UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN RELAZIONI PUBBLICHE DI IMPRESA Tesi di Laurea Specialistica LO STRANO CASO DEL DISTRETTO DEL MOBILE LIVENZA: Il ruolo della comunicazione ambientale in funzione del processo di Registrazione EMAS Relatrice: Dott.ssa La Caria Mariapaola Laureanda: Piccinin Elisa Anno Accademico

2 A mio padre, che nei miei occhi ha lasciato considerazione per i fatti e parsimonia nelle parole.

3 I Dopo tutto, il colpevole era Hyde, e Hyde soltanto. Jekill restava quello che era; si risvegliava ogni volta con le sue doti positive apparentemente inalterate; si affrettava perfino, quando era possibile, a rimediare al male compiuto da Hyde. E così la sua coscienza sonnecchiava R.L. Stevenson Lo strano caso del Dottor Jekill e del Signor Hyde C è un territorio industriale e giovane ma dalle origini contadine antiche, che ha una altissima concentrazione di fabbriche ma che contemporaneamente conserva un alto tasso di ruralizzazione Non è solo Friuli, non è tutto Veneto. Si chiama Alto Livenza, ed è un agglomerato di piccole e medie imprese fucina dello sviluppo nazionale nel settore industriale del legno-arredo, che per sopravvivere ha capito di dover ripensare anche all ambiente, che ha pensato di farlo partendo dai fatti e non dalle parole, che faticosamente ha deciso di far vincere il Dottor Jekill

4

5 III INTRODUZIONE Il presente lavoro desidera contribuire ad offrire spunti di riflessione su molteplici tematiche correlate, riguardanti le modalità di comunicazione interna ed esterna della Corporate Social Responsability (CSR) nelle piccole e medie imprese. Analizzando il caso del Distretto del Mobile Livenza, che ha avviato un processo di certificazione ambientale EMAS coinvolgendo attori sia pubblici che privati, si cercherà di analizzare e approfondire il ruolo della comunicazione e del governo delle relazioni finalizzato al raggiungimento di obiettivi di sostenibilità ambientale. Considerando in prima istanza le implicazioni comunicative che la norma prevede, si tenterà di tracciare un quadro di opzioni e possibilità offerte alle organizzazioni. Tale insieme di strumenti e strategie contribuisce al miglior raggiungimento degli obiettivi ambientali previsti e di riflesso crea un vantaggio in termini di reputazione finalizzato alla crescita del valore d impresa. In quest ottica quindi, la comunicazione non ha finalità meramente pubblicitarie, bensì diventa un volano del processo di responsabilità sociale, in grado di creare educazione, coscienza e sviluppo sostenibile. Tutto ciò impatterà inesorabilmente in un futuro più prossimo di quanto si possa credere anche sulla professione dei relatori pubblici, che saranno chiamati a misurarsi ed operare attraverso il nuovo paradigma etico della comunicazione responsabile. Il presente studio si prefigge di rispondere alle seguenti questioni: La CSR è solo una moda che si declina principalmente in forma comunicativa, oppure è concretamente una nuova filosofia di approccio all economia sostenibile? Esistono degli strumenti di CSR più "buoni", nel senso efficaci e credibili, in grado di fare realmente la differenza e che non si risolvono in una mera operazione di immagine? come devono essere declinati, per risultare tali? E fra questi, le certificazioni ambientali (ed EMAS nello specifico) possono essere considerate per le loro caratteristiche

6 IV intrinseche una garanzia di responsabilità sociale concreta, non effimera o con scopi puramente di immagine? Qual è il ruolo e il valore della comunicazione in un processo di responsabilità sociale di impresa? Che cosa comunicare, la CSR scelta oppure educare e trasmettere i valori della CSR scelta? Quali sono le principali implicazioni (e complicazioni) nella gestione e coordinamento di strategie comunicative, nel caso specifico facenti capo a diversi soggetti che partecipano al processo di certificazione del Distretto del Mobile Livenza? La CSR nelle piccole e medie imprese (PMI) può essere davvero un fattore competitivo di successo per il rilancio economico del nord-est? Perché essa può essere in grado di assumere tale valore in questo contesto territoriale? Che ruolo possono e devono assumere in questo quadro i relatori pubblici, chiamati ad operare come esperti della comunicazione? Al fine di ottenere validi responsi, il lavoro è stato suddiviso in tre parti, in modo da avviare un percorso graduale che esplicita tutte le componenti e le variabili utili a trarre le conclusioni. La prima parte è dedicata alla definizione del concetto di CSR, alla distinzione fra la responsabilità sociale e l etica, al ruolo delle relazioni pubbliche e della comunicazione nei processi di sviluppo, ideazione e progettazione della stessa. Sarà inoltre approfondita la questione dell applicazione delle strategie di CSR nelle piccole e medie imprese. La seconda parte si concentra su uno specifico strumento di CSR, ovvero le certificazioni ambientali, con particolare attenzione ad EMAS, alle sue norme, realizzazioni ed implicazioni (soprattutto comunicative) della sua adozione. Considerando infine il caso del Distretto del Mobile dell Alto Livenza, che rappresenta il primo caso sperimentale in Europa di Certificazione Ambientale EMAS di tipo produttivo-distrettuale, verranno descritte nella terza parte le scelte strategiche che i vari soggetti hanno operato in campo di comunicazione ambientale, al fine di approdare a delle ipotetiche linee guida di riferimento per le PMI nella comunicazione della CSR ambientale.

7 1 PARTE PRIMA In un momento storico in cui è in corso un ampio dibattito sull argomento, sia da parte del mondo accademico, sia da parte del mondo dell impresa, non è facile scegliere come affrontare il tema della responsabilità sociale delle imprese. In questo senso, una delle maggiori difficoltà consiste nel cercare innanzitutto di tenere presente le molteplici voci discordanti che si alzano contemporaneamente dai diversi fronti, tenendo però anche ben presente che lo stesso dibattito spazia da un approccio di tipo scientifico che può essere storico, sociologico, o economico-giuridico, per arrivare all approccio, molto meno scientifico, di chi vede nella Corporate Social Responsibility un interessante strumento di marketing e comunicazione, riducendola solamente ad un insieme di attrezzi patinati che aiutano l impresa ad apparire più responsabile nei confronti dei differenti attori che a vario titolo con essa interagiscono. Proprio quest ultima accezione rappresenta il fulcro di molte questioni ed ha acceso negli ultimi anni una discussione sia interna al mondo dei professionisti della comunicazione, sia esterna fra i comunicatori ed altri soggetti ed esperti del mondo economico. Questo panorama così eterogeneo e frastagliato costituisce l orizzonte in cui si sviluppa il dibattito sulla CSR: chi vuole parteciparvi deve indispensabilmente stabilire e motivare ex ante i confini entro i quali inquadrare l analisi che si vuole offrire come contributo. Questa prima parte desidera esplicitare e sciogliere il nodo cruciale del rapporto fra CSR e comunicazione. Nel primo capitolo verranno specificati i concetti di CSR, con riferimento all evoluzione teorico-storica ed alla sua considerazione in ambito internazionale, europeo ed italiano sia da parte dei soggetti pubblici che di quelli privati e non profit. Successivamente il campo verrà ristretto alla declinazione e alle strategie di CSR che sono state adottate nelle piccole e medie imprese. Nel secondo capitolo sarà analizzato lo specifico ruolo della comunicazione nello sviluppo di politiche di CSR. Dopo aver descritto l importanza della

8 2 comunicazione nei programmi di responsabilità sociale, saranno analizzati i principali strumenti di attuazione delle CSR e le seguenti implicazioni comunicative che ciascun mezzo comporta, con un sguardo più approfondito nei confronti delle certificazioni di prodotto e di processo per comprenderne appieno la valenza.

9 3 Capitolo 1 LA CSR FRA ETICA, MORALE E BUSINESS Basterà dunque che io dica di aver compreso che il mio corpo naturale era semplicemente l aura e l emanazione dei poteri che formavano il mio spirito Dott. Henry Jekill 1.1 COS E LA CSR Definizione e storia La letteratura sulla Responsabilità Sociale di Impresa è sterminata e al suo interno sono rintracciabili numerosissime definizioni, che spesso però pur non essendo discordanti, non mettono d accordo tutti. In termini generali possiamo definire la CSR come l'integrazione di preoccupazioni di natura etica all'interno della visione strategica d'impresa: è una manifestazione della volontà delle grandi, piccole e medie imprese di gestire efficacemente le problematiche d impatto sociale ed etico al loro interno

10 4 e nelle zone di attività 1. Si tratta di un concetto innovativo e controverso, espresso per la prima volta nel 1984 da R. Edward Freeman. Molti prima di lui avevano già cercato di definire e spiegare l importanza della considerazione di valori etici nello sviluppo delle organizzazioni. La CSR infatti nasce negli Stati Uniti nei primi decenni del XX secolo, quando per effetto del governo Roosvelt si sviluppò una particolare attenzione ai problemi sociali. La depressione degli anni 30, causata da una bolla meramente speculativa dei mercati finanziari e monetari, portò l argomento alla ribalta dagli anni 50 in poi. Il padre della CSR è Howard Bowen 2 : egli per primo sancisce il dovere per gli uomini di affari di incidere nel contesto ambientale in maniera positiva. Negli anni 70 il dibattito assume una notevole consistenza, alimentato da movimenti sociali che iniziavano a battersi per la tutela dei consumatori e la difesa dell ambiente. Gli studiosi si concentrano principalmente su quattro temi: le caratteristiche dei comportamenti aziendali definibili responsabilmente sociali, il peso del contesto socio-culturale di riferimento, le motivazioni ad agire in maniera socialmente responsabile, le procedure da adottare per interiorizzare ed anticipare le istanze sociali ed incorporarle nel governo delle politiche aziendali (la c.d. Corporate Social Responsiveness). In questi anni Carrol elabora la Piramide della CSR, che sancisce la discrezionalità e la volontarietà delle attività filantropiche. In base a questo schema la responsabilità sociale si realizza in maniera graduale, successiva e secondo le priorità prima a livello economico, raggiungendo il profitto (be profitable), successivamente rispettando completamente la legge (obey the law), per poi passare ad operare in maniera etica e rispettosa delle norme e dei valori sociali (be ethical), ed infine, l azienda si attiva in termini volontari con attività filantropiche con investimenti discrezionali da parte della collettività (be a good corporate citizen) 3. Ma la svolta arriva negli anni 80, con la Stakeholder Theory di Milton Freeman 4, che individua in concreto i soggetti verso i quali le imprese devono essere socialmente responsabili. Il termine stakeholder indica individui o gruppi 1 R.E. Freeman, Strategic Management: a Stakeholder Approach, London, Pitman, 1984; 2 V. Fazio, C. Luison, Guidarsi La responsabilià sociale delle imprese, Edizioni Metakom, Venezia 2006, pag 17; 3 N. Cerana, Comunicare la responsabilità sociale, Franco Angeli, Milano 2004; 4 E.R. Freeman, op. cit.;

11 5 che sono influenzati o che possono influenzare il raggiungimento degli obiettivi di impresa e per l autore si suddividono in primari e secondari in base al loro grado di necessità o meno del loro apporto alla sopravvivenza dell organizzazione. Questa teoria ha messo in discussione l idea olistica dell impresa, la sua unicità ed autoreferenzialità, la sua compattezza attorno ad un nucleo omogeneo di interessi/comportamenti con motivazioni coerenti fra loro. In questi anni si consolida anche il concetto di business ethic, che approfondisce i valori su cui fondare le politiche e le strategie aziendali e di corporate social performance, in base al quale le imprese devono fare della CSR una attività con vantaggi economici misurabili e coerente in tutti i campi d impiego dell organizzazione. Negli anni 90 una molteplicità di cause correlate fanno conoscere la CSR al grande pubblico. Innanzitutto, si diffonde il nuovo processo della globalizzazione, che porta le imprese a riorganizzarsi e delocalizzarsi ripensando alla propria identità ed omogeneità smembrata dall elemento del luogo come caratteristica distintiva. Lo sviluppo dei nuovi media ha poi permesso un accesso più democratico e veloce alle informazioni. Gli scandali finanziari e le politiche poco ortodosse di alcune multinazionali con conseguente boicottaggio da parte dei consumatori e del pubblico hanno dimostrato l importanza di considerare i consumatori attenti e smaliziati interlocutori, in grado di smascherare e distinguere bene fra immagine patinata e realtà dei fatti. Infine l esplosione prepotente di organizzazioni non governative internazionali e associazioni non profit che lottano per l affermazione di diritti e valori fondamentali senza eleggere il lucro economico a scopo ultimo, ha sensibilizzato e responsabilizzato il pubblico su temi come l ambiente e la tutela dei diritti umani e delle minoranze etnico-religiose. Dai soli modelli teorici si passa quindi a comportamenti pratici più consistenti e decisi da parte delle organizzazioni, che capiscono in primo luogo (talvolta dopo crisi e scandali di portata notevole) di non poter più operare in maniera del tutto discrezionale, perché le scelte eticamente discutibili, seppur legali, vengono facilmente smascherate e denunciate con gravi perdite a livello di immagine e conseguentemente di profitto. Secondariamente, interpretando operativamente gli studi accademici, le organizzazioni iniziano ad imboccare una via proattiva, riconoscendo il loro ruolo e le loro responsabilità nei confronti della società dalla

12 6 quale traggono profitto. Alla fine degli anni 90 si moltiplicano i codici etici e vengono attivate molte politiche di responsabilità sociale non solo nelle imprese statunitensi, ma anche in quelle europee, che si distinguono dal modello anglosassone, sviluppando una diversa accezione del concetto di responsabilità sociale. Negli ultimi anni le riflessioni sulla CSR convergono nel considerarla un orientamento strategico di fondo, nel quale si riscontrano in particolare tre elementi: la consapevolezza che i comportamenti responsabili assumano importanza strategica poiché contribuiscono significativamente a consolidare la legittimazione aziendale; il concetto di sostenibilità come creazione di valore nel lungo e lunghissimo periodo che considera stakeholder anche le generazioni future, ed infine l importanza della rendicontazione e della comunicazione delle performance, in un ottica di trasparenza Caratteristiche La CSR è un fenomeno molto complesso e frastagliato, che nelle sue declinazioni operative comporta cambiamenti significativi all interno dell organizzazione. Spesso però il termine è usato per definire esclusivamente una strategia di comunicazione orientata al sociale, oppure al suo interno confluiscono pratiche come la filantropia. Pertanto, una precisazione sulle sue peculiarità è necessaria. La responsabilità sociale delle imprese è ben lungi dall essere solo un elemento della comunicazione aziendale composto da una serie di strumenti ad hoc e non é tantomeno una nuova teoria di marketing: puntare solo sulla comunicazione e l immagine potrebbe far raggiungere risultati nel breve periodo, ma questa declinazione risulta molto limitata e non intacca la sostanza dell organizzazione, che è invece chiamata a fare le cose che ha sempre fatto in modo diverso 6. Innanzitutto, il concetto di CSR si lega in maniera logica a quello di sviluppo sostenibile, ovvero una nuova forma di sviluppo economico, che ingloba 5 V. Fazio, C. Luison, op. cit, pag 20; 6 K. Annan, Segretario Generale delle Nazioni Unite, durante la Conferenza del Global Compact dell ONU, 2000;

13 7 all interno del calcolo del vantaggio economico derivato da una attività economica anche la dimensione ambientale e sociale. L impresa non può perseguire i suoi obiettivi senza tener conto dell impatto che produce all esterno, per sopravvivere e continuare a crescere è necessario considerare anche queste nuove istanze, in un ottica di equità, responsabilità ed integrazione. Ciò che cambia quindi non è solo il modo di operare, bensì si comprende che le condizioni stesse attraverso le quali si opera e si ottiene successo sono diverse, perché è necessaria una prospettiva di lungo periodo, una maggiore attenzione alla qualità della vita, un approccio preventivo, coerenza nelle politiche, sensibilizzazione e consapevolezza, oltre a partnership e coinvolgimento. In quest ottica la CSR si presenta come una via allo sviluppo sostenibile. Secondariamente, sostenibilità e CSR sono strettamente correlate al concetto di etica, in particolare riguardo ai mezzi che un attività economica mette in azione per realizzare un determinato fine, individuabile in ultima istanza nel maggior profitto possibile. L'economia cerca di ottenere i suoi fini col minor costo possibile, in una prospettiva di efficienza. Di fatto questa efficienza ha delle implicazioni in termini di etica e di comportamenti che un impresa può adottare per realizzare il suo scopo. Tali comportamenti rientrano anche nelle sfere del diritto e della morale, complicando un quadro che oggi è ampiamente dibattuto e costantemente smontato ed analizzato da diversi soggetti, che si interrogano sulla reale importanza che può assumere la CSR come variabile di efficienza organizzativa. Gianpaolo Azzoni sintetizza le relazioni fra queste sfere rifacendosi alla distinzione hegeliana fra le tre componenti della normatività: moralità, diritto ed eticità. Se la morale ha come contenuto i valori personali che ci detta la nostra coscienza individuale, ovvero ciò che ciascuno di noi reputa in cuor suo giusto o sbagliato, il diritto invece è costituito da quelle norme che lo Stato sanziona con i propri tribunali e con la propria forza esecutiva. Intermedia tra la moralità ed il diritto si pone l eticità, dove i diritti/doveri non sono né liberamente scelti (come nella moralità), né imposti da un soggetto titolare dell esercizio legittimo della forza (come nel diritto): nell eticità i diritti/doveri sono condivisi in una

14 8 relazione intersoggettiva che si sviluppa entro uno stare-insieme relativamente stabile 7. Quindi un comportamento etico è l esito di un incontro tra organizzazione e stakeholders che scaturisce da un processo eminentemente comunicazionale ed esistenziale e che trova il suo motivo di esistenza dalla rilevanza e natura delle azioni compiute dall azienda. L eticità si configura essenzialmente come una pratica inclusiva. In questo senso una azienda etica è una organizzazione che ricerca la sua licenza di operare anche nel confronto con gli stakeholders e, in tale confronto, si impegna a comportamenti cui non sarebbe tenuta secondo il diritto vigente. In un secondo momento bisogna tenere presente che i requisiti richiesti per essere un azienda etica possono variare a seconda che ci si collochi nel modello anglosassone oppure nel modello della cittadinanza sociale diffuso nell Europa continentale 8. Il primo riduce i requisiti di eticità di un impresa al rispetto delle leggi e dei contratti. In questo contesto la CSR si esaurisce quasi totalmente nella definizione e nel rispetto della corporate governance, cioè di quell insieme di regole, istituzioni e pratiche finalizzate a proteggere gli investitori esterni da comportamenti opportunistici di imprenditori e manager, avvicinandosi di più al concetto di business ethic. Il modello anglosassone valorizza quindi il diritto, ma anche la moralità, cioè quegli atti che scaturiscono dalla coscienza individuale dei manager. Nel modello della cittadinanza sociale dell impresa, l azienda acquisisce la propria licenza di operare solo se attua comportamenti strettamente etici, cioè che tengano conto anche degli stakeholders, e non solo degli shareholders, in un costante processo dialogico. Oggi il modello della cittadinanza sociale guadagna consenso a livello mondiale anche in quei paesi anglosassoni tradizionalmente da esso distanti, perché è particolarmente adeguato alla attuale congiuntura economica, politica e valoriale. Tale successo sancisce la diffusione di strategie di CSR sempre più profonde e strutturali, che delineano politiche aziendali con precisi elementi che possono essere riassunti in: 7 G.Azzoni, L Azienda etica, saggio presentato al convegno: Responsabilità sociale dell impresa e diritto del lavoro, all interno di un incontro di Diritto del lavoro, Pavia 17 maggio 2004; 8 G. Azzoni, op. cit, pag 7;

15 9 Volontarietà: l azienda sceglie liberamente di attuare comportamenti socialmente responsabili che vanno oltre agli obblighi della legge in maniera consapevole. Sistematicità: l organizzazione decide di impegnarsi in maniera costante e nel lungo periodo, al fine di raggiungere degli obiettivi precisi. Globalità: la CSR influenza in modo significativo tutti gli aspetti dell organizzazione, incidendo sui processi gestionali, relazionali ed operativi. Accountability: l azienda si impegna nell esercizio di un valido reporting che espliciti ed evidenzi attraverso parametri di tipo numerico i risultati dell attività di CSR Politiche di CSR Le istituzioni si sono occupate di CSR a partire dalla seconda metà degli anni 80, quando iniziò a prendere piede e consapevolezza il problema ambientale globale e si rendeva necessaria una riflessione sul ruolo e le imputabilità da assegnare ad imprese ed economia in campo ambientale e più in generale, sociale. Dapprima a livello internazionale e successivamente a livello europeo, la CSR diviene una pratica strategica sostenuta. Nel 1987 il Rapporto Bruntland elabora il concetto di sviluppo sostenibile, in cui viene sancito per la prima volta l impegno per il perseguimento di uno sviluppo che non comprometta le generazioni future. Nel 1999 l OCSE pubblica le Linee Guida sulla governance e la Convenzione contro il fenomeno della corruzione, a cui fanno seguito nel 2000 le Linee guida per le multinazionali, che disciplinano questioni relative ai rapporti di lavoro, concorrenza, fiscalità e corruzione. L Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) nel 1999 pubblica la Tripartite Declaration of Principles concerning Multinational Enterprises and Social Policy, che stabilisce una serie di principi di condotta etica per le aziende che operano in un contesto globale. Sempre nel 1999 nasce poi il Dow Jones Sustainability Index che riflette le componenti fondamentali del concetto di sostenibilità. Questo indice infatti è il

16 10 primo a livello mondiale che, per valutare il valore di imprese quotate, prende in considerazione anche le performance di sostenibilità dell organizzazione stessa. L iniziativa più importante si realizza nel 2000, quando per volontà del Segretario Generale Kofi Annan, il Global Compact dell ONU emana un documento contenente nove principi per le imprese multinazionali che prevede, tra le altre, disposizioni relative ai diritti dell uomo, del lavoro e della tutela all ambiente. A livello europeo il dibattito sulla CSR è più recente e il primo documento è datato Un gruppo di aziende firma il Manifesto delle imprese contro l esclusione sociale su sollecitazione dell allora Presidente della Commissione Europea Jaques Delors. Una tappa fondamentale è il summit di Lisbona del In questa occasione i Capi di Stato e di Governo europeo si impegnano nel fare dell Europa l area economica basata sulla conoscenza più dinamica e competitiva del mondo, capace di una crescita economica sostenibile, con maggiori opportunità di lavoro ed più forte coesione sociale. Nel documento prodotto si fa appello alla Responsabilità Sociale delle Imprese grandi e piccole come un necessario nuovo modo di operare per raggiungere gli obiettivi previsti. Sull onda di Agenda 21, nel luglio dell anno seguente la Commissione Europea pubblica il Libro Verde intitolato Promuovere un quadro europeo per la Responsabilità sociale delle imprese. Il documento rappresenta uno dei punti cardine della strategia e del pensiero riguardante la CSR in Europa. Il Libro Verde definisce la CSR come l integrazione su base volontaria, da parte delle imprese, delle preoccupazioni sociali ed ecologiche nelle loro operazioni commerciali e nei rapporti con le parti interessate. Essere socialmente responsabili significa non solo soddisfare pienamente gli obblighi giuridici applicabili, ma anche andare al di là investendo di più nel capitale umano, nell ambiente e nei rapporti con le altre parti interessate. L esperienza acquisita con gli investimenti in tecnologie e prassi commerciali ecologicamente responsabili suggerisce che, andando oltre gli obblighi previsti dalla legislazione, le imprese potevano aumentare la propria competitività. L applicazione di norme sociali che superano gli obblighi giuridici fondamentali, ad esempio nel settore della formazione, delle condizioni di lavoro o dei rapporti tra la direzione e il personale, può avere dal canto suo un impatto diretto sulla produttività. Si apre in tal modo una strada che consente di gestire il cambiamento e di conciliare lo sviluppo sociale e una maggiore competitività 9. 9 COM(2001)366 definitivo, pag 7;

17 11 Il Libro Verde si sofferma ad analizzare molteplici aspetti e sfumature che può assumere la CSR, distinguendo fra dimensione interna ed esterna all impresa. Di quella interna, le prassi socialmente responsabili posso rivolgersi alla gestione delle risorse umane (1); alla salute e sicurezza nel lavoro (2); alla capacità e soluzioni di adattamento alle trasformazioni (3) ed infine alla gestione degli effetti sull ambiente e delle risorse naturali(4). Per quanto concerne la dimensione esterna invece, il Libro sostiene che la responsabilità sociale delle imprese si estende alle comunità locali (1), ai partners commerciali, fornitori e consumatori (2), ai diritti dell uomo (4) ed alle preoccupazioni ambientali a livello planetario(5). Il Libro si guarda bene dal considerare la CSR una pura operazione di facciata, stabilendo il principio e la necessità di una gestione olistica della strategia della CSR, che modifica e si innerva in tutte le funzioni aziendali. Successivamente vengono anche esposte le posizioni della UE nei confronti di diversi strumenti della CSR, come le relazioni e audit sulla responsabilità sociale, le etichette sociali ed ecologiche e gli investimenti socialmente responsabili. Infine, la UE enuncia una serie di questioni cruciali e nodi da sciogliere negli anni venturi, precisando per ciascuno il suo ruolo e quello degli altri attori. In particolare il Libro Verde riconosce il suo impegno nel promuovere lo sviluppo della responsabilità sociale delle imprese a livello europeo e internazionale, completando le attività socialmente responsabili esistenti e apportando un valore aggiunto. Al Libro Verde segue nel 2002 la Comunicazione Responsabilità Sociale: un contributo delle imprese allo sviluppo sostenibile, che indica la strategia europea per promuovere la pratica della CSR nelle imprese. Partendo da una serie di principi, la UE si impegna a sviluppare una strategia di diffusione della CSR in diversi aspetti: Fornire maggiori informazioni riguardo gli effetti positivi della responsabilità sociale; Rafforzare lo scambio di esperienze e di buone pratiche; Promuovere lo sviluppo e la capacità di gestione della CSR; Incoraggiare la CSR nelle PMI; Facilitare la convergenza e la trasparenza delle pratiche e degli strumenti;

18 12 Organizzare L European Multistakeholder Forum sulla CSR 10 ; Integrare la CSR nelle politiche comunitarie; L attuazione dei principi e delle strategie del Libro Verde e della Comunicazione ha dato avvio ad una serie di progetti i cui effetti impattano a livello nazionale sulla promozione e lo sviluppo della CSR. In Italia il discorso dell impegno sociale dell impresa era cosa già nota sin dalle prime fasi dell industrializzazione 11 ma è dalla fine degli anni 90 che il dibattito sulla CSR diventa più corposo ed il mercato inizia ad aprirsi a questa nuova concezione dell agire e del fare impresa. Sulla spinta propulsiva delle dichiarazioni internazionali ed europee, i ministeri italiani si sono mossi in più direzioni. Il Ministero degli Affari Esteri ha dato sostegno concreto al Global Compact attraverso il finanziamento del progetto Sviluppo Sostenibile attraverso il Global Compact. Il Ministero delle Attività Produttive si è mobilitato operativamente per la diffusione delle Linee Guida dell OCSE e a sostegno della diffusione della CSR soprattutto nelle piccole e medie imprese. Ma il progetto e le azioni più importanti, che rappresentano il contributo italiano alla diffusione e al dibattito sulla CSR secondo quanto stabilito dal Libro Verde e dalla Comunicazione UE, sono stati orchestrati dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, attraverso due programmi collegati fra loro: il progetto CSR-SC ovvero Corporate Social Responsability - Social Commitment ed il Forum Italiano Multi-Stakeholder per la Corporate Social Responsibility (CSR Forum). Il primo progetto si prefigge di diffondere la cultura della CSR e lo scambio di buone pratiche, di fornire garanzie al cittadino in merito all effettivo impegno sociale comunicato dalle imprese, di realizzare un set di indicatori standard semplice e modulare che le imprese possano adottare su base volontaria per valutare la propria performance in ambito CSR, di supportare le piccole e medie imprese (PMI) nello sviluppo delle politiche e strategie di CSR nonché di favorire lo scambio di esperienze tra i vari Paesi al fine di identificare e recepire le migliori pratiche a livello internazionale. Tutto questo è sfociato in una serie di 10 Nato nel 2003, il Forum Europeo sulla CSR è un gruppo di discussione ed orientamento che riunisce 40 organizzazioni rappresentative dei datori di lavoro, sindacati, consumatori, società civile, associazioni professionali e d impresa, che si riunisce ogni anno con lo scopo di identificare azioni per lo sviluppo della responsabilità sociale in Europa. 11 Un esempio per tutti è Adriano Olivetti.

19 13 importanti iniziative, fra le quali, le più meritevoli di attenzione 12 sono l organizzazione della Terza Conferenza Europea sulla CSR nel novembre del 2003 a Venezia e l ideazione dello strumento denominato Social Statement. Quest ultimo in particolare nasce come un supporto alle organizzazioni che vogliono implementare politiche di CSR e, successivamente, comunicarle ai propri stakeholder. Si compone di una Scheda anagrafica e da un Set di Indicatori. Questo strumento, pensato e poi adattato in maniera particolare per le piccole e medie imprese, si pone l obiettivo di guidare le organizzazioni verso politiche di responsabilità sociale che non comportino carichi aggiuntivi di costi ed in grado così di creare maggiore consapevolezza e pratica. Nel maggio del 2004 prende avvio anche il Forum Italiano Multi-Stakeholder, che ha coinvolto una cinquantina di organizzazioni a rappresentanza diffusa a discutere i principali aspetti della responsabilità sociale delle imprese in quattro tavoli tecnici 13. Tra i vari argomenti, quello che ha avuto maggiore importanza è senza dubbio quello relativo alla diffusione della CSR nelle piccole e medie imprese. Gli effetti delle politiche ministeriali e del Forum sono stati molto ampi e di lunga durata, contribuendo in maniera sostanziale all avvio di un serio dibattito nella comunità economico-giuridica. Negli ultimi anni in Italia, accanto ad organizzazioni storiche si sono moltiplicati gli studi, la letteratura, i dibattiti, le conferenze e le organizzazioni del Terzo Settore che si occupano di educazione e diffusione della CSR e della cittadinanza d impresa. L 8 marzo 2004 è stata presentata in Parlamento dal Deputato Realacci la Proposta di Legge: Disposizioni per la promozione e lo sviluppo della responsabilità sociale delle imprese. La bozza prevede l istituzione dell'autorità per la responsabilità sociale delle imprese, con vari compiti, in particolare di definizione di indicatori di tipo quantitativo e qualitativo per la classificazione dei comportamenti socialmente responsabili e la predisposizione di strumenti, per accertare l'impatto sociale e ambientale delle imprese su tutta la filiera produttiva nonchè per valutare i risultati delle iniziative socialmente responsabili 12 Altre importanti iniziative sono: la realizzazione del CD-Rom: La Responsabilità Sociale delle Imprese: Il contributo italiano alla campagna di diffusione della Csr in Europa, numerosi convegni e congressi come a Monza il 7 maggio 2006 e Roma il 29 aprile Tutte le iniziative e gli atti ufficiali si possono scaricare dal sito: 13 I tavoli rispettivamente erano: TT01-Diffondere la cultura della CSR e facilitare lo scambio di best practices; TT02- Diffondere la CSR nelle PMI; TT03-Promuovere la trasparenza e la convergenza delle pratiche e degli strumenti di CSR (Set di Indicatori); TT04-CSR e sviluppo sostenibile;

20 14 dalle stesse messe in atto. La Proposta prevede l istituzione di altri due organi di supporto all Authority: un Forum di venticinque esperti con compiti consultivi e l'osservatorio nazionale sul dumping sociale. Le imprese riconosciute come socialmente responsabili godranno di agevolazioni fiscali per la realizzazione di progetti. La CSR non è più solo una moda da ormai molto tempo e assume sempre di più i tratti di un fenomeno da prendere in seria considerazione, sia nel caso si decida che esso sia in grado davvero di creare valore e reputazione, sia lo si consideri meramente una declinazione del marketing.

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale ETICA E IMPRESA Concetta Carnevale Università della Calabria 1 Il concetto di etica Cosa è A quale concetto ci rifacciamo Quale legame esiste tra etica e impresa 2 Etica e sviluppo sostenibile L esigenza

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa

Responsabilità Sociale d Impresa Responsabilità Sociale d Impresa Sessione Formativa Modulo 1 1 CSR La competitività dell impresa è molto condizionata dalla capacità di dare al mercato un immagine di eccellenza. Un buon esempio di comunicazione

Dettagli

Dalla CSR al Social Commitment

Dalla CSR al Social Commitment Dalla CSR al Social Commitment il progetto del Governo Italiano per il semestre di Presidenza dell UEd 1 Definizione di CSR Il Libro Verde della Commissione Europea (luglio 2001) definisce la CSR come

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/10/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Etica e PMI le PMI quale efficace vettore di sviluppo sostenibile

Etica e PMI le PMI quale efficace vettore di sviluppo sostenibile INIZIATIVA COMUNITARIA EQUAL TEMA E, MISURA 3.1 Etica e PMI le PMI quale efficace vettore di sviluppo sostenibile LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE PMI Il CONTESTO Secondo il Rapporto Bruntland, preparato

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

TE SOCIAL CORPORA RESPONSIBILITY TE SOCIAL

TE SOCIAL CORPORA RESPONSIBILITY TE SOCIAL LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY COME STRUMENTO DI PREMIALITA PER LE IMPRESE Filippo Amadei Centro Studi BilanciaRSI Ricerca consulenza e formazione per la sostenibilità aziendale 16 aprile 2013 Dalla

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE.

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE. ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea specialistica in: Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Corporate Governance

Corporate Governance Corporate Governance Responsabilità sociale delle imprese: un contributo delle imprese allo sviluppo sostenibile (COM(2002) 347) LIBRO VERDE Promuovere un quadro europeo per la responsabilità sociale delle

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Corporate Social Responsibility

Corporate Social Responsibility Corporate Social Responsibility Prof. Gianluca Colombo Professore Ordinario di Economia aziendale, all Università Svizzera Italiana e all Università degli Studi dell Insubria. MBCF. Il panorama delle imprese

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa (CSR)

Responsabilità Sociale d Impresa (CSR) Responsabilità Sociale d Impresa (CSR) Elenco Imprese Socialmente Responsabili, Informazione e Assistenza, Bilancio Sociale e di Sostenibilità, Formazione, Kit Digitale CSR, Ambiente imprenditori, liberi

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Al servizio di gente unica Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Dati aggiornati al 30/07/2012 Premessa La Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo, Servizio Politiche Industriali Misura 2.1 - Azione C del Programma Triennale per lo sviluppo delle attività produttive industriali

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Sergio Paci Dipartimento di Finanza Responsabile Divisione Pensions and Insurance Carefin Roma, 4 novembre 2014 Assicurazione, sostenibilità

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO

STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO Avviso 26 del 4 marzo 2015 Piani formativi aziendali concordati Standard - Fondo di Rotazione SCHEDA DI PRE ADESIONE entro il 13 maggio 2015 STRUMENTI DI WELFARE COOPERATIVO PREMESSA Venerdì 30 Gennaio

Dettagli

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 POLITICA PER LA QUALITÀ E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REV. 4 Indice 1. Premessa... 1 2. Politica per la Qualità... 1 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 1. Premessa Il presente documento esplicita

Dettagli

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale Università degli Studi dell'insubria Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito

Servizi di - Informazione e orientamento. sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese. - Formazione - Credito 2009 per immigrati di Milano e provincia Servizi di - Informazione e orientamento sul mettersi in proprio e sullo sviluppo delle imprese - Formazione - Credito ASIIM - Associazione per lo Sviluppo dell

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO GLI OBIETTIVI LE INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SONO INTRINSECHE ALLA MISSION DI GI GROUP E AL LAVORO SVOLTO QUOTIDIANAMENTE DALLE PERSONE CHE OPERANO ALL INTERNO DEL GRUPPO. 90 Le iniziative di

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Sviluppare la Responsabilità Sociale nelle PMI: l esperienza della Camera di Commercio di Milano. Parabiago, 18 marzo 2005

Sviluppare la Responsabilità Sociale nelle PMI: l esperienza della Camera di Commercio di Milano. Parabiago, 18 marzo 2005 Sviluppare la Responsabilità Sociale nelle PMI: l esperienza della Camera di Commercio di Milano Parabiago, 18 marzo 2005 1 IL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE (dal Libro Verde della Commissione

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo Carta dei Valori agriturismo Corte San Girolamo LA MISSION PRODUCIAMO VALORE ATTRAVERSO I VALORI L Agriturismo Corte San Girolamo, gestito con familiarità e cortesia, desidera offrirvi un soggiorno di

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY

LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY LE BUONE PRASSI LOMBARDE IN RETE LE NUOVE SFIDE DELLA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Carmen Ragno Sportello CSR Camera di Commercio di Milano - Formaper La NUOVA DEFINIZIONE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Lo stato della CSR in Europa e in Italia. Le iniziative della Fondazione I-CSR

Lo stato della CSR in Europa e in Italia. Le iniziative della Fondazione I-CSR Fondazione per la Diffusione della Responsabilità Sociale delle Imprese Lo stato della CSR in Europa e in Italia Le iniziative della Fondazione I-CSR Venezia, 29 gennaio 2010 Luciano Polazzo luciano.polazzo@i-csr.it

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Responsabilità e competitività

Responsabilità e competitività Investire nella finanza sostenibile e responsabile Responsabilità e competitività R e l a t o r e : Irene Bengo P o s t D o c P o l i t e c n i c o d i M i l a n o Sommario: Responsabilità Sociale d'impresa

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Relatore: Diego Bevilacqua Centro di Sviluppo Politico e Sociale 1. Fund raising: una definizione Il fund rainsing

Dettagli

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Lo sviluppo delle reti d'impresa nel settore turistico Gualtiero Milana Region Centro EVOLUZIONE DEI MERCATI La crisi dalla quale stiamo faticosamente uscendo

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli