ritrovata a Sant Ippolito. Reca sul corpo una decorazione geometrica impressa. VIII secolo a.c.. Museo Vernarecci, Fossombrone.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "59. 57. ritrovata a Sant Ippolito. Reca sul corpo una decorazione geometrica impressa. VIII secolo a.c.. Museo Vernarecci, Fossombrone."

Transcript

1 Ciotola carenata con ansa a nastro e appendice a cilindretto. Proviene da località Chiaruccia di Fano in cui è stato individuato il sito di un villaggio dell età del bronzo. Fano, Museo Civico. 57. Ciotola ad impasto restaurata con ansa a nastro e sopraelevazione ad ascia proveniente dall insediamento subappenninico di Cà Balzano. Museo Vernarecci, Fossombrone. ritrovata a Sant Ippolito. Reca sul corpo una decorazione geometrica impressa. VIII secolo a.c.. Museo Vernarecci, Fossombrone. 59. Vaso monoansato con decorazione geometrica incisa proveniente dagli scavi effettuati alla fine dell Ottocento a Novilara (sepolcreti Molaroni e Servici). Il sepolcreto venne utilizzato a partire dall VIII secolo a.c., Pesaro, Museo Oliveriano Vaso monoansato di forma askoide proveniente da una tomba picena

2 nere lucide, inornata o decorata con bande di punti, motivi a gancio. Le forme sono riferibili a brocche ad orlo traverso con versatoio sul capo e vasi askoidi. Con l inizio dell età del bronzo la terracotta mostra ricchezza di decorazione ad intaglio e varietà impresse. Compare la ceramica micenea. Le anse dei vasi presentano una notevole varietà di forme, un esempio caratteristico sono le anse a corna di lumaca. Vi sono diverse ciotole con ansa sopraelevata, maniglie con papera stilizzata e vari sono i ritrovamenti di pesi da telaio. Tipici i motivi decorativi della civiltà appenninica: fasce a graticcio, spirali, meandri, anse verticali, a nastro. La fase del protovillanoviano introduce la forma caratteristica del vaso biconico, utilizzato nelle sepolture ad incinerazione, ciotole carenate, scodelle ad orlo rientrante, olle e tazze. La necropoli di Novilara ha restituito skyphoi di terracotta pesante e malcotta che a volte presentano, sotto l orlo, come motivo ornamentale, dei semicerchi con protuberanze coniche, bottoni a rilievo, piccoli semicerchi, finte orecchiette; kántharoi e áskoi di terra più fine decorati in alcuni casi con impressioni lineari; ciotole; olle biconiche a doppio manico ed anche un olla panciuta con ansa di importazione apula /53

3 64. Nell età del ferro il processo di fabbricazione cambia completamente con l introduzione del tornio veloce. Massiccia è la presenza di artigianato di importazione dalla Magna Grecia, dalla Daunia, dalla Grecia, dall Etruria, dall Italia settentrionale e di conseguenza anche la produzione di un artigianato locale di imitazione. L orizzonte culturale è quello tardo orientalizzante. Comincia a circolare la ceramica attica a figure rosse, ma arrivano anche le anfore greche e grecoitaliche. 60. Vaso canopo, urna cineraria biconica di tipo villanoviano con ciotolacoperchio. Dal sepolcreto Servici di Novilara. Età del ferro. Pesaro, Museo Oliveriano. 61. Vasetti monoansati dell età del ferro conservati al Museo Oliveriano di Pesaro. Da notare la forma askoide e la decorazione geometrica impressa. Questo tipo di reperto è abbastanza comune nel territorio della provincia di Pesaro e Urbino. 62. Ansa a bastoncello con foro centrale. Prima età del ferro. Museo Civico di Macerata Feltria Coppa su alto piede in ceramica a pasta grigia della fine del V secolo a.c.. Museo Civico di Macerata Feltria. 64. Grande olla, nel cui interno furono ritrovati numerosi resti di ossa umane, munita di due piccole anse a semicerchio impostate nella parte superiore. Presenta fasce di colore rosso scuro. Proviene dal sepolcreto Servici di Novilara, tomba S 29. Si trova al Museo Oliveriano di Pesaro. 65. Vaso globulare dipinto. Presenta corpo sferico, una sola ansa frammentaria breve collo e bocca con orlo estroflesso. La superficie lucida è ornata di pitture a motivo geometrico e fasci lineari. Faceva parte del corredo femminile della tomba n. 81 del sepolcreto Servici di Novilara. Pesaro, Museo Oliveriano.

4

5 La ceramica greca 2/2

6 La ceramica greca Pochi sono nel territorio i reperti in condizioni di conservazione accettabile, testimonianti la presenza di ceramica greca o di imitazione greca nella provincia di Pesaro e Urbino. Molti invece sono i piccoli frammenti ad essa riconducibili. La produzione di ceramica greca è vastissima e in questa sede ci limiteremo a quella attica che, com è noto, è divisa in due classi principali: a figure nere su fondo rosso, tipica del VI secolo a.c. e a vernice nera e figure rosse, ricavate a risparmio, dal V secolo a.c. in poi. Consideriamo ora la tecnica delle figure nere : prima era tracciata la linea di contorno e poi, all interno di questa, era messo il colore; erano quindi applicati i cosiddetti colori aggiunti, quali il bianco e il rosso, e venivano tracciati i dettagli con un utensile appuntito. Quella delle figure rosse è una derivazione dalla tecnica delle figure nere. Il contorno delle figure era tracciato e i dettagli dipinti con un pennello o altro utensile. Poi era dipinta la parte fuori dei contorni: questa nuova tecnica permetteva di tracciare linee di differenti spessori. Si arrivava addirittura /57

7 Frammento di kylix attica a figure rosse con rappresentazione di Europa sul toro. Proviene da uno scavo del 1977 effettuato in via delle Galligarie a Pesaro. La presenza di ceramica attica, tra quelle di importazione, è rilevante nel territorio pesarese. Si contano circa duecento frammenti, di piccole dimensioni, per lo più a vernice nera, ma anche a figure nere e pochi a figure rosse. Questo reperto viene attribuito dagli studiosi alla bottega del pittore di Pentesilea ed è datato al a.c. (da La ceramica attica figurata nelle Marche, p. 69). Nel 1877 presso la località Monte Giove di Fano fu rinvenuta una tomba di tipo piceno, databile al a.c. del cui corredo facevano parte anche vasi attici (foto nn. 67, 68, 69, 70, 71 e 74), oltre che oggetti in bronzo. Al gruppo ceramico appartiene vasellame a figure rosse e oggetti in vernice nera. Abbiamo i resti restaurati di un cratere a colonnette; il fondo di una kylix (coppa con piede a calice) su cui sono dipinte figure panneggiate a colloquio; una lékythos (brocchetta con collo sottile, monoansata e bocca stretta) a fondo bianco con decorazioni a palmette in nero; un oinochóe a forma di testa femminile; uno skyphos (tazza con due anse ai lati del corpo) a figure nere. Completamente in vernice nera sono un oinochóe, una lékythos ariballica (con corpo globulare) e due kylikes. Tutti i pezzi sono conservati al Museo Civico di Fano. 67. Kylix. Dell antica coppa rimane un frammento, ricomposto da quattro parti più piccole che all interno di un motivo circolare a meandro nero su fondo rosso rappresenta due figure giovanili ammantate, affrontate di cui una seduta. 68. Lékythos a fondo bianco con decorazione a palmette nere sul corpo e sulla spalla. E avvicinabile alla bottega di Diosphos ed è datata al a.c.. La base e il fondo del corpo sono verniciati di nero, mentre sulla parte subito sotto la spalla notiamo un motivo a meandro, la classica greca. E alta quasi diciassette centimetri, è stata ricomposta poiché trovata in frammenti.

8 ad usare pennelli con una sola setola di maiale per le linee più sottili. Nel processo di lavorazione di questo tipo di ceramica un problema è stato rappresentato dal capire come si faceva ad ottenere la vernice. L aspetto più complicato era comprendere come venivano prodotti i colori finali rossi e neri. La ricerca chimica ha rivelato che l elemento costitutivo, del colore nero e del rosso, è sempre una parte dell argilla. Le particelle d argilla del rosso sono più minute di quelle del nero, e probabilmente erano la parte superiore, più pura, sciolta in acqua. Gli studiosi hanno scoperto che per produrre i due colori, era necessario un procedimento di cottura in tre passaggi. Alcuni pensano che qualche sostanza organica fosse aggiunta per aiutare le reazioni. Non è ancora chiaro quali fossero queste sostanze, anche se la cenere potrebbe essere una di loro. Nell area picena la presenza di ceramica attica e della Magna Grecia si diffonde maggiormente tra VI e IV secolo a.c. sia in contesti di necropoli, sia di abitati. Le merci arrivavano dal porto di Ancona, avamposto degli interessi economici siracusani dell età di Dionigi il Grande. Si tratta in genere di vasellame da banchetto. Questo tipo di commercio penetra fino all interno delle vallate dove gli scambi tra /59

9 Oinochóe plastica a testa femminile. 70. Skyphos miniaturistico, ricomposto da frammenti e privo delle anse. da una fascia mediana a risparmio, rossa, filettata da una doppia linea nera. 71. Lékythos ariballica frammentaria, priva della parte superiore del collo e dell ansa. Il corpo tondeggiante si presenta in vernice nera, caratterizzato

10 le popolazioni umbre ed etrusche sono ormai consolidati. Sicuramente poi il favore riscontrato verso questo tipo di prodotti fa sì che in area picena si sia sviluppata anche una produzione locale a figure rosse e a figure nere imitante gli oggetti di importazione. La produzione locale integra apporti grecoattici, magnogreci e marginalmente elementi tirrenici. Le ceramiche attiche trovate a Pesaro indicano anche che i commerci si avvalevano dell approdo di Santa Marina di Focara. La qualità dei vasi recuperati, per lo più relativi a crateri, hydriai, qualche oinochóe e coppe sono di qualità modesta e la decorazione pittorica è più approssimativa rispetto agli esemplari a cui siamo abituati per questo tipo di ceramica. Da Santa Marina di Focara provengono i frammenti di un cratere a volute con scena di combattimento le /61

11 Frammento in ceramica attica. Fondo con piede, decorazione a losanghe di linee intersecanti in diagonale. E conservato al Museo Vernarecci di Fossombrone. Il materiale attico presente proviene dagli abitati di Monte Aguzzo e Monte Raggio. 73. Piccolo frammento di ceramica attica con decorazione a meandro. Località Pieve di San Cassiano. V secolo a.c.. Museo Civico di Macerata Feltria. 74. Parte di kylix in vernice nera, da tomba di Montegiove, Museo Civico di Fano. 74.

12

13 cui parti sono sparse tra il Museo archeologico delle Marche e quello di Rimini. Ceramica attica è stata ritrovata anche a Pesaro, per lo più in frammenti ridotti riferibili a kylikes e skyphoi. La collezione presente al Museo Oliveriano è frutto di recuperi che non hanno a che fare con il nostro territorio, anche se la raccolta in mostra è piuttosto interessante. Da Sant Angelo in Lizzola e da Fano giungono concrete testimonianze per questo tipo di esemplari fittili. Da Monteporzio ci resta un disegno che farebbe riferimento ad un ritrovamento di tomba nella proprietà dei duchi Montevecchio, da cui proverrebbe un cratere a colonnette a figure rosse con la rappresentazione di giovani con elmo, scudo e lancia e giovani ammantati. Del vaso, posseduto dai Montevecchio, non si conosce l attuale luogo di conservazione /76. Le immagini fanno riferimento a due attestazioni di ceramica greca nel territorio della provincia di Pesaro e Urbino. La foto a colori riporta i frammenti di un cratere (grande vaso per contenere liquidi) con la rappresentazione di scene di palestra, atleta e Nike. Sono datati al V secolo a.c. e si conservano presso il Museo Archeologico di Ancona. La seconda immagine mostra un disegno in bianco e nero che testimonierebbe il ritrovamento nel corredo di una tomba picena a Monteporzio di un cratere attico a colonnette con rappresentazione di giovani di cui, però, sono state perse le tracce. Il disegno è conservato presso l archivio della Soprintendenza archeologica delle Marche. (da La Ceramica attica figurata nelle Marche, p. 72 e p. 77). 75.

14

15 La ceramica romana 2/3

16 Ceramica a vernice nera campana Si tratta di produzioni ceramiche diverse, riferibili ad un periodo compreso tra IV e I secolo a.c., tipico dell età repubblicana. E caratterizzata da rivestimento superficiale vetroso di colore nero o nerastro, corpo ceramico nocciola con sfumature diverse, oppure grigio. Rappresenta la ceramica fine da mensa più diffusa insieme con quella più tarda della ceramica sigillata. Le forme potevano essere lisce o decorate con motivi a stampiglia o impressi. La sua presenza è un elemento datante negli scavi stratigrafici. In ambito medio adriatico il periodo di maggiore La ceramica a vernice nera rappresenta una produzione fine nel vasellame da mensa. Le forme erano eleganti e curate, l argilla che le componeva particolarmente depurata, ma l elemento che le conferiva bellezza era la vernice nera lucente. La produzione è tipica romana del periodo repubblicano. Dagli scavi della villa rustica di Colombara a Pole di Acqualagna provengono numerosi oggetti (foto nn. 78, 80, 83), molti dei quali integri, che testimoniano l utilizzo domestico di questa classe ceramica. Al Museo Antiquario di Acqualagna si possono osservare boccali, pissidi (scatole fittili), ollette (contenitori panciuti), patere (piatti dai bordi rialzati e in alcuni esemplari umbone centrale) e coppe che sono datate al II-I secolo a.c Ceramica a vernice nera d età repubblicana da Forum Sempronii. Museo Vernarecci di Fossombrone. Da notare la caratteristica decorazione, di solito a palmette, realizzata al centro del piatto, sul fondo interno entro cerchi concentrici incisi /67

17

18 diffusione si fa partire dal III secolo a.c.. La produzione è maggiormente locale che d importazione, ateliers sono testimoniati a Rimini e Jesi. Questa classe ceramica continua ad essere uniformemente diffusa tra II e I secolo a.c. fino alla metà del I secolo d.c.. Molteplici i reperti nei nostri musei, in particolare molto interessante il ritrovamento di molti oggetti integri nello scavo archeologico della villa romana di Colombara, presso Pole di Acqualagna /69

19 Frammento di ceramica a vernice nera con decorazione a palmette. Museo di Cantiano. 80. Frammento di coppa a vernice nera anch essa col motivo delle palmette. 82. Coppa su piede in vernice nera, è conservata al Museo dei Bronzi dorati di Pergola. 83. Pisside a vernice nera Anche le lucerne erano realizzate a vernice nera. Questo è un esempio frammentario conservato a Macerata Feltria. Età repubblicana.

20 Ceramica detta terra sigillata È la classe ceramica più diffusa in tutto l impero, comprende il vasellame fine da mensa rivestito di vernice rossa, prodotta dal II secolo a.c. al V secolo d.c.. Le sigillate di maggiore fortuna furono quelle orientali, italiche o aretine, galliche e africane. Per il nostro territorio prenderemo in considerazione la sigillata aretina, medioadriatica e africana. Sigillum, significa in latino piccola statua, da signum; il termine sigillata farebbe riferimento agli oggetti decorati con figure a rilievo, ma oggi comprende sia gli esemplari decorati sia quelli lisci. La vernice che si otteneva per questi prodotti era di un rosso brillante, lucida e coprente; il corpo ceramico è beige o beige-rosato, molto depurato. Si tratta per lo più di forme aperte, dalle coppe ai piatti che erano prodotti in ogni parte dell impero, anche se gli atéliers più importanti erano individuabili attraverso bolli, cartigli o iscrizioni in planta pedis che ne segnalavano l attribuzione. La produzione più ricercata era quella aretina che produceva esemplari /71

21 Con il termine terra sigillata si definisce tutta la produzione di vasellame fine da mensa di epoca romana caratterizzata da un engobbiatura a vernice rossa esterna e interna. Il termine sigillum fa riferimento alla decorazione con figure a rilievo. I vasi più raffinati erano quelli in sigillata aretina, in Arezzo, caratteristici della prima età imperiale. Meno pregiate ma molto diffuse furono in seguito durante l età imperiale, le ceramiche definite africane, che presentavano una vernice più aranciata, e quelle locali medioadriatiche che si riconoscono per una qualità più scadente della vernice e per la presenza sulle superfici di motivi bruni a cerchi concentrici. A stampiglia si potevano far aderire alla superficie fresca del vaso motivi di tipo mitologico, motivi antropomorfi, animali, ornati vegetali, bottoncini, ovoli, bacellature e costolatura. Al Museo Civico di Fano si possono osservare piccoli frammenti con delfini, ed uno con Erote (Amorino) svolazzante. 84. Coppa in terra sigillata decorata a matrice con motivi vegetali (cerchietti e palmette). I secolo d.c., Fano, Museo Civico. 85. Coppa in terra sigillata italica liscia. I secolo d.c., Museo Vernarecci di Fossombrone. 86. Tra i frammenti di sigillata aretina conservati al Museo Vernarecci di Fossombrone che mostrano figure antropomorfe anche una divinità su un carro trainato da cavalli. 87/88. A Macerata Feltria si trovano numerosissimi piccoli frammenti con vari motivi. Per queste immagini sono stati scelti due frammenti: nel primo vi è un mascherone con protome di Medusa entro un cerchio perlato; il secondo rappresenta un cane.

22

23 Nel frammento è riconoscibile il viso maschile e barbuto di un Sileno, divinità bacchica dalle orecchie equine, circondato da una corona di pampini e grappoli d uva. Macerata Feltria, Museo Frammenti di grandi piatti in sigillata africana, caratterizzati da decorazioni impresse nella ceramica. Dal II secolo d.c.. Fano, Museo Civico. 91. Terra sigillata chiara detta africana. Bordo di piatto con decorazione ad ornati vegetali. Fano, Museo Civico. 92. Due frammenti con decorazione ad appliques da Sant Angelo in Vado. 89.

24 a vernice rossa corallina, molto lucente, con decorazioni che potevano essere realizzate con la tecnica della barbotine, ad appliques o a rilievo (matrice). La prima consiste nell utilizzo di argilla più depurata e liquida che era utilizzata per decorazioni come foglioline, linee, racemi. La tecnica ad appliques invece prevedeva l incollaggio sull orlo del vaso di elementi decorativi come piccole spirali, festoni, testine, fiori. La decorazione a rilievo prevedeva l uso di matrici, in pratica l argilla prima veniva fatta aderire ad uno stampo che imprimeva a rilievo il motivo decorativo che esso presentava in negativo. I motivi erano innumerevoli, da geometrici a vegetali, da animali a personaggi del mito, da maschere a rappresentazioni di vita quotidiana. Dal II secolo d.c. comincia a diffondersi la cosiddetta sigillata chiara africana, una classe meno pregiata dell italica che, inizialmente, venne prodotta su larga scala nelle officine delle coste africane del Mediterraneo e quindi esportata diffusamente. Poi cominciò ad essere prodotta localmente. La sigillata africana presenta forme abbastanza grandi, aperte, soprattutto piatti e vassoi che dovevano forse servire per portare in tavola preparazioni comprendenti più pietanze e talvolta utilizzate anche come ceramiche da cottura. Il colore della vernice va dall arancio-nocciola al nocciola rossiccio. In alcuni casi comparivano anche delle sovradipinture con vernice bruno seppia di cerchi concentrici e tremoli a raggera. Le decorazioni potevano essere a rilievo, con motivi vegetali o mitologici sulla tesa dei piatti o in un medaglione centrale o semplicemente sovradipinta. Una menzione a parte merita la sigillata definita medioadriatica o sigillata tarda dell Italia centro settentrionale perché caratteristica delle nostre zone. Le produzioni, infatti, sono tipiche di Toscana, Emilia e Marche a partire dal II al V secolo. Essa presenta frequentemente tipi derivati dalla africana. Di questa produzione è la presenza di sovradipinture di colore variabile tra il bruno e il seppia chiaro. Anche qui il repertorio formale presenta prevalentemente forme aperte, cioè piatti, scodelle senza coperchi, grandi vassoi circolari. 74/75

25 Frammento di ceramica medioadriatica presso il Museo Archeologico di Cantiano. Si possono notare le caratteristiche linee brune concentriche. 94. Piatto ricostruito in terra sigillata chiara medioadriatica conservato presso il Museo Vernarecci di Fossombrone. 95. Bordo di piatto con scena bucolica: sono riconoscibili i buoi, un albero, un animale ed una figura umana. Fossombrone, Museo Vernarecci. 95.

26 Ceramica a pareti sottili Si tratta di una classe ceramica relativamente giovane nella storia degli studi. Raggruppa vasi potori, per bere, che rientrano nel vasellame fine da mensa. Il nome deriva dalla caratteristica tecnica di questi manufatti che dovevano avere pareti sottili, buona maneggevolezza e imitare i modelli metallici. La produzione, all inizio esclusivamente italica, si allarga a diverse province /77

27

28 98. dell impero, definendo un arco temporale che va dal II a.c. al III secolo d. C.. Sono testimonianza di questa classe bicchieri, coppe, tazze e piccoli boccali che presentano un impasto rosato o grigio secondo il tipo di argilla utilizzato nelle fabbriche. Possono essere rivestiti da un ingobbio dello stesso colore che gli dona lucentezza metallica, o presentare la superficie opaca, liscia o spruzzata da un leggero strato di sabbia. Le decorazioni sono ottenute prevalentemente in due modi: a rotella, sulla parete ancora fresca si disegnavano motivi a tacche ripetute; à la barbotine, i motivi venivano creati a mano libera dal ceramista con argilla semiliquida. Caratteristici sono le foglioline, i boccoli, i puntini, le linee, le squame spatolate, i globetti. La forma più comune è la tazza emisferica carenata, abbastanza profonda, con larga imboccatura, che poteva presentarsi con o senza anse. 78/79

29 La ceramica a pareti sottili fu prodotta soprattutto per i vasi potori, i bicchieri e le tazze dell antichità. La loro caratteristica era di avere una parete ceramica molto sottile e di conseguenza si aveva un oggetto leggero, maneggevole ma che, quando si rompeva, andava in mille pezzi. Troviamo vasellame in pareti sottili di colore grigio, leggermente lucido. Questo accadeva perché si volevano imitare i bicchieri di bronzo in uso in epoca romana. Come nella ceramica sigillata anche le pareti sottili presentavano delle decorazioni impresse. 96/97. (Alle pagine precedenti): Nell immagine grande si possono osservare alcuni frammenti decorati di una certa consistenza, conservati al Museo Civico di Fano e, nell altra, un pezzo del Museo Archeologico di Sant Angelo in Vado. 98/99. Altri frammenti del Museo Archeologico di Sant Angelo in Vado. Si può notare in tutti la varietà dei motivi che venivano realizzati sulle superfici di questi vasi che, assieme a vernice nera e sigillata, rappresentavano i servizi buoni di casa. La produzione di questo vasellame si estende dal II secolo a.c. fino ai primi secoli dell impero. 99.

30 Ceramica e terracotta comune Si tratta di una vera e propria categoria di ceramica, la più diffusa in assoluto, anche perché presente nelle case di ognuno. Il termine è utilizzato per indicare la ceramica utilitaria caratterizzata da una fattura maggiormente curata, mentre per la ceramica d aspetto più grossolano si ricorre al termine di ceramica grezza o a quello di rozza terracotta. I vasi di questa classe si trovano impiegati per la mensa, per la cucina, la dispensa. Si tratta di materiale di basso prezzo, che poteva essere prodotto anche in realtà domestiche, fabbricato con argille d impasto. Doveva rispondere soltanto a criteri di funzionalità e non seguiva mode particolari. Le superfici non sono né decorate né verniciate eccezion fatta per la vernice rossa interna. Questa classe comprende vasi da fuoco, realizzati al tornio e rivestiti all interno e sul lato esterno del bordo, da uno spesso strato di vernice rossa. Le uniche forme sono un tegame basso e il relativo coperchio, che è piuttosto raro. I recipienti sono grandi e il colore dell ingobbio può andare dal rosso aranciato al marrone rossastro. I fondi interni presentano una serie di cerchi concentrici. La produzione dall età repubblicana arriva al III secolo d.c. quando poi è sostituita dalla sigillata africana. Le forme della terracotta comune sono semplici e presentano una straordinaria uniformità nel tempo e nello spazio. Le ceramiche da fuoco si riconoscono perché presentano impasti grossolani e, in sede di ritrovamento, i fondi visibilmente anneriti dalla fiamma /81

31 101. La ceramica comune d età romana, quella appunto che si usava comunemente, di più ampia diffusione, meno costosa e di produzione locale, presenta numerosissime testimonianze nella provincia, con un vario repertorio di forme. Molto vasellame ci è arrivato in cocci. È probabilmente la classe più difficile da datare, ove manchi il contesto archeologico di ritrovamento, in quanto la produzione si è mantenuta identica per diversi secoli. Questi oggetti erano finalizzati all utilizzo più che all estetica Brocca monoansata a fondo piatto. Proviene dalla villa rustica di Colombara ed è conservata al Museo Antiquario di Acqualagna Bicchiere in ceramica comune. Acqualagna, Museo Antiquario Piatto su piede in ceramica comune. Fano, Museo Civico. 102.

32

33 Olla e boccali monoansati. Fossombrone. Museo Vernarecci. Da notare, nelle varie immagini presentate la varietà dei colori dei vasi dovuti alla diversa composizione e depurazione delle argille utilizzate per produrli Olla in rozza terracotta. Questa produzione, piuttosto grezza con argilla piena di inclusi termoresistenti serviva spesso come vasellame da fuoco, infatti non di rado è possibile osservare ancora oggi sulla superficie l annerimento dei vasi dovuto al contatto col fuoco. Museo Civico di Macerata Feltria Ciotola proveniente dal corredo funebre delle tombe romane di Ramaglie. Pergola, Museo dei Bronzi dorati Elementi a pigna conservati al Museo Civico di Fano. 103.

34 Anfore Le anfore in generale presentano una forma con corpo più o meno ingrossato, spalla netta, base diversificata, collo distinto, espanso, con due anse solitamente verticali. Venivano utilizzate come contenitori da trasporto, per l immagazzinamento dei prodotti alimentari nelle case, nelle tabernae, nei magazzini in generale e, dopo l uso, venivano di solito reimpiegate in edilizia per vespai e drenaggi ma anche in contesti funerari come segnacolo, elemento di corredo, vaso cinerario o luogo di deposizione della salma. I cocci di anfore sono il materiale più diffuso in ogni scavo archeologico e, per le nostre zone, notevoli sono stati anche i ritrovamenti subacquei, visto che questo tipo di vasellame era impilato, stivato sulle navi e trasportato comunemente come merce di largo smercio. Nel caso poi che le navi non raggiungessero il porto, eventualità non infrequente, i carichi ci sono stati conservati nelle profondità marine. Caratteristica di questa tipologia di vasellame è la presenza di bolli sulla superficie e di coperchi di varia foggia. Il bollo permetteva subito all acquirente di riconoscere non solo il produttore e l officina ma anche il tipo di derrata, il peso e la provenienza degli alimenti. V è /85

35

36

37 la presenza di graffiti che indicano il momento di produzione o di invasamento delle derrate. La nostra provincia è ricchissima di questa tipologia di oggetti o dei suoi frammenti dato il loro impiego e l ampia diffusione. Le anfore, tipici contenitori da trasporto dell antichità, avevano collo stretto e ampia pancia, erano fornite di due anse, saldi manici che servivano per essere impugnati con entrambe le mani e presentavano, solitamente, anche un puntale utile per impilare i vasi uno dentro l altro ma anche per conficcarli in terra senza che si rovesciassero. 107/108. Nelle immagini riportate, alle pagine precedenti, alcune delle anfore conservate al Museo Civico di Fano e, accanto, si possono distinguere due recipienti che provengono da un recupero in mare. Sono infatti pieni di incrostazioni marine. Davanti a questi due anfore di dimensioni più modeste a fondo piatto Gruppo di anfore al Museo Vernarecci di Fossombrone. Si può notare che tutti questi esemplari pur nell omogeneità della loro forma si differenziano tra loro. Questa varietà si rapporta ai diversi usi e alle varie esigenze di trasporto e contenimento. Le anfore erano destinate alla conservazione del vino, contenevano garum, salsa che si ricavava dalla putrefazione dei resti del pesce e serviva a dare sapidità ai cibi. Un altro tipo di salsa era il murium, una salamoia di viscere e interiora di tonno; altre servivano a contenere frutta conservata. La maggior parte di esse contenevano vino od olio Coperchi per anfore conservati al Museo Civico di Fano.

38 Lucerne Assieme alle anfore rappresentano il tipo di reperto che maggiormente è trovato nello scavo archeologico. Si tratta di un manufatto, realizzato in terracotta o metallo, che presenta generalmente un corpo chiuso che funge da serbatoio, un disco con il foro per l immissione dell olio combustibile e un forellino d aerazione, un ansa per reggerla, il fondo, il piede e il becco da cui usciva lo stoppino che veniva acceso per illuminare. L uso è logicamente legato alla primaria esigenza di rischiarare gli ambienti durante le ore notturne. Le lampade erano montate spesso /89

39 114. Le lucerne fittili inizialmente furono modellate a mano, poi al tornio e dal III secolo a.c. con la tecnica della fabbricazione a matrice. L argilla era pressata all interno degli stampi, uno per la parte superiore ed una per l inferiore, ed erano unite quando l impasto, seccando, raggiungeva una certa consistenza. Si praticavano i fori, aggiungendo le applicazioni, si verniciavano ed erano cotte. Molte lucerne recano, o impressi o incisi, dei bolli di fabbrica che probabilmente erano realizzati subito prima della cottura nella parte inferiore, esternamente sotto il serbatoio. La possibilità di una produzione su larga scala fece rapidamente diffondere in tutto il mondo romano quest oggetto che permetteva l illuminazione artificiale delle domus. Caratteristiche delle lucerne di periodo imperiale sono le indicazioni che esse riportavano sul fondo con i nomi dei fabbricanti: LITOGENE, FORTIS ed altri. Esempi di questo tipo li troviamo un po dovunque nei musei della provincia Lucerna fittile d età repubblicana da Colombara. Museo Antiquarium di Acqualagna. L oggetto fa parte di una serie di lampade, riunite nel Museo dette di tipo biconico dell Esquilino, la cui datazione oscilla tra il 150 e l 80 a.c.. Da notare la forma triangolare del becco alla cui base si trova la firma C.CASSI Lucerne a volute con decorazioni sul disco. Si distinguono un amorino alato, un cavallo in corsa, una testa barbuta e un anfora. I secolo d.c.. Fossombrone, Museo Vernarecci Due esempi di firmalampen, le lucerne a canale di età imperiale che sul fondo esterno del serbatoio riportavano la firma del produttore. La prima immagine riporta l iscrizione FORTIS, una delle più conosciute, l altra la firma LITOGENE. Fano, Museo Civico Disco di lucerna con la raffigurazione di due cornucopie e forellino centrale. Museo Civico di Macerata Feltria.

CERAMICA A PARETI SOTTILI:

CERAMICA A PARETI SOTTILI: CERAMICA A PARETI SOTTILI: con questo termine si indica un tipo di ceramica fine da mensa, con funzione prevalentemente potoria, caratterizzata dall'estrema sottigliezza delle pareti, che va da un minimo

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 4. LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 1 Lippolis 1984, pp. 31-34. 2 Goudineau 1968, pp. 320-322. 3 Lamboglia 1950, p. 69. 4 Cristofani 1972, p. 506. 5 Palermo 1990, pp. 114-115. 6 Cristofani

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

Nora. Il foro romano

Nora. Il foro romano Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Archeologia Nora. Il foro romano Storia di un area urbana dall età fenicia alla tarda antichità 1997-2006 Volume II.2 - I materiali romani E GLI ALTRI

Dettagli

Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana

Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana U.O. III - Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas Progetto didattico : Dal Museo

Dettagli

Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta

Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta Le importazioni delle ceramiche attiche a figure nere nell entroterra sicano. Un contributo dall esame dei vasi rinvenuti

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova * Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova Da più di 20 anni si conducono a Genova ricerche di archeologia urbana che hanno permesso di delineare un quadro pur lacunoso delle fasi

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Classi ceramiche. Epoca romana

Classi ceramiche. Epoca romana Classi ceramiche Epoca romana Cosa si intende per ceramica Tutti i manufatti inorganici non metallici, generalmente porosi e fragili, realizzati con materiale di natura argillosa, modellati a freddo e

Dettagli

TITOLO: La pittura vascolare

TITOLO: La pittura vascolare 1E 120308_CaloriPitturavascolare, Pagina 1 di 5 TITOLO: La pittura vascolare La pittura vascolare: tutto ciò che resta della pittura greca Vario utilizzo e tipologie dei vasi Vari stili di pittura vascolare

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

REPERTI ARCHEOLOGICI (le fotografie non sempre rispecchiano le dimensioni reali)

REPERTI ARCHEOLOGICI (le fotografie non sempre rispecchiano le dimensioni reali) 720 722 723 723 - Maniglia di anfora romana in bronzo con raffigurata in basso un protome femminile. Ampio oggetto decorato con foglie e fiori in argento. Ritratto realistico, occhi, naso e bocca dimostrano

Dettagli

I contenitori da cantina e da trasporto

I contenitori da cantina e da trasporto Le anfore I contenitori da cantina e da trasporto Le anfore Caratteristiche generali Area di produzione Cronologia Note Amphora: unità di misura di capacità pari a ca. 26 litri Contenitori/solidi di rotazione

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale MUSEO Archeologico Nazionale Firenze Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale progetto a cura di iniziativa promossa da in collaborazione con Confederazione Nazionale

Dettagli

STORIA DELLA CERAMICA

STORIA DELLA CERAMICA STORIA DELLA CERAMICA La ceramica dagli inizi ad oggi (Sardella,Salviato,Zardin,Zanzi) 1 CERAMICA : La parola ceramica deriva dal greco kéramos che significa letteralmente argilla per stoviglie : questo

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

3 DAL NEOLITICO... TIPOLOGIE CERAMICHE

3 DAL NEOLITICO... TIPOLOGIE CERAMICHE 3 DAL NEOLITICO... TIPOLOGIE CERAMICHE NEOLITICO ed ETA DEL RAME VII-III mill. a.c. La ceramica si distingue in: Ceramica vascolare fine per mensa: scodelle, boccali, vasi, ecc.. Ceramica vascolare grossolana

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo

CAMPO PIANELLI. il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo CAMPO PIANELLI il villaggio e la necropoli di James Tirabassi Archeologo Il 5 di ottobre del 1875, i membri della neonata Sezione Alpinisti dell Enza si recarono a Castelnovo ne Monti e, sotto la guida

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE)

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi 181 CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi LO SCAVO Lavori edili eseguiti dalla ditta Bonini e Bussolati di Parma nel comparto N-E del

Dettagli

Provincia di Pesaro e Urbino Assessorato Beni Storici, Artistici, Archeologici Progetto Centoborghi. Kéramos. Ideazione Paolo Sorcinelli

Provincia di Pesaro e Urbino Assessorato Beni Storici, Artistici, Archeologici Progetto Centoborghi. Kéramos. Ideazione Paolo Sorcinelli Kéramos Provincia di Pesaro e Urbino Assessorato Beni Storici, Artistici, Archeologici Progetto Centoborghi Kéramos Ideazione Paolo Sorcinelli Progettazione e cura editoriale Dino Zacchilli Progetto grafico

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

Esempi di tecniche decorative con le. argille nelle collezioni del MIC. Percorso tematico per il corso. Dipingere con gli ingobbi

Esempi di tecniche decorative con le. argille nelle collezioni del MIC. Percorso tematico per il corso. Dipingere con gli ingobbi Esempi di tecniche decorative con le argille nelle collezioni del MIC Percorso tematico per il corso Dipingere con gli ingobbi Faenza settembre 2011 A cura di Anna Lega SALA DIDATTICA: IMPASTO MARMORIZZATO

Dettagli

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015

DOSSIER 01. La Rete 30 GIUGNO 2015 La Rete è sul web: grandevercelli.it ed è costituita da: DOSSIER 01 30 GIUGNO 2015 RICONTESTUALIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE A VER- CELLI DI ALCUNI REPERTI STORICO-ARCHEOLOGICI SIGNIFICATIVI In ottemperanza

Dettagli

Elenco degli oggetti in mostra

Elenco degli oggetti in mostra Elenco degli oggetti in mostra Tutti i reperti provengono dalla fabbrica dei profumi di Pyrgos e dal distretto di e sono conservati presso il Museo Archeologico di. Fotografie, misure e numeri di inventario

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT

CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT Scoprire il territorio attraverso l archeologia sperimentale Nell'ambito del progetto didattico CIRÎ,TOCJÂ, PROVÂ PAR SCUVIERGI IL MONT in lingua friulana, per l'anno

Dettagli

Tecniche d incisione per le stampe d arte

Tecniche d incisione per le stampe d arte Tecniche d incisione per le stampe d arte Calcografia Il termine deriva dal greco"kalcos"e"graphia", ossia scrivere o incidere su rame o bronzo, con cui oggi si indica il procedimento di stampa artistica

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Gruppo Archeologico Ambrosiano

Gruppo Archeologico Ambrosiano PROGRAMMA ATTIVITA Visite guidate Inverno/Primavera 2011 Visita guidata alla Mostra : Signori di Maremma. Elites etrusche fra Populonia e Vulci presso il Museo Archeologico di Firenze e visita alle collezioni

Dettagli

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 GLI OMINIDI Originariamente l uomo non aveva l attuale struttura corporea e non possedeva le capacità e le potenzialità che vediamo

Dettagli

Alle origini del gusto. Il Cibo a Pompei e nell Italia antica Asti, Palazzo Mazzetti 7 marzo 5 luglio 2015

Alle origini del gusto. Il Cibo a Pompei e nell Italia antica Asti, Palazzo Mazzetti 7 marzo 5 luglio 2015 Alle origini del gusto. Il Cibo a Pompei e nell Italia antica Asti, Palazzo Mazzetti 7 marzo 5 luglio 2015 Didascalie immagini ad uso ufficio stampa Immagine guida Piatti da pesce dalle necropoli di Paestum

Dettagli

La mostra dal titolo Culti

La mostra dal titolo Culti CULTI DELLA FERTILITÀ NEL II MILLENNIO a.c. A LAVELLO di Addolorata Preite BASILICATA REGIONE Notizie La mostra dal titolo Culti della fertilità nel II millennio a.c., allestita nel Civico Antiquarium

Dettagli

Prodotti per la decorazione del vetro R O

Prodotti per la decorazione del vetro R O Prodotti per la decorazione del vetro V ET R O 25 VETRO COLOR Colori trasparenti per decorare il vetro La serie si compone di 24 tinte, 20 trasparenti e 4 coprenti, tutte miscelabili fra di loro e arricchite

Dettagli

Ceramica invetriata da Vada Sabatia

Ceramica invetriata da Vada Sabatia Ceramica invetriata da Vada Sabatia 1. Il centro di Vada Sabatia sorge nel II secolo a.c. nel punto di innesto costiero della via Aemilia Scauri (poi Iulia Augusta) che, dall'entroterra piemontese e ligure,

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA NEL 1933, durante i lavori per la costruzione della Caserma dei Vigili del Fuoco di via Genova, furono scoperti una serie di reperti, risalenti all epoca romana e attribuibili

Dettagli

TITOLO : La Pittura Vascolare. Pittura Vascolare. 1P 120309_AbdulazizPitturaVascolare, Pagina 1 di 5

TITOLO : La Pittura Vascolare. Pittura Vascolare. 1P 120309_AbdulazizPitturaVascolare, Pagina 1 di 5 1P 120309_AbdulazizPitturaVascolare, Pagina 1 di 5 TITOLO : La Pittura Vascolare Pittura Vascolare RIASSUNTO DELLA LEZIONE TIPO TWEET Twitter is an online social networking and microblogging service that

Dettagli

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi

la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci la tomba dei letti e dei sarcofagi la Tomba dei dolii la tomba dei vasi greci Il tumulo della capanna (Recinto della necropoli della Banditaccia), oltre alla tomba omonima, ospita altre tre sepolture monumentali. Si tratta di un fenomeno

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

Linea Pajarito. Artesa - Ecuador teiera 'pajarito' in ceramica dipinta. colore: turchese 39729 dia cm11,2/18,5xh 14,7

Linea Pajarito. Artesa - Ecuador teiera 'pajarito' in ceramica dipinta. colore: turchese 39729 dia cm11,2/18,5xh 14,7 TAVOLA E CUCINA Giorno dopo giorno riscopriamo le bellezze del mondo e le antiche tradizioni a casa nostra attraverso i nuovi prodotti d arredo. L inverno arriva con i suoi colori freddi come ottanio e

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

Archeologia a scuola

Archeologia a scuola Archeologia a scuola Progetto per attività didattiche archeologiche per le scuole primarie e secondarie proposto da: Museo di Archeologia per Roma UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA Piccoli Archeologi Progetto

Dettagli

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia*

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* CHIARA DE SANTIS Fig. 1 Pianta della Tomba Comune di Viterbo Località

Dettagli

vassoio vassoio vassoio vassoio vassoio argentato ovale grande 24 x 33 vassoio argentato rettangolare 21 x 27

vassoio vassoio vassoio vassoio vassoio argentato ovale grande 24 x 33 vassoio argentato rettangolare 21 x 27 vassoio argentato rettangolare 21 x 27 vassoio argentato ovale grande 24 x 33 vassoio vassoio vassoio argentato piccolo 15 x 25 vassoio argentato ovale con manici smerlato 28 x 36 vassoio vassoio vassoio

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Piccola guida al riconoscimento delle forme di alcuni vasi attici ed etruschi

Piccola guida al riconoscimento delle forme di alcuni vasi attici ed etruschi Piccola guida al riconoscimento delle forme di alcuni vasi attici ed etruschi Andrea Ciacci Nello studio della ceramica di età preromana, con particolare riferimento a quella etrusca, viene normalmente

Dettagli

115. Fondo di Firmalampen, FORTIS, Museo Archeologico Vernarecci di Fossombrone.

115. Fondo di Firmalampen, FORTIS, Museo Archeologico Vernarecci di Fossombrone. 117. 118. 115. Fondo di Firmalampen, FORTIS, Museo Archeologico Vernarecci di Fossombrone. 116. Lucerna a canale integra acroma, dal recinto sepolcrale di Calmazzo. Fossombrone, Museo Vernarecci. 117.

Dettagli

10 bianco 11 grigio 12 nero 20 turchese. 23 blu 31 verde chiaro 33 verde 40 marrone

10 bianco 11 grigio 12 nero 20 turchese. 23 blu 31 verde chiaro 33 verde 40 marrone Mosaico Soft Il Mosaico La linea per Mosaico "Soft è realizzata in vetro trasparente smaltato e placcato da 4 mm di spessore. Grazie ad una ricottura ad oltre 700º, le tessere presentano bordi arrotondati

Dettagli

LA NECROPOLI ORIENTALIZZANTE E TARDO-ARCAICA DI VILLA BRUSCHI- FALGARI A TARQUINIA

LA NECROPOLI ORIENTALIZZANTE E TARDO-ARCAICA DI VILLA BRUSCHI- FALGARI A TARQUINIA LA NECROPOLI ORIENTALIZZANTE E TARDO-ARCAICA DI VILLA BRUSCHI- FALGARI A TARQUINIA Preliminarmente è da precisare che la presente relazione nasce dai diversi contributi degli autori. Ludovico Magrini,

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

ARCHEOLOGIA E STORIA DELL ARTE I MODULO (6 CFU) La Campania antica. Siti archeologici e valorizzazione turistica

ARCHEOLOGIA E STORIA DELL ARTE I MODULO (6 CFU) La Campania antica. Siti archeologici e valorizzazione turistica UNIVERSITÀ FEDERICO II DI NAPOLI Dipartimento di Economia Management Istituzioni Corso di Laurea Magistrale in PROGETTAZIONE E GESTIONE DEI SISTEMI TURISTICI ARCHEOLOGIA E STORIA DELL ARTE I MODULO (6

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Il mondo dei materiali

Il mondo dei materiali Il mondo dei materiali Tutti i giorni usiamo moltissimi oggetti che sono fatti di materiali diversi come il legno, la plastica, il ferro, la stoffa. Alcuni materiali si trovano in natura, altri sono stati

Dettagli

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole

La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole La parole mosaico viene dal termine greco muse. La tecnica, nota anche come incrostazione, prevede il fissaggio di elementi decorativi di piccole dimensioni su un supporto rigido fino alla sua completa

Dettagli

CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI BASILICA DI SAN PIETRO, TUSCANIA (VT): IL ROSONE DELLA FACCIATA

CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI BASILICA DI SAN PIETRO, TUSCANIA (VT): IL ROSONE DELLA FACCIATA SCHEDA DESCRITTIVA OPERE CATTEDRALE DI SALERNO: I MOSAICI PAVIMENTALI Marmi dai colori brillanti impreziosiscono gli intarsi geometrici e i motivi a dischi e fasce intrecciate dei mosaici della Cattedrale

Dettagli

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Relazione tecnica Su incarico dell Impresa Borghini s.a.s.

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

Le ceramiche comuni di età romana

Le ceramiche comuni di età romana Le ceramiche comuni di età romana Alessandro Quercia Introduzione Le ceramiche comuni di età romana 1 costituiscono di gran lunga la categoria ceramica maggiormente attestata nello scavo di via Sacchi:

Dettagli

FRANCOBOLLI PER GIORNALI

FRANCOBOLLI PER GIORNALI FRANCOBOLLI PER GIORNALI 1851 (1 gennaio) - 1856 TESTA DI MERCURIO Soggetto: testa di Mercurio senza indicazione del valore Stampa: tipografica Fogli: 100 x 4, normalmente distribuiti in fogli di 100.

Dettagli

Museo Civico Archeologico di Orte

Museo Civico Archeologico di Orte Museo Civico Archeologico di Orte a cura dell Associazione culturale UNITRE di Orte Questo è il museo civico archeologico, istituito nel 2003 si trova nei locali dell ex chiesa di Sant Antonio Abate. Siamo

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

Centro Studi sul Quaternario onlus. CATALOGO GADGET e LIBRI

Centro Studi sul Quaternario onlus. CATALOGO GADGET e LIBRI Centro Studi sul Quaternario onlus CATALOGO GADGET e LIBRI Centro Studi sul Quaternario onlus via nuova dell ammazzatoio 7 52037 Sansepolcro AR www.cesq.it - info@cesq.it I Gadget ed i libri sono acquistabili

Dettagli

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 I. LA STORIA IN GIOCO: terza, quarta e quinta elementare II. LA STORIA

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

Decorazioni per l Avvento

Decorazioni per l Avvento Decorazioni per l Avvento Ogni bambino riceve una coppetta per creare un simpatico portacandele da decorare con perline e una candela. Mostrare ai bambini il portacandele già decorato e spiegare come realizzarlo:

Dettagli

Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA

Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA Elenco dei reperti SEZIONE INTRODUTTIVA Ricomposizione dell attico dei portici del Foro di Augusto con frammenti originali, calchi in resina e integrazioni in pietra calcarea Cariatide dall attico dei

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE YD18U ATTIVITÀ 23.31.00 FABBRICAZIONE DI PIASTRELLE IN CERAMICA PER PAVIMENTI E RIVESTIMENTI ATTIVITÀ 23.32.00 FABBRICAZIONE DI MATTONI, TEGOLE ED ALTRI PRODOTTI PER L EDILIZIA IN TERRACOTTA

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

L area archeologica di via Aldini (Roma - X Municipio): la necropoli romana

L area archeologica di via Aldini (Roma - X Municipio): la necropoli romana The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

L età arcaica. 1 Scheda 10. di Alfonsina Russo L ENOTRIA

L età arcaica. 1 Scheda 10. di Alfonsina Russo L ENOTRIA di Alfonsina Russo L età arcaica L ENOTRIA L insediamento enotrio di Aliano Il centro indigeno di Aliano è ubicato tra la media valle dell Agri e l ampia valle del suo affluente, Sauro, in posizione strategica

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete.

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete. All Aquila, nuovo leone come i due ormai al Getty A Porta Barete, una statua calcarea simile ad altre rinvenute nella zona. Le sculture a Malibu e l'"atleta" di Fano. Il leone funeriario in pietra calcarea

Dettagli