragica, 210/ abitanti, più o meno quanti l isola ne contava alla fine del secolo XV d.c., in seguito al grave depauperamento demografico dovuto alla guerra sardo-catalana. I tasselli dell assetto urbanistico-economico del territorio si componevano all interno dell ordine politico e, per così dire, di governo che è stato riconosciuto dai più nel sistema cantonale. Tanti piccoli reamistato, con a capo sovrani nel Bronzo recente e finale e signori d estrazione gentilizia (àristoi) nella prima età del Ferro. Ciò escluse il formarsi di un unità regionale e tanto meno nazionale e, per contro, accentuò la divisione, cui contribuì pure la geografia dell isola dalla natura frantumata. Questa segmentazione territoriale e politica, realizzata in organismi plurimi tanto spesso in conflitto tra di loro, sarà costante in Sardegna in tutti i periodi, tranne quelli in cui potenze imperialistiche (punica, romana, iberica) la ricomposero in forzata unità. La presenza nel territorio, di tanto in tanto e in punti di valore strategico ed economico, di nuraghi-castelli sorta di capitali dove risiedevano i majores (un termine medievale sardo che calza), conferma specularmente la struttura descritta. Nuraghe Losa, Abbasanta 26 _ Sardegna nuragica

16 Tempio a megaron a Serra Orrios, Dorgali Il nuraghe-castello si ergeva, più da vicino, ma separato da muraglia per tutelare la privacy del principe e della famiglia e, nello stesso tempo, segnare il potere ai sudditi, in prossimità quando non in contiguità del borgo. I palazzi-fortilizi di Palmavera-Alghero, Losa-Abbasanta, Su Nuraxi-Barùmini, Genna Maria-Villanovaforru, Seruci-Gonnesa e altri sono esemplari al riguardo. Spirano un aria di Medioevo in anticipo di duemila anni. Preparato nel Bronzo medio, il tipo del borgo nuragico si perfeziona nella fase III ( a.c.), quando trova, oltre quello del nuraghe, il complemento del tempio (uno e anche due) e/o dei sepolcri megalitici nella forma della tomba di Giganti. Un assetto complesso, tendente all ordine, quasi urbano se non lo precludesse la funzione dell insieme mirato e stretto al rurale, e di ruralità improntato anche nella rozzezza e nella grossolanità delle strutture compositive. L ordito è piuttosto arruffato e affastellato, senza vie né spiazzi, a elementi domestici staccati tra di loro che danno l idea di minuscoli vicinati. Un aggregazione fisica fuori dell ordine classico, differente anche dall immagine dei centri abitati mediterranei, tortuosi, con scale e vicoli, con case fatte a scatola addossate le une alle altre e con distacco fra quartieri di abitazione e sedi principesche. Intrico d insieme abitativo, ma limpidezza nella singola casa di abitazione. La dimora, dal perimetro circolare, ha per fulcro l ampio cortile scoperto, e talvolta tramezzato (Bruncu Màdugui), al quale convergono a raggiera i vani protetti da tetto di legno e frasche, al modo delle attuali capanne dei pastori, le pinnettas (o pinnettus), costituenti prezioso patrimonio etnografico. Nel cortile talvolta c è il pozzo (Serra Órrios) e nel vano della cucina si disegna il focolare di forma rettangolare, come sa forredda dell antica casa sarda rimasta sino a tempi recenti (Bruncu Màdugui) o rotondo, col pavimento di argilla che si è cotta per l azione del fuoco (S Urbale- Teti). Altri vani, aventi sedili in pietra alla base della parete, si possono individuare come soggiorno e quelli provvisti di uno o più nicchioni a muro (Su Nuraxi-Barùmini, Bruncu Màdugui, Seruci-Gonnesa) saranno stati stanze da letto, dove il letto era costituito da semplice giaciglio di pelli o strame. Il cortile poi era lo spazio in comune, di aggregazione così degli elementi architettonici come delle espressioni materiali dei componenti la famiglia (anche il luogo delle parole perdute ). Dunque una casa che nasce con la propria famiglia, secondo la lunga tradizione sociale sarda, che accoglieva un gruppo familiare patriarcale di due generazioni (dal nonno 28 _ Sardegna nuragica Sardegna nuragica _ 29

17 al nipote) costituito di una decina di persone. Una casa per la sua forma centripeta racchiusa in se stessa, dove l intimità è sottolineata dal comporsi rotondo del perimetro e dei singoli vani (che sono tante capanne riunite a tangenza), rotondità che dà l idea di qualcosa di avvolgente, di guscio protettivo, quasi di grembo materno come è stato detto in linguaggio psicanalitico. È il modo di costruire a linea curva, applicato in tutte le forme dell architettura nuragica (nuraghi semplici e complessi, templi a pozzo e in antis; esedre e absidi di tombe di Giganti). Prodotto di un vedere e sentire collettivo per circolarità ; secondo un continuum, un non compiuto, l infinito; geometria rotonda, conservatasi sino a noi nell edilizia rurale. Questa forma di casa, definita nel Bronzo recente, si evolve già, agli inizi dell Età del Ferro (IX secolo a.c.), sempre conservando lo schema introverso e centripeto, e raggiunge la perfezione nell impianto e nella struttura verso la metà del VII secolo a.c. (Su Nuraxi-Barùmini). L impianto regola meglio la generale disposizione e composizione dei vani, ora per lo più quadrangolari coordinati al centro non più dal vasto cortile ma da un piccolo Il complesso di Genna Maria, Villanovaforru ed evidente, cioè non esiste più lo spazio con duplice uso di soggiorno e di riposo: infatti mancano i sedili di pietra e i nicchioni a muro. Nel maggiore vano della cucina, nel quale erano riposti, oltre gli oggetti culinari e da mensa, gli attrezzi per la panificazione (macine, contenitori di terracotta, ecc.), appare un piccolo forno (la bassa capacità calorica consentiva la cottura soltanto d un pane a sfoglia, come quello sardo detto oggi pane carasau o caratrio lastricato di precisa linea rotonda, provvisto alle pareti di stipi, talvolta col pozzo. All atrio converge pure dal perimetro circolare l andito dietro l ingresso, avente ai lati sedili internati nel muro (forse anche armadietti) e, non sempre, lo stanzino riservato all ospite indipendente dagli spazi di residenza della famiglia, che non sembra essere, come invece era prima, di tipo patriarcale. La specifica funzione degli ambienti è più determinata ta da musica), che fungeva anche da focolare. Altro elemento di novità, in più del forno, è uno stanzino distinto per la raffinata costruzione, rotondo, con cupoletta in pietra (l intera casa era invece protetta da un vasto tetto a scudo di legno e frasche, aperto in alto in corrispondenza dell atrio, per dare aria e luce). Lo stanzino sta dietro la cucina e il forno. Le pareti a filaretti di quadrelli litici; il pavimento ben lastricato; un sedile di conci, limitato 30 _ Sardegna nuragica Sardegna nuragica _ 31

18 da braccioli all estremità del giro interrotto all ingresso, sufficiente al nucleo familiare; una conca di pietra sostenuta da base a poggiapiede, perfettamente lavorata a scalpello: ecco l aspetto e gli ingredienti del minuscolo e riposto vano. L accuratezza costruttiva (il resto degli ambienti è di fattura per lo più grezza) e la composizione raccolta, quasi da penetrale, offrono l immagine di luogo destinato a un rito domestico: lustrazione collettiva con preghiere del nucleo familiare, o battesimo di bambini con acqua tiepida o in ambiente tiepido perché sta dietro il forno, o consumo sacro in comune d un cibo o d una bevanda contenuta nel bacile al centro del sedile? L aspetto evoluto, civile, comodo riguardo i tempi, della casa si riproduce nell ordito del villaggio della prima Età del Ferro. Sebbene il tessuto edilizio giochi ancora sull aggregazione non proprio ordinata delle case unifamiliari separate, queste ora sono collegate tra di loro da vie strette e tortuose, come comandava la circolarità del perimetro delle singole dimore. Vi sono inoltre spiazzi e pozzi comuni, embrionali fognature, collettori di spurgo dell acqua piovana per non invadere viuzze e case. Insomma il privato fa delle concessioni al pubblico, cosa apprezzabile anche nella presenza di servizi artigianali: laboratori di pietre, di ceramiche. La tessitura del muro, curata in genere, raggiunge talvolta assetto di sapore estetico e funzionale nello stesso tempo. È il caso della fattura elegante degli stanzini per lustrazione e degli inserti nel grezzo murario di fasce con pietre composte a spina di pesce in alcuni tratti di case del villaggio di Barùmini dove, meglio che altrove (Genna Maria, Mandra de sa jua-ossi), si può apprezzare nella sua interezza ed evidenza il nuovo ordine edilizio. Insomma il vecchio megalitismo nuragico del II millennio a.c. se ne va, anche se resistono gli schemi essenziali di quella robusta architettura. Al suo posto sorgono forme di arredo urbanistico e finezze tecniche adeguate e pretese da esigenze di comunità, da bisogni collettivi di una società articolata. È possibile che a ciò abbiano contribuito stimoli e veri e propri contatti con esperienze e culture esterne assai progredite e a livello di città. Né ci stupisce che il tempo del rinnovamento edilizio corrisponda a quello in cui in Sardegna comandavano gli àristoi (capi gentilizi). Il villaggio di Barumini Sardegna nuragica _ 33

19 I NURAGHI Dell ottica protosarda che si fonda sul costruire in rotondo (ottica barbarica nel senso che non è classica, il classico va sull ortogonale), il nuraghe è la forma esemplare, la più vistosa, la veramente architettata. Il paesaggio sardo colpisce a prima vista per la pleiade di volumi fisici rotondi che si succedono in continuità insistenti, martellanti tanto da fissarsi nell occhio e nella mente dei visitatori come elemento assolutamente caratteristico di una terra e d una civiltà straordinarie, dall apparenza mitica, come una sorta di simbolo e di bandiera d un popolo. Questi volumi rotondi sono i volumi dei nuraghi. E i nuraghi significano fascino di Sardegna, oltre la natura vergine e sconfinata, oltre il mare. Già il fatto che se ne abbiano circa settemila (senza contare quelli distrutti) desta la maggiore sorpresa. È un qualcosa per parecchi versi ancora misterioso o difficilmente esplicabile, questo pullulare di torri in ogni parte dell isola, dalle coste alla montagna, in climi, morfologie, suoli ed economie diversi; questo adattarsi di una forma costruttiva rimasta nel nucleo simile a se stessa, a tanta varietà di contorno naturale e di uomini, e per lungo tempo. Evidentemente, una volta maturato, lo standard resse alla prova risultando perfettamente funzionale Il Nuraghe Is Paras, Isili

20 ai luoghi e ai bisogni differenziati dei territori e alle stesse vicende storiche. Il fattore economico e le realtà fisiche più o meno produttive hanno determinato la diffusione qua più fitta (o fittissima), qua meno dei nuraghi. Hanno influito anche la disponibilità e la qualità del materiale da costruzione (più numerosi gli edifici dove la roccia offre blocchi a spigolo facili a collocarsi a secco, in numero minore dove il masso si stacca in elementi arrotondati meno idonei a fare muro). Rari i nuraghi nelle zone alluvionali di pianura, prive di materiale litico. Uno studio sui fattori geografici della distribuzione di 768 torri in circa 3963 kmq della Sardegna nord-occidentale porta la densità di un nuraghe ogni 4,81 kmq. Ma vi sono densità che superano un nuraghe per kmq, come nei territori dei comuni di Siddi e Sini, nella ferace regione della Marmilla. Il popolo chiama nuraghe ogni grosso accumulo di ruderi in grandi pietre, riferendosi perciò non tanto a una forma costruttiva determinata quanto invece a un aspetto vistoso di rovina megalitica. Di fatto il radicale nur di nuraghe si collega con la denominazione nurra che vuol dire mucchio, accumulo e anche il suo rovescio cavità, calanca. Il doppio senso di nurra ha spinto taluno ad applicarlo pure alla forma originaria del nuraghe che, in verità, nelle strutture più grezze altro non sembra che una costruzione venuta su per accumulo di grosse pietre, mentre nell interno a camera cupolata offre l immagine come di grotta, appunto di cavità. Perciò oggi ci si è abituati, in sede scientifica, a chiamare propriamente nuraghe (che è poi una parola della lingua sarda di sostrato appartenente al ceppo mediterraneo preindeuropeo) la forma della torre troncoconica con lo spazio interiore voltato. L estensione del termine ad altre forme megalitiche per certi elementi somiglianti (ad esempio gli pseudonuraghi, o nuraghi a corridoio o a galleria) non è corretta. Il nuraghe, al suo nascere, è un edificio di volume a cono tronco (ossia ristretto alla sommità piana), robusto perché di muratura molto spessa composta a secco con grosso materiale litico, decrescente in dimensioni e viceversa aumentante in qualità di taglio (questo si dice per le torri di migliore fattura tecnica, quella a filari) dal basso verso l alto. Tale è la figura esterna. Le stesse caratteristiche murarie, fatte salve la misura inferiore delle pietre e spesso la maggiore grossolanità di lavo- Interno del nuraghe Santu Antine, Torralba 36 _ Sardegna nuragica

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli