Sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli: una panoramica internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli: una panoramica internazionale"

Transcript

1 Sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli: una panoramica internazionale Casi-studio su: Canada, Cile, Germania, Israele, Italia, Olanda, Spagna e Stati Uniti STUDI MONITORAGGIO PREZZI S ISMEA

2 Realizzazione a cura di Ismea Responsabile della ricerca: Ezio Castiglione Responsabile scientifico: Raffaele Borriello Il lavoro è stato curato e coordinato da: Giacomo Branca e Patrizio Piozzi Redazione: Capitolo 1: Giacomo Branca, Professore incaricato di Economia dell Ambiente, Facoltà di Economia, Università della Tuscia, Viterbo. Canada: Richard McConnel, Economista, DYMAC Risk Management Solutions Ltd., Canada Cile: William Ellis Foster, Professore del Dipartimento di Economia Agraria della Facoltà di Ingegneria Agraria e Forestale della Pontificia Università Cattolica del Cile. Germania: Christoph Behr, ZMP Zentral Markt und Preisberichtstelle GmbH, Germania. Israele: Italia: Olanda: Spagna: Amir Heiman e Yacov Tsur, professori del Dipartimento di Economia Agraria della Facoltà di Scienze Agrarie, dell Alimentazione e della Qualità dell Ambiente dell Università di Gerusalemme. Patrizio Piozzi; il paragrafo sul Sistema Camerale è stato curato da Valentina Canali (Direttore della Borsa Merci di Roma) e da Francesco Giardina (Azienda Romana Mercati); hanno collaborato ai casi studio: Giovanna Miccolis (olio), Cosimo Montanaro (frumento), Patrizia Nocella (ortofrutta), Silvia Paolini (bovini), Alba Pietromarchi (prodotti ittici). Kees de Bont and Jan Bolhuis, LEI, Istituto per la Ricerca in Economia Agraria, Olanda. Alicia Mateos Ronco e Ricardo J. Server Izquierdo, CEGEA (Centro Universitario di Ricerche e specializzazione in economia agraria e gestione aziendale), professori del Dipartimento di Economia e Scienze Sociali dell Università Politecnica di Valencia, Spagna. Stati Uniti: Bruce Babcock, Direttore del CARD (Centre for Agricultural and Rural Development) e Professore presso il Dipartimento di Economia della Iowa State University, Usa. Impaginazione e grafica: Massimo Cerasi, Donatella Quaranta e Carlo Alberto Torlai La ricerca è stata eseguita con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. 2

3 Indice Presentazione dell indagine 7 1. L impianto dell indagine: aspetti metodologici ed elementi interpretativi La domanda di servizi informativi alle imprese e la rilevazione 9 dei prezzi agricoli 1.2 Gli obiettivi e la metodologia dell indagine La struttura dei casi-studio nazionali La descrizione del sistema di rilevazione nazionale La scelta delle filiere oggetto d indagine La struttura della disamina delle filiere selezionate Canada Il quadro generale del Sistema Agricolo canadese La produzione agricola Struttura e grado di concentrazione del mercato dei prodotti agricoli La Rete canadese per la raccolta dei prezzi dei prodotti agricoli L utilizzo dei prezzi dei prodotti agricoli per le assicurazioni agricole I prodotti esaminati Il colza I bovini da carne Le patate Il miele Considerazioni conclusive Cile La raccolta dei prezzi dei prodotti agricoli in Cile La struttura generale della raccolta dei prezzi agricoli La selezione dei prodotti agricoli da esaminare La metodologia di raccolta dei prezzi dell Odepa I prodotti selezionati La frutta: uva da tavola e mele Il latte e l industria casearia I bovini da carne Il frumento Punti di forza e di debolezza del sistema di raccolta dei prezzi agricoli in Cile Germania La raccolta dei prezzi dei prodotti agricoli in Germania La struttura generale della raccolta dei prezzi agricoli 95 e le organizzazioni deputate alla rilevazione 3

4 4.1.2 Le politiche governative I prodotti esaminati Gli ortaggi freschi La frutta fresca I cerali I suini Considerazioni conclusive Israele Le strutture deputate alla raccolta dei prezzi dei prodotti agricoli Descrizione generale dei sistemi di raccolta dei dati I prodotti esaminati Gli ortaggi freschi La frutta fresca I fiori I prodotti ittici Il latte bovino Considerazioni conclusive Italia La Rete di Rilevazione Ismea Le finalità della rilevazione dei prezzi all origine Organizzazione e struttura della rilevazione Gli strumenti utilizzati per l attività di rilevazione dei prezzi La gestione dei dati L indice dei prezzi all origine Le modalità di diffusione dei dati Il Sistema Camerale La pubblicazione del listino dei prezzi all ingrosso Le borse merci I prodotti esaminati Il frumento duro L olio d oliva I bovini da carne L ortofrutta: mele e ortaggi a frutto I prodotti ittici Considerazioni conclusive Olanda Le attività del LEI Le statistiche sui prezzi La raccolta dei dati Le strutture responsabili della raccolta e dell elaborazione dei prezzi La struttura e l organizzazine delle indagini 222 4

5 7.2.2 La gestione dei dati Modalità di diffusione I prodotti esaminati I pomodori I fiori Il latte bovino I suini Le uova Considerazioni conclusive Spagna Le strutture deputate alla raccolta dei prezzi dei prodotti agricoli I dati raccolti e diffusi dal MAPA Statistiche dei prezzi all origine e al consumo dei prodotti 245 agro-alimentari L Osservatorio dei prezzi dei prodotti agroalimentari L impresa nazionale Mercasa I dati sui prezzi raccolti e divulgati dal MITC: 250 la rete d informazione sui mercati L indice di tendenza dei margini commerciali dei prodotti 251 agroalimentari per il consumo fresco I dati sui prezzi diffusi dalle amministrazioni delle Comunità Autonome Rilevanza della rilevazione dei prezzi per le assicurazioni agricole I prodotti esaminati Le arance I mandarini I pomodori Le pesche L olio d oliva Stati Uniti Le strutture deputate alla raccolta dei prezzi dei prodotti agricoli Risorse utilizzate per la raccolta dei dati Legami tra l attività di raccolta dei prezzi e le assicurazioni agricole I prodotti esaminati Il mais Le mele I bovini da carne Le arance Le patate Punti di forza e di debolezza del sistema Usa di raccolta 322 e diffusione dei prezzi agricoli Riferimenti bibliografici 325 5

6 6

7 Presentazione dell indagine L a presente indagine è stata realizzata con l obiettivo di offrire una panoramica internazionale dei sistemi di rilevazione dei prezzi dei prodotti agricoli nelle prime fasi di scambio. L obiettivo di delineare un quadro conoscitivo dei servizi informativi nel mercato agricolo su scala internazionale nasce dall accresciuta sensibilità nei confronti dei sistemi di raccolta e diffusione dei dati, considerati elementi cardine per garantire la trasparenza dei mercati insieme all introduzione e diffusione di strumenti innovativi (creditizi, assicurativi, finanziari) a supporto delle imprese. Tali strumenti in particolare quelli per la gestione del rischio d impresa vanno assumendo un ruolo determinante per le imprese agro-alimentari europee che si trovano ad operare in mercati sempre più concorrenziali sia per il continuo processo di globalizzazione dei mercati che per la riduzione complessiva del sostegno garantito dalle attuali politiche agricole dell UE. In questo scenario diventa fondamentale garantire un elevato grado di rappresentatività ai sistemi di monitoraggio dei mercati agricoli e assicurare quanto più possibile la trasparenza dei prezzi dei prodotti agro-alimentari lungo l intera filiera. In particolare, si possono identificare tre aspetti che impongono una crescente attenzione all affidabilità e all oggettività delle metodologie di rilevazione nonché al grado di comunicazione e diffusione dei dati rilevati: occorre tutelare contemporaneamente l interesse dei consumatori e quello dei produttori, in un ottica di trasparenza del mercato ; lo sviluppo di nuovi strumenti a disposizione del settore agro-alimentare, siano essi finanziari, assicurativi o creditizi, rende indispensabile l individuazione del valore delle produzioni agricole nelle prime fasi di scambio; la valutazione dell opportunità di un intervento delle istituzioni nei casi in cui il reddito aziendale venga compromesso a causa di fenomeni indipendenti dalle scelte imprenditoriali, richiede un attento e puntuale monitoraggio delle dinamiche commerciali, proprio nelle fasi di scambio più prossime alla produzione. L Ismea ha dunque ritenuto opportuno realizzare un indagine per descrivere i sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli esistenti in altri paesi, analizzandone le principali peculiarità e confrontandoli con la struttura di rilevazione esistente in Italia. A tal fine è stato costituito un gruppo di lavoro coordinato da Giacomo Branca (Università della Tuscia, Viterbo) e Patrizio Piozzi (Ismea) e composto dai seguenti esperti a livello internazionale: per il Canada, Richard McConnel, Dymac Risk Management Solutions; per il Cile, William Foster, del Dipartimento di Economia Agraria della Facoltà di Ingegneria Agraria e Forestale della Pontificia Università Cattolica del Cile; per la Germania, Christoph Behr del Zentrale Markt 7

8 8 und Preisberichtstelle GmbH (ZMP); per Israele, Amir Heiman, e Yacov Tsur del Dipartimento di Economia Agraria della Facoltà di Scienze Agrarie, dell Alimentazione e della Qualità dell Ambiente dell Università di Gerusalemme; per l Olanda, Kees de Bont e Jan Bolhuis, del Landbouw-Economisch Instituut (LEI); per la Spagna, Alicia Mateos Ronco e Ricardo J. Server Izquierdo, CEGEA (Centro Universitario di Ricerche e specializzazione in economia agraria e gestione aziendale), del Dipartimento di Economia e Scienze Sociali dell Università Politecnica di Valencia; per gli Stati Uniti d America, Bruce Babcock, del Dipartimento di Economia della Iowa State University e Direttore del CARD (Centre for Agricultural and Rural Development). Per ciascun paese oggetto d indagine, è stato ricostruito il quadro nazionale dei sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli arricchito da specifiche informazioni sulla struttura della raccolta, elaborazione e diffusione dei dati per alcune filiere rappresentative dell agricoltura nazionale. In particolare, ogni capitolo consiste di una prima parte a carattere prevalentemente descrittivo, in cui sono presentate le caratteristiche generali dei sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli e di una seconda parte, di stampo più analitico, in cui si illustrano le peculiarità della raccolta dei dati e della classificazione merceologica adottata per alcuni casi-studio esemplificativi del panorama produttivo nazionale.

9 1. L impianto dell indagine: aspetti metodologici ed elementi interpretativi 1.1 La domanda di servizi informativi alle imprese e la rilevazione dei prezzi agricoli N egli ultimi anni è andato crescendo l interesse degli imprenditori e dell operatore pubblico verso i servizi alle imprese agricole, in risposta alla maggiore competitività del sistema di produzione-distribuzione-consumo e alla crescente complementarietà tra beni e servizi necessaria per accedere a mercati sempre più globalizzati. I servizi alle imprese agricole sono diventati così elementi di rilevanza strategica per conseguire un vantaggio competitivo in modo comparabile al ruolo svolto dal cambiamento tecnologico. In particolare, i servizi di informazione sui mercati oltre a quelli finanziari e assicurativi si configurano sempre più come strumenti privilegiati di gestione delle possibili strategie di mercato e delle diverse tipologie di rischio connesse ai rapidi e molteplici cambiamenti che l impresa si trova ad affrontare. In questo quadro, emerge l esigenza di rendere quanto più possibile trasparenti i processi evolutivi che i prezzi dei prodotti agro-alimentari subiscono lungo la filiera nelle varie fasi di commercializzazione e di assicurare una maggiore informazione non solo al produttore, ma anche agli altri operatori lungo la filiera, fino al consumatore finale, anch egli sempre più esigente in materia di informazioni di mercato. La disponibilità di dati aggiornati e dettagliati riduce l asimmetria informativa tra i produttori agricoli e gli altri operatori commerciali nelle fasi a valle della filiera (creando così le condizioni per una maggiore concorrenzialità), migliora le condizioni in cui si svolgono le transazioni commerciali e garantisce che i prezzi a cui avvengono le transazioni riflettano le reali condizioni di mercato senza distorsioni. In particolare, i produttori chiedono di avere prontamente disponibili sia i dati sulle quotazioni di mercato del prodotto (prezzi minimi e massimi, media delle quotazioni rilevate, numero di quotazioni rilevate e variazione mensile e tendenziale) che sulla loro variabilità, al fine di poter calcolare gli effetti sui ricavi e sulla dinamica dei redditi. I dati sui prezzi e sugli altri fattori propri delle transazioni commerciali costituiscono anche la base per elaborazioni di mercato, per la quantificazione dei margini commerciali, per la stima dei redditi agricoli e per analisi previsionali sull andamento dei prezzi. Infatti, la possibilità di confrontare i diversi prezzi che si registrano ai diversi livelli di mercato fornisce informazioni preziose sui margini percepiti dalle figure commerciali che operano nelle varie filiere e sulle eventuali rendite di posizione o situazioni di scarsa concorrenza (monopoli, oligopoli, monopsoni, oligopsoni). Dal momento che spesso gli acquirenti di prodotti agricoli (operatori a valle della filiera) sono in numero di gran lunga inferiore ai venditori (produttori), 9

10 10 essi detengono un vantaggio intrinseco nella contrattazione dei prezzi e sono generalmente in possesso di una maggiore conoscenza delle condizioni di mercato. A tal riguardo, risulta appropriato avanzare delle considerazioni sull opportunità di garantire l istituzionalità all attività di raccolta ed elaborazione dei dati sui prezzi in agricoltura. Infatti, nel momento in cui la diffusione quotidiana di informazioni aggiornate sulle condizioni di mercato dei principali prodotti agricoli, sul livello dei prezzi e sul loro andamento nelle diverse fasi della filiera ristabilisce le reali condizioni di concorrenzialità e aumenta il grado di competitività dei mercati, l attività dei sistemi di rilevazione dei prezzi si configura come un servizio pubblico a beneficio di produttori e consumatori. Tale connotazione si rafforza, inoltre, quando i prezzi rilevati rappresentano la base per la stipula delle polizze agevolate nel settore agricolo, per il calcolo degli indennizzi in caso di danno o calamità naturale e sono utilizzati nell analisi finanziaria in relazione alla concessione dei crediti alle aziende agricole. Tuttavia, in molti paesi, come peraltro testimoniato dalla presente indagine, l accesso ai dati viene garantito solo dietro corresponsione di denaro e la diffusione delle informazioni viene considerato un servizio privato a pagamento. Le finalità dell attività di raccolta, elaborazione e diffusione dei prezzi, richiamate poc anzi, rappresentano, per le strutture deputate, un ulteriore stimolo ad ottimizzare il grado di trasparenza, robustezza e riservatezza dell informazione disponibile, l affidabilità e l oggettività delle metodologie di rilevazione nonché il livello di comunicazione e diffusione dei dati sui prezzi. In particolare, i sistemi di rilevazione devono essere organizzati in modo che sia possibile elaborare in breve tempo e in maniera sistematica una notevole mole di dati, gestire in maniera efficiente banche dati di ampie dimensioni, garantire una facilità di accesso alle stesse, e aggiornare tempestivamente le procedure di rilevazione seguendo i cambiamenti che si registrano sui mercati, in modo da assicurare che i prezzi rilevati siano effettivamente rappresentativi delle reali condizioni di offerta e domanda. Eventuali carenze in questi aspetti possono costituire altrettanti punti di debolezza del sistema di rilevazione che ne riducono potenzialmente l efficacia complessiva. Tale pressione si traduce in una spinta per le strutture impegnate nella rilevazione affinché aumentino l efficienza (in relazione alle risorse investite) e l efficacia (in relazione agli obiettivi conseguiti) delle procedure di raccolta, elaborazione e divulgazione delle informazioni organizzate e dei risultati delle analisi svolte. L entità e la professionalità delle risorse umane attive nella rilevazione, le sinergie tra strutture centrali e periferiche di rilevazione, il numero di prodotti per i quali si effettua la raccolta dei dati e la tipologia di informazioni registrate, il numero dei punti di rilevazione e la loro distribuzione (geografica o in relazione alle strutture di produzione e commercializzazione o in funzione del potere di mercato degli operatori), insieme alla facilità e rapidità con cui i produttori accedono alle informazioni e al grado di innovazione tecnologica adottato nei sistemi di diffusione dei dati: tutti questi fattori costituiscono degli importanti indicatori di efficienza delle strutture di rilevazione.

11 1.2 Gli obiettivi e la metodologia dell indagine Nell ambito dello scenario descritto, si è ritenuto interessante realizzare un indagine conoscitiva sui sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli operanti in altri paesi, al fine di poter effettuare un analisi comparativa con la rete di rilevazione esistente in Italia. La ricerca è stata svolta commissionando una serie di studi sui sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli in alcuni paesi del mondo: Canada, Cile, Germania, Israele, Olanda, Spagna, Stati Uniti. La scelta dei sette paesi, a cui si è ovviamente aggiunta l Italia, che costituiscono l oggetto dei casi-studio contenuti nei capitoli che seguono, è stata operata in modo da consentire il confronto tra realtà piuttosto differenziate sotto diversi punti di vista: dalla struttura dei settori agricoli nazionali e delle produzioni realizzate, al livello di organizzazione dei mercati e al grado di apertura internazionale degli stessi, dal grado di evoluzione dei sistemi di raccolta e diffusione dei prezzi agricoli, all entità delle risorse investite nella rilevazione stessa, nonché agli orientamenti prevalenti nel campo delle politiche agricole nazionali. Nei capitoli che seguono si riportano, dunque, i casi-studio nazionali che mostrano una realtà molto variegata di sistemi di rilevazione, più o meno efficienti nell ottimizzazione delle risorse e diversamente efficaci nel conseguimento degli obiettivi stabiliti. I capitoli dei casi-studio sono strutturati in maniera tra loro simile in modo da facilitare tale confronto; ognuno di essi consiste di due parti distinte ma logicamente collegate: la prima, di carattere prevalentemente descrittivo, in cui vengono presentate le caratteristiche generali dei sistemi di rilevazione dei prezzi agricoli a livello nazionale o sub-nazionale; la seconda, di stampo più analitico, in cui si offre un esame approfondito della struttura della raccolta, elaborazione e diffusione dei prezzi per alcune filiere rappresentative dell agricoltura e zootecnia nazionale ed esemplificative dei sistemi di rilevazione stessi. Nel paragrafo seguente si descrive la struttura comune ai casi-studio nazionali, mentre nei capitoli 2-9 si riportano i singoli casi-studio: Canada, Cile, Germania, Israele, Italia, Olanda, Spagna, Stati Uniti. 1.3 La struttura dei casi-studio nazionali La descrizione del sistema di rilevazione nazionale La prima parte di ciascun caso-studio nazionale consiste dunque in una descrizione del sistema di censimento dei prezzi agricoli e zootecnici in ogni paese, e ha essenzialmente l obiettivo di fornire una panoramica: a) dei programmi di rilevazione realizzati e delle attività svolte nell ambito di questi programmi; b) dei settori i cui prezzi sono oggetto di rilevazione e della relativa copertura geografica del sistema di rilevazione stesso; c) delle strutture coinvolte e delle risorse impegnate nella rilevazione; d) degli 11

12 aspetti legati alla gestione ed elaborazione dei dati e alla diffusione dei risultati. L obiettivo della parte descrittiva è quello di offrire al lettore un inquadramento del sistema di rilevazione dei prezzi alla produzione nell ambito del settore agricolo del paese in questione, esaminando il ruolo svolto dalle varie strutture deputate alla rilevazione e divulgazione (anche con riferimenti di tipo storico e normativo), evidenziando le problematiche relative all attività di raccolta e il livello oggettivo di affidabilità dei dati rilevati, oltre al grado di utilizzazione, da parte degli operatori, delle informazioni elaborate. A tal riguardo, un attenzione particolare viene posta sugli aspetti della rilevazione dei prezzi che interessano il mercato delle assicurazioni per il settore agricolo e, più in generale, i servizi informativi per le imprese La scelta delle filiere oggetto d indagine La seconda parte di ciascun caso-studio nazionale è invece rappresentata da un analisi approfondita del sistema di rilevazione per alcuni prodotti selezionati come casi esemplificativi e rappresentativi dell intera rete nazionale. La scelta dei prodotti oggetto dell indagine è ricaduta sulle produzioni che oltre ad essere rappresentative dell agricoltura di ciascun paese (in termini strutturali ed economici 1 ), hanno anche una rilevanza significativa per quanto concerne la rilevazione dei prezzi: in altre parole, si è fatto in modo che le filiere scelte nell ambito dell analisi (4-5 per ciascun paese) offrano una panoramica quanto più ampia possibile dei diversi sistemi e programmi di rilevazione esistenti a livello nazionale e locale. Più precisamente, le filiere oggetto di indagine sono state scelte in base ai seguenti criteri: a) grado di organizzazione della filiera - si è distinto tra filiere ben organizzate e con un alto livello di concentrazione ad uno o più livelli di mercato e filiere scarsamente coordinate, con un elevata frammentazione delle fasi di distribuzione, un alto numero di operatori sul mercato e un basso grado di concentrazione. In alcuni casi è stato necessario distinguere tra filiera del prodotto per il consumo fresco e filiera del prodotto per l industria di trasformazione. Altro fattore che si è tenuto in considerazione è l importanza strategica delle produzioni sul piano internazionale e degli scambi sui mercati mondiali. Infine, sono stati presi in considerazione anche prodotti la cui organizzazione del mercato è gestita in maniera centralizzata da strutture nazionali sotto il controllo del governo (prezzi minimi garantiti e quote fisiche di produzione); b) distribuzione geografica della produzione - sono stati presi in esame settori caratterizzati da un elevata dispersione geografica della produzione su tutto (o quasi) il territorio nazionale e altri la cui produzione è invece concentrata in alcune aree specifiche, con riflessi sull organizzazione dei mercati (le filiere sono differenziate su scala sub-nazionale e assumono le caratteristiche di veri e propri mercati locali); c) caratteristiche strutturali della filiera - si è avuto cura di scegliere sia filiere lunghe, caratterizzate da numerosi operatori e intermediari di mercato, in cui il prodotto è soggetto a numerosi passaggi con relativo aumento dei margini di mer- 12

13 cato, sia filiere corte in cui invece il prodotto raggiunge con pochi passaggi i consumatori finali. Inoltre, i settori sono stati scelti in modo da essere differenziati in base al diverso rapporto numerico tra produttori e operatori delle fasi a valle della filiera (immagazzinamento e trasporto, trasformazione e confezionamento, distribuzione e vendita) con conseguenze sui rapporti di potere tra gli operatori stessi ed effetti sui margini di mercato; d) aspetti merceologici del prodotto - i prodotti oggetto d indagine sono stati selezionati in base al grado di omogeneità e standardizzazione del prodotto, alle caratteristiche qualitative e altri requisiti richiesti dal consumatore, alla struttura del calendario dell offerta, alle caratteristiche di conservabilità e trasportabilità delle merci; e) meccanismi di formazione dei prezzi - si è avuto cura di scegliere prodotti il cui prezzo si forma essenzialmente sui mercati all ingrosso (sia attraverso le aste che tramite contrattazione libera) e altri le cui quotazioni sono fissate in una fase della filiera (dalle associazioni dei produttori o dall industria di trasformazione o, ancora, dagli operatori delle grandi catene della distribuzione organizzata). Inoltre, si è tenuto conto anche di eventuali differenziazioni su scala geografica (nel caso di transazioni che avvengono in una parte del paese ma che influenzano, in qualche modo, quelle che avvengono su tutti gli altri mercati nazionali) e dei loro riflessi sui meccanismi di formazione dei prezzi La struttura dell indagine per ciascuna filiera Per ciascuna delle filiere selezionate vengono descritti tutti gli aspetti che possono influenzare i prezzi alla produzione: le strutture di mercato e gli aspetti organizzativi della filiera; gli operatori coinvolti e i ruoli svolti; i meccanismi di formazione del prezzo a vari livelli della filiera con un enfasi particolare sulle prime fasi delle transazioni (prezzi alla produzione o franco azienda agricola); le modalità di rilevazione dei prezzi stessi (evidenziando le motivazioni alla base della scelta di registrare uno specifico prezzo, in una determinata fase del mercato e con appropriate modalità che garantiscano l oggettività della rilevazione). Nella descrizione della struttura di mercato ci si sofferma innanzitutto sulle caratteristiche principali del prodotto: distribuzione geografica della produzione, elementi strutturali della domanda e dell offerta, destinazione d uso del prodotto, consumatori intermedi e finali, problematiche legate al mercato internazionale (importazioni ed esportazioni), struttura del calendario dell offerta e della commercializzazione, aspetti legati alla conservazione e trasformazione agroalimentare, grado di integrazione verticale e/o orizzontale della filiera. Successivamente si prendono in esame altri aspetti che hanno effetti sui livelli dei prezzi, quali la classificazione merceologica (standard tecnici e commerciali, qualità delle produzioni agricole, classificazione ai fini delle transazioni elettroniche) e la struttura stessa dei mercati (struttura della filiera e dei canali di mercato, 13

14 ricostruzione del percorso del prodotto lungo le varie fasi della filiera, identificazione del numero di passaggi delle figure coinvolte, importanza delle fasi dell ingrosso e del dettaglio nella commercializzazione dei prodotti, grado di competitività, rapporti con il mercato mondiale e peso delle transazioni internazionali, peso dell industria agroalimentare). La conoscenza del quadro strutturale della filiera è propedeutico alla comprensione dei meccanismi di formazione del prezzo che sono descritti successivamente. Infatti, per ciascuna filiera si descrivono i luoghi in cui avvengono le transazioni commerciali e le modalità con cui esse si svolgono; le tipologie di prezzo che si formano ai vari livelli della filiera e che sono oggetto di rilevazione (ad esempio prezzi all ingrosso, prezzo d asta, prezzo fob, prezzo franco azienda agricola o franco magazzino di raccolta o centro di raccolta del bestiame, prezzi futures); i contratti eventualmente in essere tra produttori e operatori lungo le fasi a valle della filiera intermediari, trasportatori, grossisti, grande distribuzione e piccolo dettaglio, industria di trasformazione e l eventuale ruolo dei mercati a termine rispetto ai mercati a pronti. L indagine per filiera prosegue quindi descrivendo le strutture (pubbliche o private) responsabili della rilevazione dei prezzi alla produzione (raccolta, elaborazione e diffusione dei risultati), la loro collocazione geografica e rispetto ai mercati (locali, centrali, periferiche), le risorse impegnate, i punti di rilevazione (azienda agricola, centri di raccolta e smistamento, mercati fisici all ingrosso, aste e altre strutture di vendita all ingrosso, punti vendita della grande distribuzione, esercizi del piccolo dettaglio, negozi specializzati, mercati rionali, mercati a pronti e mercati a termine), il tipo di prezzo rilevato (alla produzione, all ingrosso o al dettaglio); numero di varietà per cui si rileva il prezzo; aspetti legati alla qualità e agli standard di prodotto; altri dati eventualmente rilevati oltre al prezzo, la scelta dei punti di rilevazione (geografica, in base al peso degli scambi commerciali o sulla base di altri elementi legati alle dinamiche di domanda e offerta), e gli organi deputati alla supervisione del processo di formazione dei prezzi nonché il loro ruolo. Infine, l indagine si focalizza sugli aspetti più propriamente tecnici della struttura e dell organizzazione della rilevazione dei prezzi alla produzione (strumenti di comunicazione utilizzati, software impiegati, metodologia adottata, modalità di campionamento statistico, organizzazione e frequenza della rilevazione), della gestione dei dati (immagazzinamento e creazione dei database, ponderazione, verifica e validazione delle informazioni), dell analisi e diffusione degli stessi (elaborazioni statistiche effettuate, stesura dei rapporti analitici e di mercato, diffusione dei dati e dei rapporti di mercato, accessibilità da parte degli operatori, uso delle reti di comunicazione). Nel Box 1.1 si riporta uno schema sintetico della struttura della disamina dei prodotti selezionati come casi-studio nazionali. 1 Ad esempio il paniere dei prodotti oggetto di monitoraggio è stato scelto sulla base della rappresentatività in termini di superfici investite e di produzioni realizzate. 14

15 Box La struttura dell indagine per ciascuna filiera presa in esame Struttura del mercato e caratteristiche del prodotto Classificazione merceologica e struttura dei mercati Meccanismi di formazione del prezzo Strutture responsabili della rilevazione dei prezzi alla produzione Aspetti tecnici della struttura e dell organizzazione della rilevazione dei prezzi alla produzione distribuzione geografica della produzione; elementi strutturali della domanda e dell offerta; destinazione d uso del prodotto, consumatori intermedi e finali; problematiche legate al mercato internazionale; struttura del calendario dell offerta e della commercializzazione; aspetti legati alla conservazione e trasformazione agroalimentare; grado di integrazione verticale e/o orizzontale della filiera. standard tecnici e commerciali, standard di qualità; classificazione ai fini delle transazioni elettroniche; struttura della filiera e dei canali di mercato, ricostruzione del percorso del prodotto lungo le varie fasi della filiera; identificazione del numero di passaggi delle figure coinvolte; importanza delle fasi dell ingrosso e del dettaglio nella commercializzazione dei prodotti; grado di competitività; rapporti con il mercato mondiale e peso delle transazioni internazionali; peso dell industria agroalimentare. luoghi e modalità di svolgimento delle transazioni commerciali; tipologie di prezzo oggetto di rilevazione ai vari livelli della filiera; contratti tra produttori e operatori delle fasi a valle della filiera; mercati a termine. tipologia di strutture; collocazione geografica e rispetto ai mercati (locali, centrali, periferiche); risorse impegnate; punti di rilevazione; prezzi (e altri dati) rilevati; scelta dei punti di rilevazione; organi deputati alla supervisione del processo di formazione dei prezzi e il loro ruolo. strumenti di comunicazione e software utilizzati; metodologia adottata nella raccolta: modalità di campionamento statistico, organizzazione e frequenza della rilevazione; immagazzinamento e gestione dei dati; analisi ed elaborazioni; accesso e diffusione di dati ed elaborazioni. 15

16

17 2. Canada 2.1. Il quadro generale del Sistema Agricolo Canadese La produzione agricola I l Canada, una federazione di province di vaste dimensioni, con una densità di popolazione piuttosto bassa, è un paese con una naturale vocazione all esportazione e con una propensione verso i mercati statunitensi. La densità di popolazione e la produzione agricola (diversità di colture e quantità di prodotti realizzati) variano da un luogo all altro del paese e questo fatto incide sul livello di consumo interno o/e di esportazione della produzione agricola nazionale. Il clima del Canada è altamente instabile ed eterogeneo, per questo i rischi Fig Distribuzione % della superficie agricola e del numero di aziende agricole nelle province canadesi (2001) 0,4% 3,8% 8,2% 31,2% 21,7% 38,9% 20,5% 11,3% 8,9% 8,1% 24,2% 5,1% 13,0% 0,7% 0,1% 0,3% 0,6% 0,6% 1,2% 1,6% % di superfici coltivabili canadesi % di fattorie canadesi 17

18 naturali cui è esposta la produzione agricola sono molto elevati. Nel 2001 si contavano 167 milioni di acri 1 di superficie coltivabile sull intero territorio canadese, l 81% dei quali ubicati nelle zone occidentali, o Grande Prairie, nelle province dell Alberta (31,2%), Saskatchewan (38,9%) e Manitoba (11,3%). Le aree appartenenti alle province British Columbia (3,8%), Ontario (8,1%) e Quebec (5,1%) comprendono il 17% della superfice coltivabile del paese, le province atlantiche, invece, (Nova Scotia, New Brunswick, Prince Edward Island e Newfoundland) partecipano con il restante 2%. La Figura 2.1 indica la distribuzione delle superfici coltivabili e del numero di aziende agricole per provincia (% rispetto ai relativi totali dell intero paese); in particolare, si evidenzia che la provincia dell Ontario ha un numero relativamente alto di agricoltori (24,2 %) rispetto alla superficie coltivabile (8,1 %) e che le dimensioni delle aziende agricole variano notevolmente da un punto all altro del paese. La tabella 2.1 riporta il numero e le dimensioni delle aziende agricole sul territorio canadese (il numero di operatori agricoli supera il numero di aziende per via dell esistenza di società di persone e di accordi di proprietà comune). Tabella Numero e dimensione delle aziende agricole per provincia (2001) Superfici Aziende Dimensioni medie Operatori Occupazione coltivabili agricole delle aziende agricoli agricola (migliaia di acri) (numero) agricole (in acri) (numero) (numero occupati) Canada Newfoundland Prince Edward Island Nova Scotia New Brunswick Quebec Ontario Manitoba Saskatchewan Alberta British Columbia Fonte: Statistic Canada. 18 Di 167 milioni di acri di superficie coltivabile, 90 milioni sono coltivati, 12 milioni sono tenuti a maggese (non seminati ma lavorati al fine di controllare la crescita delle erbe infestanti con la tecnica della falsa semina), 12 milioni destinati a pascoli coltivati (terreno seminato a pascolo) e la restante parte utilizzata a pascolo naturale, bosco, terreni marginali e piccole proprietà a conduzione familiare. Le dimensioni medie delle aziende agricole e degli allevamenti, in questi ultimi anni, sono in aumento e ciò indica una continua tendenza alla fusione ed

19 unificazione delle aziende agricole e ad una riduzione del numero degli operatori agricoli in attività. Le aziende sono classificate in unità di dimensioni piccolo-medie e di grandi dimensioni. Il grafico 2.1 evidenzia come le attività su larga scala (che hanno ricavi superiori a dollari 2 ) rappresentino la maggioranza (80%) della produzione agricola. Grafico Distribuzione delle aziende agricole canadesi per entrate lorde (2001) Piccole e medie 45% Ricavi da $ a $ % delle aziende 12% delle entrate lorde A tempo libero 22% Ricavi < $ % delle aziende 1% delle entrate lorde Grandi 33% Ricavi per $ e oltre 33% delle aziende 88% delle entrate lorde Fonte: Statistics Canada. Il Canada produce una varietà di prodotti agricoli e zootecnici diversi, con notevoli differenziazioni da una parte all altra del paese. Il grafico 2.2 mostra, tuttavia che, nel 2004, le carni rosse, i cereali ed i semi oleosi rappresentavano oltre la metà delle entrate dei mercati agricoli. L importanza dei vari settori colturali e zootecnici differisce in base alle zone del paese ed il grafico 2.3 fornisce un indicazione di tale variabilità. Le carni rosse, i cereali e i semi oleosi rappresentano oltre l 80% delle entrate di mercato nella regione della Prairie, in cui è ubicata gran parte della superficie coltivabile del paese. Il sistema agro-alimentare canadese ha prodotto l 8,2% del Prodotto Interno Lordo (PIL) nel L importanza di questo per l economia delle singole province varia significativamente a seconda delle zone del paese. Nel grafico 2.4 emerge come l importanza del settore agricolo nelle province Prince Edward Island, Saskatchewan e Manitoba superi quella registrata mediamente nell intero paese canadese. Le province dell Ontario e del Quebec contano il maggior numero di occupati nel settore agricolo e agro-alimentare, in funzione della densità demografica. 19

20 Grafico Ricavi dei mercati agricoli per prodotto (2004, totale miliardi di dollari canadesi) Frutta e Vegetali 6,8% Carni Rosse 29,7% Pollame e Uova 7,6% Lattiero caseari 14,5% Granaglie e Semi oleosi 24,1% Altri prodotti agricoli 17,2% Fonte: Statistic Canada. Grafico Ricavi dei mercati agricoli regionali per quota di prodotto (2004) Frutta e ortaggi Pollame ed uova Lattiero-caseari Altri prodotti Cereali e semi oleosi Carni rosse 0 20 British Columbia Prairies Ontario Quebec Stati atlantici Fonte: Statistic Canada.

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

La politica agricola comune

La politica agricola comune La politica agricola comune Continua... ANNI di Politica Agricola Comune Pronti per il futuro U N A P A R T N E R S H I P T R A L ' E U R O P A E G L I A G R I C O L T O R I Agricoltura e sviluppo rurale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1

La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 La tipologia economica delle aziende agricole nella UE: uno strumento per confronti tra agricolture diverse 1 Loredana De Gaetano 2 Sommario Lo scopo della tipologia comunitaria consiste nel fornire uno

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli