CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE. (Approvato con delibera del Consiglio camerale n. 19 del 17 dicembre 2013)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE. (Approvato con delibera del Consiglio camerale n. 19 del 17 dicembre 2013)"

Transcript

1 CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE (Approvato con delibera del Consiglio camerale n. 19 del 17 dicembre 2013)

2 INDICE PARTE PRIMA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Art. 1 Oggetto del regolamento Pag. 3 Art. 2 Tipologia di spese economali ammissibili Pag. 3 Art. 3 Organizzazione e gestione della cassa economale Pag. 5 Art. 4 Anticipazioni di fondi a favore del Cassiere camerale Pag. 6 PARTE SECONDA CASSA CONTANTI Art. 5 Fondo economale costituito in contanti Pag. 6 Art. 6 Modalità di assunzione delle spese economali e contabilità Pag. 6 Art. 7 Controlli sulla tenuta del fondo economali Pag. 7 PARTE TERZA CARTA PREPAGATA Art. 8 Fondo economale costituito con carta prepagata Pag. 7 Art. 9 Tipologia di spese sostenibili con a carta di credito prepagata Pag. 7 Art. 10 emissione della carta di credito prepagata Pag. 8 Art. 11 Uso della carta di credito prepagata. Rendicontazione delle spese e controlli Pag. 8 Art. 12 Pagamenti attraverso i sistemi elettronici Pag. 8 Art. 13 Responsabilità del Titolare della carta prepagata e del Cassiere Pag. 9 PARTE QUARTA NORME FINALI Art. 14 Norme finali e di rinvio Pag. 9 Art. 15 Entrata in vigore Pag. 9 2

3 PARTE I - DISPOSIZIONI COMUNI ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento del servizio di Cassa interna e fornisce ulteriori specificazioni rispetto a quanto già disciplinato agli articoli 43 e 44 del D.P.R. 2 novembre 2005, n. 254, recante il Regolamento per la disciplina della gestione patrimoniale e finanziaria delle Camere di commercio (d ora in avanti DPR 254/05 o Regolamento di contabilità). 2. Il servizio di cassa interna, precisamente, ha ad oggetto il pagamento di spese economali, da sostenersi in osservanza delle disposizioni vigenti in materia; il presente regolamento, in particolare, ne disciplina tipologia e limiti di spesa, oltre che le modalità di gestione. ARTICOLO 2 (Tipologia di spese economali ammissibili) 1. Si indicano come economali (di seguito anche minute spese) le spese necessarie per far fronte ad esigenze afferenti il funzionamento degli uffici, al pagamento delle quali si deve provvedere immediatamente, attraverso la cassa economale, non essendo possibile oppure essendo antieconomico, data la esiguità dell importo, esperire le procedure di rito, sempre che rientrino nei limiti oggettivi e/o di importo di seguito specificati. Alle spese economali si ricorre, altresì, nei casi in cui la spesa, per sua natura, debba essere effettuata in contanti ovvero il bene od il servizio richiesto possa reperirsi esclusivamente attraverso il ricorso all ecommerce, oltre che nei casi di urgenza. 2. Rientrano nella fattispecie delle spese economali le seguenti tipologie di oneri: a) spese per acquisizione di beni e servizi, per il funzionamento degli uffici, per riparazioni e manutenzioni di beni, per spese postali, per la gestione degli automezzi, per l'acquisto di giornali, di pubblicazioni periodiche, di medaglie e divise di servizio, il cui importo unitario complessivo (al lordo degli oneri fiscali) sia non superiore ad 600,00 e sempre che non si tratti di spese connesse a contratti di appalto in corso di esecuzione, con specifico riferimento a: - spese postali e telegrafiche, fatto salvo quanto previsto al successivo punto c), spese connesse alla corrispondenza tassata; - spese per abbonamenti alla radiotelevisione italiana; - spese telefoniche; - spese per acquisto di materiale informatico; - spese condominiali; - acquisizione di generi di Monopolio di Stato o comunque generi soggetti a prezzo imposto e/o amministrato; - spese per procedure esecutive e notifiche; - fatto salvo quanto previsto al successivo punto c), imposte e tasse, ivi incluse imposte di registro, spese contrattuali, diritti erariali e di segreteria, sanzioni ed imposte varie, visure catastali, iscrizioni di carattere obbligatorio; 3

4 - fatto salvo quanto previsto al successivo punto c), inserzioni di carattere obbligatorio per bandi su Gazzette Ufficiali o Bollettino Ufficiale della Regione ovvero sui quotidiani; - trasporto merci e corrispondenza tramite corrieri, imballaggi, facchinaggi e deposito, spese per lo smaltimento di rifiuti; - acquisti di quotidiani, libri e riviste specialistiche ed altri prodotti editoriali, anche su supporto non cartaceo, libri e pubblicazioni di carattere giuridico, tecnico, amministrativo e simili; - spese tipografiche, riproduzioni di documenti e disegni, copie eliografiche, rilegatura di volumi, fotografie, anche su supporto digitale; - acquisto di titoli di viaggio inerenti le trasferte e/o le missioni del personale e degli organi camerali; - acquisti di stampati, modulistica, cancelleria e materiali di consumo occorrenti per il funzionamento degli uffici non disponibili tra le scorte del magazzino; - spese connesse con la gestione degli automezzi, come, ad esempio, oltre all imposta di bollo, pedaggi autostradali, carburanti, soste, oneri per piccole manutenzioni e spese di assicurazione obbligatoria RC Auto; - medaglie; - divise di servizio; - oneri per riparazioni e manutenzioni ordinarie di beni mobili; - lavori di piccola manutenzione dei locali e degli impianti; - spese per acquisto di utensileria e materiali di ricambio, ed in generale per l acquisto di materiale per le piccole manutenzioni da effettuarsi in amministrazione diretta; - spese per il funzionamento delle riunioni camerali; - acquisti di dispositivi per la sicurezza e presidi medicali; - spese di rappresentanza, disposte ai sensi dell art. 63 del DPR 254/2005 e ss. mm. e ii.; - ogni altra spesa minuta di carattere diverso da quelle sopra indicate, necessaria per il funzionamento degli uffici e servizi dell Ente, per la quale sia indispensabile il pagamento in contanti, purché nei limiti sopraindicati; b) oneri per lavori, provviste e forniture di beni e servizi urgenti il cui importo unitario non superi euro oltre IVA. In tali casi, l urgenza è dichiarata dal Dirigente dell Unità Organizzativa richiedente la spesa, nello stesso atto (documento) con cui viene richiesta la prestazione; c) a prescindere dall importo, e comunque nei limiti di dotazione del fondo: - anticipi e rimborsi spese di missione, secondo le modalità di cui al vigente regolamento di missione adottato dalla Camera di Commercio di Verona; - costituzione di libretti postali di deposito di tipo giudiziario, in esecuzione necessaria ed urgente di provvedimenti emessi dall autorità giudiziaria o amministrativa; - costituzione di depositi cauzionali infruttiferi, per la partecipazione a procedure concorsuali; - imposte e tasse, qualora non sia differibile il pagamento e, pertanto, lo stesso non possa effettuarsi mediante altra forma, ivi incluse imposte di registro, spese contrattuali, diritti erariali e di segreteria, sanzioni ed imposte varie; visure catastali, iscrizioni di carattere obbligatorio; - rimborsi di diritti di segreteria, diritto annuale ed altri corrispettivi, disposti dal dirigente d area cui appartiene l Unità Organizzativa competente alla gestione della pratica, nei limiti di spesa in vigore; 4

5 - qualora non sia differibile il pagamento, ovvero lo stesso non possa effettuarsi mediante altra forma, spese connesse alla corrispondenza tassata di importo superiore a quanto stabilito nella precedente lettera a); - inserzioni di carattere obbligatorio per bandi su Gazzette Ufficiali o Bollettino Ufficiale della Regione ovvero sui quotidiani, di importo superiore al limite indicato alla lettera a), qualora non sia differibile il pagamento e, pertanto, lo stesso non possa effettuarsi mediante altra forma; d) purché l onere rimanga contenuto entro l ammontare massimo di 2.500,00, gli anticipi determinati ai sensi dell art. 19 del DPR 254/05 e ss. mm. e ii., a mente del quale per la realizzazione di particolari iniziative o per l'effettuazione di talune spese il dirigente responsabile autorizza, entro i limiti prestabiliti dal budget direzionale, l'anticipazione di fondi a favore di funzionari incaricati della spesa. 3. A prescindere dalle fattispecie di cui al precedente comma 2, non potranno essere effettuati acquisti di beni e servizi con il fondo economale, né disposti lavori, in ogni caso, qualora siano attivabili le ordinarie procedure di acquisto. ARTICOLO 3 (Organizzazione e gestione della cassa economale) 1. La gestione della cassa economale (di seguito anche cassa o fondo economale o fondo cassa) è affidata al Cassiere camerale (di seguito anche Cassiere) formalmente incaricato ai sensi dell art. 43 del DPR 254/2005 e ss. mm. e ii., ed individuato tra i dipendenti assegnati all Ufficio Provveditorato, al quale, per effetto dell art. 38 del medesimo DPR 254/2005, è affidata la gestione del servizio di cassa interna. 2. Il Cassiere è personalmente responsabile delle somme ricevute e della regolarità dei prelievi eseguiti sino a che non abbia ottenuto legale discarico. Alla fine di ciascun esercizio, entro due mesi dalla chiusura dello stesso, il Cassiere ha l obbligo di redigere il conto giudiziale, ai sensi ed agli effetti dell art. 37 del DPR 254/2005 e ss. mm. e ii.. Allo stesso obbligo è tenuto il Cassiere che, per qualsiasi ragione, cessasse dall incarico nel corso dell esercizio: in tal caso dovrà provvedervi tempestivamente, anche contestualmente al passaggio di consegne con il nuovo Cassiere, ai sensi del successivo comma All atto del passaggio delle funzioni, il cassiere che cessa dal servizio per qualunque causa dovrà procedere alla consegna di atti e dei valori al subentrante, alla presenza del Dirigente Responsabile del Reparto e del Segretario Generale. Il Cassiere subentrante assumerà le sue funzioni previa verifica e presa in consegna del contante e di ogni altra consistenza di cassa. Le operazioni di consegna risulteranno da verbale sottoscritto da tutti gli intervenuti. 4. Con lo stesso provvedimento di cui al punto 1, sono altresì individuati i sostituti del Cassiere, i quali, in caso di sua assenza od impedimento, possono operare sul fondo cassa, con i limiti e secondo le modalità indicate nel presente provvedimento. I sostituti del Cassiere, in ogni caso, operano sul fondo cassa utilizzando la normale diligenza a titolo di consegnatari per debito di vigilanza, per cui la responsabilità della corretta gestione del fondo stesso grava esclusivamente sul Cassiere. I sostituti del cassiere sono, tuttavia, responsabili delle spese e dei prelievi effettuati in caso di inosservanza delle disposizioni contenute nel presente regolamento. 5

6 ARTICOLO 4 (Anticipazioni di fondi a favore del Cassiere camerale) 1. All inizio di ogni anno al Cassiere camerale viene attribuita, con determinazione del Segretario Generale, un anticipazione per la costituzione della cassa economale, per un importo che viene fissato in ,00, ovvero definito in misura diversa, nei limiti previsti all art. 44 del DPR 254/2005 e ss. mm. e ii.. 2. Il provvedimento di costituzione del fondo cassa deve essere motivato ed indicare, nello specifico, le ragioni in base alle quali viene determinata la misura dell anticipazione suddetta, le quali possono essere legate, a titolo esemplificativo, agli importi di spesa che, presumibilmente, si stima di effettuare nel corso dell esercizio, da definirsi anche sulla scorta delle spese sostenute nell anno precedente. 3. L anticipazione dei fondi, disposta con il provvedimento di cui al punto 1, è erogata mediante ordine di pagamento (mandato) emesso nei confronti dell Istituto cassiere. PARTE II CASSA CONTANTI ARTICOLO 5 (Fondo economale costituito in contanti) 1. All inizio di ogni esercizio finanziario, con il provvedimento di cui al precedente art. 4 viene costituito un fondo economale in contanti, mediante prelievo della somma corrispondente dal conto corrente acceso presso l istituto cassiere. 2. Detta somma viene custodita in idonea struttura (cassaforte) presente presso l Ufficio Provveditorato. Il Cassiere ed i suoi sostituti sono responsabili della corretta conservazione dei contanti nella misura richiesta dall ordinaria diligenza, e secondo la natura dell incarico. ARTICOLO 6 (Modalità di assunzione delle spese economali e contabilità) 1. L acquisizione di lavori, beni e servizi, di cui all articolo 2, deve essere preceduta da apposito atto (MDRAQ, ovvero secondo il modello previsto per le differenti tipologie di spesa, tipizzate in base al vigente manuale della qualità, oppure determinazione nei casi di cui all art. 2, comma 2 lettera d), adottato dal Dirigente dell Area cui appartiene l Unità Organizzativa richiedente la spesa. Nello stesso atto, ove occorra, il Dirigente dichiara l urgenza, autorizza l utilizzo del budget e, al contempo, dà atto della disponibilità delle risorse. 2. I pagamenti sono, quindi, eseguiti prelevando dal fondo economale la corrispondente somma in contanti. 3. Ogni spesa viene rendicontata, in ordine cronologico, nel giornale delle minute spese, tenuto in modalità informatica. L operatore, che provvede all inserimento della minuta, stampa la ricevuta rilasciata dal sistema informatico e la allega alla documentazione comprovante la stessa, costituita dal modello di richiesta, ovvero il provvedimento di cui alla lettera d) del precedente articolo 2, e dai relativi giustificativi, i quali sono costituiti da attestazioni di versamento in conto corrente postale, ricevute fiscali, fatture, scontrini fiscali e, per gli acquisti presso la grande distribuzione, da scontrini non fiscali emessi ai sensi dell art. 1, comma 429, della L. 311/2004 e ss. mm. e ii.; in alternativa, è altresì possibile unire ogni atto idoneo a comprovare univocamente la spesa, vistato dal Dirigente di Area, quali, ad esempio, i titoli di viaggio stessi ovvero i relativi voucher elettronici, le note di consegna della corrispondenza tassata rilasciata dall ufficio postale, la copia fotostatica del documento sul quale vengono apposti l valori bollati, le minute rilasciate per quietanza 6

7 dai messi notificatori e/o ufficiali giudiziari, et similia. 4. Il Fondo è reintegrabile, durante l'esercizio, previa rendicontazione delle somme già spese. Il reintegro del Fondo è disposto, di regola, mensilmente, per il ripristino della consistenza iniziale di cassa, con Determinazione del Segretario Generale. Qualora le figure del Dirigente dell area economico-finanziaria e del Segretario Generale coincidessero, con un unico provvedimento viene disposta la ratifica delle spese sostenute nel mese di riferimento (ai sensi del successivo articolo 7), ed il reintegro del fondo per il corrispondente importo. 5. Alla fine dell esercizio il Cassiere dovrà provvedere al riversamento presso l Istituto cassiere del fondo di dotazione residuo a sua disposizione. ARTICOLO 7 (Controlli sulla tenuta del fondo economale) 1. Mensilmente, viene stampato il giornale delle minute spese, il quale, numerato progressivamente in ogni pagina, firmato dal Cassiere, dal Dirigente d Area responsabile, dal Responsabile del Servizio ragioneria, viene sottoposto, per la ratifica delle spese sostenute, al Dirigente dell Area economico-finanziaria. La ratifica delle spese mensilmente sostenute dal cassiere camerale è disposta con determinazione del Dirigente dell Area economico-finanziaria, espletate le verifiche sulla congruità delle spese sostenute e la conformità dei giustificativi di spesa, comprovate dalla sottoscrizione del giornale delle minute spese. Con tale provvedimento, le minute spese si considerano legalmente discaricate. 2. Il Dirigente dell area economico finanziaria effettua trimestralmente la verifica della cassa e delle relative scritture, redigendo apposito verbale. Alla verifica di cassa è presente, oltre al Cassiere, altresì il Responsabile del Servizio ragioneria. 3. La gestione della cassa è soggetta altresì al controllo del Collegio dei Revisori dei Conti: della verifica viene redatto apposito verbale, secondo le disposizioni che regolano il funzionamento del collegio stesso. PARTE III CARTA PREPAGATA ARTICOLO 8 (Fondo economale costituito con carta di credito prepagata) 1. Il fondo economale, costituito con il provvedimento di cui al precedente art. 4, può essere reso disponibile, in parte, anche su carta di credito di tipo prepagata (di seguito anche carta prepagata), per l assunzione di spese economali che possono essere acquisite tramite e-commerce o e-procurement ovvero qualora il ricorso a tali forme di negoziazione sia economicamente vantaggioso od opportuno, al fine di una immediata reperibilità della risorsa. 2. L importo massimo dell anticipazione, istituita nella modalità di cui al comma 1, è fissato in 5.000,00; in ogni caso, la somma fra l anticipazione in oggetto e quella costituita ai sensi dell art. 5 non può eccedere l importo massimo fissato dall art. 4 ed, in ogni caso, dall art. 44, co. 1, del DPR 254/2005 e ss. mm. e ii. ARTICOLO 9 (Tipologia di spese sostenibili con la carta di credito prepagata) 1. É consentito l utilizzo della carta di credito prepagata per l assunzione delle spese economali definite ai sensi 7

8 del precedente articolo 2, secondo le modalità e casistiche di cui all art. 8 comma 1. A titolo esemplificativo, si ricorre all e-commerce per l acquisto di: - titoli di viaggio presso le biglietterie elettroniche delle compagnie aeree o ferroviarie; - acquisto di abbonamenti a quotidiani, riviste o pubblicazioni, in formato elettronico ovvero cartaceo; - visure telematiche presso altri Enti; - software specifici per il funzionamento degli uffici. 2. E' vietato l'uso della carta di credito prepagata per prelievi di contante, spese personali e, comunque, per spese non riferite o riferibili alla Camera di Commercio. ARTICOLO 10 (Emissione della carta di credito prepagata) 1. La carta di credito prepagata è uno strumento di pagamento strettamente personale, e, pertanto, non può essere in nessun caso intestata alla struttura di appartenenza né ceduta a terzi. Il rilascio della stessa viene richiesto all Istituto cassiere in esecuzione del provvedimento di cui all art. 4, comma 1, e, di regola, è intestata al Dirigente responsabile del servizio di cassa interna. Parimenti, la revoca, sospensione o limitazione dell'uso della carta prepagata è disposta con atto del Segretario Generale e notificata alla società che l ha emessa. 2. La carta prepagata, quindi, viene messa a disposizione del Cassiere per l utilizzo ai fini dell effettuazione delle minute spese, a norma del presente regolamento. La consegna della carta di credito prepagata e la restituzione della stessa devono risultare da apposito verbale, sottoscritto dal titolare stesso e dal Cassiere (di seguito anche utilizzatore). ARTICOLO 11 (Uso della carta di credito prepagata Rendicontazione delle minute spese e controlli) 1. Le operazioni conseguenti all utilizzo della carta prepagata sono annotate, in ordine cronologico, nel giornale delle minute spese, in apposita sezione dedicata a tale strumento di pagamento. 2. Per quanto attiene ad autorizzazione, modalità di rendicontazione, ratifica e reintegro del fondo si seguono, in quanto compatibili, le disposizioni di cui all'art. 6. La ratifica delle minute spese assunte con carta prepagata avviene, di regola, mensilmente, ed ha ad oggetto quelle di cui si è in possesso dei previsti giustificativi: qualora, infatti, per problemi legati alla procedura telematica ovvero alla contabilità del fornitore, non fosse possibile reperire tempestivamente il giustificativo di spesa (fattura, ricevuta fiscale, altro documento comprovante l acquisto), la spesa viene registrata come sospeso e successivamente ratificata. Con la ratifica, le minute spese si considerano legalmente discaricate. Il reintegro del fondo viene disposto alla bisogna, con provvedimento espressamente motivato, adottato ai sensi del precedente art Si applicano le disposizioni in merito ai controlli sul fondo economale, di cui all art. 7. ARTICOLO 12 (Pagamenti attraverso i sistemi elettronici) 1. Il titolare di carta e/o il Cassiere utilizzatore effettua i pagamenti delle spese di cui alla presente parte del 8

9 regolamento esclusivamente attraverso i web server internet delle ditte fornitrici i servizi richiesti. 2. Il titolare e/o il Cassiere utilizzatore assume, nei limiti richiesti dall ordinaria diligenza, le informazioni necessarie a garantire l'affidabilità del fornitore nonché le misure idonee ad effettuare il pagamento in regime di sicurezza. ARTICOLO 13 (Responsabilità del Titolare e del Cassiere) 1. Il titolare della carta di credito, in solido con l utilizzatore, è obbligato ad adottare misure di massima cautela per la custodia e l'utilizzo della stessa ed è personalmente responsabile, nei confronti della Camera di commercio, secondo le regole generali in materia di responsabilità amministrativa e contabile. 2. In caso di smarrimento o furto il titolare della carta di credito è tenuto a darne immediata comunicazione alla società che gestisce il servizio e all'amministrazione, nonché a denunciare l'accaduto all'autorità di Pubblica Sicurezza. 3. Il Cassiere, nella gestione della carta prepagata, assume tutti gli obblighi e responsabilità previste per la gestione della cassa contanti, di cui agli articoli 3 e 6. PARTE IV NORME FINALI ARTICOLO 14 (Norme finali e di rinvio) 1. Per quanto non previsto dal presente regolamento, si osservano le disposizioni della legge sulla amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato ed, in generale, della normativa di settore, applicabile alle Camere di Commercio. 2. Le disposizioni contenute nel presente regolamento, che facciano espresso e formale rinvio alla normativa di settore vigente in materia, con specifico riferimento al DPR 254/2005, si intendono automaticamente adeguate, senza necessità di una modifica formale, nel caso di norme sopravvenute che modifichino ovvero abroghino la normativa di riferimento. ARTICOLO 15 (Entrata in vigore) 1. Il presente Regolamento entra in vigore quindici giorni dopo la pubblicazione all Albo della Camera di commercio, ai sensi dell art. 43 dello Statuto camerale. 9

VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE PARTE I DISPOSIZIONI COMUNI ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento del servizio di Cassa

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE. della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE. della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE della Camera di Commercio di Livorno Approvato dalla Giunta camerale con deliberazione n. 17 del 7 marzo 2014 INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2

Dettagli

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto Art. 2 - Organizzazione e gestione della cassa economale Art. 3 - Fondi di anticipazione a favore del cassiere

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE. Disciplinare per la gestione del Fondo Economale

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE. Disciplinare per la gestione del Fondo Economale ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Disciplinare per la gestione del Fondo Economale pagina 2 indice Articolo 1 Principi generali... pag. 3 Articolo 2 Costituzione del fondo economale... pag. 3 Articolo

Dettagli

COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI

COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI PROVINCIA DI VICENZA Regolamento per il servizio di Economato Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 15 luglio 2015 Regolamento per il servizio di Economato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO approvato con determina dell Amministratore Unico n. 33 in data 1 ottobre 2015 Premesso - Che

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

COMUNE DI CRAVEGGIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI CRAVEGGIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 28 del 21.07.2014 COMUNE DI CRAVEGGIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le funzioni specifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA CITTA DI STRESA (Provincia del Verbano-Cusio-Ossola) REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 104 del 27.12.2013 INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto del

Dettagli

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con delibera C.C. n. 2 del 04.04.2012 Sommario: Titolo I - Economato Art. 1 - Il servizio di economato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 67 DEL 28.11.2012

REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 67 DEL 28.11.2012 REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 67 DEL 28.11.2012 IN VIGORE DAL 20.12.2012 INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto del Regolamento Art. 2 - Organizzazione

Dettagli

Regione Autonoma Valle d'aosta Comunità Montana Evançon REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

Regione Autonoma Valle d'aosta Comunità Montana Evançon REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ECONOMATO Regione Autonoma Valle d'aosta Comunità Montana Evançon REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ECONOMATO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DEI SINDACI N.84 DEL 05.11.2009 Art. 1 Scopo del regolamento Con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE (emanato con decreto rettorale 7 luglio 2015, n. 289) INDICE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE (emanato con decreto rettorale 7 luglio 2015, n. 289) INDICE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE (emanato con decreto rettorale 7 luglio 2015, n. 289) INDICE Articolo 1 (Oggetto del regolamento) Articolo 2 (Responsabilità del Cassiere) Articolo 3 (Spese

Dettagli

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Allegato alla deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016 PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Approvato con deliberazione di Consiglio Camerale n. 12 del 29.04.2016

Dettagli

Regolamento per il servizio di Cassa Economale

Regolamento per il servizio di Cassa Economale Azienda di Servizi alla Persona Regolamento per il servizio di Cassa Economale Approvato con Delibera di CdA n. 4 del 27/02/2014 Sede Legale: Via Di Mezzo n. 1 47900 RIMINI Sede Amministrativa: Via Massimo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DEBITO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DEBITO 2014 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DEBITO PARTE I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina la gestione del

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.7 del 10.02.2015. INDICE Art.1 Istituzione del servizio Art.2

Dettagli

Regolamento di economato e degli agenti contabili

Regolamento di economato e degli agenti contabili economato e degli agenti contabili COMUNE DI ROCCA SUSELLA (Provincia di Pavia) Regolamento di economato e degli agenti contabili INDICE TITOLO I - SERVIZIO ECONOMALE - Articolo 1 - Istituzione del servizio

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB PADOVA REGOLAMENTO DEL FONDO ECONOMALE

AUTOMOBILE CLUB PADOVA REGOLAMENTO DEL FONDO ECONOMALE AUTOMOBILE CLUB PADOVA REGOLAMENTO DEL FONDO ECONOMALE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo con delibera del 08/01/2013 1 Sommario Articolo 1 Contenuto del Regolamento Finalità e Definizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 29 dicembre 2011 INDICE CAPO I Principi Generali Art. 1 Oggetto e scopo del Regolamento Art. 2 Organizzazione

Dettagli

Regolamento di cassa economale

Regolamento di cassa economale Regolamento di cassa economale (approvato con delibera n. 59/10 del 21/07/2010) Preambolo Vista la L. R. 11 aprile 2001, n. 7, artt. 4 e 44; Vista la L. R. 5 dicembre 2001, n. 18 (Regolamento regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria)

COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) COMUNE DI CALANNA (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 01 del 28\12\2007 CAPO I Servizio di Economato Art. 1 Servizio di economato

Dettagli

Disposizioni per l acquisizione di beni, servizi e lavori con i fondi della cassa economale

Disposizioni per l acquisizione di beni, servizi e lavori con i fondi della cassa economale Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura Disposizioni per l acquisizione di beni, servizi e lavori con i fondi della cassa economale Regolamento dell Area Servizi Interni Ultima modifica:

Dettagli

COMUNE DI CALENDASCO Provincia di Piacenza

COMUNE DI CALENDASCO Provincia di Piacenza COMUNE DI CALENDASCO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato dal Consiglio Comunale in seduta 16/04/2009 atto n. 27 Art. 1 Istituzione del servizio economale TITOLO

Dettagli

Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili

Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa 56036 Palaia - Piazza della Repubblica n 56 Regolamento del servizio di economato e di cassa e della tenuta dell inventario dei beni mobili Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Allegato alla deliberazione del consiglio comunale 52 del 24 luglio 2003 1 ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento stabilisce

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO REGOLAMENTO SERVIZIO ECONOMATO (ART. 153, comma 7 d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267 e successive modificazioni e integrazioni) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. del INDICE ANALITICO CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE Art.1 Oggetto REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE (emanato con Decreto del Direttore n. 237 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI ZOAGLI Provincia di Genova REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 17-05-2013) 1 Sommario TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART.

Dettagli

COMUNE DI BARBARANO VICENTINO

COMUNE DI BARBARANO VICENTINO COMUNE DI BARBARANO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DELL ECONOMO, DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI E DEI CONSEGNATARI DEI BENI Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE

PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO/PROVVEDITORATO E DELLA CASSA ECONOMALE Approvato dal C.P. con delibera n. 117 del 06.04.2004 Aggiornamento dei limiti di valore con delibera G.P.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA

REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - REGOLAMENTO DI ECONOMATO - CASSA Approvato con delibera n. 7 del 22/11/2006 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI TOIRANO Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure di acquisto,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno

REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno REGOLAMENTO per l utilizzo delle carte di credito della Camera di Commercio di Livorno Allegato alla delibera camerale n. 145 del 1 ottobre 2013 Regolamento per l utilizzo delle carte di credito Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO . COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Allegato A) alla Deliberazione C.C. n. 40 del 21/05/2012 COMUNE DI ARGENTA Provincia di Ferrara Piazza Garibaldi, 1-44011 Argenta (FE) Cod. Fisc. 00315410381 - P.I. 00108090382 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI SAN MINIATO PROVINCIA DI PISA

COMUNE DI SAN MINIATO PROVINCIA DI PISA COMUNE DI SAN MINIATO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO DEGLI AGENTI CONTABILI E DEGLI INCARICATI INTERNI ALLA RISCOSSIONE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 60 del 26.09.2013.

Dettagli

INDICE. Art.1 (Oggetto e contenuto del Regolamento)

INDICE. Art.1 (Oggetto e contenuto del Regolamento) REGOLAMENTO DI ECONOMATO E DI CASSA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 19 DICEMBRE 2002 DIVENUTA ESECUTIVA IL 10 GENNAIO 2003 Successiva integrazione con DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

R e g o l a m e n t o

R e g o l a m e n t o C O M U N E D I F L O R I D I A (Provincia di Siracusa) R e g o l a m e n t o d i e c o n o m a t o Art. 1 curato dal servizio finanziario comunale Disciplina del servizio di economato Il comune si avvale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 38/04.03.2010 Modificato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 58/10.06.2011

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE Approvato con verbale del C.d.A. n. 69 del 24.06.2008 Aggiornato con Delibera dell Amministratore Unico n. 11 del 30.09.2013 Reg. Impr. Di Potenza F. e P.

Dettagli

Comune Castel San Giovanni

Comune Castel San Giovanni Comune Castel San Giovanni Approvato deliberazione Consiglio comunale n. 44 del 29.11.2013 1 I N D I C E Articolo 1 - Scopo del Regolamento pag. 1 Articolo 2 - Affidamento del servizio economato pag. 1

Dettagli

COMUNE DI GABY. Regione Autonoma Valle d Aosta. Regolamento comunale per la gestione del servizio di economato

COMUNE DI GABY. Regione Autonoma Valle d Aosta. Regolamento comunale per la gestione del servizio di economato COMUNE DI GABY Regione Autonoma Valle d Aosta Regolamento comunale per la gestione del servizio di economato Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 17 del 30 GIUGNO 2013 SOMMARIO Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Approvato con atto G.C. n. 58 del 29/05/1997 (C.R.C. n. 14787 del 05/06/1997) N\DATI\REGOLAMENTI\ECONOMO U\REGOLAMENTI\SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO DI ECONOMATO C O M U N E D I N E R V I A N O Città Metropolitana di Milano REGOLAMENTO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione n. 48/C.C. del 26.9.2013 e modificato con deliberazioni n. 6/C.C. del 26.2.2015 e n. 40/C.C.

Dettagli

Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione

Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione Allegato alla Delib.G.R. n. 8 / 7 del 4.2.2009 Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO ART. 1 - ISTITUZIONE DELL UFFICIO ECONOMATO 1.

Dettagli

2.1. E istituito presso l ufficio ragioneria aziendale un servizio di cassa interno.

2.1. E istituito presso l ufficio ragioneria aziendale un servizio di cassa interno. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DELLE MINUTE SPESE ECONOMALI Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 8 del 14.10.2011 premesso che - la SO.GE.NU.S. S.p.A. è società a capitale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO CITTA DI LAVELLO Provincia di Potenza Via Cavour - 0972-80111 0972-88643 Sito web: www.comune.lavello.pz.it e-mail: info@comune.lavello.pz.it C.A.P. 85024 - C.F.: 85000470766 P.IVA: 00789800760 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE Art. 1 Il servizio di economato di questo comune, istituito dall art. 83 del Regolamento Comunale di Contabilità, è in accordo con la normativa vigente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di OSASCO Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 14 del 16/02/2009 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009

REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO. Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 REGOLAMENTO DELL UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 38 del 24.09.2009 Pubblicato all Albo pretorio del Parco Adda Nord dal 30.09.2009 al 15.10.2009 ART. 1

Dettagli

Regolamento degli agenti contabili interni (Approvato con delibera C.C. n. 3 del 21.01.2003)

Regolamento degli agenti contabili interni (Approvato con delibera C.C. n. 3 del 21.01.2003) Regolamento degli agenti contabili interni (Approvato con delibera C.C. n. 3 del 21.01.2003) Art. 1 Attribuzione delle funzioni 1) Le funzioni di agente contabile interno con maneggio di denaro o con incarico

Dettagli

COMUNE di FICARRA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE di FICARRA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE di FICARRA Provincia di Messina REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO ART.1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. In applicazione del disposto del comma 7 dell art.3 del D.Lgs. 25 febbraio 1995,

Dettagli

Regolamento del servizio di Economato

Regolamento del servizio di Economato Regolamento del servizio di Economato Comune di Follonica Pag. 1 INDICE Comune di Follonica Pag. 2 Art. 1 - Istituzione del servizio di economato 4 Art. 2 - Cauzione 4 Art. 3 - Indennità rischio di cassa

Dettagli

C O M U N E D I C A M P I B I S E N Z I O (Provincia di Firenze)

C O M U N E D I C A M P I B I S E N Z I O (Provincia di Firenze) COMUNE DI CAMPI BISENZIO Provincia di Firenze C O M U N E D I C A M P I B I S E N Z I O (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PROVVEDITORATO ECONOMATO e Approvato con Deliberazione della Giunta

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.. 534. del 12.12.2012 OGGETTO: Approvazione nuovo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLE SPESE

Dettagli

Fondazione Franco Demarchi Regolamento contabile

Fondazione Franco Demarchi Regolamento contabile Fondazione Franco Demarchi Regolamento contabile Disposizioni in materia di contabilità e contratti Art. 1 Esercizio finanziario L esercizio finanziario della Fondazione coincide con l anno solare, 1 gennaio

Dettagli

COMUNE DI LONDA. Regolamento dell ufficio economato

COMUNE DI LONDA. Regolamento dell ufficio economato 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento dell ufficio economato Approvato con deliberazione consiliare n 125 del 19.12.2002 Modificato con deliberazione consiliare n. 44 del 11.11.2013 1 2

Dettagli

CITTA DI GALLIPOLI Servizio Gestione Economica e Finanziaria REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO

CITTA DI GALLIPOLI Servizio Gestione Economica e Finanziaria REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO 1 CITTA DI GALLIPOLI Servizio Gestione Economica e Finanziaria REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO 1 2 ART. 1 UFFICIO ECONOMATO 1. L Ufficio Economato, è collocato nell ambito del Servizio Gestione Economica

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME

COMUNE DI PORRETTA TERME COMUNE DI PORRETTA TERME Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO ECONOMATO Il presente Regolamento approvato con D.C.C. n. 46 del 29/09/2014 abroga e sostituisce il precedente Regolamento approvato

Dettagli

1. (Economo regionale)

1. (Economo regionale) Allegato alla Delib.G.R. n. 37/12 del 30.7.2009 DIRETTIVE IN MATERIA DI ECONOMATO E CASSA. 1. (Economo regionale) L economo regionale ha compiti di consegnatario centrale e funzioni di coordinamento di

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO Approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 22 del 26.9.2012 1 INDICE Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI CONTABILITA NORME PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ECONOMATO I N D I C E 1 Oggetto e scopo del Servizio 2 Organizzazione del Servizio di Economato 3 - Indennità maneggio valori

Dettagli

DECRETO n. 727 del 23/12/2015

DECRETO n. 727 del 23/12/2015 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Contenuto del Regolamento)

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Contenuto del Regolamento) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ECONOMATO E DI CASSA E DELLE SPESE IN ECONOMIA (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 326 del 05/05/2003, modificato con Delibera del Consiglio Comunale n. 32 del 02/07/2012

Dettagli

Regolamento del servizio di economato

Regolamento del servizio di economato Approvato con delibera consiliare n. 204 del 1991 Pag. 1 TITOLO 1 ORDINAMENTO GENERALE Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il servizio comunale di Economato è disciplinato dal presente regolamento che

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DI DEBITO.

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DI DEBITO. Pagina 1 di 8 3 31.01.2014 2 08.05.2012 Revisione par.6 e par.8 Introduzione Parte II Ufficio Acquisti/Appalti Dott.sa Federica Mandorino Ufficio Acquisti/Appalti Il Responsabile Dott. Samuele Marchioro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con delibera C.d.A. n. 17 del 07/04/2009 Art. 1 Oggetto del provvedimento. Il presente regolamento individua le singole voci di spesa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO

REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO Comune di Cicciano (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO PER L UFFICIO ECONOMATO Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. del.. 1 INDICE CAPO 1 - ORDINAMENTO GENERALE Art. 1 Scopo del regolamento

Dettagli

CITTA DI TERMINI IMERESE PROVINCIA DI PALERMO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

CITTA DI TERMINI IMERESE PROVINCIA DI PALERMO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO CITTA DI TERMINI IMERESE PROVINCIA DI PALERMO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 02 Dicembre 2015 CITTA DI TERMINI IMERESE REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE CASSE ECONOMALI DEL~'~E~~",,<1Ì1~'<,y; CENTRALE E DELLE SEZIONI PERIFERICHE DELL'ISTITUTO ZOOPROFILATJ'ICO".

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE CASSE ECONOMALI DEL~'~E~~,,<1Ì1~'<,y; CENTRALE E DELLE SEZIONI PERIFERICHE DELL'ISTITUTO ZOOPROFILATJ'ICO. Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'umbria e delle Marche#:';:;':;'-:i;i.?:~::" ';;','.., ;.;~,\ l,..: "'"'~~-. '":r'"l I~::. ~1Y:::b~.-''.!~; ~~lt".~! REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE CASSE ECONOMALI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO 2011 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO PARTE I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina la gestione del Fondo economale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO. Art. 5 - Pagamenti di spese sostenute dal personale: inviato in missione. REGOLAMENTO PER L USO DELLA CARTA DI CREDITO INDICE: Art. l - Oggetto del regolamento Art. 2 -Tipologie di spese Art. 3 - Acquisto di beni e servizi Art. 4 - Iscrizione a corsi di formazione, seminari

Dettagli

ENTE DI GESTIONE DEI SACRI MONTI

ENTE DI GESTIONE DEI SACRI MONTI ENTE DI GESTIONE DEI SACRI MONTI Regolamento economale Capo I. Norme generali Art. 1. Servizio di cassa economale Art. 2. Casse economali Art. 3. Affidamento della cassa economale Art. 4. Responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ECONOMATO

REGOLAMENTO DELL'ECONOMATO REGOLAMENTO DELL'ECONOMATO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina il Servizio di Economato, istituito con il Regolamento di contabilità approvato

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO

C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO C I T T A DI MODUGNO (Prov. di Bari) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO E PROVVEDITORATO approvato con deliberazione di n. 67 in data 23/05/2013 1 I N D I C E Capo 1 - ORDINAMENTO GENERALE Art. 1 Scopo

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE CASSE ECONOMALI

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE CASSE ECONOMALI AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 1 TRIESTINA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE CASSE ECONOMALI (D.P.G.R. Regione FVG n. 232/1998 LR 49/1996, art. 39, comma 3. Regolamento regionale sui contratti delle

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

MESSO IN APPROVAZIONE NELLA SEDUTA DEL 24/11/2011. Art. 1 Oggetto

MESSO IN APPROVAZIONE NELLA SEDUTA DEL 24/11/2011. Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ ALLINEATO AL NUOVO STATUTO MESSO IN APPROVAZIONE NELLA SEDUTA DEL 24/11/2011 DEL COMITATO DIRETTIVO Art. 1 Oggetto 1. L ordinamento contabile dell'associazione regionale dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELLA CASSA AZIENDALE

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELLA CASSA AZIENDALE REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELLA CASSA AZIENDALE INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 3 ART.2 ORDINAMENTO E PRICIPI FONDAMENTALI DEL SERVIZIO... 3 ART. 3 FINALITA E LIMITI DI IMPORTO...

Dettagli

CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI BARI

CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI BARI CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI BARI Regolamento di Economato (Approvato con deliberazione dell assemblea dei soci del 25 giugno 2009 n. 2) Consorzio per l Area di Sviluppo Industriale

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA CAPO I NORME GENERALI Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l acquisizione di beni, servizi e lavori da eseguirsi in economia da parte

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO -------- Redatto in base alle deliberazioni: C.C. n. 77 del 22.04.1975 C.C. n. 180 del 8.11.1977 C.C. n. 37 del 03.05.1978 C.C. n. 394 del 15.10.1984 C.C. N. 44

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

R E G O L A M E N T O PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI GREVE IN CHIANTI R E G O L A M E N T O PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione Consiliare n. 006 del 25.01.2013 - Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il Servizio comunale di Economato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO DI ECONOMATO COMUNE DI CORNUDA Provincia di Treviso REGOLAMENTO DI ECONOMATO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. IN DATA../03/2014 (ESECUTIVO IN DATA../../2014) INDICE Art. 1 Scopo del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTO - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N.44 DEL 16.2.1972, ESECUTIVO AI SENSI DI LEGGE - MODIFICATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N.61

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 2015-23 Data 30-06-2015 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL'ECONOMATO. L anno duemilaquindici, il

Dettagli

CAPO 1 - Regolamento di economato. Art. 1- Oggetto del regolamento

CAPO 1 - Regolamento di economato. Art. 1- Oggetto del regolamento CAPO 1 - Regolamento di economato Art. 1- Oggetto del regolamento In questo Ente è istituito il Servizio Economato ai sensi dell'art. 153, comma 7, del TUEL (Dlgs. 267/2000), per la gestione di cassa delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE PATRIMONIALE, ECONOMICA E FINANZIARIA REGOLAMENTO APPROVATO DALLA GIUNTA DI UNIONCAMERE LAZIO CON DELIBERAZIONE N. 64 DEL 30 SETTEMBRE 2013 Articolo 1 Definizione 1. L Unioncamere

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CESARE BENEDETTI REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ DELL AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CESARE BENEDETTI

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CESARE BENEDETTI REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ DELL AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CESARE BENEDETTI AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CESARE BENEDETTI REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ DELL AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CESARE BENEDETTI Approvato con decreto del Commissario Straordinario n.8

Dettagli

Approvato con atto consiliare n. 49 del 03.07.2006 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO

Approvato con atto consiliare n. 49 del 03.07.2006 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO Approvato con atto consiliare n. 49 del 03.07.2006 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO DI ECONOMATO ART. 1 ISTITUZIONE DELL UFFICIO ECONOMATO 1.E istituito l Ufficio Economato, collocato nell

Dettagli

REGOLAMENTO ECONOMALE

REGOLAMENTO ECONOMALE REGOLAMENTO ECONOMALE INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 L Economo Art. 3 Attribuzioni Art. 4 - Cassa economale Art. 5 Fondi a disposizione dell Economo Art. 6 Pagamenti a mezzo cassa economale

Dettagli

Assemblea Territoriale d Ambito dell Ambito Territoriale SCHEMA DI REGOLAMENTO DI CONTABILITA E DEL SERVIZIO DI ECONOMATO

Assemblea Territoriale d Ambito dell Ambito Territoriale SCHEMA DI REGOLAMENTO DI CONTABILITA E DEL SERVIZIO DI ECONOMATO Assemblea Territoriale d Ambito dell Ambito Territoriale Ottimale ATO 2 - Ancona SCHEMA DI REGOLAMENTO DI CONTABILITA E DEL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Delibera dell Assemblea n. 4 del 13/03/2014

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER L INVENTARIO DI ATENEO Emanato con D.R. n. 10792 del 8.1.2007. Ultime modifiche apportate con D.R. n. 14650 del 15.05.2009. Entrato in vigore il 30.05.2009 1 REGOLAMENTO PER L INVENTARIO

Dettagli