Installazioni multimediali Requisiti strutturali edilizi per edifici unifamiliari e multifamiliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Installazioni multimediali Requisiti strutturali edilizi per edifici unifamiliari e multifamiliari"

Transcript

1 Installazioni multimediali Requisiti strutturali edilizi per edifici unifamiliari e multifamiliari Verlag

2 Editore: Autore: Electrosuisse Con il coordinamento del Comitato elettrotecnico svizzero CES, che rappresenta il comitato nazionale svizzero di normalizzazione elettrotecnica delle organizzazioni IEC e CENELEC, hanno partecipato alla realizzazione di questo opuscolo le seguenti aziende: Swisscom Schweiz; Swisscable, Bern; VSEI, Zürich; Elektrizitätswerk der Stadt Zürich; Amt für Hochbauten der Stadt Zürich; Dätwyler Cables, Altdorf; Diamond SA, Losone; EMSS GmbH, Arbon; Hager AG, Rümlang; Huber + Suhner AG, Herisau; Leoni Studer AG, Däniken; Reichle & De-Massari AG, Wetzikon; ZidaTech AG, Hägendorf; WISI Wilhelm Sihn AG, Mägenwil Questo opuscolo è disponibile anche in francese (ISBN ) e in tedesco (ISBN ). Electrosuisse 2011 Electrosuisse Luppmenstrasse 1 CH-8320 Fehraltorf È vietata la copia, la riproduzione e la traduzione, anche parziale. Foto di copertina: 2 ISBN

3 Premessa Perché questo opuscolo? ces Schweizerisches Elektrotechnisches Komitee Comité Electrotechnique Suisse Comitato Elettrotecnico Svizzero Swiss Electrotechnical Committee Collegamenti multimediali, Fiber to the Home, rete a banda larga, Internet ad alta velocità e molti altri sono i termini delle nuove tecnologie che sono ormai alla portata di tutti sotto forma di prodotti a prezzi convenienti. Queste nuove conquiste tecnologiche possono essere proposte da diversi offerenti, e pertanto sia i fornitori, sia i prodotti sono divenuti interscambiabili. In questa situazione, per molti utenti delle nuove tecnologie compiere la scelta giusta rappresenta oggi una grossa sfida. A risentirne in modo particolare è il settore edilizio nel suo complesso. Nella costruzione e nella ristrutturazione di edifici a scopi abitativi devono essere prese decisioni che vincoleranno in modo determinante e per lungo tempo le possibilità di utilizzo dell'immobile. Committenti, architetti, progettisti e installatori si trovano a dover affrontare molte questioni importanti. Occorre avere una visione complessiva delle possibilità che derivano dalle nuove tecnologie, tenere i costi sotto controllo, scegliere i fornitori giusti e, non da ultimo, è necessario individuare e valutare correttamente anche gli sviluppi futuri, e tenerli in considerazione in qualsiasi decisione si prenda. L'attenzione è tutta sulle tecnologie multimediali e Internet. Ciò che, nemmeno troppo tempo fa, era iniziato con la navigazione del World Wide Web e la posta elettronica, si è andato evolvendo in quelli che oggi sono chiamati «eventi multimediali». Radio, televisione, telefonia e altri servizi sono offerti attraverso Internet, e molte altre opportunità si aggiungeranno in futuro. I requisiti in termini di capacità dei mezzi trasmissivi che ne conseguono accelerano la loro evoluzione a tutta velocità. Attualmente sono impiegate diverse generazioni di tecnologie: alle linee telefoniche e ai cavi coassiali e in fibra ottica si aggiungono collegamenti satellitari, tecnologie di radiocomunicazione come Wireless LAN e i prodotti Powerline, questi ultimi nel caso in cui le installazioni siano quasi impossibili da realizzare per motivi costruttivi oppure il loro costo sia troppo elevato. In tale contesto, scegliere le tecnologie giuste e i prodotti adeguati per ogni applicazione e prevedere le misure edilizie necessarie non è facile. Questo manuale intende offrire a tutte le figure interessate in questo processo, dai committenti agli investitori, dagli architetti ai progettisti elettrici e fino agli installatori, una base comune per confronti chiarificatori e per poter prendere le decisioni giuste. Esso contiene infatti un'ampia scelta di proposte di soluzioni per l'impiego delle moderne tecnologie di comunicazione e indica anche le misure edilizie che occorre prevedere. In tal senso, rappresenta un'opportuna integrazione ai documenti esistenti delle normative nazionali, europee e internazionali. Il contenuto dell'opuscolo è stato redatto da un gruppo di lavoro trasversale a varie aziende del settore elettrotecnico svizzero e offre pertanto la garanzia di proporre soluzioni che siano funzionali nell'applicazione pratica. 3

4 Sommario 1 Scopo del documento Finalità 7 2 Il valore aggiunto dell'installazione multimediale per il committente Un periodo di transizione Edifici multifamiliari con locatari e proprietari Costi dell'allacciamento fino all'edificio e al suo interno Valore aggiunto dell'edificio 10 3 Quali tipi di trasmissione/cavo vengono utilizzati negli edifici multifamiliari? 11 4 Modelli di riferimento UFCOM FTTH Rete via cavo a banda larga modello di rete combinata Definizioni degli ambiti di installazione 15 5 Sicurezza sul lavoro Norma per le installazioni a bassa tensione NIBT [38] Infortuni Sicurezza laser Sicurezza nell'esecuzione di giunzioni e protezione durante e dopo la giunzione 16 6 Obbligo di autorizzazione per i lavori di installazione su impianti a bassa tensione Chi può eseguire i lavori sulle infrastrutture di comunicazione descritte nel presente manuale? 17 7 Area di accesso Tubo di introduzione Distributore d allacciamento 18 8 Colonna montante Tracciato dei tubi/canali contenenti cavi Principi Cablaggio coassiale a banda larga dal PACE al piano Cablaggio SAT in edifici di nuova costruzione, soluzione con multiswitch 24 9 Zona abitativa con cablaggio domestico Cablaggio multimediale Edifici di nuova costruzione Edifici esistenti Ristrutturazioni Caso speciale degli edifici unifamiliari Requisiti dei cavi di installazione Cavi in fibra ottica Requisiti dei cavi di comunicazione 39 4

5 11 Avvertenze per l'applicazione pratica Rilievi di collaudo per le fibre ottiche Rilievi di collaudo sul cablaggio domestico Rilievi di collaudo sul cablaggio della rete via cavo a banda larga Allacciamento delle fibre nella presa OTO Etichettatura dell'oto Etichettatura del BEP Immagini della colonna montante in un edificio esistente Qualità dei collegamenti ottici nell'area delle zone ascendenti Abbreviazioni Glossario Prospetto dei simboli grafici utilizzati Link in Internet Riferimenti bibliografici Normative e riferimenti generali Direttive dei fornitori di accesso alla rete 54 5

6 6

7 1 Scopo del documento Finalità Questo documento intende offrire un aiuto a diverse categorie professionali in Svizzera (architetti, investitori, committenti, installatori e progettisti di impianti elettrici) nella pianificazione delle condizioni costruttive necessarie per le applicazioni multimediali negli edifici unifamiliari e multifamiliari. In tale contesto, occorre operare una distinzione tra edifici di nuova costruzione, ristrutturazioni ed edifici di vecchia costruzione. Con le soluzioni proposte in questo opuscolo è possibile realizzare un impianto multimediale «neutro», ossia non vincolato a un determinato operatore e a una determinata tipologia d'uso. I fornitori di servizi Internet, di telefonia fissa e di banda larga che operano a livello nazionale svizzero e a livello locale si sono accordati, e con la direttiva tecnica UFCOM hanno elaborato la «Scheda tecnica relativa al livello 1 degli impianti FTTH interni agli edifici» [27], con il risultato di riuscire a evitare allacciamenti paralleli in fibra ottica all'interno degli edifici. In futuro sarà pertanto disponibile un cablaggio in fibra ottica con un punto di giunzione centralizzato (precedentemente denominato punto di separazione), per es. nel seminterrato dell'edificio unifamiliare o multifamiliare. Inoltre, occorre tener conto anche delle tecnologie consolidate (cavo coassiale, cavo in rame), in modo che l'infrastruttura di accesso alla rete, così come i servizi trasmessi grazie a essa, possano essere offerti da diversi gestori dell'accesso alla rete con tecnologie diverse. Sostanzialmente, a livello organizzativo esistono tre ambiti rilevanti: l'allacciamento dal gestore dell'accesso alla rete fino all'interno dell'edificio, le linee ascenden- ti fino a una zona neutra nell'abitazione compresa e il cablaggio multimediale all'interno dell'abitazione stessa. In caso di allacciamento con fibra ottica, oltre al cavo coassiale esistente dal punto di entrata nell'edificio (BEP) fino al punto di separazione ottico nell'abitazione (OTO) vengono posate quattro fibre, che potranno essere utilizzate a seconda delle esigenze. Le fibre terminano in una presa ottica con quattro possibili slot situata nel distributore domestico nel caso degli edifici di nuova costruzione o per lo più nel soggiorno nelle abitazioni esistenti. Questo documento descrive in linea di massima le condizioni necessarie all'entrata nell'edificio, le zone ascendenti e gli impianti interni alle abitazioni. L'allacciamento da parte del gestore della rete non è oggetto di questo documento e verrà trattato solo per quanto riguarda le interfacce necessarie. Nei lavori pratici di esecuzione, per i dettagli riguardanti le installazioni di fibre ottiche è necessario utilizzare anche la scheda tecnica UFCOM «Scheda tecnica relativa al livello 1 degli impianti FTTH interni agli edifici» [27]. Per le reti via cavo a banda larga (CATV) valgono le direttive «Richtlinien für Planung und Installation hausinterner Verteilanlagen für Breitbandkommunikation in Kabelfernsehnetzen» (Direttive per la progettazione e la costruzione di installazioni interne di distribuzione per la comunicazione a banda larga nelle reti televisive via cavo) [31]. Alla fine del presente documento è riportato un elenco di riferimenti. Se tra le varie versioni linguistiche di questo documento vi fossero discrepanze, si prega di fare sempre riferimento alla versione tedesca. Contatto Per suggerimenti o domande riguardanti il presente opuscolo è possibile contattare gli autori al seguente indirizzo: Electrosuisse, Verband, Luppmenstrasse 1, CH-8320 Fehraltorf, Svizzera Telefono: , 7

8 2 Il valore aggiunto dell'installazione multimediale per il committente 8 In Svizzera il cablaggio in fibra ottica su larga scala degli edifici multifamiliari da parte di diversi fornitori di acceso alla rete si protrarrà per anni. Come di consueto saranno soprattutto le regioni più densamente popolate a beneficiare della nuova tecnica, per la quale attualmente esistono ancora pochi servizi, destinati però a crescere gradualmente. 2.1 Un periodo di transizione Ogni volta che nuove tecnologie raggiungono il cliente finale, si tratta di particolarità di cui in genere non si riesce quasi ad approfittare, perché, mentre l'ultima evoluzione tecnologica si va profilando all'orizzonte, il cliente dispone di una tecnologia che è ancora attuale. Le cose non sono diverse per il progetto Fiber to the Home. In questo caso si tratta della porzione di impianto che va dal punto di allacciamento di un fornitore nel seminterrato dell'edificio, attraversa la colonna montante e giunge nell'abitazione, per la precisione nel distributore domestico: qui, se il possessore dell'immobile e il fornitore dell'accesso alla rete sono d'accordo, la tecnica del cavo in rame a 2 fili viene gradualmente sostituita dalla tecnica con cavo in fibra ottica. A breve termine è pertanto immaginabile che le linee in rame a 2 fili oggi esistenti non saranno più necessarie. In futuro potranno infatti essere utilizzate le fibre ottiche, purché esse siano state tirate fino al distributore domestico. Per quanto riguarda il cablaggio interno alle abitazioni sono utilizzati come di consueto cavi coassiali e a doppini in rame. Chi oggi dispone di una rete locale con corrispondente cablaggio, potrà continuare a utilizzarla anche in futuro. La stragrande maggioranza di chi affitta un'abitazione, però, non ne dispone ancora, e per loro nell'immediato futuro non cambierà molto. Il cablaggio esistente con collegamento coassiale e linea in rame consente infatti già ora l'accesso a programmi radio e HDTV, Internet a banda larga e servizi di telefonia e trasmissione dati. Nei prossimi anni saranno offerti sempre più servizi Internet e di altro tipo. La trasmissione di immagini, video HD e documenti in alta definizione comporterà la necessità di una maggiore larghezza di banda per quanto riguarda l'accesso alla rete. I servizi IPTV e le corrispondenti varianti HD aumenteranno. In breve, mentre il cablaggio coassiale dispone ancora di riserve, il cablaggio con cavo in rame a 2 fili sinora utilizzato diventerà lentamente sempre più tecnicamente obsoleto nella rete di accesso, e si aprirà così la strada a un nuovo mezzo ad alta velocità, la fibra ottica fino al piano. Nell'abitazione saranno quindi necessari cavi a doppini in rame di altissima qualità idonei a Gigabit Ethernet, e cavi coassiali per le applicazioni a banda larga. Negli edifici di nuova costruzione questi cavi sono facili da tirare, mentre negli edifici esistenti per motivi tecnici costruttivi, e spesso anche per via dell'elevato onere finanziario, si deve ripiegare su soluzioni situazionali. 2.2 Edifici multifamiliari con locatari e proprietari I locatari si distinguono dai proprietari per i diversi rapporti di proprietà. Comune a entrambi è tuttavia la necessità, in futuro, di utilizzare i locali in modo più universale. Ciò rende necessario, in ogni locale dell'abitazione, almeno un collegamento di comunicazione con la possibilità per rete via cavo a banda larga, LAN/ Ethernet e telefonia. Come già accennato, l'attuazione è relativamente semplice per gli edifici multifamiliari nuovi da costruire, ed è quindi realizzabile a costi convenienti. Negli edifici più vecchi, per via della mancanza di tracciati di installazione, ciò può invece comportare una certa spesa. Per questa ragione, anche se nella fase costruttiva non tutti i locali vengono ristrutturati per rispondere a esigenze tecniche di comunicazione, è consigliabile prevedere almeno alcuni tubi vuoti a tale scopo.

9 Cosa occorre considerare, nella progettazione degli impianti di comunicazione nelle abitazioni? Per le abitazioni di nuova costruzione saranno necessari distributori domestici di dimensioni sufficienti, nella forma, per es., di distributori combinati per la rete elettrica e di comunicazione o di una parete tecnica, collocati in un'ubicazione centrale. Eventualmente il luogo di installazione può essere combinato ad altri mezzi, per es. i sistemi di distribuzione degli impianti termosanitari. Nelle abitazioni esistenti è necessario definire un luogo di installazione adatto per il distributore domestico centrale a seconda dei tubi esistenti e della fattibilità di un riequipaggiamento dell'infrastruttura di comunicazione. Se il tiro di nuovi cavi nei sistemi di tubi esistenti non è più possibile, l'infrastruttura può essere ampliata anche con canaline sopra intonaco e/o sotto ai battiscopa. Esiste un punto critico? Sì, perché negli immobili più vecchi dall'entrata nell'edificio fino al distributore domestico WV eventualmente da progettare (in caso di ristrutturazione) o fino alla presa ottica (nel caso di un edificio di nuova costruzione) lo spazio disponibile varia abbastanza a seconda dell'età Riequipaggiamento semplice Zona abitativa OTO Presa di derivazione Ristrutturazione WV WV Zona abitativa WV AE 3 x 230/400V~ con fibra ottica suppl. Canale di BEP riequipaggiamento PACE HAK Rete via cavo a banda larga Figura 1: Colonna montante in un edificio di vecchia costruzione Area colonne ascendente Zona abitativa Piano mansardato do Piano superiore do Piano terra Seminterrato BEP Cavo rete di distribuzione PACE WV con OTO Zona abitativa do do HAK Cavo in fibra ottica La zona di accesso per tutti i fornitori dell accesso alla rete è di norma situata nel seminterrato Figura 2: Zona ascendente in un edificio di nuova costruzione Antenna satellitare AE 3 x 230/400V~ con fibra ottica suppl. Rete via cavo a banda larga 9

10 10 dell'edificio. Inoltre negli edifici di vecchia costruzione (Fig. 1) i tubi già posati della colonna montante telefonica spesso non consentono ulteriori installazioni, quindi devono essere cercate nuove vie di accesso ai piani, ricorrendo a installazione sopra intonaco. Negli edifici di nuova costruzione (Fig. 2) i tracciati degli allacciamenti possono invece essere presi in considerazione già nella fase di progettazione. La colonna montante deve essere dotata di sufficiente capacità, perché il cablaggio a base di cavi in rame, per lo più per la telefonia, servizi TV e xdsl, deve rimanere operativo ancora per qualche tempo. Se nella progettazione vengono presi in considerazione sin dall'inizio la colonna montante e il distributore domestico, essi possono essere integrati abilmente e in modo invisibile nell'architettura complessiva dell'immobile. Questo, insieme al cablaggio strutturato, dà vita a una soluzione semplice e conveniente in termini di costi. Questa soluzione rappresenta inoltre un'importante tutela dell'investimento e consente di disporre di un immobile al passo con i tempi. Gli insignificanti costi supplementari sostenuti all'inizio risparmieranno costosi rinnovamenti e riequipaggiamenti. Con la realizzazione di un cablaggio non vincolato a un determinato operatore e a una tipologia d'uso, l'immobile subisce un aumento di valore, visto che può adattarsi anche alle future esigenze del mercato e degli inquilini e giustifica il sovrapprezzo. 2.3 Costi dell'allacciamento fino all'edificio e al suo interno I costi dell'allacciamento dipendono dai seguenti fattori: condizioni costruttive (tracciati di linee esistenti o oneri per gli ampliamenti fino all'interno dell'edificio, alla colonna montante e alla distribuzione domestica) accordo tra il gestore dell'accesso alla rete e i proprietari dell'edificio. 2.4 Valore aggiunto dell'edificio Tutto sommato si può constatare che il passaggio a un'installazione multimediale aumenta sostanzialmente la capacità attrattiva e il valore di un edificio. Grazie alla rete via cavo a banda larga e alla fibra ottica come modalità di accesso, l'edificio è pronto per le esigenze attuali e future della società dell'informazione. Il supporto ai futuri requisiti in termini di larghezza di banda per TV/radio digitale, Internet, telefonia e applicazioni multimediali è garantito per il futuro. Ogni inquilino o ogni proprietario per piani può scegliere liberamente e facilmente il fornitore della rete di accesso e dei servizi per le prestazioni desiderate. Con gli ampliamenti l'edificio diventa nel complesso più attraente per la locazione e la vendita di un appartamento. Un'interessante offerta in termini di rapporto qualità/prezzo può essere garantita da fornitori di servizi innovativi nel campo della TV/radio digitale, Internet, telefonia e servizi multimediali. Tubi vuoti nella zona abitativa possono essere utilizzati per diversi cablaggi, come per es. allacciamenti alla rete, allacciamenti di banda larga con cavi coassiali ed eventualmente allacciamenti in fibra ottica in tutti i locali abitabili. Maggiore flessibilità per il futuro con costi supplementari chiaramente valutabili. L'installazione strutturata di tubi fornisce la base e la possibilità per anni a venire di ampliamenti futuri semplici ed economicamente convenienti. Per il proprietario di un edificio multifamiliare vi è un chiaro vantaggio di mercato grazie alla differenziazione rispetto ai concorrenti sul mercato immobiliare. Soprattutto per i locatari o i proprietari per piani è vantaggiosa l'installazione di un cablaggio multimediale non vincolato a un determinato operatore e a una determinata tipologia d'uso nel caso in cui esso non sia ancora stato definito nella ristrutturazione base.

11 3 Quali tipi di trasmissione/cavo vengono utilizzati negli edifici multifamiliari? 3a) Cavi con coppie in rame ritorte (doppini) per la telefonia analogica e digitale e servizi xdsl 3b) Cavi coassiali 75 Ohm per servizi TV Internet idonei alla via di ritorno (HF-Broadcast fino a 862 MHz, idoneo alla via di ritorno) 3c) Cavi coassiali 75 Ohm per la ricezione satellitare (HF Broadcast da 1 a 3 GHz, tecnica satellitare) 3d) Cavi a doppini intrecciati. Categoria 5, conformi a EN (2007), per Ethernet 10/100/1000 Mbit/s 3e) Cavi in fibra ottica (Single mode) ITU-T G.657 A, G.652 D 3f) Plastic-Optical-Fiber, POF Mezzo Servizi Area di accesso Colonna montante Interno dell'abitazione Radio analogica Linea ab (PSTN) Linea in rame a 2 fili Linea in rame a 2 fili Linea in rame a 2 fili HFC (CATV) FTTH DTH (SAT) Cavo Fibra ottica Aria coassiale 3 Cavo Fibra ottica Cavo coassiale 3 coassiale 4 Cavo Twisted Pair 1 Cavo coassiale 3 coassiale 4 Twisted Pair 1 Twisted Pair 1 Cavo coassiale 2 POF no sì (sì) 2 no TV analogica no sì (sì) 2 no 5 TV digitale sì 6 sì 7 (sì) 8 sì Telefonia digitale sì sì 9 (sì) 10 sì, con limitazioni! Dati (IP) sì sì sì no Tabella 1: Prospetto delle tecniche di trasmissione: tipi di cavo/mezzi e servizi 1 Opzionale per la rete domestica 2 In caso di RfoG, RF Overlay MHz (bidirezionale) RF Overlay MHz (SAT-ZF) 5 Analogica: switch-over già avvenuto 6 IP attraverso DSL, limitazioni in caso di lunghezze di linea maggiori 7 DVB e/o IPTV attraverso DOCSIS 8 IPTV, DVB solo con RfoG, RF Overlay 9 VoIP attraverso DOCSIS 10 VoIP 11

12 12 Strada Fornitore E Fornitore F Operatore telecom Fornitore A Fornitore D Fornitore G Strada Fornitore H Nodo di distribuzione Point of Presence Point of Presence Fornitore I Cavo principale Cavo di distribuzione VK Edificio multifamiliare (nuova costruzione) WV con OTO WV con OTO Cavo coassiale VK Strada OTO OTO Zona abitativa Zona abitativa BEP PACE HAK Pozz. HAK PACE BEP Antenna satellitare Antenna satellitare VK Azienda elettrica Fornitore C Fornitore J Cavo a banda larga Fornitore B Nodo di distribuzione Point of Presence Legenda VK Cabinet Pozz. Pozzetto Fibra ottica Cavo in rame a 2 fili (n x 4 o n x 2) WV Distributore domestico OTO Punto terminale ottico della rete Cavo rete di distribuzione per es. Palt n x 4 Edificio multifamiliare (dopo la ristrutturazione) Pozz. Strada Figura 3: Varie aree di accesso dei diversi fornitori

13 4 Modelli di riferimento 4.1 UFCOM FTTH POP BEP FD OTO ONT/CPE Point of Presence Nodo di distribuzione Cablaggio d ingresso (feeder) Cavo principale Cabinet / Pozzetto distributore Punto di entrata nell edificio Cablaggio esterno (drop) Cavo di distribuzione Distributore di piano Cablaggio dell edificio Colonna montante Cordone di apparecchiatura Terminazione di rete ottica lato utente Cablaggio dell abitazione Presa ottica telecomunicazione Apparecchiatura utente Figura 4: Modello di riferimento UFCOM (FTTH) POP Point of Presence (nodo di distribuzione) BEP Building Entry Point (punto di entrata nell'edificio) FD Floor Distributor (distributore di piano) OTO Optical Telecommunications Outlet (presa ottica) ONT/CPE Optical Network Termination/Customer Premises Equipment (terminazione di rete ottica lato utente) Nota: il modello di riferimento UFCOM è valido solo per la struttura di una rete in fibra ottica FTTH. La struttura POP-OTO è tuttavia molto simile alla struttura della rete di cavi in rame (telefonia) esistente. 4.2 Rete via cavo a banda larga Distributore domestico Stazione di testa Nodo HFC (Cabinet/ pozzetto) O/E C Punto di allacciamento Cavo cavo coassiale dell edificio PACE Amplificatore/ ev. presa di derivazione CPE Cablemodem/ router Cavo coassiale TP Presa multimediale Apparecchiatura terminale Accesso (Access) Colonna montante Cablaggio dell abitazione Figura 5: Modello di riferimento rete via cavo a banda larga (CATV) PACE MMS WV HFC TP C Punto di allacciamento cavo dell'edificio Presa multimediale Distributore domestico Hybrid Fiber Coaxial (rete ibrida fibra ottica-cavo coassiale) Twisted Pair (cavo a doppini) Cavo coassiale Fibra ottica 13

14 4.3 Modello di rete combinata POP Distributore d allacciamento Distributore domestico Point of Presence Cavo in rame a 2 fili Cavo coassiale BEP NTS PACE Cavo in rame a 2 fili Cavo coassiale OTO CPE Presa multimediale Apparecchiatura utente Accesso (Access) Cablaggio dell edificio Colonna montante Cablaggio dell abitazione Figura 6: Modello di rete combinata Terminologia Il POP (nodo di distribuzione) è il dispositivo del gestore della rete per la realizzazione dei collegamenti necessari. La linea di allacciamento, composta dal cablaggio di ingresso e dal cablaggio drop, va dal POP (nodo di distribuzione) del gestore della rete fino al distributore d allacciamento (BEP/PACE/ NTS). Le dimensioni e le modalità di installazione sono determinate dal gestore della rete. Il nodo HFC è il punto in cui i segnali ottici della rete HFC vengono convertiti in segnali elettrici ad alta frequenza, e attualmente si trova di norma nelle cabine di distribuzione di quartiere. In base alla struttura o all'ampliamento della rete HFC, il nodo HFC può anche essere situato nella stazione di testa o nel PACE. Nel secondo caso si parla anche di FTTB (Fiber to the Building) Il distributore d allacciamento DA rappresenta l'interfaccia tra le linee di allacciamento e le linee ascendenti e, come termine generico, comprende le interfacce BEP, PACE e NTS. Punto di separazione della rete NTS, punto di separazione delle linee in rame a 2 fili dell'operatore telecom in arrivo in corrispondenza dell'entrata nell'edificio. Punto di allacciamento cavo dell'edificio PACE, interfaccia del fornitore della rete via cavo a banda larga per servizi Internet, televisivi e radiofonici in corrispondenza dell'entrata nell'edificio. La colonna montante comprende l'allacciamento di un edificio a partire dal punto di entrata nell'edificio (BEP) fino alla presa ottica. Il distributore di piano (FD) è opzionale. Come punto di separazione ottico OTO si consiglia un connettore LC o compatibile con lo standard LC con lucidatura APC conformemente alla Scheda tecnica dell'ufcom «Scheda tecnica relativa al livello 1 degli impianti FTTH interni agli edifici» [27]. Il WV (distributore domestico) rappresenta il punto di distribuzione a stella per i diversi mezzi trasmissivi all'interno di un'abitazione. 14 Il BEP (punto di entrata nell'edificio) rappresenta in FTTH il collegamento ottico tra la linea di allacciamento (cablaggio drop e cablaggio di ingresso) e la colonna montante. Il cablaggio dell'abitazione comprende l'allacciamento dell'unità abitativa a partire dal distributore domestico (VW) fino alla presa multimediale (MMS), alla quale possono essere collegati i più

15 svariati apparecchi. Come mezzi trasmissivi sono utilizzati cavi di comunicazione in rame di categoria 5 per i servizi di trasmissione dati, cavi coassiali per i servizi della rete via cavo a banda larga ed eventualmente cavi ottici (principalmente POF). La presa multimediale MMS può essere realizzata come presa multimediale combinata (per es. 2 x RJ45 più IEC-CATV) o con prese di collegamento separate IEC-CATV e RJ-45 montate adiacenti. Altre interfacce utilizzate nell'ambito della comunicazione negli edifici devono essere considerate separatamente. 4.4 Definizioni degli ambiti di installazione Gli ambiti di installazione (Fig. 7) comprendono le zone seguenti: area di accesso area delle zone ascendenti zona abitativa Area delle zone ascendenti Zona abitativa Piano mansardato do Piano superiore do Piano terra Seminterrato Zona abitativa do do Antenna satellitare HAK BEP HÜP AE 3 x 230/400V~ con fibra ottica suppl. Cavo in fibra ottica HAK Armadietto di fine cavo Cavo rete di distribuzione Zona di accesso Rete via cavo a banda larga Figura 7: Prospetto degli ambiti di installazione in un edificio multifamiliare 15

16 5 Sicurezza sul lavoro 5.1 Norma per le installazioni a bassa tensione NIBT [38] Gli impianti di comunicazione che implicano interventi sugli impianti a bassa tensione devono essere realizzati conformemente alle regole riconosciute della tecnica. È necessario assicurarsi che il funzionamento degli impianti menzionati non comprometta la sicurezza di persone o cose e che non si verifichino interferenze reciproche con altri impianti (NIBT 2010, 5.1.5). Estratto dalla NIBT 2010 Gli impianti di comunicazione devono essere realizzati in modo da garantire la protezione delle persone (contro le scosse elettriche ai sensi della NIBT 2010, 4.1) dai contatti sia diretti che indiretti. Gli impianti di comunicazione devono essere realizzati in modo tale da non poter provocare incendi o esplosioni, soprattutto anche in caso di sovratensioni atmosferiche (SchV (Ordinanza concernente gli impianti a corrente debole), art. 13 [39]). Gli impianti di comunicazione devono essere realizzati in modo tale da non disturbare altri impianti e da non essere disturbati da essi (SchV (Ordinanza concernente gli impianti a corrente debole), art. 5 [39]). Nei lavori condotti sulle installazioni a bassa tensione deve essere obbligatoriamente rispettata la NIBT 2010, SEV 1000:2010 (Norma per le installazioni a bassa tensione NIBT [38]). Tutti gli interventi sulle installazioni a bassa tensione devono essere effettuati unicamente da personale specializzato. 5.2 Infortuni Rispettare obbligatoriamente la legge sull'assicurazione contro gli infortuni e le relative ordinanze sulla prevenzione degli infortuni (Direttiva della Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL 6508). 5.3 Sicurezza laser Informazioni generali I requisiti riguardanti la sicurezza del laser sono regolamentati nei documenti IEC [19] e SUVA [20] nella rispettiva versione valida. Dettagli Nel caso in cui le implementazioni FTTH non superino il grado di pericolosità 1 (hazard level 1) nella zona abitativa/ nell edificio del cliente, non è necessario rispettare alcun requisito speciale riguardo a indicazioni di avvertimento o misure di sicurezza laser tra l'entrata nell'edificio e il convertitore ottico/elettrico, BEP e CPE inclusi. 5.4 Sicurezza nell'esecuzione di giunzioni e protezione durante e dopo la giunzione Durante la giunzione di fibre ottiche, raccogliere in un contenitore i finissimi residui derivanti dallo spezzare le fibre. Questi minuscoli frammenti di fibre ottiche non solo possono essere molto dolorosi, ma possono anche provocare infiammazioni. 16

17 6 Obbligo di autorizzazione per i lavori di installazione su impianti a bassa tensione Chi esegue, modifica o ripara impianti elettrici e chi collega in modo stabile prodotti elettrici a impianti elettrici oppure interrompe, modifica o ripara tali collegamenti necessita, ai sensi dell'ordinanza sugli impianti a bassa tensione OIBT [40] (versione 1 gennaio 2010), di un'autorizzazione di installazione dell'ispettorato federale degli impianti a corrente forte. Autorizzazioni generali di installazione possono essere acquisite, se le condizioni ai sensi della OIBT [40] sono soddisfatte, da persone fisiche o imprese (OIBT, 2 capitolo). In base all'attività, è anche possibile fare richiesta di un'autorizzazione di installazione limitata. Le condizioni sono descritte nel 3 capitolo della OIBT. 6.1 Chi può eseguire i lavori sulle infrastrutture di comunicazione descritte nel presente manuale? Spetta al rispettivo fornitore dell'accesso alla rete scegliere, secondo criteri propri, le aziende incaricate dell'installazione, a condizione che esse rispettino la qualità richiesta dalle corrispondenti direttive del fornitore dell'accesso alla rete. Informazioni generali possono essere reperite in Internet all'indirizzo www. esti.admin.ch. I corrispondenti formulari di domanda, per esempio per le autorizzazioni di installazione, sono reperibili in Documentazione, Formulari OIBT. 17

18 7 Area di accesso 18 Distributore d allacciamento Cavo in fibra ottica BEP Cavo rete di distribuzione L'accesso dall'esterno può essere suddiviso nei seguenti componenti: tubo (tubi) di introduzione distributore d allacciamento 7.1 Tubo di introduzione L'accesso dall'esterno può essere realizzato mediante un tubo d introduzione. Normalmente ciascun gestore dell'accesso alla rete definisce un'introduzione di tubo separata. L'introduzione con tubo deve essere impermeabile al gas e all'acqua. Esistono diverse tecniche di introduzione, e ogni fornitore sceglie i componenti che preferisce. 7.2 Distributore d allacciamento Per l'allacciamento con fibre ottiche vale in genere il modello di rete conforme alla Verso le abitazioni N T S Cavo in fibra ottica PACE Per lo più situato nel seminterrato Fornitore della rete via cavo a banda larga Azienda di approvvigionamento energetico, AE Figura 8: Distributore d allacciamento con BEP, PACE e NTS Cavo in fibra ottica in entrata Giunzione BEP Cavo in uscita verso le abitazioni Cavo rete di distribuzione NTS PACE Rete via cavo a banda larga (CATV) Involucro per montaggio sopra intonaco con diversi scomparti. Gli involucri per il distributore d allacciamento devono essere almeno di grado di protezione IP 20. Figura 9: Esempio di un distributore d allacciamento combinato raccomandazione tecnica «Scheda tecnica relativa al livello 1 degli impianti FTTH interni agli edifici», edizione 2.0. [27]. Per l'allacciamento con cavi coassiali valgono in genere le direttive Swisscable sulle installazioni interne di distribuzione [31] nonché le direttive del gestore locale della rete via cavo. Il distributore d allacciamento (Fig. 8, Fig. 9) consente la gestione centrale di più (a volte tutti i) servizi multimediali e specifici per gli edifici (servizi su base FTTH, rete via cavo a banda larga, sistema di allarme dell'edificio, telelettura di contatori di energia elettrica, ecc.). Ciò comporta il vantaggio che tutti i componenti sono organizzati in un unico alloggiamento o cassetta. La cassetta del distributore d allacciamento, se contiene elementi conduttori, deve essere collegata alla protezione equipotenziale. L'accesso da parte di persone non autorizzate deve essere impedito con misure adeguate (serrature o simili). I diversi mezzi trasmissivi vengono organizzati in scomparti diversi del distributore d allacciamento. 1. Le linee FTTH passive vengono posate mediante un sistema di gestione delle fibre. 2. I segnali ottici FTTH possono essere distribuiti mediante splitter/combiner (PON, WDM PON) o trasformati attraverso un convertitore o un router. 3. Le linee coassiali per impianti via cavo a banda larga e impianti SAT possono essere organizzati in uno scomparto separato. A seconda della soluzione adottata, esse possono essere passive o attive. 4. Anche per i servizi speciali riguardanti la gestione dell edificio, come sistemi di allarme, telelettura di contatori di energia elettrica, sorveglianza video, ecc., può essere utilizzato uno scomparto dedicato. L'accesso dall'esterno definisce il punto di consegna tra il cavo esterno e la colonna montante. Punti di consegna definiti sono il BEP (fibra ottica), il PACE (rete a

19 banda larga) e il punto di separazione della rete NTS dell'operatore telecom (cavo in rame a 2 fili). Il distributore d allacciamento viene opportunamente posizionato nel seminterrato nelle vicinanze della colonna montante e deve essere generalmente accessibile. Devono inoltre essere calcolati spazi di riserva. La Figura 9 illustra un distributore d allacciamento combinato che contiene, tra l'altro, il BEP, il PACE e l'nts del gestore dell'accesso alla rete. Questo tipo è adatto, per es. per gli edifici di nuova costruzione. Se un edificio esistente viene dotato di allacciamento in fibra ottica per FTTH, per lo più viene utilizzato solo un singolo BEP. BEP Building Entry Point Il Building Entry Point (Fig. 10) specifica l'interfaccia tra l'area esterna e l'area interna. Nel BEP il cavo esterno viene collegato al cavo interno mediante un apparecchio di giunzione a fusione. I tipi di cavo, i requisiti di qualità delle giunzioni e l'installazione o il posizionamento del BEP sono specificati nel documento UFCOM [27]. Il BEP (Fig. 11), diversamente dal PACE (Fig. 12), deve garantire la gestione dei cavi di più gestori di rete/servizi. Nel BEP le fibre del cavo esterno sono unite alle fibre del cavo interno me- Cavi in fibra ottica in entrata Involucro per montaggio sopra intonaco Figura 10: BEP Building Entry Point Giunzione diante un apparecchio di giunzione a fusione. Viene impiegato un adeguato sistema di gestione delle fibre per consentire di posare scorte di fibre e protezioni delle giunzioni e di effettuare interventi in un momento successivo. Questo BEP è in genere adatto solo alle applicazioni FTTH. Presenta il vantaggio di poter essere installato separatamente dalle infrastrutture di cavi esistenti (linee coassiali, Cavi in uscita BEP Figura 11: BEP con cavo in fibra ottica in entrata Figura 12: PACE-PFS passivo nell'applicazione pratica 19

20 PFS 1 PFS 2 PFS 3 PFS n Linea di allacciamento PACE Limite di proprietà e documentazione PIE 230 VAC Figura 13: Punto di allacciamento cavo dell'edificio PACE con punti di fornitura del segnale PFS linee elettriche, vecchie linee telefoniche, ecc.) con un minimo dispendio di risorse. Requisiti del punto di allacciamento cavo dell'edificio PACE della rete via cavo a banda larga Il punto di allacciamento cavo dell'edificio (PACE) rappresenta il limite di proprietà e di documentazione tra la rete via cavo a banda larga e l'installazione interna di distribuzione IID. Contiene uno o più punti di fornitura del segnale (PFS) e, in base alla situazione, può essere realizzato in versione attiva o passiva. L'uscita verso le abitazioni a valle del punto di allacciamento cavo dell'edificio viene denominata PFS (Fig. 13). A seconda del principio utilizzato dal fornitore della rete via cavo a banda larga, nei PFS possono trovare applicazione diversi tipi di livelli (si veda la direttiva Swisscable, Appendici A1, A2 e Fig. 6 per i dettagli [31].) Dettagli costruttivi dell'introduzione del cavo a banda larga: Il collegamento dell'edificio è effettuato dal gestore della rete via cavo. Il gestore della rete via cavo determina l'introduzione nell'edificio PIE (punto di introduzione nell'edificio) d'intesa con il proprietario dell'immobile o un suo rappresentante. Posizione, dimensioni ed eventuale cassetta del punto di allacciamento cavo dell'edificio (PACE) sono definite per ogni proprietà dal gestore della rete via cavo insieme ai progettisti responsabili. I tracciati di installazione tra PIE e PACE devono essere realizzati dal proprietario dell'edificio (in caso di tubi di installazione, devono essere previsti tubi di diametro M32 min). Il PACE deve essere dotato di un allacciamento di rete a 230V~, ossia di una presa T-13. La presa di alimentazione deve essere collegata al contatore generale di energia elettrica. A seconda delle prescrizioni del gestore della rete via cavo, il PACE può essere integrato in un un distributore d allacciamento come descritto nel presente documento. 20

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 2011 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, archiviata

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti Di quanto spazio necess sita l aria? Corso d approfondimento di Relatore Milton Generelli, SUPSI, Agenzia MINERGIE Svizzera Italiana, Canobbio Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto.

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. 2 Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Compatto, dalla qualità e copertura senza uguali Ampio angolo di apertura per

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Sensore Intrinsecamente Sicuro Flo-Dar

Sensore Intrinsecamente Sicuro Flo-Dar DOC026.57.00817 Sensore Intrinsecamente Sicuro Flo-Dar Sensore radar senza contatto a canale aperto con sensore della velocità di sovraccarico opzionale MANUALE UTENTE Marzo 2011, Edizione 2 Sommario

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Diventate membri dell associazione. L unione delle forze del settore solare

Diventate membri dell associazione. L unione delle forze del settore solare Diventate membri dell associazione L unione delle forze del settore solare Il vostro supporto neutrale per informazioni, formazione, assicurazione di qualità e pubblicità comune Il vostro portavoce per

Dettagli

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto...3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...3 1.1.2 Note...4 1.2 Panoramica

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Utilizzare Swisscom TV

Utilizzare Swisscom TV Swisscom (Svizzera) SA Contact Center CH-3050 Bern www.swisscom.ch 125474 12/2010 Utilizzare Swisscom TV Panoramica delle funzioni più importanti Indice Funzioni importanti quadro generale 3 Funzione PiP

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli