White Paper n.3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "White Paper n.3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali"

Transcript

1 Snellire e migliorare le burocrazie pubbliche è una priorità nelle agende dei paesi industrializzati. Negli ultimi tre decenni, la maggioranza degli stati appartenenti all Ocse ha avviato riforme del pubblico impiego con l obiettivo di creare a government that works better, costs less and gets results. Quali strumenti e metodi sono stati introdotti? Qual è stato l impatto delle riforme sulla performance della pubblica amministrazione? Cosa resta da fare? Il presente White Paper descrive le politiche del pubblico impiego in un campione di stati rappresentativo delle tradizioni amministrative occidentali e nella Commissione Europea e identifica i trend comuni di riforma. Giovanni Valotti è professore ordinario di Economia delle Aziende e delle Amministrazioni Pubbliche presso il Dipartimento di Analisi Istituzionale e Management Pubblico dell Università Bocconi, docente dell Area Public Management & Policy della SDA Bocconi, Direttore della Scuola Universitaria e Responsabile Scientifico dell Osservatorio sul Cambiamento delle Pubbliche Amministrazioni. Si occupa di gestione delle risorse umane, di cambiamento organizzativo e di performance management nel settore pubblico. Giovanni Tria è professore ordinario di Economia Politica presso l Università degli Studi Di Roma Tor Vergata e presidente della Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione. Si occupa di macroeconomia, ciclo economico, politiche di prezzo, economia dei servizi, capitale pubblico e produttività. Marta Barbieri è docente dell Area Public Management & Policy della SDA Bocconi e ricercatrice presso il Centro di Ricerca sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale dell Università Bocconi. Si occupa di organizzazione e gestione del personale nelle Aziende Sanitarie e nell Ente Regione. Nicola Bellé è assistant professor del Dipartimento di Analisi Istituzionale e Management Pubblico dell Università Bocconi, docente dell Area Public Management & Policy della SDA Bocconi e membro del comitato editoriale dell Osservatorio sul Cambiamento delle Pubbliche Amministrazioni. Si occupa di gestione delle risorse umane e di processi di cambiamento organizzativo nel settore pubblico. Paola Cantarelli è collaboratrice SDA Bocconi. Si occupa di gestione delle risorse umane e di processi di cambiamento organizzativo nel settore pubblico. White Paper n.3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali Valotti, Tria, Barbieri, Bellé, Cantarelli White Paper n.3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali a cura di Giovanni Valotti, Giovanni Tria, Marta Barbieri, Nicola Bellé, Paola Cantarelli Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Formazione di Eccellenza per i Dirigenti e i Funzionari della PA

2

3

4 White Paper n. 3/2011 Sistemi di pubblico impiego a confronto: casi di studio internazionali Giovanni Valotti, Giovanni Tria, Marta Barbieri, Nicola Bellé, Paola Cantarelli Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Formazione di Eccellenza per i Dirigenti e i Funzionari della PA

5 Copyright 2011 EGEA S.p.A. Via Salasco, MILANO Tel. 02/ Fax 02/ Tutti i diritti sono riservati, compresi la traduzione, l adattamento totale o parziale, la riproduzione, la comunicazione al pubblico e la messa a disposizione con qualsiasi mezzo e/o su qualunque supporto (ivi compresi i microfilm, i film, le fotocopie, i supporti elettronici o digitali), nonché la memorizzazione elettronica e qualsiasi sistema di immagazzinamento e recupero di informazioni. Per altre informazioni o richieste di riproduzione si veda il sito Date le caratteristiche di Internet, l Editore non è responsabile per eventuali variazioni di indirizzi e contenuti dei siti Internet menzionati Prima edizione: dicembre 2011 ISBN Stampa: Digital Print, Segrate (MI)

6 Indice 1 Introduzione 1 2 Casi di studio Australia Canada Francia Germania Regno Unito Spagna Stati Uniti Svezia Commissione Europea Trend emergenti Ibridazione dei modelli career based e position based Strategie di reclutamento di tipo attivo Selezione basata su competenze, potenziale e profilo motivazionale Valutazione della performance Diffusione di schemi retributivi collegati alla performance Istituzionalizzazione della dirigenza Evoluzione dei sistemi di gestione del personale in senso strategico Adozione di sistemi di gestione del personale di stampo privatistico Un agenda per il rinnovamento del pubblico impiego 163 V

7

8 1. Introduzione Il presente white paper è frutto della collaborazione tra Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (SSPA) e SDA Bocconi School of Management. La ricerca riporta i risultati di un analisi comparata dei sistemi di pubblico impiego di un campione di stati rappresentativi delle quattro principali tradizioni amministrative occidentali: napoleonica, germanica, anglosassone e nordeuropea. Lo studio include, inoltre, il sistema di gestione del personale della Commissione Europea, in ragione dell elevata e crescente influenza che questo esercita sulla definizione dei modelli di pubblico impiego degli stati membri (Barbieri et al., 2010). Infine, lo studio descrive i trend di gestione del personale emergenti dalla comparazione internazionale e intersettoriale e propone un agenda per il rinnovamento del pubblico impiego. Il campione analizzato comprende: Australia; Canada; Francia; Germania; Regno Unito; Spagna; Stati Uniti; Svezia; Commissione Europea. L analisi è stata condotta su dati primari (e.g., database nazionali e siti governativi) e secondari (e.g., database OCSE, Eurostat e pubblicazioni scientifiche). Il report relativo a ciascuno dei nove sistemi si articola nelle medesime sezioni: a) Dimensione e profilo del pubblico impiego Questa sezione descrive struttura, dimensione e caratteristiche generali del sistema di pubblico impiego. L analisi include, tra le altre, le seguenti 1

9 variabili: numero di dipendenti pubblici e loro incidenza percentuale su popolazione e forza lavoro totale; livello di decentramento e articolazione territoriale del pubblico impiego; costo del lavoro pubblico rispetto a PIL e spesa pubblica; profilo demografico dei dipendenti pubblici. b) Reclutamento e selezione Questa sezione analizza: (1) i sistemi di ricerca dei candidati per l assunzione e [ le] strategie per attrarre le loro candidature (Filippo e Edwin, 1984 pag. 85); (2) i processi di scelta dei candidati più idonei a ricoprire le posizioni vacanti (Roberts, 2002 pag. 110). L analisi include, tra gli altri, i seguenti elementi: principi e regole formali che disciplinano l accesso al pubblico impiego; fasi e tempistica dei processi di reclutamento e selezione, nonché soggetti coinvolti e metodologie utilizzate. c) Sistema di carriera Questa sezione analizza le caratteristiche del sistema di carriera rispetto a due modelli polari: career-based e position-based. Nel primo, l ingresso nel settore pubblico avviene ad inizio carriera, a seguito del superamento di un concorso che testa conoscenze prevalentemente di tipo nozionistico; i percorsi di carriera consistono in progressioni gerarchiche successive, riconosciute sulla base di merito e anzianità. Il modello positionbased è invece focalizzato sulla ricerca del miglior candidato per ciascuna posizione vacante; a differenza dei sistemi career-based, quelli position-based consentono l accesso anche a metà carriera e, dunque, la permeabilità tra pubblico impiego e mercato del lavoro privato. d) Formazione Questa sezione analizza le attività di formazione ed i percorsi di professionalizzazione dei dipendenti pubblici. L analisi include, tra gli atri, i seguenti elementi: quantità e tipologia di training, sia all ingresso che in itinere; modalità di identificazione e formulazione dei fabbisogni formativi; collegamento tra sistemi di valutazione, carriera e formazione; livello di decentramento delle competenze in materia di formazione; incidenza della formazione in house rispetto a quella esternalizzata ad istituzioni specializzate, quali università e società di consulenza. e) Valutazione della performance Questa sezione analizza i sistemi di valutazione della performance individuale e di gruppo. L analisi include, tra gli altri, gli elementi seguenti: oggetti e dimensioni della 2

10 valutazione; strumenti e metodologie utilizzate (e.g., sistemi a 360, forced distribution, forced ranking); ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti nel processo di valutazione; fasi e tempistica; collegamento tra valutazione e altri sistemi di gestione del personale (e.g., retribuzione, carriera, formazione). f) Retribuzione e premi Questa sezione illustra le caratteristiche degli schemi retributivi. L analisi include, tra gli altri, gli elementi seguenti: articolazione dei livelli salariali per le diverse categorie di dipendenti pubblici; incidenza, tipologia e struttura degli incentivi monetari collegati alla performance; grado di differenziazione nell allocazione dei premi. g) Percorsi di uscita Questa sezione analizza i percorsi di uscita volontaria, i meccanismi di espulsione e i sistemi di collocamento a riposo. In particolare, l uscita volontaria può essere definitiva o temporanea. Questa seconda fattispecie, tradizionalmente prerogativa dei sistemi anglosassoni, è oggi prevista anche dagli ordinamenti di molti paesi di tradizione napoleonica al fine di favorire una maggiore permeabilità tra pubblico impiego e settore privato. La quantità ed il livello di dettaglio delle informazioni riportate in ciascuna sezione differiscono tra i diversi casi analizzati, talora anche in misura molto significativa. Tale disomogeneità è riconducibile all estrema variabilità nella quantità e qualità di dati primari e secondari relativi ai diversi sistemi presi in esame. Le sezioni seguenti contengono: I nove rapporti relativi agli otto casi-paese (Australia; Canada; Francia; Germania; Regno Unito; Spagna, Stati Uniti e Svezia) e alla Commissione Europea; Un analisi dei trend emergenti dalla comparazione internazionale e intersettoriale; Una riflessione conclusiva sul rinnovamento necessario nei sistemi di pubblico impiego. 3

11 Bibliografia Barbieri Dario, Nicola Bellé, Paolo Fedele, e Edoardo Ongaro Da Eurocrati a Manger? La Burocrazia Europea tra Processi di Managerializzazione e Funzioni Istituzionali. White Paper n. 1/2010 OCAP Osservatorio sul Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche. Egea S.p.A. Edwin. B. Filippo Principles of Personnel Management, 6th edition. Singapore: McGraw Hill. Roberts, G. E Issues, challenges and changes in recruitment and selection. In S. Hay and R. Kearney (Eds.) Public personnel administration: Problems and prospects (4th ed.). Englewood Cliffs, NJ: Prentice-Hall. 4

12 2. Casi di studio Australia Dimensione e profilo del pubblico impiego L Australia ha una popolazione che conta all incirca 22,5 milioni di abitanti ed un PIL che ammonta a quasi 763 bilioni di dollari. I dipendenti della pubblica amministrazione australiana sono poco meno di e rappresentano il 13,7% della forza lavoro. La spesa per gli stipendi dei dipendenti pubblici è pari all 11,7% del PIL e al 33,5% della spesa pubblica (Tabella 2.1.1). Tabella 2.1.1: Dimensione del pubblico impiego Popolazione abitanti (2010) Dipendenti pubblici (*) Dipendenti pubblici / Forza lavoro 13,7% (2005) PIL milioni $ (2008) Spesa per stipendi per i dipendenti pubblici / PIL 11,7% (2007) Spesa per stipendi per i dipendenti pubblici / Spesa pubblica 33,5% (2007) Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 (*) Dipendenti pubblici facenti parte del Public Service Act, legge che regola le attività e la gestione del personale nel settore pubblico australiano La Tabella mostra che la presenza femminile nella PA centrale è aumentata di circa nove punti percentuali nell arco di 10 anni, passando dal 47,2% del 1995 al 56% del La presenza femminile nella PA centrale in posizioni dirigenziali è passata dal 18,4% del 1995 al 33% del 2005 e in posizioni amministrative dal 51,6% del 1995 al 60% del In aggiunta agli autori del white paper, hanno collaborato alla stesura del presente capitolo Antonio Costagliola Di Fiore (per i casi di studio di Canada, Francia e Spagna) e Henry Sichel (per i casi di studio di Australia, Germania, Stati Uniti e Svezia). 5

13 Tabella 2.1.2: Incidenza dei dipendenti di genere femminile nella PA centrale, in posizioni dirigenziali e amministrative nel 1995, 2000 e Presenza femminile nella PA centrale 47,2% 49,9% 56% Presenza femminile in posizioni dirigenziali nella PA centrale 18,4% 25,3% 33% Presenza femminile in posizioni amministrative nella PA centrale 51,6% 54,5% 60% Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 e Äijaälä 2002 La Tabella mostra la distribuzione percentuale dei dipendenti pubblici per fasce d età nel 1990 e nel L incidenza percentuale del gruppo di dipendenti con meno di 39 anni è diminuita tra il 1990 e il 2001 in maniera significativa, con un picco di undici percentuali per la fascia anni. Al contrario, l incidenza percentuale del gruppo di dipendenti nelle fasce e anni è aumentata. Tabella 2.1.3: Distribuzione dei dipendenti pubblici per fascia d età < 19 anni anni anni anni anni > 60 anni % 27% 34% 26% 10% 2% % 16% 30% 33% 19% 2% Fonte: ns. elaborazione da (Äijaälä 2002) La pubblica amministrazione australiana è marcatamente federale e decentralizzata: nel 2005 l 11% dei dipendenti pubblici operava nella Pubblica Amministrazione Centrale, mentre la quota restante (89%) era dislocata presso i livelli di governo sub-nazionali e locali. Questi dati configurano l Australia come lo stato maggiormente federalista in termini di allocazione dei dipendenti tra tutti quelli appartenenti all OCSE (OCSE, 2009). Reclutamento e selezione L Australian Public Service Commission (APSC) è responsabile per la promozione delle pratiche migliori in tema di gestione del personale. Nel 2009, la APSC ha introdotto un programma di riforma della pubblica amministrazione che prevede, tra le altre iniziative, la creazione di processi selettivi più snelli, tempestivi e trasparenti. L APSC collabora con le agenzie governative nel processo di implementazione di tale riforma. Per incrementare l attrattività del governo come datore di lavoro, il settore pubblico australiano ha deciso di puntare sui seguenti elementi (Äijaälä, 2002): Scala salariale flessibile; Sistema avanzato di gestione delle risorse umane e delle performance; 6

14 Implementazione del Codice di Condotta e della Carta dei Valori; Elevata attenzione al training. Le agenzie governative pubblicano le offerte di lavoro per le posizioni vacanti, le opportunità di mobilità interna e le possibilità di promozione sulla Gazzetta Ufficiale (Australian Public Service Employment Gazette), pubblicata settimanalmente anche sul sito web (Governo australiano, 2010). Oltre alle modalità di reclutamento tradizionali, il governo ha sviluppato partnership con aziende private, organizzazioni non-profit e altri soggetti esterni al fine di ampliare la portata delle offerte di lavoro veicolate dalla pubblica amministrazione (OCSE, 2009). Ad esempio, un agenzia può integrare offerte e comunicati pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale attraverso dedicate campagne promozionali esterne, allo scopo di attrarre un bacino più ampio di candidati. Tale promozione aggiuntiva può essere realizzata prima o entro quattro settimane dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Le agenzie possono inoltre organizzarsi in completa autonomia, utilizzando giornali, agenzie interinali, siti web propri, di terzi o specializzati ad esempio per reclutare capitale umano. Molte agenzie mantengono registri temporanei interni oppure si avvalgono di società private per tenere traccia delle candidature ricevute (Governo australiano, 2007). La Tabella riassume le modalità di reclutamento e focus della selezione per differenti posizioni all interno del pubblico impiego. Per la mobilità di personale all interno dell agenzia o tra agenzie non esiste obbligo di pubblicazione dell offerta nella Gazzetta Ufficiale e la selezione può basarsi su criteri diversi dal merito. Per l assunzione di personale con contratti inferiori a dodici mesi non è necessaria la pubblicazione dell offerta in Gazzetta Ufficiale, ma almeno alcuni criteri di selezione devono fare riferimento al merito. Infine, per la promozione di personale interno o per l assunzione di personale esterno per più di dodici mesi è obbligatoria la pubblicazione dell offerta in Gazzetta Ufficiale e la selezione basata sul merito. 7

15 Tabella 2.1.4: Modalità di reclutamento e focus della selezione per differenti posizioni nel pubblico impiego Modalità di reclutamento Focus della selezione Personale in mobilità nell agenzia o tra agenzie Gazzetta Ufficiale, senza obblighi in merito Nessun obbligo di selezionare in base al merito Personale esterno con contratto inferiore ai 12 mesi o assunti per necessità temporanee Tramite soggetti terzi. Nessun obbligo di pubblicizzazione in Gazzetta Ufficiale Obbligo di considerare criteri di merito insieme ad altri criteri di selezione Fonte: ns. elaborazione da Governo australiano 2010 Personale a tempo indeterminato o determinato con contratto superiore a 12 mesi Obbligo di notifica in Gazzetta Ufficiale Obbligo di selezionare in base al merito Ogni agenzia può definire criteri di selezione per posizioni dell agenzia stessa che si sommano ai criteri generali di impiego nella PA. La coesistenza di criteri di selezione generici e specialistici può essere realizzata in due modalità (Governo australiano, 2010): composizione della graduatoria sulla base della valutazione di entrambi i gruppi di criteri oppure match tra la graduatoria costituita in base alla valutazione dei criteri generici e la graduatoria costituita in base alla valutazione dei criteri specialistici. La selezione avviene tramite esami scritti, colloqui orali e risoluzioni di casi pratici atti a valutare: Conoscenze: Competenze; Qualifiche; Motivazioni di performance individuali precedenti; Potenzialità di sviluppo. Durante il colloquio, il candidato deve dimostrare le capacità e le competenze individuali tramite la risoluzione di casi concreti e test attitudinali. Se un agenzia sta selezionando per molteplici posizioni, è possibile che i candidati siano valutati in sessioni di gruppo presso centri di valutazione appositi, tramite processi incentrati su giochi di ruolo, simulazioni e lavori di gruppo. Il processo di selezione maggiormente diffuso prevede la nomina di un comitato di valutazione composto da due o tre dipendenti pubblici e da un supervisore per la posizione vacante. Il comitato svolge un analisi iniziale sull adeguatezza dei candidati, considerando le loro candidature scritte e basandosi su tali contributi per identificare aree da approfondire in seguito. A supporto della selezione del comitato possono essere utilizzati anche centri esterni di valutazione, moduli di candidatura strutturati, strumenti di autoselezione e test selettivi. Tutto il processo è comunque supervisionato dal comitato di selezione. Al termine della selezione, le graduatorie rimangono valide per dodici mesi a partire dalla data di pubblicazione dell annuncio sulla Gazzetta Ufficiale. Ciò 8

16 consente all agenzia che ha pubblicato l annuncio di selezionare candidati per colmare posizioni aperte di natura similare che si dovessero manifestare nell arco dei suddetti dodici mesi (Governo Australiano, 2007). Sistema di carriera Il sistema di pubblico impiego australiano è position-based. L indice OCSE position-based nella PA centrale, variabile tra 0 (sistema career-based puro) e 1 (sistema position-based puro), assume un valore di 0,7 per l Australia. Il dato è dunque superiore alla media OCSE che si attesta allo 0,47 (Tabella 2.1.5). Nel dettaglio, tale indice rappresenta la possibilità per un individuo in cerca di lavoro di entrare a fare parte del servizio pubblico a qualunque età e in qualsiasi posizione gerarchica. Le variabili osservate, ciascuna con lo stesso peso sul valore numerico finale, sono: tipologia di politiche generali di ingresso nel civil service, tipo di reclutamento per i profili senior, sistemi di assunzione per i livelli di ingresso, sistemi di mobilità tra dipartimenti. Tabella 2.1.5: Indice OCSE position-based Australia Media OCSE Indice OCSE position-based 0,7 0,47 Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 In linea con le caratteristiche generali dei sistemi di pubblico impiego position-based, in Australia il reclutamento e la selezione sono orientati principalmente al mercato del lavoro esterno e all intercettazione dei profili di volta in volta maggiormente rispondenti ai requisiti ricercati. Un altro indicatore che testimonia la presenza di un sistema prevalentemente position-based, è rappresentato dal posizionamento dell Australia rispetto all indice OCSE position-based e al grado di delega nella gestione del personale, con riferimento al 2005 (Grafico 2.1.1). Il valore attribuito alla variabile delega (0=nessuna delega; 1=elevato livello di delega) è influenzato dalle seguenti grandezze, ciascuna avente lo stesso peso sull indicatore finale: esistenza di un dipartimento centrale di gestione delle risorse umane e ruolo dei dirigenti nella determinazione del numero di posizioni e delle mansioni necessarie nell organizzazione in esame; delega delle decisioni sui livelli di retribuzione; delega delle decisioni riguardanti la classificazione delle posizioni, il reclutamento e il licenziamento; delega delle decisioni riguardanti le condizioni d impiego in generale; impatto reale della delega sulle condizioni di impiego. L Australia presenta un ampio grado di autonomia nella gestione del proprio pubblico impiego. Di fatto, ciascuna agenzia ha ampia libertà nella definizione delle proprie esigenze di staff e reclutamento, nella determinazione dei livelli di retribuzione dei propri dipendenti (nell ambito dei limiti di budget), nella strutturazione dell organizzazione interna nonché nell articolazione dei metodi di lavoro e delle pratiche operative (OCSE, 2008). 9

17 Grafico 2.1.1: Posizionamento dell Australia rispetto all indice OCSE position-based e al grado di delega nella gestione del personale Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 Infine, anche l indice OCSE di decentramento nella gestione del pubblico impiego nella PA centrale, variabile tra 0 (massima centralizzazione) e 1 (massimo decentramento), testimonia la presenza di un sistema di pubblico impiego position-based (Tabella 2.1.6). Un estremo (0), si caratterizza per la determinazione centralizzata sia del numero che della tipologia di posizioni caratterizzanti l organigramma della pubblica amministrazione, l altro (1) per un ampia flessibilità in capo ai vertici di dipartimenti/agenzie che, nell alveo di specifici limiti budgetari e legali, possono variare numero e tipologia di posizioni. L Australia, con un indice di 0,65, si caratterizza per un notevole livello d autonomia nella gestione delle proprie risorse, superiore di più di venti punti percentuali alla media OCSE di 0,44. Tabella 2.1.6: Indice OCSE di decentramento nella gestione del pubblico impiego Indice OCSE di decentramento nella gestione del pubblico impiego Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2008 Australia Media OCSE 0,65 0,44 Il sistema di pubblico impiego australiano consiste in sei gradi per i livelli non dirigenziali, due gradi per gli executive e 3 gradi per i senior executive (Tabella 2.1.7). A ciascun grado corrisponde un differente livello di complessità del lavoro, responsabilità, abilità richieste e remunerazione. 10

18 Tabella 2.1.7: I gradi del sistema di pubblico impiego APS 1 APS 2 APS 3 APS 4 APS 5 APS 6 Executive level 1 Executive level 2 Senior Executive Band 1 Senior Executive Band 2 Senior Executive Band 3 Posizioni amministrative e stagisti Livello generale d ingresso per i neolaureati; posizioni amministrative e tecniche Posizioni amministrative e tecniche con funzioni di supervisione Posizioni manageriali intermedie Posizioni manageriali apicali Fonte: ns. elaborazione Governo australiano 2007 I dipendenti inquadrati come senior executive sono gestiti diversamente e separatamente dal resto del personale. Ad esempio, è posta maggiore enfasi sulla misurazione e gestione delle loro performance e sulla valutazione delle loro capacità di leadership e supervisione (OCSE, 2009). Esistono inoltre alcune peculiarità attinenti i criteri di selezione e di licenziamento. Tutte le posizioni senior executive sono aperte alla competizione esterna. Il distacco a tempo determinato comporta l allocazione del dipendente ad una nuova posizione di livello più elevato, equipollente o inferiore rispetto a quello di partenza. Ai fini della corretta implementazione del procedimento, l impiegato deve ottenere l autorizzazione scritta dell agenzia di appartenenza. Nel caso in cui la mobilità a tempo determinato preveda il subentro in una posizione di più elevato livello rispetto a quello di partenza, non è richiesta alcuna forma di pubblicità sulla Gazzetta Ufficiale, né alcun processo di selezione competitiva. In questo caso è tuttavia necessario che l agenzia ricevente: Formazione Espliciti l importanza di tale mansione per l agenzia; Fornisca una stima della durata del contratto e dei costi di gestione del nuovo personale; Chiarisca le prospettive di carriera; Provi che la riallocazione è avvenuta in base alla congruenza tra le competenze e le qualifiche del dipendente e i requisiti richiesti per la posizione che dovrà ricoprire. L Australian Public Service Commission (APSC) ha declinato i principi guida che devono ispirare qualsiasi corso di formazione offerto ai dipendenti pubblici. Tali principi sono: 11

19 Focus sul servizio pubblico; Rilevanza dei contenuti insegnati; Accessibilità garantita al massimo numero di dipendenti; Visione globale delle tematiche discusse; Efficienza nella gestione dei programmi. L APSC si occupa della formazione sia dei dipendenti pubblici che degli studenti. Per i primi organizza eventi e conferenze su tematiche rilevanti e training durante la carriera professionale. Per i secondi, invece, gestisce l Australian and New Zeeland School of Government e accredita corsi universitari di management pubblico. Offre anche tirocini agli studenti perché acquisiscano esperienze professionali in agenzie pubbliche. I programmi per studenti si distinguono in (Governo australiano, 2007): Stage durante gli studi, generalmente organizzati durante le pause accademiche, volti a sviluppare competenze professionali; Programmi graduate, della durata di un anno, volti a fornire trainingon-the-job. Per i profili migliori i programmi graduate possono concludersi con un offerta di lavoro. Per tutto il personale non-dirigente, sono previsti sia corsi di formazione continua che una-tantum. I primi sono, per esempio, incentrati sulla gestione di: portatori di interesse, sistemi finanziari, risorse umane, leadership, percorsi di formazione tecnica e specialistica. I secondi, invece, possono riguardare il potenziamento delle soft skill quali l abilità nella preparazione di presentazioni efficaci e la capacità di fornire e ricevere feedback. L APSC organizza anche corsi di formazione dedicati esclusivamente al personale dirigente. Il Senior Executive Leader Capability Framework descrive tutte le capacità richieste ai profili senior executive che vengono potenziate attraverso la formazione. A tali profili è richiesto di raggiungere i risultati, gestire network professionali, incentivare la pianificazione strategica, comunicare efficacemente e dimostrare integrità etica e morale. Tra gli altri, i senior executive partecipano ai seguenti programmi: Experitise Development: seminari volti ad aumentare conoscenze e competenze pratiche; Senior Executive Orientation: programma di formazione all ingresso; Senior Executive Service Residential Programs: corsi personalizzati per posizione dirigenziale e contenuto specifico del servizio fornito dall ufficio di appartenenza. 12

20 Valutazione della perfomance La Tabella mostra l indice OCSE di utilizzo di sistemi di performance management nella gestione del personale pubblico nella PA centrale. Il valore numerico è calcolato sulla base delle seguenti variabili (OCSE 2009): avanzamenti di carriera; remunerazione; rinnovo contrattuale per la medesima posizione e rinnovo contrattuale nel pubblico impiego. Le variabili hanno lo stesso peso sulla determinazione dell indice sintetico. L Australia, con un indice di 0,67, dimostra un attenzione superiore alla media OCSE di 0,62 per quanto riguarda l uso della misurazione delle performance nella gestione del personale. Tabella 2.1.8: Indice OCSE di utilizzo di sistemi di performance management nella gestione del personale pubblico Indice OCSE di utilizzo di sistemi di performance management nella gestione del personale pubblico Fonte: ns. elaborazione dati OCSE 2009 Australia 0,67 0,62 Media OCSE Poche Agenzie svolgono una valutazione delle performance di gruppo, altre l hanno abbandonata dopo averla sperimentata a causa dei problemi di misurazione. Retribuzione e premi Il sistema di retribuzione legato ai risultati è stato introdotto nel 1997, è altamente centralizzato per i senior executive e parzialmente decentralizzato per gli altri profili. In linea teorica, tutte le agenzie correlano una parte della retribuzione alle performance conseguite dal dipendente, coerentemente con i parametri stabiliti per legge. Le due forme più comuni di retribuzione basata sulle performance sono: Incrementi del salario di base per performance soddisfacenti o più che soddisfacenti; Bonus per una performance soddisfacente. Frequentemente, le agenzie ricorrono a combinazioni variabili di suddetti strumenti. La valutazione delle performance ai fini retributivi ha cadenza annuale (OCSE, 2005). L analisi Strategic Human Resources Management Survey condotta dall OCSE nel 2006 mostra che lo stipendio complessivo dei dipendenti pubblici è così composto: 77% retribuzione fissa, 20% retribuzione di posizione, 3% retribuzione legata alle performance. In aggiunta agli incentivi monetari, sono ampiamente diffusi riconoscimenti sia formali che informali per dipendenti meritevoli. Ad esempio, all interno dei riconoscimenti formali si ricordano i premi come miglior dipendente dell anno, 13

Progetto di Ricerca La Public Service Motivation nella PA Centrale. Sistemi di Pubblico Impiego a Confronto: Casi di Studio Internazionali

Progetto di Ricerca La Public Service Motivation nella PA Centrale. Sistemi di Pubblico Impiego a Confronto: Casi di Studio Internazionali Progetto di Ricerca La Public Service Motivation nella PA Centrale Sistemi di Pubblico Impiego a Confronto: Casi di Studio Internazionali Coordinatore Scientifico: Giovanni Valotti Ricercatori: Marta Barbieri

Dettagli

I manager pubblici che vogliamo

I manager pubblici che vogliamo I manager pubblici che vogliamo Una proposta di riforma della dirigenza dei Ministeri Nicola Bellé - Giovanni Valotti Roma, 25 marzo 2014 Premesse: il ruolo chiave della dirigenza La qualità delle policy

Dettagli

Executive Master in Management delle Amministrazioni Pubbliche. Roma, 11 ottobre 2012

Executive Master in Management delle Amministrazioni Pubbliche. Roma, 11 ottobre 2012 Executive Master in Management delle Amministrazioni Pubbliche Roma, 11 ottobre 2012 SSPA E SDA BOCCONI PER IL MANAGEMENT PUBBLICO Mettere le competenze a sistema, per fare crescere il sistema delle competenze

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007

AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE. Febbraio 2007 AZIENDA SPECIALE PALAEXPO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Febbraio 2007 SOMMARIO INTRODUZIONE...3 1. PRINCIPI GENERALI...3 2. REGOLE GENERALI DI

Dettagli

Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali)

Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali) Indice Introduzione Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali) 1 Rilevanza e complessità delle istituzioni pubbliche 1.1 Le istituzioni

Dettagli

Performance-related Pay Policies for Government Employees. Politiche sugli Incentivi Retributivi Correlati ai Risultati per i Dipendenti Statali

Performance-related Pay Policies for Government Employees. Politiche sugli Incentivi Retributivi Correlati ai Risultati per i Dipendenti Statali Performance-related Pay Policies for Government Employees Summary in Italian Politiche sugli Incentivi Retributivi Correlati ai Risultati per i Dipendenti Statali Riassunto in italiano Introduzione Vent

Dettagli

LABORATORI, TESTIMONIANZE, CASE HISTORY ED ESERCITAZIONI

LABORATORI, TESTIMONIANZE, CASE HISTORY ED ESERCITAZIONI PERSONNEL ORGANIZATION HUMAN RESOURCES TOOLKIT I temi e l evoluzione delle competenze chiave nel mondo dell HR Management Percorso formativo per HR Junior, HR Assistant e Consulenti HR Junior MILANO 10

Dettagli

Formazione, valutazione, carriera degli insegnanti nell esperienza di alcuni Paesi europei Elisabetta Imperato

Formazione, valutazione, carriera degli insegnanti nell esperienza di alcuni Paesi europei Elisabetta Imperato SCUOLAFACENDO FARE L INSEGNANTE NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Piero Romei M8.1 P. 1/8 Formazione, valutazione, carriera degli insegnanti nell esperienza di alcuni Paesi europei Elisabetta Imperato Le schede

Dettagli

MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015

MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015 MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015 Risorse Umane Docenti qualificati 2 borse di studio Laboratori interattivi Stage + job placement con oggilavoro.com Esperto in Gestione delle Risorse

Dettagli

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale

Cassa del Trentino S.p.A. Procedura selezione personale Indice PAG. 1. Procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale 2 2. Principi generali 2 3. Avvio della procedura 3 4. Pubblicizzazione della procedura 3 5. Selezione del personale a mezzo di

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE ORIENTA ONLINE AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE* Indice UNA PANORAMICA DELL'AREA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 1. Le caratteristiche generali e strutturali 2 2. L analisi del processo di lavoro e le figure

Dettagli

SAP Performance Management

SAP Performance Management SAP Performance Management La soluzione SAP per la Valutazione e per la Gestione delle Risorse Umane SAP Italia Agenda 1. Criticità e Obiettivi nella Gestione delle Risorse Umane 2. L approccio SAP alla

Dettagli

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016. www.timevision.it - info@timevision.

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016. www.timevision.it - info@timevision. MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016 www.timevision.it - info@timevision.it TIME VISION Nata nel 2001, TIME VISION è: AGENZIA FORMATIVA accreditata

Dettagli

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE G L O S S A R I O JOB PROFILE IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE tratto da www.isfol.it/orientaonline IL TECNICO DELL'AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE DEFINIZIONE Il Tecnico dell Amministrazione

Dettagli

LA CARRIERA DEI DOCENTI IN FRANCIA (1)

LA CARRIERA DEI DOCENTI IN FRANCIA (1) LA CARRIERA DEI DOCENTI IN FRANCIA (1) Nel sistema scolastico francese la professione docente è articolata e sono previsti meccanismi di sviluppo di carriera. In Francia gli insegnanti sono divisi in corpi.

Dettagli

Indice. Parte I Strategia, organizzazione, persone

Indice. Parte I Strategia, organizzazione, persone V XI XIII XV 3 5 9 9 12 13 16 17 22 24 26 26 26 27 29 32 33 36 38 40 42 44 45 48 49 dei casi Gli autori Prefazione Parte I Strategia, organizzazione, persone Capitolo 1 Strategia d impresa, risorse umane

Dettagli

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI MARIANNA CARBONARI Presidente e Amministratore Delegato di Value for Talent. Ha maturato più di dieci anni di esperienza nella gestione di progetti di Executive Search articolati e complessi. Ha condotto

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE. Art. 1. Oggetto e finalità del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO E L ISTRUZIONE ARLAS INTRODUZIONE Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l amministrazione

Dettagli

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice

ACCORDO in materia di. ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM. Indice ACCORDO in materia di ANTICIPAZIONE del CAMBIAMENTO e dell EVOLUZIONE in ALSTOM Stipulato da: ALSTOM, rappresentata da Patrick Dubert, E: la FEM (Federazione Europea Metalmeccanici), rappresentata da Bart

Dettagli

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO Articolo 43) - Modalità di assunzione all impiego Costituzione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato 1. Le procedure

Dettagli

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE

REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE REGOLE DEL GRUPPO RELATIVE ALLE RISORSE UMANE Sono fermamente convinto che nel nostro nuovo Gruppo Monier la performance del nostro staff sarà più importante che mai. I nostri ambiziosi obiettivi aziendali

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

praxi risorse umane ricerca & selezione praxi risorse umane Un partner per il rinnovamento e lo sviluppo ricerca e selezione sviluppo formazione

praxi risorse umane ricerca & selezione praxi risorse umane Un partner per il rinnovamento e lo sviluppo ricerca e selezione sviluppo formazione ricerca & selezione ricerca e selezione formazione Un partner per il rinnovamento e lo sviluppo PRAXI RICERCA & SELEZIONE è la Business Unit di PRAXI RISORSE UMANE specializzata nell individuazione, valutazione

Dettagli

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale

Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 29 ottobre 2010 Codice per la disciplina della procedura di ricerca, selezione ed inserimento di personale Con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI PERSONALE Brindisi Multiservizi S.r.l. Pagina 1 INDICE Introduzione... 3 1 - Principi generali... 3 2 - Regole generali

Dettagli

Dirigente - Dirigente dell'ufficio Centrale di Bilancio e Ragioneria

Dirigente - Dirigente dell'ufficio Centrale di Bilancio e Ragioneria INFORMAZIONI PERSONALI Nome CONTE MARCUS GIORGIO Data di nascita 21/09/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio II Fascia CONSIGLIO DI STATO Dirigente - Dirigente

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Gestione e sviluppo delle risorse umane

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Gestione e sviluppo delle risorse umane REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Gestione e sviluppo delle risorse umane Direttore del corso: Prof. Edoardo Della Torre Commissione del Corso di Master: Prof.ssa Mara

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale CONTE MARCUS GIORGIO 21/09/1960 II Fascia CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Tax & Legal. Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it

SALARY SURVEY 2015. Tax & Legal. Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it SALARY SURVEY 2015 Tax & Legal Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it Tax & Legal Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione

Dettagli

1. TITOLO DI STUDIO ED ESPERIENZE PROFESSIONALI

1. TITOLO DI STUDIO ED ESPERIENZE PROFESSIONALI IL DIRIGENTE SCOLASTICO IN EUROPA: Requisiti, modalità di reclutamento, di formazione e attività professionale dei capi d Istituto in Francia, Spagna, Finlandia ed Inghilterra 1. TITOLO DI STUDIO ED ESPERIENZE

Dettagli

Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14. Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme

Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14. Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme Progetto CHANGE THE WORLD MODEL UNITED NATIONS 2013/14 Roma 18-19 Marzo New York City 20-27 Marzo Corso di formazione e selezione, per i Model United Nations e il Future Leaders Programme La partecipazione

Dettagli

CP_14 - PROCEDURE PER IL RECLUTAMENTO DI PERSONALE

CP_14 - PROCEDURE PER IL RECLUTAMENTO DI PERSONALE CP_14 - PROCEDURE PER IL RECLUTAMENTO DI PERSONALE 1. PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le procedure di selezione del personale dipendente adottate da Turismo Torino e Provincia. Le assunzioni

Dettagli

Sfera Organizzazione, risorse, attività. Roma, 4 novembre 2009

Sfera Organizzazione, risorse, attività. Roma, 4 novembre 2009 Sfera Organizzazione, risorse, attività Roma, 4 novembre 2009 Excursus storico di Sfera Le origini Sfera nasce nel 1999 come società del Gruppo Enel con il ruolo di fornire al mercato interno ed esterno

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE 58 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 492 REG./.534 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 29/12/2010 Art.

Dettagli

AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale

AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PRINCIPI GENERALI... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 2.1 IN GENERALE... 4 2.2 ESCLUSIONI... 4 3. PUBBLICITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali

REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali Aggiornato in data 25/02/2015 dall Assemblea dei Soci 1 SOMMARIO

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

Comunicazioni e informazioni

Comunicazioni e informazioni Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 218 A Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 58 o anno 3 luglio 2015 Sommario V Avvisi PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Commissione europea 2015/C

Dettagli

Sai rispondere VELOCEMENTE a queste domande:

Sai rispondere VELOCEMENTE a queste domande: Sai rispondere VELOCEMENTE a queste domande: Quante trasferte ha fatto un collaboratore lo scorso anno? Quando un collaboratore ha avuto l ultimo aumento e qual è il suo reddito lordo? Chi fa più straordinari

Dettagli

COMUNE DI TRIVIGNO PROVINCIA DI POTENZA

COMUNE DI TRIVIGNO PROVINCIA DI POTENZA COMUNE DI TRIVIGNO PROVINCIA DI POTENZA NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE NON DESTINATARIO DI P.O. - Capo I - Principi e Criteri generali Art. 1 Campo di applicazione 1. Il presente

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 SDA Bocconi School of Management Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 cristina.filannino@sdabocconi.it 1 Cosa motiva le

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona)

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) SISTEMA DI APPROVAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 7 COMMA 1 DEL D.LGS 150/2009. INTEGRAZIONE AL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

FINANCIAL RISK MANAGEMENT

FINANCIAL RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT PERCORSO EXECUTIVE IN FINANCIAL RISK MANAGEMENT INDICE MIP Management Academy 1 AREA TEMATICA 2 Direzione 3 Percorso Executive in Financial Risk Management 4 Programma 5 Costi e modalità

Dettagli

Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation

Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation Torno Subito Estero TSE- Diversity management, Gender Equality and Social Innovation Percorso formativo/internship Il percorso formativo/ internship in Diversity Management, Gender Equality and Social

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE.

DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE. DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE. Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. Nel rispetto dell art. 36 del d.lgs. n. 29/93 e successive modificazioni le procedure

Dettagli

La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero della Salute

La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero della Salute La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero della Salute Coordinatore Scientifico Ricercatori Giovanni Valotti Carmela Barbera Nicola Bellè Paola Cantarelli

Dettagli

Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno

Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno Indicazioni per le attività relative alla fase di selezione 1 1. Introduzione

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI AI FUNZIONARI E DIRIGENTI PUBBLICI

LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI AI FUNZIONARI E DIRIGENTI PUBBLICI PROTOCOLLI D INTESA PER LA COLLABORAZIONE VOLTA ALL INCREMENTO DELLA FORMAZIONE E DELL AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA KATANE HANDLING S.R.L.

REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA KATANE HANDLING S.R.L. REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA KATANE HANDLING S.R.L. Con delibera del Consiglio di Amministrazione del 02 agosto 2011, nel rispetto ed in attuazione delle disposizioni di

Dettagli

La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinatore Scientifico Ricercatori Giovanni Valotti Carmela Barbera Nicola

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Page Salary Survey Salary 2009 - Survey Human 2012 Resources - Retail 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page,

Dettagli

FB SERVIZI S.r.l. Corso Italia 126 San Giovanni Teatino (CH) C.F./P.I. 02147910695

FB SERVIZI S.r.l. Corso Italia 126 San Giovanni Teatino (CH) C.F./P.I. 02147910695 FB SERVIZI S.r.l. Corso Italia 126 San Giovanni Teatino (CH) C.F./P.I. 02147910695 CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Settembre 2007 INTRODUZIONE

Dettagli

Human Resources Specialist Milano

Human Resources Specialist Milano La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso di Specializzazione per Human Resources Specialist Milano Percorso di base Percorsi di Approfondimento

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane

Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane Corsi Autofinanziati riconosciuti dalla Regione Campania Pform, Scuola di Alta Formazione, ha ottenuto

Dettagli

La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero dell Interno

La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero dell Interno La misurazione e la valutazione della performance e la gestione del personale nel Ministero dell Interno Coordinatore Scientifico Ricercatori Giovanni Valotti Carmela Barbera Nicola Bellè Paola Cantarelli

Dettagli

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 27 FEBBRAIO 2016 TIME VISION Nata nel 2001, TIME VISION è: AGENZIA FORMATIVA accreditata in Regione Campania AGENZIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MODALITA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PER- SONALE

REGOLAMENTO PER LA MODALITA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PER- SONALE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER I SERVIZI ALLA PERSONA AMBITO DISTRETTUALE N. 3 - BRESCIA EST Sede Legale: Rezzato p.zza Vantini 21 - C.A.P. 25086 Sede Amministrativa: Rezzato, via Zanelli n. 30 Casella

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di dottorato in: Pedagogia generale, Pedagogia sociale e Didattica generale Sito web del Corso: http://www.unibz.it/it/education/progs/phd/default.html Durata:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE E ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ESTERNI

REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE E ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ESTERNI REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE E ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ESTERNI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fissati

Dettagli

Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS

Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS Avviso 2015D-01 del 14/03/2015 Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS La Fondazione Bologna University Business School (di seguito BBS o Scuola ) rappresenta

Dettagli

SOCIETA E DIVISIONI DEL GRUPPO

SOCIETA E DIVISIONI DEL GRUPPO 1 SOCIETA E DIVISIONI DEL GRUPPO Ricerca e selezione di executive Ricerca e selezione di fashion designer Management benchmarking Management assessment Assessment e autovalutazione del board Compensation

Dettagli

Talent Management in Ferrero

Talent Management in Ferrero Talent Management in Ferrero Ferrero al Summit dei Talenti Allineare le strategie di Talent Management agli obiettivi di business dell azienda: il caso Ferrero Milano, 18 marzo 2010 Executive summary (1/2)

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti DGR n. 37 del 19/01/2016 - Fondo Sociale Europeo

Dettagli

abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Abilità di counselling

abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Abilità di counselling Abilità di counselling abilità di una persona a orientare, sostenere, e sviluppare le potenzialità di un individuo Accompagnamento supporto orientativo offerto a un candidato da parte di un professionista

Dettagli

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Bozza Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Art.1 (Delega al Governo in materia di riforma del lavoro

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O

4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O L Istituto

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

Area Risorse Umane Ufficio Gestione del Rapporto di Lavoro del Personale Tecnico- Amministrativo e dei Collaboratori ed Esperti Linguistici

Area Risorse Umane Ufficio Gestione del Rapporto di Lavoro del Personale Tecnico- Amministrativo e dei Collaboratori ed Esperti Linguistici Area Risorse Umane Ufficio Gestione del Rapporto di Lavoro del Personale Tecnico- Amministrativo e dei Collaboratori ed Esperti Linguistici Firenze, 12 ottobre 2009 Prot. n. 68452 AI RESPONSABILI DELLE

Dettagli

AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale

AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale AZIENDA SERVIZI INTEGRATI S.p.A. Regolamento per il reclutamento del personale Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27/02/2015 Introduzione Il presente Regolamento disciplina le

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (Parte integrante dell Ordinamento generale degli uffici e dei servizi) Approvato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Corso di alta formazione Manager per l innovazione turistica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PROGRESSIONE VERTICALE DEL PERSONALE -art. 27 CCRL 1 agosto 2002 -

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PROGRESSIONE VERTICALE DEL PERSONALE -art. 27 CCRL 1 agosto 2002 - COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PROGRESSIONE VERTICALE DEL PERSONALE -art. 27 CCRL 1 agosto 2002 - APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N.95 DEL 29.06.2006

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 HUMAN RESOURCES Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Milano - Roma - Torino - Napoli

Milano - Roma - Torino - Napoli Milano - Roma - Torino - Napoli Gennaio 2011 Ogni realtà imprenditoriale necessita di input formativi coerentemente pensati e concretamente realizzati per rispondere a specifiche esigenze; partendo dall

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Miglioramento delle performance degli Enti Territoriali e delle Pubbliche Amministrazioni

Miglioramento delle performance degli Enti Territoriali e delle Pubbliche Amministrazioni Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere -Gandhi- Master in Miglioramento delle performance degli Enti Territoriali e delle Pubbliche Amministrazioni III edizione A.A. 2013/2014 Master universitario

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LA SELEZIONE E IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE IN SETA S.P.A.

REGOLAMENTO INTERNO PER LA SELEZIONE E IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE IN SETA S.P.A. REGOLAMENTO INTERNO PER LA SELEZIONE E IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE IN SETA S.P.A. Con delibera del Consiglio di Amministrazione del 23/05/2013, nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Giordano Raffaele Data di nascita 29/04/1968

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Giordano Raffaele Data di nascita 29/04/1968 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giordano Raffaele Data di nascita 29/04/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Unità Operativa Complessa AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS. COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS. 150/2009 Approvato con delibera di Giunta

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELL ENTE LOCALE

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE NELL ENTE LOCALE Servizio Sviluppo risorse umane e Servizio Decentramento e Assistenza amministrativa ai piccoli Comuni Piano di formazione pluriennale per i dipendenti dei Comuni e delle Comunità Montane della Provincia

Dettagli

DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE.

DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE. DISCIPLINA DELLE MODALITA DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE MODALITA SELETTIVE. Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. Nel rispetto dell art. 36 del d.lgs. n. 29/93 e successive modificazioni le procedure

Dettagli

Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services

Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services Centro permanente di ricerca Permanent research centre Acronimo Denominazione CERMES Centro di ricerca su Marketing e Servizi Centre for Research on Marketing & Services Oggetto di attività Strategic &

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri Interim & specialized recruitment www.pagepersonnel.it Page Personnel Italia SpA Chi siamo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI, U.O. PROCESSI E STANDARD CARRIERE STUDENTI SERVIZIO POST-LAUREAM CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN MIDDLE MANAGER COMMERCIALE. GUIDARE I COLLABORATORI ALL INTERNO DELL AZIENDA E NELLA STRUTTURA DI VENDITA - A.A. 2014/15 CFU 27 ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua: Italiano Percentuale

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XIII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XIII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MasterOP Master in Organizzazione e personale XIII Edizione 2015 MasterOP Master in Organizzazione e personale Le competenze nella gestione delle risorse

Dettagli

Sommario 1. FINALITA DEL SISTEMA

Sommario 1. FINALITA DEL SISTEMA IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI Implementazione per il personale delle Aree Dirigenziali adottato il 11/04/15 CON PROVV. dg 157/2015

Dettagli

Gentili Clienti, Abbiamo il piacere di presentarvi gli studi di retribuzione di Michael Page Italia per l anno 2011.

Gentili Clienti, Abbiamo il piacere di presentarvi gli studi di retribuzione di Michael Page Italia per l anno 2011. 3 Michael Page Salary Survey 2011 - Tax & Legal 4 Gentili Clienti, Abbiamo il piacere di presentarvi gli studi di retribuzione di Michael Page Italia per l anno 2011. L obiettivo delle nostre Salary Survey

Dettagli