GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA"

Transcript

1 GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA LAVORI MONOGRAFICI DEL 30 CORSO SUPERIORE LUIGI EINAUDI TECNICA PROFESSIONALE I LIDO DI OSTIA, OTTOBRE 2002

2 Impaginazione M.C. MARCO BOCCOLINI M.O. VINCENZO CILIBERTI FIN. SC. CARLO SAMUEL ROSSI FIN. GIANCARLO NAPOLI Stampa BRIG. RAFFAELLO FANTONI BRIG. GIUSEPPE FINOCCHIARO FIN. SC. MARIO CRUCIANI FIN. SC. NATALINO PALERMO FIN. ALFREDO LABATE

3 INDICE GENERALE PARTE PRIMA LA RECENTE NORMATIVA IN TEMA DI RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTRERO... 1 PARTE SECONDA STRUMENTI INNOVATIVI DI PAGAMENTO E CONTROLLO DEI FLUSSI FINANZIARI PARTE TERZA LA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL ORO PARTE QUARTA LE OPERAZIONI DI CREDITO DOCUMENTARIO E LA NORMATIVA ITALIANA ANTIRICICLAGGIO PARTE QUINTA LE CLAUSOLE ANTIABUSO NELLE CONVENZIONI INTERNAZIONALI CONTRO LA DOPPIA IMPOSIZIONE PARTE SESTA MISURE PER LA PROTEZIONE DI COLORO CHE COLLABORANO CON LA GIUSTIZIA PARTE SETTIMA L EVOLUZIONE STORICA DELLA NORMATIVA ANTIMAFIA PARTE OTTAVA PRINCIPI GENERALI DELLE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI E L EVASIONE FISCALE INTERNAZIONALE

4

5 INDICE PARTE PRIMA LA RECENTE NORMATIVA IN TEMA DI RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTRERO a cura del Cap. Renzo NISI CAP. I IL RILANCIO DELL ECONOMIA Premessa Cenni sul funzionamento della politica monetaria La teoria monetarista Conclusioni... 5 CAP. II LO SCUDO FISCALE Cenni preliminari Disciplina ex D.L. n. 167/1990 e soggetti interessati dallo «scudo fiscale» Obblighi di rilevazione e segnalazione Obblighi dichiarativi La residenza fiscale Adempimenti a carico del soggetto interessato all emersione Rimpatrio del denaro e delle altre attività finanziarie detenute all estero Regolarizzazione delle attività finanziarie detenute all estero senza rimpatrio Regolarizzazione degli investimenti e delle attività non finanziarie detenute all estero senza il loro rimpatrio Adempimenti degli intermediari Adempimenti direttamente applicativi dello «scudo fiscale» Adempimenti connessi alle normative sul «monitoraggio» e sull antiriciclaggio Adempimenti collegati ad aspetti di natura penale Effetti dell operazione di emersione... 25

6 II 6.1 Effetti preclusivi Causa di non punibilità per determinati reati Conti segretati BIBLIOGRAFIA DL 28/06/1990 NUM DL 03/05/1991 NUM DECRETO LEGGE 350/ CIRCOLARE N SCUDO FISCALE: CON LE INTEGRAZIONI ALLE ISTRUZIONI L AGENZIA CHIARISCE CHE PUÒ ESSERE OPPOSTO ANCHE AL REDDITOMETRO PARTE SECONDA STRUMENTI INNOVATIVI DI PAGAMENTO E CONTROLLO DEI FLUSSI FINANZIARI a cura del Cap. Agostino NUZZOLO Introduzione CAP. I CONCETTI GENERALI E DATI QUANTITATIVI Definizioni Prospettive di sviluppo della moneta elettronica La moneta elettronica e la politica monetaria (cenni) CAP. II I DIFFERENTI METODI DI PAGAMENTO Premessa Assegni elettronici NetChex Redi-Check NetCheque Banknet Carte di credito e di debito POS... 90

7 III 3.2 SET CyberCash FirstVirtual Moneta elettronica Millicent Ecash (Digicash) I sistemi di pagamento innovativi in Italia CAP. III LA SORVEGLIANZA SUI SISTEMI DI PAGAMENTO ED IL CONTROLLO DEI FLUSSI FINANZIARI Il quadro di riferimento per la sorveglianza Riflessi fiscali generati dalle modalità di pagamento innovativo Sistemi innovativi di pagamento e riciclaggio via internet CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA ALL. DIRETTIVA 2000/46/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 18 SETTEMBRE 2000 RIGUARDANTE L'AVVIO, L'ESERCIZIO E LA VIGILANZA PRUDENZIALE DELL'ATTIVITÀ DEGLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA PARTE TERZA LA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL ORO a cura del Magg. Guido Mario GEREMIA 1. Premessa Soggetti attivi Oggetto della disciplina Disposizioni di natura fiscale Sanzioni Obbligo di dichiarazione delle operazioni in oro Casi particolari di interesse Compravendite di oro estero su estero Trasferimento al seguito da o verso l estero Commercio di rottami di oro

8 IV 8. Brevi cenni sul commercio dell oro BIBLIOGRAFIA LEGGE 17 GENNAIO 2000, N. 7 "NUOVA DISCIPLINA DEL MERCATO DELL'ORO, ANCHE IN ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 98/80/CE DEL CONSIGLIO, DEL 12 OTTOBRE 1998" D.LGS.LGT. 17 MAGGIO 1945, N COSTITUZIONE DELL'UFFICIO ITALIANO DEI CAMBI E PASSAGGIO A QUEST'ULTIMO DELLE FUNZIONI DELL'ISTITUTO NAZIONALE PER I CAMBI CON L'ESTERO (ART.2) D.P.R. 26 OTTOBRE 1972, N ISTITUZIONE E DISCIPLINA DELL'IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (ARTT.10, 21, 22, 39 E 68) D.P.R. 29 GENNAIO 1979, N DISPOSIZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE DEL D.P.R. 26 OTTOBRE 1972, N. 633, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, ANCHE IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA PREVISTA DALLA L. 13 NOVEMBRE 1978, N. 765, RIGUARDANTE L'ADEGUAMENTO DELLA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO ALLA NORMATIVA COMUNITARIA (ART.1) L. 26 SETTEMBRE 1986, N REVISIONE DELLA LEGISLAZIONE VALUTARIA (ART.1) L. 5 LUGLIO 1991, N. 197 CONVERSIONE IN LEGGE, CON MODIFICAZIONI, DEL DECRETO-LEGGE 3 MAGGIO 1991, N.143, RECANTE PROVVEDIMENTI URGENTI PER LIMITARE L'USO DEL CONTANTE E DEI TITOLI AL PORTATORE NELLE TRANSAZIONI E PREVENIRE L'UTILIZZAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO A SCOPO DI RICICLAGGIO D.L. 3 MAGGIO 1991, N. 143 PROVVEDIMENTI URGENTI PER LIMITARE L'USO DEL CONTANTE E DEI TITOLI AL PORTATORE NELLE TRANSAZIONI E PREVENIRE L'UTILIZZAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO A SCOPO DI RICICLAGGIO (ART. 4) D.LGS. 1 SETTEMBRE 1993, N. 385 TESTO UNICO DELLE LEGGI IN MATERIA BANCARIA E CREDITIZIA (2) (1/CIRC) (ARTT.108, 109 E 161) D.LGS. 23 LUGLIO 1996, N. 415 RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 93/22/CEE DEL 10 MAGGIO 1993 RELATIVA AI SERVIZI DI

9 V INVESTIMENTO NEL SETTORE DEI VALORI MOBILIARI E DELLA DIRETTIVA 93/6/CEE DEL 15 MARZO 1993 RELATIVA ALL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE IMPRESE DI INVESTIMENTO E DEGLI ENTI CREDITIZI (1/A) (1/CIRC) (ART.2) NORMATIVA COMUNITARIA DIR. 93/22/CEE DEL CONSIGLIO DIR. 98/80/CE DEL CONSIGLIO PARTE QUARTA LE OPERAZIONI DI CREDITO DOCUMENTARIO E LA NORMATIVA ITALIANA ANTIRICICLAGGIO a cura del Cap. Paolo KALENDA CAP. I LE OPERAZIONI DOCUMENTARIE Le operazioni documentarie Le operazioni di credito documentario Funzione dell operazione Struttura dell operazione Emissione Luogo di utilizzo Conferma Utilizzo del credito e ruolo della banca dell'esportatore Credito utilizzabile presso la banca emittente Credito utilizzabile presso la banca avvisante (banca designata) Controllo dei documenti Modifiche ad un credito documentario Tempistiche per il controllo dei documenti Credito trasferibile Documenti di trasporto e loro sostituzione Snellimenti operativi Le operazioni di incasso documentario Funzione dell operazione

10 VI 3.2 Struttura dell'operazione Le lettere di credito Stand-by Primary bank guarantee S.W.I.F.T. (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication) CAP. II L ATTIVITÀ PREVENTIVA IN MATERIA DI RICICLAGGIO Premessa Limitazioni all uso del contante art. 1 L. 197/91 - Cenni Obblighi di identificazione e registrazione art. 2 l. 197/ Identificazione Registrazione Principali operazioni e rapporti ai quali si applicano gli obblighi di identificazione e registrazione Trasmissione o movimentazione di mezzi di pagamento Trasferimento di denaro contante o di titoli al portatore Operazioni frazionate Conti, depositi o altri rapporti continuativi Le segnalazioni delle operazioni sospette Premessa - La collaborazione attiva La normativa vigente Profili problematici e soluzioni Il regime sanzionatorio previsto per le violazioni alla normativa antiriciclaggio - Cenni Un caso di riciclaggio mediante operazioni documentarie Operazione Forziere Conclusioni BIBLIOGRAFIA ALL. 1 SCHEMA TIPO DI OPERAZIONE DI CREDITO DOCUMENTARIO ALL. 2 UN CASO DI RICICLAGGIO MEDIANTE OPERAZIONI DOCUMENTARIE

11 VII PARTE QUINTA LE CLAUSOLE ANTIABUSO NELLE CONVENZIONI INTERNAZIONALI CONTRO LA DOPPIA IMPOSIZIONE a cura del Magg. Decio PAPARONI CAP. I LE CLAUSOLE ANTIABUSO NELLE CONVENZIONI INTERNAZIONALI CONTRO LA DOPPIA IMPOSIZIONE: PRINCIPI GENERALI La doppia imposizione internazionale e le convenzioni contro la doppia imposizione: profili generali Definizione e classificazione delle clausole antiabuso nelle convenzioni contro la doppia imposizione La clausola classica del beneficiario effettivo ed il treaty shopping Le clausole OCSE anti treaty shopping Prima ipotesi: look-through approach Seconda ipotesi: exclusion approach Terza ipotesi: subject-to-tax-approach Quarta ipotesi: channel approach Introduzione di clausole di salvaguardia Le clausole relative alla definizione di stabile organizzazione CAP. II NORME SPECIALI Lo scambio d informazioni quale clausola antiabuso Tipologie dello scambio d informazioni Ambito soggettivo ed oggettivo dello scambio d informazioni I limiti all obbligo di fornire informazioni La segretezza delle informazioni Lo scambio di informazioni e le definizioni internazionali di «evasione» ed «elusione» Le clausole di origine anglosassone sulla limitazione dei benefici convenzionali (limitations on benefits) La limitazione dei benefici nella convenzione tra Stati Uniti e Olanda Publicly traded test

12 VIII Ownership test Active trade or business test Headquarter company test Base reduction test Derivative ownership provision for Dutch companies Shipping and air transport test Discretionary test Le clausole cosiddette di origine latino-germanica conclusioni BIBLIOGRAFIA PARTE SESTA MISURE PER LA PROTEZIONE DI COLORO CHE COLLABORANO CON LA GIUSTIZIA a cura del Magg. Francesco FALLICA 1. Premessa Presupposti per l ammissione alla protezione speciale I protagonisti del sistema L evoluzione del fenomeno Il Servizio Centrale di Protezione Il programma speciale di protezione L efficacia dei programmi speciali di protezione Obiettivo e metodo di applicazione del programma I provvedimenti d urgenza La struttura del Servizio Centrale di Protezione L attività di protezione Mimetizzazione Assistenza Tutela Reinserimento sociale Fase di ingresso in programma l istruttoria tecnica Il programma speciale di protezione: il progetto di vita La partecipazione alle attività processuali L assistenza economica

13 IX 17.3 Gli aspetti relazionali: i documenti di copertura e il cambio delle generalità Gli aspetti occupazionali: l'inserimento nel mondo produttivo I testimoni protetti Ripartizione percentuale delle spese del Servizio Centrale di Protezione La riforma del settore: la legge 13/2/2001, n Considerazioni conclusive BIBLIOGRAFIA PARTE SETTIMA L EVOLUZIONE STORICA DELLA NORMATIVA ANTIMAFIA a cura del Magg. CCrn Errico PASSARO Premessa CAP. I LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: GENERALITÀ CAP. II L ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE DI TIPO MAFIOSO CAP. III L ESISTENZA DI INDIZI CAP. IV LE INDAGINI PATRIMONIALI CAP. V LE INDAGINI BANCARIE CAP. VI ALTRI STRUMENTI DI CONTRASTO CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA PARTE OTTAVA PRINCIPI GENERALI DELLE CONVENZIONI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI E L EVASIONE FISCALE INTERNAZIONALE a cura del Magg. Luigi della VOLPE

14 X CAP. I DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI La doppia imposizione Le misure unilaterali contro la doppia imposizione Le convenzioni Profili storico evolutivi Classificazione delle convenzioni Classificazione in base all efficacia Classificazione in base all oggetto Classificazione in base alla fonte CAP. II I PRINCIPI GENERALI Premessa I Principi delle convenzioni L intitolazione della Convenzione Il principio di reciprocità Principio di non discriminazione I principi dell efficacia nel tempo e nello spazio Le regole generali dei Modelli Premessa I Modelli OCSE Il modello imposte dirette Il modello imposte sulle successioni e donazioni IL modello ONU Draft US. Model income tax Treaty Andean Model I principi di interpretazione La Convenzione di Vienna Il modello OCSE CAP. III IL PRINCIPIO DI COLLABORAZIONE TRA AMMINISTRAZIONI Premessa La direttiva CEE n. 77/799 del 19 dicembre 1977 e il regolamento comunitario n. 218/92 del 27 gennaio Gli accordi bilaterali per l esecuzione di verifiche simultanee L art. 26 del Modello OCSE

15 XI 5. Considerazioni sui limiti operativi delle norme sullo scambio di informazioni e conclusioni BIBLIOGRAFIA

16

17 PARTE PRIMA LA RECENTE NORMATIVA IN TEMA DI RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTRERO Docente: Gen. D. Giuseppe GERVASI Frequentatore: Cap. Renzo NISI

18

19 CAPITOLO I IL RILANCIO DELL ECONOMIA 1. Premessa È inutile negare che l attenzione degli operatori dei mercati finanziari e del diritto sia stata monopolizzata, in questo scorcio di anno 2001, dalla cd manovra dei 100 giorni, promossa dall attuale Esecutivo per consentire un reale rilancio dell economia. In quest ambito si colloca anche il cd scudo fiscale studiato per agevolare il rientro in Italia dei capitali illecitamente esportati nel tempo e probabilmente accumulati attraverso la commissione di reati tributari seppure di basso profilo, consistenti sostanzialmente nelle fattispecie di omessa e/o mendace dichiarazione. 2. Cenni sul funzionamento della politica monetaria Onde comprendere l importanza di una manovra del tipo di quella in oggetto, occorre spendere qualche parola su un concetto caro agli economisti e più precisamente, a quelli tra loro che appartengono alla scuola dei monetaristi, per i quali l aumento della massa monetaria in circolazione si traduce in un aumento di domanda globale attraverso un aumento dei consumi. Posto che la finalità del suddetto provvedimento è quella di consentire il rientro nel Paese dei capitali accumulati oltre confine valutati attraverso alcune attendibili stime intorno al milione di miliardi di lire 1 - non sfuggirà che, se risultasse vero il presupposto, allora lo scopo di rilanciare l economia risulterebbe raggiunto semplicemente riuscendo a riportare in circolazione sul nostro mercato questa enorme quantità di moneta, della quale anche solo una piccola parte potrebbe rivelarsi sufficiente ad avviare quel circolo virtuoso che si traduce in un aumento del P.I.L. pro capite. 1 Stima Banca d Italia, Il Sole 24 Ore, martedì 4 dicembre 2001.

20 4 LA RECENTE NORMATIVA IN TEMA DI RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTRERO In verità una manovra quale quella studiata dal Governo ha, almeno in teoria, il pregio di evitare una sgradevole ma naturale conseguenza, peraltro perfettamente nota in economia, che consisterebbe nel conseguente aumento dell inflazione con successiva perdita del potere di acquisto reale dei cittadini causata dall aumento della massa di moneta in circolazione. La definizione degli economisti per il concetto di quantità di moneta in circolazione, è legata all insieme del contante più i depositi bancari più i titoli a breve termine. Ma perché diventa importante affrontare la teoria economica della massa monetaria, con tutte le sue variabili ed incognite in un provvedimento come questo, che sembra più che altro teso a fornire i contribuenti italiani di una facile scappatoia all alba del changeover dovuto all avvento dell Euro? A questa domanda si può rispondere facilmente dicendo che se non si affronta la ratio del provvedimento il rischio più grosso diviene quello di interpretarlo per ciò che in effetti non è, cioè un semplice condono, andando per questa via a sostituire la causa con l effetto dello stesso. 2.1 La teoria monetarista Secondo la teoria dei monetaristi, infatti, un aumento della quantità di moneta in circolazione, dovuta ad esempio ad un aumento della retribuzione netta per un ampia categoria di lavoratori (esempio classico è quello del pubblico impiego), si traduce in un immediato maggiore potere di acquisto che andandosi a manifestare sul mercato rischia, se non contrastato da un adeguato aumento dell offerta di beni, di tradursi in un immediato aumento dei prezzi con conseguente aumento dell inflazione. Seguendo il filo di questo ragionamento ed ipotizzando che esistano nel sistema economico risorse non impiegate, in grado quindi di far lievitare al momento opportuno l offerta di beni e servizi, rimane in piedi un solo, ultimo interrogativo e cioè dove reperire la nuova massa monetaria con cui aumentare le retribuzioni di un gran numero di soggetti.

21 IL RILANCIO DELL ECONOMIA 5 A questa domanda è tenuto a rispondere il Dicastero del Tesoro il quale è chiamato ad emettere obbligazioni che saranno, poi, o immesse sul mercato, ovvero acquistate dalla Banca Centrale. Le due alternative non sono equivalenti in quanto agli effetti poiché, nel primo caso, la necessità di confrontarsi su un mercato finanziario in regime di concorrenza obbliga il Tesoro ad offrire un tasso più che appetibile al fine di piazzare lo stock di obbligazioni generando, così, un innalzamento dei tassi praticati dagli operatori privati (banche) per evitare il conseguente effetto di spiazzamento generato dallo spostamento dei capitali dai depositi alle obbligazioni, per inciso questo sistema non ingenera aumento di massa monetaria ma solo trasmigrazione della stessa. La seconda ipotesi consisterebbe nel far acquistare i titoli emessi senza tassi di particolare favore non dal pubblico ma dalla Banca Centrale, la quale per portare a termine quest operazione è costretta a stampare nuova carta moneta con conseguente aumento della massa monetaria in circolazione che, all inizio può ingenerare un impennata dei consumi poiché in questa fase non porta ad un immediato aumento dei tassi di interesse, tassi che comunque sono destinati ad assorbire, nel medio lungo periodo l effetto dell inflazione che inevitabilmente una manovra di questo tipo ingenera. Ora, come è noto, a seguito dei parametri imposti dal trattato di Maastricht, non è più consentito alle Banche Centrali di finanziare il disavanzo dei propri paesi, pena la fuoriuscita dalla moneta unica, né peraltro è consentito di far galoppare il debito pubblico oltre ogni limite e quindi, è in quest ottica che la soluzione di far rientrare nel Paese i capitali illecitamente esportati rappresenta la quadratura del cerchio consentendo, allo stesso tempo, un aumento ingente di massa monetaria senza per questo sottoporsi alle spiacevoli conseguenze di cui si è fatto sopra breve cenno. 2.2 Conclusioni È logico che su una manovra del genere si potranno muovere considerazioni di opportunità e/o di correttezza politica nel rapporto Stato/cittadino-contribuente ma, la sua effettiva valenza, di natura prettamente economica, potrà essere apprezzata solo tenendo in

22 6 LA RECENTE NORMATIVA IN TEMA DI RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTRERO considerazione quanto testé detto e soprattutto, solo alla luce della ricchezza che essa sarà riuscita a reinserire nell apparato produttivo del Paese.

23 CAPITOLO II LO SCUDO FISCALE 1. Cenni preliminari Il programma di emersione di attività detenute all estero s inserisce in un contesto di armonizzazione e integrazione fiscale europea, almeno per quanto riguarda l esigenza avvertita a livello comunitario di giungere progressivamente a un sistema improntato quanto più possibile alla trasparenza della movimentazione dei capitali. Quanto sopra si inserisce nel mutato contesto europeo che, a seguito di intese intercorse tra i paesi membri, a partire dal 2004 non consentirà più alcun riserbo sulle operazioni in parola. In proposito va anche considerata l attuale situazione internazionale in tema di rafforzamento dei presidi antiriciclaggio e dell approvazione, nel nostro Paese, del decreto ministeriale relativo all anagrafe centrale dei conti e dei depositi bancari, attuativo, dopo un decennio, di quell articolo 20 della legge 413/1991 che sembrava ormai divenuto lettera morta nel nostro ordinamento. In via generale, la disciplina del cosiddetto «scudo fiscale 1» prevede per taluni soggetti la possibilità di rimpatriare, attraverso banche, SIM o agenti di cambio (e altri «intermediari»), denaro o attività finanziarie detenuti al di fuori dello Stato, in violazione del D.L. 28 giugno 1990, n. 167 (normativa in materia di rilevazione ai fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l estero di denaro, titoli e valori, cosiddetto «monitoraggio fiscale 2»), ovvero di regolarizzare gli investimenti all estero e le attività finanziarie estere, pur non effettuando il rimpatrio fisico delle stesse, evitando: l applicazione delle sanzioni amministrative, tributarie e previdenziali, comprese quelle previste dal D.L. n. 167/1990; 1 2 artt del D.L. n. 350/2001, convertito con modificazioni nella L. 23 novembre 2001, n Normativa in allegato.

24 8 LA RECENTE NORMATIVA IN TEMA DI RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTRERO l attività accertativa dell Amministrazione finanziaria in relazione agli imponibili regolarizzati; la contestazione di alcuni reati connessi all illecita esportazione dei capitali all estero. A tal fine, la normativa in commento stabilisce una serie di adempimenti a carico dei soggetti interessati, e cioè: la compilazione di un modulo di dichiarazione, cosiddetta «dichiarazione riservata», da consegnare all intermediario; il pagamento di una somma pari al 2,5% delle attività da «sanare», ovvero l acquisto di speciali titoli del debito pubblico. Per quanto riguarda gli intermediari, la disciplina in oggetto assegna loro un ruolo fondamentale nell ambito della complessiva operazione di rientro: infatti, non solo gli stessi devono ricevere la dichiarazione riservata e provvedere al pagamento del 2,5% all Erario (compete agli intermediari l onere di farsi precostituire la provvista da parte del soggetto interessato, ovvero di rivalersi immediatamente sulle disponibilità rimpatriate), ma devono continuare ad adempiere agli obblighi di identificazione e registrazione di cui al D.L. n. 167/1990 (non dovendo, però, inoltrare determinate evidenze annuali all Amministrazione finanziaria nell ipotesi del rimpatrio fisico delle attività estere) e agli obblighi derivanti dalla normativa antiriciclaggio di cui al D.L. 3 maggio 1991, n L importanza e la particolarità della disciplina, con le rilevanti conseguenze che origina sia per i soggetti interessati, che per gli intermediari, implica che la stessa sia analizzata più approfonditamente nei suoi aspetti rilevanti. In particolare occorre esaminare: 1. la disciplina di cui al D.L. n. 167/1990 e i soggetti interessati dallo «scudo fiscale»; 2. gli adempimenti a carico del soggetto interessato all emersione; 3. gli adempimenti degli intermediari; 4. gli effetti delle operazioni di emersione.

25 LO SCUDO FISCALE 9 2. Disciplina ex D.L. n. 167/1990 e soggetti interessati dallo «scudo fiscale» Come è noto, in attuazione della Direttiva CEE n. 88/361 del 24 giugno 1988, che imponeva agli Stati membri di sopprimere, entro e non oltre il 1 luglio 1990, le restrizioni ai movimenti di capitali effettuati fra persone residenti in tali Stati, l ordinamento italiano aveva eliminato (con D.M. 27 aprile 1990, attuativo del D.P.R. 31 marzo 1988, n. 148) i principali divieti e obblighi di natura valutaria che imponevano restrizioni alla libera esportazione e importazione di capitali. Ai residenti italiani, quindi, è stata data la possibilità di detenere valute, titoli e valori mobiliari esteri, di costituire e detenere in Italia ed all estero, linee di credito in valute ed in lire, esportare mezzi di pagamento, titoli di credito, valori mobiliari ed altre disponibilità in valute estere ed in lire, effettuare operazioni in cambi con contropartite estere, senza doversi avvalere delle banche abilitate. Le ampie facoltà riconosciute ai soggetti residenti, peraltro, avrebbero potuto consentire agli stessi di evitare l imposizione dei redditi connessi ai capitali di cui avevano la disponibilità attraverso il loro trasferimento all estero. Si poneva, pertanto, la necessità di introdurre una rete di controlli di matrice fiscale, che supplisse alla sopravvenuta abolizione dei controlli valutari 3. In tal senso, il D.L. n. 167/1990 ha introdotto un articolata disciplina con diverse categorie di controlli con le quali attuare il cosiddetto «monitoraggio» fiscale 4. In generale, i controlli del D.Lgs. n. 167/1990 si estrinsecano in due categorie di obblighi: di rilevazione e segnalazione (di cui agli artt. 1, 3 e 3-bis del provvedimento); di dichiarazione (di cui agli artt. 2 e 4 del provvedimento). 3 4 G. ESCALAR, Monitoraggio fiscale e dichiarazione delle attività estere di natura finanziaria e degli investimenti all estero, in Rass. Trib., 1995, pag Il provvedimento citato è stato tra l altro modificato dal D.Lgs. n. 461/1997, che ha apportato significative variazioni sia relativamente ai soggetti «monitorati» o obbligati alle rilevazioni in dichiarazione, sia relativamente alle operazioni oggetto del monitoraggio e degli obblighi dichiarativi.

26 10 LA RECENTE NORMATIVA IN TEMA DI RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTRERO 2.1 Obblighi di rilevazione e segnalazione Nella categoria di cui al punto a) rientra, in primo luogo, l obbligo degli intermediari (banche e SIM) di mantenere evidenza delle operazioni di trasferimento da o verso l estero di denaro, titoli o certificati in serie o di massa, di importo superiore a di lire (effettuati anche a mezzo di assegni postali, bancari e circolari), eseguite dagli intermediari per conto o a favore dei seguenti soggetti residenti: 1. persone fisiche; 2. enti non commerciali; 3. società semplici e associazioni equiparate ai sensi dell art. 5 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n Nel novero dei soggetti sottoposti a monitoraggio, come si evince, non sono state incluse né le società di capitali, né le società di persone e, ciò, in forza della considerazione che essi possono attestare le proprie movimentazioni da e verso l estero, nonché i redditi conseguiti mediante investimenti esteri o derivanti da attività estere di natura finanziaria, sulla base dei loro dati di bilancio e della loro contabilità 5. Le evidenze (e, cioè, i dati riguardanti i soggetti che pongono in essere l operazione e gli estremi dell operazione stessa) rilevate dagli intermediari sono, ai sensi del comma 3 dell art. 1 del D.L. n. 167/1990, tenute a disposizione dell Amministrazione finanziaria per cinque anni e a questa trasmesse annualmente. Il predetto obbligo di rilevazione non sussiste nel caso di trasferimenti da e verso l estero, relativi ad operazioni effettuate nell ambito dei contratti e dei rapporti di cui agli artt. 6 e 7 del D.Lgs. n. 461/ ; al riguardo, l art. 10 di quest ultimo provvedimento ha espressamente sancito l insussistenza degli obblighi di rilevazione, nel caso in cui i soggetti monitorati abbiano optato per il regime del risparmio gestito o del risparmio amministrato Cfr., F. ORAZI, Le modifiche recate dal D.Lgs. n. 461/97 alla disciplina del monitoraggio fiscale, in Il Fisco, 1998, pag Art. 6. Opzione per l'applicazione dell'imposta sostitutiva su ciascuna plusvalenza o altro reddito diverso realizzato. Art. 7. Imposta sostitutiva sul risultato maturato delle gestioni individuali di portafoglio. In proposito, la Relazione governativa al D. Lgs. N. 461/97ha giustificato l esonero dagli obblighi di rilevazione, affermando che nei casi di risparmio amministrato e gestito, la tassazione viene operata

27 LO SCUDO FISCALE 11 Sempre con riferimento a quanto previsto nel punto a), l art. 3 del D.L. n. 167/1990 sancisce l obbligo di comunicazione all UIC per i trasferimenti al seguito, ovvero mediante plico postale o equivalente da e verso l estero, da parte di residenti e non residenti, di denaro, titoli e valori mobiliari in lire o valute estere, d importo superiore a di lire o al relativo controvalore. Per quanto riguarda gli obblighi di dichiarazione, l art. 2 del D.L. n. 167/1990 stabilisce, in primo luogo, l obbligo per i soggetti già sopra indicati, che effettuano trasferimenti da o verso l estero senza l intervento degli intermediari, ma attraverso non residenti, di evidenziare nella dichiarazione annuale dei redditi i trasferimenti medesimi, qualora questi siano superiori a di lire; l obbligo riguarda i trasferimenti diversi da quelli relativi a investimenti all estero e attività estere di natura finanziaria, indipendentemente dalla causale dei trasferimenti stessi e dalle modalità con le quali hanno avuto luogo Obblighi dichiarativi Ai sensi dell art. 4 del D.L. n. 167/1990, invece, i soggetti interessati 9 devono evidenziare in dichiarazione: gli investimenti all estero e le attività estere di natura finanziaria, attraverso cui possono essere conseguiti redditi di fonte estera imponibili in Italia, detenuti al termine del periodo d imposta se l ammontare complessivo di tali investimenti ed attività, sempre al termine del periodo d imposta, risulta superiore a di lire (l obbligo sussiste anche se nel corso dell anno non siano intervenute movimentazioni); i trasferimenti da, verso e sull estero, che hanno interessato i suddetti investimenti ed attività, se l ammontare complessivo dei movimenti effettuati nel corso dell anno, computato tenendo conto anche dei disinvestimenti, sia stato superiore a di lire. Quest obbligo sussiste anche se al termine 8 9 direttamente dall intermediario con la conseguenza che, non sussistendo l obbligo di dichiarazione a carico del contribuente, la segnalazione al Fisco è priva di concreta utilità. Si vedano in merito le istruzioni del modello Unico. Persone fisiche, società semplici e associazioni ad esse equiparate.

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano La tassazione delle attività finanziarie per le persone fisiche Adempimenti dichiarativi: dal quadro RW

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE

LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE LA MANOVRA MONTI (DL 6.12.2011 N. 201) - NOVITÀ IN MATERIA DI CONTANTI, ASSEGNI E LIBRETTI AL PORTATORE INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di contanti 2.1 Valore oggetto di trasferimento ed operazioni

Dettagli

L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi

L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi 1363 ATTUALITÀ Provvedimento Agenzia delle Entrate del 14 febbraio 2012 L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi di Enzo Mignarri Con un comunicato stampa

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO Numero circolare 8 Data 14/10/2011 Abstract: Rif.to normativo: LE PRINCIPALI NOVITA DELLA MANOVRA DI FERRAGOSTO La legge di conversione della c.d. manovra di ferragosto ha in buona parte confermato le

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 57 del 20 dicembre 2011 La manovra Monti (DL

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

GPAV Dottori Commercialisti Associati

GPAV Dottori Commercialisti Associati Le novità fiscali contenute nell articolo 19 del cd. Decreto Monti (D.L. 201/2011) come integrato e modificato dal cd. Decreto sulle semplificazioni fiscali (D.L. 16/2012) Ordine Dottori Commercialisti

Dettagli

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09)

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Professionisti Associati per l Impresa Genova - Milano Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Avv. Gian Enrico Barone PAI Sede di Genova Via XX Settembre 1/5 tel.: (+39) 010 56 47 12 fax: (+39) 010

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 LO SCUDO FISCALE

Dettagli

M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E

M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E VIA MATTEOTTI, 58-28062 CAMERI - NO 0321 51.82.00 0321 51.81.81 M A U R O N I C O L A F O G L I O S E G U E N.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*)

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Con l emanazione del decreto Monti (D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

SANZIONI QUADRO RW, RAVVEDIMENTO OPEROSO E NORMA DI COMPORTAMENTO ADC 185/2012. a cura di Daniele Tomarchio Centro Studi Consulta

SANZIONI QUADRO RW, RAVVEDIMENTO OPEROSO E NORMA DI COMPORTAMENTO ADC 185/2012. a cura di Daniele Tomarchio Centro Studi Consulta SANZIONI QUADRO RW, RAVVEDIMENTO OPEROSO E NORMA DI COMPORTAMENTO ADC 185/2012 a cura di Daniele Tomarchio Centro Studi Consulta Premessa: Il quadro RW In attuazione della direttiva comunitaria 361/1988/CEE,

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 03301 Roma, 14 dicembre 2007 Com. n. 22 OGGETTO: Disposizioni di attuazione della III Direttiva comunitaria in materia di prevenzione dell utilizzo del

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Padova, 25 settembre 2009 Ai Clienti dello

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso

Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso Pag. 3350 n. 39/2011 29/10/2011 Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso di Fabrizio Dominici SOMMARIO Pag. Le sezioni del quadro RW 3351 La prassi dell amministrazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1.

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1. LEGGE 21 novembre 2000, n.342 Misure in materia fiscale. Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Sezione I Disposizioni in materia di redditi di impresa Art. 1. (Disposizioni in materia di

Dettagli

Circolare Informativa n. 17/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 8 giugno 2000

Circolare Informativa n. 17/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 8 giugno 2000 Circolare Informativa n. 17/2000 Alle Società Consorziate Roma, 8 giugno 2000 Rif. 470 Oggetto: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine Finanziamenti posti in essere all estero Risoluzione

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE

S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 8 del 25/10/2013

Dettagli

Capitolo 1: Come cambia da Gennaio 2010 la compensazione dei crediti Iva superiori a 10.000 Euro

Capitolo 1: Come cambia da Gennaio 2010 la compensazione dei crediti Iva superiori a 10.000 Euro Indice Introduzione - Sintesi delle disposizioni più significative, introdotte dalla Legge di conversione del D.L 78/2009 - Termini attuativi delle disposizioni - Il Milleproroghe differimento dei termini

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it di Marco Piazza Si puo' far cessare il regime di riservatezza dei conti e depositi scudati e quindi

Dettagli

Associazioni sportive dilettantistiche modifiche in vista in materia di sanzioni per mancata tracciabilità degli incassi

Associazioni sportive dilettantistiche modifiche in vista in materia di sanzioni per mancata tracciabilità degli incassi N. 228 del 24.07.2015 La Memory A cura di Alessandro Borghese e Mauro Muraca Associazioni sportive dilettantistiche modifiche in vista in materia di sanzioni per mancata tracciabilità degli incassi Le

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/8 OGGETTO NUOVI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO: INNALZAMENTO DELLA SOGLIA PER L USO DEL CONTANTE CLASSIFICAZIONE CC - ANTIRICICLAGGIO RIFERIMENTI RMATIVI D. Lgs. 21.11.2007 n. 231 ART. 12 D.L.

Dettagli

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo.

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo. Modulo RW Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Roma, 24 aprile 2013. OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE CIRCOLARE N. 9/E PREMESSA.

Roma, 24 aprile 2013. OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE CIRCOLARE N. 9/E PREMESSA. CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2013 OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE PREMESSA.3 2 1. EFFETTI DELLA MANCATA TENUTA

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA COS E IL QUADRO RW Il quadro o modello RW è una sezione del Modello Unico relativo alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche. In questo

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI Convegno giorno 12 dicembre 2008 presso Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Treviso FISCALITA INDIRETTA Il trattamento tributario

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE

LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE LO SCUDO FISCALE-TER, CASI PARTICOLARI, DUBBI RISOLTI DALLA CIRCOLARE 43 E DUBBI ANCORA DA RISOLVERE Franco Dante A.N.T.I. SEZIONE PIEMONTE E VALLE D AOSTA 12 Novembre 2009 INDICE Slide n. 1: Finalità

Dettagli

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012)

L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) Dott. Gianluca Cristofori L emissione dei titoli di debito da parte delle S.r.l. anche alla luce del cd. «Decreto Sviluppo» (D.L. 83/2012) 1 Profili civilistici relativi all emissione di titoli di debito

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

Indice. Prefazione, di Victor Uckmar. Introduzione 1

Indice. Prefazione, di Victor Uckmar. Introduzione 1 Indice Prefazione, di Victor Uckmar xv Introduzione 1 1. I redditi di natura nanziaria nel sistema tributario italiano 9 1. Cenni sull evoluzione del concetto di reddito durante la vigenza dell imposta

Dettagli

La dichiarazione riservata e la tassazione dei redditi intermedi

La dichiarazione riservata e la tassazione dei redditi intermedi Focus di pratica professionale di Alessandro Corsini La dichiarazione riservata e la tassazione dei redditi intermedi Premessa Grazie agli altri contributi già pubblicati su questa rivista, abbiamo visto

Dettagli

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la CIRCOLARE N. 7/T Olbia, 30 Agosto 2010 Alla Spett.le Clientela Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni. LA

Dettagli

L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate

L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate 5591 APPROFONDIMENTO L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate di Enzo Mignarri Con la pubblicazione della circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 5 luglio

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E INDICE

CIRCOLARE N. 20/E INDICE CIRCOLARE N. 20/E Roma, 18 giugno 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Articolo 3 del decreto-legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito con modificazioni dalla legge 9 aprile 2009, n. 33, e successive

Dettagli

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione 13 Stefano Grilli Dottore commercialista, Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, Milano Le ultime

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 1 del 23.01.2012 TRACCIABILITA' E RAPPORTI DI LAVORO Normativa e modifiche apportate nel tempo L art. 12 del D.L. del 4 dicembre 2011 n. 201

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO

TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO Circolare n. 15/2011 TRACCIABILITÀ dei MOVIMENTI FINANZIARI NOVITÀ della MANOVRA di FERRAGOSTO In questa Circolare 1. Limitazioni all'uso del contante 2. Assegni e libretti al portatore 3. Segnalazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli CONCORDATO FISCALE PREVENTIVO PER IL 2003 E 2004 (Art. 33 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269,nel testo comprendente le modificazioni apportate dal Senato) Scheda di lettura n. 5/2003

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

CIRCOLARE N. / (BOZZA)

CIRCOLARE N. / (BOZZA) CIRCOLARE N. / (BOZZA) Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Agevolazioni, Fiscalità internazionale e Finanziaria Ufficio Fiscalità Finanziaria Roma, xx/xx/20xx Prot.: 2009/116554 Alle Direzioni

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

TITOLO IX. Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006

TITOLO IX. Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVERSI DALLE BANCHE DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006 DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE APRILE 2006 ISTRUZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE TITOLO IX - Capitolo 2 TITOLO IX Capitolo 2 RACCOLTA DEL RISPARMIO DEI SOGGETTI DIVER DALLE BANCHE TITOLO IX - Capitolo

Dettagli

Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56

Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 "Attuazione della direttiva 2001/97/CE in materia di prevenzione dell'uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi da attività illecite" pubblicato

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID)

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) Roma, 15 settembre 2007 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB REGOLAMENTO INTERMEDIARI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2004/39/CE (MIFID) L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione pubblicata

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II I termini in maiuscolo non definiti nel presente Regolamento hanno il significato agli stessi

Dettagli

1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna

1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna Indice Prefazione di Giancarlo Pezzuto e Gianfranco Tomassoli pag. xiii 1 La scelta dei soggetti da sottoporre a verifica fiscale» 1 di Vito Caradonna 1.1 Premessa» 2 1.2 Profili giuridici e operativi»

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli