Integratori alimentari e benessere cutaneo. Integratori nella gestione del sovrappeso e dell obesità. 26 crediti ECM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Integratori alimentari e benessere cutaneo. Integratori nella gestione del sovrappeso e dell obesità. 26 crediti ECM"

Transcript

1 26 crediti ECM scadenza 31/12/2013 con il patrocinio di edizione di L a r i v i s t a p e r l a g g i o r n a m e n t o c o n t i n u o d e l f a r m a c i s t a In caso di mancato recapito inviare a CMP Milano Roserio per restituzione mittente previo pagamento resi. Corso 3 - Modulo 7 Integratori alimentari e benessere cutaneo Autori: Prof.ssa Marcella Guarrera, Clinica Dermatologica, Università di Genova; Dr.ssa Alessandra Pavesi, dermatologa, Genova Revisore scientifico: Prof. Paolo Magni, Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Facoltà di Scienze del Farmaco, Università degli Studi di Milano, Milano Anatomia della cute La cute è un organo complesso che ricopre l intera superficie corporea e può arrivare a costituire il 20% in peso del nostro corpo. Essa regola gli scambi con l ambiente esterno, limita i danni da insulti meccanici e chimici, assorbe e blocca le radiazioni luminose, impedisce la perdita e l assorbimento eccessivo di acqua, contrasta l azione di microrganismi, svolge un importante ruolo immunologico e contribuisce al sistema di termoregolazione. Inoltre la presenza di una densa rete nervosa dotata di recettori tattili le segue a pag. 2 Corso 3 - Modulo 8 Integratori nella gestione del sovrappeso e dell obesità Autore: Dr.ssa Raffaella Cancello, centro Obesità, Istituto Auxologico Italiano IRCCS, Milano Revisore scientifico: Prof. Paolo Magni, Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Facoltà di Scienze del Farmaco, Università degli Studi di Milano, Milano Introduzione Obesità e sovrappeso sono ormai riconosciuti come un problema di salute pubblica in molti paesi industrializzati. Sono condizioni a cui si associa un aumentato rischio di mortalità e una maggiore insorgenza di complicanze patologiche gravi con conseguente innalzamento dei costi sanitari. L eziologia di sovrappeso/obesità è complessa e risulta dall interazione tra fattori genetici e ambientali, anche se è oramai dimostrato che obesità e sovrappeso sono soprattutto legati ad abitudini alimentari segue a pag. 17 Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - 70% NE/VR ANNO 10 NUMERO 5 BIMESTRALE OTTOBRE/ NOVEMBRE 2013

2 SANITANOVA è accreditata dalla Commissione Nazionale a fornire programmi di formazione continua per tutte le professioni. Sanitanova si assume la responsabilità per i contenuti, la qualità e la correttezza etica di questa attività ECM. OBIETTIVI: dopo aver completato la seguente monografia di aggiornamento il Farmacista dovrebbe essere in grado di: conoscere anatomia e fisiologia della cute in relazione alle sue funzioni; comprendere il ruolo dei diversi elementi coinvolti in questi processi e il ruolo dell integrazione alimentare; riconoscere in quali casi è utile l integrazione alimentare e consigliare adeguatamente l assistito. SCOPO DELL ATTIVITÀ: Fornire al farmacista informazioni utili a effettuare un corretto counseling all assistito riguardo il benessere cutaneo e gli elementi di una possibile integrazione. Executive summary L epidermide è costituita da quattro tipi di cellule: cheratinociti, melanociti, cellule di Langerhans e cellule di Merkel. Le fibre collagene permettono l estensione della cute (distensibilità), mentre quelle elastiche ne garantiscono il ritorno alle dimensioni originali dopo una trazione (elasticità). Sebbene le avitaminosi nelle popolazioni occidentali siano rare, alcune forme di ipovitaminosi si possono sviluppare durante le cosiddette crash diet. Gli integratori alimentari sono molto utilizzati nelle varie forme di alopecia, nelle quali però, a volte, hanno funzione di placebo. In letteratura sono rari gli studi controllati e randomizzati che dimostrino l efficacia di tali prodotti in tricologia. Ad esempio, l apparente miglioramento in caso di telogen effluvium non sempre è dovuto al trattamento, proprio a causa dell andamento discontinuo della patologia. Non si deve dimenticare che l assunzione eccessiva di integratori alimentari può portare ad effetti paradossali, come dimostrano i casi di alopecia da eccesso di selenio. I danni da radiazioni ultraviolette, ma anche da radiazioni infrarosse e dello spettro visibile, si possono manifestare a breve e a lungo termine. Tra i primi sono comprese le ustioni, le reazioni fototossiche e fotoallergiche e l immunosoppressione, tra le seconde il fotoinvecchiamento, i tumori cutanei e le fotodermatosi. 2 Keywords Cute anatomia, epidermide, derma, ipoderma, annessi cutanei, cheratinocita, melanocita, cellule di Langerhans, cellule di Merkel Key Point La cute regola gli scambi con l ambiente esterno, limita i danni da insulti meccanici e chimici, assorbe e blocca le radiazioni luminose, impedisce la perdita e l assorbimento esagerato di acqua, contrasta l azione di microrganismi, svolge un importante ruolo immunologico e contribuisce al sistema di termoregolazione. Inoltre la presenza di una densa rete nervosa dotata di recettori tattili le conferisce la funzione di organo di relazione. conferisce la funzione di organo di relazione. La superficie cutanea in un adulto è compresa fra 1,6 e 1,8 m 2, con uno spessore variabile da 0,5 mm a livello delle palpebre a 3-6 mm nelle regioni palmoplantari. Il colore varia secondo i gruppi etnici, la costituzione individuale, l età e la sede corporea. Microscopicamente, la cute è composta da un epitelio pluristratificato di origine ectodermica, l epidermide, da un tessuto connettivo lasso di origine mesodermica, il derma, su cui l epidermide riposa e da un tessuto adiposo anch esso di origine mesodermica, l ipoderma o tessuto sottocutaneo. Nel derma e nel tessuto sottocutaneo sono contenuti gli annessi, quali le ghiandole sudoripare, le ghiandole apocrine, le ghiandole sebacee, i peli e le unghie. L epidermide è costituita da quattro tipi di cellule: cheratinociti, melanociti, cellule di Langerhans e cellule di Merkel. Il cheratinocita, la cellula più rappresentata, forma, attraverso un processo di differenziazione ( cheratinizzazione ) i cinque strati dell epidermide definiti, dall interno verso l esterno, basale o germinativo, spinoso o di Malpighi, granuloso, lucido e corneo (vedi Figura 1). Lo strato basale è in continuo, anche se lento, rinnovamento, attraverso la proliferazione delle sue cellule, che hanno un aspetto cilindrico con l asse maggiore posto sagittalmente alla superficie. Sopra lo strato basale i cheratinociti assumono forma poligonale e danno origine allo strato spinoso nel quale l attività proliferativa cessa, quindi a quello granuloso nel quale sono presenti granuli citoplasmatici di cheratoialina. Nelle aree palmoplantari dove lo spessore cutaneo è maggiore è presente lo strato lucido composto da cellule appiattite e, alla luce del microsco-

3 Figura 1. Struttura della cute pio, riflettenti. Infine, il corneo è lo strato più esterno, in cui le cellule appiattite si privano del nucleo (corneociti). I cheratinociti sono tenuti adesi uno all altro da particolari strutture, detti desmosomi, che scompaiono a livello dello strato corneo, soggetto a uno sfaldamento continuo (stratum disjunctum). In condizioni normali i corneociti che si sfaldano sono sostituiti da un ugual numero di cheratinociti prodotti dallo strato basale, in modo da mantenere costante lo spessore epidermico. I melanociti sono cellule di forma poliedrica stellata (cellule dendritiche) derivate dalla cresta neurale e inserite nello strato basale ogni 5-10 cheratinociti. La loro funzione principale è quella di produrre la melanina. Si caratterizzano per la presenza di melanosomi, granuli contenenti il pigmento, e di numerose ramificazioni (dendriti) che li pongono a contatto con i cheratinociti dello strato spinoso. Attraverso i dendriti, i melanosomi, e quindi la melanina, sono trasferiti all interno dei cheratinociti conferendo all epidermide la pigmentazione. In genere non ci sono differenze nella distribuzione o densità di melanociti tra i differenti sessi e razze. Le differenze di colore della pelle sono dovute solo alla differente attività dei melanociti stessi e non al loro numero. Le cellule di Langerhans sono cellule dendritiche di derivazione midollare che svolgono il ruolo di sentinella immunitaria. Presentano un nucleo convoluto e caratteristici organuli citoplasmatici chiamati granuli di Birbeck. Le cellule di Merkel, di derivazione epidermica, contengono filamenti di cheratina e producono numerosi neuropeptidi. Situate sopra lo strato basale dell epidermide, di forma rotondeggiante, sono in contatto con le fibre nervose assumendo compiti di terminazioni recettrici tattili. L epidermide è separata dal derma sottostante dalla membrana basale cui è legata da emidesmosomi. Il derma è un tessuto di origine mesenchimale costituito da fibroblasti, fibre collagene, fibre elastiche e sostanza fondamentale, all interno del quale sono contenuti i vasi sanguigni e linfatici, i nervi e gli annessi cutanei. Essendo un tessuto particolarmente robusto, oltre a conferire alla cute la sua resistenza meccanica, svolge una funzione di sostegno nei confronti dell epidermide e degli annessi. Il suo spessore varia da 1 mm sul viso a 4 mm al dorso e alle cosce. Nel derma si distinguono un derma superficiale (papillare) che si insinua con digitazioni multiple (papille dermiche) nell epidermide e uno profondo (reticolare) con minore componente cellulare. I fibroblasti sono le cellule responsabili della sintesi delle fibre e di tutti i componenti della matrice extracellulare. Le fibre collagene permettono l estensione della cute (distensibilità), mentre quelle elastiche ne garantiscono il ritorno alle dimensioni originali dopo una trazione (elasticità); la sostanza fondamentale è costituita da un gel di proteoglicani e glicosaminoglicani (GAG) tra cui l acido ialuronico, principale responsabile dell idratazione cutanea. L ipoderma è un tessuto di origine mesenchimale costituito da adipociti organizzati in lobi e lobuli separati tra loro da setti connettivali, che si agganciano superiormente al derma e in basso alla fascia muscolare o, in alcune sedi, al periostio. I vasi arteriosi e venosi decorrono nei setti circondando di una fine rete capillare le singole cellule adipose. L adipocita è una cellula rotondeggiante con il citoplasma ricca di lipidi, soprattutto trigliceridi, che spingono il nucleo contro la parete cellulare. L ipoderma rappresenta una sorta di cuscinetto tra pelle e apparato muscolo-scheletrico; il suo spessore varia in funzione della sede corporea, è massimo a livello di addome e glutei, minore sul tronco e minimo all altezza di testa e al collo, in funzione del genere (nella donna lo spessore è tre volte maggiore) e dello stato di nutrizione, essendo la maggior riserva nutritizia dell organismo; ha inoltre funzione di protezione meccanica degli organi interni e di isolamento termico. La vascolarizzazione cutanea è composta da due grandi plessi vascolari costituiti da arteriole 3

4 e venule che decorrono parallele alla superficie cutanea e che si localizzano al limite tra il derma papillare e reticolare (plesso superficiale o subpapillare) e tra il derma reticolare e il sottocutaneo (plesso profondo), comunicanti tra loro mediante vasi orientati perpendicolarmente alla superficie. L innervazione cutanea è costituita da una rete di fibre del sistema cerebro-spinale e del sistema nervoso simpatico (adrenergiche e colinergiche), localizzate nel derma, intorno agli annessi cutanei e nell ipoderma. Infine nel derma sono localizzati gli annessi, che sono le unità pilo-sebacee, le ghiandole sudoripare eccrine, le ghiandole apocrine e le unghie. Keywords Vitamine idrosolubili, vitamine liposolubili, oligoelementi, minerali Key Point Vitamine e oligoelementi sono assunti normalmente tramite una dieta equilibrata e completa. In caso di aumentato fabbisogno (ad esempio nello sport), di diminuita assunzione, come in alcune diete, o di cambiamenti metabolici o fisiologici è possibile l utilizzo di integratori alimentari. Integratori alimentari e cute Vitamine e oligoelementi sono assunti normalmente tramite una dieta equilibrata e completa. In caso di aumentato fabbisogno (ad esempio nello sport), di diminuita assunzione, come in alcune diete, o di cambiamenti metabolici o fisiologici è possibile l utilizzo di integratori alimentari (IA). Le vitamine funzionano come catalizzatori delle reazioni biologiche fondamentali per la cellula e sono quindi indispensabili all organismo. Vengono assunte con la dieta o sintetizzate da batteri intestinali come le vitamine K e B12, oppure sintetizzate da precursori-provitamine come le vitamine A, PP e D. Sebbene le avitaminosi nelle popolazioni occidentali siano rare, ipovitaminosi si possono sviluppare durante le cosiddette crash diet (diete drastiche). Le vitamine si distinguono in liposolubili e idrosolubili. Tra le prime sono incluse: vitamina A o retinolo, con capacità antixerotica, antiossidante, proliferativa cellulare, vitamina D o calciferolo, con capacità antirachitica, vitamina E o α-tocoferolo, con capacità antiossidante, 4 vitamina K o fillochinone, con capacità procoagulante. Tra le vitamine idrosolubili sono incluse: vitamina C o acido ascorbico, con capacità antiossidante, vitamina H o biotina (o B8), presente nella sintesi degli acidi grassi, vitamina H1 o PABA, costituente dell acido folico, vitamina PP o niacina (o B3), presente nelle reazioni di ossidoriduzione, vitamina B1 o tiamina, coenzima nel processo di conversione del glucosio in energia, vitamina B2 o riboflavina, coinvolto nelle reazioni metaboliche, vitamina B5 o acido pantotenico, precursore del coenzima A, vitamina B6 o piridossina, cofattore di alcuni enzimi, vitamina B9 o acido folico, con un ruolo nella sintesi degli aminoacidi, vitamina B12 o cobalamina, coinvolta nella proliferazione cellulare e ciclo di Krebs. La vitamina C presenta anche effetto antinfiammatorio, aumenta la sintesi del collagene, modula il metabolismo dei GAG e la produzione di melanina. La sua carenza può causare scorbuto, gengiviti, anemie e osteoporosi. La vitamina E come antiossidante agisce come quencher (disattivante) delle specie dell ossigeno reattivo, inibisce la perossidazione dei lipidi della membrana cellulare, previene l ossidazione del collagene e inibisce la formazione di nitrosamine cancerogene. La sua carenza porta a disordini nella riproduzione, anomalie muscolari, del fegato, del SNC, oltre che emolisi dei globuli rossi. La vitamina H agisce come cofattore di carbossilasi nell incorporazione della CO 2 nei composti organici. Influenza la proliferazione e differenziazione di cheratinociti e fibroblasti. La sua carenza porta ad assottigliamento e depigmentazione dei peli, alopecia, desquamazione, fragilità ungueale, oltre che alterato metabolismo degli acidi grassi e danni neurologici. La vitamina PP è precursore della nicotinamide adenina dinucleotide (NAD) e della nicotinamide adenina dinucleotide fosfato (NADP), induce l angiogenesi, regola i ceramidi e altri lipidi dello strato corneo, aumenta la produzione di GAG e del collagene. La sua carenza induce fotosensibilità fino a reazioni fototossiche con

5 manifestazioni gastrointestinali e neurologiche, come la pellagra. Gli oligoelementi, quali zinco, ferro, potassio, selenio, rame, magnesio, manganese, zolfo e silicio, sono in grado di stimolare la crescita cellulare nei terreni di coltura, aumentando la sintesi del RNA, e sono costituenti di enzimi e proteine. Il ferro, ad esempio, contenuto in carne, pesci, fegato, riso, broccoli, piselli, agisce da catalizzatore nelle reazioni di ossidoriduzione. Il deficit di ferritina (<40 mg/l) porterebbe ad assottigliamento e fragilità del fusto pilare, secchezza della cute e delle mucose 1. Altro elemento importante è lo zinco contenuto nei pesci grassi, uova, carne, legumi, cereali integrali, semi di zucca. È in grado di catalizzare oltre 100 enzimi, interviene nella sintesi della cheratina e del collagene. La sua carenza porta all acrodermatite enteropatica caratterizzata da alopecia, diarrea, glossite, cute ruvida e desquamante. Il suo assorbimento è contrastato da una dieta ricca in fibre 2. Il selenio contenuto in carne, pesce, fegato, pollame, cavolo, broccoli, sedano, cipolle, grano, noci, è componente della glutatione perossidasi (GSH-Px). Il suo deficit provoca ritardo nella crescita, cardiomiopatie, alopecia e pseudoalbinismo 3. Integratori alimentari e capelli Keywords Pelo, fase anagen, fase katagen, fase telogen fase kenogen, alopecia, telogen effluvium, alopecia androgenetica Anatomia e fisiologia del pelo Il pelo è composto principalmente da tre parti: il follicolo, il fusto e la papilla del pelo. Il follicolo è una invaginazione dell epidermide di cui riconosciamo gli strati cellulari e nella cui base (bulbo con la matrice) si ha la proliferazione e differenziazione delle cellule che costituiscono il fusto pilare. La papilla è una porzione del derma, contenente vasi e nervi annegati nella sostanza fondamentale, attorno alla quale si avvolge a campana il bulbo, quando è al massimo dell anagen (vedi oltre). Il fusto del pelo è sostanzialmente una struttura non vitale, corrispondente allo strato corneo dell epidermide di superficie. La corteccia è la struttura portante del fusto ed è costituita da diversi strati di cellule allungate, cheratinizzate e pigmentate molto aderenti tra loro. È rivestita dalla cuticola, strato più esterno del fusto composto Fusto del pelo Nervo Ghiandola sebacea Radice Bulbo nel follicolo Papilla dermica 5 Figura 2. Disegno anatomico del pelo Key Point Molti sono i fattori di crescita in grado di stimolare o inibire le varie fasi del ciclo vitale del pelo. Gli ormoni, tra cui i più importanti sono quelli sessuali, influenzano in maniera determinante lo sviluppo del follicolo, attraverso i loro recettori. Muscolo piloerettore Ghiandola sudoripara Midollo Corteccia Cuticola Vasi sanguigni da cellule cheratinizzate (squame) sovrapposte tra loro come le tegole di un tetto. All interno del fusto si trova il midollo, composto anch esso da cellule cheratinizzate non sempre pigmentate intercalate da spazi d aria (vedi Figura 2). La cuticola ha lo scopo di proteggere il fusto pilare da danni esterni di diversa origine: chimici, fisici o meccanici. Per fare qualche esempio, sono dannosi le permanenti, gli schiarenti, le tinture, il cloro delle piscine, i raggi ultravioletti, il vento, l inquinamento atmosferico, così come le spazzolature energiche, le asciugature con temperature elevate, la piastra, gli elastici usati per fermare le code e così via. Il danno che subisce il Anagen Papilla derma Anagen Precoce Figura 3. Il ciclo vitale del pelo Ciclo vitale del pelo Distacco Nuovo pelo Catagen Apoptosi e regressione Telogen Papilla derma Ritorno all Anagen

6 fusto pilare a causa dell ambiente viene chiamato con il termine anglosassone weathering ed è a carico principalmente della cuticola, la quale all inizio presenta sollevamento e distacco delle squame fino a scomparsa totale lasciando allo scoperto la corteccia. Un ulteriore danno porta le cellule della corteccia a distaccarsi tra loro e a formare le cosiddette doppie punte. I costituenti principali del fusto del capello sono cheratina, lipidi, minerali e pigmenti. La cheratina è presente soprattutto nella corteccia; gli aminoacidi di cui è composta sono metionina, cisteina, cistina, serina, acido glutammico, glicina, treonina, arginina, valina, leucina e isoleucina. Il processo di cheratinizzazione è regolato da ormoni, vitamine, fattori genetici e metabolici ed è anche correlato col metabolismo del colesterolo e con gli acidi grassi sintetizzati dall epidermide. I lipidi sono rappresentati da trigliceridi, cere, fosfolipidi, colesterolo, squalene e acidi grassi liberi. I minerali presenti nel fusto del capello sono principalmente ferro, magnesio, zinco e rame. Ne consegue che carenze dietetiche e/o difetti enzimatici delle vie di sintesi del colesterolo e degli acidi grassi possono provocare una cheratinizzazione anomala con conseguenti difetti strutturali e diminuzione del diametro del fusto. È ragionevole pensare che le sostanze che compongono il fusto pilare debbano essere sempre adeguate per mantenerne il regolare accrescimento e sviluppo. Infatti diete inappropriate o stati carenziali portano a condizioni patologiche e alopecie di diverso tipo. Il follicolo pilifero è l unica struttura del corpo con un attività ciclica che dura tutta la vita dell uomo. Il ciclo vitale del pelo è composto da tre fasi principali: anagen o di crescita, catagen o di involuzione e telogen o di riposo. Alla luce degli ultimi studi vengono aggiunte altre due fasi: exogen e kenogen (vedi Figura 2 di pag.5). Dal punto di vista morfologico, l anagen è la fase di crescita, durante la quale il follicolo dà origine al fusto. La sua durata media è di 5-6 anni ed è distinta in 6 sottofasi. Durante le prime 4-5 sottofasi della durata di 3 mesi, i cheratinociti sono in elevata attività mitotica e formano una colonna epiteliale che, dallo strato basale dell epidermide, si spinge verso il basso per costituire il follicolo maturo. Durante l ultima sottofase (fase 6), la più lunga con durata fino a 5-6 anni, l attività mitotica diminuisce progressivamente mentre i cheratinociti iniziano a differenziarsi e riempirsi di cheratina per costituire il fusto. La fase di catagen è caratterizzata dall arresto 6 totale delle mitosi dei melanociti e dei cheratinociti. Tutte le cellule del follicolo vanno in differenziazione e non vengono sostituite. Il follicolo risale verso la superficie lasciando dietro di sé una striscia fibrosa. Le guaine epiteliali formano il sacco che avvolgerà le cellule del bulbo compresse a forma di clava. La papilla dermica rimane ancora in profondità. Tale fase dura circa giorni. La fase di telogen è una fase di riposo sia mitotico che differenziativo, in cui il fusto con il bulbo a clava poggia sulla papilla dermica completamente risalita. Il fusto rimane ancora aderente al follicolo tramite proteine di adesione. Il telogen dura circa 3 mesi, tempo necessario affinché il nuovo anagen che lo rimpiazzerà percorra le prime 5 sottofasi ed emerga in superficie al momento dell allontanamento del telogen. In realtà, il telogen non è una vera fase di riposo perché si accompagna sempre ad una certa attività metabolica. La fase di exogen è la parte finale di quella telogen, in cui il pelo si distacca dalle guaine follicolari, ha breve durata e termina quando il fusto è libero dal follicolo. Il kenogen è invece la vera e propria fase di riposo del follicolo. Infatti si manifesta quando, tra la caduta del telogen e il suo rimpiazzo da parte di un nuovo anagen, il follicolo rimane vuoto per un certo intervallo di tempo. Il fenomeno è presente già nel bambino impubere. Nell adulto, è più frequente e più duraturo (fino a 1-2 anni). È possibile che lo spazio glabro lasciato dal kenogen, confluendo con altri analoghi spazi adiacenti, dia luogo al diradamento nell alopecia androgenetica. Oltre alla miniaturizzazione del pelo, cioè la trasformazione del pelo terminale in vellus, l alopecia androgenetica potrebbe dipendere dalla maggior lunghezza e frequenza del kenogen. A differenza di molti mammiferi, nell uomo ogni pelo ha un suo ciclo individuale, ad eccezione del primo ciclo intrauterino che è collettivo e dà luogo a una vera muta neonatale. Una relativa sincronizzazione può verificarsi nell adulto in condizioni fisiologiche (gravidanza), iatrogene (contraccettivi ormonali, minoxidil, finasteride) o patologiche (alopecia androgenetica). Il ciclo del pelo è guidato e regolato dalla papilla dermica, da cui partono messaggi biochimici, principalmente diretti a ridurre la proliferazione cheratinocitaria e a stimolarne la differenziazione. Molti sono i fattori di crescita in grado di stimolare o inibire le varie fasi del ciclo. Gli ormoni, tra cui i più importanti sono quelli sessuali,

7 Ruolo degli integratori nelle alopecie Esistono vere e proprie patologie degli annessi causate da deficienza di proteine (marasma, Kwashiorkor), di acidi grassi essenziali (alopecia diffusa), di biotina e niacina (depigmentazione, alopecia), di zinco, ferro e selenio (alopecia diffusa con telogen effluvium), di aminoacidi solforati (tricotiodistrofia, omocistinuria, malattia di Hartnup), di rame che in ambiente ossidante trasforma la cisteina in cistina con formazione di ponti disolfuro (malattia di Menkes). Si tratta però di eventi piuttosto rari. In ogni caso, gli antiossidanti sono utili a proteggere il capello da agenti esterni, le vitamine regolano l attività metabolica, gli aminoacidi solforati migliorano la struttura cheratinica del fusto, mentre gli oligoelementi sono utili in tutte le situazioni sopraelencate 4,5. Nonostante si dia importanza ai livelli di ferritina, sembra non ci sia relazione tra bassi livelli di ferritina e TE cronico e non c è una correlazione diretta tra supplementazione di ferro e miglioramento dell alopecia 6. Lo zinco è costituente della basonuclina, proteina localizzata nelle aree con cellule germinative come lo stato basale dell epidermide e la matrice dei follicoli piliferi, favorisce il processo di cheratinizzazione incorporando la cisteina nella cheratina, favorisce l integrità delle membrane e ha dimostrato in vitro azione inibente l enzima 5-alfa reduttasi 7. Lo zolfo partecipa alla sintesi di molte biomolecole (ormoni, enzimi, aminoacidi, anticorpi, antiossidanti) oltre che favorire la sintesi della cheratina e del collagene 8. Tra gli aminoacidi solforati la taurina (acido 2-amminoetanosulfonico), aminoacido non carbossilico derivato dalla cisteina presente nelle carni e nei pesci, agisce come antiossidante partecipando all omeostasi delle cellule sottoposte a stress ossidativo, regola la sintesi del collagene, ha funzione osmoregolatrice cellulare, coniuga gli acidi biliari. Nella struttura pilare si trova nella papilla dermica, nella matrice e nella zona cheratogena, stimola la crescita dei follicoli piliferi in vitro prolungandone la sopravvivenza e aumenta la sintesi delle citochine a livello follicolare 9. Altri importanti costituenti degli IA con azione antiossidante sono i polifenoli. Molto diffusi in natura nei vegetali (sono circa 5000 diversi composti) stimolano la crescita delle cellule dell einfluenzano in maniera determinante lo sviluppo del follicolo, attraverso i loro recettori. Le patologie dei capelli Per alopecia si intende la perdita parziale o totale dei peli. Si distinguono alopecie congenite e alopecie acquisite, cicatriziali e non cicatriziali. Le alopecie cicatriziali, presenti spesso in malattie sistemiche, altre volte traumatiche, sono caratterizzate dalla scomparsa dei follicoli sostituiti da un area fibrotica e quindi irreversibili. Le più comuni alopecie sono quelle acquisite non cicatriziali. L alopecia androgenetica (androgenetic alopecia, AGA) o calvizie comune interessa circa il 95% dei caucasici. L AGA inizia alla pubertà, in concomitanza con l aumento degli ormoni androgeni, e procede con velocità diversa da soggetto a soggetto in funzione dell eredità che è di tipo poligenico. Il quadro clinico normalmente si presenta in maniera diversa nei due generi, probabilmente in funzione della diversa increzione degli androgeni. La patogenesi consiste nella progressiva miniaturizzazione del follicolo, causata dall azione del diidrotestosterone (DiHydro Testosterone, DHT), metabolita del testosterone a opera della 5-alfa reduttasi II e più potente del testosterone stesso. Come già detto, un altro meccanismo patogenetico dell AGA sembra essere l aumento di frequenza e di durata del kenogen, che darebbe luogo a piccole aree glabre, che confluendo originerebbero il diradamento della capigliatura. La diagnosi è solo apparentemente facile soprattutto nella donna, nella quale spesso l AGA è associata al telogen effluvium. La terapia si fonda su due farmaci, minoxidil e finasteride, quest ultimo in grado di bloccare la 5-alfa reduttasi II. Il primo è di uso topico, l altro sistemico. Per telogen effluvium (TE) si intende una intensa caduta di capelli. Può essere acuto o cronico. Il primo si risolve spontaneamente nel giro di due/tre mesi senza lasciare conseguenze, il secondo, spesso con andamento intermittente, può durare anni e portare a un diradamento anche nelle zone temporo-parietali e occipitale. Si distingue un TE carenziale (carenze dietetiche o gravi anemie), uno da farmaci antimitotici e uno più frequente infiammatorio che segue spesso uno stress emotivamente importante. Sintomo frequente del TE infiammatorio è la tricodinia, una sensazione di dolore o fastidio alla radice dei capelli. La patogenesi del TE infiammatorio non è chiara, forse è autoimmune. L associazione con altre malattie autoim- muni (specialmente, nelle donne, la tiroidite di Hashimoto) è comune. 7

8 di fotosensibilizzazione, cioè a impreviste manifestazioni cutanee sotto forma di macchie o eruzioni di tipo eritematoso o eczematoso. Si può avere quindi, a seconda della sostanza e/o della predisposizione individuale i seguenti fenomeni: fotoallergia: risposta immunologica che avviene quando una sostanza fotosensibilizzante, detta fotoallergene o fotoaptene, assorbe l energia radiante e induce una risposta immunitaria con produzione di linfociti T sensibilizzati; in successive esposizioni alla luce compare la risposta allergica di tipo eczematoso con eritema, prurito ed essudazione; fototossicità: reazione non immunologica provocata da una sostanza chimica che reagisce grazie all energia luminosa e provoca un eritema intenso accompagnato da bruciore e correpitelio del follicolo pilifero, inducendo la fase di anagen. Molecole polifenoliche della categoria dei bioflavonoidi (procianidine, proantocianidine, picnogenoli, tannini, ecc.) agiscono contro l interleuchina-1, che vanta proprietà proinfiammatorie, migliorano la microcircolazione, inducono la fase anagen e stimolano la crescita dei cheratinociti follicolari, promuovono la proliferazione dell epitelio follicolare e stimolano in vivo la fase anagen 10. I fitosteroli, presenti nelle piante, si trovano in piccole quantità negli oli vegetali, nell olio di semi di mais e di semi di soia. Presentano un ampio utilizzo nell industria cosmetica e in quella alimentare. Riducono i livelli di colesterolo e hanno effetto antiandrogeno (sitosterolo, genisteina, campesterolo, stigmasterolo). I fitosteroli derivati da piante quali la Serenoa repens (Saw Palmetto), il Pygeum africanum (pigeo africano), la Camellia sinensis (tè verde) l Urtica dioica (ortica) e la soia contrastano l azione del DHT impedendone il legame ai recettori delle cellule del follicolo pilosebaceo, dimostrando la loro efficacia antiandrogena nella trattamento della calvizie 11,12. Infine gli acidi grassi polinsaturi omega 3 hanno dimostrato effetti benefici con azione antinfiammatoria e vasodilatatrice oltre che antiaritmica contro il rischio cardiovascolare. Sono sostanze essenziali perché l organismo non è in grado di produrle e occorre assumerle con la dieta. Costituiscono il film idrolipidico contrastando la secchezza cutanea e hanno azione antiandrogena per inibizione della 5-alfa reduttasi grazie all acido linolenico, che riduce in vitro la produzione di DHT. In conclusione, gli IA sono molto utilizzati nelle varie forme di alopecie, nelle quali però, a volte, hanno funzione di placebo. Infatti in letteratura sono rari gli studi controllati e randomizzati che dimostrino l efficacia di tali prodotti in tricologia. Ad esempio, l apparente miglioramento in caso di TE non sempre è dovuto al trattamento, proprio a causa dell andamento discontinuo della patologia. Non si deve dimenticare che l abuso di IA può portare ad effetti paradossali come casi di alopecia da selenio. Integratori e fotoprotezione La cute è l organo più esposto agli agenti esterni quali raggi ultravioletti (UV), temperatura, vento, microorganismi, fumo e inquinanti. In particolare, noti sono i danni che gli UV provocano alla cute ed è per evitare tali inconvenienti che è sempre necessario utilizzare la fotoprote- 8 Keywords Fotoprotezione, fotoallergia, fototossicità, raggi UV, fotoprotezione topica, schermi solari, fotoprotezione sistemica, carotenodi, betacarotene, vitamina E, acido lipoico, acidi grassi polinsaturi, ubichinone, inositoli, probiotici, prebiotici, simbiotici Key Point Un mezzo per prevenire o rallentare l invecchiamento, cosi come la formazione di lesioni tumorali, è rappresentato dall utilizzo congruo di filtri solari fin dall infanzia e di antiossidanti. Gli antiossidanti agiscono in stretta correlazione tra loro e per questo sono definiti con il termine di network antiossidante. zione, come prevenzione non solo nei soggetti sani, ma anche in alcune patologie fotoindotte. I danni da UV, ma anche da radiazioni infrarosse e dello spettro visibile, si possono manifestare a breve e a lungo termine. Tra i primi sono comprese le ustioni, le reazioni fototossiche e fotoallergiche e l immunosoppressione, tra le seconde il fotoinvecchiamento, i tumori cutanei e le fotodermatosi. Tra i danni acuti ricordiamo l eritema (la scottatura) che consiste in un processo infiammatorio della cute che compare entro 4/6 ore dalla fotoesposizione e regredisce gradualmente in pochi giorni. Esita nella pigmentazione seguita da desquamazione. Quando è grave si possono avere vescicole e bolle accompagnate da sintomatologia dolorosa. Alcuni medicinali e composti chimici e alcuni prodotti per applicazione topica, quando esposti alle radiazioni UV, possono dar luogo a reazioni

9 lato al tempo di esposizione. Mentre le reazioni fotoallergiche possono interessare anche la cute non fotoesposta, le reazioni fototossiche sono confinate nella sede di fotoesposizione. Gli effetti immunologici delle radiazioni solari riguardano patologie sistemiche. Il miglioramento clinico della dermatite atopica o della psoriasi prodotto da esposizione alle radiazioni UV è una chiara dimostrazione che la luce è in grado di modificare le reazioni immunologiche. La radiazione UVB promuove però lo sviluppo di tumori cutanei anche attraverso un effetto soppressivo sul sistema immunitario, che permetterebbe al tumore di evadere la sorveglianza immunologica. Gli UVB provocano la formazione di dimeri di timina nel DNA, mentre gli UVA agiscono attraverso la formazione di Radicali Liberi (RL) e specie reattive dell ossigeno (Reactive Oxygen Species, ROS). Il processo di fotoinvecchiamento, detto anche invecchiamento attinico o estrinseco, accompagna quello cronologico o intrinseco, presentando differenti aspetti biologici, biochimici e molecolari. La cute attinica appare ispessita con rughe profonde, xerotica di colore giallastro, meno elastica, con alterazioni vascolari e pigmentarie e, spesso, con lesioni precancerose e cancerose. Un mezzo per prevenire o rallentare l invecchiamento, così come la formazione di lesioni tumorali, è rappresentato dall utilizzo congruo di filtri solari fin dall infanzia e di antiossidanti quali vitamina E, C, betacarotene, minerali come il selenio, o estratti vegetali (aloe vera, flavonoidi, Hamamelis, Ginkgo biloba). Il cronoinvecchiamento, o invecchiamento intrinseco, è dovuto all età ed è caratterizzato dalla perdita di idratazione, tono ed elasticità della cute per la riduzione del contenuto in acido ialuronico e per alterazione delle fibre collagene di sostegno; si manifesta con rughe profonde, solchi, perdita di definizione dei contorni e svuotamento dei volumi. Per contrastare l invecchiamento è utile fornire con l integrazione le sostanze che fisiologicamente diminuiscono con il passare degli anni come l acido ialuronico e il collagene. Sono importanti anche gli aminoacidi, elementi che servono per sintetizzare le proteine presenti nella cute come il collagene. Un fattore antiossidante largamente utilizzato per l invecchiamento cutaneo è il coenzima Q10 o ubichinone che agisce contro i perossidi che danneggiano le fibre elastiche e collagene. Il resveratrolo è un composto polifenolico presente nella buccia dell uva, nel vino e nei semi oleosi, ha importante attività antiossidante, antinfiammatoria, antiproliferativa, antiangiogenetica e stimola la produzione di collagene 13,14. Tra le fotodermatiti la più comune è la dermatite polimorfa solare erroneamente definita eritema solare. Si manifesta solo dopo irradiazione a luce solare o artificiale, con manifestazioni (papule o vescicopapule) solo sulle zone fotoesposte e con durata di pochi giorni. Contro i danni da radiazioni solari, tuttavia, la cute possiede delle difese naturali quali la pigmentazione (abbronzatura), l aumento dello spessore dell epidermide e il sistema interno di protezione in grado di neutralizzare i ROS, rappresentato dagli antiossidanti endogeni enzimatici e non enzimatici. Gli antiossidanti enzimatici comprendono la superossido dismutasi (SOD), la GSH-Px, la glutatione reduttasi e la catalasi. Gli antiossidanti endogeni non enzimatici comprendono la vitamina C, la vitamina E, il glutatione, l ubichinone (o coenzima Q) e gli acidi grassi polinsaturi omega I danni da esposizione possono essere combattuti con la prevenzione, attraverso comportamenti e misure appropriate quali l uso di cappelli o magliette e con l impiego della fotoprotezione topica (filtri solari o sunscreen). È comunque consigliabile inserire nella dieta quotidiana e a ogni età, vitamine, sali minerali e antiossidanti (fotoprotezione sistemica, FS). Ad esempio, un efficace terapia antiossidante è in grado di rafforzare le difese immunitarie, rallentare l invecchiamento, preservando la cute da eritemi, discromie e rughe. Va ricordato che tale terapia va intensificata un mese prima e durante la forte fotoesposizione e accompagnata sempre da fotoprotettori topici. La FS si afferma sia come terapia complementare, sia come preparazione della cute alla fotoesposizione sia stimolando la pigmentazione, sia aumentando le difese degli antiossidanti endogeni. Altro compito è quello della immunomodulazione cutanea assunto dai nuovi fotoprotettori sistemici a base di probiotici, prebiotici e simbiotici, che rinforzano le difese immunologiche cutanee. La FS comprende sostanze di diversa origine, tutte caratterizzate dallo stesso obiettivo. Poiché l esposizione solare e artificiale produce ROS e RL, il razionale è quello di contrastare o prevenire la formazione di queste molecole molto attive e nocive. La loro principale funzione non riguarda solo un generico effetto anti-radicalico, ma un effetto protettivo cellulare, in particolare sul DNA dei cheratinociti, il quale rappresenta 9

10 uno dei target specifici per le diverse molecole attivate dall ossigeno. Tra i fotoprotettori sistemici elenchiamo: i carotenoidi, pigmenti giallo-rossi, liposolubili; in natura ne esistono oltre 600 tra cui ricordiamo beta-carotene, cantaxantina, zeaxantina, luteina, licopene 16 ; il beta-carotene, elemento naturale presente nei vegetali e frutta, viene utilizzato ad alte dosi in patologie fotoindotte quali ad esempio alcune forme di porfiria; nonostante oggi sia meno di moda, ha azione di prevenzione contro l eritema anche durante la fototerapia con UV e riduce il numero dei cheratinociti apoptotici 17 ; l azione antiossidante di altri carotenoidi, quali astaxantina e licopene, presenti nei vegetali a foglia verde (spinaci, cavolfiori e cavoli), sembra essere più efficace; il licopene in particolare stimola la produzione di enzimi cellulari antiossidanti come la SOD, la glutatione-transferasi e quinone-reduttasi; luteina e zeaxantina hanno particolare azione di protezione dell occhio; la vitamina E (alfa-tocoferolo) e la vitamina C (acido ascorbico) hanno funzione sinergica contro il danno dei ROS e RL; la prima in particolare inibisce la perossidazione dei lipidi di membrana, ripristina il glutatione in forma ridotta, diminuisce nei topi tumori ed elastosi UVB-indotti, mentre la seconda modula la produzione di melanina, la sintesi e il metabolismo del collagene e dell elastina, contrastando la perdita di tono ed elasticità cutanea dovuti al fotodanno 18 ; l acido lipoico (o tiottico), a volte indicato come vitamina N, partecipa a diversi meccanismi antiossidanti quali la rigenerazione del glutatione ridotto e della vitamina C, è chelante degli ioni metallici e inibisce le specie reattive dell azoto; gli acidi grassi polinsaturi omega 3 (PolyUnsaturated Fatty Acid, PUFA), presenti in molte varietà di pesci, hanno il compito di mantenere integre le membrane cellulari; denominati anche come vitamina F, hanno azione antiossidante e antinfiammatoria; sono antagonisti competitivi degli acidi grassi polinsaturi omega 6, competendo con enzimi responsabili della produzione di mediatori dell infiammazione (prostaglandine, prostacicline e leucotrieni); questi acidi grassi hanno anche azione anti-genotossica, cioè contrastano i danni al DNA provocati dagli UV 19 ; l ubichinone, o coenzima Q o vitamina Q, è un coenzima ossidoriduttivo, ubiquitario nei sistemi biologici soprattutto nelle membrane mitocondriali, con capacità di trasferimento 10 di elettroni e quindi di azione antiossidante; in particolare il coenzima Q10 è largamente usato anche nelle disfunzioni cardiache e nel carcinoma mammario. Alcuni elementi, come il selenio e lo zinco, sono importanti cofattori di enzimi antiossidanti endogeni (ad esempio la glutatione perossidasi). In modelli animali si è osservato che il selenio, peraltro raramente carente nell organismo, in associazione con la vitamina E e altri antiossidanti, riduce l eritema da UV e protegge dall insorgenza di neoplasie cutanee, mentre lo zinco, che è costituente di enzimi ad azione antiossidante come la SOD, riduce l immunosoppressione. L inositolo o acido fitico, che si trova in cereali, legumi e semi oleosi, ha azione antiossidante e antinfiammatoria. Contrasta le reazioni ossidative catalizzate dal ferro e ha anche azione schiarente per la sua attività antitirosinasica. Alcuni polifenoli (picnogenoli, antocianidine, acido ferulico) presenti nel regno vegetale sono utili nella prevenzione della lipoperossidazione delle membrane cellulari e come sequestratori di RL, possiedono capacità antiossidanti, antinfiammatorie e anticarcinogenetiche in quanto in grado di prevenire la formazione dei dimeri di pirimidina UV-indotti. Il più rappresentato nel tè verde (Camellia sinensis) è l epigallocatechina gallato. I polifenoli contenuti nel Polypodium leucotomos, estratto di una felce dell America Centrale, diminuiscono la formazione di dimeri di pirimidina nei soggetti con precancerosi cutanee proteggendo gli enzimi di riparazione del DNA, diminuiscono l eritema riducendo del 50% la produzione di citochine infiammatorie (interleuchina 1 e fattore di crescita tumorale α) e del 90% la PGE2, mediatore dell infiammazione 20. Il punicoside, estratto dal melograno, riduce la formazione dei dimeri di pirimidina e agisce come distruttore dei RL. Altri estratti vegetali che hanno dimostrato proprietà antiossidanti e fotoprotettive sono la silimarina, un estratto del latte di cardo contenente una miscela di flavonoidi 21, e la genisteina, un isoflavone contenuto nella soia, classificato come fitoestrogeno perché capace di legare i recettori per gli estrogeni. Altri flavonoidi sono apigenina, quercetina, resveratrolo, rutina. Recentemente viene utilizzata una pianta originaria dell India (Emblica officinalis) per le sue numerose attività terapeutiche basate sulle sue proprietà antiossidanti e utilizzata con successo nella protoporfiria eritropoietica. I probiotici sono microorganismi vivi che

11 migliorano l equilibrio microbico intestinale. Le organizzazioni internazionali suggeriscono che devono essere di origine umana, avere resistenza ai succhi gastrici, capacità di proliferare nell intestino e devono sopravvivere nei preparati commerciali. I più noti probiotici comprendono batteri lattici, in particolare lattobacilli, bifidobatteri e streptococchi, ma alcuni probiotici appartengono ai generi Enterococcus, Bacillus e anche ad alcuni lieviti come Saccaromyces boulardii, isolato dal frutto di mangostano. È chiaro che i benefici e la sicurezza di un determinato probiotico sull organismo devono essere dimostrati con adeguate prove scientifiche. Lo studio dei prebiotici è iniziato negli anni 90. Sono zuccheri non digeribili (cellulosa, gomme, pectine) con basso potere dolcificante, presenti negli ortaggi e nella frutta. Stimolano selettivamente la crescita e/o l attività di batteri benefici del colon, riducono l assorbimento del colesterolo e aumentano l assorbimento di calcio e magnesio. Devono essere non assorbibili dall intestino e devono essere selettivi sui batteri intestinali. I frutto-oligosaccaridi, per esempio, giungono integri nel colon dove svolgono un effetto bifidogeno, promuovendo cioè la crescita di bifidobatteri. Sono definiti simbiotici la combinazione di prebiotici e probiotici, disponibili sotto forma di integratori o alimenti. Il loro razionale è quindi basato sul fornire i microrganismi utili e le sostanze di cui essi hanno bisogno per crescere e svilupparsi, una volta raggiunto l intestino. In conclusione, gli antiossidanti agiscono in stretta correlazione tra loro e per questo sono definiti con il termine di network antiossidante. Formano un pool dinamico e integrato in cui il deficit di uno o più elementi può essere bilanciato dall incremento di un altro elemento del pool, in modo da mantenere l omeostasi ossidoriduttiva contro il danno ossidativo. È necessario utilizzare più di un antiossidante per mantenere l equilibrio difensivo in quanto agiscono meglio della monoterapia. Da ricordare che lo scopo della FS non è quello di aumentare il tempo di esposizione solare, ma quello di permettere un esposizione contrastando quanto possibile i danni indotti dagli UV. Gli integratori alimentari in alcune patologie dermatologiche In campo dermatologico sempre più frequentemente e con successo gli IA vengono affiancati alle più comuni terapie dermatologiche per Keywords Cellulite, acne, rosacea, dermatite atopica, psoriasi, vitiligine Key Point In campo dermatologico sempre più frequentemente e con successo gli IA vengono affiancati alle più comuni terapie dermatologiche per potenziarne l effetto. potenziarne l effetto. Riportiamo alcune patologie dermatologiche in cui vengono spesso usati gli IA. Cellulite La cellulite (panniculopatia edemato-fibrosclerotica, PEFS) è un disturbo caratteristico della donna post-pubere dovuto ad alterazioni del microcircolo venolinfatico e a infiammazione ipodermica che sta alla base di un processo fibrotico che rende la problematica irreversibile. Le cause sono genetiche, anatomiche e ormonali. La manifestazione caratteristica è la cute a buccia d arancia per lo più sulle cosce e sui glutei, spesso abbinata ad adiposità localizzata. Viene utilizzata la bromelina, derivata dal gambo di ananas, con attività proteolitica, che contrasta il processo di fibrosi. Il silicio favorisce il drenaggio dei liquidi, la funzionalità delle vie urinarie e il trofismo del tessuto connettivo. L escina e la cumarina migliorano il microcircolo. Il caffè verde, ricco di polifenoli, ha attività antiossidante e contrasta il processo infiammatorio della cellulite. L estratto secco di mirtillo nero aiuta la funzionalità del microcircolo ed è utile, insieme alla vitamina C, nella cellulite come in tutte le problematiche vascolari da fragilità capillare, come anche la rosacea. Nei casi in cui sia associata adiposità localizzata sono utili la carnitina, aminoacido che contribuisce a trasformare in energia i grassi di deposito favorendone l ossidazione a livello mitocondriale, e la metionina, che favorisce la mobilizzazione dei grassi di deposito. Acne L acne è una patologia dermatologica frequente soprattutto, ma non solo, nell età giovanile. È causata da un processo infiammatorio, di ipercheratinizzazione, di iperproduzione di sebo e di infezione da Propionibacterium acnes dell unità pilo-sebacea. Si manifesta con comedoni, papulo-pustole e talora noduli e cisti in volto e/o al dorso. Gli IA che vengono usati nell acne agiscono su questi principi patogenetici. Lo zinco ha attività antisettica e specifica contro 11

12 P. acnes, antinfiammatoria in quanto modula la chemiotassi leucocitaria, l attività dei linfociti Natural Killer (NK), la fagocitosi dei macrofagi e l espressione di numerose citochine come fattore di crescita tumorale, interleuchina 2, interleuchina 12 e integrine; possiede inoltre anche attività sebostatica 22. La nicotinamide o niacina ha attività antinfiammatoria per inibizione della fosfodiesterasi, della chemiotassi leucocitaria, della degranulazione dei mastociti; provoca la riduzione della secrezione di enzimi lisosomiali e amine vasoattive. Mentre viene sconsigliato il consumo di latte nei pazienti acneici, il latte fermentato arricchito con lattoferrina sembra avere effetto benefico 23. Nelle pazienti con acne affette da sindrome dell ovaio policistico l integrazione con mio-inositolo migliora l assetto ormonale e la resistenza insulinica riducendo di conseguenza l intensità dell acne 24. Gli acidi grassi hanno un importante attività antinfiammatoria 25. Rosacea È una dermatite infiammatoria multifasica e multifattoriale, caratterizzata da eritema, teleangectasie (couperose) e talvolta papulo-pustole e colpisce prevalentemente il volto. La propensione di questa forma per i soggetti con pelle chiara e occhi azzurri e la sua comparsa o riaccensione nei mesi primaverili sono ben note. Dal punto di vista patogenetico il passaggio dalla prima fase di flushing a quella di eritrosi persistente è causato dal danno attinico cronico sulle fibre elastiche vasali e del connettivo perivasale soprattutto al volto. I pazienti con rosacea non sembrano essere particolarmente fotosensibili, eccettuato forse per una maggiore risposta eritemigena agli UVA. Come già detto, sono noti i danni cutanei provocati dalle radiazioni solari ultraviolette. I danni acuti e cronici possono essere prevenuti o almeno in parte rallentati da una buona fotoprotezione topica, che deve essere iniziata già dalla prima infanzia. È noto infatti che i bambini si espongono al sole tre volte più di un adulto nelle stesse condizioni di tempo atmosferico e luogo e che l insorgenza del melanoma è più frequente in quei soggetti che nella loro adolescenza hanno subito numerose scottature solari. L uso di filtri e schermi solari può in sostanza evitare in alcuni casi i danni attinici. Spesso questa viene affiancata dalla FS che si avvale essenzialmente di carotenoidi oltre che da antimalarici di sintesi. Sembra comunque che quest ultima non abbia alcuna efficacia terapeutica di rilievo. Tra le altre molecole anti radicali liberi/specie dell ossigeno reattivo si ricordano la vitamina E, la vitamina C, il selenio e i flavonoidi. Dermatite atopica La dermatite atopica (DA) è una dermatite eczematosa su base allergica che si manifesta con prurito, lesioni eczematose, xerosi (cute secca). È una manifestazione dell atopia spesso associata ad alterazioni allergiche come asma, rinite allergica, orticaria, allergie alimentari, aumento della produzione di IgE. Poiché è caratterizzata da alterazioni del film idro-lipidico cutaneo, la supplementazione con PUFA oltre all effetto antinfiammatorio ha anche attività immunomodulante, regolando l attività delle cellule di Langerhans e dei mastociti. Infatti gli acidi grassi ne riducono l infiammazione e i probiotici hanno effetto benefico sia sulla manifestazione clinica sia a livello immunologico migliorando il rapporto tra linfociti T helper e linfociti T regolatori. I probiotici inoltre ripristinano la microflora intestinale spesso alterata causa di una maggiore permeabilità della mucosa intestinale con conseguente maggior rischio di sensibilizzazione allergica ad alimenti. I probiotici quindi hanno molteplici funzioni nel paziente atopico: regolano il sistema immunitario innato e acquisito, riducono la traslocazione batterica, ripristinano la funzione barriera della mucosa intestinale, inducono la produzione di citochine antinfiammatorie e facilitano il mantenimento della tolleranza immunitaria 26,27. Psoriasi La psoriasi è una malattia infiammatoria cutanea con andamento cronico-recidivante caratterizzata da placche eritemato-desquamanti con eventuale coinvolgimento delle unghie e delle articolazioni. L eziopatogenesi è genetica e immunitaria. I linfociti T attivati rilasciano diverse citochine, tra cui il fattore di crescita tumorale alfa, che a loro volta provocano infiammazione e aumento della velocità di riproduzione delle cellule basali dell epidermide. Gli IA utilizzati in associazione alle numerose terapie mediche comprendono il selenio, per la sua attività di regolazione della risposta immunitaria e riduzione dei livelli di fattore di crescita tumorale alfa 28. Gli acidi grassi ne riducono la componente infiammatoria e sono utili per migliorare l assetto lipidico ematico, frequentemente alterato nei pazienti psoriasici

13 Vitiligine La vitiligine è una dermopatia ad eziologia autoimmune caratterizzata dalla comparsa di chiazze acromiche sulla cute per danno alla melanogenesi; sono pertanto soggetti particolarmente fotosensibili. Frequentemente vengono utilizzati gli antiossidanti che contrastano il danno di tipo ossidativo che subiscono i melanociti e lo stress ossidativo UV mediato che i pazienti con vitiligine subiscono quando sono in fototerapia, anche perché tali pazienti dimostrano di avere una diminuzione degli antiossidanti endogeni. L acido paraminobenzoico, o vitamina B10, funziona da schermo solare proteggendo la cute acromica esposta dalle scottature, mentre la L-tirosina, un aminoacido precursore della melanina, favorisce la sintesi endogena di melanina. Malattie autoimmuni Sono un vasto gruppo di patologie causate da un aggressione del sistema immunitario nei confronti di strutture autologhe; ne fanno parte, ad esempio, il lupus eritematoso, la sclerodermia e l alopecia areata. La vitamina E viene utilizzata in quanto riduce lo stress ossidativo che gioca un ruolo importante nella patogenesi dell autoimmunità; altri antiossidanti sono a loro volta utili per limitare la fotosensibilità caratteristica di alcune di queste patologie 30. Conclusioni Da un intervista a consumatori di Integratori Alimentari (IA) eseguita nel 2004 dall Associazione delle Donne Dermatologhe Italiane, emerge che gli IA sono consigliati per il 35% dal medico di base, per il 33% dal farmacista, per il 23% dal dermatologo e per una piccola parte dai media (vedi Figura 4). Gli IA, pur non avendo proprietà curative, si sono dimostrati utili in alcune patologie come supporto alla terapia farmacologica. Quindi è bene ricordare che gli IA devono essere assunti in caso di aumentato fabbisogno, ad esempio nello sport, o di diminuita assunzione come in alcune diete, in caso di cambiamenti metabolici o fisiologici come l invecchiamento, la gravidanza o la menopausa, o in alcune patologie con carenze di specifici elementi. Figura 4. Provenienza del consiglio sull utilizzo di integratori in percentuale. La percentuale è superiore a 100, in quanto nel sondaggio si potevano indicare più opzioni. 13

14 Bibliografia Trost LB, Bergfeld WF, Calogeras E. The diagnosis and treatment of iron deficiency and its potential relationship to hair loss. J Am Acad Dermatol. 2006;54: Prasad AS. Discovery of human zinc deficiency: 50 years later. J Trace Elem Med Biol. 2012;26: Vinton NE, Dahlstrom KA, Strobel CT, Ament ME. Macrocytosis and pseudoalbinism: manifestations of selenium deficiency. J Pediatr. 1987;111: Finner AM. Nutrition and hair: deficiencies and supplements. Dermatol Clin. 2013;31: Rushton DH. Nutritional factors and hair loss. Clin Exp Dermatol. 2002;27: Sinclair R. There is no clear association between low serum ferritin and chronic diffuse telogen hair loss. Br J Dermatol. 2002;147: Karashima T, Tsuruta D, Hamada T, Ono F, Ishii N, Abe T, Ohyama B, Nakama T, Dainichi T, Hashimoto T. Oral zinc therapy for zinc deficiency-related telogen effluvium. Dermatol Ther. 2012;25: Itin PH, Sarasin A, Pittelkow MR. Trichothiodystrophy: update on the sulfur-deficient brittle hair syndromes. J Am Acad Dermatol. 2001;44: Collin C, Gautier B, Gaillard O, Hallegot P, Chabane S, Bastien P, Peyron M, Bouleau M, Thibaut S, Pruche F, Duranton A, Bernard BA. Protective effects of taurine on human hair follicle grown in vitro. Int J Cosmet Sci. 2006;28: Takahashi T, Kamiya T, Yokoo Y. Proanthocyanidins from grape seeds promote proliferation of mouse hair follicle cells in vitro and convert hair cycle in vivo. Acta Derm Venereol. 1998;78: Rossi A, Mari E, Scarno M, Garelli V, Maxia C, Scali E, Iorio A, Carlesimo M. Comparitive effectiveness of finasteride vs Serenoa repens in male androgenetic alopecia: a twoyear study. Int J Immunopathol Pharmacol. 2012;25: Prager N, Bickett K, French N, Marcovici G. A randomized, double-blind, placebocontrolled trial to determine the effectiveness of botanically derived inhibitors of 5-alpha-reductase in the treatment of androgenetic alopecia. J Altern Complement Med. 2002;8: Catalgol B, Batirel S, Taga Y, Ozer NK. Resveratrol: French paradox revisited. Front Pharmacol. 2012;3: Buonocore D, Lazzeretti A, Tocabens P, Nobile V, Cestone E, Santin G, Bottone MG, Marzatico F. Resveratrol-procyanidin blend: nutraceutical and antiaging efficacy evaluated in a placebocontrolled, doubleblind study. Clin Cosmet Investig Dermatol. 2012;5: Black HS. Systemic photoprotective agents. Photodermatol. 1987;4: Mathews-Roth MM. Photoprotection by carotenoids in animals and man. Photochem Photobiol. 1988; 47: 87S. 17. Garmyn M, Ribaya JD, Mercado RM, Russel RM, Bhawan J, Gilchrest BA. Effect of beta-carotene supplementation on the human sunburn reaction. Exp dermatol 1995; 4: Eberlein-König B, Ring J. Relevance of vitamins C and E in cutaneous photoprotection. J Cosmet Dermatol. 2005;4: Pilkington SM, Watson RE, Nicolaou A, Rhodes LE. Omega-3 polyunsaturated fatty acids: photoprotective macronutrients. Exp Dermatol. 2011;20: Siscovick JR, Zapolanski T, Magro C, Carrington K, Prograis S, Nussbaum M, Gonzalez S, Ding W, Granstein RD. Polypodium leucotomos inhibits ultraviolet B radiationinduced immunosuppression. Photodermatol Photoimmunol Photomed. 2008;24: Katiyar SK, Mantena SK, Meeran SM. Silymarin protects epidermal keratinocytes from ultraviolet radiation-induced apoptosis and DNA damage by nucleotide excision repair mechanism. PLoS One. 2011;6:e Brandt S. The clinical effects of zinc as a topical or oral agent on the clinical response and pathophysyologic mechanism of acne: a systematic review of the literature. J Drugs Dermatol. 2013;12: Kim J, Ko Y, Park YK, Kim NI, Ha WK, Cho Y. Dietary effect of lactoferrin-enriched fermented milk on skin surface lipid and clinical improvement of acne vulgaris. Nutrition. 2010; 26: Zacchè MM, Caputo L, Filippis S, Zacchè

15 G, Dindelli M, Ferrari A. et al. Efficacy of myo-inositol in the treatment of cutaneous disorders in young women with polycystic ovary syndrome. Gynecological Endocrinology 2009;25: Khayef G, Young J, Burns-Whitmore B, Spalding T. Effect of fish oil supplementation on inflammatory acne. Lipids health dis. 2012;11: Iemoli E, Trabattoni D, Parisotto S, Borgonovo L, Toscano M, Rizzardini G, Clerici M, Ricci E, Fusi A, De Vecchi E, Piconi S, Drago L. Probiotics reduce gut microbial translocation and improve adult atopic dermatitis. J Clin Gastroenterol. 2012;46 Suppl:S Foolad N, Brezinski EA, Chase EP, Armstrong AW. Effect of Nutrient Supplementation on Atopic Dermatitis in Children: A Systematic Review of Probiotics, Prebiotics, Formula, and Fatty Acids. Arch Dermatol. 2012;17: Nazıroğlu M, Yıldız K, Tamtürk B, Erturan İ, Flores-Arce M. Selenium and psoriasis. Biol Trace Elem Res. 2012;150: Nicolaou A. Eicosanoids in skin inflammation. Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2013;88: Ramadan R, Tawdy A, Abdel Hay R, Rashed L, Tawfik D. The antioxidant role of paraoxonase 1 and vitamin E in three autoimmune diseases. Skin Pharmacol Physiol. 2013;26:

16 # OBIETTIVOFARMACISTA OBIETTIVOFARMACISTA Schede di informazione al paziente Integratori alimentari e benessere cutaneo È una scoperta relativamente recente che il benessere della pelle può essere ottenuto non solo attraverso l uso di creme e lozioni, ma anche attraverso un alimentazione varia e, nel caso, l uso di specifici integratori alimentari. La cute è l organo più esposto agli agenti esterni quali raggi ultravioletti (UV), temperatura, vento, microorganismi, fumo e inquinanti. In particolare, noti sono i danni che gli UV provocano alla cute ed è per evitare tali inconvenienti che è sempre necessario utilizzare la fotoprotezione, come prevenzione non solo nei soggetti sani, ma anche in alcune patologie fotoindotte. I danni da UV, ma anche da radiazioni infrarosse e dello spettro visibile, si possono manifestare a breve e a lungo termine. Tra i primi sono comprese le ustioni, le reazioni fototossiche e fotoallergiche e l immunosoppressione, tra le seconde il fotoinvecchiamento, i tumori cutanei e le fotodermatosi. Tra i danni acuti ricordiamo l eritema (o scottatura ) che consiste in un processo infiammatorio della cute che compare entro 4/6 ore dalla fotoesposizione e regredisce gradualmente in pochi giorni. Evolve nella pigmentazione seguita da desquamazione. Quando è grave si possono avere vescicole e bolle accompagnate da sintomatologia dolorosa. Il processo di fotoinvecchiamento, detto anche invecchiamento attinico o estrinseco, accompagna quello cronologico o intrinseco, presentando differenti aspetti biologici, biochimici e molecolari. La cute attinica appare ispessita con rughe profonde, secca di colore giallastro, meno elastica, con alterazioni vascolari e pigmentarie, e, spesso, con lesioni precancerose e cancerose. Un mezzo per prevenire o rallentare l invecchiamento, cosi come la formazione di lesioni tumorali, è rappresentato dall utilizzo congruo di filtri solari fin dall infanzia e di antiossidanti quali vitamina E, C, betacarotene, minerali come il selenio, o estratti vegetali (aloe vera, flavonoidi, Hamamelis, Ginkgo biloba). Il cronoinvecchiamento, o invecchiamento intrinseco, è dovuto all età ed è caratterizzato dalla perdita di idratazione, tono ed elasticità della cute per la riduzione del contenuto in acido ialuronico e per alterazione delle fibre collagene di sostegno; si manifesta con rughe profonde, solchi, perdita di definizione dei contorni e svuotamento dei volumi. Per contrastare l invecchiamento è utile fornire con l integrazione le sostanze che fisiologicamente diminuiscono con il passare degli anni come l acido ialuronico e il collagene. Sono importanti anche gli aminoacidi, elementi che servono per sintetizzare le proteine presenti nella cute come il collagene. Un fattore antiossidante largamente utilizzato per l invecchiamento cutaneo è il coenzima Q10 o ubichinone che agisce contro i perossidi che danneggiano le fibre elastiche e collagene. Il resveratrolo, un composto polifenolico presente nella buccia dell uva, nel vino e nei semi oleosi, ha importanti attività antiossidante, antinfiammatoria, antiproliferativa, antiangiogenetica e stimola la produzione di collagene. TIMBRO FARMACIA Integratori alimentari e benessere cutaneo - Ultimo aggiornamento 14/09/2013. Esame delle urine - Ultimo aggiornamento 20/02/2010. NOTA. Le informazioni fornite hanno lo scopo di informare ed educare ma non possono in alcuna maniera sostituire la valutazione medica, il consiglio, la diagnosi o il NOTA. Le informazioni fornite hanno lo scopo di informare ed educare ma non possono in alcuna maniera sostituire la valutazione medica, il consiglio, la diagnosi o il trattamento prescritti da medico o farmacista. I contenuti presentati vengono revisionati periodicamente e quando nuove informazioni mediche sono disponibili. Sul foglietto illustrativo trattamento prescritti da medico o farmacista. I contenuti presentati vengono revisionati periodicamente e quando nuove informazioni mediche sono disponibili. Sul foglietto illustrativo presente nella confezione del farmaco o del prodotto che sta assumendo troverà tutte le informazioni complete al riguardo. presente nella confezione del farmaco o del prodotto che sta assumendo troverà tutte le informazioni complete al riguardo.

17 Questionario ECM di valutazione apprendimento - Corso 3 - Modulo 7 Integratori alimentari e benessere cutaneo Scegliere una sola risposta per ogni domanda. Per superare il test è necessario rispondere correttamente almeno al 75% delle domande (9 su 12) Attenzione: l ordine delle domande e delle risposte non corrisponde necessariamente all ordine delle domande e delle risposte del questionario disponibile online (come da nuova normativa ECM FAD). 1. Quali dei seguenti aminoacidi solforati sono costituenti del fusto? o a. metionina o b. cistina o c. cisteina o d. tutte le risposte indicate 2. La biotina viene anche chiamata: o a. vitamina H o b. acido ascorbico o c. vitamina PP o d. vitamina A 3. L alopecia androgenetica è influenzata dai seguenti fattori eccetto: o a. miniaturizzazione del follicolo o b. aumento della frequenza e della durata della fase kenogen o c. sincronizzazione del ciclo vitale o d. effetto del diidrotestosterone 4. L alopecia androgenetica è un fenomeno che interessa: o a. il 5% della popolazione o b. il 50% della popolazione o c. il 95% della popolazione caucasica o d. nessuna delle risposte indicate 5. Danni cutanei da radiazione a breve termine sono i seguenti eccetto: o a. ustioni o b. immunosoppressione o c. fotodermatosi o d. reazioni fototossiche 6. Il selenio è componente della: o a. catalasi o b. GSH-perossidasi o c. SOD o d. aromatasi 7. È una vitamina liposolubile: o a. vitamina C o b. vitamina D o c. vitamina H o d. vitamina PP 8. Quale vitamina non è utilizzata nella fotoprotezione: o a. vitamina A o b. vitamina C o c. vitamina H o d. vitamina E 9. L acido tiottico corrisponde a: o a. acido lipoico o b. acido citrico o c. acido evernico o d. acido glicolico 10. Favoriscono la vita dei batteri intestinali benefici: o a. i probiotici o b. i prebiotici o c. gli antiossidanti o d. i carotenoidi 11. Lo zinco ha attività: o a. sebostatica o b. antinfiammatoria o c. antisettica o d. tutte le risposte indicate 12. Non è un carotenoide? o a. zeaxantina o b. silimarina o c. licopene o d. astaxantina 30

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

STRUTTURA DEI CAPELLI

STRUTTURA DEI CAPELLI I CAPELLI Struttura del capello Composizione chimica Fisiologia del capello I tipi di capelli Il colore dei capelli Patologie di cute e capello Trattamento igienico I CAPELLI I capelli sono un mezzo d'espressione

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Capelli sani: quanto ne sai?

Capelli sani: quanto ne sai? Antonella Tosti Antonella Tosti è Professore Ordinario di Clinica Dermatologica presso l Università di Bologna. Da molti anni si interessa di malattie dei capelli ed è considerata un esperto in questo

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com

LABOREST Italia S.p.A Via Vicinale di Parabiago 22 20014 Nerviano - Tel. 0331415253 info@laborest.com www.laborest.com VISTA vista ALADIN 200 DHA 30 capsule Ingredienti: Olio di pesce titolato in DHA, gelatina alimentare, umidificanti: glicerolo, sorbitolo.agente rivestimento:gommalacca, coloranti:e171,e172; stabilizzanti:trietilcitrato,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

La Vitamina A La Vitamina D

La Vitamina A La Vitamina D LE VITAMINE La Vitamina A La vitamina A o retinolo è una vitamina liposolubile che serve per la differenziazione delle cellule epiteliali, la spermatogenesi, regolazione dello sviluppo osseo, il sistema

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

VITAMINE IDROSOLUBILI

VITAMINE IDROSOLUBILI VITAMINE IDROSOLUBILI VITAMINA B1 o TIAMINA formula di struttura Stabile in soluzione acida Sensibile al calore, alle basi e alla luce UV VITAMINA B1 assorbimento Sito di assorbimento: duodeno tramite

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale

Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale L attuale impressionante diffusione delle patologie tumorali è diretta conseguenza del mutato contesto ambientale

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group

Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group Le Le tecnologie tecnologie Baldan Baldan Group Group Le tecnologie Baldan Group Le tecnologie Baldan Group Epilazione progressiva e permanente in totale sicurezza. Epilazione Pharma Epil progressiva System

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Alimentazione e Cancro

Alimentazione e Cancro Alimentazione e Cancro Dott.ssa Veronica Villani Neurologo Istituto Regina Elena Alimentazione e Cancro Non si vuole proporre una dieta Si vuole fornire una panoramica sulle ricerche effettuate per valutare

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli