Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili."

Transcript

1 Questo progetto è stato fondato con il sostegno della Commissione Europea. Questa pubblicazione riflette solo il punto di vista dell'autore e la Commissione non può essere ritenuta responsabile per qualsiasi uso che possa essere fatto delle informazioni in essa contenute. Enable Network per l apprendimento supportato dalle ICT per le persone disabili. Deliverable 3.5 ICT per supportare l'apprendimento continuo delle persone disabili: consigli pratici per una buona pratica. Workpackage 3: Analisi dei dati e valutazione: Principi per l'uso di ICT a supporto di un apprendimento continuo delle persone disabili e per un programma futuro di ricerca. Workpackage leader: Dr Marion Hersh, Università di Glasgow Autore principale: Stella Mouroutsou e Marion Hersh, Università di Glasgow Altri autori: Andreja Istenic Starcic, Maja Lebenicnik, University of Primorska Hanna Pasterny, Tamara Cierpiałowska, Katarzyna Rząsa, Centrum Rozwoju Inicjatyw Społecznych CRIS, Poland Erik Loide, Ülle Lepp, Estonian Foundation for the Visually Impaired Riitta Korhonen, Mika Metsärinne, University of Turku Rainer Wallbruch, Forschungsinstitut Technologie und Behinderung (FTB) der EvangelischenStiftung Volmarstein Eleni Efthimiou, Institute for Language and Speech Processing ILSP/ATHENA RC Ian Pitt, Kate Crowley, Tracey Mehigan, University of Cork Barbara Leporini, CNR-ISTI Julija Astrauskiene, Radviliskis Technology and Business Teaching Center Dusan Simsik, Alena Galajdova, Technical University of Košice Denis Starcic, Arhinet d.o.o. Shirley Evans, Simon Ball, JISC Tech Dis Sharon Kerr, Macquarie University Lisa Lee, Sogang University Diritti di proprietà intellettuale: Progetto Enable Contatti: Sito del progetto :

2 Raccomandazioni per gli studenti disabili: utilizzo della tecnologia per migliorare l'apprendimento. 1 Tieniti aggiornato Gli studenti devono cercare di tenersi informati sulle tecnologie disponibili, le loro caratteristiche di accessibilità e nuovi sviluppi. Essi dovrebbero anche essere disposti a partecipare alla formazione nell'uso di nuovi dispositivi o programmi per garantirne l'utilizzo nel modo più efficace. 2 Fornire informazioni alle Istituzioni scolastiche circa i requisiti Gli studenti dovrebbero informare le loro istituzioni scolastiche circa le esigenze di accessibilità ed organizzative quanto prima possibile quando inizia un nuovo anno scolastico. Essi dovrebbero collaborare con gli insegnanti, i centri di disabilità e con il resto del personale scolastico al fine di garantire che i loro bisogni siano soddisfatti. Essi possono richiedere e / o ottenere il sostegno di associazioni studentesche e dei centri per studenti disabili. 3. Riportare i problemi e eventuali feedback Gli studenti disabili che utilizzano le tecnologie di apprendimento dovrebbero riferire tutti i problemi e fornire un feedback all'istituto in modo che questi possano essere risolti e l'uso della tecnologia possa essere migliorata. 4. Condividi la tua esperienza e fornisci suggerimenti Gli studenti disabili spesso hanno competenze in materia di accessibilità. Essi dovrebbero condividere questa esperienza con il loro Istituto scolastico per migliorare l'accessibilità complessiva dell'ambiente di apprendimento. Essi dovrebbero inoltre proporre nuovi dispositivi e programmi che possono essere utilizzati per supportare l'apprendimento e renderlo più accessibile e divertente per gli studenti (disabili). 5. Organizzazione di una campagna promozionale Gli studenti disabili possono avere bisogno di una campagna promozionale insieme al corpo scolastico o alle organizzazioni degli studenti con disabilità, da mostrare al Governo così da favorire meglio i finanziamenti all'istruzione e / o alle istituzioni scolastiche per fornire maggiore sostegno e risorse migliori per gli studenti disabili.

3 6. Sostenere lo sviluppo tecnologico Lo sviluppo di nuove tecnologie efficaci richiede il coinvolgimento di studenti con disabilità in tutte le fasi. Pertanto vi è la necessità per gli studenti disabili di partecipare allo sviluppo della tecnologia, ad esempio attraverso comitati consultivi, lavorando con gli sviluppatori e ricercatori fornendo un feedback ed attraverso test. 7 Lavorare con altri studenti La maggior parte degli studenti disabili può trarre beneficio dal lavorare insieme ad altri studenti con disabilità, anche se alcuni imparano meglio da soli. Essi dovrebbero quindi essere pronti a fornire supporto, accettare l'aiuto e scambiare informazioni con altri studenti disabili. Fare questo a distanza utilizzando le ICT può essere più facile per alcuni studenti disabili rispetto all'interazione faccia a faccia. 8. Obiettivi ambiziosi, ma realistici Gli studenti disabili devono porsi obiettivi, sfide, al fine di estendere le proprie capacità e raggiungere il massimo. Allo stesso tempo, essi dovrebbero essere realistici e non aspettarsi l'impossibile. Essi devono anche tener conto delle loro esigenze, ad esempio periodi di riposo regolari e / o evitare eccesso di stimolazione sensoriale.

4 Raccomandazioni per gli insegnanti: utilizzo della tecnologia per supportare gli studenti disabili. 1. Promuovere le pari opportunità di apprendimento e di appartenenza al gruppo. Gli insegnanti dovrebbero garantire che tutti gli studenti (disabili) abbiano pari accesso ai contenuti e materiali didattici e facciano le stesse esperienze. Ove possibile, ciò dovrebbe comportare le stesse tecnologie di apprendimento e altri approcci come studenti non disabili. Gli insegnanti devono saper garantire un'integrità fra gli studenti disabili e le altre minoranze con gli altri studenti. 2. Flessibilità e differenziazione dell'apprendimento Gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli dei diversi approcci e della necessità di differenziare i vari modi di approccio all'apprendimento per consentire a tutti gli studenti di massimizzare i loro risultati. Sebbene vi siano vantaggi per tutti gli studenti nell utilizzare le stesse tecnologie di apprendimento, questo non è sempre fattibile. Gli insegnanti dovrebbero anche essere consapevoli dei fattori che possono influenzare gli studenti con disabilità: la motivazione, la precedente esperienza, la fiducia come studente e persona disabile, l'istruzione precedente. 3. Formazione Gli insegnanti necessitano di una formazione adeguata e regolare al fine di tenersi aggiornati sulle tecnologie e programmi disponibili e le modalità più efficaci per usarli. Occorre anche una formazione in materia di accessibilità, ad esempio, progettare documenti e pagine web accessibili. Attraverso i sindacati, gli insegnanti dovrebbero fare pressione alle loro organizzazioni per ottenere l'accesso alla formazione pagata in orario di lavoro. Ci sono anche diversi siti web gratuiti e corsi on-line, ma questi non devono essere considerati sostitutivi. 4 Uso appropriato delle tecnologie Gli insegnanti dovrebbero essere consapevoli dei vantaggi e svantaggi dei diversi approcci all'insegnamento e all'apprendimento, così come delle particolari tecnologie. Dovrebbero essere anche in grado di combinare l'uso delle tecnologie con gli approcci più tradizionali in modo appropriato, al fine di migliorare il supporto all'apprendimento.

5 5. Motivare gli studenti Gli insegnanti devono motivare gli studenti per aumentare la loro fiducia e migliorare la loro auto-percezione delle proprie capacità di apprendimento, nonché a utilizzare le nuove tecnologie (in modo appropriato). Essi dovranno anche sostenere gli studenti nello svolgimento del nuovo apprendimento e fornirgli competenze necessarie per imparare in modo efficace ad usare le nuove tecnologie. 6. Utilizzare risorse organizzative Gli insegnanti dovrebbero utilizzare le risorse organizzative, come ad esempio i centri di supporto agli studenti disabili, per ottenere informazioni, consigli e raccomandazioni circa l'insegnamento sostenendo gli studenti disabili, anche attraverso l'uso di ausili e di altre tecnologie di apprendimento. Essi dovrebbero inoltre informare questi centri su eventuali problemi riguardanti, per esempio, l'accessibilità e l'utilizzo di particolari tecnologie. 7 Innovazione e creatività Gli insegnanti devono essere disponibili ad utilizzare le nuove tecnologie, o combinare le nuove con quelle tradizionali in modo innovativo. Ciò potrebbe includere l'utilizzo di applicazioni su apparecchi mobili e social networking. Elenchi e le comunità online, come ad esempio l'accessibilità ICT in Higher Education Network, possono essere in grado di offrire utili suggerimenti. 8 Rendere tutto accessibile Gli insegnanti dovrebbero rendere tutti gli aspetti dell'insegnamento pienamente accessibili a tutti gli studenti disabili. Nel caso di documenti o quiz su un sistema di gestione di apprendimento come Moodle, questo richiederà accessibilità per: il sito web istituzionale, il sistema di gestione di apprendimento, i documenti, quiz o altra applicazione. Gli insegnanti hanno generalmente solo il controllo diretto della accessibilità dei documenti, quiz e altri materiali che essi stessi producono. Essi devono informare l'organismo competente, come ad esempio IT (information technology) di supporto o il centro che si occupa dei problemi di accessibilità. Rendere accessibili i documenti include l'uso di un linguaggio semplice e chiaro, e di diversi formati, come la stampa ingrandita, diversi font e colori, l'audio e il linguaggio dei segni.

6 9. Propaganda Gli insegnanti dovrebbero propagandare, insieme ai loro sindacati e organizzazioni studentesche: la fornitura di personale sufficiente per l'insegnamento, la formazione, il tempo per pianificare, le risorse adeguate e il sostegno per consentire loro di soddisfare le necessità di cui sopra, senza troppi sforzi. 10. Sostegno e incoraggiamento Gli insegnanti dovrebbero sostenere l'apprendimento cooperativo, tra cui discutere e negoziare diversi approcci all'apprendimento. Essi dovrebbero fornire un feedback significativo e preciso, incoraggiare l'uso di conoscenze e competenze esistenti e anche rendere l'apprendimento divertente, pur riconoscendo che ciò che è 'divertimento' per alcuni studenti può essere stressante per altri.

7 Raccomandazioni per gli sviluppatori ICT: sviluppo di tecnologie efficaci ed inclusive a supporto dell apprendimento 1 Coinvolgimento degli utenti finali Gli sviluppatori hanno bisogno di capire le esigenze, preferenze e modi di usare la tecnologia dei diversi gruppi di utenti finali, al fine di sviluppare tecnologie efficienti. Essi dovrebbero quindi coinvolgere gli utenti finali, incluso sia gli studenti disabili che i docenti, in tutte le fasi di progettazione e di sviluppo o di modifica. Tutti i possibli fruitori devono essere trattati con rispetto. 2. Progettazione universale Gli sviluppatori dovrebbero considerare i principi di universal access per rendere le loro tecnologie utilizzabili a quanti più disabili possibili e non, compreso gli studenti provenienti da diverse culture, età e genere. Devono scegliere diverse modalità di utilizzo per rendere le informazioni accessibili a tutti, con bassa tolleranza d'errore e sforzo fisico minimo. Altre caratteristiche importanti sono le opzioni per la personalizzazione, la compatibilità con molte tecnologie assistive e diverse opzioni di interfaccia. 3 Design per la flessibilità I progettisti dovrebbero considerare la flessibilità nel modo in cui le tecnologie vengono utilizzate, tra cui la possibilità di trasferire le opzioni tra diverse piattaforme e utilizzarle in diverse applicazioni e contesti. Il crescente interesse per l'utilizzo su dispositivi mobili rende il software che può essere utilizzato su entrambi i dispositivi mobili e PC particolarmente utile. 4. Facilitare l'apprendimento Le tecnologie di apprendimento devono essere progettate per facilitare l'apprendimento, fornendo al contempo un adeguato livello di sfida. Questo significa che devono essere relativamente facili e intuitive da imparare ad usare, ma non deve essere del tutto banale, dato che un grado di sfida può supportare meglio l'apprendimento. E' anche importante la flessibilità per consentire agli studenti di utilizzare le tecnologie in diverse situazioni di apprendimento, come ad esempio da soli, con il supporto degli insegnanti, come parte di una classe o con il supporto di gruppo.

8 5 Sviluppare le competenze degli utenti Le tecnologie di apprendimento dovrebbero attingere a conoscenze esistenti e dovrebbero consentire agli alunni, agli insegnanti e altri utenti di sviluppare le loro capacità nell'utilizzo dell'applicazione. Ove possibile, dovrebbero quindi essere progettati per soddisfare le esigenze di utenti con diversi livelli di abilità, compresi i principianti, esperti e vari livelli medi. 6 Supporto e documentazione Gli sviluppatori dovrebbero fornire una documentazione scritta chiara e ben organizzata, almeno in semplice testo elettronico. Essi dovrebbero anche cercare di fornire la documentazione in diversi formati accessibili, tra cui testo normale di varie dimensioni e colori, HTML, il linguaggio semplificato, l'audio e il linguaggio dei segni. E' anche auspicabile la fornitura di altre forme di sostegno, per esempio, linee di aiuto . Gli sviluppatori più competenti dovrebbero anche considerare di fornire linee di assistenza telefonica o con un'opzione sms. 7 Considerare le questioni e le norme etiche Gli sviluppatori dovrebbero essere consapevoli di tutti gli standard e regolamenti e dovrebbero impegnarsi ad attuarle, tra cui la norma europea sui requisiti di accessibilità per gli appalti pubblici di prodotti e servizi ICT, EN Quando le tecnologie raccolgono dati utente, ad esempio per supportare i profili utente, i sistemi di gestione della privacy per prevenire violazioni della privacy e l'uso dei dati inadeguato devono essere utilizzati. Gli sviluppatori dovrebbero inoltre prestare particolare attenzione alle questioni di salute e sicurezza e alla minimizzazione degli impatti ambientali connessi con lo sviluppo tecnologico. 8. Software open source La disponibilità del software in versioni open source per i dispositivi mobili e fissi potrà aumentare il numero di utenti. Sarà anche perché viene fornita loro maggiore flessibilità, consentendo di personalizzare il software per soddisfare i propri bisogni o per essere utilizzato in applicazioni particolari. Ma la fornitura di una versione open source non impedisce lo sviluppo di software a pagamento con servizi e / o di supporti aggiuntivi. Quando gli sviluppatori non forniscono una versione open source, dovrebbero fornire almeno una versione di prova disponibile per circa 30 giorni per consentire ai potenziali utenti di testare il software.

9 9. Versioni disponibili in diverse lingue La disponibilità di molte lingue può aumentare significativamente il numero e la diversità dei potenziali utenti. Questo dovrebbe includere versioni in lingua con pochi speakers. 10. Caratteristiche contestuali Gli sviluppatori dovrebbero prendere in considerazione il contesto dei principali gruppi di utenti, il target. Dovrebbero considerare fattori quali la formazione, la motivazione e l'auto-percezione degli studenti; apprendimento individuale o di apprendimento nelle organizzazioni; e la disponibilità di meccanismi nazionali e locali di supporto. 11. Accessibilità degli elementi audio e video Le tecnologie di apprendimento dovrebbero fornire uno screen-reader incorporato, con accesso vocale per l'intera interfaccia. Varie opzioni dovrebbero essere rese disponibili, come ad esempio: la possibilità di riduzione grafica del testo, scelta delle rappresentazioni visive di suoni, scelta di modalità ad alto contrasto, la scelta della verbosità o sintesi con sottotitoli (didascalie) per tutti gli effetti di dialogo, la scelta di sintesi o una descrizione audio dettagliata per la grafica e controlli di volume separati per la musica. 12. Personalizzazione Gli utenti dovrebbero poter avere il controllo delle loro informazioni in the profile (il profilo). Essi dovrebbero poter avere la possibilità di attivare/disattivare una vasta gamma di funzioni, modificare la velocità per tutte le funzioni, avere disponibili vari livelli di difficoltà e diversi formati per il feedback e altre informazioni.

10 Raccomandazioni per le istituzioni per la formazione: sostegno agli studenti disabili anche attraverso la fornitura delle tecnologie. 1. Politiche da adottare Tutti gli istituti di formazione devono avere politiche di inclusione e di parità per gli studenti disabili. Tali politiche dovrebbero tener conto della diversità degli studenti disabili e il fatto che essi possono essere membri di altri gruppi minoritari. Essi devono includere la parità di accesso a tutte le parti del curriculum scolastico, l'accessibilità di tutti i materiali didattici e la disponibilità di tecnologie assistive su tutti i computer. Le politiche devono riguardare sia il personale che gli studenti con disabilità. 2. Centro per il sostegno agli studenti disabili Tutti gli istituti di formazione dovrebbero avere un centro per il sostegno agli studenti disabili. Il centro dovrebbe essere in grado di fornire consulenza e sostegno agli insegnanti. Dovrebbe anche avere le risorse per, ad esempio, produrre versioni Braille di documenti e diagrammi tattili, e per valutare l'accessibilità e altri requisiti degli studenti. 3. Impegno, non cambiamenti simbolici Le istituzioni per la formazione devono dimostrare un serio impegno per l'uguaglianza e sostegno per studenti disabili, anche attraverso la fornitura di tecnologie. Ciò dovrebbe includere: un personale impegnato a livello istituzionale; misure di controllo; l'attuazione delle politiche e l'apporto di modifiche se le politiche o la loro applicazione non raggiungono i risultati desiderati. 4. Consultazione e coinvolgimento Gli istituti scolastici dovrebbero consultarsi regolarmente con le organizzazioni degli studenti disabili e del personale, nonché con le organizzazioni delle persone con disabilità, per quel che riguarda le loro esigenze di supporto all'apprendimento. Queste includono la necessità di ausili e di altre tecnologie di apprendimento. 5. Assunzione di personale disabile Le istituzioni di formazione dovrebbero impiegare un numero significativo di personale disabile, preferibilmente intorno al 15,7 per cento della popolazione europea stimata dall'organizzazione per la raccolta dei dati EUROST. Ciò contribuirà a fornire modelli di

11 comportamento per gli studenti disabili e dimostrare come le persone disabili possano avere una carriera lavorativa. 6 Formazione Gli Istituti dovrebbero fornire una formazione per tutto il personale in materia dei diritti di parità e in merito al giusto comportamento da adottare con i disabili, e formazione sulle questioni pedagogiche legate a come insegnare agli studenti disabili l'utilizzo di ausili e tecnologie di apprendimento. Tutta la formazione dovrebbe essere pagata e resa disponibile durante l'orario di lavoro. 7 L'uso appropriato di norme e liste di controllo Le istituzioni dovrebbero essere a conoscenza delle norme e regolamenti nazionali e internazionali di riferimento, tra cui la norma europea sui requisiti di accessibilità per gli appalti pubblici di prodotti e servizi ICT, EN Tuttavia, tali norme e regolamenti dovrebbero essere considerati come il minimo e le istituzioni dovrebbero mirare ad andare oltre le norme e i regolamenti e ad attuare misure aggiuntive. Liste di controllo possono essere utilizzate per sostenere l'attuazione delle politiche, ma è necessaria anche la partecipazione di studenti disabili e insegnanti. 8 Il Sociale come un'integrazione educativa Le istituzioni dovrebbero sviluppare e monitorare l'attuazione delle politiche e delle misure volte a garantire l'integrazione sociale e formativa degli studenti con disabilità. Ciò dovrebbe includere, per esempio, stanze tranquille per studenti disabili autistici e altri che trovano difficoltà nell'interazione sociale, così come il supporto adeguato per l'interazione sociale su Internet. 9 Politiche di inclusione Le istituzioni dovrebbero sviluppare una politica di inclusione, promuovere la partecipazione degli studenti con disabilità e riconoscere le loro competenze.

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

Dall istruzione programmata all e-learning

Dall istruzione programmata all e-learning Dall istruzione programmata all e-learning L ausilio delle tecnologie informatiche e dell intelligenza artificiale per l insegnamento degli allievi è un binomio che ha visto un progressivo sviluppo di

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo Sperimentazione promossa dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Sperimentazione promossa dal MIUR DG Studente Piano Nazionale Orientamento Direzione Generale per lo Studente, l'integrazione,

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati.

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. gestione documentale I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. In qualsiasi momento e da qualsiasi parte del mondo accedendo al portale Arxidoc avete la possibilità di ricercare, condividere

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 29 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA

IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA UFFICIO FORMAZIONE E ECM IRCCS ASSOCIAZIONE OASI MARIA SS TROINA Mod. -0701-08 a Rev. 02 Del 10/07/2011 LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: STRATEGIE E STRUMENTI LOW ED HIGH TECH PER LA COMUNICAZIONE,

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli