7 QUADERNI PRESENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7 QUADERNI PRESENTAZIONE"

Transcript

1

2 7 QUADERNI PRESENTAZIONE Il Settore Tecnico, su incarico del Consiglio Federale, ha rappresentato la F.I.G.C. nelle diverse sedi in cui si è discusso delle problematiche riguardanti la lotta contro il doping e più in generale la tutela della salute dei calciatori. Il 7 settembre 1998 fu organizzato a Coverciano un incontro con i medici federali, i responsabili sanitari delle società professionistiche di serie A - B - C e i rappresentanti della Federazione Medico Sportiva. Durante quella riunione emersero le differenze tra le diverse iniziative inerenti la lotta al doping e la tutela della salute. Era necessario che ogni iniziativa si volesse assumere, si adattasse bene ad uno sport di squadra. Si decise, così, di predisporre un opuscolo di carattere informativo, da distribuire a tesserati, studenti e famiglie, sui reali rischi del doping e sulle conseguenze che certe sostanze possono determinare a lungo termine sulla salute degli atleti. Questo manuale è il risultato del lavoro di gruppo svolto, in particolare dalla Sezione Medica, a Coverciano. Auspichiamo possa diventare un utile punto di riferimento nella lotta ad uno dei maggiori problemi che minaccia tutto il mondo dello sport. Mario Valitutti Presidente del Settore Tecnico 1

3 7 QUADERNI 7 QUADERNI Introduzione L'uomo ha sempre cercato di aumentare le proprie prestazioni psico-fisiche in modo artificiale: nei tempi antichi facendo uso di sostanze vegetali contenute in alcuni funghi o in piante particolari, attualmente ricorrendo ai mezzi proposti dalla moderna farmacologia che ha messo a punto sostanze estremamente attive per curare malattie talora gravi, ma che in qualche circostanza hanno un effetto positivo sulle prestazioni fisiche dei soggetti sani. L'elevato grado di specializzazione e di allenamento richiesto oggi in tutte le attività sportive ha portato molti a credere che l uso di sostanze farmacologiche o di altre procedure sia indispensabile per potere avere speranze di successo nelle competizioni. Deve essere ben noto a tutti che l'assunzione di farmaci per aumentare la prestazione è un atto grave contro la morale sportiva, in quanto contravviene il principio che ciascuno deve gareggiare secondo le proprie capacità, acquisite attraverso i sacrifici imposti da un corretto allenamento e da un adatto stile di vita, e che l'inosservanza di tali norme è punita con sanzioni molto severe. Deve essere pero' soprattutto noto che l'uso indiscriminato di farmaci puo' determinare un grave danno alla salute in tempi più o meno brevi. E per rendere ben conosciuto tale pericolo che la F.I.G.C. propone a Dirigenti, Allenatori ed Atleti di ogni categoria questo opuscolo edito a cura della Sezione Medica del Settore Tecnico; affinché ciascuno possa prendere atto di quali sono le sostanze vietate e di quali rischi per la salute esse possano costituire. Nota : il presente quaderno del Settore Tecnico rappresenta una guida alle norme antidoping aggiornata al mese di luglio Per quanto concerne la normativa ufficiale si rimanda al Regolamento Federale Antidoping ed eventuali successivi comunicati emessi sulla specifica materia dalla F.I.G.C. Definizione di doping La definizione di doping è alquanto difficile per l aspetto estremamente polimorfo del problema. Di seguito vengono riportate alcune definizioni che sono state proposte dal Consiglio d Europa, dalla Commissione Medica del C.I.O., dalla F.I.F.A. e dalla F.I.G.C. Consiglio d Europa 1973 Il doping consiste nella somministrazione o assunzione, da parte di individui in buona salute, di sostanze di ogni genere che sono estranee alla costituzione dell organismo, di sostanze fisiologiche non naturali o che sono utilizzate in maniera abnorme, al fine di migliorare artificialmente e scorrettamente la prestazione in un evento sportivo. Inoltre devono essere considerati doping anche un certo numero di interventi psicologici attuati per migliorare la prestazione Commissione Medica del C.I.O Il doping consiste nell impiegare sostanze comprese nel gruppo dei farmaci che non si devono usare, ma anche attuare altri interventi illeciti come l emotrasfusione Regolamento per il controllo del doping approvato da Comitato Esecutivo della F.I.F.A., il 7 dicembre 1996 e rivisto nella seduta del 27 maggio 1998 a Zurigo. Per doping si intede ogni tentativo non fisiologico di aumentare le capacità fisiche e psichiche del giocatore o di trattare disturbi o lesioni, quando non giustificato sul piano medico, per il solo scopo di prendere parte alla competizione, impiegando (per auto-somministrazione) somministrazione o prescrizione, una sostanza dopante vietata, quale che sia la persona che abbia preso l iniziativa, atleta o altro (allenatore, preparatore, medico, fisioterapista o massaggiatore), prima o durante una competizione. Questa definizione è applicabile al di fuori delle competizioni per gli steroidi anabolizzanti, gli ormoni peptidici, così come per sostanze che producono effetti analoghi. 2 3

4 7 QUADERNI 7 QUADERNI È classificato come doping anche il ricorso a metodi proibiti (ad es. doping ematico) o la manipolazione dei campioni utilizzati per il controllo. Il doping contravviene all etica dello sport e rappresenta un pericolo acuto o cronico per la salute del giocatore, con possibili conseguenze fatali. PARTE 1 Classi di sostanze vietate e pratiche doping Regolamento dell Attività Antidoping della F.I.G.C Il doping contravviene all etica dello sport e della scienza medica. Il doping consiste nella somministrazione di sostanze appartenenti alle classi proibite di agenti farmacologici o nell utilizzo di vari metodi proibiti. Il doping è contrario ai principi di lealtà e correttezza nelle competizioni sportive, ai valori culturali dello sport, alla sua funzione di valorizzazione delle genuine potenzialità fisiche e delle qualità morali degli atleti. Il doping è proibito dal Comitato Olimpico Internazionale, dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano, dalla F.I.F.A. e dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.). La somministrazione, l assunzione e l uso di sostanze e metodi doping da parte di atleti e di soggetti dell ordinamento sportivo, sono vietati e comportano l attivazione di un procedimento disciplinare, e l applicazione delle sanzioni stabilite dal C.O.N.I. e dai regolamenti della F.I.G.C. L elenco formulato dal C.I.O. relativo alle Classi di sostanze proibite e metodi proibiti in materia di doping, è deliberato dal C.O.N.I. e viene sottoposto a successivi aggiornamenti. L elenco e gli aggiornamenti vengono comunicati alla F.I.G.C. che provvede a recepirli nel proprio regolamento ed a darne la massima divulgazione ai propri affiliati. Con il tesseramento ed il suo rinnovo, i giocatori assumuno l obbligo di sottoporsi al controllo antidoping. Qui di seguito viene pubblicato l'elenco delle classi di sostanze e metodi doping approvato dalla giunta esecutiva del C.O.N.I. con deliberazione 255 del 12 marzo1999 Tale elenco è adeguato a quello approvato dal C.O.N.I. sulla base di quanto emanato dal C.I.O. per l'anno SOSTANZE E PRATICHE VIETATE I Classi di sostanze vietate A. Stimolanti B. Narcotici C. Agenti anabolizzanti D. Diuretici E. Ormoni peptidici, mimetici ed analoghi II. Pratiche vietate A. Doping ematico B. Manipolazioni farmacologiche, chimiche e fisiche III. Classi di sostanze sottoposte a particolari restrizioni A. Alcool B. Cannabinoidi C. Anestetici locali D. Corticosteroidi E. Beta-bloccanti 4 5

5 I. CLASSI DI SOSTANZE VIETATE Per le varie classi di sostanze proibite vengono riportate brevi schede monografiche strutturate in una prima parte in cui vengono indicate le caratteristiche principali delle diverse categorie, ed una seconda in cui sono riportate le sostanze più utilizzate di quella classe, gli effetti ricercati e gli effetti avversi a breve e medio-lungo termine sugli organi bersaglio con l'indicazione dei principali effetti ed effetti avversi analiticamente indicati nella figura a fianco. La presenza di un'eventuale nota a fianco della parte generale indica che tali sostanze presentano un particolare rischio per la vita, oppure che possono essere presenti anche in farmaci di comune utilizzo. Simboli utilizzati: Stimolanti Gli stimolanti comprendono vari tipi di farmaci che incrementano la vigilanza, riducono la fatica, il senso di fame e possono aumentare la competitività e l aggressività. Il loro uso, peraltro, può produrre una diminuzione della capacità di autocontrollo che può risultare, in alcuni sport, lesiva sia per se stessi che per gli altri. L amfetamina e le sostanze affini sono stati i farmaci più utilizzati e che hanno prodotto i maggiori danni tra i praticanti attività sportive, essendo responsabili di vari casi di morte in atleti. Altre sostanze stimolanti sono rappresentate dall efedrina e sostanze affini e dalla caffeina. Questo tipo di composti, utilizzato in alte dosi, produce stimolazione psichica ed aumento del flusso ematico, con effetti secondari nocivi a carico del sistema nervoso centrale e di quello cardiocircolatorio. Rientrano tra gli stimolanti anche i beta2-agonisti (farmaci antiasmatici) utilizzati in ambito sportivo per il loro effetto di stimolo sulla ventilazione oltre che sull attività contrattile del cuore. Anche in questo caso il loro impiego in soggetti non affetti da patologie risulta inutile e pericoloso. Per alcuni beta2-agonisti viene consentito l uso, nel caso di patologie respiratorie, con le modalità riportate nella Parte II.A. Indica che l uso di tali sostanze comporta un rischio per la vita Indica la necessità di prestare attenzione, in quanto tali sostanze possono essere presenti in prodotti di uso comune Efedrina, pseudoefedrina, fenilpropanolamina, norpseudoefedrina: sono spesso presenti nei preparati contro le malattie da raffreddamento, dispensabili nelle farmacie senza bisogno di ricetta medica. Nonostante per alcune di queste sostanze si abbia positività solo per il superamento di una determinata soglia (vd. Parte II.A), si ricorda che cio è in funzione del dosaggio e della capacità di escrezione individuale. Quindi nessun prodotto contro le malattie da raffreddamento e l influenza deve essere utilizzato senza prima aver consultato il medico o il farmacista. Caffeina: questa è contenuta in vari prodotti (caffè, the, bevande energizzanti e a base di cola, e prodotti di eboristeria quali ad esempio il guaranà) oltre che in vari analgesici ed alcuni farmaci per le malattie da raffreddamento, per cui si puo avere un effetto di sommazione, con superamento della soglia consentita. Amfetamina e amfetaminosimili : sono presenti, per la loro capacità di ridurre il senso di fame, in alcuni preparati usati per il controllo del peso. Anche a questi va prestata quindi particolare attenzione. 6 7

6 Amfetamina e suoi derivati Efedrina e simili Caffeina AVVERSI - spiccata azione stimolante sul sistema nervoso centrale (aumento dell attenzione, competitività, senso di benessere, euforia, riduzione del senso di fatica) - aumento della frequenza cardiaca - aumento della glicemia e degli acidi grassi liberi - riduzione del senso di fame (effetto anoressizzante) AVVERSI Sistema nervoso centrale - tremori, eccitazione, aggressività - perdita del senso critico - cefalea - insonnia - vomito, anoressia - iperpiressia (colpo di calore) - convulsioni - forte stato depressivo, psicosi - dipendenza, tossicomania Sistema cardiocircolatorio - ipertensione - tachicardia - disturbi del ritmo - vasocostrizione Riduzione fatica, euforia Aumento frequenza cardiaca Stimolo metabolismo energetico Colpo di calore Eccitazione, irrequietezza, insonnia, aggressività Tossicomania Rischio cardiovascolare Vomito 8 9

7 Salbutamolo - Salmeterolo - Procaterolo - broncodilatazione - aumento dell'efficacia contrattile del miocardio AVVERSI AVVERSI - tremori, agitazione, irritabilita', insonnia - iperidrosi - scialorrea - ritenzione urinaria - anoressia - ipopotassiemia - alterazioni della pressione arteriosa (sia ipotensione che ipertensione) - tachicardia e disturbi del ritmo - dispnea Broncodilatazione Azione cardiostimolante Agitazione irritabilità insonnia Disturbi ritmo cardiaco Iperidrosi Ritenzione urinaria 10 11

8 Narcotici Le sostanze che appartengono a questa classe, rappresentate dalla morfina e dai suoi analoghi chimici e farmacologici, vengono usate specificamente come analgesici per il trattamento del dolore di intensità da media a elevata o, alcune di esse, come antitussivi. Tali sostanze sono qualificate come narcotiche perché con l incremento della dose inducono depressione di alcune funzioni del SNC ed alterazione della coscienza. La loro assunzione cronica induce tolleranza, cioè perdita progressiva dell efficacia, e dipendenza fisica, fino ad arrivare ad una vera e propria sindrome da astinenza alla sospensione del farmaco. Vi sono stati sufficienti rilievi in passato che dimostravano un abuso degli analgesici narcotici negli sportivi e per questo la Commissione Medica del C.I.O. ne ha bandito l impiego. Tale divieto appare anche giustificato dalle restrizioni internazionali sul trasporto di questi farmaci ed in linea con i regolamenti e le raccomandazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Va ricordato che un efficace trattamento di dolori da lievi fino a moderati puo essere ottenuto usando farmaci diversi dai narcotici, come gli analgesici ad azione anti-infiammatoria ed antipiretica per i quali non vi sono particolari restrizioni. Codeina, destrometorfano, destropropossifene, diidrocodeina, difenossilato, etilmorfina, folcodina, e propossifene, possono essere contenute nei preparati contro la tosse e la diarrea, molti dei quali reperibili in farmacia senza necessità di ricetta medica. L uso di queste sostanze è consentito dalle norme vigenti (vd. Parte II), tuttavia vi è la possibilità che nella metabolizzazione nell organismo si formino molecole, ritrovabili poi nelle urine, comuni con le sostanze proibite. Pertanto nessun preparato di tale tipo va utilizzato senza precisa indicazione e controllo da parte del medico, anche alla luce del fatto che vi sono in commercio validi antitosse non narcotici

9 Morfina - Pentazocina - interferenza a livello del sistema nervoso centrale con la percezione e la reazione al dolore con aumento della tollerabilità allo stesso AVVERSI - broncospasmo - depressione della funzione respiratoria - nausea - vomito - stipsi - riduzione del flusso urinario - aumento della sudorazione - scialorrea - cambiamento dell umore Aumento tollerabilità al dolore AVVERSI Alterazioni umore Nausea vomito Depressione funzione respiratoria Broncospasmo Stipsi 14 15

10 Agenti Anabolizzanti Per agenti anabolizzanti si intendono quelle sostanze che agiscono stimolando l'attività anabolica dell'organismo e cioè i processi costruttivi in genere ed il ricambio delle proteine in particolare. La loro azione anabolica si esplica aumentando la maturazione ossea e lo sviluppo delle masse muscolari. Rientrano tra gli agenti anabolizzanti gli androgeni, ormoni sessuali maschili il cui prototipo è rappresentato dal testosterone; gli steroidi anabolizzanti, farmaci derivati dal testosterone; alcuni beta2-agonisti. Il testosterone è un ormone prodotto naturalmente dall'organismo che agisce favorendo lo sviluppo sia degli organi genitali che dei caratteri sessuali secondari maschili (azione androgena o virilizzante). Il suo utilizzo in ambito medico trova indicazione nel trattamento degli ipogonadismi (insufficiente produzione di testosterone da parte dei testicoli) o della grave ipo-atrofia muscolare. Gli steroidi anabolizzanti presentano, rispetto agli androgeni, maggiore effetto anabolico e minore attività mascolinizzante, tuttavia sempre presente. In ambito sportivo entrambi sono stati utilizzati nel tentativo sia di incrementare la massa e la forza muscolare in concomitanza con allenamenti specifici e con un aumento dell'apporto proteico alimentare, sia di migliorare la competitività aumentando l'aggressività. Sia gli androgeni che gli steroidi anabolizzanti presentano un vasto corollario di gravi effetti collaterali, soprattutto se assunti per periodi prolungati o a dosaggi elevati. Tali effetti interessano principalmente la sfera genitale, l'apparato cardiovascolare e il fegato. Essi possono inoltre avere effetto sulla personalità del soggetto fino ad arrivare a depressione e psicosi. Gli effetti sull'apparato genitale maschile sono rappresentati essenzialmente dalla riduzione di volume dei testicoli (ipotrofia testicolare) e dall'aumento di volume della ghiandola prostatica (ipertrofia prostatica). L'ipotrofia testicolare si accompagna ad una riduzione della produzione degli spermatozoi fino ad arrivare, per somministrazione di dosi elevate, al blocco totale con conseguente sterilità. L'ipertrofia prostatica determina, per compressione sull'uretra, la necessità frequente di urinare, la riduzione della forza del getto ed una sensa- zione di peso al basso ventre, fino ad arrivare a ritenzione urinaria. Nella donna la somministrazione di anabolizzanti causa soprattutto una inibizione della funzione ovarica con alterazioni del flusso mestruale fino ad arrivare all'amenorrea. In entrambi i sessi l'uso degli anabolizzanti determina un aumento del rischio di accidenti cardiovascolari, per aumento dei lipidi plasmatici, e danni a livello epatico, con alterazione della funzionalità dell'organo fino all'insorgenza di tumori. La somministrazione di tali sostanze in età pre-pubere determina inoltre un arresto di crescita per precoce saldatura delle cartilagini epifisarie. Tra gli anabolizzanti vengono considerati anche i beta2-agonisti, farmaci che possiedono a basse dosi un effetto rilassante sulla muscolatura liscia e vengono pertanto impiegati nell'asma bronchiale, mentre a dosaggi più elevati sembrano avere un effetto di stimolo sulle fibre muscolari, soprattutto di tipo II. Utilizzati a tali dosaggi i beta-2-agonisti sono da considerare pericolosi, ed anche potenzialmente letali, per gli effetti che determinano sul sistema cardiovascolare, rappresentati soprattutto da alterazioni della pressione arteriosa e del ritmo

11 7 QUADERNI 7 QUADERNI Androgeni -Steroidi Anabolizzanti Testosterone - Nandrolone - Stanozolol AVVERSI - sviluppo della massa dei muscoli scheletrici - stimolo sulla sintesi dei globuli rossi - stimolo sulla produzione della matrice ossea Stimolo produzione matrice ossea Blocco crescita ossa lunghe AVVERSI NEL MASCHIO in età pre-pubere - precoce saldatura delle cartilagini epifisarie (blocco crescita ossa lunghe) - inibizione della spermatogenesi nell adulto - oligospermia/azospermia (riduzione del numero/assenza di spermatozoi) - atrofia testicolare - ipertrofia prostatica - alterazione della funzione epatica con possibilità di tumori - aumento dei lipidi plasmatici (colesterolo, trigliceridi) Stimolo produzione globuli rossi Virilizzazione Danni epatici (possibilità tumori) AVVERSI NELLA FEMMINA - soppressione della funzione ovarica (amenorrea) - atrofia della ghiandola mammaria - virilizzazione (approfondimento del timbro di voce, crescita dei peli su volto, arti e torace, caduta dei capelli, cute untuosa e comparsa di acne) - alterazione della funzione epatica con possibilità di tumori Sviluppo massa muscolare Danni funzione riproduttiva Aumento trigliceridi e colesterolo 18 19

12 7 QUADERNI 7 QUADERNI Beta 2 agonisti Clenbuterolo AVVERSI - ipertrofia delle fibre di tipo II - broncodilatazione Agitazione irritabilità insonnia AVVERSI - agitazione, irritabilita - insonnia - iperidrosi - scialorrea - ritenzione urinaria - tremori - ipopotassiemia - alterazioni della pressione arteriosa (sia ipotensione che ipertensione) - tachicardia e disturbi del ritmo Broncodilatazione Disturbi del ritmo cardiaco Iperidrosi Ipertrofia fibre muscolari tipo II Ritenzione urinaria 20 21

13 Diuretici Si definiscono diuretici quei farmaci che determinano, con meccanismi diversi, un aumento della produzione renale di urina. I diuretici hanno importanti indicazioni terapeutiche per l'eliminazione di liquidi dai tessuti in alcune condizioni patologiche quali l'ipertensione e gli edemi. La loro somministrazione avviene comunque sempre sotto uno stretto controllo medico per le notevoli ripercussioni che possono avere sull'equilibrio idrico ed elettrolitico. Gli sportivi utilizzano i diuretici, in assenza di indicazione medica, per due ragioni principali: dell'escrezione di acqua e sali puo' risultare in un danno importante, poichè la perdita di liquidi artificialmente provocata con i diuretici risulta ulteriormente aggravata dalle inevitabili perdite di liquidi che si hanno durante l attività fisica, soprattutto attraverso la sudorazione. Lo stato di disidratazione che si viene ad avere, anche se di modesta entità, è in grado di ripercuotersi negativamente sul corretto funzionamento di numerosi sistemi, tra cui quello cardiocircolatorio, muscolare e nervoso e quindi fondamentalmente sulle capacità di prestazione e di dispersione del calore. Appare evidente come questa rappresenti una situazione temibile per lo sportivo e come il maluso dei diuretici rappresenti non solo una frode, ma anche un importante rischio per l'atleta. 1) ridurre il peso rapidamente in quegli sport in cui viene utilizzato questo parametro ai fini della suddivisione in categorie; 2) aumentare la velocità di eliminazione delle sostanze dopanti assunte, o ridurre la loro concentrazione nelle urine mediante la maggiore escrezione di liquidi, nel tentativo di minimizzare le possibilità di rilevamento. In entrambi i casi si tratta di chiare manipolazioni inaccettabili sul piano etico, che rappresentano un comportamento sleale nei confronti degli avversari permettendo di competere con categorie inferiori alla propria e di utilizzare pratiche dopanti. Oltre all aspetto morale occorre comunque sottolineare che l uso dei diuretici senza indicazione medica comporta notevoli rischi per la salute per la possibilità di gravi effetti avversi. Questi sono rappresentati essenzialmente dalla eccessiva perdita di liquidi e quindi disidratazione, dalla formazione di calcoli renali, dalle alterazioni di vari elettroliti (principalmente sodio, potassio e magnesio), dalla ridotta tolleranza agli zuccheri, da reazioni da ipersensibilità, dalla compromissione della normale funzionalità del midollo osseo, con conseguente riduzione della produzione di globuli rossi e/o bianchi. Senza arrivare a veri e propri quadri patologici come questi ultimi, va comunque detto che nell'atleta il solo incremento 22 23

14 Acetazolamide - Furosemide - Idroclorotiazide AVVERSI - aumento dell escrezione di urina AVVERSI - alterazione dell equilibrio idro-salino - disidratazione, collasso - crampi muscolari - senso di fatica - alterazione del metabolismo degli zuccheri e dei grassi - aumento dell acido urico - formazione di calcoli renali, lesioni renali - reazioni da ipersensibilità - riduzione della produzione di globuli rossi e/o bianchi Aumentata escrezione urina Alterazioni equilibrio idro-salino Disidratazione Collasso Lesioni renali Crampi muscolari Sensazione di fatica 24 25

15 Ormoni peptidici mimetici e analoghi Nel 1989 la commissione medica del CIO ha introdotto una nuova serie di sostanze proibite, gli ormoni peptidici e glicoproteici. Nel 1990 è stata inserita nella lista l eritropoietina, e nel 1999 la gonadotropina sintetica ed ipofisaria, il fattore di crescita insulino-simile (IGF-1) e l insulina. È altresi vietata la somministrazione dei rispettivi fattori di rilascio, mimetici ed analoghi (composti sintetici dotati della stessa attività) di questi ormoni. La gonadotropina corionica, prodotta a livello placentare, risulta necessaria per il normale svolgimento della gravidanza. Viene utilizzata nella donna per il trattamento della sterilità e nel bambino nei casi di mancata discesa del testicolo (criptorchidismo). La somministrazione nell uomo adulto determina un incremento della produzione di testosterone, che è l effetto ricercato a scopo dopante. Il suo uso comporta pertanto gli stessi rilevanti effetti collaterali della somministrazione degli anabolizzanti. La corticotropina ipofisaria agisce stimolando la corteccia delle ghiandole surrenali a produrre ormoni corticosteroidi ed androgeni. Può essere utilizzata in ambito terapeutico nei casi di insufficienza surrenalica secondaria ad un suo deficit. L azione ricercata a scopo dopante è essenzialmente quella legata alla iperproduzione di corticosterone, gravata però da seri effetti collaterali, come riportato nella scheda. L ormone della crescita, prodotto dall ipofisi, è fondamentale per i normali processi di accrescimento nel bambino in via di sviluppo, nel quale un deficit determina nanismo ed un eccesso gigantismo, e trova indicazione terapeutica nel trattamento del nanismo ipofisario. Nel soggetto adulto agisce in massima parte stimolando il metabolismo proteico, effetto ricercato in ambito sportivo. Tale utilizzo determina gravi effetti collaterali fra cui l acromegalia, cioè l eccessivo ingrossamento delle estremità (mani e piedi) e delle ossa facciali, ed alterazioni del metabolismo degli zuccheri e dei grassi. L eritropoietina è un ormone, prodotto dal rene, che esplica la sua azione a livello del midollo osseo promuovendo la formazione dei globuli rossi. Viene utilizzata per la terapia dell anemia da insufficienza renale cronica o di altre forme di anemia grave. Il suo utilizzo al di fuori di specifiche condizioni cliniche determina un eccesso di globuli rossi nel sangue (emoconcentrazione). La gonadotropina ipofisaria è necessaria per il processo di ovulazione nella donna e di spermatogenesi e sintesi degli ormoni androgeni nel maschio. Viene impiegata, insieme alla gonadotropina corionica, nella terapia della sterilità femminile. Nel maschio, la gonadotropina ipofisaria stimola principalmente la sintesi di testosterone. Gli effetti cercati e gli effetti avversi sono pertanto gli stessi dell uso di testosterone. Il fattore di crescita insulinosimile (cosi chiamato per l analogia molecolare con l insulina) viene prodotto in vari tessuti sotto l azione dell ormone della crescita e rappresenta il principale mediatore della sua azione. Gli effetti cercati e gli effetti avversi sono pertanto gli stessi dell uso di ormone della crescita. L insulina, ormone prodotto dal pancreas, è il principale regolatore della quota di glucosio nel sangue (glicemia) promuovendo la captazione del glucosio stesso da parte delle cellule del fegato, del muscolo e del tessuto adiposo. La carenza di insulina determina l insorgenza del diabete insulino-dipendente nel cui trattamento viene quindi utilizzata. Poichè l insulina stimola anche il trasporto di aminoacidi all interno del muscolo aumentando le sintesi proteiche, la sua somministrazione dopo un carico di lavoro porterebbe, oltre che ad una migliore utilizzazione dei carboidrati e pertanto ad un più rapido ripristino delle scorte energetiche, anche ad una più rapida resintesi proteica. Il suo uso al di fuori di quella che è la sua unica indicazione medica, e cioè il diabete, ètuttavia pericoloso per la possibilità di brusche variazioni della glicemia. Ne viene consentito l uso, poichè indispensabile alla vita, nell atleta affetto da diabete mellito insulino-dipendente. In tale caso è necessario che l endocrinologo o il medico di squadra attestino tale condizione, e ne diano comunicazione scritta alla Sezione Medica del Settore Tecnico della F.I.G.C

16 Gonadotropina corionica (hcg) Gonadotropina sintetica e ipofisaria (LH) - nei soggetti di sesso maschile promuove la produzione di testosterone da parte dei testicoli AVVERSI Emicrania euforia, depressione AVVERSI Sono gli stessi della somministrazione di testosterone: in età pre-pubere - precoce saldatura delle cartilagini epifisarie (blocco crescita ossa lunghe) - inibizione della spermatogenesi nell'adulto - oligospermia/azospermia (riduzione del numero/assenza di spermatozoi) - atrofia testicolare - ipertrofia prostatica - alterazione della funzione epatica con possibilità di tumori - aumento dei lipidi plasmatici (colesterolo, trigliceridi) Si hanno inoltre alcuni effetti specifici: - alternanza di stati di euforia e depressione - emicrania - ginecomastia - puberta' precoce negli adolescenti Stimolo produzione di testosterone Blocco crescita ossa lunghe Danni epatici (possibilità tumori) Danni funzione riproduttiva Aumento trigliceridi e colesterolo 28 29

17 Corticotropina (ACTH) AVVERSI - aumentata capacità di sopportare lo stress - azione antidolorifica AVVERSI - ipertrofia del corticosurrene - osteoporosi (fragilità ossea) - miopatie - danni gastro-intestinali fino all ulcera peptica - fragilità della cute - vertigini - cefalea - ridotta tolleranza ai glucidi - euforia, insonnia Azione antidolorifica Aumentata liberazione ormoni dello stress Vertigini, cefalea, euforia, insonnia Gastrite Ulcera Ipertrofia corticosurrene Ridotta tolleranza ai glucidi (tendenza diabete) Disturbi muscolari Fragilità ossea 30 31

18 Ormone della crescita (GH) Fattore di crescita insulino simile (IGF-1) AVVERSI - stimolo sulla sintesi delle proteine muscolari - stimolo sulla crescita ossea nel giovane - aumento della lipolisi - aumento della glicemia - aumento delle capacità di riparazione delle ferite AVVERSI - acromegalia se assunto nel soggetto adulto - ingrandimento degli organi interni - debolezza muscolare ed articolare - cardiomiopatia - ipertensione - intolleranza al glucosio - diabete Stimolo crescita ossea (nel giovane) Aumentata immissione in circolo delle sostanze energetiche Stimolo sintesi proteine muscolari Cardiopatia ipertensione Diabete Aumento dimensioni organi interni Aumentata capacità riparazione ferite Danni muscolari ed articolari Aumento dimensioni estremità (acromegalia) 32 33

19 Eritropoietina (EPO) - stimolo sulla produzione dei globuli rossi AVVERSI AVVERSI - aumento della viscosità del sangue - insufficienza cardiaca da sovraccarico - trombosi Stimolo produzione globuli rossi Trombosi Insufficienza cardiaca 34 35

20 Insulina AVVERSI - facilitazione della captazione di glucosio da parte dei tessuti - stimolo della sintesi proteica AVVERSI - crisi ipoglicemiche - inibizione della produzione endogena Stimolo sintesi proteica Ipoglicemia Inibizione sintesi endogena? 36 37

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti (Ordinanza sui prodotti dopanti) del 31 ottobre 2001 Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport, visto

Dettagli

CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO. Appendice A - Lista delle classi di sostanze vietate e dei metodi proibiti 1 SETTEMBRE 2001-31 DICEMBRE 2002

CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO. Appendice A - Lista delle classi di sostanze vietate e dei metodi proibiti 1 SETTEMBRE 2001-31 DICEMBRE 2002 CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO Appendice A - Lista delle classi di sostanze vietate e dei metodi proibiti A. Stimolanti 1 SETTEMBRE 2001-31 DICEMBRE 2002 I - CLASSI DI SOSTANZE VIETATE Le sostanze

Dettagli

COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO

COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO Appendice A - Lista delle classi di sostanze vietate e dei metodi proibiti 1 SETTEMBRE 2001 31 DICEMBRE 2002 CODICE ANTIDOPING

Dettagli

CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO Appendice A. Elenco delle classi di sostanze vietate e dei metodi proibiti 2003

CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO Appendice A. Elenco delle classi di sostanze vietate e dei metodi proibiti 2003 COMITATO OLIMPICO NAZIONALE ITALIANO CODICE ANTIDOPING DEL MOVIMENTO OLIMPICO Appendice A Elenco delle classi di sostanze vietate e dei metodi proibiti 2003 I. CLASSI DI SOSTANZE VIETATE A. STIMOLANTI

Dettagli

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti (Ordinanza sui prodotti dopanti) Modifica del 18 novembre 2003 Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport,

Dettagli

DOPING. DOPE dall Inglese DROGA

DOPING. DOPE dall Inglese DROGA origini DOPE dall Inglese DROGA riferita ad una bevanda alcolica primitiva impiegata come stimolante nel corso di antiche danze sudafricane bevanda a base di spezie ed alcool a cui ricorrevano i pionieri

Dettagli

Codice di Deontologia Medica

Codice di Deontologia Medica DOPING Codice di Deontologia Medica Art. 76 Il medico non deve consigliare, prescrivere o somministrare trattamenti farmacologici o di altra natura diretti ad alterare le prestazioni di un atleta, in particolare

Dettagli

regolamenti e disciplinari

regolamenti e disciplinari IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE - AMM VII - Visto il regio decreto 24 maggio 1932, n. 624, istitutivo

Dettagli

Che cos è il doping? Indica l uso di farmaci o sostanze farmacologicamente attive, non giustificato da uno stato di malattia

Che cos è il doping? Indica l uso di farmaci o sostanze farmacologicamente attive, non giustificato da uno stato di malattia Il Doping Che cos è il doping? Il doping è l uso di sostanze o metodi che, per natura, dosaggio, metodo e applicazione, sono nocivi alla salute e/o possono migliorare artificiosamente la prestazione fisica.

Dettagli

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram Indice generale 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram 1.1 Definizione di farmaco 1 1.2 Classificazione e nomenclatura dei farmaci 1 1.3 Sviluppo di nuovi farmaci 3 1.4

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Il Doping

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Il Doping Il Doping Il problema dell uso di sostanze dopanti tra i giovani Analogie tra doping e tossicodipendenza Che cos è il doping? «Uso di sostanze o metodi che per natura, dosaggio, metodo e applicazione,

Dettagli

FARMACI e DOPING. Legge 14 Dicembre 2000, n. 376

FARMACI e DOPING. Legge 14 Dicembre 2000, n. 376 FARMACI e DOPING Legge 14 Dicembre 2000, n. 376 Art. 1 "Costituiscono doping la somministrazione o l assunzione o la somministrazione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente attive

Dettagli

IL DOPING IL DOPING: Prof. Danilo Gambarara. "Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping"

IL DOPING IL DOPING: Prof. Danilo Gambarara. Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping IL DOPING: MEDICINA DELL ATTIVITÀ FISICA E SPORTIVA NELL ETÀ EVOLUTIVA IL DOPING Prof. Danilo Gambarara CONTRAVVIENE AI PRINCIPI ETICI DELLO SPORT E DELLA MEDICINA VIOLA IL REGOLAMENTO DEL MOVIMENTO OLIMPICO

Dettagli

SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE

SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE e FUORI COMPETIZIONE S1 Agenti anabolizzanti 1. Steroidi androgeni anabolizzanti (SAA) 2. Altri agenti anabolizzanti (Clembuterolo,etc.) S2 Ormoni, sostanze correlate e

Dettagli

I Farmaci del Doping

I Farmaci del Doping UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA' DI MEDICINA & CHIRURGIA I Farmaci del Doping Prof. Renato Bernardini Con la collaborazione del Dott. Pietro Giuffrida Scuola di Specializzazione in Tossicologia

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA VELA Commissione Antidoping

FEDERAZIONE ITALIANA VELA Commissione Antidoping FEDERAZIONE ITALIANA VELA Commissione Antidoping DEFINIZIONE DI DOPING Presenza di una sostanza vietata o dei suoi metaboliti o marker nel campione biologico dell atleta Uso o tentato uso di una sostanza

Dettagli

Regolamento Antidoping delle Feste e Tradizioni Fiorentine e del Calcio Fiorentino (Delibera Consiglio Comunale n. 28 del 15.05.2006) ART.

Regolamento Antidoping delle Feste e Tradizioni Fiorentine e del Calcio Fiorentino (Delibera Consiglio Comunale n. 28 del 15.05.2006) ART. Regolamento Antidoping delle Feste e Tradizioni Fiorentine e del Calcio Fiorentino (Delibera Consiglio Comunale n. 28 del 15.05.2006) ART. 1 Il Presidente del Calcio Fiorentino istituisce una Commissioni

Dettagli

Occorre, infatti, preliminarmente fare una distinzione sulla base delle gare alle quali l'atleta interessato intende partecipare.

Occorre, infatti, preliminarmente fare una distinzione sulla base delle gare alle quali l'atleta interessato intende partecipare. Normativa L antidoping nell automobilismo Con il termine doping si intende il verificarsi di una o più violazioni previste dal Regolamento dell attività antidoping. Il doping è contrario ai principi di

Dettagli

IL DOPING. Definizione: LISTA DELLE SOSTANZE BANDITE (USA 2002)

IL DOPING. Definizione: LISTA DELLE SOSTANZE BANDITE (USA 2002) IL DOPING Definizione: La somministrazione effettuata dal medico o dall allenatore o altri, o l uso diretto da parte di un atleta, di qualsiasi sostanza estranea all organismo, oppure di una sostanza fisiologica

Dettagli

Cos è il doping? (I) Origine del termine. "Dope" Il termine appare per la prima volta nel 1889 in un dizionario di lingua inglese

Cos è il doping? (I) Origine del termine. Dope Il termine appare per la prima volta nel 1889 in un dizionario di lingua inglese 1 Cos è il doping? (I) Origine del termine "Doop" (olandese) (18 secolo): Bevanda sudafricana "Dope" Il termine appare per la prima volta nel 1889 in un dizionario di lingua inglese "Doping" (internazionale)

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO ANTIDOPING

NUOVO REGOLAMENTO ANTIDOPING NUOVO REGOLAMENTO ANTIDOPING CODICE MONDIALE ANTIDOPING (WADA) RELAZIONE 2007 PROF ANTONIO SPATARO MEDICO FEDERALE FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Il 01-01-2004 e entrato in vigore il nuovo regolamento

Dettagli

IL DOPING 4) NARCOTICI E ANALGESICI

IL DOPING 4) NARCOTICI E ANALGESICI IL DOPING 4) NARCOTICI E ANALGESICI Con il termine narcotici si intendono tutte quelle sostanze in grado di indurre sonnolenza o narcosi. Attualmente sono classificate come tali i cosiddetti oppioidi,

Dettagli

Argomento per le classi terze Il Doping è l assunzione ILLEGALEdi farmaci o droghe allo scopo di migliorare in maniera non fisiologicale prestazioni atletiche. Il termine deriva, probabilmente, dall inglese

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

F.M.S.I. Federazione Medico Sportiva Italiana C.O.N.I. Comitato Olimpico Nazionale Italiano. European Center Sport Education 1

F.M.S.I. Federazione Medico Sportiva Italiana C.O.N.I. Comitato Olimpico Nazionale Italiano. European Center Sport Education 1 F.M.S.I. Federazione Medico Sportiva Italiana C.O.N.I Comitato Olimpico Nazionale Italiano European Center Sport Education 1 Droga e Sport Federazione Medico Sportiva Italiana. Associazione Medico Sportiva

Dettagli

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti (Ordinanza sui prodotti dopanti) 415.052.1 del 31 ottobre 2001 (Stato 31 gennaio 2006) Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002

Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002 Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002 Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002, modificato con D.M. 10 luglio 2003 (Suppl. G.U. n. 222 del 24.09.2003) Farmaci il cui impiego è considerato

Dettagli

Sedativo-ipnotici. Impieghi clinici. ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata

Sedativo-ipnotici. Impieghi clinici. ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata Sedativo-ipnotici Impieghi clinici ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata Benzodiazepine Clordiazepossido, alprazolam, clonazepam, diazepam, flurazepam, nitrazepam, triazolam

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI,

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, Nuove tematiche IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, CLASSI DI SOSTANZE VIETATE MARIA GRAZIA RUBENNI Specialista in Medicina dello Sport, FIGC, Firenze Il termine doping sta ad indicare nel sapere

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

In questa guida UP abbiamo inserito alcune informazioni

In questa guida UP abbiamo inserito alcune informazioni le guide di presentazione In questa guida UP abbiamo inserito alcune informazioni sul doping: che cosa è, come nasce e quali sono gli effetti ed i rischi. In modo particolare abbiamo cercato di informarti

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

MITOLOGIA AI NOSTRI GIORNI GIORGIO GALANTI DIRETTORE SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DI MEDICINA DELLO SPORT DIRETTORE AGENZIA DI MEDICINA DELLO SPORT

MITOLOGIA AI NOSTRI GIORNI GIORGIO GALANTI DIRETTORE SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DI MEDICINA DELLO SPORT DIRETTORE AGENZIA DI MEDICINA DELLO SPORT IL DOPING :DALLA MITOLOGIA AI NOSTRI GIORNI GIORGIO GALANTI DIRETTORE SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DI MEDICINA DELLO SPORT DIRETTORE AGENZIA DI MEDICINA DELLO SPORT PRIMA ESPULSIONE PER ASSUNZIONE DI SOSTANZE

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

DOPING. Premessa. Benessere fisico e attività sportiva

DOPING. Premessa. Benessere fisico e attività sportiva DOPING Premessa Riportiamo una sintesi di quanto pubblicato sul Medical Economics Italia, con il patrocinio della Regione Veneto e la collaborazione dell ULSS 21. Lo scopo è dare una visione sintetica

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse Richiami anatomo-fisiologici IPOTALAMO GHRH IPOFISI GH IGF-1

Dettagli

ecidi di farne a meno

ecidi di farne a meno ecidi di farne a meno Biettivo: gareggia con lealtà Tutte le sostanze sono veleni, non ce n è nessuna che non sia un veleno. La dose giusta differenzia il veleno dal rimedio. Artecipa per il gusto di fare

Dettagli

REALIZZATO DA. Prof. Mario Fioravanti. Ordinario e Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Università La Sapienza Roma

REALIZZATO DA. Prof. Mario Fioravanti. Ordinario e Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Università La Sapienza Roma REALIZZATO DA Prof. Mario Fioravanti Ordinario e Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Università La Sapienza Roma Prof. Francesco Tomei Ordinario e Direttore della Scuola di

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. Neo Borocillina Raffreddore e Febbre 500 mg/60 mg compresse effervescenti

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. Neo Borocillina Raffreddore e Febbre 500 mg/60 mg compresse effervescenti FOGLIO ILLUSTRATIVO Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016 Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore Neo Borocillina Raffreddore e Febbre 500 mg/60 mg compresse effervescenti paracetamolo

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale.

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale. In preanestesia Disturbi d ansia Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia BDZ: uso clinico Come miorilassanti ad azione centrale Due considerazioni relative alla farmacocinetica 1. Quando

Dettagli

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI TOSSICODIPENDENZE Identificare e classificare i diversi tipi di DROGHE e SOSTANZE che provocano TOSSICODIPENDENZA Cosa significa DIPENDENZA,

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. NEO BOROCILLINA RAFFREDDORE E FEBBRE è un medicinale antidolorifico, antifebbrile e decongestionante nasale.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. NEO BOROCILLINA RAFFREDDORE E FEBBRE è un medicinale antidolorifico, antifebbrile e decongestionante nasale. FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL USO LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi

Dettagli

Steroidi anabolizzanti nello sport

Steroidi anabolizzanti nello sport Mario Giorgi Steroidi anabolizzanti nello sport Usarli o evitarli? Conoscerli Nuova edizione Giorgi, Mario Steroidi anabolizzanti nello sport : usarli o evitarli? : conoscerli / Mario Giorgi. Nuova ed.

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

Cos è il Doping. controversa, anche se l ipotesi più probabile è che derivi dal- l inglese dope cioè lubrificante, sostanza

Cos è il Doping. controversa, anche se l ipotesi più probabile è che derivi dal- l inglese dope cioè lubrificante, sostanza di SAVINO MONTANARO del termine doping è abbastanza controversa, anche se l ipotesi più probabile è che derivi dal- L origine l inglese dope cioè lubrificante, sostanza densa. La parola è poi passata nel

Dettagli

"Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping

Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping DOPING "Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping Costituiscono doping la somministrazione o l'assunzione di farmaci o di sostanze biologicamente o farmacologicamente

Dettagli

AUDIZIONE SUL DOPING PARLAMENTO EUROPEO 29/11/2004. Conseguenze mediche dell assunzione di farmaci negli atleti Prof. Tranquilli

AUDIZIONE SUL DOPING PARLAMENTO EUROPEO 29/11/2004. Conseguenze mediche dell assunzione di farmaci negli atleti Prof. Tranquilli AUDIZIONE SUL DOPING PARLAMENTO EUROPEO 29/11/2004 Conseguenze mediche dell assunzione di farmaci negli atleti Prof. Tranquilli SOSTANZE STIMOLANTI Questa classe comprende una serie di sostanze diverse

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz STEROIDI ANDROGENI ANABOLIZZANTI Gli steroidi anabolizzanti sono farmaci inseriti nella classe C della lista delle sostanze vietate e dei metodi proibiti, riportata nel Codice

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La medicalizzazione dell atleta

La medicalizzazione dell atleta La medicalizzazione dell atleta S. Rossi 1, S. Licata 2, L. Martucci 1, C. Mortali 1, R. Spoletini 1, L. Caprino 2 1 Dipartimento del Farmaco Istituto Superiore di Sanità 2 Dipartimento di Fisiologia Umana

Dettagli

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale 1 I progestinici sono composti con attività simile a quella del progesterone e includono il progesterone e agenti simili come il medrossiprogesterone acetato (pregnani), agenti simili al 19-nortestosterone

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE Nella nostra vita così pressata e a ritmi veloci è facile sentirsi stressati. Stress è una parola inglese entrata nell uso comune largamente

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

PROTOCOLLO SANITARIO PALIO DELLE CONTRADE CITTA DI FUCECCHIO

PROTOCOLLO SANITARIO PALIO DELLE CONTRADE CITTA DI FUCECCHIO PROTOCOLLO SANITARIO PALIO DELLE CONTRADE CITTA DI FUCECCHIO NUOVO PROTOCOLLO IN VIGORE DALL ANNO 2015 Nell ottica di una sempre maggiore salvaguardia del benessere animale ed in ottemperanza delle disposizioni

Dettagli

Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo

Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo Ipotalamo GnRH Ipofisi FSH, LH Testicolo LH cellule di Leydig Testosterone FSH cellule di Sertoli Inibina, MIF Androgeni Testosterone DHEA, Androstenedione Testicolo Cellule

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

L'ASSORBIMENTO SISTEMICO

L'ASSORBIMENTO SISTEMICO Anestetici locali L'anestesia locale è una perdita della sensibilità in una determinata regione senza perdita della coscienza o compromissione del controllo di funzioni vitali. Gli anestetici locali bloccano

Dettagli

L eccesso di calcio darà: disturbi legati al metabolismo degli zuccheri, artritismo e arteriosclerosi.

L eccesso di calcio darà: disturbi legati al metabolismo degli zuccheri, artritismo e arteriosclerosi. Gli oligoelementi (dal greco olos poco), sono dei composti infinitesimali delle piante, della frutta e degli ortaggi, indispensabili al buon funzionamento dei nostri organi, per un benessere fisico e mentale.

Dettagli

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.).

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.). Indice La termoregolazione Il metabolismo energetico Lo stress metabolico: significato e possibili conseguenze La corretta alimentazione ed idratazione dello sportivo Il doping Esigenze nutrizionali PRIMA

Dettagli

FARMACI DELLA TABELLA II SEZIONE A

FARMACI DELLA TABELLA II SEZIONE A FARMACI DELLA TABELLA II SEZIONE A I farmaci non contrassegnati dall asterisco devono sempre essere prescritti utilizzando la ricetta ministeriale a ricalco A CON CODICE TDL: a) prescrizione di un solo

Dettagli

Università degli studi di Bologna

Università degli studi di Bologna Università degli studi di Bologna Master in tossicologia forense Giugno 2013 Franco Cantagalli USI ALTERNATIVI DELLE BENZODIAZEPINE Lormetazepam in gocce 1 Analisi chimica benzodiazepina composto insaturo

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso

LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso LA DROGA DROGA: tutte le sostanze, naturali o artificiali che modificano il funzionamento del sistema nervoso in genere agiscono sulle sinapsi, alterando la trasmissione dell impulso nervoso e provocando

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

VICKS SINEX 0,05% SPRAY NASALE SOLUZIONE OSSIMETAZOLINA CLORIDRATO 15 ML FLACONE

VICKS SINEX 0,05% SPRAY NASALE SOLUZIONE OSSIMETAZOLINA CLORIDRATO 15 ML FLACONE VICKS SINEX 0,05% SPRAY NASALE SOLUZIONE OSSIMETAZOLINA CLORIDRATO 15 ML FLACONE Foglio illustrativo PRIMA DELL USO LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo

Dettagli

APPARATO ENDOCRINO. Principali ghiandole endocrine. Meccanismi di regolazione della secrezione

APPARATO ENDOCRINO. Principali ghiandole endocrine. Meccanismi di regolazione della secrezione APPARATO ENDOCRINO L apparato endocrino regola importanti funzioni dell organismo operando tramite gli ORMONI Gli ormoni sono sostanze di natura chimica diversa che raggiungono tramite il sangue i loro

Dettagli

La legislazione italiana nella lotta al doping e le caratteristiche farmaco-tossicologiche delle sostanze vietate per doping

La legislazione italiana nella lotta al doping e le caratteristiche farmaco-tossicologiche delle sostanze vietate per doping La legislazione italiana nella lotta al doping e le caratteristiche farmaco-tossicologiche delle sostanze vietate per doping Dott.ssa Roberta Pacifici Reparto farmacodipendenza Tossicodipendenza e Doping

Dettagli

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze

Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Le Droghe Alcune cose che vale la pena sapere A cura del Dipartimento Dipendenze Az. ULSS 20 Verona Cosa sono? Le Sostanze Psicoattive Sono tutte quelle sostanze legali ed illegali che: 1. Agiscono sul

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. ACTIGRIP compresse Paracetamolo, Pseudoefedrina cloridrato, Triprolidina cloridrato

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. ACTIGRIP compresse Paracetamolo, Pseudoefedrina cloridrato, Triprolidina cloridrato Foglio illustrativo: informazioni per il paziente ACTIGRIP compresse Paracetamolo, Pseudoefedrina cloridrato, Triprolidina cloridrato Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib)

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema comprende i seguenti farmaci: cisplatino, imatinib. Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

Prof. Dario D Ottavio

Prof. Dario D Ottavio Prof. Dario D Ottavio già Direttore laboratorio Chimica Clinica e Tossicologia A.O. S. Camillo - Forlanini Roma Biochimico Clinico Commissione Antidoping Ministero della Salute Consulente Tecnico Procure

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. TRAVELGUM 20 mg Gomme da masticare medicate. Dimenidrinato

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. TRAVELGUM 20 mg Gomme da masticare medicate. Dimenidrinato Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore TRAVELGUM 20 mg Gomme da masticare medicate Dimenidrinato Legga attentamente questo foglio prima di prendere/dare al bambino questo medicinale perché

Dettagli

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione CAPITOLO 10

L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione CAPITOLO 10 L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione CAPITOLO 10 ANESTETICI LOCALI Meccanismo d azione ed effetti collaterali Chimica degli anestetici locali Esteri Ammidi

Dettagli

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei

Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei Bilancio idro-elettrolitico Composizione dei liquidi corporei L'acqua presente nei compartimenti corporei è ricca di sali o elettroliti un elettrolitita disciolto in acqua si separa in ioni si dividono

Dettagli

CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE

CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE Prefazione La storia del doping è storia di illusioni e di miserie. Prima umane che sportive. E storia di fallimenti

Dettagli

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia

Alcune cose da tenere a mente su esercizio fisico e glicemia DIABETE E SPORT È consentito a chi ha il diabete di fare sport? Certo! Non solo è permesso, ma vivamente consigliato. L attività fisica, assieme all alimentazione e ai trattamenti farmacologici, è uno

Dettagli

Introduzione. Generalità

Introduzione. Generalità DIPENDENZE Introduzione In questo capitolo si illustrano le situazioni di urgenza che si possono verificare in pazienti che abusano di sostanze farmacologiche di natura diversa. Senza entrare in questa

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Il fenomeno del doping: considerazioni mediche

Il fenomeno del doping: considerazioni mediche Il fenomeno del doping: considerazioni mediche Dott. Piero Benelli Facoltà Scienze Motorie Università di Urbino Responsabile Area Biomedica Scuola Regionale dello Sport - Marche In Italia 2000 test

Dettagli

CEFALEA A GRAPPOLO Criteri diagnostici dell International Headache Society per l attacco doloroso di cefalea a grappolo

CEFALEA A GRAPPOLO Criteri diagnostici dell International Headache Society per l attacco doloroso di cefalea a grappolo GESTIONE RAGIONATA DELLA CEFALEA A GAPPOLO CRONICA La diagnosi di cefalea a grappolo Nella cefalea a grappolo le crisi dolorose sono molto intense, strettamente unilaterali, in sede orbitaria, sovraorbitaria,

Dettagli

FATTORI IN GRADO DI MODIFICARE LE RISPOSTE AI FARMACI

FATTORI IN GRADO DI MODIFICARE LE RISPOSTE AI FARMACI FATTORI IN GRADO DI MODIFICARE LE RISPOSTE AI FARMACI Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Medica Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare! " $ %&' (%&) ('&*+

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli