CELIACHIA NEGLI STATI UNITI: UN CASO DI OPPORTUNITÀ MANCATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CELIACHIA NEGLI STATI UNITI: UN CASO DI OPPORTUNITÀ MANCATE"

Transcript

1 CELIACHIA NEGLI STATI UNITI: UN CASO DI OPPORTUNITÀ MANCATE Anne Roland Lee MSED (Master of Science in Education), RD (Registered Dietitian), CDN (Certified Dietitian Nutritionist), Schar USA Studio del caso: Inizieremo la nostra discussione sulla celiachia con lo studio di un caso. Tale studio ci consentirà di osservare e valutare la procedura diagnostica della celiachia negli Stati Uniti. Caso: Durante il nostro primo incontro, nel febbraio del 2007, Joan non faceva che ribadire la sua eccitazione. Io ero un po' scettico, in quanto non accade spesso che i pazienti si dimostrino eccitati di fronte a un dietista, sapendo che molto presto dovranno cambiare drasticamente il proprio stile di vita e le abitudini alimentari. Tuttavia, Joan disse che qualunque cambiamento sarebbe stato un sollievo, se paragonato al lungo calvario che l'aveva portata fino a me. La sua storia inizia con ripetute visite al medico di base, in cui lamenta stitichezza, ciclo mestruale irregolare e lieve affaticamento. I sintomi persistettero per tutto il periodo universitario e ancora quando iniziò a lavorare. Una volta sposata e dopo aver lavorato per uno o due anni, si sentì pronta per un figlio. Per un anno intero provò a restare incinta, ma senza risultati. Il ginecologo disse che era più che normale, trattandosi della prima gravidanza. Ancora due anni di vani tentativi, e Joan si rivolse a uno specialista della fertilità. Dopo il primo ciclo di terapia ormonale, e diverse migliaia di dollari, la gravidanza ancora non arrivava. Joan ricontattò lo specialista, perplessa per il fatto che il trattamento non aveva funzionato. Da ulteriori visite emersero una forma di anemia, colesterolo elevato, affaticamento continuo e stitichezza cronica (colesterolo: 257, ferro: 22, RBC: 3.2) nulla che giustificasse il mancato concepimento. Un altro ciclo di terapia ormonale, altre migliaia di dollari spese, e ancora niente bambini! A questo punto, il ginecologo consigliò a Joan una visita dal gastroenterologo, in modo tale da curare la stitichezza cronica che stava progressivamente peggiorando. Questi ordinò una serie di esami di laboratorio e una revisione dettagliata della sua anamnesi. Dopo aver analizzato i risultati, il medico disse a Joan di aver compreso la causa dei vari sintomi che la affliggevano, e forse anche del mancato concepimento. I suoi livelli di anticorpi erano: Gliadina Ab IgG: 62 (> 30 = positivo) Gliadina Ab IgA: 162 (> 30 = positivo) TTg: 18 (> 7 = positivo) Una biopsia intestinale Marsh 2b confermò che si trattava di celiachia. Schär Professional Seite 1 von 13

2 Joan era sulla via della guarigione, ma tutto dipendeva dall'assunzione di cereali senza glutine a fibra solubile, folato e calcio nelle giuste quantità e un integratore vitaminico prenatale senza glutine. Ci siamo incontrati diverse volte per monitorare la dieta, il livello di anticorpi e i risultati di altri test di laboratorio. A novembre 2007, i livelli di anticorpi erano quasi normali: IgG: 10, IgA: 35 e TTG: Anche il colesterolo e l'anemia si erano stabilizzati. Quando gli anticorpi si furono normalizzati, si presentò il dilemma: fecondazione in vitro o concepimento naturale? Nel gennaio 2008, Joan ha concepito naturalmente. Credo che la storia di Joan rifletta vari aspetti della diagnosi e del trattamento della celiachia negli Stati Uniti. Spesso i sintomi si manifestano in forma lieve, per cui non ci si rivolge a uno specialista, oppure sono disturbi comuni a numerose altre diagnosi, e per questo vengono spesso trascurati. Non di rado sono i pazienti, con la loro ostinazione, a spronare il proprio medico ad andare oltre, a cercare una diagnosi alternativa, una causa per i sintomi persistenti. Negli Stati Uniti, la lunga strada che porta alla diagnosi è stata accuratamente documentata (1). Per avere un quadro completo della celiachia negli Stati Uniti, occorre innanzitutto analizzare l'attuale grado di conoscenza della malattia. Background La celiachia è una malattia autoimmunitaria provocata dalla presenza di glutine nella dieta alimentare. Questa malattia geneticamente determinata comporta lo sviluppo di una risposta infiammatoria delle cellule T mediata dalle IgA. Tale risposta infiammatoria causa l'atrofia villosa dell'intestino tenue, tipico segnale d'allarme per la diagnosi della malattia. Il morbo celiaco può manifestarsi in varie forme, da malattia asintomatica fino a grave malassorbimento e deperimento (2). Un tempo si pensava che la celiachia fosse una malattia infantile rara, mentre ora è risaputo che colpisce l'1% della popolazione (2,3). Sappiamo anche che il morbo celiaco non colpisce soltanto i Paesi europei; al contrario, è stato identificato nelle popolazioni di Asia, Africa, Sud America e Medio Oriente (4). L'unico trattamento per la celiachia consiste nell'osservanza di una dieta senza glutine per tutta la vita. L'estrema rigidità della dieta ha un impatto rilevante sulla qualità della vita del celiaco. Descrizione fisiologica della malattia Presentazione Le persone affette da celiachia, o enteropatia da glutine, reagiscono alle sequenze proteiche specifiche di frumento, segale e orzo. In particolare, è la sequenza amminoacidica a provocare l'immunoreazione. L'ingestione del glutine causa problemi nel processo digestivo, con la permanenza di un frammento tossico della gliadina. Proprio la molecola di amminoacido 33 sembra essere la causa della risposta infiammatoria (5). Questa sequenza proteica penetra nella mucosa intestinale e né gli enzimi digestivi né quelli pancreatici sono in grado di eliminarla. La sequenza penetra quindi nella lamina propria, provocando il rilascio delle cellule T. La presenza delle cellule T nella lamina propria provoca a sua volta l'attivazione delle citochine, la produzione degli anticorpi e la risposta infiammatoria (5). L'atrofia dei villi intestinali e l'infiammazione della mucosa causano il già citato malassorbimento. Vedere Figura 1. Schär Professional Seite 2 von 13

3 Figura 1. Meccanismo immunologico, tipico della celiachia, che si verifica nella lamina propria. La gliadina penetra nella lamina propria, dove viene deamminata dalla transglutaminasi tissutale (ttg), consentendo alla molecola di gliadina di unirsi alla molecola DQ2 o DQ8 nelle cellule di presentazione dell'antigene. La gliadina viene presentata alle cellule T ristrette per la gliadina CD4, che rilasciano interferone e altre citochine causanti l'atrofia dei villi intestinali. Ristampa autorizzata da: Sanil J. Manavalan, Dottore in Medicina, ricercatore universitario, Dipartimento di Medicina, Celiac Disease Center, Columbia University, New York, NY. Un tempo si pensava che i sintomi classici del morbo celiaco fossero diarrea, gonfiori di stomaco, perdita di peso, dolori addominali, deperimento, malassorbimento e arresto della crescita. Tuttavia, non tutte le persone affette da celiachia presentano sintomi. Nell'ambito della prassi clinica, studi recenti (1,6) hanno dimostrato come la celiachia venga diagnosticata in molte persone alla ricerca di un trattamento per altri disturbi, che in realtà sono secondari alla malattia in questione. Ora è risaputo che la condizione celiaca può essere diagnosticata a qualunque età (1). Spesso le persone malate si presentano con anemia, osteoporosi, neuropatia periferica, affaticamento, o addirittura con lo screening di un familiare (8). La celiachia è stata categorizzata in quattro classi principali, sulla base della conferenza di consenso NIH (9). Per iniziare una discussione sull'impatto di una dieta senza glutine, occorre prima comprendere cosa sia il glutine. La parola "glutine" viene spesso utilizzata come termine generico per indicare le proteine di frumento, segale e orzo. Più precisamente, si tratta della forma di accumulo specifica delle proteine nel frumento (gliadina), nella segale (secalina) e nell'orzo (ordeina), che sono infatti gli elementi di interesse. È la sequenza amminoacidica specifica in questi tre cereali a provocare l'immunoreazione in una persona affetta da celiachia (10,11). Cereali diversi hanno sequenze proteiche diverse, che li rendono tossici oppure sicuri. In alcuni studi, l'inclusione dell'avena era legata all'accettazione della dieta senza glutine priva di effetti negativi sulla biopsia intestinale (12, 13). Attualmente, gli unici cereali tossici noti sono il frumento (e tutti i derivati), la segale e l'orzo. L'avena non possiede la stessa sequenza proteica, pertanto non contiene "glutine". È stata Schär Professional Seite 3 von 13

4 considerata un cereale dubbio a causa di una frequente contaminazione incrociata da frumento durante la raccolta, la macinatura e la lavorazione (13, 14). Trattamento Indipendentemente dalla gravità dei danni intestinali, o dalla mancanza di sintomi a livello intestinale, l'unico trattamento per le persone affette da celiachia consiste nella rigorosa osservanza di una dieta senza glutine per tutta la vita. L'osservanza della dieta deve essere rigida. Benché il trattamento possa sembrare semplice, occorre una certa diligenza per rispettare una dieta senza glutine. Le fonti dirette di glutine sono presenti nel frumento, nella segale e nell'orzo, con i rispettivi derivati. Ma vi sono anche fonti nascoste di glutine in molti alimenti di uso comune. Uno studio recente ha dimostrato come anche l'ingestione di piccole quantità di glutine, un pezzetto di ostia della Comunione, fosse sufficiente a impedire la guarigione intestinale in una persona che normalmente osservava una rigida dieta senza glutine (15). Questo tipo di dieta consente all'intestino di guarire. Tuttavia, l'effetto a lungo termine di piccole dosi di glutine ripetute resta sconosciuto. Un caso ha evidenziato come la ripetuta ingestione di un pezzetto di ostia della Comunione causasse livelli di anticorpi molto elevati e danni intestinali in una rigida dieta senza glutine (16). È risaputo, in ogni caso, che la mancata osservanza della dieta comporta gravi conseguenze. La celiachia non curata è associata ad un tasso di mortalità superiore dell'1,9-3,8% rispetto alla popolazione normale (3). Incide molto anche sui casi di sterilità, osteoporosi, neuropatia periferica, linfomi, cancro dell'intestino tenue e dell'esofago. Degno di nota, tuttavia, è l'effetto protettivo della dieta senza glutine. Un gruppo di pazienti seguito per cinque anni non ha evidenziato alcun aumento del tasso di mortalità rispetto ai valori di riferimento (3). Fonti nascoste di glutine È importante ricordare che una dieta senza glutine influisce sulla quantità di amido e cereali prevista da un piano alimentare. Per contro, gli altri gruppi alimentari comprendono svariati cibi naturalmente privi di glutine. Occorre soltanto prestare attenzione a un'assunzione bilanciata dal punto di vista nutrizionale. Vi sono tuttavia molti alimenti che vengono considerati dubbi, ad esempio zuppe, sughi, salsa di soia, condimenti, cibi lavorati o confezionati, e persino la glassa per dolci. Senza dimenticare che anche alcuni farmaci contengono glutine. Negli Stati Uniti l'elenco degli ingredienti deve essere accuratamente controllato e, qualora non sia chiaro, occorre contattare i produttori prima di considerare un alimento sicuro. Il Food Allergen Labeling and Consumer Protection Act (FALCPA - legge sull'etichettatura degli allergeni alimentari e la protezione del consumatore), approvato dal congresso nel 2004 (17), obbliga i produttori a indicare chiaramente se un prodotto contiene anche solo uno degli otto allergeni alimentari principali, tra cui il frumento. Ciò significa che anche il frumento, se presente, va indicato sulle etichette come ingrediente. La legge, tuttavia, non cita l'orzo e la segale. La FDA ha proposto nuove regole per l'etichettatura dei cibi senza glutine, che includerebbero il nuovo standard Codex con la relativa soglia di 20 parti per milione. L'utilizzo del termine "senza glutine" fornirà tanto ai produttori quanto ai pazienti una definizione chiara della sicurezza dei cibi riguardo a tutte le fonti di glutine. Schär Professional Seite 4 von 13

5 Valutazione nutrizionale La conoscenza dell'intolleranza al glutine e la terapia nutrizionale medica utilizzata devono evolversi di pari passo. Le valutazioni nutrizionali standard, che includono il peso e i dati di laboratorio, sono alla base della valutazione nutrizionale di una persona affetta da celiachia. Tuttavia, per una valutazione completa, occorre guardare ben oltre le basi. Per valutare ed educare correttamente i celiaci, occorre essere consapevoli della necessità di un'integrazione nutrizionale, conoscere le varie modalità di presentazione, nonché i componenti sociali ed emotivi tipici dello stile di vita di un celiaco. La consulenza nutrizionale di una persona affetta da morbo celiaco deve essere un evento totalizzante. Il piano di assistenza nutrizionale implica una valutazione nutrizionale approfondita, che comprende i seguenti elementi essenziali: una storia dietetica e/o un'anamnesi alimentare di 3 giorni, altezza, peso, IMC, analisi dell'anamnesi del paziente e dei familiari più stretti, analisi dei sintomi, analisi dei dati di laboratorio e altri test. Altrettanto importanti sono un'analisi dei comportamenti alimentari e di acquisto, una valutazione sociale/emotiva e un'educazione approfondita (vedere Tabella 1) (18). Schär Professional Seite 5 von 13

6 Tabella 1. Piano di assistenza nutrizionale per la celiachia Strumenti Storia dietetica/anamnesi alimentare Fisici Test/latenze Medici Valutazione Quantità adeguata di: Calorie Proteine Calcio Ferro Complesso B Frutta/Verdura Ferro Comportamento alimentare e di acquisto Preferenze culturali/religiose Esperienza in cucina Propensione/tempo per cucinare Uso di cibi già pronti vs. integrali Consumo dei pasti al ristorante vs. a casa Cibi preferiti/preferenze Altezza, peso, IMC, grafico di crescita per i bambini Pelle, capelli e unghie Densità ossea/risultati endoscopici Altri test Albumina, colesterolo, HDL, LDL Hgb, Hct, ferro, transferrina, TIBC, B12 Na, K +, Ca + Pelle, capelli e unghie Anamnesi familiare Sintomi associati o malattie correlate Farmaci/integratori Interventi Consigli generali per la dieta 1-2 g proteine/kg di peso corporeo calorie/kg di peso corporeo Possibilmente cibi a basso contenuto di fibre, con aumento graduale successivo Possibilmente cibi senza lattosio Possibilmente cibi poveri di grassi Utilizzare l'anamnesi alimentare e suggerire i modi per correggere i deficit nutritivi. Includere modifiche alle ricette e snack utili ad aumentare l'apporto nutritivo. Aggiungere frutta e verdura se l'apporto è inadeguato Consigli generali Integrazione di calcio: Bambini 500 mg/giorno Adulti 1000/1500 mg/giorno Multivitamine, se necessario Bambini standard 1/giorno Adulti Maschio standard 1/giorno Femmina prenatali con contenuto di vitamina A moderato Se 56 formula senior Integrazione di ferro, se necessario Modificare la dieta sulla base di altre condizioni mediche, p. es. diabete, ipertensione arteriosa Verificare l'eventuale presenza di glutine nei farmaci e le interazioni cibo/farmaco Valutazione sociale/emotiva Risposta alle domande su diagnosi e dieta Sostegno familiare Livello d'istruzione Rimando ai servizi sociali, se necessario Enfasi sui benefici per la salute di una dieta senza glutine - Coinvolgere la famiglia nell'educazione nutrizionale Schär Professional Seite 6 von 13

7 Analisi dei sintomi Gonfiore/gas Diarrea Stitichezza Provare cibi senza lattosio Enfasi sulle fonti di calcio senza latticini e su un apporto proteico adeguato Utilizzare gocce o tavolette di enzimi digestivi per il lattosio quando si utilizzano latticini Utilizzare fibra solubile estratta da frutta e granuli vegetali per risolvere i problemi di diarrea/stitichezza Incoraggiare un'assunzione di liquidi adeguata Programmare 3 pasti leggeri e 3 snack, incluso l'apporto proteico per ognuno In caso di diminuzione della tolleranza ai grassi, potrebbe essere d'aiuto assumere enzimi digestivi o pancreatici Nel caso di persone affette da celiachia, si dovrebbe prestare particolare attenzione ai dati di laboratorio. In presenza di danni all'intestino tenue, è normale che si verifichino problemi di malassorbimento. Pertanto, è necessario monitorare attentamente ferro, calcio, elettroliti e albumina. Altri test da verificare sono quelli relativi alla funzione tiroidea, alla densità ossea e all'assorbimento del calcio. Educazione/Consulenza L'ultimo componente del piano di assistenza riguarda l'educazione. Questa fase è probabilmente la più intensa in termini di tempo e profondità delle informazioni. L'educazione di un paziente a una dieta senza glutine riguarda tutti gli aspetti sociali di uno stile di vita tipico del celiaco, ma occorre prestare attenzione a non fornire un carico eccessivo di informazioni e valutare la predisposizione all'apprendimento dell'individuo. L'educazione a uno stile di vita senza glutine dovrebbe essere suddivisa almeno in due sessioni: la prima incentrata sulle capacità di sopravvivenza, le deficienze nutrizionali, l'acquisto di prodotti senza glutine e i problemi di natura sociale; la seconda incentrata sui cereali alternativi, l'esercizio fisico e il mantenimento dello stato di salute generale (18). I problemi in ambito scolastico e sociale dovrebbero essere analizzati in ogni sessione, in quanto si tratta delle due aree in cui lo stile di vita senza glutine ha il maggior impatto negativo (1,19). Studio della qualità della vita La qualità della vita è descritta come una percezione dello stato generale di salute e benessere, influenzante e influenzata da tutti gli aspetti della nostra vita. Gli ambiti, o aree, includono il benessere sociale, religioso, emotivo, economico e fisico di un individuo (20); in poche parole, lo stato mentale. Dal momento che la qualità della vita influenza ed è influenzata dalla salute fisica e la percezione del benessere di una persona, tale qualità sarà condizionata dalla salute fisica, la presenza di sintomi, la relativa prognosi e la percezione dello stato di salute. Schär Professional Seite 7 von 13

8 La qualità della vita è un fattore importante da studiare nelle persone affette da celiachia, poiché la dieta senza glutine influisce su ogni aspetto della vita di tali persone. Occorre anche riconoscere che mangiare non significa solo soddisfare la necessità fisiologica di sostanze nutritive. Spesso si tratta di un'azione strettamente correlata alle nostre vite, alle esigenze culturali, sociali ed emotive. I problemi riguardanti la qualità della vita sono spesso causa della mancata osservanza di una dieta corretta da parte dei celiaci (21). Gli ostacoli da superare, per seguire una dieta senza glutine, sono molti. Etichette dei cibi incomplete, impossibilità di conoscere gli ingredienti nei ristoranti, scarsa conoscenza e accettazione dell'intolleranza al glutine da parte degli altri sono solo alcuni di questi ostacoli. La qualità della vita è stata studiata da Lohiniemi, Hallert e Mustelahti (20,21,22) in Europa, ma non è stata approfondita, fino ad ora, negli Stati Uniti (19,23). La popolazione europea e quella americana hanno percezioni diverse circa l'impatto della celiachia e della dieta senza glutine sulla qualità della vita (1,19, 23). Hallert ha dimostrato (24) un certo miglioramento, in una scala di valutazione della depressione generale, dopo un anno di dieta senza glutine. Anche lo studio di Watson (25) ha evidenziato un miglioramento generale nella qualità della vita dopo un anno di dieta senza glutine, in particolare per quanto riguarda funzione sociale, benessere emotivo e salute mentale. Tuttavia, il gruppo oggetto di studio ha ottenuto risultati inferiori rispetto ai valori di riferimento, anche dopo aver osservato una dieta senza glutine (25). Un'area in cui si evidenziano differenze tra europei e americani riguarda la risposta in base al sesso. Uno studio svedese ha descritto le donne come più sintomatiche, con una valutazione dello stile di vita inferiore rispetto agli uomini (20), mentre negli Stati Uniti è stato dimostrato che gli uomini subivano un impatto negativo sulla vita familiare al pari delle donne (23). Un impatto negativo maggiore, per gli uomini americani, è risultato nell'ambito del consumo di pasti fuori casa (19). L'aspetto comune di questi studi è il riconoscimento della difficoltà ad osservare una dieta, specialmente in particolari situazioni sociali, con una malattia il cui unico trattamento prevede l'osservanza di una rigida dieta per tutta la vita. Come si può notare dalla Figura 2, entrambi i sessi sono negativamente influenzati dalla dieta senza glutine in varie situazioni sociali (26). Schär Professional Seite 8 von 13

9 Negative impact of gluten-free diet on quality of life by gender and lifestyle area. 70% 60% 50% 40% 30% male female 20% 10% 0% social activities dining out travel family work Figura 2: Impatto negativo per situazione e sesso La qualità della vita nelle persone affette da celiachia è stata oggetto di numerosi studi (20, 21, 22) in Europa. In genere, è stato rilevato un impatto negativo sulla qualità della vita nel suo complesso. In passato, questi studi hanno utilizzato strumenti che misurano la qualità della vita correlata allo stato di salute generale, una scala di valutazione dei sintomi gastrointestinali e un'indagine sulla depressione. Lo strumento più comunemente utilizzato è l'indagine sulla qualità della vita correlata allo stato di salute generale, definita indagine SF 36, che copre gran parte degli ambiti descritti in precedenza. Non fa però riferimento alla fede religiosa né ai sentimenti spirituali dell'individuo. L'aspetto comune di questi studi è il riconoscimento della difficoltà ad osservare una dieta, specialmente in particolari situazioni sociali, con una malattia il cui unico trattamento prevede l'osservanza di una rigida dieta per tutta la vita. In uno studio condotto da Ciacci (27), in cui è stata utilizzata una scala di depressione Zung modificata, è stato scoperto che gli adulti affetti da celiachia, in particolare quelli con una vita sociale attiva, faticavano ad accettare le restrizioni imposte dalla dieta. I celiaci avevano una qualità della vita correlata alla salute inferiore rispetto ai modelli di riferimento non celiaci. Lo studio descrive il modello di risposta psicologico-emotiva alla diagnosi della celiachia. La reazione iniziale alla diagnosi del morbo celiaco è spesso un senso di sollievo per aver finalmente accertato il problema (25). Spesso, Schär Professional Seite 9 von 13

10 questo sollievo iniziale è seguito da sentimenti di paura, rabbia, ansietà e tristezza. Si tratta di sentimenti tendenzialmente correlati all'osservanza della dieta. Spesso gli adulti associano questi sentimenti a una sensazione di diversità e isolamento. Secondo lo studio di Ciacci, i pazienti che manifestavano rabbia erano meno propensi a seguire la dieta (27). Mancata osservanza e complicazioni Da uno studio di Green è emerso che le persone affette da celiachia erano propense a "tradire intenzionalmente" la dieta in particolari situazioni sociali, pranzi e cene fuori casa, feste e altri avvenimenti fuori dalle mura domestiche. Solo il 68% delle persone risultava aver seguito la dieta "sempre", mentre il 30% ammetteva di averla seguita "quasi sempre" (1). Benché il tasso di osservanza possa essere considerato positivo, se paragonato a quello di altri regimi dietetici, le conseguenze della mancata osservanza per le persone affette da celiachia sono molto gravi. Esistono maggiori rischi di sterilità, neuropatie periferiche, perdita ossea, linfomi e cancro dell'intestino tenue e dell'esofago (23). In uno studio successivo è stato evidenziato come sia gli uomini che le donne riportassero un elevato tasso di osservanza (98% per entrambi i sessi). Tuttavia, a una domanda circa la mancata osservanza intenzionale della dieta, un numero sorprendente di persone ha ammesso l'imprudenza. Gli uomini hanno ammesso di aver intenzionalmente tradito la dieta durante attività sociali (81%), al ristorante (82%) e in compagnia di amici (58%); per quanto riguarda le donne, le percentuali salivano a 88% (attività sociali), 88% (ristoranti) e 67% (amici) (26). Interrogati sul motivo della mancata osservanza in tali situazioni, il 73% ha risposto che la dieta era troppo restrittiva. Altre motivazioni emerse includevano il fatto che la dieta fosse "scomoda" da seguire in determinate situazioni sociali (69%), difficile (68%), insipida (45%) e troppo cara (33%) (26). Nello studio canadese (28), Cranney ha rilevato che il 38% dei soggetti non viaggia o evita di viaggiare e l'81% evita pranzi e cene fuori casa, a causa della difficoltà di seguire una dieta senza glutine. Di recente, grazie al lavoro svolto da gruppi di supporto ed enti nazionali, alcuni ristoranti e catene di ristorazione hanno integrato l'offerta con un menu o singoli piatti senza glutine. La sfera economica della qualità della vita è inclusa in studi (1, 26) condotti negli Stati Uniti, ma non in quelli condotti in Europa. La ragione potrebbe risiedere in alcune differenze nel metodo di fornitura dell'assistenza medica. Negli Stati Uniti è stato condotto uno studio per valutare il costo e la disponibilità degli alimenti senza glutine. È stata presa in considerazione una serie di prodotti disponibili sul mercato, identificati per marca, peso o dimensione della confezione. Più precisamente, si trattava di prodotti a base di frumento e degli equivalenti senza glutine. Uno degli obiettivi dello studio era valutare le differenze di prezzo tra i vari luoghi d'acquisto, considerando diverse regioni e diversi tipi di negozio (un alimentari generico, un alimentari esclusivo, un negozio macrobiotico e quattro siti Internet per la vendita di prodotti alimentari). Come si evince dalla Figura 3, la disponibilità dei prodotti senza glutine variava a seconda del negozio: 36% per il negozio di alimentari generico, 41% per quello esclusivo, 94% per il negozio di cibi macrobiotici e 100% per i siti Internet (26). Schär Professional Seite 10 von 13

11 La distribuzione dei prodotti senza glutine nelle farmacie, negli Stati Uniti, non è così comune come in Europa. Figura 3. Disponibilità dei prodotti senza glutine in base al negozio % dei prodotti Intern et Negozio macrobiotic Alimentari esclusivo Alimentari generico Le barre rappresentano la percentuale di tutti i prodotti per tutte le regioni Lo studio ha rilevato inoltre che, in generale, ogni prodotto senza glutine era più costoso rispetto all'equivalente a base di frumento (p 0,05). Osservando la Figura 4, si nota come il prezzo di pane e pasta fosse doppio rispetto agli equivalenti a base di frumento in gran parte delle regioni degli Stati Uniti (26). Figura 4. Confronto tra prodotti con e senza glutine 1.00 Regular Gluten-Free Price per ounce Bread Cereal Waffles Crackers Cookies Pretzels Pasta Pizza Macaroni & Cheese I valori corrispondono alla media del prezzo per oncia di tutti i negozi in tutte le regioni. Schär Professional Seite 11 von 13 Cake

12 Negli Stati Uniti, tutte le spese per l'assistenza sono a carico del cliente, mentre in alcuni paesi europei sono incluse nei fondi statali destinati alla copertura medica. Se a questo si aggiunge il costo elevato dei prodotti senza glutine, vien da chiedersi se non sia anche l'aspetto economico a compromettere l'osservanza della dieta, nonché la qualità della vita. Conclusione La celiachia è una malattia autoimmunitaria comune. La presentazione nei singoli individui varia dalla forma asintomatica, a manifestazioni extraintestinali quali ad esempio una dermatite erpetiforme, fino a gravi forme di malnutrizione e deperimento. Indipendentemente dalla forma in cui si presenta, negli Stati Uniti emerge la necessità di una maggiore consapevolezza. Occorre inoltre diminuire i tempi che intercorrono tra i sintomi iniziali, o la ricerca di una cura, e la diagnosi finale. Come si può notare dallo studio di Cranney (28), il 61% degli intervistati ha dichiarato che una diagnosi precoce contribuirebbe senz'altro a migliorare la vita delle persone affette da celiachia. Tutti questi fattori influiranno positivamente sulla qualità della vita di un celiaco. Bibliografia 1. Green PH, Stavropoulos S, Pangagi S, et al. Characteristics of adult celiac disease in the USA: Results of a national survey. Am J Gastroenterol. 2001;96: Alaedini A, Green PH. Narrative review: Celiac disease: Understanding a complex autoimmune disorder. Ann Intern Med. 2005;142: Green PH, Jabri B. Celiac disease. Annu Rev Med. 2006;57: Green PH, Lee A. Celiac disease: An emerging epidemic. Current Nutrition & Food Science. 2005;1(3): Shan I, Molberg O, Parrot I, et al. Structural basis for gluten intolerance in celiac sprue. Science. 2002;297: Telega G Bennet TR, Werlin S. Emerging new clinical patterns in the presentation of celiac disease. Arch Pediatr Adolesc Med. 2008;162(2): Fasano A, Berti I, Gerarduzzi T, et al. (2003) Prevalence of celiac disease in at risk and not at risk groups in the United States: a large multi center study. Arch Intern Med.;163: Murray J. The widening spectrum of celiac disease. Am J Clin Nutr. 1999;69: James SP. National Institutes of Health consensus development conference statement on celiac disease, June 28-30, Gastroenterology. 2005;128(4 Pt 2):S Kasarda D. Defining cereals toxicity in celiac disease. In: Feighery C, O Farrelly F, eds. Gastrointestinal Immunology and Gluten-Sensitive Disease. Dublin, Ireland: Oak Tree Press; 1994: Dicke WK, Weijers HA, van de Kamer JH. Coeliac disease. II The presence in wheat of a factor having a deleterious effect in cases of coeliac disease. Ada Paediatr. 1953;42: Schär Professional Seite 12 von 13

13 12. Peraaho M, Kaukinen K, Mustalahti k, et al. Effect of an oats containing glutenfree diet on symptoms and quality of life in celiac disease. A randomized study. Scand J Gastroenterol. 2004;39: Janatuinen E, Pikkarainen P, Kemppainen T, et al. A comparison of diets with and without oats in adults with celiac disease. N Engl J Med. 1995;333(16): Arentz-Hansen H, Fleckenstein B, Molberg O, et al. The molecular basis for oat intolerance in patients with celiac disease. PloS Med. 2004;1(1):e Fasano A., Catassi C.(2005) Coeliac disease in children. Best Practice & Research Clinical Gastroenterology. Jun;19(3): Biagi F, Campanella J, Martucci S, et al. A milligram of gluten a day keeps the mucosal recovery away: A case report: Nutr Rev. 2004;62(9): FDA. (2007). Registro federale, Protocollo N. 2005N Etichettatura degli alimenti: Etichettatura degli alimenti senza glutine. 18. Lee AR. (2004) Nutritional assessment and care of celiac disease. Clin Connect.24: Lee AR, Newman J. Celiac diet: Its impact on quality of life. J Am Diet Assoc. 2003;103: Lohiniemi S, Mustalahti K, Colon P, Maki M. Misurazione della qualità della vita nei pazienti celiaci. 9 Simposio Internazionale sulla Celiachia; 1998; Tampere, Finlandia. 21. Hallert C, Granno C, Hulten S, et al. Living with celiac disease: Controlled study of the burden of illness. Scan J Gasteonterol. 2002; 7: Mustalahti K, Lohiniemi S, Collin P, et al. Gluten-free diet and quality of life in patients with screen-detected celiac disease. Eff Clin Pract. 2002;5: Lee AR, Diamond B, Ng D, Ciaccio E Green PH. Quality of life of individuals with celiac disease in the United States. 2007; Articolo di stampa. 24. Hallert C. Nutritional deficiencies and psychological problems in adult celiac disease. Nutrition in Gastrointestinal Disease. Raven Press New York 1987; Johnston S, Rodgers C, Watson RGP. Quality of life in screen detected and typical celiac disease and the effect of excluding dietary gluten. Eur J Gastroenterol Hepatol. 2004,16: Lee AR, Ng D, Zivin J, Green P. Economic burden of a gluten-free diet. J Hum Nutr Diet. 2007;20(5): Ciacci C, Iavarone A, Siniscalchi M, Romano R, De Rosa A. Psychological dimensions of celiac disease: Toward an integrated approach. Dig Dis Sci. 2002;47(9): Cranney A, Zarkadas M, Graham ID, Butzner JD, Rashid M, Warren R, Molloy M, Case S, Burrows V, Switzer C.. The Canadian Celiac Health Survey. Dig Dis Sci Apr;52(4): Schär Professional Seite 13 von 13

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 02_2010 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE La terapia nutrizionale è l unico trattamento universalmente accettato per la celiachia,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET Una vita senza glutine Programma Scienziati in Azienda - XI Edizione Stresa, 27 settembre 2010 12 luglio 2011 A cura di: Andrea Finco, Antonella Galeotafiore,

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine La contaminazione con glutine di cibi che ne sono apparentemente privi è tema molto sentito e resta tuttora vivo il dibattito su come «gestire» le informazioni

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA?

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? Relatore: Prof. Salvatore

Dettagli

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Anno 2013 MINISTERO DELLA SALUTE* REGISTRO NAZIONALE* ALIMENTO SENZA GLUTINE

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE

LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE Coordinamento Scientifi co Umberto Volta Enzo Ubaldi PACINI EDITORE MEDICINA Copyright 2009 by Pacini Editore S.p.A. Pisa ISBN 978-88-6315-168-8 Realizzazione editoriale

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari

Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Difetti del ciclo dell urea Una guida per i pazienti, i genitori e i familiari Jane Gick www.e-imd.org Indice Introduzione...3 Il metabolismo...4 Ecco come l organismo utilizza le proteine...4 Quali sono

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli