FORECASTING...61 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORECASTING...61 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75"

Transcript

1 INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 3 STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI D INTERESSE NOZIONI GENERALI... 5 LE FORME DELLA CURVA DEI RENDIMENTI... 7 CASISTICA E METODOLOGIA LETTERATURA DAI MOMENTI PRIMI AI MOMENTI SECONDI I DATI VARIABILI INDIPENDENTI VARIABILI DIPENDENTI TRATTAMENTO DEI DATI ANALISI DI STABILITÁ PROCEDIMENTO CONSUMER PRICE INDEX ANALISI PRELIMINARE RICERCA DI SOTTOCAMPIONI STABILI ANALISI DEI BREAKPOINT S&P ANALISI PRELIMINARE RICERCA DI SOTTOCAMPIONI STABILI ANALISI DEI BREAKPOINT INDUSTRIAL PRODUCTION ANALISI PRELIMINARE RICERCA DI SOTTOCAMPIONI STABILI ANALISI DEI BREAKPOINT STATI UNITI: SCENARI MACROECONOMICI DAL 1998 AD OGGI. 56

2 FORECASTING INTRODUZIONE IL POTERE PREDITTIVO DELLO SPREAD INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO S&P PRODUZIONE INDUSTRIALE OSSERVAZIONI...69 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75 APPENDICE TECNICA A: C.P.I APPENDICE TECNICA B: S&P APPENDICE TECNICA C: INDUSTRIAL PRODUCTION...112

3 INTRODUZIONE Non c è invesimeno senza rischio; uavia uno sudio che possa ridurlo non può essere ralasciao. Receni ricerche hanno risconrao che la sruura per scadenze dei assi di ineresse, o curva dei rendimeni, cosiuisce un imporane fone di informazioni per le banche cenrali ed i policy-makers in generale, così come per operaori privai quali banche commerciali, invesiori e così via. L inclinazione della curva dei rendimeni, daa dalla differenza fra un asso a lungo ermine e uno a breve, differenziale a ermine o spread, si è ampiamene affermaa quale anicipaore del ciclo economico. La capacià prediiva dello spread si fonda principalmene sul fao che la curva dei rendimeni incorpora informazioni circa l andameno aeso dei assi di ineresse a breve ermine fuuri, il quale, a sua vola, è collegao alle aspeaive degli operaori di mercao riguardo all aivià economica. Come asseriscono Haubrich e Dombrosky (1996) lo spread ra assi a lungo e assi a breve ha un poere prediivo sull andameno del GDP nel lungo ermine. Quindi il differenziale della curva dei rendimeni cosiuisce generalmene un anicipaore piuoso affidabile dell aivià economica dal puno di visa saisico come empiricamene verificao da Esrella e al (22). Il mio sudio ha come obieivo quello di analizzare la relazione esisene ra spread e volailià macroeconomiche; quese ulime sono di elevao ineresse per gli ageni economici perché approssimano uno degli elemeni fondamenali per le decisioni di invesimeno: il rischio. La socieà d oggi e, in primis, gli invesiori finanziari associano queso vocabolo alla probabilià di una perdia o di un pericolo. Ovvero il rischio è una combinazione ra la probabilià del verificarsi di un eveno e l'impao che queso può avere nell ambiene circosane. In finanza, quando si parla genericamene di rischio ci si riferisce al rischio legao alla "normale oscillazione del mercao" nel quale si sa invesendo. Queso rischio, oggeo della esi, è calcolao saisicamene in ermini di "deviazione sandard" dea anche volailià. 3

4 L elaborao di seguio svolo pone l aenzione sulla volailià non condizionaa ad alcun modello perché di maggior ineresse all inerno degli sudi macroeconomici come evidenziano Blanchard e Simon (21). Queso ha indoo a non analizzare alcuni modelli condizionai (ad esempio, ARCH) perché meno rilevani soo queso puno di visa. La volailià esaminaa, porrà aenzione paricolare all inflazione, allo S&P5 e alla produzione indusriale degli Sai Unii. Queso perché si è rienuo che il primo fosse fondamenale per l analisi dei rendimeni reali, il secondo per i rendimeni rischiosi e infine la produzione indusriale per l evoluzione generale dell economia. L analisi svola, in forma ridoa, ha come scopo quello di valuare se lo spread, relaivo a Tresury Consan Mauriies, coniene informazioni significaive per quano riguarda la volailià della variabile oggeo di sudio ma soprauo se è possibile considerarlo un prediore del rischio. Il primo capiolo è dedicao alla spiegazione della sruura a ermine dei assi d ineresse. Nel secondo capiolo, dopo una descrizione della leeraura già esisene in ale ambio, descrive in modo accurao le variabili oggeo dell analisi. La ricerca di sooperiodi sabili, la successiva analisi d evenuali breakpoin individuai e una deagliaa spiegazione degli avvenimeni che possano averlo deerminao compongono il erzo capiolo. Infine, nel quaro capiolo viene confronao ogni singolo modello con un modello benchmark idenificao in un processo Auo Regressivo AR(1); queso perché si desidera individuare possibili migliorameni, in un oica previsiva, dovui dall inroduzione dello spread. 4

5 STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI D INTERESSE 1.1 NOZIONI GENERALI La sruura a ermine dei assi d ineresse formalizza la relazione ra il asso d ineresse e la sua pendenza, e cosiuisce per le banche cenrali una ricca fone d informazioni sulle aspeaive dei mercai riguardo a diverse variabili macroeconomiche fondamenali. Di fao invesimeni e consumi sono influenzai in gran pare da variazioni di assi reali di lungo periodo; dunque la relazione che lega i assi d ineresse su ioli a differene scadenza assumono un rilievo imporane ai fini dello sudio della poliica monearia. La sruura a ermine dei assi d ineresse si colloca nell ambio più generale della valuazione dei ioli obbligazionari. Quesi sono ioli di debio che possono essere emessi dallo Sao, dalle Agenzie Governaive, dagli Eni Pubblici e dalle socieà privae. Essi rappresenano un debio conrao dall emiene nei confroni dei sooscriori, da resiuire e remunerare secondo condizioni prefissae, corrispondendo ai poraori quoe capiale e quoe ineresse (dee cedole). La scadenza di un iolo obbligazionario è rappresenaa dalla via residua, in alre parole dal periodo di empo che rimane prima del rimborso del capiale da pare dell emiene; la sruura dei assi d ineresse secondo la scadenza (erm srucure of ineres raes) è una funzione che lega il asso d ineresse alla sua scadenza. Esisono diverse eorie sulla sruura dei assi per scadenza; le più noe sono la eoria delle aspeaive e la eoria della preferenza per la liquidià. Secondo la eoria delle aspeaive i assi a lungo ermine dipendono dalle aspeaive degli invesiori dei assi a breve. Quando le aspeaive sono al rialzo, gli invesiori, avendo la possibilià di invesire a breve per poi reinvesire dopo pochi mesi a assi più ali, chiedono assi maggiori per invesire a lungo ermine. Di conseguenza la sruura dei assi sarà crescene. 5

6 Quando viceversa le aspeaive sono al ribasso, gli invesiori chiederanno assi più ali per invesire a breve, in quano rienuo meno vanaggioso. In queso caso la sruura sarà decrescene. Riepilogando, se la curva ha un inclinazione posiiva ci sono aspeaive di rialzo dei assi a breve, se la curva ha un inclinazione negaiva, si aende un fuuro calo del livello dei assi a breve. Infine la eoria della preferenza per la liquidià sosiene che i rendimeni obbligazionari a breve sono normalmene inferiori ai assi a lungo a causa della propensione alla liquidià degli operaori, i quali richiederebbero un premio per rinunciare alla disponibilià di fondi proporzionale alla duraa del presio. 6

7 LE FORME DELLA CURVA DEI RENDIMENTI Se vivessimo in un mondo uo ranquillo la curva dei rendimeni, caraerizzaa dal 1 modello = i T j, T j+, presenerebbe un inclinazione posiiva (normal) ovvero le T i 1 j obbligazioni a breve avrebbero rendimeni più bassi perché il rischio associao sarebbe inferiore. Se l inclinazione posiiva della curva è eccessiva, queso rappresena aspeaive di rialzo dei assi (expecaion of an increase in raes); al conrario un inclinazione negaiva riflee l inusuale siuazione che le obbligazioni con una scadenza a breve hanno un rendimeno più elevao delle obbligazioni di lungo periodo. Queso può presagire un fuuro calo del livello dei assi d ineresse (expecaion of a reducion in raes). Fig..1: Andameni della curva dei rendimeni L analisi del comporameno degli operaori è in grado di spiegare chiaramene l impao delle aspeaive sulla sruura per scadenza dei assi d ineresse. Se si ipoizza ad esempio che sia aeso un incremeno dei assi d ineresse (si veda ancora il superiore grafico), gli auali deenori di aivià finanziarie eneranno di eviare di rimanere impegnai in ioli con rendimeni relaivamene bassi; preferiranno invesire solo per orizzoni emporali molo brevi, nell aesa che alla scadenza possano nuovamene concedere presii a assi d ineresse più elevai. Per quesi moivi ci sarà una endenza all incremeno dell offera di fondi a breve ed una corrispondene riduzione dell offera di fondi a lungo ermine. Allo sesso modo però coloro che necessiano di presii vorranno impegnarsi all auale asso d ineresse più basso, per la più lunga duraa 7

8 possibile, al fine di eviare il maggior coso per ineressi fuuro. In al modo la domanda di fondi a lungo ermine incremenerà, di frone alle riduzioni nella domanda per fondi a breve ermine. L effeo di quesa siuazione sarà perano il decremeno dei assi d ineresse a breve ed il corrispondene aumeno dei assi a lungo. Evidenemene quando le aspeaive sono per una fuura diminuzione dei assi, la reazione degli operaori sarà esaamene opposa alla siuazione descria precedenemene, le conseguenze saranno quindi l incremeno dei assi ineresse a breve e la corrispondene diminuzione dei assi a lungo. L insolia curva decrescene (invered yield curve) indica che sa avvenendo un cambiameno economico significaivo come un rallenameno, una nea recessione o una diminuzione dei assi di ineresse. Una curva dei rendimeni inclinaa negaivamene si è verificaa in Ialia all'inizio degli anni Oana. In quell occasione ui i assi d'ineresse erano alle selle e la curva dei rendimeni era foremene inveria. Durane queso periodo moli invesiori prudeni comprarono i cerificai di deposio a 6 mesi e coninuarono ad invesire in quesi. Sforunaamene per loro persero una grande occasione di bloccare il rendimeno di lungo periodo dei ioli del esoro che all'epoca diedero il 15%, che è un asso molo elevao. Un caso ineressane è la curva dei rendimeni per il Regno Unio relaiva a marzo 1992; di seguio riporaa. Fig..2: Andameno della curva dei rendimeni per il Regno Unio (1992) 8

9 Si può noare che la curva in esame si caraerizza non solo per l'inclinazione negaiva, ma anche per una pronunciaa gobba nelle scadenze ra cinque e dieci anni. Quesa peculiarià frequene della curva briannica porebbe rifleere aspeaive per una crescia dei assi d'ineresse verso la fine degli anni Novana, ma principalmene si riferisce alla disribuzione per scadenza dei gil (ioli di sao) inglesi: infai quasi un erzo di quesi avevano scadenza ra il 1995 e il 25, a causa del fore fabbisogno finanziario del governo inglese degli anni Seana e primi anni Oana. Queso consisene volume d offera aveva l'effeo di deprimere il prezzo dei ioli di Sao per quese scadenze, incremenando il asso d'ineresse per quesa duraa. Dopouo anche oggi la curva dei rendimeni ha ques insolia inclinazione e si pensa sia dovuo dalla minima quanià di obbligazioni emesse dallo sao. Infine Sai Unii, nel 1989, ci hanno fornio un uleriore esempio di curva dei assi inveria. Quesa può essere causaa dall aumeno dei assi a breve, uilizzai in una poliica monearia ani-inflazionisica, oppure quando vi sono aspeaive negaive sulla crescia economica fuura. Probabilmene le vicende belliche di quel periodo e soprauo l avvicinarsi della guerra del Golfo ( ) possono aver influenzao quesa anomala inclinazione. Fig..3: Andameni curva dei rendimeni in USA. A queso puno è doveroso spiegare perché l inclinazione della curva dei rendimeni, o spread, sia un anicipaore dell aivià economica. 9

10 Per far queso ci ricolleghiamo alla eoria delle aspeaive della sruura a ermine dei assi di ineresse che sabilisce che il asso di un bond a lungo ermine equivale a una media del asso correne a breve e le aspeaive dei assi a breve fuuri lungo ua la via del bond. Le variabili fondamenali per quese aspeaive sono il asso d inflazione aeso e il asso di ineresse reale a lungo. Nel lungo periodo il asso d equilibrio è deerminao dalla domanda (e offera) di risparmio; la banca cenrale non ha pressoché nessun conrollo sul asso di equilibrio reale a lungo, che invece dipende dai riorni aesi dagli invesimeni e dalle prospeive di risparmio dei singoli individui. Al conrario, la poliica monearia di breve periodo ha una fore influenza sul asso a breve: in presenza di mercai efficieni lo spread riflee la relazione ra il asso a breve influenzao dalla poliica monearia e il asso reale di equilibrio a lungo, quindi pesa l impao della poliica monearia auale sull aivià economica fuura. E ovvio che gli impulsi della poliica monearia non sono la fone principale dei cambiameni nell aivià economica: shocks alle variabili reali, che si rifleerebbero in cambiameni del asso a lungo, risulano essere almeno alreano imporani, ad esempio, un aumeno del riorno aeso degli invesimeni farebbe salire il asso a lungo, menre (ceeris paribus) causerebbe una variazione minima di quello a breve. Di conseguenza ogni shock al sisema, sia che colpisca il seore finanziario che quello reale, pora il mercao a raggiungere un equilibrio di breve periodo che differisce da quello a lungo. Quindi, dao che i assi dei bond incorporano i valori aesi di equilibrio, lo spread varia sisemaicamene marcando sreo i cambiameni nell aivià economica. 1

11 CASISTICA E METODOLOGIA 2.1 LETTERATURA Moli sono gli sudi basai sul poere prediivo della curva dei rendimeni, soprauo relaiva all aivià reale, e hanno cercao di evidenziare la sua imporanza per la composizione di un porafoglio finanziario. Tra i conribui più receni vanno segnalai Esrella e Hardouvelis (1991). L inuizione più semplice diero la yield curve e l aivià reale può essere sineizzaa come segue. Nel enaivo di disribuire ineremporalmene e in modo efficiene i propri flussi di reddio (e di conseguenza il consumo), gli operaori enderanno a deenere ioli che assicurano il pagameno degli ineressi nei periodi in cui ci si aendono bassi reddii da lavoro, ovvero nelle fasi di rallenameno dell aivià economica. Quando gli operaori si aspeano una recessione per il fuuro, dovrebbe regisrarsi una ricomposizione del porafoglio dai ioli a breve a quelli a più lungo ermine con un conseguene appiaimeno della curva del differenziale. Nel caso ci si aenda per il fuuro una ripresa, dovrebbe verificarsi il fenomeno conrario. In senesi, lo spread dovrebbe endere a resringersi in prossimià dei picchi e ad ampliarsi in prossimià dei cavi. Tuavia, negli ulimi anni ricerche empiriche realizzae da Esrella, Anhony e Schich (Augus 22) in Germania e negli Sai Unii, hanno dimosrao una relazione ra la pendenza della curva di rendimeno (yield curve) con l aivià reale economica ma anche con l inflazione. Successivamene si è osservao che quese relazioni non sono sabili nel empo e per queso moivo, araverso opporuni es, si è cercao di individuare un break poin causa di ale insabilià Il modello coninuo, in paricolar modo l approccio di Mishkin (199a, 199b e 1991), definisce l informazione conenua nella curva di rendimeno come la capacià della sua pendenza di predire cambiameni fuuri nei assi d inflazione. 11

12 Queso approccio è basao sulla decomposizione di Fisher secondo la quale il asso d ineresse nominale di m-periodi (m) i, con m equivalene alla scadenza in anni del iolo, può essere composo in due componeni: il asso d ineresse reale ex-ane di m- periodi E π (m) E e il asso d inflazione che si aende durane i prossimi m-periodi r (m) da cui si oiene: i = E r + E π Se le aspeaive sono razionali allora il asso d inflazione aesa può essere scrio come l inflazione realizzaa π più un ermine d erroreε che è orogonale rispeo (m) all informazione relaiva la empo : π = π + ε E + m (m) +m sosiuendo E π (m) dalla prima equazione, si oiene quano segue: π = i Er + ε + m Infine possiamo scrivere quano precedenemene dimosrao come la differenza ra l inflazione nei prossimi m-anni e l inflazione nei prossimi n-anni, quindi oeniamo: dove: π π ( n) = ( m, n) ( m, n) ( n) ( m, n) a 1 + b1 ( i i ) + η+ m ( m, n) ( n) a = ( E r E r ) è la pendenza dei assi reali ex-ane, 1 ( m, n) ( n) η + m = ε + m ε + n è il ermine d errore. ( m, n) Il conenuo informaivo della sruura a ermine viene analizzao verificando se b 1, ovvero il coefficiene della sruura a ermine spread, è uguale a zero. Inolre vengono uilizzai es asinoici per esare l esisenza di break-poin non noi. Nel caso in cui siano noi a priori la disribuzione asinoica si riconduce ad un es chiquadro. I dai, relaivi al periodo 199: :2, evidenziano che la sruura a ermine relaiva alla Germania fornisce maggiore informazioni se si considera un periodo 12

13 superiore ai due anni. Invece, per Srai Unii risulano maggiormene informaivi periodi a breve ermine. Olre a ciò nel primo caso appare un breakpoin nel marzo 1979 nel secondo caso non c è presenza di insabilià. Infine lo sudio svolo da Esrella (Augus 22) dimosra che il ermine spread coniene informazioni significaive per l inflazione e di conseguenza una sruura a ermine molo informaiva può predire l inflazione. 13

14 2.2 DAI MOMENTI PRIMI AI MOMENTI SECONDI Lo sudio di seguio riporao è derivao da quano precedenemene spiegao e si differenzia per quano concerne le variabili dipendeni e, di conseguenza, per l obbieivo finale. Per un invesiore l inclinazione fuura aesa è di sicuro ineresse al fine di una correa allocazione delle risorse nel porafoglio finanziario. Infai, ciò che cona maggiormene è il valore dell ineresse reale. Deo queso; un alro elemeno non meno imporane è lo volailià degli elemeni che influenzano i rendimeni dei ioli di un porafoglio; volailià che approfondiremo con la deviazione sandard analizzando in paricolare l inflazione, lo S&P5 e la produzione indusriale. Queso perché si è rienuo che il primo fosse fondamenale per l analisi dei rendimeni reali, il secondo per i rendimeni rischiosi e infine la produzione indusriale per l evoluzione generale dell economia. L analisi svola, di seguio, in forma ridoa, ha come scopo quello di valuare la relazione di previsione esisene ra la pendenza della curva di rendimeno con la volailià relaiva alle variabili macroeconomiche precedenemene descrie. Inolre si è voluo inrodurre all inerno dei modelli simai il riardo della variabile dipendene. Queso perché si vuole valuare la possibilià di caurare variazioni di sao nella volailià delle variabili oggeo d analisi; dove per sao s inende un periodo caraerizzao da un cero ipo di volailià, che può essere, per esempio, ala o bassa, della dipendene. Quindi, di seguio, verranno simai e analizzai i segueni modelli: inflazione σ π = ( m, n ) ( m, n ) ( m ) ( n ) ( m, n ) ( m, n ) a 1 + b1 ( i i ) + c 1 ( σ π ) + + k η + k S&P5 σ ( m, n ) ( m, n ) ( m ) ( n ) ( m, n ) ( m, n ) S & P 5 = a 1 + b1 ( i i ) + c1 ( σ s & p 5 ) + + k η + k 14

15 produzione indusriale. σ IP = ( m, n ) ( m, n ) ( m ) ( n ) ( m, n ) ( m, n ) a 1 + b 1 ( i i ) + c 1 ( σ ip ) + + k η + k con k = { 1,4,8,12, 2} per ciascuna dipendene e a consane. ( m, n) 1 ( m, n) Quindi quando l ipoesi nulla H : b vieni rifiuaa queso ci pora a concludere 1 = che il ermine spread coniene informazioni significaive per quano riguarda la volailià delle re variabili precedenemene enunciae, olre a ciò maggior è il valore di 2 R più informaiva è la sruura a ermine. 15

16 2.3 I DATI I dai di seguio esaminai si riferiscono agli Sai Unii d America. Tuavia prima di procedere con l analisi è bene descrivere gli elemeni uilizzai all inerno dello sudio VARIABILI INDIPENDENTI I valori delle variabile indipendene si riferiscono a Tresury Consan Mauriies ovvero ioli del Tesoro sauniensi a maurià cosane con scadenze diverse: 1, 2, 3, 5, 7 e 1 anni e ci vengono fornii, con frequenza mensile, dalla Federal Reserve Bank of S. Louis. Il periodo di riferimeno della serie sudiaa è: gennaio 1975-gennaio 27. Come precedenemene spiegao il conenuo informaivo della sruura a ermine viene analizzao verificando se il coefficiene della sruura a ermine spread è uguale a zero. Queso ci ha indoo a calcolare, per ogni serie, la differenza ra assi di ineresse a ( n) lungo periodo e a breve periodo, ovvero ( i i ), perché si riiene siano correlai con i cambiameni fuuri dell aivià economica. I valori aribuii al soraendo ermine vale a dire: 1 e 2 anni. (n) i sono relaivi unicamene ai assi d ineresse a breve Quesa scela è saa faa perché gli effei di azioni di poliica monearia influenzano direamene i assi a breve. Inolre la curva dei rendimeni evidenzia che dal puno di visa empirico un fore cambiameno dei assi a breve si riflee, nella maggior pare dei casi, in un cambiameno di minore enià, nella sessa direzione, dei assi a lungo ermine. Nonosane quello appena descrio sia il modello generale, si possono verificare delle siuazioni in cui la variazione dei assi d'ineresse a breve si ripercuoe su un cambiameno di segno opposo dei assi a lungo. Queso caso si verifica frequenemene quando il cambiameno nei assi a breve genera diverse aspeaive riguardo all'inflazione. Ad esempio, se l'aumeno del coso del denaro per finanziameni con scadenza ridoa viene percepio come una decisa misura aninflazionisica, il asso a lunga scadenza porebbe indebolirsi con una curva dei rendimeni più appiaia. 16

17 Receni analisi, svoli da Haubrich e Dombrosky (1996), evidenziano che lo spread ra assi a lunga e essi a breve ha un poere prediivo sull andameno del GDP nel lungo ermine;menre ale capacià prediiva viene meno in riferimeno al breve ermine. Queso elaborao ha voluo valuare se ale poere prediivo possa influenzare la volailià delle variabili dipendeni, di seguio descrie, perché fondamenale per la riduzione del rischio in ambio finanziario VARIABILI DIPENDENTI Per quano riguarda le variabili dipendeni, che di seguio saranno brevemene descrie, sono sae uilizzae serie mensili, relaive al periodo 1975:1-27:1, per: l indice dei prezzi al consumo (CPI), l indice di produzione indusriale, lo S&P5. Nei primi due casi i dai sono sai fornii dalla Federal Reserve Bank 1, invece nell ulimo caso sono sai ricavai dal sio di Yahoo all inerno dell area finanza 2. L indice dei prezzi al consumo Il CPI, che negli Sai Unii il dao viene comunicao il 15 giorno successivo al mese a cui si riferisce, misura il livello medio dei prezzi di un paniere fisso di beni e servizi acquisai dai consumaori. È considerao la misura ufficiale dell inflazione mensile in un economia; è un indicaore di inflazione 3 primario perché la spesa per consumi rappresena quasi i due erzi dell aivià economica. Inolre, queso indice riflee la variazione di prezzo di più di 4 aricoli secondo la quoa che rappresenano nella spesa media dei consumaori per ciascuno di essi. All inerno del nosro sudio abbiamo uilizzao il CPI for All Urban Consumers, soliamene indicao CPI-U. 1 hp://research.slouisfed.org/fred2 2 hp://i.finance.yahoo.com/ 3 L effeo prodoo in ermini reali dall inflazione è l erosione del poere d acquiso della monea. Può essere causaa da condizioni di espansione economica in cui la domanda di beni e servizi cresce più velocemene dell offera, oppure da un aumeno dei cosi delle aziende produrici, quali salari, imposizione fiscale, coso dei beni d imporazione, che sono cosree ad aumenare il livello dei prezzi per manenere i margini di profio 17

18 S&P5 L indice S&P5 viene calcolao come una media degli andameni borsisici di 5 ra le più imporani azienda USA. La media è ponderaa con il peso di ogni azienda, in funzione non solo del numero di azioni in circolazione ma anche delle conraazioni giornaliere. La complessa procedura maemaico-saisica che ne è alla base prevede anche delle correzioni endeni ad eliminare gli effei di oscillazioni anomale. Sebbene soricamene siano nai prima gli indici Dow Jones, queso paniere ha assuno maggiore imporanza presso gli invesiori. È infai il principale benchmark azionario relaivo ai ioli quoai a Wall Sree ed è il soosane per un incredibilmene ampio venaglio di prodoi derivai, quali fuures, opzioni e cerificaes. Queso paniere, creao da Sandard & Poor's, una divisione di McGraw-Hill, viene calcolao dal 4 marzo Era rappresenao per il circa 9 % da indusrie quoae nella borsa di New-York:425 imprese indusriali, 25 nel seore dei raspori e 5 nel seore pubblico. Aualmene coniene 5 ioli azionari di alreane socieà quoae a New York e selezionae da un apposio comiao (la sua composizione appare nel grafico soosane). Sebbene la maggior pare di quesi ioli siano relaivi ad aziende sauniensi, il crierio geografico non è una discriminane: aualmene sono incluse nell indice 11 socieà esere. Inolre le socieà da inserire nel paniere sono scele per capializzazione floane 4.Ciando alcune delle prime 1 compagnie appareneni all indice S&P5 abbiamo: Exxon Mobil Corp., General Eleric, Ciigroup Inc., Microsof Corp. ecc.. 4 Il floane è la pare di capiale sociale che può essere compraa e vendua sul mercao, cioè ioli non deenui dagli Sai, dai blocchi di conrollo o da azionisi legai da pai di sindacao. La capializzazione floane è semplicemene il prodoo del numero di ioli floani moliplicai per i prezzi di dei ioli. 18

19 Fig : Composizione S&P5 Prima del 1957, l indice di S&P coneneva solamene 9 ioli e di conseguenza con un livello di aendibilià molo più basso. Bisogna però soolineare che l indice non è doao di una flessibilià veloce in quano non è in grado di riconoscere l imporanza di piccole-medie imprese in crescia. Per esempio, la Microsof è enraa nel paniere dello S&P5 solo nel 1994, oo anni dopo la sua quoazione in borsa! Queso si riflee anche nel senso opposo, cioè mole aziende in crisi (i cosiddei fallen angels ), con quoazioni in ribasso e non più significaive, deengono ancora l appellaivo di indicaori economici, in gergo finanziario ioli guida. Indusrial producion Il dao sulla produzione indusriale misura il valore di ciò che viene prodoo da indusrie, giacimeni, miniere e dal seore pubblico di un Paese. Il valore economico dei beni prodoi dall indusria rappresena di solio una buona fea del Prodoo Inerno Lordo di una nazione indusrializzaa. La conoscenza di queso dao consene perano di affinare le sime degli analisi sull andameno del PIL. Il dao è misurao in ermini reali, vale a dire che iene cono dell effeo erosivo dell inflazione. In aggiuna alla produzione, queso rapporo mensile fornisce anche una misura del livello di uilizzazione degli impiani: un incremeno del grado di sfruameno di un impiano è, di solio, indoo dalla necessià di raggiungere un maggior livello di produzione, condizione influenzaa a sua vola da un incremeno di domanda finale. Perano, la 19

20 capacià di uilizzazione degli impiani cresce quando il ciclo economico è in fase di accelerazione e viceversa. Produzione indusriale in aumeno significa che le aziende hanno deciso di produrre di più, in risposa ad un incremeno della domanda oppure in previsione di una fuura ripresa. Incremeni della produzione indusriale sono da considerare dunque come posiivi, fermo resando che se l uilizzo della capacià produiva supera una cera soglia (inorno all 85%) si concreizza il rischio di pressioni inflazionisiche: quando la domanda di beni supera la capacià dei produori di accelerare la produzione (ovvero la domanda aumena più che proporzionalmene rispeo all offera) i prezzi endono ad aumenare. Infine è sviluppao pesando i seori secondo l imporanza che gli è aribuia in base al periodo. L'imporanza dei pesi viene calcolaa secondo le informazioni che vengono fornie dal Revenue Service saisics. I pesi sono aggiornai a inervalli di 5 anni. L'auale è basao su quello del

21 2.4 TRATTAMENTO DEI DATI I dai relaivi alle variabili dipendeni, inizialmene con frequenza mensile, sono sai rasformai in valori annuali e successivamene percenualizzai. Di seguio vengono riporaa le rasformazioni relaive a ciascuna variabile analizzaa: CPI CPI π = CPI *1 S & P5 S & P5 S & P5 12 = *1 & 5 S P 12 IP IP IP 12 = *1 IP 12 Successivamene è saa calcolaa la volailià. In ermini praici, quesa misura del rischio, rappresena il grado di variazione dei prezzi di un'aivià finanziaria in un deerminao periodo di empo che con il passare del empo ende a comprimersi. A al proposio è imporane ricordare che il rischio di un invesimeno è rappresenao dalla variabilià dei risulai conseguii o aesi. Tale volailià viene soliamene misuraa da indicaori saisici quali la varianza o la deviazione sandard, di solio espresse come percenuale annualizzaa. All inerno di un porafoglio finanziario la deviazione sandard misura la differenza media ra i rendimeni (giornalieri) effeivi osservai e la media dei medesimi. Quindi un elevaa volailià implica che il valore in fuuro può oscillare foremene e queso è sinonimo di possibili grossi guadagni o grosse perdie. D alra pare solo un porafoglio rischioso può definirsi un porafoglio con un poenziale rendimeno. Nel nosro sudio la volailià si è oenua araverso il calcolo della deviazione sandard considerando una finesra mobile di 2 anni (24 osservazioni); ciò ha comporao la perdia di alcune osservazioni per la sima dei modelli precedenemene presenai. Infai il periodo iniziale 1975:1-27:1 è sao ridoo a 1977:1-25:1. 21

22 22

23 ANALISI DI STABILITÁ 3.1 PROCEDIMENTO Prima di passare ad un analisi approfondia dei dai, è opporuno spiegare le appe principali che hanno composo lo sudio. Come prima cosa, per ciascuna delle variabili dipendeni analizzae: IPC, S&P5 e produzione indusriale, è saa faa una regressione lineare riardaa di un periodo ( n) avene come variabili indipendene gli spred, ( i i ) aribuendo a 2, 3, 5, 7, 1 anni e al soraendo, (n) i 1 e 2 anni. (m) i valori pari a A queso puno è saa valuaa la significaivià del modello simao. Daa l ipoesi nulla ( m, n) H : b se il p-value associao al coefficiene simao è inferiore al 1% l ipoesi 1 = viene rifiuaa. Prima di sabilire se il ermine spread conenesse informazioni significaive per quano riguarda la volailià della variabile oggeo di sudio è saa valuaa la sabilià del modello uilizzando il es Cusum e di Cusum of Square (Brown, Durbin e Evans, 1975). Il primo si basa sul confrono della somma cumulaa dei residui generai da un processo di regressione ricorsivo con una fascia di confidenza del 5%. Se i valori della somma cumulaa escono dall inervallo di confidenza si conclude che il paramero è insabile. Nel caso in cui queso es evidenziasse presenza di sabilià si è posa l aenzione sul es di Cusum of Square perché rienuo più efficace e idoneo per caurare evenuali presenze di insabilià (Plomberger-Kramer 199). Quindi solo se per enrambi i es la curva si maneneva denro le bande di confidenza si è parlao di periodo sabile. In caso di insabilià si è cercao di individuare dei soocampioni sabili ed evenuali breakpoin ovvero puni di roura all inerno del sisema economico causa di disconinuià per il periodo analizzao. Per avere un risconro di quano rovao si è adoao il breakpoin es di Chow che verifica la significaivià saisica della daa criica individuaa come momeno di 23

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli