White Paper n.3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "White Paper n.3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali"

Transcript

1 Snellire e migliorare le burocrazie pubbliche è una priorità nelle agende dei paesi industrializzati. Negli ultimi tre decenni, la maggioranza degli stati appartenenti all Ocse ha avviato riforme del pubblico impiego con l obiettivo di creare a government that works better, costs less and gets results. Quali strumenti e metodi sono stati introdotti? Qual è stato l impatto delle riforme sulla performance della pubblica amministrazione? Cosa resta da fare? Il presente White Paper descrive le politiche del pubblico impiego in un campione di stati rappresentativo delle tradizioni amministrative occidentali e nella Commissione Europea e identifica i trend comuni di riforma. Giovanni Valotti è professore ordinario di Economia delle Aziende e delle Amministrazioni Pubbliche presso il Dipartimento di Analisi Istituzionale e Management Pubblico dell Università Bocconi, docente dell Area Public Management & Policy della SDA Bocconi, Direttore della Scuola Universitaria e Responsabile Scientifico dell Osservatorio sul Cambiamento delle Pubbliche Amministrazioni. Si occupa di gestione delle risorse umane, di cambiamento organizzativo e di performance management nel settore pubblico. Giovanni Tria è professore ordinario di Economia Politica presso l Università degli Studi Di Roma Tor Vergata e presidente della Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione. Si occupa di macroeconomia, ciclo economico, politiche di prezzo, economia dei servizi, capitale pubblico e produttività. Marta Barbieri è docente dell Area Public Management & Policy della SDA Bocconi e ricercatrice presso il Centro di Ricerca sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale dell Università Bocconi. Si occupa di organizzazione e gestione del personale nelle Aziende Sanitarie e nell Ente Regione. Nicola Bellé è assistant professor del Dipartimento di Analisi Istituzionale e Management Pubblico dell Università Bocconi, docente dell Area Public Management & Policy della SDA Bocconi e membro del comitato editoriale dell Osservatorio sul Cambiamento delle Pubbliche Amministrazioni. Si occupa di gestione delle risorse umane e di processi di cambiamento organizzativo nel settore pubblico. Paola Cantarelli è collaboratrice SDA Bocconi. Si occupa di gestione delle risorse umane e di processi di cambiamento organizzativo nel settore pubblico. White Paper n.3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali Valotti, Tria, Barbieri, Bellé, Cantarelli White Paper n.3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali a cura di Giovanni Valotti, Giovanni Tria, Marta Barbieri, Nicola Bellé, Paola Cantarelli Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Formazione di Eccellenza per i Dirigenti e i Funzionari della PA

2

3

4 White Paper n. 3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali Giovanni Valotti, Giovanni Tria, Marta Barbieri, Nicola Bellé, Paola Cantarelli Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Formazione di Eccellenza per i Dirigenti e i Funzionari della PA

5 Copyright 2011 EGEA S.p.A. Via Salasco, MILANO Tel. 02/ Fax 02/ Tutti i diritti sono riservati, compresi la traduzione, l adattamento totale o parziale, la riproduzione, la comunicazione al pubblico e la messa a disposizione con qualsiasi mezzo e/o su qualunque supporto (ivi compresi i microfilm, i film, le fotocopie, i supporti elettronici o digitali), nonché la memorizzazione elettronica e qualsiasi sistema di immagazzinamento e recupero di informazioni. Per altre informazioni o richieste di riproduzione si veda il sito Date le caratteristiche di Internet, l Editore non è responsabile per eventuali variazioni di indirizzi e contenuti dei siti Internet menzionati Prima edizione: dicembre 2011 ISBN Stampa: Digital Print, Segrate (MI)

6 Indice 1 Introduzione 1 2 Casi di studio Australia Canada Francia Germania Regno Unito Spagna Stati Uniti Svezia Commissione Europea Trend emergenti Ibridazione dei modelli career based e position based Strategie di reclutamento di tipo attivo Selezione basata su competenze, potenziale e profilo motivazionale Valutazione della performance Diffusione di schemi retributivi collegati alla performance Istituzionalizzazione della dirigenza Evoluzione dei sistemi di gestione del personale in senso strategico Adozione di sistemi di gestione del personale di stampo privatistico Un agenda per il rinnovamento del pubblico impiego 163 V

7

8 1. Introduzione Il presente white paper è frutto della collaborazione tra Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (SSPA) e SDA Bocconi School of Management. La ricerca riporta i risultati di un analisi comparata dei sistemi di pubblico impiego di un campione di stati rappresentativi delle quattro principali tradizioni amministrative occidentali: napoleonica, germanica, anglosassone e nordeuropea. Lo studio include, inoltre, il sistema di gestione del personale della Commissione Europea, in ragione dell elevata e crescente influenza che questo esercita sulla definizione dei modelli di pubblico impiego degli stati membri (Barbieri et al., 2010). Infine, lo studio descrive i trend di gestione del personale emergenti dalla comparazione internazionale e intersettoriale e propone un agenda per il rinnovamento del pubblico impiego. Il campione analizzato comprende: Australia; Canada; Francia; Germania; Regno Unito; Spagna; Stati Uniti; Svezia; Commissione Europea. L analisi è stata condotta su dati primari (e.g., database nazionali e siti governativi) e secondari (e.g., database OCSE, Eurostat e pubblicazioni scientifiche). Il report relativo a ciascuno dei nove sistemi si articola nelle medesime sezioni: a) Dimensione e profilo del pubblico impiego Questa sezione descrive struttura, dimensione e caratteristiche generali del sistema di pubblico impiego. L analisi include, tra le altre, le seguenti 1

9 variabili: numero di dipendenti pubblici e loro incidenza percentuale su popolazione e forza lavoro totale; livello di decentramento e articolazione territoriale del pubblico impiego; costo del lavoro pubblico rispetto a PIL e spesa pubblica; profilo demografico dei dipendenti pubblici. b) Reclutamento e selezione Questa sezione analizza: (1) i sistemi di ricerca dei candidati per l assunzione e [ le] strategie per attrarre le loro candidature (Filippo e Edwin, 1984 pag. 85); (2) i processi di scelta dei candidati più idonei a ricoprire le posizioni vacanti (Roberts, 2002 pag. 110). L analisi include, tra gli altri, i seguenti elementi: principi e regole formali che disciplinano l accesso al pubblico impiego; fasi e tempistica dei processi di reclutamento e selezione, nonché soggetti coinvolti e metodologie utilizzate. c) Sistema di carriera Questa sezione analizza le caratteristiche del sistema di carriera rispetto a due modelli polari: career-based e position-based. Nel primo, l ingresso nel settore pubblico avviene ad inizio carriera, a seguito del superamento di un concorso che testa conoscenze prevalentemente di tipo nozionistico; i percorsi di carriera consistono in progressioni gerarchiche successive, riconosciute sulla base di merito e anzianità. Il modello positionbased è invece focalizzato sulla ricerca del miglior candidato per ciascuna posizione vacante; a differenza dei sistemi career-based, quelli position-based consentono l accesso anche a metà carriera e, dunque, la permeabilità tra pubblico impiego e mercato del lavoro privato. d) Formazione Questa sezione analizza le attività di formazione ed i percorsi di professionalizzazione dei dipendenti pubblici. L analisi include, tra gli atri, i seguenti elementi: quantità e tipologia di training, sia all ingresso che in itinere; modalità di identificazione e formulazione dei fabbisogni formativi; collegamento tra sistemi di valutazione, carriera e formazione; livello di decentramento delle competenze in materia di formazione; incidenza della formazione in house rispetto a quella esternalizzata ad istituzioni specializzate, quali università e società di consulenza. e) Valutazione della performance Questa sezione analizza i sistemi di valutazione della performance individuale e di gruppo. L analisi include, tra gli altri, gli elementi seguenti: oggetti e dimensioni della 2

10 valutazione; strumenti e metodologie utilizzate (e.g., sistemi a 360, forced distribution, forced ranking); ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti nel processo di valutazione; fasi e tempistica; collegamento tra valutazione e altri sistemi di gestione del personale (e.g., retribuzione, carriera, formazione). f) Retribuzione e premi Questa sezione illustra le caratteristiche degli schemi retributivi. L analisi include, tra gli altri, gli elementi seguenti: articolazione dei livelli salariali per le diverse categorie di dipendenti pubblici; incidenza, tipologia e struttura degli incentivi monetari collegati alla performance; grado di differenziazione nell allocazione dei premi. g) Percorsi di uscita Questa sezione analizza i percorsi di uscita volontaria, i meccanismi di espulsione e i sistemi di collocamento a riposo. In particolare, l uscita volontaria può essere definitiva o temporanea. Questa seconda fattispecie, tradizionalmente prerogativa dei sistemi anglosassoni, è oggi prevista anche dagli ordinamenti di molti paesi di tradizione napoleonica al fine di favorire una maggiore permeabilità tra pubblico impiego e settore privato. La quantità ed il livello di dettaglio delle informazioni riportate in ciascuna sezione differiscono tra i diversi casi analizzati, talora anche in misura molto significativa. Tale disomogeneità è riconducibile all estrema variabilità nella quantità e qualità di dati primari e secondari relativi ai diversi sistemi presi in esame. Le sezioni seguenti contengono: I nove rapporti relativi agli otto casi-paese (Australia; Canada; Francia; Germania; Regno Unito; Spagna, Stati Uniti e Svezia) e alla Commissione Europea; Un analisi dei trend emergenti dalla comparazione internazionale e intersettoriale; Una riflessione conclusiva sul rinnovamento necessario nei sistemi di pubblico impiego. 3

11 Bibliografia Barbieri Dario, Nicola Bellé, Paolo Fedele, e Edoardo Ongaro Da Eurocrati a Manger? La Burocrazia Europea tra Processi di Managerializzazione e Funzioni Istituzionali. White Paper n. 1/2010 OCAP Osservatorio sul Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche. Egea S.p.A. Edwin. B. Filippo Principles of Personnel Management, 6th edition. Singapore: McGraw Hill. Roberts, G. E Issues, challenges and changes in recruitment and selection. In S. Hay and R. Kearney (Eds.) Public personnel administration: Problems and prospects (4th ed.). Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall. 4

12 2. Casi di studio Australia Dimensione e profilo del pubblico impiego L Australia ha una popolazione che conta all incirca 22,5 milioni di abitanti ed un PIL che ammonta a quasi 763 bilioni di dollari. I dipendenti della pubblica amministrazione australiana sono poco meno di e rappresentano il 13,7% della forza lavoro. La spesa per gli stipendi dei dipendenti pubblici è pari all 11,7% del PIL e al 33,5% della spesa pubblica (Tabella 2.1.1). Tabella 2.1.1: Dimensione del pubblico impiego Popolazione abitanti (2010) Dipendenti pubblici (*) Dipendenti pubblici / Forza lavoro 13,7% (2005) PIL milioni $ (2008) Spesa per stipendi per i dipendenti pubblici / PIL 11,7% (2007) Spesa per stipendi per i dipendenti pubblici / Spesa pubblica 33,5% (2007) Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 (*) Dipendenti pubblici facenti parte del Public Service Act, legge che regola le attività e la gestione del personale nel settore pubblico australiano La Tabella mostra che la presenza femminile nella PA centrale è aumentata di circa nove punti percentuali nell arco di 10 anni, passando dal 47,2% del 1995 al 56% del La presenza femminile nella PA centrale in posizioni dirigenziali è passata dal 18,4% del 1995 al 33% del 2005 e in posizioni amministrative dal 51,6% del 1995 al 60% del In aggiunta agli autori del white paper, hanno collaborato alla stesura del presente capitolo Antonio Costagliola Di Fiore (per i casi di studio di Canada, Francia e Spagna) e Henry Sichel (per i casi di studio di Australia, Germania, Stati Uniti e Svezia). 5

13 Tabella 2.1.2: Incidenza dei dipendenti di genere femminile nella PA centrale, in posizioni dirigenziali e amministrative nel 1995, 2000 e Presenza femminile nella PA centrale 47,2% 49,9% 56% Presenza femminile in posizioni dirigenziali nella PA centrale 18,4% 25,3% 33% Presenza femminile in posizioni amministrative nella PA centrale 51,6% 54,5% 60% Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 e Äijaälä 2002 La Tabella mostra la distribuzione percentuale dei dipendenti pubblici per fasce d età nel 1990 e nel L incidenza percentuale del gruppo di dipendenti con meno di 39 anni è diminuita tra il 1990 e il 2001 in maniera significativa, con un picco di undici percentuali per la fascia anni. Al contrario, l incidenza percentuale del gruppo di dipendenti nelle fasce e anni è aumentata. Tabella 2.1.3: Distribuzione dei dipendenti pubblici per fascia d età < 19 anni anni anni anni anni > 60 anni % 27% 34% 26% 10% 2% % 16% 30% 33% 19% 2% Fonte: ns. elaborazione da (Äijaälä 2002) La pubblica amministrazione australiana è marcatamente federale e decentralizzata: nel 2005 l 11% dei dipendenti pubblici operava nella Pubblica Amministrazione Centrale, mentre la quota restante (89%) era dislocata presso i livelli di governo sub-nazionali e locali. Questi dati configurano l Australia come lo stato maggiormente federalista in termini di allocazione dei dipendenti tra tutti quelli appartenenti all OCSE (OCSE, 2009). Reclutamento e selezione L Australian Public Service Commission (APSC) è responsabile per la promozione delle pratiche migliori in tema di gestione del personale. Nel 2009, la APSC ha introdotto un programma di riforma della pubblica amministrazione che prevede, tra le altre iniziative, la creazione di processi selettivi più snelli, tempestivi e trasparenti. L APSC collabora con le agenzie governative nel processo di implementazione di tale riforma. Per incrementare l attrattività del governo come datore di lavoro, il settore pubblico australiano ha deciso di puntare sui seguenti elementi (Äijaälä, 2002): Scala salariale flessibile; Sistema avanzato di gestione delle risorse umane e delle performance; 6

14 Implementazione del Codice di Condotta e della Carta dei Valori; Elevata attenzione al training. Le agenzie governative pubblicano le offerte di lavoro per le posizioni vacanti, le opportunità di mobilità interna e le possibilità di promozione sulla Gazzetta Ufficiale (Australian Public Service Employment Gazette), pubblicata settimanalmente anche sul sito web (Governo australiano, 2010). Oltre alle modalità di reclutamento tradizionali, il governo ha sviluppato partnership con aziende private, organizzazioni non-profit e altri soggetti esterni al fine di ampliare la portata delle offerte di lavoro veicolate dalla pubblica amministrazione (OCSE, 2009). Ad esempio, un agenzia può integrare offerte e comunicati pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale attraverso dedicate campagne promozionali esterne, allo scopo di attrarre un bacino più ampio di candidati. Tale promozione aggiuntiva può essere realizzata prima o entro quattro settimane dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Le agenzie possono inoltre organizzarsi in completa autonomia, utilizzando giornali, agenzie interinali, siti web propri, di terzi o specializzati ad esempio per reclutare capitale umano. Molte agenzie mantengono registri temporanei interni oppure si avvalgono di società private per tenere traccia delle candidature ricevute (Governo australiano, 2007). La Tabella riassume le modalità di reclutamento e focus della selezione per differenti posizioni all interno del pubblico impiego. Per la mobilità di personale all interno dell agenzia o tra agenzie non esiste obbligo di pubblicazione dell offerta nella Gazzetta Ufficiale e la selezione può basarsi su criteri diversi dal merito. Per l assunzione di personale con contratti inferiori a dodici mesi non è necessaria la pubblicazione dell offerta in Gazzetta Ufficiale, ma almeno alcuni criteri di selezione devono fare riferimento al merito. Infine, per la promozione di personale interno o per l assunzione di personale esterno per più di dodici mesi è obbligatoria la pubblicazione dell offerta in Gazzetta Ufficiale e la selezione basata sul merito. 7

15 Tabella 2.1.4: Modalità di reclutamento e focus della selezione per differenti posizioni nel pubblico impiego Modalità di reclutamento Focus della selezione Personale in mobilità nell agenzia o tra agenzie Gazzetta Ufficiale, senza obblighi in merito Nessun obbligo di selezionare in base al merito Personale esterno con contratto inferiore ai 12 mesi o assunti per necessità temporanee Tramite soggetti terzi. Nessun obbligo di pubblicizzazione in Gazzetta Ufficiale Obbligo di considerare criteri di merito insieme ad altri criteri di selezione Fonte: ns. elaborazione da Governo australiano 2010 Personale a tempo indeterminato o determinato con contratto superiore a 12 mesi Obbligo di notifica in Gazzetta Ufficiale Obbligo di selezionare in base al merito Ogni agenzia può definire criteri di selezione per posizioni dell agenzia stessa che si sommano ai criteri generali di impiego nella PA. La coesistenza di criteri di selezione generici e specialistici può essere realizzata in due modalità (Governo australiano, 2010): composizione della graduatoria sulla base della valutazione di entrambi i gruppi di criteri oppure match tra la graduatoria costituita in base alla valutazione dei criteri generici e la graduatoria costituita in base alla valutazione dei criteri specialistici. La selezione avviene tramite esami scritti, colloqui orali e risoluzioni di casi pratici atti a valutare: Conoscenze: Competenze; Qualifiche; Motivazioni di performance individuali precedenti; Potenzialità di sviluppo. Durante il colloquio, il candidato deve dimostrare le capacità e le competenze individuali tramite la risoluzione di casi concreti e test attitudinali. Se un agenzia sta selezionando per molteplici posizioni, è possibile che i candidati siano valutati in sessioni di gruppo presso centri di valutazione appositi, tramite processi incentrati su giochi di ruolo, simulazioni e lavori di gruppo. Il processo di selezione maggiormente diffuso prevede la nomina di un comitato di valutazione composto da due o tre dipendenti pubblici e da un supervisore per la posizione vacante. Il comitato svolge un analisi iniziale sull adeguatezza dei candidati, considerando le loro candidature scritte e basandosi su tali contributi per identificare aree da approfondire in seguito. A supporto della selezione del comitato possono essere utilizzati anche centri esterni di valutazione, moduli di candidatura strutturati, strumenti di autoselezione e test selettivi. Tutto il processo è comunque supervisionato dal comitato di selezione. Al termine della selezione, le graduatorie rimangono valide per dodici mesi a partire dalla data di pubblicazione dell annuncio sulla Gazzetta Ufficiale. Ciò 8

16 consente all agenzia che ha pubblicato l annuncio di selezionare candidati per colmare posizioni aperte di natura similare che si dovessero manifestare nell arco dei suddetti dodici mesi (Governo Australiano, 2007). Sistema di carriera Il sistema di pubblico impiego australiano è position-based. L indice OCSE position-based nella PA centrale, variabile tra 0 (sistema career-based puro) e 1 (sistema position-based puro), assume un valore di 0,7 per l Australia. Il dato è dunque superiore alla media OCSE che si attesta allo 0,47 (Tabella 2.1.5). Nel dettaglio, tale indice rappresenta la possibilità per un individuo in cerca di lavoro di entrare a fare parte del servizio pubblico a qualunque età e in qualsiasi posizione gerarchica. Le variabili osservate, ciascuna con lo stesso peso sul valore numerico finale, sono: tipologia di politiche generali di ingresso nel civil service, tipo di reclutamento per i profili senior, sistemi di assunzione per i livelli di ingresso, sistemi di mobilità tra dipartimenti. Tabella 2.1.5: Indice OCSE position-based Australia Media OCSE Indice OCSE position-based 0,7 0,47 Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 In linea con le caratteristiche generali dei sistemi di pubblico impiego position-based, in Australia il reclutamento e la selezione sono orientati principalmente al mercato del lavoro esterno e all intercettazione dei profili di volta in volta maggiormente rispondenti ai requisiti ricercati. Un altro indicatore che testimonia la presenza di un sistema prevalentemente position-based, è rappresentato dal posizionamento dell Australia rispetto all indice OCSE position-based e al grado di delega nella gestione del personale, con riferimento al 2005 (Grafico 2.1.1). Il valore attribuito alla variabile delega (0=nessuna delega; 1=elevato livello di delega) è influenzato dalle seguenti grandezze, ciascuna avente lo stesso peso sull indicatore finale: esistenza di un dipartimento centrale di gestione delle risorse umane e ruolo dei dirigenti nella determinazione del numero di posizioni e delle mansioni necessarie nell organizzazione in esame; delega delle decisioni sui livelli di retribuzione; delega delle decisioni riguardanti la classificazione delle posizioni, il reclutamento e il licenziamento; delega delle decisioni riguardanti le condizioni d impiego in generale; impatto reale della delega sulle condizioni di impiego. L Australia presenta un ampio grado di autonomia nella gestione del proprio pubblico impiego. Di fatto, ciascuna agenzia ha ampia libertà nella definizione delle proprie esigenze di staff e reclutamento, nella determinazione dei livelli di retribuzione dei propri dipendenti (nell ambito dei limiti di budget), nella strutturazione dell organizzazione interna nonché nell articolazione dei metodi di lavoro e delle pratiche operative (OCSE, 2008). 9

17 Grafico 2.1.1: Posizionamento dell Australia rispetto all indice OCSE position-based e al grado di delega nella gestione del personale Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 Infine, anche l indice OCSE di decentramento nella gestione del pubblico impiego nella PA centrale, variabile tra 0 (massima centralizzazione) e 1 (massimo decentramento), testimonia la presenza di un sistema di pubblico impiego position-based (Tabella 2.1.6). Un estremo (0), si caratterizza per la determinazione centralizzata sia del numero che della tipologia di posizioni caratterizzanti l organigramma della pubblica amministrazione, l altro (1) per un ampia flessibilità in capo ai vertici di dipartimenti/agenzie che, nell alveo di specifici limiti budgetari e legali, possono variare numero e tipologia di posizioni. L Australia, con un indice di 0,65, si caratterizza per un notevole livello d autonomia nella gestione delle proprie risorse, superiore di più di venti punti percentuali alla media OCSE di 0,44. Tabella 2.1.6: Indice OCSE di decentramento nella gestione del pubblico impiego Indice OCSE di decentramento nella gestione del pubblico impiego Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2008 Australia Media OCSE 0,65 0,44 Il sistema di pubblico impiego australiano consiste in sei gradi per i livelli non dirigenziali, due gradi per gli executive e 3 gradi per i senior executive (Tabella 2.1.7). A ciascun grado corrisponde un differente livello di complessità del lavoro, responsabilità, abilità richieste e remunerazione. 10

18 Tabella 2.1.7: I gradi del sistema di pubblico impiego APS 1 APS 2 APS 3 APS 4 APS 5 APS 6 Executive level 1 Executive level 2 Senior Executive Band 1 Senior Executive Band 2 Senior Executive Band 3 Posizioni amministrative e stagisti Livello generale d ingresso per i neolaureati; posizioni amministrative e tecniche Posizioni amministrative e tecniche con funzioni di supervisione Posizioni manageriali intermedie Posizioni manageriali apicali Fonte: ns. elaborazione Governo australiano 2007 I dipendenti inquadrati come senior executive sono gestiti diversamente e separatamente dal resto del personale. Ad esempio, è posta maggiore enfasi sulla misurazione e gestione delle loro performance e sulla valutazione delle loro capacità di leadership e supervisione (OCSE, 2009). Esistono inoltre alcune peculiarità attinenti i criteri di selezione e di licenziamento. Tutte le posizioni senior executive sono aperte alla competizione esterna. Il distacco a tempo determinato comporta l allocazione del dipendente ad una nuova posizione di livello più elevato, equipollente o inferiore rispetto a quello di partenza. Ai fini della corretta implementazione del procedimento, l impiegato deve ottenere l autorizzazione scritta dell agenzia di appartenenza. Nel caso in cui la mobilità a tempo determinato preveda il subentro in una posizione di più elevato livello rispetto a quello di partenza, non è richiesta alcuna forma di pubblicità sulla Gazzetta Ufficiale, né alcun processo di selezione competitiva. In questo caso è tuttavia necessario che l agenzia ricevente: Formazione Espliciti l importanza di tale mansione per l agenzia; Fornisca una stima della durata del contratto e dei costi di gestione del nuovo personale; Chiarisca le prospettive di carriera; Provi che la riallocazione è avvenuta in base alla congruenza tra le competenze e le qualifiche del dipendente e i requisiti richiesti per la posizione che dovrà ricoprire. L Australian Public Service Commission (APSC) ha declinato i principi guida che devono ispirare qualsiasi corso di formazione offerto ai dipendenti pubblici. Tali principi sono: 11

19 Focus sul servizio pubblico; Rilevanza dei contenuti insegnati; Accessibilità garantita al massimo numero di dipendenti; Visione globale delle tematiche discusse; Efficienza nella gestione dei programmi. L APSC si occupa della formazione sia dei dipendenti pubblici che degli studenti. Per i primi organizza eventi e conferenze su tematiche rilevanti e training durante la carriera professionale. Per i secondi, invece, gestisce l Australian and New Zeeland School of Government e accredita corsi universitari di management pubblico. Offre anche tirocini agli studenti perché acquisiscano esperienze professionali in agenzie pubbliche. I programmi per studenti si distinguono in (Governo australiano, 2007): Stage durante gli studi, generalmente organizzati durante le pause accademiche, volti a sviluppare competenze professionali; Programmi graduate, della durata di un anno, volti a fornire trainingon-the-job. Per i profili migliori i programmi graduate possono concludersi con un offerta di lavoro. Per tutto il personale non-dirigente, sono previsti sia corsi di formazione continua che una-tantum. I primi sono, per esempio, incentrati sulla gestione di: portatori di interesse, sistemi finanziari, risorse umane, leadership, percorsi di formazione tecnica e specialistica. I secondi, invece, possono riguardare il potenziamento delle soft skill quali l abilità nella preparazione di presentazioni efficaci e la capacità di fornire e ricevere feedback. L APSC organizza anche corsi di formazione dedicati esclusivamente al personale dirigente. Il Senior Executive Leader Capability Framework descrive tutte le capacità richieste ai profili senior executive che vengono potenziate attraverso la formazione. A tali profili è richiesto di raggiungere i risultati, gestire network professionali, incentivare la pianificazione strategica, comunicare efficacemente e dimostrare integrità etica e morale. Tra gli altri, i senior executive partecipano ai seguenti programmi: Experitise Development: seminari volti ad aumentare conoscenze e competenze pratiche; Senior Executive Orientation: programma di formazione all ingresso; Senior Executive Service Residential Programs: corsi personalizzati per posizione dirigenziale e contenuto specifico del servizio fornito dall ufficio di appartenenza. 12

20 Valutazione della perfomance La Tabella mostra l indice OCSE di utilizzo di sistemi di performance management nella gestione del personale pubblico nella PA centrale. Il valore numerico è calcolato sulla base delle seguenti variabili (OCSE 2009): avanzamenti di carriera; remunerazione; rinnovo contrattuale per la medesima posizione e rinnovo contrattuale nel pubblico impiego. Le variabili hanno lo stesso peso sulla determinazione dell indice sintetico. L Australia, con un indice di 0,67, dimostra un attenzione superiore alla media OCSE di 0,62 per quanto riguarda l uso della misurazione delle performance nella gestione del personale. Tabella 2.1.8: Indice OCSE di utilizzo di sistemi di performance management nella gestione del personale pubblico Indice OCSE di utilizzo di sistemi di performance management nella gestione del personale pubblico Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 Australia 0,67 0,62 Media OCSE Poche Agenzie svolgono una valutazione delle performance di gruppo, altre l hanno abbandonata dopo averla sperimentata a causa dei problemi di misurazione. Retribuzione e premi Il sistema di retribuzione legato ai risultati è stato introdotto nel 1997, è altamente centralizzato per i senior executive e parzialmente decentralizzato per gli altri profili. In linea teorica, tutte le agenzie correlano una parte della retribuzione alle performance conseguite dal dipendente, coerentemente con i parametri stabiliti per legge. Le due forme più comuni di retribuzione basata sulle performance sono: Incrementi del salario di base per performance soddisfacenti o più che soddisfacenti; Bonus per una performance soddisfacente. Frequentemente, le agenzie ricorrono a combinazioni variabili di suddetti strumenti. La valutazione delle performance ai fini retributivi ha cadenza annuale (OCSE, 2005). L analisi Strategic Human Resources Management Survey condotta dall OCSE nel 2006 mostra che lo stipendio complessivo dei dipendenti pubblici è così composto: 77% retribuzione fissa, 20% retribuzione di posizione, 3% retribuzione legata alle performance. In aggiunta agli incentivi monetari, sono ampiamente diffusi riconoscimenti sia formali che informali per dipendenti meritevoli. Ad esempio, all interno dei riconoscimenti formali si ricordano i premi come miglior dipendente dell anno, 13

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Quale evoluzione nelle aziende europee? II edizione - Dicembre 2010 Autori: Sara Faglia Federico Pezzolato Kristina Svanteson INDICE Principali

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli