Irregolarita e frodi in materia agricola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Irregolarita e frodi in materia agricola"

Transcript

1 CORTE DEI CONTI Sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali RELAZIONE SPECIALE 3/2010 Irregolarita e frodi in materia agricola

2 Magistrato istruttore: Cons. Maria Teresa Polito Hanno collaborato: Francesca APICELLA, Vincenza CUSMAI, Domenico TOLOMEI.

3 DELIBERA

4

5 Deliberazione n. 5/2010 LA SEZIONE DI CONTROLLO PER GLI AFFARI COMUNITARI ED INTERNAZIONALI nell adunanza del 19 luglio 2010 e nella Camera di Consiglio del 20 luglio 2010 composta dai Magistrati: Dott. Bartolomeo MANNA Presidente Dott. Giuseppe COGLIANDRO Consigliere Dott. Ennio COLASANTI Consigliere Dott.ssa Maria Teresa POLITO Consigliere Dott. Carlo MANCINELLI I Referendario ***** Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti 12 luglio 1934, n e le successive modificazioni; vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 e in particolare l art. 3 comma 4, secondo il quale la Corte dei conti determina annualmente i programmi e i criteri di riferimento del controllo sui Fondi di provenienza comunitaria; vista la deliberazione n. 14/2000 delle Sezioni riunite della Corte dei conti, adottata nell adunanza del 16 giugno 2000 concernente il regolamento per l organizzazione delle funzioni di controllo della Corte dei conti ed in particolare l art. 10 modificato dall art. 12 della delibera n. 229 del 19 giugno 2008 adottata dal Consiglio di Presidenza; vista la deliberazione di questa Sezione n. 3/2008 con la quale è stato approvato il programma di controllo per l anno 2009 in cui era ricompressa l attività di controllo su Irregolarità e frodi in materia agricola ;

6 vista la relazione in data 21 giugno 2010 con la quale il consigliere Maria Teresa Polito ha riferito sull esito dei controlli; vista l ordinanza n. 5/2010 del 25 giugno 2010, con la quale il Presidente della Sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali ha convocato il Collegio della Sezione per l adunanza del 19 luglio 2010 ai fini della pronuncia sull attività di gestione in argomento, ai sensi dell art. 3, co. 4 della legge 20/1994; viste le note nn. 957, 958, 945, 941, 944 e 942 del 5 luglio 2010, con le quali sono state comunicati la data e l'ora dell adunanza fissata per il 19 luglio 2010 ed è stata trasmessa la relazione al Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie; al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali - Direzione generale delle politiche comunitarie e internazionali di mercato, all AGEA Presidenza, Ufficio Coordinamento, Ufficio Monocratico e Ufficio Contenzioso comunitario, alla Regione Calabria Dipartimento programmazione nazionale e comunitaria; alla Regione Lazio Direzione agricoltura e Area programmazione e sviluppo rurale; alla Regione Puglia Servizio politiche comunitarie; viste le note pervenute dalla Regione Calabria il 25 giugno 2010 prot. n. 4508; dalla Regione Lazio il 5 luglio 2010 prot. n ; dalla Regione Puglia il 02 luglio 2010 prot. n. 3849; da AGEA-Ufficio Monocratico il 01 luglio 2010 prot. n e il 16 luglio 2010 prot. n e l allegata documentazione; all adunanza del 19 luglio 2010 erano presenti: per il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali la dott.ssa Wanda Cozzi dirigente Ufficio POCOI IX; per AGEA il dott. Alberto Migliorini titolare dell Ufficio monocratico e la dott.ssa Angela Faranda (Ufficio monocratico), il dott. Francesco Martinelli dirigente dell Ufficio di coordinamento, il dott. Folco Ferretti dirigente dell Ufficio contenzioso comunitario; per la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie il gen. Gennaro Vecchione comandante del nucleo della GdF per la repressione frodi comunitarie; per la Regione Calabria il dott. Alessandro Zaffino dirigente del Settore sviluppo rurale, zootecnia, credito, riordino e trasformazione fondiaria del Dipartimento Agricoltura, foreste e forestazione e il dott. Leopoldo Leonetti; per la Regione Lazio il dott. Roberto Aleandri dirigente dell Area programmazione e sviluppo rurale; assenti i rappresentanti della Regione Puglia; udito il relatore Consigliere Maria Teresa Polito; uditi, per il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali la dott.ssa Wanda Cozzi; per AGEA il dott. Alberto Migliorini e il dott. Francesco Martinelli; per il Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie il Generale della

7 GdF Gennaro Vecchione; per la Regione Calabria il dott. Alessandro Zaffino e il dott. Leopoldo Leonetti; per la Regione Lazio il dott. Roberto Aleandri; DELIBERA di approvare la relazione allegata integrata con le osservazioni formulate dalle Amministrazioni; ORDINA che la presente deliberazione e l unita relazione siano trasmesse: - alle Presidenze del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati; - alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie; - Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali - Direzione generale delle politiche comunitarie e internazionali di mercato; - all AGEA; - alla Regione Calabria Dipartimento programmazione nazionale e comunitaria; - alla Regione Lazio Direzione agricoltura; - alla Regione Puglia Servizio politiche comunitarie; che le Amministrazioni interessate comunichino alla Corte dei conti e al Parlamento, entro sei mesi dalla data di ricevimento della presente relazione, le misure conseguenziali adottate ai sensi e per gli effetti dell articolo 3 comma 6 della l. n. 20/1994, modificato dall art. 1, co. 172 della legge 23 dicembre 2005, n Il Presidente (f.to Bartolomeo Manna) Il Consigliere relatore (f.to Maria Teresa Polito) Depositata in Segreteria il 26 luglio 2010 Il Dirigente (f.to Maria Laura Iorio)

8

9 INDICE CONSIDERAZIONI DI SINTESI OBIETTIVI E METODOLOGIA DELL INDAGINE IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO IN MATERIA AGRICOLA RIFORMA DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE (PAC) IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE RIPARTIZIONE DELLE COMPETENZE FRA I VARI ORGANISMI NEL SISTEMA NAZIONALE GLI ORGANISMI PAGATORI STRUTTURA E COMPETENZE DELL AGEA L Ufficio di coordinamento L Ufficio monocratico L Ufficio del contenzioso comunitario (UCC) L ATTIVITÀ DI CONTROLLO IL FONDO EUROPEO AGRICOLO DI ORIENTAMENTO E GARANZIA FEAOG - SEZIONE ORIENTAMENTO DISCIPLINA GIURIDICA DELLE IRREGOLARITÀ E DEI RECUPERI IN MATERIA AGRICOLA LA COMUNICAZIONE DELLE IRREGOLARITÀ LE IRREGOLARITÀ COMUNICATE LE IRREGOLARITA IN MATERIA DI FEAOG-SEZIONE GARANZIA SISTEMA DELLE COMUNICAZIONI PRESSO AGEA MODALITÀ DI ACCERTAMENTO DELLE IRREGOLARITÀ ED EFFETTI DELLA COMUNICAZIONE - LA SOSPENSIONE DEI PAGAMENTI LA COMPENSAZIONE LA DISCIPLINA DEI RECUPERI LE SANZIONI LE GARANZIE L ANALISI SPECIFICA RELATIVA ALLE IRREGOLARITÀ NELLE REGIONI L analisi specifica relativa alle irregolarità nella Regione Calabria L analisi specifica relativa alle irregolarità nella Regione Puglia L analisi specifica relativa alle irregolarità nella Regione Lazio IRREGOLARITÀ COMUNICATE NELL AMBITO DEL FEAOG-SEZIONE ORIENTAMENTO 99

10 5.1 - IL FENOMENO NELLA REGIONE CALABRIA Descrizione del fenomeno nella Regione Calabria Il programma operativo plurifondo Ambito finanziario e livello di attuazione Il Programma operativo regionale Ambito finanziario e livello di attuazione La struttura organizzativa preposta alla gestione e al controllo dei Fondi comunitari L attività di controllo La gestione delle irregolarità e delle frodi L attività amministrativa di natura cautelare. Le revoche ed i recuperi Le strutture preposte al monitoraggio dei recuperi Irregolarità accertate e loro tipologie (situazione al ) Regione Calabria Considerazioni conclusive IL FENOMENO NELLA REGIONE PUGLIA Descrizione del fenomeno nella Regione Puglia Il DOCUP OB. 5B e il PIC LEADER II Ambito finanziario e livello di attuazione Il programma operativo regionale Ambito finanziario e livello di attuazione La struttura organizzativa preposta alla gestione e al controllo dei Fondi comunitari L attività di controllo La gestione delle irregolarità e delle frodi L attività amministrativa di natura cautelare. Le revoche ed i recuperi Le strutture preposte al monitoraggio dei recuperi Irregolarità accertate e loro tipologie (situazione del ) Considerazioni conclusive IL FENOMENO NELLA REGIONE LAZIO Descrizione del fenomeno nella Regione Lazio Il DOCUP OB. 5b e il PIC LEADER II Ambito finanziario e livello di attuazione Il PIC LEADER Ambito finanziario e livello di attuazione La struttura organizzativa preposta alla gestione e al controllo dei Fondi comunitari L attività di controllo 170

11 La gestione delle irregolarità e delle frodi L attività amministrativa di natura cautelare. Le revoche ed i recuperi Le strutture preposte al monitoraggio dei recuperi Irregolarità accertate e loro tipologie (situazione al ) Considerazioni conclusive CONTROLLI ESEGUITI DALLE ALTRE SEZIONI REGIONELI DI CONTROLLO 189 SINTESI DELLA RELAZIONE APPROVATA DALLA SEZIONE DI CONTROLLO LOMBARDIA 189 SINTESI DELLA RELAZIONE APPROVATA DALLA SEZIONE DI CONTROLLO BASILICATA 205 SINTESI DELLA RELAZIONE APPROVATA DALLA SEZIONE DI CONTROLLO SICILIA 221 SINTESI DELLA RELAZIONE DELLA SEZIONE DI CONTROLLO CAMPANIA 235 SINTETICA PROSPETTAZIONE FINANZIARIA DELLA SEZIONE DI CONTROLLO SARDEGNA 245 APPENDICE 249

12

13 CONSIDERAZIONI DI SINTESI L indagine ha avuto ad oggetto le irregolarità e le frodi riscontrate nel settore agricolo sia con riguardo agli aiuti concessi con la PAC che a quelli a carico del Fondo strutturale FEAOG- Orientamento. Proprio la differenza sostanziale fra i due fondi, le diverse modalità di gestione, la competenza attribuita a soggetti differenziati, hanno reso l attività di controllo particolarmente complessa. Ulteriori elementi di complicazione vanno poi ascritti, in particolare per la PAC, alla grande parcellizzazione degli aiuti che accresce il rischio di irregolarità e rende difficili i controlli, in molte delle fattispecie segnalate solo un accurata istruttoria preventiva, anche attraverso tecniche avanzate (aereofotogrammetria, analisi computerizzate, incroci con banche dati catastali) può incidere positivamente riducendo il rischio di irregolarità. Va positivamente segnalata la presenza di diverse banche dati che consentono un miglior monitoraggio delle irregolarità e della situazione debitoria dei soggetti, per una più rapida azione di recupero. Così pure va positivamente rilevata la presenza, presso alcune Regioni, del registro informatico della irregolarità. Il controllo della Corte dei conti a cui ha fatto seguito il riscontro delle amministrazioni interessate, si è potuto giovare della banca dati delle irregolarità, presente presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, e di quella dei debitori organizzata presso AGEA. Il confronto ha consentito di segnalare alcune incongruenze ed errori rilevati grazie all incrocio delle informazioni, elementi che hanno consentito ad AGEA di riconoscere le anomalie, ponendo in essere i necessari provvedimenti correttivi. In tal modo il controllo ha potuto esprimere la sua funzione collaborativa che ha condotto all autocorrezione da parte dell Amministrazione. Con riguardo poi alle modalità di organizzazione del sistema informatico che privilegia la residenza e/o la sede legale dei soggetti beneficiari rispetto al territorio di destinazione degli aiuti, si osserva che, seppure tale pratica è in linea con i regolamenti comunitari, che in materia di politica agricola richiamano l attenzione sul produttore più che sul prodotto, sarebbe opportuno accreditare le potenzialità conoscitive consentendo ricerche informative anche per ambiti territoriali. Si osserva infatti che, a fronte di alcuni casi nei quali la residenza può coincidere con il territorio sovvenzionato, in moltissimi altri non si riesce a collocare l entità delle somme da recuperare nell ambito territoriale, situazione che si presenta ancora più 1

14 problematica quando l aiuto è indirizzato a diversi soggetti di differenti ambiti territoriali. La possibilità, invece, di una ricerca per territorio nel quale l aiuto ricade serve a stabilire l entità degli aiuti di cui ogni Regione può beneficiare, costituendo elemento di estremo interesse anche alla luce della riforma sul federalismo, ed esprime altresì la sua utilità per una più efficace politica di prevenzione, facilitando l analisi dei rischi e riducendo gli effetti elusivi connessi ad eventuali minori controlli. Inoltre per le Regioni dell Ob. 1 per le quali non è ancora operativo l Organismo pagatore (Campania, Sicilia, Sardegna) diverse da quelle espressamente esaminate nella presente indagine (Puglia e Calabria), l attività di controllo posta in essere dalle Sezioni regionali di controllo in contraddittorio con le Regioni, ha evidenziato l assenza di notizie sulla gestione degli aiuti e quindi dei relativi fenomeni di irregolarità e frodi nel Fondo FEAGA-Garanzia, per la cui gestione resta ancora piena la competenza dell AGEA. Sotto il profilo organizzativo, si è consolidata la positiva tendenza, anche nel settore agricolo, ad individuare un ufficio unico che segnali le irregolarità (riguardo al FEAOG-Orientamento dalle Regioni è stato individuato un ufficio unico che provvede a trasmettere le segnalazioni al Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie per l invio ad OLAF), ciò ha migliorato il regime delle comunicazioni e dello scambio di informazioni con il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, che cura la trasmissione informatica all OLAF, va però rilevato che le schede trasmesse all OLAF, soprattutto con riguardo al FEAOG- Garanzia, risultano carenti di elementi conoscitivi di grande rilievo quali, ad esempio, le modalità di commissione delle irregolarità e l analitica descrizione dello stato dei contenziosi. Con riguardo al primo degli elementi indicati, l esame delle fenomenologie si rivela particolarmente utile per la definizione dell analisi dei rischi, analisi che deve spingere l Amministrazione a modificare gli elementi di criticità rilevati. Va poi evidenziato che la modalità organizzativa unitaria non è stata estesa al sistema dei recuperi; infatti, eccezion fatta per l Organismo pagatore AGEA e quindi per il FEAGA, che dal 2006 ha concentrato tali funzioni nell Ufficio del Contenzioso Comunitario, presso le Amministrazioni regionali, invece, le attività di recupero sono svolte dai diversi responsabili di Misura. L esame della gestione ha messo altresì in evidenza, soprattutto nei primi anni esaminati, la carenza delle attività di controllo e l affidamento diffuso del controllo di secondo livello a strutture esterne, che, seppure consentito dalla normativa comunitaria, andrebbe disciplinato da ogni Amministrazione attraverso 2

15 specifiche linee di indirizzo e precise direttive da parte dei soggetti attuatori, al fine di definire la predeterminazione di metodologie e di criteri oggettivi. Ciò eviterebbe di attribuire un peso preponderante alle azioni intraprese dalla struttura esterna riconducendo e assegnando al soggetto gestore sia la scelta delle strategie che la supervisione e la diretta responsabilità del processo avviato. Va infatti rilevato che le funzioni di controllo sono senz altro qualificanti della missione dell Ente e qualora il loro svolgimento sia disancorato da precise linee di indirizzo, l affidabilità ed attendibilità delle risultanze ne potrebbero risultare inficiate rischiando di essere fortemente influenzate dai soggetti terzi, con conseguenze negative sull obiettività ed imparzialità dei risultati conseguiti. In tali casi andrebbero esplicitate sia le tipologie di controlli da porre in essere che le connesse responsabilità, e le modalità di selezione del campione, al fine di evitare che il terzo possa trovarsi in posizione di potenziale conflitto di interesse rispetto all eventuale individuazione di irregolarità a carico di particolari beneficiari. Va poi evidenziato che i casi di irregolarità segnalati ed ancora aperti, comunicati da AGEA e, per il FEAOG-Orientamento dalle Regioni, al Ministero delle politiche agricole, ambientali e forestali per l invio all OLAF, sono stati accertati, in via prevalente, da controlli ispettivi della Guardia di finanza, dell Arma dei Carabinieri e del Corpo forestale, piuttosto che dagli ordinari controlli di I e II livello. Le irregolarità segnalate riguardano, per una percentuale rilevante (80% per il FEAOG-Garanzia), quattro regioni del Sud (Sicilia, Calabria, Puglia e Campania) con importi da recuperare, su entrambi i Fondi, molto elevati. Ciò sottolinea la viva attenzione che l Organismo pagatore AGEA deve prestare a tale materia anche rispetto agli altri Organismi pagatori regionali. Con riguardo alle azioni cautelari e di garanzia si osserva che scarso rilievo è stato riservato alle fideiussioni tenuto conto che, nelle ipotesi di irregolarità, molto limitati, per diverse ragioni, sono i casi di escussione mentre la black-list predisposta da AGEA per i soggetti che violano gli obblighi contrattuali e non rispettano gli impegni assunti ha una limitata diffusione all interno all Organismo pagatore AGEA. Sotto il profilo dei recuperi, sia con riguardo al FEAOG-Garanzia che al FEAOG-Orientamento, si può riscontrare un basso livello di attuazione ed ancora elevate sono le somme da reintegrare all Erario comunitario e nazionale. Complessivamente, la situazione del recupero è ancora particolarmente critica sia per una certa complessità dell iter in via amministrativa, che per una diffusa inerzia delle Amministrazioni che ritardano o non attivano procedure amministrative di autotutela o azioni cautelari prima della conclusione dei 3

16 contenziosi, mentre i ritardi nei procedimenti possono causare pregiudizio alla reintegrazione del danno subito, essendo frequenti i casi di provvedimenti di recupero emessi dopo l intervenuta dichiarazione di fallimento delle società beneficiarie. Un interesse particolare meritano i casi di intervenuta insolvenza utili per stabilire, ai sensi dell art. 32, co. 6, lett. b) del reg. 1290/2005 del Consiglio, l applicazione del regime della non recuperabilità delle somme. L AGEA individua in più di 70 milioni di euro l entità degli importi irrecuperabili nel periodo in cui è stata effettuata la rilevazione, Tale somma, rapportata ai 155 milioni di euro complessivamente da recuperare, costituisce quasi il 46% delle entità finanziarie totalmente sottratte a qualunque iniziativa di sostegno e sviluppo. Va positivamente rilevato che nell ultimo periodo, quantomeno per il FEAOG- Garanzia, l Amministrazione ha fatto ricorso in modo massiccio all applicazione dell istituto della compensazione legale, istituto non specificamente previsto per i Fondi strutturali e quindi per il FEAOG-Orientamento. Va altresì evidenziato, che nell ultimo biennio, non solo l AGEA, ma anche le Amministrazioni regionali hanno fatto più frequentemente ricorso a procedimenti di sospensione cautelare delle erogazioni in corso, anche al fine di limitare, nei casi nei quali l intera erogazione non sia dovuta, l entità del danno all erario. Con riguardo, poi, ai recuperi coattivi, nel rilevare l estrema difficoltà della disciplina vigente che in caso di contenzioso può coinvolgere ben quattro diverse giurisdizioni, si sottolinea per alcune Amministrazioni lo scarso interesse per le iscrizioni a ruolo alle quali solo di recente (legge regionale Calabria n. 19/2009) ha fatto seguito una rinnovata e proficua attività. Va poi con preoccupazione segnalato che molti sono i casi penalmente rilevanti che in alcuni ambiti regionali raggiungono anche il 70% delle irregolarità comunicate. In alcuni di essi va evidenziata la gravità delle modalità attuative, realizzate con falsità documentale e con artifizi e raggiri, casi per i quali l attività si è resa possibile grazie al concorso ed alla relativa responsabilità di funzionari, ovvero di incaricati che hanno omesso l attività istruttoria o il controllo o hanno falsamente attestato la conformità delle domande, dei progetti, o la regolare esecuzione dei lavori. O in altri in cui la gestione è stata posta in essere da una vera e propria organizzazione criminale, finalizzata all elusione di norme e all ottenimento delle sovvenzioni attraverso la creazione di un associazione di agricoltori e commercianti tramite la quale si documentava l acquisto e la successiva rivendita di prodotti totalmente fittizia o di gran lunga superiore a quella reale, emettendo false fatture fiscali e consentendo a numerosi produttori di 4

17 presentare false domande di aiuto alla produzione per beneficiare di indebito contributo. Alcune particolari modalità attuative, caratterizzate da dolo o da negligenza grave 1, dovrebbero comportare, sulla base della disciplina comunitaria, così come previsto dal Regolamento finanziario del bilancio delle Comunità 2, sanzioni di decadenza, con l esclusione di tali soggetti dai benefici per un determinato arco temporale. Si riscontra invece, in qualche caso, la reiterazione di irregolarità con modalità fraudolente, da parte dei medesimi soggetti, a qualche anno di distanza per elevati importi da recuperare. Nella specie è necessario sottolineare che la disciplina comunitaria spinge per l effettività delle sanzioni richiamando l attenzione sulla necessità che le stesse siano efficaci e dissuasive, costituendo in tal modo una reale misura di deterrenza (art. 325 del Trattato di TRUF di Lisbona, art. 5 reg. Consiglio 2988/1995). Al riguardo potrebbe rivelarsi utile, almeno nei casi nei quali l aiuto è stato concesso sulla base di specifici bandi, inserire una clausola di automatica esclusione quando i fatti si siano svolti con modalità truffaldine o con negligenza grave. Ulteriore utilità potrebbe rivestire, in via generale,la predisposizione di una lista degli imprenditori inaffidabili da diffondere tra le Autorità nazionali e regionali che gestiscono Fondi comunitari. Ciò potrebbe contribuire a rafforzare la cultura della legalità e indurre a pratiche dissuasive. Sarebbe altresì auspicabile, sotto il profilo dei pagamenti, anche con finalità di deterrenza, prevedere normativamente la medesima disciplina già tracciata in materia di sanzioni dall art. 3, co. 5 legge 23 dicembre 1986 n. 898 secondo cui fino al versamento delle somme dovute a titolo di recupero resta sospeso il pagamento di qualsiasi aiuto, premio, indennità, restituzione, contributo o altre erogazioni, per qualunque importo richiesto dal debitore, anche per periodi temporali successivi a quelli a cui si riferisce l infrazione. 1 Si veda per lo Sviluppo rurale l art. 73 del regolamento Commissione 817/ Artt. 114 e 94 del reg. 1605/2002, così come modificato dal reg. 1995/

18 6

19 1. - OBIETTIVI E METODOLOGIA DELL INDAGINE Il Referto speciale sulle irregolarità e frodi nella materia agricola, inserito nel programma della Sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali per il , fa seguito ai precedenti referti di controllo sulle irregolarità e frodi sul Fondo di sviluppo regionale (FESR), approvato dalla Sezione con deliberazione n. 2/2007 e sul Fondo sociale europeo (FSE), approvata dalla Sezione con deliberazione n. 1/2009 ed integra un approfondita azione di analisi e costante monitoraggio che la Sezione riserva, da diversi anni (fin dall anno 2003), al fenomeno delle irregolarità e delle frodi anche nell ambito dell annuale referto finanziario 4. La Sezione si è data carico di completare l esame del fenomeno delle irregolarità e delle frodi, con una particolare attenzione per quelle in materia agricola, in quanto nell ultimo triennio si è potuto riscontrare un progressivo incremento delle stesse, sia sotto il profilo quantitativo, che qualitativo, tale da determinare un più alto fattore di rischio che incide sulla buona riuscita delle iniziative di sostegno all agricoltura, promosse attraverso la gestione delle politiche finanziarie dell Unione. Con la presente relazione il controllo è stato indirizzato all esame delle situazioni evidenziate in materia di FEAOG Garanzia e Orientamento, quest ultimo inserito fra i Fondi strutturali, indirizzando una particolare attenzione alle Regioni meridionali, nonché ad un campione significativo delle altre Regioni italiane con specifica attenzione per una regione del Nord (Lombardia) ed una del Centro (Lazio). Per quel che concerne la verifica sull andamento della gestione dei Fondi agricoli, va preliminarmente osservato che il nuovo ciclo di programmazione comunitaria non è oggetto della presente indagine perché le verifiche sulla gestione delle irregolarità e dei recuperi ed i fenomeni patologici conseguenti si riferiscono al periodo di programmazione e a programmazioni precedenti (per i Programmi di sviluppo rurale). La Programmazione , per altro, ha prorogato la fase di chiusura per la rendicontazione al 30 giugno 2009, nel settore dei Fondi strutturali. 3 L indagine è stata approvata dalla Sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali con deliberazione n. 3/ L ultimo referto è stato approvato con deliberazione n. 5/2009. Si rammenta, altresì, che la Sezione di controllo per gli affari comunitari e internazionali sul tema delle irregolarità ha approvato nel 2002 due relazioni di controllo, una con deliberazione n. 2/2002 sulle irregolarità e frodi nell utilizzo del FSE e un altra con deliberazione n. 4/2002 sullo stato di applicazione in Italia del reg. (CE) 1681/1994 e nel 2007 una relazione sulle irregolarità e frodi nell utilizzo del FESR nelle regioni dell Obiettivo 1 con deliberazione n. 2/2007, e nel 2009, una relazione sulle irregolarità e frodi nell utilizzo del FSE, con deliberazione n. 1/

20 Il controllo ha analizzato, solo per grandi linee, la nuova impostazione programmatoria per il settennio e la relativa disciplina comunitaria quale emerge dai più recenti regolamenti con cui si è dato impulso alla Politica agricola comune. L attività di controllo è stata svolta con la collaborazione di 5 Sezioni regionali: Lombardia, Basilicata, Sardegna, Sicilia e Campania; le prime quattro hanno inserito l attività di controllo nel programma annuale, seppure con diversa modalità (la Sezione Lombardia ha svolto una indagine sulla gestione del Fondo sociale europeo, sui Fondi in agricoltura e sulle relative irregolarità comprendendo la gestione dell Organismo pagatore regionale della Lombardia OPLO; la Sezione Sardegna ha esaminato il fenomeno nel referto sui Fondi in agricoltura; le Sezioni Sicilia e Basilicata hanno, invece, svolto specifico controllo sulle irregolarità nel settore dell agricoltura, quest ultima poi ha dato conto della gestione dell Organismo pagatore regionale ARBEA, mentre la Sezione Campania ha svolto un istruttoria che rifluirà nell esame del rendiconto regionale. La Sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali, alla luce di quanto disposto dal regolamento di organizzazione delle funzioni della Corte 5 ha curato l istruttoria nei confronti sia di Amministrazioni ed Enti centrali quali il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie, AGEA (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) come Organismo pagatore, che delle altre Regioni meridionali, inserite nell Obiettivo 1, Puglia e Calabria e, per offrire uno spaccato territoriale più ampio ha altresì esaminato la situazione rappresentata dalle irregolarità riscontrate nella Regione Lazio. La base informativa di partenza è stata costituita, per il Fondo europeo agricolo di orientamento e garanzia (FEAOG) Sezione Orientamento, dai dati sulle irregolarità in materia di Fondi strutturali, presenti nella banca dati del Dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie, struttura preposta dalla legge a ricevere da tutte le Amministrazioni italiane, le comunicazioni sui Fondi strutturali, secondo le modalità indicate dai regg. nn. (CE) 1681/1994 e 2035/2005, per il successivo invio alla Commissione-OLAF 6, mentre per il FEAOG-Garanzia i dati sono stati forniti dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, da AGEA, dall Agenzia delle dogane, Servizio autonomo interventi nel settore agricolo-saisa. 5 Art. 10 del. 14/2000 delle Sezioni Riunite, così come modificato dal regolamento approvato dal Consiglio di Presidenza l 11 giugno L OLAF, istituito nel 1999, è l Ufficio europeo per la lotta antifrode ed ha come compito quello di proteggere gli interessi finanziari dell Unione europea nella lotta contro la frode, la corruzione ed ogni altra forma di attività illegale, comprese quelle perpetrate in seno alle istituzioni europee. 8

21 I dati e gli elementi esposti sono stati oggetto di contraddittorio con le Amministrazioni interessate che hanno con disponibilità corrisposto alle richieste istruttorie della Sezione. L indagine ha avuto carattere comparativo utilizzando una metodologia espressamente prevista come modalità di controllo dalla deliberazione n. 4/2004 di questa Sezione, con la consapevolezza che il raffronto fra i modelli organizzativi ed i procedimenti seguiti nelle diverse realtà amministrative potesse offrire elementi di valutazione e di approfondimento complessivi, indirizzati sia a stimolare le amministrazioni ad interventi correttivi che a valorizzare le buone pratiche evidenziate. Presso la Sezione di controllo per gli affari comunitari ed internazionali è stato costituito un gruppo di lavoro composto da magistrati sia della Sezione centrale che delle Sezioni regionali di controllo per la Campania, la Sardegna, la Sicilia, la Lombardia e la Basilicata, relatori dei referti di rispettiva competenza. Il gruppo ha individuato gli obiettivi e gli indicatori e ha definito, pur con le particolarità che ogni situazione territoriale riveste, gli elementi conoscitivi sui quali indirizzare l istruttoria, ha predisposto due questionari distinti, uno con riguardo al FEAOG-Orientamento e l altro al FEAOG-Garanzia con domande a risposta multipla e di tipo descrittivo, trasmessi il primo alle Amministrazioni regionali e l altro ad AGEA. In tal modo l istruttoria per l acquisizione dei dati e la loro successiva elaborazione è stata effettuata, oltre che da questa Sezione, anche dalle Sezioni regionali di controllo menzionate. Le richieste istruttorie hanno altresì riguardato gli atti di indirizzo e di programmazione in tema di sviluppo rurale e FEAOG nell ambito di entrambi i periodi di programmazione ( e ) e segnatamente: - Programmazione : disamina delle Misure relative agli investimenti nelle aziende agricole, con particolare riferimento a: grado di realizzazione degli investimenti (avanzamento fisico e finanziario); organizzazione dei controlli di I e II livello e loro esiti; - Programmazione : le novità introdotte rispetto al precedente ciclo di programmazione; avanzamento fisico e finanziario; esiti dei controlli rapporti periodici alla Commissione e valutazioni in itinere sullo stato di attuazione; In modo specifico i quesiti formulati hanno riguardato richieste di notizie concernenti: - l attuazione finanziaria; 9

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia

Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia Audizione nell ambito dell indagine conoscitiva sulla Attuazione ed efficacia delle politiche della UE in Italia 2015 XIV Commissione permanente Politiche dell Unione Europea Camera dei Deputati 14/01/2015

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI

1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI 1 - AREA INTERDIPARTIMENTALE PER IL COORDINAMENTO E GESTIONE DEI FONDI COMUNITARI E NAZIONALI Responsabile: Dott.ssa Anna Greco Tel.: 0917076283 E-mail: agri1.areagestionefondi@regione.sicilia.it - Assegnazione

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse

Lo Sportello Informativo on line La tua Regione a portata di mouse UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Per favorire il dialogo con i cittadini la Regione Calabria lancia lo sportello informativo, il servizio on line che consente di avere, in tempi certi,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme

la nuova PAC una guida pratica per una visione di insieme una guida pratica per una visione di insieme sommario Presentazione 3 I pilastri della 4 Uno sguardo d insieme 5 Le novità per il I Pilastro 6 Le novità per il II Pilastro 9 Glossario 12 Il volume è frutto

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli