Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili."

Transcript

1 Questo progetto è stato fondato con il sostegno della Commissione Europea. Questa pubblicazione riflette solo il punto di vista dell'autore e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per qualsiasi uso che possa essere fatto delle informazioni in essa contenute. Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili. Deliverable 3.5 ICT per supportare l'apprendimento continuo delle persone disabili: consigli pratici per una buona pratica. Workpackage 3: Analisi dei dati e valutazione: Principi per l'uso di ICT a supporto di un apprendimento continuo delle persone disabili e per un programma futuro di ricerca. Workpackage leader: Dr Marion Hersh, Università di Glasgow Autore principale: Stella Mouroutsou e Marion Hersh, Università di Glasgow Altri autori: Andreja Istenic Starcic, Maja Lebenicnik, University of Primorska Hanna Pasterny, Tamara Cierpiałowska, Katarzyna Rząsa, Centrum Rozwoju Inicjatyw Społecznych CRIS, Poland Erik Loide, Ülle Lepp, Estonian Foundation for the Visually Impaired Riitta Korhonen, Mika Metsärinne, University of Turku Rainer Wallbruch, Forschungsinstitut Technologie und Behinderung (FTB) der EvangelischenStiftung Volmarstein Eleni Efthimiou, Institute for Language and Speech Processing ILSP/ATHENA RC Ian Pitt, Kate Crowley, Tracey Mehigan, University of Cork Barbara Leporini, CNR-ISTI Julija Astrauskiene, Radviliskis Technology and Business Teaching Center Dusan Simsik, Alena Galajdova, Technical University of Košice Denis Starcic, Arhinet d.o.o. Shirley Evans, Simon Ball, JISC Tech Dis Sharon Kerr, Macquarie University Lisa Lee, Sogang University Diritti di proprietà intellettuale: Progetto Enable Contatti: Sito del progetto :

2 Raccomandazioni per gli studenti disabili: utilizzo della tecnologia per migliorare l'apprendimento. 1 Tieniti aggiornato Gli studenti devono cercare di tenersi informati sulle tecnologie disponibili, le loro caratteristiche di accessibilità e nuovi sviluppi. Essi dovrebbero anche essere disposti a partecipare alla formazione nell'uso di nuovi dispositivi o programmi per garantirne l'utilizzo nel modo più efficace. 2 Fornire informazioni alle Istituzioni scolastiche circa i requisiti Gli studenti dovrebbero informare le loro istituzioni scolastiche circa le esigenze di accessibilità ed organizzative quanto prima possibile quando inizia un nuovo anno scolastico. Essi dovrebbero collaborare con gli insegnanti, i centri di disabilità e con il resto del personale scolastico al fine di garantire che i loro bisogni siano soddisfatti. Essi possono richiedere e / o ottenere il sostegno di associazioni studentesche e dei centri per studenti disabili. 3. Riportare i problemi e eventuali feedback Gli studenti disabili che utilizzano le tecnologie di apprendimento dovrebbero riferire tutti i problemi e fornire un feedback all'istituto in modo che questi possano essere risolti e l'uso della tecnologia possa essere migliorata. 4. Condividi la tua esperienza e fornisci suggerimenti Gli studenti disabili spesso hanno competenze in materia di accessibilità. Essi dovrebbero condividere questa esperienza con il loro Istituto scolastico per migliorare l'accessibilità complessiva dell'ambiente di apprendimento. Essi dovrebbero inoltre proporre nuovi dispositivi e programmi che possono essere utilizzati per supportare l'apprendimento e renderlo più accessibile e divertente per gli studenti (disabili). 5. Organizzazione di una campagna promozionale Gli studenti disabili possono avere bisogno di una campagna promozionale insieme al corpo scolastico o alle organizzazioni degli studenti con disabilità, da mostrare al Governo così da favorire meglio i finanziamenti all'istruzione e / o alle istituzioni scolastiche per fornire maggiore sostegno e risorse migliori per gli studenti disabili.

3 6. Sostenere lo sviluppo tecnologico Lo sviluppo di nuove tecnologie efficaci richiede il coinvolgimento di studenti con disabilità in tutte le fasi. Pertanto vi è la necessità per gli studenti disabili di partecipare allo sviluppo della tecnologia, ad esempio attraverso comitati consultivi, lavorando con gli sviluppatori e ricercatori fornendo un feedback ed attraverso test. 7 Lavorare con altri studenti La maggior parte degli studenti disabili può trarre beneficio dal lavorare insieme ad altri studenti con disabilità, anche se alcuni imparano meglio da soli. Essi dovrebbero quindi essere pronti a fornire supporto, accettare l'aiuto e scambiare informazioni con altri studenti disabili. Fare questo a distanza utilizzando le ICT può essere più facile per alcuni studenti disabili rispetto all'interazione faccia a faccia. 8. Obiettivi ambiziosi, ma realistici Gli studenti disabili devono porsi obiettivi, sfide, al fine di estendere le proprie capacità e raggiungere il massimo. Allo stesso tempo, essi dovrebbero essere realistici e non aspettarsi l'impossibile. Essi devono anche tener conto delle loro esigenze, ad esempio periodi di riposo regolari e / o evitare eccesso di stimolazione sensoriale.

4 Raccomandazioni per gli insegnanti: utilizzo della tecnologia per supportare gli studenti disabili. 1. Promuovere le pari opportunità di apprendimento e di appartenenza al gruppo. Gli insegnanti dovrebbero garantire che tutti gli studenti (disabili) abbiano pari accesso ai contenuti e materiali didattici e facciano le stesse esperienze. Ove possibile, ciò dovrebbe comportare le stesse tecnologie di apprendimento e altri approcci come studenti non disabili. Gli insegnanti devono saper garantire un'integrità fra gli studenti disabili e le altre minoranze con gli altri studenti. 2. Flessibilità e differenziazione dell'apprendimento Gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli dei diversi approcci e della necessità di differenziare i vari modi di approccio all'apprendimento per consentire a tutti gli studenti di massimizzare i loro risultati. Sebbene vi siano vantaggi per tutti gli studenti nell utilizzare le stesse tecnologie di apprendimento, questo non è sempre fattibile. Gli insegnanti dovrebbero anche essere consapevoli dei fattori che possono influenzare gli studenti con disabilità: la motivazione, la precedente esperienza, la fiducia come studente e persona disabile, l'istruzione precedente. 3. Formazione Gli insegnanti necessitano di una formazione adeguata e regolare al fine di tenersi aggiornati sulle tecnologie e programmi disponibili e le modalità più efficaci per usarli. Occorre anche una formazione in materia di accessibilità, ad esempio, progettare documenti e pagine web accessibili. Attraverso i sindacati, gli insegnanti dovrebbero fare pressione alle loro organizzazioni per ottenere l'accesso alla formazione pagata in orario di lavoro. Ci sono anche diversi siti web gratuiti e corsi on-line, ma questi non devono essere considerati sostitutivi. 4 Uso appropriato delle tecnologie Gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli dei vantaggi e svantaggi dei diversi approcci all'insegnamento e all'apprendimento, così come delle particolari tecnologie. Dovrebbero essere anche in grado di combinare l'uso delle tecnologie con gli approcci più tradizionali in modo appropriato, al fine di migliorare il supporto all'apprendimento.

5 5. Motivare gli studenti Gli insegnanti devono motivare gli studenti per aumentare la loro fiducia e migliorare la loro auto-percezione delle proprie capacità di apprendimento, nonché a utilizzare le nuove tecnologie (in modo appropriato). Essi dovranno anche sostenere gli studenti nello svolgimento del nuovo apprendimento e fornirgli competenze necessarie per imparare in modo efficace ad usare le nuove tecnologie. 6. Utilizzare risorse organizzative Gli insegnanti dovrebbero utilizzare le risorse organizzative, come ad esempio i centri di supporto agli studenti disabili, per ottenere informazioni, consigli e raccomandazioni circa l'insegnamento sostenendo gli studenti disabili, anche attraverso l'uso di ausili e di altre tecnologie di apprendimento. Essi dovrebbero inoltre informare questi centri su eventuali problemi riguardanti, per esempio, l'accessibilità e l'utilizzo di particolari tecnologie. 7 Innovazione e creatività Gli insegnanti devono essere disponibili ad utilizzare le nuove tecnologie, o combinare le nuove con quelle tradizionali in modo innovativo. Ciò potrebbe includere l'utilizzo di applicazioni su apparecchi mobili e social networking. Elenchi e le comunità online, come ad esempio l'accessibilità ICT in Higher Education Network, possono essere in grado di offrire utili suggerimenti. 8 Rendere tutto accessibile Gli insegnanti dovrebbero rendere tutti gli aspetti dell'insegnamento pienamente accessibili a tutti gli studenti disabili. Nel caso di documenti o quiz su un sistema di gestione di apprendimento come Moodle, questo richiederà accessibilità per: il sito web istituzionale, il sistema di gestione di apprendimento, i documenti, quiz o altra applicazione. Gli insegnanti hanno generalmente solo il controllo diretto della accessibilità dei documenti, quiz e altri materiali che essi stessi producono. Essi devono informare l'organismo competente, come ad esempio IT (information technology) di supporto o il centro che si occupa dei problemi di accessibilità. Rendere accessibili i documenti include l'uso di un linguaggio semplice e chiaro, e di diversi formati, come la stampa ingrandita, diversi font e colori, l'audio e il linguaggio dei segni.

6 9. Propaganda Gli insegnanti dovrebbero propagandare, insieme ai loro sindacati e organizzazioni studentesche: la fornitura di personale sufficiente per l'insegnamento, la formazione, il tempo per pianificare, le risorse adeguate e il sostegno per consentire loro di soddisfare le necessità di cui sopra, senza troppi sforzi. 10. Sostegno e incoraggiamento Gli insegnanti dovrebbero sostenere l'apprendimento cooperativo, tra cui discutere e negoziare diversi approcci all'apprendimento. Essi dovrebbero fornire un feedback significativo e preciso, incoraggiare l'uso di conoscenze e competenze esistenti e anche rendere l'apprendimento divertente, pur riconoscendo che ciò che è 'divertimento' per alcuni studenti può essere stressante per altri.

7 Raccomandazioni per gli sviluppatori ICT: sviluppo di tecnologie efficaci ed inclusive a supporto dell apprendimento 1 Coinvolgimento degli utenti finali Gli sviluppatori hanno bisogno di capire le esigenze, preferenze e modi di usare la tecnologia dei diversi gruppi di utenti finali, al fine di sviluppare tecnologie efficienti. Essi dovrebbero quindi coinvolgere gli utenti finali, incluso sia gli studenti disabili che i docenti, in tutte le fasi di progettazione e di sviluppo o di modifica. Tutti i possibli fruitori devono essere trattati con rispetto. 2. Progettazione universale Gli sviluppatori dovrebbero considerare i principi di universal access per rendere le loro tecnologie utilizzabili a quanti più disabili possibili e non, compreso gli studenti provenienti da diverse culture, età e genere. Devono scegliere diverse modalità di utilizzo per rendere le informazioni accessibili a tutti, con bassa tolleranza d'errore e sforzo fisico minimo. Altre caratteristiche importanti sono le opzioni per la personalizzazione, la compatibilità con molte tecnologie assistive e diverse opzioni di interfaccia. 3 Design per la flessibilità I progettisti dovrebbero considerare la flessibilità nel modo in cui le tecnologie vengono utilizzate, tra cui la possibilità di trasferire le opzioni tra diverse piattaforme e utilizzarle in diverse applicazioni e contesti. Il crescente interesse per l'utilizzo su dispositivi mobili rende il software che può essere utilizzato su entrambi i dispositivi mobili e PC particolarmente utile. 4. Facilitare l'apprendimento Le tecnologie di apprendimento devono essere progettate per facilitare l'apprendimento, fornendo al contempo un adeguato livello di sfida. Questo significa che devono essere relativamente facili e intuitive da imparare ad usare, ma non deve essere del tutto banale, dato che un grado di sfida può supportare meglio l'apprendimento. E' anche importante la flessibilità per consentire agli studenti di utilizzare le tecnologie in diverse situazioni di apprendimento, come ad esempio da soli, con il supporto degli insegnanti, come parte di una classe o con il supporto di gruppo.

8 5 Sviluppare le competenze degli utenti Le tecnologie di apprendimento dovrebbero attingere a conoscenze esistenti e dovrebbero consentire agli alunni, agli insegnanti e altri utenti di sviluppare le loro capacità nell'utilizzo dell'applicazione. Ove possibile, dovrebbero quindi essere progettati per soddisfare le esigenze di utenti con diversi livelli di abilità, compresi i principianti, esperti e vari livelli medi. 6 Supporto e documentazione Gli sviluppatori dovrebbero fornire una documentazione scritta chiara e ben organizzata, almeno in semplice testo elettronico. Essi dovrebbero anche cercare di fornire la documentazione in diversi formati accessibili, tra cui testo normale di varie dimensioni e colori, HTML, il linguaggio semplificato, l'audio e il linguaggio dei segni. E' anche auspicabile la fornitura di altre forme di sostegno, per esempio, linee di aiuto . Gli sviluppatori più competenti dovrebbero anche considerare di fornire linee di assistenza telefonica o con un'opzione sms. 7 Considerare le questioni e le norme etiche Gli sviluppatori dovrebbero essere consapevoli di tutti gli standard e regolamenti e dovrebbero impegnarsi ad attuarle, tra cui la norma europea sui requisiti di accessibilità per gli appalti pubblici di prodotti e servizi ICT, EN Quando le tecnologie raccolgono dati utente, ad esempio per supportare i profili utente, i sistemi di gestione della privacy per prevenire violazioni della privacy e l'uso dei dati inadeguato devono essere utilizzati. Gli sviluppatori dovrebbero inoltre prestare particolare attenzione alle questioni di salute e sicurezza e alla minimizzazione degli impatti ambientali connessi con lo sviluppo tecnologico. 8. Software open source La disponibilità del software in versioni open source per i dispositivi mobili e fissi potrà aumentare il numero di utenti. Sarà anche perché viene fornita loro maggiore flessibilità, consentendo di personalizzare il software per soddisfare i propri bisogni o per essere utilizzato in applicazioni particolari. Ma la fornitura di una versione open source non impedisce lo sviluppo di software a pagamento con servizi e / o di supporti aggiuntivi. Quando gli sviluppatori non forniscono una versione open source, dovrebbero fornire almeno una versione di prova disponibile per circa 30 giorni per consentire ai potenziali utenti di testare il software.

9 9. Versioni disponibili in diverse lingue La disponibilità di molte lingue può aumentare significativamente il numero e la diversità dei potenziali utenti. Questo dovrebbe includere versioni in lingua con pochi speakers. 10. Caratteristiche contestuali Gli sviluppatori dovrebbero prendere in considerazione il contesto dei principali gruppi di utenti, il target. Dovrebbero considerare fattori quali la formazione, la motivazione e l'auto-percezione degli studenti; apprendimento individuale o di apprendimento nelle organizzazioni; e la disponibilità di meccanismi nazionali e locali di supporto. 11. Accessibilità degli elementi audio e video Le tecnologie di apprendimento dovrebbero fornire uno screen-reader incorporato, con accesso vocale per l'intera interfaccia. Varie opzioni dovrebbero essere rese disponibili, come ad esempio: la possibilità di riduzione grafica del testo, scelta delle rappresentazioni visive di suoni, scelta di modalità ad alto contrasto, la scelta della verbosità o sintesi con sottotitoli (didascalie) per tutti gli effetti di dialogo, la scelta di sintesi o una descrizione audio dettagliata per la grafica e controlli di volume separati per la musica. 12. Personalizzazione Gli utenti dovrebbero poter avere il controllo delle loro informazioni in the profile (il profilo). Essi dovrebbero poter avere la possibilità di attivare/disattivare una vasta gamma di funzioni, modificare la velocità per tutte le funzioni, avere disponibili vari livelli di difficoltà e diversi formati per il feedback e altre informazioni.

10 Raccomandazioni per le istituzioni per la formazione: sostegno agli studenti disabili anche attraverso la fornitura delle tecnologie. 1. Politiche da adottare Tutti gli istituti di formazione devono avere politiche di inclusione e di parità per gli studenti disabili. Tali politiche dovrebbero tener conto della diversità degli studenti disabili e il fatto che essi possono essere membri di altri gruppi minoritari. Essi devono includere la parità di accesso a tutte le parti del curriculum scolastico, l'accessibilità di tutti i materiali didattici e la disponibilità di tecnologie assistive su tutti i computer. Le politiche devono riguardare sia il personale che gli studenti con disabilità. 2. Centro per il sostegno agli studenti disabili Tutti gli istituti di formazione dovrebbero avere un centro per il sostegno agli studenti disabili. Il centro dovrebbe essere in grado di fornire consulenza e sostegno agli insegnanti. Dovrebbe anche avere le risorse per, ad esempio, produrre versioni Braille di documenti e diagrammi tattili, e per valutare l'accessibilità e altri requisiti degli studenti. 3. Impegno, non cambiamenti simbolici Le istituzioni per la formazione devono dimostrare un serio impegno per l'uguaglianza e sostegno per studenti disabili, anche attraverso la fornitura di tecnologie. Ciò dovrebbe includere: un personale impegnato a livello istituzionale; misure di controllo; l'attuazione delle politiche e l'apporto di modifiche se le politiche o la loro applicazione non raggiungono i risultati desiderati. 4. Consultazione e coinvolgimento Gli istituti scolastici dovrebbero consultarsi regolarmente con le organizzazioni degli studenti disabili e del personale, nonché con le organizzazioni delle persone con disabilità, per quel che riguarda le loro esigenze di supporto all'apprendimento. Queste includono la necessità di ausili e di altre tecnologie di apprendimento. 5. Assunzione di personale disabile Le istituzioni di formazione dovrebbero impiegare un numero significativo di personale disabile, preferibilmente intorno al 15,7 per cento della popolazione europea stimata dall'organizzazione per la raccolta dei dati EUROST. Ciò contribuirà a fornire modelli di

11 comportamento per gli studenti disabili e dimostrare come le persone disabili possano avere una carriera lavorativa. 6 Formazione Gli Istituti dovrebbero fornire una formazione per tutto il personale in materia dei diritti di parità e in merito al giusto comportamento da adottare con i disabili, e formazione sulle questioni pedagogiche legate a come insegnare agli studenti disabili l'utilizzo di ausili e tecnologie di apprendimento. Tutta la formazione dovrebbe essere pagata e resa disponibile durante l'orario di lavoro. 7 L'uso appropriato di norme e liste di controllo Le istituzioni dovrebbero essere a conoscenza delle norme e regolamenti nazionali e internazionali di riferimento, tra cui la norma europea sui requisiti di accessibilità per gli appalti pubblici di prodotti e servizi ICT, EN Tuttavia, tali norme e regolamenti dovrebbero essere considerati come il minimo e le istituzioni dovrebbero mirare ad andare oltre le norme e i regolamenti e ad attuare misure aggiuntive. Liste di controllo possono essere utilizzate per sostenere l'attuazione delle politiche, ma è necessaria anche la partecipazione di studenti disabili e insegnanti. 8 Il Sociale come un'integrazione educativa Le istituzioni dovrebbero sviluppare e monitorare l'attuazione delle politiche e delle misure volte a garantire l'integrazione sociale e formativa degli studenti con disabilità. Ciò dovrebbe includere, per esempio, stanze tranquille per studenti disabili autistici e altri che trovano difficoltà nell'interazione sociale, così come il supporto adeguato per l'interazione sociale su Internet. 9 Politiche di inclusione Le istituzioni dovrebbero sviluppare una politica di inclusione, promuovere la partecipazione degli studenti con disabilità e riconoscere le loro competenze.

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW

INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW Il progetto SEACW, co-finanziato dalla Commissione Europea, ha creato un Ecosistema Digitale destinato a diventare un punto di incontro per tutti coloro che sono interessati

Dettagli

Widening the future Improving guidance intervention at school

Widening the future Improving guidance intervention at school Lifelong Learning Programme 2007 2013 Comenius Multilateral Projects Widening the future Improving guidance intervention at school PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Questo progetto è promosso, nell'ambito del

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili 1 Erika Firpo Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili INTRODUZIONE Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che, recentemente,

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea

Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea Prof.ssa Luias Marci Corona AEDE internazionale Traduzione lavori Cordoba 3 febbraio 2012 Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea Questo Quadro di Riferimento

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali REPUBBLICA ITALIANA PO FESR CALABRIA 2007/2013 ASSE IV - QUALITÀ DELLA VITA ED INCLUSIONE SOCIALE Linea d Intervento

Dettagli

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT Certificazione Pedagogica Europea per le Tic EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT www.epict.it www.epict.org Indice MODULO A... 3 MODULO B... 4 MODULO C... 5 MODULO H...

Dettagli

BOZZA 2.1. 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Introduzione. Obiettivi.

BOZZA 2.1. 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Introduzione. Obiettivi. BOZZA 2.1 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI Introduzione Obiettivi Principi Principio 1: Implementazione Principio 2: Scopi e metodi Principio 3: Fonti

Dettagli

molte volte ci si distrae;

molte volte ci si distrae; FIRST LEGO LEAGUE ITALIA MILANO 6-7 marzo 2015 Squadra FLL4: LICEO ROSMINI RELAZIONE SCIENTIFICA TITOLO DEL PROGETTO: FLIP the SCHOOL ARGOMENTO STUDIATO L argomento che abbiamo deciso di affrontare si

Dettagli

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union PROGRAMMA DI STUDIO Nuove Tecnologie di Comunicazione (ICT) per il Social Networking 2013 responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute CONTENUTO 1. TARGET GROUP 3

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com La conoscenza della Legge 4/2004 nella scuola italiana Un recente questionario, proposto dall'istituto

Dettagli

LA COMPETENZA DIGITALE

LA COMPETENZA DIGITALE LA COMPETENZA DIGITALE PREMESSA Attraverso le TIC (Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione) in ambito didattico si indicano sia l'apprendimento che l'uso di media digitali ed in particolare

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma (testo tradotto da Accommodating students with dyslexia in all classroom settings International

Dettagli

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD)

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Sezione 1 di 10 Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Facciamo il punto della nostra situazione nell'ambito

Dettagli

Accessibilità dei siti Web delle biblioteche

Accessibilità dei siti Web delle biblioteche Le biblioteche offrono dei servizi pubblici Accessibilità dei siti Web delle biblioteche 1 Il loro patrimonio: informazioni conoscenza Requisito essenziale del servizio: Maurizio Vittoria - Biblioteca

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

L attività progettuale, è rivolta ai docenti come azione formativa e agli alunni con attività differenziate per segmenti scolastici.

L attività progettuale, è rivolta ai docenti come azione formativa e agli alunni con attività differenziate per segmenti scolastici. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Faedo Via Fante d Italia, 31-36072 - CHIAMPO (VI) Tel. 0444/475810 Fax 0444/475825 email viic87800x@istruzione.it

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Titolo STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Destinatari Docenti Primaria Docenti secondaria I e II Buona conoscenza e utilizzo del computer Buona conoscenza e utilizzo del computer

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA TELECOM ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA TELECOM ITALIA PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E TELECOM ITALIA per la realizzazione di agevolazioni per gli studenti nell ambito dell iniziativa IoStudio - La Carta

Dettagli

Il progetto classi 2.0

Il progetto classi 2.0 classe classe 2.0 2.0 Didattica innovativa Il progetto classi 2.0 Il progetto Cl@ssi 2.0, attivato nel 2009 dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, ha l obiettivo di promuovere

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'A.F.A.M. E PER LA RICERCA Direzione Generale per l'università, lo studente e il diritto allo studio universitario Realizzare al meglio il nostro potenziale: Consolidare

Dettagli

Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori

Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori ITALIAN/ITALIANO Lettera/Bolletino di Informazione per i genitori Un insieme di 18 brevi articoli su vari argomenti del SACSA, in merito all insegnamento essenziale, le aree di insegnamento, i livelli

Dettagli

DISLESSIA. Cos è? La dislessia e' una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. http://www.aiditalia.

DISLESSIA. Cos è? La dislessia e' una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. http://www.aiditalia. DISLESSIA Cos è? La dislessia e' una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente. http://www.aiditalia.org La definizione più recente, approvata dall'international

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI ALLEGATO E DGR 535/2015 (estratto) REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI LINEE DI INDIRIZZO IN MATERIA DI PARTECIPAZIONE E ASCOLTO DEI MINORENNI Servizio Famiglia, Minori e Pari Opportunità

Dettagli

Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi. Luciano Galliani, Università di Padova

Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi. Luciano Galliani, Università di Padova Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi Luciano Galliani, Università di Padova Secondo quanto riportato all art. 4 commi 51-58 della Legge

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie?

Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie? Le nuove tecnologie nelle attività di insegnamento-apprendimento della matematica 1. Quale uso delle nuove tecnologie? Vi sono due aspetti legati all'uso delle nuove tecnologie che sono importanti per

Dettagli

Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n. 63 del 28 luglio 2010 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL MINISTRO VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante le disposizioni legislative

Dettagli

TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO

TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO PRESENTAZIONE delle INIZIATIVE di FORMAZIONE ORGANIZZATE dai SOGGETTI ACCREDITATI o RICONOSCIUTI COME QUALIFICATI (DM 177/00 - Direttiva 90/03) Allegato B ENTE: STUDIODELTA SRL Periodo III Quadrimestre

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

Il nuovo browser italiano dedicato alla navigazione e comunicazione sicura in internet per bambini

Il nuovo browser italiano dedicato alla navigazione e comunicazione sicura in internet per bambini http://www.ilveliero.info veliero@samnet.it Il nuovo browser italiano dedicato alla navigazione e comunicazione sicura in internet per bambini SAM Via di Castro Pretorio, 30 00185 ROMA Tel. 06.44.70.33.23

Dettagli

Gestione efficiente dell'impresa Attivazione di una piattaforma "cloud" per le PMI

Gestione efficiente dell'impresa Attivazione di una piattaforma cloud per le PMI Progetto Gestione efficiente dell'impresa Attivazione di una piattaforma "cloud" per le PMI Martedì 13 novembre 2012 Il Progetto è realizzato con il contributo finanziario della Camera di Commercio di

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA

REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA www.qualisoft.org PREMESSA Nel mese di giugno 2004 l'aree onlus - Associazione Regionale Età Evolutiva - di Cagliari ha organizzato

Dettagli

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG)

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) SEMINARIO NAZIONALE Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) Roma, Università di Roma Tre, 5-6 maggio 2015 L assicurazione interna

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

L esperienza dei C.T.S.:

L esperienza dei C.T.S.: IX mostra - convegno nazionale DISABILITA E TECNOLOGIE ICT L esperienza dei C.T.S.: la sfida dell inclusione per gli studenti disabili rinnova la ricerca pedagogico/didattica per la scuola di tutti Ins.

Dettagli

INVESTIRE NEL FUTURO

INVESTIRE NEL FUTURO EUROPEAN TRADE UNION COMMITTEE FOR EDUCATION COMITATO SINDACALE EUROPEO DEGLI INSEGNANTI EFEE THE EUROPEAN FEDERATION OF EDUCATION EMPLOYERS INVESTIRE NEL FUTURO Dichiarazione congiunta sull'istruzione,

Dettagli

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi Modulo III Funzioni e attività dell'assistente per assistenti educativi Modulo Curriculum Sommario Titolo del modulo Scopo Livello d ingresso preferibile Requisiti speciali Propositi generali Unità Risultati

Dettagli

Dal f lipped all EAS

Dal f lipped all EAS Dal flipped all EAS Lo sviluppo della tecnologia e i piani nazionali permettono oggi di portare con sempre maggior costanza e diffusione le TIC all interno della classe, il luogo per definizione deputato

Dettagli

CERTIFICA LE TUE COMPETENZE CON ECDL

CERTIFICA LE TUE COMPETENZE CON ECDL CERTIFICA LE TUE COMPETENZE CON ECDL DIMOSTRA CHE CI SAI FARE Sai usare un foglio elettronico e condividerlo in rete? Sai preparare una presentazione avvincente? Sai usare uno smartphone o un tablet per

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES Per ciascuna materia o ambito di studio sono state individuate le abilità e le conoscenze fondamentali che l allievo deve acquisire, affinché sia mantenuta la validità effettiva del corso di studi, ma

Dettagli

FACILITATORE DIGITALE

FACILITATORE DIGITALE Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Oggi in Europa circa il 30-40% delle persone anziane, dei disabili, delle donne, delle persone con

Dettagli

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning ICT Solution ICT Solution WeTech Srl è un'azienda italiana operante nel campo dell'information & Communication Technology che, grazie alla sua offerta di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto, è in

Dettagli

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento

Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento Le tecnologie digitali e la didattica: il Wiki come ambiente di apprendimento Com'è nato il nostro progetto: Contesto: classe quinta scuola primaria 25 alunni discipline: storia, geografia e tecnologie

Dettagli

Il Virtual Learning Environment LIBE: valutazione, prospettive e sviluppi futuri

Il Virtual Learning Environment LIBE: valutazione, prospettive e sviluppi futuri Il Virtual Learning Environment LIBE: valutazione, prospettive e sviluppi futuri Konstantinos Karagkiozoglou, George Magoulas, Alexandra Poulovassilis London Knowledge Lab, Birkbeck, University of London

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Telecomunicazioni Classe: 1BM A.S. 2015/16 Docenti: Lombino Giuseppe Codocente Gianello Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 16 alunni maschi di cui quattro

Dettagli

IL NON PROFIT IN RETE

IL NON PROFIT IN RETE IL NON PROFIT IN RETE Information & Communication Technology per la disabilità Maria Camilla Zanichelli, Responsabile Comunicazione di Fondazione ASPHI onlus ASPHI opera dal 1979 per l inclusione delle

Dettagli

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA . Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Con la Legge n. 5/0, l Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) entra a far parte del sistema educativo con pari dignità

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Il Piano Didattico Personalizzato: se e come costruirlo

Il Piano Didattico Personalizzato: se e come costruirlo Napoli 7 aprile 2014 Il Piano Didattico Personalizzato: se e come costruirlo Relatore: Indice Gli alunni con BES Il Piano Didattico Personalizzato 2 Gli alunni con BES 3 COSA SONO? QUALI ALUNNI? I B.E.S.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE (P.U.A. POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURA DELLA SCUOLA)

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE (P.U.A. POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURA DELLA SCUOLA) REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE (P.U.A. POLITICA D USO ACCETTABILE E SICURA DELLA SCUOLA) Il presente documento denominato PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione La presenza e il ruolo di ciascun utente nella sperimentazione è rilevato mediante il questionario di ingresso e il questionario di uscita (form):

Dettagli

Nuove Tecnologie Open Source a supporto delle didattica inclusiva SoDiLinux@cts-2015

Nuove Tecnologie Open Source a supporto delle didattica inclusiva SoDiLinux@cts-2015 Nuove Tecnologie Open Source a supporto delle didattica inclusiva SoDiLinux@cts-2015 una risorsa Open-Source per costruire didattica inclusiva CTS Venezia Maggio 2015 Prof.Francesco Fusillo C.T.S. - U.S.T.

Dettagli

Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI

Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI LISBETH2014: rendiamo sicuri i nostri dispositivi La sicurezza informatica mediante software libero: 15 giornate di lavoro, 6 ore al giorno, 90 ore di creatività

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

Neuroscienze, Dislessia, Scuola

Neuroscienze, Dislessia, Scuola Neuroscienze, Dislessia, Scuola Giacomo Stella I.RI.D.E. (Università di Modena-Reggio Emilia, Università di Urbino) Neuroscienze, Dislessia, scuola Aurora, 4^ elementare La dislessia dal punto di vista

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Istituto Professionale Zenale e Buttinone" Trevilgio (bg) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 8: GESTIONE DELLA SCUOLA E TIC Contenuti:

Dettagli

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche

TECNOLOGIA. limitazioni economiche Limitazioni strumentali Limitazioni conoscitive Limitazioni dimensionali Limitazioni temporali Limitazioni etiche TECNOLOGIA Lo studio e l esercizio della tecnologia favoriscono e stimolano la generale attitudine umana a porre e a trattare problemi, facendo dialogare e collaborare abilità di tipo cognitivo, operativo,

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Costruisci in classe un dispositivo hi-storia

Costruisci in classe un dispositivo hi-storia hi-storia labs hi-storia Costruisci in classe un dispositivo hi-storia Cos è hi-storia labs I dispositivi hi-storia I dispositivi tattili interattivi hi-storia sono modelli in 3D di edifici storici ed

Dettagli

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 LA CLASSE OLTRE I CONFINI PER UNA DIDATTICA 3.0 Progetto dell Istituto Comprensivo Vittorio Veneto 1 Lorenzo Da Ponte NOME DEL PROGETTO: LA CLASSE

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Istituto Professionale Zenale e Buttinone" Treviglio (BG) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: INTEGRAZIONE DEI DISABILI E TIC

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNOLOGIE INFORMATICHE. Introduzione

DIPARTIMENTO TECNOLOGIE INFORMATICHE. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI: BIOTECNOLOGIE SANITARIE BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

Ausili per disabilità sensoriali

Ausili per disabilità sensoriali Ausili per disabilità sensoriali Sommario 1. Introduzione 2. Ausili informatici 3. Ausili per disabilità visive 4. Ausili per disabilità uditive Studio di Consulenza Stefano Persichino Consulenza, valutazione,

Dettagli

DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA. Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova

DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA. Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova Temi emersi dal laboratorio 2 Nel parlare di disturbi nella lettura

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA COOPERATIVA SOCIALE E.D.I. ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA OGGETTO: PERCORSI SULL USO RESPONSABILE DEI NUOVI MEDIA E LA CITTADINANZA DIGITALE PROPOSTA PER LE SCUOLE La Cooperativa

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli