COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA"

Transcript

1 Versione Allegato 3 alla del. 281/05 REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE NOMINALE SUPERIORE AD 1kV DEL COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA 1

2 1.0 PREMESSA Le presenti REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE DEL COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA vanno applicate a tutte le connessioni di impianti elettrici corrispondenti a clienti finali che prelevano energia elettrica dalle reti di media tensione (3 / 16,4 kv) del COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA di seguito AEC PARCINES. Per le connessioni di impianti elettrici di produzione di energia elettrica, le presenti regole tecniche vanno integrate con quanto previsto dalle prescrizioni ENEL DK 5740 e dalla NORMA CEI

3 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE Le presenti prescrizioni si applicano in modo specifico agli allacciamenti alla rete MT a tensione 3 kv e 16,4 kv, per altri valori di tensione MT devono essere applicate per analogia. I criteri si applicano: integralmente ai nuovi allacciamenti e in occasione del rifacimento di impianti esistenti; limitatamente alla misura dell energia e relativo locale, per tutti i clienti dotati di gruppi di misura elettronici 3.0 TENSIONE DI ALIMENTAZIONE Premesso che nella rete di distribuzione MT dell AEC PARCINES sono presenti i livelli di tensione 3 kv e 16,4 kv e che la tendenza va verso un progressivo sviluppo della rete a 16,4 kv, si fissa il livello di isolamento 24 kv come standard per le apparecchiature da installare dal richiedente la connessione. 4.0 NORME E PRESCRIZIONI Leggi e Delibere Norme CEI DPRn.462 del CEI II I - Del. 281/05 AEEG CEI II -20 Del. 247/04 AEEG CEI II - 35 ENEL DK 5740 CEI II 37 CEI 64-8 CEI EN I/I CEI EN CEI EN I CEI EN CEI EN DEFINIZIONI Impianto di consegna: complesso delle apparecchiature di manovra e di misura installate da AEC PARCINES tra il punto di arrivo della/e linea/e MT ed il punto di prelievo. L'impianto di consegna è parte integrante dell'impianto di rete per la connessione. Sezione ricevitrice: complesso di apparecchiature e dispositivi che costituisce l'impianto di utenza per la connessione. Punto di prelievo: punto di confine tra l'impianto di rete per la connessione e l'impianto cliente. Il punto di prelievo è individuato dai morsetti cui si attesta il terminale del cavo di collegamento lato impianto di consegna. Cavo di collegamento: tratto di cavo/i, completo di terminazioni che collega l'impianto di consegna alla sezione ricevitrice del cliente. 3

4 Dispositivo generale (DG): complesso di apparecchiature nella sezione ricevitrice che ha la funzione di sezionamento, comando e interruzione. Tale dispositivo separa dall'alimentazione, in condizioni di "aperto", il restante impianto utilizzatore. Nel seguito di questo documento è indicato più brevemente come DG. Protezione generale (PG): complesso dei dispositivi di protezione che comandano il DG. Interruttore di linea: interruttore della linea AEC PARCINES che alimenta il cliente. Di norma è posto in cabina primaria. Protezione di linea: protezione che comanda 1` interruttore della linea AEC PARCINES che alimenta il cliente. Locale consegna: locale in cui è ubicato l'impianto di consegna. Locale misura: locale in cui sono ubicati i gruppi di misura. Locale cliente: locale in cui è ubicata la sezione ricevitrice dell'impianto utilizzatore. 6.0 DISPOSIZIONI GENERALI Le caratteristiche della tensione fornita al cliente sono conformi a quanto riportato nella CEI EN Il cliente è tenuto ad installare apparecchiature conformi alla normativa sulla compatibilità elettromagnetica IEC serie in materia di limiti di emissione ed immunità ai disturbi elettromagnetici. La rete AEC PARCINES è esercita con neutro isolato. 6.1 MISURA DELL ENERGIA La misura dell'energia si esegue in media tensione, rilevando le grandezze nell'impianto di consegna. La cavetteria secondaria dei circuiti di misura dovrà essere protetta, nel tratto dal locale di consegna a quello di misura, con tubo flessibile da 1" in acciaio zincato rivestito esternamente con guaina in PVC. Ogni tubo deve avere alle estremità opportuni raccordi filettati atti ad impedire lo sfilamento dal contenitore cui è connesso. All'interno del locale misura i tubi devono essere fissati a vista sulle pareti. Sarà cura del cliente predisporre un'apposita canalizzazione per il passaggio della cavetteria allestita come sopra indicato. 6.2 SCHEMI DI ALLACCIAMENTO L impianto di consegna puó essere alimentato, a discrezione dell AEC PARCINES in derivazione o in entra-esce. Le dimensioni del locale di consegna devono di regola consentire l adozione dello schema di alimentazione in entra-esce, che potrebbe rendersi necessario in un secondo tempo. Per l'installazione delle apparecchiature degli impianti di rete e d'utenza per la connessione sono necessari i seguenti locali (Fig.1): 4

5 un locale con accesso diretto da strada pubblica riservato all'impianto di consegna AEC PARCINES (locale consegna); un locale con accesso diretto da strada pubblica per AEC PARCINES e con accesso per il cliente, in cui sono installati i gruppi di misura (locale misura); un locale adiacente al locale di consegna per la sezione ricevitrice dell'impianto utilizzatore (locale cliente); Le diverse possibilità di allacciamento sono rilevabili, per maggior chiarezza, dai disegni di seguito esposti. Figura POTENZA INSTALLABILE Al fine di non provocare interventi intempestivi della protezione di massima corrente della linea MT durante le manovre di chiusura automatica degli interruttori di linea MT AEC PARCINES o di messa in servizio dei propri impianti, il cliente non può inserire contemporaneamente più di due trasformatori per una potenza complessiva pari a 800 kva nella rete 16,4 kv. In caso contrario dovrà prevedere nel proprio impianto opportuni dispositivi al fine di evitare la contemporanea energizzazione di quei trasformatori che determinano il superamento delle limitazioni suddette. Le stesse disposizioni valgono anche per quei trasformatori che normalmente lavorano in parallelo. Per questioni tecniche nella rete 3 kv il parallelo di piú trasformatori è esclusiavamente vietato. Prima di andare in servizio comunque il cliente deve dimostrare quanto sopra prescritto. 5

6 6. 4 ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA Qualora il cliente ritenga non sufficientemente affidabile il normale schema di allacciamento può richiedere all'aec PARCINES di fornire un'alimentazione di emergenza tramite un'altra linea MT. Tale alimentazione d'emergenza costituisce a tutti gli effetti un ulteriore allacciamento alla rete MT per il quale dovranno essere concordate opportune modalità d'esercizio al fine di evitare paralleli fra le due reti MT. 6.5 UTENZE CON FONTI DI ENERGIA PROPRIA Per i clienti produttori dotati di generatori che possono entrare in parallelo con la rete MT dell'aec PARCINES, le presenti disposizioni devono essere integrate con quanto previsto dalla specifica convenzione ENEL DK5740 e dalla Norma CEI In presenza di impianto di produzione destinato al servizio di riserva (gruppo elettrogeno), il cliente dovrà prevedere apparecchi di commutazione, adeguatamente interbloccati per impedire paralleli, anche accidentali, fra il proprio sistema di alimentazione e la rete AEC PARCINES. A tale scopo devono essere installati nel punto di confine fra la parte di rete del cliente abilitata al funzionamento in isola con il gruppo elettrogeno e la restante rete del cliente e tra la rete abilitata al funzionamento in isola ed il gruppo elettrogeno stesso due dispositivi interbloccati elettricamente e meccanicamente o con un solo blocco elettrico realizzato in conformità a quanto previsto dalla norma CEI Nel caso in cui il cliente sia dotato di gruppi statici di continuitá per servizi non interompibili di un certo rilievo, e quindi non di tipo mobile monofase < 6kW, si deve evitare che tali apparecchiature possano fornire, anche transitoriamente, energia alla rete AEC PARCINES. La separazione di tali apparecchiature dalla rete deve essere garantita, oltre che dal dispositivo statico anche da un dispositivo capace di assicurare una separazione metallica rispondente alle norme CEI 64-8, CEI EN /1 e CEI EN La richiusura automatica o manuale di tale sezionamento deve essere possibile solo dopo la ripresa del servizio sulla rete AEC PARCINES. L'AEC PARCINES si riserva di presenziare alle prove di funzionamento di suddetti dispositivi contro il parallelo e/o il trasferimento di energia al momento della messa in servizio e di richiederne, in qualsiasi momento, l'effettuazione alla presenza dei propri incaricati. 7.0 IMPIANTI 7.1 IMPIANTO DI CONSEGNA L'impianto di consegna è allestito dall'aec PARCINES in un locale messo a disposizione dal cliente ed il cui accesso è riservato esclusivamente all'aec PARCINES che resta proprietaria dell'impianto di consegna e ne cura l'esercizio e la manutenzione. Può essere prevista anche l'installazione di un trasformatore MT/BT da adibire all'alimentazione della rete BT di distribuzione pubblica. 7.2 IMPIANTO UTILIZZATORE L'insieme dell'impianto utilizzatore é di esclusiva pertinenza del cliente che ne cura il progetto, la costruzione, la manutenzione, la riparazione, l'esercizio e la rispondenza alle vigenti norme antinfortunistiche e CEI. La tensione di riferimento per l isolamento delle apparecchiaure è di 24kV. 6

7 Per la trasformazione MT/BT devono essere utilizzati esclusivamente trasformatori trifase con collegamento triangolo sul primario (gruppo Dyn11). Per esigenze particolari (quali saldatrici, azionamenti, ecc. devono essere adottati collegamenti diversi in accordo con AEC PARCINES. Il cavo di collegamento MT, comprese le due terminazioni, tra il punto di consegna e il dispositivo generale dell'impianto utilizzatore è completamente fornito e messo in opera dal cliente e deve essere il piú corto possibile e di sezione almeno di equivalente al 95 mm² rame del tipo RG7H1R1 oppure 150 mm² aluminio NAXS(F)2Y. Le caratteristiche elettriche (correnti di breve durata, potere di interruzione, livello di isolamento, tenuta ad impulso ecc.) dei materiali (interrruttori, interruttori di manovrasezionatori, cavi, isolatori ecc.) costituenti la sezione ricevitrice devono essere adeguate al tipo di installazione. AEC PARCINES fornirà al cliente i dati della rete di alimentazione per consentirgli di dimensionare correttamente il proprio impianto Dispositivo generale Nella cella di ingresso alla cabina utente deve essere installato un unico "dispositivo generale (DG)". Di regola il dispositivo generale (DG) é costituito, a partire dal lato alimentazione, da un sezionatore tripolare corredato di lame di terra lato cavo di alimentazione, interbloccate con il comando di sezionamento di linea, ed un interruttore di potenza fisso con relative protezioni generali (PG). (FIGURA soluzione tipo sotto) Il sezionatore di terra deve essere predisposto con sistema di interblocco a chiave. La chiave deve essere consegnata all AEC PARCINES. La messa a terra di tale sezionatore va eseguita solo di comune accordo con l AEC PARCINES: Se l interruttore di potenza é di tipo estraibile (CEI 17-6) il sezionatore di linea può essere omesso. Nel caso che l impianto MT del cliente non comprenda linee aeree in conduttori nudi di qualsiasi lunghezza, oppure linee in cavo, di estensione maggiore di 20 m, non ha sviluppo di rete MT interna e l impianto BT del cliente é alimentato da un unico trasformatore MT/BT di potenza non superiore a 400 kva, é ammessa l installazione di un interruttore di manovra-sezionatore (IMS) combinato con fusibili a condizione del rispetto della Relazione Tecnica della Del. 247/04 dell AEEG) punto (FIGURA sotto) 7

8 (soluzione tipo) 8

9 CARATTERISTICHE DELL INTERRUTTORE DI POTENZA TENSIONE NOMINALE: LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE: FREQUENZA NOMINALE: CORRENTE NOMINALE: POTERE DI INTERRUZIONE (1 sec.) POTERE DI CHIUSURA NOMINALE: TENSIONE NOMINALE DI TENUTA A IMPULSO ATMOSFERICO: 20 kv 24kV 50 Hz 400 A 16 ka 40kA 125 Kv CARATTERISTICHE DELL INTERRUTTORE DI MANOVRA SEZIONATORE (Non accettato da AEC PARCINES per impianti nuovi) TENSIONE NOMINALE: LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE: FREQUENZA NOMINALE: CORRENTE NOMINALE: CORRENTE NOMINALE DI BREVE DURATA: POTERE DI CHIUSURA NOMINALE: TENSIONE NOMINALE DI TENUTA A IMPULSO ATMOSFERICO: 20 kv 24kV 50 Hz 400 A 16 ka 40 ka 125 kv Sia l interruttore di manovra-sezionatore che i fusibili devono essere accessibili per sostituzione o manutenzione senza che occorra mettere fuori servizio il cavo di collegamento. Le apparecchiature MT, in particolare quelle DG, devono essere costantemente mantenute efficienti dal cliente (DEL. 247/04) PROTEZIONI GENERALE (PG) Per evitare che guasti interni all impianto cliente abbiano effetti sull esercizio della rete di distribuzione dell AEC PARCINES, il cliente é tenuto ad installare delle opportune protezioni tarate secondo le caratteristiche della rete MT (da concordare con AEC PARCINES) alla quale esso é allacciato. Le protezioni generali (PG), devono asservire dispositivo generale (DG, in grado di discriminare i guasti polifase (massima corrente) e i guasti monofase a terra (massima corrente omeopolare e direzionale di terra, in conformità con l esercizio del neutro isolato. A valle del DG le tarature delle PG devono essere effettuate secondo il criterio di selettivitá, in base a quanto dettato da AEC PARCINES e mantenimento delle stesse tarature fino a successiva indicazione da parte di AEC PARCINES: La protezione di massima corrente di terra deve essere realizzata mediante relé di tipo unipolare almeno su due fasi a due soglie d intervento, una di sovraccarico, una di cortocircuito entrambe a tempo indipendente definito. La protezione contro i guasti a terra deve essere realizzata mediante protezione direzionale di terra a due soglie TARATURA RELE DI PROTEZIONE La taratura della PG dipende dalle caratteristiche dell impianto e della rete AEC PARCINES di alimentazione. I valori di taratura della protezione generale verranno comunicati da AEC PARCINES al cliente. IMPORTANTE: 9

10 Le protezioni degli impianti del cliente dovranno essere tarate in modo tale che l apertura dell interruttore del cliente avvenga, salvo i casi di guasti per cortocircuito in cui la corrente di guasto è superiore alla soglia di intervento tarata a tempo zero (solo tempo di protezione sommato al tempo di manovra interruttore), prima dell intervento della protezione di linea, e in modo tale che, in tutti i casi di guasto sugli impianti di utenza, l interruttore del cliente risulti aperto all atto della richiusura di linea, anche ai fini di sicurezza. Le protezioni generali (PG) devono essere conformi alle norme CEI EN e CEI EN , questo a garantire di esercire l impianto in modo da non arrecare disturbi come armoniche, flicker, sovratensioni etc. alla rete dell AEC PARCINES. Tale conformitá deve essere attestata da documentazione di prova di tipo, emessa da laboratorio accreditato da ente facente capo all EUROPEAN COOPERATION FOR ACREDITATION (EA) fornita dai costruttori di apparecchiature di protezione. In Italia l ente accreditante è il SINAL. Ai fini della sicurezza della rete di distribuzione AEC PARCINES si riserva il diritto ad accedere agli impianti del cliente ai fini di controllo tecnico (Verifica tarature, corrispondenza impianti alle normative ecc.). In caso di registrazioni automatiche (rilevatori caratteristiche di tensione) AEC PARCINES ha diritto di accedere alle registrazioni automatiche ai fini di controllo tecnico. A.) RELE DI MASSIMA CORRENTE: - intervento prima soglia: t<0.5 s - I<50% (della rispettiva soglia di protezione di linea; valore sarà comunicato al cliente dall AEC PARCINES.) - intervento seconda soglia: t = senza ritardo - I<50% (della rispettiva soglia di protezione di linea; valore sarà comunicato al cliente dall AEC PARCINES.) N.B. Il tempo complessivo tra l intervento del relè e l apertura dell interruttore non deve superare i 150 ms. B.) RELE DI MASSIMA CORRENTE OMOPOLARE: - tempo di intervento: t=senza ritardo - valore di intervento Io: Io <4A N.B. Il tempo complessivo tra l intervento del relè e l apertura dell interruttore non deve superare i 150 ms. C.) RELE DIREZIONALE DI TERRA: - tempo di intervento: t<0.05 s - caratteristica di intervento (IoVo) medesima della caratteristica di intervento della linea MT (valore sarà comunicato al cliente dall AEC PARCINES. N.B. Il tempo complessivo tra l intervento del relè e l apertura dell interruttore non deve superare i 150 ms. D.) CALIBRO FUSIBILI: - fusibili ad alto potere di interruzione, dimensionati dal cliente in funzione dell impianto utilizzatore. In <= 63A 7.5 RIDUTTORI DI CORRENTE La protezione di massima corrente deve essere alimentata da riduttori di corrente (TA) che ne garantiscono il corretto funzionamento per correnti primarie fino a 10kA con classe di precisione di almeno 10P30. 10

11 La protezione di massima corrente omopolare o direzionale di terra deve essere alimentata da un riduttore di corrente toroidale (TA) che dovrà avere rapporto 60/1 e prestazioni almeno equivalenti alla classe 5P20. Per la protezione direzionale di terra, oltre al TA toroidale sopra specificato, saranno necessari anche dei riduttori di tensione (TV) da collegare rigidamente alla sbarra MT. I TV devono avere almeno classe di precisione 6P, fattore di tensione 1.9 per 8 ore e rapporto di trasformazione tale da fornire, in caso di guasto monofase a terra franco, da 100V ai terminali dei secondari collegati a triangolo aperto. Qualora non si utilizzino riduttori tradizionali il sistema di protezione deve comunque sempre garantire il funzionamento come sopra specificato. 7.6 IMPIANTO DI TERRA Il locale di consegna e di misura devono essere dotati di adeguato impianto di terra. Deve essere previsto nel locale consegna un punto di connessione all impianto di terra, dove saranno collegate le masse delle apparecchiature installate nel medesimo locale. La realizzazione, la gestione e la responsabilità dell efficienza nel tempo dell impianto di terra sono di esclusiva competenza del cliente. Per il dimensionamento di tale impianto, il progettista deve richiedere all AEC PARCINES il valore della corrente di guasto a terra della rete d alimentazione ed il tempo di eliminazione dello stesso secondo le norme CEI Nel caso si verificasse la necessità di eseguire le misure di passo e di contatto, il richiedente la conessione deve richiedere all AEC PARCINES l autorizzazione per accedere al locale consegna. Prima della messa in servizio dell impianto, il cliente dovrá far effettuare la verifica dell impianto di terra e consegnare ad AEC PARCINES la relativa certificazione (dichiarazione di conformitá dell impianto di terra ai sensi dell articolo 2 del DPR 22 ottobre 2001 n.462 costituita da un attestato ai sensi della legge 46/90 (relativamente all impianto di terra) del TECNICO ABILITATO regolarmente iscritto ad un ordine o collegio professionale. Una copia dell attestato deve essere consegnata all AEC PARCINES) riportando i seguenti dati: 1. nominativo ed indirizzo (incluso numero telefono, fax e/o ) del cliente; 2. indirizzo del luogo dove deve avvenire la fornitura; 3. data esecuzione della verifica; 4. valore della corrente convenzionale di guasto a terra comunicato da AEC PARCINES; 5. valore del tempo di intervento della protezione contro i guasti a terra comunicato da AEC PARCINES; 6. data della comunicazione dei dati di cui ai precedenti due punti; 7. valore della resistenza di terra, misurata secondo le prescrizioni delle Norme CEI 64-8; 8. planimetria dell impianto di terra 9. Attestazione abilitá tecnico facente le verifiche e nominativo completo di indirizzo dello stesso. IMPORTANTE La verifica periodica dell impianto di terra e l eventuale manutenzione devono essere effettuati ad intervalli non superiori a 3 anni (CEI 11-1/1999 punto 9.9.). In occasione di queste verifiche il richiedente la connessione deve chiedere all AEC PARCINES il valore aggiornato della corrente di guasto a terra della rete di alimentazione. Copia del verbale di verifica deve essere consegnato su richiesta all AEC PARCINES. 11

12 8.0 LOCALI Per ottenere la fornitura MT il cliente deve mettere a disposizione dell AEC PARCINES un locale, con l accesso da strada aperta al pubblico, per l impianto di consegna e un locale misura come riportato in Figura nr. 2. Questi locali devono essere ubicati in accordo con l AEC PARCINES. possibilmente ai margini della proprietà del cliente e possono essere costruiti come fabbricato isolato o ricavati in strutture civili esistenti. La posizione dei locali deve essere inoltre tale che le linee MT AEC PARCINES, necessarie per l allacciamento, possano essere costruite e mantenute nel rispetto delle vigenti norme sugli impianti e sulla sicurezza e non siano soggette a futuri spostamenti per tutta la durata della fornitura. I locali devono avere caratteristiche statiche e meccaniche adeguate alle sollecitazioni dovute al montaggio degli impianti interni certificate dai rispettivi enti. Le misure minime dei locali devono corrispondere al disegno riportato sotto. 12

13 Figura nr.2 Pianta prospetto 13

14 In ogni caso il progetto degli impianti di consegna deve essere sottoposto preventivamente all approvazione dell AEC PARCINES. Tutti i locali devono essere dotati di un adeguato impianto di illuminazione (grado di protezione IP65) formato da due tubi a fluorescenza da 36 W ciascuno e di una presa bipolare da 16 A V. L impianto di illuminazione e la presa bipolare saranno alimentati dalla rete BT del cliente richiedente la connessione. Il locale di consegna deve essere conforme alle disposizioni antincendio in vigore, e le aperture devono comunicare solo con spazi a cielo aperto. I locali di consegna e di misura devono essere dotati di porta unificata AEC PARCINES fornita dal cliente, dove la serratura sarà fornita dall AEC PARCINES e messa in opera dal cliente. I lavori di manutenzione ai locali spettano al cliente richiedente la connessione, salvo quei piccoli interventi nei locali consegna e contatori attribuibili alla presenza ed all esercizio degli impianti. 9.0 DOCUMENTAZIONE DA FORNIRE ALL AEC PARCINES La messa in servizio dell allacciamento in MT é subordinata alla realizzazione di tutte le opere e degli impianti di sua spettanza in modo conforme a quanto previsto dalle presenti disposizioni. Al riguardo AEC PARCINES fornirá informazioni preliminari necessarie per una corretta progettazione. Il cliente deve fornire ad AEC PARCINES, in tempo utile per ogni eventuale preventiva valutazione ed osservazione, la seguente documentazione. 1 - scheda in allegato A rilievo caratteristiche impianto utilizzatore compilata in ogni sua parte; disegni costruttivi di massima quotati (piante e sezioni) dei locali di consegna e misura; 4 - descrizione (lunghezza, tipo e caratteristiche) del cavo MT di collegamento e delle sue terminazioni, del sezionatore generale, dell interruttore generale; descrizione delle protezioni adottate sul lato MT e dei loro paramentri di intervento; schema unificare e descrizione delle caratteristiche tecniche della rete MT comprese le unitá di trasformazione MT/BT con indicazione dei possibili assetti di esercizio; 5 - marca e modello delle protezioni di massima corrente e protezioni per guasti di terra e relativi riduttori di corrente ed eventualmente di tensione affinché AEC PARCINES possa riscontrare la conformitá alla presente specifica; 6 -copia delle caratteristiche, della configurazione dell impianto di terra e verbale di verifica dell impianto di terra come da punto 7.6 delle presenti linee guida; 7 - copia della certificazione di conformità dell impianto elettrico utilizzatore, ai sensi della legge nr 46/90 e relativo DPR 447 del , compilata dall installatore abilitato; 8 - descrizione sommaria dei dispositivi di blocco adottati contro il collegamento in parallelo delle alimentazioni, dove fosse presente una fonte di energia autonoma di soccorso (gruppi elettrogeni, gruppi statici di continuitá); 9 - certificazione comprovante le prestazioni delle strutture (Opere murarie) prescritte da AEC PARCINES nella presente linea guida.. 14

15 10.0 ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA La data per la messa in tensione dell impianto sarà concordata tra AEC PARCINES e il cliente ed a tal fine l AEC PARCINES provvederà ad inviare al cliente una lettera, il cui facsimile è allegato alle presenti linee guida. Il giorno concordato per la messa in servizio del collegamento, l AEC PARCINES invierà un proprio rappresentante appositamente delegato (vedi allegato Attivazione collegamento MT) che metterà in servizio l impianto, alla presenza dell incaricato del cliente. Prima della messa in servizio è necessario controllare che l impianto del cliente sia rispondente alle prescrizioni. All atto della messa in servizio il cliente o il suo rappresentante abilitato dovrá sottoscrivere, oltre agli altri documenti, anche l apposita dichiarazione di conferma di allacciamento riportata in allegato. Successivamente saranno effettuate le seguenti operazioni: - apertura del sezionatore di terra nel locale cliente, bloccaggio della manovra con apposito lucchetto e sigillatura della relativa chiave; - chiusura dell interruttore di manovra-sezionatore nel locale consegna; Durante tutto il tempo occorrente per eseguire le operazioni sopra riportate, l incaricato del cliente è responsabile del rispetto delle vigenti Norme Antinfortunistiche. Durante tutto il corso del contratto il cliente è tenuto a eseguire i controlli necessari ed una adeguata manutenzione dei propri impianti al fine di non arrecare disturbo alla rete AEC PARCINES di distribuzione; AEC PARCINES puó richiedere che alcuni controlli siano ripetuti dal cliente in presenza del proprio personale LAVORI SUL CAVO MT TRA LOCALE CONSEGNA E LOCALE CLIENTE Nel caso il cliente abbia la necessità di eseguire lavori sul cavo di media tensione che collega il locale consegna con la sua cabina MT, egli dovrà avvertire per iscritto l AEC PARCINES che provvederà ad inviare alla data concordata un proprio incaricato. 15

16 ALLEGATO: Attivazione collegamento MT (Facsimile di lettera da inviare al cliente per l attivazione del collegamento MT) Oggetto: Attivazione collegamento MT Con la presente Vi informiamo che il giorno... alle ore... il signor... per incarico dell AEC PARCINES provvederà ad alimentare la Vs. fornitura in media tensione sita a Le manovre necessarie saranno eseguite in presenza di un Vs. incaricato, il quale firmerà per Voi, al momento dell attivazione della fornitura, la dichiarazione riportata in calce. Il nome del Vs. incaricato ci dovrà essere comunicato con congruo anticipo. L AEC PARCINES resta pertanto sollevata da ogni responsabilità civile e penale, per infortuni e danni di qualsiasi entità e natura a persone o cose, che dovessero derivare dalla presenza o dall esercizio della Vs. cabina di trasformazione a valle del punto di consegna. Ci permettiamo di ricordarvi che é obbligo del richiedente la connessione provvedere costantemente al mantenimento ed all esercizio della cabina in conformità alle Norme di legge, ivi comprese quelle per la prevenzione infortuni sul lavoro, oltre che, dove non preveda la legge, alle Norme del Comitato Elettrotecnico Italiano - CEI ed agli accorgimenti che comunque si rendano necessari ai fini della sicurezza. In particolare resta interamente responsabilità del cliente richiedente la connessione dell impianto di terra, al quale sono pure collegate le masse metalliche delle apparecchiature di AEC PARCINES del quale il richiedente la connessione ha fornito certificazione di conformità alle vigenti Norme. Infine si fa presente che le tarature delle protezioni dell interruttore generale dovranno essere corrispondenti ai valori concordati con il personale di AEC PARCINES. e riportati nella Scheda allegato A consegnata ad AEC PARCINES. Eventuali disservizi provocati sulla rete di AEC PARCINES causa la non osservanza di quanto sopra riportato nei vari capitoli ricadranno sotto la responsabilità del cliente richiedente la connessione. Ad AEC PARCINES deve essere in ogni caso garantito l accesso agli impianti interessati alla connessione onde potere verificare la rispondenza delle tarature di protezione, verifica degli impianti alle normative CEI vigenti ed accesso ai dati rilevati da eventuali rilevatori di tensione automatici. Firma e timbro ditta: Data: (Il cliente deve restituire copia della presente sottoscritta per accettazione inviandola ad AEC PARCINES.) 16

17 ALLEGATO: Dichiarazione conferma di allacciamento (Facsimile da sottoscrivere all atto della messa in servizio di allacciamento) Il sottoscritto...::... a nome e per conto della Ditta... dalla quale é stato all uopo incaricato, dichiara di prendere atto che dal giorno / / dalle ore : : la cabina di trasformazione sita in località... e di proprietà della Ditta predetta, deve a tutti gli effetti considerarsi in tensione. Pertanto solleva AEC PARCINES da ogni responsabilità, dichiarando di aver reso edotti tutti gli interessati che l impianto in questione è in tensione e pertanto non accessibile. Data... ore Firma... Firma incaricato AEC PARCINES Modulo in dupplice copia- Originale: AEC PARCINES copia: cliente 17

18 (FACSIMILE da inviare ad AEC PARCINES) SCHEDA allegato A Rilievo tipo di utilizzazione dell energia elettrica fornita in MT CLIENTE ( Nominativo / Ragione sociale ):... INTERLOCUTORE:... INDIRIZZO:... TEL:... FAX:... ATTIVITÀ SVOLTA:... USO SETTIMANALE DEGLI IMPIANTI - NR GIORNI:...ORE/GIORNO: CARATTERISTICHE IMPIANTO MT DEL CLIENTE: LOCALI DI CONSEGNA E MISURA: X IN EDIFICIO ISOLATO INGLOBATI NELL EDIFICIO CLIENTE MARCA E MODELLO APPARECCHIATURE MT: DISPOSITIVO GENERALE: INTERRUTTORE ESTENSIONE RETE MT CLIENTE: CAVO:... m - Sezione...mm² NR CAB MT/BT.... LINEA AEREA:... m - Sezione......mm² PROTEZIONI ASSOCIATE AL DISPOSITIVO GENERALE: MASSIMA CORRENTE: 1 SOGLIA:...A /...s 2 SOGLIA:...A /...s DIREZIONALE DI TERRA:...V /...A /...s MASSIMA CORRENTE OMOPOLARE:...A /...s FUSIBILE:...A RAPPORTO TA:...CL. DI PRECISIONE... RAPPORTO TA TOROIDALE:...CL. DI PRECISIONE... RAPPORTO TV:... Cl. DI PRECISIONE..... IMPIANTO DI SOCCORSO ALLA RETE DI AEC PARCINES : NESSUNO GRUPPO ELETTROGENO:... kva ALTRO: Data: Firma per AEC PARCINES... Firma per il cliente... (duplice copia originale AEC PARCINES- copia Cliente) 18

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica SPECIALE TECNICO Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica Francesco Groppi Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI, CT82, Working Group 2 Inverter) SPONSOR www.fronius.com www.mastervoltsolar.it

Dettagli

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 10: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale secondo norma CEI 0-16 Schneider Electric - 25/02/2009

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI

QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI QUALITÀ DELL ALIMENTAZIONE ELETTRICA NEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI La Guida sulla Qualità dell'alimentazione Elettrica negli Impianti Industriali

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Edizione Italiana. Guida sistema. bassa tensione. IT03G - edizione 10/2003

Edizione Italiana. Guida sistema. bassa tensione. IT03G - edizione 10/2003 Edizione Italiana IT03G - edizione 10/2003 Guida sistema bassa tensione Indice Scelta delle apparecchiature di protezione Introduzione 1 Riferimenti normativi per le apparecchiature e la progettazione

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO Pag. 1 Pag. Sommario Descrizione sommaria dell impianto al fine della sua identificazione... 4 Distribuzione topografica impianto elettrico... 4 Dati di progetto... 5 Descrizione e destinazione d uso degli

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito GUIDA TECNICA La distribuzione in bassa tensione Scemi di collegamento a terra 480 Tensioni, sovratensioni 482 Qualità dell energia 483 Miglioramento della qualità della rete 488 489 Dispositivi di apertura

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di CELLE LIGURE (SV) REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE MAGAZZINO PALAZZETTO TRIBUNA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE Impianto: Impianto

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI 1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 10/011/CR10c/C7 GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI Roma, 27 gennaio 2010 Impianti elettrici n.

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2

DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 Ed. 4.0 - ALL1/33 ALLEGATO A: ALLEGATO B: DOMANDA DI CONNESSIONE IMPIANTI DI PRODUZIONE 2 INDIRIZZI PER LA SPEDIZIONE DELLA DOMANDA DI CONNESSIONE 2 ALLEGATO C: SCHEMA DI CONTRATTO DI FIDEIUSSIONE BANCARIA

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR)

PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO GRID-CONNECTED PER IL MUNICIPIO DI PRIOLO GARGALLO (SR) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 0 PREMESSA... 2 1 IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA D IMPIANTO... 3 2 COMPONENTI

Dettagli

Eaton Moeller Electric S.r.l. Via Giovanni XXIII, 43 20090 Rodano MI Tel. 02.95950.1

Eaton Moeller Electric S.r.l. Via Giovanni XXIII, 43 20090 Rodano MI Tel. 02.95950.1 www.eaton.com www.moeller.it An Eaton Brand Apparecchi di protezione e sezionamento per Fotovoltaico. Dall applicazione residenziale ai grandi Campi Solari. Impianti Fotovoltaici: un Energia sostenibile

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico. Agosto 2012

Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico. Agosto 2012 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico DM 5 luglio 2012 5 Conto Energia Agosto 2012 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com Rifasamento industriale e penali in bolletta www.icar.com- sales@icar.com Le penali per basso cosfi Le Aziende Distributrici applicano le penali per basso cosfi perché : devono predisporre impianti di

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli