Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE)"

Transcript

1 Eidgenössisches Starkstrominspektorat Inspection fédérale des installations à courant fort Ispettorato federale degli impianti a corrente forte Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti Autori : gruppo di lavoro TKI Willi Berger Valido dal: 1 marzo 2001 Sostituisce: STI n i Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI Luppmenstrasse Fehraltorf Tel Fax

2 Indice pagina 1. Campo di validità 3 2. Generalità 4 3. Obbligo di presentare il progetto 5 4. Allacciamento alla rete 6 5. Dispositivi di misura e regolazione 7 6. Dispositivi di manovra 8 7. Dispositivi di protezione 9 8. Compensazione della potenza reattiva Condizioni per la reinserzione Ripercussioni sulla rete Ripercussioni sugli impianti di telecomando centralizzato Messa in servizio Funzionamento Esempi di esecuzione 17 Esempio 1 Esercizio in parallelo di impiantidi produzione d energia senza funzionamento in isola 17 Generatore sincrono 17 Esempio 2 Esercizio in parallelo di impianti di produzione d energia senza funzionamento in isola 18 Generatore asincrono 18 Esempio 3 Esercizio in parallelo di impianti di produzione d energia con funzionamento in isola 19 Generatore sincrono 19 Esempio 4 Esercizio in parallelo di impianti di produzione d energia dotati di ondulatori 20 Immissione trifase 20 Schiarimenti in merito alla domanda di allacciamento per impianti di produzione d energia 22 Domanda di allacciamento per impianti che funzionano in parallelo alla rete di distribuzione dell energia elettrica 24 Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 2 di 24

3 1. Campo di validità La presente direttiva si applica alla pianificazione, costruzione, modernizzazione e all esercizio di impianti allacciati alla rete a bassa tensione del gestore di rete. Gli impianti di produzione d energia sono ad es: - i generatori diesel d emergenza - gli impianti ad energia idraulica - le centrali termo-elettriche a blocco (CTEB), gli impianti ad accoppiamento termico (IAT) - gli impianti ad energia eolica - gli impianti fotovoltaici L immissione di energia elettrica può avvenire mediante generatori sincroni od asincroni con collegamento diretto o mediante ondulatore. Per l allacciamento alla rete a media tensione vigono requisiti tecnici addizionali. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 3 di 24

4 2. Generalità Gli impianti di produzione d energia vanno costruiti nel rispetto delle vigenti disposizioni e prescrizioni del gestore di rete, in modo tale da essere idonei all esercizio in parallelo alla rete ed escludere ripercussioni perturbatrici sulla rete o altri impianti. Per la costruzione e l esercizio degli impianti di produzione d energia vanno osservate le seguenti leggi, prescrizioni e norme: - legge federale sugli impianti elettrici a corrente forte e a corrente debole (LIE) RS ordinanza sugli impianti a corrente forte (Ordinanza sulla corrente forte) (OCF) RS ordinanza sulla procedura d approvazione dei piani d impianti a corrente forte (OPCF) RS ordinanza concernente gli impianti elettrici a bassa tensione (OIBT) RS ordinanza sui prodotti elettrici a bassa tensione (OPBT) RS ordinanza sulla compatibilità elettromagnetica (OCEM) RS EN Caratteristiche della tensione nelle reti pubbliche d energia elettrica - raccomandazione per la valutazione di ripercussioni sulla rete (ASE 2.72i) - telecomando centralizzato ad audiofrequenze (ASE 2.66i) - prescrizioni aziendali del gestore di rete Il gestore di rete può esigere che vengano apportati mutamenti e complementi ad un impianto esistente o da costruire, nella misura in cui essi sono necessari per motivi inerenti all approvvigionamento sicuro e senza guasti, in particolare anche con riferimento alle esigenze della rete di distribuzione. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 4 di 24

5 3. Obbligo di presentare il progetto Per gli IPE con una potenza complessiva superiore ai 3 kva monofase o ai 10 kva polifase, che possono essere fatti funzionare in parallelo alla rete di distribuzione della corrente a bassa tensione, vige l obbligo di presentazione del progetto. Prima della costruzione dell impianto, il committente della costruzione o il proprietario dell IPE rispettivamente il suo rappresentante deve presentare all Ispettorato federale degli impianti a corrente forte (ESTI) un progetto conformemente all art. 2 della OPCF e al gestore di rete una domanda di allacciamento. Si può iniziare a costruire, quando l approvazione dei piani è passata in giudicato. L ESTI deve essere informato per iscritto della fine della costruzione dell impianto. Alla comunicazione va allegato un verbale di collaudo, da cui risulta che l impianto soddisfa le esigenze poste dalla legislazione e rispetta le regole tecniche riconosciute. Per gli impianti da costruire ex novo i seguenti documenti devono essere presentati in duplice copia: - proprietario, ubicazione, genere e configurazione dell impianto pianificato e suo rapporto con gli impianti esistenti - giustificazione del progetto - aspetti determinanti per la sicurezza, quali le indicazioni sui dati relativi al prodotto rispettivamente alle macchine, i tipi di corrente, le tensioni e il genere delle messe a terra - schema dell impianto e delle messe a terra, con indicazioni sulle sezioni del conduttore di fase, del neutro e del conduttore di terra - possibili influssi su o da parte di altri oggetti, ad esempio situazioni aziendali particolari, che non possono essere dedotte dallo schema e dai disegni, quali ad es. il trattamento del neutro nel funzionamento in parallelo ed eventuale funzionamento isolato, scopo e modo d azione dei dispositivi di protezione - impatto sull ambiente e il paesaggio - costi di costruzione dell impianto - per gli IPE che funzionano in parallelo a reti di distribuzione d energia elettrica, la domanda di allacciamento firmata del corrispondente gestore di rete. Vedere anche: le direttive Conformemente agli art. 2 e 4 dell ordinanza sulla procedura di approvazione dei progetti di impianti a corrente forte (OPCF) per la presentazione di progetti e i loro requisiti nonché il disinserimento. STI n i Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 5 di 24

6 4. Allacciamento alla rete Gli IPE, che devono funzionare in parallelo alla rete, vanno allacciati a quest ultima in un punto adeguato. L allacciamento alla rete viene definito dal gestore di rete tenendo conto delle determinate condizioni della rete, della potenza e del modo di funzionamento degli IPE nonché degli interessi legittimi del gestore. In tal modo s intende garantire che gli IPE vengano fatti funzionare senza ripercussioni perturbatrici e che l approvvigionamento di altri clienti non venga pregiudicato. Gli IPE fino a una potenza definita nelle condizioni del gestore di rete possono essere allacciati monofase alla rete. La valutazione della possibilità di allacciamento viene effettuata dal punto di vista della potenza di cortocircuito della rete nel punto di connessione, della potenza di allacciamento nonché del genere e del modo di funzionamento degli IPE. L allacciamento avviene attraverso un punto di commutazione con funzione di separazione, al quale il personale del gestore della rete può accedere in qualsiasi momento. I punti di commutazione accessibili in qualsiasi momento sono: - il dispositivo di protezione d allacciamento - l armadio di distribuzione dei cavi - la stazione di trasformazione Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 6 di 24

7 5. Dispositivi di misura e regolazione Il numero e la tipologia dei dispositivi di misurazione necessari (contatori ) e degli apparecchi di regolazione si conformano alle condizioni contrattuali per il prelievo e la fornitura d energia elettrica. I contatori, i trasformatori di misura, i morsetti di prova e i ricettori di telecomando centralizzato fanno parte dei dispositivi di misura e regolazione, e vengono comunemente denominati apparecchi per la fatturazione. Si raccomanda di trovare un accordo con il gestore della rete già allo stadio di pianificazione. Vedere anche le prescrizioni aziendali del gestore di rete. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 7 di 24

8 6. Dispositivi di manovra Per il collegamento degli IPE con il gestore di rete si deve impiegare un dispositivo di manovra (interruttore di accoppiamento) con almeno il potere di interruzione del carico (p.es. interruttore di protezione per motore, interruttore di potenza, interruttore di carico a fusibile, interruttore protettivo con contatti resistenti alla saldatura con potere di interruzione sotto carico e protezione di cortocircuito preinserita). Se non è previsto un funzionamento in isola, si può utilizzare il dispositivo di manovra dell IPE. Mediante il dispositivo di manovra si deve assicurare una separazione galvanica su tutti i poli. Se l IPE è dotato di ondulatore, si deve prevedere il dispositivo di manovra sul lato corrente alternata dell ondulatore. Se sistemato nell involucro dell ondulatore, il dispositivo di manovra non deve poter essere disattivato da un cortocircuito verificatosi nell ondulatore. Il dispositivo di manovra deve essere progettato per la corrente massima di cortocircuito che può manifestarsi nel luogo d installazione e deve poter essere azionato senza ritardo tenendo conto dei dispositivi di protezione necessari. Se si impiegano valvole a fusibile come protezione contro i cortocircuiti si deve calcolare il potere d interruzione del dispositivo di manovra per lo meno secondo l intervallo di reazione della valvola a fusibile preinserita. Il gestore dell intero impianto elettrico deve apportare la prova che quest ultimo resiste ai cortocircuiti. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 8 di 24

9 7. Dispositivi di protezione Si devono prevedere le seguenti misure minime di protezione: - protezione contro i cortocircuiti - protezione contro i sovraccarichi - protezione contro il contatto diretto e indiretto Per proteggere il proprio e gli altri impianti occorrono misure di protezione che in caso di variazioni di tensione o frequenza azionino il rispettivo dispositivo di manovra. A seconda del tipo di impianto vengono impiegati differenti concetti di protezione. In impianti con generatori asincroni o sincroni si devono soddisfare le seguenti funzioni di protezione: relè di tensione U N + 10% / - 20% tensione minima tensione massima relè a frequenza frequenza minima 50 Hz +/- 2% frequenza massima La protezione minima di tensione deve essere eseguita sulle tre fasi, per poter individuare in modo sicuro anche i vuoti di tensione unipolari. Nel caso di generatori asincroni la protezione di tensione minima deve pure essere effettuata sulle tre fasi, per i generatori sincroni è sufficiente una protezione monofase. In caso di immissione in una rete con richiusura rapida risp. reinserimento automatico, per i generatori asincroni a partire da circa 250 kw e per quelli sincroni è tuttavia ammesso un ritardo di disinserimento, solo se per il disinserimento senza ritardo dell IPE è disponibile un dispositivo di protezione separato, p.es. un relé a salto vettoriale (solo in caso di generatori sincroni) o un relé a salto di carica. Per gli impianti equipaggiati con relé a salto vettoriale o a salto di carica si può fare a meno di sorvegliare la frequenza. A seconda del tipo e della dimensione dell IPE possono essere necessari anche dispositivi di protezione supplementari, quali ad es. il relé di corrente inversa. In impianti dotati di ondulatori è sufficiente che le seguenti funzioni di protezione siano soddisfatte: relè di tensione U N + 10% / - 20% tensione minima tensione massima In caso di diminuzione o aumento unipolare della tensione in una fase alimentata dall ondulatore, quest ultimo deve essere sezionato dalla rete su tutte le fasi mediante la sorveglianza della tensione. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 9 di 24

10 8. Compensazione della potenza reattiva In caso di prelievo e fornitura di potenza attiva il cos φ di un IPE deve essere situato entro il limite 0,9 a livello capacitivo e il limite 0,8 a livello induttivo. I valori corrispondenti vanno concordati con il gestore della rete. In caso di IPE di debole potenza (5 kva) si rinuncia generalmente alla compensazione della potenza reattiva. Per gli IPE di potenza maggiore la compensazione della potenza reattiva dipende dalle caratteristiche della rete e del generatore (potenza di cortocircuito nel punto di connessione, dimensioni della rete). Per limitare le tensioni delle componenti armoniche e per un funzionamento senza guasti degli impianti di telecomando centralizzato a frequenza acustica è necessario il blocco dei condensatori di compensazione riducendone la capacità. I condensatori di compensazione eventualmente necessari nel caso di generatori asincroni non possono essere inseriti prima della reinserzione del generatore. I condensatori devono essere disinseriti contemporaneamente al generatore. Per il dimensionamento dei condensatori si deve tener conto del modo di funzionamento dell IPE. Se la potenza di propulsione fluttua molto (impianti ad energia eolica) la compensazione della potenza reattiva dovrebbe essere regolata automaticamente. Nel caso di generatori sincroni il cos φ può essere regolato mediante l eccitazione. Spesso è sufficiente una eccitazione costante, in caso contrario si deve utilizzare una regolazione del cos φ. Gli IPE, che vengono fatti funzionare mediante ondulatori gestiti dalla rete, hanno generalmente un fabbisogno di potenza reattiva che corrisponde all incirca a quello dei generatori asincroni. Per i condensatori ed i generatori asincroni sono pertanto valide le stesse condizioni di manovra. Gli IPE dotati di ondulatori autogestiti hanno un minor fabbisogno di potenza reattiva, cosicché non occorre nessun impianto di compensazione della potenza reattiva. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 10 di 24

11 9. Condizioni per la reinserzione Per evitare le tensioni di ritorno, integrando dei dispositivi tecnici occorre accertarsi che la reinserzione dell IPE sulla rete del gestore di rete sia possibile solo se la tensione di rete è presente su tutti i poli. A tale scopo si può utilizzare la protezione minima di tensione, a condizione che essa sia allacciata sul lato rete del dispositivo di manovra. Per proteggere l IPE si consiglia di prevedere un valore di ritardo dell ordine di minuti tra il ritorno della tensione e il reinserimento. I generatori asincroni che vengono avviati mediante l aggregato, devono essere reinseriti senza tensione con un numero di giri compreso tra il 95% e il 105% della velocità sincrona. Per i generatori sincroni è necessario un dispositivo di sincronizzazione mediante il quale si possono rispettare le seguenti condizioni di sincronizzazione: - differenza di potenziale U < +/- 10% U N - differenza di frequenza f < +/- 0.5 Hz - differenza dell angolo di fase φ +/-10 A seconda del rapporto tra l impedenza della rete e la potenza del generatore può rivelarsi necessario definire limiti più stretti, per evitare ripercussioni inammissibili sulla rete al momento del reinserimento. Gli ondulatori possono essere reinseriti, solo se sono privi di tensione sul loro lato corrente alternata. Nel caso di IPE capaci di funzionare in isola e dotati di ondulatori che non vengono reinseriti senza tensione, si devono rispettare le condizioni di reinserzione per i generatori sincroni. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 11 di 24

12 10. Ripercussioni sulla rete Le ripercussioni degli IPE sulla rete vanno limitate, affinché non venga superata la tollerabilità delle reti pubbliche per le grandezze fisiche perturbatrici. In tal modo si deve poter garantire che altri impianti e mezzi d esercizio non vengano disturbati. Si deve tener conto delle seguenti grandezze perturbatrici e dei loro valori: a) fluttuazioni della tensione e flicker In linea di principio l esercizio di un IPE è autorizzato, se non vengono superati i valori limite stabiliti nella norma EN per la fluttuazione della tensione. Le misure volte a rispettare i valori limite sono descritte nel documento ASE 2.72i. Le condizioni sono soddisfatte anche quando è dimostrato che nel punto di connessione l IPE rispetta le condizioni seguenti: variazione di tensione U < 3 % intensità del flicker su un lungo periodo P lt < 0,5 Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 12 di 24

13 b) correnti di componenti armoniche In linea di principio l esercizio di un IPE è autorizzato, se non vengono superati i valori limite stabiliti nella norma EN per le tensioni delle componenti armoniche. Le misure volte a rispettare i valori limite sono descritte nei documenti ASE 2.72i e 2.66i. D intesa con il gestore della rete, nel caso di generatori di grande potenza possono essere ammesse delle correnti più elevate di componenti armoniche, a seconda della potenza di cortocircuito nel punto di connessione. Nel caso di generatori con punto neutro accessibile, a causa delle possibili correnti dovute alla terza armonica può verificarsi un carico maggiore sul conduttore neutro. Se per consentire un funzionamento in isola con il conduttore neutro accessibile e collegato, si possono adottare le seguenti misure: - generatore con avvolgimento speciale per sopprimere la terza armonica - sezione maggiorata del conduttore del collegamento del punto neutro (125%) - integrazione di una bobina di induzione al punto neutro (tenendo conto della protezione unipolare contro i cortocircuiti) - sorveglianza della corrente del conduttore neutro - interruzione automatica del collegamento del punto neutro con la rete durante l esercizio in parallelo Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 13 di 24

14 11. Ripercussioni sugli impianti di telecomando centralizzato Gli impianti di telecomando centralizzato ad audiofrequenze (ITA) vengono di regola fatti funzionare con frequenze comprese tra i 100 e Hz. La frequenza per il telecomando centralizzato utilizzata localmente può essere richiesta al gestore di rete. I livelli di trasmissione vanno da circa l 1% al 4% dell U N. In caso di impiego di IPE dotati di ondulatori, nella rete possono essere generate tensioni con frequenze che disturbano i ricettori di telecomando centralizzato a frequenza acustica. Per questo motivo il livello della tensione con la frequenza per il telecomando centralizzato utilizzata localmente, che può essere immessa da un ondulatore nel punto di connessione, deve essere limitato allo 0,1% dell U N. Le frequenze delle tensioni generate dall ondulatore, che sono superiori risp. inferiori di 100 Hz alla frequenza per il telecomando centralizzato utilizzata localmente, non devono superare lo 0,3 % dell U N. Se un IPE pregiudica il funzionamento degli impianti di telecomando centralizzato, il gestore deve adottare misure volte ad eliminare il disturbo. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 14 di 24

15 12. Messa in servizio La prima volta che gli impianti di produzione d energia vengono fatti funzionare in parallelo deve essere presente un rappresentante del gestore della rete. Vanno effettuati i seguenti controlli: - visita dell impianto - confronto della struttura dell impianto con il progetto - accessibilità e funzione di sezionatore, secondo le disposizioni, del punto di commutazione accessibile in qualsiasi momento - struttura del dispositivo di misurazione in conformità alle disposizioni tecniche e contrattuali Si deve inoltre effettuare un controllo del funzionamento dei dispositivi di protezione. Esso va effettuato in condizioni reali o mediante simulazione con i rispettivi apparecchi di prova. Si deve inoltre verificare che i dispositivi di protezione reagiscano correttamente e che per le seguenti condizioni d esercizio vengano rispettati i tempi di intervento prestabiliti: - interruzione monofase dell erogazione dalla rete (separata per tutte e tre le fasi) o la prova delle funzioni di comando e di protezione in caso di interruzione monofase dell erogazione dalla rete - interruzione trifase dell erogazione dalla rete - richiusura rapida / reinserimento automatico - variazioni di frequenza (simulazione con l attrezzatura per il collaudo) - controllo delle condizioni di reinserzione della rete - funzione dell impianto di compensazione Per analogia queste verifiche vanno effettuate anche per gli impianti dotati di ondulatori. La messa in servizio, in particolare la verifica del funzionamento dei dispositivi di protezione, deve essere documentata. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 15 di 24

16 13. Funzionamento A livello tecnico il gestore deve sempre tenere in perfetto stato le installazioni dell IPE necessarie per il funzionamento in parallelo alla rete. Deve fare esaminare il buon funzionamento degli interruttori e dei dispositivi di protezione almeno ogni tre anni. Il risultato dei controlli deve essere documentato. Questo verbale serve anche quale prova nei confronti di terzi che la gestione viene effettuata secondo le regole. L IPE può essere collegato alla rete solo se sono soddisfatte le condizioni di reinserimento. In caso di pericolo e in caso di guasto il gestore di rete è autorizzato a separare immediatamente l IPE dalla rete. Le modifiche previste dal gestore nel suo impianto, nella misura in cui esse hanno ripercussioni sull esercizio in parallelo, quali ad esempio l incremento o la riduzione della potenza di immissione, la sostituzione di dispositivi di protezione, le modifiche all impianto di compensazione, comportano l inoltro di un progetto (art. 15 della OPCF) e un accordo tempestivo con il gestore della rete. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 16 di 24

17 14. Esempi di esecuzione Esempio 1 Esercizio in parallelo di impianti di produzione d energia senza funzionamento in isola Generatore sincrono rete a bassa tensione ~ gestore di rete punto di attivazione accessibile in qualsiasi momento secondo il capitolo 4 cassetta di allacciamento dell'edificio/dispositivo di protezione di allacciamento limite di proprietà cliente kwh pre lievo kwh fornitura dispositivo di misurazione secondo il capitolo 5 contatore trifase con dispositivo anti-ritorno distributore ~ 400/230V dispositivo di interruzione secondo il capitolo 6 protezione contro i cortocircuiti protezione contro i sovraccarichi <U >U <F >F si 3~ dispositivo di protezione secondo il capitolo 7 generator Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 17 di 24

18 Esempio 2 Esercizio in parallelo di impianti di produzione d energia senza funzionamento in isola Generatore asincrono rete a bassa tensione ~ gestore di rete punto di attivazione accessibile in qualsiasi momento secondo il capitolo 4 cassetta di allacciamento dell'edificio/dispositivo di protezione di allacciamento limite di proprietà cliente kwh pre lievo kwh forni tura dispositivo di misurazione secondo il capitolo 5 contatore trifase con dispositivo anti-ritorno distributore ~ 400/230V dispositivo di interruzione secondo il capitolo 6 protezione contro i cortocircuiti protezione contro i sovraccarichi <U >U <F >F dispositivo di protezione secondo il capitolo 7 as 3~ generator Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 18 di 24

19 Esempio 3 Esercizio in parallelo di impianti di produzione d energia con funzionamento in isola Generatore sincrono rete a bassa tensione ~ gestore di rete punto di attivazione accessibile in qualsiasi momento secondo il capitolo 4 cassetta di allacciamento dell'edificio/dispositivo di protezione di allacciamento limite di proprietà cliente kwh pre lievo kwh forni tura dispositivo di misurazione secondo il capitolo 5 contatore trifase con dispositivo anti-ritorno distributore ~ 400/230V dispositivo di interruzione secondo il capitolo 6 interruttore di accoppiamento <U >U <F >F interruttore del generatore dispositivo di protezione secondo il capitolo 7 protezione contro i cortocircuiti protezione contro i sovraccarichi Sy 3~ generatore Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 19 di 24

20 Esempio 4 Esercizio in parallelo di impianti di produzione d energia dotati di ondulatori Immissione trifase rete a bassa tensione ~ gestore di rete punto di attivazione accessibile in qualsiasi momento secondo il capitolo 4 cassetta di allacciamento dell'edificio/dispositivo di protezione di allacciamento limite di proprietà cliente kwh pre lievo kwh fornitura dispositivo di misurazione secondo il capitolo 5 contatore trifase con dispositivo anti-ritorno distributore ~ 400/230V dispositivo di interruzione secondo il capitolo 6 protezione contro i cortocircuiti protezione contro i sovraccarichi <U >U dispositivo di protezione secondo il capitolo 7 ~ = ~ = generatore fotovoltaico con ondulatore ~ si 3~ = generatore sincrono con circuito intermedio a corrente continua Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 20 di 24

21 Possibilità di allacciamento del generatore sincrono per l esercizio in parallelo alla rete TN-S TN-S N PEN PE PE morsetto speciale N PEN PE PE morsetto speciale L1 L2 L3 N PE L1 L2 L3 N PE TN-C PE PEN PEN morsetto speciale L1 L2 L3 PEN Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 21 di 24

22 Schiarimenti in merito alla domanda di allacciamento per impianti di produzione d energia Generalità Per l allacciamento nello stesso luogo di parecchi IPE identici è sufficiente una domanda di allacciamento. All occorrenza il gestore di rete può richiedere ulteriori informazioni. Si deve presentare una domanda di allacciamento per: gli IPE con una potenza superiore ai 3,3 kva monofase o ai 10 kva trifase previsti per funzionare in parallelo alla rete di distribuzione dell energia elettrica. In precedenza si deve presentare un progetto all Ispettorato federale degli impianti a corrente forte per approvazione. Consigli per la compilazione della domanda di allacciamento: sezione 1 - La compilazione corretta e completa delle rubriche consente al gestore di rete di disporre i chiarimenti necessari relativi alla rete ed eventualmente le misure richieste per un esercizio sicuro dell IPE nella rete per la distribuzione dell energia elettrica o nell impianto del cliente. sezione 2 - Le indicazioni sono necessarie per scopi statistici e le successive regolamentazioni contrattuali. sezione 3 - Gli impianti ad accoppiamento termico (IAT) possono essere gestiti termicamente o elettricamente. Nel caso di impianti gestiti termicamente la potenza fornita alla rete viene regolata secondo la quantità di calore necessaria. Nel caso di IPE gestiti elettricamente la potenza fornita alla rete viene regolata secondo la quantità di corrente necessaria. - Per l indicazione della potenza massima fornita alla rete per l erogazione di energia elettrica si deve tenere conto del fatto che durante i fine settimana o i giorni festivi il proprio fabbisogno di corrente può essere minimo, l IPE produce però a pieno regime. - Sotto potenza massima assorbita in caso di avaria dell impianto va indicata la potenza complessiva che in caso di guasto dell IPE il gestore di rete deve mettere a disposizione del cliente. Occorre tener conto del fatto che in caso di avaria dell IPE il gestore di rete non deve sostituire l intera potenza dell impianto, poiché determinati utenti vengono disinseriti o vi era una fornitura di ritorno verso la rete di distribuzione di energia elettrica. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 22 di 24

23 sezione 4 A seconda del tipo di impianto in questa sezione occorre indicare i parametri corrispondenti. - Nel caso di un impianto ad accoppiamento termico (IAT) viene richiesto il rendimento termico massimo per un esercizio nominale. - Per l ondulatore nel caso degli impianti fotovoltaici per motivi statistici viene richiesta anche la superficie dei pannelli in m². - Nel caso di generatori asincroni e impianti dotati di ondulatori si deve indicare la potenza della compensazione della potenza reattiva. - Per il punto di fornitura dell energia (morsetti di connessione del contatore) quale fattore di potenza si deve indicare il cos ϕ. sezione 5 - Il concetto di protezione deve soddisfare le esigenze del capitolo IPE delle prescrizioni aziendali. - Per il dimensionamento degli interruttori il locale gestore di rete comunica su richiesta la potenza di cortocircuito della rete nel punto di connessione. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 23 di 24

24 Azienda distributrice di energia elettrica (gestore di rete) Domanda di allacciamento per impianti che funzionano in parallelo alla rete di distribuzione dell energia elettrica 1. Indicazioni generali contrassegnare con una crocetta ciò che fa al caso Nome e recapito del cliente (proprietario dell impianto) N. telefono N. di fax Ubicazione dell impianto, eventualmente n. della parcella Tipo di edificio N. telefono casa unifamiliare casa plurifamiliare piccola industria industria N. di fax Nome e recapito dell azienda che effettua il lavoro Collaboratore responsabile N. telefono Data presunta di messa in servizio N. di fax 2. Genere di impianto / vettore energetico impianto nuovo trasformazione di impianto esistente solo produzione di elettricità impianto ad accoppiamento termico (IAT)/CTEB energia idraulica energia solare nafta gas naturale biogas rifiuti 3. Genere di funzionamento / produzione di energia impianto collegato alla rete in continuazione impianto d emergenza, collegato alla rete di tanto in tanto fornitura di ritorno verso la rete misurazione della fornitura di ritorno Impianto IAT gestito termicamente gestito elettricamente Potenza mass. fornita alla rete Potenza mass. assorbita in caso di avaria dell impianto Ore di funzionamento previste per anno kw kw h/a Presunta fornitura di ritorno d energia nel semestre invernale (da ott. a marzo) nel semestre estivo (da aprile a sett.) kwh kwh 4. Dati tecnici / dati nominali Potenza installata complessiva elettrica kw termica kw ondulatore generatore sincrono generatore asincrono quantità superficie dei pannelli m² prodotto/tipo potenza nominale kw tensione x V potenza apparente kva cos ϕ potenza di cortocircuito kv compensazione della potenza reattiva kvar frequenza di strozzatura Hz 5. Allegati concetto di protezione copia del progetto approvato dall ESTI 6. Firma del gestore della rete Luogo Data Firma 7. Decisione del gestore della rete approvato approvato previa adozione di misure Data Firma Osservazioni 8. Controlli di collaudo Controllo dell'installazione secondo l OIBT Controllo del concetto di protezione Autorizzazione di esercizio Rilevamento statistico Data Visto Ispettorato federale degli impianti a corrente forte pagina 24 di 24

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica SPECIALE TECNICO Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica Francesco Groppi Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI, CT82, Working Group 2 Inverter) SPONSOR www.fronius.com www.mastervoltsolar.it

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

ELEMENTI DI ELETTROTECNICA

ELEMENTI DI ELETTROTECNICA ELEMENTI DI ELETTROTECNICA 1. TENSIONE E CORRENTE La storia dell elettricità prende avvio dalla particolare proprietà di una sostanza, l ambra, che strofinata con altra sostanza in grado di riscaldarsi,

Dettagli

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a.

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Guida tecnica N. 6 Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. 2 Guida tecnica N.6 - Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Indice 1. Introduzione... 5 2. Nozioni di base sul fenomeno delle

Dettagli

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito GUIDA TECNICA La distribuzione in bassa tensione Scemi di collegamento a terra 480 Tensioni, sovratensioni 482 Qualità dell energia 483 Miglioramento della qualità della rete 488 489 Dispositivi di apertura

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 Ed. 4.0 - ALL1/33 ALLEGATO A: ALLEGATO B: DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 ALLEGATO C: SCHEMA DI CONTRATTO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Manuale - parte 1. Descrizione del generatore e istruzioni per l uso. Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima

Manuale - parte 1. Descrizione del generatore e istruzioni per l uso. Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima Manuale - parte 1 Descrizione del generatore e istruzioni per l uso Generatore Marine Panda 8000 NE Tecnologia silenziosissima 230V - 50 Hz / 6,5 kw Icemaster Fischer Panda 25 20 10 10 10 since 1977 Icemaster

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Modulo delle modifiche per gestori di reti di distribuzione e clienti finali allacciati alla rete di trasmissione

Modulo delle modifiche per gestori di reti di distribuzione e clienti finali allacciati alla rete di trasmissione Pagina 1 di 5 Modulo delle modifiche per gestori di reti di distribuzione e clienti finali allacciati alla rete di trasmissione Prima di compilare il modulo presti attenzione a quanto segue: - qualsiasi

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

IMPIANTISTICA DI BORDO

IMPIANTISTICA DI BORDO IMPIANTISTICA DI BORDO 1 ELEMENTI DI ELETTROTECNICA 2 MAGNETISMO ED ELETTROMAGNETISMO 3 PRODUZIONE,TRASFORMAZIONE E DISTRIBUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA A BORDO 4 ALTERNATORI E MOTORI SINCRONI 5 MOTORI

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Regole di sicurezza per lavori su linee aeree ad alta tensione

Regole di sicurezza per lavori su linee aeree ad alta tensione Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI Regole di sicurezza per lavori su linee aeree ad alta tensione Autori TK 11, SUVA, AES, ESTI Valide dal 1 aprile 2011 Sostituiscono STI Nr. 245.0803

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Settembre 2007 1SDC007104G0901 Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Indice 1 Introduzione... 2 2 Generalità sulla corrente continua...

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI La Guida sulla Qualità dell'alimentazione Elettrica negli Impianti Industriali

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com Rifasamento industriale e penali in bolletta www.icar.com- sales@icar.com Le penali per basso cosfi Le Aziende Distributrici applicano le penali per basso cosfi perché : devono predisporre impianti di

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Prestazioni funzionali, prestazioni energetiche e sicurezza nei sistemi elettrici

Prestazioni funzionali, prestazioni energetiche e sicurezza nei sistemi elettrici Prestazioni funzionali, prestazioni energetiche e sicurezza nei sistemi elettrici A cura di Silvia Berri Responsabile Comunicazione e Promozione CEI e Cristina Timò Direttore Tecnico CEI Nel contesto degli

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli