La geografia umana: i 3 settori economici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La geografia umana: i 3 settori economici"

Transcript

1 La geografia umana: i 3 settori economici 1 COS È LA GEOGRAFIA UMANA? DEFINIZIONE DI GEOGRAFIA UMANA: STUDIA TUTTI GLI ELEMENTI CREATI DALL UOMO (COLTIVAZIONI, INDUSTRIE, TRASPORTI ECC.) 2 IL SETTORE PRIMARIO È L INSIEME DI TUTTE LE ATTIVITÀ CHE RIGUARDANO I PRODOTTI CHE DERIVANO DIRETTAMENTE DALLA NATURA, INDISPENSABILI PER VIVERE COMPRENDE L AGRICOLTURA, L ALLEVAMENTO, LA PESCA E L ESTRAZIONE MINERARIA L AGRICOLTURA: RIGUARDA LA COLTIVAZIONE DEI CAMPI FORNISCE I PRODOTTI INDISPENSABILI PER VIVERE, COME AD ESEMPIO IL RISO, IL GRANO, GLI ORTAGGI (POMODORI, INSALATA ECC.), LA FRUTTA L ALLEVAMENTO: RIGUARDA GLI ANIMALI CHE FORNISCONO I PRODOTTI INDISPENSABILI PER VIVERE COMPRENDE PRINCIPALMENTE QUESTE CATEGORIE DI ANIMALI: BOVINI (VACCHE, BUOI) PER LA CARNE E IL LATTE OVINI (PECORE) PER LA CARNE E IL LATTE SUINI (MAIALI) PER LA CARNE POLLI PER LE UOVA E LA CARNE GRANO OVINI AL PASCOLO 79

2 LA PESCA: È UN ATTIVITÀ PRATICATA NEI CORSI D ACQUA (MARI, FIUMI, LAGHI ECC.) INDISPENSABILE PER VIVERE L ESTRAZIONE MINERARIA: È UN ATTIVITÀ CHE SERVE PER PROCURARSI LE MATERIE PRIME NECESSARIE POI AL LAVORO NELLE INDUSTRIE E INDISPENSABILI PER VIVERE RIGUARDA PRINCIPALMENTE I SEGUENTI MATERIALI: FERRO E RAME PER LE LAVORAZIONI ARTIGIANALI ED INDUSTRIALI CARBONE E PETROLIO PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA estrazione mineraria 3 IL SETTORE SECONDARIO È L INSIEME DI TUTTE LE ATTIVITÀ CHE SI OCCUPANO DELLA TRASFORMAZIONE DELLE MATERIE PRIME DELLA NATURA IN PRODOTTI PRONTI PER L USO COMPRENDE L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO 80 L INDUSTRIA: È L ATTIVITÀ PRINCIPALE DEL SETTORE SECONDARIO SI SVOLGE NELLE FABBRICHE, DOVE GLI OPERAI LAVORANO ASSIEME PER REALIZZARE UN PRODOTTO INTERO IN GRANDI QUANTITÀ UTILIZZA MACCHINARI MODERNI città industrializzata

3 L ARTIGIANATO: È UN ATTIVITÀ MOLTO IMPORTANTE DEL SETTORE SECONDARIO NON SI SVOLGE NELLE FABBRICHE MA IN PICCOLE BOTTEGHE DOVE GLI ARTIGIANI LAVORANO O DA SOLI O IN PICCOLI GRUPPI LAVORA UN SOLO PRODOTTO PER VOLTA E PERCIÒ SPESSO RISULTA DI QUALITÀ SUPERIORE RISPETTO A QUELLO DELLE INDUSTRIE ARTIGIANO DEL LEGNO AL LAVORO 4 IL SETTORE TERZIARIO È L INSIEME DI TUTTE LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE CHE NON PRODUCONO BENI MATERIALI, MA SERVIZI (AD ESEMPIO L INSEGNAMENTO, LA CONSULENZA MEDICA, IL TRASPORTO AEREO ECC.) COMPRENDE I TRASPORTI, IL COMMERCIO, IL TURISMO E LE TELECOMUNICAZIONI LA RACCOLTA DEL SANGUE I TRASPORTI: PERMETTONO LO SPOSTAMENTO DI ENORMI QUANTITÀ DI PERSONE E DI MERCI DA UN POSTO ALL ALTRO IN POCO TEMPO PERCORRONO DIVERSE VIE DI COMUNICAZIONE (STRADE, FERROVIE, MARI, CIELI), IN BASE AL MEZZO UTILIZZATO (PULLMAN, TRENO, NAVE, AEREO) TRENO AD ALTA VELOCITà 81

4 IL COMMERCIO: È UN ATTIVITÀ CHE RIGUARDA L ACQUISTO E LA VENDITA DI BENI VIENE SVOLTO DA UN VENDITORE E DA UN ACQUIRENTE CHE COMPRA UN BENE ATTRAVERSO DEI SOLDI (COME AVVIENE AD ESEMPIO AL SUPERMERCATO) IL TURISMO: È UN ATTIVITÀ CHE RIGUARDA I VIAGGI È DI GRANDE IMPORTANZA ECONOMICA PERCHÉ SONO TANTE LE PERSONE CHE VIAGGIANO OGNI ANNO MERCATO ORTOFRUTTICOLO LE TELECOMUNICAZIONI: SONO ATTIVITÀ CHE PERMETTONO ALLE PERSONE DI COMUNICARE IN TEMPI VELOCI E A GRANDI DISTANZE AVVENGONO TRAMITE L USO DI MEZZI COME POSTA, TELEFONO, INTERNET, TELEVISIONE TURISTI IN UNA FORESTA TROPICALE 82 IL CONTRIBUTO DEI 3 SETTORI PER LA CREMA SPALMABILE AL CIOCCOLATO 1. SETTORE PRIMARIO: COLTIVAZIONE DEL CACAO DALLE PIANTAGIONI E DELLE NOCCIOLE DAGLI ALBERI 2. SETTORE SECONDARIO: LAVORAZIONE DEL MATERIALE PRIMARIO IN FABBRICA PER TRASFORMARLO IN CREMA DI CIOCCOLATO 3. SETTORE TERZIARIO: DIFFUSIONE E VENDITA NEL MONDO I 3 SETTORI SONO SEMPRE LEGATI TRA LORO

5 NELLA SEGUENTE TABELLA TROVERAI I PRINCIPALI PRODOTTI IN EUROPA (I PRODOTTI PRINCIPALI DELL ITALIA SONO IN GRASSETTO) SETTORE PRIMARIO SETTORE SECONDARIO SETTORE TERZIARIO Agricoltura GRANO ULIVI VITI ALBERI DA FRUTTA ORTAGGI PATATE BARBABIETOLE DA ZUCCHERO ALLEVAMENTO BOVINI OVINI SUINI POLLI industria AUTOMOBILISTICA SIDERURGICA METALLURGICA ALIMENTARE CHIMICA MECCANICA TESSILE AEROSPAZIALE ELETTRONICA NAVALE ARTIGIANATO ABBIGLIAMENTO ARREDAMENTO SERVIZI UFFICI PUBBLICI SCUOLE OSPEDALI BANCHE TRASPORTI CAMION TRENI AEREI NAVI COMMERCIO CENTRI COMMERCIALI NEGOZI PESCA TONNO, SALMONE ESTRAZIONE MINERARIA FERRO CARBONE TURISMO (METE PRINCIPALI) ITALIA FRANCIA INGHILTERRA SPAGNA TELECOMUNICAZIONI INTERNET, TV, TELEFONIA 83

6 la geografia umana: i 3 settori economici primario secondario terziario (servizi) agricoltura industria trasporti allevamento artigianato commercio pesca turismo estrazione mineraria telecomunicazioni 84

7 Nome Cognome Classe Data ESERCIZI DI RECUPERO CONOSCENZE 1 COSA STUDIA LA GEOGRAFIA UMANA? A. L AMBIENTE FISICO B. GLI ELEMENTI CREATI DALL UOMO C. LA TERRA D. LA NATURA 2 COSA COMPRENDE IL SETTORE PRIMARIO? A. L ALLEVAMENTO, LE INDUSTRIE E IL TURISMO B. L AGRICOLTURA, L ARTIGIANATO E LE INDUSTRIE C. LA PESCA, I TRASPORTI E IL COMMERCIO D. L AGRICOLTURA, L ALLEVAMENTO E LA PESCA 3 COME SI LAVORA NELLE FABBRICHE? A. INSIEME PER UN PRODOTTO COMPLETO B. DA SOLI PER UN PRODOTTO COMPLETO C. IN PICCOLI GRUPPI PER UNA PARTE DI PRODOTTO D. INSIEME PER UNA PARTE DI PRODOTTO 4 DI COSA SI OCCUPA IL COMMERCIO? A. SOLO DELLA VENDITA DI ABBIGLIAMENTO B. SOLO DEGLI SCONTI C. SIA DELLA VENDITA SIA DELL ACQUISTO DEI PRODOTTI D. SOLO DELLE BANCHE 5 QUALE SETTORE COMPRENDE I TRASPORTI? A. IL SETTORE PRIMARIO B. IL SETTORE SECONDARIO C. IL SETTORE TERZIARIO D. IL SETTORE COMMERCIALE 85

8 Nome Cognome Classe Data 6 QUALI TRA QUESTE ATTIVITÀ FA PARTE DEI SERVIZI? A. AGRICOLA B. ARTIGIANALE C. COMMERCIALE D. MINERARIA ESERCIZI DI RECUPERO DOMANDE DEL SE COMPETENZE 1 SE DOVESSI COMPRARE UN FRUTTO EUROPEO AL SUPERMERCATO, QUALE TRA QUESTI PRENDERESTI? A. IL KIWI B. LA MARACUJA C. L ARANCIA D. LA BANANA 2 SE DA GRANDE FACESSI IL DOTTORE, PER QUALE SETTORE LAVORERESTI? A. PRIMARIO B. SECONDARIO C. TERZIARIO 86

9 Nome Cognome Classe Data ESERCIZI DI RECUPERO PROVA A ABILITà 1 OSSERVA LA SEGUENTE IMMAGINE. PROVA A RICONOSCERE A QUALE SETTORE APPARTIENE. A. SETTORE PRIMARIO B. SETTORE SECONDARIO C. SETTORE TERZIARIO 2 OSSERVA LA SEGUENTE IMMAGINE. PROVA A RICONOSCERE A QUALE SETTORE APPARTIENE. A. SETTORE PRIMARIO B. SETTORE SECONDARIO C. SETTORE TERZIARIO 87

SETTORI LAVORATIVI IN EUROPA E NEL MONDO SETTORI LAVORATIVI... 2 AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO IN EUROPA... 3 INDUSTRIA IN EUROPA... 4

SETTORI LAVORATIVI IN EUROPA E NEL MONDO SETTORI LAVORATIVI... 2 AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO IN EUROPA... 3 INDUSTRIA IN EUROPA... 4 IN EUROPA E NEL MONDO SETTORI LAVORATIVI... 2 AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO IN EUROPA... 3 INDUSTRIA IN EUROPA... 4 IL SETTORE TERZIARIO IN EUROPA... 5 SETTORI LAVORATIVI Si chiama Settore primario il settore

Dettagli

L ECONOMIA. 2^ parte

L ECONOMIA. 2^ parte L ECONOMIA 2^ parte IL TURISMO Ø E uno dei settori più importanti dell economia europea. Ø L Europa è una delle mete preferite del turismo internazionale. Ø Capitali europee, turismo marino, turismo montano,

Dettagli

LA PIANURA PADANA SI ESTENDE TRA LE ALPI E L APPENNINO SETTENTRIONALE

LA PIANURA PADANA SI ESTENDE TRA LE ALPI E L APPENNINO SETTENTRIONALE LA PIANURA PADANA SI ESTENDE TRA LE ALPI E L APPENNINO SETTENTRIONALE MILIONI DI ANNI FA C ERA IL MARE, I DETRITI TRASPORTATI DAI FIUMI CHE SCENDEVANO DALLE MONTAGNE SI SONO ACCUMULATI SUL FONDO DEL MARE

Dettagli

Descrizione 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI

Descrizione 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI Codice Attività Descrizione A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA 01 COLTIVAZIONI AGRICOLE E PRODUZIONE DI PRODOTTI ANIMALI, CACCIA E SERVIZI CONNESSI 01.1 COLTIVAZIONE DI COLTURE AGRICOLE NON PERMANENTI

Dettagli

Le pianure. Mondadori Education

Le pianure. Mondadori Education Le pianure La pianura italiana più vasta e fertile è la Pianura Padana, che si estende da ovest verso est ai piedi delle Alpi. È una pianura di origine alluvionale, cioè si è formata in seguito al deposito

Dettagli

TABELLA DEI TITOLI A SEI CIFRE DELLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE ATECO 2007

TABELLA DEI TITOLI A SEI CIFRE DELLA CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE ATECO 2007 Sezione prima - Classificazione delle attività economiche Tabella dei titoli a sei cifre della classificazione delle attività economiche Tabella nuovi codici TABELLA DEI TITOLI A SEI CIFRE DELLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Codici Attività. 1. Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca

Codici Attività. 1. Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca Codici Attività 1. Agricoltura, Foreste, Caccia e Pesca 1010 Agricoltura 1020 Zootecnica 1030 Foreste 1040 Caccia e Cattura di animali 105A- Pesca e allevamenti in acque dolci 105B Pesca e allevamenti

Dettagli

La Regione nordica. Il territorio

La Regione nordica. Il territorio La Regione nordica ISLANDA SVEZIA OV FINLANDIA NORVEGIA La Regione nordica si trova nell Europa settentrionale. È formata da 5 Stati: Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia, Islanda. Il territorio TeRRITORIO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani al Lavoro - IV annualità

Avviso Pubblico Giovani al Lavoro - IV annualità Allegato E Avviso Pubblico Giovani al Lavoro - IV annualità Avviso Pubblico Giovani al Lavoro - IV annualità Tabella riepilogativa dei codici ISTAT ATECO/2007 corrispondenti ai settori di attività esclusi

Dettagli

La Regione britannica

La Regione britannica La Regione britannica NORD OV IRLANDA REGNO UNITO La Regione britannica si trova nell Europa nord-occidentale. È formata da 2 Stati: Regno Unito e Irlanda. NORD Il territorio TERRITORIO La Regione britannica

Dettagli

Le rivoluzioni agricola e industriale

Le rivoluzioni agricola e industriale Le rivoluzioni agricola e industriale secoli XVII-XVIII Recinzioni nelle campagne inglesi 1769 James Watt brevetta la macchina a vapore 1784 Henry Cort inventa una nuova tecnica per produrre ghisa 1731

Dettagli

Provincia di Piacenza

Provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Servizio agricoltura Ufficio Statistica Censimenti dell'agricoltura - Serie storiche Fonte: ISTAT Ultimo aggiornamento: giugno 28 SAU provinciale, serie 197-2 Evoluzione delle superfici,

Dettagli

L OFFERTA TECNICA E PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI CREMONA PER L A.S. 2012/2013 AREA AMMINISTRATIVA. Servizi Informativi Aziendali

L OFFERTA TECNICA E PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI CREMONA PER L A.S. 2012/2013 AREA AMMINISTRATIVA. Servizi Informativi Aziendali AREA AMMINISTRATIVA Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Servizi Informativi Aziendali IST. TECNICO BELTRAMI Cremona IST. TECNICO PACIOLI - Crema ISTITUTO PONZINI - Soresina

Dettagli

Allegato D. Codice classe di concorso del previgente ordinamento. Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento

Allegato D. Codice classe di concorso del previgente ordinamento. Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento Insegnamenti assegnati nel nuovo C 01 Attività pratiche speciali C 101 2/C Scuola secondaria di I grado Attività pratiche speciali per non vedenti C 02 Conversazione in lingua straniera C 102 3/C Istituti

Dettagli

ALLEGATO 1 ELENCO DELLE VARIBILI PRIMARIE

ALLEGATO 1 ELENCO DELLE VARIBILI PRIMARIE ALLEGATO 1 ELENCO DELLE VARIBILI PRIMARIE Forma giuridica Forma di conduzione Superficie totale in proprietà Superficie totale in affitto Superficie totale in uso gratuito Totale Sat Superficie agricola

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento SUAP COMUNE DI CIVITAVECCHIA Ultimo Aggiornamento: 08/09/2015: ALLEGATO E-1ter (Allegato A/4) Scheda produttore primario ed attività connesse (agricoltori/allevatori) (Reg. CE n 852/2004 n 853/2004) -

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % * 01/00

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % * 01/00 PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO SUPERFICIE TERRITORIALE... Kmq 3.097,19 ZONE ALTIMETRICHE Montagna...... Kmq 576,70 Collina.... Kmq 720,10 Pianura...... Kmq 1.800,40 Montagna 18,6% Collina 23,3% Pianura

Dettagli

Le risorse della Terra e i problemi ambientali

Le risorse della Terra e i problemi ambientali Le risorse della Terra e i problemi ambientali Per sopravvivere, l uomo ha bisogno di sfruttare le risorse: la luce del sole, la forza del vento, le piante e il suolo, l acqua, i minerali. Alcune risorse

Dettagli

Allegato D. Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento. Codice classe di concorso del previgente ordinamento

Allegato D. Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento. Codice classe di concorso del previgente ordinamento Insegnamenti assegnati nel nuovo C 01 Attività pratiche speciali 2/C Scuola secondaria di I grado Attività pratiche speciali per non vedenti C 02 Conversazione in lingua straniera 3/C Istituti di istruzione

Dettagli

Le attività umane. Mondadori Education

Le attività umane. Mondadori Education Le attività umane L economia di uno Stato comprende le risorse naturali e le attività lavorative praticate dai suoi cittadini. L economia è divisa in tre settori: primario, secondario, terziario. Il settore

Dettagli

Totale ore autorizzate. agli Impiegati. Attività economiche connesse con l'agricoltura

Totale ore autorizzate. agli Impiegati. Attività economiche connesse con l'agricoltura CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA LUGLIO 2009 Attività economiche connesse con l'agricoltura Estrazione minerali metalliferi e non legno 15.150 856 16.006 alimentari 839 0 839 metallurgiche 2.112 284

Dettagli

Codice Denominazione C 01 Attività pratiche speciali Scuola secondaria di I grado Attività pratiche speciali per non vedenti

Codice Denominazione C 01 Attività pratiche speciali Scuola secondaria di I grado Attività pratiche speciali per non vedenti C 01 Attività pratiche speciali Scuola secondaria di I grado Attività pratiche speciali per non vedenti Allegato C C 02 Conversazione in lingua straniera Istituti di istruzione secondaria di II grado Conversazione

Dettagli

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio

Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio Tipologia dei Corsi di formazione: Corrispondenza ATECO classi di rischio La formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro è regolamentata dall Accordo Stato Regioni del 22/12/2011, questo stabilisce

Dettagli

REGOLE INDIRIZZI FORMATIVI

REGOLE INDIRIZZI FORMATIVI ARTISTICO NUOVO ORDINAMENTO BIENNIO Arti figurative ARTISTICO NUOVO ORDINAMENTO BIENNIO Architettura e ambiente ARTISTICO NUOVO ORDINAMENTO BIENNIO Design ARTISTICO NUOVO ORDINAMENTO BIENNIO Audiovisivo

Dettagli

L EUROPA FISICA E GLI AMBIENTI NATURALI

L EUROPA FISICA E GLI AMBIENTI NATURALI L EUROPA FISICA E GLI AMBIENTI NATURALI Le MONTAGNE Indica in marrone sulla cartina le seguenti montagne: Alpi scandinave, Monti Urali, Pirenei, Alpi, Appennnini, Balcani, Carpazi, Caucaso, 1 In Europa

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca TABELLA A MATERIE CARATTERIZZANTI I SINGOLI CORSI DI STUDIO DEI PERCORSI LICEALI OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA LICEO CLASSICO 1. Latino

Dettagli

Attività/ settori economici

Attività/ settori economici 1 PRIMARIO SECONDARIO Attività/ settori economici TERZIARIO 2 ATTIVITA ECONOMICHE: Servono ad organizzare le risorse disponibili per soddisfare i BISOGNI dell uomo. BISOGNO: tutto ciò di cui l uomo ha

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca TABELLA A MATERIE CARATTERIZZANTI I SINGOLI CORSI DI STUDIO DEI PERCORSI LICEALI OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA LICEO CLASSICO 1. Latino 2. Greco LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO SEZIONE SPORTIVA

Dettagli

G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONI DI

G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONI DI Commercio ingrosso e dettaglio Attività artigianali non assimilabili alle precedenti(carrozzerie, riparazione veicoli, lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri, ecc.) RISCHIO BASSO G G COMMERCIO

Dettagli

POSIZIONE : ITALIA MERIDIONALE TERRITORIO : PREVALENTEMENTE COLLINARE CONFINI : EST, SUD-EST BASILICATA, A NORD-OVEST CON IL LAZIO, NORD-EST

POSIZIONE : ITALIA MERIDIONALE TERRITORIO : PREVALENTEMENTE COLLINARE CONFINI : EST, SUD-EST BASILICATA, A NORD-OVEST CON IL LAZIO, NORD-EST POSIZIONE : ITALIA MERIDIONALE TERRITORIO : PREVALENTEMENTE COLLINARE CONFINI : EST, SUD-EST BASILICATA, A NORD-OVEST CON IL LAZIO, NORD-EST CON IL MOLISE, A EST CON LA PUGLIA OROGRAFIA: IL VESUVIO (1281M.)

Dettagli

I SETTORI DELL'ECONOMIA

I SETTORI DELL'ECONOMIA I SETTORI DELL'ECONOMIA L'ECONOMIA È L'INSIEME DELLE ATTIVITÀ CHE SERVONO A DARE BENI E SERVIZI ALLA POPOLAZIONE L'ECONOMIA HA TRE SETTORI: SETTORE PRIMARIO SONO LAVORI A CONTATTO CON L'AMBIENTE NATURALE:

Dettagli

RISCHIO BASSO (6 ore)

RISCHIO BASSO (6 ore) Pagina1 RISCHIO BASSO (6 ore) Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

Allegato C Istituti Professionali

Allegato C Istituti Professionali Allegato C Istituti Professionali ISTITUTI PROFESSIONALI INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI DISCIPLINE ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI

Dettagli

Specializzazioni IFTS

Specializzazioni IFTS Tavola indicativa della correlazione tra l'offerta di istruzione e formazione professionale, l'area economica, le filiere produttive e le aree /ambiti degli ITS La tabella integra e completa i contenuti

Dettagli

Tavola Aziende agricole e risultati economici. Anni

Tavola Aziende agricole e risultati economici. Anni Tavola 6.1 - Aziende agricole e risultati economici. Anni 2005-2006 Valori assoluti Valori relativi Mezzogiorno =100 Italia =100 2005 2006 2005 2006 2005 2006 Aziende agricole 48.864 56.529 5,3 6,0 3,0

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA FEBBRAIO

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA FEBBRAIO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA FEBBRAIO 2011 Attività economiche connesse con l'agricoltura... Estrazione minerali metalliferi e non... legno 2.999 1.541 4.540 alimentari 8.619 0 8.619 metallurgiche...

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sardegna. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sardegna Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Allegato C Istituti Professionali

Allegato C Istituti Professionali Allegato C Istituti Professionali ISTITUTI PROFESSIONALI INDIRIZZI, PROFILI, QUADRI ORARI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO DEL SETTORE SERVIZI DISCIPLINE ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI DELL AREA GENERALE COMUNI AGLI

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % /06

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % /06 PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO SUPERFICIE TERRITORIALE...Kmq 3.121 ZONE ALTIMETRICHE Montagna......Kmq 589 Collina.... Kmq 715 Pianura...... Kmq 1.818 Fonte: Istat Pianura 58,2% Montagna 18,9% Collina

Dettagli

Fattoria didattica Il Frutto Permesso

Fattoria didattica Il Frutto Permesso Fattoria didattica Il Frutto Permesso Via del Vernè, 16-10060 Bibiana (To) mappa Telefono e fax: 012155383 oppure 0121559421 e-mail: il@fruttopermesso.it www.fruttopermesso.it Referente per le attività

Dettagli

PIANO ORARIO Istituto Istruzione Superiore N. PELLEGRINI Sassari tel. 079/

PIANO ORARIO Istituto Istruzione Superiore N. PELLEGRINI Sassari tel. 079/ PIANO ORARIO Istituto Istruzione Superiore N. PELLEGRINI Sassari tel. 079/244110 mail:ssis00300l@istruzione.it Si riportano di seguito i piani orario degli istituti: Istituto Professionale per l Industria

Dettagli

46 COMMERCIO ALL'INGROSSO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI)

46 COMMERCIO ALL'INGROSSO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI) Codice Ateco 2007 Struttura Ateco 2007 Descrizione G COMMERCIO ALL'INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI 46 COMMERCIO ALL'INGROSSO (ESCLUSO QUELLO DI AUTOVEICOLI E DI MOTOCICLI)

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Provincia autonoma di Trento. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Provincia autonoma di Trento Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Basilicata. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Basilicata Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2015 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Alimentarsi meglio per vivere in un mondo migliore. Carmine Correale

Alimentarsi meglio per vivere in un mondo migliore. Carmine Correale Alimentarsi meglio per vivere in un mondo migliore Carmine Correale Impatto ambientale degli alimenti La stima degli impatti ambientali associati a ogni singolo alimento è stata condotta con l analisi

Dettagli

l'economia in provincia di Cuneo

l'economia in provincia di Cuneo l'economia in provincia di Cuneo dati tratti dalla relazione annuale 2013 (relativa al 2012) della Camera di Commercio di Cuneo http://www.cn.camcom.gov.it/page/t08/view_html?idp=1869 PRODUZIONE ANNUA

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 dicembre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Liguria. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Liguria Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 gennaio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Abruzzo. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Abruzzo. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Abruzzo Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 luglio 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

CONCLUSIONI UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI

CONCLUSIONI UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI CONCLUSIONI UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI Ai fini di visualizzare i collegamenti tra aree economiche professionali, filiere produttive, cluster tecnologici, aree tecnologiche, ambiti e figure per l Istruzione

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 1

VERIFICA DI FINE MODULO 1 erifica di fine modulo 1 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 1 Sistema azienda: elementi, soggetti e tipologie 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. L azienda è: a. una organizzazione costituita

Dettagli

ListaQualifiche Based on Riepilogo Offerta Formativa

ListaQualifiche Based on Riepilogo Offerta Formativa INDIRIZZO/ (IFP)QUALIFICA operatore meccanico agraria, agroalimentare e agroindustria liceo scientifico operatore amministrativo segretariale liceo classico meccanica, meccatronica ed energia operatore

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione nel luglio L'indice dei prezzi alla produzione e all'importazione scende dello 0,1%

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione nel luglio L'indice dei prezzi alla produzione e all'importazione scende dello 0,1% Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 15.08.2016, 9:15 5 Prezzi N. 0352-1607-50 Indice dei prezzi alla produzione e all importazione nel luglio

Dettagli

ALLEGATO 1_ QUESTIONARIO ALLE AZIENDE 1. ANAGRAFICA E DATI SUL CASO STUDIO

ALLEGATO 1_ QUESTIONARIO ALLE AZIENDE 1. ANAGRAFICA E DATI SUL CASO STUDIO ALLEGATO 1_ QUESTIONARIO ALLE AZIENDE 1. ANAGRAFICA E DATI SUL CASO STUDIO Denominazione o ragione sociale Persona contattata/intervistata Posizione 1. Anno di inizio produzione dell azienda 2. Anno di

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PIACENZA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PIACENZA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA PIACENZA.... nome e cognome ATTIVITA AGENTI D'AFFARI IN MEDIAZIONE DOMANDA D'ESAME legge 3/2/89, art. 2, comma 3, lett. e) - legge 5/3/2001, n. 57,

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Sicilia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Sicilia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 giugno 2017 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

NOTIFICA IMPRESA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. n. 3 del )

NOTIFICA IMPRESA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (Art. 6 REGOLAMENTO CE n. 852/04 e D.G.R. n. 3 del ) 12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47 Pag. 412 di 447 Allegato A/2 La notifica deve essere indirizzata al Dipartimento di Prevenzione della Azienda USL competente per il tramite

Dettagli

ANNO: 2016 ANNO: 2016

ANNO: 2016 ANNO: 2016 ORDINARIA STRAORDINARIA DEROGA TS UD FVG Attiv connesse con agric 0 0 0 Estrazione minerali 0 0 0 legno 7.992 160 6.887 15.039 14.144 14.144 2.252 2.252 alimentari 702 1.568 2.270 0 0 metallurgiche 1.984

Dettagli

RELIGIONE Cattolica 64,3% Musulmana 4,3% Protestante 1,9% Atei 27% SPERANZA DI VITA M 78,1 F 84,8 ISU 14

RELIGIONE Cattolica 64,3% Musulmana 4,3% Protestante 1,9% Atei 27% SPERANZA DI VITA M 78,1 F 84,8 ISU 14 FRANCIA SUPERFICIE POPOLAZIONE DENSITÀ CAPITALE FORMA DI FOVERNO LINGUA 543965 km 65 027 000 ab. 120 ab./km Parigi Repubblica presidenziale Francese RELIGIONE Cattolica 64,3% Musulmana 4,3% Protestante

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Toscana. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Toscana Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 ottobre 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce di

Dettagli

IL CONTINENTE AMERICANO

IL CONTINENTE AMERICANO IL CONTINENTE AMERICANO GLI STATI: Stati Uniti Canada Agli Stati Uniti appartiene anche l Alaska, sebbene sia territorialmente confinante con il Canada. La Groenlandia, un enorme isola a Nord Est del

Dettagli

Aziende agricole totali. Censimento. Comunale. Anno Numero. Numero totale aziende. Numero aziende con superficie totale. Totale SAU.

Aziende agricole totali. Censimento. Comunale. Anno Numero. Numero totale aziende. Numero aziende con superficie totale. Totale SAU. Aziende agricole totali. Censimento. Comunale. Anno 2000 Codice Istat Comuni Numero totale aziende Numero aziende con superficie totale Numero aziende con SAU Totale aziende con allevamenti 56 56 56 30

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA DI TECNOLOGIA OBIETTIVI DISCIPLINARI OBIETTIVI. Gli strumenti da disegno.

ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA DI TECNOLOGIA OBIETTIVI DISCIPLINARI OBIETTIVI. Gli strumenti da disegno. ANNO SCOLASTICO 2015/16 CLASSE I PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA DI TECNOLOGIA OBIETTIVI DISCIPLINARI U d A CONTENUTI Conoscenze OBIETTIVI Abilità TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze UdA N 1

Dettagli

LAVORATORI. Accordo Stato Regioni n. 221 del 21/12/2011 sulla formazione. Formazione da fare ex novo. Formazione già effettuata. Aggiornamento 6 ore

LAVORATORI. Accordo Stato Regioni n. 221 del 21/12/2011 sulla formazione. Formazione da fare ex novo. Formazione già effettuata. Aggiornamento 6 ore Accordo Stato Regioni n. 221 del 21/12/2011 sulla formazione LAVORATORI FASE Formazione da fare ex novo Le ore sono 4 (parte Generale) + 4/8/12 in funzione del rischio del settore di appartenenza e valutazione

Dettagli

ALLEGATO C T A B E L L A C

ALLEGATO C T A B E L L A C ALLEGATO C T A B E L L A C 1 Elenco classi Tabella C C 01 Attività pratiche speciali C 02 Conversazione in lingua straniera C - 03 fisica C - 04 liuteria C 05 produzioni industriali ed artigianali della

Dettagli

Definizione di sistema

Definizione di sistema Tecnologia dei cicli produttivi Seconda parte (a) Prof.ssa Angela Tarabella Dipartimento di Economia Aziendale 1 Definizione di sistema È un insieme di elementi concreti o astratti, collegati logicamente

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Lombardia. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Lombardia Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 31 maggio 2016 Nota metodologica Nelle tabelle mensili le totalizzazioni delle denunce

Dettagli

BOZZA DI LAVORO 16 LUGLIO 2010 T A B E L L A C

BOZZA DI LAVORO 16 LUGLIO 2010 T A B E L L A C ALLEGATO C T A B E L L A C 1 Elenco classi Tabella C C 01 Attività pratiche speciali C 02 Conversazione in lingua straniera C - 03 fisica C - 04 liuteria C 05 produzioni industriali ed artigianali della

Dettagli

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità degli infortuni

Tabelle regionali con cadenza mensile. Regione Emilia-Romagna. Analisi della numerosità degli infortuni Tabelle regionali con cadenza mensile Regione Emilia-Romagna Analisi della numerosità degli infortuni Dati rilevati al 30 novembre 2016 Inail - Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni

Dettagli

ARTIGIANATO E SCUOLA «Nuovi Orizzonti Professionali alla Riscoperta degli Antichi Mestieri»

ARTIGIANATO E SCUOLA «Nuovi Orizzonti Professionali alla Riscoperta degli Antichi Mestieri» ARTIGIANATO E SCUOLA «Nuovi Orizzonti Professionali alla Riscoperta degli Antichi Mestieri» CONFARTIGIANATO PERSONE Confartigianato persone è la struttura di Confartigianato che riunisce tutti i servizi

Dettagli

Tedesco, Sloveno, Ungherese Cattolica 80,4%, Musulmani 5,4%, Protestanti14,6% ISU 18

Tedesco, Sloveno, Ungherese Cattolica 80,4%, Musulmani 5,4%, Protestanti14,6% ISU 18 AUSTRIA SUPERFICIE 83.879km² DENSITA 101 ab/km² CAPITALE Vienna FORMA DI GOVERNO Repubblica Federale LINGUA Tedesco, Sloveno, Ungherese RELIGIONE Cattolica 80,4%, Musulmani 5,4%, Protestanti14,6% MONETA

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel giugno 2017

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel giugno 2017 Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 13.07.2017, 9:15 5 Prezzi N. 2017-0229-I e all'importazione nel giugno 2017 e all importazione in calo

Dettagli

REAZIONI AVVERSE ALIMENTARI SINDROME DEL COLON IRRITABILE

REAZIONI AVVERSE ALIMENTARI SINDROME DEL COLON IRRITABILE REAZIONI AVVERSE ALIMENTARI SINDROME DEL COLON IRRITABILE Prof. Dott. M. Mandatori Docente di Nutrizione Olistica c/o AMNCO Università di Tor Vergata Natural s.r.l. Viale Ippocrate 93 00161 Roma Tel. 06/44702512-17

Dettagli

Comune di Calenzano- Imprese registrate e attive, unità locali attive per sezione di attività economica, al

Comune di Calenzano- Imprese registrate e attive, unità locali attive per sezione di attività economica, al di Calenzano- e, unità locali per sezione di attività economica, al 31.12.2014 UNITA' LOCALI ATTIVE IMPRESE Registrate Attive AGRICOLTURA INDUSTRIA ALTRE ATTIVITA' NON CLASSIFICATE TOTALE 2301 1930 81

Dettagli

L agricoltura biologica piemontese

L agricoltura biologica piemontese L agricoltura biologica piemontese Un analisi delle strutture e delle forme di commercializzazione Alessandro Corsi Università di Torino 1 Obiettivi della ricerca Reperire informazioni su: Le caratteristiche

Dettagli

L agricoltura biologica piemontese

L agricoltura biologica piemontese L agricoltura biologica piemontese Un analisi delle strutture e delle forme di commercializzazione Alessandro Corsi Università di Torino 1 Obiettivi della ricerca Reperire informazioni su: Le caratteristiche

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 1. E in grado di effettuare prove sperimentali per verificare le proprietà.

UNITA DI APPRENDIMENTO 1. E in grado di effettuare prove sperimentali per verificare le proprietà. DISCIPLINA: TECNOLOGIA UNITA DI APPRENDIMENTO 1 TRAGUARDI DI COMPETENZE IN USCITA: E in grado di individuare le caratteristiche del materiale. E in grado di effettuare prove sperimentali per verificare

Dettagli

T A B E L L A C. Gilda degli insegnanti di Venezia 1

T A B E L L A C. Gilda degli insegnanti di Venezia 1 ALLEGATO C T A B E L L A C Gilda degli insegnanti di Venezia 1 Elenco classi Tabella C C 01 Attività pratiche speciali C 02 Conversazione in lingua straniera C - 03 fisica C - 04 liuteria C 05 produzioni

Dettagli

Censimento e struttura produttiva

Censimento e struttura produttiva Censimento e struttura produttiva La popolazione attiva I censimenti economici : Censimenti dell industria e dei servizi Censimenti dell agricoltura Salvatore Cariello Potenza, 5 dicembre 2001 Popolazione

Dettagli

LA GERMANIA. La Germania confina con nove Stati: Svizzera, Austria, Francia, Lussemburgo, Belgio,

LA GERMANIA. La Germania confina con nove Stati: Svizzera, Austria, Francia, Lussemburgo, Belgio, LA GERMANIA CAPITALE MONETA LINGUA BERLINO EURO TEDESCO La Germania confina con nove Stati: Svizzera, Austria, Francia, Lussemburgo, Belgio, Paesi Bassi, Danimarca, Polonia e Repubblica Ceca. La Germania

Dettagli

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

RISCHIO BASSO H I - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI ALLOGGIO E DI RISTORAZIONE 55 - ALLOGGIO 56 - ATTIVITÀ DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE RISCHIO BASSO ATECO 2002 ATECO 2007 Commercio ingrosso e dettaglio Attività Artigianali non assimilabili alle precedenti (carrozzerie, riparazione veicoli lavanderie, parrucchieri, panificatori, pasticceri,

Dettagli

L'OFFERTA TECNICA E PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI CREMONA PER L'A.S. 2013/2014

L'OFFERTA TECNICA E PROFESSIONALE IN PROVINCIA DI CREMONA PER L'A.S. 2013/2014 AREA AMMINISTRATIVA Settore ECONOMICO Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali ITC "BELTRAMI" Cremona IIS "GHISLERI" ITCG "PONZINI" Soresina ITCG "PACIOLI"

Dettagli

Scheda Percorsi SUAP (Sportello Unico per le Attività produttive)

Scheda Percorsi SUAP (Sportello Unico per le Attività produttive) Scheda Percorsi SUAP (Sportello Unico per le Attività produttive) Il SUAP è definito come "l'unico punto di accesso per il richiedente in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua

Dettagli

TABELLA RIASSUNTIVA DELLE PERCENTUALI DI MEDIAZIONE

TABELLA RIASSUNTIVA DELLE PERCENTUALI DI MEDIAZIONE APPENDICE TABELLA RIASSUNTIVA DELLE PERCENTUALI DI MEDIAZIONE 1 TABELLA RIASSUNTIVA DELLE PERCENTUALI DI MEDIAZIONE In mancanza di patto o di tariffe professionali, le percentuali di mediazione in uso

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA DATO PROVINCIALE - OTTOBRE

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA DATO PROVINCIALE - OTTOBRE CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA Ore autorizzate agli Operai Ore autorizzate agli Impiegati Totale ore autorizzate Industria Attività economiche connesse con l'agricoltura... Industria Estrazione

Dettagli

I secondini presentano

I secondini presentano I secondini presentano I PAESAGGI Noi bambini di seconda abbiamo creato e riprodotto i paesaggi italiani creando dei plastici. ABBIAMO INCOLLATO, PITTURATO TAGLIATO......CREATO I PLASTICI UTILIZZANDO TANTI

Dettagli

ATTIVITA DEL SETTORE AGRICOLTURA

ATTIVITA DEL SETTORE AGRICOLTURA ATTIVITA DEL SETTORE AGRICOLTURA 1 COLTIVAZIONI AGRICOLE, ORTICOLTURA, FLORICOLTURA 1.01 Coltivazione di cereali e di altri seminativi 1.02 - Coltivazione di cereali (compreso il riso) 1.03 - Coltivazioni

Dettagli

LA PUGLIA LA PUGLIA È LA REGIONE PIÙ A EST DELLA PENISOLA E PER LA SUA POSIZIONE È ANCHE DETTA TACCO D'ITALIA

LA PUGLIA LA PUGLIA È LA REGIONE PIÙ A EST DELLA PENISOLA E PER LA SUA POSIZIONE È ANCHE DETTA TACCO D'ITALIA LA PUGLIA LA PUGLIA È LA REGIONE PIÙ A EST DELLA PENISOLA E PER LA SUA POSIZIONE È ANCHE DETTA TACCO D'ITALIA I CONFINI E LE PROVINCE La regione confina a nord-ovest con il Molise, a ovest con la Campania,

Dettagli

QUESTIONARIO. AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l It alia - Via della Chiusa, Milano

QUESTIONARIO. AIG Europe Limited Rappresentanza Generale per l It alia - Via della Chiusa, Milano Codice Broker n.: Nome broker: QUESTIONARIO POLIZZA DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA E AMMINISTRATIVA CONTABILE PER AMMINISTRATORI, SINDACI E DIRIGENTI (il cui Ente di riferimento è già in possesso di

Dettagli

Ambiti delle aree tecnologiche Specializzazioni IFTS Indirizzi Istituti Tecnici Indirizzi Istituti Professionali Diplomi di IeFP Qualifiche di IeFP

Ambiti delle aree tecnologiche Specializzazioni IFTS Indirizzi Istituti Tecnici Indirizzi Istituti Professionali Diplomi di IeFP Qualifiche di IeFP Tavola indicativa della correlazione tra l'offerta di istruzione e formazione professionale, l'area economica e, le filiere produttive e le aree tecnologiche/ambiti degli ITS La tabella integra e completa

Dettagli

T A B E L L A C. C:\programmi\qualcomm\eudora\attach\Allegato C - elenco.doc 1

T A B E L L A C. C:\programmi\qualcomm\eudora\attach\Allegato C - elenco.doc 1 ALLEGATO C T A B E L L A C C:\programmi\qualcomm\eudora\attach\Allegato C - elenco.doc 1 Elenco classi Tabella C C 01 Attività pratiche speciali C 02 Conversazione in lingua straniera C - 03 fisica C -

Dettagli

può essere scelto dagli studenti del Corso di laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari

può essere scelto dagli studenti del Corso di laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari CORSO DI LAUREA in SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Lo studente, oltre agli insegnamenti offerti nell ambito dei Corsi di Laurea di primo livello dell'università degli Studi di Bari, purché riconosciuti

Dettagli

La vitalità dei territori

La vitalità dei territori Aspen Institute Italia Studio curato da Fondazione e Il sole 24 ore La vitalità dei territori La vetrina delle eccellenze territoriali italiane Progetto Interesse Settembre 2009 Aspen Institute Italia

Dettagli

A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale

A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale A cura di Città Metropolitana di Genova, Ufficio Scolastico Regionale 1 Obiettivi Informare gli studenti dell ultimo anno sulla riforma della scuola superiore e sulle opportunità formative del territorio.

Dettagli

Istruzione Professionale

Istruzione Professionale Istruzione Liceale I percorsi liceali non preparano a una professione come i percorsi tecnici e professionali; gli insegnamenti sono comunque attinenti a un settore di interessi (artistico piuttosto che

Dettagli

V CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA ANALISI CON TECNICHE DI DATA MINING SULLE AZIENDE CON ALLEVAMENTI

V CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA ANALISI CON TECNICHE DI DATA MINING SULLE AZIENDE CON ALLEVAMENTI V CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA ANALISI CON TECNICHE DI DATA MINING SULLE AZIENDE CON ALLEVAMENTI ANALISI DEI GRAFICI RELATIVI AGLI ALLEVAMENTI - 1 Figura 1 Ovini e caprini Distribuzione dei capi

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA CALTANISSETTA. rilevazione dei prezzi medi all ingrosso dei generi di maggior consumo

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA CALTANISSETTA. rilevazione dei prezzi medi all ingrosso dei generi di maggior consumo 1 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA CALTANISSETTA rilevazione dei prezzi medi all ingrosso dei generi di maggior consumo mese di Giugno 2005 M E R C I vendita misura prezzo rilevato

Dettagli

TECNOLOGIA: VERIFICA SUL MERCATO DEL LAVORO

TECNOLOGIA: VERIFICA SUL MERCATO DEL LAVORO TNOLOGI: VRIFI SUL MRTO L LVORO NOM OGNOM LSS domanda 1 Osserva l'immagine a sinistra prodotta mettendo insieme tre immagini di un settore della produzione: abbina i numeri delle immagini al relativo settore

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione Standard (PS).

REGIONE CALABRIA. Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione Standard (PS). Allegato A REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI AUTORITÀ DI GESTIONE PSR CALABRIA 2014-2020 Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel gennaio L'indice dei prezzi alla produzione e all'importazione è salito dello 0,4%

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel gennaio L'indice dei prezzi alla produzione e all'importazione è salito dello 0,4% Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 14.02.2017, 9:15 5 Prezzi N. 2017-0224-I e all'importazione nel gennaio 2017 L'indice dei prezzi alla

Dettagli