RISPARMIO, INVESTIMENTI A LUNGO TERMINE E CRESCITA SOSTENIBILE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISPARMIO, INVESTIMENTI A LUNGO TERMINE E CRESCITA SOSTENIBILE"

Transcript

1 RISPARMIO, INVESTIMENTI A LUNGO TERMINE E CRESCITA SOSTENIBILE Rainer Masera e Antonella Pisano * 1. Risparmio e investimento in infrastrutture per la crescita sostenibile La ripresa dello sviluppo è necessaria per riassorbire la disoccupazione, per evitare un declino altrimenti inarrestabile dell economia italiana, per consentire il rientro del debito pubblico. Il risparmio è fondamentale: senza il suo contributo non ci possono essere investimenti e sviluppo sostenibile di medio-lungo termine, né lo Stato è in grado di realizzare i suoi obiettivi. Occorre ritrovare le condizioni che avevano consentito il miracolo dell economia italiana: elevati tassi di risparmio, investimenti privati e pubblici, competitività internazionale nell ambito di un sistema di cambi fissi. Gli investimenti in infrastrutture tradizionali, innovazione e conoscenza, ricerca e sviluppo, energia, ambiente, acqua, protezione del territorio, educazione costituiscono un volano fondamentale per la crescita sostenibile: il contributo dell investimento (pubblico e privato) in capitale fisico, umano e intangibile non è solo quello di sostenere la domanda, ma soprattutto di aumentare la produttività e, quindi, l offerta del sistema economico e la competitività. Sia per favorire la concorrenzialità del sistema manifatturiero avanzato, sia per accompagnare il necessario passaggio alla economia dei servizi innovativi (che comprendono anche sanità, istruzione, burocrazia efficiente, giustizia, trasporti) occorrono rilevanti flussi di investimenti in infrastrutture, con cofinanziamento pubblico-privato. In senso lato, si possono definire infrastrutture anche i sistemi per la fornitura di servizi/beni pubblici fondamentali, che ricomprendono: la definizione e il rispetto dei diritti dei cittadini attraverso l attività legislativa, giudiziaria, esecutiva e di ordine pubblico; il sistema educativo e universitario; il sistema sanitario e assistenziale; il sistema e le reti di difesa nazionale; i sistemi di conservazione e gestione dell ambiente, e le reti di protezione civile; le infrastrutture del sistema finanziario; le infrastrutture sociali, ovvero il capitale privato non profit e il patrimonio artistico e culturale. Queste infrastrutture sono connesse prevalentemente a capitale umano, ma richiedono anche capitale fisico privato e pubblico. * Le opinioni degli autori non rispecchiano necessariamente il punto di vista della Federazione. 1

2 In particolare, il buon funzionamento (in termini di efficacia e di efficienza) dei sistemi legislativo, esecutivo, giudiziario e di rispetto dell ordine (the rule of law) è critico per la crescita e lo sviluppo di qualsiasi economia di mercato. Vi è, al riguardo, ampia e consolidata esperienza empirica che dimostra e quantifica la rilevanza di questi fattori. Si manifesta, segnatamente, una forte e significativa relazione inversa tra corruzione, criminalità e crescita sostenibile. 2. Infrastrutture, produttività e crescita Le infrastrutture, secondo la definizione più ampia qui prospettata, costituiscono dunque le fondamenta di un sistema socio-economico vitale, efficiente e competitivo 1. Esse rappresentano la struttura fisica (ovvero il complesso di attività materiali e immateriali) e logica (ovvero il network di relazioni e connessioni tra le diverse attività) di un sistema. Le componenti infrastrutturali si caratterizzano per la capacità di collegarsi fra loro e attivare interazioni, e per la tensione a una finalità comune, ovvero a un complesso di obiettivi da perseguire congiuntamente. La relazione tra dotazione infrastrutturale di un Paese - con particolare riferimento all accumulazione di conoscenza, tecnologia e capitale umano (il cosiddetto triangolo della conoscenza) - e competitività nel mercato globale è stata ampiamente discussa in letteratura e confermata da numerosi studi empirici: le infrastrutture contribuiscono, da un lato, a incrementare la produttività totale dei fattori; dall altro, generano esternalità positive fondamentali per la competitività del sistema al quale appartengono. Il problema centrale nell analisi del contributo del capitale (pubblico e privato) al prodotto e alla crescita della produttività consiste nel nesso tra investimento e creazione di capitale produttivo. La spesa in conto capitale, se opportunamente selezionata, ha un effetto durevole sul sistema economico; in particolare, se genera capitale umano e di conoscenza, può contribuire a migliorare la produttività dei fattori e il relativo tasso di crescita, con impatti permanenti e dinamici sulla frontiera efficiente della produzione. Il capitale pubblico, fisico e intangibile, si affianca pertanto a quello privato nella funzione di produzione aggregata. Le nuove teorie superano, quindi, l approccio tradizionale alla Solow (1956) e sottolineano il ruolo che il capitale umano 2 (privato e pubblico) svolge per spiegare non solo il livello del prodotto, ma anche segnatamente attraverso il capitale tecnologico il tasso di crescita della 1 Per una tassonomia delle infrastrutture, cfr. Appendice 1. 2 Sulla rilevanza del capitale umano come fattore di crescita e sui ritardi che caratterizzano l Italia, cfr. Visco (2009, 2011). 2

3 produttività totale dei fattori, che diventa fondamentalmente endogeno 3. Si combinano, pertanto, gli elementi di analisi della distinzione fra capitale pubblico e capitale privato con quelli degli investimenti sia in educazione e università, sia in ricerca e sviluppo e innovazione, e quindi nel capitale umano e in quello di conoscenza e tecnologia. Il modello neoclassico della funzione di produzione aggregata, secondo la formulazione proposta da Solow, fa dipendere l output aggregato dallo stock di capitale fisico, dalla quantità di forza lavoro e dal progresso tecnico incorporato nel lavoro (ovvero l efficienza di una unità di lavoro). Adottando questa prospettiva, lo sviluppo di un dato Paese dipende fondamentalmente dai tassi di crescita dello sviluppo tecnologico, dello stock di capitale e della forza lavoro. La principale fonte di sviluppo è, quindi, da rinvenire nell introduzione di innovazione di prodotto e di processo, che consente continui aumenti della produzione e del prodotto per addetto. Non sono prese in considerazione le caratteristiche del sistema che scaturiscono dall ambiente culturale, sociale, economico e istituzionale, e che pure incidono sulla produttività dei fattori; né si tiene conto delle modifiche nella struttura economica e sociale richieste dal progresso tecnico e dall innovazione. Il progresso è esogenamente determinato e considerato sostanzialmente equivalente rispetto ai diversi sistemi economici: coerentemente con quest approccio, quindi, tutti i Paesi dovrebbero incorporare nella propria funzione di produzione lo stesso fattore A. Il modello neoclassico non è in grado di fornire uno schema di riferimento analitico soddisfacente per spiegare il processo di crescita economica. In primo luogo, non consente di distinguere tra il capitale privato e quello pubblico nella funzione di produzione; la stessa introduzione del capitale umano postula, peraltro, investimento pubblico in educazione e università. Il ruolo delle infrastrutture fisiche tradizionali non viene preso in esame, mentre importanti lavori empirici 4 ne hanno indicato la rilevanza. Soprattutto, il modello neoclassico è ancorato a un tasso di crescita della produttività dei fattori determinato esogenamente. Appare, viceversa, necessario modellare i fattori e i processi di crescita della produttività per renderli endogeni e meglio spiegare la complessa e diversificata esperienza empirica. Al riguardo, è fondamentale l analisi del triangolo della tecnologia, ovvero del processo di accumulazione in capitale di conoscenza e di tecnologia, che si affianca, con caratteristiche distintive, al capitale umano. Gli investimenti - pubblici e privati - in innovazione, ricerca e sviluppo, produttività sono generalmente caratterizzati da economie esterne: la componente di tecnologia incorporata sia nello stock prevalentemente pubblico di capitale accumulato in ricerca di base, sia in quello 3 Cfr. Lucas (1988), Romer (1990), Mankiw et al. (1992) 4 Cfr., ad es., Aschauer (1989a) e United Nations (2009). 3

4 prevalentemente privato derivante da attività di R&D, ha effetti di spillover sull intera economia e sul sistema economico globale. Nei modelli di crescita endogena sviluppati, in particolare, da Romer 5 non si fa una distinzione tra investimenti pubblici e privati in innovazione, ma si ipotizza che le innovazioni siano fondamentalmente non-rivali, cosicché tutti ne possono beneficiare. Secondo l approccio di Romer, la forza lavoro si divide tra produzione e innovazione; si ipotizza, inoltre, che la produttività dell economia cresca non solo in funzione del numero di innovatori, ma anche dello stock di conoscenza accumulato 6. Conclusioni analoghe possono essere raggiunte affrontando il problema nella prospettiva dell attività di innovazione e di aumento della produttività e della competitività del settore privato. Se, come si è argomentato, i processi di ricerca di base e R&D, di trasferimento di tecnologie e di sbocco sul mercato sono intrinsecamente caratterizzati da esternalità, l esclusivo affidamento al mercato implica situazioni di sottoinvestimento rispetto ai valori ottimali per l economia. Questi fenomeni sono accentuati dal fatto che la ricerca di base e le attività più complesse di R&D sono contraddistinte da incertezza molto elevata sui ritorni economici, con connessi vincoli di finanziamento: i processi in questione possono essere meglio descritti da modelli di tipo opzione (e da distribuzioni di Pareto 7 e leggi di potenza), piuttosto che da schemi tradizionali di tasso atteso di ritorno. Tutto ciò implica che i modelli di finanziamento di tipo creditizio non sono idonei a catturare il potenziale upside molto elevato di pochi progetti vincenti, rispetto all elevatissimo tasso di mortalità. 3. Interdipendenza e interconnettività delle reti infrastrutturali L efficienza e la funzionalità statica e dinamica delle reti infrastrutturali dipendono sempre più dalla loro interdipendenza e interconnettività, fisica, tecnologica e informatica. Oggi è, quindi, necessario assicurare interoperabilità, intermodalità e interconnessione delle infrastrutture per garantirne il carattere di reti integrate. La crescente interconnessione e complessità rendono le reti più potenti, ma anche più vulnerabili. I problemi di analisi del rischio e di stabilità sistemica diventano fondamentali per 5 Cfr. Romer (1990, 1994). Romer correttamente identifica anche il rischio di parcellizzazione e di moltiplicazione degli addetti in centri dove i ricercatori sprecano risorse riscoprendo conoscenza già nota, senza mai raggiungere la frontiera di efficienza. Queste considerazioni appaiono particolarmente rilevanti in Europa, avendo riguardo alla situazione degli investitori in innovazione, che soffrono non solo della quota bassa di investimenti pubblici e privati - rispetto al PIL, ma anche della frammentazione in centri di ricerca collegati al numero dei Paesi e non all eccellenza dei laboratori e delle Università. 6 Per un approfondimento sul ruolo del capitale umano, della conoscenza e dell energia sui modelli di crescita endogena, cfr. Appendice 2. 7 Cfr. Pareto (1897). 4

5 le moderne economie, come si è visto ad esempio con la crisi delle infrastrutture del sistema finanziario nel La controparte necessaria ai sistemi infrastrutturali, definiti come sopra in modo ampio, sono le reti sociali che, non solo, li utilizzano, ma come si è visto ne rappresentano una componente fondamentale in termini di capitale umano e di conoscenza. I sistemi di trasporto urbano, internet, i sistemi della ricerca (università e laboratori), della sanità, della difesa, dei pagamenti e dei regolamenti monetari sono tutti insiemi complessi, che devono essere collegati in un network integrato. Ogni componente/agente/operatore/cittadino interagisce con gli altri insiemi di agenti, attiva e viene condizionato dalle infrastrutture sopra descritte e dai loro legami. L efficienza, l efficacia e la qualità delle reti infrastrutturali sono fondamentali per il benessere privato e sociale, sia sotto il profilo statico, sia in termini dinamici. I sistemi diventano, pertanto, sociali/tecnici/economici: le reti fisiche e virtuali interagiscono con quelle sociali, secondo modalità sempre più complesse. Le reti sociali sono caratterizzate da livelli molto elevati di clustering locale; le reti di infrastrutture, invece, hanno coefficienti di clustering relativamente bassi. L informatica tende a superare questa dicotomia. Nell ottica qui proposta, le infrastrutture devono essere viste come insieme di elementi strutturali che concorrono a formare un unità organica, ancorché debbano naturalmente essere considerate anche in maniera specifica. La distinzione tra reti-hard e reti-soft non può rappresentare un paradigma. Il modello di internet è emblematico di come lo sviluppo tecnologico e l interconnessione delle infrastrutture fisiche di rete esistenti e dei sistemi di telecomunicazione abbiano consentito la creazione di una rete informatica mondiale che permette agli utenti di differenti computer, ovvero di terminali di connessione portatili, di interagire nel www. D altra parte, qualsiasi rete-hard è anche, in realtà, una rete fondamentale di trasmissione di dati e di servizi che si collegano alla più ampia rete informatica. La rilevanza e la pregnanza del nesso infrastruttura-hard e info-struttura sono, ad esempio, evidenti nel settore ferroviario. Gli avanzamenti informatici consentono oggi di utilizzare in maniera molto più intensiva che nel passato le reti fisiche esistenti e il materiale rotabile, che rappresentano anche infostrutture complesse: infrastrutture e reti si compenetrano, nodi e terminali ne rappresentano elementi essenziali. La funzionalità delle infrastrutture e la loro efficienza economica e sociale dipendono in maniera cruciale dalla capacità di mettere in rete i nodi e di fare networking degli insiemi di reti infrastrutturali. In questa accezione, risulta evidente il superamento della tradizionale logica monomodale, che induce a favorire la ricerca di capacità addizionale delle singole reti, piuttosto che assicurare la capacità di fornire servizi in un contesto integrato plurimodale. È questo, ad esempio, il 5

6 nuovo approccio al sistema di infrastrutture europeo: da un patchwork a un network per realizzare un vero mercato unico Efficienza della spesa in infrastrutture Diversamente da quanto spesso è avvenuto nel passato, è fondamentale assicurare l efficienza degli investimenti (redditività sociale e privata), che si declina in termini di selezione (ritorno economico e ritorno finanziario, tenuto conto del rischio 9 ), di costruzione e gestione degli investimenti, di adeguamento delle infrastrutture esistenti come alternativa a nuova accumulazione (emblematico è il caso di adeguamento del patrimonio abitativo agli attuali standard di efficienza energetica). Occorre riconoscere e misurare la qualità, l efficienza e l efficacia dell investimento per determinare la produttività marginale del processo di accumulazione. Si pone, pertanto, la questione del mapping tra accumulazione e capitale produttivo, ovvero della stima dello stock di capitale aggiustato per l efficienza. 5. Il finanziamento delle infrastrutture La qualità degli investimenti è strettamente correlata alla qualità del processo di selezione, realizzazione e gestione delle infrastrutture e di erogazione dei servizi. Occorre ripensare la politica infrastrutturale in Europa e in Italia, intervenendo sulle tecniche di programmazione, di finanziamento, di gestione degli appalti e sulla regolazione dei servizi erogati tramite le stesse, affidando la gestione operativa ad autorità indipendenti, con elevate competenze tecniche e sottratte all influenza politica, che garantiscano un controllo di qualità sui progetti, sul modello della BEI in Europa, della Infrastructure Bank americana e dell Infrastructure Australia. In tal senso, si è espressa in Italia la Confindustria in relazione all istituzione di un authority nei trasporti, che limiterebbe sensibilmente l instabilità e l incertezza delle regole su piani di investimento e assetti gestionali degli operatori di mercato, riducendo il rischio regolatorio e quello amministrativo. Si devono evitare le non positive esperienze delle politiche della Germania post-unificazione a favore dei länder dell est o delle politiche italiane per il Mezzogiorno, che a fronte di considerevoli spese in infrastrutture hanno prodotto benefici inferiori alle attese 10, privilegiando gli investimenti capaci di rilanciare la produttività. 8 Cfr. European Commission Proposal establishing the Connecting Europe Facility (CEF) (European Commission, 19 October 2011). 9 Per un approfondimento sul tasso di ritorno economico e finanziario dell investimento, cfr. Appendice Cfr. Hummel, W. (2009). 6

7 La qualità degli investimenti ne determina l efficienza e l efficacia e ne favorisce l attrattività da parte dei capitali privati, indispensabili alla realizzazione dell investimento, tenuto conto anche del complesso quadro di vincoli sulle finanze pubbliche (riferimento è fatto ai vincoli di bilancio dell amministrazione centrale, ma anche a quelli gravanti sugli enti locali). Cruciale, al riguardo, è la qualificazione della domanda (la stazione appaltante) e dell offerta (le imprese) 11. Per tradurre il risparmio in investimento è fondamentale il ruolo dell analisi degli strumenti e degli intermediari finanziari. In chiave europea, si pone la duplice esigenza di riorientare e ampliare le risorse del bilancio europeo e di rivisitare il Fiscal Compact per consentire, entro limiti opportuni, la separazione delle spese di investimento produttivo da quelle correnti. Ciò almeno nell arco di un triennio/quinquennio, per riportare il prodotto europeo e italiano rapidamente ai livelli precedenti la crisi e inserire la crescita in una traiettoria di sviluppo sostenibile. Il costo della non azione, al di là del brevissimo termine, supera quello di un azione intelligente lungo le linee sopraindicate, anche per contribuire alla soluzione dei problemi ambientali. I problemi sopra menzionati sono evidentemente di particolare rilievo per l Italia, dove è palese il rischio di perpetuare una situazione di più debito pubblico e meno accumulazione pubblica e privata, minor capitale fisico e umano, aumento della disoccupazione che erode il potenziale del capitale umano e, in particolare, dei giovani. D altra parte, è fondamentale nel nostro Paese la questione della produttività dei nuovi investimenti infrastrutturali, con valutazione sistematica del rendimento finanziario e del rendimento economico (analisi costi-benefici attenta ai profili di rischio). Si pone, inoltre, l esigenza di efficacia ed efficienza del processo di realizzazione, che implicano altresì la necessità di tempi certi di realizzazione: i ritardi di esecuzione e gli aggravi di costo in Italia sono nettamente superiori alla media europea. La stessa sollecitazione ad ampliare il bilancio europeo e utilizzare appieno le risorse che deriveranno dall aumento di capitale della BEI finirebbe per favorire i Paesi concorrenti in Europa, se non si modificassero le condizioni di efficacia ed efficienza degli investimenti stessi. Particolare attenzione dovrà essere anche data all ammodernamento intelligente delle infrastrutture esistenti, utilizzando al meglio le innovazioni tecnologiche, ovvero investimenti soft che moltiplicano l efficienza di quelli hard. Gli intermediari finanziari italiani, che hanno sempre mantenuto un attento collegamento all economia reale e allo sviluppo segnatamente delle PMI, dovranno peraltro essere sostenuti da idonei adattamenti nelle regole contabili, fiscali e di capitale, secondo linee già individuate, segnatamente dal Club degli Investitori a Lungo Termine in Europa. Strumenti innovativi come i bond di progetto e altre forme di securitizzazione appaiono indispensabili. 11 Cfr. Confindustria (2011). 7

8 6. Stime dei fabbisogni infrastrutturali: le prospettive globali, europee e italiane. La dotazione infrastrutturale deve essere quantitativamente e qualitativamente adeguata alle finalità da perseguire. A tal fine, due fattori appaiono determinanti: (i) la capacità di investimento nell adeguamento infrastrutturale di un sistema produttivo, intendendo con esso la costruzione di nuove infrastrutture e l ammodernamento/mantenimento delle infrastrutture esistenti; e (ii) la capacità di gestione delle infrastrutture e dei servizi erogati per il loro tramite. Gli investimenti infrastrutturali devono essere congruenti rispetto ai fabbisogni che scaturiscono dalle trasformazioni politiche, demografiche, economiche e sociali di un sistema e che evolvono tipicamente in un orizzonte di lungo periodo. Alcuni fenomeni, quali ad esempio l incremento demografico, l invecchiamento della popolazione, l urbanizzazione, il cambiamento climatico e la dipendenza energetica possono esercitare rilevanti pressioni sui sistemi, imponendo urgenti e consistenti necessità di investimento (pubblico e privato) finalizzato all accumulazione di capitale fisico, allo sviluppo di capitale umano, al progresso tecnologico e alla tutela dell ambiente. La quantificazione del fabbisogno di investimento e del gap infrastrutturale è particolarmente complessa in relazione ai seguenti elementi di valutazione: (i) la definizione stessa di infrastrutture, che rimanda a configurazioni articolate e complesse di elementi fisici e intangibili; (ii) la difficoltà di raccolta ed elaborazione di dati omogenei e comparabili relativi alle differenti tipologie di infrastrutture; (iii) le diverse prospettive e aspirazioni di sviluppo dei sistemi socio-economici, sulle quali influiscono evidentemente gli attuali assetti politici e sociali; (iv) la necessità di considerare al contempo lo stock di capitale pubblico e privato, contraddistinti da differenti metodi di contabilizzazione. La disponibilità di dati è frammentaria e generalmente circoscritta a specifiche categorie e aggregati di infrastrutture, sia con riferimento alle statistiche internazionali, sia con riferimento a quelle nazionali: la ricomposizione dei fabbisogni si presenta, dunque, assai complessa e, comunque, sfavorita dai limiti impliciti della misurazione. I cambiamenti in atto e quelli attesi per i prossimi anni anni prefigurano un fabbisogno di investimento pubblico e privato in infrastrutture, a livello globale, di enorme entità (complessivamente tra 57 e 67 trilioni di dollari nell arco di tempo intercorrente tra il 2013 e il 2030, nelle sole infrastrutture di trasporto, quali strade, autostrade, aeroporti, reti energetiche, acquedotti e telecomunicazioni 12 ). 12 Cfr. Appendice 4. 8

9 In Europa, la Commissione europea ha stimato un fabbisogno complessivo in infrastrutture di energia, trasporti e telecomunicazioni, tra il 2010 e il 2020, pari a 1,5-2 trilioni di euro, che si rendono necessarie per raggiungere gli obiettivi di crescita della strategia Europa La maggior parte dell investimento richiesto sarà assorbito dal settore energetico, per il quale si stima un fabbisogno pari a 1 trilione di euro. Un altra importante fetta, circa 500 miliardi di euro, servirà a soddisfare la domanda di trasporto in relazione al completamento della rete trans-europea. Le infrastrutture digitali richiederebbero, invece, un investimento di circa 270 miliardi di euro. Adottando la definizione più ampia di infrastrutture, è dunque ragionevole ritenere che, tra il 2010 e il 2020, si renderanno necessari, in Europa, investimenti complessivi (pubblici e privati) pari ad almeno 4 trilioni di euro. Per quanto concerne l Italia, appaiono necessari tassi di crescita del PIL reale pari ad almeno il 2% (4% in termini nominali, considerato un tasso di inflazione del 2%). Il target, individuato da Confindustria 14, è decisamente ambizioso e ben al di sopra delle stime sul PIL italiano elaborate dagli organismi internazionali, che prevedono una crescita reale media del prodotto italiano intorno all 1-1,5% l anno. Un tasso di crescita del 2% consentirebbe di ottenere un PIL nominale al 2020 pari a circa miliardi di euro. Per raggiungere i target fissati dall Unione europea per il 2020, occorrerebbe investire almeno il 6% del PIL 120 miliardi in media l anno - in infrastrutture (intese nella loro accezione più ampia), che verrebbero cofinanziate dal settore pubblico e privato, ciascuno al 50%. Secondo il Rapporto annuale Agisci-Bocconi (2012), i costi del non fare le infrastrutture prioritarie che la collettività si troverebbe ad affrontare tra il 2012 e il 2017 ammonterebbero a circa 500 miliardi di euro, ovvero circa 100 miliardi di euro l anno, che equivalgono pressappoco agli investimenti infrastrutturali sopra stimati. 13 EC Communication COM(2011) 676 of October 19, 2011 and EC Staff Working Paper SEC(2011) 1239 final of October 19, Confindustria, Italia Le imprese per la modernizzazione del Paese. 9

10 Bibliografia Abdih Y. and Joutz, F., Relating the Knowledge Production Function to Total Factor Productivity: An Endogenous Growth Puzzle. IMF Working Paper, WP/05/74, April. Afonso, A., and Aubyn, M.St., Macroeconomic rates of return of public and private investment crowding-in and crowding-out effects. ECB Working Paper Series, 864, February. Agénor, P.R. and Neanidis, K.C., Innovation, Public Capital, and Growth. Discussion Paper Series, 135. Manchester: Centre for Growth and Business Cycle Research, Economic Studies, University of Manchester, February. Aghion, P. and Howitt, P., Capital, innovation, and growth accounting, Oxford Review of Economic Policy, 22(1), pp Delivering on the Monti Triangle : Growth, Budgetary Discipline and Social Cohesion. Paris: OECD. Añón Higón, D. Manjón Antolín, M., Internationalization, R&D and Productivity: Evidence for Great Britain. 2nd Conference on Corporate R&D (CONCORD ) Corporate R&D: an engine for growth, a challenge for European policy. Antiseri, D, Presentazione del libro di Emmanuele Emanuele, Il non-profit strumento di sviluppo economico e sociale. Roma: Università degli Studi Luiss Guido Carli, 9 Novembre Arrow, K., The Organization of Economic Activity: Issues Pertinent to the Choice of Market versus Non-market Allocations. In Analysis and Evaluation of Public Expenditures: The PPP System. Washington, D.C., Joint Economic Committee of Congress A Utilitarian Approach to the Concept of Equality in Public Expenditures. The Quarterly Journal of Economics, 85(3), pp Arslanalp, S., Bornhorst, F. and Gupta, S., Investing in growth. Finance & Development, Washington, D.C.: IMF, March. Aschauer, D.A., 1989a. Is Public expenditure Productive?. Journal of Monetary Economics, 23, pp b. Public Investment and Productivity Growth in the Group of Seven. Federal Reserve Bank of Chicago, Economic Perspectives, 13, c. Does Public Capital Crowd out Private Capital. Journal of Monetary Economics, 24, pp

11 Ayres, R.U. and Warr, B Accounting for growth: the role of physical work. Fontainebleau, France: Center for the Management of Environmental Resources, INSEAD. Available on line at Balassone, F. e Casadio P. (a cura di), Le infrastrutture in Italia: dotazione, programmazione, realizzazione. Seminari e convegni Workshops and Conferences, 17, Roma: Banca d Italia, Aprile. e Franco, D., Investimenti pubblici e Patto di stabilità e crescita: è opportuno introdurre la golden rule?. Politica economica, 14(3), pp Barrett, C.L, Eubank, S., Anil Kumar, V.S., Marathe, M.V., Understanding Large-scale Social and Infrastructure Networks: A Simulation-Based Approach. SIAM News, 37(4), May. Barro, R.J., Economic Growth in a Cross Section of Countries. NBER Working Paper, 3120, September. and Sala-i-Martin, X., Economic Growth. New York: McGraw-Hill. Bassanini, F. and Reviglio, E., Financial Stability, Fiscal Consolidation and Long-Term Investment after the Crisis. OECD Journal: Financial Market Trends, 2011(1). Bethmann, D., Transitional Dynamics in the Uzawa-Lucas Model of Endogenous Growth. Berlin: Department of Economics, Humboldt University Berlin, May 15. Bivona, G. e Masera, R., Autorità fiscale e crescita, in corso di pubblicazione. Boccuzzi, G., Towards a new framework for banking crisis management. The international debate and the Italian model. Quaderni di Ricerca Giuridica, 71, Roma: Banca d Italia. Busnelli, G., Shantaram, V. and Vatta, A., Competing for the home of the future. McKinsey Quarterly, 1/2012, pp Confindustria, Italia Le imprese per la modernizzazione del Paese Scenari Economici. No 13. Centro Studi, Dicembre. CNAPPC, ANCE e CRESME, Città, mercato e rigenerazione Convegno Ri.U.So 01. Città e rigenerazione, Roma-Milano, 3-20/21 aprile de Tocqueville, A., 1835 e La Democrazia in America. Della Croce, R., Stewart, F. and Yermo, J., Promoting Long-Term Investment by Institutional Investors: Selected Issues and Policies. OECD Journal: Financial Market Trends, 2011(1). 11

12 Denis, C., McMorrow, K. and Röger, W., Production Function Approach to Calculating Potential Growth and Output Gaps Estimates for the EU Member States and the US. European Commission Economic Papers, 176, September. Dimitz, M.A., Output Gaps and Technological Progress in European Monetary Union. Bank of Finland Discussion Paper, 20. Dobbs, R., Oppenheim, J. and Thompson, F., Mobilizing for a resource revolution. McKinsey Quarterly, 1/2012. Remes, J., Manyika, J., Roxburgh, C., Smit, S. and Schaer, F., Urban world: Cities and the rise of the consuming class. McKinsey Global Institute (MGI), June. EFA, Education for All - The Quality Imperative. EFA Global Monitoring Report. Paris: UNESCO. Emanuele, E., Il terzo pilastro. Il non profit motore del nuovo welfare. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane. Ervin, C., Long-term investors: Getting the model right. OECD Oberserver, , Q1-Q Escolano, J., A Practical Guide to Public Debt Dynamics, Fiscal Sustainability, and Cyclical Adjustment of Budgetary Aggregates. Washington DC: IMF. Eurofi, Improving the financing of long term projects to favour growth, The Eurofi Financial Forum 2012, Brussels, September. European Commission Communication COM(2010)2020 final of 3 March EUROPE A strategy for smart, sustainable and inclusive growth. Communication COM(2011) 676 of October 19, 2011 to the European Parliament, the Council, the European Court of Justice, the Court of Auditors, the European Investment Bank, the European Economic and Social Committee and to the Committee of the Regions. A growth package for integrated European infrastructures. Guidelines for Successful Public-Private Partnership. Brussels, February Proposal COM(2011) /0302 (COD) of 19 October 2011 for Regulation of the European Parliament and of the Council establishing the Connecting Europe Facility, Brussels. Staff Working Paper SEC(2011) 1239 final of October 19, Executive Summary of the Impact Assessment. Accompanying the document. Communication from the Commission to the 12

13 European Parliament, the Council, the European Economic and Social Committee and the Committee of the Regions. A pilot for the Europe 2020 Project Bond Initiative. European Council, Connecting Europe Facility. Czech Permanent Representation, 7 December European Investment Bank (EIB), The Loan Guarantee Instrument for Trans-European Transport Network Projects. Fact-Sheet R&D and financing of innovation in Europe. EIB Papers, 14(2), Luxembourg Productivity and growth in Europe. Long-term trends, current challenges and the role of economic dynamism. EIB Papers, 16(1). and Bruegel, Investment and growth in the time of climate change. Ferrante, G. e Marasco, P., Project finance. Elementi introduttivi. Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Franco, D., Premessa a Balassone, F. e Casadio P. (a cura di), Le infrastrutture in Italia: dotazione, programmazione, realizzazione. Seminari e convegni Workshops and Conferences, 17, Roma: Banca d Italia, Aprile. Gerassimos, T. and Gilibert, P., The Europe 2020 Project Bond Initiative. Conference on the Europe 2020 Project Bond Initiative, Brussels, 11 April Griliches, Z., R&D and Productivity. Chicago: University of Chicago Press. Group of Twenty (G-20), Global Prospect and Policy Challenges. Meeting of G-20 Finance Ministers and Central Bank Governors, Mexico City, 4-5 November Gupta, S., Kangur, A., Papageorgiou, C. and Wane, A., Efficiency-Adjusted Public Capital and Growth. IMF Working Paper, WP/11/217, September. Hanushek, E.A., Education Production Functions. Palgrave Encyclopedia. Hoover Institution, Stanford University, January. Herrera, S. and Pang, G., Efficiency of Public Spending in Developing Countries: An Efficiency Frontier Approach. World Bank, May. Hummel, W., Twenty Years of Stimulus for East Germany. The Wall Street Journal, November 8, Infrastructure Australia Act 2008, Act No. 17 of 2008 of Australian Government. International Monetary Fund (IMF), Fiscal Monitor. Washington DC: IMF. September. 13

14 Jones, C.I., Human Capital, Ideas, and Economic Growth. Paper presented to the VII Villa Mondragone International Economic Seminar on Finance, Research, Education, and Growth. Rome, June Kaminker, C. and Stewart, F., The Role of Institutional Investors in Financing Clean Energy. OECD Working Papers on Finance, Insurance and Private Pensions, No. 23, OECD Publishing. Liikanen, E., High-level Expert Group on reforming the structure of the EU banking sector Final Report. Brussels, 2 October Lucas, R.E., On the mechanics of economic development. Journal of Monetary Economics, 22, pp Mankiw, G.N., Romer, D. and Weil, D.N., A contribution to the empirics of economic growth. The Quarterly Journal of Economics, 107(2), pp Manyika, J., Sinclair, J., Dobbs, R., Strube, G., Rassey, L., Mischke, J., Remes, J., Roxburgh, C., George, K., O'Halloran, D. and Ramaswamy, S., Manufacturing the future: The next era of global growth and innovation. Report, McKinsey Global Institute (MGI), November. Masera, R., Disavanzo pubblico e vincolo di bilancio. Milano: Edizioni di comunità Saggi di Finanza. Milano: Il Sole 24 Ore Libri Reti di trasporto, competitività e sviluppo. L industria. Rivista di economia e politica industriale, Anno XXVII, 3, Luglio-Settembre. (a cura di), Saggi sulla metodologia della ricerca in economia. Università degli Studi G. Marconi, Roma: Gangemi Editore Stabilità finanziaria e crescita in Europa. Intervento al Convegno Fondazione Economia Tor Vergata Patto per l euro, riforme e competitività, Roma, 8 giugno 2011, in corso di pubblicazione Infrastrutture e loro finanziamento in Europa: implicazioni per il Fiscal Compact. Bancaria, 6/2012. McKinsey Global Institute, Urban world: Cities and the rise of the consuming class. June Infrastructure productivity: How to save $1 trillion a year. January. OECD, Environmental Outlook to The consequences of inaction. OECD Publishing. Oulton, N. and Young, G., The social rate of return in investment. National Institute of Economic and Social Research Discussion Paper, 93, April. 14

15 Paganetto, L., Mito e realtà delle politiche di austerità. Convegno Fondazione Economia Tor Vergata Politiche di austerità e dinamismo dell economia, Roma, 8 maggio Pareto, V., Cours d Économie politique, Lausanne. Perotti, R., Estimating the Effects of Fiscal Policy in OECD countries. CEPR Discussion Paper, Pritchett, L., Where has all the education gone? Mimeo. Washington DC: The World Bank The tyranny of concepts - CUDIE (Cumulated, Depreciated Investment Effort) is NOT capital. Policy Research Working Paper Series, 2341, Washington, D.C.: The World Bank. Romer, P.M., Endogenous Technological Change. Journal of Political Economy, 98(5) The Origins of Endogenous Growth. The Journal of Economic Perspectives, 8(1), Winter, pp Rossi, S., Controtempo. L Italia nella crisi mondiale. Bari: Laterza. Roxburgh, C., Labaye, E., Thompson, F., Tacke, T. and Kauffman, D., Investing in growth: Europe's next challenge. Report, McKinsey Global Institute (MGI), December. Lund, S., Dobbs, R., Manyika, J., Wu, H., The emerging equity gap: Growth and stability in the new investor landscape. Report, McKinsey Global Institute (MGI), December. Savona, P., Il ritorno dello stato padrone. I fondi sovrani e il grande negoziato globale. Soveria Mannelli: Rubbettino. Solow, R.M., Contribution to the theory of economic growth. Quarterly Journal of Economics, 70, pp Perspectives on growth theory. Journal of Economic Perspectives, 8, pp Sylos Labini, P., Sottosviluppo. Una strategia di riforme. Bari: Laterza. Treaty on Stability, Coordination and Governance in the Economic and Monetary Union (TSCG). Brussels, 2 March United Nations (UN), Public investment. New York and Geneva. UTFP, PPP in Italia: cosa fare? Il punta di vista della pubblica amministrazione, delle imprese e delle banche. Roma, 12 maggio Visco, I., Investire in conoscenza. Per la crescita economica. Bologna: Il Mulino Investire in conoscenza: giovani e cittadini, formazione e lavoro. XXX Congresso nazionale dell AIMMF, Catania, 25 novembre

16 World Economic Forum (WEF), Positive infrastructure. A framework for revitalizing the global economy. Geneva: World Economic Forum The Future of Long-term Investing Measurement, Governance and Long-term Investing. March. 16

17 Appendice 1 Tassonomia delle infrastrutture Una definizione esaustiva e unanimemente accettata di infrastrutture non è disponibile in letteratura. Tradizionalmente, esse sono definite, in senso stretto, come l insieme di elementi che concorrono a formare una rete integrata di attività fisse e che costituiscono una parte essenziale del capitale fisico di un Paese, tipicamente: le reti e le infrastrutture di trasporto di persone/merci/informazioni/beni, ovvero strade, ferrovie, aeroporti, porti (reti fluviali interne e reti marittime), le reti energetiche, gli acquedotti; le reti per la gestione integrata dei rifiuti; le reti di trasmissione di informazioni/dati/entertainment, fra le quali rientra, evidentemente, la rete delle reti informatiche: Internet. Questi network concorrono a formare il cosiddetto ICT capital. Ad essi si aggiungono le infrastrutture che fanno riferimento alle attività di ricerca e sviluppo, con le esternalità alle stesse intrinsecamente connesse, che ne giustificano il sostegno pubblico (knowledge spillovers e impatto del capitale di conoscenza e di tecnologia sul livello e sulla crescita del prodotto nazionale). Lo stock di investimenti effettuati nel tempo in queste aree si manifesta, in parte, in dotazione di capitale fisico, ma prevalentemente in capitale di conoscenza, di fondamentale importanza nelle moderne economie, dove la componente di produzione e di import/export immateriale assume sempre maggior peso. In senso lato, si possono definire infrastrutture i sistemi per la fornitura di servizi/beni pubblici fondamentali, che ricomprendono: la definizione e il rispetto dei diritti dei cittadini attraverso l attività legislativa, giudiziaria, esecutiva e di ordine pubblico; il sistema educativo e universitario; il sistema sanitario e assistenziale; il sistema e le reti di difesa nazionale; i sistemi di conservazione e gestione dell ambiente, e le reti di protezione civile; le infrastrutture del sistema finanziario; le infrastrutture sociali, ovvero il capitale privato non profit e il patrimonio artistico e culturale. Queste infrastrutture sono connesse prevalentemente a capitale umano, ma richiedono anche capitale fisico privato e pubblico. In particolare, il buon funzionamento (in termini di efficacia e di efficienza) dei sistemi legislativo, esecutivo, giudiziario e di rispetto dell ordine (the rule of law) è critico per la crescita e lo sviluppo di qualsiasi economia di mercato. Vi è, al riguardo, ampia e consolidata esperienza empirica che dimostra e quantifica la rilevanza di questi fattori. Si manifesta, segnatamente, una forte e significativa relazione inversa tra corruzione, criminalità e crescita sostenibile. 17

18 Appendice 2 Modelli di crescita endogena: il ruolo del capitale umano, della conoscenza e dell energia L approccio tradizionale della funzione di produzione Solow/Cobb-Douglas viene modificato lungo diverse direttrici. Si separa, in primo luogo, il capitale pubblico da quello privato. Il fattore lavoro è distinto in numero di addetti e indice del capitale umano per addetto, che incorpora gli investimenti in conoscenza ed educazione: [10] Y A F K, G, L H ) t t ( t t t t dove Y t = output aggregato reale; A t = produttività globale dei fattori; K t = stock aggregato di capitale privato; G t = stock di capitale aggregato pubblico; L t = offerta di lavoro; H t = indice di capitale umano per lavoratore. La endogeneità del progresso tecnico può essere modellata con funzioni di produzione che descrivono la relazione della conoscenza con variabili collegate, in senso lato, ai processi di ricerca e sviluppo 15. Si è già sottolineato che i processi in questione sono collegati a una combinazione di investimenti privati e pubblici: la ricerca fondamentale è principalmente responsabilità del settore pubblico; la conoscenza e lo sviluppo all interno delle imprese sono, naturalmente, di principale responsabilità del settore privato. Il mercato da solo non è, peraltro, in grado di fornire completamente la ricerca necessaria, in quanto la determinazione dei costi e dei prezzi marginale non conduce a risultati di ottimalità per l impresa: il governo svolge utilmente la funzione di offrire idonei sussidi per produrre l ammontare ottimale di ricerca per un sistema economico, sia per la esternalità positiva o spillover della ricerca intrapresa anche all interno del settore privato, sia perché il mercato può non riconoscere come la ricerca corrente aumenti la produttività nel futuro. Adottando questi modelli allargati, la funzione di produzione può essere scritta come segue: [11] Y t At ( KCt, Lkt Ht ) F( K' t, G' t, L' t H' t ) dove Y t = output aggregato reale; KC t = capitale fisico tecnologico (pubblico e privato) del sistema economico; Lk t = forza lavoro operante nel settore di conoscenza e tecnologia; H t = indice di capitale umano per lavoratore impiegato nel settore di conoscenza e tecnologia; K t = capitale privato, con l esclusione di quello tecnologico; G t = capitale pubblico, con l esclusione di quello tecnologico; L t = 15 Cfr., in particolare, i lavori di Romer sopra ricordati e gli schemi delle Figg. 1 e 2. 18

19 forza lavoro, con l esclusione di quella addetta al settore tecnologico; H t = indice del capitale umano per lavoratore, con l esclusione della componente tecnologica non rivale 16. Secondo questo approccio, il capitale fisico e umano e la forza lavoro del triangolo della conoscenza influiscono direttamente sul progresso tecnico, che diventa pertanto endogeno 17. Il progresso tecnico risulta, come si è indicato, strettamente collegato con il capitale di conoscenza e di tecnologia, accumulato tramite l investimento derivante da attivi di ricerca di base e di R&D, con gli spillover ad esse connessi. A livello dell economia mondiale, il cambiamento tecnologico è fondamentalmente endogeno e origina da scelte pubbliche e private di investimento in tecnologia. Sulla base di questi modelli allargati alla funzione di produzione, si evince la rilevanza, nelle moderne economie, dell intreccio tra capitale pubblico e capitale privato, e tra capitale fisico, capitale umano e capitale di conoscenza e di tecnologia. Gli investimenti e lo stock accumulato di infrastrutture definite in senso lato rivestono, pertanto, un ruolo fondamentale per spiegare il livello e la crescita del prodotto aggregato 18. Nella funzione classica di produzione, l energia è considerata alla stregua di un prodotto intermedio e, pertanto, valutata in termini di valore aggiunto. Tuttavia, essa rappresenta un elemento cruciale del processo di produzione nella misura in cui attiva tutti gli input della produzione, che senza l energia non sarebbero dunque in grado di lavorare (si pensi all energia elettrica, all energia termica, ma anche a quella meccanica). I sistemi economici dipendono tutti, in misura variabile rispetto al grado di avanzamento tecnologico, dalla disponibilità di energia, che andrebbe quindi opportunamente rivalutata nella teoria della crescita. In particolare, l analisi della dinamica tra crescita ed energia andrebbe posta in termini di efficienza termodinamica dei processi di produzione. Occorrerebbe, cioè, valutare la capacità di sfruttamento del potenziale energetico da parte di un sistema economico, prendendo in esame il massimo livello di energia disponibile per produrre lavoro utile (l exergia), dato uno stock di risorse, con il lavoro effettivamente ottenuto nei processi di produzione. Intuitivamente, più è efficiente il processo di conversione energetica, maggiore è il potenziale di crescita di un economia L equazione della funzione allargata di produzione può essere interpretata come forma ridotta di modelli microfondati, collegati a processi di ottimizzazione. Cfr., ad es., Bethmann (2004) e Agénor e Neanidis (2010). 17 La letteratura su questi modelli allargati, con capitale pubblico e progresso tecnico endogeno, è molto ampia. Al di là degli studi già citati, cfr. ad esempio: Griliches (1998), Abdih and Joutz (2004), Perotti (2005), Aghion and Howitt (2007), United Nations (2009), EIB (2009, 2011), Agénor e Neanidis (2010) e Arslanalp et al. (2011). 18 I modelli indicati contribuiscono a offrire una spiegazione del forte tasso di crescita conseguito dai Paesi emergenti che destinano rilevanti risorse ad accumulazione in educazione, università, ricerca e sviluppo, nonché in infrastrutture tradizionali, adeguatamente selezionate. 19 Cfr. Ayres and Warr (2005). 19

20 Appendice 3 Financial and economic rates of return and endogenous growth 1. FRR = financial rate of return (market prices). ERR = economic rate of return (shadow prices). We write, assuming for simplicity additivity: [1] ERR FRR EXR, where EXR is the external rate of return. For projects (co)financed by the government the following restriction is imposed: [2] ERR FRR since EXR must be positive. Privately financed projects may have: [3] FRR ERR if EXR 0and no disincentives are in place. We also assume that public investments are undertaken only if: ERR > international/national rate of interest. Additionally, it is posited that the threshold interest rate (TR) is higher than the growth rate of GDP: [4] TR GY 2. We suppose that GDP (Y) is produced using four factor inputs: physical private (K) and public capital (P), labour adjusted for human capital (H), (the stock) of exergy (E): [5] Y Af K, P, H, E where A = TFP (total factor productivity). 20

21 We make two additional assumptions on the production function: - investments in physical and human capital by the private and the public sector depend upon growth of total factor productivity (input/output endogeneity); - A is a positive function of investment in R&D, broadly defined, and notably in: (i) the efficiency (technological and environmental) of conversion of exergy into useful work (thermodynamic/environmental efficiency of the economy), (ii) information technology, and (iii) human knowledge in general, (public/private co-investments): A [6] 0 R & D. We therefore have: [7] g A gy wkgk wpgp whgh wege, where w i Y i i Y 3. If ERR GY at the micro level, we can infer that, at macro level, public capital investment has a positive impact on the government debt/income ratio because Y K. This is a one-period perspective. If, additionally, we assume that public investment is undertaken in R&D and we note that A is permanently raised by an increase in K R&D, we have that, by increasing public investment in R&D, G A is higher and G Y is raised because of the point impact of G A and G P. In other words, it is even more true that public investment has a positive income on the sustainability of public debt (D). In this framework we can identify a virtuous (vicious) growth loop: 21

22 Appendice 4 I cambiamenti socio-demografici e ambientali in atto A livello globale, l aumento della popolazione atteso al 2050 passerebbe dagli attuali 7 miliardi di persone a più di 9 miliardi. L Europa, e più in generale i Paesi OECD, sperimenteranno modesti tassi di crescita rispetto alla rapida demografica che interesserà i Paesi BRIIC [OECD, 2012]. Il fenomeno dell invecchiamento della popolazione, già in atto, è destinato ad accentuarsi nei prossimi anni, in particolare nei Paesi OECD e segnatamente in Europa, con conseguente riduzione della quota di popolazione attiva e peggioramento del tasso di dipendenza dagli anziani. Inevitabilmente tali cambiamenti avranno ripercussioni sugli stili di vita e sui modelli di consumo e di risparmio delle economie europee, sui servizi alla salute e sull assistenza pubblica. Il contributo dell immigrazione potrebbe, in parte, mitigare il fenomeno dell invecchiamento, influendo positivamente sul numero di abitanti in età lavorativa e sul tasso di fertilità della popolazione autoctona. L evoluzione demografica sarà accompagnata anche da rilevanti cambiamenti nella distribuzione geografica della popolazione: attualmente circa il 50% della popolazione mondiale vive in aree urbane. Nel 2050 tale percentuale raggiungerà una quota parti al 70% della popolazione (circa 6,4 miliardi di persone) [McKinsey Global Institute, 2012]. L incremento sarà per lo più assorbito dai Paesi non OECD, e in particolare dalla Cina, e implicherà la necessità di fornire, a un numero crescente di abitanti, adeguate infrastrutture, moderne ed efficienti, per garantire l erogazione dei servizi urbani essenziali (abitazioni, locali commerciali, acqua, energia, gestione dei rifiuti, trasporti, istruzione, assistenza sociale ecc.). Le trasformazioni economiche e sociali attese per i prossimi anni eserciteranno notevoli pressioni sull ambiente naturale, con particolare riferimento alle emissioni atmosferiche di gas serra, principali responsabili del global warming. Secondo l OECD, la mancata adozione di adeguate politiche di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico favorirà un incremento della temperatura media globale nell ordine di 3-6 C rispetto al livello preindustriale, con conseguenti danni, su larga scala, potenzialmente catastrofici e di natura irreversibile oltre la soglia di un incremento di 2 C. Particolarmente rilevante appare la tempestività degli interventi, affinché gli stessi si rivelino efficaci. 22

23 Appendice 5 Tavole dei dati Figura 1 Stima dei fabbisogni di investimenti, Fonte: McKinsey (2013), sulla base di dati OECD, IEA, ITF, GWI. Tabella 1 Fabbisogno di investimenti in infrastrutture nell Unione Europea tra il 2010 e il 2020 Investimenti complessivi in infrastrutture per le reti energetiche, di trasporto e TLC, di cui: 1,5-2 trilioni di euro Reti energetiche Reti di trasporto Reti di telecomunicazioni 1 trilione di euro 500 miliardi 270 miliardi Fonte: Elaborazione su dati Commissione Europea 23

24 Tabella 2 Investimenti infrastrutturali nella Germania post-unificazione Investimenti finanziati dalla Germania dell Ovest in favore della Germania dell Est, negli ultimi 20 anni 1,5 2 trilioni di euro 24

25 25

I nfrastrutture e loro finanziamento in Europa: implicazioni per il Fiscal Compact. Infrastructure financing in Europe and the Fiscal Compact approach

I nfrastrutture e loro finanziamento in Europa: implicazioni per il Fiscal Compact. Infrastructure financing in Europe and the Fiscal Compact approach I nfrastrutture e loro finanziamento in Europa: implicazioni per il Fiscal Compact Infrastructure financing in Europe and the Fiscal Compact approach Le reti e i sistemi di infrastrutture, definiti in

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Elenco completo periodici in abbonamento 20 giugno 2013 Ver. 1.0 Ministero dell Economia e delle Finanze Ufficio per il coordinamento tecnico logistico Biblioteca e ufficio di documentazione del DT Sommario

Dettagli

Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector. UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy

Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector. UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy Andrea Costa Telecom Italia Vertical Marketing Public Sector UCLG World Council 9-11 December 2011, Florence, Italy Le sfide di Europa 2020 3 direttrici Smart Growth Sviluppo di un economia basata su innovazione

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Anna Maria Fontana Responsabile divisione VII DPS-DGPRUN Investimenti pubblici in infrastrutture

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A.

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Salerno, 18 giugno 2014 Palazzo di Città, Salone dei Marmi Domenico Gammaldi Banca d Italia

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

Se il progresso tecnico non è lo stesso in tutti i paesi le conclusioni non valgono.

Se il progresso tecnico non è lo stesso in tutti i paesi le conclusioni non valgono. CONVERGENZA Il modello neoclassico prevede: convergenza condizionata: la convergenza nei livelli di reddito per addetto è condizionata dalla propensione al risparmio s. convergenza assoluta: prevede la

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata Roma, 15 ottobre 2013 LA CRISI DELL ECONOMIA ITALIANA DIPENDE DALLA RECESSIONE

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Progetto RACCORDO: Stato di avanzamento delle attività

Progetto RACCORDO: Stato di avanzamento delle attività Riccardo Gabriele Di Meglio 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione Servizi finanziari innovativi Progetto RACCORDO: Stato di avanzamento delle attività Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Transizione energetica per la sostenibilità Ricerca tecnologica e politica industriale

Transizione energetica per la sostenibilità Ricerca tecnologica e politica industriale Transizione energetica per la sostenibilità Ricerca tecnologica e politica industriale Carlo Manna, ENEA IEFE Bocconi, Milano 5 dicembre 2012 Obiettivo sostenibilità: Affrontare i fattori di rischio per

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa

Realizzare l Unione Energetica europea. Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Realizzare l Unione Energetica europea Proposte e raccomandazioni di policy per dare energia alla competitività dell Europa Mappa concettuale della Ricerca Contesto di riferimento : un elemento chiave

Dettagli

Scheda 6 «Smart City» SMART MOBILITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 6 «Smart City» SMART MOBILITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 6 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento La mobilità è una determinante dello sviluppo e sta diventando una parte fondamentale della vita sociale ed economica. Le società sono sempre

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE

Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE Fermo 25 gennaio 2013 Fabio Travagliati Regione Marche Funzionario P.F. Politiche Comunitarie e Autorità di Gestione FESR e FSE MARCHE IL CENTRO STORICO - Verso un nuovo modello di sviluppo integrato del

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO Dipartimento di Ingegneria dell Informazione ed Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Salerno ESIGENZE ATTUALI Aumento delle funzioni/prestazioni

Dettagli

FLAEI-Cisl. Segreteria Nazionale FLAEI Cisl Via Salaria 83, 00198 Roma Tel. 06 8440421 email: nazionale@flaeicisl.org

FLAEI-Cisl. Segreteria Nazionale FLAEI Cisl Via Salaria 83, 00198 Roma Tel. 06 8440421 email: nazionale@flaeicisl.org 3-4-5 giugno Il Lavoro #adottaungiovanedisoccupatoo La Formazione #adottaungiovanefuturoo ANALISI E PROPOSTE DELLA FLAEI-Cisl Il Sistema Elettrico Nazionale tra passato, presente e futuro Le politiche

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

La regolazione delle reti elettriche in Italia

La regolazione delle reti elettriche in Italia La regolazione delle reti elettriche in Italia IEFE UNIVERSITA BOCCONI PROGETTO DI RICERCA PROMOSSO DA ANIE RAPPORTO FINALE, GIUGNO 2014 Michele Polo (IEFE, Dipartimento di Economia e eni Chair in Energy

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Produzione e crescita

Produzione e crescita Produzione e crescita Il Pil reale pro-capite è una buona misura del benessere di un economia. Quali sono le determinanti della crescita di lungo periodo del Pil reale. I confronti internazionali evidenziano

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Requisiti RTDB: 6 punti, di cui almeno 50% su riviste di fascia A o superiore.

Requisiti RTDB: 6 punti, di cui almeno 50% su riviste di fascia A o superiore. Facoltà di Scienze Bancarie Finanziarie Assicurative area Economia Politica, Politica Economica Requisiti minimi per il reclutamento I seguenti requisiti minimi si applicano per il reclutamento a partire

Dettagli

Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento?

Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento? Impact Investing Una grande opportunità di cambiamento? NID III Edizione Manuela Brusoni Milano, 12.11.2014 Le opportunità dell Impact Investing 1 Sostenere lo sviluppo economico e sociale dell Italia

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

Uniamo le Energie. Workshop parallelo La finanza energetica CARLO MARIA MAGNI. Coordinato del gruppo di lavoro finanza del Kyoto Club

Uniamo le Energie. Workshop parallelo La finanza energetica CARLO MARIA MAGNI. Coordinato del gruppo di lavoro finanza del Kyoto Club Uniamo le Energie Workshop parallelo La finanza energetica CARLO MARIA MAGNI Coordinato del gruppo di lavoro finanza del Kyoto Club 23 maggio 2008 Palavela, Torino Introduzione Uniamo le energie Uniamo

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Dalle Smart Grid alle Smart Cities Un opportunit. opportunità di innovazione Andrea Costa

Dalle Smart Grid alle Smart Cities Un opportunit. opportunità di innovazione Andrea Costa Dalle Smart Grid alle Smart Cities Un opportunit opportunità di innovazione Andrea Costa Le sfide di Europa 2020 3 direttrici Smart Growth Sviluppo di un economia basata su innovazione e conoscenza. Sviluppo

Dettagli

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Enrico Giovannini Presidente dell Istituto nazionale di statistica Milano, 21 gennaio

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

Convegno La biblioteca scientifica e tecnologica

Convegno La biblioteca scientifica e tecnologica Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi La Sapienza Convegno La biblioteca scientifica e tecnologica Roma, 17 aprile 2008 Valutazione delle pubblicazioni scientifiche e open access Emanuela

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI

Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI Gli strumenti della BEI a favore delle RINNOVABILI Convention Credito al Credito Angela Mancinelli Roma, 26 novembre 2010 INDICE 1. 2. 3. 4. BEI Quadro generale ENERGIA Contesto operativo ENERGIA Strumenti

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita globale: Ci salverà la produttività in un mondo che invecchia? Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita del PIL mondiale dal 1964 al 2015 50 anni x6 1 Popolazione e

Dettagli

Franco Masera. Senior Advisor KPMG

Franco Masera. Senior Advisor KPMG Franco Masera Senior Advisor KPMG Franco MASERA Alessandro GUIDUCCI Valerio TROMBETTA Le Rotte Aeree, le nuove autostrade per la connettività globale Globalizzazione: occorre avvicinare la nuova Domanda

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020

Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020 Finanza per lo Sviluppo Costruiamo insieme il Programma 2014-2020 Andrea Kirschen Infrastrutture, Energia ed Enti Locali Italia e Malta Bologna 16 Luglio 2013 Prestiti (stipule) nel 2012: 52,2 miliardi

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Essence - Emerging Security Standards for the EU power Network controls and other Critical Equipment 2012-2014

Essence - Emerging Security Standards for the EU power Network controls and other Critical Equipment 2012-2014 Alberto_stefanini@virgilio.it Alberto_stefanini@virgilio.it Alberto_stefanini@virgilio.it Essence - Emerging Security Standards for the EU power Network controls and other Critical Equipment 2012-2014

Dettagli

IL VALORE POTENZIALE DEI LASCITI DI BENEFICENZA QUADERNI DELL OSSERVATORIO

IL VALORE POTENZIALE DEI LASCITI DI BENEFICENZA QUADERNI DELL OSSERVATORIO 2 IL VALORE POTENZIALE DEI LASCITI DI BENEFICENZA QUADERNI DELL OSSERVATORIO IL VALORE POTENZIALE DEI LASCITI DI BENEFICENZA IL FLUSSO DI RICCHEZZA TRASFERITO MORTIS CAUSA IN LOMBARDIA E IN ITALIA NEL

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica.

REPORT SULL IMPATTO SOCIALE FUORI STRADA. Le pretese dell industria automobilistica. In assenza di una regolamentazione legislativa, i progressi tecnici sono stati usati per produrre automobili più potenti e più inquinanti, piuttosto che per ottenere riduzioni nelle emissioni di CO2. REPORT

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi

La nuova direttiva sull'efficienza energetica. Paolo Bertoldi La nuova direttiva sull'efficienza energetica Paolo Bertoldi L utilizzo dell energia è una fonte importante di emissioni Parte dei gas ad effetto serra 2008 Agricoltura 10% Industria 8% Rifiuti 3% Energia

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori

Individuare le priorità di Going for Growth 2013. Priorità sostenute dagli indicatori ITALIA Il PIL pro capite ha continuato a contrarsi, collocandosi ben al di sotto della media superiore dell OCSE. Nonostante un aumento dell intensità di capitale, la crescita della produttività del lavoro

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Nicola Ciniero Consigliere Incaricato, Confindustria Digitale Presidente e Amministratore Delegato IBM Italia 13 Maggio 2013 1 Problemi ben noti limitano la

Dettagli

Carta di Siracusa sulla Biodiversità

Carta di Siracusa sulla Biodiversità Carta di Siracusa sulla Biodiversità Noi, Ministri dell ambiente del G8 di concerto con i Ministri di Australia, Brasile, Cina, Repubblica Ceca,Egitto,India,Indonesia,Messico,RepubblicadiCorea,SudAfrica,SveziaeconleOrganizzazioni

Dettagli

MODELLI LOCALI DI SVILUPPO

MODELLI LOCALI DI SVILUPPO MODELLI LOCALI DI SVILUPPO 1.a PRESENTAZIONE DEL CORSO A Obiettivi i) Meccanismi ii) Cause iii) Politiche B Contenuti i) ottica lungo periodo ii) fatti stilizzati iii) rassegna storica iv) modelli v) concetti

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione Domenico Laforgia Magnifico Rettore Professore ordinario di Sistemi

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015 Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi Milano 28 gennaio 2015 Stefano Sardelli Direttore Generale Presidente MILLENNIUM Sim La demografia incide in modo molto importante sulla crescita

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli