Istarska županija Regione Istriana. Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istarska županija Regione Istriana. Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana"

Transcript

1 Istarska županija Regione Istriana Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana Pola, lì settembre 2002

2 1. Programma di costituzione e dotazione delle aree imprenditoriali A risultato dei sondaggi effettuati allo scopo di valutare le esigenze degli imprenditori e dall attenta analisi delle domande inoltrate dagli stessi per le due linee creditizie, con la quale sono stati vagliati 670 progetti imprenditoriali, si è potuto notare che la domanda più ricorrente riguarda i vani d affari spazi di lavoro, aspetto questo che il Consorzio di sviluppo «Istra 21» annovera tra i propri traguardi principali e problema la cui soluzione verrebbe indubbiamente a creare un atmosfera imprenditoriale positiva. In questo nostro segmento si tratta di creare un ambiente lavorativo ideale e conveniente mediante la costituzione e lo sviluppo di aree imprenditoriali per l economia minuta. Più della metà delle domande per l ottenimento di un mutuo riportano come finalità dei mezzi finanziari l investimento nell edificazione di capannoni di produzione, l acquisto o la ristrutturazione di vani di lavoro e l acquisto di terreni. Nei mutui ottenuti in precedenza la percentuale è ancora maggiore, il che risulta dalla tabella riportata qui di seguito. Tabella 1.1.: Mezzi richiesti - linee creditizie «Palla di neve» e «Imprenditore» N. pr. Linea creditizia Importo richiesto Finalità vano e terreno Importo approvato/ sfruttato Finalità vano e terreno Palla di neve ,07% ,28% 2. Imprenditor e ,91% ,29% 3. Totale ,17% ,19% Sono vari i motivi alla base dell incentivazione dell imprenditoria attraverso le aree d affari ed essi possono venir analizzati dal punto di vista dell imprenditore, da quello delle unità d autogoverno locale e delle istituzioni finanziarie. Il programma è stato concepito in maniera tale da tener conto: - degli imprenditori, - di città/ comuni, - della Regione Istriana, - del Ministero all artigianato e la piccola e media imprenditoria, - dell IDA S.r.l., - delle banche d appoggio. Quello che ci si prefigge con il presente programma pluriennale è di rendere possibile agli imprenditori di trovare una soluzione definitiva per il vano/lo spazio d affari/produttivo, tenendo conto di quanto segue: - funzionalità dello spazio, - razionalizzazione all atto dell edificazione e dello sfruttamento futuro dello spazio. Come risultato del Programma otteniamo una soluzione integrale delle esigenze dell imprenditore: dagli impianti infrastrutturali indispensabili, all edificazione dello spazio di lavoro. 2 Linea creditizia ancora operativa, i dati non sono definitivi 2

3 Nel 2001, nel programma di sviluppo delle aree imprenditoriali, con la mediazione dell IDA sono stati stanziati mezzi pari a ,00 kune, grazie ai programmi di sviluppo delle aree imprenditoriali del Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria. Grafico 1.1.: Partecipanti al programma delle zone imprenditoriali e rapporti che intercorrono tra di essi MAPMI IDA S.r.l. 6 Imprenditor 3 5 AREA D AFFARI 1 Regione Istriana 2 UAL 4 L organizzatore e titolare delle attività è l IDA S.r.l. che collabora con la Regione Istriana e le città/i comuni. In base ai fabbisogni espressi dall imprenditore e mediante l analisi dei piani territoriali vigenti dell UAL (n.1), è stato avviato il programma in oggetto, nel quale si sono inclusi più soggetti, compreso il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria, che, avendo a sua volta identificato la necessità di istituire zone imprenditoriali, ha avviato il Programma di partecipazione nel finanziamento delle aree imprenditoriali (n. 2), che prevede che città/comuni possano usufruire di finanziamenti a fondo perduto per gli investimenti nella documentazione di pianificazione territoriale, nella dotazione infrastrutturale della zona (corrente elettrica, acqua, telecomunicazioni, viabili, illuminazione pubblica, trattamento delle acque di scolo e dei rifiuti solidi...). Inoltre, con l integrazione delle misure finanziarie di sostegno dell imprenditoria, che risulta dalla collaborazione tra la Regione Istriana, il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria e le banche d appoggio, anche essa curata dall IDA, si può dare un ulteriore incentivazione ai progetti di quegli imprenditori che hanno l intenzione di costruire i propri impianti produttivi in una delle zone imprenditoriali. (n. 3, 4, 5 e 6). È qui che le città/i comuni acquisiscono un ruolo particolare, considerato che i loro organi di rappresentanza possono emanare delibere sulle modalità di pagamento dell indennizzo comunale nelle zone imprenditoriali (sconti, esenzioni per un determinato termine di tempo) e sulle condizioni di sfruttamento del terreno (concessione, locazione con possibilità d acquisto, prezzo del terreno). Si viene così anche a creare una concorrenza tra le unità d autogoverno locale nell attirare i soggetti economici nel proprio territorio. Dopo l approvazione del Programma 2001 di sviluppo dell imprenditoria sul territorio della Regione Istriana, nel Bilancio 2002 sono stati accantonati cinque milioni di kune per il sovvenzionamento dello sviluppo delle aree d affari. Tabella 1.2.: Mezzi concessi per l incentivazione delle zone dell economia minuta dal Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria 3

4 N.pr Importo sovvenzioni Zona imprenditoriale Ciburi Pisino ,00 0,00 2. Vinež Albona ,00 0,00 3. Dignano ,00 0,00 4. Gripole Spine Rovigno 0, ,00 5. S. Domenica di Visinada 0, ,00 6. Mažinjica e Mala Huba Pinguente 0, ,00 7. Chersano 0, ,00 8. Totale , ,00 Nel 2002 sono state identificate quattordici zone strategiche alle quali va data la precedenza, ovvero: 1. Zona «Ciburi», Pisino 2. Zona Arsia 3. Zona «Tison», Dignano 4. Zona Gimino 5. Zona «Gallesano»,Dignano 6. Zona S. Domenica di Visinada 7. Zona «Bibići», Sanvincenti 8. Zona «Vinež», Albona 9. Zona «Mažinjica e Mala Huba», Pinguente 10. Zona Pedena 11. Zona «Gripole Spine», Rovigno 12. Zona Buie 13. Zona «Buići Žbandaj», Parenzo 14. Zona «Ungaria», Umago Figura 1.2. Aree imprenditoriali della Regione Istriana a regime prioritario 4

5 Le suddette zone sono state scelte sulla base della documentazione di pianificazione ambientale esistente, dell infrastruttura già esistente e della forza lavoro presente nel circondario. Zona «Ciburi» - Città di Pisino L area imprenditoriale «Ciburi» si estende su di una superficie di 25,01 ha. La zona è oggetto del piano d assetto ed è già stata sottoposta a parcellizzazione. La superficie delle singole particelle varia da a m 2. È parzialmente in funzione, considerato che vi operano due imprenditori. Tabella 1.3.: Stato attuale dell infrastruttura CORRENTE EL. Parziale GAS No ACQUA Parziale TELEFONO No SCARICHI No STRADE Parziali È stato risolto il trattamento dei rifiuti solidi. Tabella 1.4.: Nuovi investimenti necessari nella zona Nuovi investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTO concludere il programma relativo alla zona 1. terreno ,00 2. strade del circondario ,00 3. rete di scarico ,00 4. acqua ,00 5. corrente elettrica ,00 6. gas - 7. telefon ,00 8. altro (progetti) ,00 TOTALE (kn) ,00 Attività imprenditoriali principali della zona, a conclusione del programma: - economia minuta, artigianato e produzione - vendita al dettaglio e commercio all ingrosso - servizi - servizi comunali. Nel 2002 sono state stanziate ,00 kune per la costruzione dell impianto idrico, per le linee della corrente elettrica e la stazione dei trasformatori elettrici. È previsto un contributo della HEP (Enel croata) pari a ,00 kune per la costruzione della stazione di trasformazione. La presente zona si trova in un area cruciale, visto che ad oriente confina con la strada Pisino Gimino, a occidente con il corridoio della Y Istriana e a nord si protende fino al nodo stradale di Rogovići. La completa dotazione dell infrastruttura è di vitale importanza per lo sviluppo economico della Città di Pisino e, parallelamente, di tutta l'istria centrale. Zona «Raša» - Comune di Arsia L area imprenditoriale «Raša» occupa una superficie di 200 ha e rientra nel piano d assetto territoriale. Il Comune d Arsia è l unico proprietario di tutta la zona in oggetto. La parcellizzazione non è stata ancora svolta. La quota edificabile lorda di ogni singola particella può variare da un minimo del 10% a un massimo del 50%, mentre quella dell intera zona è del 35%. Il 5

6 rapporto d edificabilità netta non è stato ancora definito ma si prevede di applicare il coefficiente 1. Tabella 1.5.: Stato dell infrastruttura Parziale GAS No ACQUA Parziale TELEFONO No RETE DI SCARICO No STRADE Parziali Tabella 1.6.: Nuovi investimenti da effettuare nella zona Totale ulteriori DESCRIZIONE INVESTIMENTO investimenti per terminare il programma della zona 1. Documentazione di pianificazione territoriale ,00 2. Edificazione cabine elettriche e illuminazione pubblica ,00 3. Telecomunicazioni ,00 4. Allacciamento idrico ,00 5. Costruzione comunicazioni interne ,00 6. Impianto di trattamento delle acque di scolo ,00 7. Trattamento rifiuti solidi ,00 TOTALE (kn) ,00 Nelle vicinanze dell area in oggetto c è una zona franca nella quale alcuni investitori stranieri hanno già avviato le loro attività in campo automobilistico e dell industria del legno. La zona imprenditoriale «Raša» ha una posizione strategica grazie al collegamento con le arterie di traffico stradali, ferroviarie e navali. Inoltre, non va dimenticato il fatto che nel circondario c è un surplus di forza lavoro qualificata, specie nel ramo metallico. L IDA, in collaborazione con il Comune d Arsia, pianifica di costituire una società che curerà lo sviluppo della zona, per poi gestirla. Zona «Tison» - Comune di Dignano La zona imprenditoriale di Dignano si estende su di una superficie di 370 ha ed è regolata dal piano d assetto territoriale. Il Comune di Dignano ha in proprietà il 70% del terreno, mentre il rimanente 30% è di proprietà privata. La parcellizzazione della zona non è stata ancora conclusa. L edificabilità lorda per singola particella corrisponde ad un minimo del 10% e ad un massimo del 50%, mentre lo stesso valore per l intera zona è del 35%. Il rapporto d edificabilità netta non è stato ancora stabilito ma si pianifica di applicare il coefficiente 1. Tabella 1.7.: Stato dell infrastruttura No GAS No ACQUA No TELEFONO No RETE DI SCARICO No STRADE No Gli investimenti iniziali riguardano l elaborazione della documentazione di pianificazione territoriale, del progetto di fattibilità e l acquisto del terreno (ca ,00 kune). Si prevede di allacciare la zona all elettrodotto Fianona - Dignano TS 220/110 kv, con il quale si viene a garantire una potenza di 40 MW. Il progetto di metanizzazione della Regione Istriana prevede di far passare a 6

7 200 m dalla zona il metanodotto Pola Karlovac - calibro 800 mm (32") e pressione 80 bar - con il quale verrebbero garantiti annualmente 5,5 mld. m 3 di gas. Lungo il lato meridionale della zona in oggetto passa l acquedotto Bottonega Pola, con tubature di 700 mm, che viene a garantire 450 m 3 /h di acqua. Zona «Žminj» - Comune di Gimino La zona imprenditoriale «Žminj» occupa una superficie di 27 ha ed è regolata dal piano d assetto territoriale. È in fase d attuazione un nuovo piano territoriale comunale che prevede l ampliamento dell area in oggetto, che comunque è già attiva, grazie alla presenza di una decina di imprenditori. Tabella 1.8.: Stato dell infrastruttura Sì GAS No ACQUA Sì TELEFONO Sì RETE DI Costruzione in SCARICO atto STRADE Parziali Nel 2002 è stata pianificata l elaborazione della documentazione progettuale concernente la rete della canalizzazione (50.000,00 kune), gli allacciamenti idrici (30.000,00 kune), l illuminazione pubblica (50.000,00 kune), la redazione dello studio delle viabili interne, nonchè l acquisto dei terreni (70.000,00 kune). La presente zona ha una posizione molto significativa considerata la vicinanza della Y istriana. Gli investimenti ancora necessari riguardano la costruzione della viabile nella zona settentrionale, successivamente all acquisto dei terreni lungo i quali passerà l arteria. Inoltre, si pianifica di allacciare al depuratore delle acque di scolo tutti i soggetti che qui svolgono la propria attività. Zona «Gallesano» - Comune di Dignano La zona imprenditoriale «Gallesano» ha una superficie totale di 19,5 e viene regolata dal piano d assetto del È parcellizzata e vi operano 20 imprese (lavorazione metalli, calzature, produzione calcestruzzo, stamperia, produzione materiale plastico, produzione biciclette, produzione articoli ortopedici). L infrastruttura attuale non soddisfa i fabbisogni dei produttori (la lavorazione del metallo e della plastica richiedono enormi quantità di corrente elettrica). Il piano di quest anno prevede di risolvere completamente la documentazione progettuale, la rete della canalizzazione e quella idrica, tutte spese che verranno coperte con i mezzi del bilancio comunale. Tabella 1.9.: Stato dell infrastruttura ACQUA RETE DI SCARICO Sì - insufficiente Sì - insufficiente GAS TELEFONO No STRADE Parziali Il Comune di Dignano ha sistemato la strada d accesso della zona. Vanno ancora sistemate la viabile interna, la rete idrica, quella di scarico (acque di scolo e piovane, costruzione di una nuova cabina elettrica). La zona è già dotata di un minimo d infrastruttura comunale (fatta eccezione per la rete di scarico) che non è comunque sufficiente nemmeno No Sì 7

8 per le attività svolte attualmente al suo interno, aspetto questo che costringe gli imprenditori ad organizzare il proprio lavoro a turni diurni e notturni. Nuovi investimenti necessari: Per la costruzione della strada interna (2 km di lunghezza, superficie m2) per la rete idrica per la rete di scarico totale: Zona «Labinci» - Comune di Castellier S. Domenica di Visinada L area imprenditoriale «Labinci» si estende su di una superficie di 15 ha e viene regolata dal piano d assetto territoriale. La zona è parcellizzata e vi operano già 4 imprenditori. Attualmente è in atto la dotazione dell infrastruttura necessaria (allacciamento alla rete idrica e costruzione delle viabili). Il 53,33% della superficie è di proprietà comunale. Tabella 1.10.: Stato dell infrastruttura No GAS No ACQUA No TELEFONO Sì SCARICO No STRADE Parziali Tabella 1.11.: Investimenti necessari nella zona Investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTO concludere il programma della zona 1. Allacciamento idrico e indennizzi ,00 2. Costruzione cabina elettrica di kw ,00 3. Costruzione vie interne ,00 4.Costruzione depuratore ,00 TOTALE (kn) ,00 Zona «Vinež» - Città d Albona La zona imprenditoriale «Vinež» s estende su di una superficie di 6,36 ha ed è parte integrante del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione è stata svolta e la superficie delle singole particelle s aggira tra i e i m 2. La zona è parzialmente in funzione e vi opera 1 impresa. L area non è dotata dell infrastruttura necessaria ma l intero processo in fase di preparazione. Tabella 1.12.: Nuovi investimenti da fare nella zona Investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTI terminare il programma della zona 1. Allacciamento idrico e indennizzi ,00 2. Corrente elettrica ,00 3. Costruzione strade interne ,00 4. Canalizzazione acque fecali ,00 5. Canalizzazione acque piovane ,00 TOTALE (kn) ,00 è Zona «Mažinjica i Mala Huba» - Città di Pinguente 8

9 L area imprenditoriale «Mala Huba» copre una superficie di 12,5 ha ed è parte intergrale del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione non è stata ancora svolta, mentre la zona è operativa considerato che in essa lavorano due imprenditori. È dotata della rete della canalizzazione, già allacciata al collettore. La zona in oggetto ha già l infrastruttura di base. Gli investimenti da fare vanno rivolti all ampliamento delle cabine dei trasformatori elettrici oppure alla costruzione di impianti più potenti. L area imprenditoriale «Mažinjica» occupa una superficie di 28 ha ed è parte del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione non è ancora avvenuta, mentre la zona è comunque in funzione perchè vi operano 5 imprenditori. Negli anni trascorsi la Città di Pinguente ha investito nell infrastruttura comunale e più precisamente nella posa dei cavi principali della corrente elettrica, delle tubature idriche e della linea telefonica. Gli investimenti necessari riguardano la conclusione delle opere di costruzione del collettore della canalizzazione e l acquisto del terreno per risolvere definitivamente il problema dell incrocio e della biforcazione della strada d accesso di «Mala Huba». Nuovi investimenti da fare nell area: a) Elaborazione del Piano d assetto urbanistico per le zone (il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria ha stanziato ,00 kune); mancano ,00 kune per concludere i lavori b) Soluzione dell incrocio stradale e dell inizio della biforcazione della strada d accesso principale; costruzione della canalizzazione delle acque piovane e dell illuminazione pubblica ,00 kune, già assicurate nel bilancio della Città di Pinguente c) Acquisto mirato di terreni con il quale va anche indirizzata l edificazione futura e la dotazione, coordinata ed economica, dell infrastruttura comunale dei lotti edificabili durante la fase seguente ,00 kune d) Costruzione del collettore della canalizzazione Štrped II, profilo 315 mm, come da documentazione progettuale esistente ( ,00 kune sono state assicurate nel bilancio della Città di Pinguente, mancano ulteriori ,00 kune). Zona «Gripole Spine» - Città di Rovigno L area imprenditoriale «Gripole Spine» ha una superficie di 80 ha ed è parte integrante del piano d assetto urbanistico della zona economica cittadina. Attualmente è in atto la parcellizzazione che prevede lotti della superficie di m 2. L area non è ancora in funzione causa il basso livello di dotazione dell infrastruttura comunale. Tabella 1.13.: Stato dell infrastruttura Alta tensione GAS No ACQUA Conduttura magistrale TELEFONO Sì RETE SCARICO No STRADE Accesso Finora è stato elaborato lo studio di fattibilità, mentre per quello di parcellizzazione è in atto la conclusione della prima fase che comprende una superficie di 17,712 ha. La Città di Rovigno ha accantonato nel bilancio dell anno corrente la somma di ,00 kune per l elaborazione della documentazione progettuale (mezzi assicurati dal Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria) e ,00 kune per l acquisto di terreni. 9

10 Si valuta che l investimento totale raggiungerà i 17,7 milioni di kune, dei quali 7,0 milioni per la voce acquisto dei terreni, prevalentemente di proprietà privata. Nel 2003 si pianifica di costruire la strada, completa di scarico idrico, di allacciare la zona alla corrente elettrica e all acqua. Zona Buie La zona economico - di servizio di Buie, della superficie di 2,7 ha è prevista nel piano d assetto urbanistico. La superficie media delle singole particelle è di m 2. A conclusione dell elaborazione della documentazione progettuale per l edificazione dell infrastruttura comunale (scarichi delle acque piovane e fecali, rete di bassa e alta tensione, rete idrica, condutture per le telecomunicazioni e starde) e il rilascio della licenza edile, sono state avviate le contrattazioni dell esecuzione dei lavori, la cui spesa ammonta a ,30 kune. Finora sono state spese ,67 delle ,00 kune pianificate. Nel bilancio cittadino del 2003 la somma prevista è di ,00 kune, mentre si pianifica la partecipazione della HEP nella creazione della rete elettrica e delle cabine di trasformazione, con ,00 kune. Per la conclusione delle opere concordate va affrontata un ulteriore spesa di ,00 kune, che permetterebbe di concludere tutti i lavori relativi all infrastruttura comunale di quest area. Zona «Buići-Žbandaj» - Città di Parenzo La zona d affari «Buići Žbandaj» viene definita dal piano territoriale dell ex Comune di Parenzo del lontano La sua superficie totale è di 63 ha. Nella prima zona, quella di contatto che fiancheggia la strada magistrale Parenzo-Baderna, si pianifica un area di impianti maggiori, per il commercio all ingrosso e di magazzini, con particelle di m2. Attualmente vi operano nove imprenditori che hanno alle proprie dipendenze 20 dipendenti. La zona non è dotata dell infrastruttura comunale e va assolutamente elaborato l intero programma di sviluppo dell area, piano per il quale la Città di Parenzo ha previsto ,00 kune nel bilancio del Per rispondere alle richieste degli attuali imprenditori, va garantito quanto prima l allacciamento idrico su di un tratto di 160 m, il cui costo ammonta a ,00 kune ed elaborare le riprese geodetiche della zona d intervento, per le quali si prevede di spendere ,00 kune. Zona «Ungaria» - Città di Umago La zona d affari «Ungaria» viene definita dal piano territoriale della Città di Umago ed è stata costituita nel Ha una superficie di 26 ha, di cui il 23% è di proprietà della Città, mentre il rimanente 77% è di proprietà privata. Nell area sono operativi 4 imprenditori che hanno alle proprie dipendenze ca 400 operatori. Con il piano di dotazione e di ampliamento della zona si vuole garantire lo spazio ad altri imprenditori. Tabella 1.14.: Stato dell infrastruttura Parziale GAS No ACQUA Sì TELEFONO Sì SCARICHI Parziali STRADE Parziali 10

11 Tabella 1.15.: Ulteriori investimenti da fare nella zona Nuovi investimenti per DESCRIZIONE INVESTIMENTI concludere il programma della zona 1. Strade e spazio circostante ,00 2. Scarico acque ,00 3. Acqua ,00 4. Corrente elettrica ,60 5. Telefono ,72 6. Illuminazione pubblica ,75 TOTALE (kn) ,07 Nei lavori d assetto e di dotazione della zona dell infrastruttura comunale la Città di Umago ha finora investito ,00 kune. Per concludere completamente tutti i lavori, anche quelli d assetto, mancano ulteriori ,07 kune. 11

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI

CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI CANONI PATRIMONIALI RICOGNITORI E NON RICOGNITORI Il canone RICOGNITORIO rappresenta esclusivamente la somma dovuta a titolo di riconoscimento del diritto di proprietà del Comune sul bene oggetto della

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10 LEGGE REGIONALE 29 giugno 1998, n. 10 «Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano in attuazione della legge 97/1994». (B.U. 29 giugno 1998, n. 26, 1º suppl. ord.)

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Modulo delle modifiche per gestori di reti di distribuzione e clienti finali allacciati alla rete di trasmissione

Modulo delle modifiche per gestori di reti di distribuzione e clienti finali allacciati alla rete di trasmissione Pagina 1 di 5 Modulo delle modifiche per gestori di reti di distribuzione e clienti finali allacciati alla rete di trasmissione Prima di compilare il modulo presti attenzione a quanto segue: - qualsiasi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli