CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT"

Transcript

1 3 CRITERI DI ALLACCIAMENTO PER GLI UTENTI UTILIZZATORI E AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT 3.1 INTRODUZIONE Il collegamento dei clienti utilizzatori e di quelli autoproduttori alla rete di distribuzione necessita di particolari accorgimenti, atti a garantire una corretta sinergia fra i soggetti facenti parte del sistema. Infatti, quello che si vuole ottenere è un sistema in grado di rendersi immune alle manovre e/o ai guasti riguardanti i clienti e gli autoproduttori. Si vuole, cioè, che, qualora si presentino delle condizioni anomale di funzionamento all interno degli impianti degli utenti privati, questi vengano automaticamente distaccati dalla rete senza causare malfunzionamenti o disservizi alla rete pubblica e quindi agli altri utenti [3], [4], [5], [6], [8]. Nei paragrafi successivi vengono presi in esame separatamente i criteri necessari per l allacciamento dei clienti utilizzatori [1], [8], [9], [10] (par. 3.2) e degli autoproduttori [2], [8] (par. 3.3), ponendo particolare attenzione a quali siano i dispositivi da utilizzare per le protezione elettriche. 3-1

2 3.2 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DEI CLIENTI ALLA RETE MT Al fine di definire quali siano i criteri di allacciamento alla rete MT di ENEL Distribuzione bisogna far riferimento alla DK5600 [1]. I criteri imposti da tale DK vengono ad essere applicati: in maniera integrale, nel caso di collegamento di nuovi clienti o in occasione di rifacimento di impianti esistenti; limitatamente al sistema di protezione, nel caso del cambiamento dell esercizio dello stato del neutro della rete MT al cui un cliente risultasse già allacciato; limitatamente alla misura dell energia e al relativo locale, nel caso di clienti dotati di gruppi di misura elettronici. Le caratteristiche della tensione che ENEL Distribuzione fornisce al cliente sono conformi a quelle riportate nella norma CEI EN [10]. Tutte le apparecchiature che i clienti sono tenuti ad installare devono essere conformi alle normative sulla compatibilità elettromagnetica IEC serie Tutte le cabine private devono essere dotate di tre diversi locali: un locale, dotato di accesso diretto da strada pubblica, riservato all impianto di consegna di proprietà di ENEL Distribuzione; un locale, dotato di accesso diretto da strada pubblica per ENEL Distribuzione e per il cliente, nel quale vengono installati i gruppi di misura; un locale, adiacente al locale di consegna, per la sezione ricevitrice dell impianto utilizzatore. L impianto di consegna dell energia può essere collegato alla rete MT in derivazione o con schema entra-esce. Tuttavia le dimensioni del locale devono essere tali da permettere indifferentemente il passaggio da una modalità di connessione all altra. Nella Fig. 3-1 è illustrato lo schema tipico di allacciamento di una cabina MT. Le modalità tipiche di alimentazione da rete sono riportate in Fig In quest ultima figura col simbolo viene indicato il solo posizionamento degli apparecchi di manovra senza specificarne il tipo (interruttore, interruttore di manovra- 3-2

3 sezionatore, ecc.); sono riportati i casi relativi all alimentazione di una cabina con un solo trasformatore (a), con due trasformatori, di cui uno di riserva all altro (b), con due trasformatori che funzionano su sbarre separate del sistema di prima categoria (c), con due trasformatori che funzionano in parallelo sulle stesse sbarre di prima categoria (d). Legenda E Locale consegna, in uso esclusivo all ENEL M Locale misura, accessibile sia all ENEL che al cliente R I U C Locale cliente Scomparto per line MT in cavo Scomparto per consegna a clienti MT Punto di prelievo 1 Gruppo di misura 2 Dispositivo Generale dell impianto utilizzatore 3 Scomparto presente per collegamento entra-esce Fig. 3-1 Allacciamento di cliente MT con ingresso in cavo e locale misura. 3-3

4 NC NA B2 NA a) b) B2 NA c) d) Legenda NA= normalmente aperto NC= normalmente chiuso B2= interblocco Fig. 3-2 Schemi di alimentazione da rete. Qualora il cliente, per far fronte alle proprie necessità, ritenesse non sufficientemente affidabile il normale schema di allacciamento, potrebbe richiedere ad ENEL Distribuzione la possibilità di essere fornito di un ulteriore alimentazione d emergenza proveniente da altra linea MT. Se il cliente è dotato di impianto di produzione di riserva (per esempio un gruppo elettrogeno), l impianto dovrà essere dotato di apparecchi di commutazione atti a garantire che non vi siano dei paralleli fra tale sistema di riserva e la rete di ENEL 3-4

5 Distribuzione DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI FACENTI PARTE DI UNA CABINA PRIVATA MT/BT Nei paragrafi successivi, con riferimento allo schema riportato in Fig. 3-1, verranno analizzati i componenti facenti parte dei diversi locali Impianto di consegna L impianto di consegna è costituito dal complesso delle apparecchiature installate dal Distributore tra il punto di arrivo della linea e il punto di prelievo. Tale impianto è di proprietà dell ente distributore (ENEL), pertanto è compito di tale ente provvedere a curarne l esercizio e la manutenzione ordinaria. Qualora ENEL Distribuzione lo ritenesse utile, in tale impianto potrebbe anche essere installato un trasformatore MT/BT per l alimentazione della rete BT di distribuzione pubblica Punto di prelievo È definito punto di prelievo il punto di confine tra l impianto di proprietà ENEL Distribuzione e quello del cliente. Esso è univocamente definito in corrispondenza del terminale del cavo di collegamento. Quest ultimo, così come la conduttura, è allestito interamente dal cliente. Il tratto dedicato al passaggio della conduttura deve essere il più breve possibile; il cavo, se in rame, deve avere una sezione minima di 95 mm Impianto utilizzatore È composto dalle apparecchiature costituenti l impianto del cliente. La sua parte iniziale è denominata Sezione Ricevitrice. Il progetto, la costruzione, la manutenzione, la riparazione e l esercizio di tale impianto sono di pertinenza del cliente. Le caratteristiche fondamentali che tale impianto deve possedere sono: rispetto delle normative in tema di sicurezza e incolumità delle persone; non deve influenzare in maniera negativa il funzionamento del sistema a cui è connesso; 3-5

6 non deve influenzare negativamente gli altri clienti; deve essere dotato di apparecchiature aventi un grado di isolamento pari ad almeno 24 kv; le protezioni devono poter tollerare una corrente di corto circuito non inferiore a 12,5 ka; i trasformatori da utilizzare per la trasformazione MT/BT devono essere con collegamento triangolo-stella (possono essere adottati trasformatori diversi previo accordo con ENEL Distribuzione); deve essere dotato di un Dispositivo Generale; deve essere dotato di una Protezione Generale Il Dispositivo Generale (DG) Il DG può essere costituito, così come espresso nella DK5600, da un sezionatore tripolare ed un interruttore fisso, oppure, se l interruttore utilizzato è di tipo fisso, l uso del sezionatore non è necessario. Fig. 3-3 Schema unifilare della sezione ricevitrice dell impianto utilizzatore. Il DG deve essere installato in modo tale da rendere possibili gli interventi di manutenzione dell interruttore senza rendere necessaria la messa fuori tensione del cavo di collegamento. Nel caso di nuovi allacciamenti o di ristrutturazioni, non è più ammesso l utilizzo di un sezionatore tripolare accoppiato con un fusibile. 3-6

7 La Protezione Generale (PG) La PG ha la funzione di aprire il DG al fine di impedire che i guasti del cliente si ripercuotano sulla rete di ENEL Distribuzione. L ente distributore non installa nessuna protezione presso i locali dei clienti, pertanto devono essere i clienti stessi a dotarsi di opportune protezioni. Le protezioni generali da installare devono essere in grado di intervenire in caso di massima corrente (causata da sovraccarico o da guasti polifase) o di guasto a terra. In genere vengono usati dei relè alimentati da riduttori di corrente e/o di tensione. ENEL Distribuzione si riserva la possibilità di poter variare l esercizio dello stato del neutro della propria rete; è per tal motivo che tutti i clienti devono essere dotati di protezioni, il cui corretto funzionamento avvenga a prescindere dallo stato del neutro. La scelta delle caratteristiche della PG dipende dalla lunghezza delle linee, dal tipo di linee, dal numero di trasformatori e dalla potenza installabile. In Tab. 3-1 sono riportate le taglie limite dei trasformatori 1 che il cliente può installare al fine di continuare a garantire la selettività tra la propria protezione di massima corrente e quella della linea MT, da cui è alimentato in caso di corto circuito sulle sbarre BT del trasformatore. Tab. 3-1 Taglia limite dei singoli trasformatori installabili dal cliente [kva] Tipologia linea di alimentazione ENEL 15 kv 20 kv note Uscente da CP Se la linea e le relative apparecchiature lo consentono, queste taglie possono essere portate a 2000 e a 2500 kva rispettivamente a 15 e 20 kv Uscente da C.Sat Il cliente non può installare più di due trasformatori aventi le caratteristiche riportate in tabella, a meno che non provveda a dotare il proprio impianto dei dispositivi atti ad evitare la contemporanea inserzione dei trasformatori e quindi l intervento delle 1 La taglia limite è stata calcolata considerando trasformatori aventi V cc =6% e I magn =10 I n. In caso di trasformatori con caratteristiche diverse tali valori devono essere ricalcolati. 3-7

8 protezioni di massima corrente della linea MT. In funzione delle caratteristiche dell impianto del cliente, nella seguente Tab. 3-2 sono riportate le caratteristiche che la PG deve possedere ed i massimi valori prevedibili per la corrente di guasto. Tab. 3-2 Scelta delle protezioni. Lunghezza linee MT aeree in conduttori nudi Caratteristiche impianto cliente Lunghezza linee MT in cavo (m) (m) Numero 0 <500 Prescrizioni Trasformatori MT/BT DG PG Max 1 (trasformatori MT/BT in un unico locale) Potenza (KVA) Limiti riportati in Tab.3-1 interruttore corrente di guasto (A) N 2000 Qualunque altra situazione Limiti riportati in Tab.3-1 interruttore N Con riferimento alle cabine alimentate da ENEL Distribuzione, si ha che per circa l 80% dei casi è necessario installare protezioni di tipo 51 e 51N 2 ad alta sensibilità, per il restante 20% è invece necessario l uso di protezioni di tipo51, 67 3 e 51N a bassa sensibilità Taratura delle protezioni Le protezioni che in questo paragrafo verranno analizzate sono le 51, 51N ad alta e a bassa sensibilità e 67. Le protezioni che riportano la sigla 51 sono quelle di massima corrente di fase 2 Per le sigle delle protezioni bisogna far riferimento alla norma CEI ediz.2. 3 La protezione 67 a cui si fa riferimento è quella indicata dalla norma CEI ediz.2 con la sigla 67N. 3-8

9 temporizzate, esse hanno lo scopo di proteggere l impianto dai sovraccarichi o dai cortocircuiti tra le fasi. Devono essere realizzate mediante relè di tipo unipolare su almeno due fasi e devono avere due soglie d intervento indipendenti. La prima soglia d intervento (51.S1) è destinata alla protezione dal sovraccarico. Di norma tale soglia serve per l intervento con valori di corrente primaria 4 compresi tra A (ad intervalli di 15 A) e il suo tempo di ritardo 5 deve essere un valore compreso tra 0,05 e 5 s (ad intervalli di 0,05 s). La seconda soglia d intervento (51.S2) è destinata alla protezione dal cortocircuito, di norma tale soglia serve per l intervento per valori di corrente primaria compresi tra A (ad intervalli di 15 A). Il suo tempo di ritardo deve essere un valore compreso tra 0,05 e 0,5 s (ad intervalli di 0,05 s). Fig. 3-4 Intervalli di taratura per la protezione 51. Quelle riportanti la sigla 51N sono protezioni di massima corrente temporizzate utilizzate per la protezione ritardata contro il guasto a terra; per tali protezioni la corrente residua viene misurata sul ritorno comune del TA ad esse associato. La protezione 51 ad alta sensibilità (indicata in Fig. 3-5 come caso A) è caratterizzata da una soglia d intervento compresa tra 0 e 10 A (ad intervalli di 0,5 A) e un tempo di 4 Parlando di corrente primaria si fa riferimento alla corrente che scorre al primario dei TA utilizzati per il collegamento dei relè alla linea MT. 5 È il tempo necessario alla protezione per intervenire: in tale tempo è già compreso il tempo necessario alla protezione per avvertire l anomalia e per inviare all interruttore il comando di apertura. 3-9

10 ritardo da tarare tra 0,05 e 1 s (a gradini di 0,05 s). La protezione 51 a bassa sensibilità (indicata in Fig. 3-5 come caso B) è caratterizzata da una soglia d intervento compresa tra 10 e 500 A (ad intervalli di 5 A) e un tempo di ritardo da tarare tra 0,05 e 1 s (a gradini di 0,05 s). Fig. 3-5 Intervalli di taratura per la protezione 51N. I dispositivi indicati da ENEL Distribuzione con la sigla 67 sono quelli destinati alla protezione contro il guasto a terra in una direzione determinata, sono cioè dotati di relè di massima corrente omopolare direzionale. Esse sono caratterizzate dalla presenza di almeno due soglie d intervento. La prima soglia d intervento (67.S1) può essere tarata per far intervenire il relè se la corrente omopolare primaria (I o ) ha un valore compreso tra 0.2 e 5 A (ad intervalli di 0,1 A), la tensione omopolare (V o ) tra 0,4 20V (ad intervalli di 0,1 V), per un settore d intervento definito da due angoli compresi tra 0 e 360 (ad intervalli di 1 ) ed un tempo di ritardo tra 0,05 e 1 s (ad intervalli di 0,05 s). La seconda soglia d intervento (67.S2) può essere tarata per far intervenire il relè intervenire se la I o ha un valore compreso tra 0.2 e 5 A (ad intervalli di 0,1 A), la V o tra 0,4 20 V (ad intervalli di 0,1 V), per un settore d intervento definito da due angoli compresi tra 0 e 360 (ad intervalli di 1 ) ed un tempo di ritardo tra 0,05 e 1 s (ad intervalli di 0,05 s). 3-10

11 Se si considera come angolo di partenza, per definire il settore d intervento, quello della V o, si ha che, tipicamente, la 67.S1 viene impostata per intervenire qualora si abbia uno sfasamento tra tensione e corrente omopolare compreso tra 61 e 257 6, mentre la 67.S2 viene impostata per intervenire per uno sfasamento tra 60 e 120 (come mostrato in Fig. 3-6). Fig. 3-7 Intervallo di taratura per le protezioni di tipo Riduttori di corrente e di tensione La protezione di massima corrente 51 deve essere alimentata tramite dei riduttori di corrente (TA) di fase (Fig. 3-8) che devono essere capaci di riprodurre in maniera fedele, al secondario, le variazioni di corrente. Tali TA devono essere in grado di sopportare e rilevare, così come prescritto nella DK5600, correnti di corto circuito fin a 10 ka. Fig. 3-8 TA di fase. 6 Si sta considerando il verso degli angoli positivo coincidente col senso orario. 3-11

12 A titolo di esempio, in Tab. 3-3 vengono riportate le caratteristiche dei TA consigliati da ENEL Distribuzione ai clienti da connettere alla rete MT. Tab. 3-3 Caratteristiche dei TA Rapporto di trasformazione 300/5 300/1 Classe 10P30 A tal proposito è opportuno precisare che tali riduttori non possono in nessun caso coincidere con quelli utilizzati per la misura. Se si utilizza un TA con le caratteristiche di Tab. 3-3 si ha che la corrente nominale primaria pari a 300 A ed il fattore limite di precisione 30 assicurano un errore inferiore al 10% (classe 10P) per correnti fino a 300 x 30 = 9 ka 7. In taluni casi, qualora ENEL Distribuzione prevedesse di non installare in Cabina Primaria trasformatori AT/MT di potenza superiore a 25 MVA, potrebbero essere usati anche dei TA di classe 10P15. Le protezioni di terra 51N e 67 devono essere anch esse alimentate tramite un TA toroidale omopolare capace di riprodurre in maniera fedele le correnti del primario anche in caso di massima corrente dovuta a doppio guasto su fasi diverse. Così come riportato nella DK5600, i TA toroidali ritenuti idonei devono poter sopportare una corrente massima di doppio guasto a terra pari a 2 ka. Le caratteristiche consigliate da ENEL Distribuzione per i TA toroidali omopolari sono: Tab. 3-4 Caratteristiche dei TA toroidale omopolari Rapporto di trasformazione 100/1 Classe 5P20 Con una corrente nominale primaria di 100 A ed un fattore limite di precisione pari a 20 si riesce ad assicurare un errore inferiore al 5% (classe di precisione 5P) per correnti fino a 100 x 20 = 2 ka. La protezione direzionale 67, oltre alla presenza dei TA omopolari, richiede la presenza di riduttori di tensione (TV). 7 I colori fanno riferimento ai valori riportati in Tab

13 Tensione omopolare Fig. 3-8 Schema d inserzione dei TV omopolari. Nei TV, il cui schema di inserzione è riportato in Fig. 3-8, gli avvolgimenti secondari, da collegare a triangolo aperto, devono essere capaci di riprodurre fedelmente la tensione omopolare del primario e di sostenere anche la massima tensione omopolare. ENEL Distribuzione consiglia che i TV abbiano una classe di precisione almeno pari a 6P, un fattore di tensione pari a 1,9 per 30 s ed un rapporto di trasformazione tale da fornire, in caso di guasto monofase franco a terra, una tensione di 100V ai capi dei terminali del secondario. Naturalmente, il cliente potrebbe utilizzare anche dei TA o dei TV aventi caratteristiche diverse a patto, però, che riesca a dimostrare che il sistema protettivo così realizzato fornisce prestazioni equivalenti a quelle procurate da un sistema protetto così come ENEL Distribuzione richiede Impianto di terra È compito del cliente la realizzazione, la proprietà e la responsabilità dell impianto di terra. L impianto di terra deve essere unico per i locali cliente, consegna e misura, e deve essere conforme alle prescrizioni delle norme vigenti [9],[11]. È compito del cliente quello di predisporre presso il locale di consegna un bullone a morsetto per il collegamento a terra delle apparecchiature di proprietà di ENEL Distribuzione. 3-13

14 Il dimensionamento dell impianto deve essere effettuato sulla base delle correnti di guasto a terra e del tempo di eliminazione del guasto da parte delle protezione poste in CP; tali valori vengono forniti, previa richiesta, da ENEL Distribuzione. Se il cliente rientra nell ambito di un area individuata e dichiarata Impianto di Terra Globale (ITG) ad insindacabile giudizio (e responsabilità) di ENEL Distribuzione, questi lo comunicherà al cliente, senza tuttavia garantirne la sussistenza per il futuro. L utente deve comunque realizzare il proprio impianto di terra costituito da almeno un anello con picchetti ai vertici. Fig. 3-9 Esempio di estensione di impianto di terra globale. 3.3 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DEGLI AUTOPRODUTTORI ALLA RETE MT Al fine di definire quali siano i criteri di allacciamento degli autoproduttori alla rete MT di ENEL Distribuzione, bisogna far riferimento alla DK5740 [2]. Le prescrizioni contenute in tale DK nel caso di nuovi allacciamenti e di rifacimento o modifica di quelli esistenti, vengono applicate allo stesso modo per autoproduttori con impianti di produzione di tipo statico e rotante 8. È possibile allacciare solo generatori di tipo trifase aventi una potenza massima complessiva pari a 8 MW e questo perché il dimensionamento massimo delle linee MT unificate consente il trasporto di 10 MVA. Al fine di rendere possibile l allacciamento degli autoproduttori, ENEL Distribuzione ha stabilito delle regole inerenti il funzionamento in parallelo 9 : 8 Così come definito dalla norma CEI [12]. 9 DK5740 ed. II par

15 il regime di parallelo non deve causare perturbazioni al servizio sulla rete ENEL, in caso contrario il collegamento con la rete ENEL stessa si dovrà interrompere immediatamente ed automaticamente. Pertanto, ogniqualvolta l'impianto del Cliente Produttore è sede di guasto o causa di perturbazioni si dovrà sconnettere senza provocare l intervento delle protezioni installate sulla rete ENEL ; il regime di parallelo dovrà altresì interrompersi immediatamente ed automaticamente ogniqualvolta manchi l'alimentazione della rete da parte ENEL o i valori di tensione e frequenza della rete stessa non siano compresi entro i valori consentiti ; in caso di mancanza tensione o di valori di tensione e frequenza sulla rete ENEL non compresi nel campo consentito, l'impianto di produzione non deve entrare ne permanere in servizio sulla rete stessa. Il dispositivo al quale è affidato il compito di separare la rete alimentata da ENEL Distribuzione da quella alimentata dai gruppi di generazione, in caso di malfunzionamento della rete di ENEL Distribuzione, è il Dispositivo d Interfaccia (DI) sul quale agisce la Protezione d Interfaccia (PI). La protezione d interfaccia evita quindi che 10 : in caso di mancanza dell'alimentazione ENEL, il Cliente Produttore possa alimentare la rete ENEL stessa ; in caso di guasto sulla rete ENEL, il Cliente Produttore possa continuare ad alimentare il guasto stesso inficiando l'efficacia delle richiusure automatiche, ovvero che l'impianto di produzione possa alimentare i guasti sulla rete ENEL prolungandone il tempo di estinzione e pregiudicando l'eliminazione del guasto stesso con possibili conseguenze sulla sicurezza ; in caso di richiusure automatiche o manuali di interruttori ENEL, il generatore possa trovarsi in discordanza di fase con la rete ENEL con possibilità di rotture meccaniche. La protezione d interfaccia può essere esclusa solo se 11 : 10 ENEL Distribuzione, DK 5740 ed. II par

16 la rete del Cliente Produttore è "in isola" e il dispositivo generale o qualsiasi altro dispositivo posto a monte del dispositivo di interfaccia che impedisca il parallelo dell impianto di produzione con rete pubblica sia aperto ; tutti i gruppi di generazione sono disattivati. All interno del proprio impianto l autoproduttore può suddividere i carichi in privilegiati e non (Fig. 3-10). Se il cliente produttore non ha carichi propri, in caso di apertura del DI, si ha la sola mancata fornitura di energia alla rete pubblica. Se ha carichi privilegiati posti tra generatore e DI, ed il generatore è capace di fornire l energia necessaria per il funzionamento degli stessi, non si ha per questi interruzione di fornitura di energia. Se i carichi sono non privilegiati, essi, in caso di apertura del DI, vengono alimentati dalla rete pubblica senza garanzia di continuità. Presso i locali degli autoproduttori deve essere presente un DG e una PG, in alcuni casi il DG e il DI possono coincidere. Prima di dare il consenso al collegamento, ENEL Distribuzione verifica se: la rete è in grado di trasportare l energia immessa; l aumento delle correnti di cortocircuito è tollerabile; la selettività tra le protezioni continua a esistere; le variazioni di tensione dovute ai transitori e al funzionamento in regime permanente sono tollerabili. Nel caso in cui i generatori del cliente produttore siano in grado di rispondere con prontezza a variazioni di carico anche consistenti, riuscendo a funzionare in isola su porzioni di rete, ENEL Distribuzione potrebbe valutare la necessità di integrare il sistema di protezione normalmente in uso con un sistema di telescatto che garantisca l apertura del DI in presenza di anomalie sulla rete di ENEL Distribuzione. 11 ENEL Distribuzione, DK 5740 ed. II par

17 Rete ENEL Impianto cliente Misura energia prelevata Misura energia immessa in rete DG Carichi MT non privilegiati I > I o> 67 N PG Carichi MT privilegiati Carichi BT TR MT/BT V o> V > V < f > f < PI Rincalzo mancata apertura DI Fig Schema tipico di collegamento di impianti di produzione alla rete MT di ENEL Distribuzione. 3-17

18 Per evitare che l autoproduttore sostenga da solo in isola una porzione della rete, è necessario che lo scarto tra la potenza assorbita dai carichi e quella complessivamente generata dai gruppi sia superiore al 25%, così da garantire, in caso di anomalia, l intervento della protezione di minima frequenza presente nella PI. Altro aspetto che è necessario valutare è la variabilità, nell arco della giornata, dei carichi MT. A causa di tale variabilità parte dell energia generata dagli impianti degli autoproduttori può transitare dalla rete MT a quella AT. In tali casi ENEL Distribuzione è costretta ad installare in cabina primaria relè di protezione contro i guasti monofase di sbarra AT e a sostituire il regolatore di tensione o addirittura ad adeguare le protezioni di linea AT e dei relativi interruttori 12. La misura dell energia prelevata viene effettuata mediante opportuna Apparecchiatura di Misura (AdM) della cui installazione e manutenzione è responsabile ENEL Distribuzione. La misura dell energia immessa in rete è realizzata tramite un AdM della cui installazione e manutenzione è responsabile il cliente autoproduttore DISPOSITIVO GENERALE Il DG, analogamente a quanto analizzato per il caso di semplici clienti utilizzatori, può essere costituito da un interruttore in esecuzione estraibile con sgancio di apertura oppure da uno sganciatore di apertura e da un sezionatore. Se l autoproduttore non ha carichi nel proprio impianto, o se li possiede ed è in grado di alimentarli tutti nel funzionamento in isola, la funzione del DI può essere svolta senza problemi dal DG. Se il DG funge anche da DI dovrà essere equipaggiato con doppi circuiti di apertura e bobina a mancanza di tensione su cui devono agire rispettivamente le PG e le PI. I TV utilizzati per l alimentazione delle PI devono essere posti a monte dell interruttore generale 13 ed inseriti tramite fusibili (Fig. 3-11). 12 Diventa necessaria la presenza di un sistema di richiusure in grado di effettuare un controllo sul sincronismo. 13 Devono essere inseriti tra interruttore e sezionatore il cui utilizzo in tale configurazione è obbligatorio 3-18

19 Fig Schema di collegamento di impianti di produzione aventi il DG con funzione di DI DISPOSITIVO D INTERFACCIA Il DI può essere costituito da un interruttore in esecuzione estraibile con sganciatore di apertura a mancanza di tensione, oppure da un interruttore con sganciatore di apertura a mancanza di tensione e da un sezionatore installato a monte 3-19

20 dell interruttore. Il DI installato presso l impianto del cliente autoproduttore deve essere unico per motivi di sicurezza. Tuttavia, se all interno dello stesso impianto sono presenti più generatori, ENEL Distribuzione potrebbe autorizzare l uso di più DI indipendenti l uno dall altro PROTEZIONE D INTERFACCIA La PI è costituita da relè di frequenza, tensione concatenata e massima tensione omopolare. I relè di massima tensione omopolare devono intervenire in caso di guasto monofase a terra; i relè di frequenza devono intervenire in caso di sovraccarico o corto circuito sulla rete pubblica; i relè di tensione hanno la funzione di protezione di rincalzo. I relè di massima tensione omopolare sono da installare, salvo diverse prescrizioni, in caso di impianti con potenza complessiva 200 kva Caratteristiche delle protezioni di interfaccia In questo paragrafo sono elencate le caratteristiche principali che il pannello di protezione deve possedere al fine di svolgere la funzione di PI. La protezione di minima tensione concatenata 15 (27), così come quella di massima tensione concatenata (59), può essere di tipo unipolare o tripolare a una soglia di intervento; entrambe le protezioni devono essere tali da rendere possibile l esclusione della soglia. Le caratteristiche che queste due protezioni devono possedere sono riportate nella seguente tabella: Tab. 3-5 Caratteristiche per le protezioni di max/min tensione concatenata. Protezione Soglia Tempo di ritardo (s) 27.S1 0,5 1 volte la V n con intervalli di 0,05 V n con intervalli di 0,05 s 59.S volte la V n con intervalli di 0,05 V n con intervalli di 0,05 s 14 Ciò è possibile se nel tratto compreso tra DG e ciascun dispositivo di generazione è interposto un solo DI. 15 Per le sigle delle protezioni bisogna far riferimento alla norma CEI ediz.2 [8]. 3-20

21 La protezione di minima frequenza (81<), così come quella di massima frequenza (81>), deve essere di tipo unipolare a una soglia di intervento ed entrambe le protezioni devono essere tali da rendere possibile l esclusione della soglia. Le caratteristiche che queste due protezioni devono possedere sono riportate nella seguente tabella: Tab. 3-6 Caratteristiche per le protezioni di max/min frequenza. Protezione Soglia (Hz) Tempo di ritardo (s) 81.Smin 47 49,8 ad intervalli di 0,05 Hz con intervalli di 0,05 s 81.Smax 50,2 53 ad intervalli di 0,05 Hz con intervalli di 0,05 s La protezione di massima tensione omopolare (59V o ) è anch essa a una sola soglia d intervento escludibile, ed è di tipo unipolare. Le sue caratteristiche principali sono di seguito riportate: Tab. 3-7 Caratteristiche per le protezioni di massima tensione omopolare. Protezione Soglia Tempo di ritardo (s) 59V o.s1 0, volte la V n con intervalli di 0,05 V n con intervalli di 0,05 s Riduttori di tensione Le protezioni di max/min frequenza, così come quelle di max/min tensione presenti nella PI, devono essere alimentate tramite delle grandezze proporzionali alla tensione concatenata presente in MT; a tale scopo vengono usati dei TV. Anche per l alimentazione delle protezioni di massima tensione omopolare vengono usati dei TV in grado di fornire dei segnali proporzionati alla tensione omopolare. Il rapporto di trasformazione dei TV dovrà essere tale da fornire la tensione nominale all ingresso delle rispettive protezioni se queste sono alimentate con la tensione nominale di rete. I TV devono avere classe di precisione 6P e fattore di tensione pari a 1,9 per 30 s. 3-21

22 3.3.4 PROTEZIONE DI RINCALZO Al fine di garantire una maggiore sicurezza, nei casi in cui la produzione è realizzata mediante generatori sincroni, è necessario installare una protezione di rincalzo; quest'ultima è realizzata riportando il comando di apertura generato dalla PI, oltre che al DI, ad un ulteriore organo di manovra. 3-22

Criteri di allacciamento di clienti alla rete MT della Distribuzione DK 5600 Ed.IV - Marzo 2004

Criteri di allacciamento di clienti alla rete MT della Distribuzione DK 5600 Ed.IV - Marzo 2004 Questo documento contiene informazioni di proprietà di Enel SpA e deve essere utilizzato esclusivamente dal destinatario in relazione alle finalità per le quali è stato ricevuto. E' vietata qualsiasi forma

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

Dalle DK alla Norma CEI 0-16

Dalle DK alla Norma CEI 0-16 Dalle DK alla Norma CEI 0-16 A. Cerretti - ENEL Distribuzione Protezione generale (PG) Deve essere costituita da: Protezione di massima corrente di fase almeno bipolare a tre soglie, una a tempo dipendente,

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE MT DI ENEL DISTRIBUZIONE

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE MT DI ENEL DISTRIBUZIONE Ed. II - 1/31 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO... 2 4 DEFINIZIONI... 3 5 CRITERI GENERALI DI ALLACCIAMENTO E DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA

COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA Versione 29 08 2006 Allegato 3 alla del. 281/05 REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE CON TENSIONE NOMINALE SUPERIORE AD 1kV DEL COMUNE DI PARCINES SERVIZIO DISTRIBUZIONE ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

ALLEGATO 3: REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE ALLE RETI DI HERA S.p.A.

ALLEGATO 3: REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE ALLE RETI DI HERA S.p.A. Delibera 281/05 Modalità e condizioni contrattuali per l'erogazione del servizio di connessione alle reti elettriche con tensione > 1kV ALLEGATO 3: REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE ALLE RETI DI HERA

Dettagli

Rev.01 ed. Luglio 2009

Rev.01 ed. Luglio 2009 S E A S O C I E T A' E L E T T R I C A D I F A V I G N A N A S P A Sede amministrativa: Via E. Amari n. 8 90139 Palermo Tel. 091 580004 Fax 091 584967 Ufficio di Favignana: Via S. Corleo n. 7 91023 Favignana

Dettagli

GENERALITA Cabine MT/BT

GENERALITA Cabine MT/BT CABINE MT/BT GENERALITA Cabine MT/BT anno 2012 Cabine MT/BT 2 sistemi elettrici Categorie dei sistemi elettrici In relazione alla tensione nominale i sistemi elettrici si dividono in (1) : Categoria 0

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE

MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CON LA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA E MEDIA TENSIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti MODALITA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004 1 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DI DISTRIBUZIONE SECONDO ENEL DK5600 MARZO 2004 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE ing. Massimo Ambroggi Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. 2 PRINCIPIO

Dettagli

Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza Emergenza in media tensione e taratura delle protezioni

Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza Emergenza in media tensione e taratura delle protezioni Analisi dei parametri elettrici in condizioni variabili: normale ed emergenza. di Giuseppe Agostini, Electro Graphics Cause dei guasti, probabilità e percentuali La rete di distribuzione dellenergia elettrica

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI TETTI FOTOVOLTAICI ALLA RETE BT DI DISTRIBUZIONE INDICE 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI TETTI FOTOVOLTAICI ALLA RETE BT DI DISTRIBUZIONE INDICE 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 Ed. 1.1-1/15 INDICE 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4. DEFINIZIONI 2 5. CRITERI GENERALI 3 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C.

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C. IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C. Agosto 2007 1/14 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI Le presenti prescrizioni hanno lo scopo di definire i criteri e le modalità

Dettagli

CRITERI DI PROTEZIONE DELLA RETE

CRITERI DI PROTEZIONE DELLA RETE 2 CRITERI DI PROTEZIONE DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE MT 2.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo vengono illustrati i criteri di protezione delle reti di distribuzione MT, in modo da definire, da un punto

Dettagli

GUIDA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE AEVV

GUIDA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE AEVV Pag. 1 di 41 GUIDA PER LA CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE AEVV Documenti allegati alla Specifica Tecnica Allegato A.1: REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT AEVV DI IMPIANTI

Dettagli

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA

REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA N 02 1 di 13 REGOLAZIONE TECNICA DEI REQUISITI DI SISTEMA DELLA GENERAZIONE DISTRIBUITA Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione 02 03/08/2012 Chiarimenti interpretativi N 02 2 di 13 INDICE

Dettagli

DICHIARAZIONE TECNICA DEGLI IMPIANTI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI ASM TERNI A TENSIONE >1kV

DICHIARAZIONE TECNICA DEGLI IMPIANTI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI ASM TERNI A TENSIONE >1kV DEGLI IMPIANTI CONNEI ALLA RETE ELETTRICA DI AM TERNI A TENIONE >1kV AM TERNI.p.A. ervizio Elettrico AM D.T.010409/1 NOME CONVENZIONALE CABINA...CODICE... NOME CONVENZIONALE UTENTE...CODICE... TENIONE

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV SECAB Società Cooperativa (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas n. 89/07)

Dettagli

ITC. ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A.

ITC. ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A. Pag. 1 di 35 ITC ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A. CON TENSIONE (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l

Dettagli

NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE

NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE NORMA CEI 0-160 LA CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE PUBBLICA: ing. Massimo Ambroggi Responsabile Service Tecnico THYTRONIC S.p.A. (MI) 0 Introduzione Scopo di questa presentazione

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L.

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L. REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L., DISTRIBUTORE DI ENERGIA ELETTRICA NELLE ISOLE TREMITI

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale, Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc. e P.

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE BT DELL ASM TERNI S.p.A.

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE BT DELL ASM TERNI S.p.A. 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO... 2 4. DEFINIZIONI... 2 5. CRITERI GENERALI... 3 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO... 3

Dettagli

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv

GUIDA TECNICA. A.8 CORRENTI DI CORTO CIRCUITO E TEMPO DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI IMPIANTI DELLE RETI A TENSIONE UGUALE O SUPERIORE A 120 kv GUIDA TECNICA Allegato A.8 1 di 23 A.8 DI ELIMINAZIONE DEI GUASTI NEGLI Storia delle revisioni Rev.00 25/05/2001 Prima emissione Rev.01 26/04/2005 Rev.02 01/09/2010 Modifiche al paragrafo 5.2.2 (Correnti

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1 Allegato 1 IL TRASFORMATORE Una notevole distanza intercorre, spesso, tra il luogo in cui l energia elettrica viene prodotta (la centrale elettrica) e quello in cui viene utilizzata (industrie, abitazioni,

Dettagli

Dipartimento di Energia Politecnico di Milano

Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Prof. Maurizio Delfanti maurizio.delfanti@polimi.it Mezzocorona (TN), 28 ottobre 2011 La nuova regola tecnica 2 La Norma tecnica è stata elaborata da un gruppo

Dettagli

GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti MODALITA DI CONNESSIONE ALLA RETE ELETTRICA

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE

Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE Seminario LA NUOVA NORMA CONNESSIONI IN BASSA TENSIONE La nuova Norma CEI 0-21: novità per la connessione di utenti attivi alle reti di distribuzione BT (prog. C1058) A.Cerretti Enel Distribuzione S.p.A.

Dettagli

In tal caso, ai sensi della delibera, ASS installa il sistema di misura dell energia prodotta e svolge il servizio di sigillatura.

In tal caso, ai sensi della delibera, ASS installa il sistema di misura dell energia prodotta e svolge il servizio di sigillatura. Pag. 1/10 1 MISURA DELL ENERGIA DEI CLIENTI PRODUTTORI L attuale quadro regolatorio di riferimento prevede che il sistema di misura, installato nel punto di connessione alla rete di un impianto di produzione,

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT

IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT N 01 1 di 23 IMPIANTI DI PRODUZIONE FOTOVOLTAICA REQUISITI MINIMI PER LA CONNESSIONE E L ESERCIZIO IN PARALLELO CON LA RETE AT Storia delle revisioni 01 13/03/2012 Prima emissione N 01 2 di 23 INDICE 1.

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE]

SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE] 1 di 17 SISTEMI DI CONTROLLO E PROTEZIONE DELLE CENTRALI EOLICHE [PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE] Redatto Collaborazioni Verificato Approvato R. Gnudi - L. Caciolli C. Cassaro N. Garau A. Costanzo

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN ALTA E MEDIA TENSIONE 3

GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN ALTA E MEDIA TENSIONE 3 Ed. 5.0 - E1/29 SEZIONE E GUIDA TECNICA PER LE CONNESSIONI DI QUALUNQUE TIPOLOGIA DI CLIENTI ALLE RETI ENEL DISTRIBUZIONE IN ALTA E MEDIA TENSIONE 3 E.1 AMBITO DI APPLICAZIONE 3 E.2 GUIDA TECNICA ALLA

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI

IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI RELAZIONE TECNICA 1. IMPIANTO ELETTRICO: ADEGUAMENTO CABINA DI TRASFORMAZIONE ALLA NORMA CEI 0-16... 2 1.1. - Premessa... 2 1.2. Nuovo dispositivo di protezione generale... 4 1.2.1 Prescrizioni previste

Dettagli

SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2

SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2 Ed. 4.0 - H1/20 SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2 H.1 MISURA DELL ENERGIA DEI CLIENTI PRODUTTORI 2 H.2 MISURA DELL ENERGIA SCAMBIATA CON LA RETE 4 H.2.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI MISURA DELL ENERGIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A

REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DI ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DI PROPRIETA' DEL PRODUTTORE GENERALITÀ Il presente regolamento fra Enel

Dettagli

Allegato ITC. Edizione V del 1 Gennaio 2013

Allegato ITC. Edizione V del 1 Gennaio 2013 S. E L. I. S. L a m p e d u s a S. p. A. - C a p i t a l e S o c i a l e 3. 4 0 6. 9 2 4, 0 4 i. v. R e g i s t r o d e l l e I m p r e s e P a l e r m o, C. F. e P. I V A 0 3 6 2 0 8 5 0 8 2 0 S E D E

Dettagli

SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2

SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2 Ed. 5.0 - H1/21 SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2 H.1 MISURA DELL ENERGIA DEI CLIENTI PRODUTTORI E DEI SISTEMI PER L ACCUMULO 2 H.2 MISURA DELL ENERGIA SCAMBIATA CON LA RETE 4 H.2.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA

Dettagli

Incontro tecnico COME NASCE. Relatore. Gastone Guizzo. Padova, 11 maggio 2012

Incontro tecnico COME NASCE. Relatore. Gastone Guizzo. Padova, 11 maggio 2012 Incontro tecnico NORMA CEI 0-21 Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Relatore Gastone Guizzo Padova,

Dettagli

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE

SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Prof. Dott. Ing. Sergio Rosati SISTEMI DI PRELIEVO DELLA ENERGIA ELETTRICA DALLE RETI DI DISTRIBUZIONE Roma, aprile 2012. PREMESSA Una buona conoscenza delle modalità di allaccio di installazioni, civili

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana CEI 0-16 Data Pubblicazione Edizione 2008-07 Seconda Classificazione Fascicolo 0-16 9404 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti

Dettagli

COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV)

COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) AREA POLITICHE DELLE INFRASTRUTTURE IMPIANTO FOTOVOLTAICO IN ZONA INDUSTRIALE A SAN GIACOMO DI VEGLIA IN COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) 2. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

Fra C.E.G. e Cliente (titolare dei rapporti con C.E.G.) si stabiliscono le seguenti condizioni.

Fra C.E.G. e Cliente (titolare dei rapporti con C.E.G.) si stabiliscono le seguenti condizioni. REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI MT DELLA SOCIETA COOPERATIVA ELETTRICA GIGNOD DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DI PROPRIETA' DEL PRODUTTORE GENERALITÀ Il presente regolamento

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

NOTA: Il documento va allegato in caso di nuove cabine di connessione o di rifacimento dell impianto di terra di cabine già connesse.

NOTA: Il documento va allegato in caso di nuove cabine di connessione o di rifacimento dell impianto di terra di cabine già connesse. DOCUMENTAZIONE DA INVIARE A SEGUITO DEL COMPLETAMENTO DEI LAVORI DI REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE DA CONNETTERE ALLA RETE DI CEDIS CON TENSIONE NOMINALE > 1 KV, Barrare le voci interessate:

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

Sovracorrenti e protezione

Sovracorrenti e protezione Sovracorrenti e protezione In un impianto elettrico possono accadere delle situazioni per cui la corrente che fluisce nei conduttori risulta maggiore della corrente nominale. Tali situazioni coincidono

Dettagli

Le linee AC/AV in Italia

Le linee AC/AV in Italia Le linee AC/AV in Italia Gli impianti di energia e trazione elettrica delle nuove linee ferroviarie ad Alta Velocità sono realizzati con il sistema 2 x 25 kv a 50 Hz. Si tratta di linee con velocità superiori

Dettagli

PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2

PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2 PROTEZIONE DA SOVRACCARICO E CORTOCIRCUITO IN BT CAPITOLO 2 Correnti di cortocircuito A cura del Prof.: Ing. Fusco Ferdinando Capitolo 2 Correnti di cortocircuito 2.1 La corrente di cortocircuito Il valore

Dettagli

Linee guida Enel per l esecuzione di lavori su cabine secondarie

Linee guida Enel per l esecuzione di lavori su cabine secondarie Pubblicato il: 08/11/2004 Aggiornato al: 08/11/2004 di Gianfranco Ceresini Le disposizioni che vengono qui presentate non rappresentano documenti normativi, ma sono ugualmente importanti e significativi

Dettagli

Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari. e Cristina Timò- Direttore Tecnico CEI (Comitato elettrotecnico italiano)

Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari. e Cristina Timò- Direttore Tecnico CEI (Comitato elettrotecnico italiano) Norma CEI 0-21 : Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Prof. Ing. Giuseppe CAFARO - Politecnico di Bari

Dettagli

VARIANTE V2 ALLA GUIDA CEI 82-25:2010-09

VARIANTE V2 ALLA GUIDA CEI 82-25:2010-09 VARIANTE V2 ALLA GUIDA CEI 82-25:2010-09 I seguenti paragrafi sono modificati come di seguito indicato. 3.52 Inverter (o convertitore di potenza c.c./c.a.) Apparecchiatura, tipicamente statica, impiegata

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti radiali a bassa tensione

Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti radiali a bassa tensione N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana CEI 11-28 Data Pubblicazione Edizione 1998-04 Prima Classificazione Titolo Fascicolo 11-28 4142 R Guida d applicazione per il calcolo delle correnti di cortocircuito

Dettagli

Nome Cognome, Nato a, Provincia, il / /, Codice Fiscale. Residente in, via

Nome Cognome, Nato a, Provincia, il / /, Codice Fiscale. Residente in, via REGOLAMENTO DI ESERCIZIO PER IL FUNZIONAMENTO DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA DI PROPRIETA' DELL UTENTE ATTIVO IN PARALLELO CON LA RETE MT DI ENEL DISTRIBUZIONE GENERALITÀ Il presente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06

RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06 RELAZIONE TECNICA ALLA DELIBERAZIONE 8 NOVEMBRE 2006, N. 246/06 MODIFICHE AL TESTO INTEGRATO DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI ELETTRICI DI CUI ALL ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE 30 GENNAIO 2004, N. 4/04, E SUCCESSIVE

Dettagli

Guida al Sistema Bassa Tensione

Guida al Sistema Bassa Tensione Indice Generale Guida al Sistema Bassa Tensione 1 Introduzione 2 Le norme 3 Caratteristiche della rete 4 Protezione dei circuiti 5 Caratteristiche degli apparecchi di protezione e manovra 6 Protezione

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

La Commutazione Automatica delle Alimentazioni

La Commutazione Automatica delle Alimentazioni La Commutazione Automatica delle Alimentazioni Generalità La continuità di servizio negli impianti elettrici rappresenta un obiettivo operativo da perseguire già in fase di progetto. Garantire l alimentazione

Dettagli

NORMA CEI 0-16 EDIZIONE III

NORMA CEI 0-16 EDIZIONE III NORMA CEI 0-16 EDIZIONE III Principali novità introdotte sulle protezioni ed implicazioni sui quadri MT Distributore TV-I f-f DG DDI SPG SPI TA-I TV-I f-n Utente www.anienergia.it Sommario INTRODUZIONE

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa. Lavori e forniture inerenti le linee di Media Tensione.

RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa. Lavori e forniture inerenti le linee di Media Tensione. . Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA RELAZIONE TECNICA GENERALE Premessa Gli interventi descritti nel seguito riguardano i lavori da eseguirsi presso il Presidio Ospedaliero San Martino di Oristano

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1136 22-11-2014 Data Pubblicazione 2014-10 Classificazione 0-21; V Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

Sistemi di distribuzione a MT e BT

Sistemi di distribuzione a MT e BT Sistemi di distribuzione a MT e BT La posizione ottima in cui porre la cabina di trasformazione coincide con il baricentro elettrico, che il punto in cui si pu supporre concentrata la potenza assorbita

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE Ed. 1.0 ALLEGATO A REGOLAMENTO DI ESERCIZIO IN PARALLELO CON RETI BT DI SGW ASM LACES DI IMPIANTI DI GENERAZIONE 2010 N. PAG. 1/6 GENERALITÀ DEL PRODUTTORE Cliente.., con sede legale in.., Via/P.zza n,

Dettagli

Nuovi requisiti e prove in campo per le protezioni di interfaccia, secondo le norme CEI 0-21 e CEI 0-16

Nuovi requisiti e prove in campo per le protezioni di interfaccia, secondo le norme CEI 0-21 e CEI 0-16 LA GESTIONE DELL INTEGRAZIONE DEL FOTOVOLTAICO NELLE RETI Nuovi requisiti e prove in campo per le protezioni di interfaccia, secondo le norme CEI 0-21 e CEI 0-16 Francesco Groppi Responsabile GDL2 del

Dettagli

Campus di Fisciano (SA)

Campus di Fisciano (SA) ADEGUAMENTO CABINA ELETTRICA A SERVIZIO DELLA MENSA CAMPUS DI FISCIANO RELAZIONE TECNICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO AREA VI RISORSE STRUMENTALI UFFICI TECNICI Ufficio Sistemi Elettrici -------------------------------------------------------------------

Dettagli

La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC.

La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC. TERZA PARTE La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC. Ogni caso è descritto intrecciando la descrizione del problema esaminato

Dettagli

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA SISTEMI AGRO-ENERGETICI E ADATTAMENTI LOCALI Udine, 29-30 novembre 2007 L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA Massimo Vignuda Energy Division Green Energy Solution 1 Premessa La rete di distribuzione nasce

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL

GUIDA PER LE CONNESSIONI ALLA RETE ELETTRICA DI DEVAL 1/243 SEZIONE A GENERALITA (aggiornato dicembre 2012) 7 A.1 OGGETTO 7 A.2 A M B I T O D I A P P L I C A Z I O N E 7 A.3 R I F E R I M E N T I 7 A.4 D E F I N I Z I O N I 10 SEZIONE C ELABORAZIONE DELLA

Dettagli

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1 Impianti Meccanici 1 Gli impianti sono soggetti ad una ampia normativa nazionale. Tali norme sono in continua evoluzione anche al fine di unificare internazionalmente le regole della buona tecnica e dell

Dettagli

AUTOVIE VENETE S.p.A. Direzione Area Realizzazione

AUTOVIE VENETE S.p.A. Direzione Area Realizzazione Nuova cabina elettrica Palmanova pag. 1 AUTOVIE VENETE S.p.A. Direzione Area Realizzazione Fornitura a piè d opera apparecchiature tecniche nuova cabina elettrica Centro Servizi di Palmanova ~ooo~ Elenco

Dettagli

Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE)

Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE) Eidgenössisches Starkstrominspektorat Inspection fédérale des installations à courant fort Ispettorato federale degli impianti a corrente forte Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti

Dettagli

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 4 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 30.03.2015

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 4 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 30.03.2015 ALLEGATO 3 MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI PRODUZIONE CONNESSI ALLE RETI DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA AEM TORINO DISTRIBUZIONE SPA. SPECIFICA TECNICA Pagina 36 di 51 ASPETTI NORMATIVI

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO

RIFASAMENTO ELETTRICO RIFASAMENTO ELETTRICO A cura del prof: Ing. Fusco Ferdinando Indice STUDIO TEORICO pag. 3 PROVA SIMULATA pag.18 PROVA PRATICA IN LABORATORIO pag.23 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI pag.26 2 STUDIO TEORICO Introduzione

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

E INTERRUTTORI AUTOMATICI

E INTERRUTTORI AUTOMATICI Corso di sist. elettrici per telecomunicazioni - 2 prova di laboratorio PROVE SU FUSIBILI E INTERRUTTORI AUTOMATICI Docente del corso: prof.ssa Angela Russo Galletti Riccardo Matr. 1265 Prove su fusibili

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 5 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 23.11.2015

CODICE PRO_MCC_EE REVISIONE: 5 DATA PRIMA EMISSIONE: 24.12.2010 DATA AGGIORNAMENTO: 23.11.2015 ALLEGATO 1 SOLUZIONI TECNICHE STANDARD E COSTI MEDI RELATIVI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RETE PER LA CONNESSIONE IN BASSA E MEDIA TENSIONE ALLE RETI DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE SPA Pagina 29 di

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 0-21 2011-12 Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici

Dettagli

CM-UFD.M32 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21

CM-UFD.M32 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Relè di protezione d interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Relè di protezione di interfaccia conforme alla norma CEI 0-21 Il nuovo relè di protezione di interfaccia (SPI), deputato al controllo della

Dettagli

DK 5600 ed. IV (Marzo 04) e le soluzioni di protezione ABB

DK 5600 ed. IV (Marzo 04) e le soluzioni di protezione ABB Power Technologies Division Medium Voltage Emiliano Centenaro, product manager electronics Carlo Gemme, electronic R&D manager DK 5600 ed. IV (Marzo 04) e le soluzioni di protezione ABB copyright by ABB

Dettagli

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30

Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30 Sistemi di protezione di interfaccia PMVF 30 (conforme CEI 0-16 edizione dicembre 2012) PMVF 20 (conformi CEI 0- edizione giugno 2012) Sistemi di protezione di interfaccia Conforme CEI 0-16 edizione dicembre

Dettagli

MODALITA' E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE DI ACEGASAPS PER IMPIANTI DI PRODUZIONE

MODALITA' E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE DI ACEGASAPS PER IMPIANTI DI PRODUZIONE MODALITA' E CONDIZIONI CONTRATTUALI PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE ALLE RETI ELETTRICHE DI ACEGASAPS PER IMPIANTI DI PRODUZIONE 1. LIVELLO DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE Il livello

Dettagli

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI

LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO I.E. IMPIANTI ELETTRICI ASCENSORI Anno 2013 *** INDICE ***

Dettagli

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO 1 GENERALITA' 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 IMPIANTO ELETTRICO 3.1 TIPO DI IMPIANTO 3.2 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT/BT 3.2.1 Quadri elettrici MT 3.2.2

Dettagli

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli