Istarska županija Regione Istriana. Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istarska županija Regione Istriana. Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana"

Transcript

1 Istarska županija Regione Istriana Programma pluriennale d incentivazione delle aree imprenditoriali della Regione Istriana Pola, lì settembre 2002

2 1. Programma di costituzione e dotazione delle aree imprenditoriali A risultato dei sondaggi effettuati allo scopo di valutare le esigenze degli imprenditori e dall attenta analisi delle domande inoltrate dagli stessi per le due linee creditizie, con la quale sono stati vagliati 670 progetti imprenditoriali, si è potuto notare che la domanda più ricorrente riguarda i vani d affari spazi di lavoro, aspetto questo che il Consorzio di sviluppo «Istra 21» annovera tra i propri traguardi principali e problema la cui soluzione verrebbe indubbiamente a creare un atmosfera imprenditoriale positiva. In questo nostro segmento si tratta di creare un ambiente lavorativo ideale e conveniente mediante la costituzione e lo sviluppo di aree imprenditoriali per l economia minuta. Più della metà delle domande per l ottenimento di un mutuo riportano come finalità dei mezzi finanziari l investimento nell edificazione di capannoni di produzione, l acquisto o la ristrutturazione di vani di lavoro e l acquisto di terreni. Nei mutui ottenuti in precedenza la percentuale è ancora maggiore, il che risulta dalla tabella riportata qui di seguito. Tabella 1.1.: Mezzi richiesti - linee creditizie «Palla di neve» e «Imprenditore» N. pr. Linea creditizia Importo richiesto Finalità vano e terreno Importo approvato/ sfruttato Finalità vano e terreno Palla di neve ,07% ,28% 2. Imprenditor e ,91% ,29% 3. Totale ,17% ,19% Sono vari i motivi alla base dell incentivazione dell imprenditoria attraverso le aree d affari ed essi possono venir analizzati dal punto di vista dell imprenditore, da quello delle unità d autogoverno locale e delle istituzioni finanziarie. Il programma è stato concepito in maniera tale da tener conto: - degli imprenditori, - di città/ comuni, - della Regione Istriana, - del Ministero all artigianato e la piccola e media imprenditoria, - dell IDA S.r.l., - delle banche d appoggio. Quello che ci si prefigge con il presente programma pluriennale è di rendere possibile agli imprenditori di trovare una soluzione definitiva per il vano/lo spazio d affari/produttivo, tenendo conto di quanto segue: - funzionalità dello spazio, - razionalizzazione all atto dell edificazione e dello sfruttamento futuro dello spazio. Come risultato del Programma otteniamo una soluzione integrale delle esigenze dell imprenditore: dagli impianti infrastrutturali indispensabili, all edificazione dello spazio di lavoro. 2 Linea creditizia ancora operativa, i dati non sono definitivi 2

3 Nel 2001, nel programma di sviluppo delle aree imprenditoriali, con la mediazione dell IDA sono stati stanziati mezzi pari a ,00 kune, grazie ai programmi di sviluppo delle aree imprenditoriali del Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria. Grafico 1.1.: Partecipanti al programma delle zone imprenditoriali e rapporti che intercorrono tra di essi MAPMI IDA S.r.l. 6 Imprenditor 3 5 AREA D AFFARI 1 Regione Istriana 2 UAL 4 L organizzatore e titolare delle attività è l IDA S.r.l. che collabora con la Regione Istriana e le città/i comuni. In base ai fabbisogni espressi dall imprenditore e mediante l analisi dei piani territoriali vigenti dell UAL (n.1), è stato avviato il programma in oggetto, nel quale si sono inclusi più soggetti, compreso il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria, che, avendo a sua volta identificato la necessità di istituire zone imprenditoriali, ha avviato il Programma di partecipazione nel finanziamento delle aree imprenditoriali (n. 2), che prevede che città/comuni possano usufruire di finanziamenti a fondo perduto per gli investimenti nella documentazione di pianificazione territoriale, nella dotazione infrastrutturale della zona (corrente elettrica, acqua, telecomunicazioni, viabili, illuminazione pubblica, trattamento delle acque di scolo e dei rifiuti solidi...). Inoltre, con l integrazione delle misure finanziarie di sostegno dell imprenditoria, che risulta dalla collaborazione tra la Regione Istriana, il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria e le banche d appoggio, anche essa curata dall IDA, si può dare un ulteriore incentivazione ai progetti di quegli imprenditori che hanno l intenzione di costruire i propri impianti produttivi in una delle zone imprenditoriali. (n. 3, 4, 5 e 6). È qui che le città/i comuni acquisiscono un ruolo particolare, considerato che i loro organi di rappresentanza possono emanare delibere sulle modalità di pagamento dell indennizzo comunale nelle zone imprenditoriali (sconti, esenzioni per un determinato termine di tempo) e sulle condizioni di sfruttamento del terreno (concessione, locazione con possibilità d acquisto, prezzo del terreno). Si viene così anche a creare una concorrenza tra le unità d autogoverno locale nell attirare i soggetti economici nel proprio territorio. Dopo l approvazione del Programma 2001 di sviluppo dell imprenditoria sul territorio della Regione Istriana, nel Bilancio 2002 sono stati accantonati cinque milioni di kune per il sovvenzionamento dello sviluppo delle aree d affari. Tabella 1.2.: Mezzi concessi per l incentivazione delle zone dell economia minuta dal Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria 3

4 N.pr Importo sovvenzioni Zona imprenditoriale Ciburi Pisino ,00 0,00 2. Vinež Albona ,00 0,00 3. Dignano ,00 0,00 4. Gripole Spine Rovigno 0, ,00 5. S. Domenica di Visinada 0, ,00 6. Mažinjica e Mala Huba Pinguente 0, ,00 7. Chersano 0, ,00 8. Totale , ,00 Nel 2002 sono state identificate quattordici zone strategiche alle quali va data la precedenza, ovvero: 1. Zona «Ciburi», Pisino 2. Zona Arsia 3. Zona «Tison», Dignano 4. Zona Gimino 5. Zona «Gallesano»,Dignano 6. Zona S. Domenica di Visinada 7. Zona «Bibići», Sanvincenti 8. Zona «Vinež», Albona 9. Zona «Mažinjica e Mala Huba», Pinguente 10. Zona Pedena 11. Zona «Gripole Spine», Rovigno 12. Zona Buie 13. Zona «Buići Žbandaj», Parenzo 14. Zona «Ungaria», Umago Figura 1.2. Aree imprenditoriali della Regione Istriana a regime prioritario 4

5 Le suddette zone sono state scelte sulla base della documentazione di pianificazione ambientale esistente, dell infrastruttura già esistente e della forza lavoro presente nel circondario. Zona «Ciburi» - Città di Pisino L area imprenditoriale «Ciburi» si estende su di una superficie di 25,01 ha. La zona è oggetto del piano d assetto ed è già stata sottoposta a parcellizzazione. La superficie delle singole particelle varia da a m 2. È parzialmente in funzione, considerato che vi operano due imprenditori. Tabella 1.3.: Stato attuale dell infrastruttura CORRENTE EL. Parziale GAS No ACQUA Parziale TELEFONO No SCARICHI No STRADE Parziali È stato risolto il trattamento dei rifiuti solidi. Tabella 1.4.: Nuovi investimenti necessari nella zona Nuovi investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTO concludere il programma relativo alla zona 1. terreno ,00 2. strade del circondario ,00 3. rete di scarico ,00 4. acqua ,00 5. corrente elettrica ,00 6. gas - 7. telefon ,00 8. altro (progetti) ,00 TOTALE (kn) ,00 Attività imprenditoriali principali della zona, a conclusione del programma: - economia minuta, artigianato e produzione - vendita al dettaglio e commercio all ingrosso - servizi - servizi comunali. Nel 2002 sono state stanziate ,00 kune per la costruzione dell impianto idrico, per le linee della corrente elettrica e la stazione dei trasformatori elettrici. È previsto un contributo della HEP (Enel croata) pari a ,00 kune per la costruzione della stazione di trasformazione. La presente zona si trova in un area cruciale, visto che ad oriente confina con la strada Pisino Gimino, a occidente con il corridoio della Y Istriana e a nord si protende fino al nodo stradale di Rogovići. La completa dotazione dell infrastruttura è di vitale importanza per lo sviluppo economico della Città di Pisino e, parallelamente, di tutta l'istria centrale. Zona «Raša» - Comune di Arsia L area imprenditoriale «Raša» occupa una superficie di 200 ha e rientra nel piano d assetto territoriale. Il Comune d Arsia è l unico proprietario di tutta la zona in oggetto. La parcellizzazione non è stata ancora svolta. La quota edificabile lorda di ogni singola particella può variare da un minimo del 10% a un massimo del 50%, mentre quella dell intera zona è del 35%. Il 5

6 rapporto d edificabilità netta non è stato ancora definito ma si prevede di applicare il coefficiente 1. Tabella 1.5.: Stato dell infrastruttura Parziale GAS No ACQUA Parziale TELEFONO No RETE DI SCARICO No STRADE Parziali Tabella 1.6.: Nuovi investimenti da effettuare nella zona Totale ulteriori DESCRIZIONE INVESTIMENTO investimenti per terminare il programma della zona 1. Documentazione di pianificazione territoriale ,00 2. Edificazione cabine elettriche e illuminazione pubblica ,00 3. Telecomunicazioni ,00 4. Allacciamento idrico ,00 5. Costruzione comunicazioni interne ,00 6. Impianto di trattamento delle acque di scolo ,00 7. Trattamento rifiuti solidi ,00 TOTALE (kn) ,00 Nelle vicinanze dell area in oggetto c è una zona franca nella quale alcuni investitori stranieri hanno già avviato le loro attività in campo automobilistico e dell industria del legno. La zona imprenditoriale «Raša» ha una posizione strategica grazie al collegamento con le arterie di traffico stradali, ferroviarie e navali. Inoltre, non va dimenticato il fatto che nel circondario c è un surplus di forza lavoro qualificata, specie nel ramo metallico. L IDA, in collaborazione con il Comune d Arsia, pianifica di costituire una società che curerà lo sviluppo della zona, per poi gestirla. Zona «Tison» - Comune di Dignano La zona imprenditoriale di Dignano si estende su di una superficie di 370 ha ed è regolata dal piano d assetto territoriale. Il Comune di Dignano ha in proprietà il 70% del terreno, mentre il rimanente 30% è di proprietà privata. La parcellizzazione della zona non è stata ancora conclusa. L edificabilità lorda per singola particella corrisponde ad un minimo del 10% e ad un massimo del 50%, mentre lo stesso valore per l intera zona è del 35%. Il rapporto d edificabilità netta non è stato ancora stabilito ma si pianifica di applicare il coefficiente 1. Tabella 1.7.: Stato dell infrastruttura No GAS No ACQUA No TELEFONO No RETE DI SCARICO No STRADE No Gli investimenti iniziali riguardano l elaborazione della documentazione di pianificazione territoriale, del progetto di fattibilità e l acquisto del terreno (ca ,00 kune). Si prevede di allacciare la zona all elettrodotto Fianona - Dignano TS 220/110 kv, con il quale si viene a garantire una potenza di 40 MW. Il progetto di metanizzazione della Regione Istriana prevede di far passare a 6

7 200 m dalla zona il metanodotto Pola Karlovac - calibro 800 mm (32") e pressione 80 bar - con il quale verrebbero garantiti annualmente 5,5 mld. m 3 di gas. Lungo il lato meridionale della zona in oggetto passa l acquedotto Bottonega Pola, con tubature di 700 mm, che viene a garantire 450 m 3 /h di acqua. Zona «Žminj» - Comune di Gimino La zona imprenditoriale «Žminj» occupa una superficie di 27 ha ed è regolata dal piano d assetto territoriale. È in fase d attuazione un nuovo piano territoriale comunale che prevede l ampliamento dell area in oggetto, che comunque è già attiva, grazie alla presenza di una decina di imprenditori. Tabella 1.8.: Stato dell infrastruttura Sì GAS No ACQUA Sì TELEFONO Sì RETE DI Costruzione in SCARICO atto STRADE Parziali Nel 2002 è stata pianificata l elaborazione della documentazione progettuale concernente la rete della canalizzazione (50.000,00 kune), gli allacciamenti idrici (30.000,00 kune), l illuminazione pubblica (50.000,00 kune), la redazione dello studio delle viabili interne, nonchè l acquisto dei terreni (70.000,00 kune). La presente zona ha una posizione molto significativa considerata la vicinanza della Y istriana. Gli investimenti ancora necessari riguardano la costruzione della viabile nella zona settentrionale, successivamente all acquisto dei terreni lungo i quali passerà l arteria. Inoltre, si pianifica di allacciare al depuratore delle acque di scolo tutti i soggetti che qui svolgono la propria attività. Zona «Gallesano» - Comune di Dignano La zona imprenditoriale «Gallesano» ha una superficie totale di 19,5 e viene regolata dal piano d assetto del È parcellizzata e vi operano 20 imprese (lavorazione metalli, calzature, produzione calcestruzzo, stamperia, produzione materiale plastico, produzione biciclette, produzione articoli ortopedici). L infrastruttura attuale non soddisfa i fabbisogni dei produttori (la lavorazione del metallo e della plastica richiedono enormi quantità di corrente elettrica). Il piano di quest anno prevede di risolvere completamente la documentazione progettuale, la rete della canalizzazione e quella idrica, tutte spese che verranno coperte con i mezzi del bilancio comunale. Tabella 1.9.: Stato dell infrastruttura ACQUA RETE DI SCARICO Sì - insufficiente Sì - insufficiente GAS TELEFONO No STRADE Parziali Il Comune di Dignano ha sistemato la strada d accesso della zona. Vanno ancora sistemate la viabile interna, la rete idrica, quella di scarico (acque di scolo e piovane, costruzione di una nuova cabina elettrica). La zona è già dotata di un minimo d infrastruttura comunale (fatta eccezione per la rete di scarico) che non è comunque sufficiente nemmeno No Sì 7

8 per le attività svolte attualmente al suo interno, aspetto questo che costringe gli imprenditori ad organizzare il proprio lavoro a turni diurni e notturni. Nuovi investimenti necessari: Per la costruzione della strada interna (2 km di lunghezza, superficie m2) per la rete idrica per la rete di scarico totale: Zona «Labinci» - Comune di Castellier S. Domenica di Visinada L area imprenditoriale «Labinci» si estende su di una superficie di 15 ha e viene regolata dal piano d assetto territoriale. La zona è parcellizzata e vi operano già 4 imprenditori. Attualmente è in atto la dotazione dell infrastruttura necessaria (allacciamento alla rete idrica e costruzione delle viabili). Il 53,33% della superficie è di proprietà comunale. Tabella 1.10.: Stato dell infrastruttura No GAS No ACQUA No TELEFONO Sì SCARICO No STRADE Parziali Tabella 1.11.: Investimenti necessari nella zona Investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTO concludere il programma della zona 1. Allacciamento idrico e indennizzi ,00 2. Costruzione cabina elettrica di kw ,00 3. Costruzione vie interne ,00 4.Costruzione depuratore ,00 TOTALE (kn) ,00 Zona «Vinež» - Città d Albona La zona imprenditoriale «Vinež» s estende su di una superficie di 6,36 ha ed è parte integrante del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione è stata svolta e la superficie delle singole particelle s aggira tra i e i m 2. La zona è parzialmente in funzione e vi opera 1 impresa. L area non è dotata dell infrastruttura necessaria ma l intero processo in fase di preparazione. Tabella 1.12.: Nuovi investimenti da fare nella zona Investimenti totali per DESCRIZIONE INVESTIMENTI terminare il programma della zona 1. Allacciamento idrico e indennizzi ,00 2. Corrente elettrica ,00 3. Costruzione strade interne ,00 4. Canalizzazione acque fecali ,00 5. Canalizzazione acque piovane ,00 TOTALE (kn) ,00 è Zona «Mažinjica i Mala Huba» - Città di Pinguente 8

9 L area imprenditoriale «Mala Huba» copre una superficie di 12,5 ha ed è parte intergrale del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione non è stata ancora svolta, mentre la zona è operativa considerato che in essa lavorano due imprenditori. È dotata della rete della canalizzazione, già allacciata al collettore. La zona in oggetto ha già l infrastruttura di base. Gli investimenti da fare vanno rivolti all ampliamento delle cabine dei trasformatori elettrici oppure alla costruzione di impianti più potenti. L area imprenditoriale «Mažinjica» occupa una superficie di 28 ha ed è parte del piano d assetto territoriale. La parcellizzazione non è ancora avvenuta, mentre la zona è comunque in funzione perchè vi operano 5 imprenditori. Negli anni trascorsi la Città di Pinguente ha investito nell infrastruttura comunale e più precisamente nella posa dei cavi principali della corrente elettrica, delle tubature idriche e della linea telefonica. Gli investimenti necessari riguardano la conclusione delle opere di costruzione del collettore della canalizzazione e l acquisto del terreno per risolvere definitivamente il problema dell incrocio e della biforcazione della strada d accesso di «Mala Huba». Nuovi investimenti da fare nell area: a) Elaborazione del Piano d assetto urbanistico per le zone (il Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria ha stanziato ,00 kune); mancano ,00 kune per concludere i lavori b) Soluzione dell incrocio stradale e dell inizio della biforcazione della strada d accesso principale; costruzione della canalizzazione delle acque piovane e dell illuminazione pubblica ,00 kune, già assicurate nel bilancio della Città di Pinguente c) Acquisto mirato di terreni con il quale va anche indirizzata l edificazione futura e la dotazione, coordinata ed economica, dell infrastruttura comunale dei lotti edificabili durante la fase seguente ,00 kune d) Costruzione del collettore della canalizzazione Štrped II, profilo 315 mm, come da documentazione progettuale esistente ( ,00 kune sono state assicurate nel bilancio della Città di Pinguente, mancano ulteriori ,00 kune). Zona «Gripole Spine» - Città di Rovigno L area imprenditoriale «Gripole Spine» ha una superficie di 80 ha ed è parte integrante del piano d assetto urbanistico della zona economica cittadina. Attualmente è in atto la parcellizzazione che prevede lotti della superficie di m 2. L area non è ancora in funzione causa il basso livello di dotazione dell infrastruttura comunale. Tabella 1.13.: Stato dell infrastruttura Alta tensione GAS No ACQUA Conduttura magistrale TELEFONO Sì RETE SCARICO No STRADE Accesso Finora è stato elaborato lo studio di fattibilità, mentre per quello di parcellizzazione è in atto la conclusione della prima fase che comprende una superficie di 17,712 ha. La Città di Rovigno ha accantonato nel bilancio dell anno corrente la somma di ,00 kune per l elaborazione della documentazione progettuale (mezzi assicurati dal Ministero all artigianato, la piccola e media imprenditoria) e ,00 kune per l acquisto di terreni. 9

10 Si valuta che l investimento totale raggiungerà i 17,7 milioni di kune, dei quali 7,0 milioni per la voce acquisto dei terreni, prevalentemente di proprietà privata. Nel 2003 si pianifica di costruire la strada, completa di scarico idrico, di allacciare la zona alla corrente elettrica e all acqua. Zona Buie La zona economico - di servizio di Buie, della superficie di 2,7 ha è prevista nel piano d assetto urbanistico. La superficie media delle singole particelle è di m 2. A conclusione dell elaborazione della documentazione progettuale per l edificazione dell infrastruttura comunale (scarichi delle acque piovane e fecali, rete di bassa e alta tensione, rete idrica, condutture per le telecomunicazioni e starde) e il rilascio della licenza edile, sono state avviate le contrattazioni dell esecuzione dei lavori, la cui spesa ammonta a ,30 kune. Finora sono state spese ,67 delle ,00 kune pianificate. Nel bilancio cittadino del 2003 la somma prevista è di ,00 kune, mentre si pianifica la partecipazione della HEP nella creazione della rete elettrica e delle cabine di trasformazione, con ,00 kune. Per la conclusione delle opere concordate va affrontata un ulteriore spesa di ,00 kune, che permetterebbe di concludere tutti i lavori relativi all infrastruttura comunale di quest area. Zona «Buići-Žbandaj» - Città di Parenzo La zona d affari «Buići Žbandaj» viene definita dal piano territoriale dell ex Comune di Parenzo del lontano La sua superficie totale è di 63 ha. Nella prima zona, quella di contatto che fiancheggia la strada magistrale Parenzo-Baderna, si pianifica un area di impianti maggiori, per il commercio all ingrosso e di magazzini, con particelle di m2. Attualmente vi operano nove imprenditori che hanno alle proprie dipendenze 20 dipendenti. La zona non è dotata dell infrastruttura comunale e va assolutamente elaborato l intero programma di sviluppo dell area, piano per il quale la Città di Parenzo ha previsto ,00 kune nel bilancio del Per rispondere alle richieste degli attuali imprenditori, va garantito quanto prima l allacciamento idrico su di un tratto di 160 m, il cui costo ammonta a ,00 kune ed elaborare le riprese geodetiche della zona d intervento, per le quali si prevede di spendere ,00 kune. Zona «Ungaria» - Città di Umago La zona d affari «Ungaria» viene definita dal piano territoriale della Città di Umago ed è stata costituita nel Ha una superficie di 26 ha, di cui il 23% è di proprietà della Città, mentre il rimanente 77% è di proprietà privata. Nell area sono operativi 4 imprenditori che hanno alle proprie dipendenze ca 400 operatori. Con il piano di dotazione e di ampliamento della zona si vuole garantire lo spazio ad altri imprenditori. Tabella 1.14.: Stato dell infrastruttura Parziale GAS No ACQUA Sì TELEFONO Sì SCARICHI Parziali STRADE Parziali 10

11 Tabella 1.15.: Ulteriori investimenti da fare nella zona Nuovi investimenti per DESCRIZIONE INVESTIMENTI concludere il programma della zona 1. Strade e spazio circostante ,00 2. Scarico acque ,00 3. Acqua ,00 4. Corrente elettrica ,60 5. Telefono ,72 6. Illuminazione pubblica ,75 TOTALE (kn) ,07 Nei lavori d assetto e di dotazione della zona dell infrastruttura comunale la Città di Umago ha finora investito ,00 kune. Per concludere completamente tutti i lavori, anche quelli d assetto, mancano ulteriori ,07 kune. 11

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana

Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Il sistema formativo nella Repubblica di Croazia con particolare riferimento alla Regione Istriana Indice:

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA INTRODUZIONE La ZIP di Padova, ha rappresentato e certamente ancora rappresenta una

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE

LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ ALL ESTERO STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE di Isabella Angiuli Per la costituzione di società all estero (impianti produttivi o sedi commerciali) esistono alcuni incentivi sia a

Dettagli

P.L.U. PS1.2 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.2

P.L.U. PS1.2 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.2 COMUNE DI GADESCO PIEVE DELMONA PROVINCIA DI CREMONA P.L.U. PS1.2 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.2 RELAZIONE TECNICA Arch. Flavio Tomasoni marzo 2014

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

P.L.U. PS1.1 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.1

P.L.U. PS1.1 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.1 COMUNE DI GADESCO PIEVE DELMONA PROVINCIA DI CREMONA P.L.U. PS1.1 Piano di Lottizzazione d Ufficio Ambito di Trasformazione Produttivo e Servizi PS1.1 RELAZIONE TECNICA Arch. Flavio Tomasoni marzo 2014

Dettagli

PROGRAMMA DI INCENTIVAZIONE DELLO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIALITÀ PER IL 2015. Articolo 1

PROGRAMMA DI INCENTIVAZIONE DELLO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIALITÀ PER IL 2015. Articolo 1 Ai sensi dell'art. 48 della Legge sull'autogoverno locale e regionale (Gazzetta ufficiale num. 33/01., 60/01., 129/05., 109/07., 125/08., 36/09., 150/11, 144/12. e 19/13) e dell'art. 67 dello Statuto della

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Ricerca europea per le Associazioni di imprese

Ricerca europea per le Associazioni di imprese Ricerca europea per le Associazioni di imprese Eurosportello del Veneto Via delle Industrie, 19/d 3175 Venezia Tel. +39 41 99 9411 - Fax +39 41 99 941 E-mail: europa@eurosportelloveneto.it www.eurosportelloveneto.it

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI Comune di Empoli INDAGINE CONOSCITIVA FINALIZZATA ALLA COSTRUZIONE DI UN QUADRO DI CONOSCENZA DEL TERRITORIO PRELIMINARE ALLA REVISIONE DELLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

Dettagli

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili

151.34 Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili Ordinanza concernente la concezione di una rete di trasporti pubblici conforme alle esigenze dei disabili (OTDis) del 12 novembre 2003 (Stato 22 dicembre 2003) Il Consiglio federale svizzero, visti gli

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione Allacciamento alla rete elettrica L allacciamento è la connessione

Dettagli

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA La predisposizione del Piano Energetico Ambientale Regionale per la Sardegna (PE- AR Sardegna) da parte della Giunta regionale

Dettagli

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2

SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 Ed. 4.0 - I1/10 SEZIONE I TEMPI E COSTI MEDI DI REALIZZAZIONE 2 I.1 TEMPI MEDI DI ESECUZIONE DELLE FASI REALIZZATIVE DELLA SOLUZIONE DI CONNESSIONE IN ALTA TENSIONE 2 I.2 COSTI UNITARI PER TIPOLOGIA DI

Dettagli

Nell efficienza la differenza

Nell efficienza la differenza Nell efficienza la differenza - Fotovoltaico - Installazioni elettriche - Impianti di sicurezza - Automazione - Illuminazione L impresa 2 Chi siamo Quello che offriamo Dal 1980 Wilhelm Holzmann è alla

Dettagli

SEZIONE A GENERALITA 2

SEZIONE A GENERALITA 2 Ed. 4.0 - A1/6 SEZIONE A GENERALITA 2 A.1 OGGETTO 2 A.2 AMBITO DI APPLICAZIONE 2 A.3 RIFERIMENTI 2 A.4 DEFINIZIONI 5 Ed. 4.0 - A2/6 SEZIONE A GENERALITA A.1 OGGETTO Il presente documento costituisce la

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE

INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE RETE ITALIANA PER LA DIFFUSIONE DELL INNOVAZIONE E IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO ALLE IMPRESE INCENTIVI NAZIONALI LEGGE 46/82 Direzione Trasferimento di Conoscenza e Innovazione Dipartimento Centri e Reti

Dettagli

Global Energy srl - Solar Breeder Marocco. Solar Breeder Marocco secondo Global Energy srl 10 06 2015

Global Energy srl - Solar Breeder Marocco. Solar Breeder Marocco secondo Global Energy srl 10 06 2015 Global Energy srl - Solar Breeder Marocco Solar Breeder Marocco secondo Global Energy srl 10 06 2015 Chi siamo Global Energy Srl ha sede in provincia di Treviso. Operiamo da quasi un ventennio nel settore

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 4. Valtrompia Lodrino Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune Lodrino Viabilità Il comune si trova in una vallata a est di Via Martiri dell Indipendenza;

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

Le reti di imprese e. della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI

Le reti di imprese e. della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI Le reti di imprese e Il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Liguria VIVAIO FORESTALE PIAN DEI CORSI Rialto, 21 aprile 2016 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL CONTRATTO DI RETE: NECESSARI Presenza di più imprenditori

Dettagli

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.2.2013 C(2013) 810 final PARERE DELLA COMMISSIONE del 11.2.2013 a norma dell articolo 3, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 714/2009 e dell articolo 10, paragrafo 6,

Dettagli

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u.

Piano di Sviluppo triennale delle nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture nfrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Aosta 30/03/2015 Aosta, 1 1 Il Piano di Sviluppo triennale delle Infrastrutture di Deval S.p.A. a s.u. Le attività

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

Il nuovo meccanismo ELENA

Il nuovo meccanismo ELENA Il nuovo meccanismo ELENA (European Local Energy Assistance) Sintesi Power house Italy - Toolkit (European Local Energy Assistance) La Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti (BEI)

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

P I Ù E N E R G I A P U L I T A

P I Ù E N E R G I A P U L I T A PIÙ ENERGIA PULITA Come operiamo PiQuadro Energia è una giovane realtà imprenditoriale che opera a livello nazionale nel settore delle energie rinnovabili. PiQuadro Energia è una società del Gruppo PiQuadro,

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

REGIONE CALABRIA. 1) Il dott************chiede quanto segue:

REGIONE CALABRIA. 1) Il dott************chiede quanto segue: 1) Il dott************chiede quanto segue: a) tra le spese finanziabili sono ricomprese anche le opere murarie di ammodernamento (rifacimento bagni, camere ed esterni dell' albergo, residence e bungalow)?

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Comune di Selma. Cantone dei Grigioni

Comune di Selma. Cantone dei Grigioni Comune di Selma Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DI UTENZA, DELLE CANALIZZAZIONI E DEGLI IMPIANTI COMUNALI DI DEPURAZIONE Ordinanza per il prelevamento

Dettagli

ISPA SCHEDA INFORMATIVA

ISPA SCHEDA INFORMATIVA ISPA SCHEDA INFORMATIVA N : 2000/PL/16/P/PE/015 Titolo della misura: Trattamento delle acque reflue e approvvigionamento idrico nella città di Poznan Autorità responsabile dell attuazione della misura

Dettagli

UNICREDIT BANCA D IMPRESA: UNA BANCA AL SERVIZIO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

UNICREDIT BANCA D IMPRESA: UNA BANCA AL SERVIZIO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE UNICREDIT BANCA D IMPRESA: UNA BANCA AL SERVIZIO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Intervento a Cura di Patrizia Conte PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA La centrale tecnologica trigenerativa del Nuovo Ospedale di Udine Paolo Maltese Siram SpA Direttore Parternariato Pubblico Privato 1 L OPERA E

Dettagli

Patti Territoriali della Provincia di Torino

Patti Territoriali della Provincia di Torino Patti Territoriali della Provincia di Torino Progetti infrastrutturali Area Attività produttive Progetti infrastrutturali dei Patti della Provincia di Torino I Patti Territoriali possono essere valutati

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA

SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA SCHEDA DI SINTESI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 MWp CIRCA DATI PROGETTO Superficie occupata dall impianto: circa 2 ha Vie di comunicazione: Le aree interessate dal progetto sono facilmente accessibili da strade

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ECONOMICA

RELAZIONE TECNICO - ECONOMICA RELAZIONE TECNICO - ECONOMICA Per nuove iniziative imprenditoriali A. SOGGETTO PROPONENTE 1. Forma giuridica prevista Società.. Ditta individuale Cooperativa Consorzio... 2. LEGALE RAPPRESENTANTE: Cognome

Dettagli

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013

Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile. Verona 15 marzo 2013 Il Patto dei Sindaci a Bergamo: Le Azioni del PAES e le norme per l Edilizia Sostenibile Verona 15 marzo 2013 PERCHE E IMPORTANTE QUESTA FIRMA? Bruxelles, 5 Maggio 2010 QUANTO CRESCERA LA DOMANDA DI ENERGIA?

Dettagli

1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno

1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno 1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno 2 - La pianificazione economico - finanziaria 2.1 - L impresa come sistema 2.2 La struttura economico - finanziaria 1.1

Dettagli

modulo di richiesta di sovvenzioni 2016 - promozione di progetti svizzeraenergia per i comuni per le città dell energia

modulo di richiesta di sovvenzioni 2016 - promozione di progetti svizzeraenergia per i comuni per le città dell energia modulo di richiesta di sovvenzioni 2016 - promozione di progetti svizzeraenergia per i comuni per le città dell energia LA PRESENTE SCHEDA INFORMATIVA SERVE A UNIFORMARE LE RICHIESTE DI SOVVENZIONI DI

Dettagli

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008)

del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) Legge federale sulla politica regionale 901.0 del 6 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

Stazione Elettrica. Val d Adige

Stazione Elettrica. Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige La storia Già alla fine degli anni 90 Azienda Energetica prendeva atto della necessità di sostituire l esistente Cabina Primaria di Vilpiano

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE

COMUNE DI PALERMO RELAZIONE COMUNE DI PALERMO PROGETTO DI PIANO DI LOTTIZZAZIONE. MONDELLO VIA DEIANIRA REDATTO AI SENSI DEL COMMA A ART.12 DELLE N.D.A. DEL P.R.G., RICADENTE IN Z.T.O. CB. RELAZIONE Proprietario: Sig. Maria Carolina

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan. Dr.ssa Michela Floris

Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan. Dr.ssa Michela Floris Lo sviluppo e la redazione di un Business Plan Dr.ssa Michela Floris All impresa dall idea Dr.ssa Michela Floris 2 Il Business Plan Che cos è? Quale è la sua funzione? Chi sono i soggetti interessati?

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Visura ordinaria societa' di capitale

Visura ordinaria societa' di capitale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di ROMA \ Visura ordinaria societa' di capitale Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA CON UNICO SOCIO Sede legale: TIVOLI (RM) VIA

Dettagli

0 Modulo Base. 3.4.1 Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie

0 Modulo Base. 3.4.1 Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie .. Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie 0 Modulo Base Cod. Livello informativo Fonte Formato Operazioni Necessarie Stima dei tempi 0C Carta Tecnica Regionale Numerica Regione Veneto Digitale:

Dettagli

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. 91 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B41I07000140005

Dettagli

SNAM-GAS. Budget di preventivo: 400.000,00 (a stima)

SNAM-GAS. Budget di preventivo: 400.000,00 (a stima) SNAM-GAS Dati Fornitura Gas Si richiede una fornitura gas presso il polo tecnologico con le seguenti caratteristiche: - Consumi di picco: 3.400 mc/ora così suddivisi: 2.500 mc per centrale termica e 900mc

Dettagli

Il rendimento degli impianti solari:

Il rendimento degli impianti solari: Il rendimento degli impianti solari: Con il termine impianto solare s intendono tutti i sistemi finalizzati alla produzione energetica che sfruttano quella solare, trasformata in altre forme, come energia

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

CITTA DI ROVGINO GIUNTA MUNICIPALE PROPOSTA DI PROGRAMMA DI LAVORO DELLA GIUNTA MUNICIPALE PER IL 2006

CITTA DI ROVGINO GIUNTA MUNICIPALE PROPOSTA DI PROGRAMMA DI LAVORO DELLA GIUNTA MUNICIPALE PER IL 2006 CITTA DI ROVGINO GIUNTA MUNICIPALE PROPOSTA DI PROGRAMMA DI LAVORO DELLA GIUNTA MUNICIPALE PER IL 2006 novembre 2005 Messaggio del presidente della Giunta municipale Dinanzi a noi c è un altro anno nel

Dettagli

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva;

considerando che è necessario istituire un comitato consultivo che assista la Commissione e segua l'applicazione della presente direttiva; DIRETTIVA 91/440/CEE DEL CONSIGLIO del 29 luglio 1991 relativa allo sviluppo delle ferrovie comunitarie IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA' EUROPEE. Visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea,

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

CREARE, INVESTIRE E MANTENERE valore immobiliare sostenibile nel tempo. Monza Via XX Settembre. UFFICIO 145 mq

CREARE, INVESTIRE E MANTENERE valore immobiliare sostenibile nel tempo. Monza Via XX Settembre. UFFICIO 145 mq CREARE, INVESTIRE E MANTENERE valore immobiliare sostenibile nel tempo Monza Via XX Settembre UFFICIO 145 mq Il Territorio La città di Monza sorge nell alta pianura lombarda al margine meridionale della

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Il Consorzio Universitario di Pordenone

Il Consorzio Universitario di Pordenone Un caso concreto: l impianto fotovoltaico del Consorzio Universitario di Pordenone Enrico SARTOR Direttore Consorzio Universitario di Pordenone Il Consorzio Universitario di Pordenone Pordenone non ha

Dettagli

L energia motore o freno delle PMI

L energia motore o freno delle PMI L energia motore o freno delle PMI CONVEGNO ASSOCARBONI Strategia energetica nazionale e Strategia energetica nazionale e competitività del sistema elettrico italiano 22 Marzo 2013 Agenda Il costo dell

Dettagli

Biomassa, Biogas, Digestione Anaerobica, Energia dai Rifiuti, Biodiesel, Biometano, Bioetanolo, Fertilizzanti organici e Riciclaggio in Romania

Biomassa, Biogas, Digestione Anaerobica, Energia dai Rifiuti, Biodiesel, Biometano, Bioetanolo, Fertilizzanti organici e Riciclaggio in Romania Biomassa, Biogas, Digestione Anaerobica, Energia dai Rifiuti, Biodiesel, Biometano, Bioetanolo, Fertilizzanti organici e Riciclaggio in Romania Non solo un altra fonte di energia rinnovabile Effetti positivi

Dettagli

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Premessa E noto a tutti come il Brasile rappresenti una delle grandi economie emergenti, caratterizzate da tassi di crescita elevati e relativamente stabili

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

Modello di pianificazione tasse a copertura dei costi. Yves Quirin

Modello di pianificazione tasse a copertura dei costi. Yves Quirin Modello di pianificazione tasse a copertura dei costi Yves Quirin Indice della presentazione Costi investimento smaltimento acque reflue nei Grigioni Costi investimento per acquedotti nei Grigioni Esigenze

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI TECNICI E DEL TERRITORIO PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO C SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI TECNICI E DEL TERRITORIO PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO C SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO C SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI TECNICI E DEL TERRITORIO UNITA' ORGANIZZATIVA PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIO Autorizzazioni di abitabilità relativa a

Dettagli

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140 Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 2300 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 0086679040 PIANO DI SVILUPPO DECENNALE 204-2023 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Il presente decreto del Ministro dell economia e delle finanze, in attuazione di quanto disposto dall articolo 1, commi da 91 a 94, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, stabilisce

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas L allacciamento alla rete elettrica per le utenze in bassa e media tensione Allacciamento e attivazione Altre prestazioni L allacciamento è la connessione dell impianto di utenza alla rete di distribuzione

Dettagli

Al CONSIGLIO COMUNALE di Stabio

Al CONSIGLIO COMUNALE di Stabio COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 02 aprile 2015 Al CONSIGLIO COMUNALE di Stabio MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 05/2015 Chiedente la revoca della risoluzione del Consiglio comunale dell 8 luglio 2013 con la

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

SCHEDA N. 123 SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE. ENAV Spa. Opera aeroportuale. Lavori in corso 105/2009

SCHEDA N. 123 SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE. ENAV Spa. Opera aeroportuale. Lavori in corso 105/2009 SISTEMI URBANI Nodi, sistemi urbani e metropolitani di Palermo e Catania Ammodernamento tecnologico-infrastrutturale dell'aeroporto Falcone- Borsellino SCHEDA N. 123 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel Consorzio Zai Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel 1948 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Verona ed

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Comune di Mesocco. Cantone dei Grigioni

Comune di Mesocco. Cantone dei Grigioni Comune di Mesocco Cantone dei Grigioni ORDINANZA PER IL PRELEVAMENTO DELLE TASSE DI ALLACCIAMENTO E DELLE TASSE ANNUALI PER L UTILIZZAZIONE DELLA CANALIZZAZIONE E DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Ordinanza

Dettagli