2 Circolo Didattico Porto Sant Elpidio Classe IV C docente Roberta Michettoni. Unità di Apprendimento su Città. anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 Circolo Didattico Porto Sant Elpidio Classe IV C docente Roberta Michettoni. Unità di Apprendimento su Città. anno scolastico 2007-8"

Transcript

1 2 Circolo Didattico Porto Sant Elpidio Classe IV C docente Roberta Michettoni Unità di Apprendimento su Città anno scolastico

2 Mappa Concettuale CITTÀ = SPAZIO ABITATO caratterizzato da COMPOSIZIONE SOCIALE COMPLESSA TRASFORMAZIONE di MATERIE PRIME in PRODOTTI

3 Conversazione Clinica Cosa ti fa venire in mente la parola città? Che cos è la città? Cosa vedi nella città? Come si forma la città?

4 Cosa ti fa venire in mente la parola città? Andrea:Un insieme di famiglie Mateusz:Un insieme di persone Asia:Un grande paese con tante persone Nicolò:Un gruppo di persone sullo stesso posto Federico:Un insieme di lavoratori Leonardo:Un insieme di case

5 Alla prima domanda gli allievi rispondono evidenziando il concetto che la città è il frutto di aggregazione di famiglie, di persone, di lavoratori, di case.

6 Che cos è la città? Eleonora: Un posto grande dove c entra tutta la gente Vanessa: Palazzi, case e persone Matteo: Un grande posto dove ci sono animali, natura, case e persone e scuole Andrea: Un luogo dove si commercia e dove chi lavora è raggruppato insieme. Mateusz: Un posto dove puoi conoscere altre persone Simone: Un insieme di vie Nicolò: Un posto dove puoi vivere con gli altri Annalisa: Un insieme di persone che lavorano, ognuno fa un lavoro diverso e rispettano le leggi. Riccardo: Un posto dove puoi vivere in famiglia Adrian: Un grande posto dove ci sono animali, natura, case e persone Allison: Tante macchine Federico: Un posto dove c è tanto smog Emanuela: Un insieme di case Lucia: Un posto dove c è tanta gente che lavora

7 Alla seconda domanda gli allievi associano la città ad uno spazio grande caratterizzato dalla presenza di una serie di soggetti che svolgono lavori diversi e che rispettano le leggi. In città si sviluppa il commercio ma c è anche lo smog provocato dal traffico delle automobili. In città, considerato uno spazio di incontro, ci sono persone ed animali ed accanto a case e palazzi si trovano posti verdi (natura).

8 Cosa vedi nella città? Marika:Persone, animali, negozi, macchine Eleonora:Parchi, macchine, forno Vanessa:Macchine, persone e palazzi Matteo: Strade, case, vie, chiese, stadio, rumore di fischi Andrea:Macchine che si muovono in continuazione Mateusz: Edifici, natura, macchine, aerei, persone Asia: Costruzioni varie perché in città si usa molto la tecnologia Anna Maria:Fiumi, laghi, mare Nicolò:Giardini, alberghi, musei, ristoranti, rumore, musica, puzza di smog Annalisa: Monumenti Riccardo: Sporco, cartacce, immondizia Allison: Le statue Leonardo: Tanto movimento, puzza di fumo Emanuela: Ferrovie, case, negozi, scuole, persone, animali Lucia: Un posto dove passare le vacanze

9 Alla terza domanda relativa a che cosa c è in una città gli allievi elencano vie di comunicazione ( strade, ferrovie, aeroporti), servizi (musei, alberghi, negozi, scuole, chiese) edifici abitativi ( palazzi) e storici ( monumenti). La città presenta aspetti positivi (un luogo dove passare le vacanze; città arricchite da elementi naturali quali parchi, fiumi,laghi o città di porto) ma anche aspetti negativi ( smog, rumore, puzza,immondizia). La città è anche un luogo tecnologicamente sviluppato

10 Come si forma la città? Marika: Costruendo case, vie, scuole, strade Matteo: Costruendo case, scuole, chiese e edifici Andrea: Le persone guadagnano e comprano le case Mateusz: Con delle persone, edifici e natura Asia: Un insieme di persone diventano lavoratori e se continuano a fare questo diventa una città. Nicolò: Con cose artificiali e naturali Annalisa: Un insieme di persone si mettono in un posto, si sviluppano e rispettano delle leggi Adrian: Con giardini, case, animali, strade e tanta gente Allison: Costruendo strade Leonardo: Ci devono essere tante persone, case, animali e ci deve essere un capo Emanuela: Costruendo case, vie, scuole, strade Lucia: Con tanta gente

11 Alla quarta domanda gli allievi affermano che la città si forma con l aumentare delle persone (tante persone,tanta gente, un insieme di persone) che decidono di costruire case,scuole, strade. Il benessere economico determina la possibilità di fare queste costruzione da cui deriva la nascita della città la cui struttura è composta sia da elementi naturali (giardini) sia elementi artificiali. La città richiede anche la presenza di un capo ed il rispetto delle leggi. Tornano come componenti della città anche gli animali, più volte citati in tutta la conversazione.

12 Gli allievi identificano la città come uno spazio grande caratterizzato dalla presenza di tante persone che svolgono lavori diversi. La formazione della città è provocata secondo un topos ricorrente- dall aumento della popolazione, che non è l elemento determinante della costituzione di una città la quale nasce dall esigenza di trasformazione delle materie prime e di produzione. Correttamente individuano una serie ricca - sia pure non esaustiva - di strutture con funzione abitativa (palazzi), culturale (scuole,monumenti) ricreativa (bar) commerciale - turistica (negozi, alberghi, strade, ferrovie, aereoporti), amministrativa (oggi Comune).Occorre approfondire le ragioni delle vie di comunicazioni di cui dispone la città per coglierne l utilità ai fini di favorire i flussi commerciali. La città raccontata dai ragazzi risente di stereotipi mediali legati alle cronache attuali quali l associazione di immondizia e sporcizia ai centri urbani (in questi giorni Roma e Napoli in particolare). In contrapposizione si esalta la città come luogo di sviluppo tecnologico, che attesta la separazione usuale operata dai ragazzi tra sviluppo e sua sostenibilità : lo sviluppo tecnologico è positivo ma non si afferra come contro - faccia il legame tra questo e il problema dell inquinamento che sembra,invece, percorrere vie proprie legate alla mancata manutenzione della città. La città è un luogo antropizzato in cui tuttavia permangano elementi naturali che rendono attraenti le nostre città che si trovano sui porti o che sono attraversate da fiumi o che ospitano spazi lacustri. Anche la menzione della città porto merita un approfondimento per cogliere le reti commerciali delle città. Presiede la città un capo di cui non si cita la funzione di fornitore dei servizi che vengono pagati con le tasse. I cittadini devono rispettare le leggi, ma non si citano le strutture predisposte a questo servizio. Mediale e frutto di una certa pubblicità televisiva è la presenza ineliminabile di animali domestici nella città, dove la loro presenza alimenta un commercio redditizio.

13 Matrice cognitiva Cosa sanno: La città ha dimensioni grandi (rispetto ai paesi) La città deve avere un certo numero di abitanti La città è caratterizzata da lavoratori con compiti diversi. La città presenta servizi abitativi, culturali, ricreativi, commerciali,turistici,amministrativi. La città è caratterizzata da uno sviluppo tecnologico La città presenta rischio di smog e inquinamento. La città è uno spazio antropizzato Ci sono diverse tipologie di città: città d arte, città di porto La città è una unità amministrativa guidata da un capo I cittadini devono rispettare le leggi

14 Compito di Apprendimento Cosa non sanno: La città nasce per l esigenza di trasformare le materie prime e di produrre beni finiti L interdipendenza tra sviluppo tecnologico ed ambiente. Attività di scambio e flussi commerciali della città Il capo della città ha precise funzioni e compiti

15 CAPO coordina diverse funzioni garantite da Strutture Rete concettuale Rete concettuale CITTÀ per sviluppo tecnologico ambiente TRASFORMAZIONE/PRODUZIONE con FLUSSI/SCAMBI

16 Come si è formata la città?

17 Fase 1- Conoscere la genesi del processo di urbanizzazione con la strategia carta-racconti

18 In seguito al processo di addomesticamento di piante ed animali gruppi di pastori ed agricoltori occuparono tutto il pianeta. Lungo i grandi fiumi si insediarono gli agricoltori e le società agricole crearono due grandi aree: L Occidente, che andava dal Mediterraneo fino alla valle dell Indo, e l Oriente, che comprendeva le valli dei grandi lunghi fiumi della Cina. Si costituiscono così le grandi aree urbanizzate che sono formate da un sistema di città e villaggi. Ogni villaggio lavorava per la città dalla quale dipendeva. Ogni città scambiava merci con le città vicine, e, tutte insieme producevano per la città capitale. Dalla città capitale partivano le grande spedizioni commerciali e le spedizioni militari, dirette verso terre lontane. In questo modo, tutto l ambiente della regione urbanizzata diventava una specie di macchina organizzata e potentissima, che dominava sul mondo circostante. Nel III Millennio a.c. si formarono quattro regioni urbanizzate: Sumer; Egitto, Valle dell Indo e Cina. La carta su cui andremo a lavorare mostra la diffusione delle prime società agricole urbane accomunate da alcune caratteristiche ambientali come la stessa latitudine, il clima temperato e la presenza di grandi fiumi. In Mesopotamia le più antiche città risalgono all inizio del IV Millennio a.c.; in Egitto e nella valle dell Indo a un epoca di poco successiva; in Cina, invece, non è possibile parlare di società urbanizzata fino al III millennio a.c.

19 Lavoriamo sulla carta Dividi la carta in due parti: oriente ed Occidente Colora la fascia temeperata Evidenzia con il blù i grandi fiumi Metti un triangolo rosso per identificare la zona di insediamento urbano Indica la data di urbanizazzione delle quattro regioni : Sumer; Egitto, Valle dell Indo e Cina

20 Carta dei ragazzi

21 Verifica La prima terra urbanizzata fu Sumer. In essa le città divennero popolose e potenti. Nella città giungeva cibo in abbondanza per sfamare chiunque e con le materie prime gli artigiani realizzavano dei manufatti. I mercanti scambiavano i prodotti della città con i popoli della periferia. I Sumeri viaggiavano lungo il corso del Tigri e dell Eufrate, attraverso il golfo persico e con le carovane. Quando arrivavano nel luogo degli scambi si fermavano, costruivano delle capanne per riposarsi, dei magazzini per conservare le merci, dei templi per pregare. Nel III millennio si formarono quattro regioni urbanizzate: 1. Sumer; 2. Egitto; 3. Valle dell Indo; 4. Cina. La regione urbanizzata era caratterizzata da un sistema di rapporti tra villaggi, città e periferia. Il villaggio lavorava per la città che commerciava con le città vicine. Le città lavoravano per la città capitale che organizzava il commercio con le terre lontane e spedizioni commerciali-militari.la regione urbanizzata, chiamata dagli storici anche centro, era circondata dalla periferia. Nella periferia vivevano tribù nomadi, cacciatori, raccoglitori, agricoltori e vi erano villaggi e piccoli regni. Ad essi venivano venduti i manufatti delle città in cambio di materie prime, anche pregiate come l oro,l argento, il rame, l ambra, le pellicce.

22 Sumeri Babilonesi Assiri Egiziani Indiani Cinesi Ebrei Cretesi Achei - Micenei Fenici IV m. III m. II m. I m 0 I m II m

23 Fase 2- Analizzare una situazione di caso: la civiltà dell Indo

24 Nei territori che oggi si estendono tra il Pakistan e l'india occidentale ha avuto origine la più antica civiltà dell'asia meridionale. Lungo la valle del fiume Indo si è sviluppata tra il 2500 e il 1500 a. C. circa una delle più interessanti e ancora oggi non completamente conosciute civiltà del mondo antico, testimoniata da alcune città e da centinaia di centri minori che hanno costituito per quel tempo un esempio forse ineguagliato nel campo della pianificazione urbanistica, nell'efficienza degli impianti idraulici e negli scambi commerciali su medie e lunghe distanze.

25 QUANDO? La civiltà dell Indo si è sviluppata circa dal 2500 al 1500 a. Ch.

26 Dove? La civiltà dell Indo si è sviluppata nella valle del fiume Indo ( attuale Pakistan) in Asia

27 Fase 3- Analizzare l organizzazione politicosociale, economica e religiosa- re Sacerdoti Brahni Nobili/ Guerrieri/ Ksatrya Lavoratori Vaishya Servi Shudra Intoccabili Paria

28 A capo della società c era il re, che non aveva potere assoluto in quanto doveva rendere conto del suo operato ad un assemblea popolare. I sacerdoti erano addetti ai culti religiosi, a tramandare le preghiere e all istruzione dei giovani. I nobili e i guerrieri si occupavano degli affari della guerra: da questa classe sociale proveniva anche il re. I lavoratori erano artigiani, commercianti e contadini. Più in basso si trovavano i servi, addetti ai lavori più faticosi e umili. Le classi sociali (caste) erano chiuse e non erano possibili matrimoni tra persone di caste diverse. Al margine della società c erano i Paria che non appartenevano a nessuna casta. Erano una massa di poveri che vivevano in condizioni misere e svolgevano mestieri che li portavano a contatto con la morte (boia), il sangue (macellai, cacciatori) o la sporcizia (spazzini).

29 Economia Gli abitanti della valle dell Indo vivevano principalmente di: Agricoltura: coltivavano orzo, grano, riso, legumi,cotone e spezie. Avevano imparato a regolare il corso delle acque del fiume, a costruire canali per l irrigazione e per l inondamento delle risaie. Allevamento: allevavano soprattutto mucche e bufali, ma anche capre, maiali e polli. Commercio: facevano scambi con l Asia, l Africa ed il Mediterraneo. Esportavano l avorio, i lapislazzuli, le pietre preziose, le spezie ed un colore rosso denominato lacca, estratto da un insetto. Esso veniva usato per tingere i tessuti. Artigianato: c erano falegnami,muratori, tessitori, intagliatori di pietre, fabbri e vasai che producevano oggetti di ceramica, vasi e mattoni cotti in forni scavati nel terreno.

30 Religione Le divinità rappresentate nelle sculture hanno forme animali e vegetali, o sembianze femminili sedute a gambe incrociate e circondate da belve feroci. VARAUNA = dio del cielo MITRA = dio della giustizia AGNI = dio del fuoco VISHNU = dio del bene SHIVA = dio della morte e del tempo Essi credevano nella reincarnazione dopo la morte, cioè i defunti sarebbero rinati sotto altre forme animali o umane. Questa religione si chiama INDUISMO

31 Fase 4- Comprendere lo sviluppo della città Harappa era una città bagnata dal fiume Ravi.L'area urbana era dominata da una cittadella sopraelevata, mentre sotto l' acropoli sorgevano piccole abitazioni disposte secondo uno schema ortogonale. Alcune piattaforme circolari ed altri edifici di grandi dimensioni, disposti su due file e dotati di fori per la ventilazione, erano probabilmente destinati all'immagazzinamento dei cereali. Si calcola che avesse quasi residenti, una città estremamente popolosa per quel tempo.

32

33 Vivevano in città costruite a forma di rettangolo, avevano strade dritte e regolari con negozi e botteghe artigianali. Nella parte alta della città c erano i templi, i palazzi dei nobili e i granai, ovvero i magazzini collettivi. Le case erano costruite con mattoni, erano senza finestre per proteggersi dal caldo e dai ladri, ricevevano luce ed aria da un cortile interno e acqua dal pozzo.

34 Oggetti della valle dell Indo

35 La città antica produce ed è luogo di scambio e di invenzioni Alla luce della diffusione degli oggetti fabbricati dalla civiltà della valle dell'indo, la sua rete commerciale doveva includere una zona molto vasta, dall'odierno Afghanistan, al nord e al centro dell'india, fino alle regioni costiere della Persia, della Penisola Arabica e alla Mesopotamia. I beni esportati includono perline ed ornamenti, pesi, grandi giare e probabilmente anche cotone, legname, grano e bestiame. Materiali che provenivano da regioni distanti erano utilizzati per la realizzazione di sigilli, di perline e di altri oggetti. Gli antichi abitanti della valle dell Indo inventarono il valore posizionale delle cifre nel sistema di numerazione che ancora oggi usiamo.

36 Dalla valle dell Indo a quella del Nilo

37 Fase 5 Conoscere la civiltà del Nilo attraverso le pitture delle tombe- laboratorio Raffigurazione dei lavori dei campi - Tomba di Ti Raffigurazione dei lavori artigianali - Tomba di Rekmire

38 Laboratorio Gli allievi fingono di essere degli archeologi che osservano le pitture delle tombe; Le leggono con cura e le selezionano per temi ( agricoltura, caccia,pesca, lavorazione dei metalli, dei tessuti, dei vasi, attività edilizia) le interrogano per ricavare dati relativi ai temi selezionati le interpretano e scrivono un documento storico

39

40 Documento Dalle pitture sulle tombe si è ricavato che : L uomo egizio poteva essere impiegato in molti lavori volti a procurare il cibo come caccia, pesca, agricoltura o altri lavori quali la costruzione delle case e di palazzi, la conciatura delle pelli, la produzione di vasi, di oggetti metallici, di imbarcazioni e di tante altre cose. Nell antico Egitto la lavorazione dei tessuti veniva fatta sia dalle donne che dagli uomini. I tessitori fabbricavano anche stoffe pregiate e molto eleganti, che le donne ricche indossavano per prendere parte ai banchetti. In Egitto molto importante era anche la lavorazione dei vasi di argilla e di pietra che avveniva in modo diverso: quelli di argilla con la tecnica del tornio e della cottura al forno; quelli di pietra con svuotamento del blocco tramite trapano a volano e lavorata con la mazza dotata di lama mossa dal contraccolpo di due sacchetti di sabbia collegati alla mazza.

41 Fase 6. Analizzare la città di Menphi Menfi fu il centro amministrativo e religioso del Basso Egitto(2920 a.c.) e i suoi templi furono tra i più importanti di tutto il paese. Fu una delle città più popolose dell Egitto, famosa in tutto il mondo antico e abitata da una comunità cosmopolita:vi erano templi per il culto di dei stranieri come Baal e Astarte e nei borghi, nati dalla moltiplicazione di centri attorno ai palazzi dei re, si raggrupparono comunità etniche diverse: siriaci, fenici, greci, ebrei. Al margine del deserto sulla sponda occidentale del Nilo, una fascia lunga più di trenta chilometri è occupata dalla necropoli menfita: Dahshur, Saqqara Abusir, Zawyet el- Aryan, Giza, Abu Rawash.

42 Il mercato era il luogo in cui si concentrava la vita della città. Costituiva il punto d'incontro di venditori e compratori, sotto gli occhi vigili di ufficiali, preposti al mantenimento dell'ordine, e funzionari statali, il cui ruolo era quello di controllare che il valore degli scambi fosse adeguato alla qualità dei prodotti.

43 Fase 7: riflettere sul percorso Fase 1 Fase 2 Fase 3 Fase 4 La città antica è luogo di trasformazione di prodotti, di mercato e scambio Fase 5 Fase 6 N.B. Alcuni punti della rete concettuale non si sono sviluppati per mancanza di tempo.

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F IC Conti JESI Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F CENTRO- PERIFERIA Mappa Concettuale CENTRO PERIFERIA = SPAZI GERACHICIZZATI con SCAMBIO INEGUALE caratterizzati dall intercambiabilità

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

Il mio libro di storia

Il mio libro di storia Il mio libro di storia INIZIA a.s. 2013/2014 maestra Valeria Famà Indice Sumeri Assiri Mesopotamia Gli Egizi Babilonesi Il mio laboratorio di storia La valle dell'indo La civiltà cinese Gli Ebrei I Fenici

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole CHE COS È LA STORIA? Studiare un libro di Storia vuol dire fare un viaggio interessante in un mondo nuovo: questo viaggio porta nel passato! La Storia vuole raccontare i fatti del passato come sono realmente

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

Le attività umane. Mondadori Education

Le attività umane. Mondadori Education Le attività umane L economia di uno Stato comprende le risorse naturali e le attività lavorative praticate dai suoi cittadini. L economia è divisa in tre settori: primario, secondario, terziario. Il settore

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

Dalla nascita delle prime civiltà. alla caduta del Impero romano

Dalla nascita delle prime civiltà. alla caduta del Impero romano PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute Colella Anna Dalla nascita delle prime civiltà. alla caduta del Impero romano 2009 1 INDICE Le fonti storiche pag. 3 Come si studia un popolo pag.

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

Programma di Geostoria

Programma di Geostoria ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C.G L. EINAUDI con sezione associata: Liceo Scientifico di Stato "GIORDANO BRUNO" Via Baccu Arrodas, Muravera Anno Scolastico 2013/2014 Programma di Geostoria Classe

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com Unesco: il castello di Erbil costruito ottomila anni fa dichiarato patrimonio dell Umanità Dopo la guerra del Golfo la città è diventata la capitale politica e culturale del Kurdistan iracheno Erbil (Kurdistan

Dettagli

India : una terra tanto grande quanto misteriosa!

India : una terra tanto grande quanto misteriosa! India : una terra tanto grande quanto misteriosa! Il nome India fu dato dai colonizzatori inglesi alle terre attraversate dal fiume Indo. Il territorio Il parco nazionale reale di Chitwan Nel parco vivono:

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Mario Ambel. Che cos è e come funziona la comprensione del testo - Una simulazione

Mario Ambel. Che cos è e come funziona la comprensione del testo - Una simulazione Mario Ambel Che cos è e come funziona la comprensione del testo - Una simulazione La comprensione è un atto cooperativo che si realizza come L a G rande elaborazione dei segni grafici Mur accesso lessicale

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI LINGUA CLASSE V ANNO SCOLASTICO PROVE DI INGRESSO ALUNNO 1 PROVA DI COMPRENSIONE DEL TESTO Leggi

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Grand Tour dello Sri Lanka

Grand Tour dello Sri Lanka Grand Tour dello Sri Lanka (14 giorni / 13 notti) Giorno 01: Arrivo a Colombo Arrivo all Aeroporto Internazionale di Bandaranaike. Incontro con il nostro rappresentante e trasferimento in hotel. Giorno

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono

Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono . Storia dell arte L arte antica Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono andate perse nel corso del tempo. Dell arte preistorica (fino al 3000 a.c.) ci sono giunte le figure

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

PRIMA O DOPO? ... ... 1492 d.c. 13 d.c. 27 a.c. 788 d.c. 2160 a.c. 80 a.c. 1971 d.c. 512 a.c. ...

PRIMA O DOPO? ... ... 1492 d.c. 13 d.c. 27 a.c. 788 d.c. 2160 a.c. 80 a.c. 1971 d.c. 512 a.c. ... SCHEDA N. 1 PRIMA O DOPO? Studiando la prei, hai misurato il tempo in millenni o addirittura in milioni di anni. Passando alla, invece, ti devi abituare a collocare i fatti nel tempo parlando di secoli

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

I POPOLI DELLA MESOPOTAMIA

I POPOLI DELLA MESOPOTAMIA LE NOSTRE MAPPE Dopo aver studiato i popoli della Mesopotamia, nel nostro libro, abbiamo pensato di riassumere i concetti principali di queste civiltà costruendo delle mappe concettuali. Di solito la maestra

Dettagli

LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA

LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA LICEO STATALE PIERO GOBETTI - OMEGNA CLASSE I A musicale ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROF: Malfatto Elena Programmazione di storia e geografia CONOSCENZE Criteri e metodologia storica Tipologie di fonti

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

LA REGIONE BRITANNICA

LA REGIONE BRITANNICA LA REGIONE BRITANNICA La Regione Britannica è formata solo da isole. Le più grandi sono Gran Bretagna e Irlanda (che è divisa in due parti: l Irlanda del Nord e L Eire). QUANTE ISOLE FORMANO LA REGIONE

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

ASIA POLITICA. Libro di geografia classe 3 - Scuola secondaria di 1 grado Pagina 1

ASIA POLITICA. Libro di geografia classe 3 - Scuola secondaria di 1 grado Pagina 1 ASIA POLITICA Libro di geografia classe 3 - Scuola secondaria di 1 grado Pagina 1 ASIA FISICA Libro di geografia classe 3 - Scuola secondaria di 1 grado Pagina 2 L Asia è il continente più vasto del mondo,

Dettagli

Attività/ settori economici

Attività/ settori economici 1 PRIMARIO SECONDARIO Attività/ settori economici TERZIARIO 2 ATTIVITA ECONOMICHE: Servono ad organizzare le risorse disponibili per soddisfare i BISOGNI dell uomo. BISOGNO: tutto ciò di cui l uomo ha

Dettagli

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni)

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni) SCUOLE al MUSEO Proposte didattiche 2014-2015 Fondazione Torino usei Palazzo adama Borgo edievale Attività a cura del Theatrum Sabaudiae Torino MAO Le collezioni del Museo d'arte Orientale raccontano importanti

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L SI VOLUME 3 CPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITLINE 1. Parole per capire lla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: isola...... penisola...... arcipelago...... ghiacciaio......

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato ELEMENTI DI RISORSA Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato Giardino storico o di pregio Zona boscata / Verde di pregio Macero Siepe Pilastrino Edificio di culto Torre / Ed. fortificato

Dettagli

ATTIVITà DIDATTICHE 2015/2016

ATTIVITà DIDATTICHE 2015/2016 TTIVITà DIDTTICHE 2015/2016 Per le strade e i musei di Torino, dall NTICO EGITTO alla MGI del CINEM, dalle TMOSFERE BROCCHE ai PROTGONISTI del RISORGIMENTO: attività ludico-culturali per bambini e ragazzi

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore PRIMO LEVI

Istituto di Istruzione Superiore PRIMO LEVI Istituto di Istruzione Superiore PRIMO LEVI ISTITUTO TECNICO - SETTORE TECNOLOGICO Elettronica ed Elettrotecnica - Informatica e Telecomunicazioni LICEO SCIENTIFICO - LICEO SCIENTIFICO opzione Scienze

Dettagli

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE Alla fine del 1700 in Inghilterra c è un grande sviluppo dell industria. Gli inventori costruiscono delle macchine per lavorare il cotone. Le macchine fanno in poco tempo e in

Dettagli

Storia delle immagini

Storia delle immagini Anno 2004 Massimo A. Cirullo Storia delle immagini 1 arte della preistoria Egitto Creta e Micene Dispensa elettronica in formato PDF per i miei studenti di prima media arte della preistoria e più antiche

Dettagli

Programma svolto. Storia. Strumenti propedeutici: Significato del termine storia. Fonti e "scienze ausiliarie.

Programma svolto. Storia. Strumenti propedeutici: Significato del termine storia. Fonti e scienze ausiliarie. Liceo Scientifico Statale Gobetti sede Segré di Torino Classe I sez. SC Materia: GEOSTORIA Data: 9/6/2015 Programma svolto Introduzione. Il corso ha previsto essenzialmente lo studio del territorio come

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione II PARTE Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione 2. Un Asia, tante Asie: Paesi, aree e regioni dell estremo Oriente Inizio II Millennio ASIA centro della

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua.

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua. ISTITUTO SALESIANO SACRO CUORE (NAPOLI-VOMERO) LICEO CLASSICO E LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO E IT AMMIN. FIN. MARK. PROGRAMMA DI GEOSTORIA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE I LICEO CLASSICO A N.O.

Dettagli

IL FILO DI ARIANNA IL MINILIBRO DI IN RIMA BACIATA

IL FILO DI ARIANNA IL MINILIBRO DI IN RIMA BACIATA 12 IL FILO DI ARIANNA IL MINILIBRO DI IN RIMA BACIATA VIA Il tuo filo di Arianna per uscire dal labirinto sono le parole relative alla civiltà minoica. Per uccidere il Minotauro, però, dovrai anche trovare

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI

TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI TESTO SEMPLIFICATO PER ALLIEVI NON ITALOFONI DI ALESSANDRA SPREAFICO, REVISIONE A CURA DI ANGELA PLAZZOTTA, CENTRO COME 2 IL TESTO CHE ABBIAMO SEMPLIFICATO È STATO REALIZZATO PER ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

IL MIO QUADERNO INVALSI

IL MIO QUADERNO INVALSI GABRIELLA PORINO LIBRO MISTO PROGETTO IL MIO QUADERNO INVALSI PROVE INVALSI DI ITALIANO TESTO INFORMATIVO DI ARGOMENTO GEOGRAFICO GABRIELLA PORINO IL MIO QUADERNO INVALSI PROVE INVALSI DI ITALIANO TESTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI STORIA - SECONDO BIENNIO (4^- 5^) COMPETENZE 1.Comprendere il legame uomo/territorio, origine della cultura antropologica. 2. Riconoscere l importanza culturale e sociale delle

Dettagli

TESTO SEMPLIFICATO DI STORIA

TESTO SEMPLIFICATO DI STORIA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Professionale di Stato PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI E SOCIALI "L. MILANI" di MEDA (MB) C.F. 83007880152 www.ipcmeda.gov.it - MIRC010004@istruzione.it

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETA. La presenza di un certo tipo di risorse e non di altre influenza la vita e le attività dell uomo.

ECONOMIA E SOCIETA. La presenza di un certo tipo di risorse e non di altre influenza la vita e le attività dell uomo. ECONOMIA E SOCIETA Le materie prime o risorse naturali pag. 84-85 Le materie prime sono tutti quei beni che la natura offre all uomo spontaneamente: sono tutti quei beni che cioè sono presenti in natura,

Dettagli

TRADIZIONI CINESI. secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio

TRADIZIONI CINESI. secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio DALLA CINA LA NASCITA TRADIZIONI CINESI secondo me il fatto che la donna possa avere un bambino è grandioso; la nascita è un evento felice, dobbiamo ringraziare Dio In Cina, tutti sono contenti quando

Dettagli

LA GRECIA E LE SUE ISOLE

LA GRECIA E LE SUE ISOLE LA GRECIA E LE SUE ISOLE Rappresentano una tra le mete più amate dai turisti di tutto il mondo. Situata nell Europa meridionale, la Grecia, è un paese prettamente montuoso caratterizzato dall unicità delle

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

GEOGRAFIA della PALESTINA

GEOGRAFIA della PALESTINA UITÀ 3 Capitolo 2 GEOGRAFIA della PALESTIA I. I confini Il paese dove il popolo d Israele visse gran parte della sua storia è una fascia di territorio compresa fra (cartina a pag. 86): - il mar Mediterraneo

Dettagli

Facciamo Archeologia. Anno scolastico 2014 2015. (Scuola Primaria)

Facciamo Archeologia. Anno scolastico 2014 2015. (Scuola Primaria) Facciamo Archeologia Anno scolastico 2014 2015 (Scuola Primaria) tel./fax 05741824194- cell. 3939391533 e-mail: didattica@cooperativachora.com - web: www.cooperativachora.com 1 Motivazioni e finalità opera

Dettagli

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo Archeologia Archeologia industriale industriale complesso complessodi diedifici edificiarea areaex ExSift Sift aa Piacenza Piacenza ex exmagazzini Magazzinigenerali generalicomunali comunali Piano Pianocaricatore

Dettagli

CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN

CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN Programma di Viaggio 19 Giorni - Cod AC 501 LA VIA DELLA SETA Da Pechino ad Almaty, attraversando il deserto di Gobi fino a raggiungere la spettacolare oasi di Kashgar. Da

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 Premessa Titolo del presente lavoro è L antico Egitto. Gli Egizi e la Religione. Questo testo semplificato vuole essere un aiuto

Dettagli

Osserva la linea del tempo a pagina 38 e completa la tabella. Quale periodo è durato più a lungo? dal 3000 a.c. al 2040 a.c.

Osserva la linea del tempo a pagina 38 e completa la tabella. Quale periodo è durato più a lungo? dal 3000 a.c. al 2040 a.c. LA CIVILTÀ EGIZIA L Egitto è un territorio in gran parte occupato dal deserto. Solamente la stretta striscia di terra lungo le sponde del fiume Nilo è fertile. Il fiume attraversa tutto il Paese e sfocia,

Dettagli

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 COMUNICATO STAMPA I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 La mostra è organizzata dalla Fondazione di Via Senato in collaborazione con la Società Cooperativa Archeologica di Milano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLAMASSARGIA- Scuola primaria PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DI STORIA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLAMASSARGIA- Scuola primaria PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DI STORIA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLAMASSARGIA- Scuola primaria PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DI STORIA A.S. 2013/2014 Classe quarta STORIA- UNITA DI APPRENDIMENTO:Benvenuti in quarta OBIETTIVI DA VERIFICARE Conoscere

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi

PROGRAMMA DI STORIA. ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi PREISTORIA E STORIA Come tutto è cominciato La storia degli esseri umani La geologia La biologia L evoluzione degli organismi Il tempo profondo

Dettagli

TOUR DELLA CINA PECHINO - XI AN - GUILIN YANGSHOU SHANGHAI 4 NOVEMBRE 14 NOVEMBRE 11 GIORNI PARTENZA DA AOSTA

TOUR DELLA CINA PECHINO - XI AN - GUILIN YANGSHOU SHANGHAI 4 NOVEMBRE 14 NOVEMBRE 11 GIORNI PARTENZA DA AOSTA TOUR DELLA CINA PECHINO - XI AN - GUILIN YANGSHOU SHANGHAI 4 NOVEMBRE 14 NOVEMBRE 11 GIORNI PARTENZA DA AOSTA Una completa sintesi della realtà cinese. La capitale del nord: Pechino, con i suoi tesori.

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli