UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN RELAZIONI PUBBLICHE DI IMPRESA Tesi di Laurea Specialistica LO STRANO CASO DEL DISTRETTO DEL MOBILE LIVENZA: Il ruolo della comunicazione ambientale in funzione del processo di Registrazione EMAS Relatrice: Dott.ssa La Caria Mariapaola Laureanda: Piccinin Elisa Anno Accademico

2 A mio padre, che nei miei occhi ha lasciato considerazione per i fatti e parsimonia nelle parole.

3 I Dopo tutto, il colpevole era Hyde, e Hyde soltanto. Jekill restava quello che era; si risvegliava ogni volta con le sue doti positive apparentemente inalterate; si affrettava perfino, quando era possibile, a rimediare al male compiuto da Hyde. E così la sua coscienza sonnecchiava R.L. Stevenson Lo strano caso del Dottor Jekill e del Signor Hyde C è un territorio industriale e giovane ma dalle origini contadine antiche, che ha una altissima concentrazione di fabbriche ma che contemporaneamente conserva un alto tasso di ruralizzazione Non è solo Friuli, non è tutto Veneto. Si chiama Alto Livenza, ed è un agglomerato di piccole e medie imprese fucina dello sviluppo nazionale nel settore industriale del legno-arredo, che per sopravvivere ha capito di dover ripensare anche all ambiente, che ha pensato di farlo partendo dai fatti e non dalle parole, che faticosamente ha deciso di far vincere il Dottor Jekill

4

5 III INTRODUZIONE Il presente lavoro desidera contribuire ad offrire spunti di riflessione su molteplici tematiche correlate, riguardanti le modalità di comunicazione interna ed esterna della Corporate Social Responsability (CSR) nelle piccole e medie imprese. Analizzando il caso del Distretto del Mobile Livenza, che ha avviato un processo di certificazione ambientale EMAS coinvolgendo attori sia pubblici che privati, si cercherà di analizzare e approfondire il ruolo della comunicazione e del governo delle relazioni finalizzato al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità ambientale. Considerando in prima istanza le implicazioni comunicative che la norma prevede, si tenterà di tracciare un quadro di opzioni e possibilità offerte alle organizzazioni. Tale insieme di strumenti e strategie contribuisce al miglior raggiungimento degli obiettivi ambientali previsti e di riflesso crea un vantaggio in termini di reputazione finalizzato alla crescita del valore d impresa. In quest ottica quindi, la comunicazione non ha finalità meramente pubblicitarie, bensì diventa un volano del processo di responsabilità sociale, in grado di creare educazione, coscienza e sviluppo sostenibile. Tutto ciò impatterà inesorabilmente in un futuro più prossimo di quanto si possa credere anche sulla professione dei relatori pubblici, che saranno chiamati a misurarsi ed operare attraverso il nuovo paradigma etico della comunicazione responsabile. Il presente studio si prefigge di rispondere alle seguenti questioni: La CSR è solo una moda che si declina principalmente in forma comunicativa, oppure è concretamente una nuova filosofia di approccio all economia sostenibile? Esistono degli strumenti di CSR più "buoni", nel senso efficaci e credibili, in grado di fare realmente la differenza e che non si risolvono in una mera operazione di immagine? come devono essere declinati, per risultare tali? E fra questi, le certificazioni ambientali (ed EMAS nello specifico) possono essere considerate per le loro caratteristiche

6 IV intrinseche una garanzia di responsabilità sociale concreta, non effimera o con scopi puramente di immagine? Qual è il ruolo e il valore della comunicazione in un processo di responsabilità sociale di impresa? Che cosa comunicare, la CSR scelta oppure educare e trasmettere i valori della CSR scelta? Quali sono le principali implicazioni (e complicazioni) nella gestione e coordinamento di strategie comunicative, nel caso specifico facenti capo a diversi soggetti che partecipano al processo di certificazione del Distretto del Mobile Livenza? La CSR nelle piccole e medie imprese (PMI) può essere davvero un fattore competitivo di successo per il rilancio economico del nord-est? Perché essa può essere in grado di assumere tale valore in questo contesto territoriale? Che ruolo possono e devono assumere in questo quadro i relatori pubblici, chiamati ad operare come esperti della comunicazione? Al fine di ottenere validi responsi, il lavoro è stato suddiviso in tre parti, in modo da avviare un percorso graduale che esplicita tutte le componenti e le variabili utili a trarre le conclusioni. La prima parte è dedicata alla definizione del concetto di CSR, alla distinzione fra la responsabilità sociale e l etica, al ruolo delle relazioni pubbliche e della comunicazione nei processi di sviluppo, ideazione e progettazione della stessa. Sarà inoltre approfondita la questione dell applicazione delle strategie di CSR nelle piccole e medie imprese. La seconda parte si concentra su uno specifico strumento di CSR, ovvero le certificazioni ambientali, con particolare attenzione ad EMAS, alle sue norme, realizzazioni ed implicazioni (soprattutto comunicative) della sua adozione. Considerando infine il caso del Distretto del Mobile dell Alto Livenza, che rappresenta il primo caso sperimentale in Europa di Certificazione Ambientale EMAS di tipo produttivo-distrettuale, verranno descritte nella terza parte le scelte strategiche che i vari soggetti hanno operato in campo di comunicazione ambientale, al fine di approdare a delle ipotetiche linee guida di riferimento per le PMI nella comunicazione della CSR ambientale.

7 1 PARTE PRIMA In un momento storico in cui è in corso un ampio dibattito sull argomento, sia da parte del mondo accademico, sia da parte del mondo dell impresa, non è facile scegliere come affrontare il tema della responsabilità sociale delle imprese. In questo senso, una delle maggiori difficoltà consiste nel cercare innanzitutto di tenere presente le molteplici voci discordanti che si alzano contemporaneamente dai diversi fronti, tenendo però anche ben presente che lo stesso dibattito spazia da un approccio di tipo scientifico che può essere storico, sociologico, o economico-giuridico, per arrivare all approccio, molto meno scientifico, di chi vede nella Corporate Social Responsibility un interessante strumento di marketing e comunicazione, riducendola solamente ad un insieme di attrezzi patinati che aiutano l impresa ad apparire più responsabile nei confronti dei differenti attori che a vario titolo con essa interagiscono. Proprio quest ultima accezione rappresenta il fulcro di molte questioni ed ha acceso negli ultimi anni una discussione sia interna al mondo dei professionisti della comunicazione, sia esterna fra i comunicatori ed altri soggetti ed esperti del mondo economico. Questo panorama così eterogeneo e frastagliato costituisce l orizzonte in cui si sviluppa il dibattito sulla CSR: chi vuole parteciparvi deve indispensabilmente stabilire e motivare ex ante i confini entro i quali inquadrare l analisi che si vuole offrire come contributo. Questa prima parte desidera esplicitare e sciogliere il nodo cruciale del rapporto fra CSR e comunicazione. Nel primo capitolo verranno specificati i concetti di CSR, con riferimento all evoluzione teorico-storica ed alla sua considerazione in ambito internazionale, europeo ed italiano sia da parte dei soggetti pubblici che di quelli privati e non profit. Successivamente il campo verrà ristretto alla declinazione e alle strategie di CSR che sono state adottate nelle piccole e medie imprese. Nel secondo capitolo sarà analizzato lo specifico ruolo della comunicazione nello sviluppo di politiche di CSR. Dopo aver descritto l importanza della

8 2 comunicazione nei programmi di responsabilità sociale, saranno analizzati i principali strumenti di attuazione delle CSR e le seguenti implicazioni comunicative che ciascun mezzo comporta, con un sguardo più approfondito nei confronti delle certificazioni di prodotto e di processo per comprenderne appieno la valenza.

9 3 Capitolo 1 LA CSR FRA ETICA, MORALE E BUSINESS Basterà dunque che io dica di aver compreso che il mio corpo naturale era semplicemente l aura e l emanazione dei poteri che formavano il mio spirito Dott. Henry Jekill 1.1 COS E LA CSR Definizione e storia La letteratura sulla Responsabilità Sociale di Impresa è sterminata e al suo interno sono rintracciabili numerosissime definizioni, che spesso però pur non essendo discordanti, non mettono d accordo tutti. In termini generali possiamo definire la CSR come l'integrazione di preoccupazioni di natura etica all'interno della visione strategica d'impresa: è una manifestazione della volontà delle grandi, piccole e medie imprese di gestire efficacemente le problematiche d impatto sociale ed etico al loro interno

10 4 e nelle zone di attività 1. Si tratta di un concetto innovativo e controverso, espresso per la prima volta nel 1984 da R. Edward Freeman. Molti prima di lui avevano già cercato di definire e spiegare l importanza della considerazione di valori etici nello sviluppo delle organizzazioni. La CSR infatti nasce negli Stati Uniti nei primi decenni del XX secolo, quando per effetto del governo Roosvelt si sviluppò una particolare attenzione ai problemi sociali. La depressione degli anni 30, causata da una bolla meramente speculativa dei mercati finanziari e monetari, portò l argomento alla ribalta dagli anni 50 in poi. Il padre della CSR è Howard Bowen 2 : egli per primo sancisce il dovere per gli uomini di affari di incidere nel contesto ambientale in maniera positiva. Negli anni 70 il dibattito assume una notevole consistenza, alimentato da movimenti sociali che iniziavano a battersi per la tutela dei consumatori e la difesa dell ambiente. Gli studiosi si concentrano principalmente su quattro temi: le caratteristiche dei comportamenti aziendali definibili responsabilmente sociali, il peso del contesto socio-culturale di riferimento, le motivazioni ad agire in maniera socialmente responsabile, le procedure da adottare per interiorizzare ed anticipare le istanze sociali ed incorporarle nel governo delle politiche aziendali (la c.d. Corporate Social Responsiveness). In questi anni Carrol elabora la Piramide della CSR, che sancisce la discrezionalità e la volontarietà delle attività filantropiche. In base a questo schema la responsabilità sociale si realizza in maniera graduale, successiva e secondo le priorità prima a livello economico, raggiungendo il profitto (be profitable), successivamente rispettando completamente la legge (obey the law), per poi passare ad operare in maniera etica e rispettosa delle norme e dei valori sociali (be ethical), ed infine, l azienda si attiva in termini volontari con attività filantropiche con investimenti discrezionali da parte della collettività (be a good corporate citizen) 3. Ma la svolta arriva negli anni 80, con la Stakeholder Theory di Milton Freeman 4, che individua in concreto i soggetti verso i quali le imprese devono essere socialmente responsabili. Il termine stakeholder indica individui o gruppi 1 R.E. Freeman, Strategic Management: a Stakeholder Approach, London, Pitman, 1984; 2 V. Fazio, C. Luison, Guidarsi La responsabilià sociale delle imprese, Edizioni Metakom, Venezia 2006, pag 17; 3 N. Cerana, Comunicare la responsabilità sociale, Franco Angeli, Milano 2004; 4 E.R. Freeman, op. cit.;

11 5 che sono influenzati o che possono influenzare il raggiungimento degli obiettivi di impresa e per l autore si suddividono in primari e secondari in base al loro grado di necessità o meno del loro apporto alla sopravvivenza dell organizzazione. Questa teoria ha messo in discussione l idea olistica dell impresa, la sua unicità ed autoreferenzialità, la sua compattezza attorno ad un nucleo omogeneo di interessi/comportamenti con motivazioni coerenti fra loro. In questi anni si consolida anche il concetto di business ethic, che approfondisce i valori su cui fondare le politiche e le strategie aziendali e di corporate social performance, in base al quale le imprese devono fare della CSR una attività con vantaggi economici misurabili e coerente in tutti i campi d impiego dell organizzazione. Negli anni 90 una molteplicità di cause correlate fanno conoscere la CSR al grande pubblico. Innanzitutto, si diffonde il nuovo processo della globalizzazione, che porta le imprese a riorganizzarsi e delocalizzarsi ripensando alla propria identità ed omogeneità smembrata dall elemento del luogo come caratteristica distintiva. Lo sviluppo dei nuovi media ha poi permesso un accesso più democratico e veloce alle informazioni. Gli scandali finanziari e le politiche poco ortodosse di alcune multinazionali con conseguente boicottaggio da parte dei consumatori e del pubblico hanno dimostrato l importanza di considerare i consumatori attenti e smaliziati interlocutori, in grado di smascherare e distinguere bene fra immagine patinata e realtà dei fatti. Infine l esplosione prepotente di organizzazioni non governative internazionali e associazioni non profit che lottano per l affermazione di diritti e valori fondamentali senza eleggere il lucro economico a scopo ultimo, ha sensibilizzato e responsabilizzato il pubblico su temi come l ambiente e la tutela dei diritti umani e delle minoranze etnico-religiose. Dai soli modelli teorici si passa quindi a comportamenti pratici più consistenti e decisi da parte delle organizzazioni, che capiscono in primo luogo (talvolta dopo crisi e scandali di portata notevole) di non poter più operare in maniera del tutto discrezionale, perché le scelte eticamente discutibili, seppur legali, vengono facilmente smascherate e denunciate con gravi perdite a livello di immagine e conseguentemente di profitto. Secondariamente, interpretando operativamente gli studi accademici, le organizzazioni iniziano ad imboccare una via proattiva, riconoscendo il loro ruolo e le loro responsabilità nei confronti della società dalla

12 6 quale traggono profitto. Alla fine degli anni 90 si moltiplicano i codici etici e vengono attivate molte politiche di responsabilità sociale non solo nelle imprese statunitensi, ma anche in quelle europee, che si distinguono dal modello anglosassone, sviluppando una diversa accezione del concetto di responsabilità sociale. Negli ultimi anni le riflessioni sulla CSR convergono nel considerarla un orientamento strategico di fondo, nel quale si riscontrano in particolare tre elementi: la consapevolezza che i comportamenti responsabili assumano importanza strategica poiché contribuiscono significativamente a consolidare la legittimazione aziendale; il concetto di sostenibilità come creazione di valore nel lungo e lunghissimo periodo che considera stakeholder anche le generazioni future, ed infine l importanza della rendicontazione e della comunicazione delle performance, in un ottica di trasparenza Caratteristiche La CSR è un fenomeno molto complesso e frastagliato, che nelle sue declinazioni operative comporta cambiamenti significativi all interno dell organizzazione. Spesso però il termine è usato per definire esclusivamente una strategia di comunicazione orientata al sociale, oppure al suo interno confluiscono pratiche come la filantropia. Pertanto, una precisazione sulle sue peculiarità è necessaria. La responsabilità sociale delle imprese è ben lungi dall essere solo un elemento della comunicazione aziendale composto da una serie di strumenti ad hoc e non é tantomeno una nuova teoria di marketing: puntare solo sulla comunicazione e l immagine potrebbe far raggiungere risultati nel breve periodo, ma questa declinazione risulta molto limitata e non intacca la sostanza dell organizzazione, che è invece chiamata a fare le cose che ha sempre fatto in modo diverso 6. Innanzitutto, il concetto di CSR si lega in maniera logica a quello di sviluppo sostenibile, ovvero una nuova forma di sviluppo economico, che ingloba 5 V. Fazio, C. Luison, op. cit, pag 20; 6 K. Annan, Segretario Generale delle Nazioni Unite, durante la Conferenza del Global Compact dell ONU, 2000;

13 7 all interno del calcolo del vantaggio economico derivato da una attività economica anche la dimensione ambientale e sociale. L impresa non può perseguire i suoi obiettivi senza tener conto dell impatto che produce all esterno, per sopravvivere e continuare a crescere è necessario considerare anche queste nuove istanze, in un ottica di equità, responsabilità ed integrazione. Ciò che cambia quindi non è solo il modo di operare, bensì si comprende che le condizioni stesse attraverso le quali si opera e si ottiene successo sono diverse, perché è necessaria una prospettiva di lungo periodo, una maggiore attenzione alla qualità della vita, un approccio preventivo, coerenza nelle politiche, sensibilizzazione e consapevolezza, oltre a partnership e coinvolgimento. In quest ottica la CSR si presenta come una via allo sviluppo sostenibile. Secondariamente, sostenibilità e CSR sono strettamente correlate al concetto di etica, in particolare riguardo ai mezzi che un attività economica mette in azione per realizzare un determinato fine, individuabile in ultima istanza nel maggior profitto possibile. L'economia cerca di ottenere i suoi fini col minor costo possibile, in una prospettiva di efficienza. Di fatto questa efficienza ha delle implicazioni in termini di etica e di comportamenti che un impresa può adottare per realizzare il suo scopo. Tali comportamenti rientrano anche nelle sfere del diritto e della morale, complicando un quadro che oggi è ampiamente dibattuto e costantemente smontato ed analizzato da diversi soggetti, che si interrogano sulla reale importanza che può assumere la CSR come variabile di efficienza organizzativa. Gianpaolo Azzoni sintetizza le relazioni fra queste sfere rifacendosi alla distinzione hegeliana fra le tre componenti della normatività: moralità, diritto ed eticità. Se la morale ha come contenuto i valori personali che ci detta la nostra coscienza individuale, ovvero ciò che ciascuno di noi reputa in cuor suo giusto o sbagliato, il diritto invece è costituito da quelle norme che lo Stato sanziona con i propri tribunali e con la propria forza esecutiva. Intermedia tra la moralità ed il diritto si pone l eticità, dove i diritti/doveri non sono né liberamente scelti (come nella moralità), né imposti da un soggetto titolare dell esercizio legittimo della forza (come nel diritto): nell eticità i diritti/doveri sono condivisi in una

14 8 relazione intersoggettiva che si sviluppa entro uno stare-insieme relativamente stabile 7. Quindi un comportamento etico è l esito di un incontro tra organizzazione e stakeholders che scaturisce da un processo eminentemente comunicazionale ed esistenziale e che trova il suo motivo di esistenza dalla rilevanza e natura delle azioni compiute dall azienda. L eticità si configura essenzialmente come una pratica inclusiva. In questo senso una azienda etica è una organizzazione che ricerca la sua licenza di operare anche nel confronto con gli stakeholders e, in tale confronto, si impegna a comportamenti cui non sarebbe tenuta secondo il diritto vigente. In un secondo momento bisogna tenere presente che i requisiti richiesti per essere un azienda etica possono variare a seconda che ci si collochi nel modello anglosassone oppure nel modello della cittadinanza sociale diffuso nell Europa continentale 8. Il primo riduce i requisiti di eticità di un impresa al rispetto delle leggi e dei contratti. In questo contesto la CSR si esaurisce quasi totalmente nella definizione e nel rispetto della corporate governance, cioè di quell insieme di regole, istituzioni e pratiche finalizzate a proteggere gli investitori esterni da comportamenti opportunistici di imprenditori e manager, avvicinandosi di più al concetto di business ethic. Il modello anglosassone valorizza quindi il diritto, ma anche la moralità, cioè quegli atti che scaturiscono dalla coscienza individuale dei manager. Nel modello della cittadinanza sociale dell impresa, l azienda acquisisce la propria licenza di operare solo se attua comportamenti strettamente etici, cioè che tengano conto anche degli stakeholders, e non solo degli shareholders, in un costante processo dialogico. Oggi il modello della cittadinanza sociale guadagna consenso a livello mondiale anche in quei paesi anglosassoni tradizionalmente da esso distanti, perché è particolarmente adeguato alla attuale congiuntura economica, politica e valoriale. Tale successo sancisce la diffusione di strategie di CSR sempre più profonde e strutturali, che delineano politiche aziendali con precisi elementi che possono essere riassunti in: 7 G.Azzoni, L Azienda etica, saggio presentato al convegno: Responsabilità sociale dell impresa e diritto del lavoro, all interno di un incontro di Diritto del lavoro, Pavia 17 maggio 2004; 8 G. Azzoni, op. cit, pag 7;

15 9 Volontarietà: l azienda sceglie liberamente di attuare comportamenti socialmente responsabili che vanno oltre agli obblighi della legge in maniera consapevole. Sistematicità: l organizzazione decide di impegnarsi in maniera costante e nel lungo periodo, al fine di raggiungere degli obiettivi precisi. Globalità: la CSR influenza in modo significativo tutti gli aspetti dell organizzazione, incidendo sui processi gestionali, relazionali ed operativi. Accountability: l azienda si impegna nell esercizio di un valido reporting che espliciti ed evidenzi attraverso parametri di tipo numerico i risultati dell attività di CSR Politiche di CSR Le istituzioni si sono occupate di CSR a partire dalla seconda metà degli anni 80, quando iniziò a prendere piede e consapevolezza il problema ambientale globale e si rendeva necessaria una riflessione sul ruolo e le imputabilità da assegnare ad imprese ed economia in campo ambientale e più in generale, sociale. Dapprima a livello internazionale e successivamente a livello europeo, la CSR diviene una pratica strategica sostenuta. Nel 1987 il Rapporto Bruntland elabora il concetto di sviluppo sostenibile, in cui viene sancito per la prima volta l impegno per il perseguimento di uno sviluppo che non comprometta le generazioni future. Nel 1999 l OCSE pubblica le Linee Guida sulla governance e la Convenzione contro il fenomeno della corruzione, a cui fanno seguito nel 2000 le Linee guida per le multinazionali, che disciplinano questioni relative ai rapporti di lavoro, concorrenza, fiscalità e corruzione. L Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) nel 1999 pubblica la Tripartite Declaration of Principles concerning Multinational Enterprises and Social Policy, che stabilisce una serie di principi di condotta etica per le aziende che operano in un contesto globale. Sempre nel 1999 nasce poi il Dow Jones Sustainability Index che riflette le componenti fondamentali del concetto di sostenibilità. Questo indice infatti è il

16 10 primo a livello mondiale che, per valutare il valore di imprese quotate, prende in considerazione anche le performance di sostenibilità dell organizzazione stessa. L iniziativa più importante si realizza nel 2000, quando per volontà del Segretario Generale Kofi Annan, il Global Compact dell ONU emana un documento contenente nove principi per le imprese multinazionali che prevede, tra le altre, disposizioni relative ai diritti dell uomo, del lavoro e della tutela all ambiente. A livello europeo il dibattito sulla CSR è più recente e il primo documento è datato Un gruppo di aziende firma il Manifesto delle imprese contro l esclusione sociale su sollecitazione dell allora Presidente della Commissione Europea Jaques Delors. Una tappa fondamentale è il summit di Lisbona del In questa occasione i Capi di Stato e di Governo europeo si impegnano nel fare dell Europa l area economica basata sulla conoscenza più dinamica e competitiva del mondo, capace di una crescita economica sostenibile, con maggiori opportunità di lavoro ed più forte coesione sociale. Nel documento prodotto si fa appello alla Responsabilità Sociale delle Imprese grandi e piccole come un necessario nuovo modo di operare per raggiungere gli obiettivi previsti. Sull onda di Agenda 21, nel luglio dell anno seguente la Commissione Europea pubblica il Libro Verde intitolato Promuovere un quadro europeo per la Responsabilità sociale delle imprese. Il documento rappresenta uno dei punti cardine della strategia e del pensiero riguardante la CSR in Europa. Il Libro Verde definisce la CSR come l integrazione su base volontaria, da parte delle imprese, delle preoccupazioni sociali ed ecologiche nelle loro operazioni commerciali e nei rapporti con le parti interessate. Essere socialmente responsabili significa non solo soddisfare pienamente gli obblighi giuridici applicabili, ma anche andare al di là investendo di più nel capitale umano, nell ambiente e nei rapporti con le altre parti interessate. L esperienza acquisita con gli investimenti in tecnologie e prassi commerciali ecologicamente responsabili suggerisce che, andando oltre gli obblighi previsti dalla legislazione, le imprese potevano aumentare la propria competitività. L applicazione di norme sociali che superano gli obblighi giuridici fondamentali, ad esempio nel settore della formazione, delle condizioni di lavoro o dei rapporti tra la direzione e il personale, può avere dal canto suo un impatto diretto sulla produttività. Si apre in tal modo una strada che consente di gestire il cambiamento e di conciliare lo sviluppo sociale e una maggiore competitività 9. 9 COM(2001)366 definitivo, pag 7;

17 11 Il Libro Verde si sofferma ad analizzare molteplici aspetti e sfumature che può assumere la CSR, distinguendo fra dimensione interna ed esterna all impresa. Di quella interna, le prassi socialmente responsabili posso rivolgersi alla gestione delle risorse umane (1); alla salute e sicurezza nel lavoro (2); alla capacità e soluzioni di adattamento alle trasformazioni (3) ed infine alla gestione degli effetti sull ambiente e delle risorse naturali(4). Per quanto concerne la dimensione esterna invece, il Libro sostiene che la responsabilità sociale delle imprese si estende alle comunità locali (1), ai partners commerciali, fornitori e consumatori (2), ai diritti dell uomo (4) ed alle preoccupazioni ambientali a livello planetario(5). Il Libro si guarda bene dal considerare la CSR una pura operazione di facciata, stabilendo il principio e la necessità di una gestione olistica della strategia della CSR, che modifica e si innerva in tutte le funzioni aziendali. Successivamente vengono anche esposte le posizioni della UE nei confronti di diversi strumenti della CSR, come le relazioni e audit sulla responsabilità sociale, le etichette sociali ed ecologiche e gli investimenti socialmente responsabili. Infine, la UE enuncia una serie di questioni cruciali e nodi da sciogliere negli anni venturi, precisando per ciascuno il suo ruolo e quello degli altri attori. In particolare il Libro Verde riconosce il suo impegno nel promuovere lo sviluppo della responsabilità sociale delle imprese a livello europeo e internazionale, completando le attività socialmente responsabili esistenti e apportando un valore aggiunto. Al Libro Verde segue nel 2002 la Comunicazione Responsabilità Sociale: un contributo delle imprese allo sviluppo sostenibile, che indica la strategia europea per promuovere la pratica della CSR nelle imprese. Partendo da una serie di principi, la UE si impegna a sviluppare una strategia di diffusione della CSR in diversi aspetti: Fornire maggiori informazioni riguardo gli effetti positivi della responsabilità sociale; Rafforzare lo scambio di esperienze e di buone pratiche; Promuovere lo sviluppo e la capacità di gestione della CSR; Incoraggiare la CSR nelle PMI; Facilitare la convergenza e la trasparenza delle pratiche e degli strumenti;

18 12 Organizzare L European Multistakeholder Forum sulla CSR 10 ; Integrare la CSR nelle politiche comunitarie; L attuazione dei principi e delle strategie del Libro Verde e della Comunicazione ha dato avvio ad una serie di progetti i cui effetti impattano a livello nazionale sulla promozione e lo sviluppo della CSR. In Italia il discorso dell impegno sociale dell impresa era cosa già nota sin dalle prime fasi dell industrializzazione 11 ma è dalla fine degli anni 90 che il dibattito sulla CSR diventa più corposo ed il mercato inizia ad aprirsi a questa nuova concezione dell agire e del fare impresa. Sulla spinta propulsiva delle dichiarazioni internazionali ed europee, i ministeri italiani si sono mossi in più direzioni. Il Ministero degli Affari Esteri ha dato sostegno concreto al Global Compact attraverso il finanziamento del progetto Sviluppo Sostenibile attraverso il Global Compact. Il Ministero delle Attività Produttive si è mobilitato operativamente per la diffusione delle Linee Guida dell OCSE e a sostegno della diffusione della CSR soprattutto nelle piccole e medie imprese. Ma il progetto e le azioni più importanti, che rappresentano il contributo italiano alla diffusione e al dibattito sulla CSR secondo quanto stabilito dal Libro Verde e dalla Comunicazione UE, sono stati orchestrati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attraverso due programmi collegati fra loro: il progetto CSR-SC ovvero Corporate Social Responsability - Social Commitment ed il Forum Italiano Multi-Stakeholder per la Corporate Social Responsibility (CSR Forum). Il primo progetto si prefigge di diffondere la cultura della CSR e lo scambio di buone pratiche, di fornire garanzie al cittadino in merito all effettivo impegno sociale comunicato dalle imprese, di realizzare un set di indicatori standard semplice e modulare che le imprese possano adottare su base volontaria per valutare la propria performance in ambito CSR, di supportare le piccole e medie imprese (PMI) nello sviluppo delle politiche e strategie di CSR nonché di favorire lo scambio di esperienze tra i vari Paesi al fine di identificare e recepire le migliori pratiche a livello internazionale. Tutto questo è sfociato in una serie di 10 Nato nel 2003, il Forum Europeo sulla CSR è un gruppo di discussione ed orientamento che riunisce 40 organizzazioni rappresentative dei datori di lavoro, sindacati, consumatori, società civile, associazioni professionali e d impresa, che si riunisce ogni anno con lo scopo di identificare azioni per lo sviluppo della responsabilità sociale in Europa. 11 Un esempio per tutti è Adriano Olivetti.

19 13 importanti iniziative, fra le quali, le più meritevoli di attenzione 12 sono l organizzazione della Terza Conferenza Europea sulla CSR nel novembre del 2003 a Venezia e l ideazione dello strumento denominato Social Statement. Quest ultimo in particolare nasce come un supporto alle organizzazioni che vogliono implementare politiche di CSR e, successivamente, comunicarle ai propri stakeholder. Si compone di una Scheda anagrafica e da un Set di Indicatori. Questo strumento, pensato e poi adattato in maniera particolare per le piccole e medie imprese, si pone l obiettivo di guidare le organizzazioni verso politiche di responsabilità sociale che non comportino carichi aggiuntivi di costi ed in grado così di creare maggiore consapevolezza e pratica. Nel maggio del 2004 prende avvio anche il Forum Italiano Multi-Stakeholder, che ha coinvolto una cinquantina di organizzazioni a rappresentanza diffusa a discutere i principali aspetti della responsabilità sociale delle imprese in quattro tavoli tecnici 13. Tra i vari argomenti, quello che ha avuto maggiore importanza è senza dubbio quello relativo alla diffusione della CSR nelle piccole e medie imprese. Gli effetti delle politiche ministeriali e del Forum sono stati molto ampi e di lunga durata, contribuendo in maniera sostanziale all avvio di un serio dibattito nella comunità economico-giuridica. Negli ultimi anni in Italia, accanto ad organizzazioni storiche si sono moltiplicati gli studi, la letteratura, i dibattiti, le conferenze e le organizzazioni del Terzo Settore che si occupano di educazione e diffusione della CSR e della cittadinanza d impresa. L 8 marzo 2004 è stata presentata in Parlamento dal Deputato Realacci la Proposta di Legge: Disposizioni per la promozione e lo sviluppo della responsabilità sociale delle imprese. La bozza prevede l istituzione dell'autorità per la responsabilità sociale delle imprese, con vari compiti, in particolare di definizione di indicatori di tipo quantitativo e qualitativo per la classificazione dei comportamenti socialmente responsabili e la predisposizione di strumenti, per accertare l'impatto sociale e ambientale delle imprese su tutta la filiera produttiva nonchè per valutare i risultati delle iniziative socialmente responsabili 12 Altre importanti iniziative sono: la realizzazione del CD-Rom: La Responsabilità Sociale delle Imprese: Il contributo italiano alla campagna di diffusione della Csr in Europa, numerosi convegni e congressi come a Monza il 7 maggio 2006 e Roma il 29 aprile Tutte le iniziative e gli atti ufficiali si possono scaricare dal sito: 13 I tavoli rispettivamente erano: TT01-Diffondere la cultura della CSR e facilitare lo scambio di best practices; TT02- Diffondere la CSR nelle PMI; TT03-Promuovere la trasparenza e la convergenza delle pratiche e degli strumenti di CSR (Set di Indicatori); TT04-CSR e sviluppo sostenibile;

20 14 dalle stesse messe in atto. La Proposta prevede l istituzione di altri due organi di supporto all Authority: un Forum di venticinque esperti con compiti consultivi e l'osservatorio nazionale sul dumping sociale. Le imprese riconosciute come socialmente responsabili godranno di agevolazioni fiscali per la realizzazione di progetti. La CSR non è più solo una moda da ormai molto tempo e assume sempre di più i tratti di un fenomeno da prendere in seria considerazione, sia nel caso si decida che esso sia in grado davvero di creare valore e reputazione, sia lo si consideri meramente una declinazione del marketing.

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 18.7.2001 COM(2001) 366 definitivo LIBRO VERDE Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese (presentato dalla Commissione) INDICE

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli