Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili."

Transcript

1 Questo progetto è stato fondato con il sostegno della Commissione Europea. Questa pubblicazione riflette solo il punto di vista dell'autore e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per qualsiasi uso che possa essere fatto delle informazioni in essa contenute. Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili. Deliverable 3.5 ICT per supportare l'apprendimento continuo delle persone disabili: consigli pratici per una buona pratica. Workpackage 3: Analisi dei dati e valutazione: Principi per l'uso di ICT a supporto di un apprendimento continuo delle persone disabili e per un programma futuro di ricerca. Workpackage leader: Dr Marion Hersh, Università di Glasgow Autore principale: Stella Mouroutsou e Marion Hersh, Università di Glasgow Altri autori: Andreja Istenic Starcic, Maja Lebenicnik, University of Primorska Hanna Pasterny, Tamara Cierpiałowska, Katarzyna Rząsa, Centrum Rozwoju Inicjatyw Społecznych CRIS, Poland Erik Loide, Ülle Lepp, Estonian Foundation for the Visually Impaired Riitta Korhonen, Mika Metsärinne, University of Turku Rainer Wallbruch, Forschungsinstitut Technologie und Behinderung (FTB) der EvangelischenStiftung Volmarstein Eleni Efthimiou, Institute for Language and Speech Processing ILSP/ATHENA RC Ian Pitt, Kate Crowley, Tracey Mehigan, University of Cork Barbara Leporini, CNR-ISTI Julija Astrauskiene, Radviliskis Technology and Business Teaching Center Dusan Simsik, Alena Galajdova, Technical University of Košice Denis Starcic, Arhinet d.o.o. Shirley Evans, Simon Ball, JISC Tech Dis Sharon Kerr, Macquarie University Lisa Lee, Sogang University Diritti di proprietà intellettuale: Progetto Enable Contatti: Sito del progetto :

2 Raccomandazioni per gli studenti disabili: utilizzo della tecnologia per migliorare l'apprendimento. 1 Tieniti aggiornato Gli studenti devono cercare di tenersi informati sulle tecnologie disponibili, le loro caratteristiche di accessibilità e nuovi sviluppi. Essi dovrebbero anche essere disposti a partecipare alla formazione nell'uso di nuovi dispositivi o programmi per garantirne l'utilizzo nel modo più efficace. 2 Fornire informazioni alle Istituzioni scolastiche circa i requisiti Gli studenti dovrebbero informare le loro istituzioni scolastiche circa le esigenze di accessibilità ed organizzative quanto prima possibile quando inizia un nuovo anno scolastico. Essi dovrebbero collaborare con gli insegnanti, i centri di disabilità e con il resto del personale scolastico al fine di garantire che i loro bisogni siano soddisfatti. Essi possono richiedere e / o ottenere il sostegno di associazioni studentesche e dei centri per studenti disabili. 3. Riportare i problemi e eventuali feedback Gli studenti disabili che utilizzano le tecnologie di apprendimento dovrebbero riferire tutti i problemi e fornire un feedback all'istituto in modo che questi possano essere risolti e l'uso della tecnologia possa essere migliorata. 4. Condividi la tua esperienza e fornisci suggerimenti Gli studenti disabili spesso hanno competenze in materia di accessibilità. Essi dovrebbero condividere questa esperienza con il loro Istituto scolastico per migliorare l'accessibilità complessiva dell'ambiente di apprendimento. Essi dovrebbero inoltre proporre nuovi dispositivi e programmi che possono essere utilizzati per supportare l'apprendimento e renderlo più accessibile e divertente per gli studenti (disabili). 5. Organizzazione di una campagna promozionale Gli studenti disabili possono avere bisogno di una campagna promozionale insieme al corpo scolastico o alle organizzazioni degli studenti con disabilità, da mostrare al Governo così da favorire meglio i finanziamenti all'istruzione e / o alle istituzioni scolastiche per fornire maggiore sostegno e risorse migliori per gli studenti disabili.

3 6. Sostenere lo sviluppo tecnologico Lo sviluppo di nuove tecnologie efficaci richiede il coinvolgimento di studenti con disabilità in tutte le fasi. Pertanto vi è la necessità per gli studenti disabili di partecipare allo sviluppo della tecnologia, ad esempio attraverso comitati consultivi, lavorando con gli sviluppatori e ricercatori fornendo un feedback ed attraverso test. 7 Lavorare con altri studenti La maggior parte degli studenti disabili può trarre beneficio dal lavorare insieme ad altri studenti con disabilità, anche se alcuni imparano meglio da soli. Essi dovrebbero quindi essere pronti a fornire supporto, accettare l'aiuto e scambiare informazioni con altri studenti disabili. Fare questo a distanza utilizzando le ICT può essere più facile per alcuni studenti disabili rispetto all'interazione faccia a faccia. 8. Obiettivi ambiziosi, ma realistici Gli studenti disabili devono porsi obiettivi, sfide, al fine di estendere le proprie capacità e raggiungere il massimo. Allo stesso tempo, essi dovrebbero essere realistici e non aspettarsi l'impossibile. Essi devono anche tener conto delle loro esigenze, ad esempio periodi di riposo regolari e / o evitare eccesso di stimolazione sensoriale.

4 Raccomandazioni per gli insegnanti: utilizzo della tecnologia per supportare gli studenti disabili. 1. Promuovere le pari opportunità di apprendimento e di appartenenza al gruppo. Gli insegnanti dovrebbero garantire che tutti gli studenti (disabili) abbiano pari accesso ai contenuti e materiali didattici e facciano le stesse esperienze. Ove possibile, ciò dovrebbe comportare le stesse tecnologie di apprendimento e altri approcci come studenti non disabili. Gli insegnanti devono saper garantire un'integrità fra gli studenti disabili e le altre minoranze con gli altri studenti. 2. Flessibilità e differenziazione dell'apprendimento Gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli dei diversi approcci e della necessità di differenziare i vari modi di approccio all'apprendimento per consentire a tutti gli studenti di massimizzare i loro risultati. Sebbene vi siano vantaggi per tutti gli studenti nell utilizzare le stesse tecnologie di apprendimento, questo non è sempre fattibile. Gli insegnanti dovrebbero anche essere consapevoli dei fattori che possono influenzare gli studenti con disabilità: la motivazione, la precedente esperienza, la fiducia come studente e persona disabile, l'istruzione precedente. 3. Formazione Gli insegnanti necessitano di una formazione adeguata e regolare al fine di tenersi aggiornati sulle tecnologie e programmi disponibili e le modalità più efficaci per usarli. Occorre anche una formazione in materia di accessibilità, ad esempio, progettare documenti e pagine web accessibili. Attraverso i sindacati, gli insegnanti dovrebbero fare pressione alle loro organizzazioni per ottenere l'accesso alla formazione pagata in orario di lavoro. Ci sono anche diversi siti web gratuiti e corsi on-line, ma questi non devono essere considerati sostitutivi. 4 Uso appropriato delle tecnologie Gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli dei vantaggi e svantaggi dei diversi approcci all'insegnamento e all'apprendimento, così come delle particolari tecnologie. Dovrebbero essere anche in grado di combinare l'uso delle tecnologie con gli approcci più tradizionali in modo appropriato, al fine di migliorare il supporto all'apprendimento.

5 5. Motivare gli studenti Gli insegnanti devono motivare gli studenti per aumentare la loro fiducia e migliorare la loro auto-percezione delle proprie capacità di apprendimento, nonché a utilizzare le nuove tecnologie (in modo appropriato). Essi dovranno anche sostenere gli studenti nello svolgimento del nuovo apprendimento e fornirgli competenze necessarie per imparare in modo efficace ad usare le nuove tecnologie. 6. Utilizzare risorse organizzative Gli insegnanti dovrebbero utilizzare le risorse organizzative, come ad esempio i centri di supporto agli studenti disabili, per ottenere informazioni, consigli e raccomandazioni circa l'insegnamento sostenendo gli studenti disabili, anche attraverso l'uso di ausili e di altre tecnologie di apprendimento. Essi dovrebbero inoltre informare questi centri su eventuali problemi riguardanti, per esempio, l'accessibilità e l'utilizzo di particolari tecnologie. 7 Innovazione e creatività Gli insegnanti devono essere disponibili ad utilizzare le nuove tecnologie, o combinare le nuove con quelle tradizionali in modo innovativo. Ciò potrebbe includere l'utilizzo di applicazioni su apparecchi mobili e social networking. Elenchi e le comunità online, come ad esempio l'accessibilità ICT in Higher Education Network, possono essere in grado di offrire utili suggerimenti. 8 Rendere tutto accessibile Gli insegnanti dovrebbero rendere tutti gli aspetti dell'insegnamento pienamente accessibili a tutti gli studenti disabili. Nel caso di documenti o quiz su un sistema di gestione di apprendimento come Moodle, questo richiederà accessibilità per: il sito web istituzionale, il sistema di gestione di apprendimento, i documenti, quiz o altra applicazione. Gli insegnanti hanno generalmente solo il controllo diretto della accessibilità dei documenti, quiz e altri materiali che essi stessi producono. Essi devono informare l'organismo competente, come ad esempio IT (information technology) di supporto o il centro che si occupa dei problemi di accessibilità. Rendere accessibili i documenti include l'uso di un linguaggio semplice e chiaro, e di diversi formati, come la stampa ingrandita, diversi font e colori, l'audio e il linguaggio dei segni.

6 9. Propaganda Gli insegnanti dovrebbero propagandare, insieme ai loro sindacati e organizzazioni studentesche: la fornitura di personale sufficiente per l'insegnamento, la formazione, il tempo per pianificare, le risorse adeguate e il sostegno per consentire loro di soddisfare le necessità di cui sopra, senza troppi sforzi. 10. Sostegno e incoraggiamento Gli insegnanti dovrebbero sostenere l'apprendimento cooperativo, tra cui discutere e negoziare diversi approcci all'apprendimento. Essi dovrebbero fornire un feedback significativo e preciso, incoraggiare l'uso di conoscenze e competenze esistenti e anche rendere l'apprendimento divertente, pur riconoscendo che ciò che è 'divertimento' per alcuni studenti può essere stressante per altri.

7 Raccomandazioni per gli sviluppatori ICT: sviluppo di tecnologie efficaci ed inclusive a supporto dell apprendimento 1 Coinvolgimento degli utenti finali Gli sviluppatori hanno bisogno di capire le esigenze, preferenze e modi di usare la tecnologia dei diversi gruppi di utenti finali, al fine di sviluppare tecnologie efficienti. Essi dovrebbero quindi coinvolgere gli utenti finali, incluso sia gli studenti disabili che i docenti, in tutte le fasi di progettazione e di sviluppo o di modifica. Tutti i possibli fruitori devono essere trattati con rispetto. 2. Progettazione universale Gli sviluppatori dovrebbero considerare i principi di universal access per rendere le loro tecnologie utilizzabili a quanti più disabili possibili e non, compreso gli studenti provenienti da diverse culture, età e genere. Devono scegliere diverse modalità di utilizzo per rendere le informazioni accessibili a tutti, con bassa tolleranza d'errore e sforzo fisico minimo. Altre caratteristiche importanti sono le opzioni per la personalizzazione, la compatibilità con molte tecnologie assistive e diverse opzioni di interfaccia. 3 Design per la flessibilità I progettisti dovrebbero considerare la flessibilità nel modo in cui le tecnologie vengono utilizzate, tra cui la possibilità di trasferire le opzioni tra diverse piattaforme e utilizzarle in diverse applicazioni e contesti. Il crescente interesse per l'utilizzo su dispositivi mobili rende il software che può essere utilizzato su entrambi i dispositivi mobili e PC particolarmente utile. 4. Facilitare l'apprendimento Le tecnologie di apprendimento devono essere progettate per facilitare l'apprendimento, fornendo al contempo un adeguato livello di sfida. Questo significa che devono essere relativamente facili e intuitive da imparare ad usare, ma non deve essere del tutto banale, dato che un grado di sfida può supportare meglio l'apprendimento. E' anche importante la flessibilità per consentire agli studenti di utilizzare le tecnologie in diverse situazioni di apprendimento, come ad esempio da soli, con il supporto degli insegnanti, come parte di una classe o con il supporto di gruppo.

8 5 Sviluppare le competenze degli utenti Le tecnologie di apprendimento dovrebbero attingere a conoscenze esistenti e dovrebbero consentire agli alunni, agli insegnanti e altri utenti di sviluppare le loro capacità nell'utilizzo dell'applicazione. Ove possibile, dovrebbero quindi essere progettati per soddisfare le esigenze di utenti con diversi livelli di abilità, compresi i principianti, esperti e vari livelli medi. 6 Supporto e documentazione Gli sviluppatori dovrebbero fornire una documentazione scritta chiara e ben organizzata, almeno in semplice testo elettronico. Essi dovrebbero anche cercare di fornire la documentazione in diversi formati accessibili, tra cui testo normale di varie dimensioni e colori, HTML, il linguaggio semplificato, l'audio e il linguaggio dei segni. E' anche auspicabile la fornitura di altre forme di sostegno, per esempio, linee di aiuto . Gli sviluppatori più competenti dovrebbero anche considerare di fornire linee di assistenza telefonica o con un'opzione sms. 7 Considerare le questioni e le norme etiche Gli sviluppatori dovrebbero essere consapevoli di tutti gli standard e regolamenti e dovrebbero impegnarsi ad attuarle, tra cui la norma europea sui requisiti di accessibilità per gli appalti pubblici di prodotti e servizi ICT, EN Quando le tecnologie raccolgono dati utente, ad esempio per supportare i profili utente, i sistemi di gestione della privacy per prevenire violazioni della privacy e l'uso dei dati inadeguato devono essere utilizzati. Gli sviluppatori dovrebbero inoltre prestare particolare attenzione alle questioni di salute e sicurezza e alla minimizzazione degli impatti ambientali connessi con lo sviluppo tecnologico. 8. Software open source La disponibilità del software in versioni open source per i dispositivi mobili e fissi potrà aumentare il numero di utenti. Sarà anche perché viene fornita loro maggiore flessibilità, consentendo di personalizzare il software per soddisfare i propri bisogni o per essere utilizzato in applicazioni particolari. Ma la fornitura di una versione open source non impedisce lo sviluppo di software a pagamento con servizi e / o di supporti aggiuntivi. Quando gli sviluppatori non forniscono una versione open source, dovrebbero fornire almeno una versione di prova disponibile per circa 30 giorni per consentire ai potenziali utenti di testare il software.

9 9. Versioni disponibili in diverse lingue La disponibilità di molte lingue può aumentare significativamente il numero e la diversità dei potenziali utenti. Questo dovrebbe includere versioni in lingua con pochi speakers. 10. Caratteristiche contestuali Gli sviluppatori dovrebbero prendere in considerazione il contesto dei principali gruppi di utenti, il target. Dovrebbero considerare fattori quali la formazione, la motivazione e l'auto-percezione degli studenti; apprendimento individuale o di apprendimento nelle organizzazioni; e la disponibilità di meccanismi nazionali e locali di supporto. 11. Accessibilità degli elementi audio e video Le tecnologie di apprendimento dovrebbero fornire uno screen-reader incorporato, con accesso vocale per l'intera interfaccia. Varie opzioni dovrebbero essere rese disponibili, come ad esempio: la possibilità di riduzione grafica del testo, scelta delle rappresentazioni visive di suoni, scelta di modalità ad alto contrasto, la scelta della verbosità o sintesi con sottotitoli (didascalie) per tutti gli effetti di dialogo, la scelta di sintesi o una descrizione audio dettagliata per la grafica e controlli di volume separati per la musica. 12. Personalizzazione Gli utenti dovrebbero poter avere il controllo delle loro informazioni in the profile (il profilo). Essi dovrebbero poter avere la possibilità di attivare/disattivare una vasta gamma di funzioni, modificare la velocità per tutte le funzioni, avere disponibili vari livelli di difficoltà e diversi formati per il feedback e altre informazioni.

10 Raccomandazioni per le istituzioni per la formazione: sostegno agli studenti disabili anche attraverso la fornitura delle tecnologie. 1. Politiche da adottare Tutti gli istituti di formazione devono avere politiche di inclusione e di parità per gli studenti disabili. Tali politiche dovrebbero tener conto della diversità degli studenti disabili e il fatto che essi possono essere membri di altri gruppi minoritari. Essi devono includere la parità di accesso a tutte le parti del curriculum scolastico, l'accessibilità di tutti i materiali didattici e la disponibilità di tecnologie assistive su tutti i computer. Le politiche devono riguardare sia il personale che gli studenti con disabilità. 2. Centro per il sostegno agli studenti disabili Tutti gli istituti di formazione dovrebbero avere un centro per il sostegno agli studenti disabili. Il centro dovrebbe essere in grado di fornire consulenza e sostegno agli insegnanti. Dovrebbe anche avere le risorse per, ad esempio, produrre versioni Braille di documenti e diagrammi tattili, e per valutare l'accessibilità e altri requisiti degli studenti. 3. Impegno, non cambiamenti simbolici Le istituzioni per la formazione devono dimostrare un serio impegno per l'uguaglianza e sostegno per studenti disabili, anche attraverso la fornitura di tecnologie. Ciò dovrebbe includere: un personale impegnato a livello istituzionale; misure di controllo; l'attuazione delle politiche e l'apporto di modifiche se le politiche o la loro applicazione non raggiungono i risultati desiderati. 4. Consultazione e coinvolgimento Gli istituti scolastici dovrebbero consultarsi regolarmente con le organizzazioni degli studenti disabili e del personale, nonché con le organizzazioni delle persone con disabilità, per quel che riguarda le loro esigenze di supporto all'apprendimento. Queste includono la necessità di ausili e di altre tecnologie di apprendimento. 5. Assunzione di personale disabile Le istituzioni di formazione dovrebbero impiegare un numero significativo di personale disabile, preferibilmente intorno al 15,7 per cento della popolazione europea stimata dall'organizzazione per la raccolta dei dati EUROST. Ciò contribuirà a fornire modelli di

11 comportamento per gli studenti disabili e dimostrare come le persone disabili possano avere una carriera lavorativa. 6 Formazione Gli Istituti dovrebbero fornire una formazione per tutto il personale in materia dei diritti di parità e in merito al giusto comportamento da adottare con i disabili, e formazione sulle questioni pedagogiche legate a come insegnare agli studenti disabili l'utilizzo di ausili e tecnologie di apprendimento. Tutta la formazione dovrebbe essere pagata e resa disponibile durante l'orario di lavoro. 7 L'uso appropriato di norme e liste di controllo Le istituzioni dovrebbero essere a conoscenza delle norme e regolamenti nazionali e internazionali di riferimento, tra cui la norma europea sui requisiti di accessibilità per gli appalti pubblici di prodotti e servizi ICT, EN Tuttavia, tali norme e regolamenti dovrebbero essere considerati come il minimo e le istituzioni dovrebbero mirare ad andare oltre le norme e i regolamenti e ad attuare misure aggiuntive. Liste di controllo possono essere utilizzate per sostenere l'attuazione delle politiche, ma è necessaria anche la partecipazione di studenti disabili e insegnanti. 8 Il Sociale come un'integrazione educativa Le istituzioni dovrebbero sviluppare e monitorare l'attuazione delle politiche e delle misure volte a garantire l'integrazione sociale e formativa degli studenti con disabilità. Ciò dovrebbe includere, per esempio, stanze tranquille per studenti disabili autistici e altri che trovano difficoltà nell'interazione sociale, così come il supporto adeguato per l'interazione sociale su Internet. 9 Politiche di inclusione Le istituzioni dovrebbero sviluppare una politica di inclusione, promuovere la partecipazione degli studenti con disabilità e riconoscere le loro competenze.

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali REPUBBLICA ITALIANA PO FESR CALABRIA 2007/2013 ASSE IV - QUALITÀ DELLA VITA ED INCLUSIONE SOCIALE Linea d Intervento

Dettagli

L esperienza dei C.T.S.:

L esperienza dei C.T.S.: IX mostra - convegno nazionale DISABILITA E TECNOLOGIE ICT L esperienza dei C.T.S.: la sfida dell inclusione per gli studenti disabili rinnova la ricerca pedagogico/didattica per la scuola di tutti Ins.

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

regolamento scuola primaria e secondaria

regolamento scuola primaria e secondaria regolamento scuola primaria e secondaria La mia biblioteca FINALITÀ ED OBIETTIVI GENERALI Sostenere e valorizzare gli obiettivi delineati nel progetto educativo e nel curriculo; Sviluppare e sostenere

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle biblioteche scolastiche della provincia di Bolzano

Regolamento per l utilizzo delle biblioteche scolastiche della provincia di Bolzano 1 Regolamento per l utilizzo delle biblioteche scolastiche della provincia di Bolzano Premessa Il sistema delle biblioteche scolastiche eroga i propri servizi secondo criteri di imparzialità, equità, inclusione

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL. Consultazione sul piano d'azione "Imprenditorialità 2020"

Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL. Consultazione sul piano d'azione Imprenditorialità 2020 Posizione comune Les CCI ALPMED ASBL Consultazione sul piano d'azione "Imprenditorialità 2020" È obbligatorio rispondere alle domande contrassegnate con un asterisco *. 2. Questionario Nel resto di questa

Dettagli

Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015

Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015 Seminario interprovinciale Siracusa - Ragusa Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015 Come migliorare le proposte progettuali Da un lavoro individuale ad un lavoro

Dettagli

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 Project Number LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 WP3 Curriculum formatori Partner responsabile: Business and Development Center, ul. Wieniawskiego 56b/5 35-603 Rzeszow - PL Contatto: Magdalena Malinowska tel +48

Dettagli

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com La conoscenza della Legge 4/2004 nella scuola italiana Un recente questionario, proposto dall'istituto

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Progetti e iniziative in corso con uso di ICT. Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it

Progetti e iniziative in corso con uso di ICT. Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it Progetti e iniziative in corso con uso di ICT Alfia Valenti ascuoladidislessia@dislessia.it PROGETTI PER PROGETTI PER I PARTNER Ministero dell Istruzione Uffici Scolastici Regionali Università Regioni

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA

the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA the TECNICO GRAFICO-MULTIMEDIA . Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) Con la Legge n. 5/0, l Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) entra a far parte del sistema educativo con pari dignità

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria

Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria Disabilità: la Musica come strumento per l Integrazione Percorso di Musica e Integrazione nella Scuola Primaria Fondazione Scuola di Musica C. e G. Andreoli di Mirandola (Mo) La musica è un linguaggio

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

P.7.5.04 GESTIONE DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUA ZIONE DI HANDICAP

P.7.5.04 GESTIONE DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUA ZIONE DI HANDICAP P.7.5.04 GESTIONE DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO DEGLI ALUNNI IN SITUA ZIONE DI HANDICAP Indice: 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RESPONSABILITA...2 4. PROCEDURA...5 4.1 Gestione della programmazione...5

Dettagli

Il nuovo browser italiano dedicato alla navigazione e comunicazione sicura in internet per bambini

Il nuovo browser italiano dedicato alla navigazione e comunicazione sicura in internet per bambini http://www.ilveliero.info veliero@samnet.it Il nuovo browser italiano dedicato alla navigazione e comunicazione sicura in internet per bambini SAM Via di Castro Pretorio, 30 00185 ROMA Tel. 06.44.70.33.23

Dettagli

DOCUMENTO DELLA QUALITA

DOCUMENTO DELLA QUALITA DOCUMENTO DELLA QUALITA INTRODUZIONE Il Documento della Qualità di Share Training srl ha come obiettivo quello di rendere note le caratteristiche della propria attività secondo criteri di trasparenza,

Dettagli

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione La presenza e il ruolo di ciascun utente nella sperimentazione è rilevato mediante il questionario di ingresso e il questionario di uscita (form):

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD DIREZIONE DIDATTICA LORENZINI CASERTA Sede centrale: Viale Cappiello, 23 81100 CASERTA (CE) Tel./fax 0823443641 Cod. Fiscale 93082920617 Codice Meccanografico Scuola CEEE100002 E-mail: ceee100002@istruzione.it

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta

I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta Company LOGO I.T.I.-L.S. F. Giordani Via Laviano, 8 - Caserta Progetto Scuol@2.0 La scuola tra utopia e nuove tecnologie Alcuni suggerimenti per l uso Company LOGO LE PAROLE CHIAVE E-Learning Multimedialità

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SALGAREDA(TV) Scuola secondaria primo grado A.Martini Salgareda, Scuole primarie G.Collarin di Salgareda e F.Pascon di Campodipietra, Scuola infanzia A.Frank Campodipietra

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Centro di Supporto Territoriale. Didattica e tecnologia

Centro di Supporto Territoriale. Didattica e tecnologia Centro di Supporto Territoriale Nuove Tecnologie per le Disabilità Didattica e tecnologia CANTU 17/04/2012 Che cosa è il CST? Il CST (Centro di Supporto territoriale) è uno dei risultati del progetto ministeriale

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Neuroscienze, Dislessia, Scuola

Neuroscienze, Dislessia, Scuola Neuroscienze, Dislessia, Scuola Giacomo Stella I.RI.D.E. (Università di Modena-Reggio Emilia, Università di Urbino) Neuroscienze, Dislessia, scuola Aurora, 4^ elementare La dislessia dal punto di vista

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INFORMATICA

DIPARTIMENTO DI INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA DIPLOMA DI PERITO INDUSTRIALE IN INFORMATICA la scelta ideale per mettere a frutto la propria passione per i computer e la programmazione, aprendosi le porte per una carriera

Dettagli

Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza. Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015

Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza. Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015 Apprendere per competenze nei laboratori di Città della Scienza Luigi Amodio Direttore di Città della Scienza Napoli, 18 maggio 2015 2 3 Cambiamenti nell istruzione e nel mercato del lavoro XX SECOLO XXI

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Apprendimento 2.0: fare e-learning con Moodle

Apprendimento 2.0: fare e-learning con Moodle Apprendimento 2.0: fare e-learning con Moodle I vantaggi dell apprendimento on-line e gli strumenti per attuarlo Apprendere senza barriere ora è possibile E-learning: il futuro dell apprendimento Per e-learning

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE N 05 Pag. 1 di 10 PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 02 15.05.09 03 01.10.09 1 N 05 Pag. 2 di 10 Indice della Procedura P.to

Dettagli

Modalità di insegnamento dell inglese per alunni con DSA

Modalità di insegnamento dell inglese per alunni con DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Modalità di insegnamento dell inglese per alunni con DSA VIII Congresso Nazionale dell Associazione

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA

STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Titolo STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA STRUMENTI COMPENSATIVI PER DSA Destinatari Docenti Primaria Docenti secondaria I e II Buona conoscenza e utilizzo del computer Buona conoscenza e utilizzo del computer

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità REGOLAMENTO Introduzione I Giochi della Gioventù (GdG) sono promossi dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e sono organizzati dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni)

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

7HU]D&RQIHUHQ]D(XURSHD GHOOH6FXROHSURPRWULFLGL6DOXWH JLXJQR9LOQLXV/LWXDQLD 5LVROX]LRQHGL9LOQLXV

7HU]D&RQIHUHQ]D(XURSHD GHOOH6FXROHSURPRWULFLGL6DOXWH JLXJQR9LOQLXV/LWXDQLD 5LVROX]LRQHGL9LOQLXV 0,*/,25$5(/(6&82/($775$9(562/$6$/87( 7HU]D&RQIHUHQ]D(XURSHD GHOOH6FXROHSURPRWULFLGL6DOXWH JLXJQR9LOQLXV/LWXDQLD 5LVROX]LRQHGL9LOQLXV Documento tradotto da Better schools through Health - The Third European

Dettagli

REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA

REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA REALIZZARE SOFTWARE DIDATTICO DI QUALITA' DI LIBERO UTILIZZO: UNA PROPOSTA www.qualisoft.org PREMESSA Nel mese di giugno 2004 l'aree onlus - Associazione Regionale Età Evolutiva - di Cagliari ha organizzato

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE. Via Decio Mure Monserrato AREA 2 - SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE. Via Decio Mure Monserrato AREA 2 - SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE Via Decio Mure Monserrato AREA 2 - SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI PIANO DI LAVORO A.S. 213-214 "I computer sono incredibilmente veloci,

Dettagli

Software per lavorare con tutti gli alunni della classe: un esperienza bella e possibile

Software per lavorare con tutti gli alunni della classe: un esperienza bella e possibile Software per lavorare con tutti gli alunni della classe: un esperienza bella e possibile Arezzo - Sabato 10 Settembre 2011 .Si apprende meglio interagendo, cooperando, costruendo assieme conoscenze, abilità

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

ATLEC. Assistive Technology Learning Through A Unified Curriculum. Analisi preliminare del contesto Sintesi. Numero WP Ricerca e analisi dei Titolo WP

ATLEC. Assistive Technology Learning Through A Unified Curriculum. Analisi preliminare del contesto Sintesi. Numero WP Ricerca e analisi dei Titolo WP ATLEC Assistive Technology Learning Through A Unified Curriculum Analisi preliminare del contesto Sintesi Numero WP WP2 Ricerca e analisi dei Titolo WP bisogni formativi Stato Draft 2 Inizio progetto 01/01/2012

Dettagli

Widening the future Improving guidance intervention at school

Widening the future Improving guidance intervention at school Lifelong Learning Programme 2007 2013 Comenius Multilateral Projects Widening the future Improving guidance intervention at school PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Questo progetto è promosso, nell'ambito del

Dettagli

CISCI Cinema e Scienza Sorprendente e invitante. E il nuovo modo per far crescere l interesse nello studio di discipline scientifiche.

CISCI Cinema e Scienza Sorprendente e invitante. E il nuovo modo per far crescere l interesse nello studio di discipline scientifiche. Questionario europeo per migliorare l insegnamento di materie scientifiche Coloro che compileranno questo questionario riceveranno in omaggio un CD ROM relativo al progetto CISCI, che contiene materiale

Dettagli

Qualifica delle persone in formazione - Linee guida per l attuazione 3

Qualifica delle persone in formazione - Linee guida per l attuazione 3 Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l innovazione SEFRI 18 settembre 2014 Qualifica delle persone in formazione

Dettagli

I.C.S. QUASIMODO - LOCATELLI. Progetto didattico per accesso ai fondi

I.C.S. QUASIMODO - LOCATELLI. Progetto didattico per accesso ai fondi Progetto didattico per accesso ai fondi!1 TITOLO Laboratori mobili per l apprendimento. DESCRIZIONE Grazie a questo progetto sarà possibile trasformare l ambiente di apprendimento e potenziare, grazie

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG)

Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) SEMINARIO NAZIONALE Assicurazione della qualità e accreditamento: implementazione a livello nazionale (AVA) dell approccio europeo (ESG) Roma, Università di Roma Tre, 5-6 maggio 2015 L assicurazione interna

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Il progetto classi 2.0

Il progetto classi 2.0 classe classe 2.0 2.0 Didattica innovativa Il progetto classi 2.0 Il progetto Cl@ssi 2.0, attivato nel 2009 dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, ha l obiettivo di promuovere

Dettagli

Raccomandazione n.r. 4(2000), sulla scolarizzazione dei fanciulli rom e sinti in Europa

Raccomandazione n.r. 4(2000), sulla scolarizzazione dei fanciulli rom e sinti in Europa Raccomandazione n.r. 4(2000), sulla scolarizzazione dei fanciulli rom e sinti in Europa (adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'europa il 3 febbraio 2000) Il Comitato dei Ministri, in conformità

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

I.T.C.G. G. RUFFINI Via Terre Bianche, 1 IMPERIA

I.T.C.G. G. RUFFINI Via Terre Bianche, 1 IMPERIA I.T.C.G. G. RUFFINI Via Terre Bianche, 1 IMPERIA COLLEGIO DOCENTI 19 NOVEMBRE 2009 DSA: STRUMENTI COMPENSATIVI E DISPENSATIVI AGGIORNAMENTO RELATIVO ALLE LINEE DI INTERVENTO INTRODOTTE PER ALUNNI CERTIFICATI

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA AGNESI DESIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA AGNESI DESIO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA AGNESI DESIO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI CON DSA Questo protocollo di accoglienza per alunni con DSA è stato formulato in base alle seguenti normative: - Dichiarazione Universale

Dettagli

Centro Territoriale di Supporto ISTITUTO COMPRENSIVO CALCEDONIA SALERNO www.iccalcedoniasalerno.gov.it saic8ac00d@istruzione.it

Centro Territoriale di Supporto ISTITUTO COMPRENSIVO CALCEDONIA SALERNO www.iccalcedoniasalerno.gov.it saic8ac00d@istruzione.it Centro Territoriale di Supporto ISTITUTO COMPRENSIVO CALCEDONIA SALERNO www.iccalcedoniasalerno.gov.it saic8ac00d@istruzione.it L istituto Comprensivo Calcedonia di Salerno ha realizzato il progetto Nuove

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche

PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche ISTITUTO (NOME, COORDINATE, SITO WEB) Via Monte Zovetto, 8 tel. 0171 692906 - fax 0171 435200 Via

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE La 4 a Conferenza Europea sulle Scuole che promuovono salute: Equità, Istruzione e Salute 7-9 Ottobre 2013 IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ, ISTRUZIONE E SALUTE LA DICHIARAZIONE DI ODENSE: IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ,

Dettagli