lavori di riparazione, trasformazione, ampliamento o demolizione di edifici esistenti;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "lavori di riparazione, trasformazione, ampliamento o demolizione di edifici esistenti;"

Transcript

1 1 GENERALITÀ Il cantiere è considerato uno dei luoghi più pericolosi, in quanto è soggetto a continue movimentazioni e variazioni ed inoltre è presente qualunque tipo di personale, anche quello non addestrato. Per questo vanno prese le precauzioni più restrittive per la sicurezza delle persone e dell ambiente. Impianto elettrico di cantiere: Insieme di componenti elettrici, ubicati all interno del recinto di cantiere, elettricamente associati in modo da rendere disponibile l energia elettrica agli apparecchi utilizzatori del cantiere. Si applica ai cantieri di costruzione e demolizione destinati a: lavori di costruzione nuovi edifici; lavori di riparazione, trasformazione, ampliamento o demolizione di edifici esistenti; costruzione di strade, viadotti, parchi, canali, teleferiche, ecc.; lavori di movimentazione o escavazione di inerti, pietre e ghiaie. L impianto elettrico di cantiere consta essenzialmente di: rete di dispersione dell'impianto di messa a terra; captatori e scaricatori dell'impianto di protezione contro le scariche atmosferiche (dove questo è presente), connesso elettricamente all impianto di terra; conduttori di terra, di equipotenzialità e di protezione, aventi la funzione di connettere elettricamente le carcasse metalliche degli utilizzatori elettrici con l'impianto di messa a terra; collegamenti elettrici di alimentazione dal punto di consegna dell'azienda Elettrica fino al quadro elettrico generale e da questo ai sottoquadri di settore, dove sono presenti gli interruttori magneto-termici e differenziali. Sono esclusi dall impianto elettrico di cantiere: i collegamenti elettrici alimentati dalle prese dei quadri elettrici terminali; gli impianti elettrici dei locali di servizio di un cantiere, quali uffici, spogliatoi, sale riunione, spacci, ristoranti, mense, dormitori, servizi igienici, officine meccaniche ecc.; le spine e i cavi di alimentazione di apparecchi utilizzatori portatili o trasportabili derivati dalle prese dei quadri elettrici terminali, della cui verifica sono responsabili i datori di lavoro delle diverse imprese che vi allacciano le attrezzature; i locali di produzione e consegna dell energia elettrica, indipendentemente dalla loro ubicazione, interna o esterna al recinto di cantiere (si considerano infatti locali di servizio). I circuiti alimentanti il cantiere devono comunque essere protetti in accordo con le prescrizioni della CEI 64-8, anche se traggono origine da quadri elettrici posti entro locali di servizio. 1/21

2 2 INFORMAZIONI DA COMUNICARE NELLE FASI CONTRATTUALI I rapporti contrattuali di regola non interessano direttamente il committente, bensì l impresa appaltatrice in veste sia di committente all impresa elettrica che di utilizzatrice dell impianto, coinvolgendo inoltre le altre imprese in subappalto. Va chiarito che, in mancanza di specifiche contrattuali, l impresa appaltatrice non è tenuta a fornire il servizio relativo all impianto elettrico a imprese in subappalto. Ne emerge che, per evitare il proliferare di impianti sul cantiere, il progettista e coordinatore della sicurezza dovrebbe inserire nei compiti di fornitura a carico dell impresa appaltatrice la realizzazione di un impianto elettrico di cantiere, atto a soddisfare tutte le esigenze, comprese quelle prevedibili per i subappaltatori. Il responsabile dei lavori (committente) o il coordinatore per la progettazione deve tenere conto anche dei rapporti contrattuali fra l impresa appaltatrice (committente) e le imprese utilizzatrici (subappaltatrici) che eseguono lavori elettrici e non elettrici e che devono usufruire dell impianto. Esempi: Dichiarazione da impresa che ha realizzato l impianto a impresa utilizzatrice Caratteristiche dell impianto elettrico di cantiere Il cantiere situato nel Comune di XXX, in via XXX, atto a svolgere l attività di XXX presenta le caratteristiche seguenti. L alimentazione dell ente distributore avviene in: tensione superiore a 1000V bassa tensione BT 400/230V (trifase con neutro) bassa tensione BT 230V (monofase) L alimentazione è originata in proprio a mezzo di n. XXX gruppo/i elettrogeno/i della potenza complessiva di XXXX kva Il(i) gruppo(i) elettrogeno(i) è presente solo per alimentare i circuiti di emergenza la distribuzione è realizzata con il sistema: TN-S TN-C TT IT La corrente di cortocircuito presente all origine dell impianto è di XXX ka L impianto, ai fini della protezione contro i contatti indiretti è coordinato con: le protezioni dell ente distributore AT o MT le protezioni generali BT (Idn XXX A) I quadri elettrici di cantiere sono conformi alle relative Norme CEI Le condutture dell impianto fisso e movibile sono costituite da cavi idonei al tipo di posa in conformità con la Norma CEI relativa ai cantieri Note: Committente o responsabile dell impresa appaltante (firma e data) Per accettazione (firma e data) 2/21

3 Dichiarazione da impresa utilizzatrice all impresa che ha realizzato l impianto di cantiere (appaltante e/o committente) L impresa utilizzatrice dichiara di aver preso conoscenza delle caratteristiche dell impianto elettrico del cantiere e si impegna ad utilizzare l impianto stesso secondo quanto imposto dalla buona tecnica e dalla regola dell arte consapevole che ogni abuso od uso improprio di apparecchiature non idonee può comportare la revoca del permesso di utilizzo dell impianto. In particolare l impresa utilizzatrice si impegna: ad utilizzare componenti e apparecchi elettrici rispondenti alla regola dell arte ed in buono stato di conservazione; a non fare uso di cavi giuntati o che presentino lesioni o abrasioni vistose; ad accertarsi, prima di inserire una spina nel quadro prese, che la potenza dell apparecchio utilizzatore sia compatibile con la sezione della conduttura che lo alimenta, anche in relazione ad altri apparecchi utilizzatori già collegati al quadro; a chiedere l autorizzazione prima di realizzare un collegamento fisso all impianto di cantiere; ad utilizzare prolunghe solo per brevi utilizzi temporanei. Il responsabile dell impresa utilizzatrice (firma e data) È infine necessario che le persone preposte all organizzazione informino gli operatori in merito: alle caratteristiche dell impianto elettrico; ai criteri di sicurezza da adottare per un utilizzo corretto dello stesso; ai rischi correlati all utilizzo dei componenti elettrici; al divieto che un utente possa accedere alle morsettiere e realizzare derivazioni dai quadri esistenti senza autorizzazione. Quando si procede ad attività di trasformazioni di edifici esistenti, siano o meno in stato di attività, il titolare di detti locali deve fornire informazioni minime in merito ai rischi ambientali, e tra queste: informazioni relative alla presenza di impianti (o linee) elettrici attivi; presenza di ambienti a maggior rischio di incendio o con pericolo di esplosione; l utilizzabilità o meno degli impianti esistenti. 3/21

4 3 ANALISI CONDIZIONI DI CANTIERE La precarietà degli impianti di cantiere e le pesanti condizioni ambientali concorrono ad elevare il rischio: l analisi delle condizioni deve quindi mirare ad evidenziare le soluzioni più adatte. 3.1 Durata L impianto di cantiere è per sua natura temporaneo, ma è evidente che la durata comporta un utilizzo più o meno intenso. Ne consegue che, in un cantiere per il quale si prevede una lunga durata, l impianto debba essere progettato con maggior funzionalità rispetto ad uno per breve durata. Una lunga durata del cantiere consiglia inoltre una revisione periodica documentata dell impianto stesso. 3.2 Dimensione Richiedono attenzione le cadute di tensione quando le distanze si avvicinano al centinaio di metri. Inoltre, se alla dimensione si affianca un intensa attività, può essere necessario prevedere più quadri di distribuzione. Quanto affermato vale anche per lo sviluppo verticale. 3.3 Condizioni climatiche Un cantiere è soggetto ai cambiamenti delle condizioni climatiche, quindi l impianto elettrico deve sopportare intemperie e temperature variabili con la stagione. 3.4 Rischio d urto È legato alla movimentazione di materiali e di mezzi di cantiere. Per far fronte a questi rischi il progettista deve studiare le ubicazioni più adatte per linee e quadri e, se necessario, deve prevedere apposite barriere protettive. 3.5 Polveri ed acqua Le polveri concorrono a richiedere elevati gradi di protezione per le custodie; inoltre, se la presenza di polveri è localizzata, è bene che i quadri siano ubicati ad opportuna distanza da tali zone. Oltre alla pioggia possono essere presenti acque di lavaggio, di risorgiva negli scavi o inondazioni. Come per le polveri il rischio d acqua condiziona la scelta delle custodie e il posizionamento dei quadri. 3.6 Presenza di persone I cantieri, sono luoghi che in alcuni periodi si affollano di personale con esigenza di utilizzare energia elettrica, ma spesso senza esperienza né di impiantistica, né delle particolarità dell impianto presente. La progettazione dell impianto deve tenere conto di questi aspetti. 3.7 Accessibilità al potenziale di terra In alcune lavorazioni ricorrono gli estremi di locali conduttori ristretti. 4/21

5 In questi casi le attrezzature elettriche devono essere di tipo conforme alle particolari prescrizioni normative. 3.8 Presenza di linee aeree o interrate di cantiere In tutti i cantieri sono presenti linee elettriche e la circolazione di mezzi meccanici, la possibilità di realizzare scavi o sbancamenti, il semplice ribaltamento di un cassone, possono provocare contatti accidentali con le linee. È quindi evidente l importanza che il piano di posa delle linee sia realizzato tenendo ben presente le esigenze di attività del cantiere e, ove possibile, posandole sui lati periferici del cantiere stesso. Una copia del piano di posa delle linee (soprattutto se interrate) dovrebbe essere consegnato al capocantiere. 3.9 Presenza di impianti elettrici attivi Nei cantieri di ristrutturazione è frequente la presenza di impianti elettrici estranei all attività del cantiere. È evidente che questi possono rappresentare un pericolo e, se non emergono particolari esigenze d utilizzo, si deve provvedere al sezionamento di queste parti di impianto. Qualora le esigenze produttive del committente richiedano la permanenza in servizio degl impianti nell area di cantiere, si deve valutare la compatibilità di detti impianti con le condizioni del cantiere (acqua, polveri, mezzi meccanici in movimento ecc.) e si devono anche studiare le misure comportamentali per le maestranze e le eventuali protezioni meccaniche da applicare agli impianti Ambienti con maggior rischio in caso di incendio o rischio di esplosione Nelle usuali attività di cantiere il rischio che l impianto elettrico possa innescare incendi è abbastanza remoto. Ciò non toglie che in alcuni casi, in particolare nelle ristrutturazioni di edifici industriali o commerciali, possano presentarsi le caratteristiche di ambienti a maggior rischio in caso di incendio o di ambienti con rischio d esplosione. In questi casi l impianto di cantiere deve adattarsi alle specifiche riportate nelle rispettive norme CEI Distanze di sicurezza da linee elettriche Non possono essere eseguiti lavori in prossimità di linee elettriche aeree a distanza minore di 5 m, a meno che, previa segnalazione all esercente delle linee, non si provveda ad un adeguata protezione atta ad evitare contatti accidentali o avvicinamenti ai conduttori delle linee stesse. 5/21

6 6/21

7 4 PRESCRIZIONI PER LA SICUREZZA 4.1 Protezione contro i contatti diretti Le misure di protezione contro i contatti diretti possono essere ottenute mediante: l isolamento delle parti attive; l utilizzo degli involucri o barriere. Per i cantieri le misure di protezione mediante ostacoli, che proteggono solo da contatti accidentali con le parti attive, si possono adottare solo quando altre misure di protezione non possono essere utilizzate e comunque devono essere mantenute per un periodo di tempo limitato, previo accordo con il responsabile della sicurezza. 4.2 Protezione contro i contatti indiretti Protezione mediante l interruzione automatica dell alimentazione La tensione di contatto deve essere limitata a 25V c.a. o a 60V c.c. È opportuno ricordare che il rispetto di tali valori può essere ottenuto: in un sistema TT, solo mediante l utilizzo di interruttori differenziali; in un sistema TN anche con l impiego del solo interruttore magnetotermico, previa verifica dell impedenza dell anello di guasto e del tempo di intervento della protezione. L impiego di un dispositivo differenziale nei sistemi TN è comunque garanzia di maggiore sicurezza Protezione mediante componenti elettrici di Classe II o con isolamento equivalente Questa soluzione è generalmente impiegata nella costruzione degli apparecchi utilizzatori. Nei cantieri tale protezione può essere utilizzata per utensili portatili. Bisogna fare attenzione che questi apparecchi siano idonei per l uso in luoghi soggetti a spruzzi d acqua (IPX4) Protezione per separazione elettrica (sistemi di piccola estensione) La sorgente di alimentazione del circuito deve essere un trasformatore di isolamento o una sorgente con caratteristiche di sicurezza equivalenti a quella del trasformatore di isolamento (ad esempio un piccolo gruppo elettrogeno). Se vengono alimentati più apparecchi utilizzatori le loro masse devono essere collegate con un conduttore equipotenziale (ma non alla terra, come nel sistema IT). Questa protezione può essere applicata a circuiti con prese a spina solo se ciascun apparecchio utilizzatore è alimentato da un trasformatore di isolamento separato. 4.3 Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti mediante circuiti a bassissima tensione di sicurezza (SELV) Il sistema SELV può essere sempre utilizzato, ma, in particolare, è indispensabile quando le condizioni di lavoro risultano severe, come per l alimentazione di utensili o lampade portatili nei luoghi conduttori ristretti. 4.4 Protezione contro le sovracorrenti La protezione contro le sovracorrenti può essere ottenuta mediante interruttori automatici con sganciatori di sovracorrente o mediante fusibili. 7/21

8 Nei cantieri non è ammesso utilizzare l interruttore limitatore del fornitore di energia come protezione contro i cortocircuiti dalla linea di alimentazione al quadro generale. Deve essere previsto, all origine dell impianto, un quadro che comprenda i dispositivi di protezione principali. Il dispositivo di protezione contro le sovracorrenti deve avere caratteristica idonea alle condutture protette e nello stesso tempo consentire l avviamento di motori con corrente di spunto elevata. In quest ultimo caso è consigliabile l uso di interruttori con soglia di intervento magnetico da 10 a 20 volte la loro corrente nominale Protezione contro i sovraccarichi Ogni circuito deve essere protetto contro i sovraccarichi con dispositivo incorporato nei quadri. E' fortemente consigliabile omettere la protezione contro i sovraccarichi nell alimentazione di macchine di sollevamento Protezione contro il cortocircuito Il dispositivo di protezione deve avere un potere di interruzione almeno uguale alle corrente di cortocircuito presunta nel punto di consegna dell energia elettrica, se non viene calcolato per il punto di utilizzazione. 4.5 Protezione differenziale L interruttore differenziale è un protezione addizionale nel caso di: contatto diretto a seguito del guasto di isolamento di un conduttore che non comporta l interruzione automatica dell alimentazione (danneggiamento meccanico senza cortocircuito); contatto diretto per rottura degli apparecchi utilizzatori portatili o per negligenza del personale; contatto indiretto causato dal guasto di isolamento di un apparecchio di classe I con massa non collegata a terra o per interruzione della continuità del conduttore di protezione. 4.6 Protezioni in luoghi conduttori ristretti Sono luoghi ristretti quei luoghi limitati da superfici conduttrici, nei quali è probabile che una persona possa venire in contatto con tali superfici ed è limitata la possibilità di interrompere tale contatto. Esempi di luoghi conduttori ristretti presenti nei cantieri sono piccole cisterne metalliche, interno di tubazioni metalliche, cunicoli umidi, scavi ristretti nel terreno e tralicci. Il luogo conduttore ristretto può essere applicabile anche a situazioni in cui l operatore è in ambiente ampio ma a stretto contatto, su larga parte del corpo, con superfici conduttrici, per esempio lavori con cinture di sicurezza su strutture metalliche. Gli utensili portatili utilizzati in questi luoghi, devono essere alimentati a bassissima tensione di sicurezza (SELV) o devono essere protetti per separazione elettrica. Per le lampade portatili è ammessa solo la alimentazione a bassissima tensione di sicurezza (SELV). Sia il trasformatore di isolamento che il trasformatore di sicurezza dei sistemi SELV debbono essere tenuti all esterno del luogo conduttore ristretto. 4.7 Dispositivi di sezionamento, protezione e comando Deve essere previsto, all origine di ogni impianto, un quadro che comprenda i dispositivi di sezionamento, di comando e di protezione principali. 8/21

9 Devono essere previsti uno o più dispositivi sul cavo di ingresso a ciascun quadro di alimentazione ed a ciascun quadro di distribuzione previsto. Un solo dispositivo può sezionare o comandare più circuiti, purché correttamente dimensionato per le condizioni di servizio. Il sezionamento può essere affidato ad interruttori, prese a spina, o altri dispositivi. I dispositivi di sezionamento debbono essere dotati di blocco in posizione di aperto, che può essere realizzato direttamente sulla manovra dell apparecchio con chiave o lucchetto o essere collocato all interno di un involucro chiudibile con chiave. 4.8 Arresto di emergenza Non è richiesta l installazione di dispositivi di arresto di emergenza sui quadri di serie per cantiere in quanto le apparecchiature che possono causare pericolo (gru, betoniere, sistemi di pompaggio, ecc.) ne devono essere già dotate come prevede la Direttiva Macchine. 9/21

10 5 QUADRI PER CANTIERI ASC 5.1 Tipologie di quadri ASC Quando si realizza un impianto di cantiere, questo va alimentato da un quadro generale di cantiere, anche se l alimentazione è derivata da un impianto fisso esistente o se l impianto di cantiere è composto da sole parti mobili. Per esigenze strutturali e di utilizzo si distinguono in: ASC trasportabili, quando destinati ad una postazione fissa, vengono rimossi e riposizionati solo dopo essere stati posti fuori tensione (fanno quindi parte dell impianto fisso di cantiere). ASC mobili, quando possono essere spostati senza essere messi fuori tensione. Indipendentemente dalla funzione va ricordato che ogni ASC si compone di: unità di entrata che contiene un dispositivo di sezionamento (bloccabile in posizione di aperto) e un dispositivo di protezione contro le sovracorrenti (che può essere omesso quando tale protezione sia assicurata dal quadro a monte). unità di uscita con dispositivi di manovra con azionamento simultaneo dei contatti di fase, facilmente accessibili senza l uso di chiavi o attrezzi, dispositivi di protezione contro le sovracorrenti, dispositivi di protezione contro i contatti diretti e indiretti. 5.2 Norme di riferimento I quadri per la distribuzione nei cantieri debbono essere conformi alla Norma CEI EN I quadri elettrici installati in locali considerati locali di servizio del cantiere non sono considerati quadri per cantiere ma sono soggetti alle Norme CEI EN , CEI EN o CEI ed alle prescrizioni della Norma CEI 64-8 relative ai dispositivi di sezionamento e comando. La dichiarazione di conformità dei quadri va conservata sul posto di lavoro ed i dati caratteristici del quadro vanno menzionati nello schema unifilare dell impianto elettrico da allegare alla dichiarazione di conformità, redatta dall installatore dello stesso ai sensi del D.M. n. 37/2008. Nel caso venga installato un quadro che non risponda alla sopraccitata normativa, lo stesso va sottoposto a verifica insieme all impianto elettrico del cantiere. Lo schema unifilare del quadro elettrico va, pertanto, integrato nello schema unifilare dell impianto elettrico da allegare alla dichiarazione di conformità 37/ Prescrizioni normative particolari Tenuto conto della particolare destinazione dei quadri, la norma impone le seguenti prescrizioni: il quadro deve essere adatto al posizionamento anche in luoghi impervi, mantenendo comunque la posizione verticale (fanno eccezione i quadri ad uso mobile); le uscite cavi debbono avere una distanza minima dal suolo compatibile con il raggio di curvatura dei cavi allacciabili; il quadro deve essere dotato di mezzi per sollevamento e trasporto; i morsetti terminali debbono essere adatti a ripetuti allacciamenti; il grado di protezione minimo richiesto verso l esterno è IP44. Nel caso si preveda che l impianto elettrico sia soggetto a getti d acqua, il grado di protezione va aumentato almeno a 10/21

11 IP 55. Prevedendo condizioni ancora più gravose (ad esempio: la presenza di ristagni d acqua), consultare le indicazioni contenute nel piano di sicurezza e coordinamento. 5.4 Quadri preesistenti I quadri esistenti alla pubblicazione della Norma CEI (11/1992) si ritengono adeguati ai fini della sicurezza e utilizzabili quando presentano almeno i seguenti requisiti: assenza di danneggiamenti meccanici dell involucro tali da rendere il quadro insicuro; componenti elettrici idonei, provvisti di marchio o altro tipo di certificazione, secondo quanto previsto dalla legge 791/77 (Direttiva 73/23). In particolare per le prese a spina vedere /21

12 6 CAVI, PRESE A SPINA, AVVOLGICAVI E PROLUNGHE 6.1 Conduttori I cavi utilizzati per la posa mobile vanno scelti fra quelli del tipo HO7 RN-F per l alimentazione trifase o del tipo HO5 RN-F per l alimentazione monofase o quelli con caratteristiche almeno equivalenti (FG70-K, A07 RN-F, H07 BQ-F, FROR 450/750, A05 RN-F, H05 VV-F, ecc.) Tali sigle sono facilmente visibili sul mantello isolante. Per gli utilizzatori elettrici alimentati con tensione 220 V e che possiedono la cosiddetta caratteristica del doppio isolamento (contraddistinta dal simbolo del doppio quadrato apposto dal produttore sulla carcassa), vanno utilizzati cavi d'alimentazione sprovvisti del conduttore di protezione e spine sprovviste del contatto di terra. 6.2 Prese a spina Le prese a spina utilizzate in cantiere devono essere in grado di resistere alle condizioni di impiego che si possono verificare durante l uso, e quindi devono essere protette adeguatamente contro gli effetti dannosi dell acqua ed avere adeguata resistenza meccanica. Nelle comuni condizioni di cantiere le prese a spina devono garantire un grado di protezione almeno IP44, sia con spina inserita che con spina disinserita, ed una resistenza meccanica a basse temperature. Queste prescrizioni fanno sì che le prese a spina debbano essere del tipo industriale, conformi alle norme EN (CEI 23-12), cioè certificate CEE 17. È ammesso l uso di prese per uso domestico e similare (CEI 23-5, CEI 23-16, CEI 23-50) quando l ambiente di lavoro non presenta particolari rischi di presenza di acqua, di polveri ed urti o per attività di breve durata o di finitura. È ammesso l uso di adattatori per uso temporaneo. 6.3 Modalità di impiego delle prese a spina Le prese a spina devono: essere protette da un dispositivo a corrente differenziale, con corrente d intervento Idn < 30 ma se aventi corrente nominale non superiore a 32A, oppure; essere alimentate da sorgenti SELV, oppure; essere protette mediante separazione elettrica del circuito. Qualora le prese a spina di tipo mobile vengano a trovarsi in punti di passaggio, debbono essere adeguatamente protette contro i danneggiamenti meccanici. Le prese a spina per i circuiti SELV non devono essere intercambiabili con altri tipi di prese a spina in uso nel cantiere. Le prese a spina mobili possono venire impiegate in condizioni diverse da quelle per le quali erano state progettate, e trovarsi così in contatto con pozzanghere o condizioni simili: per questo è preferibile siano realizzate con grado di protezione IP67; gradi di protezione inferiori sono ammessi, ma solo per ambienti e lavorazioni ove certamente non esistano particolari rischi di presenza di acqua o polveri. 12/21

13 Le connessioni per le prese a spina trifasi devono essere realizzate in modo da rispettare lo stesso ordine delle fasi. Nel caso le spine non entrino nelle prese installate nel quadro o in quelle fissate alle estremità delle prolunghe, non sostituire la spina originale, ma utilizzare gli specifici adattatori. Se le spine o i cavi d'alimentazione delle attrezzature o le prolunghe sono danneggiati: sospendere immediatamente le lavorazioni: non riparare la parte danneggiata per nessun motivo (es. nastro isolante, ecc); rivolgersi esclusivamente a personale specializzato per la sostituzione. 6.4 Avvolgicavo Gli avvolgicavo devono essere di tipo industriale e conformi alla Norma CEI EN e quindi avere almeno le seguenti caratteristiche: incorporare un protettore termico o di corrente che protegga il cavo da surriscaldamenti dannosi, sia con cavo avvolto che con cavo svolto; il cavo deve essere di tipo H07RN-F con sezione minima di 2,5 mm 2 per avvolgicavo da 16A, 6 mm 2 per avvolgicavo da 32A, e 16 mm 2 per avvolgicavo da 63A; riportare il nome o marchio del costruttore, la tensione nominale, e le massime potenze prelevabili a cavo avvolto e/o a cavo svolto; se equipaggiati con prese a spina (prolunghe), le prese debbono essere conformi a 6.2. Questi elementi non sono componenti dell impianto di cantiere, e non rientrano quindi nel progetto. Venendo usati in condizioni e cantieri diversi, non è possibile fissare una loro lunghezza massima. Bisogna tuttavia ricordare che la loro eccessiva lunghezza è sconsigliata perché può provocare forti cadute di tensione. A tal scopo si consiglia di consultare le tabelle disponibili in funzione della sezione e della corrente. 13/21

14 7 ILLUMINAZIONE DI CANTIERE Si distinguono tre tipi di illuminazione: fissa, trasportabile e portatile. 7.1 Impianti fissi di illuminazione Devono avere le stesse caratteristiche degli impianti elettrici. In particolare si deve porre attenzione al grado di protezione, che in ambiente normale si consiglia IP 44, e al posizionamento degli apparecchi, che non deve risultare d intralcio e deve essere possibilmente protetto contro gli urti. Si deve verificare che gli apparecchi di illuminazione non siano causa di abbagliamento. 7.2 Impianti di illuminazione trasportabili Generalmente si utilizzano proiettori dotati di lampade alogene, installati su appositi sostegni. Questi apparecchi di illuminazione funzionano in posizione fissa e devono essere trasportati solo dopo aver disattivato l alimentazione. Essendo comunque a portata di mano durante il loro funzionamento, le lampade devono essere protette. I cavi di alimentazione devono essere adatti alla posa mobile, quindi di tipo H07RN-F o equivalenti. A causa delle lavorazioni in corso essi possono risultare esposti a spruzzi, per cui si consiglia un grado di protezione minimo IP44. È inoltre consigliato che siano utilizzati apparecchi di illuminazione con isolamento di Classe II. 7.3 Lampade portatili Le lampade portatili devono essere: conformi alla Norma CEI EN ; dotate di impugnatura in materiale isolante; completamente protette nelle parti in tensione, o che possono entrare in tensione; dotate di protezione meccanica della lampadina; avere grado di protezione IP44 al minimo; alimentate a bassissima tensione di sicurezza SELV, se utilizzate in luoghi conduttori ristretti. 14/21

15 8 IMPIANTO DI TERRA 8.1 Valore massimo della resistenza di terra Il valore della resistenza di terra deve risultare coordinato con le protezioni, in funzione del sistema esercito, TT (= neutro e masse a terra), TN (= neutro a terra e masse al neutro) o IT = neutro isolato e masse a terra) Sistema TT (fornitura BT) Per impianti alimentati da sistemi di I categoria con modo di collegamento a terra di tipo TT, stabilito che per i cantieri la tensione di contatto limite convenzionale è 25V e considerata una protezione differenziale con soglia di intervento Idn, la resistenza dell impianto R è: dove: R = somma delle resistenze del dispersore e dei conduttori di terra Idn = corrente nominale (A) dell interruttore differenziale. Pertanto va verificato che la resistenza di terra non sia maggiore di 833 Ω. Al fine di non superare la tensione di contatto di 25 V, gli interruttori differenziali che possiedono corrente d intervento Idn = 300 ma possono proteggere circuiti a condizione che la resistenza di terra sia minore di 83 e che questi alimentino singoli utilizzatori elettrici fissi (ad esempio: la gru, l impianto di betonaggio, ecc.) la cui corrente nominale sia superiore a 32 A Sistema TN (con tensione minore di 1kV) Per i circuiti terminali, deve essere rispettato il tempo di 0,2 s con tensione verso terra di 230V, mentre per i circuiti di distribuzione il tempo di intervento può raggiungere 5 s. Nota: per tensioni maggiori, vedere CEI Sistema IT L uso del sistema IT è sconsigliato, salvo il caso di piccoli generatori portatili. Qualora non sia disponibile l alimentazione dall Ente distributore il cantiere è alimentato da un gruppo elettrogeno: in tal caso si suggerisce di collegare a terra il centro stella del gruppo elettrogeno in modo da rendere il sistema di tipo TN o TT. 8.3 Dispersori Per il miglioramento dell equipotenzialità è consigliabile che i conduttori che collegano i dispersori siano realizzati in corda nuda, onde costituire essi stessi elementi del dispersore. La profondità di posa deve essere almeno 0,5 m dalla superficie calpestabile e gli elementi devono essere ricoperti con terra, argilla, humus, limo, bentonite e non con ghiaia di risulta del cantiere. Oltre agli elementi intenzionali del dispersore (picchetti ecc.) si ricordano altri esempi di realizzazione, come i ferri di armatura. È opportuno ricordare che quando si realizza un 15/21

16 collegamento ad un ferro di armatura, questo di preferenza deve avere un consistente sviluppo longitudinale poiché ciò aumenta la superficie di contatto tra ferro e calcestruzzo. Inoltre è bene che il ferro collegato sia inserito in profondità, sotto il piano di calpestio, onde risultare in aree di maggior presenza di umidità. 8.4 Collegamento a terra di manufatti metallici Tutti i manufatti metallici di cantiere (recinzioni, ponteggi, tettoie, ecc.) che non siano né masse né masse estranee non devono essere collegati all impianto di terra o equipotenziale (altrimenti aumenta il rischio, perchè possono veicolare tensioni dovute a guasti avvenuti altrove). Le tubazioni metalliche di acqua e gas che entrano nel cantiere dall esterno sono masse estranee, perché possono introdurre un potenziale nell area del cantiere o costituire, in ogni caso, un potenziale di terra efficiente (cioè facilitano il passaggio di corrente attraverso una persona da una parte in tensione verso la terra ). Non sono masse estranee i manufatti metallici che abbiano un valore di resistenza verso terra maggiore di 200 Ω, che sono cioè isolati da terra e non veicolano il potenziale di terra. Se, invece, le masse estranee hanno un valore di resistenza verso terra inferiore a 200 Ω devono essere collegate all impianto equipotenziale del cantiere. Le strutture metalliche (ad esempio le baracche) devono essere collegate a terra quando sono suscettibili di diventare masse estranee (ad esempio se sono installati impianti elettrici all interno o nelle immediate vicinanze oppure se vicino c è una linea elettrica, specie se non è isolata) oppure quando è necessario realizzare l equipotenzialità fra le diverse masse metalliche. I ponteggi metallici devono essere collegati all impianto di terra, nel caso vengano considerati come elementi di captazione dell impianto di protezione contro i fulmini. In questo caso vi deve essere una connessione all'impianto di terra almeno ogni 25 m di sviluppo del ponteggio o almeno ogni facciata del fabbricato. In tale maniera si realizza anche l equipotenzialità fra le diverse masse metalliche come misura di prevenzione, quando si presume che sul ponteggio o nelle vicinanze siano utilizzate apparecchiature elettriche o quando vicino al ponteggio vi sia una linea elettrica. Il collegamento dei conduttori di terra al morsetto di terra, posto sulle carcasse degli utilizzatori elettrici (per esempio quelle dei quadri elettrici), permette la visibile connessione elettrica all impianto di terra. Tale connessione è da realizzare prima dell allacciamento all alimentazione elettrica. 16/21

17 9 PROTEZIONE CONTRO I FULMINI 9.1 Generalità La necessità di proteggere dai fulmini le strutture di cantiere deve essere sempre predeterminata tramite una valutazione del rischio di cui alle norme della serie CEI EN (CEI 81-10). Si devono preventivamente individuare tutte le strutture esistenti, ubicate sia nell area interna operativa (esempio: tettoie, ponteggi, gru, strutture metalliche all aperto in genere), sia nell area esterna e non operativa (baracche adibite ad uffici, spogliatoi, mensa, tettoie depositi, ecc.). E poi necessario individuare tutte le strutture tra loro fisicamente separate e suddividerle in: strutture adibite a servizi di cantiere (baracche, tettoie depositi), da classificare secondo la destinazione d uso in relazione al carico d incendio; strutture metalliche all aperto (ponteggi, gru, tettoie), in quanto per queste viene previsto solo il rischio dovuto alle tensioni di passo. La protezione intenzionale dai fulmini deve essere realizzata solo se necessario. Devono essere reputati superflui e non economici i collegamenti di terra intenzionali di strutture di cantiere già autoprotette dai fulmini. Nei casi eccezionali in cui, per ciascuna struttura indipendente di un cantiere edile (sia nell area interna operativa che nell area esterna di servizio), sia necessario installare un impianto intenzionale di protezione contro i fulmini, esso deve essere conforme a tutte le norme applicabili. In generale le strutture metalliche possono essere utilizzate come captatori e calate naturali, per cui sono necessari solo il dispersore ed i relativi collegamenti. 9.2 Baracca/tettoia Si può affermare che tali strutture, anche se di grandi dimensioni, sono generalmente autoprotette dalle fulminazioni dirette. Nel caso di contemporanea presenza di persone in numero elevato o per un elevato periodo di tempo e di pavimentazione non isolante, la valutazione del rischio dovrebbe essere eseguita e potrebbe essere opportuno rendere il terreno circostante di tipo isolante. 9.3 Gru a torre/ponteggi Le strutture metalliche all aperto non sono soggette alla valutazione del rischio se valgono le due seguenti condizioni (in quanto si considerano autoprotette): non si prevedono persone in numero elevato o per un elevato periodo a meno di 5 m; la resistività del suolo entro 5 m è uguale o superiore a ρ 5 kωm. Nel caso le strutture metalliche dei ponteggi, della gru edile, del silo per la malta premiscelata, ecc., siano utilizzate come captatori per l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche, esse sono da collegare elettricamente all impianto di messa terra, in modo da realizzare anche l'equipotenzialità fra le varie masse metalliche. Esse sono da sottoporre, conseguentemente, a verifica nel rispetto delle specifiche vigenti norme tecniche e di legge. 17/21

18 18/21

19 10 GESTIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO 10.1 Premessa Il D.M. 37/08 esclude dall obbligo di redigere il progetto e di attestare il collaudo le installazioni per apparecchi domestici e la fornitura provvisoria di energia elettrica per gli impianti di cantiere e similari, fermo restando l obbligo del rilascio della dichiarazione di conformità. Prima di iniziare i lavori dell impianto di cantiere, il datore di lavoro dell impresa esecutrice redige il Piano Operativo di Sicurezza e lo consegna al coordinatore della sicurezza in fase esecutiva. Almeno 10 giorni prima dell effettivo inizio dei lavori, il datore di lavoro mette a disposizione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza il suddetto POS e il PSC. La successiva gestione dell impianto può ricondursi alle seguenti fasi: verifiche iniziali prima della messa in esercizio. supervisione e verifiche periodiche; manutenzione, riparazioni e modifiche; recuperi per fine utilizzo; trasporti e immagazzinamento; riparazione e verifica per riutilizzo. Per la verifica di un impianto elettrico di cantiere le norme di riferimento sono il DPR n. 462/01, con la collegata direttiva del Ministero delle Attività Produttive del , le norme CEI (in particolare CEI 64-17) o altre norme di buona tecnica. I documenti che attestano l esecuzione delle verifiche di sicurezza di un impianto elettrico vanno conservati sul posto di lavoro ed esibiti a richiesta del personale ispettivo o trasmessi agli Uffici preposti alla vigilanza solo se espressamente richiesti. Nella norma CEI sono pubblicati alcuni esempi di schede e moduli per protocollare l esito delle verifiche e per la registrazione delle misure Messa in servizio oppure verifica iniziale dell impianto elettrico Per dimostrare di aver realizzato un impianto e di averne eseguito correttamente la verifica iniziale secondo le vigenti norme di buona tecnica, l installatore rilascia la dichiarazione di conformità, redatta secondo lo schema del D.M. 37/08 (ex Legge 46/90), da conservare sul posto di lavoro. La messa in esercizio degli impianti di messa a terra e dei dispositivi di protezione contro i fulmini non può essere effettuata prima del rilascio della dichiarazione di conformità. La dichiarazione di conformità equivale a tutti gli effetti ad omologazione dell'impianto 1. 1 Nella dichiarazione di conformità l installatore dovrebbe specificare che declina ogni responsabilità per sinistri a persone o cose derivanti dalla manomissione dell impianto da parte di terzi ovvero da carenze di manutenzione o riparazione. In caso di successive modifiche, pertanto, il committente deve conservare le relative dichiarazioni di conformità emesse dagli installatori (comprensive degli allegati obbligatori, in particolare lo schema elettrico unifilare dell'impianto aggiornato). 19/21

20 Alla dichiarazione l installatore deve allegare lo schema dell impianto, una descrizione dei materiali utilizzati, una copia dei requisiti tecnico-professionali (in particolare la visura della C.C.I.A.) e la documentazione che attesti l effettuazione delle verifiche strumentali : degli interruttori automatici e differenziali, della dispersione dell impianto di messa a terra e dell eventuale impianto di protezione contro le scariche atmosferiche. La semplice misura della resistenza di terra non rappresenta una verifica di sicurezza! Entro trenta giorni dalla messa in esercizio dell'impianto, il datore di lavoro invia la dichiarazione di conformità all'ispesl ed all'asl o all'arpa territorialmente competenti. La denuncia dell impianto di terra deve essere fatta da ciascun datore di lavoro per le attrezzature fisse del cantiere, anche se queste fanno capo ad un impianto di terra unico. Nel caso l impianto di protezione contro le scariche atmosferiche non sia stato installato, bisogna conservare una relazione redatta da un tecnico abilitato, la quale specifichi che l area del cantiere si può considerare autoprotetta contro i fulimini ai sensi della norma EN 62305/2 (CEI 81-10/2) Sorveglianze Siccome l impianto elettrico di cantiere è soggetto a gravose condizioni ambientali, a rapide mutazioni delle aree operative e alla presenza di utenti diversi e con scarsa conoscenza dell impianto, è opportuno esercitare una supervisione giornaliera. In particolare il capocantiere (o un addetto alla sicurezza) deve verificare: la compatibilità delle attività in corso nel cantiere con la presenza dell impianto elettrico, per esempio la compatibilità di scavi con la presenza di linee interrate, ecc. il rispetto delle prescrizioni di sicurezza per gli eventuali ambienti particolari. Si deve inoltre prendere in considerazione lo stato delle carcasse dei quadri, delle prese e dei conduttori, con particolare riferimento alle prolunghe, alle condutture a posa mobile e alla qualità delle attrezzature in relazione all ambiente (ad esempio presenza d acqua, ecc.) Verifiche periodiche Nei cantieri di lunga durata si dovrebbero prevedere le seguenti verifiche semestrali: funzionamento degli organi di sezionamento e degli arresti di emergenza; funzionamento delle protezioni differenziali; integrità e tenuta delle custodie e dei pressacavi; integrità delle guaine dei cavi con posa a vista, in particolare delle prolunghe; continuità dei conduttori di protezione e dell impianto di terra. Vi sono poi le seguenti verifiche periodiche obbligatorie: Impianti di messa a terra e di protezione contro i fulmini, almeno ogni due anni o in caso di modifiche sostanziali e dove operano lavoratori subordinati/associati (DPR n. 462/2001). Deve essere effettuata da una Organismo abilitato. 20/21

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC.

COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENDENZA BB. CC. Corso di formazione Quaderno N 5 Parte III GLI IMPIANTI ELETTRICI Il rischio elettrico nei cantieri temporanei e mobili Servizio Prevenzione e Protezione INTRODUZIONE

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO

RISCHIO ELETTRICO CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO ELETTRICO PRINCIPALI RIF.TI LEGISLATIVI RISCHIO ELETTRICO DPR 547/55 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro Legge 186/68 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari,

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano

Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano Effetti fisiopatologici della corrente elettrica sul corpo umano La vita è regolata a livello cerebrale, muscolare e biologico da impulsi di natura elettrica. Il cervello è collegato ai muscoli ed a tutti

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI

GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI 1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 10/011/CR10c/C7 GUIDA OPERATIVA PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI IMPIANTI ELETTRICI N. 1 - NORME GENERALI Roma, 27 gennaio 2010 Impianti elettrici n.

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

ITALIANO. Q quadri da cantiere vuoti o. assemblati in fabbrica (ASC)

ITALIANO. Q quadri da cantiere vuoti o. assemblati in fabbrica (ASC) ITALIANO Q quadri da cantiere vuoti o assemblati in fabbrica (ASC) i presentazione prodotti L azienda e il prodotto La SpA INDUSTRIA LOMBARDA MATERIALE ELETTRICO opera a Milano dal 1938 nel settore elettrotecnico

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

GENERALITA Le misure di sicurezza e le cautele da adottarsi per la prevenzione contro il rischio elettrico sono prescritte dal D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 titolo VII. Di seguito si riportano le principali

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito GUIDA TECNICA La distribuzione in bassa tensione Scemi di collegamento a terra 480 Tensioni, sovratensioni 482 Qualità dell energia 483 Miglioramento della qualità della rete 488 489 Dispositivi di apertura

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO Pag. 1 Pag. Sommario Descrizione sommaria dell impianto al fine della sua identificazione... 4 Distribuzione topografica impianto elettrico... 4 Dati di progetto... 5 Descrizione e destinazione d uso degli

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Edizione Italiana. Guida sistema. bassa tensione. IT03G - edizione 10/2003

Edizione Italiana. Guida sistema. bassa tensione. IT03G - edizione 10/2003 Edizione Italiana IT03G - edizione 10/2003 Guida sistema bassa tensione Indice Scelta delle apparecchiature di protezione Introduzione 1 Riferimenti normativi per le apparecchiature e la progettazione

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Rischio Elettrico nei laboratori dei

Rischio Elettrico nei laboratori dei UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI TERAMO Rischio Elettrico nei laboratori dei Dipartimenti Scientifici Dott. Giuseppe Mazziotti di Celso Università degli Studi di Teramo 16 Novembre 2010, Teramo LA CORRENTE ELETTRICA

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli