Regolamento per l allacciamento alla rete, l utilizzo della rete e la fornitura di energia (approvato dalla Giunta comunale il 2 novembre 2010)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento per l allacciamento alla rete, l utilizzo della rete e la fornitura di energia (approvato dalla Giunta comunale il 2 novembre 2010)"

Transcript

1 Regolamento per l allacciamento alla rete, l utilizzo della rete e la fornitura di energia (approvato dalla Giunta comunale il 2 novembre 2010) Principi fondamentali 1.1 Basi generali L IECP, di seguito denominata gestore di rete, nell ambito del presente regolamento rappresenta tutti gli interessi del Comune di Poschiavo ed è responsabile dell intera distribuzione di energia, comprese la predisposizione delle infrastrutture necessarie (rete) e la fornitura dell energia. Fino all anno 2020, la zona di Miralago viene rifornita direttamente da Repower SA e non è, quindi, soggetta al presente regolamento. L IECP può delegare i propri compiti a terzi nella misura prevista dalla legge. 1.2 Basi legali e documenti di settore Le basi legali e i documenti di settore in vigore per l utilizzo della rete di distribuzione e il ricorso alle relative prestazioni di servizio sono i seguenti: a) le basi legali, ovvero la Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEI) federale e cantonale, la Legge sugl impianti elettrici con le relative ordinanze d esecuzione; b) le norme e le raccomandazioni di volta in volta applicabili delle associazioni professionali riconosciute, svizzere ed internazionali; in particolare il modello di mercato per l energia elettrica Svizzera e di conseguenza: le disposizioni tecniche per l allacciamento, l esercizio e l utilizzo (Distribution Code); le disposizioni tecniche per la misurazione e l elaborazione dei dati di misurazione (Metering Code); le disposizioni per l utilizzo della rete di distribuzione (modello di utilizzo della rete per la rete di distribuzione svizzera); c) i regolamenti aziendali dell IECP che si basano sulle prescrizioni per le aziende elettriche: condizioni tecniche dei gestori di reti di distribuzione per l allacciamento alla rete a bassa tensione (raccomandazioni del gruppo di lavoro per le prescrizioni della Svizzera tedesca dell AES, ultima edizione).

2 1.3 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina l allacciamento degl utenti alla rete di distribuzione nonché l utilizzo della rete e la fornitura di energia elettrica dalla rete di distribuzione nell ambito di responsabilità dell IECP. In determinate circostanze si possono stipulare accordi particolari riguardanti le condizioni di utilizzo della rete e di fornitura dell energia. Per esempio nel caso di: utilizzo della rete o fornitura di energia a clienti con contratto individuale; con clienti aventi un allacciamento alla rete ad un livello di tensione più alto; con allacciamento alla rete e fornitura di energia temporanei (cantieri, mostre, festeggiamenti, ecc.); in caso di messa a disposizione e fornitura di energia sostitutiva o integrativa; con clienti che possiedono impianti di produzione propria ecc. In questi casi eccezionali, il presente regolamento e le relative tariffe sono validi soltanto qualora non vengano fissate o concordate condizioni diverse. Ogni cliente ha diritto, su richiesta, alla consegna di una copia del presente regolamento nonché delle tariffe che gl interessano. Inoltre, questi documenti possono essere presi in visione e scaricati dalla homepage del gestore della rete all indirizzo Rimangono riservate le disposizioni imperative federali e cantonali. Il presente regolamento riguarda tutti gli utenti della rete attuali e nuovi nonché chi ritira energia dalla rete dell IECP. 1.4 Definizioni Per abbonato al servizio d allacciamento alla rete s intende: il proprietario d immobili che richiede, ottiene o ha un allacciamento fisico alla rete di distribuzione del gestore di rete. Per cliente s intende: a) in caso di allacciamenti d installazioni elettriche alla rete di distribuzione: il proprietario dell impianto che dev essere allacciato; b) in caso di diritto di superficie o di proprietà per piani: il titolare del diritto di superficie oppure di proprietà per piani; c) in caso di utilizzo della rete e di fornitura di energia: di norma il proprietario; d) in caso di locazione o affitto: il locatario oppure l affittuario di terreni, edifici, spazi adibiti ad attività artigianali o commerciali e abitazioni con impianti a bassa tensione. Negli immobili con frequenti cambi di utenze (p. es. utenti stagionali), il gestore di rete può attribuire la fatturazione dell utilizzo della rete e della fornitura di energia al proprietario oppure all amministratore dell immobile.

3 Il rapporto giuridico è di diritto pubblico. 1.5 Rapporti giuridici Natura giuridica Origine del rapporto giuridico La conferma scritta dell offerta di allacciamento del gestore di rete costituisce la base del rapporto giuridico. Esso ha inizio al più presto con la realizzazione dell allacciamento elettrico, quando la conferma d ordine è stata firmata ai sensi di legge dal committente o da un suo rappresentante, quando l avviso d installazione si trova presso il gestore di rete e quando le eventuali procedure di autorizzazione per l allacciamento prescritte dalle autorità sono state completate. Su richiesta del gestore di rete, per la stesura dell offerta devono essere inoltrati l avviso d installazione oppure il modulo Domanda per allacciamenti domestici. Con la realizzazione dell allacciamento alla rete, o al più tardi con l utilizzo di tale allacciamento, ha inizio il rapporto giuridico tra il Comune, rispettivamente il gestore di rete e l abbonato, utente della rete o cliente Conclusione del rapporto giuridico Cambio di proprietà o di affitto In caso di cambio di proprietà oppure cambio di affitto, anche il rapporto giuridico in corso subisce delle variazioni. Il cliente, il locatore o il proprietario deve comunicare al gestore di rete il nuovo indirizzo e i dati del nuovo locatario/proprietario almeno entro 5 giorni lavorativi prima del cambiamento. Il gestore di rete si riserva il diritto di fatturare ulteriori spese (p.es. supplemento per l urgenza). Il cliente è tenuto al pagamento dell utilizzo della rete e dell energia ritirata, nonché degli eventuali oneri di servizio e delle tasse fino al termine del contratto. In seguito, il rapporto giuridico viene trasferito al locatario successivo o al nuovo proprietario, oppure, nel caso in cui l abitazione rimanga vuota o gl impianti restino inutilizzati, al proprietario del rispettivo immobile Cambio del fornitore di energia Le norme giuridiche consentono di cambiare il fornitore di energia. La comunicazione del cambio di fornitore di energia deve avvenire per iscritto. Dal momento in cui avviene il cambio di fornitore, il cliente rinuncia alle condizioni sull'approvvigionamento di base ai sensi della LAEI e ai prezzi dell'energia per l'approvvigionamento di base riportati nell'allegato. L'utente finale provvede, in tal caso, alla copertura del proprio fabbisogno con un contratto di fornitura di energia legalmente valido.

4 Qualora l'utente finale utilizzi la rete del gestore di rete, senza che il suo fabbisogno sia assicurato da un contratto di fornitura di energia, si instaura automaticamente un contratto di fornitura di energia con il gestore di rete oppure con il fornitore indicato dal gestore di rete. I prezzi dell'energia si orientano, in tal caso, secondo i prezzi liberi di mercato del gestore di rete o del fornitore indicato dal gestore di rete. Il fornitore può addebitare all'utente finale tutte le spese relative a tale fornitura di energia. Per quanto concerne l'utilizzo della rete, il cliente rimane parte contraente del gestore di rete anche dopo il cambio del fornitore di energia. Il gestore di rete può trasferire la fatturazione dell indennizzo per l'utilizzo della rete al nuovo fornitore di energia. Il gestore di rete, in questo caso, fattura al fornitore di energia l indennizzo per l'utilizzo della rete. Il cliente rimane debitore nei confronti del gestore di rete per quanto riguarda l indennizzo per l'utilizzo della rete, in particolare quando il fornitore di energia non è in grado di pagare oppure dopo un secondo sollecito di pagamento inviato senza successo al fornitore Cessazione dell utilizzo della rete / Piombatura Il cliente può decidere di sospendere, temporaneamente o definitivamente, l'utilizzo della rete dal suo punto di consegna, osservando un termine di preavviso di un mese. In tal caso, il punto di consegna viene piombato e si procede allo smontaggio del contatore. Il cliente è tenuto al pagamento dell'utilizzo della rete e dell'energia ritirata, nonché degli eventuali oneri di servizio e delle tasse, fino al termine del contratto. Trascorso il termine di preavviso, non sarà più possibile ritirare energia elettrica dal punto di consegna del cliente, a cui non potranno più essere attribuiti i costi di utilizzo della rete o di fornitura di energia. Da quel momento in poi, per il mantenimento dell'allacciamento e della messa a disposizione della potenza contemplata dal contributo per l allacciamento alla rete, verrà fatturata la tariffa di base Mancato utilizzo Il mancato utilizzo temporaneo di apparecchiature elettriche oppure di parti di impianti non esonera dal pagamento delle tariffe per l'utilizzo della rete, la fornitura di energia e le tasse. 1.6 Rapporti di proprietà Il gestore di rete è proprietario dell'allacciamento alla rete, comprese le attrezzature ausiliari fino al punto di confine (morsetti di allacciamento dell'interruttore di sovracorrente). La cassetta di allacciamento per uso domestico è di proprietà dell'abbonato. La presa a carico delle spese di realizzazione e rinnovo si regola indipendentemente dal rapporto di proprietà, secondo il principio di causalità ed è descritta in appendice.

5 La responsabilità civile e l'obbligo di manutenzione si conformano alle direttive dell'associazione delle aziende elettriche svizzere (AES). In base a queste, l'abbonato è in linea di principio responsabile delle predisposizioni edili dell allacciamento sulla propria parcella, al massimo comunque fino al punto di allacciamento. Fuori dalla zona edificabile, in linea di principio, la responsabilità dell'abbonato relativa alle predisposizioni edili si estende, a prescindere dai confini delle parcelle, dal punto di confine al punto di allacciamento alla rete; al massimo comunque fino a una parcella altrui all'interno della zona edificabile. In caso di allacciamenti di impianti di produzione propria e di stati particolari della rete nel settore artigianale e industriale, i rapporti di proprietà vengono regolati mediante contratti di allacciamento alla rete separati. 2 Obblighi del gestore di rete e dell abbonato Il gestore di rete si assume, su incarico della mano pubblica, il dovere di garantire un approvvigionamento di elettricità sicuro nel comprensorio assegnatogli. Al fine di adempire tale dovere, il gestore di rete chiede all'abbonato di ottemperare alle seguenti richieste. 2.1 Obbligo di annuncio Nei casi seguenti, l'abbonato al servizio di allacciamento alla rete è obbligato a informare il gestore di rete in anticipo: a) in caso di nuovo allacciamento di un immobile; b) in caso di cambiamento o ampliamento di un allacciamento esistente; c) in caso di aumento della potenza prelevabile oppure della corrente nominale iniziale; d) in caso di allacciamento di dispositivi che necessitano un autorizzazione e di consumatori di elettricità, in particolare impianti che causano cali di tensione oppure ripercussioni sulla rete; e) in caso di esercizio in parallelo di impianti di produzione di energia elettrica con la rete di distribuzione; f) in caso di ritiro di energia elettrica per scopi temporanei (cantieri, mostre, feste, ecc.). La richiesta deve essere inoltrata mediante un avviso di installazione completo, come da allegato. A tale richiesta devono essere allegati tutti i progetti, le descrizioni e i documenti necessari alla sua valutazione, in particolare i dati sull'utilizzo dell'energia e un calcolo del fabbisogno da parte di un esperto in materia. In caso di riscaldamento di locali, vanno allegate anche informazioni dettagliate sugli apparecchi di riscaldamento previsti e sulle eventuali norme cantonali.

6 L'abbonato o il suo installatore o il fornitore di apparecchiature deve, inoltre, informarsi per tempo presso il gestore di rete riguardo alle possibilità di allacciamento (la potenza degl impianti di distribuzione, il mantenimento della tensione, la necessità di rinforzare gl impianti ecc.). Ulteriori dettagli sono regolati nell'ordinanza sugl impianti a bassa tensione (OIBT), nelle prescrizioni operative per l'azienda elettrica e in altre disposizioni del gestore di rete. La rete di distribuzione è fondamentalmente riservata alla trasmissione di dati e segnali del gestore di rete. Le eccezioni richiedono l'autorizzazione del gestore di rete e sono soggette a indennizzo. Le installazioni e i consumatori di elettricità vengono autorizzati e allacciati soltanto se: a) sono conformi alle prescrizioni e alle disposizioni esecutive federali e cantonali, alle normative tecniche riconosciute e alle prescrizioni del gestore di rete; b) non influiscono recando disturbo al normale esercizio delle apparecchiature elettriche di clienti confinanti, nonché sui sistemi di comando a distanza o a frequenze; c) vengono installati da ditte o persone in possesso dell autorizzazione di installazione dell'esti (Ispettorato federale degl impianti a corrente forte), qualora questo sia necessario. Il gestore di rete può fissare particolari condizioni e provvedimenti, a spese del richiedente, nei seguenti casi: a) per il dimensionamento e il comando di riscaldamenti elettrici per ambienti e altri consumatori speciali; b) quando il fattore di potenza cos phi prescritto non viene rispettato; c) per consumatori di elettricità che causano ripercussioni sulla rete, disturbando in tal modo l'esercizio degl impianti del gestore di rete o dei suoi clienti; d) per un utilizzo razionale dell'energia elettrica; e) per l immissione in rete da impianti per la produzione di energia. A queste condizioni e provvedimenti possono essere assoggettati anche clienti e impianti preesistenti. 2.2 Diritti di passaggio Il proprietario di un fondo oppure il titolare di un diritto di superficie deve concedere o procurare gratuitamente al gestore di rete il diritto di passaggio e il relativo diritto di accesso alla linea di allacciamento (nuovo allacciamento, potenziamento e ampliamento oppure sostituzione).

7 Egli ha l'obbligo di concedere il diritto di passaggio e il relativo diritto di accesso in cambio di un indennizzo, come da allegato, anche per le linee destinate all'approvvigionamento di terzi. 2.3 Linea di alimentazione comune Il gestore di rete è autorizzato ad alimentare diversi immobili mediante un'unica linea di alimentazione in comune. Egli è inoltre autorizzato, indipendentemente dai contributi versati in precedenza, ad allacciare ulteriori fondi a una linea che attraversa un immobile senza indennizzare il proprietario del fondo. Il punto di allacciamento alla rete e, quindi, anche la responsabilità per le predisposizioni edili si spostano al nuovo punto di deviazione. 2.4 Stazioni di trasformazione e cabine di distribuzione Qualora vi sia necessità di installare una stazione di trasformazione oppure una cabina di distribuzione per fornire elettricità ad un cliente o a terzi, il cliente è tenuto a mettere a disposizione il posto necessario dietro adeguato indennizzo (vedi allegato). L'ubicazione viene determinata di comune accordo. Il gestore di rete riceve un diritto di superficie dipendente ai sensi degli articoli 675 e 779 cpv. 1 e 2 del CC, compreso il diritto di accesso con iscrizione al registro fondiario. Il gestore di rete è autorizzato a impiegare la stazione di trasformazione oppure la cabina di distribuzione per la fornitura di energia elettrica a terzi senza dover versare ulteriori indennizzi. 2.5 Numero e tipo degli allacciamenti Il gestore di rete installa e mantiene, di norma, un allacciamento per ogni edificio, proprietà per piani oppure abitazioni bifamiliari e a schiera. Il gestore di rete decide sul numero e sul tipo degli allacciamenti di diversi edifici nell'ambito dello stesso immobile. La realizzazione degli allacciamenti, a partire dalla rete di distribuzione fino e compresi gli interruttori di sovracorrente di allacciamento, può essere operata soltanto dal gestore di rete o dai suoi incaricati. Il gestore di rete determina il tipo di linea di allacciamento (linea aerea, in cavo o combinata), il tracciato e la sezione di tale linea, il tipo e il luogo di introduzione nell'edificio e l'interruttore di sovracorrente di allacciamento (senza fusibili di sicurezza), nonché gli apparecchi di misurazione e di comando. Nel fare ciò, il gestore di rete prende in considerazione, qualora possibile, gli interessi dell'abbonato. Se, su espresso desiderio del committente, si approva un determinato tipo di allacciamento che comporta al gestore di rete costi supplementari, tali costi devono essere completamente coperti dal committente. 2.6 Lavori con obbligo di notifica Qualora clienti o proprietari di edifici vogliano eseguire dei lavori nelle vicinanze di impianti elettrici, cavi o linee aeree, sono tenuti a comunicarlo anticipatamente al gestore di rete, affinché questi possa porre in atto le necessarie misure di sicurezza.

8 Lavori con obbligo di notifica sono, in particolare, la coltivazione e il taglio di alberi, lavori edili di qualsiasi tipo, il rinnovo delle facciate, il brillamento di esplosivi, i lavori di scavo, la chiusura e la copertura di linee in cavo. L'ubicazione delle linee sotterranee può essere richiesta al gestore di rete. 2.7 Ripercussioni sulla rete Al fine di evitare indebite ripercussioni sulla rete (p. es. cambiamenti di tensione, armoniche ecc.), il gestore di rete può disporre, di volta in volta, determinati provvedimenti nell'ambito di quanto prevede la legge e in conformità con lo stato della tecnica. I costi di tutti i provvedimenti sono completamente a carico del proprietario dell'impianto. 2.8 Tipologie di allacciamento Il modello di rete svizzero distingue fra le seguenti tipologie di allacciamento: a) allacciamento alla rete di distribuzione locale, livello di rete 7 (bassa tensione 230/400 V); b) allacciamento alla rete di distribuzione regionale, livello di rete 5 (media tensione 8 oppure 20 kv). La tipologia di allacciamento è definita dal punto di confine (confine di proprietà e di responsabilità dei costi). Il luogo in cui avviene la misurazione è irrilevante. Secondo le indicazioni di legge, l'abbonato ha diritto, in linea di principio, ad un allacciamento alla rete di distribuzione locale (livello di rete 7). L'allacciamento alla rete di distribuzione regionale viene valutato e deciso dal gestore di rete in base alle caratteristiche locali e tecniche del singolo caso. Sostanzialmente, un tale allacciamento è possibile soltanto nella misura in cui l'efficienza complessiva della rete non venga pregiudicata (sottoutilizzo di un'altra infrastruttura di rete già esistente o progettata). All'interno della zona edificabile vi sono, inoltre, i seguenti requisiti minimi che vanno regolati contrattualmente: Reti di distribuzione regionali (livello di rete 5) Durata minima di Potenza di utilizzo allacciamento minima 2'500 h 400 kva 2.9 Potenza prelevabile L'interruttore di sovracorrente di allacciamento delimita l'energia elettrica di allacciamento massima, secondo l'allegato, in modo corrispondente alla potenza o all'intensità ordinata di corrente elettrica prelevabile.

9 3 Contributi di allacciamento Il gestore di rete richiede un contributo per l'allacciamento alla rete allo scopo di coprire i costi dei nuovi allacciamenti in base al principio della causalità, oppure per il potenziamento, l'ampliamento, il cambiamento o la sostituzione di allacciamenti esistenti. I costi della rete di distribuzione e delle reti con tensione superiore che non vengono coperti mediante i contributi di allacciamento costituiscono parte degli indennizzi periodici per l utilizzo della rete. Il contributo di allacciamento alla rete non conferisce alcun diritto di proprietà sui relativi impianti. Non sussiste alcun diritto al rimborso parziale o totale dei contributi di allacciamento versati. I contributi di allacciamento alla rete sono a carico del proprietario dell'immobile o del titolare del diritto di superficie. 3.1 All interno della zona edificabile Nuovi allacciamenti a) Allacciamento alla rete di distribuzione locale (livello di rete 7) Il calcolo del contributo di allacciamento alla rete si effettua in ampere, in base alla dimensione dell'interruttore di sovracorrente di allacciamento. Il gestore di rete determina la sezione del cavo secondo le regole tecniche. Il contributo di allacciamento alla rete si calcola secondo quanto descritto nell'allegato corrispondente. Il contributo di allacciamento alla rete comprende i costi per la pianificazione, il progetto e i calcoli tecnici per l'allacciamento, inclusi tubo di protezione dei cavi, linea di allacciamento alla rete, terminali o manicotti di giunzione, posa, trasporto, messa in servizio e costi generali per il potenziamento della rete. Le spese descritte nel capitolo 3.5 non sono comprese nel contributo di allacciamento alla rete. Per allacciamenti speciali (maggiori di 400 A, minori di 60 A, direttamente dal trasformatore o in caso di condizioni di montaggio straordinarie), il contributo di allacciamento alla rete può essere calcolato secondo il dispendio. b) Allacciamento alla rete di distribuzione regionale o sovraregionale (livello di rete 5) I costi forfettari dei contributi di allacciamento alla rete decadono poiché tutte le spese vanno a carico dell'abbonato, partendo dal punto di allacciamento alla rete, senza tenere conto dei confini delle parcelle Cambiamento di allacciamenti esistenti a) Aumenti di potenza Qualora l'abbonato desideri un aumento della potenza prelevabile, deve pagare un contributo di allacciamento per l'aumento della corrente elettrica nominale posta alla base dell'allacciamento.

10 Tale contributo si calcola come segue: differenza del contributo di allacciamento alla rete in franchi svizzeri tra il vecchio e il nuovo valore della corrente nominale di base dell'interruttore di sovracorrente di allacciamento, come da allegato; per i clienti con un collegamento alla rete di distribuzione regionale: costi effettivi secondo il dispendio. b) Diminuzione della potenza Qualora un abbonato desideri una diminuzione della potenza prelevabile, non avrà comunque diritto al rimborso del contributo di allacciamento alla rete pagato in precedenza. 3.2 All esterno della zona edificabile Nuovi allacciamenti Per gli allacciamenti fuori dalla zona edificabile, i costi complessivi di allacciamento vengono offerti e fatturati, secondo il dispendio, in base al principio di causalità, a partire dal punto di allacciamento alla rete determinato dal gestore di rete. A questi costi si aggiungono i contributi di allacciamento alla rete come all'interno della zona edificabile, secondo quanto descritto nel relativo allegato. Il gestore di rete determina il punto di allacciamento alla rete appropriato, che presenti una potenza sufficiente al tipo di allacciamento richiesto. Restano riservate le norme giuridiche in materia di nuovi allacciamenti fuori dalla zona edificabile. Questo vale anche nei casi in cui parti dell'allacciamento debbano avvenire in media tensione per motivi tecnici. Per la stazione di trasformazione che si rende necessaria in questo caso, il gestore di rete non corrisponde alcun indennizzo di servitù o di diritto di superficie. L'abbonato deve conferire o procurare gratuitamente al gestore di rete il diritto di passaggio per l'intera linea di allacciamento, secondo il capitolo 2.2. Qualora la linea di allacciamento sia necessaria per più clienti, i costi dell'impianto utilizzato in comune si suddividono in base alle potenze degli interruttori di sovratensione di allacciamento installati nelle singole proprietà Cambiamenti negli allacciamenti esistenti a) Aumenti di potenza Qualora l'abbonato desideri un aumento della potenza prelevabile, gli vengono offerti e fatturati tutti i costi di allacciamento nuovi o aggiuntivi, secondo il dispendio, a partire dal punto di allacciamento alla rete. Per analogia si applicano le stesse disposizioni del capitolo È, inoltre, previsto il pagamento di un contributo di allacciamento alla rete per l'incremento della corrente elettrica nominale posta alla base dell'allacciamento come nella zona edificabile (capitolo 3.1.2).

11 b) Diminuzione della potenza Qualora un abbonato desideri una diminuzione della potenza prelevabile, non avrà comunque diritto al rimborso del contributo di allacciamento alla rete pagato in precedenza Indennizzo proporzionale per la realizzazione di un allacciamento Qualora i costi per la realizzazione di un allacciamento fuori dalla zona edificabile vengano sostenuti completamente da un abbonato (principio di causalità), tale abbonato può pretendere un risarcimento parziale da parte dei nuovi abbonati che vengano successivamente ad allacciarsi. L'indennizzo si calcola dal valore residuo di sostituzione delle parti di comune utilizzo (valore di costo attuale, ammortizzato linearmente su 30 anni) e della potenza proporzionale (calcolata sulla potenza abbonata). Qualora si renda necessario un aumento della potenza di allacciamento totale a causa di un ulteriore allacciamento, i costi sono a carico dell'abbonato che richiede l'aumento. Restano riservati gli accordi contrattuali tra gli abbonati riguardanti la suddivisione dei costi in relazione alla realizzazione di uno o più allacciamenti fuori dalla zona edificabile e la legislazione cantonale. 3.3 Allacciamenti senza utilizzo attivo della rete In caso di allacciamenti senza utilizzo attivo della rete, l'abbonato conserva sempre il diritto alla potenza riservata inizialmente, secondo il valore nominale dell'interruttore di sovracorrente di allacciamento, posto che egli corrisponda annualmente la tariffa di base per il mantenimento dell'allacciamento. 3.4 Allacciamenti sostitutivi a) Sostituzione di allacciamenti aerei con allacciamenti in cavo In caso di sostituzione di un allacciamento aereo con un allacciamento in cavo, il gestore di rete prende accordi in anticipo con l'abbonato per quanto riguarda la suddivisione dei costi. b) Spostamento di allacciamenti Se l'abbonato causa un cambiamento oppure lo spostamento di un allacciamento esistente in seguito a nuovi lavori di costruzione, ristrutturazioni o ampliamenti, tutti i costi che ne derivano sono a suo carico. Sono invece a carico del gestore di rete i costi degli adattamenti dei cavi o delle opere portanti per l'allacciamento di terzi dovuti ai lavori di costruzione. c) Nuovo allacciamento di un'opera di ricostruzione In caso di ricostruzione di un vecchio edificio (p. es. dopo la demolizione o un incendio) si applica la stessa tariffa di allacciamento dei nuovi allacciamenti, posto che non si possa più utilizzare l'infrastruttura di allacciamento esistente. d) Manutenzione e sostituzione di linee di allacciamento La manutenzione e la sostituzione dell'allacciamento alla rete (escluse le predisposizioni edili) sono a carico del gestore di rete, posto che non esistano regolamenti separati in materia. La manutenzione e la sostituzione delle predisposizioni edili vanno a carico del rispettivo proprietario.

12 La manutenzione e la sostituzione di allacciamenti aggiuntivi, desiderati dal cliente, vanno a carico del cliente. Le spese per le misure di sicurezza degli allacciamenti esistenti (p. es. in caso di rinnovo di facciate, riparazioni del tetto, taglio di rami o di alberi) vanno a carico del proprietario dell'immobile oppure del titolare del diritto di superficie. e) Riparazione di allacciamenti in cavo o aerei Tutti i costi per le riparazioni di allacciamenti in cavo all'interno della zona edificabile sono a carico del gestore di rete. Fuori dalla zona edificabile, tutti i costi per il rinnovo di allacciamenti specifici del cliente vanno a carico dell'abbonato, salvo norme di legge diverse e la rivalsa sugli eventuali autori del danno. 3.5 Spese separate a carico dell abbonato Oltre al contributo per l'allacciamento alla rete e ai costi secondo i capitoli 3.1 e 3.2, vanno a carico dell'abbonato: a) tutti i lavori di sottostruttura, edili e di impermeabilizzazione, le misure speciali di protezione dei cavi, le riparazioni del manto stradale, il ripristino dei danni alle colture per la linea di allacciamento interna ed esterna alla parcella fino al punto di allacciamento alla rete, come da indicazione del gestore di rete; b) la posa di dispositivi di protezione dei cavi in edifici o facciate, come da indicazione del gestore di rete; c) i lavori di scavo necessari per la liberazione e la ricopertura dei pozzetti per la posa dei cavi, comprese le riparazioni del manto stradale e il ripristino dei danni subiti dalle colture; d) la consegna e il montaggio sulla facciata di una cassetta esterna (di regola chiudibile) destinata all installazione della cassetta di allacciamento domestico e di eventuali apparecchi di misurazione e di comando, nonché la cassetta di allacciamento domestico stessa. Nella zona nucleo e in casi eccezionali, il Comune può rinunciare alla cassetta esterna qualora questa deturpi l aspetto estetico o architettonico. La cassetta esterna e la cassetta di allacciamento domestico vengono fornite dal gestore di rete; e) tutti i provvedimenti per impedire l'entrata di acqua nell'edificio attraverso la linea; f) l'adattamento delle installazioni elettriche nei vecchi edifici; g) gli eventuali indennizzi per i diritti di passaggio e le servitù a terzi e le spese per procurarseli; h) tutti i costi che subentreranno in seguito per il rinnovo e la manutenzione delle linee di allacciamento specifiche del cliente fuori dalla zona edificabile fino al punto di allacciamento alla rete.

13 3.6 Controllo e sorveglianza I valori di allacciamento (A) che costituiscono la base per il calcolo del contributo ai costi della rete vengono riportati dal gestore di rete presso l'interruttore di sovracorrente di allacciamento. Mediante misurazioni e controlli periodici, si verifica che il prelievo effettivo di potenza e i valori nominali effettivi dell'interruttore di sovracorrente di allacciamento non superino i valori di allacciamento fatturati. Se si constata che i valori nominali dell'interruttore di sovracorrente di allacciamento sono stati incrementati senza notificarlo al gestore di rete, il cliente responsabile è tenuto a rispondere dei disturbi e del danno finanziario causati al gestore di rete. I valori di allacciamento vengono nuovamente fissati e fatturati. 3.7 Allacciamenti con impianti di produzione propria I costi per l'allacciamento di impianti di produzione propria alla rete esistente del gestore di rete vengono fatturati secondo il dispendio. Il gestore di rete determina il punto di allacciamento alla rete in base alle condizioni della rete e alle regole della tecnica. Tutti i costi per il rinnovo e la manutenzione di un allacciamento a impianti di produzione propria, che a causa della maggiore potenza di tali impianti non rientrano nei costi di un allacciamento per il semplice ritiro di elettricità supportati dal gestore di rete ai sensi di questo regolamento, vengono fatturati secondo il dispendio. Ciò vale anche per i potenziamenti della rete resi necessari a causa della potenza immessa in rete, posto che questi non vengano compensati diversamente sulla base di disposizioni legali. 4 Costi di utilizzo e di mantenimento dell allacciamento I costi per l'utilizzo dell'allacciamento alla rete includono, in particolare, la messa a disposizione della potenza e le spese amministrative, come pure l'inserimento nel sistema d'informazione geografico, la responsabilità civile ecc. Tali costi, in caso di un allacciamento utilizzato, sono compresi nei prezzi per l'utilizzo della rete. In caso di disdetta del servizio di utilizzo della rete con piombatura dell'allacciamento e smontaggio del dispositivo di misurazione, per la copertura dei costi rimanenti si continua a fatturare la tariffa base annua per il mantenimento dell'allacciamento inattivo alla rete. I costi per la disattivazione e la riattivazione di un allacciamento non utilizzato (smontaggio e rimontaggio del dispositivo di misurazione ecc.) vengono fatturati secondo dispendio. Per la riattivazione dell'allacciamento bisogna seguire la stessa procedura formale di un nuovo allacciamento. In caso di riattivazione di un allacciamento non utilizzato, per la potenza iniziale non vengono riscossi i contributi ai costi di rete, ammesso che l'indennizzo per il mantenimento dell'allacciamento non utilizzato sia stato corrisposto regolarmente.

14 Ulteriori spese per misure di sicurezza su linee di allacciamento esistenti ma non utilizzate (p. es. in caso di rinnovo di facciate, riparazioni del tetto, taglio di rami o di alberi ecc.) non sono contenute nella tariffa di base e vengono fatturate all'abbonato secondo il dispendio. 5 Allacciamenti a tempo determinato Per cantieri e altri impianti temporanei, il gestore di rete realizza allacciamenti a tempo determinato che vengono fatturati secondo quanto riportato nell allegato. Il gestore di rete determina il punto di allacciamento alla rete in base alle condizioni della rete e alle regole della tecnica. Le spese per l'allacciamento definitivo vengono fatturate soltanto con il contributo di allacciamento. La fatturazione del montaggio, smontaggio e utilizzo del materiale messo a disposizione (affitto, usura e manutenzione) avviene come da allegato. Resta riservata la disponibilità degli elementi di rete temporanei. I costi per gli eventuali lavori di sottostruttura, edili e di protezione dei cavi, e quelli per i diritti di passaggio, i danni ai terreni ecc. vanno a carico dell abbonato allacciato temporaneamente alla rete, così come i costi per l'eventuale spostamento dell'allacciamento. Gl impianti a tempo determinato devono essere sostituiti da allacciamenti definitivi al più tardi dopo due anni. 6 Sopredificazioni Per l'allacciamento elettrico di sopredificazioni si applicano sostanzialmente le stesse regole degli allacciamenti singoli. L'abbonato deve mettere a disposizione del gestore di rete il terreno necessario, in luogo appropriato, per eventuali stazioni di trasformazione o cabine di distribuzione che servano per l'allacciamento elettrico dei nuovi fabbricati, ricevendo in cambio un indennizzo adeguato (diritto di superficie). Per l allacciamento generale, il Comune fattura ai proprietari fondiari, nell'ambito del piano di quartiere o delle sopredificazioni, il 70% dei costi per l infrastruttura futura. Per i singoli allacciamenti si applicano le disposizioni del capitolo 3. I costi scoperti saranno coperti tramite i costi di utilizzo della rete. Per l'allacciamento dei singoli fondi nell'ambito di sopredificazioni o per nuovi allacciamenti di quartiere, il gestore di rete può inoltrare la fatturazione dei lavori di sottostruttura, edili, di impermeabilizzazione, di protezione dei cavi, di riparazione del manto stradale e di ripristino dei danni alle colture, per analogia al capitolo 3.5, al committente dei lavori o al relativo titolare del diritto di superficie.

15 Il gestore di rete può fatturare all'abbonato il contributo per l'allacciamento alla rete per il fondo o la zona di sopredificazione con delle rate corrispondenti al progredire dei lavori di costruzione e alle tariffe in vigore al momento, non appena maturano i costi di allacciamento. In questo caso, il gestore di rete e il proprietario del fondo oppure della zona di sopredificazione dovranno stipulare un accordo al riguardo, prima dell'inizio dei lavori di allacciamento. 7 Rivenditori I contributi alle spese a carico dei rivenditori per l'allacciamento alla rete di distribuzione del gestore di rete e le tariffe per il ritiro di energia e di potenza vengono regolati all'interno di contratti separati per l'allacciamento, l'utilizzo della rete e la fornitura di energia. 8 Disdetta dell allacciamento alla rete / smontaggio È possibile inoltrare disdetta di un allacciamento alla rete, il che comporta il suo smontaggio e la dismissione. Lo smontaggio e la dismissione dell'allacciamento alla rete oppure il suo spostamento vengono, di norma, effettuati dal gestore di rete su incarico e con costi a carico dell'abbonato. Il riallacciamento viene considerato come un nuovo allacciamento. Dal momento della disdetta scritta viene a decadere l'indennizzo mensile per il mantenimento di un allacciamento non utilizzato ai sensi del capitolo 4. 9 Condizioni per l utilizzo della rete 9.1 Potenza prelevabile La potenza prelevabile viene fissata al momento della realizzazione dell'allacciamento alla rete, secondo quanto disposto nell'offerta di allacciamento confermata oppure nel contratto di allacciamento alla rete tra il gestore di rete e l'abbonato. Deve essere messa a disposizione dal gestore di rete. Qualora il consumatore finale desideri un aumento della potenza accordata, deve procedere secondo quanto descritto nel capitolo Qualità tecnica della fornitura di energia Il gestore di rete fornisce l'energia elettrica entro le tolleranze di tensione e frequenza consentite e determina il fattore di potenza e le misure di protezione. Le disposizioni di volta in volta in vigore riguardanti i valori a norma delle frequenze, delle correnti e delle tensioni sono determinanti. 9.3 Energia reattiva Il prelievo di energia reattiva deve essere mantenuto da parte del cliente ai livelli più bassi possibili (prelievo di energia reattiva minore del 50% del prelievo di energia attiva contemporaneo).

16 Il gestore di rete è autorizzato a misurare la quantità eccessiva di energia reattiva prelevata e a fatturarla secondo quanto stabilito nell'allegato. Il gestore di rete può inoltre imporre al cliente delle misure di compensazione. 9.4 Influenza sulla rete Il consumatore finale è tenuto a dimensionare e far funzionare i propri impianti in modo da non causare illecite ripercussioni sulla rete. Il gestore di rete, nel valutare le ripercussioni sulla rete, agisce secondo le direttive dell'associazione delle aziende elettriche svizzere nonché secondo le norme in vigore. Qualora gl impianti o gli apparecchi del cliente causino indebite ripercussioni sulla rete negl impianti del gestore di rete e/o di terzi, il gestore di rete può ordinarne la rimozione a carico di colui che le ha generate. Incaricati del gestore di rete oppure l'ispettorato federale degl impianti a corrente forte possono staccare dalla rete di distribuzione i dispositivi o gli apparecchi elettrici difettosi che comportano un notevole pericolo di infortunio o incendio, senza previa diffida. 9.5 Impianti a bassa tensione Manutenzione I proprietari di impianti a bassa tensione sono responsabili della loro tenuta in perfetto stato e privi di pericoli. La manutenzione e i lavori agl impianti a bassa tensione devono avvenire in conformità con quanto previsto nell'ordinanza federale sugl impianti a bassa tensione (OIBT) e con le direttive complementari, ad essa ispirate, emanate dal gestore di rete. La notifica scritta al gestore di rete sulla realizzazione, la modifica, l'integrazione e il controllo di impianti a bassa tensione è obbligatoria ai sensi del diritto federale Controllo In esecuzione dell'ordinanza sugl impianti a bassa tensione (OIBT), il gestore di rete esige periodicamente da parte dei proprietari di impianti a bassa tensione la produzione della certificazione comprovante il fatto che i loro impianti soddisfino i requisiti e le norme di sicurezza. Tale certificazione di sicurezza deve essere prodotta da un organo di controllo indipendente, che non è stato coinvolto nella pianificazione, nella modifica o nella messa in servizio dell'impianto in questione. Il cliente, o il proprietario dell'edificio, deve provvedere a proprie spese alla riparazione dei difetti riscontrati entro il termine indicato. La responsabilità civile del cliente e dell'installatore permane nonostante i controlli. Agli incaricati del gestore di rete deve essere consentito l'accesso a tutti gli spazi ove siano installati dei dispositivi elettrici, previa notifica, per l'effettuazione di controlli, lavori vari e la lettura dei dispositivi di misurazione. In caso di guasti, l'accesso deve essere sempre garantito.

17 9.6 Interruzioni e limitazioni Il gestore di rete ha il diritto di limitare o di sospendere completamente l'esercizio della propria rete di distribuzione in caso di forza maggiore, di eventi straordinari (come incendi, esplosioni, inondazioni, formazione di ghiaccio sui conduttori aerei, lampi, tempeste, nevicate oppure guasti o sovraccarichi in rete oppure per altri eventi dagli effetti simili), in caso di interruzioni condizionate dall'esercizio (come riparazioni, lavori di manutenzione e ampliamento, interruzione del rifornimento oppure limitazioni di capacità) oppure qualora si rendano necessari provvedimenti in caso di scarsità di energia nell'interesse del mantenimento dell'approvvigionamento generale. Il gestore di rete, in questo caso, prenderà sempre in considerazione, laddove possibile, le esigenze del cliente. I clienti vengono avvisati in anticipo sulle interruzioni e limitazioni più lunghe e prevedibili. Per l'ottimizzazione del carico della rete di distribuzione, il gestore di rete è autorizzato a disinserire temporaneamente certi consumatori di corrente (p. es. boiler durante il giorno, sauna ecc.) mediante un telecomando centralizzato. Dopo l'invio di una diffida senza successo e dopo notifica scritta, il gestore di rete è autorizzato a rifiutare al cliente l'utilizzo della sua rete di distribuzione: in caso di mancata osservanza del presente regolamento, in particolare quando il consumatore finale, oppure il fornitore da questo nominato, si rifiuta di risarcire al gestore di rete i costi per l'utilizzo della rete e/o dell'energia ritirata; quando il consumatore finale non si attiva per porre rimedio alle ripercussioni illecite sulla rete causate dai suoi impianti; quando il consumatore finale non ottempera nei termini di tempo prestabiliti ai propri doveri di pagamento; quando si nega o si rende impossibile l'accesso ai dispositivi di misurazione oppure alle installazioni elettriche agli incaricati del gestore di rete; quando viene messa seriamente in pericolo la sicurezza di persone, animali o beni. In queste circostanze, le spese in cui incorre il gestore di rete vengono fatturate al cliente. In casi urgenti, ciò può accadere anche senza che venga fissato un termine di preavviso. 9.7 Misure di protezione Il cliente deve attivarsi autonomamente e prendere i provvedimenti necessari al fine di evitare danni o infortuni nei suoi impianti. In caso di operazioni di rete annunciate, gli apparecchi elettronici sensibili (fax, impianti stereo, televisori, video, DVD, personal computer ecc.) devono essere staccati dalla rete per precauzione.

18 Il cliente deve proteggere le proprie apparecchiature e i propri impianti domestici con l'aiuto di dispositivi di protezione contro operazioni di rete impreviste, dovute a guasti sulla rete oppure ad altri motivi relativi all'esercizio della rete. I clienti che possiedono impianti propri per la produzione di energia oppure che ritirano energia da terzi, sono tenuti ad osservare le relative norme e le prescrizioni in vigore. 9.8 Responsabilità La responsabilità si conforma alle disposizioni in materia contenute nella legge sull'elettricità e alle altre disposizioni legislative obbligatorie in materia di responsabilità civile. Si esclude qualsiasi altra responsabilità. In particolare, il gestore di rete e il consumatore finale non hanno alcun diritto reciproco al risarcimento di danni diretti o indiretti che derivino da oscillazioni della tensione o della frequenza, ripercussioni di disturbo o operazioni di rete, da interruzioni o limitazioni dell'esercizio della rete oppure dalla fornitura di energia, posto che le cause non siano il comportamento negligente oppure l'errore intenzionale dell'una o dell'altra parte. 10 Tipo di fornitura di energia 10.1 Obbligo di fornitura Il gestore di rete fornisce ai propri clienti energia elettrica in sufficiente quantità, nella potenza corrispondente a quanto pattuito nelle condizioni di allacciamento Origine dell energia L'origine dell'energia fornita complessivamente nella zona di distribuzione viene certificata annualmente con la dichiarazione d'origine dell'energia elettrica. Nell'approvvigionamento di base, al cliente non compete di diritto una determinata certificazione di origine. Il cliente ha comunque il diritto di ordinare ulteriori attestati d'origine o certificati Utilizzo dell energia Il cliente ha la responsabilità di utilizzare l'energia fornita in modo da non infrangere la legge. In caso contrario, il gestore di rete è autorizzato a cessare la fornitura di energia. La consegna di energia elettrica a terzi (p. es. ad affittuari di parti di edifici commerciali) è consentita soltanto in casi eccezionali e con autorizzazione scritta del gestore di rete. In questo caso, il cliente terzo non ha alcun diritto ad avere un accesso alla rete separato. Il cliente si assume tutti gli obblighi di legge in relazione all approntamento della rete e alla fornitura di energia nei confronti del cliente terzo.

19 10.4 Blocco del carico massimo / Telecomando centralizzato Al fine di evitare il sovraccarico massimo della rete e un dannoso sovraccarico di parti degl impianti, il gestore di rete è autorizzato, durante i periodi di carico massimo (punte), a regolare o a limitare il ritiro di energia da parte di talune apparecchiature di consumo. Si terranno in debito conto gli interessi del cliente. 11 Misurazione del consumo 11.1 Dispositivi di misurazione Per la determinazione della quantità di energia o della potenza ritirata fanno testo i dati dei dispositivi di misurazione tarati ufficialmente e montati dal gestore di rete o dai suoi incaricati. Questi, di norma, si occupano anche della lettura degli stessi. I dispositivi di misurazione rimangono di proprietà del gestore di rete. Tutti i lavori da effettuarsi su detti dispositivi possono essere eseguiti soltanto da personale incaricato dal gestore di rete. Le irregolarità oppure i danni ai dispositivi di misurazione devono subito essere notificati al gestore di rete. Il cliente non può effettuare alcuna manipolazione dei piombi o dei dispositivi di misurazione. Qualora questo avvenga, i danni causati sono a carico del cliente. Il gestore di rete si riserva il diritto di sporgere denuncia. Il cliente o il proprietario dell'edificio si impegna a garantire l'accesso ai dispositivi di misurazione ai sensi delle prescrizioni del gestore di rete. Egli mette a disposizione gratuitamente il posto per l'installazione dei dispositivi di misurazione. Il gestore di rete non risarcisce alcuna perdita di energia che risulti da errori degl impianti a bassa tensione Verifica della misurazione Chiunque dubiti dell'esattezza delle misurazioni, può richiedere un controllo ad un ufficio di verifica pesi e misure. In caso di contestazione, fa stato la perizia dell'ufficio federale di metrologia e accreditamento. I costi della verifica sono a carico del gestore di rete se l esito di quest ultima risulta essere al di fuori della tolleranza fissata dalla legge; in caso contrario spettano al cliente. In presenza di una misurazione errata, che superi la tolleranza ammessa dalla legge, il consumo viene accertato mediante un riesame o, di comune accordo, una stima che prenda in considerazione anche i periodi precedenti e successivi. Il pagamento della fattura e degli acconti deve essere effettuato anche in caso di reclamo sui dispositivi di misurazione Costi per i dispositivi di misurazione I costi per i dispositivi di misurazione generali del gestore di rete, come pure il montaggio, lo smontaggio, l acquisto, i controlli, la manutenzione e la sorveglianza di tali dispositivi, e i costi per l'utilizzo in comune di telecomandi centralizzati a frequenza sono compresi nelle tariffe in vigore per l'utilizzo della rete. I dispositivi di misurazione speciali oppure le valutazioni effettuate su richiesta del cliente vengono fatturati a parte secondo il dispendio.

20 Il gestore di rete ha la facoltà di fatturare separatamente il servizio prestato per effettuare misurazioni difficilmente accessibili e per rilevare dati che prevedono sempre un dispendio aggiuntivo. In caso di trasloco, partenza oppure di una fatturazione intermedia supplementare può essere fatturato un importo forfettario per la mutazione. Possono, inoltre, essere conteggiate le spese aggiuntive in caso di notifica tardiva del cambiamento. 12 Prezzi, contributi alle spese, condizioni di pagamento I prezzi generali attuali per l'allacciamento alla rete, l'utilizzo della rete e le forniture di energia nonché i prodotti aggiuntivi, i servizi ecc. sono riportati sul tariffario in vigore allegato. Tali prezzi vengono ricalcolati annualmente e pubblicati alla fine di agosto con riserva di approvazione da parte della Giunta comunale Determinazione e variazione La Giunta comunale determina i contributi di allacciamento, le tariffe di utilizzo della rete e della fornitura di energia ecc. per i clienti dell'approvvigionamento di base. Tali tariffe possono variare su base annua, posto che le circostanze lo richiedano. Il gestore di rete decide sulle tariffe applicabili in casi singoli. Nei casi in cui non possono essere applicate le tariffe generali, il Comune rispettivamente il gestore di rete stipula accordi particolari con il cliente interessato Categorie di clienti Si distinguono le seguenti categorie di clienti: Categoria A economie domestiche. Categoria B uffici, aziende comunali, artigianato, commercio, industria, agricoltura, edifici pubblici, case e appartamenti fuori dalla zona edilizia, illuminazione stradale, allacciamenti temporanei e tutti gli altri clienti. In caso di incertezza nell assegnazione della categoria, si applica il principio della preponderanza. Sui casi dubbi decide il Consiglio comunale. In caso di difficoltà di assegnazione nell una o nell altra categoria (p. es. in caso di abitazione con annessa attività artigianale), si dà facoltà al cliente di far installare, a proprie spese, due contatori e di adattare di conseguenza le installazioni. Restano riservati gli altri articoli Tariffe di base Le tariffe di base coprono una parte dei costi fissi del gestore di rete per l approntamento del servizio e la manutenzione dell'allacciamento.

IECP Impresa elettrica comunale Poschiavo. IECP Poschiavo

IECP Impresa elettrica comunale Poschiavo. IECP Poschiavo Impresa elettrica comunale Poschiavo IECP Poschiavo Regolamento per l'allacciamento alla rete, l'utilizzo della rete e la fornitura di energia Edizione dell 1.1.2011 Impresa elettrica comunale Poschiavo

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA

REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ELETTRICA Regolamento azienda elettrica Pagina 1 di 12 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali... 4 1.3 Applicazione...

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA COMUNE DI MESOCCO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO RELATIVO ALLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E ALLE TARIFFE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Regolamento AEC approvato da AC 21.11.2011 Pag. 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Convenzione di privativa

Convenzione di privativa Convenzione di privativa per la distribuzione di energia elettrica fra il Comune di Verdabbio e la Azienda elettrica del comune di Cama in seguito denominata Azienda elettrica comunale Cama abbreviato:

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI MESOCCO

REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI MESOCCO Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNALE DI MESOCCO Regolamento dell Azienda elettrica comunale di Mesocco Pagina 1 di 14 Indice I. EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Art. 1 Basi giuridiche delle relazioni tra Azienda e Utenza 1.1 Il presente regolamento, le prescrizioni che ne derivano e le tariffe in vigore, come pure

Dettagli

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA

Comune di Braggio REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Comune di Braggio Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE E FOGNATURA Regolamento dell azienda comunale acqua potabile e fognatura Pagina 1 di 7 Indice I. DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005)

Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) Legge sulle fognature del Comune di Poschiavo (approvata dal popolo il 27 novembre 2005) 81.10 Art. 1. Art. 2. Art. 3. I. Disposizioni generali La presente legge vale per l intero territorio comunale.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO

REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO REGOLAMENTO DELL ACQUEDOTTO AGRICOLO PATRIZIALE DI AVEGNO - 1 - Art. 1 Il Patriziato di Avegno, riconosciuta la necessità di dotare il Comune di un impianto d acqua potabile, sollevandolo da ogni spesa

Dettagli

Regolamento per la fornitura ed il prelievo di energia elettrica

Regolamento per la fornitura ed il prelievo di energia elettrica Regolamento per la fornitura ed il prelievo di energia elettrica APPROVATO DALL ASSEMBLEA COMUNALE DEL 27 AGOSTO 2013 REGOLAMENTO PER LA FORNITURA ED IL PRELIEVO DI ENERGIA ELETTRICA Preambolo Il Comune

Dettagli

Regolamento per la fornitura di energia elettrica

Regolamento per la fornitura di energia elettrica Regolamento per la fornitura di energia elettrica APPROVAT0 DALL ASSEMBLEA COMUNALE DEL 16 DICEMBRE 2010 2 REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA I. Basi giuridiche delle relazioni tra Comune

Dettagli

LEGGE PER LA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA AZIENDA ELETTRICA DEL COMUNE DI LEGGIA

LEGGE PER LA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA AZIENDA ELETTRICA DEL COMUNE DI LEGGIA LEGGE PER LA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA AZIENDA ELETTRICA DEL COMUNE DI LEGGIA I. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1. Scopo e campo d'applicazione...3 2. Azienda elettrica...3 3. Basi giuridiche...3 II.

Dettagli

Regolamento comunale acqua potabile

Regolamento comunale acqua potabile Regolamento comunale acqua potabile I. Disposizioni generali Art. 1 - Scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la costruzione, l esercizio, la manutenzione e il finanziamento delle installazioni

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

ENERGIA ELETTRICA CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA ENERGIA ELETTRICA CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA acqua gas elettricità AGE SA Piazza Col. Bernasconi 6 CP 3143 CH 6830 Chiasso e-mail info@age-sa.ch web www.age-sa.ch Indice

Dettagli

AZIENDA ELETTRICA COMUNALE LOSTALLO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

AZIENDA ELETTRICA COMUNALE LOSTALLO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA AZIENDA ELETTRICA COMUNALE LOSTALLO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 2014 I. Base legale La Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) e la relativa ordinanza (OAEl), nonché la

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP)

REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) Comune di Lostallo Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) Regolamento azienda acqua potabile (AAP) Pagina 1 di 13 Indice 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Basi legali...

Dettagli

AZIENDE INDUSTRIALI MENDRISIO SEZIONE GAS

AZIENDE INDUSTRIALI MENDRISIO SEZIONE GAS AZIENDE INDUSTRIALI MENDRISIO SEZIONE GAS REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NUOVE TARIFFE A PARTIRE DAL 1. OTTOBRE 2005 ALLE QUALI DEVE ESSERE DEDOTTO LO SCONTO LINEARE DEL 15 % (DECISIONE C.C. DEL 25.03.1996)

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per eventi

Condizioni Generali di Contratto per eventi Condizioni Generali di Contratto per eventi Ambito di applicazione Le presenti Condizioni Generali di Contratto (CGC) valgono per la stipulazione di un contratto che si conclude con l ostello haus international

Dettagli

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Capitolo 1 Disposizioni generali Art. 1 Definizione Il Comune garantisce il servizio di distribuzione dell acqua potabile

Dettagli

CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede

CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede CONTRATTO PER IL VETTORIAMENTO DI GAS NATURALE SULLA RETE DI DISTRIBUZIONE LOCALE. Tra la Pollino Gestione Impianti s.r.l. ( Distributore ), con sede in Castrovillari Via Roma n. 23 partita IVA n. 02534750787,

Dettagli

AZIENDA ELETTRICA COMUNALE BUSENO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

AZIENDA ELETTRICA COMUNALE BUSENO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA AZIENDA ELETTRICA COMUNALE BUSENO ORDINANZA INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 2015 I. Base legale La Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) e la relativa ordinanza (OAEl), nonché la Legge

Dettagli

Azienda Elettrica Comunale

Azienda Elettrica Comunale Comune di Leggia Cantone dei Grigioni ORDINANZA DELLA Azienda Elettrica Comunale INERENTE I CONTRIBUTI DI ALLACCIAMENTO E LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA I. Base legale La Legge sull approvvigionamento

Dettagli

I Norme generali. L Azienda dell acqua potabile comunale è gestita ed amministrata dal Municipio, tramite la sua Commissione.

I Norme generali. L Azienda dell acqua potabile comunale è gestita ed amministrata dal Municipio, tramite la sua Commissione. I Norme generali Art. 1 Costituzione L Azienda dell acqua potabile del Comune di Brusino Arsizio (in seguito denominata Azienda) è istituita in virtù della Legge cantonale sulla municipalizzazione dei

Dettagli

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 2016 I. Base legale La Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) e la relativa ordinanza (OAEl), nonché

Dettagli

GAS NATURALE CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE

GAS NATURALE CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE GAS NATURALE CONDIZIONI GENERALI PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE acqua gas elettricità AGE SA Piazza Col. Bernasconi 6 CP 3143 CH 6830 Chiasso e-mail info@age-sa.ch web www.age-sa.ch tel 0840 22 33 33

Dettagli

Comune di Cama. Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA DEL COMUNE DI CAMA I. EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

Comune di Cama. Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA DEL COMUNE DI CAMA I. EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Comune di Cama Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO DELL AZIENDA ELETTRICA DEL COMUNE DI CAMA I. EROGAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Verdabbio - Regolamento dell'azienda elettrica AEC (Cama).doc Pagina 1 di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO

REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO REGOLAMENTO PER LA RICEZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI PROGRAMMI TV VIA CAVO CAPITOLO I Norme generali Applicazione Art. 1 Il presente regolamento, regola la costruzione, l esecuzione, la manutenzione e il

Dettagli

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE

COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE COMUNE DI OSCO REGOLAMENTO AZIENDA ACQUA POTABILE 1 Art. 1 ISTITUZIONE DELL AZIENDA Il Comune di Osco, e per esso il Municipio, assume il servizio di erogazione dell acqua potabile per Osco e rispettive

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA

COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA COMUNE DI CIVITELLA ALFEDENA PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA SOMMARIO Art. DESCRIZIONI 1 ALLACCIAMENTI 2 PREVENTIVAZIONE 3 PROPRIETA DELL OPERA 4 CORRISPETTIVO

Dettagli

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA SOCIETÀ SEMPLICE COMUNI CONCEDENTI ELIN REGOLAMENTO INERENTE LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA 2014 I. Base legale La Legge sull approvvigionamento elettrico (LAEl) e la relativa ordinanza (OAEl), nonché

Dettagli

Tariffe per la fornitura di energia elettrica

Tariffe per la fornitura di energia elettrica Regolamento relativo alle Tariffe per la fornitura di energia elettrica valido dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2015 Consorzio Energia Elettrica Calanca Cantone dei Grigioni Regolamento relativo alle

Dettagli

Condizioni generali per allacciamenti alla rete di distribuzione di energia elettrica

Condizioni generali per allacciamenti alla rete di distribuzione di energia elettrica Condizioni generali per allacciamenti alla rete di distribuzione di energia elettrica I n d i c e Premesse Pag. 2 I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Definizioni Pag. 2 2. Scopo e campo di applicazione Pag. 3 3.

Dettagli

CGA CONDIZIONI GENERALI PER GLI ALLACCIAMENTI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA TERMICA

CGA CONDIZIONI GENERALI PER GLI ALLACCIAMENTI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA TERMICA CGA CONDIZIONI GENERALI PER GLI ALLACCIAMENTI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA TERMICA I n d i c e Avvertenza: protezione proprietà intellettuale (copyrights diritti d autore) Pag. 3 Premesse Pag.

Dettagli

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno.

Art. 4 - Durata del contratto I contratti di somministrazione del gas hanno la durata di un anno e si rinnovano tacitamente di anno in anno. Oggetto Il presente Regolamento, redatto secondo le direttive stabilite dall'aeeg con deliberazione n. 229/01 e successive modificazioni e integrazioni, disciplina la somministrazione e la fornitura di

Dettagli

Ordinanza relativa alle tariffe per la fornitura di energia elettrica

Ordinanza relativa alle tariffe per la fornitura di energia elettrica Elettricità Ordinanza relativa alle tariffe per la fornitura di energia elettrica in vigore dal 1. gennaio 2014 Rev. 1.1 1. Base legale 2. Abbonamenti e tariffe La nuova Legge sull approvvigionamento elettrico

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 18 marzo 2004 Adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas dicembre 2000, n. 237/00 (deliberazione n. 40/04) L AUTORITA PER L ENERGIA

Dettagli

Legge federale sulle abitazioni secondarie

Legge federale sulle abitazioni secondarie Legge federale sulle abitazioni secondarie (Legge sulle abitazioni secondarie, LASec) Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 75 e 75b della Costituzione federale

Dettagli

Regolamento per la distribuzione di energia elettrica

Regolamento per la distribuzione di energia elettrica Regolamento per la distribuzione di energia elettrica In vigore dal 1 gennaio 2010 I. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Scopo e campo d'applicazione Il presente regolamento disciplina la costruzione, l'esercizio,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ACQUEDOTTO RURALE E PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA USO IRRIGUO COMUNE DI BIANZONE PROVINCIA DI SONDRIO Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 27.04.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI ACQUA POTABILE NATURA E MODALITÀ' DEGLI ALLACCIAMENTI ART. 1 - La Società eroga acqua potabile in via ordinaria o provvisoria, da derivarsi dalla rete primaria, secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI COMUNE DI GESSATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE AGLI UTENTI - APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 15 del 31.01.1986 - PUBBLICATO all Albo Pretorio il giorno 18.02.1986

Dettagli

AZIENDE INDUSTRIALI DI LUGANO (AIL) SA REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA INDUSTRIALE

AZIENDE INDUSTRIALI DI LUGANO (AIL) SA REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA INDUSTRIALE AZIENDE INDUSTRIALI DI LUGANO (AIL) SA REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA INDUSTRIALE Adottato dal Consiglio di Amministrazione delle AIL SA nella seduta del 23 maggio 2006 REGOLAMENTO PER LA FORNITURA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA COMUNE DI GORLA MAGGIORE - Provincia di VARESE - REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FORNITURA DI ACQUA ASPETTI AMMINISTRATIVI Approvato con delibera consigliare n 13 del 28/02/2002 - esecutivo dal 27/03/2002

Dettagli

AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE TORRICELLA-TAVERNE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA

AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE TORRICELLA-TAVERNE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA AZIENDA COMUNALE ACQUA POTABILE TORRICELLA-TAVERNE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA AZIENDA ACQUA POTABILE (AAP) DEL COMUNE DI TORRICELLA TAVERNE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA del 27 maggio

Dettagli

Condizioni commerciali generali di Plasmatreat GmbH

Condizioni commerciali generali di Plasmatreat GmbH stare in piedi: 26.06.2006 Condizioni commerciali generali di Plasmatreat GmbH Art. 1 Disposizioni generali 1. Tutte le nostre forniture, prestazioni e offerte sono subordinate, anche laddove non espressamente

Dettagli

Guida alle forniture domestiche di Gas

Guida alle forniture domestiche di Gas Guida alle forniture domestiche di Gas Uno strumento utile per capirne di più. Guida realizzata da Mdc Puglia Via Idomeneo 78 73100 Lecce Tel e Fax: 0832/301587 e-mail:puglia@mdc.it Introduzione Informazioni

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

Consorzio Energia Elettrica Calanca

Consorzio Energia Elettrica Calanca Cantone dei Grigioni Consorzio Energia Elettrica Calanca Regolamento relativo alle Tariffe per la fornitura di energia elettrica valido dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2014 I. Base legale La Legge sull

Dettagli

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A.

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A. EROGASMET S.P.A. CARTA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA TRAMITE RETE 1 Indice Indice... 2 PRESENTAZIONE... 3 1 PREMESSA... 3 2 PRINCIPI FONDAMENTALI... 3 2.1 Eguaglianza ed imparzialità di trattamento...

Dettagli

Comune di Mesocco REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE

Comune di Mesocco REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE DI EROGAZIONE DELL ACQUA POTABILE Pag. 1 di 8 I. Disposizioni generali 3 Art. 1 Contributi

Dettagli

AMEA SPA AZIENDA MULTISERVIZI ENERGIA AMBIENTE

AMEA SPA AZIENDA MULTISERVIZI ENERGIA AMBIENTE AMEA SPA AZIENDA MULTISERVIZI ENERGIA AMBIENTE Regolamento di fornitura Energia Elettrica Codice documento_r.f.e.e. Tipo documento Regolamento. Codice RFEE rev_01 Reparti AMM _ TECNICO COMMERCIALE X_ DIREZIONE

Dettagli

CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA

CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA Stazione: Comune: Linea / km: CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA tra Ferrovie federali svizzere FFS società anonima di diritto speciale con sede a Berna Infrastruttura Orario e design della

Dettagli

Condizioni generali di contratto (CGC)

Condizioni generali di contratto (CGC) SK-R&D Ltd liab. Co Logic Security Psychology Services & Products = Condizioni generali di contratto (CGC) 1 In generale La SK-R&D Sarl, con sede a Losanna (denominata nel prosieguo offerente), offre servizi

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPRESE NELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO DISTRIBUTORE GAS LOCALE : COMUNE DI SCERNI (CH) Sede Legale e Operativa: Via IV Novembre

Dettagli

CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA

CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA ART. 1 ALLACCIAMENTO IMPIANTO ILLUMINAZIONE VOTIVA I cittadini possono richiedere in qualsiasi momento l allacciamento di una lampada votiva elettrica sulle tombe,

Dettagli

Testo coordinato con le integrazioni e modifiche apportate dalla deliberazione 22 luglio 2004, n. 129/04

Testo coordinato con le integrazioni e modifiche apportate dalla deliberazione 22 luglio 2004, n. 129/04 Deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas 18 marzo 2004, n. 40/04 in materia di adozione del regolamento delle attività di accertamento della sicurezza degli impianti di utenza a gas

Dettagli

Comune di Castaneda REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO

Comune di Castaneda REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Comune di Castaneda Cantone dei Grigioni REGOLAMENTO COMUNALE SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Regolamento Comunale sull approvvigionamento idrico Pagina 1 di 9 Indice I. DISPOSIZIONI GENARALI... 3 Art.

Dettagli

ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010 + 13,50%)

ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010 + 13,50%) GESTIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DEL GAS METANO NEL TERRITORIO DEI COMUNI DEL BACINO BASILICATA 03 (LAURIA-TRECCHINA-MARATEA-NEMOLI E RIVELLO) ELENCO PREZZI ANNO 2011 (ISTAT-FOI Gennaio 2004 / Dicembre 2010

Dettagli

COMUNE DI STABIO Ordinanza concernente le tariffe, le tasse e le condizioni per la fornitura di energia elettrica anno 2014 ORDINANZA

COMUNE DI STABIO Ordinanza concernente le tariffe, le tasse e le condizioni per la fornitura di energia elettrica anno 2014 ORDINANZA ORDINANZA CONCERNENTE LE TARIFFE, LE TASSE E LE CONDIZIONI PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA valida dal 1 gennaio 2014 1 Il Municipio di Stabio, richiamati: la Legge Organica comunale, il Regolamento

Dettagli

L assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie

L assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie Degna di fiducia Edizione 2012 Assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie Regolamento Art. I. In generale Contenuto 1 Base 2 Forme particolari d assicurazione 3 II. III. IV. Rapporto assicurativo

Dettagli

CONTRATTO DI ALLACCIAMENTO, costituzione di servitù e autorizzazione all esecuzione dei lavori

CONTRATTO DI ALLACCIAMENTO, costituzione di servitù e autorizzazione all esecuzione dei lavori Allegato A CONTRATTO DI ALLACCIAMENTO, costituzione di servitù e autorizzazione all esecuzione dei lavori Obbligo di registrazione solo in caso d uso ai sensi dell art. 5, comma 2, del DPR 131/1986 Oggetto:

Dettagli

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE LISTINO PREZZI PER ATTIVITA TECNICHE NON COMPRESE NELLA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE ANNO 2014 DISTRIBUTORE LOCALE del servizio GAS: Sidigas S.p.A. C.da Vasto, 15 83100 AVELLINO (AV) C.F. 8000290645 P. IVA

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas L allacciamento alla rete elettrica per le utenze in bassa e media tensione Allacciamento e attivazione Altre prestazioni L allacciamento è la connessione dell impianto di utenza alla rete di distribuzione

Dettagli

LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA

LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA LEICA MICROSYSTEMS S.p.A. TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA 1. Interpretazione 1.1 In queste condizioni: Acquirente indica la persona che accetta un preventivo dell Azienda per la vendita e/o installazione

Dettagli

comune di stabio ams elettricità REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA

comune di stabio ams elettricità REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA comune di stabio ams elettricità REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA I N D I C E Capitolo DISPOSIZIONI GENERALI Art. Art. Art. Organizzazione Art. Compiti dell azienda Art. 5 Definizioni

Dettagli

Conferimento di un mandato di prestazioni per l illuminazione pubblica alle Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA

Conferimento di un mandato di prestazioni per l illuminazione pubblica alle Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA Messaggio municipale No. 3 Risoluzione municipale no. 163 28 febbraio 2011 Conferimento di un mandato di prestazioni per l illuminazione pubblica alle Aziende Industriali di Lugano (AIL) SA Egregio Signor

Dettagli

CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA

CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA Stazione: Comune: Linea / km: CONTRATTO PER BINARI DI RACCORDO INFRASTRUTTURA tra Ferrovie federali svizzere FFS società anonima di diritto speciale con sede a Berna Infrastruttura Orario e design della

Dettagli

Contratto di locazione per appartamento di vacanza arredato / casa di vacanza arredata ad uso privato (fino a un massimo di 3 mesi)

Contratto di locazione per appartamento di vacanza arredato / casa di vacanza arredata ad uso privato (fino a un massimo di 3 mesi) Contratto di locazione per appartamento di vacanza arredato / casa di vacanza arredata ad uso privato (fino a un massimo di 3 mesi) Locatore Cognome/nome... Indirizzo... NPA/Località... Telefono... Cellulare...

Dettagli

Comune di Bissone. Azienda Municipale Acqua Potabile. Regolamento per la distribuzione dell acqua

Comune di Bissone. Azienda Municipale Acqua Potabile. Regolamento per la distribuzione dell acqua Comune di Bissone Azienda Municipale Acqua Potabile Regolamento per la distribuzione dell acqua I Norme generali Art. 1 Costituzione pagina 1 Art. 2 Compiti dell Azienda pagina 1 Art. 3 Definizione del

Dettagli

Condizioni generali di contratto per la compera e vendita di sistemi informatici completi e la produzione di software specifici Edizione gennaio 2004

Condizioni generali di contratto per la compera e vendita di sistemi informatici completi e la produzione di software specifici Edizione gennaio 2004 Condizioni generali di contratto per la compera e vendita di sistemi informatici completi e la produzione di software specifici Edizione gennaio 2004 1 Campo d applicazione e validità 1.1 Le presenti condizioni

Dettagli

Condizioni internazionali di vendita e fornitura

Condizioni internazionali di vendita e fornitura Condizioni internazionali di vendita e fornitura 1. Generalità a) Le Condizioni Generali di Contratto (di seguito denominate CGC ) disciplinano la collaborazione fra la Warendorfer Küchen GmbH e l acquirente

Dettagli

COMUNE DI STABIO Ordinanza concernente le tariffe, le tasse e le condizioni per la fornitura di energia elettrica anno 2015 ORDINANZA

COMUNE DI STABIO Ordinanza concernente le tariffe, le tasse e le condizioni per la fornitura di energia elettrica anno 2015 ORDINANZA ORDINANZA CONCERNENTE LE TARIFFE, LE TASSE E LE CONDIZIONI PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA valida dal 1 gennaio 2015 1 Il Municipio di Stabio, richiamati: la Legge Organica comunale, il Regolamento

Dettagli

Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda. CAPITOLO II Sorveglianza delle infrastrutture dell Azienda

Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda. CAPITOLO II Sorveglianza delle infrastrutture dell Azienda PATRIZIATO DI BIGNASCO Regolamento Azienda acqua potabile San Carlo CAPITOLO I Art. 1 Art. Art. Disposizioni generali Principio Erogazione dell acqua Gestione dell Azienda CAPITOLO II Sorveglianza delle

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi Servizio Ecologia Ambiente REGOLAMENTO PER LA DISTRIBUZIONE E FORNITURA DELL ACQUA RIGENERATA NELL IMPIANTO DI RIUSO DI OSTUNI Art. 1 ( Oggetto ) Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI GRONO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO DEL COMUNE DI GRONO SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO

COMUNE DI GRONO CANTONE DEI GRIGIONI REGOLAMENTO DEL COMUNE DI GRONO SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO CANTONE DEI GRIGIONI COMUNE DI GRONO REGOLAMENTO DEL COMUNE DI GRONO SULL APPROVVIGIONAMENTO IDRICO APPROVATO CON VOTAZIONE POPOLARE IL 25 NOVEMBRE 2012 25.11.2012 Comune di Grono Regolamento approvvigionamento

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

Le sette domande più frequenti sulla regolamentazione del consumo proprio

Le sette domande più frequenti sulla regolamentazione del consumo proprio Data 24 marzo 2014 Versione 1.0 Le sette domande più frequenti sulla regolamentazione del consumo proprio 1. Cosa si intende per regolamentazione del consumo proprio? 2 2. Quali effetti ha la regolamentazione

Dettagli

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia (Legge sul trasporto di merci, LTM) Avamprogetto del XX. xxx 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 87

Dettagli

Legge sull'energia del Cantone dei Grigioni (Legge grigione sull'energia, LGE)

Legge sull'energia del Cantone dei Grigioni (Legge grigione sull'energia, LGE) Bozza Legge sull energia del Cantone dei Grigioni Pagina di 9 0.06.009 APPENDICE Legge sull'energia del Cantone dei Grigioni (Legge grigione sull'energia, LGE) 80.00 del... Il Gran Consiglio del Cantone

Dettagli

Condizioni Generali. Versione del 25.3.2015

Condizioni Generali. Versione del 25.3.2015 CG Versione del 25.3.2015 Contenuto 1 Premesse... 3 2 Servizi e prodotti... 3 2.1 Fatturazione tramite la Cassa dei Medici... 3 2.2 Fatturazione tramite la Cassa dei Medici con controllo dei debitori...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI

REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ACQUA POTABILE DI PUBBLICI ACQUEDOTTI. Art.1 NORME GENERALI COMUNE DI SASSOFERRATO Piazza Matteotti, 1 Telefono : 0732/9561 Fax : 0732/956234 E mail : sassoferrato@cadnet.marche.it Web : http://www.cadnet.marche.it/sassoferrato REGOLAMENTO PER LA SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delib. C.C. n. 35 del 30.09.2013. Pagina 1 di 7 I N D I C E Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA UFFICIO ACQUEDOTTO. Orari ufficio: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 8,30 alle 12,30 Giovedì dalle 13,30 alle 17,00

COMUNE DI ANDORA PROVINCIA DI SAVONA UFFICIO ACQUEDOTTO. Orari ufficio: Lunedì-Mercoledì-Venerdì dalle 8,30 alle 12,30 Giovedì dalle 13,30 alle 17,00 CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE ACQUA POTABILE N. INTESTATARIO PERSONA FISICA Il Sig. / La Sig.ra nato/a a il residente in C.A.P. indirizzo COD FISC: in qualità di TEL. CELL. INTESTATARIO PERSONA GIURIDICA

Dettagli

Comune di Soazza AZIENDA ELETTRICA COMUNALE

Comune di Soazza AZIENDA ELETTRICA COMUNALE Comune di Soazza Cantone dei Grigioni AZIENDA ELETTRICA COMUNALE ORDINANZA TARIFFE PER LA FORNITURA D ENERGIA E TASSE DI ALLACCIAMENTO Ordinanza tariffe per la fornitura d energia e tasse d allacciamento

Dettagli

Pagina 1 di 6 Versione 1.0 del 3.10.2008. Condizioni generali per la fatturazione dei costi della rete di trasmissione

Pagina 1 di 6 Versione 1.0 del 3.10.2008. Condizioni generali per la fatturazione dei costi della rete di trasmissione Pagina 1 di 6 Condizioni generali per la fatturazione dei costi della rete di trasmissione Pagina 2 di 6 Indice 1 Introduzione 3 2 Definizioni e ruoli 3 3 Oggetto e scopo delle CG 3 4 Costi che vanno fatturati

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE 1.1 Il rapporto contrattuale conseguente al perfezionamento dell'ordine è retto dalle presenti condizioni generali e da quelle specifiche espresse

Dettagli

PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE

PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE PREZZARIO PER ATTIVITÀ ACCESSORIE E/O OPZIONALI NON COMPENSATE CON LA TARIFFA DI DISTRIBUZIONE AGGIORNAMENTO PREZZI: DICEMBRE 2011 DECORRENZA APPLICAZIONE 15 LUGLIO 2012 1 INDICE GENERALE DEFINIZIONI 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE PREMESSA Il Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Sulmona fornisce il servizio idrico (acqua potabile e industriale) alle aziende insediate

Dettagli

CGA. Assicurazione delle cure medico-sanitare. (Condizioni generali d assicurazione) Visana SA, vivacare SA. Tel Doc (LAMal) Valide dal 2016

CGA. Assicurazione delle cure medico-sanitare. (Condizioni generali d assicurazione) Visana SA, vivacare SA. Tel Doc (LAMal) Valide dal 2016 CGA (Condizioni generali d assicurazione) Visana SA, vivacare SA Valide dal 2016 Assicurazione delle cure medico-sanitare Tel Doc (LAMal) Indice Pagina 3 I Parte generale 3 3 4 6 7 7 1. Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

Condizioni generali per i contratti di noleggio della Böcker AG e delle imprese ad essa collegate / situazione del mese di marzo 2015

Condizioni generali per i contratti di noleggio della Böcker AG e delle imprese ad essa collegate / situazione del mese di marzo 2015 Condizioni generali per i contratti di noleggio della Böcker AG e delle imprese ad essa collegate / situazione del mese di marzo 2015 1. Regolamentazioni generali ambito di validità 1.1 Le presenti condizioni

Dettagli

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI COSTABISSARA PROVINCIA DI VICENZA CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO IN AFFITTO D AZIENDA DELLA GESTIONE DEL BAR DI PROPRIETA COMUNALE SITUATO PRESSO IL CENTRO CULTURALE ELISA

Dettagli

GAS PIU DISTRIBUZIONE S.R.L. SEDE OPERATIVA DI ROZZANO PREZZIARIO DELLE PRESTAZIONI ACCESSORIE e OPZIONALI AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE 1 INDICE pag. 2 PREMESSA pag. 4 PRESTAZIONJI TECNICHE

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE AEC VERMIGLIO

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE AEC VERMIGLIO CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE AEC VERMIGLIO Con riferimento alle deliberazione dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas n. 128/99; 158/99; 200/99; 201/99; 202/99; 204/99; 55/99 sentite le associazioni

Dettagli