Piccole guide. Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari. Informazioni sui farmaci ERLOTINIB (TARCEVA )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piccole guide. Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari. Informazioni sui farmaci ERLOTINIB (TARCEVA )"

Transcript

1 CROinforma Piccole guide Informazioni sui farmaci ERLOTINIB (TARCEVA ) Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari

2 Centro di Riferimento Oncologico di Aviano - IRCCS - Istituto Nazionale Tumori Via Franco Gallini, Aviano (Pn) - Tel Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione e la diffusione, in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo sono consentite purché non vi sia scopo di lucro e previa citazione della fonte. L eventuale traduzione ed estrapolazione dei contenuti sono consentite previa autorizzazione del CRO e citazione della fonte. Questa guida fornisce un informazione scientifica generale: soltanto il medico può, in base alla storia clinica e familiare di ogni paziente, dare informazioni e consigli per il singolo caso. Le informazioni dedotte da terapie prescitte ad altri pazienti o da documentazione divulgativa possono essere utili per confrontarsi con il medico. Con questa guida, si intende favorire la comunicazione tra medico e paziente e contribuire a un dialogo costruttivo basato sulla fiducia reciproca.

3 Informazioni sui farmaci ERLOTINIB (TARCEVA ) a cura di Dott.ssa Alessandra Bearz Dott.ssa Angela Buonadonna Dott. Paolo Baldo Dott.ssa Emanuela Ferrarin Dott.ssa Maria Aliberti Centro di Riferimento Oncologico di Aviano 2014

4 CROinforma. Piccole guide Serie CIFAV INFORMAZIONE SUL FARMACO 6 Testi Dott.ssa Alessandra Bearz, medico oncologo, SOC Oncologia Medica A, CRO Aviano Dott.ssa Angela Buonadonna, medico oncologo, SOC Oncologia Medica B, CRO Aviano Dott. Paolo Baldo, farmacista, Dott.ssa Maria Aliberti, biologo, SOC Farmacia, CRO Aviano Dott.ssa Emanuela Ferrarin, farmacista, Biblioteca per i Pazienti CRO Aviano e Centro d informazione sul farmaco per l Area vasta (CIFAV) Progetto del gruppo di lavoro Targeted Therapy, composto da: Dott. Paolo Baldo, Responsabile Farmacovigilanza, SOC Farmacia, CRO Aviano Dott.ssa Alessandra Bearz, SOC Oncologia Medica A, CRO Aviano Dott.ssa Angela Buonadonna, SOC Oncologia Medica B, CRO Aviano Dott. Marco Trovò, SOC Oncologia Radioterapica, CRO Aviano Immagini Shutterstock Questo libretto è stato valutato, per chiarezza e comprensibilità, dal Gruppo di valutazione linguaggio e stile comunicativo afferente al CRO di Aviano composto da psicologi, pazienti, volontari, tirocinanti e bibliotecari: Daniela Michilin, gruppo Patient Education CRO di Aviano Ornella Basso, Associazione INSIEME Nicolas Gruarin, Biblioteca CRO di Aviano CROinforma Piccole guide Centro di Riferimento Oncologico di Aviano - IRCCS - Istituto Nazionale Tumori Responsabile Scientifico collana CROinforma: Paolo De Paoli (Direttore Scientifico CRO) Coordinamento editoriale e di redazione: Ivana Truccolo (Responsabile Biblioteca CRO) Grafica e impaginazione: Riccardo Bianchet (Biblioteca CRO)

5 Indice Gentile paziente, Gentile familiare...pag. 4 Che cos è Erlotinib...pag. 7 Come agisce Erlotinib...pag. 8 Come e quando assumere Erlotinib...pag. 9 Quali sono gli effetti indesiderati più frequenti...pag. 11 Ulteriori informazioni...pag. 17 Cos è utile sapere quando Erlotinib viene assunto con altri medicinali...pag. 17 Gravidanza e allattamento...pag. 19 Alimentazione pag. 19 Utilizzo di terapie complementari...pag. 20 Informazioni sulla sicurezza d uso dei medicinali...pag. 21 Scheda di segnalazione...pag. 23 Per il personale sanitario...pag. 23 Per il cittadino...pag. 25 Per i prodotti a base di piante officinali e integratori alimentari...pag. 27 Bibliografia...pag. 28 Annotazioni personali...pag. 29

6 Gentile paziente, Gentile familiare Con questa piccola guida il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano intende fornire informazioni ai pazienti e ai loro familiari sulle caratteristiche del farmaco prescritto. L informazione rappresenta infatti un supporto utile alla cura e al rapporto tra medico e paziente. Attualmente la terapia antitumorale non si basa più soltanto sui medicinali somministrati per via endovenosa (quella che conosciamo con il termine chemioterapia ), ma può contare anche su una serie di farmaci che vengono assunti per via orale (per bocca). Si tratta di medicinali innovativi, che colpiscono in modo mirato e specifico dei bersagli presenti all interno delle cellule tumorali (da questo deriva il nome Targeted-Therapy Targeted = sul bersaglio in inglese), limitando i danni alle cellule sane dell organismo e ostacolando l evoluzione della malattia. Grazie alla possibilità di assumere questi farmaci per via orale, il paziente può beneficiare di una terapia più confortevole a domicilio. Va però detto che, per la buona riuscita della cura, è richiesta al paziente una collaborazione molto responsabile e attenta: infatti è necessario seguire fedelmente le indicazioni date dall oncologo per ottenere la massima efficacia dalla terapia. 4

7 L assunzione di questi medicinali innovativi può comunque dar luogo a effetti non desiderati, talvolta meno intensi e fastidiosi rispetto alla chemioterapia classica, ma che vanno ugualmente segnalati quanto prima a un medico oppure a un farmacista. Ci auguriamo che quanto riportato sia un supporto che si aggiunge ma non sostituisce il rapporto personale tra i pazienti o i loro familiari e gli operatori sanitari (oncologi, infermieri e farmacisti). Le informazioni riportate in questa guida sono tratte da fonti autorevoli e indipendenti: Agenzia Europea per i Medicinali e Banche Dati d informazione indipendente. Sono quindi state selezionate e riviste da oncologi e farmacisti che, all interno del CRO, curano la rilevazione degli effetti non desiderati dei nuovi medicinali e l informazione al paziente. 5

8 Le indicazioni terapeutiche del medicinale Erlotinib riportate in questa breve guida sono quelle effettivamente autorizzate in Italia e in Europa alla data della sua pubblicazione. Gli autori dichiarano che le informazioni contenute nella presente guida sono prive di conflitti di interesse. 6

9 Che cos è Erlotinib Erlotinib (nome commerciale: Tarceva ) è un medicinale utilizzato per curare il tumore polmonare non a piccole cellule che si è diffuso localmente o in altre parti del corpo. Può essere prescritto come cura iniziale se le cellule di questo tumore presentano delle modificazioni di una proteina chiamata EGFR. Può anche essere prescritto quando non è stata efficace una precedente chemioterapia. Erlotinib è anche utilizzato assieme a un medicinale chiamato gemcitabina nelle persone con tumore del pancreas, che si è diffuso in altre parti del corpo. Le Autorità sanitarie europee (inclusa quella italiana) ne hanno autorizzato l impiego nel 2005, in seguito a una valutazione dei suoi benefici, rilevati dagli studi clinici. EGFR Una proteina che normalmente si trova sulla superficie delle cellule della pelle. Si chiama recettore del fattore di crescita dell epidermide. La sua funzione è quella di promuovere la crescita e la moltiplicazione delle cellule della pelle. Questa proteina può essere presente anche sulla superficie delle cellule di alcuni tipi di tumore. Erlotinib si presenta in forma di compresse per uso orale. Viene assunto fino a quando si rileva un beneficio con il suo utilizzo (la malattia migliora o si mantiene stabile) o fino a indicazione dell oncologo. La terapia con Erlotinib previene la moltiplicazione delle cellule tumorali e rallenta la crescita e la progressione del tumore. 7

10 Come agisce Erlotinib Tirosin-chinasi Sono delle proteine che svolgono la funzione di enzimi e regolano alcune attività delle cellule, comprese la loro crescita e moltiplicazione. Erlotinib inibisce l attività di alcuni enzimi, chiamati tirosin-chinasi, appartenenti ai recettori EGFR. Questi sono coinvolti nella regolazione di diverse attività delle cellule, comprese la loro crescita e moltiplicazione. Bloccando l attività di questi enzimi, Erlotinib può ridurre la crescita e la diffusione delle cellule tumorali. 8

11 Come e quando assumere Erlotinib Prima di iniziare il trattamento è importante che il medico sia a conoscenza di alcune informazioni affinché questa terapia sia efficace e soprattutto sicura. È bene ad esempio, risalendo alla propria storia medica, segnalare se si hanno allergie (a ingredienti alimentari o a sostanze ambientali), se in passato si sono avute reazioni allergiche a uno o più ingredienti presenti nel medicinale e se ci sono altre malattie concomitanti. In alcune persone, infatti, Erlotinib può essere controindicato per i motivi sopra riportati. Assumere regolarmente e puntualmente il farmaco senza modificare di propria iniziativa il dosaggio indicato favorisce una buona riuscita della terapia. A questo proposito, informare l oncologo degli eventuali effetti collaterali e seguire le sue indicazioni per gestirli o attenuarli, può migliorare la continuazione e l esito della cura. 9

12 Al momento della valutazione con l oncologo, verrà indicato il dosaggio da assumere per questo medicinale; la terapia potrà proseguire sino a quando si manifesterà il beneficio o non insorgeranno effetti indesiderati troppo marcati o non accettabili. Le compresse vanno assunte con un bicchiere d acqua almeno un ora prima o due ore dopo i pasti. È importante assumere il medicinale regolarmente alla stessa ora, in questo modo si manterrà ottimale la sua presenza nell organismo. Se si dimentica di prendere una dose di Erlotinib, il medico andrà informato. Non si deve assumere una dose doppia del medicinale per compensare la dose dimenticata. Nel caso venisse assunta una dose maggiore di quella prescritta andrà ugualmente informato il medico, in quanto si potrebbero accentuare gli effetti indesiderati. Ai pazienti che assumono Erlotinib si raccomanda di non fumare. Il fumo, infatti, può ridurre la quantità del medicinale nel sangue e la sua efficacia. È importante non modificare la terapia di propria iniziativa senza consultare il medico. 10

13 Quali sono gli effetti indesiderati più frequenti Gli effetti indesiderati (conosciuti come effetti collaterali ) possono variare da persona a persona e non necessariamente quelli riportati di seguito si manifesteranno in tutti coloro che assumono Erlotinib. Inoltre possono variare se la terapia è effettuata con una combinazione di medicinali anziché con un medicinale solo. Gli effetti indesiderati che comunemente si riscontrano durante la terapia con Erlotinib sono: Manifestazioni sulla pelle (eruzioni, secchezza, prurito): di solito compaiono durante le prime settimane di terapia. Esse comprendono: eruzioni simili all acne sul viso o sul torace, eritemi con eventuale presenza di vescicole in varie sedi, ad esempio le mani e i piedi, secchezza e desquamazione della pelle. Queste manifestazioni possono essere accompagnate da prurito. Se c è anche secchezza della pelle, invece del sapone è opportuno utilizzare prodotti che detergono la pelle senza seccarla ulteriormente (ad esempio le basi lavanti). Dopo il lavaggio è opportuno applicare una crema emolliente o un unguento autoidratante nelle zone più secche. Sono sconsigliate le normali creme idratanti, che non sono efficaci per questo tipo di secchezza. Se compaiono delle fissure, è opportuno rivolgersi al medico, che darà le indicazioni su come alleviare i disturbi e prevenire le possibili infezioni. Desquamazione Distacco dalla superficie della pelle di piccole lamelle bianche, costituite da cellule non più vitali. Basi lavanti Detergenti che producono poca schiuma. Non modificano la barriera protettiva della pelle. Emolliente Protettiva e nutriente. Unguento autoidratante Unguento emolliente, che aiuta anche a idratare. Fissure Screpolature a forma lineare nella pelle. 11

14 La pelle, durante l assunzione di Erlotinib, aumenta anche la sua sensibilità al sole. Pertanto è bene proteggerla con indumenti adeguati (vestiario, cappello, occhiali) ed evitare l esposizione al sole prolungata e intensa. Stanchezza, mal di testa e modificazione dell umore: la stanchezza è un sintomo molto comune. E di aiuto imparare a riconoscere la disponibilità delle proprie energie e svolgere attività adeguate alle proprie possibilità. Il mal di testa è raramente severo. Se si manifesta, si può assumere, al bisogno, un medicinale a base di paracetamolo. Modificazioni delle unghie, dei capelli e delle ciglia: Erlotinib può causare una crescita eccessiva di ciglia, sopracciglia e peli sulle parti del corpo più esposte, come il volto e le braccia. Al bisogno, possono essere considerati dei sistemi di rimozione della peluria (ad esempio del volto), per i quali è opportuno consultare il medico. La crescita delle ciglia potrebbe provocare un irritazione dell occhio. Se si verifica, si possono utilizzare dei colliri lenitivi per ridurre il fastidio. L uso delle lenti a contatto può peggiorare questa irritazione. Se questo disturbo è severo o persistente è opportuno consultare un oculista. Le unghie potrebbero diventare più scure, giallastre o fragili. Protrebbero rompersi o scalfirsi facilmente. In tal caso è opportuno indossare dei guanti quando si lavano i piatti, si lavora in giardino o si fanno le pulizie in casa. 12

15 Nausea, vomito, perdita di appetito, cattiva digestione o diarrea: è possibile che questi disturbi si manifestino, in forma lieve. Possono essere più severi nel caso in cui si riceva anche una chemioterapia. Per contrastare la nausea può essere utile assumere cibi secchi o asprigni, evitando cibi grassi, dolci o speziati. Può essere utile anche fare pasti piccoli e frequenti, masticando lentamente e bevendo a piccoli sorsi. I cibi e le bevande tiepidi o freddi e dagli odori neutri generalmente riducono la nausea. La diarrea, se si manifesta, è generalmente lieve (una o due scariche al giorno). Nel caso fosse più severa o se ci fossero dolori addominali è oppotuno contattare l oncologo. In ogni caso si raccomanda di bere regolarmente per mantenersi idratati ed eventualmente assumere fermenti lattici (probiotici). Probiotici Secondo la definizione ufficiale di FAO e OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), i probiotici sono organismi vivi che, somministrati in quantità adeguata, apportano un beneficio alla salute dell ospite. È bene però sapere che attualmente nessun probiotico viene prescritto per precise indicazioni mediche/cliniche. 13

16 Transaminasi Sono enzimi prodotti dal fegato. La quantità di questi enzimi che è presente nel sangue può essere indicativa della funzionalità di quest organo. Ittero Colorazione giallastra della pelle e delle mucose. Modificazione di alcuni valori del sangue: quando si assume Erlotinib, si potrebbero riscontrare delle variazioni dei valori nel sangue di alcuni enzimi prodotti dal fegato (transaminasi). In tal caso l oncologo valuterà la necessità di altri controlli, di cure (se è presente ad esempio ittero) o di modifiche alla terapia. Irritazione della bocca: la mucosa della bocca potrebbe diventare più secca o arrossata e potrebbero comparire delle piccole ulcere. È importante mantenere una buona igiene orale usando uno spazzolino morbido, bere regolarmente per mantenersi idratati e, al bisogno, fare degli sciacqui, ad esempio con acqua e bicarbonato. L oncologo andrebbe informato di questo disturbo e, se necessario, prescriverà dei medicinali a uso locale per alleviarlo. 14

17 Diffficoltà a respirare e tosse: durante la terapia con Erlotinib, potrebbe manifestarsi qualche difficoltà di respirazione. Questa può essere lieve e occasionale, oppure più frequente e persistente. Talvolta è accompagnata da tosse. Può essere di aiuto effettuare delle respirazioni profonde, ad esempio applicando delle tecniche di rilassamento, che aiutano a respirare correttamente e lentamente. Anche dormire con la testa sollevata può favorire la respirazione. Se la difficoltà a respirare è importante o accompagnata da febbre, va contattato prontamente l oncologo. Infezioni: si potrebbero contrarre con maggior facilità infezioni, soprattutto locali (ad esempio respiratorie, urinarie); più raramente queste coinvolgono l organismo nel suo insieme. Un eventuale segno di infezione può essere la febbre. Nel caso si manifesti, bisogna rivolgersi prontamente all oncologo, che valuterà un trattamento opportuno. 15

18 La consultazione del foglietto illustrativo permette di conoscere altri meno frequenti effetti indesiderati, che sono stati osservati durante l utilizzo di Erlotinib. Se si notano effetti o disturbi che influiscono marcatamente sullo stato di salute o sulla propria qualità di vita, è bene segnalarlo quanto prima all oncologo. ADR (in inglese: Adverse Drug Reaction, in italiano, Reazione Avversa/ Indesiderata da farmaco) Una risposta a un prodotto medicinale che è nociva o non voluta. Questa è la definizione ufficiale riportata dalla nuova normativa comunitaria europea in materia di Farmacovigilanza. In questo caso è possibile compilare e inviare al Ministero della Salute la scheda di segnalazione degli effetti indesiderati, noti anche come ADR (Adverse Drug Reaction ossia: reazioni avverse da farmaco) e segnalare così gli effetti indesiderati comparsi durante la terapia con Erlotinib. Questo sarà utile alla ricerca medica e alla società, al fine di consolidare le conoscenze e riconoscere nuovi o poco frequenti effetti collaterali (per altre informazioni a riguardo si veda il paragrafo a pag. 22). 16

19 Ulteriori informazioni Cos è utile sapere quando Erlotinib viene assunto con altri medicinali L assunzione contemporanea di altri medicinali può interferire con la terapia con Erlotinib. Talvolta queste interferenze, dette tecnicamente interazioni, possono causare effetti indesiderati o compromettere l efficacia della cura. È opportuno informare sempre l oncologo, il medico o il farmacista degli eventuali farmaci che si stanno assumendo. I seguenti medicinali possono aumentare l effetto di Erlotinib. Di conseguenza potrebbero manifestarsi effetti collaterali più severi. alcuni antibiotici utilizzati per la cura delle infezioni batteriche, come la claritromicina, la telitromicina e la ciprofloxacina, alcuni medicinali utilizzati per curare le infezioni fungine, come l itraconazolo, il voriconazolo, vari medicinali utilizzati per la cura dell AIDS, come l indinavir, il ritonavir, l atazanavir, il saquanavir. I seguenti medicinali, invece, possono diminuire l effetto di Erlotinib, di conseguenza potrebbero ridurre l efficacia della cura. la rifabutina e la rifampicina, utilizzate per curare o prevenire le infezioni da micobatteri (ad esempio la tubercolosi) la carbamazepina, il fenobarbitale e la fenitoina, utilizzati per il controllo dell epilessia e di altre malattie neurologiche, il desametasone, utilizzato per infiammazioni e allergie. 17

20 Alcuni medicinali possono diminuire la quantità di Erlotinib che viene assorbita dal nostro organismo. Questi includono: i medicinali utilizzati per la gastrite, il reflusso gastrico o l ulcera dello stomaco e del duodeno, come l omeprazolo, l esomeprazolo, il pantoprazolo, il rabeprazolo, il lansoprazolo, la famotidina, la cimetidina, la ranitidina e la nizatidina. i medicinali antiacidi. Se necessari, i medicinali antiacidi andrebbero assunti almeno due ore prima o due ore dopo aver preso Erlotinib. I medicinali che fanno parte della famiglia delle statine e abbassano i livelli di colesterolo nel sangue, se assunti assieme a Erlotinib potrebbero causare dolore e affaticamento muscolare e aumentare il rischio di complicazioni più severe a carico dei muscoli (rabdomiolisi). I medicinali che diminuiscono la capacità di coagulazione del sangue, ad esempio il warfarin, possono aumentare il rischio di sanguinamento se utilizzati assieme a Erlotinib. I medicinali utilizzati per il dolore e l infiammazione, che fanno parte della famiglia degli antinfiammatori non steroidei (detti anche FANS), possono aumentare il rischio di sanguinamento e di lesioni dello stomaco e dell intestino, se assunti assieme a Erlotinib. Alcuni esempi di questi medicinali sono: l ibuprofene, il piroxicam, il diclofenac, il celecoxib, il nambutone, l oxaprozina. 18

21 Gravidanza e allattamento Molti medicinali possono influenzare la fertilità, sia nell uomo che nella donna, o alterare il corretto sviluppo del feto dopo il concepimento. L entità dell effetto è diversa da medicinale a medicinale e dipende anche dalla fase della gravidanza nella quale viene assunto il medicinale. Nel caso di Erlotinib, va evitata una gravidanza e sono raccomandati sistemi per una contraccezione efficace durante il periodo di assunzione e per almeno due settimane dopo la fine della terapia. È, in ogni caso, importante discutere con l oncologo delle proprie preferenze e necessità valutando così, insieme a lui, tutti i fattori correlati ai rischi che l utilizzo del medicinale comporta. Alcuni medicinali possono raggiungere il latte materno, e quindi essere assunti indirettamente dal bambino. Per questo motivo l allattamento non è consigliato durante il trattamento con Erlotinib. Alimentazione L assunzione di succo di pompelmo o del frutto stesso, soprattutto se in quantità elevate, potrebbero aumentare l intensità e la severità degli effetti collaterali di Erlotinib. Pertanto è importante non assumerli durante la terapia con questo medicinale. Se l oncologo non ritiene di dare altre indicazioni specifiche, è possibile continuare con la propria dieta abituale, facendo attenzione ad alimentarsi in modo vario e seguendo le indicazioni per uno stile di vita sano. 19

22 Utilizzo di terapie complementari Il ricorso a cure complementari con sostanze naturali, prodotti erboristici o integratori alimentari può talvolta interferire con l efficacia dei medicinali prescritti per curare una malattia. Per questa ragione, per qualsiasi prodotto naturale, erboristico o integratore alimentare che si intenda utilizzare in concomitanza con Erlotinib, è assolutamente opportuno consultarsi con l oncologo, oppure con il medico curante o con il farmacista. Durante la terapia con Erlotinib, si raccomanda di non assumere prodotti contenenti Iperico (detto anche Erba di San Giovanni ). Questi prodotti, utilizzati per la cura della depressione, possono interagire con il medicinale, diminuendone l effetto. Se si notano degli effetti indesiderati durante l assunzione di sostanze naturali, integratori alimentari o prodotti erboristici è possibile segnalarlo all Istituto Superiore di Sanità attraverso una scheda predisposta (si veda pag 28), disponibile al seguente link: scheda_fito.pdf 20

23 Informazioni sulla sicurezza d uso dei medicinali (FARMACOVIGILANZA) Con il termine di farmacovigilanza, si indica un sistema internazionale di sorveglianza sulla sicurezza d uso dei farmaci e, più specificamente, sulla comparsa di reazioni/effetti indesiderati o collaterali derivanti dall utilizzo di qualsiasi farmaco. La farmacovigilanza coinvolge a diversi livelli tutta la comunità: pazienti, medici prescrittori, operatori sanitari, aziende farmaceutiche e istituzioni. Attraverso la Segnalazione spontanea di una reazione avversa (o segnalazione di Farmacovigilanza) si alimenta un importante fonte di informazioni che vengono poi trasmesse a Enti regolatori (ad es. l Agenzia Italiana per il Farmaco/il Ministero della Salute), mantenendo così un controllo continuativo sulla sicurezza d uso dei farmaci. La segnalazione spontanea di sospette reazioni avverse può essere effettuata non solo dall operatore sanitario ma anche dai cittadini e dai pazienti, tramite l apposita scheda di segnalazione (di seguito è riportato un fac-simile), che può essere inviata o consegnata: Al farmacista, che provvederà a inviarla all Azienda Sanitaria locale; Al responsabile di farmacovigilanza dell Azienda Sanitaria locale di appartenenza; Al proprio medico di medicina generale. Farmacovigilanza (secondo OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità) La scienza e le attività relative all identificazione, comprensione e prevenzione degli effetti avversi o di qualsiasi altro problema correlato all utilizzo di medicinali. 21

24 I responsabili della farmacovigilanza della propria Struttura Sanitaria, invieranno la scheda agli enti di competenza nei modi e nei tempi previsti dalla normativa. I dati inclusi in essa verranno poi inseriti nella Banca Dati ministeriale di Farmacovigilanza (Rete Nazionale di Farmacovigilanza - RNF), nell interesse e a tutela della salute della popolazione; questa banca dati infatti, insieme a quella europea (Eudravigilance) costituisce la fonte dove sono registrate tutte le Reazioni avverse segnalate dai pazienti e dai Medici segnalatori, e quindi tutti i profili di rischio e tossicità correlati a ogni specifico farmaco. Aumentare le conoscenze è molto importante per migliorare la qualità e l efficacia delle terapie. Il link del sito dell Agenzia Italiana per il Farmaco (AIFA) dal quale è possibile scaricare la scheda di segnalazione per l operatore sanitario e per il cittadino è il seguente: 22

25 Scheda di segnalazione per il personale sanitario SCHEDA UNICA DI SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA (ADR) A cura dei medici e degli altri operatori sanitari. Inviare al responsabile di farmacovigilanza della struttura di appartenenza (gli indirizzi dei responsabili possono essere recuperati nel sito dell AIFA: 1. INIZIALI PAZIENTE Nome Cognome 2. DATA di NASCITA o ETÀ 3. SESSO M F 4. DATA INSORGENZA REAZIONE 5. ORIGINE ETNICA CODICE SEGNALAZIONE 1.a. PESO (kg) 1.b. ALTEZZA (cm) 1.c. DATA ULTIMA MESTRUAZIONE 1.d. GRAVIDANZA sconosciuta 1.e. ALLATTAMENTO 6. DESCRIZIONE DELLA REAZIONE ED EVENTUALE DIAGNOSI (*se il segnalatore è un medico) 1 trimestre 2 trimestre 3 trimestre SI NO 7. INDICARE SE LA REAZIONE OSSERVATA DERIVA DA: INTERAZIONE ERRORE TERAPEUTICO ABUSO MISUSO OFF LABEL OVERDOSE ESPOSIZIONE PROFESSIONALE 8. GRAVITA' DELLA REAZIONE: GRAVE DECESSO OSPEDALIZZAZIONE O PROLUNGAMENTO INVALIDITA' GRAVE O PERMANENTE HA MESSO IN PERICOLO DI VITA ANOMALIE CONGENITE/DEFICIT NEL NEONATO ALTRA CONDIZIONE CLINICAMENTE RILEVANTE NON GRAVE 9. EVENTUALI ESAMI DI LABORATORIO RILEVANTI PER ADR (riportare risultati e date in cui gli accertamenti sono stati eseguiti): 11. AZIONI INTRAPRESE (specificare): In caso di sospensione compilare i campi da 17 a ESITO DATA: RISOLUZIONE COMPLETA ADR RISOLUZIONE CON POSTUMI MIGLIORAMENTO REAZIONE INVARIATA O PEGGIORATA DECESSO dovuto alla reazione avversa il farmaco può avere contribuito non dovuto al farmaco causa sconosciuta NON DISPONIBILE INFORMAZIONI SUI FARMACI 12. FARMACO/I SOSPETTO/I (indicare il nome della specialità medicinale o del generico*). Riportare il numero di lotto per vaccini e medicinali biologici A) 13. LOTTO 14. DOSAGGIO/FREQUENZA (specificare) 15. VIA DI SOMMINISTRAZIONE 16. DURATA DELL'USO: DAL AL 17. IL FARMACO E STATO SOSPESO? SI NO 18. LA REAZIONE E' MIGLIORATA DOPO LA SOSPENSIONE? SI NO 19. IL FARMACO E STATO RIPRESO? SI NO 20. SONO RICOMPARSI I SINTOMI DOPO LA RISOMMINISTRAZIONE? SI NO B) 13. LOTTO 14. DOSAGGIO/FREQUENZA (specificare) 15. VIA DI SOMMINISTRAZIONE 16. DURATA DELL'USO: DAL AL 17. IL FARMACO E STATO SOSPESO? SI NO 18. LA REAZIONE E' MIGLIORATA DOPO LA SOSPENSIONE? SI NO 19. IL FARMACO E STATO RIPRESO? SI NO 20. SONO RICOMPARSI I SINTOMI DOPO LA RISOMMINISTRAZIONE? SI NO C) 13. LOTTO 14. DOSAGGIO/FREQUENZA (specificare) 15. VIA DI SOMMINISTRAZIONE 16. DURATA DELL'USO: DAL AL 17. IL FARMACO E STATO SOSPESO? SI NO 18. LA REAZIONE E' MIGLIORATA DOPO LA SOSPENSIONE? SI NO 19. IL FARMACO E STATO RIPRESO? SI NO 20. SONO RICOMPARSI I SINTOMI DOPO LA RISOMMINISTRAZIONE? SI NO 23

26 * Nel caso di vaccini specificare anche il numero di dosi e/o di richiamo, l ora e il sito della somministrazione Prego, girare il foglio 21. INDICAZIONI O ALTRO MOTIVO PER CUI IL FARMACO È STATO USATO (le lettere fanno riferimento ai farmaci indicati precedentemente): A: B: C: 22. FARMACO/I CONCOMITANTE/I (indicare il nome della specialità medicinale o del generico*). Riportare il numero di lotto per vaccini e medicinali biologici A) 23. LOTTO 24. DOSAGGIO/FREQUENZA (specificare) 25. VIA DI SOMMINISTRAZIONE 26. DURATA DELL'USO: DAL AL 27. IL FARMACO E STATO SOSPESO? SI NO 28. LA REAZIONE E' MIGLIORATA DOPO LA SOSPENSIONE? SI NO 29. IL FARMACO E STATO RIPRESO? SI NO 30. SONO RICOMPARSI I SINTOMI DOPO LA RISOMMINISTRAZIONE? SI NO B) 23. LOTTO 24. DOSAGGIO/FREQUENZA (specificare) 25. VIA DI SOMMINISTRAZIONE 26. DURATA DELL'USO: DAL AL 27. IL FARMACO E STATO SOSPESO? SI NO 28. LA REAZIONE E' MIGLIORATA DOPO LA SOSPENSIONE? SI NO 29. IL FARMACO E STATO RIPRESO? SI NO 30. SONO RICOMPARSI I SINTOMI DOPO LA RISOMMINISTRAZIONE? SI NO * Nel caso di vaccini specificare anche il numero di dosi e/o di richiamo, l ora e il sito della somministrazione 31. INDICAZIONI O ALTRO MOTIVO PER CUI IL FARMACO È STATO USATO (le lettere fanno riferimento ai farmaci indicati qui sopra): A: B: 32. USO CONCOMITANTE DI ALTRI PRODOTTI A BASE DI PIANTE OFFICINALI, INTEGRATORI ALIMENTARI, ecc. (specificare): 33. CONDIZIONI PREDISPONENTI e/o CONCOMITANTI (se il farmaco sospetto è un vaccino riportare l'anamnesi ed eventuali vaccini somministrati nelle 4 settimane precedenti alla somministrazione) 34. ALTRE INFORMAZIONI INFORMAZIONI SULLA SEGNALAZIONE E SUL SEGNALATORE 35. INDICARE SE LA REAZIONE E' STATA OSSERVATA NELL'AMBITO DI: Progetto di Farmacovigilanza Attiva Registro Farmaci Studio Osservazionale, specificare: titolo studio tipologia numero 36. QUALIFICA DEL SEGNALATORE MEDICO OSPEDALIERO 37. DATI DEL SEGNALATORE (i dati del segnalatore sono trattati in modo confidenziale) MEDICO MEDICINA GENERALE SPECIALISTA FARMACISTA CAV ALTRO (specificare): FAC-SIMILE PEDIATRA LIBERA SCELTA NOME E COGNOME: MEDICO DISTRETTO INFERMIERE INDIRIZZO: TEL E FAX: ASL DI APPARTENENZA: 39. REGIONE: 40. DATA DI COMPILAZIONE: 41. FIRMA DEL SEGNALATORE 24

27 Scheda di segnalazione per il cittadino Scheda per il paziente di segnalazione di sospetta reazione avversa a farmaci o vaccini 1. Informazioni sul paziente che ha avuto la reazione avversa Chi ha avuto la reazione? Io Mio figlio/a Altra persona Iniziali (Nome e cognome) Data di nascita o età Sesso M F Peso (kg) Altezza (cm) Data ultima mestruazione Gravidanza: 1 trimestre 2 trimestre 3 trimestre Sconosciuta Allattamento SI NO 2. Informazioni sulla sospetta reazione avversa Quale reazione avversa è stata osservata? La reazione avversa deriva da un errore (es. sbaglio di farmaco, di dose, via di somministrazione) La reazione avversa deriva da un uso eccessivo del farmaco Quando sono iniziati i sintomi? (indicare la data) Quanto grave è stata la reazione? Non grave Ricovero in ospedale Pericolo di vita Invalidità permanente Difetto alla nascita Morte Quanto ha influito la reazione sulla qualità di vita? Indicare un valore da 1 (per niente) a 10 (moltissimo): Scegliere valore Quanto è durata? Ha utilizzato dei farmaci o altro per curare la reazione? Adesso la reazione avversa è? Risolta Risolta con conseguenze Migliorata Non ancora risolta Non so 3. Informazioni sui farmaci assunti Informazioni sul/i farmaco/i che possono aver causato la reazione Se i farmaci sospettati sono più di due usare un foglio aggiuntivo 1. Nome del farmaco N. Lotto (se conosciuto) Prescritto dal medico? Sì No Data inizio assunzione Data fine assunzione Quante volte al giorno? Come (per bocca, iniezione, uso cutaneo, ecc)? Per quale motivo? Il farmaco è stato sospeso a causa della reazione avversa? Sì No Il farmaco era stato preso in passato? Sì No Era avvenuta la stessa reazione? Sì No 2. Nome del farmaco N. Lotto (se conosciuto) Prescritto dal medico? Sì No Data inizio assunzione Data fine assunzione 25

Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari EVEROLIMUS. Informazioni sui farmaci (AFINITOR )

Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari EVEROLIMUS. Informazioni sui farmaci (AFINITOR ) CROinforma Piccole guide Informazioni sui farmaci EVEROLIMUS (AFINITOR ) Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari Centro di Riferimento Oncologico di Aviano - IRCCS

Dettagli

Piccole guide. Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari. Informazioni sui farmaci SUNITINIB (SUTENT )

Piccole guide. Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari. Informazioni sui farmaci SUNITINIB (SUTENT ) CROinforma Piccole guide Informazioni sui farmaci SUNITINIB (SUTENT ) Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari Centro di Riferimento Oncologico di Aviano - IRCCS

Dettagli

BEVACIZUMAB (AVASTIN ) Informazioni sui farmaci. a supporto di pazienti e familiari. per una cura consapevole. Informazioni dal CRO

BEVACIZUMAB (AVASTIN ) Informazioni sui farmaci. a supporto di pazienti e familiari. per una cura consapevole. Informazioni dal CRO CROinforma Piccole guide Informazioni sui farmaci BEVACIZUMAB (AVASTIN ) Informazioni dal CRO per una cura consapevole a supporto di pazienti e familiari Centro di Riferimento Oncologico di Aviano - IRCCS

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare Guida pratica per limitare i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante la terapia oncologica La mucosite orale (stomatite) La mucosite orale (stomatite) Guida pratica per

Dettagli

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante.

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante. PATIENT INFORMATION ON Australian Rheumatology Association METHOTREXATE (Italian) (Brand names: Methoblastin) Questo opuscolo informativo èstato creato dall Associazione Remautologica Australiana per aiutarvi

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

SCHEDA DI SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA A SEGUITO DI UTILIZZO DI SIGARETTA ELETTRONICA

SCHEDA DI SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA A SEGUITO DI UTILIZZO DI SIGARETTA ELETTRONICA SCHEDA DI SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA A SEGUITO DI UTILIZZO DI SIGARETTA ELETTRONICA Codice segnalazione Codice centro Dati del segnalatore Data compilazione Nome e Cognome del segnalatore

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente Il presente foglio illustrativo è stato elaborato da Sirtex Medical Limited (Sirtex) ed è destinato a fornire al paziente e ai suoi familiari una panoramica della Radioterapia Interna Selettiva con microsfere

Dettagli

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee SALVE, SONO IL DOTTOR CHI. IN QUESTO OPUSCOLO TI DARÒ UNA SERIE DI CONSIGLI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO LE TOSSICITÀ DELLA PELLE. SEGUIMI! SARÒ AL TUO

Dettagli

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA Gentile Signora, Gentile Signore, la nostra équipe ha pensato di proporre una guida per il paziente che deve iniziare il trattamento chemioterapico. Il

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Foglio illustrativo: informazioni per il paziente ACICLOVIR EG 200 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg compresse ACICLOVIR EG 800 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg/5 ml sospensione orale Medicinale equivalente

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali

Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Nuovi farmaci orali nei tumori gastrointestinali Sara De Dosso Istituto Oncologico della Svizzera Italiana Gruppo Interesse Oncologia Ticinese 20 novembre 2014 Outline Capecitabina, (S1) Regorafenib Sunitinib

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

Livello B1 Assistenza Familiare. Unità 2. Servizi Sanitari e Farmaci. In questa unità imparerai:

Livello B1 Assistenza Familiare. Unità 2. Servizi Sanitari e Farmaci. In questa unità imparerai: Livello B1 Assistenza Familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale. parole relative

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER TUTTI I PAZIENTI CHE ASSUMONO GLI INIBITORI DI EGFR

CONSIGLI UTILI PER TUTTI I PAZIENTI CHE ASSUMONO GLI INIBITORI DI EGFR La Associazione Italiana di Oncologia Toracica (AIOT) nella sua attività di informazione e di educazione a favore dei pazienti affetti da una patologia neoplastica polmonare, ha pensato di produrre questo

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

VECTAVIR LABIALE 1% crema penciclovir

VECTAVIR LABIALE 1% crema penciclovir FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIETTO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente GENALEN 70 mg compresse Acido alendronico

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente GENALEN 70 mg compresse Acido alendronico Foglio illustrativo: informazioni per il paziente GENALEN 70 mg compresse Acido alendronico Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale, perchè contiene importanti informazioni

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI Questo strumento è stato creato per facilitare gli operatori sanitari nella valutazione e nell educazione dei pazienti trattati

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

VOL. 4. Progetto S STEGNO. Come gestire. i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute. e apparato ginecologico

VOL. 4. Progetto S STEGNO. Come gestire. i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute. e apparato ginecologico VOL. 4 Progetto S STEGNO Come gestire i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute e apparato ginecologico Effetti sui capelli (alopecia) Alcuni farmaci anti-tumorali possono

Dettagli

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Allegato III Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Nota: Queste modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. Sedipanto 20 mg compresse gastroresistenti Pantoprazolo. Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. Sedipanto 20 mg compresse gastroresistenti Pantoprazolo. Medicinale equivalente Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Sedipanto 20 mg compresse gastroresistenti Pantoprazolo Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale

Dettagli

Effetti collaterali dermatologici: prendersi cura della pelle durante le terapie dei GIST.

Effetti collaterali dermatologici: prendersi cura della pelle durante le terapie dei GIST. Effetti collaterali dermatologici: prendersi cura della pelle durante le terapie dei GIST. L introduzione di farmaci mirati, come Glivec, Sutent e altri, ha prodotto grandi miglioramenti nella cura dei

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina Foglio illustrativo: informazioni per il paziente NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide)

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) Brescia, 3 giugno 2009 Circ. n. 169 INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009 Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) La Regione Lombardia,

Dettagli

Cos è la cefalea cronica quotidiana?

Cos è la cefalea cronica quotidiana? Lifting The Burden Campagna mondiale di informazione per la lotta contro la cefalea Cos è la cefalea cronica quotidiana? Cos'è la cefalea cronica quotidiana? "Ho iniziato ad avere mal di testa che comparivano

Dettagli

La carcinosi peritoneale

La carcinosi peritoneale La carcinosi peritoneale cos è e come si cura Il peritoneo Il peritoneo è una membrana sottile e trasparente che ricopre la parete interna della cavità addominale e pelvica, e tutti i visceri che vi sono

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO STUDIO ACIDO FOLICO TITOLO DEL PROTOCOLLO DI STUDIO: EFFICACIA DI DOSAGGI ELEVATI DI ACIDO FOLICO NEL PREVENIRE L OCCORRENZA DELLE MALFORMAZIONI CONGENITE. TRIAL CLINICO RANDOMIZZATO NELLE DONNE IN ETA

Dettagli

con reinfusione di cellule staminali La Chemioterapia ad Alte Dosi emopoietiche Che cos è e come nasce: informazione per il paziente PARTE PRIMA

con reinfusione di cellule staminali La Chemioterapia ad Alte Dosi emopoietiche Che cos è e come nasce: informazione per il paziente PARTE PRIMA guide Piccole CROinforma La Chemioterapia ad Alte Dosi con reinfusione di cellule staminali emopoietiche PARTE PRIMA Che cos è e come nasce: informazione per il paziente Questa guida fornisce un informazione

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE A cura del Settore Regionale Farmaceutica Ospedaliera e Territoriale e del Centro Regionale di Documentazione sul Farmaco ASL TO2 In Italia nel 2013 sono

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA. Prof. Massimo Monti. Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica

Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA. Prof. Massimo Monti. Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA Per la paziente Prof. Massimo Monti Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica Lo scopo del seguente modulo di consenso è di fornire

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

allergie allergie Cosa sono Come si manifestano

allergie allergie Cosa sono Come si manifestano automedicazione per chi va in vacanza all estero allergie allergie Cosa sono L allergia è una ipersensibilità ad una particolare sostanza, detta allergene, che, quando è inalata, ingerita o toccata, produce

Dettagli

Guida ai servizi. della Biblioteca Scientifica e per i Pazienti del CRO

Guida ai servizi. della Biblioteca Scientifica e per i Pazienti del CRO guide CROinforma Piccole Guida ai servizi della Biblioteca Scientifica e per i Pazienti del CRO BIBLIOTECA BIOMEDICA VIRTUALE dell area PORDENONESE (BIVAP) Dal 2011 le 3 biblioteche biomediche della provincia

Dettagli

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri,

Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, 1. RESPONSABILE 1. CHE COSA È L AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE Automedicarsi vuol dire curare da sé lievi disturbi o sintomi passeggeri, come tosse, raffreddore, stitichezza: disturbi che conosciamo bene,

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

sintomi,decorso coinfezioni

sintomi,decorso coinfezioni 2007 L epatite è un infiammazione del fegato; se è causata da un virus l epatite può essere trasmessa da una persona all altra.invece l epatite non è contagiosa se ha origine da abuso di alcool o medicamenti,

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/monc/

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Priorix, polvere e solvente per soluzione iniettabile in una siringa preriempita Vaccino (vivo) antimorbillo, antiparotite, antirosolia Legga attentamente

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. Oxcarbazepina TecniGen 600 mg compresse. Medicinale equivalente Oxcarbazepina

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. Oxcarbazepina TecniGen 600 mg compresse. Medicinale equivalente Oxcarbazepina FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE Oxcarbazepina TecniGen 600 mg compresse Medicinale equivalente Oxcarbazepina Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE COSA, QUANDO, CON QUALI FARMACI CI SI PUÒ CURARE DA SOLI SENZA CORRERE RISCHI.

AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE COSA, QUANDO, CON QUALI FARMACI CI SI PUÒ CURARE DA SOLI SENZA CORRERE RISCHI. AUTOMEDICAZIONE RESPONSABILE COSA, QUANDO, CON QUALI FARMACI CI SI PUÒ CURARE DA SOLI SENZA CORRERE RISCHI. a cura di FIMMG con la collaborazione di Mario Falconi, Walter Marrocco, Amedeo Schipani CHE

Dettagli

Informazioni su PROPECIA Finasteride in pastiglie da 1mg

Informazioni su PROPECIA Finasteride in pastiglie da 1mg Informazioni su PROPECIA Finasteride in pastiglie da 1mg Per cosa si utilizza Propecia PROPECIA dev essere utilizzata solo da soggetti di sesso maschile. PROPECIA è usata da uomini affetti da calvizie

Dettagli

FARMACI E TERZA ETÀ. CENTO DI QUESTI CONSIGLI.

FARMACI E TERZA ETÀ. CENTO DI QUESTI CONSIGLI. 4 FARMACI E TERZA ETÀ. CENTO DI QUESTI CONSIGLI. CHI SONO GLI ANZIANI Con il termine anziani ci si riferisce in genere alle persone con più di 60-65 anni, ovvero a una popolazione molto eterogenea, non

Dettagli

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Tenendo conto della valutazione del Comitato per

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti?

Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti? Franco Testore SOC Oncologia Ospedale Cardinal Massaia ASTI Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti? Non dimenticare mai il contratto di alleanza che stipuliamo con i pazienti Considerare

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Additional information >>> HERE <<<

Additional information >>> HERE <<< Additional information >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/sjzf1222/ Tags: mai piã¹ reflusso acido - curare il

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA Informazioni generali e indicazioni sulla malattia www.idrosadenitesuppurativa.ch Per ulteriori informazioni sull idrosadenite suppurativa. Con il sostegno di Indice

Dettagli

Di seguito sono riportati i dati riassuntivi delle segnalazioni spontanee in Regione Basilicata nell anno 2007:

Di seguito sono riportati i dati riassuntivi delle segnalazioni spontanee in Regione Basilicata nell anno 2007: INTRODUZIONE La segnalazione spontanea di reazioni avverse da farmaci (ADRs) rappresenta uno strumento di primaria importanza per la rilevazione di tutti quegli eventi, compresi quelli con frequenza molto

Dettagli

FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza

FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Aggiornamento marzo 2014 FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Il 2 luglio 2012 è entrato in vigore il Regolamento (UE) n. 1235/2010, il 10 luglio

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI

FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI CHE COS È IL FENOMENO DI RAYNAUD È definito come una variazione di colore della cute delle mani o delle estremità

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori sanitari

Dettagli

Febbre Mediterranea Familiare

Febbre Mediterranea Familiare Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Cos è? Febbre Mediterranea Familiare La febbre mediterranea familiare (FMF) è una malattia genetica. I pazienti affetti soffrono di ricorrenti attacchi

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE http://pdfo.org/hbritalian/pdx/port3356/

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli