CELIACHIA NEGLI STATI UNITI: UN CASO DI OPPORTUNITÀ MANCATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CELIACHIA NEGLI STATI UNITI: UN CASO DI OPPORTUNITÀ MANCATE"

Transcript

1 CELIACHIA NEGLI STATI UNITI: UN CASO DI OPPORTUNITÀ MANCATE Anne Roland Lee MSED (Master of Science in Education), RD (Registered Dietitian), CDN (Certified Dietitian Nutritionist), Schar USA Studio del caso: Inizieremo la nostra discussione sulla celiachia con lo studio di un caso. Tale studio ci consentirà di osservare e valutare la procedura diagnostica della celiachia negli Stati Uniti. Caso: Durante il nostro primo incontro, nel febbraio del 2007, Joan non faceva che ribadire la sua eccitazione. Io ero un po' scettico, in quanto non accade spesso che i pazienti si dimostrino eccitati di fronte a un dietista, sapendo che molto presto dovranno cambiare drasticamente il proprio stile di vita e le abitudini alimentari. Tuttavia, Joan disse che qualunque cambiamento sarebbe stato un sollievo, se paragonato al lungo calvario che l'aveva portata fino a me. La sua storia inizia con ripetute visite al medico di base, in cui lamenta stitichezza, ciclo mestruale irregolare e lieve affaticamento. I sintomi persistettero per tutto il periodo universitario e ancora quando iniziò a lavorare. Una volta sposata e dopo aver lavorato per uno o due anni, si sentì pronta per un figlio. Per un anno intero provò a restare incinta, ma senza risultati. Il ginecologo disse che era più che normale, trattandosi della prima gravidanza. Ancora due anni di vani tentativi, e Joan si rivolse a uno specialista della fertilità. Dopo il primo ciclo di terapia ormonale, e diverse migliaia di dollari, la gravidanza ancora non arrivava. Joan ricontattò lo specialista, perplessa per il fatto che il trattamento non aveva funzionato. Da ulteriori visite emersero una forma di anemia, colesterolo elevato, affaticamento continuo e stitichezza cronica (colesterolo: 257, ferro: 22, RBC: 3.2) nulla che giustificasse il mancato concepimento. Un altro ciclo di terapia ormonale, altre migliaia di dollari spese, e ancora niente bambini! A questo punto, il ginecologo consigliò a Joan una visita dal gastroenterologo, in modo tale da curare la stitichezza cronica che stava progressivamente peggiorando. Questi ordinò una serie di esami di laboratorio e una revisione dettagliata della sua anamnesi. Dopo aver analizzato i risultati, il medico disse a Joan di aver compreso la causa dei vari sintomi che la affliggevano, e forse anche del mancato concepimento. I suoi livelli di anticorpi erano: Gliadina Ab IgG: 62 (> 30 = positivo) Gliadina Ab IgA: 162 (> 30 = positivo) TTg: 18 (> 7 = positivo) Una biopsia intestinale Marsh 2b confermò che si trattava di celiachia. Schär Professional Seite 1 von 13

2 Joan era sulla via della guarigione, ma tutto dipendeva dall'assunzione di cereali senza glutine a fibra solubile, folato e calcio nelle giuste quantità e un integratore vitaminico prenatale senza glutine. Ci siamo incontrati diverse volte per monitorare la dieta, il livello di anticorpi e i risultati di altri test di laboratorio. A novembre 2007, i livelli di anticorpi erano quasi normali: IgG: 10, IgA: 35 e TTG: Anche il colesterolo e l'anemia si erano stabilizzati. Quando gli anticorpi si furono normalizzati, si presentò il dilemma: fecondazione in vitro o concepimento naturale? Nel gennaio 2008, Joan ha concepito naturalmente. Credo che la storia di Joan rifletta vari aspetti della diagnosi e del trattamento della celiachia negli Stati Uniti. Spesso i sintomi si manifestano in forma lieve, per cui non ci si rivolge a uno specialista, oppure sono disturbi comuni a numerose altre diagnosi, e per questo vengono spesso trascurati. Non di rado sono i pazienti, con la loro ostinazione, a spronare il proprio medico ad andare oltre, a cercare una diagnosi alternativa, una causa per i sintomi persistenti. Negli Stati Uniti, la lunga strada che porta alla diagnosi è stata accuratamente documentata (1). Per avere un quadro completo della celiachia negli Stati Uniti, occorre innanzitutto analizzare l'attuale grado di conoscenza della malattia. Background La celiachia è una malattia autoimmunitaria provocata dalla presenza di glutine nella dieta alimentare. Questa malattia geneticamente determinata comporta lo sviluppo di una risposta infiammatoria delle cellule T mediata dalle IgA. Tale risposta infiammatoria causa l'atrofia villosa dell'intestino tenue, tipico segnale d'allarme per la diagnosi della malattia. Il morbo celiaco può manifestarsi in varie forme, da malattia asintomatica fino a grave malassorbimento e deperimento (2). Un tempo si pensava che la celiachia fosse una malattia infantile rara, mentre ora è risaputo che colpisce l'1% della popolazione (2,3). Sappiamo anche che il morbo celiaco non colpisce soltanto i Paesi europei; al contrario, è stato identificato nelle popolazioni di Asia, Africa, Sud America e Medio Oriente (4). L'unico trattamento per la celiachia consiste nell'osservanza di una dieta senza glutine per tutta la vita. L'estrema rigidità della dieta ha un impatto rilevante sulla qualità della vita del celiaco. Descrizione fisiologica della malattia Presentazione Le persone affette da celiachia, o enteropatia da glutine, reagiscono alle sequenze proteiche specifiche di frumento, segale e orzo. In particolare, è la sequenza amminoacidica a provocare l'immunoreazione. L'ingestione del glutine causa problemi nel processo digestivo, con la permanenza di un frammento tossico della gliadina. Proprio la molecola di amminoacido 33 sembra essere la causa della risposta infiammatoria (5). Questa sequenza proteica penetra nella mucosa intestinale e né gli enzimi digestivi né quelli pancreatici sono in grado di eliminarla. La sequenza penetra quindi nella lamina propria, provocando il rilascio delle cellule T. La presenza delle cellule T nella lamina propria provoca a sua volta l'attivazione delle citochine, la produzione degli anticorpi e la risposta infiammatoria (5). L'atrofia dei villi intestinali e l'infiammazione della mucosa causano il già citato malassorbimento. Vedere Figura 1. Schär Professional Seite 2 von 13

3 Figura 1. Meccanismo immunologico, tipico della celiachia, che si verifica nella lamina propria. La gliadina penetra nella lamina propria, dove viene deamminata dalla transglutaminasi tissutale (ttg), consentendo alla molecola di gliadina di unirsi alla molecola DQ2 o DQ8 nelle cellule di presentazione dell'antigene. La gliadina viene presentata alle cellule T ristrette per la gliadina CD4, che rilasciano interferone e altre citochine causanti l'atrofia dei villi intestinali. Ristampa autorizzata da: Sanil J. Manavalan, Dottore in Medicina, ricercatore universitario, Dipartimento di Medicina, Celiac Disease Center, Columbia University, New York, NY. Un tempo si pensava che i sintomi classici del morbo celiaco fossero diarrea, gonfiori di stomaco, perdita di peso, dolori addominali, deperimento, malassorbimento e arresto della crescita. Tuttavia, non tutte le persone affette da celiachia presentano sintomi. Nell'ambito della prassi clinica, studi recenti (1,6) hanno dimostrato come la celiachia venga diagnosticata in molte persone alla ricerca di un trattamento per altri disturbi, che in realtà sono secondari alla malattia in questione. Ora è risaputo che la condizione celiaca può essere diagnosticata a qualunque età (1). Spesso le persone malate si presentano con anemia, osteoporosi, neuropatia periferica, affaticamento, o addirittura con lo screening di un familiare (8). La celiachia è stata categorizzata in quattro classi principali, sulla base della conferenza di consenso NIH (9). Per iniziare una discussione sull'impatto di una dieta senza glutine, occorre prima comprendere cosa sia il glutine. La parola "glutine" viene spesso utilizzata come termine generico per indicare le proteine di frumento, segale e orzo. Più precisamente, si tratta della forma di accumulo specifica delle proteine nel frumento (gliadina), nella segale (secalina) e nell'orzo (ordeina), che sono infatti gli elementi di interesse. È la sequenza amminoacidica specifica in questi tre cereali a provocare l'immunoreazione in una persona affetta da celiachia (10,11). Cereali diversi hanno sequenze proteiche diverse, che li rendono tossici oppure sicuri. In alcuni studi, l'inclusione dell'avena era legata all'accettazione della dieta senza glutine priva di effetti negativi sulla biopsia intestinale (12, 13). Attualmente, gli unici cereali tossici noti sono il frumento (e tutti i derivati), la segale e l'orzo. L'avena non possiede la stessa sequenza proteica, pertanto non contiene "glutine". È stata Schär Professional Seite 3 von 13

4 considerata un cereale dubbio a causa di una frequente contaminazione incrociata da frumento durante la raccolta, la macinatura e la lavorazione (13, 14). Trattamento Indipendentemente dalla gravità dei danni intestinali, o dalla mancanza di sintomi a livello intestinale, l'unico trattamento per le persone affette da celiachia consiste nella rigorosa osservanza di una dieta senza glutine per tutta la vita. L'osservanza della dieta deve essere rigida. Benché il trattamento possa sembrare semplice, occorre una certa diligenza per rispettare una dieta senza glutine. Le fonti dirette di glutine sono presenti nel frumento, nella segale e nell'orzo, con i rispettivi derivati. Ma vi sono anche fonti nascoste di glutine in molti alimenti di uso comune. Uno studio recente ha dimostrato come anche l'ingestione di piccole quantità di glutine, un pezzetto di ostia della Comunione, fosse sufficiente a impedire la guarigione intestinale in una persona che normalmente osservava una rigida dieta senza glutine (15). Questo tipo di dieta consente all'intestino di guarire. Tuttavia, l'effetto a lungo termine di piccole dosi di glutine ripetute resta sconosciuto. Un caso ha evidenziato come la ripetuta ingestione di un pezzetto di ostia della Comunione causasse livelli di anticorpi molto elevati e danni intestinali in una rigida dieta senza glutine (16). È risaputo, in ogni caso, che la mancata osservanza della dieta comporta gravi conseguenze. La celiachia non curata è associata ad un tasso di mortalità superiore dell'1,9-3,8% rispetto alla popolazione normale (3). Incide molto anche sui casi di sterilità, osteoporosi, neuropatia periferica, linfomi, cancro dell'intestino tenue e dell'esofago. Degno di nota, tuttavia, è l'effetto protettivo della dieta senza glutine. Un gruppo di pazienti seguito per cinque anni non ha evidenziato alcun aumento del tasso di mortalità rispetto ai valori di riferimento (3). Fonti nascoste di glutine È importante ricordare che una dieta senza glutine influisce sulla quantità di amido e cereali prevista da un piano alimentare. Per contro, gli altri gruppi alimentari comprendono svariati cibi naturalmente privi di glutine. Occorre soltanto prestare attenzione a un'assunzione bilanciata dal punto di vista nutrizionale. Vi sono tuttavia molti alimenti che vengono considerati dubbi, ad esempio zuppe, sughi, salsa di soia, condimenti, cibi lavorati o confezionati, e persino la glassa per dolci. Senza dimenticare che anche alcuni farmaci contengono glutine. Negli Stati Uniti l'elenco degli ingredienti deve essere accuratamente controllato e, qualora non sia chiaro, occorre contattare i produttori prima di considerare un alimento sicuro. Il Food Allergen Labeling and Consumer Protection Act (FALCPA - legge sull'etichettatura degli allergeni alimentari e la protezione del consumatore), approvato dal congresso nel 2004 (17), obbliga i produttori a indicare chiaramente se un prodotto contiene anche solo uno degli otto allergeni alimentari principali, tra cui il frumento. Ciò significa che anche il frumento, se presente, va indicato sulle etichette come ingrediente. La legge, tuttavia, non cita l'orzo e la segale. La FDA ha proposto nuove regole per l'etichettatura dei cibi senza glutine, che includerebbero il nuovo standard Codex con la relativa soglia di 20 parti per milione. L'utilizzo del termine "senza glutine" fornirà tanto ai produttori quanto ai pazienti una definizione chiara della sicurezza dei cibi riguardo a tutte le fonti di glutine. Schär Professional Seite 4 von 13

5 Valutazione nutrizionale La conoscenza dell'intolleranza al glutine e la terapia nutrizionale medica utilizzata devono evolversi di pari passo. Le valutazioni nutrizionali standard, che includono il peso e i dati di laboratorio, sono alla base della valutazione nutrizionale di una persona affetta da celiachia. Tuttavia, per una valutazione completa, occorre guardare ben oltre le basi. Per valutare ed educare correttamente i celiaci, occorre essere consapevoli della necessità di un'integrazione nutrizionale, conoscere le varie modalità di presentazione, nonché i componenti sociali ed emotivi tipici dello stile di vita di un celiaco. La consulenza nutrizionale di una persona affetta da morbo celiaco deve essere un evento totalizzante. Il piano di assistenza nutrizionale implica una valutazione nutrizionale approfondita, che comprende i seguenti elementi essenziali: una storia dietetica e/o un'anamnesi alimentare di 3 giorni, altezza, peso, IMC, analisi dell'anamnesi del paziente e dei familiari più stretti, analisi dei sintomi, analisi dei dati di laboratorio e altri test. Altrettanto importanti sono un'analisi dei comportamenti alimentari e di acquisto, una valutazione sociale/emotiva e un'educazione approfondita (vedere Tabella 1) (18). Schär Professional Seite 5 von 13

6 Tabella 1. Piano di assistenza nutrizionale per la celiachia Strumenti Storia dietetica/anamnesi alimentare Fisici Test/latenze Medici Valutazione Quantità adeguata di: Calorie Proteine Calcio Ferro Complesso B Frutta/Verdura Ferro Comportamento alimentare e di acquisto Preferenze culturali/religiose Esperienza in cucina Propensione/tempo per cucinare Uso di cibi già pronti vs. integrali Consumo dei pasti al ristorante vs. a casa Cibi preferiti/preferenze Altezza, peso, IMC, grafico di crescita per i bambini Pelle, capelli e unghie Densità ossea/risultati endoscopici Altri test Albumina, colesterolo, HDL, LDL Hgb, Hct, ferro, transferrina, TIBC, B12 Na, K +, Ca + Pelle, capelli e unghie Anamnesi familiare Sintomi associati o malattie correlate Farmaci/integratori Interventi Consigli generali per la dieta 1-2 g proteine/kg di peso corporeo calorie/kg di peso corporeo Possibilmente cibi a basso contenuto di fibre, con aumento graduale successivo Possibilmente cibi senza lattosio Possibilmente cibi poveri di grassi Utilizzare l'anamnesi alimentare e suggerire i modi per correggere i deficit nutritivi. Includere modifiche alle ricette e snack utili ad aumentare l'apporto nutritivo. Aggiungere frutta e verdura se l'apporto è inadeguato Consigli generali Integrazione di calcio: Bambini 500 mg/giorno Adulti 1000/1500 mg/giorno Multivitamine, se necessario Bambini standard 1/giorno Adulti Maschio standard 1/giorno Femmina prenatali con contenuto di vitamina A moderato Se 56 formula senior Integrazione di ferro, se necessario Modificare la dieta sulla base di altre condizioni mediche, p. es. diabete, ipertensione arteriosa Verificare l'eventuale presenza di glutine nei farmaci e le interazioni cibo/farmaco Valutazione sociale/emotiva Risposta alle domande su diagnosi e dieta Sostegno familiare Livello d'istruzione Rimando ai servizi sociali, se necessario Enfasi sui benefici per la salute di una dieta senza glutine - Coinvolgere la famiglia nell'educazione nutrizionale Schär Professional Seite 6 von 13

7 Analisi dei sintomi Gonfiore/gas Diarrea Stitichezza Provare cibi senza lattosio Enfasi sulle fonti di calcio senza latticini e su un apporto proteico adeguato Utilizzare gocce o tavolette di enzimi digestivi per il lattosio quando si utilizzano latticini Utilizzare fibra solubile estratta da frutta e granuli vegetali per risolvere i problemi di diarrea/stitichezza Incoraggiare un'assunzione di liquidi adeguata Programmare 3 pasti leggeri e 3 snack, incluso l'apporto proteico per ognuno In caso di diminuzione della tolleranza ai grassi, potrebbe essere d'aiuto assumere enzimi digestivi o pancreatici Nel caso di persone affette da celiachia, si dovrebbe prestare particolare attenzione ai dati di laboratorio. In presenza di danni all'intestino tenue, è normale che si verifichino problemi di malassorbimento. Pertanto, è necessario monitorare attentamente ferro, calcio, elettroliti e albumina. Altri test da verificare sono quelli relativi alla funzione tiroidea, alla densità ossea e all'assorbimento del calcio. Educazione/Consulenza L'ultimo componente del piano di assistenza riguarda l'educazione. Questa fase è probabilmente la più intensa in termini di tempo e profondità delle informazioni. L'educazione di un paziente a una dieta senza glutine riguarda tutti gli aspetti sociali di uno stile di vita tipico del celiaco, ma occorre prestare attenzione a non fornire un carico eccessivo di informazioni e valutare la predisposizione all'apprendimento dell'individuo. L'educazione a uno stile di vita senza glutine dovrebbe essere suddivisa almeno in due sessioni: la prima incentrata sulle capacità di sopravvivenza, le deficienze nutrizionali, l'acquisto di prodotti senza glutine e i problemi di natura sociale; la seconda incentrata sui cereali alternativi, l'esercizio fisico e il mantenimento dello stato di salute generale (18). I problemi in ambito scolastico e sociale dovrebbero essere analizzati in ogni sessione, in quanto si tratta delle due aree in cui lo stile di vita senza glutine ha il maggior impatto negativo (1,19). Studio della qualità della vita La qualità della vita è descritta come una percezione dello stato generale di salute e benessere, influenzante e influenzata da tutti gli aspetti della nostra vita. Gli ambiti, o aree, includono il benessere sociale, religioso, emotivo, economico e fisico di un individuo (20); in poche parole, lo stato mentale. Dal momento che la qualità della vita influenza ed è influenzata dalla salute fisica e la percezione del benessere di una persona, tale qualità sarà condizionata dalla salute fisica, la presenza di sintomi, la relativa prognosi e la percezione dello stato di salute. Schär Professional Seite 7 von 13

8 La qualità della vita è un fattore importante da studiare nelle persone affette da celiachia, poiché la dieta senza glutine influisce su ogni aspetto della vita di tali persone. Occorre anche riconoscere che mangiare non significa solo soddisfare la necessità fisiologica di sostanze nutritive. Spesso si tratta di un'azione strettamente correlata alle nostre vite, alle esigenze culturali, sociali ed emotive. I problemi riguardanti la qualità della vita sono spesso causa della mancata osservanza di una dieta corretta da parte dei celiaci (21). Gli ostacoli da superare, per seguire una dieta senza glutine, sono molti. Etichette dei cibi incomplete, impossibilità di conoscere gli ingredienti nei ristoranti, scarsa conoscenza e accettazione dell'intolleranza al glutine da parte degli altri sono solo alcuni di questi ostacoli. La qualità della vita è stata studiata da Lohiniemi, Hallert e Mustelahti (20,21,22) in Europa, ma non è stata approfondita, fino ad ora, negli Stati Uniti (19,23). La popolazione europea e quella americana hanno percezioni diverse circa l'impatto della celiachia e della dieta senza glutine sulla qualità della vita (1,19, 23). Hallert ha dimostrato (24) un certo miglioramento, in una scala di valutazione della depressione generale, dopo un anno di dieta senza glutine. Anche lo studio di Watson (25) ha evidenziato un miglioramento generale nella qualità della vita dopo un anno di dieta senza glutine, in particolare per quanto riguarda funzione sociale, benessere emotivo e salute mentale. Tuttavia, il gruppo oggetto di studio ha ottenuto risultati inferiori rispetto ai valori di riferimento, anche dopo aver osservato una dieta senza glutine (25). Un'area in cui si evidenziano differenze tra europei e americani riguarda la risposta in base al sesso. Uno studio svedese ha descritto le donne come più sintomatiche, con una valutazione dello stile di vita inferiore rispetto agli uomini (20), mentre negli Stati Uniti è stato dimostrato che gli uomini subivano un impatto negativo sulla vita familiare al pari delle donne (23). Un impatto negativo maggiore, per gli uomini americani, è risultato nell'ambito del consumo di pasti fuori casa (19). L'aspetto comune di questi studi è il riconoscimento della difficoltà ad osservare una dieta, specialmente in particolari situazioni sociali, con una malattia il cui unico trattamento prevede l'osservanza di una rigida dieta per tutta la vita. Come si può notare dalla Figura 2, entrambi i sessi sono negativamente influenzati dalla dieta senza glutine in varie situazioni sociali (26). Schär Professional Seite 8 von 13

9 Negative impact of gluten-free diet on quality of life by gender and lifestyle area. 70% 60% 50% 40% 30% male female 20% 10% 0% social activities dining out travel family work Figura 2: Impatto negativo per situazione e sesso La qualità della vita nelle persone affette da celiachia è stata oggetto di numerosi studi (20, 21, 22) in Europa. In genere, è stato rilevato un impatto negativo sulla qualità della vita nel suo complesso. In passato, questi studi hanno utilizzato strumenti che misurano la qualità della vita correlata allo stato di salute generale, una scala di valutazione dei sintomi gastrointestinali e un'indagine sulla depressione. Lo strumento più comunemente utilizzato è l'indagine sulla qualità della vita correlata allo stato di salute generale, definita indagine SF 36, che copre gran parte degli ambiti descritti in precedenza. Non fa però riferimento alla fede religiosa né ai sentimenti spirituali dell'individuo. L'aspetto comune di questi studi è il riconoscimento della difficoltà ad osservare una dieta, specialmente in particolari situazioni sociali, con una malattia il cui unico trattamento prevede l'osservanza di una rigida dieta per tutta la vita. In uno studio condotto da Ciacci (27), in cui è stata utilizzata una scala di depressione Zung modificata, è stato scoperto che gli adulti affetti da celiachia, in particolare quelli con una vita sociale attiva, faticavano ad accettare le restrizioni imposte dalla dieta. I celiaci avevano una qualità della vita correlata alla salute inferiore rispetto ai modelli di riferimento non celiaci. Lo studio descrive il modello di risposta psicologico-emotiva alla diagnosi della celiachia. La reazione iniziale alla diagnosi del morbo celiaco è spesso un senso di sollievo per aver finalmente accertato il problema (25). Spesso, Schär Professional Seite 9 von 13

10 questo sollievo iniziale è seguito da sentimenti di paura, rabbia, ansietà e tristezza. Si tratta di sentimenti tendenzialmente correlati all'osservanza della dieta. Spesso gli adulti associano questi sentimenti a una sensazione di diversità e isolamento. Secondo lo studio di Ciacci, i pazienti che manifestavano rabbia erano meno propensi a seguire la dieta (27). Mancata osservanza e complicazioni Da uno studio di Green è emerso che le persone affette da celiachia erano propense a "tradire intenzionalmente" la dieta in particolari situazioni sociali, pranzi e cene fuori casa, feste e altri avvenimenti fuori dalle mura domestiche. Solo il 68% delle persone risultava aver seguito la dieta "sempre", mentre il 30% ammetteva di averla seguita "quasi sempre" (1). Benché il tasso di osservanza possa essere considerato positivo, se paragonato a quello di altri regimi dietetici, le conseguenze della mancata osservanza per le persone affette da celiachia sono molto gravi. Esistono maggiori rischi di sterilità, neuropatie periferiche, perdita ossea, linfomi e cancro dell'intestino tenue e dell'esofago (23). In uno studio successivo è stato evidenziato come sia gli uomini che le donne riportassero un elevato tasso di osservanza (98% per entrambi i sessi). Tuttavia, a una domanda circa la mancata osservanza intenzionale della dieta, un numero sorprendente di persone ha ammesso l'imprudenza. Gli uomini hanno ammesso di aver intenzionalmente tradito la dieta durante attività sociali (81%), al ristorante (82%) e in compagnia di amici (58%); per quanto riguarda le donne, le percentuali salivano a 88% (attività sociali), 88% (ristoranti) e 67% (amici) (26). Interrogati sul motivo della mancata osservanza in tali situazioni, il 73% ha risposto che la dieta era troppo restrittiva. Altre motivazioni emerse includevano il fatto che la dieta fosse "scomoda" da seguire in determinate situazioni sociali (69%), difficile (68%), insipida (45%) e troppo cara (33%) (26). Nello studio canadese (28), Cranney ha rilevato che il 38% dei soggetti non viaggia o evita di viaggiare e l'81% evita pranzi e cene fuori casa, a causa della difficoltà di seguire una dieta senza glutine. Di recente, grazie al lavoro svolto da gruppi di supporto ed enti nazionali, alcuni ristoranti e catene di ristorazione hanno integrato l'offerta con un menu o singoli piatti senza glutine. La sfera economica della qualità della vita è inclusa in studi (1, 26) condotti negli Stati Uniti, ma non in quelli condotti in Europa. La ragione potrebbe risiedere in alcune differenze nel metodo di fornitura dell'assistenza medica. Negli Stati Uniti è stato condotto uno studio per valutare il costo e la disponibilità degli alimenti senza glutine. È stata presa in considerazione una serie di prodotti disponibili sul mercato, identificati per marca, peso o dimensione della confezione. Più precisamente, si trattava di prodotti a base di frumento e degli equivalenti senza glutine. Uno degli obiettivi dello studio era valutare le differenze di prezzo tra i vari luoghi d'acquisto, considerando diverse regioni e diversi tipi di negozio (un alimentari generico, un alimentari esclusivo, un negozio macrobiotico e quattro siti Internet per la vendita di prodotti alimentari). Come si evince dalla Figura 3, la disponibilità dei prodotti senza glutine variava a seconda del negozio: 36% per il negozio di alimentari generico, 41% per quello esclusivo, 94% per il negozio di cibi macrobiotici e 100% per i siti Internet (26). Schär Professional Seite 10 von 13

11 La distribuzione dei prodotti senza glutine nelle farmacie, negli Stati Uniti, non è così comune come in Europa. Figura 3. Disponibilità dei prodotti senza glutine in base al negozio % dei prodotti Intern et Negozio macrobiotic Alimentari esclusivo Alimentari generico Le barre rappresentano la percentuale di tutti i prodotti per tutte le regioni Lo studio ha rilevato inoltre che, in generale, ogni prodotto senza glutine era più costoso rispetto all'equivalente a base di frumento (p 0,05). Osservando la Figura 4, si nota come il prezzo di pane e pasta fosse doppio rispetto agli equivalenti a base di frumento in gran parte delle regioni degli Stati Uniti (26). Figura 4. Confronto tra prodotti con e senza glutine 1.00 Regular Gluten-Free Price per ounce Bread Cereal Waffles Crackers Cookies Pretzels Pasta Pizza Macaroni & Cheese I valori corrispondono alla media del prezzo per oncia di tutti i negozi in tutte le regioni. Schär Professional Seite 11 von 13 Cake

12 Negli Stati Uniti, tutte le spese per l'assistenza sono a carico del cliente, mentre in alcuni paesi europei sono incluse nei fondi statali destinati alla copertura medica. Se a questo si aggiunge il costo elevato dei prodotti senza glutine, vien da chiedersi se non sia anche l'aspetto economico a compromettere l'osservanza della dieta, nonché la qualità della vita. Conclusione La celiachia è una malattia autoimmunitaria comune. La presentazione nei singoli individui varia dalla forma asintomatica, a manifestazioni extraintestinali quali ad esempio una dermatite erpetiforme, fino a gravi forme di malnutrizione e deperimento. Indipendentemente dalla forma in cui si presenta, negli Stati Uniti emerge la necessità di una maggiore consapevolezza. Occorre inoltre diminuire i tempi che intercorrono tra i sintomi iniziali, o la ricerca di una cura, e la diagnosi finale. Come si può notare dallo studio di Cranney (28), il 61% degli intervistati ha dichiarato che una diagnosi precoce contribuirebbe senz'altro a migliorare la vita delle persone affette da celiachia. Tutti questi fattori influiranno positivamente sulla qualità della vita di un celiaco. Bibliografia 1. Green PH, Stavropoulos S, Pangagi S, et al. Characteristics of adult celiac disease in the USA: Results of a national survey. Am J Gastroenterol. 2001;96: Alaedini A, Green PH. Narrative review: Celiac disease: Understanding a complex autoimmune disorder. Ann Intern Med. 2005;142: Green PH, Jabri B. Celiac disease. Annu Rev Med. 2006;57: Green PH, Lee A. Celiac disease: An emerging epidemic. Current Nutrition & Food Science. 2005;1(3): Shan I, Molberg O, Parrot I, et al. Structural basis for gluten intolerance in celiac sprue. Science. 2002;297: Telega G Bennet TR, Werlin S. Emerging new clinical patterns in the presentation of celiac disease. Arch Pediatr Adolesc Med. 2008;162(2): Fasano A, Berti I, Gerarduzzi T, et al. (2003) Prevalence of celiac disease in at risk and not at risk groups in the United States: a large multi center study. Arch Intern Med.;163: Murray J. The widening spectrum of celiac disease. Am J Clin Nutr. 1999;69: James SP. National Institutes of Health consensus development conference statement on celiac disease, June 28-30, Gastroenterology. 2005;128(4 Pt 2):S Kasarda D. Defining cereals toxicity in celiac disease. In: Feighery C, O Farrelly F, eds. Gastrointestinal Immunology and Gluten-Sensitive Disease. Dublin, Ireland: Oak Tree Press; 1994: Dicke WK, Weijers HA, van de Kamer JH. Coeliac disease. II The presence in wheat of a factor having a deleterious effect in cases of coeliac disease. Ada Paediatr. 1953;42: Schär Professional Seite 12 von 13

13 12. Peraaho M, Kaukinen K, Mustalahti k, et al. Effect of an oats containing glutenfree diet on symptoms and quality of life in celiac disease. A randomized study. Scand J Gastroenterol. 2004;39: Janatuinen E, Pikkarainen P, Kemppainen T, et al. A comparison of diets with and without oats in adults with celiac disease. N Engl J Med. 1995;333(16): Arentz-Hansen H, Fleckenstein B, Molberg O, et al. The molecular basis for oat intolerance in patients with celiac disease. PloS Med. 2004;1(1):e Fasano A., Catassi C.(2005) Coeliac disease in children. Best Practice & Research Clinical Gastroenterology. Jun;19(3): Biagi F, Campanella J, Martucci S, et al. A milligram of gluten a day keeps the mucosal recovery away: A case report: Nutr Rev. 2004;62(9): FDA. (2007). Registro federale, Protocollo N. 2005N Etichettatura degli alimenti: Etichettatura degli alimenti senza glutine. 18. Lee AR. (2004) Nutritional assessment and care of celiac disease. Clin Connect.24: Lee AR, Newman J. Celiac diet: Its impact on quality of life. J Am Diet Assoc. 2003;103: Lohiniemi S, Mustalahti K, Colon P, Maki M. Misurazione della qualità della vita nei pazienti celiaci. 9 Simposio Internazionale sulla Celiachia; 1998; Tampere, Finlandia. 21. Hallert C, Granno C, Hulten S, et al. Living with celiac disease: Controlled study of the burden of illness. Scan J Gasteonterol. 2002; 7: Mustalahti K, Lohiniemi S, Collin P, et al. Gluten-free diet and quality of life in patients with screen-detected celiac disease. Eff Clin Pract. 2002;5: Lee AR, Diamond B, Ng D, Ciaccio E Green PH. Quality of life of individuals with celiac disease in the United States. 2007; Articolo di stampa. 24. Hallert C. Nutritional deficiencies and psychological problems in adult celiac disease. Nutrition in Gastrointestinal Disease. Raven Press New York 1987; Johnston S, Rodgers C, Watson RGP. Quality of life in screen detected and typical celiac disease and the effect of excluding dietary gluten. Eur J Gastroenterol Hepatol. 2004,16: Lee AR, Ng D, Zivin J, Green P. Economic burden of a gluten-free diet. J Hum Nutr Diet. 2007;20(5): Ciacci C, Iavarone A, Siniscalchi M, Romano R, De Rosa A. Psychological dimensions of celiac disease: Toward an integrated approach. Dig Dis Sci. 2002;47(9): Cranney A, Zarkadas M, Graham ID, Butzner JD, Rashid M, Warren R, Molloy M, Case S, Burrows V, Switzer C.. The Canadian Celiac Health Survey. Dig Dis Sci Apr;52(4): Schär Professional Seite 13 von 13

COMPLIANCE E DIETA SENZA GLUTINE

COMPLIANCE E DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 04_2009 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA COMPLIANCE E DIETA SENZA GLUTINE n ANALISI SISTEMATICA: OSSERVANZA DI UNA DIETA SENZA GLUTINE IN PAZIENTI ADULTI AFFETTI DA CELIACHIA

Dettagli

Malattia celiaca. Conoscere la Celiachia. La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta

Malattia celiaca. Conoscere la Celiachia. La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta Malattia celiaca Conoscere la Celiachia La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta Dott.ssa Roberta Maccaferri U.O. di Pediatria Ospedale di Mirandola DEFINIZIONE La malattia celiaca (MC) è una enteropatia

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI?

COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? COMPLIANCE ALLA DIETA SENZA GLUTINE: QUALI EVIDENZE DAGLI STUDI FINORA CONDOTTI? Firenze, 31 marzo 2012 Francesco Valitutti UOC Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE

LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Seconda Università di Napoli Università di Salerno LA CELIACHIA COME MALATTIA SOCIALE Dott.ssa Monica Siniscalchi Psicologa Psicoterapeuta IL CIBO SIMBOLO DELLA VITA L idea del cibo deriva da eventi che

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti CELIACHIA E una enteropatia autoimmune geneticamente determinata,caratterizzata da una risposta autoimmune contro la glutine, contenuto nel grano, orzo, segale, farro ed altri cereali minori. E caratterizzata

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA.

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Tesi di laurea Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA

PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA LA DIAGNOSTICA SIEROLOGICA A. BIANO LAB. PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE La CELIACHIA è l intolleranza permanente al glutine, sostanza di natura proteica

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

CELIACHIA. definizione

CELIACHIA. definizione CELIACHIA definizione Intolleranza permanente al glutine, cioè una sostanza proteica presente in numerosi cibi (pane, pasta, biscotti, pizza,e pietanze contenenti orzo frumento e segale) SI NASCE O SI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante:

PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante: PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante: interventi a favore dei soggetti celiaci Il Dirigente F.to antonio cortellaro Il Presidente f.to Nazzareno salerno

Dettagli

7. DISTURBI ALIMENTARI

7. DISTURBI ALIMENTARI 7. DISTURBI ALIMENTARI Introduzione La maggior parte degli individui può generalmente assumere una grande varietà di cibo senza alcun problema. Per un gruppo sempre maggiore di persone, tuttavia, determinati

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana

Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana Dr.ssa Simona De Stefano Ministero della Salute Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Ufficio V Nutrizione

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di Primo Grado "Carlo Vicari" Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010

Scuola Secondaria Statale di Primo Grado Carlo Vicari Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010 Scuola Secondaria Statale di Primo Grado "Carlo Vicari" Castagnole delle Lanze Anno scolastico 2009/2010 Unità didattica di apprendimento sul problema della fame nel mondo. Sottosezione di Geografia a

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Non solo celiachia: il glutine e i suoi eccessi nella pratica del farmacista.

Non solo celiachia: il glutine e i suoi eccessi nella pratica del farmacista. Non solo celiachia: il glutine e i suoi eccessi nella pratica del farmacista. In Italia come ad Haiti guarire carenze ed eccessi nel rispetto della persona Celiachia vs Gluten sensitivity Una nuova malattia,

Dettagli

Cosa succede quando la celiachia È donna

Cosa succede quando la celiachia È donna Cosa succede quando la celiachia È donna Menopausa, osteoporosi, rischi legati alla gravidanza. La celiachia nei soggetti femminili si accompagna a una serie di problemi aggiuntivi. Un Gruppo Clinico formato

Dettagli

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007.

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. 1 2 3 4 5 Il Frumento Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. L'alimento che più consumiamo è sicuramente il frumento; pane, pasta, dolci,

Dettagli

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Recentissimi studi

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

Celiachia e Gluten Sensitivity: Dubbi o certezze? Maria Teresa Bardella

Celiachia e Gluten Sensitivity: Dubbi o certezze? Maria Teresa Bardella Congresso Regionale AIC Lombardia Milano, Sabato 23 Marzo 2013 Celiachia e Gluten Sensitivity: Dubbi o certezze? Maria Teresa Bardella Centro per la Prevenzione e Diagnosi della Malattia Celiaca IRCCS

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2712 del 29 dicembre 2014

ALLEGATOA alla Dgr n. 2712 del 29 dicembre 2014 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2712 del 29 dicembre 2014 DOCUMENTO DI INQUADRAMENTO PER LA DIAGNOSI ED IL MONITORAGGIO DELLA CELIACHIA Quesito 1 Qual è il protocollo diagnostico

Dettagli

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia Dipartimento di Sanità Pubblica Servizo Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DIETE SPECIALI E CELIACHIA nei nidi d'infanzia di Modena 24 Marzo 2010 MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze

Dettagli

Allergie: I disturbi si manifestano rapidamente, subito dopo l'ingestione di un

Allergie: I disturbi si manifestano rapidamente, subito dopo l'ingestione di un INTOLLERANZE ALIMENTARI & PRESTAZIONE SPORTIVA In questo articolo vorrei ripresentare in maniera più approfondita un argomento alquanto dibattuto sia in campo medico (convenzionale e non) e sia in campo

Dettagli

Avvertenza per allergici

Avvertenza per allergici RITTER-SPORT.IT Buono a sapersi Avvertenza per allergici Le reazioni positive prevalgono. chocolate makes you happy. For 5% of Germans, this is not necessarily true, however, as they have an allergy

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

CAUSE DI MALNUTRIZIONE

CAUSE DI MALNUTRIZIONE CAUSE DI MALNUTRIZIONE INADEGUATO INTROITO DI NUTRIENTI DIFFICOLTA AD ALIMENTARSI Insufficiente introito di energia e proteine con gli alimenti MALNUTRIZIONE CORRELATA ALLA MALATTIA Malnutrizione: conseguenze

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica

Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica F.Ferretti U.O. di Mal Epatometaboliche Osp. Pediatrico Bambino Gesù - Roma Palazzo dei Congressi EUR 10.10.2015 Malattia celiaca (MC)

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Dott. R. Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli

Dott. R. Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli Dott. R. Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli Agadir, 18 25 luglio 2008 Malattia celiaca Aberrante risposta immune mucosale, secondaria all ingestione di gliadina di grano

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

PERCORSO ASSISTENZIALE PER LA PATOLOGIA RARA DERMATOLOGICA RARA: DERMATITE ERPETIFORME

PERCORSO ASSISTENZIALE PER LA PATOLOGIA RARA DERMATOLOGICA RARA: DERMATITE ERPETIFORME Allegato 4 PERCORSO ASSISTENZIALE PER LA PATOLOGIA RARA DERMATOLOGICA RARA: DERMATITE ERPETIFORME 1) Percorso Assistenziale Com è noto, la DE è una dermatosi rara, attualmente considerata come l espressione

Dettagli

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI

LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI LE ALLERGIE E LE INTOLLERANZE ALIMENTARI La differenza tra allergie e intolleranze alimentari L allergia è una reazione esagerata del sistema immunitario a sostanze ritenute pericolose per l organismo.

Dettagli

Cos è la celiachia? Centro Interdipartimentale di Ricerca in Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione

Cos è la celiachia? Centro Interdipartimentale di Ricerca in Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione La Celiachia Cos è la celiachia? La celiachia è un intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente in avena, frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale. L incidenza di questa

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

CELIACHIA. Corsi di Formazione/Informazione per operatori della ristorazione e albergatori (ex L. 123/05) Margherita Bonamico

CELIACHIA. Corsi di Formazione/Informazione per operatori della ristorazione e albergatori (ex L. 123/05) Margherita Bonamico CELIACHIA Corsi di Formazione/Informazione per operatori della ristorazione e albergatori (ex L. 123/05) Margherita Bonamico U.O.D. Celiachia e Patologie da Malassorbimento D. A. I. di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

Cosa è il cancro colorettale

Cosa è il cancro colorettale Cosa è il cancro colorettale La maggioranza dei cancri colorettali si sviluppa da un ingrossamento non-maligno nel grosso intestino conosciuta come adenoma. Nelle prime fasi, gli adenomi assomigliano a

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è il colon irritabile Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è il colon irritabile INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 22-0 05/09/2012 INDICE Sindrome dell'intestino irritabile 4 Che cosa è la

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Dossier N.12. Malattia Celiaca. Aggiornamento tecnico scientifico A cura della: D.ssa Simonetta Signorini

Dossier N.12. Malattia Celiaca. Aggiornamento tecnico scientifico A cura della: D.ssa Simonetta Signorini Dossier N.12 Malattia Celiaca Aggiornamento tecnico scientifico A cura della: D.ssa Simonetta Signorini Dossier N. 12 Febbraio 2011 Indice Introduzione 4 Genetica 5 Fattore Ambientale e Processi Infiammatori

Dettagli

VALORE SCIENTIFICO DOCUMENTATO

VALORE SCIENTIFICO DOCUMENTATO MF P H A R M A Isoflavoni da Trifoglio Rosso Integra le carenze - Riduce i disagi Protegge dall invecchiamento VALORE SCIENTIFICO DOCUMENTATO Cos è la menopausa? In una donna la menopausa segna il passaggio

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

Stare bene con Genutrix Approfondisci i nostri campi Per Genutrica, si intende il metodo della medicina personalizzata applicata alla Nutrizione, che i professionisti di Genutrix, applicheranno ai pazienti

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Alimentazione e nutrizione umana

Alimentazione e nutrizione umana Alimentazione e nutrizione umana Docente: Dipartimento: Indirizzo: Prof. Anna Tagliabue Sanità Pubblica, Medicina Sperimentale e Forense Via Bassi, 21 20124 Pavia Telefono: 0382 987868/69 E-mail: Ricevimento:

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

DIETA E STILI DI VITA

DIETA E STILI DI VITA Salute del bambino e sicurezza alimentare: analisi del rischio di d adenti chimici e fattori associati a stili di vita ISS Roma 22-23 23 giugno 2005 DIETA E STILI DI VITA Marco Silano, M.D. Dipartimento

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico

I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico I DISTURBI DEL TRATTO DIGESTIVO INFERIORE: Caso Clinico Dott.ssa Lucy Vannella Università Sapienza Roma, Ospedale Sant Andrea Sabato 25 Ottobre 2008 FIUMICINO (ROMA) Caso Clinico Donna, 40 anni, forte

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

La gestione degli effetti collaterali delle terapie e delle complicanze post-chirurgiche

La gestione degli effetti collaterali delle terapie e delle complicanze post-chirurgiche / Incontro nazionale A.I.G. Associazione Italiana GI ST Onlus Giornata di approfondimento medico sui GIST dedicata ai pazienti Bologna - 29 Marzo 2014 La gestione degli effetti collaterali delle terapie

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

GLUTEN SENSITIVITY (Valutazione immunitaria della sensibilità al glutine)

GLUTEN SENSITIVITY (Valutazione immunitaria della sensibilità al glutine) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

Il ruolo della carne nell alimentazione degli anziani

Il ruolo della carne nell alimentazione degli anziani L'organizzazione settoriale dell'economia svizzera della carne Proviande società cooperativa Finkenhubelweg 11 Casella postale CH-3001 Berna +41(0)31 309 41 11 +41(0)31 309 41 99 info@proviande.ch www.carnesvizzera.ch

Dettagli

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria La comunicazione con l assistito nel percorso di screening per i MAP 01 giugno 2013 e 16 novembre 2013

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo?

TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? 3 Giornate Gastro-epatologiche Cuneesi Vicoforte, 19-20 febbraio 2010 TEST AL LATTOSIO : quando richiederlo? Carlo Sguazzini, Marco Astegiano, Renato Bonardi, Daniele Simondi S.C. Gastro-epatologia 1 U.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La celiachia o malattia celiaca (MC) è un intolleranza

La celiachia o malattia celiaca (MC) è un intolleranza Camera dei Deputati 9 Senato della Repubblica I n t r o d u z io n e La celiachia o malattia celiaca (MC) è un intolleranza alimentare autoimmune permanente, scatenata in soggetti geneticamente predisposti,

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Il consumo alimentare nelle famiglie milanesi: motivazioni alla scelta, aspettative e decisioni

Il consumo alimentare nelle famiglie milanesi: motivazioni alla scelta, aspettative e decisioni Il consumo alimentare nelle famiglie milanesi: motivazioni alla scelta, aspettative e decisioni Vincenzo Russo Università IULM 29 Marzo 2012 - Milano Le aree indagate Caratteristiche anagrafiche e sociodemografiche

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore

I TUMORI prevenire circa un terzo dei casi di tumore I TUMORI Il Rapporto Mondiale dell Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, dell Organizzazione Mondiale della Sanità, evidenzia come il cancro sia divenuto uno dei maggiori problemi per la sanità

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci

Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci by leonardo - domenica, luglio 05, 2015 http://www.happynewlife.it/it/mangiare-a-pisa-menu-catering-celiaci/ Mangiare a Pisa: Menù per Celiaci Abbiamo una linea

Dettagli

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute.

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute. Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica Il benessere fisico ci consente di vivere una vita sana,serena e spesso felice. Oggi il progresso tecnologico ha reso l uomo sempre più

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009 QUALITY OF LIFE: SCORE OR MEANING? MEASURING QUALITY OF LIFE: FOR WHOM AND WHAT S FOR? Patricia A. Ganz Vice-Chairman Dept. Health Services UCLA School of Public Health, Los Angeles, USA E un grandissimo

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

Le problematiche connesse alla personalizzazione del menu nell ambito della ristorazione scolastica Luisa Cappellina

Le problematiche connesse alla personalizzazione del menu nell ambito della ristorazione scolastica Luisa Cappellina Le problematiche connesse alla personalizzazione del menu nell ambito della ristorazione scolastica Luisa Cappellina La gestione operativa dei menu per la ristorazione scolastica è demandata a diverse

Dettagli