COMUNE DI MASSA COPIA (1006/2011) ATTO di CONSIGLIO del 28/06/2012 n. 34. Oggetto: REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MASSA COPIA (1006/2011) ATTO di CONSIGLIO del 28/06/2012 n. 34. Oggetto: REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI -"

Transcript

1 COMUNE DI MASSA COPIA (1006/2011) ATTO di CONSIGLIO del 28/06/2012 n. 34 Oggetto: REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI - MODIFICA L'anno duemiladodici il mese di giugno il giorno ventotto alle ore 17:00, si è riunito il Consiglio Comunale, in sessione ordinaria ed in seduta di prima convocazione, sotto la presidenza di ANDREANI MARCO Assiste il SEGRETARIO GENERALE BEDINI GIANCARLO Sindaco PUCCI ROBERTO : assente Risultano presenti i Signori Consiglieri: 01 ALBERTI STEFANO 21 GIANNI STEFANO 02 AMORESE ALESSANDRO 22 GIUNTINI SILVIO ALBERTO 03 AMORESE CORRADO NICOLA 23 GIUSTI ANDREA 04 ANDREANI MARCO 24 GIUSTI GIOVANNI Ass. 05 BALDINI GERMANO Ass. 25 GIUSTI LAURO 06 BALLONI ALESSANDRO 26 INCORONATO AGOSTINO 07 BENEDETTI STEFANO 27 LORIERI CESARE 08 BERTELLONI DINO 28 MARCHI PIER PAOLO 09 BERTI UILIAN Ass. 29 MIGNANI LAURA 10 BONUGLI MAURIZIO 30 MUCCI GIULIO Ass. 11 BORGHINI BRUNO 31 NERI FABRIZIO Ass. 12 BUGLIANI ALDO 32 ORTORI SIMONE Ass. 13 CARIOLI GABRIELE 33 PANESI FABRIZIO 14 CARMASSI DANIELE 34 QUIETI BRUNO 15 CARUSO STEFANO 35 RAFFI GIORGIO 16 CASOTTI GIANCARLO 36 RICCI GIOVANNI 17 DAGNINI AGOSTINO Ass. 37 SILICANI LOREDANA Ass. 18 DELLA MAGGESA ENZO 38 TONARELLI ALBERTO 19 DELLA PINA PAOLO 39 TURRI LUIGI Ass. 20 DELLA PINA RICCARDO MARIANO 40 UZZO FEDERICO Presenti n. 31 Assenti n. 10 Vengono nominati scrutatori i Signori Consiglieri: CARUSO STEFANO CASOTTI GIANCARLO GIUNTINI SILVIO ALBERTO Pag. 1 di 15

2 Il Consiglio Comunale Visto il Regolamento del Servizio Lampade Votive nei Cimiteri Comunali del Comune di Massa approvato con delibera di Consiglio Comunale del 22/05/1998 n. 35; Visto il Testo Unico delle Leggi Sanitarie, approvato con R.D. 27/07/1934, n. 1265; Visto il D.P. R. 10/09/1990, n. 285 recante l Approvazione del Regolamento di Polizia Mortuaria e successive modificazioni ed integrazioni; Considerata ogni altra disposizione generale e speciale applicabile alla materia; Visto l art. 12 del Regolamento dei Servizi Cimiteriali, approvato con atto di C.C. n. 5 del 15/01/2010, che dispone quanto segue: - sulle sepolture è consentito l impianto di lampade votive elettriche tramite la ditta autorizzata dal Comune; - oltre l illuminazione votiva con lampade elettriche è consentita sulle tombe a cielo scoperto l illuminazione a cera o ad olio. - tanto le candele che i lumi ad olio debbono però essere convenientemente protetti onde evitare in modo assoluto gli incendi; - è vietata l illuminazione a petrolio, a gas di petrolio e a gas di benzina o con altri sistemi; - sulle lapidi dei loculi e degli ossari è vietata l illuminazione ad olio o a cera. Considerata l esigenza per l Amministrazione di porre una particolare attenzione nell erogazione del servizio, vista la natura dello stesso, ed anche al fine di rendere più semplice e meno oneroso l espletamento delle formalità burocratiche connesse; Valutato che risulta necessario colmare alcune lacune evidenziate a seguito della gestione del servizio; Ritenuto pertanto, opportuno procedere alla modifica del Regolamento del Servizio Lampade Votive nei Cimiteri Comunali del Comune di Massa come di seguito riportato: -variare l art. 1 relativo all Oggetto del Servizio, nel seguente modo: ART. 1 VIGENTE Oggetto del servizio ART. 1 PROPOSTA DI MODIFICA Oggetto del servizio Nei cimiteri comunali sia urbani che frazionali è istituito il pubblico servizio delle lampade votive. Il servizio garantisce l installazione di un punto luminoso, in perfette condizioni di funzionamento ed a norma di legge, alimentato a corrente elettrica della potenza non superiore a watt 2,5 su singola tomba, loculo, ossario od altro sepolcreto compreso le cappelle private. L installazione consiste nella costruzione della linea di derivazione e della messa in opera del solo portalampada escluso ogni altro accessorio ornamentale che resta di scelta ed a Pag. 2 di 15 Nei cimiteri comunali sia urbani che frazionali è istituito il pubblico servizio delle lampade votive. Il servizio garantisce l installazione di un punto luminoso, in perfette condizioni di funzionamento ed a norma di legge, alimentato a corrente elettrica della potenza non superiore a watt 2,5 su singola tomba, loculo, ossario od altro sepolcreto compreso le cappelle private. L installazione consiste nella costruzione della linea di derivazione e della messa in opera del solo portalampada escluso ogni altro accessorio ornamentale che resta di scelta ed a

3 carico dell utente sia per l installazione che la manutenzione secondo le norme dell apposito regolamento di polizia mortuaria. Il servizio comprende inoltre i consumi di energia, l acquisto di materiali e attrezzature, la sostituzione delle lampade guaste, la manutenzione degli impianti e gli oneri del personale. COMUNE di MASSA - Delibera N. 34 del 28/06/2012 carico dell utente sia per l installazione che la manutenzione secondo le norme dell apposito regolamento di polizia mortuaria. Il servizio comprende inoltre i consumi di energia, l acquisto di materiali e attrezzature, la sostituzione delle lampade guaste, la manutenzione degli impianti salvo che questa non implichi la rimozione di lapidi o manufatti privati e gli oneri del personale. L Amministrazione Comunale, o in sua vece il gestore, previo parere vincolante degli Uffici Comunali preposti, si riserva la facoltà di non procedere al rilascio della concessione, nel caso in cui la realizzazione dell allaccio comporti particolari difficoltà tecniche. -variare l art. 2 relativo al Soggetto ed organizzazione del servizio recependo nel seguente modo: ART. 2 VIGENTE Soggetto ed organizzazione del servizio ART. 2 PROPOSTA DI MODIFICA Soggetto ed organizzazione del servizio Il diritto di ususfruire del servizio spetta a tutti coloro che hanno concessioni nei cimiteri comunali (tombe, loculi, ossari, cappelle, altri sepolcreti). Chi intende usufruire del servizio stipula un contratto nel quale dichiara di conoscere ed accettare tutte le condizioni anche economiche stabilite dalla legge, dai regolamenti e deliberazioni comunali in materia. Il servizio è goduto dall utente in regola con i versamenti previsti, dal momento della stipula del contratto fino al termine dell anno di riferimento intendendosi quest ultimo come il periodo compreso tra il 1 ottobre ed il 30 settembre. Il contratto si intende tacitamente rinnovato di anno in anno a meno che non intervenga disdetta regolarmente comunicata per scritto almeno tre mesi prima della naturale scadenza. Nel caso di stipula per frazione dell anno di riferimento dovrà essere corrisposto il canone per il periodo intercorrente tra la stipula e la data del 30 settembre. La durata del servizio non può comunque superare il periodo di concessione per i vari tipi di tumulazione. In caso di proseguimento si dovrà provvedere con un nuovo contratto. Pag. 3 di 15 Il diritto di ususfruire del servizio spetta a tutti coloro che hanno concessioni nei cimiteri comunali (tombe, loculi, ossari, cappelle, altri sepolcreti). Chi intende usufruire del servizio stipula un contratto nel quale dichiara di conoscere ed accettare tutte le condizioni anche economiche stabilite dalla legge, dai regolamenti e deliberazioni comunali in materia. Il servizio è goduto dall utente in regola con i versamenti previsti, dal momento della stipula del contratto fino al termine dell anno di riferimento intendendosi quest ultimo come il periodo compreso tra il 1 ottobre ed il 30 settembre. Il contratto si intende tacitamente rinnovato di anno in anno, avendo lo stesso durata minima di un anno, a meno che non intervenga disdetta regolarmente comunicata per scritto almeno un mese prima della naturale scadenza. In caso di decesso del titolare del contratto del servizio di illuminazione lampade votive gli eredi sono tenuti a darne comunicazione all Ufficio Comunale ai fini della variazione di intestazione e sono comunque tenuti al pagamento del canone. Nel caso di stipula per frazione dell anno di

4 E vietato a chiunque, a pena di sanzione amministrativa da lire a lire provvedere direttamente alla installazione della lux votiva. COMUNE di MASSA - Delibera N. 34 del 28/06/2012 riferimento dovrà essere corrisposto il canone per il periodo intercorrente tra il giorno di stipula e la data del 30 settembre. La durata del servizio non può comunque superare il periodo di concessione per i vari tipi di tumulazione. In caso di proseguimento si dovrà provvedere con un nuovo contratto. E vietato a chiunque, a pena di sanzione amministrativa da Euro 103,29 a Euro 258,23 provvedere direttamente alla installazione della lux votiva. -variare l art. 3 relativo alla Gestione del servizio e modalità di erogazione seguente modo: nel ART. 3 VIGENTE Gestione del servizio e modalità di erogazione ART. 3 PROPOSTA DI MODIFICA Gestione del servizio e modalità di erogazione Il servizio viene esercitato a mezzo idonea Ditta concessionaria senza diritto di privativa secondo le garanzie e condizioni previste dalle leggi e dal presente regolamento. Per l installazione di ogni lampada votiva il richiedente verserà anticipatamente a mezzo di bollettino postale o direttamente presso la sede del concessionario un diritto fisso di allacciamento comprensivo di tasse, bolli, spese postali e quant altro previsto. Per l accensione e la manutenzione verserà allo stesso modo un canone annuo anticipato. Le installazioni devono essere effettuate entro giorni 7 dalla richiesta dell interessato e le sostituzioni delle lampade a cadenza settimanale nei giorni di lunedì e sabato. L utente potrà comunque richiedere una installazione di urgenza (da eseguirsi nello stesso giorno) versando un diritto d urgenza pari a lire altri oneri compresi, oltre il normale diritto di allaccio. Le installazioni saranno eseguite su tumulazioni completate e definitive. Nel caso sia richiesto un allacciamento provvisorio della lampada sarà dovuto, al momento della richiesta di tale installazione, un versamento del diritto fisso di allacciamento maggiorato del 100%. Tutti gli importi relativi al servizio ed eventuali altri oneri saranno determinati con apposito atto deliberativo sulla base di analisi dei costi. Con cadenza biennale si provvederà alla Pag. 4 di 15 Il servizio viene esercitato a mezzo idonea Ditta concessionaria senza diritto di privativa secondo le garanzie e condizioni previste dalle leggi e dal presente regolamento. Per l installazione di ogni lampada votiva il richiedente verserà anticipatamente a mezzo di bollettino postale o direttamente presso la sede del concessionario un diritto fisso di allacciamento comprensivo di tasse, bolli, spese postali e quant altro previsto. Per l accensione e la manutenzione verserà allo stesso modo un canone annuo anticipato. Le installazioni devono essere effettuate entro giorni 7 dalla richiesta dell interessato e le sostituzioni delle lampade a cadenza settimanale nei giorni di lunedì e sabato. L utente potrà comunque richiedere una installazione di urgenza (da eseguirsi nello stesso giorno) versando un diritto d urgenza pari a Euro 51,65 e altri oneri compresi, oltre il normale diritto di allaccio. Le installazioni saranno eseguite su tumulazioni completate e definitive. Nel caso sia richiesto un allacciamento provvisorio della lampada sarà dovuto, al momento della richiesta di tale installazione, un versamento del diritto fisso di allacciamento maggiorato del 100%. Tutti gli importi relativi al servizio ed eventuali altri oneri saranno determinati con apposito atto deliberativo sulla base di analisi dei costi. Con cadenza biennale si provvederà alla

5 verifica degli stessi rispetto ai costi, rientrando la notifica unilaterale dell entità degli importi relativi alle varie voci del servizio per ogni utenza nei poteri dell Amministrazione Comunale, sulla base delle mutate condizioni di mercato. Nei casi di temporanea interruzione del servizio dovuto a cause di forza maggiore o per sospensione dell erogazione di energia o per l esecuzione dei lavori, l utente non potrà avanzare alcuna richiesta di indennizzi o riduzione dell importo del canone. I custodi dei cimiteri sono tenuti a collaborare con il concessionario del servizio segnalando tempestivamente i guasti e le eventuali inadempienze degli utenti e degli autorizzati ad eseguire lavori all interno delle aree cimiteriali alle norme del presente regolamento. Il pagamento del canone dovrà essere assolto in via anticipata ed in unica soluzione entro il 30 novembre di ogni anno per l anni di riferimento successivo. Qualora il pagamento sia effettuato entro i 30 gg. successivi, saranno dovute le sopratasse previste dal successivo art. 4. COMUNE di MASSA - Delibera N. 34 del 28/06/2012 verifica degli stessi rispetto ai costi, rientrando la notifica unilaterale dell entità degli importi relativi alle varie voci del servizio per ogni utenza nei poteri dell Amministrazione Comunale, sulla base delle mutate condizioni di mercato. Nei casi di temporanea interruzione del servizio dovuto a cause di forza maggiore o per sospensione dell erogazione di energia o per l esecuzione dei lavori, l utente non potrà avanzare alcuna richiesta di indennizzo o riduzione dell importo del canone. Eventuali reclami, da segnalarsi per iscritto, non comportano per l utente il diritto di sospendere i pagamenti; l Ufficio Comunale provvederà ad esaminare caso per caso, riconoscendo il diritto ad eventuali rimborsi. I custodi dei cimiteri sono tenuti a collaborare con il concessionario del servizio segnalando tempestivamente i guasti e le eventuali inadempienze degli utenti e degli autorizzati ad eseguire lavori all interno delle aree cimiteriali alle norme del presente regolamento. Il pagamento del canone dovrà essere assolto in via anticipata ed in unica soluzione entro il 30 novembre di ogni anno per l anno di riferimento successivo. Qualora il pagamento sia effettuato entro i 60 gg. Successivi saranno dovute le sopratasse previste al successivo art. 4. -variare l art. 4 relativo alle Morosità nel seguente modo: ART. 4 VIGENTE Morosità ART. 4 PROPOSTA DI MODIFICA Morosità In caso di mancato pagamento sarà applicata una sopratassa omnicomprensiva pari al 25% del canone base. Trascorsi inutilmente 30 giorni dalla scadenza del pagamento, si provvederà alla disattivazione dell impianto senza altro preavviso fatto salvo il diritto del concessionario del servizio di procedere nei termini di legge per la riscossione coattiva di quanto dovuto. L utente moroso a cui sia stato disattivato l impianto, anche in caso di successivo pagamento del debito, per ottenere la Pag. 5 di 15 In caso di mancato pagamento entro i primi sessanta giorni successivi alla scadenza sarà applicata una sopratassa omnicomprensiva pari al 5% del canone base; decorso tale termine la soprattassa sarà il 20% del canone base. Decorsi 60 giorni dalla scadenza del pagamento si provvederà alla disattivazione dell impianto senza altro preavviso, fatto salvo il diritto del concessionario del servizio di procedere nei termini di legge per la riscossione coattiva di quanto dovuto. L utente moroso a cui sia stato disattivato l impianto, anche in caso di successivo

6 riattivazione dovrà versare nuovamente per intero il diritto fisso di allacciamento. pagamento del debito, per ottenere la riattivazione dovrà versare nuovamente per intero il diritto fisso di allacciamento. -variare l art. 5 relativo agli Obblighi del concessionario del servizio dal titolo Obblighi della Società/Ditta incaricata del servizio nel seguente modo: ART. 5 VIGENTE ART. 5 PROPOSTA DI MODIFICA Obblighi del concessionario del servizio E obbligo del concessionario del servizio: - provvedere tempestivamente all estendimento della rete e degli impianti; - presentare all approvazione dell Ufficio Tecnico comunale il progetto relativo completo di stima delle opere e descrizione degli impianti e delle forniture a rimettere, ad avvenuta esecuzione dei lavori, il certificato di conformità ai sensi di legge; - mantenere la regolarità del servizio rispettando quanto previsto dal presente regolamento; - mantenere in costante aggiornamento la contabilità, l elenco delle utenze, dei morosi, le planimetrie delle reti e l inventario degli impianti (descrizione, quantità, valore, ammortamento). Obblighi della Società/Ditta incaricata del servizio E obbligo della Società/Ditta incaricata del servizio: - provvedere tempestivamente all estendimento della rete e degli impianti; - presentare all approvazione dell Ufficio Tecnico comunale il progetto relativo, completo di stima delle opere e descrizione degli impianti e delle forniture a rimettere, ad avvenuta esecuzione dei lavori, il certificato di conformità ai sensi di legge; - mantenere la regolarità del servizio rispettando quanto previsto dal presente regolamento; - mantenere in costante aggiornamento la contabilità, l elenco delle utenze, dei morosi, le planimetrie delle reti e l inventario degli impianti (descrizione, quantità, valore, ammortamento). -variare l art. 7 relativo al Diritti di proprietà nel seguente modo: ART. 7 VIGENTE Diritti di proprietà ART. 7 PROPOSTA DI MODIFICA Diritti di proprietà Gli impianti, le reti, le derivazioni, gli allacci, le attrezzature e quant altro necessario alle installazioni e funzionamento delle lampade votive restano di proprietà comunale. E vietato agli utenti, per qualsiasi motivo, realizzare e/o edificare gli impianti, aumentare la potenza e/o il numero delle lampade. In caso di trasgressione di tale obbligo sarà applicata una sanzione amministrativa da lire a lire ed i trasgressori potranno essere altresì dichiarati decaduti e tenuti alla refusione di eventuali altri danni. Pag. 6 di 15 Gli impianti, le reti, le derivazioni, gli allacci, le attrezzature e quant altro necessario alle installazioni e funzionamento delle lampade votive restano di proprietà comunale. E vietato agli utenti, per qualsiasi motivo, realizzare e/o edificare gli impianti, aumentare la potenza e/o il numero delle lampade. In caso di trasgressione di tale obbligo sarà applicata una sanzione amministrativa da Euro 103,29 a Euro 258,23 ed i trasgressori potranno essere altresì dichiarati decaduti e tenuti alla refusione di eventuali altri danni.

7 In ogni caso di applicazione di sanzioni per infrazione al presente regolamento potrà essere disattivata la lampada votiva in attesa della regolarizzazione della sanzione stessa. COMUNE di MASSA - Delibera N. 34 del 28/06/2012 In ogni caso di applicazione di sanzioni per infrazione al presente regolamento potrà essere disattivata la lampada votiva in attesa della regolarizzazione della sanzione stessa. -variare l art. 8 relativo alle Controversie relative alla concessione del servizio dal titolo Controversie relative all affidamento del servizio nel seguente modo: ART. 8 VIGENTE Controversie relative alla concessione del servizio ART. 8 PROPOSTA DI MODIFICA Controversie relative all affidamento del servizio Le eventuali controversie relative ai rapporti di concessione del servizio rientrano nella giurisdizione del giudice amministrativo ai sensi dell art. 5 della Legge n essendo il servizio configurabile quale servizio pubblico locale di cui all art. 22 della Legge n Per quanto non previsto nel presente regolamento si intende fare riferimento alle norme vigenti in materia. Il presente regolamento avrà immediata efficacia con l approvazione da parte del consiglio comunale. Eventuali altre norme regolamentari o disposizioni dell Amministrazione in materia, in contrasto con le presenti, devono intendersi abrogate. Visto lo Statuto del Comune di Massa; Le eventuali controversie relative ai rapporti di affidamento del servizio rientrano nella giurisdizione del giudice amministrativo ai sensi dell art. 5 della Legge n essendo il servizio configurabile quale servizio pubblico locale di cui all art. 112 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Per quanto non previsto nel presente regolamento si intende fare riferimento alle norme vigenti in materia. Il presente regolamento avrà efficacia con decorrenza l gennaio Eventuali altre norme regolamentari o disposizioni dell Amministrazione in materia, in contrasto con le presenti, devono intendersi abrogate. Visto l art. 42 del Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli Enti Locali approvato con D. Lgs. 267/ 2000; Vista la Legge 27 Luglio 2000 n. 212 e successive modificazioni ed integrazioni, avente ad oggetto: Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente ; Visto l art. 52 del D.Lgs. 15/12/1997, n. 446 che disciplina la potestà regolamentare attribuita ai Comuni; Rilevato che il termine per l'approvazione dei regolamenti è stabilito contestualmente alla data di approvazione del Bilancio di Previsione e che se approvati successivamente all inizio dell esercizio, purché entro il termine di cui sopra, hanno effetto dal 1 Gennaio dell anno di riferimento, secondo quanto statuito del comma 16 dell art. 53 della Legge 23/12/2000 n. 388, modificato dal comma 8 dell art. 27 della Legge 28/12/2001 n. 488; Visto che il termine di approvazione del Bilancio di Previsione 2012, è stato fissato al 31 marzo 2012 dal D.M. 21 dicembre 2011 del Ministero dell Interno; Pag. 7 di 15

8 Ravvisata, pertanto, la necessità di modificare il vigente Regolamento del Servizio Lampade Votive nei Cimiteri Comunali del Comune di Massa; Visto il parere espresso dalla Dirigente del Settore Entrate e Società Partecipate, Dr.ssa Maria Stella Fialdini, ai sensi dell art. 49 del T.U.E.L. n. 267/2000 in ordine alla regolarità tecnica della proposta di deliberazione di cui all oggetto così firmato: Favorevole ; Visto il parere favorevole della Commissione Consiliare Permanente Bilancio in data 27/06/2012; Visto l emendamento presentato dalla Commissione Consiliare Finanze, Bilancio partecipato, Patrimonio e fatto proprio dall Amministrazione Comunale, riguardante l art. 1 del regolamento in cui viene sostituita una parte del comma 4 come di seguito scritto dopo le parole la manutenzione degli impianti aggiungere Nel caso di manutenzione straordinaria, gli interventi verranno valutati caso per caso dagli uffici comunali mentre viene soppresso il comma 5. Il Presidente mette in votazione l emendamento: Consiglieri presenti n. 31; Consiglieri assenti n. 10 (Baldini, Berti, Dagnini, Giusti Giovanni, Mucci, Neri, Ortori, Pucci, Silicani, Turri); Voti favorevoli n. 23; Voti contrari n. =; Astenuti n. 8 (Amorese Alessandro, Amorese Corrado, Benedetti, Bugliani, Caruso, Incoronato, Panesi, Quieti); l emendamento è accolto; Visto il risultato della votazione -effettuata con strumentazione informatica- sulla proposta di deliberazione unitamente all emendamento accolto, e preso atto dell esito proclamato dal Presidente del Consiglio, con l assistenza degli scrutatori precedentemente designati (Consiglieri: Caruso, Casotti, Giuntini), di seguito riportato: Consiglieri presenti n. 31; Consiglieri assenti n. 10 (Baldini, Berti, Dagnini, Giusti Giovanni, Mucci, Neri, Ortori, Pucci, Silicani, Turri); Voti favorevoli n. 26; Voti contrari n. =; Astenuti n. 5 (Amorese Alessandro, Amorese Corrado, Benedetti, Caruso, Quieti); DELIBERA 1. di approvare le modifiche e l emendamento accolto al Regolamento del Servizio Lampade Votive nei Cimiteri Comunali, nei cimiteri comunali evidenziate nella premessa del presente atto; 2. di dare atto che il nuovo testo del Regolamento del Servizio lampade votive nei cimiteri comunali risultante a seguito delle modifiche di cui al punto 1) è quello allegato alla presente deliberazione sotto la lettera A); 3. di dare atto altresì che le suddette modifiche entrano in vigore il 1 gennaio ************ Il presente atto è dichiarato di immediata esecuzione con separata votazione e come di seguito riportata: Consiglieri presenti n. 25; Consiglieri assenti n. 16 (Baldini, Berti, Bugliani, Caruso, Dagnini, Della Pina Riccardo, Giusti Giovanni, Mucci, Neri, Ortori, Panesi, Pucci, Raffi, Ricci, Silicani, Turri); Voti favorevoli n. 21; Pag. 8 di 15

9 Voti contrari n. =; Astenuti n. 4 (Amorese Alessandro, Amorese Corrado, Benedetti, Quieti). Pag. 9 di 15

10 Allegati 1 - Regolamento lampade votive (Regolamento lampade votive.rtf) Riferimenti 1 - Proposta di G.M. N 31 del 2012 COMUNE di MASSA - Delibera N. 34 del 28/06/2012 Pag. 10 di 15

11 Letto, approvato e sottoscritto IL PRESIDENTE F.to ANDREANI MARCO IL SEGRETARIO GENERALE F.to BEDINI GIANCARLO CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Il presente atto è posto in pubblicazione all'albo Pretorio del Comune di Massa dal 16/07/2012 e vi rimarrà per 15 giorni consecutivi. IL RESPONSABILE dell'albo PRETORIO F.to SANTANGELO LINA ESECUTIVITA' Il presente atto diviene esecutivo il 26/07/2012 Il Responsabile della Segreteria F.to SANTANGELO LINA Per copia conforme all'originale ad uso amministrativo Massa, li Il Responsabile della Segreteria Pag. 11 di 15

12 Regolamento del Servizio Lampade Votive nei Cimiteri Comunali Articolo 1 Oggetto del servizio Nei cimiteri comunali sia urbani che frazionali è istituito il pubblico servizio delle lampade votive. Il servizio garantisce l installazione di un punto luminoso, in perfette condizioni di funzionamento ed a norma di legge, alimentato a corrente elettrica della potenza non superiore a watt 2,5 su singola tomba, loculo, ossario od altro sepolcreto compreso le cappelle private. L installazione consiste nella costruzione della linea di derivazione e della messa in opera del solo portalampada escluso ogni altro accessorio ornamentale che resta di scelta ed a carico dell utente sia per l installazione che la manutenzione secondo le norme dell apposito regolamento di polizia mortuaria. Il servizio comprende inoltre i consumi di energia, l acquisto di materiali e attrezzature, la sostituzione delle lampade guaste, la manutenzione degli impianti. Nel caso di manutenzione straordinaria, gli interventi verranno valutati caso per caso dagli uffici comunali. Articolo 2 Soggetto ed organizzazione del servizio Il diritto di usufruire del servizio spetta a tutti coloro che hanno concessioni nei cimiteri comunali (tombe, loculi, ossari, cappelle, altri sepolcreti). Chi intende usufruire del servizio stipula un contratto nel quale dichiara di conoscere ed accettare tutte le condizioni anche economiche stabilite dalla legge, dai regolamenti e deliberazioni comunali in materia. Il servizio è goduto dall utente in regola con i versamenti previsti, dal momento della stipula del contratto fino al termine dell anno di riferimento intendendosi quest ultimo come il periodo compreso tra il 1 ottobre ed il 30 settembre. Il contratto si intende tacitamente rinnovato di anno in anno, avendo lo stesso durata minima di un anno, a meno che non intervenga disdetta regolarmente comunicata per scritto almeno un mese prima della naturale scadenza. In caso di decesso del titolare del contratto del servizio di illuminazione lampade votive, gli eredi sono tenuti a darne comunicazione all Ufficio Comunale ai fini della variazione di intestazione e sono comunque tenuti al pagamento del canone. Nel caso di stipula per frazione dell anno di riferimento dovrà essere corrisposto il canone per il periodo intercorrente tra il giorno di stipula e la data del 30 settembre. La durata del servizio non può comunque superare il periodo di concessione per i vari tipi di tumulazione. In caso di proseguimento si dovrà provvedere con un nuovo contratto. E vietato a chiunque, a pena di sanzione amministrativa da Euro 103,29 a Euro 258,23 provvedere direttamente alla installazione della lux votiva. Articolo 3 Pag. 12 di 15

13 Gestione del servizio e modalità di erogazione Il servizio viene esercitato a mezzo idonea Società/Ditta incaricata senza diritto di privativa secondo le garanzie e condizioni previste dalle leggi e dal presente regolamento. Per l installazione di ogni lampada votiva il richiedente verserà anticipatamente a mezzo di bollettino postale o direttamente presso gli uffici della Società/Ditta incaricata un diritto fisso di allacciamento comprensivo di tasse, bolli, spese postali e quant altro previsto. Per l accensione e la manutenzione verserà allo stesso modo un canone annuo anticipato. Le installazioni devono essere effettuate entro giorni 7 dalla richiesta dell interessato e le sostituzioni delle lampade a cadenza settimanale nei giorni di lunedì e sabato. L utente potrà comunque richiedere una installazione di urgenza (da eseguirsi nello stesso giorno) versando un diritto d urgenza pari a Euro 51,65 e altri oneri compresi, oltre il normale diritto di allaccio. Le installazioni saranno eseguite su tumulazioni completate e definitive. Nel caso sia richiesto un allacciamento provvisorio della lampada sarà dovuto, al momento della richiesta di tale installazione, un versamento del diritto fisso di allacciamento maggiorato del 100%. Tutti gli importi relativi al servizio ed eventuali altri oneri saranno determinati con apposito atto deliberativo sulla base di analisi dei costi. Con cadenza biennale si provvederà alla verifica degli stessi rispetto ai costi, rientrando la notifica unilaterale dell entità degli importi relativi alle varie voci del servizio per ogni utenza nei poteri dell Amministrazione Comunale, sulla base delle mutate condizioni di mercato. Nei casi di temporanea interruzione del servizio dovuto a cause di forza maggiore o per sospensione dell erogazione di energia o per l esecuzione dei lavori, l utente non potrà avanzare alcuna richiesta di indennizzo o riduzione dell importo del canone. Eventuali reclami, da segnalarsi per iscritto, non comportano per l utente il diritto di sospendere i pagamenti; l Ufficio Comunale provvederà ad esaminare caso per caso, riconoscendo il diritto ad eventuali rimborsi. I custodi dei cimiteri sono tenuti a segnalare tempestivamente i guasti e le eventuali inadempienze degli utenti e degli autorizzati ad eseguire lavori all interno delle aree cimiteriali alle norme del presente regolamento. Il pagamento del canone dovrà essere assolto in via anticipata ed in unica soluzione entro il 30 novembre di ogni anno per l anno di riferimento successivo. Qualora il pagamento sia effettuato entro i 60gg. Successivi, saranno dovute le sopratasse come indicate al successivo art. 4. Articolo 4 Morosità In caso di mancato pagamento entro i primi sessanta giorni successivi alla scadenza sarà applicata una sopratassa omnicomprensiva pari al 5% del canone base; decorso tale termine la soprattassa Pag. 13 di 15

14 sarà il 20% del canone base. Decorsi 60 giorni dalla scadenza del pagamento, si provvederà alla disattivazione dell impianto senza altro preavviso, fatto salvo il diritto dell Ente di procedere nei termini di legge per la riscossione coattiva di quanto dovuto. L utente moroso a cui sia stato disattivato l impianto, anche in caso di successivo pagamento del debito, per ottenere la riattivazione dovrà versare nuovamente per intero il diritto fisso di allacciamento. Articolo 5 Obblighi della Società/Ditta incaricata del servizio E obbligo della Società/Ditta incaricata del servizio: - provvedere tempestivamente all estendimento della rete e degli impianti; - presentare all approvazione dell Ufficio Tecnico comunale il progetto relativo completo di stima delle opere e descrizione degli impianti e delle forniture a rimettere, ad avvenuta esecuzione dei lavori, il certificato di conformità ai sensi di legge; - mantenere la regolarità del servizio rispettando quanto previsto dal presente regolamento; - mantenere in costante aggiornamento la contabilità, l elenco delle utenze, dei morosi, le planimetrie delle reti e l inventario degli impianti (descrizione, quantità, valore, ammortamento). Articolo 6 Obblighi del Comune A tutela dell integrità delle reti e degli impianti ed ai fini dell eventuale refusione di danni, il Comune manterrà un aggiornato e progressivo elenco delle autorizzazioni alla realizzazione di opere e lavori all interno dei cimiteri da parte di qualsiasi soggetto, compresi quelli di completamento e arredo di qualsiasi tipo di sepolcro, in modo da poter esattamente individuare eventuali responsabilità in merito a danni o disservizi provocati. Ai custodi dei cimiteri è affidato il compito di vigilanza sui soggetti regolarmente autorizzati all esecuzione di opere o lavori all interno dei cimiteri stessi. Articolo 7 Diritti di proprietà Gli impianti, le reti, le derivazioni, gli allacci, le attrezzature e quant altro necessario alle installazioni e funzionamento delle lampade votive restano di proprietà comunale. E vietato agli utenti, per qualsiasi motivo, realizzare e/o edificare gli impianti, aumentare la potenza e/o il numero delle lampade. In caso di trasgressione di tale obbligo sarà applicata una sanzione amministrativa da Euro 103,29 a Euro 258,23 ed i trasgressori potranno essere altresì dichiarati decaduti e tenuti alla refusione di eventuali altri danni. In ogni caso di applicazione di sanzioni per infrazione al presente regolamento potrà essere disattivata la lampada votiva in attesa della regolarizzazione della sanzione stessa. Articolo 8 Pag. 14 di 15

15 Controversie relative all affidamento del servizio Le eventuali controversie relative ai rapporti di affidamento del servizio rientrano nella giurisdizione del giudice amministrativo ai sensi dell art. 5 della Legge n essendo il servizio configurabile quale servizio pubblico locale di cui all art. 112 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n Per quanto non previsto nel presente regolamento si intende fare riferimento alle norme vigenti in materia. Il presente regolamento avrà efficacia con decorrenza l gennaio Eventuali altre norme regolamentari o disposizioni dell Amministrazione in materia, in contrasto con le presenti, devono intendersi abrogate. Pag. 15 di 15

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale

Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale C ittà d i Squillace -Provincia di Catanzaro- Regolamento Comunale per l erogazione dei servizi di illuminazione Lampade Votive nel Cimitero comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA

COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA PROVINCIA DI VENEZIA Via Repubblica 34/36 C.A.P. 30010 Tel. 041/5145911 Fax 041/460017 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Approvato

Dettagli

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO C O M U N E D I C H I E V E Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 29/11/2010 - Entrato in vigore il 01/01/2011

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI CALCIO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

COMUNE DI CALCIO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE COMUNE DI CALCIO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 28 del 23/06/2015 1 Art. 1 OGGETTO E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA

REGOLAMENTO ILLUMINAZIONE VOTIVA REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina il servizio di illuminazione

Dettagli

Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo. nata a ( ) il (c.f.: ) CHIEDE

Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo. nata a ( ) il (c.f.: ) CHIEDE Prot. n. / Spett.le Comune di Lugo Piazza dei Martiri 1 48022 Lugo OGGETTO: Istanza per illuminazione votiva. Con la presente istanza il sottoscritto nata a ( ) il (c.f.: ) residente a in Via (Tel.: )

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * *

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * Approvato con deliberazione di C.C. n. 35 del 30.11.2004 COMUNE DI PIATEDA Prov. di Sondrio REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI PIATEDA * * * APPROVATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI VIONE PROVINCIA DI BRESCIA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 26/11/2010 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI SOMMARIO Art. DESCRIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla deliberazione C.C. n 25 del 9 novembre 2009 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI ADRANO (PROVINCIA DI CATANIA) COPIA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N 11 DEL 27/02/2010 Reg. Gen.

COMUNE DI ADRANO (PROVINCIA DI CATANIA) COPIA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N 11 DEL 27/02/2010 Reg. Gen. COMUNE DI ADRANO (PROVINCIA DI CATANIA) COPIA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 11 DEL 27/02/2010 Reg. Gen. Anno 2010 OGGETTO: Regolamento del Servizio di illuminazione votiva.. L anno duemiladieci

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO APPROVATO con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI CAPO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento disciplina il servizio per l illuminazione

Dettagli

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria

Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria Comune di Serravalle Scrivia Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA GESTIONE IN ECONOMIA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PRIVATADELLE SEPOLTURE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C.

Dettagli

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BOVA MARINA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione C.C. n. del INDICE Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Forma

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI PONSACCO COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE DI PONSACCO Regolamento approvato con Delibera C.C. N. 42 del 28/09/2012 1 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Allegato A alla deliberazione C.C. n. 18 del 28.9.2011 Il segretario comunale De Marco dott. Roberto COMUNE DI BORGHI Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA PRESSO I CIMITERI COMUNALI Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento ha per oggetto la fornitura dell illuminazione

Dettagli

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza)

CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) CITTA DI AMANTEA (Prov. di Cosenza) REGOLAMENTO SERVIZIO ILLUMINAZIONE LOCULI CIMITERIALI APPLICAZIONE E RISCOSSIONE DEI CANONI DELLE LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 04 ADOTTATA DAL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI PISOGNE Provincia di Brescia. Regolamento per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive presso i Cimiteri comunali

COMUNE DI PISOGNE Provincia di Brescia. Regolamento per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive presso i Cimiteri comunali COMUNE DI PISOGNE Provincia di Brescia Regolamento per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive presso i Cimiteri comunali Approvato con deliberazione consiliare N 04 del 13/05/2013 Art.

Dettagli

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO COMUNE DI CASTROCIELO Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 29.09.2012 1 COMUNE DI CASTROCIELO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DI LUGO E FORESE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DI LUGO E FORESE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DI LUGO E FORESE (Deliberazione di Consiglio Comunale n. 140 del 12.12.2002) Dicembre 2002 Redatto dal Servizio Contratti - Cimiteri ART.

Dettagli

COMUNE DI ORDONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Prima convocazione ordinaria Seduta pubblica

COMUNE DI ORDONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Prima convocazione ordinaria Seduta pubblica COMUNE DI ORDONA Prov. Di Foggia Piazza A. Moro, n.1 71040 ORDONA (FG) Tel. 0885/796221 Fax 0885/796067 C.F. 81002190718 P.I. 00516330719 N. 7 del 30 aprile 2013 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI AULLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N. 60 DEL 29.12.2011 1 SOMMARIO SOMMARIO.

Dettagli

Registro delibere della Giunta COPIA N. 78

Registro delibere della Giunta COPIA N. 78 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere della Giunta COPIA N. 78 OGGETTO: Gestione del servizio di illuminazione votiva nei tre cimiteri comunali

Dettagli

COMUNE DI URBINO. Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO

COMUNE DI URBINO. Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO COMUNE DI URBINO Segreteria Generale REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI DEL COMUNE DI URBINO * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 25

Dettagli

COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria

COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria COMUNE di LERMA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO COMUNALE del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERIALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 30-11-2013 Art. 1 - OGGETTO E

Dettagli

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE COMUNE DI RIGNANO GARGANICO Provincia di Foggia REGOLAMENTO per l EROGAZIONE del SERVIZIO di ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE nel CIMITERO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiliare n. 45 del 30.11.2013-1

Dettagli

COMUNE DI PONTE LAMBRO

COMUNE DI PONTE LAMBRO COMUNE DI PONTE LAMBRO Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO SERVIZIO LAMPADE VOTIVE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE NR. 13 DEL 27 GENNAIO 2006 IN VIGORE DAL 01 GENNAIO 2006 INDICE

Dettagli

CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA

CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA CONDIZIONI SERVIZIO ILLUMINAZIONE VOTIVA ART. 1 ALLACCIAMENTO IMPIANTO ILLUMINAZIONE VOTIVA I cittadini possono richiedere in qualsiasi momento l allacciamento di una lampada votiva elettrica sulle tombe,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GALATONE Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Allegato alla delibera di consiglio n. del Art. 1 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro

COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro COMUNE DI BORGIA Provincia di Catanzaro *********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER L ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n 36 del 28/11/2014

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del 01.08.2014 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno

COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI DI CASTAGNETO CARDUCCI DONORATICO BOLGHERI Approvato

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) COMUNE DI CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (Provincia di Grosseto) VERBALE delle DELIBERAZIONI della GIUNTA COMUNALE (DELIBERAZIONE N 34 del 13/02/2014) OGGETTO: TARIFFE LOCULI E AREE CIMITERIALI, LAMPADE VOTIVE,

Dettagli

art. 1 OGGETTO E FINALITÀ DEL REGOLAMENTO

art. 1 OGGETTO E FINALITÀ DEL REGOLAMENTO CITTÀ DI SAN MARCO IN LAMIS COMUNE GIOIELLO D ITALIA 2012 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 57 del 1 dicembre

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. Regolamento Comunale Lampade votive CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO Regolamento Comunale Lampade votive APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 28 DEL 20.07.2015 Pagina n. 1 di 5 Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Allegato alla delib. C.C. n. 82 del 28.10.2005 Art. 1 OGGETTO E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Città di Lomazzo C.A.P. 22074 Piazza IV Novembre, 4 (CO) Tel. 02-9694121 - Fax 02-96779146 E-mail info@comune.lomazzo.co.it N.Cod.Fisc.N.Part.I.V.A. 00566590139 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

Comune di Gorla Maggiore Provincia di Varese. REGOLAMENTO di ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO

Comune di Gorla Maggiore Provincia di Varese. REGOLAMENTO di ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Comune di Gorla Maggiore Provincia di Varese REGOLAMENTO di ILLUMINAZIONE VOTIVA DEL CIMITERO Approvato con deliberazione consiliare n. 3 del 29/01/2001 2001 0 ,1',&( CAPO I - NORME GENERALI...2 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di BUCINE Provincia di Arezzo REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla delib. C.C. n. 13 del 14.03.2006. Art. 1 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO COMUNE DI SAN GIORGIO CANAVESE Provincia di Torino Tel. 0124-32.121 Fax. 0124-32.51.06 e-mail: municipio@comunesangiorgio.it REGOLAMENTO SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA CIMITERI CAPOLUOGO E FRAZIONE CORTEREGGIO

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO D'ADIGE Provincia di Verona -------------------

COMUNE DI ALBAREDO D'ADIGE Provincia di Verona ------------------- C O P I A COMUNE DI ALBAREDO D'ADIGE Provincia di Verona ------------------- N. 42 Reg. Delib. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AMPLIAMENTO CIMITERO DEL CAPOLUOGO. DETERMINAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A

C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A C O M U N E D I T O R R I T A D I S I E N A Provincia di Siena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI COMUNALI Allegato alla D.C.C. n. 29 del 27/06/2005 1 INDICE ART.1 ART.2 ART.3

Dettagli

Comune di Bernalda Provincia di Matera

Comune di Bernalda Provincia di Matera Comune di Bernalda Provincia di Matera C.f. 810010 90778 P.I. 004110 5776 - CCP 125697 52 tel. 0835.5 40218 fax 0835 540251 email: sicsoci ale@co mune.b ernalda.matera.it AREA di P.O. n 3 SETTORE SOCIO

Dettagli

CITTA DI CASTENASO. Provincia di Bologna

CITTA DI CASTENASO. Provincia di Bologna CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE E LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO D ILLUMINAZIONE - LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con deliberazione C.C. n. 26 del 09/08/201

Dettagli

COMUNE DI SEGNI (PROV. DI ROMA)

COMUNE DI SEGNI (PROV. DI ROMA) COMUNE DI SEGNI (PROV. DI ROMA) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE CIMITERO COMUNALE DI SEGNI CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 DEL 07-10-2004 Il Comune di Segni in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE Approvato con delib. C.C. n. 35 del 30.09.2013. Pagina 1 di 7 I N D I C E Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio 3.3 Infrastrutture Manutenzioni Ambiente - Reti Tecnologiche Cimitero Parchi e Giardini Responsabile geom. Mario Bettelli SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI COMUNE DI FIVIZZANO Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO - SERVIZIO CIMITERIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI COMUNALI Fivizzano, 25/10/2008 Approvato con Delibera

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SINOPOLI PROV. DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO COMUNALE DI SINOPOLI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 164 IN DATA 23/12/2008 O G G E T T O APPROVAZIONE NUOVE TARIFFE DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI ORIOLO ROMANO

COMUNE DI ORIOLO ROMANO COMUNE DI ORIOLO ROMANO PROVINCIA DI VITERBO ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DATA 21-05-2014 OGGETTO: Regolamento Comunale per la concessione di loculi cimiteriali. Integrazione.

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 74

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 74 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 74 OGGETTO: RETROCESSIONE DEL LOCULO

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA Delibera n 39 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA E CIMITERIALE. L'anno

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 39 In data: 06/03/2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE VARIAZIONI ALLE TARIFFE CIMITERIALI L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI MASSA COPIA (809/2014)

COMUNE DI MASSA COPIA (809/2014) COMUNE DI MASSA COPIA (809/2014) ATTO di GIUNTA del 31/10/2014 n. 366 Oggetto: PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2015-2017. APPROVAZIONE. L'anno duemilaquattordici il mese ottobre il giorno trentuno alle ore

Dettagli

Comune di Pomarance Provincia di Pisa

Comune di Pomarance Provincia di Pisa Carta carayta Comune di Pomarance Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI. Utente: colui o colei che sottoscrive il contratto di illuminazione votiva

Dettagli

riunita la Giunta Comunale alle ore 18:30 con l'intervento dei Sigg. :

riunita la Giunta Comunale alle ore 18:30 con l'intervento dei Sigg. : COMUNE DI SANT'OMERO Provincia di Teramo Copia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. Data 80 30/05/2013 Oggetto: DETERMINAZIONE TARIFFE CIMITERIALI - ANNO 2013 L'anno DUEMILATREDICI, addì TRENTA, del

Dettagli

C O M U N E di M O Z Z O

C O M U N E di M O Z Z O C O M U N E di M O Z Z O Provincia di Bergamo ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 10 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Rilascio concessioni cimiteriali - Rideterminazione e ricognizione tariffe.

Dettagli

COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia

COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA N 48 del 26/11/2013 OGGETTO: MODIFICA DEL REGOLAMENTO DEI SERVIZI FUNERARI, NECROSCOPICI, CIMITERIALI E DI

Dettagli

SERVIZIO ILLUMINAZIONE ELETTRICA VOTIVA CIMITERI CINISELLO BALSAMO (MI)

SERVIZIO ILLUMINAZIONE ELETTRICA VOTIVA CIMITERI CINISELLO BALSAMO (MI) SERVIZIO ILLUMINAZIONE ELETTRICA VOTIVA CIMITERI CINISELLO BALSAMO (MI) Cinisello Balsamo - Piazza dei Cipressi Cinisello - Via Giordano Balsamo - Via Piemonte Codice Utente (spazio riservato a Project

Dettagli

Marca da bollo da. 16,00

Marca da bollo da. 16,00 Modulo A LA PRESENTE RICHIESTA COSTITUISCE RAPPORTO CONTRATTUALE TRA LE PARTI Marca da bollo da. 16,00 Spett.le Comune di Calcio - Ufficio Protocollo Via Papa Giovanni XXIII, n. 40 24054 Calcio (BG) Fax

Dettagli

COMUNE DI POMPIANO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI POMPIANO. Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI POMPIANO Provincia di Brescia Copia DELIBERAZIONE N. 20 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Modifica del Regolamento dei servizi funerari, necroscopici, cimiteriali e di

Dettagli

Comune di Latina Provincia di Latina ***

Comune di Latina Provincia di Latina *** Comune di Latina Provincia di Latina *** REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA INDICE DEGLI ARGOMENTI PREMESSA SEZIONE 1 Modalità di gestione del servizio Art. 1) Premessa; Art. 2) Oggetto del

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA DELIBERAZIONE N. 72 in data: 09.08.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES).

Dettagli

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE - MODIFICA

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE - MODIFICA COMUNE DI MASSA COPIA (1005/2011) ATTO di CONSIGLIO del 28/06/2012 n. 33 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE - MODIFICA L'anno duemiladodici

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Comune di Castelfidardo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO - Delibera Consiglio Comunale n 22 del 23/03/2004 - Indice:

Dettagli

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - MODIFICA

COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - MODIFICA COMUNE DI MASSA COPIA (1007/2011) ATTO di CONSIGLIO del 28/06/2012 n. 35 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - MODIFICA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 43 Reg. Delib. Oggetto: TARIFFE PER LE CONCESSIONI E I SERVIZI CIMITERIALI PER L'ANNO 2013. L'anno duemilatredici il

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE 4 30.03.2012 CERBAIE SPA. APPROVAZIONE INTEGRAZIONE PIANI FINANZIARI.

PROTOCOLLO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE 4 30.03.2012 CERBAIE SPA. APPROVAZIONE INTEGRAZIONE PIANI FINANZIARI. COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA Cod.Fisc. e Part. IVA 0032016 050 0 Tel. 0587 643121 Fax 640895 PROTOCOLLO DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia Nr. Data O G G E T T O 4 30.03.2012 CERBAIE

Dettagli

COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena

COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena COMUNE DI RONCOFREDDO Provincia di Forlì-Cesena COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 46 Del 15-10-13 Oggetto: REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI POSTI AUTO - AP= PROVAZIONE L'anno

Dettagli

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto

CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto CITTÀ DI GROTTAGLIE Provincia di Taranto Art.1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina le modalità di gestione delle luci votive all interno del Cimitero Comunale di Grottaglie,

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 32 DEL 08.03.2011 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INTEGRAZIONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N.233 DEL 28/12/2010

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Consiglio Comunale n. 31 del 22/07/2014 Oggetto: VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Modifica Regolamento per l'applicazione della tassa rifiuti (TARI). L'anno 2014, addì ventidue, del mese

Dettagli

Regolamento per il servizio lampade votive

Regolamento per il servizio lampade votive COMUNE DI SAN GODENZO Provincia di Firenze Regolamento per il servizio lampade votive Approvato con deliberazione consiliare N 5 del 23.02.2012 Indice Art.1 - Premessa 2 Art.2 - Allacciamento 2 Art.3 Spese

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE ---- -- - - REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUCI VOTIVE (Appro~l(I con la dcllberft,10:1 COI1IIIi110 Comw1IIIe 1001J) 123 d~1 30 PUf\II'\ Slodaeo On.le AdrilU1a Poli-Bortone A.'~ét'I!iQre rag Ange\o Tondo J)lretto~

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 10. COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE

DELIBERAZIONE N. 10. COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE DELIBERAZIONE N. 10 COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) VERBALE DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE C O P I A Oggetto: DETERMINAZIONE - APPROVAZIONE TARIFFE OPERAZIONI CIMITERIALI, NONCHE' CORRISPETTIVI

Dettagli

COMUNE DI TRINITA P R O V I N C I A D I C U N E O

COMUNE DI TRINITA P R O V I N C I A D I C U N E O COMUNE DI TRINITA P R O V I N C I A D I C U N E O V E R B A LE DI DELIBERAZI ONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO N. 4 del 29/04/2015 «REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

Comune di Torre de Negri

Comune di Torre de Negri Comune di Torre de Negri G.C. 5 13/02/2012 PROVINCIA DI PAVIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Incarico a Ditta esterna per esumazioni/inumazioni, tumulazioni/ estumulazioni e servizi connessi.

Dettagli

REGOLAMENTO E CAPITOLATO

REGOLAMENTO E CAPITOLATO COMUNE DI B E R N A L D A Provincia di Matera REGOLAMENTO E CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA A SCOPO VOTIVO NEL CIMITERO COMUNALE Art. 1 Il Comune die BERNALDA istituisce,

Dettagli

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ORIGINALE COMUNE DI SCARMAGNO Provincia di Torino ********************** VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 75 Del 19/10/2015 Oggetto: MODALITA' DI CONCESSIONE LOCULI CIMITERIALI, CELLETTE OSSARIO

Dettagli

COMUNE DI ANGHIARI Provincia di Arezzo Ufficio Segreteria

COMUNE DI ANGHIARI Provincia di Arezzo Ufficio Segreteria COMUNE DI ANGHIARI Provincia di Arezzo Ufficio Segreteria N.35/28.10.2010 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza straordinaria di prima convocazione - seduta pubblica OGGETTO: MODIFICA

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE - COPIA - N. 92 del 15/11/2012 OGGETTO: ART.

Dettagli

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali

CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO. norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali CITTÀ DI PORTO SANT'ELPIDIO norme per la regolarizzazione delle concessioni cimiteriali integrazione al Regolamento Comunale per i servizi di Polizia Mortuaria e del Cimitero APPROVATO CON ATTO DEL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COMUNE DI ACQUASANTA TERME PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 19 Del 30-07-15 Oggetto: MODIFICA REGOLAMENTO IUC. L'anno duemilaquindici il giorno trenta del

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia

COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 22 del 10/07/2014 COPIA OGGETTO: SERVIZI PUBBLICI COMUNALI - TARIFFE E CONTRIBUZIONI PER L'ANNO 2014 L'anno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 28-06-2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 28-06-2013 COMUNE di MONTERCHI Provincia di Arezzo Tel. (0575) 70092 Fax. (0575) 70332 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 28-06-2013 C O P I A OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE RATE E DELLE SCADENZE

Dettagli

COMUNE DI SANGINETO PROVINCIA DI COSENZA. REGOLAMENTO COMUNALE Per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive.

COMUNE DI SANGINETO PROVINCIA DI COSENZA. REGOLAMENTO COMUNALE Per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive. COMUNE DI SANGINETO PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE Per l erogazione del servizio di illuminazione lampade votive. Il presente regolamento: è stato deliberato dal consiglio comunale nella seduta

Dettagli

PROVINCIA DI ALESSANDRIA

PROVINCIA DI ALESSANDRIA Comune di Gabiano Copia Albo PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MATERIA DI TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI AI SENSI DELL'ART.

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE Provincia di Sassari

COMUNE DI PLOAGHE Provincia di Sassari CONCESSIONE LOCULI CIMITERIALI.doc - 1 - COMUNE DI PLOAGHE Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI 1. Approvato con deliberazione del C.C. n 36 del 17.04.2003;

Dettagli

COMUNE DI RAMACCA * * * REGOLAMENTO APPROVATO. Provincia di Catania. con deliberazione del Consiglio Comunale n.!..ti del 7~-\q -2oJ'L

COMUNE DI RAMACCA * * * REGOLAMENTO APPROVATO. Provincia di Catania. con deliberazione del Consiglio Comunale n.!..ti del 7~-\q -2oJ'L COMUNE DI RAMACCA Provincia di Catania REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI RAMACCA * * * APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n.!..ti del

Dettagli

Comune di S. Agata sul Santerno

Comune di S. Agata sul Santerno Comune di S. Agata sul Santerno Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIVICO CIMITERO TESTO COORDINATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli