(questi tre ultimi importanti perché appartenenti alla Cultura di Monte Claro sviluppatasi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(questi tre ultimi importanti perché appartenenti alla Cultura di Monte Claro sviluppatasi"

Transcript

1 Preistoria di Quartu Se la data di nascita della città non è ancora definibile per la scarsità di documenti storici certi in merito, altrettanto non si può dire per la sua preistoria documentata da una serie ricchissima di ritrovamenti archeologici reperiti in città e nel suo vasto interland. In studi minuziosi condotti dal Prof. Enrico Atzeni (1) su Stazioni all aperto e officine litiche del Campidano di Cagliari e in La preistoria nel Golfo di Cagliari (2), viene presentata una cartina in cui sono anche segnalati 29 siti archeologici, 3 dei quali in città e altri 26 nel suo esteso territorio. Altre inedite preziose emermergenze questo autore segnala in Cagliari preistorica,(2) come quella nel Viale Colom -bo, a Santo Stefano a Is Arenas a lato dello stagno di Molentargius a Perda Bona (3), a Simbirizzi, a Terra Mala in La preistoria del Golfo di Cagliari. Questo pubblicazione contiene una prima sintesi delle campagne di scavo in corso a Is Mortorius per il recupero e la valorizzazione del Nuraghe Diana e delle sue strategiche pertinenze. Secondo gli studi del 1989 di G. Struglia (4), autore di un lavoro su I nuraghi di Quartu S. E. nel quale sono riportati i dati riferentesi alle sue ricerche sui siti archeologici del territorio quartese, questi, in bibliografia, variavano da un minimo di 14 (dati del Ministero Agricoltura e Foreste) a un massimo di 25 (Elenco degli edifici monumentali, LXVIII Vol.), contro i 34 censiti dal succitato autore. Questa differenza di dati del trentennio precedente, con quelli pubblicati da E. Atzeni, è da interpretarsi con la erronea inclusione tra i nuraghi di Quartu di due complessi che sovrastano il Rio Baccu Mandara (Nuraghe Sighientu de Susu e Sighien -tu de Basciu), risultanti in territorio Maracalagonis e anche con la scomparsa di alcuni di essi dovuta alla inarrestabile azione di distruzione e scempio ad opera degli speculatori edilizi e dei tombaroli che saccheggiano il nostro patrimonio archeologico. Ne sono un esempio il Nuraghe s Aria (Fig.7) nel comprensorio di Flumini di Cuba del quale se ne individuano solo poche tracce e quello di Niu e Crobu, (Fig. 8) sito a 104 metri d altitudine a dominare la valle di Flumini e Cuba, il cui materiale è stato utilizzato per costruire un deposito d acqua cosi come accaduto per il Nuraghe Puxéddu, posto sopra Porticciólu in Cala e Moru a Geremeas, (5) (descritto per la prima volta dal Can. G. Spano nel 1873), al quale è stata addossata una villetta abusiva a due piani il cui grezzo, da circa vent anni, attende la demolizione. Questi fatti dovrebbero preoccupare gli amministratori e i preposti alla tutela dei beni culturali essendo quello archeologico un inestimabile patrimonio da proteggere e valorizzare. Moltissimi sono i reperti archeologici, costituiti da strumenti in pietra e metalli, ritrovati da C. G. Cara, da C. Timon a Santo Stefano, Viale Colombo e Is Arenas (3-pag.60) e molti altri sono quelli scoperti nel territorio quartese da Enrico Atzeni. Questi ha indagato nelle stazioni di Foxi, di s Apparassi, del bivio de Is Pardinas, del nuraghe Forti Bécciu, di Cuccuru Fra Patteri, nelle officine di ossidiana casa Ligas, a s Apparassi e nei siti di Basciu Serra a Simbirizzi presso la Chiesa del Buon Cammino, in quelli di Perda Bona e Terra Mala (questi tre ultimi importanti perché appartenenti alla Cultura di Monte Claro sviluppatasi

2 nell Eneolitico Evoluto e Finale). E. Atzeni ha in particolare studiato il Nuraghe Diana a Is Mortorius, (sorto nel periodo nuragico apogeico) i cui scavi sono attualmente fermi), (Fig.9). Con gli innumerevoli reperti, oggi giacenti nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, si potrebbe organizzare un importante Museo in Quartu. Questo oltreché conferire maggior prestigio alla città diventerebbe una buona fonte produttiva di reddito per il suo alto interesse scientifico e per importanti ricadute socio-culturali e turistiche. Grazie al Prof. Enrico Atzeni che con le sue ricerche e la compilazione di una aggiornata carta archeologica, sta valorizzando il patrimonio preistorico quartese,(fig.5) noi possiamo conoscere indirettamente i processi evolutivi della millenaria civilizzazione dei nostri antenati e la loro Cultura (6) preistorica. Quando si parla di preistoria sarda, è bene precisare che essa coincide con la civiltà prenuragica, comprendendo, come dice R. Tykot (7- Tav. II): il Paleolitico (da a.c. a a.c.); il Meso-litico ( a.c.); il Neolitico (6.000 a a.c.); l Eneolitico ( a.c).. In questo periodo, dal al a.c., si sviluppa la Cultura di Monte Claro che ha interessato i colli di Cagliari, il suo Campidano fino a Simbirizzi e Terra Mala in territorio di Quartu; l Età Bronzo: Bronzo antico: a.c.; Bronzo medio a.c.. Dal al a.c. si sviluppa la Cultura del Nuragico I ; Bronzo recente a.c. in cui si sviluppa la Cultura del Nuragico II ; Bronzo finale a.c. nella quale si sviluppa la Cultura del Nuragico III; Prima Età del Ferro a.c. in cui, dal 730 al 580 a.c., si svolge il Nuragico IV in contemporanea col periodo Fenicio; Seconda età del Ferro 510 a.c d.c., periodo nel quale si sviluppa la Cultura del Nuragico V durante la dominazione punica dal 510 al 238 a.c. e, infine, dal 238 a.c. al 476 d.c., in cui la Sardegna diventa colonia romana nei periodi Repubblicano e Imperiale. Nel Neolitico si sviluppano le Culture di: Su Carroppu, Fliestru, Grotta Verde, Bonu Ighinu, e Ozieri. Nell Eneolitico iniziale, nel quale l uomo apprese l arte di lavorare la pietra, evolvono le Culture di Sub Ozieri, Filigosa e Abealzu. Nell Eneolitico Evoluto o Età Prenuragica si sviluppa la Cultura di Monte Claro che nasce in un colle di Cagliari e si estende nel suo Campidano fino allo Stagno di Simbirizzi a Basciu Serra (8-Fig10) in iterritorio di Quartu. La Civiltà Nura -gica si sviluppa nelle ere del Bronzo Medio e del Ferro. A questi periodi risalgono la maggior parte dei siti archeologici nuragici nel territorio quartese che, calcolati da G. Struglia, risultano in numero di 3,53 per ogni 10 Kmq., (esclusi i resti di alcuni villaggi nuragici) che rivelano attualmente ulteriori, notevoli crescite. Origine dei nuraghi Alcuni studiosi (9) ritengono che i nuraghi siano di origine cretese-micenea altri sostengono che esse, unitamente alla lingua nuragica (che ha molti legami con la lingua sumerica, come sarà approfondito nel capitolo riguardante la lingua sarda), siano originarie della Mesopotamia Setten

3 -trionale (Cultura di Halaf-Arpashyah) ai confini tra Siria, Turchia, Iraq e difffusa in Occidente tramite gli abitanti della Lidia. Dell influsso nord-siriano sulla archeologia nuragica parla Giovanni Lilliu (10) nella sua monumentale opera di studio sui nuraghi. Per considerazioni stori -che e linguistiche, i primi ad essere arrivati in Sardegna si pensa siano stati i Sardàna, epici naviganti protostorici, (notizia cunfermata dagli egìzi), seguiti dai Sardianói abitanti di Sardis, capitale della Lidia che hanno dato il nome anche ai sardi di Sardegna come afferma M. Pittau (8) il quale riferisce che Plauto, nel Miles Gloriosus, così dice: I Romani chiamavano Sardi non solo gli abitanti della Sardegna ma anche i Sardi della Lidia. Lo storico Festo, parlando della città etrusca di Velo, dice che gli abitanti si chiamavano Sardi. Anche Strabone dichiara che i sardi nuragici erano Tyrsenòi, a significare costruttori di torri perché tyrsis significa torre e i nuraghi sono torri. Nella migrazione dei Tyrsenòi dalla Lidia all Italia centrale la Sardegna ha costituito la penultima tappa dove si sono stabiliti per quattro secoli, fermandosì nell Isola dal XIII al IX secolo prima di Cristo e, come dice M. Pittau (11), mescolan -dosi con i sardi nuragici. I Tyrsenòi, arrivati in Italia, hanno preso il nome Tirreni-Etruschi, denominati Tursci dai latini. Mentre gli insediamenti greco-jonici nelle coste della Sardegna (Olbia, Neapolis nel golfo di Cabras-Oristano) hanno lasciato tracce archeologiche e linguistiche inconsistenti, tra i secoli X e IX prima di Cristo i Fenici si sono aggiunti, come (12) afferma Dedola e mescolati ai Tirreni di Sardegna. Dopo il 509 prima di Cristo (battaglia navale di Alalia o Aleria nelle Bocche di Bonifacio, nella quale gli etruschi, alleati con i punici, cacciarono dalle coste sarde i Greco Jonici) i fenici sono stati sostituiti dai cugini Cartaginesi. Destinazione dei nuraghi E controversa e impossibile da definire la loro vera destinazione: abitazioni? Luoghi di culto? Costruzioni con finalità di difesa? Altro? Si è propensi a credere che nei tempi, in base alla loro funzione venisse scelta l ubicazione, la tipologia e la forma, così da luogo a luogo differente. Si presume che sin dalle origini, il tyrsis, la torre sia stata costruita come abitazione fissa accanto alle capanne che non offrivano alcuna sicurezza nei casi di eventuale pericolo di aggressioni provenienti dal mare o in casi di grosse calamità naturali. E certo che diverse strutture nuragiche fossero dedicate al culto degli antenati come Sa domu e s Orku in Is Concas a San Pietro Paradiso di Quartucciu o a quello delle divinità dell acqua come il tempio a pozzo di Cuccuru Nuraxi a Settimo San Pietro. Questa struttura scavata fino a 33 m. di profondità, forse al centro dei ruderi di un nuraghe, è considerata dall Atzeni un Unicum, riconducibile al Bronzo Medio, con funzioni di santuario. (13) A Quartu il Nuraghe Diana a Is Mortorius, situato nella collina che si affaccia sullo sperone della antica tonnara, tra la cala di s Arrizzolu Salìu e quella di Terra Mala, è un classico esempio di monumento (polifunzionale?) di cui non se ne può definire la vera

4 destinazione anche se si è propensi a credere con E. Atzeni che fosse quasi un osservatorio nella sua strategica posizione di controllo delle rotte nuragiche del golfo, percorse, come è noto, in età del Bronzo da traffici micenei, ciprioti, fenici e greci diretti ai santuari, ad es. al nuraghe Antigori di Sarròk, a Cagliari, al suo hinterland e al santuario per il culto delle acque di Cuccuru Nuraxi di Settimo San Pietro. Civiltà Nuragica Preceduta dalla cultura prenuragica di Bonannaro ( a.c.) la Civiltà Nuragica inizia a metà dell Età del Bronzo Medio e prosegue sino all Età del Ferro, dal 1600 al 510 a. C. cioè fino alla fine dell età dei metalli. Il periodo arcaico, in base all evoluzione delle tipologie costruttive, secondo la datazione al C14 di R. Tykot, corrisponde al Nuragico I (Bronzo Medio a.c.-) e al Nuragico II (Bronzo Recente a.c.). Il periodo apogeico si sviluppa, per circa cinque secoli, col Nuragico III (Bronzo Finale a. C.) e col Nuragico IV ( Prima Età del Ferro a.c.) in corrispondenza col periodo fenicio. Con la colonizazione punica inizia il periodo della decadenza col Nuragico V (Seconda Età del Ferro a. C.) seguita dalla conquista dell Isola da parte dei romani (238 a.c. - 1 d.c. periodo Repubblicano e 1 d.c d.c. periodo Imperiale). Il periodo arcaico è caratterizzato dalla comparsa del nuraghe a torre semplice thòlos a falsavolta, nato forse in epoca prenuragica come embrione della primitiva +civiltà nuragica dei pastori guerrieri. Un esempio di questo tipo di costruzione a torre semplice lo ritroviamo in territorio di Quartu nel nuraghe Biancu (indicaz. n 61 nella cartina archeol. di E. Atzeni), il cui ingresso non è visibile perché forse ancora interrato. Il Periodo apogeico, che va dal 1500 al a.c., è caratterirzzato dal massimo sviluppo culturale ed economico-sociale del popolo nuragico per i rapporti avuti con gli altri popoli mediterranei attratti dalla ricchezze minerarie del sottosuolo dell Isola. La prosperità della civiltà nuragica in questo periodo è dovuta anche alla presenza dei fenici, colonizzatori e commercianti pacifici che hanno influito sulla creatività costruttiva dei complessi nuragici. A questo periodo nel quale le pianure chiuse tra i monti di Olla, di Sinnai, di Quartu e il suo golfo le quali offrivano condizioni favorevoli di insediamento per pastori e agricoltori primitivi, risalgono diversi siti archeologici di Quartu come le officine di ossidiana di casa Ligas e di s Apparassi in cui si preparavano raffinati utensili per la caccia e per la guerra. Il contatto con altri popoli civilmente più evoluti, lo sfruttamento delle miniere, la costruzione per il commercio di oggetti di ossidiana e di metallo, l importazione di gusti costruttivi più complessi hanno inciso nell incrementare il benessere dei nuragici. Esso coincide con la costruzione dei grandi complessi come il Nuraghe Diana a Is Mortorius lungo la strada Quartu-Villasimius. Il Diana, ancora ben conservato, è un nuraghe binato plurimo a tancato come dice Enrico Atzeni: a tre torri, simmetricamente

5 incentrate su un cortile a cielo aperto di pianta sub quadrangolare, disimpegnante l accesso principale dall esterno, lungo un corridoio a garette in transetto, i passaggi alle tre torri voltate a tholos, l accesso agli ancora inesplorati vani ricavati sulla cortina Ovest e, per singolari rampe di scala, sulle cortine Est e Sud_Est. Il proseguimento dello scavo, sospeso cinque anni orsono quando si arrivò a livelli culturali di epoca romana republicana, potrà dare risposte alle problematiche scientifiche e storico-culturali sul periodo di trapasso dal Bronzo Finale al primo Ferro e sulle dinamiche delle interazioni sardo-fenicie e con le altre civiltà mediterranee. Questo nuraghe, posto a 150 metri dal mare, chiuso ai visitatori ormai da un quinquennio per lavori di messa in sicurezza e definito dall Atzeni un capolavoro di ingegno costruttivo, è un tesoro dell archeologia che andrebbe valorizzato culturalmente e turisticamente per il prestigio di Quartu. Nel periodo apogeico all interno delle grandi cosrtuzioni, attorno alla camera centrale compaiono le nicchie, i corridoi, le doppie scale intramurarie, le torri troncoconiche diventano più alte e, talvolta con camere sovrapposte a due piani, compaiono le cinta murarie con interposte torrette minori (regia nuragica Montrabu a Monti e Pauli) di un mastio centrale (regia di Ferricci). Attorno ai grandi complessi sorgono i villaggi con molte capanne la cui base circolare in pietra, come le attuali pinnette, erano ricoperte di frasche, lastroni in pietra o tronchi posti a cono l uno a fianco dell altro. Nel periodo apogeico si ha il massimo sviluppo dei villaggi santuari (Santa Vittoria a Serri, Sant Anastasia a Sardara, il tempio a pozzo di Cuccuru Nuraxi a Settimo San Pietro, studiato da E. Atzeni, il quale pensa che molti santuari siano stati meta di pellegrinaggio da parte dei popoli mediterranei. Il periodo apogeico è stato caratterizzato da intensi contatti con i popoli del Mediterraneo orientale che in Sardegna arrivavano in cerca di metalli e per commerciare con i sardi nuragici. Il periodo aureo della Civiltà Nuragica, raggiunse il suo massimo splendore tra il il Bronzo Finale ed il periodo fenicio. Decadenza della civiltà nuragica Con la conquista dell isola da parte dei punici nizia l epoca storica che si avvia progressivamente al periodo finale dell età nuragica (Nuragico V a.c.). Cacciati dalle città porto della Sardegna i greco-jonici, i cartaginesi, forti dell alleanza con gli etruschi, dopo la battaglia di Alalia, iniziarono la conquista dell isola incontrando una strenua resistenza dei Sardi che, gelosi della loro millenaria autonomia, trovarono riparo nelle montagne della Barbagia e della Gallura. I Sardi che, dal VI al III sec. a,c., non vollero sottostare agli invasori cartaginesi e romani resistettero ad es. nel Villaggio di Monte Tiscali, in una dolina di difficile accesso, ben nascosta, (505 m. di altitudine) in territorio di Oliena. Altro villaggio nuragico mai espugnato fu quello di Sovana, a Nord di Tiscali, presso il Monte Cusidore (1147 m. di altitudine).

6 Taluni nuclei abitati di Quartu e Quartucciu sono sorti tra IV e III secolo a. C. perché la necropoli punico-romana di Pillu e Mata, tra le due cittadine (14-Fig ) a 500 m. dal confine con Quartu) (15), risale a quel periodo. Le fertili campagne del Campidano di Cagliari e saline del Maristani di Molentargius, prima in mano ai fenici, furono ben presto sfruttate anche dai punici che edificarono la grande necropoli di Tuvixéddu in Cagliari. Al periodo della decadenza risalgono le opere di difesa le muras, fortificazioni nuragiche a pianta circolare o ellitica (Mura Cariasas e Tilipera o a trapezio come le Mura Aeddo e Muru e su Cau, costruite nei pressi di Bonorva e quelle aventi funzione di avamposti di difesa a fronte delle fortificazioni puniche nell altopiano di Campeda. Anche i romani, giunti a cacciare i punici dall isola nel 238 a.c. non riuscirono, per lungo tempo, a piegare la resistenza di quel popolo fiero della sua millenaria civiltà. BIBLIOGRAFIA (1)-Enrico Atzeni- Stazioni all aperto e officine litiche del Campidano di Cagliari STUDI SARDI, Vol XIV-XV, , Sassari (2) Enrico Atzeni- Cagliari preistorica -ETS EDITRICE PISA (3) Enrico Atzeni- La preistoria nel Golfo di Cagliari -Ed. AV, pp (4) Giuseppe Struglia- I nuraghi di Quartu Sant Elena - Pag 13- Ed. Prestampa-Quartu (5) Vedi: Can. Giovanni Spano MEMORIA sopra l antico oppido di Geremea Editrice. Avvenire di Sardegna Cagliari 1873 (6) Per Cultura s intendono gli atteggiamenti più significativi coi quali si esprimono il pensiero e i modi di vivere di una popolazione in una certa epoca. (7) Preistoria in Sardegna Tavola II cronologico-culturale della preistoria sarda sulla base delle datazioni al C14, ricalibbrate da R. Tykot, (8) Enrico Atzeni- Le genti di Monte Claro: dal Neolitico al ventunesimo secolo - A cura della Provincia di Cagliari I.G.E.S. s.r.l.- Quartu Sant Elena pp 15. Fig -10. (9) Giuseppe Struglia- I nuraghi di Quartu Sant Elena - Pag 15- Edizioni Prestampa. Quartu S. E (10) Giovanni Lilliu-La bella età del bronzo- Storia dei Sardi e della Sardegna - Vol. I - Jaca Book (11)-M. Pittau-Lessico Etrusco-Latino compara to col nuragico- Chiarella -Sassari-1984.(12) S. Dedola-Toponomastica Sarda - Grafica del Parteolla (13)-Vedi-Enrico Atzeni- La preistoria del Golfo di Cagliari - Vedi Nuraghe Diana pag 13 Cap. VIII- Il tempio a pozzo di Cuccuru Nuraxi- Settimo San Pietro - Caglari - da pag..493 a pag.536. (14) Donatella Salvi- I contesti chiusi di Pill e Matta -pp (15) Pietro Matta- Inquadramento geo-stratigrafico dell area archeologica di Pill e Matta -Foglio 557 -sez. II-Comune di Quartu S. Elena. Fig.5- Cartin archeol. Quartu E. Atzeni. Fig. 6- Nuraghe Niu e Crobu (da G Struglia- pag. 30) Fig 7- Nuraghe s Aria - Struglia Fig 8- Nuraghe Niu Crobu Fig 9- Diana- G. Solinas Fig..10- Pugnali rame tomba di Basciu Serra in (Le Genti di Monte Claro. E. Atzeni) Tavola. -I- Stralcio siti arc.h. Quartu da Enrico Atzeni- La preistoria nel Golfo di Cagliari -Ed. AV, 2007-pag 17 Tavola-II- Tav. cronologico culturale al C14 di Tykot ( da da Enrico Atzeni- La preistoria nel Golfo di Cagliari )

7 Cartina archeologica del territorio di Quartu (da Enrico Atzeni- La preistoria del Golfo di Cagliari - stralcio da pag.17) 21-Is Arenas 22-Via Boito Quartu S.E. 23-Santo Stefano e V.le Colombo presso saline 24-Cuccuru Fra Patteri 25-Officina di ossidiana di s Apparassi 26-Nuraghe Su Forti Bécciu 27-Stazione Officina di s Apparassi 28-Bivio Is Pardinas 29-Stazione Foxi 30-Stazione e nuraghe Cuccuru Ibba 44-Nuraghe Mela Murgia 45-Nuraghe Niu e Crobu 46-Nuraghe S\erra Pauli 47-Nuraghe Is Meris 48-Nuraghe Capitana 49-Nuraghe Diana 50-Nuraghe Marapintau 51-Nuraghe de su Lillu 52-Nuraghe Palisteri 53-Nuraghe Callitas 54-Nuraghe s Orixéddu 55-Nuraghe Murtinéddu 57-Nuraghe Litas 58-Medau Abbruxau 59-Nuraghe Marcolinu 60-Nuraghe Santu Lianu 61-Nuraghe Biancu 62-Nuraghe Niéddu 63-Nuraghe s Arrumbulada Nuraghe Puxéddu*, posto sopra Porticciólu in Cala e Moru a Geremeas

8 Tab. I - Tavola cronologico-culturale della peristoria sarda sulla base della datazione al C14 ricalibrate da R, Tykot,1994- Da Enrico Atzeni- La preisto -ria del Golfo di Cagliari - pag.68.

9 Fig. 5 - Pugnaletto e lesina in rame o bronzo e brassard litico d arciere dai resti di tomba megalitica di Perda Bona (Quartu S.E.) di Cultura Bonnannaro (Bronzo Antico). Da E..Atzeni- Cagliari preistorica -ETS Ed.Pisa1983.

10 Fig. 6 - Pugnale in rame proveniente dalla stazione di Monte Claro a Basciu Serra- Simbirizzi-Quartu Sant Elena. Da E. Atzeni- Estr. da Le genti di Monte Claro -IGES-s.r.l pag. 15. Fig Cartina di una zona archeologica in territorio di Quartu Sant Elena. Da E.Atzeni La preistoria del Golfo di Cagliari -pag 62.

11 Mappa dei siti archeologici di Quartu (Fig. 1 e Fig..2) Fig.11 - Stralcio da Cartina archeologica del Golfo di Cagliari con i siti preistorici del territorio di Quartu (Enrico Atzeni- La preisto -ria del Golfo di Cagliari - pag.17 e Tab. II : 21-Is Arenas 22-Via Boito Quartu S.E. 23-Santo Stefano e V.le Colombo presso saline 24-Cuccuru Fra Patteri 50-Nuraghe Marapintau 51-Nuraghe de su Lillu 52-Nuraghe Palisteri 25-Officina di ossidiana di s Apparassi 53-Nuraghe Callitas 26-Nuraghe Su Forti Bécciu 54-Nuraghe s Orixéddu 27-Stazione Officina di s Apparassi 55-Nuraghe Murtinéddu 28-Bivio Is Pardinas 57-Nuraghe Litas 29-Stazione Foxi 58-Medau Abbruxau 30-Stazione e nuraghe Cuccuru Ibba 59-Nuraghe Marcolinu 44-Nuraghe Mela Murgia 60-Nuraghe Santu Lianu 45-Nuraghe Niu e Crobu 61-Nuraghe Biancu 46-Nuraghe S\erra Pauli 62-Nuraghe Niéddu 47-Nuraghe Is Meris 63-Nuraghe s Arrumbulada 48-Nuraghe Capitana 65- Nuraghe Puxéddu*, posto sopra Porticciólu in Cala e Moru a Geremeas 49-Nuraghe Diana

12 Fig. 8 - Nuraghe Niu e Crobu-Quartu S.E. Fig. 9 - Nuraghe Diana- Quartu Sant Elena - Foto G. Solinas

13 Fig.12 - Planimetria necropoli punico-romana di Pill e Mata- Da Luce sul tempo a cura di Donatella Salvi-AM&D EDIZ Pag.17.

14 Fig Foto aerea Necropoli Pill e Matta Da Luce sul tempo a cura di Donatella Salvi-AM&DEDIZIONI-2005-Pag.20. Fig Tombe in parte demolite dai mezzi meccanici nella necropoli di Pill e Mata- Da Luce sul tempo a cura di Donatella Salvi-AM&DEDIZIONI-2005-Pag.35-Foto (G.Secci).

15 Fig. 15-Contenuto tomba punica nella necropoli di Pill e Mata- Da Luce sul tempo a cura di Donatella Salvi-AM&D EDIZIONI-2005.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA. Note storiche

INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA. Note storiche INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA Note storiche 16 INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA NOTE STORICHE 17 Note storiche Antiche, molto antiche sono le origini della civiltà della Sardegna. I primi uomini la raggiunsero

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

Informazioni generali: - Sardegna -

Informazioni generali: - Sardegna - Informazioni generali: - Sardegna - LE ORIGINI DEL NOME: Il nome deriva dall antico popolo che la abitava: i Sardi. Colonizzata dai Fenici, poi dai Greci, fu da questi ultimi chiamata Ienusa, perché nella

Dettagli

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare

MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari TERRITORIO. Ecosistema lame Ecosistema Murge Ecosistema mare CLASSI TERZE, QUARTE E QUINTE MAPPA LABORATORIO ANTROPOLOGICO : Bari IL LUOGO BARI CITTÀ SUL MARE LA CONCA BARESE LA STORIA L uomo vive nel territorio GEOGRAFIA Posizione geografica:il promontorio sul

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Programma di Geostoria

Programma di Geostoria ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C.G L. EINAUDI con sezione associata: Liceo Scientifico di Stato "GIORDANO BRUNO" Via Baccu Arrodas, Muravera Anno Scolastico 2013/2014 Programma di Geostoria Classe

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com Unesco: il castello di Erbil costruito ottomila anni fa dichiarato patrimonio dell Umanità Dopo la guerra del Golfo la città è diventata la capitale politica e culturale del Kurdistan iracheno Erbil (Kurdistan

Dettagli

Anthroponet: il censimento del materiale scheletrico proveniente dagli scavi della Sardegna

Anthroponet: il censimento del materiale scheletrico proveniente dagli scavi della Sardegna Antrocom 2008 - Vol 4- n. 1-79-83 Antropologia fisica Anthroponet: il censimento del materiale scheletrico proveniente dagli scavi della Sardegna MARCO LODDE*, ELISABETTA MARINI** * Dottorando di ricerca

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO

DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO 1 DEMANIO MILITARE PROVINCIA OLBIA TEMPIO Redatto a cura del Geom. Pietro Nicola Unali 2 LEGENDA COMUNE DI ARZACHENA 01 Cala Battistoni deposito acqua COMUNE DI PALAU 02 Montiggia 02/A Faro di Punta Sardegna

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno

Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno 1 2 Provincia autonoma di Trento Soprintendenza per i beni culturali Ufficio beni archeologici Il sito archeologico di Monte San Martino ai Campi Riva del Garda e Tenno 3 Il sito dall alto (foto Rensi)

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Turismo Scolastico Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Parco Archeologico di Roselle e Museo Storico Archeologico della Maremma: Una delle più importanti città della Dodecapoli

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

CASA BURGOLO Giubiasco

CASA BURGOLO Giubiasco Residenza CASA BURGOLO Giubiasco Per informazioni, riservazioni e vendita / Für Informationen, Reservierungen und Verkauf IMMOBILIARE MAZZOLENI ROBERTO SA Immobiliare Mazzoleni Roberto SA Via Stazione

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Il Trenino. tra Santaa. Società

Il Trenino. tra Santaa. Società www.treninosupramonte.itt La NOVITA DELL ESTATE 20122 Contatti: 389 0643429 / 346 7510190 / 347 8593746 ALLAA SCOPERTA DELL ALTOPIANO DI GOLGO Il Trenino Supramonte sui tornanti mozzafiato della strada

Dettagli

Il teatro a Roma e nel mondo romano

Il teatro a Roma e nel mondo romano Il teatro a Roma e nel mondo romano Il Mediterraneo Romano nel II secolo d. C. e la diffusione dei teatri nelle province romane Per quanto riguarda gli edifici teatrali romani, è necessario fare alcune

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo IL POLO MUSEALE DELLA CHORA SELINUNTINA. ITINERARI TURISTICI NEL TERRITORIO SELINUNTINO Eleonora Cammarata Executive Summary Coordinatore Prof. Giuseppe Guerrera L'enfasi

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

La Nuova Luna www.lanuovaluna.it

La Nuova Luna www.lanuovaluna.it La Nuova Luna www.lanuovaluna.it Tel. 0782 41051 Fax 1786055083 archeo@lanuovaluna.it lanuovaluna@tiscali.it ostello@lanuovaluna.it La cooperativa La Nuova Luna nasce nel 1996. Dal 1997 gestisce il Parco

Dettagli

Tour Messico 19 ottobre 3 novembre

Tour Messico 19 ottobre 3 novembre Tour Messico 19 ottobre 3 novembre Immenso e vario come pochi altri paesi sanno essere, terra in cui etnie fiere e culture millenarie si fondono in un unico popolo, tra i più accoglienti e turisticamente

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Spett.le Dirigente Scolastico

Spett.le Dirigente Scolastico IREI Via Dante s. n. 08049 Villagrande Strisaili - OG Tel. 0782 32704 Fax 0782 319163 ireisnc@tiscali.it www.irei.it P.I. 00758670913 Spett.le Dirigente Scolastico Oggetto: proposte di laboratori didattici

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

LeMOBYGuide. Isola d Elba L oasi verde che glorifica Napoleone. Volume 4

LeMOBYGuide. Isola d Elba L oasi verde che glorifica Napoleone. Volume 4 LeMOBYGuide Isola d Elba L oasi verde che glorifica Napoleone Volume 4 Un territorio eterogeneo Maggiore isola del Parco Nazionale dell Arcipelago toscano, l Elba è uno scrigno di gioielli paesaggistici

Dettagli

Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori

Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori E2 L'ECCEZIONALE RITROVAMENTO Nella Grande Ellissi lottavano i gladiatori L'anfiteatro di Volterra é il primo scoperto in Italia da 1 00 anni Un capolavoro sommerso da trenta ila metri cubi dì terra di

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

Indirizzo: Primo Biennio. Classe: Prima. Disciplina: STORIA. Primo Biennio

Indirizzo: Primo Biennio. Classe: Prima. Disciplina: STORIA. Primo Biennio Indirizzo: Primo Biennio Classe: Prima Disciplina: STORIA prof. Primo Biennio Competenze disciplinari: 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una dimensione diacronica e in una

Dettagli

La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!!

La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!! La CENTRALE a CARBONE di Civitavecchia impiantata proprio su un importantissimo sito archeologico etrusco / romano: VERGOGNA NEI SECOLI!! UNA NECROPOLI ETRUSCA ALLA MATTONARA Scoperta nel giugno del 2002

Dettagli

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo Università degli Studi di Roma La Sapienza - CdL in Ingegneria per l Edilizia e il Territorio - Rieti Fondamenti di storia dell architettura - a.a. 2012-2013 - Prof. Arch. Cristiano Marchegiani II. Egeo

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

Mozia Residence. La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi

Mozia Residence. La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi Mozia Residence La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi La Storia La laguna dello Stagnone, una delle più belle riserve naturali orientate della provincia di

Dettagli

L'Astronomia Megalitica. Stefano Spagocci GACB

L'Astronomia Megalitica. Stefano Spagocci GACB L'Astronomia Megalitica Stefano Spagocci GACB Mappa del Megalitismo Il Megalitismo Il megalitismo, contrariamente ad una diffusa convinzione, non è (solo) un fenomeno nordico. E' diffuso dall'atlantico

Dettagli

I musei si muovono insieme

I musei si muovono insieme I musei si muovono insieme Progetti didattici del Sistema museale Archeologico Provincia di Varese Anno scolastico 2013-2014 2014 Angera - Sesto Calende - Arsago Seprio - Castelseprio seprio SIMARCH 2014:

Dettagli

www.bertok.info le spiagge e i venti_sardegna sud est qualità mare qualità spiaggia ** * piccolissima, stretta **** ***

www.bertok.info le spiagge e i venti_sardegna sud est qualità mare qualità spiaggia ** * piccolissima, stretta **** *** www.bertok.info le spiagge e i venti_sardegna sud est località nome posizione Cagliari Poetto S/E (sud-est) ** ** rovinata dal ripascimento del 2002, ha sabbia scura, talvolta pulita; lunghissima Quartu

Dettagli

LeMOBYGuide. Olbia Una città in continua espansione. Volume 1

LeMOBYGuide. Olbia Una città in continua espansione. Volume 1 LeMOBYGuide Olbia Una città in continua espansione Volume 1 STORIA Città cosmopolita ma sempre attenta alle tradizioni, Olbia è oggi una delle più belle realtà sarde. Dagli anni Sessanta la crescita della

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06

SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06 SCUOLA PRIMARIA L. MILANI 1 CIRCOLO POLICORO (MT) LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE Classi 3 e. A.S. 2005/06 Il problema di partenza Il contesto Le risorse I fondamenti teorici Metodi e strategie

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale Centro per i servizi educativi del museo e del territorio Proposte didattiche

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/

La memoria delle terre alte. a colloquio con. Giovanni Kezich. http://www.museosanmichele.it/ FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo degli usi e costumi della gente trentina a colloquio con Giovanni Kezich http://www.museosanmichele.it/ Il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina

Dettagli

1999 Attività di catalogazione della ceramica presso il Dipartimento di Archeologia dell Università di Bologna, coordinatrice Prof.ssa M.L.

1999 Attività di catalogazione della ceramica presso il Dipartimento di Archeologia dell Università di Bologna, coordinatrice Prof.ssa M.L. AGOSTINA AUDINO Formazione 2001 Conseguimento della Laurea in Lettere Classiche presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Bologna, relatore Prof. M. Tosi, cattedra di Paletnologia.

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Aldo Moro Via Gallo Pecca, 4/6 10086 Rivarolo Canavese (Torino) Anno Scolastico 2014-2015 Classe I A

Liceo Scientifico Statale Aldo Moro Via Gallo Pecca, 4/6 10086 Rivarolo Canavese (Torino) Anno Scolastico 2014-2015 Classe I A Liceo Scientifico Statale Aldo Moro Via Gallo Pecca, 4/6 10086 Rivarolo Canavese (Torino) Anno Scolastico 2014-2015 Classe I A Programma svolto di Storia, Geografia, Educazione alla cittadinanza Sezione

Dettagli

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO

6 APPARTAMENTI VISTA LAGO 6 APPARTAMENTI VISTA LAGO w w w. v i l l a m e t a. c h il concetto EDIFICAZIONE DI 6 APPARTAMENTI SU 5 LIVELLI. La Residenza è ubicata in zona collinare, nel comune di Orselina, con una generosa apertura

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

camping village LAGUNA BLU SARDEGNA - LOC. FERTILIA / ALGHERO (SS) HHHH campinglagunablu.com

camping village LAGUNA BLU SARDEGNA - LOC. FERTILIA / ALGHERO (SS) HHHH campinglagunablu.com camping village LAGUNA BLU SARDEGNA - LOC. FERTILIA / ALGHERO (SS) HHHH campinglagunablu.com Alla scoperta delle spiagge più rinomate... Immersi nella natura rigogliosa, il Camping Village da un lato si

Dettagli

e della Promenade architetturale

e della Promenade architetturale IV. Progetto Mura Restauro e valorizzazione del sistema fortificato e della Promenade architetturale 1. Immagine della pianta di Pisa di Van Lint Progetto Mura: restauro e valorizzazione del sistema fortificato

Dettagli

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TERRACCIANO, FRANCESCO Indirizzo 91, via S. Maria Maggiore, 67030, Pacentro, Italia Telefono 0864/41353 cellulare 3406346337 Fax E-mail

Dettagli

UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano

UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano UCRAINA: ASPETTO FISICO Territorio:pianeggiante o con bassi rilevi Pianura:zona orientale e meridionale = bacino idrografico del Dneper Bassopiano del Dneper Alture del Dneper (basse colline) Ripiano Podolico:

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

Associazione culturale MUSAS. MUSAS 4 passi nella storia Museo Archeologico Sperimentale

Associazione culturale MUSAS. MUSAS 4 passi nella storia Museo Archeologico Sperimentale MUSAS 4 passi nella storia Museo Archeologico Sperimentale La Storia dell uomo in Sardegna (dalla Evoluzione alla Civiltà Nuragica) Sezione EVOLUZIONE Il percorso ha inizio con la storia dell uomo e racconta,

Dettagli

P a r c h i d e l l a V a l d i C o r n i a

P a r c h i d e l l a V a l d i C o r n i a Parchi della Val di Cornia P a r c h i d e l l a V a l d i C o r n i a Via Lerario, 90-57125 Piombino (LI) tel. 0565 226445 - fax 0565 226521 prenotazioni@parchivaldicornia.it www.parchivaldicornia.it

Dettagli

Grand Tour del Lazio. Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana

Grand Tour del Lazio. Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana Itinerario di 7 notti attraverso le bellezze artistiche, naturali ed enogastronomiche del Lazio Grand Tour del Lazio Non solo Roma bellezze naturali ed artistiche della campagna romana Bonjour Italie:

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI. Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4

SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI. Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4 SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4 AMBITO n. 23 GALLURA COSTIERA NORD - OCCIDENTALE Comuni di Aggius, Aglientu, Badesi, Luogosanto, Tempio

Dettagli

Eventuale sede per i Corsi di Formazione organizzati dall Ordine degli Architetti di Roma e Provincia

Eventuale sede per i Corsi di Formazione organizzati dall Ordine degli Architetti di Roma e Provincia Eventuale sede per i Corsi di Formazione organizzati dall Ordine degli Architetti di Roma e Provincia Villa De Sanctis Architetto Francesco Anzuini Architetto Antonella Marazza Localizzazione Localizzazione

Dettagli

Scuola Estiva di Rilievo e Modellazione 3D

Scuola Estiva di Rilievo e Modellazione 3D Università IUAV di Venezia Dipartimento di Architettura Costruzione Conservazione Sistema dei Laboratori Laboratorio di Fotogrammetria Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Lettere-Lingue,

Dettagli

GEOGRAFIA della PALESTINA

GEOGRAFIA della PALESTINA UITÀ 3 Capitolo 2 GEOGRAFIA della PALESTIA I. I confini Il paese dove il popolo d Israele visse gran parte della sua storia è una fascia di territorio compresa fra (cartina a pag. 86): - il mar Mediterraneo

Dettagli

LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA

LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA CLASSE I A musicale ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROF: Malfatto Elena Programmazione di storia e geografia CONOSCENZE Criteri e metodologia storica Tipologie di fonti

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii.

Cinque occasioni da non perdere. Villa dei Misteri a. dagli scavi dell antica Pompei. Era sede dei giochi circensi e gladiatorii. Cinque occasioni da non perdere 1 Godere delle meraviglie riemerse di affreschi della sud-est della città. 2 L incredibile ciclo 3 L anfiteatro nell area dagli scavi dell antica Pompei. Villa dei Misteri

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà.

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà. DI Organizzazione delle informazioni. 1. Confrontare i quadri storici delle civiltà studiate. 2. Usare cronologie e carte storicogeografiche per rappresentare le conoscenze studiate. 1.1 Individuare la

Dettagli

INDICE DEL VOLUME. unità 0. unità 2. unità 1. unità 3 LA NASCITA DELLA CITTÀ GLI UOMINI E LA STORIA LE CULTURE PREISTORICHE LA CULTURA DEL NILO

INDICE DEL VOLUME. unità 0. unità 2. unità 1. unità 3 LA NASCITA DELLA CITTÀ GLI UOMINI E LA STORIA LE CULTURE PREISTORICHE LA CULTURA DEL NILO INDICE DEL VOLUME unità 0 GLI UOMINI E LA STORIA unità 2 LA NASCITA DELLA CITTÀ 0 Avvio allo studio della storia 1 Che cos è la storia 4 2 Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 4 3 Le molte

Dettagli