Usabilità. Introduzione Usabilità nei sistemi interattivi Valutare e misurare l usabilità. Università Degli Studi Di Napoli Federico II

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Usabilità. Introduzione Usabilità nei sistemi interattivi Valutare e misurare l usabilità. Università Degli Studi Di Napoli Federico II"

Transcript

1 Elementi di informatica e web a.a. 2013/2014 di Guido Fusco Università Degli Studi Di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Sociali - Corso di Laurea in Culture Digitali e Della Comunicazione Usabilità Introduzione Usabilità nei sistemi interattivi Valutare e misurare l usabilità

2 Usabilità: un filo rosso che attraversa persone con competenze diverse Obiettivi e vincoli al progetto DEFINIZIONE DEI REQUISITI INIZIO FASE DI PROGETTAZIONE Architettura Informazione (A.I.) WEB DESIGN Comunicazione: progetto grafico in relazione all'a.i. VISUAL DESIGN INIZIO FASE DI SVILUPPO Sviluppo: Scelta e sviluppo del software da usare SVILUPPO SITO USABILITA' Redazione del contenuto CONTENT MARKETING PUBBLICAZIONE SITO - Monitoraggio. - Aggiornamento contenuti. - Mantenimento server. - Mantenimento software GESTIONE SITO

3 Sistemi interattivi Interfacce

4 Sistemi e interfacce Sistema interattivo, s intende una qualsiasi combinazione di componenti hardware e software che ricevono input da un utente umano e gli forniscono un output, allo scopo di supportare l effettuazione di un compito Compito, s intende un insieme di attività richieste per raggiungere un risultato Interfaccia d uso, s intende l insieme di tutti i componenti di un sistema interattivo, che forniscono all utente informazioni e comandi per permettergli di effettuare specifici compiti attraverso il sistema Per dialogo (L ISO 9421), s intende una Azione dell utente INPUT sequenza di azioni compiute dall utente (INPUT) e di risposte del sistema (OUTPUT), allo scopo di raggiungere un certo obiettivo mondo esterno utente Risposte del sistema output sistema dialogo uomo-sistema sistema interfaccia

5 I software Fino a tutti gli anni 70 il computer non era un prodotto di massa, i principali utilizzatori dei prodotti software finivano per essere gli stessi progettisti o persone esperte con una formazione simile ai progettisti. Di conseguenza l'usabilità era un problema assente (o meglio implicito): se uno sapeva progettare un software, sapeva anche usarlo. Design Model = User Model Negli anni 80, con la diffusione delle tecnologie informatiche a livello di ufficio e di famiglia, e con la diffusione del personal computer, gli utenti finali del software (ma naturalmente anche dell'hardware) non erano più i progettisti. Ora il mercato imponeva di vendere macchine e programmi a chiunque. E "chiunque" NON era un esperto di informatica.

6 Interfacce a metafora 1984 E l anno del primo Macintosh, l interfaccia grafica introduce la metafora della scrivania, delle cartelle e dei documenti. E il computer a misura di essere umano. Il seme che avrebbe consentito l'utilizzo del computer a masse di utenti inesperti fu gettato dal Macintosh, il primo computer con un sistema operativo completamente visuale, basato sulla metafora della scrivania e dello spostamento intuitivo degli oggetti. Il cambiamento fu epocale. Macintosh si impose come computer user-friendly, orientato all'uso da parte di persone completamente a digiuno di informatica Poco dopo Windows riutilizzò la metafora con una politica di vendita molto più decisa, addirittura aggressiva.

7 Comunicazione uomo-interfaccia Il progettista, con il proprio modello mentale, ha previsto che certe azioni Progettista / sviluppatore Interfaccia Utente portino ad risultato definito. L utente, con il proprio modello mentale, Metodi codifica e decodifica Metodi codifica e decodifica ha previsto che certe azioni portino ad risultato definito. l'interfaccia produce i risultati che il progettista ha previsto e non quelli che Mondo soggettivo Mondo soggettivo pensa l'utente. CASO 1) A e A' coincidono: l'interfaccia risponde in modo adeguato, utente e progettista usano la stessa semantica, CASO 2) A e A' non coincidono: le azioni dell'utente non sono quelle previste dal progettista e l'interfaccia non risponde in modo adeguato, utente e progettista usano semantiche diverse. Mondo mentale progettista A A Mondo mentale utente Distanza cognitiva tra il modello del progettista e quello dell utente COME RIDURRE LA DISTANZA?

8 Usabilità: l utente al centro del progetto si relazione con le interfacce Istruire l utente per renderlo capace di utilizzare il sistema VS Agire sul sistema progettandolo in modo compatibile alle caratteristiche dell utente.

9 Approccio centrato sul sistema (system-centered) La prima possibilità rappresenta l unica soluzione esplorata fino alla fine degli anni 70. L oggetto principale dell attenzione era il sistema da progettare. Il processo di progettazione partiva dalla definizione delle funzionalità che esso doveva fornire al suo utente, e che venivano quindi descritte in dettaglio in un documento di specifiche funzionali, a partire dal quale il sistema veniva progettato e quindi realizzato. In questo approccio, l utente del sistema aveva un ruolo, tutto sommato, abbastanza marginale: il progettista concentrava la sua attenzione sulle funzionalità, e sugli aspetti tecnici connessi alla loro rapporto costo/qualità accettabile (approccio centrato sul sistema, system-centered). L addestramento tipicamente richiede lunghi e faticosi periodi di studio; inoltre non garantisce il successo

10 e-inclusione punta su una distribuzione della conoscenza ma non su sistemi progettati su utenti La e-inclusione, punta ad assicurare che le persone svantaggiate non siano escluse per mancanza di alfabetizzazione digitale o accesso ad internet. e- inclusione significa anche trarre vantaggio dalle nuove opportunità offerte dai servizi tecnici e digitali per inclusione di persone socialmente svantaggiate e delle aree meno favorite. La società dell informazione ha la possibilità di distribuire la conoscenza più equamente e di offrire nuove opportunità di lavoro, superando le barriere tradizionali alla mobilità e alla distanza geografica L approccio dei programmi e-inclusive, considerano sostanzialmente, le complessità d uso delle tecnologie, una variabile indipendente, ovvero se la tecnologie pone delle difficoltà, si opererà in primo luogo istruendo gli utenti. Un approccio, totalmente diverso a quello che vede di modificare la tecnologia dall interno promuovendo tra chi progetta e produce tecnologia una cultura della semplicità che consideri appunto la facilità d uso un problema di fondamentale importanza

11 Filtri interfacce utente E precisa responsabilità dei progettisti acquisire le conoscenze, i metodi e gli strumenti per la progettazione di sistemi che siano utilizzabili senza problemi da tutti i potenziali utenti. filtro sistema Complessità funzionale Complessità strutturale In questo contesto, l interfaccia d uso dei sistemi interattivi riveste un ruolo fondamentale. Essa ha il compito di filtrare la complessità, presentando all utente un immagine semplificata del prodotto. Nasconde la complessità interna; Riduce la complessità funzionale interfaccia d uso

12 Progettazione centrata sull utente (user centered design) La presa di coscienza delle difficoltà legate all addestramento ha portato all affermazione di una nuova metodologia di progettazione: Il progettista dovrà porre la sua attenzione in primo luogo sull utente, e dovrà studiarne le caratteristiche, le abitudini e le necessità in relazione all uso del sistema. Dovrà preconfigurare i vari contesti in cui il sistema verrà utilizzato, e i suoi diversi casi d uso; dovrà analizzare in dettaglio i compiti che l utente svolgerà con il sistema. Secondo questo approccio, il compito del progettista non sarà più semplicemente quello di progettare le funzioni del sistema, ma quello di progettare l interazione fra il sistema ed il suo utente. Si parla, così, di interaction design, e, per sottolineare che il punto di partenza è l utente, di progettazione centrata sull utente (user centered design o, semplicemente, UCD

13 Human-Computer Interaction (HCI) Questo nuovo ruolo di interfaccia utente che: Strumento di controllo DIVENTA Strumento di semplificazione assume un importanza notevole con la diffusione dei prodotti tecnologici. Inizia così un filone di ricerca sui metodi legati alla realizzazione di buone progettazioni di interfacce utente. Proprio allora nasce la nuova disciplina denominata Human-Computer Interaction (HCI) La Human-Computer Intercation è una disciplina che si occupa della progettazione, realizzazione e valutazione di sistemi interattivi basati su computer destinati all uso umano e dello studio dei principali fenomeni che li circondano. HCI ergonomia SIGHCI (Special Interest Group on Human- Computer Interaction)

14 Usabilità applicazione empirica del HCI La Human-Computer Interaction possiede due anime, molto diverse ma ugualmente importanti e complementari: un anima progettuale e un anima sperimentale. La prima ci porta a concepire, progettare e realizzare soluzioni e strumenti nuovi; la seconda ci permette di verificarne, sperimentalmente, la validità. È quindi comprensibile che una parte rilevante degli studiosi di questa disciplina si occupi della conduzione di esperimenti condotti con tecniche scientifiche rigorose. Roberto Polillo Usability La Human Computer Interaction può essere considerata la base teorica e l usabilità la sua applicazione empirica poiché l usabilità ne è una misura, o tale vorrebbe essere. HCI

15 Modello semplice di interazione sistema-utilizzatore Per individuare dove nascono le difficoltà nell uso dei prodotti, è utile analizzare il modo con cui noi interagiamo Il modello più semplice dell interazione fra un sistema ed il suo utilizzatore è quello rappresentato dal ciclo di feedback (feedback loop) Dispositivi di input scopo 1. L utente per raggiungere il proprio scopo, fornisce un input al sistema e riceve da questo una risposta (feedback) sotto forma di output. 2. La risposta viene interpretata e confrontata con lo scopo iniziale. Il sistema Dispositivi di output risultato di questo confronto porta alla utente successiva azione dell utente, innestando così un nuovo ciclo di stimolo-risposta Le frecce rappresentano l informazione che può essere di natura testuale, grafica o gestuale OSSERVAZIONE: questo sistema nella sua semplicità non ci fa comprendere l origine della difficoltà che sperimentiamo nell interazione con i sistemi

16 Le fasi del modello di Norman 1. Formare l obiettivo: decidiamo quale scopo vogliamo raggiungere Inizia la fase di esecuzione (la fase in cui pianifichiamo ed effettuiamo lo azioni sul sistema) 2. Formare l intenzione: decidiamo che cosa intendiamo fare per raggiungere lo scopo prefissato 3. Specificare un azione: pianifichiamo nel dettaglio le azioni specifiche da compiere 4. Eseguire un azione: eseguiamo effettivamente le azioni pianificate Inizia la fase di valutazione (la fase in cui confrontiamo quello che è successo con lo scopo che volevamo raggiungere) 5. Percepire lo stato del mondo: osserviamo come sono cambiati il sistema e il mondo circostante dopo le nostre azioni 6. Interpretare lo stato del mondo: elaboriamo ciò che abbiamo osservato per dargli un senso 7. Valutare il risultato: decidiamo se lo scopo iniziale è stato raggiunto

17 Modello di Norman esecuzione Specifica un azione Golfo della Eseguire l azione esecuzione Forma l intenzione Formare l obiettivo utente sistema Percepire lo Stato del sistema Golfo della valutazione Valutare il risultato Interpretare lo stato del sistema valutazione

18 I Golfi nel modello di Norman Quello che è interessante analizzare all interno del modello di Norman, è il fatto che permette di individuare con grande accuratezza i momenti in cui si possono presentarsi dei problemi. Nel percorrere i sette stadi dell azione, infatti è possibile che s incontrino delle difficoltà nel passare da uno stadio all altro o come dice Norman, nell attraversare i due golfi Golfo dell esecuzione: separa lo stadio delle intenzioni da quello delle azioni Golfo della valutazione: separa lo stadio della percezione dello stato del mondo da quello della valutazione dei risultati

19 Facilità d uso delle interfacce dei software

20 Concetto generale della facilità d uso La facilità d uso è trasmessa dalla sensazione che stiamo eseguendo il nostro compito primario, senza doverci impegnare a controllare gli strumenti con cui lo stiamo eseguendo. L interazione con il nostro compito primario è diretta e il computer è il nostro facilitatore. Il compito secondario di controllare il mezzo, non deve costituire un aggravio o peggio un ostacolo al nostro obiettivo

21 Le prime interfacce del software Se si confrontano le interfacce dei nuovi sistemi operativi (tipo MAC OS X e windows) con le interfacce dei vecchi sistemi operativi dei computer 386 dotati di sistema MS-DOS) è evidente la semplicità d suo. Diversità che saranno meno percettibili se le si confronta con un sistema operativo meno vecchio Il vantaggio vero delle interfacce basate sulle icone è che permettono di agire direttamente sul dominio di azione e di manipolare l oggetto ricavando un feedback immediato dell azione appena conclusa (ad esempio impostare i margini in un editore testi utilizzando il righello senza andare a scovare la maschera dove immettere in margini manualmente)

22 Facilità d uso nelle interfacce software La modifica dei margini di una pagina, in un software per elaborazione testi, attuata direttamente dal righello A seguito di queste operazioni ricaviamo che il computer ha lavorato per noi. Ciò che in questi casi viene percepito come facilità d uso è il risultato degli automatismi del dominio che ha ridotto la complessità del nostro compito, senza richiedere particolari competenze e abilità, oltre a quelle di agire sull interfaccia con i sistemi di puntamento.

23 Livelli di abilltà e difficoltà del compito In generale cosa vuol dire facilità d uso? A questa domanda non si può tentare di dare un risposta se non si tiene conto di due aspetti fondamentali: livello di abilità e complessità del compito Facilità d uso Livello di abilità Difficoltà e complessità del compito

24 Livelli di abilità e complessità del compito variando il livello di abilità novizio intermediario esperto & Variando la complessità del compito bassa media alta Si otterrà una variabilità della percezione di facilità d uso Se facciamo aumentare la complessità del compito aumenterà di conseguenza il livello di abilità aumentando il nostro apprendimento aumenterà di conseguenza il livello di abilità e il livello di complessità rimarrà lo stesso Un interfaccia risulterà facile da usare se ridurrà (o non farà aumentare) il livello di abilità necessario per iniziare a portare a termine un compito

25 Gli office automation Concludendo possiamo dire che: le interfacce dei nostri computer sia quelle generiche che quelle relative ad applicazioni speciali, presentano caratteristiche che le rendono facili da usare a differenti livelli di abilità e complessità di compito. Esempio: Un utente che ha appena iniziato a lavorare usando applicativi di office automation, riuscirà probabilmente a portare a termine un compito, con una padronanza sul mezzo differente da un utente che ha seguito un ciclo di lezioni oppure ha studiato manuali d uso.

26 Facilità d uso delle interfacce dei siti web

27 Le intefracce web Si provi a dire ad un uomo, con abitudini consolidate (comprare giornale edicola, fre la spesa sotto casa, usare saltuariamente Internet) che il web gli faciliterà la vita. Però dovrà istruirsi, magari facendo un corso di addestramento. E poco probabile che si riuscirà ad incuriosirlo!! Diversa sarà al sua reazione che non avrà bisogno di nessuna istruzione!! Perché fare un acquisto su internet, o trovare un informazione al di fuori dei canali tradizionali se occorre, penare, avere difficoltà? In questo caso, la facilità d uso è un valore implicito del mezzo, non se ne può fare a meno, se si vuole raggiungere gli obiettivi prefissati.

28 Le interfacce web: Le carenze delle interfaccia dei siti web non possono essere affrontate con le tecniche del passato: corsi ad hoc, manuali di addestramento L interfaccia dei siti web non può presentare le difficoltà e le idiosincrasie tipiche delle applicazioni informatiche, pena la rinuncia e l immediato abbandono da parte dell utente. L utente difficilmente si farà carico del prezzo dell innovazione, preferirà di fatti aspettare che la tecnologia maturi e impari ad accettare le sue limitazioni

29 Definizioni di Usabilità

30 Definizione Usabilità ISO Alla definizione corrente di facilità d uso si preferisce usare il termine più specifico di usabilità Il modello di Norman, ci spiega quando e perché nascono i problemi di usabilità, ma non ne offre una definizione del termine. Ciò che ci interessa è una definizione operativa del termine, che permette di quantificare l usabilità, dandone, per quanto è possibile, una misura oggettiva. Abbiamo visto nell introduzione che, se l interazione uomocomputer (HCI) deve rendere possibile un efficace interazione fra l utente e il computer, l usabilità ne deve verificarne, sperimentalmente la validità. Ecco che, l usabilità si prefigge come l obiettivo principale dell interazione uomo-computer.

31 Definizione Usabilità ISO Norma ISO Ergonomia dell'interazione uomo-sistema L Usabilità è il grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi con efficacia, efficienza e soddisfazione in uno specifico contesto d'uso. Questi tre parametri possono essere in qualche modo misurati (almeno empiricamente) e possono dar luogo ad una misura dell'usabilità, sempre tenendo conto delle particolari specificità dell'utente, del compito e del contesto.

32 Efficacia, efficienza e soddisfazione Per efficacia s intende l accuratezza e la completezza con cui specifici utenti possono raggiungere specifici obiettivi in particolari ambienti. Esistono due indicatori per la misurazione dell efficacia: il primo riguarda il raggiungimento dell obiettivo prestabilito. Un prodotto è, infatti, efficace nella misura in cui permette di portare a termine tale compito e l efficacia può essere misurata in termini di numero di operazioni svolte in direzione del completamento del compito. Il secondo indicatore riguarda invece la qualità del risultato raggiunto; L efficienza riguarda la quantità di risorse spese in relazione all accuratezza ed alla completezza degli obiettivi raggiunti. Può essere misurata in tre modi: in termini di numero di errori che l utente compie prima di completare un compito, in termini di tempo impiegato oppure del numero di clic necessari per raggiungere il proprio scopo; La soddisfazione è dei tre, l unico parametro soggettivo: indica il comfort e l accettabilità del sistema di lavoro per gli utenti e le altre persone influenzate dal suo uso. È misurata e verificata in base alle risposte e alle reazioni degli stessi utenti riguardo al sistema, ad esempio con dei questionari preposti allo scopo. Anche se, per natura, non può essere misurata in maniera precisa come i precedenti, si tratta comunque di un parametro di grande importanza, poiché la soddisfazione che l utente ricava dall uso può influenzare significativamente i risultati della sua prestazione;

33 Esempio della valutazione caso per caso delle tre grandezze dell usabilità L importanza relativa delle tre grandezze, efficacia, efficienza e soddisfazione, andrà valutata caso per caso, in funzione degli obiettivi del sistema. ESEMPIO: Operazione gratificante (buona soddisfazione) Raggiungimento dell obiettivo garantito (buona efficacia) Richiede tempo per l impostazione (sufficiente efficienza)

34 Altre caratteristiche Numerose, sono le altre definizioni di usabilità che si sono succedute negli anni, alcune delle quali considerano prerogative fondamentali i concetti che tengano: Dell evoluzione dell utente nel rapporto con il sistema (apprendimento); Della facilità di ricordare le modalità di utilizzo dopo che sono state apprese (riconoscimento); Della capacità del sistema di fornire funzionalità necessarie all utente per compiere le attività che desidera o deve necessariamente portare a termine (utilità). L usabilità è parte del più ampio concetto di "accettabilità" di un sistema, ove quest'ultima si riferisce ad attributi quali il costo, la funzionalità, la piacevolezza oltre che l'usabilità del sistema

35 Altre caratteristiche La facilità di apprendimento: puntare allo zero learning time, ossia a un tempo di apprendimento zero dovuto alla facilità dell interfaccia; L efficienza d uso: definisce la capacità di soddisfare pienamente gli scopi per i quali il software e l interfaccia sono stati progettati. È un parametro misurabile solo tramite la valutazione empirica del sistema; La facilità di comprensione: favorire il riconoscimento piuttosto che il recupero dell informazione in memoria; La reversibilità degli errori: ridurre gli errori e il loro impatto sul risultato finale; La soddisfazione nell uso: rendere piacevole e confortevole l interazione.

36 Una definizione di usabilità per i siti web Un sito web è usabile quando soddisfa i bisogni informativi dell utente finale che lo sta visitando e interrogando, fornendogli facilità di accesso e di navigabilità e consentendo un adeguato livello di comprensione dei contenuti. Nel caso non sia disponibile tutta l informazione un buon sito demanda ad altre fonti informative Dalla definizione si evince che la risposta non si esaurisce nella facilità d uso, pur trattandosi di un requisito tanto importante tanto complesso da realizzare. Innanzi tutto si mette in risalto il concetto di bisogni informativi. Infatti finché internet non sarà in grado di assicurare lo stesso livello di qualità di intrattenimento che cinema e TV offrono, sarà soprattutto un contenitore di informazioni Per risultare usabile un sito deve essere in grado di rispondere alla richiesta di informazione

37 Carattere universale della norma ISO 9241 Carattere universale Le definizioni di Visciola e di Nielsen, pur evidenziando aspetti importanti, mostrano il carattere universale della norma ISO 9241, in quanto, sistemi interattivi dotati di una bassa apprendibilità e memorabilità, oppure siti web provvisti di scarsa fruibilità informativa, difficoltà di navigazione, implicherebbero inevitabilmente, una riduzione di efficienza, efficacia e soddisfazione. Prendendo dunque a riferimento la norma sull usabilità ISO 9421, In ambito web trasportata in ambito web, questa definizione ci dice che lo scopo dell usabilità nei siti web, è di studiare l interazione tra l utente e il sito, o tra l utente e la singola pagina web, con l obiettivo di mettere in luce gli ostacoli che di volta in volta si frappongono a un uso efficace, efficiente e soddisfacente delle informazioni e dei servizi contenuti nel sito o nella pagina.

38 Una differenza tra interfacce software e per il web Internet ribalta l'immagine di ciò che avveniva nel tradizionale sviluppo software: il cliente aveva percezione dell'usabilità del prodotto solo dopo il suo acquisto, le Software House potevano così supplire la precaria usabilità dei loro prodotti, ad esempio, attraverso l'istituzione di call-center (con un costo, per la casa produttrice, che poteva aggirarsi da 30 a 100 dollari per chiamata). [...] Internet ribalta questa situazione: ora, gli utenti hanno esperienza dell'usabilità di un sito prima dell'interagire con esso e prima che essi abbiano speso soldi in possibili acquisti. Jakob Nielsen in Designing Web Usability: The Practice of Semplicity Se un software viene normalmente usato dopo esser stato acquistato, un sito web prima viene usato, e solo se l'uso risulta soddisfacente può dar vita ad una transazione ed eventualmente ad un guadagno. Ne consegue che, se entro certi limiti l'usabilità nei software è un problema che incide relativamente sui guadagni, nei siti web è determinante, perché è condizione preliminare al realizzarsi stesso del guadagno

39 Affordance Con il termine affordance, si denota la proprietà di un oggetto di influenzare, attraverso la sua apparenza visiva, il modo in cui viene usato IL concetto è stato introdotto nel 1966 dallo psicologo statunitense James J. Gibson, studioso della percezione Il concetto di affordance è stato poi ripreso da Donald A. Norman nell ambito dell interazione uomo macchina Un oggetto che possiede una buona affordance invita chi lo guarda a utilizzarlo nel modo corretto, cioè nel modo per cui è stato concepito

40 Esempi di oggetti

41 Feedback Precedentemente abbiamo definito: Feedback come la risposta di un sistema ad un input da parte di un utente per raggiungere il proprio scopo. Una buona affordance riduce il golfo di esecuzione. Per ridurre invece l ampiezza del golfo di valutazione, invece gli oggetti devono fornire un feedback facilmente interpretabile Importante è anche la tempestività del feedback; solo così l utente lo può porre in relazione con l azione cui si riferisce.

42 Modello di Norman Δt tempo azione feedback Se la distanza fra l azione e il feedback è significativa, i due eventi possono essere interpretati come indipendenti tra loro In questi casi è opportuno inserire dei feedback intermedi, che segnalino all utente il progredire dello stato del sistema verso lo stato finale desiderato azione Feedback intermedi discreti feedback Feedback intermedi continui azione feedback 87% Time left. 10 min e 45 sec

43 Progetto web: complessità delle specializzazioni VS

44 Progettazione layout e progettazione infrastruttura: squilibrio Si tende continuamente di confondere il progetto tecnologico con il progetto di innovazione - e malgrado le aziende produttrici di tecnologie dell informazione lamentino il perdurare della crisi non fanno nulla per bilanciare una situazione fin troppo evidente squilibrata da un lato i continui investimenti sul progetto tecnologico, dall altro invece una quasi totale mancanza di strategie volte all uso della tecnologia progettazione layout dei servizi progettazione infrastruttura dei servizi Finché la progettazione del layout di un servizio sarà riduttivamente vista come automazione di procedure, come abbellimento grafico, difficilmente si comprenderà il valore delle professionalità che fanno funzionare i siti web.

45 Progettazione layout e progettazione infrastruttura: equilibrio Sarebbe dunque plausibile attendersi che le imprese produttrici di tecnologia di servizi riducano le proprie pretese di quotazione per colmare gli squilibri che hanno caratterizzato finora gli investimenti progettazione layout dei servizi progettazione infrastruttura dei servizi D altronde le risorse spese in investimento tecnologico danno scarsissimi rientri se l investimento non è commisurato agli obiettivi di innovazione dei comportamenti delle persone Una battaglia sicuramente non facile se non si sentirà il reale fabbisogno di maggiore specializzazione e quindi di un reale impiego delle figure che progettano il web, contribuendo ognuna di essa a curare l esperienza d uso dell utente tenendo conto dei molteplici aspetti coinvolti: cognitivi, emozionali, comportamentali

46 Usabilità VS Design La natura del web pone però un problema nuovo all'usabilità, assente nel campo del software. Poiché l'interfaccia di un sito ha anche compiti di comunicazione della brand identity, e più in generale di immagine, l'usabilità oltre che con le funzionalità di un sito deve fare i conti con il visual design, inteso appunto nel senso di veicolo d'immagine. Il rapporto pare tutt'altro che semplice, perché si tratta di conciliare due logiche di lavoro opposte.. E interessante chiedersi allora, quali caratteristiche deve avere un progetto grafico, che dia luogo alla realizzazione di pagine web usabili, da una parte, e che rappresenti un incentivo creativo dei partecipanti al progetto, dall altra? Questo antagonismo è antico e purtroppo è alimentato in particolare da chi sostiene che l usabilità possa andare a detrimento della creatività e della libera espressione Se solo si pensa che l usabilità è al servizio degli utenti finali, che trovano giovamento dalla regolarità dei segnali di navigazione. Dove appunto un progetto creativo non può essere limitato alla componente grafica di un progetto.

47 User Experience La User Experience (UX) è la parola nuova nell ambito della progettazione web da ormai qualche anno. E diventato un termine onninclusivo, che a seconda dell interlocutore, sembra contenere l architettura dell informazione, l usabilità, la grafica, il marketing, il project management, e chi più ne ha più ne metta. L architetto dell informazioni deve mediare questi tre aspetti del progetto deve valutare e organizzare attentamente il contenuto, tenendo bene presente il contesto per il quale si sta lavorando, ma soprattutto avendo come obiettivo primario il target di riferimento. Quando ho allargato il mio interesse da IA all UX, ho avuto la necessità di illustrare gli aspetti della esperienza degli utenti in un altro modo - in particolare per aiutare i clienti a capire perché devono andare oltre l'usabilità e l architettura informativa - e quindi ho sviluppato una diagramma per rappresentare l esperienza dell utente (nido d'ape)

48 Honeycomb useful (Utile) useful usable (Usabile) usable desiderable desiderable (Attrattivo) valuable findable (Trovabile) findable accessible accessible (Accessibile) credible (Credibile) credible valuable (Prezioso)

49 Honeycomb: dettagli Utile. Un sito utile significa un sito che tiene conto a chi è destinato il servizio e il contesto nel quale si inserisce. Usabile. Un sito usabile è un sito che mette al centro l utente rendendo la sua navigazione più agevole e piacevole possibile. L usabilità è un aspetto importante ma non è l unico, non basta a fare un buon sito. Attrattivo. Un sito attrattivo è un sito riesce a integrare bene tutti gli elementi che rappresentano l emotional design: il potere e il valore dell immagine, la web identity, il brand, etc. Trovabile. Un sito trovabile è un sito che mette tutte le informazioni a disposizio- ne deli utenti senza nasconderle. Accessibile. I siti debbono essere accessibili a tutti anche alle persone in maggiore difficoltà. È quello che oggi si definisce anche l aspetto etico del business. Credibile. La blogsphera ha ricondotto i mercati a conversazioni. È dunque necessario essere onesti e convincenti o i nostri siti non avranno futuro. Prezioso. I siti devono portare valore aggiunto. Il risultato finale deve avere il raggiungimento degli obiettivi che si è dati e il miglioramento continuo della customer sadisfaction.

Usabilità dei Siti Web

Usabilità dei Siti Web Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Usabilità dei Siti Web Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Usabilità La efficacia, efficienza e soddisfazione con cui

Dettagli

Usabilità. Usabilità nei sistemi interattivi

Usabilità. Usabilità nei sistemi interattivi Usabilità Usabilità nei sistemi interattivi Elementi di informatica e web a.a. 2012/2013 di Guido Fusco Modello di qualità Usabilità Con usabilità s intende tutto ciò che rende il sito facile e gradevole

Dettagli

GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità

GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità Comunicazione interattiva 13. Qualità e Usabilità dei siti Web GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità 3.usabilità 4. efficienza 5. manutenibilità 6. portabilità (ISO 9126) La efficacia,

Dettagli

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Università di Bergamo, 2004 Una classificazione dei siti web intranet: reti aziendali enterprise information portals: accesso a informazioni e servizi

Dettagli

La qualità della comunicazione pubblica su Internet

La qualità della comunicazione pubblica su Internet La qualità della comunicazione pubblica su Internet Introduzione alla valutazione dei siti web parte II Emilio Simonetti Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e.simonetti@sspa.it a.a. 2011-2012

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita Il processo di progettazione La valutazione dell usabilita requisiti analisi utenza design iterazione prototipazione implementazione e attivazione Convalida e valutazione usabilità Informatica applicata

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Comunicazione interattiva

Comunicazione interattiva Comunicazione interattiva 12. Il sito Web come comunicazione interattiva Argomenti trattati: Un nuovo modo di comunicare Un modello di sito Web Qualità della comunicazione Il sito come progetto di comunicazione

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB

UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB fonte prof Polillo - 1 - Cos'è un modello di qualità l Una selezione delle caratteristiche che fanno di un sito web un buon sito l Scopo: valutare un sito orientarci

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

CORSO PODUCT DESIGN ANNUALE. Realizzare oggetti da usare

CORSO PODUCT DESIGN ANNUALE. Realizzare oggetti da usare CORSO PODUCT DESIGN ANNUALE Realizzare oggetti da usare PRODUCT DESIGN - ANNUALE Un anno di studio dedicato a Product Design Obiettivi del corso Il Corso di Product Design annuale si pone l obbiettivo

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

SUCCESSO DI UN APPLICAZIONE WEB

SUCCESSO DI UN APPLICAZIONE WEB SUCCESSO DI UN APPLICAZIONE WEB Prevedere il Successo Per prevedere il successo di un prodotto di comunicazione nel web abbiamo varie strade: valutare la sua qualità come strumento tecnologico valutare

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma Questo paper ha la finalità di illustrare come gli utenti web dell Università Sapienza di Roma abbiano partecipato al percorso

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale Dott. Simone Cavestro La Sfida attuale In uno scenario in continua evoluzione, dove si sviluppano con velocità crescente Organizzazione Tecnologie

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Introduzione a: Human-centred design User Experience

Introduzione a: Human-centred design User Experience Corso di Laurea Triennale in Disegno Industriale Laboratorio di Ergonomia per il Design a.a. 2014/2015 Introduzione a: Human-centred design User Experience Design Campus, Calenzano LE TRE STRATEGIE DELL

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

l ergonomia nella normativa

l ergonomia nella normativa l ergonomia nella normativa la norma UNI 11377/2010 Usabilità dei prodotti industriali Francesca Tosi - Università di Firenze Roma Vocational Master in Ergonomia 9 marzo 2012 1 Usabilità norma UNI 11377/2010

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI

ISO 9001:2000: COME UTILIZZARE LA NORMA PER GESTIRE I FORNITORI Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/06/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine

Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Più fatturato o più margine? Entrambi. Come fare i prezzi e pianificare la crescita del fatturato e del margine Perché il margine e non solo il fatturato Viviamo grazie al margine! Se vogliamo puntare

Dettagli

Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006

Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006 Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006 Mele Francesco Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Cibernetica Università di Napoli

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop È ORA di diventare GRANdI MASTER IN GRAPHIC design CERTIFIED ASSOCIATE AbC formazione PROfESSIONALE Via Pisanelli,

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work Clementina Gily Emilia Mallardo Meravigliosa voce, www.ilmiolibro.it (da Feltrinelli) Coaching pedagogico I Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro L interazione sociale L ambiente

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8

Brochure Internet. Versione 2010.1 The Keyrules Company s.r.l. Pagina 2 di 8 Ogni organizzazione possiede un sistema di regole che la caratterizzano e che ne assicurano il funzionamento. Le regole sono l insieme coordinato delle norme che stabiliscono come deve o dovrebbe funzionare

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Qualità dei siti Web Culturali

Qualità dei siti Web Culturali Qualità dei siti Web Culturali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Soggetto culturale pubblico (SCP) Un istituzione, organismo o progetto di interesse pubblico che abbia quale finalità statuita quella di

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

AZIENDA E FILOSOFIA. La scoperta di una soluzione consiste nel guardare le cose come fanno tutti ma pensare in modo diverso da come pensano tutti.

AZIENDA E FILOSOFIA. La scoperta di una soluzione consiste nel guardare le cose come fanno tutti ma pensare in modo diverso da come pensano tutti. AZIENDA E FILOSOFIA Made in bit srl si propone alle aziende come fornitore globale di soluzioni software e tecnologia informatica. Grazie alla sinergia con i propri clienti, l azienda ha acquisito un patrimonio

Dettagli

Esempi di valutazione dell usabilità

Esempi di valutazione dell usabilità INTERAZIONE UOMO-MACCHINA Esempi di valutazione dell usabilità Barbara Rita Barricelli (barricelli@dico.unimi.it) Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli studi di Milano Metodi considerati

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

L approccio User Centered nella progettazione del Portale P.A.eS.I.

L approccio User Centered nella progettazione del Portale P.A.eS.I. L approccio User Centered nella progettazione del Portale P.A.eS.I. Chiara Fioravanti Seminario su I portali per la pubblica amministrazione: P.A.e S.I. Pubblica Amministrazione e Stranieri Immigrati Istituto

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche

Software di sistema e software applicativo. I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software di sistema e software applicativo I programmi che fanno funzionare il computer e quelli che gli permettono di svolgere attività specifiche Software soft ware soffice componente è la parte logica

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Imparo giocando: videogiochi e apprendimento Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Proprietà intellettuale. Di chi è questo rapporto di ricerca? Della comunità dei docenti sperimentatori,

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

I 10 requisiti di un sito di successo Jakob Nielsen (I)

I 10 requisiti di un sito di successo Jakob Nielsen (I) Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006 Mele Francesco Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Cibernetica Università di Napoli

Dettagli

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ Informatica Generale (AA 0-5) Web: Modello di Qualità Web: Modello di Qualità (Polillo) caratteristiche principali grafica autorevolezza accessibilità

Dettagli

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra ILPO 2007 ERGONOMIA e INDUSTRIAL DESIGN Metodi di valutazione utilizzati nel processo di progettazione e realizzazione dei

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni

Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni La rilevazione della customer satisfaction (CS) è utilizzata da molte amministrazioni per misurare la qualità percepita, cioè per conoscere il punto di vista dei

Dettagli

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE I C PADRE GEMELLI-TORINO COMPETENZA IMPARARE AD IMPARARE Sapersi relazionare anno scolastico 2013-14 Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE

Dettagli

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1)

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) 151 Introduzione Un esperimento è una prova o una serie di prove. Gli esperimenti sono largamente utilizzati nel campo dell ingegneria. Tra le varie applicazioni;

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

PART IV a MULTIMEDIA WEB INTERFACES: USABILITY AND ACCESSIBILITY

PART IV a MULTIMEDIA WEB INTERFACES: USABILITY AND ACCESSIBILITY PART IV a MULTIMEDIA WEB INTERFACES: USABILITY AND ACCESSIBILITY Prof. Alberto Del Bimbo Dipartimento Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Via S. Marta 3-50139 - Firenze - Italy Tel.

Dettagli

Master in marketing e comunicazione

Master in marketing e comunicazione Master in marketing e comunicazione Il Master intende fornire i fondamenti metodologici per operare in un settore in continua evoluzione come quello del marketing. Oggi la saturazione dei mercati impone

Dettagli

DPD Defence Point Distribution

DPD Defence Point Distribution Pubblicazioni PlayOptions DPD Defence Point Distribution Strategist Cagalli Tiziano Disclaimer I pensieri e le analisi qui esposte non sono un servizio di consulenza o sollecitazione al pubblico risparmio.

Dettagli

I P E R T E C H w h i t e p a p e r Pag. 1/6

I P E R T E C H w h i t e p a p e r Pag. 1/6 Ipertech è un potente sistema per la configurazione tecnica e commerciale di prodotto. È una soluzione completa, che integra numerose funzioni che potranno essere attivate in relazione alle necessità del

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli