FORECASTING...61 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORECASTING...61 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75"

Transcript

1 INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 3 STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI D INTERESSE NOZIONI GENERALI... 5 LE FORME DELLA CURVA DEI RENDIMENTI... 7 CASISTICA E METODOLOGIA LETTERATURA DAI MOMENTI PRIMI AI MOMENTI SECONDI I DATI VARIABILI INDIPENDENTI VARIABILI DIPENDENTI TRATTAMENTO DEI DATI ANALISI DI STABILITÁ PROCEDIMENTO CONSUMER PRICE INDEX ANALISI PRELIMINARE RICERCA DI SOTTOCAMPIONI STABILI ANALISI DEI BREAKPOINT S&P ANALISI PRELIMINARE RICERCA DI SOTTOCAMPIONI STABILI ANALISI DEI BREAKPOINT INDUSTRIAL PRODUCTION ANALISI PRELIMINARE RICERCA DI SOTTOCAMPIONI STABILI ANALISI DEI BREAKPOINT STATI UNITI: SCENARI MACROECONOMICI DAL 1998 AD OGGI. 56

2 FORECASTING INTRODUZIONE IL POTERE PREDITTIVO DELLO SPREAD INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO S&P PRODUZIONE INDUSTRIALE OSSERVAZIONI...69 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75 APPENDICE TECNICA A: C.P.I APPENDICE TECNICA B: S&P APPENDICE TECNICA C: INDUSTRIAL PRODUCTION...112

3 INTRODUZIONE Non c è invesimeno senza rischio; uavia uno sudio che possa ridurlo non può essere ralasciao. Receni ricerche hanno risconrao che la sruura per scadenze dei assi di ineresse, o curva dei rendimeni, cosiuisce un imporane fone di informazioni per le banche cenrali ed i policy-makers in generale, così come per operaori privai quali banche commerciali, invesiori e così via. L inclinazione della curva dei rendimeni, daa dalla differenza fra un asso a lungo ermine e uno a breve, differenziale a ermine o spread, si è ampiamene affermaa quale anicipaore del ciclo economico. La capacià prediiva dello spread si fonda principalmene sul fao che la curva dei rendimeni incorpora informazioni circa l andameno aeso dei assi di ineresse a breve ermine fuuri, il quale, a sua vola, è collegao alle aspeaive degli operaori di mercao riguardo all aivià economica. Come asseriscono Haubrich e Dombrosky (1996) lo spread ra assi a lungo e assi a breve ha un poere prediivo sull andameno del GDP nel lungo ermine. Quindi il differenziale della curva dei rendimeni cosiuisce generalmene un anicipaore piuoso affidabile dell aivià economica dal puno di visa saisico come empiricamene verificao da Esrella e al (22). Il mio sudio ha come obieivo quello di analizzare la relazione esisene ra spread e volailià macroeconomiche; quese ulime sono di elevao ineresse per gli ageni economici perché approssimano uno degli elemeni fondamenali per le decisioni di invesimeno: il rischio. La socieà d oggi e, in primis, gli invesiori finanziari associano queso vocabolo alla probabilià di una perdia o di un pericolo. Ovvero il rischio è una combinazione ra la probabilià del verificarsi di un eveno e l'impao che queso può avere nell ambiene circosane. In finanza, quando si parla genericamene di rischio ci si riferisce al rischio legao alla "normale oscillazione del mercao" nel quale si sa invesendo. Queso rischio, oggeo della esi, è calcolao saisicamene in ermini di "deviazione sandard" dea anche volailià. 3

4 L elaborao di seguio svolo pone l aenzione sulla volailià non condizionaa ad alcun modello perché di maggior ineresse all inerno degli sudi macroeconomici come evidenziano Blanchard e Simon (21). Queso ha indoo a non analizzare alcuni modelli condizionai (ad esempio, ARCH) perché meno rilevani soo queso puno di visa. La volailià esaminaa, porrà aenzione paricolare all inflazione, allo S&P5 e alla produzione indusriale degli Sai Unii. Queso perché si è rienuo che il primo fosse fondamenale per l analisi dei rendimeni reali, il secondo per i rendimeni rischiosi e infine la produzione indusriale per l evoluzione generale dell economia. L analisi svola, in forma ridoa, ha come scopo quello di valuare se lo spread, relaivo a Tresury Consan Mauriies, coniene informazioni significaive per quano riguarda la volailià della variabile oggeo di sudio ma soprauo se è possibile considerarlo un prediore del rischio. Il primo capiolo è dedicao alla spiegazione della sruura a ermine dei assi d ineresse. Nel secondo capiolo, dopo una descrizione della leeraura già esisene in ale ambio, descrive in modo accurao le variabili oggeo dell analisi. La ricerca di sooperiodi sabili, la successiva analisi d evenuali breakpoin individuai e una deagliaa spiegazione degli avvenimeni che possano averlo deerminao compongono il erzo capiolo. Infine, nel quaro capiolo viene confronao ogni singolo modello con un modello benchmark idenificao in un processo Auo Regressivo AR(1); queso perché si desidera individuare possibili migliorameni, in un oica previsiva, dovui dall inroduzione dello spread. 4

5 STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI D INTERESSE 1.1 NOZIONI GENERALI La sruura a ermine dei assi d ineresse formalizza la relazione ra il asso d ineresse e la sua pendenza, e cosiuisce per le banche cenrali una ricca fone d informazioni sulle aspeaive dei mercai riguardo a diverse variabili macroeconomiche fondamenali. Di fao invesimeni e consumi sono influenzai in gran pare da variazioni di assi reali di lungo periodo; dunque la relazione che lega i assi d ineresse su ioli a differene scadenza assumono un rilievo imporane ai fini dello sudio della poliica monearia. La sruura a ermine dei assi d ineresse si colloca nell ambio più generale della valuazione dei ioli obbligazionari. Quesi sono ioli di debio che possono essere emessi dallo Sao, dalle Agenzie Governaive, dagli Eni Pubblici e dalle socieà privae. Essi rappresenano un debio conrao dall emiene nei confroni dei sooscriori, da resiuire e remunerare secondo condizioni prefissae, corrispondendo ai poraori quoe capiale e quoe ineresse (dee cedole). La scadenza di un iolo obbligazionario è rappresenaa dalla via residua, in alre parole dal periodo di empo che rimane prima del rimborso del capiale da pare dell emiene; la sruura dei assi d ineresse secondo la scadenza (erm srucure of ineres raes) è una funzione che lega il asso d ineresse alla sua scadenza. Esisono diverse eorie sulla sruura dei assi per scadenza; le più noe sono la eoria delle aspeaive e la eoria della preferenza per la liquidià. Secondo la eoria delle aspeaive i assi a lungo ermine dipendono dalle aspeaive degli invesiori dei assi a breve. Quando le aspeaive sono al rialzo, gli invesiori, avendo la possibilià di invesire a breve per poi reinvesire dopo pochi mesi a assi più ali, chiedono assi maggiori per invesire a lungo ermine. Di conseguenza la sruura dei assi sarà crescene. 5

6 Quando viceversa le aspeaive sono al ribasso, gli invesiori chiederanno assi più ali per invesire a breve, in quano rienuo meno vanaggioso. In queso caso la sruura sarà decrescene. Riepilogando, se la curva ha un inclinazione posiiva ci sono aspeaive di rialzo dei assi a breve, se la curva ha un inclinazione negaiva, si aende un fuuro calo del livello dei assi a breve. Infine la eoria della preferenza per la liquidià sosiene che i rendimeni obbligazionari a breve sono normalmene inferiori ai assi a lungo a causa della propensione alla liquidià degli operaori, i quali richiederebbero un premio per rinunciare alla disponibilià di fondi proporzionale alla duraa del presio. 6

7 LE FORME DELLA CURVA DEI RENDIMENTI Se vivessimo in un mondo uo ranquillo la curva dei rendimeni, caraerizzaa dal 1 modello = i T j, T j+, presenerebbe un inclinazione posiiva (normal) ovvero le T i 1 j obbligazioni a breve avrebbero rendimeni più bassi perché il rischio associao sarebbe inferiore. Se l inclinazione posiiva della curva è eccessiva, queso rappresena aspeaive di rialzo dei assi (expecaion of an increase in raes); al conrario un inclinazione negaiva riflee l inusuale siuazione che le obbligazioni con una scadenza a breve hanno un rendimeno più elevao delle obbligazioni di lungo periodo. Queso può presagire un fuuro calo del livello dei assi d ineresse (expecaion of a reducion in raes). Fig..1: Andameni della curva dei rendimeni L analisi del comporameno degli operaori è in grado di spiegare chiaramene l impao delle aspeaive sulla sruura per scadenza dei assi d ineresse. Se si ipoizza ad esempio che sia aeso un incremeno dei assi d ineresse (si veda ancora il superiore grafico), gli auali deenori di aivià finanziarie eneranno di eviare di rimanere impegnai in ioli con rendimeni relaivamene bassi; preferiranno invesire solo per orizzoni emporali molo brevi, nell aesa che alla scadenza possano nuovamene concedere presii a assi d ineresse più elevai. Per quesi moivi ci sarà una endenza all incremeno dell offera di fondi a breve ed una corrispondene riduzione dell offera di fondi a lungo ermine. Allo sesso modo però coloro che necessiano di presii vorranno impegnarsi all auale asso d ineresse più basso, per la più lunga duraa 7

8 possibile, al fine di eviare il maggior coso per ineressi fuuro. In al modo la domanda di fondi a lungo ermine incremenerà, di frone alle riduzioni nella domanda per fondi a breve ermine. L effeo di quesa siuazione sarà perano il decremeno dei assi d ineresse a breve ed il corrispondene aumeno dei assi a lungo. Evidenemene quando le aspeaive sono per una fuura diminuzione dei assi, la reazione degli operaori sarà esaamene opposa alla siuazione descria precedenemene, le conseguenze saranno quindi l incremeno dei assi ineresse a breve e la corrispondene diminuzione dei assi a lungo. L insolia curva decrescene (invered yield curve) indica che sa avvenendo un cambiameno economico significaivo come un rallenameno, una nea recessione o una diminuzione dei assi di ineresse. Una curva dei rendimeni inclinaa negaivamene si è verificaa in Ialia all'inizio degli anni Oana. In quell occasione ui i assi d'ineresse erano alle selle e la curva dei rendimeni era foremene inveria. Durane queso periodo moli invesiori prudeni comprarono i cerificai di deposio a 6 mesi e coninuarono ad invesire in quesi. Sforunaamene per loro persero una grande occasione di bloccare il rendimeno di lungo periodo dei ioli del esoro che all'epoca diedero il 15%, che è un asso molo elevao. Un caso ineressane è la curva dei rendimeni per il Regno Unio relaiva a marzo 1992; di seguio riporaa. Fig..2: Andameno della curva dei rendimeni per il Regno Unio (1992) 8

9 Si può noare che la curva in esame si caraerizza non solo per l'inclinazione negaiva, ma anche per una pronunciaa gobba nelle scadenze ra cinque e dieci anni. Quesa peculiarià frequene della curva briannica porebbe rifleere aspeaive per una crescia dei assi d'ineresse verso la fine degli anni Novana, ma principalmene si riferisce alla disribuzione per scadenza dei gil (ioli di sao) inglesi: infai quasi un erzo di quesi avevano scadenza ra il 1995 e il 25, a causa del fore fabbisogno finanziario del governo inglese degli anni Seana e primi anni Oana. Queso consisene volume d offera aveva l'effeo di deprimere il prezzo dei ioli di Sao per quese scadenze, incremenando il asso d'ineresse per quesa duraa. Dopouo anche oggi la curva dei rendimeni ha ques insolia inclinazione e si pensa sia dovuo dalla minima quanià di obbligazioni emesse dallo sao. Infine Sai Unii, nel 1989, ci hanno fornio un uleriore esempio di curva dei assi inveria. Quesa può essere causaa dall aumeno dei assi a breve, uilizzai in una poliica monearia ani-inflazionisica, oppure quando vi sono aspeaive negaive sulla crescia economica fuura. Probabilmene le vicende belliche di quel periodo e soprauo l avvicinarsi della guerra del Golfo ( ) possono aver influenzao quesa anomala inclinazione. Fig..3: Andameni curva dei rendimeni in USA. A queso puno è doveroso spiegare perché l inclinazione della curva dei rendimeni, o spread, sia un anicipaore dell aivià economica. 9

10 Per far queso ci ricolleghiamo alla eoria delle aspeaive della sruura a ermine dei assi di ineresse che sabilisce che il asso di un bond a lungo ermine equivale a una media del asso correne a breve e le aspeaive dei assi a breve fuuri lungo ua la via del bond. Le variabili fondamenali per quese aspeaive sono il asso d inflazione aeso e il asso di ineresse reale a lungo. Nel lungo periodo il asso d equilibrio è deerminao dalla domanda (e offera) di risparmio; la banca cenrale non ha pressoché nessun conrollo sul asso di equilibrio reale a lungo, che invece dipende dai riorni aesi dagli invesimeni e dalle prospeive di risparmio dei singoli individui. Al conrario, la poliica monearia di breve periodo ha una fore influenza sul asso a breve: in presenza di mercai efficieni lo spread riflee la relazione ra il asso a breve influenzao dalla poliica monearia e il asso reale di equilibrio a lungo, quindi pesa l impao della poliica monearia auale sull aivià economica fuura. E ovvio che gli impulsi della poliica monearia non sono la fone principale dei cambiameni nell aivià economica: shocks alle variabili reali, che si rifleerebbero in cambiameni del asso a lungo, risulano essere almeno alreano imporani, ad esempio, un aumeno del riorno aeso degli invesimeni farebbe salire il asso a lungo, menre (ceeris paribus) causerebbe una variazione minima di quello a breve. Di conseguenza ogni shock al sisema, sia che colpisca il seore finanziario che quello reale, pora il mercao a raggiungere un equilibrio di breve periodo che differisce da quello a lungo. Quindi, dao che i assi dei bond incorporano i valori aesi di equilibrio, lo spread varia sisemaicamene marcando sreo i cambiameni nell aivià economica. 1

11 CASISTICA E METODOLOGIA 2.1 LETTERATURA Moli sono gli sudi basai sul poere prediivo della curva dei rendimeni, soprauo relaiva all aivià reale, e hanno cercao di evidenziare la sua imporanza per la composizione di un porafoglio finanziario. Tra i conribui più receni vanno segnalai Esrella e Hardouvelis (1991). L inuizione più semplice diero la yield curve e l aivià reale può essere sineizzaa come segue. Nel enaivo di disribuire ineremporalmene e in modo efficiene i propri flussi di reddio (e di conseguenza il consumo), gli operaori enderanno a deenere ioli che assicurano il pagameno degli ineressi nei periodi in cui ci si aendono bassi reddii da lavoro, ovvero nelle fasi di rallenameno dell aivià economica. Quando gli operaori si aspeano una recessione per il fuuro, dovrebbe regisrarsi una ricomposizione del porafoglio dai ioli a breve a quelli a più lungo ermine con un conseguene appiaimeno della curva del differenziale. Nel caso ci si aenda per il fuuro una ripresa, dovrebbe verificarsi il fenomeno conrario. In senesi, lo spread dovrebbe endere a resringersi in prossimià dei picchi e ad ampliarsi in prossimià dei cavi. Tuavia, negli ulimi anni ricerche empiriche realizzae da Esrella, Anhony e Schich (Augus 22) in Germania e negli Sai Unii, hanno dimosrao una relazione ra la pendenza della curva di rendimeno (yield curve) con l aivià reale economica ma anche con l inflazione. Successivamene si è osservao che quese relazioni non sono sabili nel empo e per queso moivo, araverso opporuni es, si è cercao di individuare un break poin causa di ale insabilià Il modello coninuo, in paricolar modo l approccio di Mishkin (199a, 199b e 1991), definisce l informazione conenua nella curva di rendimeno come la capacià della sua pendenza di predire cambiameni fuuri nei assi d inflazione. 11

12 Queso approccio è basao sulla decomposizione di Fisher secondo la quale il asso d ineresse nominale di m-periodi (m) i, con m equivalene alla scadenza in anni del iolo, può essere composo in due componeni: il asso d ineresse reale ex-ane di m- periodi E π (m) E e il asso d inflazione che si aende durane i prossimi m-periodi r (m) da cui si oiene: i = E r + E π Se le aspeaive sono razionali allora il asso d inflazione aesa può essere scrio come l inflazione realizzaa π più un ermine d erroreε che è orogonale rispeo (m) all informazione relaiva la empo : π = π + ε E + m (m) +m sosiuendo E π (m) dalla prima equazione, si oiene quano segue: π = i Er + ε + m Infine possiamo scrivere quano precedenemene dimosrao come la differenza ra l inflazione nei prossimi m-anni e l inflazione nei prossimi n-anni, quindi oeniamo: dove: π π ( n) = ( m, n) ( m, n) ( n) ( m, n) a 1 + b1 ( i i ) + η+ m ( m, n) ( n) a = ( E r E r ) è la pendenza dei assi reali ex-ane, 1 ( m, n) ( n) η + m = ε + m ε + n è il ermine d errore. ( m, n) Il conenuo informaivo della sruura a ermine viene analizzao verificando se b 1, ovvero il coefficiene della sruura a ermine spread, è uguale a zero. Inolre vengono uilizzai es asinoici per esare l esisenza di break-poin non noi. Nel caso in cui siano noi a priori la disribuzione asinoica si riconduce ad un es chiquadro. I dai, relaivi al periodo 199: :2, evidenziano che la sruura a ermine relaiva alla Germania fornisce maggiore informazioni se si considera un periodo 12

13 superiore ai due anni. Invece, per Srai Unii risulano maggiormene informaivi periodi a breve ermine. Olre a ciò nel primo caso appare un breakpoin nel marzo 1979 nel secondo caso non c è presenza di insabilià. Infine lo sudio svolo da Esrella (Augus 22) dimosra che il ermine spread coniene informazioni significaive per l inflazione e di conseguenza una sruura a ermine molo informaiva può predire l inflazione. 13

14 2.2 DAI MOMENTI PRIMI AI MOMENTI SECONDI Lo sudio di seguio riporao è derivao da quano precedenemene spiegao e si differenzia per quano concerne le variabili dipendeni e, di conseguenza, per l obbieivo finale. Per un invesiore l inclinazione fuura aesa è di sicuro ineresse al fine di una correa allocazione delle risorse nel porafoglio finanziario. Infai, ciò che cona maggiormene è il valore dell ineresse reale. Deo queso; un alro elemeno non meno imporane è lo volailià degli elemeni che influenzano i rendimeni dei ioli di un porafoglio; volailià che approfondiremo con la deviazione sandard analizzando in paricolare l inflazione, lo S&P5 e la produzione indusriale. Queso perché si è rienuo che il primo fosse fondamenale per l analisi dei rendimeni reali, il secondo per i rendimeni rischiosi e infine la produzione indusriale per l evoluzione generale dell economia. L analisi svola, di seguio, in forma ridoa, ha come scopo quello di valuare la relazione di previsione esisene ra la pendenza della curva di rendimeno con la volailià relaiva alle variabili macroeconomiche precedenemene descrie. Inolre si è voluo inrodurre all inerno dei modelli simai il riardo della variabile dipendene. Queso perché si vuole valuare la possibilià di caurare variazioni di sao nella volailià delle variabili oggeo d analisi; dove per sao s inende un periodo caraerizzao da un cero ipo di volailià, che può essere, per esempio, ala o bassa, della dipendene. Quindi, di seguio, verranno simai e analizzai i segueni modelli: inflazione σ π = ( m, n ) ( m, n ) ( m ) ( n ) ( m, n ) ( m, n ) a 1 + b1 ( i i ) + c 1 ( σ π ) + + k η + k S&P5 σ ( m, n ) ( m, n ) ( m ) ( n ) ( m, n ) ( m, n ) S & P 5 = a 1 + b1 ( i i ) + c1 ( σ s & p 5 ) + + k η + k 14

15 produzione indusriale. σ IP = ( m, n ) ( m, n ) ( m ) ( n ) ( m, n ) ( m, n ) a 1 + b 1 ( i i ) + c 1 ( σ ip ) + + k η + k con k = { 1,4,8,12, 2} per ciascuna dipendene e a consane. ( m, n) 1 ( m, n) Quindi quando l ipoesi nulla H : b vieni rifiuaa queso ci pora a concludere 1 = che il ermine spread coniene informazioni significaive per quano riguarda la volailià delle re variabili precedenemene enunciae, olre a ciò maggior è il valore di 2 R più informaiva è la sruura a ermine. 15

16 2.3 I DATI I dai di seguio esaminai si riferiscono agli Sai Unii d America. Tuavia prima di procedere con l analisi è bene descrivere gli elemeni uilizzai all inerno dello sudio VARIABILI INDIPENDENTI I valori delle variabile indipendene si riferiscono a Tresury Consan Mauriies ovvero ioli del Tesoro sauniensi a maurià cosane con scadenze diverse: 1, 2, 3, 5, 7 e 1 anni e ci vengono fornii, con frequenza mensile, dalla Federal Reserve Bank of S. Louis. Il periodo di riferimeno della serie sudiaa è: gennaio 1975-gennaio 27. Come precedenemene spiegao il conenuo informaivo della sruura a ermine viene analizzao verificando se il coefficiene della sruura a ermine spread è uguale a zero. Queso ci ha indoo a calcolare, per ogni serie, la differenza ra assi di ineresse a ( n) lungo periodo e a breve periodo, ovvero ( i i ), perché si riiene siano correlai con i cambiameni fuuri dell aivià economica. I valori aribuii al soraendo ermine vale a dire: 1 e 2 anni. (n) i sono relaivi unicamene ai assi d ineresse a breve Quesa scela è saa faa perché gli effei di azioni di poliica monearia influenzano direamene i assi a breve. Inolre la curva dei rendimeni evidenzia che dal puno di visa empirico un fore cambiameno dei assi a breve si riflee, nella maggior pare dei casi, in un cambiameno di minore enià, nella sessa direzione, dei assi a lungo ermine. Nonosane quello appena descrio sia il modello generale, si possono verificare delle siuazioni in cui la variazione dei assi d'ineresse a breve si ripercuoe su un cambiameno di segno opposo dei assi a lungo. Queso caso si verifica frequenemene quando il cambiameno nei assi a breve genera diverse aspeaive riguardo all'inflazione. Ad esempio, se l'aumeno del coso del denaro per finanziameni con scadenza ridoa viene percepio come una decisa misura aninflazionisica, il asso a lunga scadenza porebbe indebolirsi con una curva dei rendimeni più appiaia. 16

17 Receni analisi, svoli da Haubrich e Dombrosky (1996), evidenziano che lo spread ra assi a lunga e essi a breve ha un poere prediivo sull andameno del GDP nel lungo ermine;menre ale capacià prediiva viene meno in riferimeno al breve ermine. Queso elaborao ha voluo valuare se ale poere prediivo possa influenzare la volailià delle variabili dipendeni, di seguio descrie, perché fondamenale per la riduzione del rischio in ambio finanziario VARIABILI DIPENDENTI Per quano riguarda le variabili dipendeni, che di seguio saranno brevemene descrie, sono sae uilizzae serie mensili, relaive al periodo 1975:1-27:1, per: l indice dei prezzi al consumo (CPI), l indice di produzione indusriale, lo S&P5. Nei primi due casi i dai sono sai fornii dalla Federal Reserve Bank 1, invece nell ulimo caso sono sai ricavai dal sio di Yahoo all inerno dell area finanza 2. L indice dei prezzi al consumo Il CPI, che negli Sai Unii il dao viene comunicao il 15 giorno successivo al mese a cui si riferisce, misura il livello medio dei prezzi di un paniere fisso di beni e servizi acquisai dai consumaori. È considerao la misura ufficiale dell inflazione mensile in un economia; è un indicaore di inflazione 3 primario perché la spesa per consumi rappresena quasi i due erzi dell aivià economica. Inolre, queso indice riflee la variazione di prezzo di più di 4 aricoli secondo la quoa che rappresenano nella spesa media dei consumaori per ciascuno di essi. All inerno del nosro sudio abbiamo uilizzao il CPI for All Urban Consumers, soliamene indicao CPI-U. 1 hp://research.slouisfed.org/fred2 2 hp://i.finance.yahoo.com/ 3 L effeo prodoo in ermini reali dall inflazione è l erosione del poere d acquiso della monea. Può essere causaa da condizioni di espansione economica in cui la domanda di beni e servizi cresce più velocemene dell offera, oppure da un aumeno dei cosi delle aziende produrici, quali salari, imposizione fiscale, coso dei beni d imporazione, che sono cosree ad aumenare il livello dei prezzi per manenere i margini di profio 17

18 S&P5 L indice S&P5 viene calcolao come una media degli andameni borsisici di 5 ra le più imporani azienda USA. La media è ponderaa con il peso di ogni azienda, in funzione non solo del numero di azioni in circolazione ma anche delle conraazioni giornaliere. La complessa procedura maemaico-saisica che ne è alla base prevede anche delle correzioni endeni ad eliminare gli effei di oscillazioni anomale. Sebbene soricamene siano nai prima gli indici Dow Jones, queso paniere ha assuno maggiore imporanza presso gli invesiori. È infai il principale benchmark azionario relaivo ai ioli quoai a Wall Sree ed è il soosane per un incredibilmene ampio venaglio di prodoi derivai, quali fuures, opzioni e cerificaes. Queso paniere, creao da Sandard & Poor's, una divisione di McGraw-Hill, viene calcolao dal 4 marzo Era rappresenao per il circa 9 % da indusrie quoae nella borsa di New-York:425 imprese indusriali, 25 nel seore dei raspori e 5 nel seore pubblico. Aualmene coniene 5 ioli azionari di alreane socieà quoae a New York e selezionae da un apposio comiao (la sua composizione appare nel grafico soosane). Sebbene la maggior pare di quesi ioli siano relaivi ad aziende sauniensi, il crierio geografico non è una discriminane: aualmene sono incluse nell indice 11 socieà esere. Inolre le socieà da inserire nel paniere sono scele per capializzazione floane 4.Ciando alcune delle prime 1 compagnie appareneni all indice S&P5 abbiamo: Exxon Mobil Corp., General Eleric, Ciigroup Inc., Microsof Corp. ecc.. 4 Il floane è la pare di capiale sociale che può essere compraa e vendua sul mercao, cioè ioli non deenui dagli Sai, dai blocchi di conrollo o da azionisi legai da pai di sindacao. La capializzazione floane è semplicemene il prodoo del numero di ioli floani moliplicai per i prezzi di dei ioli. 18

19 Fig : Composizione S&P5 Prima del 1957, l indice di S&P coneneva solamene 9 ioli e di conseguenza con un livello di aendibilià molo più basso. Bisogna però soolineare che l indice non è doao di una flessibilià veloce in quano non è in grado di riconoscere l imporanza di piccole-medie imprese in crescia. Per esempio, la Microsof è enraa nel paniere dello S&P5 solo nel 1994, oo anni dopo la sua quoazione in borsa! Queso si riflee anche nel senso opposo, cioè mole aziende in crisi (i cosiddei fallen angels ), con quoazioni in ribasso e non più significaive, deengono ancora l appellaivo di indicaori economici, in gergo finanziario ioli guida. Indusrial producion Il dao sulla produzione indusriale misura il valore di ciò che viene prodoo da indusrie, giacimeni, miniere e dal seore pubblico di un Paese. Il valore economico dei beni prodoi dall indusria rappresena di solio una buona fea del Prodoo Inerno Lordo di una nazione indusrializzaa. La conoscenza di queso dao consene perano di affinare le sime degli analisi sull andameno del PIL. Il dao è misurao in ermini reali, vale a dire che iene cono dell effeo erosivo dell inflazione. In aggiuna alla produzione, queso rapporo mensile fornisce anche una misura del livello di uilizzazione degli impiani: un incremeno del grado di sfruameno di un impiano è, di solio, indoo dalla necessià di raggiungere un maggior livello di produzione, condizione influenzaa a sua vola da un incremeno di domanda finale. Perano, la 19

20 capacià di uilizzazione degli impiani cresce quando il ciclo economico è in fase di accelerazione e viceversa. Produzione indusriale in aumeno significa che le aziende hanno deciso di produrre di più, in risposa ad un incremeno della domanda oppure in previsione di una fuura ripresa. Incremeni della produzione indusriale sono da considerare dunque come posiivi, fermo resando che se l uilizzo della capacià produiva supera una cera soglia (inorno all 85%) si concreizza il rischio di pressioni inflazionisiche: quando la domanda di beni supera la capacià dei produori di accelerare la produzione (ovvero la domanda aumena più che proporzionalmene rispeo all offera) i prezzi endono ad aumenare. Infine è sviluppao pesando i seori secondo l imporanza che gli è aribuia in base al periodo. L'imporanza dei pesi viene calcolaa secondo le informazioni che vengono fornie dal Revenue Service saisics. I pesi sono aggiornai a inervalli di 5 anni. L'auale è basao su quello del

21 2.4 TRATTAMENTO DEI DATI I dai relaivi alle variabili dipendeni, inizialmene con frequenza mensile, sono sai rasformai in valori annuali e successivamene percenualizzai. Di seguio vengono riporaa le rasformazioni relaive a ciascuna variabile analizzaa: CPI CPI π = CPI *1 S & P5 S & P5 S & P5 12 = *1 & 5 S P 12 IP IP IP 12 = *1 IP 12 Successivamene è saa calcolaa la volailià. In ermini praici, quesa misura del rischio, rappresena il grado di variazione dei prezzi di un'aivià finanziaria in un deerminao periodo di empo che con il passare del empo ende a comprimersi. A al proposio è imporane ricordare che il rischio di un invesimeno è rappresenao dalla variabilià dei risulai conseguii o aesi. Tale volailià viene soliamene misuraa da indicaori saisici quali la varianza o la deviazione sandard, di solio espresse come percenuale annualizzaa. All inerno di un porafoglio finanziario la deviazione sandard misura la differenza media ra i rendimeni (giornalieri) effeivi osservai e la media dei medesimi. Quindi un elevaa volailià implica che il valore in fuuro può oscillare foremene e queso è sinonimo di possibili grossi guadagni o grosse perdie. D alra pare solo un porafoglio rischioso può definirsi un porafoglio con un poenziale rendimeno. Nel nosro sudio la volailià si è oenua araverso il calcolo della deviazione sandard considerando una finesra mobile di 2 anni (24 osservazioni); ciò ha comporao la perdia di alcune osservazioni per la sima dei modelli precedenemene presenai. Infai il periodo iniziale 1975:1-27:1 è sao ridoo a 1977:1-25:1. 21

22 22

23 ANALISI DI STABILITÁ 3.1 PROCEDIMENTO Prima di passare ad un analisi approfondia dei dai, è opporuno spiegare le appe principali che hanno composo lo sudio. Come prima cosa, per ciascuna delle variabili dipendeni analizzae: IPC, S&P5 e produzione indusriale, è saa faa una regressione lineare riardaa di un periodo ( n) avene come variabili indipendene gli spred, ( i i ) aribuendo a 2, 3, 5, 7, 1 anni e al soraendo, (n) i 1 e 2 anni. (m) i valori pari a A queso puno è saa valuaa la significaivià del modello simao. Daa l ipoesi nulla ( m, n) H : b se il p-value associao al coefficiene simao è inferiore al 1% l ipoesi 1 = viene rifiuaa. Prima di sabilire se il ermine spread conenesse informazioni significaive per quano riguarda la volailià della variabile oggeo di sudio è saa valuaa la sabilià del modello uilizzando il es Cusum e di Cusum of Square (Brown, Durbin e Evans, 1975). Il primo si basa sul confrono della somma cumulaa dei residui generai da un processo di regressione ricorsivo con una fascia di confidenza del 5%. Se i valori della somma cumulaa escono dall inervallo di confidenza si conclude che il paramero è insabile. Nel caso in cui queso es evidenziasse presenza di sabilià si è posa l aenzione sul es di Cusum of Square perché rienuo più efficace e idoneo per caurare evenuali presenze di insabilià (Plomberger-Kramer 199). Quindi solo se per enrambi i es la curva si maneneva denro le bande di confidenza si è parlao di periodo sabile. In caso di insabilià si è cercao di individuare dei soocampioni sabili ed evenuali breakpoin ovvero puni di roura all inerno del sisema economico causa di disconinuià per il periodo analizzao. Per avere un risconro di quano rovao si è adoao il breakpoin es di Chow che verifica la significaivià saisica della daa criica individuaa come momeno di 23

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto

La valutazione d azienda: conciliazione tra metodo diretto ed indiretto Valuazione d azienda La valuazione d azienda: conciliazione ra meodo direo ed indireo di Maeo Versiglioni (*) e Filippo Riccardi (**) La meodologia maggiormene uilizzaa per la valuazione d azienda, è quella

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

Un modello econometrico multifattoriale dell Indice Comit generale della Borsa di Milano

Un modello econometrico multifattoriale dell Indice Comit generale della Borsa di Milano WORKING PAPER n. 00.08 Novembre 2000 Un modello economerico mulifaoriale dell Indice Comi generale della Borsa di Milano Renaa Bonfiglio 1 Paolo Guderzo 2 1 Unicredio di Milano 2 Universià Cà Foscari di

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA RELATORE: Ch.mo Prof. Francesco

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. L approccio time series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE MASTER IN STATISTICA APPLICATA L approccio ime series per l analisi e la previsione della disoccupazione sarda Relaore: Prof. Paolo Maana

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica.

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica. Opporunià di arbiraggio nel mercao del BTP Fuures: una verifica empirica. Andrea Giacomelli Grea, Venezia Domenico Sarore Universià Ca' Foscari e Grea, Venezia Michele Trova Inesa Asse Managemen Come è

Dettagli

Analisi delle serie storiche: modelli ARCH e GARCH. Prof. M. Ferrara

Analisi delle serie storiche: modelli ARCH e GARCH. Prof. M. Ferrara Analisi delle serie soriche: modelli ARCH e GARCH Prof. M. Ferrara 1 Scele di porafoglio Markowiz ci insegna che i parameri decisionali fondamenali per operare scele di porafoglio sono: Media Varianza

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea AGENDA Concei di differenziazione vericale

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

Università degli Studi di Padova

Università degli Studi di Padova Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE Corso di Laurea Specialisica in Scienze Saisiche, Economiche, Finanziarie e Aziendali VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DELLA PUBBLICITÀ NEL MERCATO

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W:

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W: Il Monearismo Il mercao del lavoro secondo i monearisi Conrai a breve ermine si aggiusano velocemene I): informazione perfea: lavoraori e imprese conoscono e W: W i prezzi : da a = 2 W - domanda: da a

Dettagli

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran

Le basi della valutazione secondo i cash flow. Aswath Damodaran Le basi della valuazione secondo i cash flow Aswah Damodaran Valuazione secondo i cash flow: le basi dell'approccio Valore = = n CF = 1 1+ r ( ) dove, n = anni di via dell'aivià CF = Cash flow nel periodo

Dettagli

Un po di teoria. cos è un condensatore?

Un po di teoria. cos è un condensatore? Sudio sperimenale del processo di carica e scarica di un condensaore cos è un condensaore? Un po di eoria Un condensaore è un sisema di due conduori affacciai, dei armaure, separai da un isolane. Esso

Dettagli

STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE

STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE Universià degli Sudi di Padova FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE STATISTICHE, ECONOMICHE, FINANZIARIE E AZIENDALI TESI DI LAUREA STUDIO DELL ASIMMETRIA DELLE DISTRIBUZIONI

Dettagli

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2 Il modello di Black-Scholes Si raa sosanzialmene del modello in empo coninuo che si oiene facendo endere a 0 nel modello binomiale. Come vedremo, è un modello di fondamenale imporanza, e per esso a Myron

Dettagli

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO

DEFICIT E DEBITO PUBBLICO DEFICIT E DEITO PULICO Defici e debio pubblico Se il governo di uno Sao spende più di quano incassa, si genera un defici pubblico. Viceversa, si parla di surplus. Il defici è finanziao dallo Sao ricorrendo

Dettagli

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI

5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI 94 Capiolo V 5 LA MATRICE DEI FLUSSI DI FONDI Ricapioliamo brevemene la srada percorsa ino a qui. Siamo parii nel primo capiolo analizzando una semplice economia di barao con re ageni. In queso coneso

Dettagli

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI

MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI MODELLI AFFLUSSI DEFLUSSI Al ecnico si presenano moli casi in cui non è sufficiene la deerminazione delle massime porae ramie i crieri di similiudine idrologica, precedenemene esposi. Si ciano, a iolo

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE TESI DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA STIMA DELLA VOLATILITA NEI MERCATI FINANZIARI CON DATI INFRA-GIORNALIERI: ALCUNI CONFRONTI

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELATORE: CH.MO PROF. LISI FRANCESCO LAUREANDO: CANELLA FRANCESCO MATRICOLA: 45835 ANNO ACCADEMICO: 003-004 4 Alla mia famiglia

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA Relazione finale INFLUENZA DELLA FED SULLA BCE: UNA VERIFICA EMPIRICA Relaore:Do Efrem Caselnuovo

Dettagli

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano WORKING PAPER n.0.07 Seembre 00 Un modello economerico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercao azionario ialiano R. Casarin a,b P. Guderzo c a. Universià Ca Foscari, Venezia. b. GRETA, Venezia.

Dettagli

Modelli empirici di aggiustamento e crescita

Modelli empirici di aggiustamento e crescita A13 107 Albero Bagnai Modelli empirici di aggiusameno e crescia Appuni per un corso di Macroeconomia dello sviluppo ARACNE Copyrigh MMV ARACNE edirice S.r.l. www.aracneedirice.i info@aracneedirice.i via

Dettagli

La parità tra i tassi di interesse: una verifica empirica

La parità tra i tassi di interesse: una verifica empirica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA Tesi di laurea La parià ra i assi di ineresse: una verifica empirica Relaore: CH.MO PROF.

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici Facolà di Agraria - Universià di Sassari Anno Accademico 004-005 Dispense Corso di Pianificazione e Difesa del erriorio Docene: Luciano Guierrez Analisi Cosi e Benefici. Inroduzione. Decisioni individuali

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI DI UNA COLATA LENTA IN ARGILLE VARICOLORI E DEL LORO LEGAME CON LE PIOGGE

ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI DI UNA COLATA LENTA IN ARGILLE VARICOLORI E DEL LORO LEGAME CON LE PIOGGE ANALISI DEGLI SPOSTAMENTI DI UNA COLATA LENTA IN ARGILLE VARICOLORI E DEL LORO LEGAME CON LE PIOGGE Robero Vassallo, Giuseppe Maria Grimaldi, Caerina Di Maio Universià della Basilicaa robero.vassallo@unibas.i;

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average

Il mercato immobiliare statunitense Un approccio attraverso l utilizzo dei Dynamic model average Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e finanza Tesi di Laurea Il mercao immobiliare sauniense Un approccio araverso l uilizzo dei Dynamic model average Relaore Ch. Prof.

Dettagli

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione;

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione; La sinesi neoclassica LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI Il dibaio si concenra, fino ad oggi, su una serie di emi di vasa poraa, ra cui: la naura e le cause della crescia economica; le foni dell insabilià

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sisemi informaivi Servizio saisica e oponomasica Bolleino mensile di Saisica Seembre 2013 Sisema Saisico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Saisica Direzione Sisemi informaivi Servizio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE STATISTICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E AZIENDALI RELAZIONE FINALE: METODI STATISTICI PER LA GESTIONE

Dettagli

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE I EDIMETI LE SEIE STOICHE FIAZIAIE Aivià finanziarie Azioni es. Capialia, Mediase,... Tioli di sao BOT, BT, Tassi di cambio Euro/Dollaro, Euro/Serlina, Indici di Borsa S&/MIB, CAC4, ETF Tassi di ineresse

Dettagli

Crescita e Convergenza economica nei modelli neoclassici

Crescita e Convergenza economica nei modelli neoclassici MACEOECONOMIA AVANZATA Crescia e Convergenza economica nei modelli neoclassici Pasquale Tridico Universià di Roma Tre ridico@uniroma3.i Il seso fao silizzao di KAldor non vi sono prove significaive di

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

L integrazione europea e il mercato del lavoro: un analisi teorica ed empirica in un contesto insider/outsider

L integrazione europea e il mercato del lavoro: un analisi teorica ed empirica in un contesto insider/outsider L inegrazione europea e il mercao del lavoro: un analisi eorica ed empirica in un coneso insider/ousider Michela Marinoia Doorao in Scienze Economiche Universià degli Sudi di Milano Via Conservaorio, 7

Dettagli

= 1,4 (rischiosità sistematica)

= 1,4 (rischiosità sistematica) Analisi degli invesimeni n.b.: ui i valori moneari sono in euro Nel corso del 4 al managemen della socieà MPRESA vengono proposi due invesimeni alernaivi. Nel seguio vengono fornie informazioni in merio

Dettagli

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia Diparimeno di Scienze Economiche, Maemaiche e Saisiche Universià degli Sudi di Foggia Inroduzione all analisi quaniaiva dei beni pubblici Ialo M. Scrocchia Quaderno n. 27/2008 Esemplare fuori commercio

Dettagli

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Prof. Ing. R. M. Poro A cura della TELECOMUNICAZIONI Con il ermine elecomunicazioni

Dettagli

Metodi stocastici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider trading

Metodi stocastici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider trading Approfondimeni l Regulaion Meodi socasici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider rading Marcello Minenna presena un modello probabilisico per l individuazione di possibili fenomeni

Dettagli

Politica Economica Europea. a.a.2014-15

Politica Economica Europea. a.a.2014-15 Poliica Economica Europea 8 Il Traao di Maasrich Voluo da Mierand, Delors, Khol E firmao a Maasrich il 7 febbraio 1992 ed enrao in vigore il 1 novembre 1993. L'Unione europea da esso creaa compora re pilasri:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facolà di Scienze Saisiche CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA RELAZIONE FINALE: INFLUENZA DI ALCUNI CARATTERI SOCIOECONOMICI NELLE SCELTE DI PORTAFOGLIO

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" FACOLTA' DI ECONOMIA DOTTORATO DI RICERCA IN BANCA E FINANZA CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO XXII LA CRISI DEI MUTUI SUBPRIME: ANALISI DEGLI EFFETTI SUI RENDIMENTI

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli