Istarska županija Regione Istriana. Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istarska županija Regione Istriana. Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana"

Transcript

1 Istarska županija Regione Istriana Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana Pola, lì settembre 2002

2 1. Programma di costituzione e dotazione delle aree imprenditoriali A risultato dei sondaggi effettuati allo scopo di valutare le esigenze degli imprenditori e dall attenta analisi delle domande inoltrate dagli stessi per le due linee creditizie, con la quale sono stati vagliati 670 progetti imprenditoriali, si è potuto notare che la domanda più ricorrente riguarda i vani d affari spazi di lavoro, aspetto questo che il Consorzio di sviluppo «Istra 21» annovera tra i propri traguardi principali e problema la cui soluzione verrebbe indubbiamente a creare un atmosfera imprenditoriale positiva. In questo nostro segmento si tratta di creare un ambiente lavorativo ideale e conveniente mediante la costituzione e lo sviluppo di aree imprenditoriali per l economia minuta. Più della metà delle domande per l ottenimento di un mutuo riportano come finalità dei mezzi finanziari l investimento nell edificazione di capannoni di produzione, l acquisto o la ristrutturazione di vani di lavoro e l acquisto di terreni. Nei mutui ottenuti in precedenza la percentuale è ancora maggiore, il che risulta dalla tabella riportata qui di seguito. Tabella 1.1.: Mezzi richiesti - linee creditizie «Palla di neve» e «Imprenditore» N. pr. Linea creditizia Importo richiesto Finalità vano e terreno Importo approvato/ sfruttato Finalità vano e terreno Palla di neve ,07% ,28% 2. Imprenditor e ,91% ,29% 3. Totale ,17% ,19% Sono vari i motivi alla base dell incentivazione dell imprenditoria attraverso le aree d affari ed essi possono venir analizzati dal punto di vista dell imprenditore, da quello delle unità d autogoverno locale e delle istituzioni finanziarie. Il programma è stato concepito in maniera tale da tener conto: - degli imprenditori, - di città/ comuni, - della Regione Istriana, - del Ministero all artigianato e la piccola e media imprenditoria, - dell IDA S.r.l., - delle banche d appoggio. Quello che ci si prefigge con il presente programma pluriennale è di rendere possibile agli imprenditori di trovare una soluzione definitiva per il vano/lo spazio d affari/produttivo, tenendo conto di quanto segue: - funzionalità dello spazio, - razionalizzazione all atto dell edificazione e dello sfruttamento futuro dello spazio. Come risultato del Programma otteniamo una soluzione integrale delle esigenze dell imprenditore: dagli impianti infrastrutturali indispensabili, all edificazione dello spazio di lavoro. 2 Linea creditizia ancora operativa, i dati non sono definitivi 2

3 Nel 2001, nel programma di sviluppo delle aree imprenditoriali, con la mediazione dell IDA sono stati stanziati mezzi pari a ,00 kune, grazie ai programmi di sviluppo delle aree imprenditoriali del Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria. Grafico 1.1.: Partecipanti al programma delle zone imprenditoriali e rapporti che intercorrono tra di essi MAPMI IDA S.r.l. 6 Imprenditor 3 5 AREA D AFFARI 1 Regione Istriana 2 UAL 4 L organizzatore e titolare delle attività è l IDA S.r.l. che collabora con la Regione Istriana e le città/i comuni. In base ai fabbisogni espressi dall imprenditore e mediante l analisi dei piani territoriali vigenti dell UAL (n.1), è stato avviato il programma in oggetto, nel quale si sono inclusi più soggetti, compreso il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria, che, avendo a sua volta identificato la necessità di istituire zone imprenditoriali, ha avviato il Programma di partecipazione nel finanziamento delle aree imprenditoriali (n. 2), che prevede che città/comuni possano usufruire di finanziamenti a fondo perduto per gli investimenti nella documentazione di pianificazione territoriale, nella dotazione infrastrutturale della zona (corrente elettrica, acqua, telecomunicazioni, viabili, illuminazione pubblica, trattamento delle acque di scolo e dei rifiuti solidi...). Inoltre, con l integrazione delle misure finanziarie di sostegno dell imprenditoria, che risulta dalla collaborazione tra la Regione Istriana, il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria e le banche d appoggio, anche essa curata dall IDA, si può dare un ulteriore incentivazione ai progetti di quegli imprenditori che hanno l intenzione di costruire i propri impianti produttivi in una delle zone imprenditoriali. (n. 3, 4, 5 e 6). È qui che le città/i comuni acquisiscono un ruolo particolare, considerato che i loro organi di rappresentanza possono emanare delibere sulle modalità di pagamento dell indennizzo comunale nelle zone imprenditoriali (sconti, esenzioni per un determinato termine di tempo) e sulle condizioni di sfruttamento del terreno (concessione, locazione con possibilità d acquisto, prezzo del terreno). Si viene così anche a creare una concorrenza tra le unità d autogoverno locale nell attirare i soggetti economici nel proprio territorio. Dopo l approvazione del Programma 2001 di sviluppo dell imprenditoria sul territorio della Regione Istriana, nel Bilancio 2002 sono stati accantonati cinque milioni di kune per il sovvenzionamento dello sviluppo delle aree d affari. Tabella 1.2.: Mezzi concessi per l incentivazione delle zone dell economia minuta dal Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria 3

4 N.pr Importo sovvenzioni Zona imprenditoriale Ciburi Pisino ,00 0,00 2. Vinež Albona ,00 0,00 3. Dignano ,00 0,00 4. Gripole Spine Rovigno 0, ,00 5. S. Domenica di Visinada 0, ,00 6. Mažinjica e Mala Huba Pinguente 0, ,00 7. Chersano 0, ,00 8. Totale , ,00 Nel 2002 sono state identificate quattordici zone strategiche alle quali va data la precedenza, ovvero: 1. Zona «Ciburi», Pisino 2. Zona Arsia 3. Zona «Tison», Dignano 4. Zona Gimino 5. Zona «Gallesano»,Dignano 6. Zona S. Domenica di Visinada 7. Zona «Bibići», Sanvincenti 8. Zona «Vinež», Albona 9. Zona «Mažinjica e Mala Huba», Pinguente 10. Zona Pedena 11. Zona «Gripole Spine», Rovigno 12. Zona Buie 13. Zona «Buići Žbandaj», Parenzo 14. Zona «Ungaria», Umago Figura 1.2. Aree imprenditoriali della Regione Istriana a regime prioritario 4

5 Le suddette zone sono state scelte sulla base della documentazione di pianificazione ambientale esistente, dell infrastruttura già esistente e della forza lavoro presente nel circondario. Zona «Ciburi» - Città di Pisino L area imprenditoriale «Ciburi» si estende su di una superficie di 25,01 ha. La zona è oggetto del piano d assetto ed è già stata sottoposta a parcellizzazione. La superficie delle singole particelle varia da a m 2. È parzialmente in funzione, considerato che vi operano due imprenditori. Tabella 1.3.: Stato attuale dell infrastruttura CORRENTE EL. Parziale GAS No ACQUA Parziale TELEFONO No SCARICHI No STRADE Parziali È stato risolto il trattamento dei rifiuti solidi. Tabella 1.4.: Nuovi investimenti necessari nella zona Nuovi investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTO concludere il programma relativo alla zona 1. terreno ,00 2. strade del circondario ,00 3. rete di scarico ,00 4. acqua ,00 5. corrente elettrica ,00 6. gas - 7. telefon ,00 8. altro (progetti) ,00 TOTALE (kn) ,00 Attività imprenditoriali principali della zona, a conclusione del programma: - economia minuta, artigianato e produzione - vendita al dettaglio e commercio all ingrosso - servizi - servizi comunali. Nel 2002 sono state stanziate ,00 kune per la costruzione dell impianto idrico, per le linee della corrente elettrica e la stazione dei trasformatori elettrici. È previsto un contributo della HEP (Enel croata) pari a ,00 kune per la costruzione della stazione di trasformazione. La presente zona si trova in un area cruciale, visto che ad oriente confina con la strada Pisino Gimino, a occidente con il corridoio della Y Istriana e a nord si protende fino al nodo stradale di Rogovići. La completa dotazione dell infrastruttura è di vitale importanza per lo sviluppo economico della Città di Pisino e, parallelamente, di tutta l'istria centrale. Zona «Raša» - Comune di Arsia L area imprenditoriale «Raša» occupa una superficie di 200 ha e rientra nel piano d assetto territoriale. Il Comune d Arsia è l unico proprietario di tutta la zona in oggetto. La parcellizzazione non è stata ancora svolta. La quota edificabile lorda di ogni singola particella può variare da un minimo del 10% a un massimo del 50%, mentre quella dell intera zona è del 35%. Il 5

6 rapporto d edificabilità netta non è stato ancora definito ma si prevede di applicare il coefficiente 1. Tabella 1.5.: Stato dell infrastruttura Parziale GAS No ACQUA Parziale TELEFONO No RETE DI SCARICO No STRADE Parziali Tabella 1.6.: Nuovi investimenti da effettuare nella zona Totale ulteriori DESCRIZIONE INVESTIMENTO investimenti per terminare il programma della zona 1. Documentazione di pianificazione territoriale ,00 2. Edificazione cabine elettriche e illuminazione pubblica ,00 3. Telecomunicazioni ,00 4. Allacciamento idrico ,00 5. Costruzione comunicazioni interne ,00 6. Impianto di trattamento delle acque di scolo ,00 7. Trattamento rifiuti solidi ,00 TOTALE (kn) ,00 Nelle vicinanze dell area in oggetto c è una zona franca nella quale alcuni investitori stranieri hanno già avviato le loro attività in campo automobilistico e dell industria del legno. La zona imprenditoriale «Raša» ha una posizione strategica grazie al collegamento con le arterie di traffico stradali, ferroviarie e navali. Inoltre, non va dimenticato il fatto che nel circondario c è un surplus di forza lavoro qualificata, specie nel ramo metallico. L IDA, in collaborazione con il Comune d Arsia, pianifica di costituire una società che curerà lo sviluppo della zona, per poi gestirla. Zona «Tison» - Comune di Dignano La zona imprenditoriale di Dignano si estende su di una superficie di 370 ha ed è regolata dal piano d assetto territoriale. Il Comune di Dignano ha in proprietà il 70% del terreno, mentre il rimanente 30% è di proprietà privata. La parcellizzazione della zona non è stata ancora conclusa. L edificabilità lorda per singola particella corrisponde ad un minimo del 10% e ad un massimo del 50%, mentre lo stesso valore per l intera zona è del 35%. Il rapporto d edificabilità netta non è stato ancora stabilito ma si pianifica di applicare il coefficiente 1. Tabella 1.7.: Stato dell infrastruttura No GAS No ACQUA No TELEFONO No RETE DI SCARICO No STRADE No Gli investimenti iniziali riguardano l elaborazione della documentazione di pianificazione territoriale, del progetto di fattibilità e l acquisto del terreno (ca ,00 kune). Si prevede di allacciare la zona all elettrodotto Fianona - Dignano TS 220/110 kv, con il quale si viene a garantire una potenza di 40 MW. Il progetto di metanizzazione della Regione Istriana prevede di far passare a 6

7 200 m dalla zona il metanodotto Pola Karlovac - calibro 800 mm (32") e pressione 80 bar - con il quale verrebbero garantiti annualmente 5,5 mld. m 3 di gas. Lungo il lato meridionale della zona in oggetto passa l acquedotto Bottonega Pola, con tubature di 700 mm, che viene a garantire 450 m 3 /h di acqua. Zona «Žminj» - Comune di Gimino La zona imprenditoriale «Žminj» occupa una superficie di 27 ha ed è regolata dal piano d assetto territoriale. È in fase d attuazione un nuovo piano territoriale comunale che prevede l ampliamento dell area in oggetto, che comunque è già attiva, grazie alla presenza di una decina di imprenditori. Tabella 1.8.: Stato dell infrastruttura Sì GAS No ACQUA Sì TELEFONO Sì RETE DI Costruzione in SCARICO atto STRADE Parziali Nel 2002 è stata pianificata l elaborazione della documentazione progettuale concernente la rete della canalizzazione (50.000,00 kune), gli allacciamenti idrici (30.000,00 kune), l illuminazione pubblica (50.000,00 kune), la redazione dello studio delle viabili interne, nonchè l acquisto dei terreni (70.000,00 kune). La presente zona ha una posizione molto significativa considerata la vicinanza della Y istriana. Gli investimenti ancora necessari riguardano la costruzione della viabile nella zona settentrionale, successivamente all acquisto dei terreni lungo i quali passerà l arteria. Inoltre, si pianifica di allacciare al depuratore delle acque di scolo tutti i soggetti che qui svolgono la propria attività. Zona «Gallesano» - Comune di Dignano La zona imprenditoriale «Gallesano» ha una superficie totale di 19,5 e viene regolata dal piano d assetto del È parcellizzata e vi operano 20 imprese (lavorazione metalli, calzature, produzione calcestruzzo, stamperia, produzione materiale plastico, produzione biciclette, produzione articoli ortopedici). L infrastruttura attuale non soddisfa i fabbisogni dei produttori (la lavorazione del metallo e della plastica richiedono enormi quantità di corrente elettrica). Il piano di quest anno prevede di risolvere completamente la documentazione progettuale, la rete della canalizzazione e quella idrica, tutte spese che verranno coperte con i mezzi del bilancio comunale. Tabella 1.9.: Stato dell infrastruttura ACQUA RETE DI SCARICO Sì - insufficiente Sì - insufficiente GAS TELEFONO No STRADE Parziali Il Comune di Dignano ha sistemato la strada d accesso della zona. Vanno ancora sistemate la viabile interna, la rete idrica, quella di scarico (acque di scolo e piovane, costruzione di una nuova cabina elettrica). La zona è già dotata di un minimo d infrastruttura comunale (fatta eccezione per la rete di scarico) che non è comunque sufficiente nemmeno No Sì 7

8 per le attività svolte attualmente al suo interno, aspetto questo che costringe gli imprenditori ad organizzare il proprio lavoro a turni diurni e notturni. Nuovi investimenti necessari: Per la costruzione della strada interna (2 km di lunghezza, superficie m2) per la rete idrica per la rete di scarico totale: Zona «Labinci» - Comune di Castellier S. Domenica di Visinada L area imprenditoriale «Labinci» si estende su di una superficie di 15 ha e viene regolata dal piano d assetto territoriale. La zona è parcellizzata e vi operano già 4 imprenditori. Attualmente è in atto la dotazione dell infrastruttura necessaria (allacciamento alla rete idrica e costruzione delle viabili). Il 53,33% della superficie è di proprietà comunale. Tabella 1.10.: Stato dell infrastruttura No GAS No ACQUA No TELEFONO Sì SCARICO No STRADE Parziali Tabella 1.11.: Investimenti necessari nella zona Investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTO concludere il programma della zona 1. Allacciamento idrico e indennizzi ,00 2. Costruzione cabina elettrica di kw ,00 3. Costruzione vie interne ,00 4.Costruzione depuratore ,00 TOTALE (kn) ,00 Zona «Vinež» - Città d Albona La zona imprenditoriale «Vinež» s estende su di una superficie di 6,36 ha ed è parte integrante del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione è stata svolta e la superficie delle singole particelle s aggira tra i e i m 2. La zona è parzialmente in funzione e vi opera 1 impresa. L area non è dotata dell infrastruttura necessaria ma l intero processo in fase di preparazione. Tabella 1.12.: Nuovi investimenti da fare nella zona Investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTI terminare il programma della zona 1. Allacciamento idrico e indennizzi ,00 2. Corrente elettrica ,00 3. Costruzione strade interne ,00 4. Canalizzazione acque fecali ,00 5. Canalizzazione acque piovane ,00 TOTALE (kn) ,00 è Zona «Mažinjica i Mala Huba» - Città di Pinguente 8

9 L area imprenditoriale «Mala Huba» copre una superficie di 12,5 ha ed è parte intergrale del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione non è stata ancora svolta, mentre la zona è operativa considerato che in essa lavorano due imprenditori. È dotata della rete della canalizzazione, già allacciata al collettore. La zona in oggetto ha già l infrastruttura di base. Gli investimenti da fare vanno rivolti all ampliamento delle cabine dei trasformatori elettrici oppure alla costruzione di impianti più potenti. L area imprenditoriale «Mažinjica» occupa una superficie di 28 ha ed è parte del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione non è ancora avvenuta, mentre la zona è comunque in funzione perchè vi operano 5 imprenditori. Negli anni trascorsi la Città di Pinguente ha investito nell infrastruttura comunale e più precisamente nella posa dei cavi principali della corrente elettrica, delle tubature idriche e della linea telefonica. Gli investimenti necessari riguardano la conclusione delle opere di costruzione del collettore della canalizzazione e l acquisto del terreno per risolvere definitivamente il problema dell incrocio e della biforcazione della strada d accesso di «Mala Huba». Nuovi investimenti da fare nell area: a) Elaborazione del Piano d assetto urbanistico per le zone (il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria ha stanziato ,00 kune); mancano ,00 kune per concludere i lavori b) Soluzione dell incrocio stradale e dell inizio della biforcazione della strada d accesso principale; costruzione della canalizzazione delle acque piovane e dell illuminazione pubblica ,00 kune, già assicurate nel bilancio della Città di Pinguente c) Acquisto mirato di terreni con il quale va anche indirizzata l edificazione futura e la dotazione, coordinata ed economica, dell infrastruttura comunale dei lotti edificabili durante la fase seguente ,00 kune d) Costruzione del collettore della canalizzazione Štrped II, profilo 315 mm, come da documentazione progettuale esistente ( ,00 kune sono state assicurate nel bilancio della Città di Pinguente, mancano ulteriori ,00 kune). Zona «Gripole Spine» - Città di Rovigno L area imprenditoriale «Gripole Spine» ha una superficie di 80 ha ed è parte integrante del piano d assetto urbanistico della zona economica cittadina. Attualmente è in atto la parcellizzazione che prevede lotti della superficie di m 2. L area non è ancora in funzione causa il basso livello di dotazione dell infrastruttura comunale. Tabella 1.13.: Stato dell infrastruttura Alta tensione GAS No ACQUA Conduttura magistrale TELEFONO Sì RETE SCARICO No STRADE Accesso Finora è stato elaborato lo studio di fattibilità, mentre per quello di parcellizzazione è in atto la conclusione della prima fase che comprende una superficie di 17,712 ha. La Città di Rovigno ha accantonato nel bilancio dell anno corrente la somma di ,00 kune per l elaborazione della documentazione progettuale (mezzi assicurati dal Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria) e ,00 kune per l acquisto di terreni. 9

10 Si valuta che l investimento totale raggiungerà i 17,7 milioni di kune, dei quali 7,0 milioni per la voce acquisto dei terreni, prevalentemente di proprietà privata. Nel 2003 si pianifica di costruire la strada, completa di scarico idrico, di allacciare la zona alla corrente elettrica e all acqua. Zona Buie La zona economico - di servizio di Buie, della superficie di 2,7 ha è prevista nel piano d assetto urbanistico. La superficie media delle singole particelle è di m 2. A conclusione dell elaborazione della documentazione progettuale per l edificazione dell infrastruttura comunale (scarichi delle acque piovane e fecali, rete di bassa e alta tensione, rete idrica, condutture per le telecomunicazioni e starde) e il rilascio della licenza edile, sono state avviate le contrattazioni dell esecuzione dei lavori, la cui spesa ammonta a ,30 kune. Finora sono state spese ,67 delle ,00 kune pianificate. Nel bilancio cittadino del 2003 la somma prevista è di ,00 kune, mentre si pianifica la partecipazione della HEP nella creazione della rete elettrica e delle cabine di trasformazione, con ,00 kune. Per la conclusione delle opere concordate va affrontata un ulteriore spesa di ,00 kune, che permetterebbe di concludere tutti i lavori relativi all infrastruttura comunale di quest area. Zona «Buići-Žbandaj» - Città di Parenzo La zona d affari «Buići Žbandaj» viene definita dal piano territoriale dell ex Comune di Parenzo del lontano La sua superficie totale è di 63 ha. Nella prima zona, quella di contatto che fiancheggia la strada magistrale Parenzo-Baderna, si pianifica un area di impianti maggiori, per il commercio all ingrosso e di magazzini, con particelle di m2. Attualmente vi operano nove imprenditori che hanno alle proprie dipendenze 20 dipendenti. La zona non è dotata dell infrastruttura comunale e va assolutamente elaborato l intero programma di sviluppo dell area, piano per il quale la Città di Parenzo ha previsto ,00 kune nel bilancio del Per rispondere alle richieste degli attuali imprenditori, va garantito quanto prima l allacciamento idrico su di un tratto di 160 m, il cui costo ammonta a ,00 kune ed elaborare le riprese geodetiche della zona d intervento, per le quali si prevede di spendere ,00 kune. Zona «Ungaria» - Città di Umago La zona d affari «Ungaria» viene definita dal piano territoriale della Città di Umago ed è stata costituita nel Ha una superficie di 26 ha, di cui il 23% è di proprietà della Città, mentre il rimanente 77% è di proprietà privata. Nell area sono operativi 4 imprenditori che hanno alle proprie dipendenze ca 400 operatori. Con il piano di dotazione e di ampliamento della zona si vuole garantire lo spazio ad altri imprenditori. Tabella 1.14.: Stato dell infrastruttura Parziale GAS No ACQUA Sì TELEFONO Sì SCARICHI Parziali STRADE Parziali 10

11 Tabella 1.15.: Ulteriori investimenti da fare nella zona Nuovi investimenti per DESCRIZIONE INVESTIMENTI concludere il programma della zona 1. Strade e spazio circostante ,00 2. Scarico acque ,00 3. Acqua ,00 4. Corrente elettrica ,60 5. Telefono ,72 6. Illuminazione pubblica ,75 TOTALE (kn) ,07 Nei lavori d assetto e di dotazione della zona dell infrastruttura comunale la Città di Umago ha finora investito ,00 kune. Per concludere completamente tutti i lavori, anche quelli d assetto, mancano ulteriori ,07 kune. 11

ENGINEERING&CONSULTING

ENGINEERING&CONSULTING ENGINEERING&CONSULTING L AZIENDA Il gruppo SEL è una delle più grandi imprese nel settore energetico dell Alto Adige. Le sue attività spaziano dalla produzione di energia elettrica da fonte idroelettrica

Dettagli

CITTA DI ROVGINO GIUNTA MUNICIPALE PROPOSTA DI PROGRAMMA DI LAVORO DELLA GIUNTA MUNICIPALE PER IL 2006

CITTA DI ROVGINO GIUNTA MUNICIPALE PROPOSTA DI PROGRAMMA DI LAVORO DELLA GIUNTA MUNICIPALE PER IL 2006 CITTA DI ROVGINO GIUNTA MUNICIPALE PROPOSTA DI PROGRAMMA DI LAVORO DELLA GIUNTA MUNICIPALE PER IL 2006 novembre 2005 Messaggio del presidente della Giunta municipale Dinanzi a noi c è un altro anno nel

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO UPRAVNI ODJEL ZA FINANCIJE RAZVOJ I GOSPODARSTVO SETTORE AMMINISTRATIVO PER LE FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA ODSJEK ZA RAZVOJ I GOSPODARSTVO SEZIONE PER

Dettagli

Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana

Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Indice:

Dettagli

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA La predisposizione del Piano Energetico Ambientale Regionale per la Sardegna (PE- AR Sardegna) da parte della Giunta regionale

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 4. Valtrompia Lodrino Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune Lodrino Viabilità Il comune si trova in una vallata a est di Via Martiri dell Indipendenza;

Dettagli

2.10. Produzione e distribuzione dell energia elettrica

2.10. Produzione e distribuzione dell energia elettrica Comune di Campogalliano PSC DOCUMENTO PRELIMINARE Quadro conoscitivo 62 2.10 Produzione e distribuzione dell energia elettrica 2.10.1 Produzione dell energia elettrica Sulla produzione di energia elettrica

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE N. 5/2007 Concessione per la distribuzione di gas naturale e Regolamento per la fornitura di gas naturale

MESSAGGIO MUNICIPALE N. 5/2007 Concessione per la distribuzione di gas naturale e Regolamento per la fornitura di gas naturale Casella postale e-mail 1066 municipio@giubiasco.ch Telefono web 091 850 99 11 www.giubiasco.ch Fax 091 857 38 00 CCP 65-630-1 Nostro rif.: Numero: Vostro rif.: Comune Municipio Piazza 6512 di Giubiasco

Dettagli

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u.

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Aosta 30/03/2015 Aosta, 1 1 Il Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Le attività

Dettagli

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTA' DI ROVINJ ROVIGNO UPRAVNI ODJEL ZA FINANCIJE RAZVOJ I GOSPODARSTVO SETTORE AMMINISTRATIVO PER FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA ODSJEK ZA RAZVOJ I GOSPODARSTVO SEZIONE PER

Dettagli

Messaggio Municipale al Consiglio comunale del 27 agosto 2014

Messaggio Municipale al Consiglio comunale del 27 agosto 2014 Messaggio Municipale al Consiglio comunale del 27 agosto 2014 Trattanda no. 2 Impianti di risalita Pian Cales Opere di miglioria e ampliamento offerta Stanziamento di un credito di fr. 285'000.- Costo

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 7 DEL 20-07-2006 REGIONE BOLZANO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 7 DEL 20-07-2006 REGIONE BOLZANO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 7 DEL 20-07-2006 REGIONE BOLZANO (Prov.) Disposizioni in connessione con l assestamento del bilancio di previsione della Provincia Autonoma di Bolzano per l anno finanziario 2006 e

Dettagli

SNAM-GAS. Budget di preventivo: 400.000,00 (a stima)

SNAM-GAS. Budget di preventivo: 400.000,00 (a stima) SNAM-GAS Dati Fornitura Gas Si richiede una fornitura gas presso il polo tecnologico con le seguenti caratteristiche: - Consumi di picco: 3.400 mc/ora così suddivisi: 2.500 mc per centrale termica e 900mc

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano

CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO. Piano d Ambito ATO n. 6 Chietino CAP. I Inquadramento normativo e struttura del piano CAPITOLO I INQUADRAMENTO NORMATIVO E STRUTTURA DEL PIANO 1 INDICE 1. INQUADRAMENTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 1.1 RICOGNIZIONE... 7 1.2 LIVELLI DI SERVIZIO... 9 1.3 AREE CRITICHE E PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI...

Dettagli

ATTO SOSTITUTIVO DEL CONTRATTO DI SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NEL COMUNE DI PIOLTELLO

ATTO SOSTITUTIVO DEL CONTRATTO DI SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NEL COMUNE DI PIOLTELLO Allegato A ATTO SOSTITUTIVO DEL CONTRATTO DI SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NEL COMUNE DI PIOLTELLO Allegato A alla Delibera del Consiglio Comunale di conferimento della rete di distribuzione gas ATTO

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

Piano UI 2015. Repubblica di Croazia: Regione Istriana. Repubblica di Slovenia: Ufficio per Nazionalità. Altri (R. Veneto + Residui F.P.

Piano UI 2015. Repubblica di Croazia: Regione Istriana. Repubblica di Slovenia: Ufficio per Nazionalità. Altri (R. Veneto + Residui F.P. Piano UI 2015 2 COMUNITÀ DEGLI ITALIANI Il programma, per il 2015, è così articolato: N Attività Repubblica Italiana: UPT (L. FVG 78/79 + Cap. 4545 e 4543 MAE) Repubblica Italiana: L. 19/91 + estensioni

Dettagli

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140 Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 2300 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 0086679040 PIANO DI SVILUPPO DECENNALE 204-2023 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

Prva Iskra Chemical Park Barič - Serbia www.picp.rs

Prva Iskra Chemical Park Barič - Serbia www.picp.rs Prva Iskra Chemical Park Barič - Serbia INDICE Proposta di investimento Situazione attuale Visione dello stato futuro Lotti e di capannoni disponibili Ambiente circostante e più vasto Serbia come destinazione

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il progetto di Variante al Piano Urbanistico Particolareggiato PUA con l isolato "D2.1 2118" prevede l'adeguamento del P.P.E. già convenzionato alle previsioni urbanistiche

Dettagli

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO

GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO GRAD ROVINJ - ROVIGNO CITTÀ DI ROVINJ ROVIGNO UPRAVNI ODJEL ZA FINANCIJE RAZVOJ I GOSPODARSTVO SETTORE AMMINISTRATIVO PER LE FINANZE, LO SVILUPPO E L'ECONOMIA ODSJEK ZA RAZVOJ I GOSPODARSTVO SEZIONE PER

Dettagli

Comune di Selma. Cantone dei Grigioni

Comune di Selma. Cantone dei Grigioni Comune di Selma Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DI UTENZA, DELLE CANALIZZAZIONI E DEGLI IMPIANTI COMUNALI DI DEPURAZIONE Ordinanza per il prelevamento

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli

IL BILANCIO IN BREVE. Per la stabilità finanziaria e la crescita economica

IL BILANCIO IN BREVE. Per la stabilità finanziaria e la crescita economica IL BILANCIO IN BREVE Per la stabilità finanziaria e la crescita economica Il Presidente della Regione Valter Flego a proposito del Bilancio Care concittadine e concittadini, mr. sc. Valter Flego Presidente

Dettagli

SEZIONE A GENERALITA 2

SEZIONE A GENERALITA 2 Ed. 4.0 - A1/6 SEZIONE A GENERALITA 2 A.1 OGGETTO 2 A.2 AMBITO DI APPLICAZIONE 2 A.3 RIFERIMENTI 2 A.4 DEFINIZIONI 5 Ed. 4.0 - A2/6 SEZIONE A GENERALITA A.1 OGGETTO Il presente documento costituisce la

Dettagli

FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE

FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS PER LE IMPRESE Dalla nascita ad oggi 2000 Il processo di liberalizzazione del mercato elettrico italiano è avviato con l emanazione del decreto legislativo n. 79/99,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 20/11 DEL 26.4.2011. POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale.

DELIBERAZIONE N. 20/11 DEL 26.4.2011. POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale. Oggetto: POR FESR 2007-2013. Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga (BUL) in territorio regionale. L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione, di concerto con l'assessore

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROGETTISTA: ARCH. OSWALD ZOEGGELER BOLZANO 24/05/2002 1 INDICE 1 Elenco degli elaborati

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO PROVINCIA DI MODENA AREA SERVIZI PIANIFICAZIONE E USO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA AREA LA GALEOTTA SCHEDA D AREA AREA LA GALEOTTA Deminazione Area La Galeotta 1.

Dettagli

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE

COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE COMUNE DI ACQUAROSSA REGOLAMENTO SUL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA POTABILE Capitolo 1 Disposizioni generali Art. 1 Definizione Il Comune garantisce il servizio di distribuzione dell acqua potabile

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA INTRODUZIONE La ZIP di Padova, ha rappresentato e certamente ancora rappresenta una

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA

SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA DATI PROGETTO Superficie occupata dall impianto: circa 2 ha Vie di comunicazione: Le aree interessate dal progetto sono facilmente accessibili da strade

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Regione Lombardia Comune di Ticengo Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento:.. Protocollo Generale per interventi di cui alla successiva tabella A (articolo

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

Il tempo misura la nostra Qualità

Il tempo misura la nostra Qualità azienda Il tempo misura la nostra Qualità DANTE BIANCHI Realizziamo opere fatte per durare. L esperienza ci sostiene, l innovazione ci guida. Perché l oggi e lo ieri sono le pietre con cui costruiamo il

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 Ed. 4.0 - I1/10 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI

Dettagli

Il nuovo regolamento sugli appalti pubblici D.P.R. 34/2000 del 21.01.2000

Il nuovo regolamento sugli appalti pubblici D.P.R. 34/2000 del 21.01.2000 Il nuovo regolamento sugli appalti pubblici D.P.R. 34/2000 del 21.01.2000 Premessa (1/3) Con il Decreto Bargone - D.P.R. 34/2000 del 21.01.00, si dà una svolta definitiva al nuovo regolamento sugli appalti

Dettagli

relazione illustrativa

relazione illustrativa ALLEGATO relazione illustrativa Data Integrazione Via F. Rismondo n 29 Pisa tel. 050-564951 e-mail archit.pisa@libero.it Via Sarzanese Nord n 2762 Piano del Quercione (LU) tel. 0584-938967 e-mail archit.associati@libero.it

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE Nr. 649. MM no. 649 Richiesta di un credito di Fr.55 000 per l aggiornamento del Piano regolatore

MESSAGGIO MUNICIPALE Nr. 649. MM no. 649 Richiesta di un credito di Fr.55 000 per l aggiornamento del Piano regolatore MESSAGGIO MUNICIPALE Nr. 649 MM no. 649 Richiesta di un credito di Fr.55 000 per l aggiornamento del Piano regolatore Signor Presidente, Signore e Signori Consiglieri comunali, il Municipio di Pura vi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

DISTINTA INFORMATIVA Di seguito alcune informazini utili sul mercato immobiliare in ISTRIA.

DISTINTA INFORMATIVA Di seguito alcune informazini utili sul mercato immobiliare in ISTRIA. UNIVERSUM d.o.o. INVEST, CONSULTING & TOURIST SERVICE AGENCIJA ZA NEKRETNINE IMMOBILIEN IMMOBILIARE Porporela 2, 52466 Novigrad, Hrvatska Tel: 00385(0)52 757 351, Fax: 00385(0)52 726 253 Mob.00385(0)98

Dettagli

CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI GELA

CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI GELA Per l Area di Sviluppo Industriale di Gela CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI GELA INDAGINE CONOSCITIVA Il Consorzio Dati sulle Aziende Giudizio sui servizi presenti Aspettativa di nuovi servizi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO ELETTRICO, LE RINNOVABILI E L EFFICIENZA ENERGETICA, IL NUCLEARE. di concerto con

DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO ELETTRICO, LE RINNOVABILI E L EFFICIENZA ENERGETICA, IL NUCLEARE. di concerto con N. 239/EL-297/209/2014 Il Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO ELETTRICO, LE RINNOVABILI E L EFFICIENZA ENERGETICA, IL NUCLEARE di concerto con il Ministero dell Ambiente

Dettagli

LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA

LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA BRESCIA - VERONA Conferenza Stampa Sabato 3 Ottobre 2015 Il parere del Comune di Brescia Rigorosa analisi trasportistica del progetto Parere approvato dal Consiglio comunale

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato P.G. CAT. VI CL. 03 FASC. 01 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per interventi di cui alla successiva tabella B (articolo 22, commi 1 e 2, d.p.r. n. 380

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 LUGLIO 2015 397/2015/R/EEL AGGIORNAMENTO DELLE MILESTONE E DELLE DATE OBIETTIVO DEGLI INVESTIMENTI STRATEGICI DI SVILUPPO DELLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2000-2006 I L C I P E VISTA la legge 16 aprile 1987 n. 183 che, agli articoli 2 e 3, specifica le competenze di questo Comitato in tema di coordinamento delle politiche

Dettagli

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA 4.2 METROPOLITANA DI GENOVA OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Questo intervento comprende la prosecuzione dei lavori per la metropolitana di Genova. Ad oggi sono operativi 5,2 chilometri,

Dettagli

ANALISI SULLE INFRASTRUTTURE PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE E LOGISTICHE IN PROVINCIA DI NOVARA

ANALISI SULLE INFRASTRUTTURE PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE E LOGISTICHE IN PROVINCIA DI NOVARA ANALISI SULLE INFRASTRUTTURE PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE E LOGISTICHE IN PROVINCIA DI NOVARA LA PROGETTUALITA INFRASTRUTTURALE DELL AREA L analisi ed il monitoraggio dei progetti infrastrutturali della

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

Capitolo 2: Istanza per la prima (nuova) richiesta del Label. Cugnasco-Gerra. rappresentato da. Gianni Nicoli, sindaco. richiede

Capitolo 2: Istanza per la prima (nuova) richiesta del Label. Cugnasco-Gerra. rappresentato da. Gianni Nicoli, sindaco. richiede Rapporto Città dell energia Audit Comune di Cugnasco-Gerra Capitolo 2: Istanza per la prima (nuova) richiesta del Label Redatto il: 10.1.2014 il Comune di Cugnasco-Gerra rappresentato da Gianni Nicoli,

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA a.s. 2014-2015 L.1 Prof. Vincenzo Ninni 1 FINALITA DEL CORSO IL CORSO DI GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL AMBIENTE DI LAVORO HA IL COMPITO DI FORNIRE TUTTE LE INDICAZIONI

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

PROGRAMMA DI INCENTIVAZIONE DELLO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIALITÀ PER IL 2015. Articolo 1

PROGRAMMA DI INCENTIVAZIONE DELLO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIALITÀ PER IL 2015. Articolo 1 Ai sensi dell'art. 48 della Legge sull'autogoverno locale e regionale (Gazzetta ufficiale num. 33/01., 60/01., 129/05., 109/07., 125/08., 36/09., 150/11, 144/12. e 19/13) e dell'art. 67 dello Statuto della

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione Allacciamento alla rete elettrica L allacciamento è la connessione

Dettagli

Un fulmine che segue l arcobaleno (San felice, 1995)

Un fulmine che segue l arcobaleno (San felice, 1995) Un fulmine che segue l arcobaleno (San felice, 1995) Segrate (Milano), febbraio 2015 Revisione 16 Rev. 16 febbraio 2015 p. 1/13 La società Corbellini srl è una Società d Ingegneria che si occupa, in particolare,

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

RELAZIONI ESTERNE IMMERGAS. Cari Colleghi

RELAZIONI ESTERNE IMMERGAS. Cari Colleghi Cari Colleghi Nell allegare il Decreto Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

PERMESSO DI RICERCA PER RISORSE GEOTERMICHE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI IMPIANTI PILOTA DENOMINATO FORIO BREVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA

PERMESSO DI RICERCA PER RISORSE GEOTERMICHE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI IMPIANTI PILOTA DENOMINATO FORIO BREVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA PERMESSO DI RICERCA PER RISORSE GEOTERMICHE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI IMPIANTI PILOTA DENOMINATO FORIO BREVE RELAZIONE ILLUSTRATIVA A CURA DI B. GAROFALO PREMESSA La società IschiaGeoTermia ha

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE AI SENSI DELLA LEGGE 12 LUGLIO 2011 N. 106 ART. 5 COMMA 9 PER LA RIQUALIFICAZIONE DI EDIFICI NON RESIDENZIALI DISMESSI SITI IN ROVIGO VIA PORTA A MARE N. 10 PROPRIETÀ:

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI (Chiarimento)

Dettagli

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Università degli Studi di Sassari Ufficio Comunicazione COMUNICATO STAMPA Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Nel corso della seduta del Consiglio di Amministrazione del 19 maggio è stato

Dettagli

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Il piano industriale deve contenere il flusso di cassa operativo secondo lo schema A1. La Commissione verifica la congruità del piano

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE PARTE I DEFINIZIONE E AMBITO DI APPLICAZIONE. Articolo 1.

CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE PARTE I DEFINIZIONE E AMBITO DI APPLICAZIONE. Articolo 1. CONDIZIONI ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI CONNESSIONE PARTE I DEFINIZIONE E AMBITO DI APPLICAZIONE Articolo 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le definizioni

Dettagli

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9.1.1 Costi di costruzione, ricostruzione e ripristino Di seguito

Dettagli

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 INDICE 1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 2. INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO------------------------------------------------3 3. LE INTERFERENZE----------------------------------------------------------------------------6

Dettagli

Comune di Mesocco. Cantone dei Grigioni

Comune di Mesocco. Cantone dei Grigioni Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE ANNUALI PER L UTILIZZAZIONE DELLA CANALIZZAZIONE E DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Ordinanza

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Percorso di Capacity Building Progetto STREETS Catania 03/04 dicembre 2014 Giuseppe Anzaldi Regione Siciliana Dipartimento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Allegato A COMUNE DI TREVISO PROTOCOLLO DI INTESA tra Comune di Treviso e Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., Trenitalia S.p.A., FS Logistica S.p.A., FS Sistemi Urbani

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli