LICEO MUSICALE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMI SVOLTI CLASSE 1X. Programma svolto di STORIA DELL ARTE. Classe 1^ X

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO MUSICALE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMI SVOLTI CLASSE 1X. Programma svolto di STORIA DELL ARTE. Classe 1^ X"

Transcript

1 LICEO MUSICALE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMI SVOLTI CLASSE 1X Programma svolto di STORIA DELL ARTE Classe 1^ X Docente: Magliocca Antonia Anno Scolastico Storia dell Arte Introduzione alle arti visive I mezzi e i codici del linguaggio visivo (breve trattazione dei metodi, dei mezzi e dei materiali utilizzati nell arte) La preistoria Contesto di sviluppo, primi manufatti, pitture parietali, il sistema trilitico Le civiltà del Vicino Oriente La Mesopotamia: i Sumeri, i Babilonesi, gli Assiri La civiltà egizia La civiltà cretese e micenea Le forme di espressione artistica minoica e micenea con particolare riferimento all architettura. L arte greca Periodo di Formazione (XII_VIII sec.a.c.) nascita della polis la ceramica vascolare di stile geometrico L Età arcaica (VII- VI sec.a. C.) Le tipologie dei templi. Gli stili architettonici dorico e ionico La Magna Grecia Scultura Kleobi e Bitone di Argo, Kouros di Milo, Moshophoros,Kore con il peplo, Kore di Antenore, Hera di Samo, il frontone del Tempio di Athena Aphaia a Egina. Periodo severo (VI-Vsec.a. C.) Zeus di capo Artemisio, Auriga di Delfi, i Bronzi di Riace. Età classica (seconda metà del V sec.a.c) La maturità della polis e la nascita del concetto di classicità Architettura

2 L Acropoli di Atene: le tipologie e le strutture dei templi. Il classicismo maturo Prassitele:Afrodite Cnidia, Apollo sauroctonos, Hermes con Dioniso. Skopas: Menade danzante Lisippo: Apoxyomenos. L Ellenismo L arte nella crisi della polis L ordine corinzio Scuola di Pergamo:Altare di Pergamo, il Galata morente Scuola di Rodi: la Nike di Samotracia, il Lacoonte, l Afrodite di Milo Compiti per le vacanze La civiltà etrusca Architettura le mura, l arco a tutto sesto,le tipologie delle tombe Scultura canopi, sarcofagi,l Apollo di Veio,la lupa Capitolina,la Chimera di Arezzo, l Arringatore Pittura Tomba del Barone,Tomba Francois

3 Scienze motorie e sportive Classe 1X esercizi di potenziamento, mobilità, resistenza, velocità; atletica: corsa di resistenza, corsa veloce, corse semplici adeguate ai vari gesti sportivi; vari tipi di salto esercitazioni di passaggi e di mira con diversi tipi di palloni ginnastica artistica: vari tipi di rotolamento con relativa tecnica di assistenza; lavori in circuito con piccoli e grandi attrezzi; pallavolo: fondamentali individuali (palleggio, bagher, servizio) pallacanestro: fondamentali individuali; gioco 3 contro 3; semplici combinazioni con utilizzo della funicella; elementi di base dell unihoc elementi teorici delle discipline sportive applicate.

4 PROGRAMMA SVOLTO DI LABORATORIO DI MUSICA D INSIEME Classe: I X Insegnanti: Matteo Castagnoli, Francesco Chigioni - Respirazione diaframmatica e polmonare; esercizi di inspirazione ed espirazione - Il canto: elementi di emissione vocale - Il coro polifonico a quattro voci miste; suddivisione degli alunni nei quattro registri vocali - Vocalizzi in progressione cromatica A. Studio ed esecuzione dei seguenti brani di MUSICA D INSIEME VOCALE: 1. J.Rutter: Gloria per coro a quattro voci miste, ottoni, percussioni ed organo 2. A.Adam/W.Hautvast: Cantique de Noël per coro a quattro voci miste e orchestra di fiati 3. E.R.Hawkins/arr.J.Dawson: Oh happy day per soli, coro a quattro voci miste e orchestra di fiati 4. Tradizionale/arr.T.Mashima: Dream in the Silent Night per soli, coro a quattro voci miste e orchestra di fiati 5. J.Rutter: Angels carol per coro a quattro voci miste e pianoforte 6. G.F.Haendel: Halleluja dall Oratorio Messiah per coro a quattro voci miste e orchestra di fiati 7. F.Couperin: In notte placida, pastorale per coro a quattro voci miste, flauto e pianoforte 8. G.F.Haendel: dall'oratorio Messiah: Joy to the world, per coro a quattro voci miste, tromba e organo 9. G.Gambarini: Magnificat in mi bemolle maggiore per coro a quattro voci miste ed organo 10. W.A.Mozart: Ave verum corpus, mottetto per coro a quattro voci miste ed organo 11. D.Anselmi: Jubilate Deo et exsultate per coro a tre voci miste e gruppo di ottoni 12. J.S.Bach: Jesus bleibet meine Freude, corale finale dalla Cantata BWV 147 per coro a quattro voci miste, tromba ed organo 13. W.A.Mozart: Laudate Dominum da Vesperae Solemnes de Confessore K 339 per soprano, coro a quattro voci miste e orchestra

5 14. G.P. da Palestrina: Sicut cervus per coro a quattro voci miste 15. J. Dowland: Come again per coro a quattro voci miste e ensemble di chitarre 16. F.Manini: Sao ko, se pareba, fili per due bassi soli e coro a quattro voci miste 17. F.Manini: Enigma senza fine per voce recitante, tromba, pianoforte, coro a quattro voci miste 18. K.Jenkins: In caelum fero da Adiemus. Songs of Sanctuary per coro a quattro voci miste e pianoforte 19. K.Jenkins/arr. F.Chigioni: Adiemus da Adiemus. Songs of Sanctuary per coro a quattro voci miste e orchestra 20. G.Verdi: Stabat mater da Quattro pezzi sacri per coro a quattro voci miste e pianoforte (solo studio) 21. G.Verdi: Te Deum da Quattro pezzi sacri per doppio coro e pianoforte (solo studio) 22. Beach Boys: Barbara Ann per coro a quattro voci e complesso musicale 23. Queen: Let me live per soli, coro a 7 voci e orchestra B. Studio ed esecuzione dei seguenti brani di MUSICA D INSIEME STRUMENTALE: - formazioni strumentali per classi strumentali o Trad. Irlandese Danny Boy o H. Schutz Arioso o C. W. Gluck Sarabanda o H. Purcell Rondeau, Giga o J. B. Lully Ouverture o H. Purcell Air - formazioni da camera o L. Cohen o J. B. Lully o H. L. Hasse o G. Tartini o A. Corelli o A. Corelli o R. Ortolani/N. Oliviero o C. Rio Hallelujah Gavotta Bourrée Sarabanda Sonata per due violini e b.c. in sol minore Sonata per due violini e b.c in la maggiore More Tequila - Orchestra o H. Fiocco Allegro o A. Corelli Andante Largo, Allegro, Vivace dal Concerto grosso 7 o K. Jenkins Adiemus

6 - Big Band o A.A..V.V Somewhere out there o J. Lennon/P. Mc Cartney Can t buy me love o A.A..V.V The Varsity Drag C. Partecipazione alle seguenti INIZIATIVE CONCERTISTICHE: 1. venerdì ore Concerto corale e strumentale presso il Centro sociale Barbisotti di Osio Sotto (Bg) 2. sabato ore Concerto di Natale del Coro polifonico del Liceo musicale e dell Orchestra di fiati di Nembro e Alzano Lombardo presso l Auditorium modernissimo di Nembro (Bg) 3. domenica ore Gran concerto dell Epifania del Coro polifonico del Liceo musicale e del Corpo musicale municipale di Alzano Lombardo presso l Auditorium Piazza caduti di Nassiriya di Alzano Lombardo (Bg) 4. sabato ore Concerto corale e strumentale in occasione dell Open day del Liceo Secco Suardo, presso l Aula magna 5. domenica ore Unione società corali italiane Provincia di Bergamo Musiche di Natale 2012 Concerto del Coro polifonico del Liceo musicale presso la basilica di S.Alessandro in colonna (Bg) 6. sabato ore XXXV giornata per la vita Elevazione musicale del Coro polifonico del Liceo musicale con ottetto di ottoni, percussioni ed organo presso la Chiesa parrocchiale delle Grazie di Bergamo 7. sabato ore Istituto Secco Suardo V Rassegna di lezioni concerto in collaborazione con Gioventù musicale d Italia sez. di Bergamo Concerto del Coro polifonico e di solisti del Liceo musicale con la partecipazione dell Orchestra Musica, ragazzi! presso l Aula magna dell Istituto Suardo, a conclusione del Convegno Insegnamento musicale e disturbi specifici dell apprendimento dall infanzia al Conservatorio svoltosi presso lo stesso Istituto 8. sabato ore Istituto Secco Suardo V Rassegna di lezioni concerto in collaborazione con Gioventù musicale d Italia sez. di Bergamo Concerto con la partecipazione del Coro polifonico del Liceo musicale presso l Aula magna della scuola: Musica e poesia: una lettura musicale dei canti VII, VIII e IX dell'inferno di Dante 9. sabato ore 21 - Teatro di Bottanuco - Concerto finale della Sperimentazione musicale e del Liceo musicale (Big Band) 10. mercoledì ore Istituto Secco Suardo V Rassegna di lezioni concerto in collaborazione con Gioventù musicale d Italia sez. di Bergamo Concerto

7 con la partecipazione del Coro polifonico, di gruppi da camera e di solisti del Liceo musicale presso l Aula magna della scuola 11. martedì ore 21 teatro di Ponteranica - Concerto finale della Sperimentazione musicale e del Liceo musicale (Big Band) 12. sabato ore Istituto Secco Suardo V Rassegna di lezioni concerto in collaborazione con Gioventù musicale d Italia sez. di Bergamo Concerto con la partecipazione del Coro polifonico e di gruppi da camera del Liceo musicale con ottetto di ottoni, percussioni ed organo, presso l Aula magna della scuola 13. sabato ore Concerto del Coro polifonico del Liceo musicale presso la chiesa parrocchiale di Valsecca (Bg), in occasione della consegna di borse di studio ad alcuni alunni del Liceo musicale 14. martedì ore Concerto degli alunni dei Licei musicali lombardi con la partecipazione del Coro polifonico del Liceo musicale, presso la Sala Verdi del Conservatorio G.Verdi di Milano 15. venerdì ore Istituto Secco Suardo V Rassegna di lezioni concerto in collaborazione con Gioventù musicale d Italia sez. di Bergamo Saggio finale del Liceo musicale e del Liceo psicopedagogico ad indirizzo musicale con la partecipazione del Coro polifonico e di gruppi di musica d insieme del Liceo musicale 16. sabato ore 9.30 Saggio finale del Liceo musicale e del Liceo psicopedagogico ad indirizzo musicale (musica moderna) Bergamo, 7 giugno 2013 Gli insegnanti Matteo Castagnoli e Francesco Chigioni I rappresentanti di classe Vera Frosio e Lorenzo Pagani

8 Programma di Matematica classe 1 X ALGEBRA I numeri naturali e i numeri interi; Le quattro operazioni in N. I numero 0 e 1. Multipli e divisori di un numero. Le potenze. Proprietà delle potenze. Le espressioni con i numeri naturali. Le proprietà delle operazioni. M.C.D. e m.c.m. tra numeri. L insieme Z. Rappresentazione di Z. Le operazioni in Z. Le leggi di monotonia. L insieme Q; Le frazioni. Frazioni equivalenti. Proprietà invariantiva. La semplificazione delle frazioni. Riduzione allo stesso denominatore. I numeri razionali, confronto fra numeri razionali. Rappresentazione dei numeri razionali sulla retta. Le operazioni in Q. Le potenze in Q. Potenze con esponente negativo. Le percentuali. Le frazioni e le proporzioni. I numeri decimali; limitati, illimitati e periodici. Frazioni generatrici di un numero decimale. Gli insiemi; Definizione e rappresentazione di un insieme. I sottoinsiemi. Le operazioni tra insiemi. Unione, intersezione, differenza, prodotto cartesiano. Cenni di logica delle proposizioni. Implicazione e doppia implicazione logica. I monomi; Definizione e grado di un monomio. Riduzione a forma normale. I monomi simili. Operazioni con i monomi. Somma algebrica, quoziente e potenza di un monomio. M.C.D. e m.c.m. fra monomi. I polinomi; Definizione di un polinomio. Riduzione a forma normale. Grado complessivo di un polinomio e grado rispetto ad una lettera. Operazioni tra polinomi. Somma algebrica e prodotto. I prodotti notevoli: Somma per differenza, quadrato di binomio, quadrato di trinomio e cubo di binomio. Le scomposizioni: Raccoglimento a fattor comune, raccoglimento a fattor parziale. Scomposizione mediante i prodotti notevoli. Somma e differenza di cubi. Le frazioni algebriche. Condizione di esistenza e riduzione ai minimi termini. La semplificazione di frazioni algebriche. Le equazioni lineari Le identità. Le equazioni. Definizione e classificazione delle equazioni. Equazioni equivalenti. I principi di equivalenza. Applicazione dei principi.

9 Risoluzione di un equazione numerica intera. Le equazioni determinate, indeterminate, impossibili. I problemi di primo grado. STATISTICA Introduzione della statistica. L indagine statistica. I caratteri qualitativi e i caratteri quantitativi. Le tabelle di frequenza. Frequenza assoluta e frequenza relativa. Le classi di frequenza. La rappresentazione dei dati: Ortogramma, istogramma e diagramma cartesiano. GEOMETRIA La geometria nel piano; Gli enti primitivi: Punto, retta, piano. Le figure geometriche. I postulati e i teoremi. Assiomi di appartenenza e assiomi di ordine. Gli enti fondamentali: Semirette, i segmenti. Le poligonali. I semipiani. Postulato di partizione del piano da parte di una retta. Gli angoli. Angolo, piatto, giro, nullo. Figure convesse e figure concave. La congruenza delle figure. Le linee piane. Breve cenno alle operazioni tra i segmenti e gli angoli. Bisettrice di un angolo. Angoli retti, acuti, ottusi. Angoli complementari. Angoli opposti al vertice. Teorema degli angoli opposti al vertice. I triangoli; Definizione di triangolo. Angoli interni e angoli esterni. Bisettrici, mediane e altezze di un triangolo. Classificazione dei triangoli rispetto ai lati: Triangolo equilatero, isoscele, scaleno. Classificazione dei triangoli rispetto agli angoli: triangolo rettangolo, acutangolo, ottusangolo. I criteri di Congruenza dei triangoli. Problemi applicativi dei criteri di congruenza. Teorema del triangolo isoscele. Teorema inverso del triangolo isoscele. Proprietà del triangolo isoscele. Le disuguaglianze nei triangoli. Teorema dell angolo esterno. Bergamo, Prof. Greco Tonio

10 A.S. 2012/2013 CLASSE PRIMA SEZ. X - TECNOLOGIE MUSICALI Hardware e Software Il microprocessore Le memorie interne ed esterne CD-DVD Scheda madre, periferiche esterne Altre periferiche Struttura software del computer Basi numeriche, conversione binaria/decimale Il linguaggio MIDI Prime strutture di reti MIDI Struttura del linguaggio MIDI Kilobyte, megabyte e gigabyte Campionamento audio Frequenza di campionamento Conversione analogico/digitale Trascrizione finale 2010: brano pianistico Trascrizione finale 2010: Funny Story di Schumann Trascrizione finale 2010: trio di Brahms Fisica onde musica: le quattro fasi del fenomeno sonoro Fisica onde musica: l onda sonora Pressione acustica Proprietà delle onde: frequenza, lunghezza, ampiezza, velocità Anatomia del sistema uditivo Fisica onde musica: la percezione del timbro Composizione spettrale del suono Teorema di Fourier Trascrizione finale 2010: B. Pasquini- canto e pianoforte Storia della musica elettronica Suono ed elettricità Storia: suono ed elettricità fino all intonarumori Ricerca sull organo Hammond Home recording (tutto il primo capitolo) Home studio: scheda audio fino ad ingressi e uscite Connessioni IN, OUT, AUDIO il docente Prof. Vito Isaia

11 TEORIA, ANALISI E COMPOSIZIONE CLASSE PRIMA X Anno scol. 2012/2013 Prof. VITO RUMI PROGRAMMA SVOLTO TEORIA 1. Elementi di acustica musicale. Il pendolo e le sue leggi. La vibrazione dei corpi elastici. I parametri del suono: altezza, intensità, timbro, durata. La propagazione delle onde sonore: risonanza, riflessione e assorbimento. L orecchio. 2. La scrittura delle durate. Come si scrivono le figure; origine storica dei nomi delle figure; le pause. I segni di prolungamento del suono (punto di valore, legatura di valore e corona). 3. La scrittura delle altezze. Il rigo musicale, i tagli addizionali; le chiavi. Il setticlavio. Gli intervalli; tipi di intervalli (semplici e composti, congiunti e disgiunti, melodici e armonici). Partitura, parte e spartito. I segni di ritornello. 4. Il ritmo. Pulsazioni e accenti. Velocità e agogica. Il metronomo. 5. Metro, battuta, accento. Come si scrive il metro; il gesto direttoriale; ritmi in levare; clausola maschile e femminile; ametria. 6. Tempi semplici e tempi composti. La scrittura iconica. 7. Indicazioni dinamiche. 8. La scala musicale. Definizione di scala. I generi: pentafonico, esatonale, diatonico, cromatico. Scale modali gregoriane e modali moderne. Scale tonali. Nomi dei gradi della scala. 9. Le alterazioni e la scala cromatica. Alterazioni costanti, momentanee, di precauzione. I suoni omologhi 10. Il modo minore. Scala di la minore naturale, armonica e melodica. 11. Le tonalità. Intervalli omologhi; tonalità relative maggiori e minori. 12. Formazione di tutte le scale maggiori e minori naturali. Il circolo delle quinte. Scale reali e scale teoriche. COMPOSIZIONE Composizione di battute in tempi semplici e composti, con l utilizzo di figura di durata, pause, segni di prolungamento del suono. Esercizi di formazione di scale modali partendo da ogni grado della scala. Esercizi di formazione di tutte le scale maggiori e minori. SOLFEGGIO PARLATO Esercitazioni collettive e individuali in chiave di violino e di basso di facile e media difficoltà con esercizi tratti da: Pozzoli, Solfeggi parlati e cantati - I corso e Appendice al I corso. SOLFEGGIO CANTATO Esercitazioni collettive e individuali in chiave di violino di facile esecuzione, in facili tonalità, tratti da: Pozzoli, Solfeggi parlati e cantati I corso. DETTATO RITMICO E MELODICO Esercitazioni collettive di dettati ritmici in facili tempi semplici (fino ai sedicesimi); dettati melodici in semplici tonalità, in ambito melodico diatonico, in facili tempi semplici e composti.

12 IRC: Programma svolto nell anno scolastico 2012/13 Classe 1 X CONTENUTI - Conoscenza della classe - IRC e catechesi - Le domande sul senso della vita - Il progetto e la storia personale - Il concetto di esperienza religiosa - Le ipotesi sull origine del mondo - La lettura della creazione di Gen. 1 - Le origini della vita e la propria storia - Caso o Provvidenza? - La struttura della religion - In cerca di Dio: lavoro in sottogruppi - Un gancio in mezzo al cielo: la storia di Giulia - Chi sono io? L identità - Fede e preghiera - I segni della religione - Visione e discussion del film Nativity - Attività di laboratorio: la vicenda di Carolina, vittima del bullismo - Le grandi religioni: criteri di confronto - L induismo - Il Buddismo: una filosofia per la vita - L Islam - L Ebraismo - Video documentario: la Shoah - Abramo, uomo di fede e di dubbio - Lavoro di confronto a gruppi: la mia fede - Quale è la tua terra promessa? - Il sacrificio di Isacco: fede come affidamento - Esercizio di autovalutazione Firma degli alunni rappresentanti.. GRADO DI APPROFONDIMENTO La classe, non ancora pienamente scolarizzata, ha seguito con fatica e con saltuaria attenzione lo svolgimento del programma, interagendo in forma minima alle sollecitazioni, permettendo un approfondimento sufficiente dei contenuti della programmazione. Docente: Bruletti don Flavio

13 PROGRAMMA SVOLTO NELL ANNO SCOLASTICO PROF. Zanello Francesca, insegnante di LINGUA INGLESE Classe 1X Liceo Musicale Dal Libro di Testo Advantage 1, di Elsworth, Rose, ed. Pearson Longman (unità 1-6, 9-11) Lessico: - verbo essere e verbo avere - alfabeto, - sostantivi: plurali, countable e uncountable - how much e how many e question words - articoli, - pronomi personali soggetto e complemento, - aggettivi e pronomi possessivi, - dimostrativi (this, that, these e those) - agg. di nazionalità - genitivo sassone - avverbi e frasi di frequenza / How often do you ever? - avverbi: very well, quite well, not very well - first, then, after that - avverbi di intensità: very much, a lot, at all - partitivi (some, any, no, every) e loro composti - preposizioni di luogo e tempo più comuni - pronomi interrogativi - there is + there are - imperativo - can / can t, must / mustn t, may e might (modali) - frasi affermative, interrogative, negative e short answers nei tempi: - presente semplice e progressivo (e verbi di stato) - futuro semplice, programmato e intenzionale - passato semplice (verbo essere, verbi regolari e irregolari), - ausiliari: do, can, must, could, did - gerundio (-ing form) dopo like, love, hate, (don t) mind, prefer - frasi condizionali (e temporali) di 1 tipo - numeri (cardinali e ordinali) e date - who / what in frasi interrogative (sogg. / compl). - go + ing. / play / do - comparativi e superlativi - molto e troppo.

14 - conoscenza dei più comuni termini della lingua inglese (livello elementare) v. vocaboli pp (esclusa p. 140) del libro di testo: countries and nationalities, physical appearance, everyday and free time activities, family, food and drinks, animals, geography, sports, shops and places, the weather, jobs, directions, adjectives of emotion, transport Lettura: - capacità di comprendere semplici testi con informazioni di tipo soprattutto personale (comprensione globale e dettagliata); Conoscenze "funzionali": - capacità di realizzare, in lingua inglese, le seguenti funzioni comunicative tramite frasi corrette ed appropriate: - presentazioni, - formule di saluto e commiato, scusarsi - richieste di informazioni a carattere personale, - descrizione fisica di persone, - parlare dei propri gusti - daily routine, - inviti, - offerte, - ordini, - richieste di permesso, - capacità, - gusti, - parlare di azioni passate e future - ordering food - chiedere l ora - telefonate - giving directions Ascolto-parlato-scritto: - capacità di comprendere e produrre "testi" semplici con informazioni di tipo personale; - capacità di sostenere una semplice conversazione a carattere personale, con pronuncia accettabile. BERGAMO, 3 giugno 2013

15 PROGRAMMAZIONE ANNUALE EFFETTIVAMENTE SVOLTA ITALIANO CLASSE I X ANNO SCOLASTICO PROFESSORESSA SERENA MORACE Testi in adozione: B. Panebianco A. Varani Metodi e fantasia vol. Narrativa Zanichelli Editore; E. Cantarella Mito ed epica Einaudi Scuola Editore; S. Fogliato Strumenti per l italiano Loescher Editore Educazione letteraria Contenuti Il testo narrativo Fabula e intreccio Sequenze Tempo e luogo Personaggi, ambienti, discorsi Narratore e autore Focalizzazione, lingua e stile Tecniche di resa del discorso Analisi dei nuclei tematici Il riassunto La narrazione per immagini Testi analizzati R. Queneau Annotazioni - Retrogrado G. Setti Il miglior amico del boss S Donati Indagini F. Brown Errore fatale D. Buzzati Incontro notturno H. Hesse Sul ghiaccio F. Brown Questione di scala D. Buzzati Incontro notturno I. Calvino Il disegno perfetto I. Orkeny Restare in vita U. Console Il finto stregone I. Calvino Quattordici E.A. Poe La maschera della Morte Rossa A. Checov Il camaleonte G. Manganelli Sessantuno S. Vassalli I fuochi di Zardino M. Satrapi La partenza H. Hemingway Le colline I. Svevo Argo e il suo padrone L. Compagnone Il mostro R. Rendell La casa di Hare I generi della narrazione Narrazione breve e romanzo La classificazione dei generi letterari Dalla narrazione orale alla scrittura Dalla novella al racconto Il romanzo e i suoi sottogeneri: narrazione e linguaggi Suspence e horror Meraviglioso e strano: fantasmi, vampiri e il disagio irrazionale dell uomo Mostri e fantascienza: dal fantastico al fantascientifico La rappresentazione del vero: il realismo in letteratura Naturalismo e Verismo; il realismo nel Novecento

16 Storia e invenzione: il romanzo storico nell Ottocento e nel Novecento Testi analizzati I Calvino Libri di ogni genere B. Stoker Dracula nella bara E. A. Poe Il rumore del cuore G. de Maupassant La paura G. de Maupassant La collana R. Bradbury Il lago I. Calvino I figli poltroni U. al-idlibi Hammam delle donne G. Verga La famiglia Malavoglia T. Ben Jelloun La scuola o la fabbrica E. Morante Gunther Stendhal Waterloo A. Tabucchi La decisione di Pereira K. Hosseini Il ritorno a Kabul I. Allende Il colpo di Stato Epica Il mito: temi e significati, rapporto con la realtà storica, modelli di comportamento, identità e radici. Il significato dei miti di metamorfosi e di fondazione Epica: temi e significati, il rapporto con l oralità e la cultura; i generi dell epica. L epica greca: omero e la questione omerica Iliade: presentazione dell opera e delle sue caratteristiche, temi principali, lettura, analisi, parafrasi e commento di passi scelti in traduzione Odissea: presentazione dell opera e delle sue caratteristiche, temi principali, lettura, analisi, parafrasi e commento di passi scelti in traduzione Testi analizzati Omero Iliade Il proemio Lo scontro tra Achille e Agamennone Tersite e Odisseo Paride e Menelao Priamo alla tenda di Achille Omero Odissea Il proemio Nell isola di Ogigia: Calipso L incontro tra Nausicaa e Odisseo Nella terra dei Ciclopi: Polifemo Grammatica ed educazione linguistica Lo studio della grammatica è stato proposto agli alunni attraverso un duplice approccio: alle lezioni esplicitamente dedicate all analisi normativa e sistematica della morfologia e della sintassi sono infatti sempre stati affiancati, nelle lezioni in cui ci si dedicava all analisi dei testi letterari o epici, momenti di riflessione sulle funzioni della lingua e sulle relazioni tra grammatica, retorica e stilistica. Contenuti Suoni e lettere della lingua italiana Ortografia e punteggiatura Morfologia: Le parti del discorso Il verbo: forme, coniugazione, tipologie (verbi ausiliari, modali e causativi), modi e tempi

17 Il nome L articolo L aggettivo Il pronome Le congiunzioni I rapporti paradigmatici tra gli elementi della frase: l analisi grammaticale Sintassi della frase semplice I rapporti sintagmatici tra gli elementi della frase: l analisi logica Sintagma e frase Il predicato verbale e quello nominale I diversi tipi di frase La frase nucleare e la struttura argomentale dei verbi Espansioni del nucleo Principali complementi indiretti Sintassi della frase complessa La struttura del periodo La proposizione principale Introduzione ai rapporti di coordinazione e subordinazione tra le frasi I tempi verbali nelle subordinate: il modello dei tempi principali e quello dei tempi storici Educazione linguistica: La lingua e le sue varietà Registri linguistici, varietà gergali della lingua, lessico specialistico, lessico disciplinare Laboratori testuali le strategie di progettazione della scrittura: analisi della traccia, raccolta delle idee, ideazione di una mappa, sistemazione dei contenuti pertinenti in una scaletta, sviluppo della scaletta, paragrafazione, revisione Il testo descrittivo: caratteristiche, tipologie (descrizioni letterarie e non letterarie), modalità (descrizioni soggettive e oggettive), funzioni (realistica, focalizzatrice, simbolica, periodizzante, informativa, esplicativa, persuasiva, etc.). Il testo narrativo: genere e scopo, progettazione della narrazione a partire dallo schema narrativo (esposizione-esordio peripezie- spannung scioglimento) e dal sistema dei personaggi (protagonista/ antagonista/ aiutante etc.); la variazione delle sequenze; il registro linguistico Il testo espositivo-informativo (relazione e riassunto) Attività didattiche extracurricolari All inizio dell anno scolastico gli alunni hanno visitato la biblioteca centrale bergamasca Tiraboschi, ricevendo spiegazioni sul suo funzionamento e una tessera personale per l accesso al prestito librario. Hanno inoltre assistito, in occasione della Giornata della Memoria, a uno spettacolo teatrale in cui l esecuzione del Quartetto per la fine dei Tempi di Olivier Messiaen veniva accompagnata e contestualizzata dalla voce recitante dell attrice Lucilla Giagnoni. Durante tutto l anno scolastico ha funzionato un laboratorio di lettura mensile, con vincolo di genere narrativo. Strategie didattiche lezione dialogata lezione frontale lezione con la LIM laboratori di lettura laboratori di analisi del testo e di produzione scritta Strumenti didattici libro di testo fotocopie distribuite dalla docente partecipazione della classe a spettacoli teatrali istituzione di un laboratorio di lettura individuale con confronto collettivo mensile analisi di materiale iconografico o musicale per illustrare il contesto culturale di riferimento dei testi presi in esame o per allestire i laboratori di scrittura Utilizzazione orale-scritta di questionari ed esercizi proposti dal libro di testo, da altri manuali o elaborati dalla docente.

18 Recupero Sono state svolte attività di recupero in itinere Valorizzazione delle eccellenze Agli alunni che hanno dimostrato particolare interesse e curiosità intellettuale sono stati offerti stimoli per approfondimenti personali. Valutazione e verifiche La valutazione è stata rapportata agli obiettivi previsti, ha tenuto conto dei reali progressi conoscitivi, è stata raccolta somministrando diversi tipi di verifiche sotto elencati. Le valutazioni conseguenti a prove di recupero per l orale e per lo scritto sono state considerate parte integrante della valutazione. Per la valutazione degli alunni sono state somministrate prove scritte di varia tipologia: Produzione di testi di diversa tipologia ( tre durante il trimestre e quattro durante il pentamestre) Simulazioni di prove Invalsi Verifiche delle conoscenze morfosintattiche e narratologiche Questionari, schede guidate e prime prove di analisi testuale Oltre alle prove scritte sono state effettuate anche verifiche orali individuali (almeno due sia durante il trimestre, sia durante il pentamestre). Bergamo, 6 giugno 2013

19 Programma di scienze della terra svolto nell anno scolastico 2012/13 Docente:Isidoro Cavallaro Classe 1X CONTENUTI DISCIPLINARI ( tenendo conto degli obiettivi decisi in sede di riunione di area e/o di consigli di classe) Conoscenze di base per le Scienze della Terra Il pianeta Terra Concetti elementari di tipo aritmetico,grafico,geometrico. Grandezze e unità di misura Grandezze fisiche:definizioni operative I mattoni della materia La tavola periodica degli elementi Stati fisici della materia La trasformazione della materia Forma e dimensioni della Terra.Il reticolato geografico. Meridiani e paralleli. Misura della latitudine e longitudine. Movimento di rotazione e le sue con seguenze. Il movimento di rivoluzione e le sue conseguenze. Lezione frontale esercitazione in classe e a casa con esecuzione di esrcizi che richiedono calcoli e applicazione di semplici concetti fisici e chimici. Lezione frontale e esercitazioni pratiche con uso di atlante, carte geografiche, globo, planetario e software. L'atmosfera: struttura e caratteristiche fisiche. I fenomeni meteorologici. Natura, struttura e composizione chimica dell'atmosfera. La temperatura dell'atmosfera. La pressione atmosferica. L'umidità. Condensazione e precipitazioni. Aree cicloniche e anticicloniche. I venti. I fronti. Il tempo e il clima. Le previsioni meteorologiche. Lezione frontale. Lezione frontale.. Raccolta dati dai giornali, dai media, da Internet L'inquinamento atmosferico. Le principali sostanze inquinanti: provenienza, effetti sull'ambiente e sull'uomo. Effetto serra. Buco nell'ozono. Piogge acide. Polveri sottili. Lezione frontale e lettura di documenti.

20 L'idrosfera Struttura della molecola dell'acqua. Proprietà fisiche dell'acqua: densità, calore specifico e potere solvente. Ciclo dell'acqua. Origine dell'idrosfera e classificazione delle acque superficiali. Lezioni frontali. Le acque dolci Formazione, morfologia, evoluzione dei ghiacciai, dei fiumi, dei laghi e delle acque sotterranee. Modellamento della crosta terrestre da parte delle acque dolci: valli fluviali e glaciali, morene e laghi glaciali calanchi e piramidi di terra. Fenomeno carsico. Dissesto idrogeologico. Lezioni frontali. Attività di laboratorio: osservazione di rocce calcaree. Riconoscimento delle rocce calcaree e ricostruzione del fenomeno carsico. Osservazione dei fenomeni idrogeologici attraverso immagini e sul territorio. Le acque salate Caratteristiche generali delle acque salate: Salinità. Temperatura. Colore. Densità. Composizione chimica. Mari interni e oceani. Moti del mare. I fondali oceanici. Modellamento della crosta terrestre da parte del mare. Influenza del mare sul clima. Importanza economica del mare. Inquinamento delle acque. Lezioni frontali. I materiali della terra Minerali e rocce Silicati,ossidi carbonati,solfuri Elementi nativi Vari tipi di rocce L origine delle rocce magmatiche Le rocce sedimentarie Le rocce metamorfiche Lezioni frontali. Attività di laboratorio: osservazione di rocce

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI

ALTRE INDICAZIONI MUSICALI Teoria musicale - 13 ALTRE INDICAZIONI MUICALI EGNI DI ARTICOLAZIONE I segni di articolazione sono indicazioni grafiche collocate sopra o sotto le note che condizionano il modo in cui queste devono essere

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Piano annuale per la Classe 4^ A

Piano annuale per la Classe 4^ A Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli