2 GLI ANDAMENTI MONETARI E FINANZIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 GLI ANDAMENTI MONETARI E FINANZIARI"

Transcript

1 GLI ANDAMENTI MONETARI E FINANZIARI.1 MONETA E CREDITO DELLE IFM La crescita monetaria ha registrato un leggero calo nel quarto trimestre del, pur mantenendosi su livelli elevati, per poi rafforzarsi lievemente in gennaio. Dalla metà del il basso livello dei tassi di interesse continua a essere la principale determinante dell espansione monetaria, come indicato dal dinamismo degli strumenti più liquidi di M compresi in M1, dal lato delle componenti del bilancio delle IFM, e dall ulteriore rafforzamento della crescita dei prestiti al settore privato, dal lato delle contropartite. Nel contempo i segnali di una ripresa dell inversione delle scorse riallocazioni di portafoglio, osservati per la prima volta in ottobre, sono proseguiti durante il quarto trimestre e, in misura più modesta, in gennaio. Nel complesso, i dati sulla crescita monetaria continuano a indicare rischi al rialzo per la stabilità dei prezzi nel medio e nel più lungo periodo. AGGREGATO MONETARIO AMPIO M La crescita monetaria è lievemente calata negli ultimi mesi, pur mantenendosi su livelli elevati. Nel quarto trimestre il tasso di crescita sul periodo corrispondente di M è sceso al 7, per cento, dall, del trimestre precedente. Gli ultimi sviluppi di gennaio, tuttavia, segnalano un aumento della crescita, al 7, per cento dal 7, di dicembre, suggerendo una contenuta inversione rispetto al calo osservato nel quarto trimestre. La media mobile a tre mesi nel periodo novembre-gennaio si è collocata al 7, per cento, dal 7, del periodo ottobre-dicembre (cfr. figura ). Figura Crescita di M e valore di riferimento (variazioni percentuali sul periodo corrispondente; dati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario) Figura M e M corretta per l impatto stimato delle riallocazioni di portafoglio (variazioni percentuali sui dodici mesi; dati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario) 1 M (media mobile centrata a tre termini del tasso di crescita sui dodici mesi) M (tasso di crescita sui dodici mesi) M (tasso di crescita semestrale annualizzato) valore di riferimento ( 1 / per cento) 1 1 valore ufficiale di M M corretta per l effetto stimato delle riallocazioni di portafoglio 1) valore di riferimento ( 1 / per cento) ) Le stime dell impatto delle riallocazioni di portafoglio su M sono costruite sulla base dell approccio discusso nella sezione dell articolo Analisi monetaria in tempo reale, nel numero di ottobre di questo Bollettino. Per maggiori informazioni sugli andamenti recenti, cfr. il riquadro La ripresa dell inversione delle riallocazioni di portafoglio nel quarto trimestre del in questo numero del Bollettino. 1 Marzo

2 ANDAMENTI ECONOMICI E MONETARI Gli andamenti monetari e finanziari Il basso livello prevalente dei tassi di interesse, che comporta un contenuto costo opportunità di detenere attività monetarie, rimane il principale fattore sottostante la dinamica monetaria. Quest interpretazione è confortata sia dall importante contributo alla crescita di M che continua a provenire dalle sue componenti più liquide comprese nell aggregato monetario ristretto M1, sia dal rafforzamento in corso della crescita dei prestiti al settore privato. Nel contempo i segnali di una ripresa dell inversione delle scorse ricomposizioni di portafoglio, osservati per la prima volta in ottobre, sono proseguiti durante il quarto trimestre del e, in misura più modesta, in gennaio. Tale andamento tende a contenere la crescita complessiva di M e può in parte indurre una sottostima del tasso di espansione monetaria sottostante, come indicato dal fatto che il tasso di crescita della serie di M corretta per l impatto stimato delle riallocazioni di portafoglio è attualmente superiore alla crescita della serie ufficiale di M (cfr. figura ; per un analisi degli sviluppi recenti circa la quantificazione dell impatto delle riallocazioni di portafoglio sulla massa monetaria, cfr. il riquadro ). Tuttavia, va ricordato che, considerata l inevitabile incertezza che caratterizza le stime delle ricomposizioni di portafoglio, la misura corretta va interpretata con cautela. Riquadro LA RIPRESA DELL INVERSIONE DELLE RIALLOCAZIONI DI PORTAFOGLIO NEL QUARTO TRIMESTRE DEL Sia la crescita monetaria che l inflazione mostrano una significativa volatilità sul breve periodo a causa di shock idiosincratici. Tale disturbo di breve periodo può oscurare il segnale che il tasso di espansione monetaria sottostante fornisce relativamente ai rischi per la stabilità futura dei prezzi. Nel condurre un analisi monetaria approfondita per supportare le decisioni di politica monetaria, è pertanto necessario utilizzare sia un analisi istituzionale sia tecniche statistiche al fine di identificare i movimenti a bassa frequenza o le tendenze sottostanti dello stock di moneta rilevanti per prevedere le pressioni inflazionistiche dal medio al più lungo termine. Un esempio pratico di questo approccio completo all analisi monetaria che viene adottato presso la è costituito dall identificazione e stima dell impatto sulle dinamiche di M di riallocazioni di portafoglio eccezionali a favore o a scapito di attività monetarie. Questo riquadro presenta gli elementi fondamentali dell analisi alla base dell identificazione e quantificazione di tali riallocazioni di portafoglio nel contesto di una valutazione degli andamenti recenti 1). Le riallocazioni di portafoglio e la normalizzazione delle scelte di portafoglio Durante il periodo di elevata incertezza economica e finanziaria fra il 1 e la metà del la dinamica monetaria non poteva essere facilmente spiegata sulla base degli andamenti delle determinanti convenzionali della domanda di moneta, quali i prezzi, il reddito e i tassi di interesse. La forte crescita di M in questo periodo sembra essere stata il risultato di consistenti riallocazioni di portafoglio da investimenti azionari a moneta, riflettendo la marcata preferenza dei residenti dell area dell euro per attività sicure e liquide nel tentativo di difendere la loro 1) Cfr.anche il riquadro Stima della dimensione delle riallocazioni di portafoglio a favore delle attività monetarie e a scapito delle azioni nel numero di maggio di questo Bollettino e il riquadro Metodi di identifi cazione e stima delle riallocazioni di portafoglio concernenti M nel numero di gennaio di questo Bollettino. Marzo 19

3 ricchezza finanziaria dalla volatilità del mercato. L identificazione e, in particolare, la quantificazione di queste straordinarie riallocazioni di portafoglio verso la moneta è stata complicata dalla mancanza di una rilevazione diretta della loro entità. Con l attenuazione dell incertezza economica dalla metà del agli inizi del, le scelte di portafoglio si sono normalizzate e il flusso di nuovi investimenti è stato diretto in misura crescente verso attività più rischiose e a più lungo termine piuttosto che verso moneta. L inversione delle riallocazioni di portafoglio è peraltro proseguita a un ritmo molto lento e dalla metà del fino ai mesi recenti si pensava che questa inversione fosse cessata. Evidenze recenti che suggeriscono una ripresa dell inversione delle riallocazioni di portafoglio Recentemente vi sono stati segnali di una ripresa dell inversione delle scorse riallocazioni di portafoglio. In particolare la domanda molto modesta di quote e partecipazioni in fondi comuni monetari (che sono diminuite su base annuale nell anno fino al dicembre ) e la forte domanda di passività finanziarie a più lungo termine delle IFM suggeriscono un passaggio da attività monetarie verso strumenti più rischiosi e a più lunga scadenza denominati in euro. Parimenti, anche i deflussi nella posizione netta sull estero del settore delle IFM osservati dallo scorso agosto indicano un rinnovato interesse da parte di residenti dell area dell euro per titoli esteri piuttosto che per la moneta interna. Entrambi gli andamenti sono coerenti con una nuova inversione delle passate riallocazioni di portafoglio verso la moneta. In passato le stime mensili degli acquisti netti da parte del settore detentore di moneta di titoli non monetari dalle IFM e dai non residenti hanno fornito un indicazione dell entità delle riallocazioni di portafoglio (cfr. figura A; si noti che una delle scale nella figura è invertita). Quando si verifica una riallocazione di portafoglio verso la moneta, ci si aspetta che gli acquisti di titoli non monetari calino e che le consistenze monetarie aumentino circa della stessa quantità. Di fatto, questo è successo durante il 1 e agli inizi del, ossia i due periodi caratterizzati da consistenti riallocazioni di portafoglio. Analogamente, fra la metà del e la metà del la proxy per gli acquisti di titoli non monetari si è accresciuta, mentre la crescita monetaria si è gradualmente ridotta, indicando pertanto una lenta inversione delle riallocazioni di portafoglio. Per quanto riguarda il periodo più recente, gli acquisti di titoli non monetari hanno acquisito slancio dallo scorso agosto (come indicato nella figura A), mentre il flusso verso M si è in certa misura moderato pur rimanendo a un alto livello. Complessivamente, tale andamento è in linea con la tesi secondo cui l inversione delle scorse riallocazioni di portafoglio possa essersi riattivata nei mesi recenti dopo una pausa intercorsa fra la metà del e la metà del. Nel contem- Figura A M e acquisti netti di attività non monetarie 1) (flussi annuali; miliardi di euro) 1 M (scala di sinistra) acquisti netti di attività non monetarie (scala di destra inversa) Nota: i dati per gli ultimi due mesi sono parzialmente stimati. 1) Calcolati come prestiti ai residenti dell area dell euro, più emissioni di titoli da parte del settore detentore di moneta consolidato, più saldo di conto corrente, meno strumenti inclusi in M, meno depositi a lungo termine presso le IFM e transazioni esterne nette del settore detentore di moneta in attività diverse dai titoli. Marzo

4 ANDAMENTI ECONOMICI E MONETARI Gli andamenti monetari e finanziari po l entità relativamente esigua di questi flussi (certamente in raffronto ai periodi di fine 1 e inizi ) e la durata inevitabilmente breve del campione suggeriscono che tale conclusione possa essere al momento soltanto preliminare. La preferenza degli investitori per attività monetarie sicure e liquide dovrebbe anche essere connessa al loro livello di avversione al rischio ). Dal momento che l avversione al rischio in linea di principio non è osservabile, il suo ruolo deve essere valutato utilizzando proxy empiriche. Una possibile proxy per l avversione aggregata al rischio è la correlazione condizionata tra i rendimenti dei titoli di Stato a lungo termine e degli investimenti azionari (cfr. figura B; si noti che la scala nella figura è invertita). Più precisamente, durante periodi di elevata avversione al rischio, i prezzi di queste due classi di attività dovrebbero muoversi in direzioni opposte, in quanto gli investitori si ritirano dal mercato azionario (riducendo i rendimenti azionari) e comprano obbligazioni (aumentando i rendimenti obbligazionari). Per contro, in periodi normali un ordinaria allocazione delle attività suggerirebbe una correlazione positiva tra i rendimenti azionari e quelli obbligazionari, dal momento che bassi tassi di interesse sostengono le quotazioni azionarie. Questo indicatore potrebbe, pertanto, fornire alcune indicazioni sulla tempistica e le modalità delle riallocazioni di portafoglio. Come mostrato nella figura B, l avversione al rischio degli investitori dell area dell euro è aumentata significativamente fra la metà del e la metà del, quando la crescita di M non poteva essere spiegata da determinanti macroeconomiche convenzionali. Nonostante sia diminuita considerevolmente rispetto al, l avversione al rischio è rimasta ben al di sopra della sua media di lungo periodo nel, in linea con il lento ritmo della normalizzazione delle scelte di portafoglio. Dall estate del questo indicatore dell avversione al rischio è sceso al di sotto della sua media di lungo periodo (come evidenziato dall indicazione nella figura B) a un livello raffrontabile a quello osservato prima del periodo di elevata incertezza cominciato nel 1. Tale diminuzione può essere associata a un ulteriore inversione delle scorse riallocazioni di portafoglio. Complessivamente, l evidenza proveniente dagli acquisti netti di titoli non monetari e dagli indicatori di avversione al rischio sostiene la valutazione secondo la quale fra il 1 e la metà del abbiano avuto luogo riallocazioni di portafoglio verso la moneta e, durante il periodo compreso tra la metà del e la metà del, vi sia stata una loro possibile inversione, seppure a ritmo moderato. Inoltre, per quanto riguarda il periodo più recente, essa suggerisce che un ulteriore inversione di scorse riallocazioni di portafoglio possa essere attualmente in corso. Figura B Correlazione condizionata fra rendimenti azionari e rendimenti dei titoli di Stato a lungo temine (dati trimestrali; scala inversa) -, -, -,,,,, correlazione condizionata fra rendimenti azionari e rendimenti dei titoli di Stato a lungo termine correlazione condizionata media nel periodo , -, -,,,,, Fonte: stime della. Nota: per i rendimenti azionari, indice Dow Jones Euro Stoxx; per i rendimenti obbligazionari, indice dei titoli di Stato a dieci anni. ) Per ulteriori dettagli sull approccio di stima cfr. il riquadro L avversione al rischio e l andamento degli aggregati monetari nel numero di dicembre di questo Bollettino. Marzo 1

5 Quantificazione dell impatto delle riallocazioni di portafoglio L analisi descritta sopra non consente una quantificazione meccanica delle riallocazioni di portafoglio. In certa misura, è necessario anche far ricorso a elementi discrezionali. Un approccio alla quantificazione dell impatto delle riallocazioni di portafoglio sullo stock di moneta, che è stato utilizzato in passato presso la, consiste pertanto nell includere variabili ad hoc (dummy e trend) al fine di cogliere le dinamiche delle riallocazioni di portafoglio in un modello univariato di serie storiche per M ). Tali variabili ad hoc sono costruite sulla base di un analisi esaustiva che include, fra l altro, le componenti e le contropartite di M, la presentazione monetaria della bilancia dei pagamenti e i conti finanziari. Come illustra la figura C, le stime in tempo reale dell entità delle riallocazioni di portafoglio ricavate utilizzando questo approccio (ossia le stime fatte in passato sulla base delle informazioni disponibili in quel momento) generalmente non sono state oggetto di revisioni successive di rilievo. Inoltre, le equazioni di domanda di moneta stimate utilizzando un campione comprendente questo periodo, che, col senno del poi, includono variabili tese a cogliere l impatto della volatilità del mercato finanziario sulle consistenze monetarie, tendono a confermare le stime in tempo reale della relative alle riallocazioni di portafoglio ). Come risulta evidente dalla figura C, le stime dell entità delle riallocazioni di portafoglio raggiungono un picco superiore al per cento dello stock di moneta agli inizi del. Anche se tali stime in tempo reale sono senza dubbio contraddistinte da un elevato grado di incertezza, la scarsità delle revisioni ex post suggerisce che nel corso del tempo la è stata in grado di effettuare una valida valutazione degli andamenti monetari, utilizzando una serie di M corretta per l impatto stimato delle riallocazioni di portafoglio. Figura C Stime in tempo reale dei fattori di correzione dei livelli di M associati a riallocazioni di portafoglio (in percentuale delle consistenze di M) stime del trim. Dal momento che l entità delle attuali riallocazioni di portafoglio appare esigua rispetto a quella delle riallocazioni osservate tra il 1 e la metà del (in risposta a shock significativi, come il crollo dei mercati azionari, gli attacchi 1 terroristici dell 11 settembre 1 negli Stati Uniti e la guerra in Iraq), la discrezionalità richie- sta e la connessa quantificazione sono inevitabilmente più incerti di quanto non lo fossero nel caso precedente. Nondimeno, tenendo conto di tutte le informazioni citate sopra, un analisi monetaria esaustiva deve includere una valutazione del vigore di ogni inversione in atto delle riallocazioni di portafoglio per determinare l impatto di contenimento risultante sulla crescita monetaria complessiva. Tale approccio è necessario per identificare, anche se in modo imperfetto, il tasso tendenziale sottostante dell espansione monetaria, rilevante per le decisioni di politica monetaria. 1 1 ) Nella procedura di stima è stata anche introdotta un ulteriore piccola correzione riguardante valori anomali passati ed alcune componenti volatili. ) Per esempio, si possono effettuare raffronti con i risultati ottenuti in Money demand and macroeconomic uncertainty, C. Greiber e W. Lemke, Discussion Paper, Series 1: Economic Studies, No /, Deutsche Bundesbank. Marzo

6 ANDAMENTI ECONOMICI E MONETARI Gli andamenti monetari e finanziari PRINCIPALI COMPONENTI DI M La crescita di M1 sul periodo corrispondente è rimasta vigorosa, al 1, per cento in gennaio, dopo il 1,9 e l 11, per cento registrato nella media, rispettivamente, del quarto e terzo trimestre (cfr. tavola 1). M1 ha quindi continuato a rappresentare il principale fattore sottostante l espansione dell aggregato monetario ampio, fornendo in gennaio un contributo di,7 punti percentuali alla crescita di M, pari al 7, per cento (cfr. figura ). Figura Contributi al tasso di crescita sui dodici mesi di M (punti percentuali; crescita di M espressa in punti percentuali; dati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario) 1 M1 altri depositi a breve termine strumenti negoziabili M 1 Il calo della crescita di M1 in gennaio riflette un lieve rallentamento di entrambe le sue componenti. La crescita sul periodo corrispondente del circolante è infatti scesa al 1, per cento, dopo il 1, e il 1, per cento registrato nella media, rispettivamente, del quarto e terzo trimestre; la dinamica della domanda di depositi a vista è calata al 9, per cento, dal 1, e 1,. La crescita dei depositi a breve termine diversi da quelli a vista è risalita al, per cento in gennaio, presumibilmente riflettendo la remunerazione lievemente più elevata di tali depositi, dopo essersi collocata al,9 e, per cento, rispettivamente, nel quarto e terzo trimestre. Tale aumento è il risultato di andamenti divergenti delle singole componenti: la crescita dei depositi a termine (ovvero con durata prestabilita fino a due anni) Tavola 1 Tavola riepilogativa delle variabili monetarie (valori medi per le frequenze trimestrali; dati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario) Consistenze in essere in percentuale di M 1) Tassi di crescita sul periodo corrispondente 1 trim. trim. trim. trim. dic. gen. M1, 9, 9, 11, 1,9 11, 1, Banconote e monete in circolazione 7, 1, 17, 1, 1, 1,7 1, Depositi a vista,9,, 1, 1, 1,9 9, M - M1 (= altri depositi a breve termine) 7,7,,,,9,, Depositi con durata prestabilita fino a due anni 1,,,,,,, Depositi rimborsabili con preavviso fino a tre mesi 1,9 7,1,,,,,7 M, 7,1 7,,,,, M - M (= strumenti negoziabili) 1,,,,,,, M 1,,7 7,, 7, 7, 7, Credito a residenti nell area dell euro,, 7, 7,9,, Credito alle amministrazioni pubbliche,,1 1,,7,, Prestiti alle amministrazioni pubbliche -, -, -1,,,,9 Credito al settore privato 7, 7,, 9, 9, 9,9 Prestiti al settore privato 7, 7,,,9 9, 9,7 Passività finanziarie a lungo termine (esclusi capitale e riserve) 9, 9,7 1, 9,,, 1) Alla fine dell ultimo mese disponibile. Eventuali mancate quadrature nei totali sono attribuibili ad arrotondamenti. Marzo

7 ha continuato ad aumentare, mentre quella dei depositi a risparmio (rimborsabili con un preavviso fino a tre mesi) è diminuita, confermando la tendenza flettente osservata nei trimestri recenti. La crescita degli strumenti negoziabili caratterizzata da una significativa variabilità di breve periodo è scesa al, per cento in gennaio, dopo il, e il, per cento, rispettivamente, del quarto e terzo trimestre. Anche in questo caso, all origine del calo complessivo vi sono andamenti lievemente divergenti delle componenti sottostanti. Da un lato, il tasso di variazione sul periodo corrispondente delle quote e partecipazioni in fondi comuni monetari ha mantenuto un andamento calante, scendendo al 1, per cento a gennaio (dopo i tassi positivi dell 1,1 e del,1 per cento registrati, rispettivamente, nel quarto e terzo trimestre). La domanda di tali attività, spesso considerate dalle famiglie e dalle imprese come un investimento rifugio a fronte della volatilità dei mercati finanziari nei periodi di maggiore incertezza, ha quindi continuato a essere abbastanza contenuta, indicando una moderata ricomposizione dei portafogli dalle attività monetarie liquide e sicure a favore di titoli più rischiosi e a più lungo termine. A gennaio è diminuita anche la crescita dei contratti pronti contro termine, al, per cento, contro il,7 del quarto trimestre (che incorpora un tasso di variazione negativo in dicembre) e il 9,1 per cento del terzo trimestre. Dall altro lato, la domanda di titoli di debito con scadenza fino a due anni ha mostrato un andamento vigoroso negli ultimi mesi, forse in parte riconducibile all emergere di nuovi prodotti strutturati che coniugano questa tipologia di titoli con strumenti derivati legati ai corsi azionari. Questi prodotti possono risultare particolarmente attraenti dal momento che, per quanto i prezzi delle azioni siano stati in continuo rafforzamento, l avversione al rischio degli investitori è calata solo di recente a livelli normali. La scomposizione settoriale dei depositi a breve termine e dei contratti pronti contro termine indica che negli ultimi mesi il principale contributo alla sostenuta dinamica di questi strumenti è venuto ancora dalle famiglie. Il contributo di altri intermediari finanziari è invece diminuito nel quarto trimestre per poi stabilizzarsi in gennaio, segnalando un netto cambiamento rispetto alla dinamica osservata fra il settembre e il settembre, quando il settore degli altri intermediari finanziari ha rappresentato i due terzi della crescita degli investimenti del settore privato in questi strumenti. Il contributo delle società non finanziarie alla crescita dei depositi a breve termine e dei contratti pronti contro termine, dopo essere aumentato nel, si è stabilizzato fra il settembre e il gennaio su un livello elevato. PRINCIPALI CONTROPARTITE DI M Dal lato delle contropartite, la crescita sul periodo corrispondente del credito totale delle IFM ai residenti dell area dell euro è salita all, per cento in gennaio, dopo il 7,9 e il 7, per cento, rispettivamente, del quarto e terzo trimestre. All origine del rafforzamento vi è la tendenza al rialzo della crescita del credito al settore privato, oltre che una ripresa dell espansione del credito alle amministrazioni pubbliche (cfr. tavola 1). A gennaio la crescita del credito al settore privato è salita al 9,9 per cento, dal 9, del quarto trimestre; la tendenza all aumento è riconducibile sia al basso livello prevalente dei tassi di interesse sia al miglioramento del clima di fiducia in alcuni comparti dell economia. La crescita dei prestiti delle IFM al settore privato è aumentata a gennaio al 9,7 per cento, dal 9, del mese precedente; l aumento è stato generalizzato nei vari settori (cfr. le sezioni. e.7 sull andamento settoriale dei prestiti al settore privato). Marzo

8 ANDAMENTI ECONOMICI E MONETARI Gli andamenti monetari e finanziari La crescita sul periodo corrispondente del credito alle amministrazioni pubbliche è salita al, per cento in gennaio, dal,7 e 1, per cento, rispettivamente, del quarto e terzo trimestre. La recente ripresa riflette sia un aumento della domanda di prestiti delle IFM da parte delle amministrazioni pubbliche, sia un aumento della crescita di titoli emessi dalle amministrazioni pubbliche detenuti dalle IFM. Tra le altre contropartite di M, la dinamica degli investimenti in passività finanziarie a più lungo termine delle IFM (esclusi capitale e riserve) da parte del settore detentore di moneta è rimasta vigorosa (cfr. figura 7). Il tasso di incremento di questi strumenti è stato pari all, per cento in gennaio, a fronte del 9, e 1, per cento, rispettivamente, del terzo e quarto trimestre. La prosecuzione di una dinamica vivace conferma la propensione del settore detentore di moneta a investire in strumenti finanziari a più lungo termine dell area dell euro. Il flusso sui dodici mesi delle attività nette sull estero delle IFM dell area dell euro è tornato a essere lievemente positivo in gennaio, pari a 1 miliardo di euro, dopo due mesi consecutivi di deflussi netti sui dodici mesi. L andamento complessivamente calante delle attività nette sull estero delle IFM indica una maggiore propensione da parte del settore detentore di moneta dell area a investire in attività estere, per lo meno rispetto all interesse dei non residenti per le attività dell area (cfr. figura ). Nel complesso, questi ultimi andamenti della posizione netta sull estero sono in linea con l inversione in corso osservata nei mesi recenti, seppure su ritmi modesti delle scorse riallocazioni di portafoglio a favore di attività monetarie. In conclusione, l andamento delle contropartite di M nel quarto trimestre conferma sostanzialmente le tendenze recenti. La dinamica del credito al settore privato si è rafforzata ulteriormente, Figura 7 M e passività finanziarie a più lungo termine delle IFM (esclusi capitale e riserve) (variazioni percentuali sui sei mesi annualizzate; dati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario) Figura Contropartite di M (flussi sui dodici mesi; in miliardi di euro; dati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario) 1 1 M passività finanziarie a più lungo termine (esclusi capitale e riserve) credito al settore privato (1) credito alle amministrazioni pubbliche () attività nette sull estero () passività finanziarie a più lungo termine (esclusi capitale e riserve) () altre contropartite (inclusi capitale e riserve) () M Nota: M è riportata come riferimento (M = 1++ +). Le passività finanziarie a più lungo termine (esclusi capitale e riserve) sono riportate con il segno invertito in quanto costituiscono passività del settore delle IFM. Marzo

9 sospinta dal basso livello dei tassi di interesse, e ha continuato ad alimentare la crescita monetaria. Nel contempo la robusta domanda di passività finanziarie a più lungo termine, unita a quella relativamente modesta di quote e partecipazioni in fondi comuni monetari, indica che è in atto un inversione delle scorse riallocazioni di portafoglio, confermata dall andamento delle attività nette sull estero delle IFM. VALUTAZIONE COMPLESSIVA DELLE CONDIZIONI DI LIQUIDITÀ NELL AREA DELL EURO Nel quarto trimestre del sia la misura del gap monetario nominale basata sulla serie ufficiale di M, sia quella basata sulla serie di M corretta per le riallocazioni di portafoglio hanno confermato la tendenza al rialzo in atto dalla seconda metà del, per raggiungere un nuovo massimo dall avvio della Terza fase dell UEM. Tuttavia, le due misure sono rimaste su livelli molto diversi, e quella basata sulla serie di M corretta risulta notevolmente inferiore (cfr. figura 9), anche se la differenza fra le due si è lievemente ridotta nei mesi recenti, per effetto della presumibile ripresa dell inversione delle scorse ricomposizioni di portafoglio. Figura 9 Stime del gap monetario nominale 1) (in percentuale rispetto allo stock di M; dati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario; dicembre 199 = ) Figura 1 Stime del gap monetario reale 1) (in percentuale rispetto allo stock di M in termini reali; dati destagionalizzati e corretti per gli effetti di calendario; dicembre 199 = ) 1 gap monetario nominale basato sul valore ufficiale di M gap monetario nominale basato su M corretta per l impatto stimato delle riallocazioni di portafoglio ) 1 1 gap monetario reale basato sul valore ufficiale di M gap monetario reale basato su M corretta per l impatto stimato delle riallocazioni di portafoglio ) ) La misura del gap monetario nominale è definita come la differenza tra il livello effettivo di M e il livello che sarebbe risultato da una crescita di M costante e in linea con il valore di riferimento del ½ per cento dal dicembre 199 (utilizzato come periodo base). ) Le stime dell ampiezza delle riallocazioni di portafoglio verso M sono calcolate sulla base dell approccio discusso nella sezione dell articolo Analisi monetaria in tempo reale, nel numero di ottobre di questo Bollettino. Per maggiori informazioni sugli andamenti recenti, cfr. il riquadro La ripresa dell inversione delle riallocazioni di portafoglio nel quarto trimestre del in questo numero del Bollettino. 1) La misura del gap monetario reale è definita come la differenza tra il livello effettivo di M deflazionato con l indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) e il livello di M in termini reali risultante da una crescita nominale di M costante e pari al valore di riferimento del ½ per cento e da una inflazione al consumo in linea con la definizione di stabilità dei prezzi della (utilizzando dicembre 199 come periodo base). ) Le stime dell ampiezza delle riallocazioni di portafoglio verso M sono calcolate sulla base dell approccio discusso nella sezione dell articolo Analisi monetaria in tempo reale, nel numero di ottobre di questo Bollettino. Per maggiori informazioni sugli andamenti recenti, cfr. il riquadro La ripresa dell inversione delle riallocazioni di portafoglio nel quarto trimestre del in questo numero del Bollettino. Marzo

10 ANDAMENTI ECONOMICI E MONETARI Gli andamenti monetari e finanziari Le misure del gap monetario reale risentono del fatto che l eccesso di liquidità accumulato è in parte assorbito dal rialzo dei prezzi, riflettendo deviazioni verso l alto dell inflazione rispetto alla definizione di stabilità dei prezzi della. Le misure di gap monetario reale calcolate, rispettivamente, sulla serie ufficiale di M e su quella corretta per l impatto stimato delle riallocazioni di portafoglio risultano entrambe inferiori alle corrispondenti misure di gap monetario nominale (cfr. figure 9 e 1). Tuttavia, queste misure deterministiche rappresentano una stima imperfetta delle condizioni di liquidità. Poiché la scelta del periodo di base è in un certo modo arbitraria, il livello di queste misure presenta un notevole grado di incertezza e dovrebbe quindi essere interpretato con cautela. Questa incertezza è ben illustrata dall ampio intervallo delle stime fornite dalle quattro misure descritte. D altra parte, nonostante l incertezza delle stime, il quadro delineato da queste misure indica condizioni di liquidità abbondanti nell area dell euro. Una crescita sostenuta della moneta e del credito in un contesto di liquidità già abbondante implica rischi al rialzo per la stabilità dei prezzi nel medio e più lungo termine; inoltre, induce a tenere sotto stretta osservazione la dinamica dei prezzi delle attività, considerato il rischio di potenziali disallineamenti di prezzo.. INVESTIMENTI FINANZIARI DEL SETTORE NON FINANZIARIO E INVESTITORI ISTITUZIONALI Nel terzo trimestre del la crescita sul periodo corrispondente degli investimenti finanziari da parte del settore non finanziario è diminuita lievemente, a fronte di un ulteriore rafforzamento dei flussi verso i fondi di investimento e degli investimenti finanziari delle società di assicurazione e dei fondi pensione. SETTORE NON FINANZIARIO Nel terzo trimestre (il periodo più recente per il quale sono disponibili dati) la crescita sul periodo corrispondente degli investimenti finanziari da parte del settore non finanziario è stata pari al, per cento, dal, del secondo trimestre (cfr. tavola ). L andamento riflette un lieve rallentamento degli investimenti finanziari sia a lungo sia a breve termine, confermando le indicazioni dei trimestri precedenti circa il venir meno della tendenza flettente nei rispettivi tassi di crescita, osservata fino alla metà del (cfr. figura 11). Il calo della crescita degli investimenti a lungo termine nel terzo trimestre è principalmente riconducibile all ulteriore rallentamento degli investimenti sia in azioni quotate sia in titoli di debito a lungo termine. Nel contempo la nuova accelerazione degli investimenti in quote di fondi comuni suggerisce che la riluttanza degli operatori a investire in attività a lungo termine riguardi principalmente l investimento diretto Figura 11 Investimenti finanziari del settore non finanziario (variazioni percentuali sul periodo corrispondente) investimenti finanziari a breve termine 1) investimenti finanziari a lungo termine ) 1 1) Comprende circolante e depositi a breve termine, titoli di debito a breve termine, quote e partecipazioni in fondi comuni monetari, riserve premi e riserve sinistri. ) Comprende depositi a lungo termine, titoli di debito a lungo termine, azioni quotate, quote e partecipazioni in fondi comuni esclusi quelli monetari, diritti netti delle famiglie sulle riserve di assicurazione sulla vita e sulle riserve dei fondi pensione Marzo 7

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari

4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari 4. L informazione finanziaria e il rapporto tra risparmiatori e intermediari Marco Liera Il semestre del silenzio-assenso sul TFR (ossia la prima metà del 2007) doveva rappresentare un occasione non solo

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli