dermatologia guida per gli utenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dermatologia guida per gli utenti"

Transcript

1 dermatologia 1

2 2 dermatologia

3 dermatologia guida per gli utenti a cura di Patrizio Sedona con Andrea Bassan Giuliano Bertoldi Massimo Donini Alberto Lacchin Sandro Pasquinucci Erica Picano Malvina Zanchi azienda Ulss 12 veneziana dermatologia 1

4 2 dermatologia

5 presentazione Il fascicolo redatto da Patrizio Sedona, direttore dell unità operativa di Dermatologia, con la sua équipe che pubblichiamo nella collana aziendale si pone un triplice obiettivo: presentare le sedi in cui si articola la struttura presso gli ospedali di Mestre e di Venezia e sul territorio, le prestazioni erogate e le apparecchiature medicali in dotazione; illustrare con semplicità di linguaggio e rigore scientifico alcune fra le più frequenti patologie dermatologiche, con l indicazione dei comportamenti a rischio che ne possono determinare l insorgenza e le moderne terapie; rispondere ad alcune fra le più ricorrenti domande del cittadino sui nevi, sulla fotoprotezione naturale e artificiale e sulle precauzioni da assumere per evitare danni ad adulti e bambini durante l esposizione. Questo vademecum oltre che disponibile presso l unità operativa e le strutture distrettuali sarà consultabile da tutti gli interessati anche sul sito web aziendale Antonio Padoan direttore generale azienda Ulss 12 veneziana dermatologia 3

6 attività ambulatoriali fototerapia con UVB Per fototerapia si intende l utilizzo a scopo terapeutico delle radiazioni luminose e soprattutto di quelle ultraviolette, nel trattamento di malattie cutanee. La fototerapia con UVB indicazioni fototerapia con UVB psoriasi dermatite atopica vitiligine dermatite seborroica parapsoriasi a piccole chiazze dermatite polimorfa solare utilizza una luce ultravioletta con una lunghezza d onda di nm. Gli UVB possono essere utilizzati da soli o in associazione a farmaci topici. Recentemente la fototerapia è stata migliorata con l introduzione di UVB a banda stretta, grazie all utilizzo di tubi fluorescenti TL-01 che emettono una lunghezza d onda di 311 nm. L introduzione di questo nuovo tipo di terapia ha permesso di ridurre il rischio di carcinogenesi rispetto all UVB a banda larga, proprio grazie alla selezione di un unico fascio di radiazioni, e si è dimostrata più efficace e con minor rischio di provocare eritema nella cura delle patologie cutanee responsive alla fototerapia. trattamento I pazienti ricevono una dose controllata di UVB mentre sono in piedi all interno di una cabina rivestita di tubi che emettono UVB. Gli occhi vengono protetti con occhiali schermanti. Prima di iniziare si determina la MED (minima dose eritematogena) per evitare sovra/sottodosaggi. dose per la prima seduta: ⅔ della MED per le successive: incrementi del 20% sedute settimanali da 2 a 5 trattamento continuato fino alla remissione della malattia sospensione graduale (riduzione del numero delle sedute settimanali) 4 dermatologia

7 fotochemioterapia Per fotochemiotarapia si intende una particolare forma di fototerapia in cui l azione delle radiazioni non ionizzanti (soprattutto UV) viene combinata all assunzione o all applicazione di sostanze fotosensibilizzanti. PUVA (psoraleni + UVA) è la terapia più conosciuta e utilizzata. Psoraleni sono furocumarine tricicliche presenti in gran numero nelle piante, attualmente prodotte sinteticamente dalle industrie chimiche. Il composto più utilizzato è l 8-metossipsoralene. UVA complesso psoraleni-dna addotti con il DNA inibizione sintesi DNA e divisione cellulare Questo meccanismo è efficace negli stati iperproliferativi dell epidermide. La fotochemioterapia risulta efficace anche nei confronti di malattie a carattere non iperproliferativo per l azione immunosoppressiva. protocollo terapia assunzione per via orale di mg/kg di 8-metossipsoralene due ore e mezzo prima dell esposizione alla sorgente irradiativa e non a stomaco vuoto circa 4 sedute settimanali dose iniziale è uguale alla MPD (minima dose fototossica) incrementi di dose ogni due sedute (pari a 0.5 J/cm ) trattamento continuato fino alla remissione clinica della malattia sospensione graduale indicazioni psoriasi vitiligine dermatite atopica dermatite allergica da contatto lichen planus dermatite polimorfa solare orticaria solare alopecia areata mastocitosi micosi fungoide prurigo nodulare pitiriasi lichenoide dermatologia 5

8 RE-PUVA (retonoidi + psoraleni + UVA) L efficacia della PUVA può essere potenziata dalla combinazione con altri presidi terapeutici come i retinoidi, riducendo del 50% il dosaggio irradiativo totale. fototerapia con soli UVA Gli UVA sono più maneggevoli degli UVB, che producono facilmente ustioni per modesti iperdosaggi, sono utilizzati con risultati positivi in quadri clinici meno gravi. misure di prevenzione occhiali protettivi d obbligo per paziente e operatore protezione genitali nei maschi e mammelle nelle donne controllo distanza paziente-sorgente irradiativa stare lontani da fonti di luce (computer, televisione ecc.) accurata anamnesi: non assumere farmaci o applicare sostanze con capacità fotosensibilizzante controindicazioni insufficienza renale o epatica grave malattia cardiovascolare cataratta/retinopatia gravidanza età pediatrica malattie aggravate dalla luce (LES, porfirie) allergia agli psoraleni microfototerapia Costituita da lampade che emettono raggi UVA/UVB per fototerapia e fotochemioterepia. Il sistema emette raggi UVA ( nm) per PUVA terapia o UVB a banda stretta ( nm) per uso in fototerapia. Il sistema permette di erogare dosi controllate di luce UV e l apposito manipolo permette il trattamento selettivo delle lesioni della pelle senza esposizione dei tessuti circostanti sani. indicazioni psoriasi vitiligine alopecia areata dermatite atopica dermatite seborroica 6 dermatologia

9 tricologia e malattie degli annessi cutanei In tale sede vengono seguite le patologie di capelli e unghie. Il nostro interesse è mirato comunque al trattamento della alopecia aerata. È una patologia caratterizzata da caduta in chiazze dei capelli; le chiazze hanno in genere margini ben definiti e possono essere singole o confluenti fino a dare forme definite come totali o universali. In questa patologia l aggressione del follicolo pilifero è mediata dal sistema immunitario. La terapia tradizionale si basa sull impiego di topici steroidi che pur applicati in occlusiva per mesi, danno risposta soddisfacente nel 50% dei casi. È indicata inoltre la fototerapia (PUVA). La immunoterapia topica si basa invece sull impiego di sostanze sensibilizzanti come l acido squarico (Sadbe) o il difenciprone che, applicate localmente secondo tabelle di diluizione, sono nel 70% dei casi in grado di promuovere la ripresa di attività del bulbo pilifero. allergologia In questo ambulatorio vengono seguiti i pazienti che presentano problematiche di natura allergica quali: gli eczemi da contatto, gli eczemi atopici, l orticaria, le allergie a farmaci ecc. Patch test necessari nelle diagnosi dell eczema da contatto di natura allergica, consistono nella apposizione di una serie di cerotti contenenti le sostanze sospettate di essere responsabili delle patologie da contatto; vengono posizionati generalmente sul dorso e tenuti in sede per 72 ore. È possibile applicare serie di cerotti specifiche per varie categorie professionali (cuochi, parrucchieri, industria calzaturiera ecc.) Prick test utilizzati nella diagnosi delle allergie definite di tipo immediato (rinite, congiuntivite, asma a carattere stagionale o perenne) e in campo dermatologico nella definizione diagnostica di quadri complessi quali la dermatite atopica, l urticaria ecc. prove per orticarie fisiche test per la determinazione di allergia alla penicillina e ai suoi derivati dermatologia 7

10 ambulatorio di dermatologia pediatrica A frequenza settimanale, tale ambulatorio viene dedicato alle patologie cutanee dell età pediatrica e nasce dalla necessità di riservare ai piccoli pazienti spazi e personale medico e paramedico qualificato. ambulatorio di venereologia L aumento dei flussi migratori e il turismo sessuale, il rilassamento che è seguito al periodo di attenzione proprio dell epidemia del virus dell Aids, hanno contribuito a una riaccentuazione di quelle patologie considerate ormai dimenticate (es. sifilide). ambulatorio per le ulcere cutanee Vengono seguiti dal contesto i pazienti portatori di ulcere croniche, generalmente agli arti inferiori, di natura venosa, artrovenosa e le ulcere nei diabetici. A tale ambulatorio è appoggiata un attività chirurgica, in regime di day-hospital o di ricovero ordinario, per l apposizione di innesti, e in tempi recenti, l uso di colture di fibroblasti o cellule epidermiche autologhe (provenienti da coltivazioni di cute dello stesso paziente). 8 dermatologia

11 ambulatorio dedicato per l iperidrosi distrettuale Dal 1998 le unità operative di Dermatologia e Neurologia dell ospedale civile di Venezia sono centro di riferimento regionale per il trattamento dell iperidrosi distrettuale con tossina botulinica. Questa attività è riconosciuta a livello nazionale, attraverso l organizzazione di corsi di addestramento per tutto il personale medico interessato a tale metodica terapeutica. L infiltrazione della tossina botulinica, opportunamente diluita, nelle sedi iperidrotiche (sudorazione eccessiva di mani, piedi o ascelle); rende un beneficio al paziente variabile dai quattro ai dodici mesi, senza effetti collaterali. telemedicina e teledermatologia La Dermatologia è entrata nel gruppo delle unità operative operanti in Telemedicina. Le difficoltà legate a un territorio difficile come quello insulare, hanno spinto l azienda Ulss 12 veneziana ad attivare un servizio che possa collegare i distretti anche più lontani, senza la necessità di dover spostare pazienti, personale medico e paramedico. Sono stati attivati i collegamenti tra la sede centrale dell unità operativa di Dermatologia all ospedale civile Santi Giovanni e Paolo di Venezia e i distretti di Burano, Lido e Pellestrina. Tale attività permette quindi di controllare, attraverso il semplice uso di una telecamera, che trasmette in tempo reale le immagini al monitor della sede centrale dell unità operativa, lesioni cutanee quali ulcere, neoformazioni ecc. permettendo un follow-up a distanza, con una conseguente riduzione della spesa. dermatologia 9

12 10 dermatologia

13 melanoma e nevi dermatologia 11

14 impariamo a conoscerli Non tutti gli studiosi sono d accordo sul ruolo del sole nell insorgenza del melanoma. Tuttavia sono innegabili alcuni aspetti: l elevata incidenza del tumore in persone con pelle chiara che si difendono male dalle radiazioni solari e in soggetti congeneticamente affetti da una rara malattia ereditaria che li rende incapaci di riparare i danni provocati dal sole nel DNA delle cellule cutanee; infine la comparsa frequente del melanoma in sedi fotoesposte. Ci sembra pertanto importante conoscere gli effetti delle radiazioni solari sulla nostra pelle e capire come prevenirne i danni. radiazioni solari e cute La luce che noi vediamo è composta da un fascio di onde di diversa lunghezza che possiamo evidenziare con un prisma o con l arcobaleno che è un prisma naturale; esiste però una parte di onde che noi non vediamo costituite da raggi X, raggi gamma, ultravioletto, infrarosso e radio onde. L atmosfera assorbe gran parte delle radiazioni solari. Le radiazioni visibili e gli infrarossi determinano sulla cute solo un effetto termico. Le radiazioni ultraviolette (UV) costituiscono invece parte delle radiazioni solari potenzialmente dannose. Sono distinte in tre tipi (A, B, C) in base alla capacità di penetrazione della pelle: UVA raggiungono lo strato più profondo (derma); UVB raggiungono lo strato più superficiale (epidermide e strato corneo); UVC non arrivano, bloccate dalla fascia d ozono. 12 dermatologia

15 effetti precoci delle radiazioni solari sulla cute risposta di tipo infiammatorio, legata principalmente agli UVB: eritema, edema, bruciore (dopo 2-6 ore dall esposizione e raggiunge un massimo dopo ore) danno cellulare (DNA), che viene prontamente riparato; se questo non si verifica si arriva alla formazione di tumori della pelle pigmentazione immediata (dura poche ore): è legata alla ossidazione della melanina presente nella pelle, per lo più dovuta agli UVA produzione di vitamina D azione antidepressiva effetti tardivi delle radiazioni solari sulla cute pigmentazione tardiva (abbronzatura): legata a ripetute esposizioni e dovuta a UVA e UVB che stimolano la sintesi di nuova melanina (massima produzione dopo 7-10 giorni di costante esposizione) aumento dello spessore della pelle effetti sul sistema immunitario effetti a lunga scadenza La pelle ha memoria e si ricorda quindi di tutto il sole che ha preso. Il danno che si accumula negli anni, si manifesta con: invecchiamento cutaneo: ispessimento, secchezza e riduzione della elasticità cutanea, aumento delle rughe, lentiggini, dilatazione dei capillari precancerosi: cheratosi attiniche degenerazione cutanea (fotocarcinogenesi) epiteliomi basocellulari, squamocellulari, melanoma Alla luce dei molteplici effetti dannosi indotti sulla pelle dalle radiazioni ultraviolette, risulta necessario fornire esaurienti informazioni per una adeguata fotoprotezione. dermatologia 13

16 fotoprotezione naturale La nostra pelle quando viene esposta al sole reagisce all azione dei raggi ultravioletti aumentando il suo spessore e intensificando il suo colore. La melanina, proteina prodotta dai melanociti, oltre a contribuire a definire il colore della cute, ha lo scopo di proteggere il nucleo delle cellule dell epidermide dall azione lesiva dei raggi ultravioletti. Essa è variamente distribuita nelle diverse zone geografiche in rapporto all intensità solare. fototipo Il colore della pelle determina la sensibilità e la naturale protezione della cute alla luce: i soggetti con pelle chiara (meno pigmentata) si arrosseranno con una esposizione solare molto inferiore rispetto ai soggetti con pelle scura (più pigmentata). È importante quindi riconoscere il proprio fototipo per poter meglio adeguare i propri comportamenti durante l esposizione solare. I II III IV V VI capelli rossi, occhi azzurri, pelle chiarissima: si scotta sempre e non si abbronza mai capelli biondi, occhi azzurri, pelle chiara: si scotta sempre e si abbronza poco capelli e occhi castani, pelle chiara: si scotta moderatamente e si abbronza gradualmente capelli e occhi bruni, pelle olivastra: si scotta poco e si abbronza sempre e con rapidità capelli, occhi e pelle scura: raramente si scotta e si abbronza intensamente e con facilità capelli, occhi e pelle nera: non si scotta mai, è sempre intensamente pigmentato L abbronzatura ha un effetto protettivo, legato alla produzione di pigmento melanico e all ispessimento cutaneo, molto inferiore a quello della pigmentazione genetica. 14 dermatologia fotoprotezione naturale ispessimento progressivo dello strato corneo produzione e ossidazione della melanina fototipo (pigmentazione genetica)

17 fotoprotezione artificiale I filtri solari sono nati per difendere la fotoprotezione artificiale pelle dai danni dei raggi UV immediati e filtri solari fisici cronici (eritema, scottature, invecchiamento filtri solari chimici precoce, processi degenerativi). integratori vitaminici Sono prodotti industriali o artigianali contenenti dei composti in grado di bloccare le radiazioni eritemigene, permettendo il passaggio di quelle abbronzanti. principali categorie antisolari chimici (prodotti filtro): agiscono assorbendo un intervallo più o meno esteso di raggi UV nocivi e sono rappresentati principalmente da acido paraminobenzoico (PABA), cinnamati, benzofenoni, acido salicilico antisolari fisici (prodotti barriera): consistono in formulazioni opache, cosmeticamente poco gradevoli, contenenti sostanze che agiscono riflettendo completamente la radiazione elettromagnetica; ossidi di zinco, di magnesio, di ferro, di titanio, il caolino, il talco e la vaselina; offrono protezioni alte o totali a bassi costi È importante applicare creme protettive tenendo conto dell indice di protezione (SPF) espresso numericamente e indicante la capacità di filtrare i raggi. Si tenga presente che fattori da 2 a 5 danno una bassa protezione (blocco del 50% circa degli UV), da 6 a 11 danno una media protezione, da 20 e oltre una altissima protezione (blocco del 95% degli UV). L organismo può essere aiutato a proteggersi dall azione nociva delle radiazioni solari e dai radicali liberi anche mediante l assunzione con la dieta di estratti vegetali e vitamine utili a tale scopo: vitamina E, beta-carotene, vitamina A. Più sicuri per la cute sono i prodotti senza profumi che riducono la probabilità di allergie. Dopo l esposizione al sole la pelle disidratata, arrossata e irritata, necessita di prodotti cosmetici idratanti e favorenti la normalizzazione cutanea. dermatologia 15

18 comportamento corretto nell esposizione al sole evitare di esporsi al sole nelle ore più calde: tra le 11 e le 16 i raggi solari sono diretti e il loro potere aggressivo è massimo utilizzare creme solari adeguate al proprio fototipo con filtri per UVA e UVB; le creme solari vanno applicate 30 minuti prima di esporsi per dare modo al prodotto di distribuirsi sulla cute in assenza di sudore; ripetere l applicazione ogni 2-3 ore durante l esposizione, dopo ogni bagno e in caso di sudorazione intensa maglietta e cappello proteggono dalle radiazioni solari gli occhi vanno riparati con lenti schermanti UVB e UVA assunzione di liquidi non alcolici: acqua e succhi di frutta applicare creme ad alta protezione anche con cielo velato attenzione alle superfici riflettenti (acqua, sabbia, neve) che aumentano molto il pericolo di scottature attenzione al vento che può trarre in inganno togliendo la sensazione di caldo sulla pelle attenzione a esporsi in montagna: l intensità delle radiazioni aumenta con l altitudine evitare l applicazione sulla pelle di sostanze chimiche fotosensibilizzanti, che possono potenziare l effetto dei raggi solari: profumi, deodoranti, bergamotto, alcuni farmaci esporsi al sole in modo graduale e progressivo: evitare le esposizioni concentrate nel tempo e intense non esporre mai al sole i neonati fino al primo anno di vita ed esporre con molta cautela i bambini, assicurandosi che indossino cappellino e maglietta chiari attenzione agli anziani con cute fotodanneggiata attenzione ai nevi: se un nevo cambia colore, forma o dimensioni è suggerito un consulto dermatologico non esporsi dopo trattamenti con peeling chimici o recenti interventi chirurgici evitare l abbronzatura artificiale con lampade UVA, che invecchiano ancor più precocemente la cute 16 dermatologia

19 sole e bambini Il sole fa sicuramente bene ai bambini che necessitano però di una protezione particolare in quanto rischiano più degli adulti di soffrire di lesioni indotte dall esposizione alla radiazione solare perché: i bambini amano molto giocare all aria aperta; la pelle di un bambino è più sottile e più sensibile: anche una breve esposizione al sole nelle ore più calde può determinare ustioni gravi; per i bambini piccoli la dispersione del calore è più difficile per la ridotta superficie corporea e accanto alle temibili scottature è possibile il colpo di calore con un rialzo febbrile anche notevole e una maggiore perdita di liquidi; numerosi studi hanno dimostrano che una scorretta esposizione e frequenti colpi di sole durante l infanzia fanno aumentare notevolmente il rischio di melanomi in seguito. che cos è il nevo? I nevi o nei sono delle macchie della cute generalmente di forma rotondeggiante o ovalare e di colorito scuro, dal marrone al bruno. Possono essere piatti o cupoliformi: questi ultimi, pur essendo esteticamente meno accettati e più soggetti a traumatismi accidentali, sono tuttavia i meno pericolosi e generalmente non necessitano di asportazione. I nevi sono dovuti a una proliferazione di melanociti e il loro numero è dovuto a una combinazione di predisposizione genetica ed esposizione solare. Possono insorgere verso la pubertà, aumentando numericamente con l età adulta (nevi acquisiti), oppure essere presenti alla nascita (nevi congeniti). I nevi congeniti sono più grandi dei nevi acquisiti, tendono più facilmente a rilevarsi e formare dei peli. dermatologia 17

20 A differenza della comune credenza che un nevo presente dalla nascita non vada mai incontro a trasformazione maligna, i nevi congeniti devono essere controllati sempre con grande attenzione. Il nevo piatto di forma regolare e di piccole dimensioni è facilmente diagnosticabile: in questo caso va distinto dalla lentiggine o dall efelide. La lentiggine è dovuta a un elevato numero di melanociti nell epidermide; può essere singola o presente in numero elevato, è di colorito marrone scuro o nerastro ed è spesso in relazione a eccessiva esposizione solare. L efelide è una lesione pigmentata, di colore marrone chiaro, dovuta a una maggiore capacità dei melanociti di produrre melanina. Compare nella prima infanzia, di solito al volto, dorso delle mani e braccia, di persone generalmente con capelli rossi o biondi (fototipo I, II). Il nevo cupoliforme verrucoso, di colorito marrone o nerastro, deve essere essere distinto dalla cheratosi seborroica. La cheratosi seborroica è una neoformazione benigna, dovuta a un accumulo di cellule dello strato corneo. Si localizza prevalentemente nelle zone soggette a sfregamento. Quando, invece, ci troviamo di fronte a una lesione grande, asimmetrica, di colore molto scuro, dobbiamo fare una diagnosi differenziale con il melanoma maligno. Infatti la diagnosi precoce serve soprattutto a distinguere il melanoma dai nevi comuni. 18 dermatologia

21 che cos è il melanoma? Il melanoma è un tumore maligno della pelle che può insorgere su di un nevo preesistente o manifestarsi improvvisamente come una lesione scura di aspetto atipico. Negli ultimi anni si è registrato un rapido aumento della sua incidenza. Si presenta molto spesso come una macchia scura o una piccola escrescenza di aspetto irregolare e di colore nero, brunastro o variegato che tende rapidamente a crescere. Il melanoma è formato dalle stesse cellule che formano i nevi ma degenerate e atipiche. Il melanoma può inizialmente somigliare a un semplice nevo: è perciò molto importante saper distinguere un nevo banale comune e privo di rischi da un tumore aggressivo come il melanoma. segnali che devono destare allarme della possibile trasformazione di un nevo in melanoma rapido aumento delle dimensioni (settimane o mesi) cambiamento di colore irregolarità dei margini comparsa di prurito, bruciore, dolore in corrispondenza del nevo segni di infiammazione o sanguinamento del nevo stesso dermatologia 19

22 chi è più a rischio di sviluppare un melanoma? chi ha riportato numerose scottature solari, soprattutto nell infanzia o nell adolescenza chi si espone al sole in modo intenso e intermittente ( tintarella da weekend ) i fototipi I e II (si scottano facilmente) chi ha avuto un familiare consanguineo con melanoma (nel 15% dei casi il melanoma può essere ereditario) chi presenta molti nevi sulla pelle (più di 50, soprattutto se alcuni di grandi dimensioni e/o irregolari) chi presenta uno o più nevi congeniti grandi diagnosi precoce autoispezione È importante imparare a conoscere i propri nevi: la posizione, la forma, il colore e le dimensioni. È necessario non trascurare di osservare le aree di difficile osservazione, quali il dorso, aiutandosi con uno specchio o facendosi aiutare da un familiare, e quelle nascoste, quali la pianta dei piedi, gli spazi interdigitali e i solchi retroauricolari. Un attenta autoispezione periodica consentirà di notare eventuali modificazioni dei nevi e quindi di individuare una lesione a rischio. 20 dermatologia

23 per rendere più semplice l autocontrollo dei pazienti è stato suggerito il cosiddetto criterio ABCDE che fornisce dei parametri di riferimento da tenere presenti A come asimmetria: un nevo si presenta simmetrico (rotondo o ovalare), asimmetrico il melanoma B come bordi: sono regolari e uniformi nel nevo, frastagliati e irregolari nel melanoma C come colore: uniformemente distribuito nel nevo (marrone chiaro o scuro), più colori distribuiti in maniera non uniforme nel melanoma (marrone, nero, bianco) D come dimensione: se il diametro del nevo è superiore ai 6 millimetri o se ha avuto una crescita di dimensione negli ultimi mesi è consigliabile un controllo E come evoluzione/elevazione/emorragia: se il nevo ha avuto una modifica dell aspetto iniziale e/o se in un punto diventa in rilievo e/o se sanguina spontaneamente, la lesione deve essere controllata la presenza di due o più di questi caratteri può far sospettare un melanoma esame clinico È importante sottoporsi al controllo dermatologico in caso di grandi nevi congeniti o di particolari condizioni di rischio almeno una volta entro i 20 anni di età. Successivamente far controllare periodicamente i propri nevi. L occhio esperto consentirà di individuare le lesioni a rischio e programmare le ulteriori indagini strumentali. dermatologia 21

24 esami strumentali dermatoscopio è uno strumento monoculare di piccole dimensioni, che consente di ingrandire le lesioni di 10 volte e di osservare l architettura profonda delle lesioni stesse stereomicroscopio (microscopio a epiluminescenza) permette un ingrandimento da 6 a 40 volte e di analizzare tridimensionalmente le lesioni videodermatoscopio è costituito da una microtelecamera a colori ad alta risoluzione incorporata nella zona terminale di una sonda capace di ingrandire le immagini da 30 a 80 volte, le immagini digitalizzate vengono archiviate consentendo una successiva comparazione temporale mappatura dei nevi Consiste nel controllo periodico delle lesioni pigmentate che vengono fotografate e inserite in un archivio per immagini digitali (immagine macroscopica e in dermatoscopia), tale metodica viene suggerita ai pazienti che presentino lesioni sospette in sedi critiche o che, per condizioni a rischio (fototipo, numero totale superiore a 100 nevi) abbiano la necessità di controlli seriali. Non rappresenta comunque una metodica di routine e, soprattutto, non consente l analisi dell immagine e quindi non rende la certezza diagnostica propria solo dell esame istologico. 22 dermatologia

25 terapia fotodinamica (PDT) Le lampade a diodi emettitori di luce (LED) sono destinate all utilizzo nella terapia fotodinamica topica (PDT) in combinazione con un fotosensibilizzante topico (Metvix 160 mg crema: metilaminolevulinate). Le lampade emettono una luce rossa visibile, priva di calore, a una lunghezza media d onda di circa 630 nm, che consente la più profonda penetrazione cutanea possibile e rappresenta la lunghezza d onda ottimale per l attivazione del fotosensibilizzante topico. Tale metodica consente di trattare le neoplasie cutanee di derivazione epiteliale, non infiltranti, evitando l approccio strettamente chirurgico e i conseguenti esiti cicatriziali. indicazioni cheratosi attiniche morbo di Bowen epiteliomi basocellulari epiteliomi spinocellulari asportazione chirurgica Eseguito in anestesia locale, l intervento di asportazione di una lesione cutanea risulta indispensabile qualora si rilevi una lesione sospetta; la metodica chirurgica non sostituisce l asportazione con altre tecniche (es. laser) che vengono riservate alle sole neoformazioni, già riconosciute all esame clinico benigne. Ogni lesione asportata verrà verificata all esame istologico per una diagnosi certa. dermatologia 23

26 Unità operativa di Dermatologia Il personale è costituito da medici laureati in medicina e specializzati in dermatologia, coordinati da un direttore (primario) che dirige l unità operativa, che comprende tutte le attività del reparto, nelle due sedi ospedaliere di Venezia e di Mestre. Gli infermieri professionali, coordinati da un caposala, sono diplomati a seguito di un corso triennale e specializzati nel seguire il paziente con patologie dermatologiche. attività presso le sedi ospedaliere di Venezia e Mestre visite dermatologiche ambulatorio allergologico per le patologie allergiche cutanee (eczemi da contatto, eczemi atopici, orticaria ecc.) sala chirurgica, operante dal lunedì al venerdì ambulatorio di fototerapia (UVA-UVB per il trattamento con ultravioletti di numerose patologie cutanee, es. psoriasi, vitiligine, alopecia areata, linfomi cutanei ecc.) ambulatorio di terapia fotodinamica, nuova metodica per il trattamento di neoplasie cutanee della serie epiteliale ambulatorio dedicato per il trattamento dell alopecia areata ambulatorio dermochirurgico e di crioterapia per il trattamento di neoformazioni benigne ambulatorio per le ulcere cutanee ambulatorio dedicato per l iperidrosi distrettuale ambulatorio dedicato di dermatologia oncologica ambulatorio multidisciplinare di dermatologia oncologica nel controllo di pazienti operati di melanoma maligno cutaneo e altre neoplasie maligne cutanee ambulatorio di venerologia ambulatorio di dermatologia pediatrica Day hospital ospedale Santi Giovanni e Paolo, Venezia a tale struttura sono assegnati due ricoveri quotidiani ai quali afferiscono pazienti che devono subire interventi dermochirurgici e cicli di terapia fotodinamica, in tale sede vengono anche eseguiti trattamenti per l iperidrosi con tossina botulinica Ambulatorio ospedale al Mare, Lido di Venezia una volta la settimana Attività di degenza 7 posti letto degenza ospedale Santi Giovanni e Paolo, Venezia 2 posti letto degenza ospedale Umberto I, Mestre Distretti sono presenti medici specialisti

27

28 q 26 dermatologia

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE

INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE CHE COSA E UN NEVO? Il Nevo, parola latina che significa voglia o mola, è un termine generico che indica una lesione congenita della cute. Mola è il termine

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Tumori della pelle non melanoma

Tumori della pelle non melanoma Tumori della pelle non melanoma Basalioma, spinalioma, stadi precursori Un informazione della Lega contro il cancro per malati e familiari Impressum _Editrice Lega svizzera contro il cancro Effingerstrasse

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Capelli sani: quanto ne sai?

Capelli sani: quanto ne sai? Antonella Tosti Antonella Tosti è Professore Ordinario di Clinica Dermatologica presso l Università di Bologna. Da molti anni si interessa di malattie dei capelli ed è considerata un esperto in questo

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com Manuale sull illuminazione UV La corretta illuminazione dei terrari è importante per il benessere degli animali da terrario e per il successo dell allevamento. In ciò rivestono particolare importanza determinate

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una

Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una Quest anno abbiamo pensato di realizzare un incontro ADOI - ISPLAD diverso dal solito, non solo perché si svolgerà nelle vicinanze di Roma in una cittadina ricca di storia da scoprire, ma perché la struttura

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali»

Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali» Guida non vincolante alla buona prassi nell attuazione della direttiva 2006/25/CE «Radiazioni ottiche artificiali» Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea per l occupazione e

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

PIU' eliminarle e così via. Se. provocare. maligne. metastasi. uno. durante saranno. eliminate: Italia

PIU' eliminarle e così via. Se. provocare. maligne. metastasi. uno. durante saranno. eliminate: Italia PIU' BELLEZZA Quali sono le fasi che determin nano l accumularsi dellee tossine nel nostro corpo: L organismo, non sapendo gestire le tossine chee entrano, le espelle attraverso il sudore, l urina, feci,

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione

INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ. Il diverso che provoca il pregiudizio: come evitarlo per facilitare l integrazione Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro di Cittadella Il manifesto degli studenti sul dialogo interculturale: scriviamolo insieme! INTEGRAZIONE: CAPIRE COS È LA DIVERSITÀ Il diverso che provoca il pregiudizio:

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli