GEMELLAGGIO LETTERARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GEMELLAGGIO LETTERARIO"

Transcript

1

2

3

4 MIUR - Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali viale Trastevere, 76/a Roma GOETHE-INSTITUT ROM via Savoia, Roma GEMELLAGGIO LETTERARIO a cura di Fiorella Casciato Ulrike Tietze ISBN A cura di Fiorella Casciato, MIUR - Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ulrike Tietze, Goethe-Institut Italien Traduzione: Caesar Scaffidi Abbate Illustrazione di copertina: Nadia Budde: GEMELLAGGIO LETTERARIO Copyright Nadia Budde Fotografie: Alberto Medri Martina Hartl, pag. 6 G. Kreslehner; Massimo Carlotto, pag. 6 M. Carlotto; Giulia Carcasi, pag. 6 G. Carcasi; A.-A. Klinge, pag. 6 G. Tessnow Progetto grafico: Studio Eikon Finito di stampare nel mese di marzo 2012

5 INDICE GEMELLAGGIO LETTERARIO 9 Presentazione Marcello Limina Direttore Generale per gli Affari Internazionali - MIUR Susanne Höhn Direttrice Generale Goethe-Institut Italien Gemellaggio Letterario: un progetto italo-tedesco per la promozione della lettura Ulrike Tietze Goethe-Institut Rom La lettura in lingua straniera nella prospettiva interculturale della competenza comunicativa Fiorella Casciato Direzione Generale per gli Affari Internazionali MIUR Il ruolo della letteratura giovanile contemporanea per gli obiettivi dell apprendimento interculturale Daniela Caspari Freie Universität Berlin Gemellaggio Letterario: pratiche didattiche ed esempi concreti Wiebke Otten Freie Universität Berlin Oltre i confini in cerca di nuove strade: tendenze della letteratura per ragazzi italiana e tedesca nel secondo millennio Anna Patrucco Becchi Rivista Andersen Doris Breitmoser Arbeitskreis für Jugendliteratur e.v., JuLit I libri scelti dalle scuole 76 Gli autori 78 Le scuole gemellate 80 Staff di coordinamento

6 PRE SEN TA ZIO NE MARCELLO LIMINA Direttore Generale per gli Affari Internazionali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca SUSANNE HÖHN Direttrice Generale Goethe-Institut Italien Il Gemellaggio Letterario è nato dall esigenza comune di rafforzare le relazioni bilaterali nel settore educativo fra l Italia e la Repubblica Federale di Germania e dal reciproco interesse di allargarne gli orizzonti ad una prospettiva più coerente con le priorità di politica linguistica europea e più aperta all innovazione didattico-pedagogica, coinvolgendo i licei italiani inseriti nella rete transnazionale PASCH: scuole del futuro, promossa dal governo tedesco nel L iniziativa si è configurata come un progetto di scambio tra scuole italiane e tedesche imperniato sulla lettura in lingua originale di romanzi contemporanei e sulla riflessione ispirata dalle tematiche tipiche della letteratura per giovani adulti ed il valore aggiunto, in termini di progettualità scolastica, può essere valutato soprattutto alla luce delle principali finalità dell educazione plurilinguistica e pluriculturale. Infatti, lo sviluppo della competenza linguistico-comunicativa è perseguito nel quadro di un impostazione pedagogica volta a potenziare nei giovani il rispetto della diversità culturale e della comprensione interculturale e a promuovere il senso di una coscienza civica europea ed una maggiore consapevolezza di un identità condivisa. Inoltre, la lettura e la riflessione, insieme alla sollecitazione di capacità riproduttive, hanno favorito negli studenti il potenziamento di specifiche componenti della personalità individuale, mettendo in campo istanze educative molteplici, che vanno oltre la promozione dell insegnamento del tedesco e dell italiano nelle scuole dei

7 due paesi: la sensibilità estetico-letteraria, l intuizione creativa e la varietà delle forme espressive. Inserito nell offerta formativa del triennio dell istruzione liceale, il progetto ha permesso alle istituzioni scolastiche partecipanti, già sensibili ed inclini all internazionalizzazione dei percorsi formativi, di approfondire la dimensione europea ed interculturale della progettazione curriculare, traendo il massimo vantaggio dall autonomia scolastica di cui rappresentano la migliore espressione. Ma soprattutto, la programmazione di un gemellaggio letterario ha orientato le scuole ad aprirsi a forme di didattica più innovative, che esigono di mettere al centro delle relazioni educative gli studenti, attraverso approcci più pragmatici e meno legati alla concezione trasmissiva del sapere, considerando l alunno in tutta la sua totalità di attore sociale in un contesto biculturale e transnazionale. In questa prospettiva, la letteratura è senz altro lo spazio per eccellenza della coesistenza di mondi diversi e di un loro dialogo ed il discorso letterario transculturale è per gli adolescenti l ambiente ideale dell incontro con l alterità, in cui si realizza l esperienza interculturale più autentica della risoluzione di conflitti e del confronto costruttivo. I gemellaggi letterari ci pongono allora su un piano di insegnamento ad alto potenziale educativo, possibile solo con insegnanti capaci di conciliare prassi didattiche tradizionali con l'esigenza di sviluppare nei giovani più ampie competenze personali, come l espressione creativa che sviluppa la capacità di rielaborazione, lo spirito critico e lo spirito d'iniziativa. abitudini di insegnamento e a mettere in atto varie competenze della professionalità docente, correlate anche all uso degli strumenti tecnologici e all applicazione di risorse multimediali. Raccogliendo ed illustrando le esperienze progettuali in questa pubblicazione, intendiamo, da una parte, valorizzare le attività svolte nelle classi e dall altra, proporre un prototipo di buona pratica didattica che possa diventare un riferimento per altri docenti in altri contesti, all insegna di un idea di scuola che necessita di insegnanti sempre più abituati ad animare processi di apprendimento flessibili e personalizzati e a governare processi valutativi atti a rilevare competenze trasversali e pluridimensionali. Il Gemellaggio Letterario ha voluto, infine, sfruttare le potenzialità del modello blended per lo sviluppo professionale dei docenti, favorendo la mutualizzazione delle esperienze e la creazione di una comunità virtuale tra le scuole partecipanti, grazie al lavoro collaborativo in una piattaforma online. È evidente, quindi, che i docenti di lingua coinvolti sono stati disponibili a ripensare le proprie

8 1 Ulrike GEMELLAGGIO LETTERARIO: UN PROGETTO ITALO-TEDESCO PER LA PROMOZIONE DELLA LETTURA Tietze Goethe-Institut Rom Il progetto Gemellaggio Letterario è scaturito dalla convinzione che la letteratura contemporanea, espressione della variegata cultura europea, rispecchi l identità stessa dell Europa nella sua realtà composita e rappresenti un comune patrimonio da valorizzare e condividere, aldilà delle differenze nazionali più specifiche. Mettersi alla prova e ampliare la propria comprensione interculturale e la propria competenza linguistica di due lingue e culture europee (quella tedesca e quella italiana), affrontare in modo creativo tematiche attuali: sono questi i punti chiave del progetto promosso dalla Direzione Generale per gli Affari Internazionali del MIUR e dal Goethe-Institut per invitare i liceali di scuole italiane e tedesche gemellate, a leggere testi di letteratura giovanile. Il progetto ha offerto a giovani, in Italia e in Germania, lo spazio e la possibilità di confrontarsi, all interno e al di fuori della scuola, con testi di autori contemporanei e con temi di attualità. Nell arco di un anno scolastico, durante lezioni vivaci, incentrate sul protagonismo degli studenti e basate sulla collaborazione reciproca, le classi scolastiche nei gemellaggi italo-tedeschi, servendosi del web 2.0, hanno letto insieme libri per giovani adulti, ne hanno discusso in modo transculturale, hanno scritto e prodotto romanzi gialli, pezzi teatrali, storie, sceneggiature, video e blog che sono stati presentati nell ambito di una grande manifestazione conclusiva presso il Goethe-Institut Rom. Parallelamente, i docenti hanno sviluppato i loro concetti di insegnamento e ne hanno discusso su una piattaforma internet. Infatti, il Gemellaggio Letterario è stato allo stesso tempo un progetto pilota per l applicazione del blended learning come metodo nell aggiornamento dei docenti. A conclusione di due anni scolastici, è nata una rete tra undici scuole italiane e undici scuole tedesche, tra studenti, docenti e dirigenti scolastici, tra riviste di letteratura per ragazzi, tra istituzioni educative e rappresentanti di entrambi i paesi che hanno cooperato per la comprensione e la lettura critica di opere letterarie, per la riflessione, lo studio e l approfondimento di temi rilevanti dal punto di vista interculturale e per l apprendimento collaborativo nel triennio superiore dei licei italiani e tedeschi. La duplice finalità del progetto è stata quindi raggiunta: da un lato, gli studenti sono stati motivati a sviluppare le loro competenze linguistiche e dall altro, hanno familiarizzato con l attuale scena let- 13

9 GEMELLAGGIO LETTERARIO: UN PROGETTO ITALO-TEDESCO PER LA PROMOZIONE DELLA LETTURA Ulrike Tietze teraria dei due paesi. I percorsi didattici sono stati arricchiti dagli incontri diretti con gli autori, che hanno visitato le scuole coinvolte, creando interessanti opportunità di dibattito sui loro libri e sui temi trattati, così vicini alla realtà vissuta dai giovani di oggi. A partire dai singoli progetti di partenariato scolastico, della durata di almeno un anno scolastico, dal lavoro di rete, dalla valutazione accurata realizzata dalla Freie Universität Berlin e dalla qualità dei materiali didattici che mettiamo a disposizione in questa pubblicazione, intendiamo formulare una proposta che renda trasferibile il modello progettuale di gemellaggio letterario come best practice nel campo dello scambio interculturale, al fine di valorizzare e perennizzare l esperienza didattica vissuta dalle scuole. A tale scopo, proponiamo qui di seguito una scheda sugli obiettivi, i destinatari ed il quadro temporale necessario per conoscere, preparare, realizzare e portare a termine un progetto di questo tipo, per il quale il contributo organizzativo da parte della dirigenza scolastica è molto importante, ovvero, indispensabile, come lo è la collaborazione all interno del collegio dei docenti di una scuola. PERCORSI SCOLASTICI DEL GEMELLAGGIO LETTERARIO dei docenti. Sviluppo e rafforzamento della competenza interculturale e del senso civico europeo. Sviluppo della pedagogia di progetto nell insegnamento/apprendimento delle lingue straniere, in riferimento al Quadro di riferimento europeo per le lingue. Fasi progettuali Il piano lavoro deve essere predisposto l anno precedente all anno scolastico interessato. La fase di progettazione va avviata, quindi, nel periodo primavera/estate, precedente al concreto inizio del progetto con le classi del nuovo anno scolastico. I fase: L idea di fondo e la pianificazione del progetto - Contatti iniziali con la scuola partner. - Elaborazione della proposta ufficiale e dell idea di fondo generale per la collaborazione delle scuole ed elaborazione della tabella dei tempi per lo svolgimento del progetto. - Formazione di team progettuali all interno del partenariato scolastico. - Scelta dell offerta letteraria per le classi partner con l aiuto di esperti di letteratura per ragazzi. Destinatari Scuole italiane e tedesche del secondo biennio ed ultimo anno del liceo con esperienze di partenariato scolastico italo-tedesco. Studenti con un livello linguistico B1 del Quadro di riferimento europeo per le lingue. Obiettivi specifici: Rafforzamento dell offerta formativa nella lingua tedesca e italiana come lingua straniera nelle scuole. Promozione della conoscenza e della comprensione della letteratura contemporanea per giovani di entrambi i paesi. Promozione della creatività e della capacità espressiva (scritta e orale) di pensieri, esperienze e conoscenze dei giovani. Elaborazione di materiali innovativi, di prodotti e di forme espressive creative per acquisire conoscenze e saperi letterari. Integrazione di nuovissimi approcci pedagogici nella prassi didattica e nell insegnamento della letteratura straniera. Sviluppo e consolidamento delle competenze linguistico-comunicative. Promozione delle abilità nell utilizzo di nuovi media sul piano didattico e dell aggiornamento 14 In questa fase è stato organizzato un seminario per i docenti partecipanti, nel corso del quale sono stati fissati obiettivi, contenuti e risultati attesi del progetto, sono stati formati i gruppi di lavoro e ai docenti partecipanti è stato dato un input per il lavoro con la letteratura contemporanea italiana e tedesca e per la scrittura creativa in ambito didattico. Contemporaneamente, sono stati scelti gli autori e i libri con cui avrebbero poi lavorato le classi partner l anno scolastico successivo. In questa pubblicazione troverete proposte per l elenco della bibliografia. Dal momento che è stata utilizzata una piattaforma internet per la collaborazione tra i docenti partecipanti, sono state costruiti ambienti di lavoro per il monitoraggio didattico del programma. È estremamente importante la collaborazione tra docenti di lingua (progetto globale) ed i docenti di informatica, per gli aspetti tecnici del lavoro sulla piattaforma internet. Scadenza: primavera/estate prima dell inizio dell anno scolastico. II fase: Sviluppo e attuazione dei progetti didattici nelle classi I docenti e gli studenti italiani e i docenti e gli studenti tedeschi hanno lavorato direttamente con i libri. Il lavoro è iniziato con la comprensione di testi e dei generi letterari nella lingua straniera e, nelle fasi di insegnamento successive, esso è giunto fino alla realizzazione di propri prodotti originali. I prodotti creativi sono stati: - una rivista letteraria su internet per ragazzi 15

10 - un blog letterario - la redazione di un romanzo concatenato italo-tedesco o di storie concatenate - la redazione di fumetti e di brevi forme letterarie - la trasposizione del libro in un video - la trasposizione del libro in una rappresentazione teatrale, una performance, un talkshow e simili. Scadenza: dall inizio dell anno scolastico fino a febbraio dello stesso anno. III fase: Presentazione dei progetti e dei lavori degli studenti Nella manifestazione conclusiva sono stati presentati i progetti didattici e i lavori degli studenti. Scadenza: fine dell anno scolastico. Avvertenza: proprio perché si tratta di un contesto binazionale, dal momento che le vacanze scolastiche e i giorni di festa non coincidono, le fasi di lavoro delle classi partner devono essere concordate preventivamente. A conclusione delle due edizioni del progetto Gemellaggio Letterario, nella primavera 2009 e del 2011, gli studenti, i docenti e i dirigenti scolastici partecipanti si sono incontrati presso il Goethe- Institut Rom, in occasione della Festa della letteratura, per presentare i risultati del loro lavoro ed incontrare dal vivo gli autori dei libri letti. Durante questo progetto, le classi partner hanno aperto concettualmente, virtualmente e materialmente, con visite delle scuole, le porte delle loro classi, sviluppando così una propria dimensione binazionale dello studio di gruppo e della comunicazione che è andata ben al di là della normale vita scolastica quotidiana e delle sue ordinarie attività. La partnership con le riviste letterarie giovanili Rivista Andersen (rivista italiana specializzata in letteratura per bambini e per ragazzi) e JuLit (la rivista dell Arbeitskreis für Jugendliteratur, Germania) hanno reso possibile la conoscenza del progetto presso un pubblico più ampio e soprattutto, per le scuole e le istituzioni partecipanti, il coinvolgimento delle due riviste ed anche della TV, con la trasmissione televisiva La Compagnia del Libro, sono stati un elemento di arricchimento e di stimolo. L interesse per il progetto da parte della stampa specializzata internazionale ha motivato e gratificato gli studenti che hanno avuto una conferma positiva e tangibile del loro impegno personale e scolastico. 16

11 LA LETTURA IN LINGUA STRANIERA NELLA PROSPETTIVA INTERCULTURALE DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA 2Fiorella Casciato Direzione Generale per gli Affari Internazionali - MIUR Leggere e comprendere testi di varia natura, compresi quelli letterari, sono peculiari attività didattiche dell area linguistica e comunicativa nei licei, ma la prospettiva dialogica del gemellaggio inquadra l insegnamento/apprendimento della lettura nella cornice metodologica della pedagogia degli scambi linguistici e culturali che, considerata ormai una branca della didattica delle lingue, polarizza le pratiche dei docenti sulla dimensione socio-pragmatica della comunicazione e non solo su quella più meramente linguistica. La finalità generale del progetto didattico diventa allora più ambiziosa rispetto a quella di sensibilizzare alla lettura, rafforzando le capacità di comprensione scritta. Attraverso processi di co-costruzione delle conoscenze, i percorsi progettuali di gemellaggio letterario mirano a sviluppare la capacità di cogliere, scoprire, analizzare e rielaborare il nucleo di intersezioni culturali, di fili narrativi comuni, di istanze valoriali e di modelli estetico-letterari condivisi, ponendo gli studenti nella condizione di appropriarsi del testo in maniera attiva, interattiva e creativa, all interno di un percorso di crescita personale proiettato verso una cittadinanza europea più partecipata e consapevole. Il concetto dell inscindibilità tra educazione linguistica ed educazione letteraria, ben radicato nella tradizione pedagogica italiana, è alla base del progetto scolastico Gemellaggio Letterario, che ha voluto principalmente valorizzare la dimensione interculturale dell apprendimento linguistico-comunicativo nei percorsi liceali d Italia e di Germania. Gemellare le scuole dei due paesi intorno alla lettura bilingue di romanzi scelti su criteri di affinità tematica, attivare dinamiche di lavoro di gruppo e di cooperative learning all interno delle classi e a distanza, nelle aule virtuali costruite in ambienti digitali collaborativi, organizzando quindi l insegnamento in un ottica di interazione linguistica e di espressione creativa, sono attività che non possono essere ridotte a semplici pratiche didattiche di letteratura e cultura comparata. Esse richiedono, invece, una progettazione didattica ben integrata nella programmazione curriculare delle scuole e ben fondata sull approccio per competenze, in coerenza con gli assunti teorici dell educazione plurilinguistica e pluriculturale che ingloba in un unico quadro unitario gli insegnamenti della lingua materna e delle lingue straniere, dei linguaggi non verbali e, aggiungiamo, dei nuovi linguaggi multimediali. Ai docenti è richiesto, allora, di orientarsi verso l opzione di un modello didattico-pedagogico che rompe gli schemi di un insegnamento più 19

12 LA LETTURA IN LINGUA STRANIERA NELLA PROSPETTIVA INTERCULTURALE Fiorella Casciato tradizionale per la lettura in lingua straniera, trasformando l atto di lettura in fruizione attiva del testo e le lezioni di lingua in un laboratorio interculturale per lo sviluppo di una competenza comunicativa più autentica e complessa. LA LETTURA IN LINGUA STRANIERA COME FRUIZIONE ATTIVA DEL TESTO Ma come motivare i giovani a leggere? Come favorire nei giovani il gusto della lettura, sconfiggendo la fatica della comprensione scritta sempre più accentuata nell era della net-generation o new millennium learners, o come più comunemente si preferisce, dei nativi digitali (Prensky, 2001)? Come proporre in classe la lettura di un intero romanzo in lingua straniera, perseguendo obiettivi di apprendimento non limitati alla comprensione scritta, ma inglobanti capacità più raffinate di rielaborazione personale? Queste sono, in sintesi, le principali domande che hanno ispirato il Gemellaggio Letterario e che, ovviamente, attengono alla più generale questione dello sviluppo della competenza di lettura (reading literacy) in lingua materna 1, divenuta cruciale nell attuale dibattito educativo sia a livello internazionale attraverso le indagini OCSE-PISA, che nazionale, con le rilevazioni degli apprendimenti da parte dell INVALSI. Il Gemellaggio Letterario ha tentato di rispondere proponendo un modello didattico che considera la lettura come fruizione attiva del testo scritto, di narrativa giovanile in questo caso, e pertanto, come un attività allo stesso tempo individuale e collettiva e socialmente contestualizzata. I gemellaggi letterari fanno leva, infatti, sulla forza di approcci innovativi alla lettura che, meno tradizionali e più conformi agli stili di apprendimento dei giovani di oggi, ricorrono a strategie e strumenti più vicini ai principi di didattica laboratoriale, di individualizzazione e personalizzazione degli apprendimenti, ai concetti della pluralità dell intelligenza (Gardner, 1983) e di polifunzionalità simultanea della mente. Le evoluzioni tecnologiche incidono profondamente sul funzionamento della mente e se il passaggio alla fase della storia della conoscenza caratterizzata dal dominio della visione (Simone, 2000) ha interessato noi tutti, gli adolescenti di oggi sono figli della rivoluzione digitale, con tutti gli effetti sul piano cognitivo-emotivo che questa comporta, come illustrano le più recenti ricerche nel campo delle neuroscienze e della psicologia dell apprendimento. La naturale fluency tecnologica dei nostri studenti influenza direttamente i meccanismi dell apprendimento e la stessa matrice cognitiva della mente: pensiamo, ad esempio, ai fenomeni legati alla neuroplasticità cerebrale, che consiste nel riadattamento di natura biochimica attivato dal cervello in risposta a costanti e prolungate sollecitazioni. O anche, al cosiddetto multitasking cognitivo, per il quale un ragazzo riesce a dedicare attenzione e concentrazione a più attività contemporaneamente, in una sorta di zapping cerebrale su diversi canali, che rende normale leggere, guardare la tv, ascoltare musica, rispondere alle nello stesso tempo, in maniera solo apparentemente parallela. Sul piano emozionale, ancora, nei nativi digitali si osserva l esigenza continua del piacere derivante dall interattività e dai continui e rapidi feedback alle proprie azioni sottoforma di intensi e diversi stimoli afferenti ai vari canali sensoriali (visivi, uditivi, cinestetici, aptici, come accade nei videogiochi). Abituali frequentatori di strumenti di comunicazione interattivi (MSN Messenger, Facebook, Twitter, Youtube), i giovani sono inclini, sul piano delle modalità di studio, a comportamenti di ricerca/esplorazione rispetto ai comportamenti acquisitivi e passivi di ricezione dei contenuti e considerando il web come il principale medium di ricerca, acquisizione e di condivisione dei contenuti del sapere, sono più orientati verso modalità di collaborazione/cooperazione tra pari, tendendo a privilegiare l espressione della propria identità e delle proprie idee. In campo educativo, è proprio nel modo di processare le informazioni che si osservano i cambiamenti più importanti in relazione alle nuove abitudini generate dalla lettovisione, basata sull ipertestualità multimodale. La lettura sul web, ovvero, la comprensione scritta esercitata all interno dei sistemi tecnologici di web 2.0, ha caratteri di dinamicità, rapidità, di circolarità ed una funzione prevalentemente selettiva. La testualità multimediale è animata, variegata, densa di informazioni veicolate attraverso codici verbali, visivi e sonori e si prestano, peraltro, ad essere modificati ed aggiornati continuamente. Tutto ciò cambia il ritmo della lettura, spezzando la linearità dell espressione verbale scritta, con un accelerazione dei meccanismi di ricezione e di memorizzazione delle informazioni. Le prassi didattiche devono avere come sfondo ispiratore queste consapevolezze sulle nuove caratteristiche psico-cognitive, emozionali, relazionali degli adolescenti e sui loro comportamenti ricettivi e produttivi, affinchè esse possano favorire le condizioni necessarie all apprendimento significativo (Jonassen, 1994). Non si tratta di proporre all'acquisizione contenuti prestrutturati e predefiniti secondo la logica trasmissiva del sapere, ma la finalità formativa è l interiorizzazione di un metodo di apprendimento che renda progressivamente il soggetto autonomo nei propri processi conoscitivi, attraverso la logica della competenza dell imparare ad imparare 2. Inoltre, l approccio 1 Nel Quadro di riferimento di Pisa 2009, la reading literacy è definita come la capacità di comprendere testi scritti, e riflettere su di essi e impegnarsi nella loro lettura al fine di raggiungere i propri obiettivi, di sviluppar le proprie conoscenze e le proprie potenzialità e di essere parte attiva della società, in Cfr. le competenze chiave per l apprendimento permanente nella Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 dicembre 2006 e le otto competenze chiave di cittadinanza nel DM 139/2007 per l obbligo di istruzione. 21

13 LA LETTURA IN LINGUA STRANIERA NELLA PROSPETTIVA INTERCULTURALE Fiorella Casciato olistico della conoscenza e dell educazione plurilinguistica richiede ai docenti di travalicare i confini della propria disciplina di insegnamento, interconnettendo i saperi specifici delle diverse discipline e dinamizzando meccanismi di motivazione intrinseca all apprendimento, come l accrescimento della curiosità epistemica (Berlyne, 1963) e dell autodeterminazione (Deci E.L. & Ryan R.M, 1985). L elemento innovativo di un percorso di gemellaggio letterario scolastico non è quindi nell obiettivo, essendo la promozione della lettura da sempre contemplata nei percorsi curriculari di educazione linguistica della scuola, ma nella scelta metodologica d insegnamento basata sulle teorie neocostruttiviste del learning by doing, che considerano la scuola come un ambiente sociale aperto e non un luogo di trasmissione e riproduzione della conoscenza; come una comunità educante finalizzata a favorire negli studenti la partecipazione attiva e critica, la capacità di interagire socialmente, ovvero interculturalmente, attraverso l interscambio tra pari di lingue diverse. Inquadrare l attività di lettura nell orizzonte più ampio dell interculturalità, accompagnando gli alunni a costruire e ricostruire il senso del testo attraverso la produzione di testi e prodotti personali con l utilizzo di nuovi linguaggi e di codici espressivi differenziati, permette di recuperare, accanto alla dimensione affettiva dell apprendimento, anche una componente molto importante e troppo spesso messa da parte nella scuola secondaria superiore: la creatività. Nel gemellaggio letterario, infatti, il libro non è solo il testo che veicola contenuti da decodificare, ma diventa anche un pre-testo per una riflessione esistenziale su esperienze empaticamente vissute sul piano narrativo e per la messa in moto negli studenti del sistema del pensiero creativo (Loevenfeld, Brittain, 1967). Nel solco degli studi sul pensiero divergente (Guilford, 1950), pensare in maniera creativa mette in campo un abilità autonoma della mente, distinta dall intelligenza incline alla generazione di nuove idee collegate in una struttura unitaria e significativa, come anche alla ricerca di risposte ai problemi in maniera originale e alla facilità di cambiare rapidamente la prospettiva secondo cui considerare una stessa situazione. Fig. 1 - Triangolo di Houssaye (1988) processo insegnare INSEGNANTE SAPERE SPAZIO PEDAGOGICO processo formare processo apprendere APPRENDENTE Il gemellaggio pone gli attori della relazione educativa in un rapporto nuovo rispetto ai saperi (conoscenze) considerati solo come risorse di cui il soggetto dispone, insieme al saper fare (abilità), in vista di un saper essere (competenze) 3 necessariamente agito nei diversi contesti di vita. Siamo quindi nell alveo di una progettualità scolastica che sposta il baricentro della situazione didattica verso un paradigma basato sulle competenze che, nonostante sia stato ormai recepito nel sistema educativo italiano 4, stenta ad affermarsi nell applicazione didattica concreta. LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN LINGUA STRANIERA Spostando il focus dell azione educativa dai contenuti alle competenze, dal processo di insegnare a quello dell apprendere, il modello didattico sotteso dal Gemellaggio Letterario è coerente con una visione di scuola che crede nella centralità dell apprendente e della sua autonomia nel processo di apprendimento. La rappresentazione iconico-simbolica dell atto pedagogico proposta dal triangolo di Houssaye (1988) ci aiuta a comprendere questo cambiamento di rotta richiesto alla scuola. 3 Conoscenze: indicano il risultato dell assimilazione di informazioni attraverso l apprendimento. Le conoscenze sono l insieme di fatti, principi, teorie e pratiche, relative a un settore di studio o di lavoro; le conoscenze sono descritte come teoriche e/o pratiche. Abilità: indicano le capacità di applicare conoscenze e di usare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi; sono cognitive (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e pratiche (abilità manuale, uso di metodi, di materiali, di strumenti). Competenze: indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termine di responsabilità e autonomia. (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio sull European Qualification Framework, 2008). 4 Cfr. il modello di certificazione delle competenze a conclusione del biennio per l assolvimento dell obbligo di istruzione e l architettura generale dei Profili educativi, culturali e professionale dello studente (Pecup) nel secondo ciclo d istruzione

14 LA LETTURA IN LINGUA STRANIERA NELLA PROSPETTIVA INTERCULTURALE Fiorella Casciato Diversa dovrebbe essere la situazione per i docenti di lingue, che sono abituati da anni ad operare in termini di competenze secondo l approccio orientato all azione adottato nel 2000 dal Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del Consiglio d Europa. Dettando le linee fondamentali dell educazione plurilinguistica in Europa, il QCER ha definito le coordinate di riferimento per l insegnamento/apprendimento delle lingue imperniato proprio su un concetto di competenza che comprenda la necessità di una conoscenza (sapere) che si trasformi in un saper fare linguistico, in un saper essere e in un saper apprendere. Secondo tale approccio, le persone che usano e apprendono le lingue sono considerate come attori sociali impegnati nell esecuzione di compiti che, anche quando non sono di natura linguistica, implicano attività linguistiche e mettono in campo la competenza comunicativa dell individuo. La competenza in lingua straniera è articolata e comprende diverse componenti: la competenza pragmatica (uso funzionale delle risorse linguistiche come padronanza del discorso, coesione, coerenza, interazione); la competenza linguistica (abilità riferite al lessico, fonologia, morfologia, sintassi, struttura che regola i registri della comunicazione); la competenza sociolinguistica (abilità di comunicazione tra rappresentanti di culture diverse in base a regole di cortesie e rapporti tra i sessi, classi, gruppi sociali). È evidente che gli aspetti interculturali e la rielaborazione creativa delle idee progettate nei gemellaggi letterari si richiamano soprattutto alla dimensione socio-pragmatica della comunicazione che non è affatto semplice e scontato inglobare nella prassi delle lezioni tradizionali. Tale dimensione mette in gioco competenze che hanno proprietà del tutto affini alle competenze interculturali, soprattutto se ci poniamo all interno della prospettiva del lifelong learning del cittadino europeo. Nei gemellaggi letterari, il miglioramento della comprensione scritta rappresenta quindi solo un aspetto di un processo di crescita più ampio, che coinvolge in primis l insegnamento della lingua, ma persegue obiettivi specifici di apprendimento con un carattere indubbiamente trasversale: l uso degli strumenti informatici e la manipolazione di una più ampia varietà di mezzi di comunicazione; la consapevolezza dell espressione creativa delle idee, esperienze ed emozioni; la capacità di operare collegamenti tra diverse discipline; la capacità di autoregolazione delle proprie strategie comunicative e di problem solving nell interazione dello scambio linguistico e culturale. In particolare, l accento è posto sulla valorizzazione della competenza interculturale, sempre più necessaria nelle nostre società multietniche e multiculturali e in una scuola sempre più favorevole alla mobilità studentesca in senso lato. Ciascuna scuola deve contemplare l interculturalità tra le finalità educative generali, favorendo scambi linguistici e culturali con un impianto pedagogico coerente con i postulati epistemici dell educazione interculturale, da considerare sempre come sfondo integratore dell offerta formativa e come dimensione trasversale dell insegnamento che accompagna l intero percorso formativo ed orientativo dello studente. Certamente, però, essa trova il suo terreno più fer- 24 tile nei percorsi curriculari in lingua straniera, che hanno una naturale vocazione alla comprensione della diversità culturale e che devono, quindi, approfondire il potenziale interculturale della competenza comunicativa in lingua, come sottolineato dai più recenti orientamenti europei per le politiche linguistiche: L approccio plurilingue risulterebbe incompleto senza la dimensione pluriculturale e interculturale. La pluriculturalità designa il desiderio e la capacità di identificarsi e di condividere culture differenti. L interculturalità designa la capacità di fare l esperienza dell alterità culturale e di analizzare questa esperienza. La competenza interculturale così intesa e se correttamente sviluppata permette di meglio comprendere l alterità, di stabilire relazioni cognitive e affettive tra gli apprendimenti e le conoscenze e ogni altra nuova esperienza dell alterità, di svolgere una funzione mediatrice tra i membri di due o più gruppi sociali e le loro culture e di mettere in discussione i presupposti del proprio gruppo culturale e del proprio contesto ambientale 5. E se, come abbiamo detto, la lettura nelle classi gemellate favorisce il pensiero creativo, essa permette di coltivare negli alunni anche il pensiero interculturale, che possiamo definire, in questa sede, come un abilità della mente incline al decentramento cognitivo ed emotivo, in virtù del quale è possibile infrangere abitudini mentali di natura etnocentrica ed aprirsi a categorie valoriali di culture altre, diverse dalla propria. Pensare in chiave interculturale permette di transitare mentalmente ed idealmente dalla propria verso un altra cultura, di scoprire e capire le differenze, di affrontare i nodi dei contrasti e delle interconnessioni culturali, di superare gli steccati invisibili degli stereotipi mistificanti e di ritornare sulla propria cultura arricchiti dall esperienza del confronto, in grado di riconoscere e valutare con maggiore obiettività e consapevolezza critica la propria identità e la natura identitaria della cultura di appartenenza. Nelle Indicazioni Nazionali per i licei viene riconfermata l istanza interculturale nell imprescindibile interrelazione tra studio di lingua e cultura e l autonomia curriculare e didattica delle scuole in Italia favorisce una progettualità volta ad accompagnare i giovani nel passaggio da un pensiero circoscritto e chiuso sul proprio vissuto ad un pensiero aperto verso gli orizzonti estesi di una realtà complessa per i suoi caratteri di poliedricità e pluralità. Nei gemellaggi letterari, tutto il ventaglio delle attività linguistiche sono attraversate: la comprensione scritta, ma anche la produzione e l interazione (scritta e orale), la mediazione, la riflessione linguistica e critica e l interiorizzazione originale degli apprendimenti. E quindi, pur inscrivendosi nell ambito della didattica delle lingue, i mezzi, gli strumenti, le strategie messi in campo mobilitano i docenti della scuola autonoma in una progettazione formativa più ampia, che coinvolge insieme alunni e docenti in una programmazione a rete partecipata e condivisa secondo il principio della co- 5 Guida per lo sviluppo e l attuazione di curriculi per una educazione plurilingue e interculturale, Council of Europe - Italiano LinguaDue, 2011, p

15 munità di pratica e della comunità di dialogo, in cui gli alunni imparano l uno dall altro essendo impegnati in un compito comune e si incontrano e si confrontano sulle proprie idee, sulle proprie esperienze, sulla propria Weltanschauung. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI AA.VV., Guida per lo sviluppo e l attuazione di curriculi per una educazione plurilingue e interculturale, Council of Europe - Italiano LinguaDue, BERLYNE, Daniel Ellis, Curiosity and education, in J.D. Krumbolz (Ed),Learning and the educational process, Rould Mc Nelly, Chicago, DECI Edward L. & RYAN Richard M., Intrinsic motivation and self-determination in human behavior, Plenum Press, New York, GARDNER Howard, Formae mentis. Saggio sulla pluralità dell'intelligenza, Feltrinelli, Milano, GUILFORD Joy Paul, Creativity, in American Psychologist, 5, 1950 HOUSSAYE, Jean, (1988), Le triangle pédagogique. Théorie et pratiques de l'éducation scolaire, Peter Lang, Berne, JONASSEN, David H., Thinking technology, toward a costructivistic design model, in Educational technology, XXXIV, n. 34, april LOEVENFELD, Viktor & BRITTAIN, Lambert W., (1967), Creatività e sviluppo mentale, Giunti Barbera, Firenze, PRENSKY, Marc, Digital natives, Digital Immigrants, in On the Horizon, n. 5, vol. 9, SIMONE, Raffaele, La Terza Fase. Forme di sapere che stiamo perdendo, Laterza, Bari,

16 IL RUOLO DELLA LETTERATURA GIOVANILE CONTEMPORANEA PER GLI OBIETTIVI DELL APPRENDIMENTO INTERCULTURALE 3Daniela Caspari Freie Universität Berlin L avvio della competenza interculturale o dell apprendimento interculturale è uno dei compiti centrali se non addirittura il compito più importante dell insegnamento delle lingue straniere a scuola. In Germania la competenza interculturale rappresenta nei curricula di tutti i Länder federali, nonché nelle normative nazionali, il terzo ambito per grandezza accanto alle competenze linguisticofunzionali e metodiche. APPRENDIMENTO INTERCULTURALE COME SFIDA Tuttavia, nell insegnamento delle lingue straniere in classe non è semplice avviare l apprendimento interculturale. Da un lato ciò dipende dal fatto che nell insegnamento scolastico si tratta sempre di una messa in scena nella quale gli insegnanti e gli alunni partecipanti non agiscono come se stessi, bensì all interno di ruoli sociali. Per l insegnamento delle lingue straniere questa messa in scena vale in misura particolare se di regola giovani di lingua tedesca (con il tedesco come lingua madre o lingua veicolare) devono parlare in italiano con insegnanti di lingua tedesca. Anche per gli obiettivi dell apprendimento interculturale la situazione è artificiale, infatti le lezioni si svolgono in una classe tedesca e alle condizioni culturali o multiculturali usuali in essa. Viaggi in Italia, contatti epistolari o via mail o incontri personali con giovani italiani costituiscono una grande eccezione. E dire che il successo dell apprendimento interculturale si mostra in ultima analisi solo negli incontri extrascolastici. Il fatto che gli obiettivi fissati per l apprendimento interculturale siano difficili da raggiungere non dipende tuttavia solo dalle condizioni dell insegnamento scolastico delle lingue straniere, ma deriva allo stesso modo dalla competenza stessa. Mentre per quanto riguarda l insegnamento tradizionale di cultura e civiltà si tratta soprattutto di comunicare conoscenze oggettive sul paese della lingua di arrivo, nel caso della competenza interculturale siamo di fronte a un costrutto complesso (cfr. fra gli altri Caspari, Byram 1997, Caspari 2007a, Schumann 2007). A differenza degli anni 70, quando l obiettivo dell insegnamento delle lingue straniere era il native speaker, oggi tale obiettivo è co- 29

17 IL RUOLO DELLA LETTERATURA GIOVANILE CONTEMPORANEA Daniela Caspari stituito dall intercultural speaker (Byram 1997). Nell ambito di situazioni di incontro interculturali quest ultimo è in grado di operare con flessibilità, successo e in modo appropriato, sia da un punto di vista linguistico che da un punto di vista culturale. A tal fine non deve disporre solo di sviluppare (tuttavia non perfette!) abilità comunicativo-linguistiche, di mezzi linguistici e di strategie comunicative, ma, allo stesso modo, anche di un vasto sapere socioculturale d azione ed esplicativo. Tuttavia, per un azione adeguata da un punto di vista interculturale non è sufficiente il semplice sapere. Proprio la discussione pedagogicamente connotata nell ambito della lingua tedesca sottolinea l importanza dell ambito delle impostazioni, di cui fanno parte soprattutto l apertura mentale, il rispetto, la tolleranza e l empatia. Soprattutto per gli alunni in età puberale come pure per gli alunni che, ad esempio, a causa della loro situazione personale hanno difficoltà nel trovare una propria identità, la disponibilità a entrare in contatto con estranei e con ciò che è estraneo costituisce una meta personale nell ambito delle impostazioni necessarie per il successo dell apprendimento interculturale. LETTERATURA COME OGGETTO E MEZZO DI APPRENDIMENTO INTERCULTURALE Già dagli anni 90 viene postulata la particolare idoneità dei testi letterari per l apprendimento interculturale nell insegnamento delle lingue straniere (ad esempio Bludau 1993); nel frattempo, tale idoneità è anche empiricamente dimostrata (ad esempio Burwitz-Melzer 2003). Anche se non tutti gli aspetti valgono per ogni testo, è vero che i testi letterari dispongono in genere di alcune caratteristiche che li fanno apparire particolarmente adatti a favorire l apprendimento interculturale (cfr. in seguito anche Bredella et al. 1997, Surkamp/Nünning 2006, Nünning 2001 e 2001). 1. Il contenuto di testi letterari Testi letterari in lingua straniera costituiscono uno spaccato di una realtà straniera. Ciononostante, in questo spaccato essi non offrono una rappresentazione il più possibile precisa della realtà culturale straniera, ma creano deliberatamente un immagine finzionale: essi plasmano lo spaccato di realtà scelto, mettono in evidenza determinati elementi, concentrano, prospettivizzano e modificano. In tal modo essi forniscono una certa visione del mondo straniero e allo stesso tempo modelli interpretativi per la loro decodifica. 2. Temi e figure Nei testi letterari vengono tematizzati i problemi, le questioni e le visioni rilevanti per il periodo e la cultura in esame. Si può trattare sia di questioni attuali, sia di questioni senza tempo. Sono con- 30 siderati particolarmente fruttuosi per i processi di apprendimento interculturale quei temi che trattano delle questioni relative alla costruzione dell identità e di quelle relative alla convivenza nelle società multiculturali. Per i processi di apprendimento interculturale è altresì importante che i personaggi o le figure protagoniste siano sia individui che rappresentanti delle rispettive culture. 3. Struttura e creazione I testi letterari si servono di una varietà di strumenti creativi per dare vita o forma alla realtà. Essi sono caratterizzati sia da tradizioni culturali che vanno oltre le singole culture, ma anche da specifiche tradizioni letterarie e culturali. Così in un testo letterario in lingua straniera determinati motivi, immagini e metafore possono essere cariche di un significato culturale diverso da quello che rivestono nella propria tradizione culturale, cosicché costituiscono una sfida per il lettore e probabilmente lo stupiscono. Inoltre, la prospettiva narrativa può favorire l apprendimento interculturale. Da quanto mi risulta, Nünning (2000) è stato il primo a indicare che per la decodifica di testi letterari sono necessarie le stesse qualità necessarie per l azione interculturale: in particolare, i testi moderni con diverse prospettive e diversi punti di vista narrativi richiederebbero la coordinazione da parte del lettore. Dall ultima frase risulta già chiaro che il potenziale di testi letterari ai fini dello sviluppo della competenza interculturale può essere realizzato solo nel lettore e attraverso di lui. 4. Modo di lettura e processi interpretativi individuali I testi letterari richiedono un determinato tipo di lettura. A differenza, ad esempio, della lettura con la quale il lettore estrae informazioni dal testo, la lettura letteraria è un procedimento integrale che oltre a reazioni cognitive provoca anche reazioni affettive, immaginative ed etiche. Se si segue l estetica della ricezione, allora la comprensione di testi letterari vuol dire rivedere continuamente nel corso della lettura il primo incompleto e soggettivo abbozzo di significato. Neanche al termine della lettura il processo di lettura e di interpretazione è da considerarsi completato, nel senso che l interpretazione trovata sarebbe quella definitiva. Una successiva rilettura può condurre a nuovi modi di comprensione e a nuove interpretazioni. 5. Carattere motivante Tramite l approccio integrale i testi letterari richiedono la presa di posizione da parte del lettore. Essi lo incoraggiano a fare domande, a fare delle ipotesi e a dare giudizi. Anche la composizione letteraria, in particolare le molte ambiguità e lacune nei testi narrativi o anche le sintesi, le immagini e le metafore nelle poesie costituiscono una sfida e un opportunità di provare diversi modi di lettura e di soppesare le interpretazioni. 31

18 IL RUOLO DELLA LETTERATURA GIOVANILE CONTEMPORANEA Daniela Caspari 6. Processi interpretativi collettivi In classe gli alunni si accorgono di interpretare lo stesso testo in modo diverso, sperimentano anche che le loro interpretazioni cambiano durante il processo di lettura e di interpretazione e imparano che le loro interpretazioni sono di più ovvero devono essere di più di semplici congetture. Poiché interpretare significa che essi stessi devono trovare dei riferimenti che provino le loro interpretazioni oppure che le smentiscano. Imparare a interpretare significa anche riconoscere che non tutte le interpretazioni sono ugualmente plausibili. 7. Capacità empatica e cambio di prospettiva Il contributo più importante per l acquisizione di competenze interculturali è dato dal fatto che i testi letterari richiedono dal lettore un mutamento di prospettiva (cfr. Bredella et al. 1997). Per comprendere i pensieri, le motivazioni e le azioni dei personaggi rappresentati il lettore si deve astrarre, almeno temporaneamente, dalle proprie esperienze, dalle proprie motivazioni e dai propri convincimenti (cambio di prospettiva). Egli deve invece cercare di immedesimarsi nei personaggi rappresentati e nel loro mondo. Ciò richiede e stimola la sua capacità empatica: attraverso l immedesimazione cognitiva e l empatia affettiva il lettore può essere in grado di comprendere i pensieri, le motivazioni e le azioni dei personaggi a partire dalla loro personalità e dalla loro condizione particolare, anche connotata culturalmente (assunzione di prospettiva). Questa volontà e capacità di astenersi, almeno temporaneamente, dalla propria visione del mondo, di sforzarsi di comprendere in un primo momento i personaggi e le azioni per quello che sono, senza valutarli in modo precipitoso secondo il proprio metro di giudizio o addirittura condannarli, è considerata la capacità fondamentale della competenza interculturale e quindi l obiettivo centrale dell apprendimento interculturale. I testi letterari che invitano allo stesso modo il lettore all identificazione e alla presa di distanza offrono a tal fine un ricco campo di applicazione e di esercizio. Nünning/Surkamp (2006, p ) distinguono quattro livelli su cui i testi letterari entrano in contatto con i processi di apprendimento interculturale: il livello degli eventi interculturali rappresentati nel testo (rappresentazione della comprensione dell altro), il livello dell interazione tra testo letterario e lettore (comprensione dell altro in chiave estetico-ricettiva), il livello del procedimento di rappresentazione narrativo (mediazione narrativa) e il livello di comprensione dell altro, relativo al mondo della vita come obiettivo didattico a lungo termine. Anche se questi obiettivi possono essere ugualmente raggiunti durante le lezioni di letteratura in lingua madre, la specificità dell insegnamento delle lingue straniere consiste nel fatto che sia i testi letterari che le attività didattiche sono determinati dalla lingua straniera. Pertanto, a mio avviso, come quinto livello si dovrebbe integrare lo strumento della lingua straniera (comprensione dell altro in lingua straniera). 32 LETTERATURA GIOVANILE COME LETTERATURA Fino a quindici anni fa nell insegnamento delle lingue straniere si intendevano per testi letterari ovviamente testi di letteratura generale o di letteratura per adulti. Solo a partire dalla metà degli anni 90 gli insegnanti scoprirono che i testi della letteratura per bambini e della letteratura giovanile ben si prestavano per l insegnamento delle lingue straniere (ad esempio Blees et al. 1994). Da un esame di tutte le pubblicazioni didattiche in lingua tedesca per l insegnamento della lingua francese uscite fino al 2006 (Caspari 2007b) risulta che erano stati proposti testi di letteratura per bambini e di letteratura giovanile, per lo più per finalità legate alla crescita motivazionale, all esercizio della lettura e come spunto per la produzione scritta. Solo occasionalmente venivano raccomandati per l apprendimento della materia cultura e civiltà. Presumo che ciò dipenda dal fatto che finora i testi di letteratura per bambini e di letteratura giovanile venivano considerati soprattutto come motivanti testi autentici nella lingua di arrivo. Di contro, le loro qualità interculturali e letterarie finora non hanno goduto della stessa attenzione. A ciò ha sicuramente contribuito la tradizione dell insegnamento scolastico delle lingue straniere che per la fase di acquisizione del linguaggio nella Sekundarstufe I [scuola secondaria di primo grado, classi 5a-10a, ndt] fino ad oggi non prevede obiettivi letterari di apprendimento (cfr. ad esempio gli standard educativi per il Mittlerer Schulabschluss [diploma medio, ndt]). Tuttavia, a ciò ha contribuito anche la generale considerazione della letteratura per bambini e la letteratura giovanile come genere semplice e quindi, da un punto di vista letterario, necessariamente ridotto. Il fatto che questa fosse non solo l opinione prevalente nell ambito della letteratura, ma che anche gli esperti di didattica della letteratura contribuissero a questa concezione, lo dimostrano gli elenchi delle caratteristiche con cui si argomentava a favore dell utilizzo della letteratura per bambini e la letteratura giovanile in classe (cfr. ad esempio la compilazione di Ewers 2000). Così, in confronto con la letteratura generale, la maggiore semplicità linguistica e contenutistica, la ridotta complessità (p. es. il chiaro elenco dei personaggi, l azione lineare, la semplice struttura della prospettiva e la suddivisione per lo più in capitoli brevi), nonché la frequente ricchezza d azione non vengono intese come descrizioni libere da giudizi di valore, ma vengono facilmente considerate come indice di una minore qualità letteraria. Solo negli ultimi anni si è gradualmente affermato un nuovo approccio che valuta le caratteristiche del testo non in modo assoluto, bensì in relazione al gruppo di destinatari. La letteratura per bambini e la letteratura giovanile costituiscono infatti un sottosistema della letteratura generale che appartiene sia al sistema letterario che a quello pedagogico e che è in obbligo verso entrambi (Ewers 2000). Pertanto, i testi non devono soddisfare solo criteri letterari, ma anche pedagogici. Ciò può condurre al fatto che le sue qualità letterarie siano altre, ma non che valgano di meno. 33

19 IL RUOLO DELLA LETTERATURA GIOVANILE CONTEMPORANEA Daniela Caspari Inoltre, negli ultimi anni il confine tra letteratura generale e letteratura giovanile è diventato più permeabile in particolare per quanto riguarda l ambito del romanzo adolescenziale (p. es. Harry Potter) e anche i temi, le forme e le funzioni della letteratura giovanile, in quanto parte della modernizzazione culturale, si modificano (cfr. Rösler/O Sullivan, 2002). Di ciò fanno parte anche forme e mezzi creativi più complessi, nonché una differenziazione sempre più psicologica nelle rappresentazioni delle persone. LA LETTERATURA GIOVANILE PER GLI OBIETTIVI DELL APPRENDIMENTO INTERCULTURALE La letteratura giovanile sembra doppiamente in grado di innescare nello studio delle lingue straniere processi di apprendimento interculturale. Da un lato, per la letteratura giovanile valgono in linea di principio le stesse caratteristiche sopraelencate per la letteratura generale. Dall altro, la letteratura giovanile (qui intesa come testi specificamente destinati a lettori di una fascia d età compresa fra la pubertà e la giovane età adulta) si occupa principalmente di questioni legate alla ricerca di un identità. Soprattutto nel romanzo adolescenziale (cfr. Gansel 2000) i protagonisti sollevano questioni legate a traguardi (della vita), valori, norme e comportamenti. Anche le questioni che riguardano la convivenza all interno dell ambiente più o meno prossimo e le questioni della partecipazione sociale vengono spesso inscenate nell ambito di un gioco individuale di alternanza fra integrazione e delimitazione consapevole. Di regola la letteratura giovanile della cultura della lingua di arrivo si occupa di temi che interessano anche i coetanei che studiano una o più lingue straniere. Spesso essa solleva le stesse questioni, fornisce spunti e tentativi di risposta. Qualcosa i lettori la conoscono perché trovano riscontri nel loro ambiente e nelle loro letture, ma alcune questioni sono poste in modo diverso, alcune hanno una connotazione diversa e sono risolte in modo diverso. Anche l ambiente di vita rappresentato in modo realistico o fantastico, la famiglia, la scuola, lo spazio ricreativo è allo stesso tempo simile e diverso. Proprio questa miscela di qualcosa che è (apparentemente) familiare e (apparentemente) estraneo può far sì che il giovane lettore operi dei confronti, ricerchi motivi e alternative e prenda posizione in merito a una questione. In particolare, i protagonisti che hanno un età simile a quella dei lettori o che sono un poco più grandi dovrebbero essere in grado di offrire anche agli alunni che studiano lingue straniere parecchi spunti per l identificazione o per la presa di distanza. Attraverso processi di (parziale) identificazione e di presa di distanza dovrebbero essere facilitati il cambio di prospettiva, tanto importante per l apprendimento interculturale, e il coordinamento delle prospettive (tentativo di coordinare o integrare le proprie prospettive con quelle altrui). 34 LA SCRITTURA CREATIVA PER GLI OBIETTIVI DELL APPRENDIMENTO INTERCULTURALE Se e in che misura venga effettivamente raggiunto l obiettivo dell apprendimento interculturale tramite l utilizzo di testi letterari (giovanili) dipende non da ultimo dalla metodica o dal procedimento didattico applicato nell utilizzo di questi testi. In generale, per l apprendimento interculturale sono particolarmente adatti quei procedimenti che partono dal processo di comprensione del lettore, spostano la sua comprensione individuale del testo al centro dell attenzione e lo invitano a comunicare la sua personale reazione e la sua personale presa di posizione. 1 Di contro, i procedimenti di analisi testuale, che richiedono un atteggiamento distanziato e oggettivante, dovrebbero essere preferibilmente utilizzati con parsimonia. In particolare, essi svolgono un ruolo nel caso in cui i lettori non percepiscono aspetti importanti del testo o li interpretano erroneamente per via della mancanza di conoscenze o della scarsa esperienza. Nell ambito della vasta offerta di procedimenti creativi (ad esempio Caspari 2005, Sommerfeldt 2004) ve ne sono molti con cui si possono supportare in modo mirato gli obiettivi centrali di un approccio creativo al testo (vedi infra Caspari 2000). 1. Risveglio della disponibilità a confrontarsi con il testo e con le sue alterità ciò che di esso non si conosce Questo può essere fatto tramite adeguate attività di pre-lettura che devono essere svolte prima che si proceda alla lettura del testo. Da un lato si tratta qui di procedimenti che tramite elementi extratestuali come immagini, musica o oggetti preparano al tema, al periodo, alla situazione o allo stato d animo del testo o della parte di testo che verrà letta successivamente. Altri metodi prestabiliscono singoli elementi del testo (ad esempio titolo, titoli dei capitoli, elementi relativi all azione e al contenuto, parti di testo o elenchi di personaggi), sulla base dei quali gli alunni riflettono sul tema, sul contenuto, sui conflitti, sulla struttura, sullo spazio, sul tempo ecc. o anticipano la prosecuzione del testo. Per poter utilizzare questi procedimenti in modo mirato per finalità della comprensione delle lingue straniere, dovrebbero essere posti al centro dell attenzione quegli aspetti che per gli alunni contengono probabilmente qualcosa di estraneo, sconosciuto o insolito. Grazie alla varietà delle riflessioni che preparano alla lettura del testo, nel gruppo degli alunni ciò che è estraneo non solo viene reso interessante, ma tramite la presa di coscienza della varietà all interno del gruppo può sensibilizzare generalmente alla varietà di possibili prospettive. 1 Di seguito definito processo creativo. Per la definizione vedi Caspari

20 IL RUOLO DELLA LETTERATURA GIOVANILE CONTEMPORANEA Daniela Caspari 2. La presa di coscienza e l articolazione di ciò che è proprio con l obiettivo di diventare consapevoli o più consapevoli della propria prospettiva A tal scopo si prospettano soprattutto quei procedimenti che danno agli alunni l opportunità di tematizzare le loro emozioni, le reazioni e gli abbozzi di significato, sollecitati durante la prima lettura, e di tradurli in varie forme di confronto creativo con il testo. Ciò accade, ad esempio, tramite la lettura rigo per rigo o per sezioni con lo sviluppo di ipotesi, il riempimento di campi testuali vuoti, la redazione di un diario o di commenti progressivi, nonché tramite l esecuzione di elementi che nel testo sono lasciati da parte o che sono solo accennati. Anche procedimenti non verbali come il dipingere un quadro, l illustrazione del testo, la selezione di immagini o di musica appropriata, nonché la realizzazione di un immagine fissa o di una pantomima si adattano a ciò. 3. Percezione, interpretazione e valutazione dell altro con l obiettivo del cambiamento di prospettiva I procedimenti creativi sono addirittura predestinati per questi obiettivi. In particolare, si adattano i giochi di ruolo e le forme teatrali, soprattutto forme del gioco di ruolo letterario, forme di lavoro che esortano gli alunni a scrivere e a parlare da una prospettiva estranea (come ad esempio heißer Stuhl), attività per lo sviluppo di personaggi o attività che fanno prendere parte per i personaggi o per i fatti rappresentati (ad esempio tenere un discorso di difesa). 4. Interrelazione tra il proprio e l altro allo scopo del coordinamento delle prospettive A sostegno di questo obiettivo si prestano molte attività di post-lettura, ad esempio lo sviluppo di alternative relative al contenuto (antefatto/conclusione, fine diversa, nuove scene, parodia), rielaborazione del testo (modifica dell azione, dei personaggi, introduzione di personaggi aggiuntivi, spostamento dell azione in un altro luogo anche nel proprio o in un altro periodo, esecuzione di elementi che nel testo sono lasciati da parte o che sono solo accennati, commenti personali (recensione di libri, proposte di lettura, cartelloni per la lettura), confronto di giudizio su personaggi e fatti (ad esempio udienza di tribunale), realizzazione di un portfolio ( Cosa è stato importante per me mentre mi confrontavo con il testo? Cosa voglio ricordare? ). Per supportare gli obiettivi di apprendimento interculturale, i citati procedimenti creativi devono essere scelti sulla base della loro adeguatezza al testo, al gruppo degli alunni o a singoli alunni, nonché alla situazione attuale. Dosati in maniera corretta e selezionati in modo funzionale, rispetto a procedimenti tradizionali di analisi testuale, a mio avviso, essi hanno dalla loro parte tre vantaggi fondamentali. In primo luogo, sono in grado di risvegliare l interesse per la lettura e per l applicazione al testo letterario e alle sue alterità. In secondo luogo, possono incoraggiare e sostenere in modo mirato processi affettivi ed emotivi. E in terzo luogo, nell ambito dell apprendimento inter- 36 culturale, favoriscono in particolar modo gli obiettivi e le attività parziali per cui è necessario l apporto del proprio, della soggettività. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI BLEES, Rolf et al., Au plaisir de lire. Wiesbaden: HIBS (Hess. Institut für Bildungsplanung und Schulentwicklung), BLUDAU, Michael, Die Rolle von Texten beim interkulturellen Lernen. In: Fremdsprachenunterricht 46/1993/1: 11-14, BREDELLA, Lothar et al., Einleitung. In: Dies. (Hg.): Thema Fremdverstehen: Arbeiten aus dem Graduiertenkolleg Didaktik des Fremdverstehens. Tübingen: Narr: 11-33, BURWITZ-MELZER, Eva, Allmähliche Annäherungen. Fiktionale Texte im interkulturellen Fremdsprachenunterricht der Sekundarstufe I. Tübingen: Narr, BYRAM, Michael, Teaching and assessing intercultural competence. Clevedon: Multilingual Matters, CASPARI, Daniela, Kreative Textarbeit als Beitrag zum Fremdverstehen. In: Fremdsprachenunterricht 44,53/2000/2: 81-86, CASPARI, Daniela, Kreativitätsorientierter Umgang mit literarischen Texten revisited. In: Praxis Fremdsprachenunterricht 2/2005/6: 12-16, CASPARI, Daniela, Didaktisches Lexikon Landeskunde und Interkulturelles Lernen. In: Praxis Fremdsprachenunterricht 4/2007/5: 70-71, 2007a. CASPARI, Daniela, A la recherche d un genre encore mal connu Zur Erforschung von Kinder- und Jugendliteratur für den Französischunterricht. In: Französisch heute 38/2007/1: 8-19, 2007b. EWERS, Hans-Heino, Literatur für Kinder und Jugendliche. Eine Einführung.München: Fink, GANSEL, Carsten, Der Adoleszenzroman. Zwischen Moderne und Postmoderne. In: Lange, Günter (Hg.): Taschenbuch der Kinder- und Jugendliteratur. Band 1: Grundlagen, Gattungen. Hohengehren: Schneider: , NÜNNING, Ansgar, Intermisunderstanding Prolegomena zu einer literaturdidaktischen Theorie des Fremdverstehens: Erzählerische Vermittlung, Perspektivenwechsel und Perspektivenübernahme. In: Bredella, Lothar et al. (Hg.): Wie ist Fremdverstehen lehr- und lernbar? Vorträge aus dem Graduiertenkolleg Didaktik des Fremdverstehens. Tübingen: Narr: , NÜNNING, Ansgar, Fremdverstehen durch literarische Texte: von der Theorie zur Praxis. In. Der Fremdsprachliche Unterricht Englisch 35/5 (H. 53): 4-9, SCHUMANN, Adelheid, Le Maghreb. Inhalte und Verfahren einer Interkulturellen Landeskunde. In: Der Fremdsprachliche Unterricht Französisch 2007/86: 2 7, SOMMERFELDT, Kathrin, Kreativer Umgang mit Texten ein kritisches Plädoyer. In: Der Fremdsprachliche Unterricht Spanisch 2/2004/7: 4-9, SURKAMP, Carola & NÜNNING, Ansgar, Englische Literatur unterrichten. Grundlagen und Methoden. Seelze: Kallmeyer in Verbindung mit Klett,

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli