7 QUADERNI PRESENTAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7 QUADERNI PRESENTAZIONE"

Transcript

1

2 7 QUADERNI PRESENTAZIONE Il Settore Tecnico, su incarico del Consiglio Federale, ha rappresentato la F.I.G.C. nelle diverse sedi in cui si è discusso delle problematiche riguardanti la lotta contro il doping e più in generale la tutela della salute dei calciatori. Il 7 settembre 1998 fu organizzato a Coverciano un incontro con i medici federali, i responsabili sanitari delle società professionistiche di serie A - B - C e i rappresentanti della Federazione Medico Sportiva. Durante quella riunione emersero le differenze tra le diverse iniziative inerenti la lotta al doping e la tutela della salute. Era necessario che ogni iniziativa si volesse assumere, si adattasse bene ad uno sport di squadra. Si decise, così, di predisporre un opuscolo di carattere informativo, da distribuire a tesserati, studenti e famiglie, sui reali rischi del doping e sulle conseguenze che certe sostanze possono determinare a lungo termine sulla salute degli atleti. Questo manuale è il risultato del lavoro di gruppo svolto, in particolare dalla Sezione Medica, a Coverciano. Auspichiamo possa diventare un utile punto di riferimento nella lotta ad uno dei maggiori problemi che minaccia tutto il mondo dello sport. Mario Valitutti Presidente del Settore Tecnico 1

3 7 QUADERNI 7 QUADERNI Introduzione L'uomo ha sempre cercato di aumentare le proprie prestazioni psico-fisiche in modo artificiale: nei tempi antichi facendo uso di sostanze vegetali contenute in alcuni funghi o in piante particolari, attualmente ricorrendo ai mezzi proposti dalla moderna farmacologia che ha messo a punto sostanze estremamente attive per curare malattie talora gravi, ma che in qualche circostanza hanno un effetto positivo sulle prestazioni fisiche dei soggetti sani. L'elevato grado di specializzazione e di allenamento richiesto oggi in tutte le attività sportive ha portato molti a credere che l uso di sostanze farmacologiche o di altre procedure sia indispensabile per potere avere speranze di successo nelle competizioni. Deve essere ben noto a tutti che l'assunzione di farmaci per aumentare la prestazione è un atto grave contro la morale sportiva, in quanto contravviene il principio che ciascuno deve gareggiare secondo le proprie capacità, acquisite attraverso i sacrifici imposti da un corretto allenamento e da un adatto stile di vita, e che l'inosservanza di tali norme è punita con sanzioni molto severe. Deve essere pero' soprattutto noto che l'uso indiscriminato di farmaci puo' determinare un grave danno alla salute in tempi più o meno brevi. E per rendere ben conosciuto tale pericolo che la F.I.G.C. propone a Dirigenti, Allenatori ed Atleti di ogni categoria questo opuscolo edito a cura della Sezione Medica del Settore Tecnico; affinché ciascuno possa prendere atto di quali sono le sostanze vietate e di quali rischi per la salute esse possano costituire. Nota : il presente quaderno del Settore Tecnico rappresenta una guida alle norme antidoping aggiornata al mese di luglio Per quanto concerne la normativa ufficiale si rimanda al Regolamento Federale Antidoping ed eventuali successivi comunicati emessi sulla specifica materia dalla F.I.G.C. Definizione di doping La definizione di doping è alquanto difficile per l aspetto estremamente polimorfo del problema. Di seguito vengono riportate alcune definizioni che sono state proposte dal Consiglio d Europa, dalla Commissione Medica del C.I.O., dalla F.I.F.A. e dalla F.I.G.C. Consiglio d Europa 1973 Il doping consiste nella somministrazione o assunzione, da parte di individui in buona salute, di sostanze di ogni genere che sono estranee alla costituzione dell organismo, di sostanze fisiologiche non naturali o che sono utilizzate in maniera abnorme, al fine di migliorare artificialmente e scorrettamente la prestazione in un evento sportivo. Inoltre devono essere considerati doping anche un certo numero di interventi psicologici attuati per migliorare la prestazione Commissione Medica del C.I.O Il doping consiste nell impiegare sostanze comprese nel gruppo dei farmaci che non si devono usare, ma anche attuare altri interventi illeciti come l emotrasfusione Regolamento per il controllo del doping approvato da Comitato Esecutivo della F.I.F.A., il 7 dicembre 1996 e rivisto nella seduta del 27 maggio 1998 a Zurigo. Per doping si intede ogni tentativo non fisiologico di aumentare le capacità fisiche e psichiche del giocatore o di trattare disturbi o lesioni, quando non giustificato sul piano medico, per il solo scopo di prendere parte alla competizione, impiegando (per auto-somministrazione) somministrazione o prescrizione, una sostanza dopante vietata, quale che sia la persona che abbia preso l iniziativa, atleta o altro (allenatore, preparatore, medico, fisioterapista o massaggiatore), prima o durante una competizione. Questa definizione è applicabile al di fuori delle competizioni per gli steroidi anabolizzanti, gli ormoni peptidici, così come per sostanze che producono effetti analoghi. 2 3

4 7 QUADERNI 7 QUADERNI È classificato come doping anche il ricorso a metodi proibiti (ad es. doping ematico) o la manipolazione dei campioni utilizzati per il controllo. Il doping contravviene all etica dello sport e rappresenta un pericolo acuto o cronico per la salute del giocatore, con possibili conseguenze fatali. PARTE 1 Classi di sostanze vietate e pratiche doping Regolamento dell Attività Antidoping della F.I.G.C Il doping contravviene all etica dello sport e della scienza medica. Il doping consiste nella somministrazione di sostanze appartenenti alle classi proibite di agenti farmacologici o nell utilizzo di vari metodi proibiti. Il doping è contrario ai principi di lealtà e correttezza nelle competizioni sportive, ai valori culturali dello sport, alla sua funzione di valorizzazione delle genuine potenzialità fisiche e delle qualità morali degli atleti. Il doping è proibito dal Comitato Olimpico Internazionale, dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano, dalla F.I.F.A. e dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.). La somministrazione, l assunzione e l uso di sostanze e metodi doping da parte di atleti e di soggetti dell ordinamento sportivo, sono vietati e comportano l attivazione di un procedimento disciplinare, e l applicazione delle sanzioni stabilite dal C.O.N.I. e dai regolamenti della F.I.G.C. L elenco formulato dal C.I.O. relativo alle Classi di sostanze proibite e metodi proibiti in materia di doping, è deliberato dal C.O.N.I. e viene sottoposto a successivi aggiornamenti. L elenco e gli aggiornamenti vengono comunicati alla F.I.G.C. che provvede a recepirli nel proprio regolamento ed a darne la massima divulgazione ai propri affiliati. Con il tesseramento ed il suo rinnovo, i giocatori assumuno l obbligo di sottoporsi al controllo antidoping. Qui di seguito viene pubblicato l'elenco delle classi di sostanze e metodi doping approvato dalla giunta esecutiva del C.O.N.I. con deliberazione 255 del 12 marzo1999 Tale elenco è adeguato a quello approvato dal C.O.N.I. sulla base di quanto emanato dal C.I.O. per l'anno SOSTANZE E PRATICHE VIETATE I Classi di sostanze vietate A. Stimolanti B. Narcotici C. Agenti anabolizzanti D. Diuretici E. Ormoni peptidici, mimetici ed analoghi II. Pratiche vietate A. Doping ematico B. Manipolazioni farmacologiche, chimiche e fisiche III. Classi di sostanze sottoposte a particolari restrizioni A. Alcool B. Cannabinoidi C. Anestetici locali D. Corticosteroidi E. Beta-bloccanti 4 5

5 I. CLASSI DI SOSTANZE VIETATE Per le varie classi di sostanze proibite vengono riportate brevi schede monografiche strutturate in una prima parte in cui vengono indicate le caratteristiche principali delle diverse categorie, ed una seconda in cui sono riportate le sostanze più utilizzate di quella classe, gli effetti ricercati e gli effetti avversi a breve e medio-lungo termine sugli organi bersaglio con l'indicazione dei principali effetti ed effetti avversi analiticamente indicati nella figura a fianco. La presenza di un'eventuale nota a fianco della parte generale indica che tali sostanze presentano un particolare rischio per la vita, oppure che possono essere presenti anche in farmaci di comune utilizzo. Simboli utilizzati: Stimolanti Gli stimolanti comprendono vari tipi di farmaci che incrementano la vigilanza, riducono la fatica, il senso di fame e possono aumentare la competitività e l aggressività. Il loro uso, peraltro, può produrre una diminuzione della capacità di autocontrollo che può risultare, in alcuni sport, lesiva sia per se stessi che per gli altri. L amfetamina e le sostanze affini sono stati i farmaci più utilizzati e che hanno prodotto i maggiori danni tra i praticanti attività sportive, essendo responsabili di vari casi di morte in atleti. Altre sostanze stimolanti sono rappresentate dall efedrina e sostanze affini e dalla caffeina. Questo tipo di composti, utilizzato in alte dosi, produce stimolazione psichica ed aumento del flusso ematico, con effetti secondari nocivi a carico del sistema nervoso centrale e di quello cardiocircolatorio. Rientrano tra gli stimolanti anche i beta2-agonisti (farmaci antiasmatici) utilizzati in ambito sportivo per il loro effetto di stimolo sulla ventilazione oltre che sull attività contrattile del cuore. Anche in questo caso il loro impiego in soggetti non affetti da patologie risulta inutile e pericoloso. Per alcuni beta2-agonisti viene consentito l uso, nel caso di patologie respiratorie, con le modalità riportate nella Parte II.A. Indica che l uso di tali sostanze comporta un rischio per la vita Indica la necessità di prestare attenzione, in quanto tali sostanze possono essere presenti in prodotti di uso comune Efedrina, pseudoefedrina, fenilpropanolamina, norpseudoefedrina: sono spesso presenti nei preparati contro le malattie da raffreddamento, dispensabili nelle farmacie senza bisogno di ricetta medica. Nonostante per alcune di queste sostanze si abbia positività solo per il superamento di una determinata soglia (vd. Parte II.A), si ricorda che cio è in funzione del dosaggio e della capacità di escrezione individuale. Quindi nessun prodotto contro le malattie da raffreddamento e l influenza deve essere utilizzato senza prima aver consultato il medico o il farmacista. Caffeina: questa è contenuta in vari prodotti (caffè, the, bevande energizzanti e a base di cola, e prodotti di eboristeria quali ad esempio il guaranà) oltre che in vari analgesici ed alcuni farmaci per le malattie da raffreddamento, per cui si puo avere un effetto di sommazione, con superamento della soglia consentita. Amfetamina e amfetaminosimili : sono presenti, per la loro capacità di ridurre il senso di fame, in alcuni preparati usati per il controllo del peso. Anche a questi va prestata quindi particolare attenzione. 6 7

6 Amfetamina e suoi derivati Efedrina e simili Caffeina AVVERSI - spiccata azione stimolante sul sistema nervoso centrale (aumento dell attenzione, competitività, senso di benessere, euforia, riduzione del senso di fatica) - aumento della frequenza cardiaca - aumento della glicemia e degli acidi grassi liberi - riduzione del senso di fame (effetto anoressizzante) AVVERSI Sistema nervoso centrale - tremori, eccitazione, aggressività - perdita del senso critico - cefalea - insonnia - vomito, anoressia - iperpiressia (colpo di calore) - convulsioni - forte stato depressivo, psicosi - dipendenza, tossicomania Sistema cardiocircolatorio - ipertensione - tachicardia - disturbi del ritmo - vasocostrizione Riduzione fatica, euforia Aumento frequenza cardiaca Stimolo metabolismo energetico Colpo di calore Eccitazione, irrequietezza, insonnia, aggressività Tossicomania Rischio cardiovascolare Vomito 8 9

7 Salbutamolo - Salmeterolo - Procaterolo - broncodilatazione - aumento dell'efficacia contrattile del miocardio AVVERSI AVVERSI - tremori, agitazione, irritabilita', insonnia - iperidrosi - scialorrea - ritenzione urinaria - anoressia - ipopotassiemia - alterazioni della pressione arteriosa (sia ipotensione che ipertensione) - tachicardia e disturbi del ritmo - dispnea Broncodilatazione Azione cardiostimolante Agitazione irritabilità insonnia Disturbi ritmo cardiaco Iperidrosi Ritenzione urinaria 10 11

8 Narcotici Le sostanze che appartengono a questa classe, rappresentate dalla morfina e dai suoi analoghi chimici e farmacologici, vengono usate specificamente come analgesici per il trattamento del dolore di intensità da media a elevata o, alcune di esse, come antitussivi. Tali sostanze sono qualificate come narcotiche perché con l incremento della dose inducono depressione di alcune funzioni del SNC ed alterazione della coscienza. La loro assunzione cronica induce tolleranza, cioè perdita progressiva dell efficacia, e dipendenza fisica, fino ad arrivare ad una vera e propria sindrome da astinenza alla sospensione del farmaco. Vi sono stati sufficienti rilievi in passato che dimostravano un abuso degli analgesici narcotici negli sportivi e per questo la Commissione Medica del C.I.O. ne ha bandito l impiego. Tale divieto appare anche giustificato dalle restrizioni internazionali sul trasporto di questi farmaci ed in linea con i regolamenti e le raccomandazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Va ricordato che un efficace trattamento di dolori da lievi fino a moderati puo essere ottenuto usando farmaci diversi dai narcotici, come gli analgesici ad azione anti-infiammatoria ed antipiretica per i quali non vi sono particolari restrizioni. Codeina, destrometorfano, destropropossifene, diidrocodeina, difenossilato, etilmorfina, folcodina, e propossifene, possono essere contenute nei preparati contro la tosse e la diarrea, molti dei quali reperibili in farmacia senza necessità di ricetta medica. L uso di queste sostanze è consentito dalle norme vigenti (vd. Parte II), tuttavia vi è la possibilità che nella metabolizzazione nell organismo si formino molecole, ritrovabili poi nelle urine, comuni con le sostanze proibite. Pertanto nessun preparato di tale tipo va utilizzato senza precisa indicazione e controllo da parte del medico, anche alla luce del fatto che vi sono in commercio validi antitosse non narcotici

9 Morfina - Pentazocina - interferenza a livello del sistema nervoso centrale con la percezione e la reazione al dolore con aumento della tollerabilità allo stesso AVVERSI - broncospasmo - depressione della funzione respiratoria - nausea - vomito - stipsi - riduzione del flusso urinario - aumento della sudorazione - scialorrea - cambiamento dell umore Aumento tollerabilità al dolore AVVERSI Alterazioni umore Nausea vomito Depressione funzione respiratoria Broncospasmo Stipsi 14 15

10 Agenti Anabolizzanti Per agenti anabolizzanti si intendono quelle sostanze che agiscono stimolando l'attività anabolica dell'organismo e cioè i processi costruttivi in genere ed il ricambio delle proteine in particolare. La loro azione anabolica si esplica aumentando la maturazione ossea e lo sviluppo delle masse muscolari. Rientrano tra gli agenti anabolizzanti gli androgeni, ormoni sessuali maschili il cui prototipo è rappresentato dal testosterone; gli steroidi anabolizzanti, farmaci derivati dal testosterone; alcuni beta2-agonisti. Il testosterone è un ormone prodotto naturalmente dall'organismo che agisce favorendo lo sviluppo sia degli organi genitali che dei caratteri sessuali secondari maschili (azione androgena o virilizzante). Il suo utilizzo in ambito medico trova indicazione nel trattamento degli ipogonadismi (insufficiente produzione di testosterone da parte dei testicoli) o della grave ipo-atrofia muscolare. Gli steroidi anabolizzanti presentano, rispetto agli androgeni, maggiore effetto anabolico e minore attività mascolinizzante, tuttavia sempre presente. In ambito sportivo entrambi sono stati utilizzati nel tentativo sia di incrementare la massa e la forza muscolare in concomitanza con allenamenti specifici e con un aumento dell'apporto proteico alimentare, sia di migliorare la competitività aumentando l'aggressività. Sia gli androgeni che gli steroidi anabolizzanti presentano un vasto corollario di gravi effetti collaterali, soprattutto se assunti per periodi prolungati o a dosaggi elevati. Tali effetti interessano principalmente la sfera genitale, l'apparato cardiovascolare e il fegato. Essi possono inoltre avere effetto sulla personalità del soggetto fino ad arrivare a depressione e psicosi. Gli effetti sull'apparato genitale maschile sono rappresentati essenzialmente dalla riduzione di volume dei testicoli (ipotrofia testicolare) e dall'aumento di volume della ghiandola prostatica (ipertrofia prostatica). L'ipotrofia testicolare si accompagna ad una riduzione della produzione degli spermatozoi fino ad arrivare, per somministrazione di dosi elevate, al blocco totale con conseguente sterilità. L'ipertrofia prostatica determina, per compressione sull'uretra, la necessità frequente di urinare, la riduzione della forza del getto ed una sensa- zione di peso al basso ventre, fino ad arrivare a ritenzione urinaria. Nella donna la somministrazione di anabolizzanti causa soprattutto una inibizione della funzione ovarica con alterazioni del flusso mestruale fino ad arrivare all'amenorrea. In entrambi i sessi l'uso degli anabolizzanti determina un aumento del rischio di accidenti cardiovascolari, per aumento dei lipidi plasmatici, e danni a livello epatico, con alterazione della funzionalità dell'organo fino all'insorgenza di tumori. La somministrazione di tali sostanze in età pre-pubere determina inoltre un arresto di crescita per precoce saldatura delle cartilagini epifisarie. Tra gli anabolizzanti vengono considerati anche i beta2-agonisti, farmaci che possiedono a basse dosi un effetto rilassante sulla muscolatura liscia e vengono pertanto impiegati nell'asma bronchiale, mentre a dosaggi più elevati sembrano avere un effetto di stimolo sulle fibre muscolari, soprattutto di tipo II. Utilizzati a tali dosaggi i beta-2-agonisti sono da considerare pericolosi, ed anche potenzialmente letali, per gli effetti che determinano sul sistema cardiovascolare, rappresentati soprattutto da alterazioni della pressione arteriosa e del ritmo

11 7 QUADERNI 7 QUADERNI Androgeni -Steroidi Anabolizzanti Testosterone - Nandrolone - Stanozolol AVVERSI - sviluppo della massa dei muscoli scheletrici - stimolo sulla sintesi dei globuli rossi - stimolo sulla produzione della matrice ossea Stimolo produzione matrice ossea Blocco crescita ossa lunghe AVVERSI NEL MASCHIO in età pre-pubere - precoce saldatura delle cartilagini epifisarie (blocco crescita ossa lunghe) - inibizione della spermatogenesi nell adulto - oligospermia/azospermia (riduzione del numero/assenza di spermatozoi) - atrofia testicolare - ipertrofia prostatica - alterazione della funzione epatica con possibilità di tumori - aumento dei lipidi plasmatici (colesterolo, trigliceridi) Stimolo produzione globuli rossi Virilizzazione Danni epatici (possibilità tumori) AVVERSI NELLA FEMMINA - soppressione della funzione ovarica (amenorrea) - atrofia della ghiandola mammaria - virilizzazione (approfondimento del timbro di voce, crescita dei peli su volto, arti e torace, caduta dei capelli, cute untuosa e comparsa di acne) - alterazione della funzione epatica con possibilità di tumori Sviluppo massa muscolare Danni funzione riproduttiva Aumento trigliceridi e colesterolo 18 19

12 7 QUADERNI 7 QUADERNI Beta 2 agonisti Clenbuterolo AVVERSI - ipertrofia delle fibre di tipo II - broncodilatazione Agitazione irritabilità insonnia AVVERSI - agitazione, irritabilita - insonnia - iperidrosi - scialorrea - ritenzione urinaria - tremori - ipopotassiemia - alterazioni della pressione arteriosa (sia ipotensione che ipertensione) - tachicardia e disturbi del ritmo Broncodilatazione Disturbi del ritmo cardiaco Iperidrosi Ipertrofia fibre muscolari tipo II Ritenzione urinaria 20 21

13 Diuretici Si definiscono diuretici quei farmaci che determinano, con meccanismi diversi, un aumento della produzione renale di urina. I diuretici hanno importanti indicazioni terapeutiche per l'eliminazione di liquidi dai tessuti in alcune condizioni patologiche quali l'ipertensione e gli edemi. La loro somministrazione avviene comunque sempre sotto uno stretto controllo medico per le notevoli ripercussioni che possono avere sull'equilibrio idrico ed elettrolitico. Gli sportivi utilizzano i diuretici, in assenza di indicazione medica, per due ragioni principali: dell'escrezione di acqua e sali puo' risultare in un danno importante, poichè la perdita di liquidi artificialmente provocata con i diuretici risulta ulteriormente aggravata dalle inevitabili perdite di liquidi che si hanno durante l attività fisica, soprattutto attraverso la sudorazione. Lo stato di disidratazione che si viene ad avere, anche se di modesta entità, è in grado di ripercuotersi negativamente sul corretto funzionamento di numerosi sistemi, tra cui quello cardiocircolatorio, muscolare e nervoso e quindi fondamentalmente sulle capacità di prestazione e di dispersione del calore. Appare evidente come questa rappresenti una situazione temibile per lo sportivo e come il maluso dei diuretici rappresenti non solo una frode, ma anche un importante rischio per l'atleta. 1) ridurre il peso rapidamente in quegli sport in cui viene utilizzato questo parametro ai fini della suddivisione in categorie; 2) aumentare la velocità di eliminazione delle sostanze dopanti assunte, o ridurre la loro concentrazione nelle urine mediante la maggiore escrezione di liquidi, nel tentativo di minimizzare le possibilità di rilevamento. In entrambi i casi si tratta di chiare manipolazioni inaccettabili sul piano etico, che rappresentano un comportamento sleale nei confronti degli avversari permettendo di competere con categorie inferiori alla propria e di utilizzare pratiche dopanti. Oltre all aspetto morale occorre comunque sottolineare che l uso dei diuretici senza indicazione medica comporta notevoli rischi per la salute per la possibilità di gravi effetti avversi. Questi sono rappresentati essenzialmente dalla eccessiva perdita di liquidi e quindi disidratazione, dalla formazione di calcoli renali, dalle alterazioni di vari elettroliti (principalmente sodio, potassio e magnesio), dalla ridotta tolleranza agli zuccheri, da reazioni da ipersensibilità, dalla compromissione della normale funzionalità del midollo osseo, con conseguente riduzione della produzione di globuli rossi e/o bianchi. Senza arrivare a veri e propri quadri patologici come questi ultimi, va comunque detto che nell'atleta il solo incremento 22 23

14 Acetazolamide - Furosemide - Idroclorotiazide AVVERSI - aumento dell escrezione di urina AVVERSI - alterazione dell equilibrio idro-salino - disidratazione, collasso - crampi muscolari - senso di fatica - alterazione del metabolismo degli zuccheri e dei grassi - aumento dell acido urico - formazione di calcoli renali, lesioni renali - reazioni da ipersensibilità - riduzione della produzione di globuli rossi e/o bianchi Aumentata escrezione urina Alterazioni equilibrio idro-salino Disidratazione Collasso Lesioni renali Crampi muscolari Sensazione di fatica 24 25

15 Ormoni peptidici mimetici e analoghi Nel 1989 la commissione medica del CIO ha introdotto una nuova serie di sostanze proibite, gli ormoni peptidici e glicoproteici. Nel 1990 è stata inserita nella lista l eritropoietina, e nel 1999 la gonadotropina sintetica ed ipofisaria, il fattore di crescita insulino-simile (IGF-1) e l insulina. È altresi vietata la somministrazione dei rispettivi fattori di rilascio, mimetici ed analoghi (composti sintetici dotati della stessa attività) di questi ormoni. La gonadotropina corionica, prodotta a livello placentare, risulta necessaria per il normale svolgimento della gravidanza. Viene utilizzata nella donna per il trattamento della sterilità e nel bambino nei casi di mancata discesa del testicolo (criptorchidismo). La somministrazione nell uomo adulto determina un incremento della produzione di testosterone, che è l effetto ricercato a scopo dopante. Il suo uso comporta pertanto gli stessi rilevanti effetti collaterali della somministrazione degli anabolizzanti. La corticotropina ipofisaria agisce stimolando la corteccia delle ghiandole surrenali a produrre ormoni corticosteroidi ed androgeni. Può essere utilizzata in ambito terapeutico nei casi di insufficienza surrenalica secondaria ad un suo deficit. L azione ricercata a scopo dopante è essenzialmente quella legata alla iperproduzione di corticosterone, gravata però da seri effetti collaterali, come riportato nella scheda. L ormone della crescita, prodotto dall ipofisi, è fondamentale per i normali processi di accrescimento nel bambino in via di sviluppo, nel quale un deficit determina nanismo ed un eccesso gigantismo, e trova indicazione terapeutica nel trattamento del nanismo ipofisario. Nel soggetto adulto agisce in massima parte stimolando il metabolismo proteico, effetto ricercato in ambito sportivo. Tale utilizzo determina gravi effetti collaterali fra cui l acromegalia, cioè l eccessivo ingrossamento delle estremità (mani e piedi) e delle ossa facciali, ed alterazioni del metabolismo degli zuccheri e dei grassi. L eritropoietina è un ormone, prodotto dal rene, che esplica la sua azione a livello del midollo osseo promuovendo la formazione dei globuli rossi. Viene utilizzata per la terapia dell anemia da insufficienza renale cronica o di altre forme di anemia grave. Il suo utilizzo al di fuori di specifiche condizioni cliniche determina un eccesso di globuli rossi nel sangue (emoconcentrazione). La gonadotropina ipofisaria è necessaria per il processo di ovulazione nella donna e di spermatogenesi e sintesi degli ormoni androgeni nel maschio. Viene impiegata, insieme alla gonadotropina corionica, nella terapia della sterilità femminile. Nel maschio, la gonadotropina ipofisaria stimola principalmente la sintesi di testosterone. Gli effetti cercati e gli effetti avversi sono pertanto gli stessi dell uso di testosterone. Il fattore di crescita insulinosimile (cosi chiamato per l analogia molecolare con l insulina) viene prodotto in vari tessuti sotto l azione dell ormone della crescita e rappresenta il principale mediatore della sua azione. Gli effetti cercati e gli effetti avversi sono pertanto gli stessi dell uso di ormone della crescita. L insulina, ormone prodotto dal pancreas, è il principale regolatore della quota di glucosio nel sangue (glicemia) promuovendo la captazione del glucosio stesso da parte delle cellule del fegato, del muscolo e del tessuto adiposo. La carenza di insulina determina l insorgenza del diabete insulino-dipendente nel cui trattamento viene quindi utilizzata. Poichè l insulina stimola anche il trasporto di aminoacidi all interno del muscolo aumentando le sintesi proteiche, la sua somministrazione dopo un carico di lavoro porterebbe, oltre che ad una migliore utilizzazione dei carboidrati e pertanto ad un più rapido ripristino delle scorte energetiche, anche ad una più rapida resintesi proteica. Il suo uso al di fuori di quella che è la sua unica indicazione medica, e cioè il diabete, ètuttavia pericoloso per la possibilità di brusche variazioni della glicemia. Ne viene consentito l uso, poichè indispensabile alla vita, nell atleta affetto da diabete mellito insulino-dipendente. In tale caso è necessario che l endocrinologo o il medico di squadra attestino tale condizione, e ne diano comunicazione scritta alla Sezione Medica del Settore Tecnico della F.I.G.C

16 Gonadotropina corionica (hcg) Gonadotropina sintetica e ipofisaria (LH) - nei soggetti di sesso maschile promuove la produzione di testosterone da parte dei testicoli AVVERSI Emicrania euforia, depressione AVVERSI Sono gli stessi della somministrazione di testosterone: in età pre-pubere - precoce saldatura delle cartilagini epifisarie (blocco crescita ossa lunghe) - inibizione della spermatogenesi nell'adulto - oligospermia/azospermia (riduzione del numero/assenza di spermatozoi) - atrofia testicolare - ipertrofia prostatica - alterazione della funzione epatica con possibilità di tumori - aumento dei lipidi plasmatici (colesterolo, trigliceridi) Si hanno inoltre alcuni effetti specifici: - alternanza di stati di euforia e depressione - emicrania - ginecomastia - puberta' precoce negli adolescenti Stimolo produzione di testosterone Blocco crescita ossa lunghe Danni epatici (possibilità tumori) Danni funzione riproduttiva Aumento trigliceridi e colesterolo 28 29

17 Corticotropina (ACTH) AVVERSI - aumentata capacità di sopportare lo stress - azione antidolorifica AVVERSI - ipertrofia del corticosurrene - osteoporosi (fragilità ossea) - miopatie - danni gastro-intestinali fino all ulcera peptica - fragilità della cute - vertigini - cefalea - ridotta tolleranza ai glucidi - euforia, insonnia Azione antidolorifica Aumentata liberazione ormoni dello stress Vertigini, cefalea, euforia, insonnia Gastrite Ulcera Ipertrofia corticosurrene Ridotta tolleranza ai glucidi (tendenza diabete) Disturbi muscolari Fragilità ossea 30 31

18 Ormone della crescita (GH) Fattore di crescita insulino simile (IGF-1) AVVERSI - stimolo sulla sintesi delle proteine muscolari - stimolo sulla crescita ossea nel giovane - aumento della lipolisi - aumento della glicemia - aumento delle capacità di riparazione delle ferite AVVERSI - acromegalia se assunto nel soggetto adulto - ingrandimento degli organi interni - debolezza muscolare ed articolare - cardiomiopatia - ipertensione - intolleranza al glucosio - diabete Stimolo crescita ossea (nel giovane) Aumentata immissione in circolo delle sostanze energetiche Stimolo sintesi proteine muscolari Cardiopatia ipertensione Diabete Aumento dimensioni organi interni Aumentata capacità riparazione ferite Danni muscolari ed articolari Aumento dimensioni estremità (acromegalia) 32 33

19 Eritropoietina (EPO) - stimolo sulla produzione dei globuli rossi AVVERSI AVVERSI - aumento della viscosità del sangue - insufficienza cardiaca da sovraccarico - trombosi Stimolo produzione globuli rossi Trombosi Insufficienza cardiaca 34 35

20 Insulina AVVERSI - facilitazione della captazione di glucosio da parte dei tessuti - stimolo della sintesi proteica AVVERSI - crisi ipoglicemiche - inibizione della produzione endogena Stimolo sintesi proteica Ipoglicemia Inibizione sintesi endogena? 36 37

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti (Ordinanza sui prodotti dopanti) Modifica del 18 novembre 2003 Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport,

Dettagli

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram Indice generale 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram 1.1 Definizione di farmaco 1 1.2 Classificazione e nomenclatura dei farmaci 1 1.3 Sviluppo di nuovi farmaci 3 1.4

Dettagli

IL DOPING. Definizione: LISTA DELLE SOSTANZE BANDITE (USA 2002)

IL DOPING. Definizione: LISTA DELLE SOSTANZE BANDITE (USA 2002) IL DOPING Definizione: La somministrazione effettuata dal medico o dall allenatore o altri, o l uso diretto da parte di un atleta, di qualsiasi sostanza estranea all organismo, oppure di una sostanza fisiologica

Dettagli

Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002

Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002 Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002 Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002, modificato con D.M. 10 luglio 2003 (Suppl. G.U. n. 222 del 24.09.2003) Farmaci il cui impiego è considerato

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI,

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, Nuove tematiche IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, CLASSI DI SOSTANZE VIETATE MARIA GRAZIA RUBENNI Specialista in Medicina dello Sport, FIGC, Firenze Il termine doping sta ad indicare nel sapere

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA SALUTE E AMBIENTE Certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA SALUTE E AMBIENTE Certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA SALUTE E AMBIENTE Certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000 SERVIZIO MEDICINA DELLO SPORT E LOTTA AL DOPING Responsabile Dott. Antonio Mazzeo 035/2270.380 24125

Dettagli

CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE

CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE Prefazione La storia del doping è storia di illusioni e di miserie. Prima umane che sportive. E storia di fallimenti

Dettagli

Introduzione. Generalità

Introduzione. Generalità DIPENDENZE Introduzione In questo capitolo si illustrano le situazioni di urgenza che si possono verificare in pazienti che abusano di sostanze farmacologiche di natura diversa. Senza entrare in questa

Dettagli

Prof. Dario D Ottavio

Prof. Dario D Ottavio Prof. Dario D Ottavio già Direttore laboratorio Chimica Clinica e Tossicologia A.O. S. Camillo - Forlanini Roma Biochimico Clinico Commissione Antidoping Ministero della Salute Consulente Tecnico Procure

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Modifica degli stampati di specialità medicinali contenenti buprenorfina cloridrato indicata nella terapia

Dettagli

Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo

Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo Ipotalamo GnRH Ipofisi FSH, LH Testicolo LH cellule di Leydig Testosterone FSH cellule di Sertoli Inibina, MIF Androgeni Testosterone DHEA, Androstenedione Testicolo Cellule

Dettagli

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA Incidenza superiore al 5% nei pazienti industrializzati Marcato restringimento vie aree (colpi di tosse, respiro superficiale, senso di costrizione

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA. Paolo Giliberti

INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA. Paolo Giliberti INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA Paolo Giliberti Das Wundermittel Il 98 % di aspiranti ai giochi olimpici si dichiara disposto ad utilizzare sostanze anche proibite, a condizione

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

STIMOLANTI NARCOTICI CANNABINOIDI GLUCOCORTICOSTEROIDI

STIMOLANTI NARCOTICI CANNABINOIDI GLUCOCORTICOSTEROIDI Per combattere il doping è necessario conoscere gli effetti ed i danni delle sostanze vietate Classi di sostanze vietate solo in competizione STIMOLANTI NARCOTICI CANNABINOIDI GLUCOCORTICOSTEROIDI Classi

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina Foglio illustrativo: informazioni per il paziente NEO-OPTALIDON 200 mg + 125 mg + 25 mg compresse rivestite Paracetamolo + Propifenazone + Caffeina Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 53480 CCV: 1ad Data: 07/11/2012

Dettagli

DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi

DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi r o v i n c i a d i P a d o v a DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi tt. Claudio Terranova ità Operativa Complessa di Tossicologia Forense ed Antidoping ienda Ospedaliera - Università di Padova

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

GENNAIO 2013. Guida alla Lista WADA delle Sostanze Vietate ed Esenzioni a Fini Terapeutici

GENNAIO 2013. Guida alla Lista WADA delle Sostanze Vietate ed Esenzioni a Fini Terapeutici GENNAIO 2013 Guida alla Lista WADA delle Sostanze Vietate ed Esenzioni a Fini Terapeutici Indice Lista WADA delle Sostanze Vietate 3 Esenzioni a Fini Terapeutici 5 Requisiti per una EFT per l asma 9 2

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

Concetto di doping effetti collaterali,

Concetto di doping effetti collaterali, Concetto di doping Si considera doping l assunzione, da parte di un atleta, di sostanze proibite dai regolamenti, non a scopo curativo ma con l intento di migliorare la prestazione di là dagli effetti

Dettagli

Conseguenze generali dell invecchiamento

Conseguenze generali dell invecchiamento Conseguenze generali dell invecchiamento riduzione sintesi proteica declino funzione immunitaria aumento massa grassa perdita massa e forza muscolare riduzione densità minerale ossea La fragilità fisica

Dettagli

CANNABIS. Generazione In- Dipendente

CANNABIS. Generazione In- Dipendente CANNABIS Generazione In- Dipendente CANNABIS Introduzione CANAPA (CANNABIS SATIVA) Principi attivi: tetraidrocannabinolo (Δ 9 -THC) Altri Principi non attivi: cannabinolo, cannabidiolo Con i termini hashis

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Farmacologia Speciale ß-Endorfina. Gangli della base. Ipofisi. Corteccia. N. arcuato ipotalamo. Amigdala. midollo allungato Encefaline Dinorfine ampia distribuzione

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

STEROIDI ANABOLIZZANTI. Derivati sintetici del testosterone che sono stati modificati per aumentare l azione anabolica rispetto a quella androgenica

STEROIDI ANABOLIZZANTI. Derivati sintetici del testosterone che sono stati modificati per aumentare l azione anabolica rispetto a quella androgenica STEROIDI ANABOLIZZANTI l Derivati sintetici del testosterone che sono stati modificati per aumentare l azione anabolica rispetto a quella androgenica Biosintesi degli Steroidi Androgeni Anabolizzanti CYP17

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

allergie allergie Cosa sono Come si manifestano

allergie allergie Cosa sono Come si manifestano automedicazione per chi va in vacanza all estero allergie allergie Cosa sono L allergia è una ipersensibilità ad una particolare sostanza, detta allergene, che, quando è inalata, ingerita o toccata, produce

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

Modificazioni endocrine (para)fisiologiche nell anziano

Modificazioni endocrine (para)fisiologiche nell anziano Modificazioni endocrine (para)fisiologiche nell anziano ridotta secrezione estradiolo (menopausa) + ridotta secrezione gonadotropine e testosterone (andropausa) ridotta secrezione DHEA (adrenopausa) ridotta

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Dott. Marco Rossi farmacista

Dott. Marco Rossi farmacista Le informazioni contenute nel sito possono generare situazioni di pericolo e danni. I dati presenti hanno un fine illustrativo e in nessun caso esortano né spingono ad atti avversi alla salute psicofisica

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

SINDROME D ASTINENZA

SINDROME D ASTINENZA SINDROME D ASTINENZA Dipende dalla quantità di sostanza assunta e dalla velocità di eliminazione dall organismo. Nel caso del metadone i sintomi sono gli stessi, ma l insorgenza della sindrome è più lenta,

Dettagli

Il Ministro della Salute

Il Ministro della Salute Ministero della Salute DECRETO 24 gennaio 2007 - Revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping,

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi.

MENOPAUSA. scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. MENOPAUSA scomparsa delle mestruazioni per 12 mesi consecutivi. Nel climaterio le ovaie producono meno ESTROGENI L OVAIO MODIFICAZIONI NELLA VITA RIPRODUTTIVA FEMMINILE MENOPAUSA Inizio della menopausa

Dettagli

IPOTESI DI COLLEGAMENTO TRA CEFALEA A GRAPPOLO E STRESS il testo e' stato preso da un lavoro di BARBARA VANNINI laureanda in psicologia.

IPOTESI DI COLLEGAMENTO TRA CEFALEA A GRAPPOLO E STRESS il testo e' stato preso da un lavoro di BARBARA VANNINI laureanda in psicologia. IPOTESI DI COLLEGAMENTO TRA CEFALEA A GRAPPOLO E STRESS il testo e' stato preso da un lavoro di BARBARA VANNINI laureanda in psicologia. Vi espongo delle MIE riflessioni elaborate in funzione della nostra

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Foglio illustrativo: informazioni per il paziente ACICLOVIR EG 200 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg compresse ACICLOVIR EG 800 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg/5 ml sospensione orale Medicinale equivalente

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona. Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza

Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona. Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Corso di Farmacologia Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza La via del piacere Gli stimolanti (es. cocaina, oppioidi, amfetamine,cannabinoidi)

Dettagli

PIU TESTOSTERONE, PIU CAPELLI, MENO PROBLEMI ALLA PROSTATA

PIU TESTOSTERONE, PIU CAPELLI, MENO PROBLEMI ALLA PROSTATA PIU TESTOSTERONE, PIU CAPELLI, MENO PROBLEMI ALLA PROSTATA Innalzare il testosterone con metodi naturali e contemporaneamente salvaguardare la salute della prostata, limitando la caduta dei capelli L uomo

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di autovalutazione Ciascuna delle seguenti domande o affermazioni incomplete è seguita da risposte o completamenti dell affermazione. Individuare la SOLA risposta o completamento dell affermazione

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

ANSIA E DEPRESSIONE (episodica e cronica)

ANSIA E DEPRESSIONE (episodica e cronica) ANSIA E DEPRESSIONE (episodica e cronica) Definizioni L ansia è un sentimento sgradevole e penoso di minaccia imminente, di inquetudine, disagio psichico che deriva dall attesa dolorosa di un pericolo,

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. ENDOREM 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ENDOREM, 11,2 mg Fe/ml, concentrato per sospensione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 1 ml

Dettagli

La molla che fa saltare il cuore.

La molla che fa saltare il cuore. L ipertensione arteriosa Ipertensione arteriosa Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: La molla che fa saltare il

Dettagli

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali

Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Il diabete: aspetti medico-legali, psicologici e sociali Giordana Fauci IL DIABETE: ASPETTI MEDICO-LEGALI, PSICOLOGICI E SOCIALI www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giordana Fauci Tutti i diritti

Dettagli

I problemi endocrinologici in età evolutiva

I problemi endocrinologici in età evolutiva III CONVEGNO REGIONALE SINDROME DI PRADER WILLI I problemi endocrinologici in età evolutiva Lorenzo Iughetti Dipartimento Materno-Infantile Università di Modena e Reggio Emilia Rappresentazione schematica

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

artecipa per il gusto di fare sport

artecipa per il gusto di fare sport DIPARTIMENTO di PREVENZIONE Direttore Dr. UMBERTO PACCHIAROTTI ecidi di farne a meno biettivo: gareggia con lealtà artecipa per il gusto di fare sport nvesti sulla tua salute on ne hai bisogno uarda avanti

Dettagli

PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO

PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO PRIMA DELL'USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di automedicazione che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Analgesici narcotici ANALGESICI NARCOTICI Totale: 67 ANALGESICI NARCOTICI 65 105 135 158 191 208 236 247 259 288 347 376

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Dipartimento del Farmaco. L utilizzo illecito dei farmaci nell attività sportiva Manuale sui rischi per la salute

Dipartimento del Farmaco. L utilizzo illecito dei farmaci nell attività sportiva Manuale sui rischi per la salute Dipartimento del Farmaco L utilizzo illecito dei farmaci nell attività sportiva Manuale sui rischi per la salute 1 Supervisione tecnica e scientifica Dott. Sandro Donati Commissione per la Vigilanza ed

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

Glucocorticoidi nel trattamento dell asma

Glucocorticoidi nel trattamento dell asma Glucocorticoidi Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo I Corticosteroidi,

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI A. Messineo P. Abetti T. Antoniozzi S. Villarini A. Imperatore A B C della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI Manuale ad uso dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Medicinale equivalente

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO. Medicinale equivalente RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Medicinale equivalente 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE KESOL 50 microgrammi Spray nasale, sospensione KESOL 100 microgrammi Spray nasale, sospensione 2. COMPOSIZIONE

Dettagli

STILI DI VITA, SPORT E DONAZIONE SANGUE

STILI DI VITA, SPORT E DONAZIONE SANGUE STILI DI VITA, SPORT E DONAZIONE SANGUE Gubbio, 26 Marzo 2011 Dott. Lamberto Boranga Ogni giorno ci sono oltre 9000 trasfusioni di globuli rossi. Senza sangue si bloccano: le operazioni d'urgenza; i trapianti;

Dettagli

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Droga In In In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Può aumentare l effetto ipoglicemico può aggravare gli effetti gastrolesivi dei FANS Zenzero può determinare emorragie con salicilati Piantaggine

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ l protocollo terapeutico prevede l utilizzo di una scala farmacologica sequenziale a tre gradini costituita da quattro

Dettagli

Droga=sostanza stupefacente o psicotropa

Droga=sostanza stupefacente o psicotropa Droga=sostanza stupefacente o psicotropa OMS: Sostanze di origine vegetale o di origine sintetica capaci di provocare modificazioni più o meno temporanee e dannose sull equilibrio psico-fisico di chi le

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

L alimentazione e l uso degli integratori alimentari nella pratica sportiva

L alimentazione e l uso degli integratori alimentari nella pratica sportiva L alimentazione e l uso degli integratori alimentari nella pratica sportiva Diffusione degli integratori nella pratica sportiva I dati a disposizione sono pochi Secondo il vice-presidente della Commissione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli