Discorso di Apertura. Verso un Futuro Sostenibile: Il Ruolo degli Investimenti a Lungo Termine 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Discorso di Apertura. Verso un Futuro Sostenibile: Il Ruolo degli Investimenti a Lungo Termine 1"

Transcript

1 F. BASSANINI - VERSO UN FUTURO SOSTENIBILE: IL RUOLO DEGLI INVESTIMENTI A LUNGO TERMINE Discorso di Apertura di Franco Bassanini Verso un Futuro Sostenibile: Il Ruolo degli Investimenti a Lungo Termine Ottobre 2010 Venezia, Isola di San Clemente 2 Signore e signori, Stiamo per affrontare due giornate di dibattiti molto intense e interessanti. Partiamo dalla ferma convinzione che il tema degli investimenti a lungo termine sia cruciale per il futuro dell economia mondiale e per il futuro della civiltà e del benessere umano. Una visione a lungo termine implica necessariamente una politica fatta di investimenti strategici pubblici, privati e pubblico-privati destinati a infrastrutture, energia, scienza, tecnologia e capitale umano e sociale. Ciò è particolarmente vero per quanto riguarda quei progetti che hanno forti esternalità positive ai fini di una crescita bilanciata e sostenibile e della prosperità della società umana nel suo insieme. Questi potrebbero giocare un ruolo decisivo nel restituire stabilità ai mercati finanziari. La crisi finanziaria sta avendo un notevole impatto sulla finanza pubblica di quasi tutti i paesi del mondo. Considerando le 33 economie avanzate definite dal World Economic Outlook, possiamo verificare che nel 2009 il valore medio del deficit di bilancio si aggirava intorno al 9%, mentre nel 2007 era solo pari all 1 %. Il rapporto tra debito pubblico e PIL dei paesi del G-7 ha raggiunto i livelli del dopo-guerra. Per quanto riguarda le economie avanzate all interno del G-20, questo rapporto ha raggiunto il 102% nel 2009 e ci si aspetta che raggiungerà il 122% nel 2014, mentre il debito pubblico dei paesi emergenti dovrebbe rimanere per lo più stabile su livelli molto inferiori. Ciò vuol dire che nelle prossime decadi non solo si verificheranno profonde trasformazioni strutturali nel flusso di risparmi e beni come parte della globalizzazione del mercato ma, inoltre, avverrà una modifica un cambiamento sostanziale all interno del paradigma della teoria e 1 Edoardo Reviglio, Capo Ufficio Studi della CDP, ha contribuito attivamente alla stesura di questo discorso. 2 Conferenza organizzata dalla Cassa Depositi e Prestiti, per conto del Long Term Investors Club, dell OCSE e del Ministero dell Economia e delle Finanze Documento ad uso esclusivo da parte dell Aspen Institute Italia ai fini istituzionali

2 della pratica dell economia valutaria globale così come l abbiamo conosciuta sino ad ora. Il contrasto tra vecchi e nuovi mondi sarà ancora più forte. Il vecchio mondo, ricco e potente, sta invecchiando ed è sempre più oppresso dai debiti. Il nuovo mondo, ancora debole e povero, è giovane, ha pochissimi debiti e si sta espandendo rapidamente: dunque il nuovo mondo ha maggiori possibilità di accumulare risparmi. Dove andranno a finire questi flussi di risparmi nei prossimi 20 o 30 anni? Quale valuta di riserva sceglieranno le banche centrali nel mondo? Quali titoli di stato sceglieranno per i propri portafogli la nuova classe media cinese, indiana, brasiliana e russa? Al momento, circa l 80% dei risparmi finanziari sono in mano ai paesi occidentali. Ma le risorse finanziarie dei paesi emergenti stanno crescendo a ritmi molto elevati (il doppio o il triplo rispetto alla crescita del PIL). Sul lungo termine dovremo aspettarci enormi cambiamenti strutturali, tra cui anche disequilibri globali. Lo scenario appena delineato pone molte difficili domande. Dovremmo aspettarci un pesante riequilibrio dei flussi monetari dal vecchio mondo al nuovo? Il vecchio mondo accetterà il lento e inesorabile declino senza reagire o, come ha sempre fatto in passato, deciderà di agire di nuovo (spero non militarmente)? I potenti giganti del capitalismo mondiale potrebbero decidere di amministrare un elevata dose di inflazione per ridurre il peso del debito, con il rischio di innescare nuove follie ideologiche provocando in questo modo gravi danni sociali e distruzione? La BCE e la Federal Reserve rimarranno a guardare e permetteranno che questo malaugurato scenario prenda forma? Gli interessi contrastanti possono venire riconciliati attraverso un sistema di governance economica mondiale, capace di mettere in pratica politiche importanti e a lungo termine in favore di una sostenibilità ambientale, sociale, demografica, commerciale e monetaria? Prima di tutto, dobbiamo considerare le possibili soluzioni per liberarci dalla nuova crisi fiscale dei governi, almeno da quella del governo delle principali economie avanzate del G-20. L improvviso incremento del debito pubblico, ora indotto, non ha precedenti nella storia occidentale, fatta eccezione per i periodi di guerra. La maggior parte delle economie avanzate deve ridurre sostanzialmente i propri deficit e il proprio debito. Alcune stanno già avvertendo una forte pressione del mercato finanziario. Stando a quanto affermato dal FMI, saranno necessari da 10 a 15 anni di modifiche di bilancio per tornare ai livelli del debito pubblico precedenti alla crisi. Quali rischi potrebbe generare questa difficile modifica? Inoltre, negli anni a venire le economie avanzate si troveranno a dover affrontare gli effetti negativi dei bassi livelli di crescita e l aumento dei costi dell assistenza pubblica, in una società che mantiene una crescente popolazione di cittadini anziani. 2

3 Il problema dunque è strutturale e non solo ciclico, e ristabilire un debito sostenibile nell arco del medio termine sarà certamente molto impegnativo. Una forte inflazione potrebbe ridurre il debito pubblico. Ma si sa bene che un alto livello di inflazione distorce notevolmente l allocazione delle risorse, riduce il tasso di crescita, colpisce i cittadini più poveri, crea un instabilità sociale e politica. Per di più, una volta sbrigliata, l inflazione è difficile da contenere. Allora andrebbe mantenuta la stabilità dei prezzi e sarebbero le banche centrali a doverla garantire. I tagli alla spesa pubblica sono necessari ma politicamente difficili. Sul lungo termine potrebbero compromettere seriamente il consenso politico dei governi. Quanto successo recentemente in Francia e nel Regno Unito è un primo allarmante segnale delle potenziali tensioni sociali che le modifiche di bilancio potrebbero provocare in futuro. Unitamente a tagli alla spesa pubblica considerevoli ma sostenibili, l innalzamento del tasso medio di crescita del PIL diventa la soluzione più auspicabile per ridurre il debito pubblico al livello del PIL. Una condizione che non si ottiene facilmente. Le riforme per la liberalizzazione dei mercati, il rilancio della competitività e l alleggerimento delle zavorre burocratiche sono sempre necessarie ma da sole hanno dimostrato di non essere ancora in grado di ottenere i risultati sperati. Un ulteriore rilancio per l economia sul versante della domanda, come quello recentemente approvato dai governi di Stati Uniti e Cina, potrebbe rappresentare un importante elemento della soluzione. Aumentare gli investimenti è sempre decisivo per incoraggiare la crescita economica. Durante la cosiddetta Età dell Oro ( ) i tassi di crescita annuali in Europa superavano il 5%. I livelli del debito pubblico stazionari al di sotto del 50% del PIL erano altamente sostenibili. Questi forti tassi di crescita erano possibili grazie a livelli molto alti di investimento nelle infrastrutture. Gli investimenti nella green economy potrebbero giocare lo stesso ruolo nelle prossime decadi. Inoltre, gli investimenti in settori strategici come infrastrutture, ricerca e innovazione tecnologica, ambiente, fonti di energia rinnovabile, biotecnologie potrebbero incrementare competitività e produttività. Questi sono tutti settori che da soli potrebbero rendere elevati ritorni di investimento, stimolare ulteriori investimenti e, di conseguenza, produrre crescita e posti di lavoro. In più, questa tipologia di investimenti dovrebbe avere un ruolo centrale nel cambiamento della crescita mondiale, aumentando la quota basata su beni pubblici e comuni 3

4 (che generalmente riducono le emissioni di CO2) e diminuendo la quota prodotta dai beni di consumo (che generalmente aumentano le emissioni di CO2). Dunque: la soluzione più auspicabile per ridurre il debito pubblico al livello dei tassi del PIL e per ristabilire una stabilità fiscale è quella di aumentare il tasso medio di crescita; una strada percorribile per stimolare la crescita consiste nell indirizzare i principali flussi di capitale a lungo termine verso iniziative regionali e trans-frontaliere, con forti esternalità positive per il sistema economico e la coesione sociale. Ma dove prendiamo le risorse per finanziare programmi così ambiziosi di investimenti strategici a lungo termine? L incremento di debiti pubblici e deficit implica che, nella maggior parte dei paesi avanzati, la spesa pubblica non sia in grado di procurare i livelli di investimento desiderati, stando le effettive condizioni macroeconomiche. È evidente, ad esempio, che i paesi europei non potranno finanziare questi investimenti principalmente con le proprie risorse di bilancio così come invece potranno (e hanno deciso di fare) paesi con un alto livello di crescita e un debito pubblico contenuto (come Cina, Corea, Russia e Australia). L Europa deve quindi mettere in pratica politiche per trovare (attrarre) capitali dal settore privato e dai settori pubblici e privati extra-europei, per finanziare investimenti strategici europei. L Europa storicamente gode di elevati tassi di risparmio delle famiglie. I risparmi delle famiglie europee potrebbero rappresentare una risorsa molto importante. Con l andare del tempo i mercati finanziari mondiali mostreranno probabilmente una straordinaria crescita nella quantità di risparmi delle economie emergenti. Durante la recente crisi, si è verificata una marcata intensificazione della competizione per i fondi da parte dei governi di paesi economicamente avanzati, alla ricerca del modo di finanziare un debito pubblico in aumento. In questa competizione, saranno avvantaggiate le economie solide e con una forte coesione sociale che potranno vantare dei successi nella gestione tecnologica e ambientale, inspirando fiducia negli investitori globali e attirando in questo modo le risorse. In questo contesto, l ampio sostegno ai fini di un euro forte e stabile giocherà in favore della UE, insieme alla solida reputazione come area economica affidabile, anche grazie al Patto di Stabilità e Crescita e ad una rigida politica anti-inflazione portata avanti dalla BCE. Tuttavia, la richiesta di infrastrutture, energia, cambiamento climatico, infrastrutture strategiche e urbane è molto elevata in tutto il mondo e possiamo attendere un suo rapido aumento nei prossimi anni. Ad esempio, il costo complessivo della Rete Trans-europea di Trasporto (TEN-T), 4

5 che deve ancora essere finanziato, è stato stimato in circa 500 miliardi di euro per il Il costo complessivo degli investimenti europei in Energia e Cambiamento Climatico sono stati stimati pari a più di miliardi di euro per il Per finanziare un progetto così ambizioso la UE deve incrementare la sua capacità di attrarre capitali privati e pubblico-privati a lungo termine dai mercati globali. L Unione Europea dovrebbe sostenere il rapporto di indebitamento dell euro, utilizzando una migliore combinazione di capitali a lungo termine e strumenti di debito (come fondi azionari europei, project bond e comuni sistemi di garanzia) emessi da ampi fondi europei e da altre istituzioni finanziarie simili e investitori pubblici e privati a lungo termine. L implementazione dei progetti strategici previsti dall Agenda di Lisbona renderà necessaria la creazione di joint venture europee, procurando capitali in ambienti industriali e finanziari. Queste azioni, con il tempo insieme all emissione di titoli da parte del debito sovrano europeo, contribuiranno anche a rafforzare l alleanza tra i popoli europei e assicurare la coesione politica dell Unione. Tuttavia, il vero tema cruciale non consiste in come attirare capitali stranieri in Europa ma, in una visione più ampia, come attirare capitali per finanziare investimenti strategici a lungo termine in tutto il mondo, riequilibrando la deriva degli investimenti finanziari a breve termine. È anche necessaria una nuova cornice normativa, più ben disposta verso gli investimenti a lungo termine o quantomeno non discriminatoria. Ciò dovrebbe comportare l adozione di principi contabili, principi di prudenza, regole di corporate governance, così come anche nuove regole e incentivi per PPP e PFI e sistemi di incentivi fiscali ad hoc, come proposto dal Rapporto del Gruppo de Larosière su Normative Finanziarie e Supervisione e, molto recentemente, dalla Conferenza di Eurofi che si è tenuta a Bruxelles a settembre e da quattro Investitori Europei a Lungo Termine (BEI, KfW, CDC e CDP) con un documento presentato al Commissario UE Michel Barnier il 30 settembre. Nella recente Conferenza di New York in materia di fondi sovrani e di altri investitori di lungo termine, Augustin de Romanet ha annunciato che queste proposte verranno sostenute dal governo francese e verranno inserite nell Agenda del G-20 alla prossima presidenza francese. Il governo italiano condivide la stessa opinione: in effetti, senza cambiamenti sostanziali alle normative in tema di prudenza, contabilità e tassazioni, gli obiettivi stabiliti dalla Strategia UE 2020 e dal Rapporto Mario Monti sulla strategia di mercato interno non potrebbero essere raggiunti. Alcune di queste regole sono in mano alla politica. Altre sono solo parzialmente in mano alla politica, poiché esiste un complesso sistema di interessi contrastanti e organizzazioni, come nel 5

6 caso di Basilea III e dei Principi Contabili Internazionali. Indubbiamente le norme tecniche vanno sviluppate da parte di organizzazioni indipendenti specializzate; tuttavia, definire la cornice generale delle regole e degli obiettivi che possano garantire beni comuni e interesse pubblico è un compito delle autorità politiche. Dopo una lunga fase in cui finanza ed economia hanno stabilito le regole del gioco, ora la politica deve tornare al centro della scena in questo complesso sistema di governance multi livello. Io ritengo che la politica, il potere pubblico, dovrebbe riconquistare il primato del processo decisionale, almeno per il tempo necessario a cambiare le regole del gioco. Per troppo tempo finora abbiamo lasciato che il mercato decidesse da solo; ora è il momento che la politica torni a ridisegnare le regole per un futuro migliore per questa e per le prossime generazioni. Signore e Signori, Sono qui presenti i rappresentati di più di 30 gruppi di esperti internazionali provenienti da tutti i continenti, Europa, America, Africa e Asia; molti altri gruppi di esperti sono stati contattati e hanno mostrato grande interesse verso l argomento e verso la possibilità di partecipare ad una futura rete di investitori di lungo termine potrete trovare la lista e le informazioni su tutti questi gruppi di esperti nell opuscolo che è stato distribuito insieme al materiale della Conferenza. Voglio dare a tutti voi il benvenuto e ringraziarvi di essere qui. Mi auguro che questo Forum aiuterà a diffondere nel mondo il vangelo del lungo termine. Abbiamo anche molti conferenzieri dagli Stati Uniti. Abbiamo recentemente partecipato ad una importante Conferenza alla Columbia University sui fondi sovrani e altri investitori di lungo termine, organizzata dalla Commissione sul Pensiero Globale, presieduta da Joseph Stiglitz e Saskia Sassen, che oggi è qui con noi. Questo è un segno che l argomento viene riconosciuto come centrale su entrambe le sponde dell Atlantico. Lasciatemi dunque concludere con alcune riflessioni sulla relazione tra Europa e Stati Uniti e il suo ruolo in una visione a lungo termine sul futuro del capitalismo. Il momento è favorevole. Le nuove politiche avviate dall amministrazione americana in tema di energia rinnovabile, infrastrutture e, non ultima, la creazione di un servizio sanitario pubblico americano sono argomenti molto familiari ai paesi europei. È dai tempi del New Deal che gli Stati Uniti e l Europa non condividono una simile visione sociale ed economica sul lungo termine. La cooperazione e la concorrenza leale tra Europa e Stati Uniti su queste nuove ampie agende politiche aprono una straordinaria finestra di opportunità perché questi due grandi 6

7 continenti possano lavorare insieme per costruire un nuovo modello sostenibile di sviluppo. Tale modello, basato sull assistenza pubblica e una visione politico-economica a lungo termine, dovrebbe diventare un esempio per tutto il mondo. La globalizzazione ci ha dimostrato che viviamo tutti sullo stesso pianeta e che siamo inestricabilmente interconnessi. Non c è via di fuga da questo mondo. Abbiamo dunque bisogno di stabilire principi generali comuni per un lungo futuro di pacifica coesistenza. L idea di un orizzonte fatto di politiche a lungo termine e di investimenti a lungo termine per promuovere un economia mondiale sostenibile potrebbero rappresentare uno di una serie più ampia di principi globali generali, che dovrebbero essere condivisi da tutte le nazioni del mondo o, almeno, da quanti più possibile. Grazie. 7

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013

Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Le infrastrutture strategiche per lo sviluppo nella programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Anna Maria Fontana Responsabile divisione VII DPS-DGPRUN Investimenti pubblici in infrastrutture

Dettagli

FINANZA PUBBLICA E FEDERALISMO STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI: AUTONOMIA E SOSTENIBILITÀ

FINANZA PUBBLICA E FEDERALISMO STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI: AUTONOMIA E SOSTENIBILITÀ PRIMO RAPPORTO SULLA FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E FEDERALISMO STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI: AUTONOMIA E SOSTENIBILITÀ A cura di Marco Nicolai PREFAZI0NE di Franco Bassanini Presidente Cassa Depositi

Dettagli

Finanziamento degli investimenti strategici, project financing e PPP, dopo la crisi

Finanziamento degli investimenti strategici, project financing e PPP, dopo la crisi Finanziamento degli investimenti strategici, project financing e PPP, dopo la crisi Franco Bassanini Presidente Cassa Depositi e Prestiti Intervento al meeting UTFP - EPEC Roma, Presidenza del Consiglio,

Dettagli

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore

Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore Il finanziamento delle infrastrutture e le opportunità offerte dalle politiche di cattura del valore di Franco Bassanini Prefazione al volume di Chiara Sumiraschi, Ripensare il finanziamento delle infrastrutture:

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA 90 a Giornata Mondiale del Risparmio Roma, 31 ottobre 2014 Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA Signor Governatore, Presidente

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

La partnership economica tra Italia e Russia *

La partnership economica tra Italia e Russia * La partnership economica tra Italia e Russia * Franco Bassanini L Italia e la Russia attraversano entrambe un delicato e importantissimo processo di transizione. La crisi ha colpito entrambe le economie,

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Forte rallentamento dei tassi di crescita nel PIL mondiale (variazioni percentuali)

Forte rallentamento dei tassi di crescita nel PIL mondiale (variazioni percentuali) Embargo: da non pubblicarsi via radio, internet od ogni altro mezzo di comunicazione fino alle 14 (ora di Washington) e le 18 (ora di Greenwich) del 10 aprile 2001. La Banca Mondiale Notizia atampa n.

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 17 GIUGNO 2014 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA Il nostro è un paese arrugginito, un paese

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Nota analitica Jean Claude Junker in stretta collaborazione con Donald Tusk, Jeroen Dijsselbloem e Mario Draghi

Dettagli

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Una missione del FMI si è recata in Italia dal 3 al 16 maggio 2012 per la valutazione annuale dello stato dell economia come parte delle

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO

IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO IL QUADRO MACROECONOMICO BRASILIANO a cura di Giorgio Trebeschi Il Brasile, una storia di successo!!! Iperinflazione vinta Accelerazione della crescita Riduzione della povertà Migliore distribuzione del

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1

Progetto 30. Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime. Agosto 2013 v1 Progetto 30 Riflessioni sulla crescita della popolazione e del costo delle materie prime Agosto 2013 v1 Quali prospettive in un futuro a bassa crescita? L economia europea e quella italiana in particolare

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti?

Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti? Contrastare il declino europeo: quale ruolo per le riforme del mercato dei prodotti? Di Riccardo Faini, Jonathan Haskel, Giorgio Barba Navaretti, Carlo Scarpa, and Christian Wey Sintesi del rapporto Nel

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Focus On. Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero. a cura dell Ufficio Analisi e Ricerche Economiche

Focus On. Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero. a cura dell Ufficio Analisi e Ricerche Economiche Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero La Grecia è a un punto di stallo. Le elezioni di inizio maggio si sono risolte in un nulla di fatto, non avendo portato alla definizione

Dettagli

Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica

Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica Edoardo Reviglio * Capo Economista, CDP Group LUISS Guido Carli Convegno: NORD AFRICA TRA INSTABILITÀ POLITICA E OPPORTUNITÀ ECONOMICHE

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Attività Internazionali. Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti. Attività Internazionali. Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Attività Internazionali Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti è impegnata nello sviluppo e consolidamento di rapporti istituzionali bilaterali e multilaterali in

Dettagli

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi

PIL. (trilioni di $ a parità di potere d acquisto) Fonte: Fmi Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9//22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Il consolidamento del debito italiano del 1926: una strada percorribile oggi?

Il consolidamento del debito italiano del 1926: una strada percorribile oggi? Il consolidamento del debito italiano del 1926: una strada percorribile oggi? di Michele Fratianni Indiana University e Università Politecnica delle Marche Mentre i nostri politici stanno cercando la soluzione

Dettagli

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond La Commissione europea preferisce i project bond Gli investimenti infrastrutturali possono stimolare crescita e occupazione. Come sostenuto dal neo presidente della Commissione europea Junker. Ma i lavori

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO.

NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. ANFAO NUOVO RECORD PER L OCCHIALERIA ITALIANA SUI MERCATI INTERNAZIONALI: NEL 2014 EXPORT A +11,8%, OLTRE 3,1 MILIARDI DI EURO. STATI UNITI, FRANCIA, GERMANIA, SPAGNA, INGHILTERRA, PAESI EMERGENTI: QUESTI

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010

Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010 Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010 Autorità, colleghe e colleghi, studentesse e studenti, signore e signori, Vorrei in primo luogo

Dettagli

Il debito dei mercati emergenti Quali opportunità per gli investitori

Il debito dei mercati emergenti Quali opportunità per gli investitori Il debito dei mercati emergenti Quali opportunità per gli investitori La maggior parte dei rischi macro che si sono presentati negli ultimi tempi sono esogeni ai mercati emergenti. In particolare nelle

Dettagli

Dopo aver ritardato per diverso

Dopo aver ritardato per diverso Fondi obbligazionari absolute return per generare performance positive anche con tassi al rialzo L'analisi dei fondi Fixed income alternativi ha messo in evidenza l'elevata allocazione nei bond americani,

Dettagli

La Globalizzazione e le istituzioni economiche internazionali

La Globalizzazione e le istituzioni economiche internazionali La Globalizzazione e le istituzioni economiche internazionali N. Coniglio Nicola Coniglio Il contesto storico: necessità di ristabilire un nuovo ordine economico dopo le guerre Nel 1944 fu realizzato un

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

Destinazione reddito: trend e soluzioni

Destinazione reddito: trend e soluzioni PROSPETTIVE Destinazione reddito: trend e soluzioni Aprile 2015 I temi chiave In Pioneer Investments abbiamo condotto ampie ricerche per identificare le principali tendenze che sono alla base della domanda

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Disegno di legge C. 2844

Disegno di legge C. 2844 Disegno di legge C. 2844 Conversione del decreto-legge n. 3 del 2015, recante misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti Audizione di Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Commissioni

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Oggi, infatti, ad influenzare la determinazione del prezzo petrolio non sono più solo le tradizionali variabili legate alla domanda e all offerta.

Oggi, infatti, ad influenzare la determinazione del prezzo petrolio non sono più solo le tradizionali variabili legate alla domanda e all offerta. Autorità, Signore e Signori, E per me un grande piacere inaugurare oggi qui, a Roma, il ventesimo Congresso Mondiale dell Energia, un congresso che arriva per la prima volta in Italia. Ciò mi onora particolarmente.

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2005 COM(2005) 16 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione sull'applicazione del piano d'azione per le tecnologie ambientali nel 2004 {SEC(2005)100}

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

La Crisi della Grecia è la Crisi dell Europa?

La Crisi della Grecia è la Crisi dell Europa? E D I T O R I A L E 29 L U G L I O 2015 La Crisi della Grecia è la Crisi dell Europa? di Umberto Triulzi Professore ordinario di Politica economica Sapienza Università di Roma La Crisi della Grecia è la

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute

Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute Mercati e Valute, 25 settembre 2014 Un feudalesimo dei rendimenti Outlook Bond e Valute L investitore privato italiano che, deluso dalla politica e in cerca di sicurezza, decidesse in un impeto rivoluzionario

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Proposte per un welfare equo e sostenibile

Proposte per un welfare equo e sostenibile Proposte per un welfare equo e sostenibile Il Forum ANIA Consumatori ha tra i propri compiti statutari quello di stimolare la riflessione sul ruolo sociale dell assicurazione nei nuovi assetti del welfare.

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI Franco BASSANINI LE FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI (pubblicato in Fondazioni maggio-giugno 2011) E ancora presto per delineare un bilancio dell esperienza delle Fondazioni

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli