QUADERNI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. L informazione alimentare (Parte Quarta)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. L informazione alimentare (Parte Quarta)"

Transcript

1 QUADERNI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 4 L informazione alimentare (Parte Quarta) A CURA DELL UNIONE REGIONALE TOSCANA (U.R.T) DI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI (LILT) SIENA 2014

2 L AGRICOLTURA BIOLOGICA: CHE COSA DEVE SAPERE IL CONSUMATORE Negli ultimi anni si è assistito ad un rapido sviluppo dell agricoltura biologica, a cui ha contribuito una maggiore consapevolezza dei consumatori dell importanza della salvaguardia e della sicurezza alimentare. Anche se nel 2000 la superficie dedicata al biologico ha rappresentato solo il 3% circa dell intera superficie agricola utilizzata dell Unione Europea, l agricoltura biologica è diventata di fatto uno dei settori agricoli più dinamici in Europa. Tra il 1993 e il 1998 questo comparto è cresciuto di circa il 25% all anno e dal 1998 la sua crescita annuale è aumentata del 30%. In Europa le previsioni stimano che il biologico possa rappresentare il 5% della superficie agricola utilizzata (SAU) nel 2005, il 10% nel 2010 e il 20% nel L Italia, con il 6% di ettari coltivati a biologico, si pone al primo posto nella graduatoria europea ed al secondo nel mondo, dopo gli Stati Uniti, con oltre un milione di ettari ed oltre aziende attive riguardante tutte le filiere produttive. Sempre più spesso il consumatore, al momento dell acquisto degli alimenti, trova, oggi anche nella grande distribuzione, la possibilità di acquistare una ampia gamma di prodotti alimentari con la dicitura da agricoltura biologica dalla orto-frutta ai prodotti derivati dai cereali, quali pane, pasta e prodotti da forno e più recentemente alla carne, latte e prodotti derivati, quali yogurt e formaggi.

3 Il maggior prezzo che, spesso contraddistingue questi prodotti ed una campagna stampa contraddittoria che spesso esalta ed in altri momenti metta sotto accusa questi prodotti impone di fornire al consumatore maggiori certezze e motivazioni, partendo da una maggiore conoscenza di che cosa si intende per agricoltura biologica e di come viene controllato il settore. Che cos è l agricoltura biologica? L agricoltura biologica differisce dagli altri tipi di agricoltura per molti aspetti. Essa favorisce le risorse rinnovabili ed il riciclo, restituendo al suolo i nutrienti presenti nei prodotti di scarto della stessa agricoltura di origine animale e vegetale e non utilizza prodotti di sintesi chimica quali pesticidi, erbicidi, fertilizzanti, ormoni della crescita, antibiotici o manipolazioni genetiche; inoltre rispetta i meccanismi naturali dell ambiente per il controllo delle malattie e degli insetti nocivi. Nell allevamento del bestiame, la produzione di carne e pollame è regolata prestando particolare attenzione al benessere degli animali, nel termine di disporre di adeguati spazi e di preferire, per quanto possibile l allevamento all aperto a quello in stabulazione. In sintesi, l agricoltura biologica fa ricorso, al contrario di quanto si possa pensare non alle antiquate tecniche di allevamento e coltivazioni, ma a quelle innovazioni tecnologiche che contribuiscono al mantenimento degli ecosistemi e alla riduzione dell inquinamento, garantendo una maggiore salvaguardia della salute degli operatori agricoli con la produzione di alimenti caratterizzati dall assenza di residui di sostanze di sintesi chimica che vengono, a norma di legge, impiegati nell agricoltura convenzionale. A tal traguardo, finora, scarse sono le informazioni sulle caratteristiche chimiche e nutrizionali degli alimenti provenienti da agricoltura biologica,

4 ovvero se questi abbiano o meno lo stesso valore nutrizionale e siano più sicuri dei prodotti convenzionali, tanto che la normativa vigente vieta che sull etichetta dei prodotti biologici compaiono scritte che evidenziano una migliore qualità rispetto alla produzione convenzionale. La ricerca della qualità e l Istituto Nazionale di Ricerca per Alimenti e la Nutrizione (INRAN) Al fine di poter fornire risposte certe sulla qualità dei prodotti derivanti dall agricoltura biologica, l INRAN, già da alcuni anni, ha intrapreso una indagine con l obiettivo di individuare, qualora ce ne fossero, indicatori che potessero distinguere la frutta da agricoltura biologica da quella da agricoltura convenzionale. La difficoltà di riprodurre, nell arco degli anni, le stesse condizioni sperimentali e l estrema variabilità che contraddistingue le produzioni vegetali hanno indotto a focalizzare l interesse sui prodotti al momento della raccolta tralasciando quindi tutte le possibili modifiche che possono verificarsi dalla raccolta al momento del consumo: sono stati oggetto dell indagine prodotti biologici e convenzionali coltivati sui campi vicini, cioè nelle stesse condizioni di suolo e clima. A tal riguardo, sono state analizzati per tre stagioni successive campioni di susine, pesche, pere fornite dall Istituto Sperimentale per la Frutticoltura ed arance dall Istituto Sperimentale per l Agrumicoltura. Un dato comune che è stato confermato nelle diverse tipologie di frutta analizzata, in particolare pere, pesche ed arance e nei tre anni di sperimentazione è stata la maggiore concentrazione, nei prodotti biologici, di quelle sostanze ad azione antiossidante che sembrano avere un azione di difesa dalla formazione dei

5 radicali liberi e quindi di prevenzione nell invecchiamento cellulare, nelle malattie cardiovascolari e nella formazione dei tumori. Una ricerca condotta nel 1999 dall Istituto dei Grassi di Siviglia (Spagna) ha inoltre confermato nell olio di oliva quanto ottenuto dall INRAN sulla frutta. L olio di oliva proveniente da agricoltura biologica è risultato di qualità superiore rispetto a quello ricavato da olive convenzionali, in particolare per la resistenza all ossidazione e quindi per la stabilità nel tempo e per la maggiore concentrazione di sostanze ad azione antiossidante, quale la vitamina E. Inoltre, sempre dalla ricerca INRAN citata, è emerso come la maggiore presenza di sostanze antiossidanti sembrerebbe avere un azione di difesa dall attacco delle muffe per cui la frutta biologica sarebbe meno sensibile all attacco di muffe e di funghi e meno suscettibile alla contaminazione di microtossine; una fonte come l Istituto Superiore della Sanità, ente di ricerca che ha effettuato questo tipo di indagine rappresenta una garanzia per l attendibilità di questa informazione. La normativa europea ed italiana nell agricoltura biologica Per garantire l autenticità dei metodi di produzione biologica l Unione Europea ha adottato diversi regolamenti fino a creare un quadro normativo globale di riferimento che abbraccia tutte le colture e gli allevamenti animali biologici, nonché l etichettatura, la trasformazione e la commercializzazione di questo tipo di prodotti. Per gli agricoltori che desiderano ottenere il riconoscimetno ufficiale della loro condizione di produttori biologici è fissato un periodo minimo di conservazione dei loro terreni di due anni prima della semina per le colture annuali e di tre anni per le colture perenni.

6 Più recentemente, sono state adottate le norme sulla produzione, l etichettatura e il controllo delle principali specie animali, prendendo in considerazione il tipo di alimentazione, la profilassi e le cure veterinarie, il benessere degli animali, le pratiche di allevamento e la gestione del letame. Gli organismi modificati geneticamente e i prodotti da essi derivati sono espressamente esclusi dai metodi di produzione biologica. I regolamenti comunitari contemplano anche le importazioni di prodotti biologici da paesi terzi i cui criteri di produzione e i cui sistemi di controllo in materia di agricoltura biologica siano stati riconosciuti dall Unione Europea. Come riconoscere un prodotto da agricoltura biologica In questi ultimi tempi, sono state spesso segnalate dalla stampa frodi nel settore dei prodotti biologici che hanno messo in dubbio la garanzia e la veridicità dei controlli che vengono condotti nei loro riguardi; è importante quindi fornire al consumatore quegli elementi che lo possono tutelare da eventuali frodi al momento dell acquisto. Innanzitutto, i regolamenti europei stabiliscono che tutti i produttori che vogliono conformarsi ai metodi biologici debbono essere registrati, dopo numerose ispezioni, presso uno dei nove organismi nazionali di controllo riconosciuti dal Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ed accreditati presso l Unione Europea e dei quali debbono seguire i relativi disciplinari di produzione. Il controllo è esteso a tutte le fasi del processo di produzione, compresi l immagazzinamento, la trasformazione e l imballaggio. Almeno una volta all anno vengono effettuate ispezioni non preannunciate nelle aziende, controlli in loco ed eventualmente analisi sui prodotti. Le sanzioni vanno

7 dalla radiazione immediata dall albo di quelle aziende biologiche che non hanno rispettato le regole a pene più pesanti nei casi di infrazioni di maggiore gravità. La garanzia che ci si trovi di fronte ad un prodotto biologico è data dall etichettatura che deve quindi essere attentamente controllata dal consumatore all atto dell acquisto. L etichetta dei prodotti biologici, oltre a quanto previsto per i prodotti convenzionali, deve riportare le seguenti indicazioni: - il nome ed il codice di uno dei nove Organismi di Controllo sopracitati; - il nome ed il codice dell Azienda controllata; - il numero di data dell autorizzazione da parte del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali. Per quanto riguarda il nome del prodotto, possono essere etichettati come biologici solo quei prodotti che contengono tra il 95% e il 100% di ingredienti bio ed il restante 5% deve comunque essere costituito da sostanze permesse dai Disciplinari di produzione del biologico. Nel caso in cui la percentuale sia più bassa (tra il 70% e il 95%), il prodotto non può definirsi biologico, però gli ingredienti biologici devono essere riportati comunque sull etichetta, con la dizione da agricoltura biologica. Dal marzo del 2000 la Commissione Europea ha introdotto un logo recante la dicitura Agricoltura biologica-regime di controllo CE concepito per essere utilizzato su base volontaria dai prodotti i cui metodi di produzione e i cui prodotti sono stati sottoposti a un controllo e sono risultati conformi alle norme UE. L esigenza da parte dei consumatori di leggere l etichetta al fine di verificare la veridicità dell acquisto pone in essere il problema

8 dell obbligatorietà o meno del confezionamento dei prodotti biologici, soprattutto per quanto riguarda l ortofrutta che spesso viene posta in vendita sfusa. - Al di là delle polemiche in corso sull argomento tra alcuni enti di controllo e certificazione e le associazioni dei consumatori, la raccomandazione che si può dare a chi si accinge ad acquistare prodotti biologici è quello di preferire quelli confezionati o di rifornirsi presso i negozi specializzati che vendono esclusivamente prodotti biologici. In definitiva si può affermare che i prodotti da agricoltura biologica sono prodotti riconosciuti dall Unione Europea e regolamentati da precise normative basate su un controllo che non prende in considerazione sporadiche analisi su pochi campioni e quindi non rappresentativi di tutta la produzione, ma su strumenti come i disciplinari di produzione e la certificazione ed il controllo del processo produttivo che garantiscono il rispetto della qualità di tutta la produzione e tutelano il consumatore da eventuali frodi. Oltre all'agricoltura biologica esiste anche quella integrata. Si tratta di un sistema di produzione alimentare più rispettosa dell'ambiente rispetto a quella che fa uso costante e indiscriminato della chimica. L'agricoltura integrata utilizza sistemi con input chimico sicuramente limitato, ma non ha una certificazione del processo produttivo. Ovvero dal prodotto sulle nostre tavole è impossibile risalire all'appezzamento di terreno dove questo è stato ottenuto. Non ci sono quindi garanzie per il consumatore che il produttore non abbia aggirato le norme. Comunque possiamo considerare l'agricoltura integrata come una strada che consente all'agricoltore di avvicinarsi ai sistemi biologici.

9 Vicino all'agricoltura integrata troviamo i sistemi di coltivazione a lotta guidata. La lotta guidata è riferita ai parassiti che mettono a repentaglio i raccolti e quindi l esistenza stessa delle aziende agricole. Si effettua mettendo, in determinate stagioni dell'anno, delle trappole per il rilevamento dei parassiti nei campi e, qualora se ne rilevi la presenza, si procede con i trattamenti. La lotta integrata pertanto non elimina i trattamenti chimici coi veleni usati per eliminare i parassiti, ma dovrebbe ridurre gli interventi dell'uomo contro le infestazioni, con risparmio per le aziende e minor impatto sui prodotti. Per assurdo, però, se in una stagione le trappole evidenziano una presenza maggiore del consueto di parassiti, anche i trattamenti saranno maggiori e di conseguenza anche l impatto. Un discorso a parte andrebbe dedicato all'agricoltura biodinamica, parola apparentemente difficile per indicare sistemi di coltivazione che si rifanno agli antichi metodi di lavorazione degli alimenti. La luna gli astri, influenzano sia le maree che la crescita di piante e animali. Il profano sorride di fronte a tali affermazioni, ma ancora oggi, come migliaia di anni fa, se si vuole del buon legno da lavorare dobbiamo tagliarlo a luna "dura", sempre che non vogliamo ricorrere alla chimica. Quando l'assenza di tecnologia nei metodi di lavorazione e conservazione costringeva ad accorgimenti per conservare gli alimenti, allora si prestava attenzione alle fasi lunari e degli astri dalla semina alla raccolta, dalla macellazione alla lavorazione dei prodotti animali. In base alla luna esistono momenti più favorevoli a certe azioni ed altri meno. E' ciò che intendevano i nostri nonni quando per seminare o raccogliere consultavano i calendari o gli almanacchi. Seguire questi processi non è semplice. Presuppone la conoscenza degli impulsi dominanti degli astri e le regole che determinano

10 gli equilibri tra i vari elementi. L'acqua, l'aria, la terra ed il fuoco - elementi che costituiscono secondo antiche credenze tutto ciò che si trova intorno a noi ed anche noi stessi - indicano rispettivamente la vigorìa, il fiore, il nutrimento ed il frutto. Saper mantenere in equilibrio questi concetti in agricoltura significa quindi rispettare i processi biodinamici della produzione. Per chi è ancora scettico può essere utile riflettere sull'attenzione che le massaie di qualche lustro fa prestavano alla conservazione dei prodotti fin dalla fase di preparazione. La passata di pomodoro, i legumi, il vino, i salumi erano tutti regolati da delicati processi vitali. Per quanto riguarda i sapori, riallacciandoci a quanto dicevamo all'inizio, possiamo affermare che più sano equivale a sapore più buono. Anche se a prima vista il gusto degli alimenti prodotti con sistema biologico può non convincere, perchè non assomigliano a ciò che troviamo negli scaffali dei supermercati, questo dipende esclusivamente dall'assuefazione che abbiamo ai gusti dei prodotti agroindustriali. Un palato non alterato dai sapori imposti dalla grande distribuzione è in grado di riconoscere un pollo che sappia di pollo, un formaggio caprino o pecorino fatti come si deve, un salame saporito e tanti altri gusti dimenticati. Anche le produzioni zootecniche possono essere condotte nel rispetto delle regole che stanno alla base dell agricoltura biologica. Le aziende agricole che, oltre alle coltivazioni, hanno allevamenti di particolari razze, utilizzando gli alimenti prodotti nelle foraggere o nei boschi in ambiente incontaminato, riescono ad ottenere carni e formaggi di gran pregio. Sia per la salubrità dei sistemi di allevamento che per le insite caratteristiche di queste particolari razze animali (povere di grassi e ricche di sostanze

11 nutritive), sono alimenti sani e quindi tranquillamente utilizzabili per le ricette dietetiche che vi presenteremo. GLI INTEGRATORI ALIMENTARI L'odierno sviluppo della medicina, accanto a tanti effetti positivi, ha comportato una crescente pressione di origine industriale e commerciale sul cittadino per indurlo a consumare i farmaci oltre le proprie reali necessità e a sottoporsi ad analisi frequenti e sempre più costose. Come spiega A.Donati, presidente di una commissione ministeriale per la prevenzione del doping negli studenti, la medicina è entrata in ogni aspetto della vita delle persone: ad esempio, nel controllo del peso corporeo, nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'ansia, nell'integrazione dell'alimentazione, nella sfera sessuale, eccetera. Il nostro organismo invece di essere ritenuto fondamentalmente sano e da curare solo nei casi in cui intervenga una malattia, dovrebbe essere considerato fondamentalmente carente o cagionevole. L'intervento della medicina appare di conseguenza indispensabile per riportare e mantenere il proprio organismo ad un livello il più elevato possibile di efficienza e di benessere. Anche una persona che sta perfettamente bene può essere convinta da un medico, intenzionato ad allargare la propria clientela, che "potrebbe stare meglio se." Questo "se" non si manifesta solo sotto forma di consigli per consentire uno stile sano di vita bensì per convincere il soggetto ad assumere farmaci e a effettuare analisi con una frequenza sempre maggiore. Donati sostiene che l'enorme influsso degli interessi commerciali che ruotano oggi intorno alla medicina si esprime con una modalità di comunicazione ancora più raffinata, capace di adattarsi anche alle esigenze

12 delle persone "che hanno compreso l'importanza di uno stile di vita sano", perciò anche alle persone che praticano un'attività sportiva. Ad esse viene consigliato di assumere sostanze e farmaci che "favoriscano il recupero", che "evitino il rischio di carenze", che "ottimizzino" le capacità delle performances. Insomma è sufficiente che il soggetto che pratica sport non fumi, non beva alcolici, non si alimenti in modo sbagliato, non rubi ore al sonno, ma occorre che venga anche "sostenuto" nell'allenamento poiché, gli viene rammentato che si tratta di un'attività particolarmente impegnativa". Il fatto che le aziende farmaceutiche ed una miriade di produttori di integratori alimentari abbiano immesso con successo sul mercato quantità enormi di farmaci e di sostanze che "fanno stare meglio" anche quando si sta bene, rappresenta la dimostrazione più eloquente che questo sistema di condizionare i comportamenti delle persone funziona (almeno per i produttori). Ad esempio un ragazzo che pratica sport, specialmente se vince qualche medaglia, deve per forza avere esigenze particolari. Perfino il suo istruttore, la settimana scorsa, ha consigliato di aiutarlo con gli integratori; dichiarando solennemente di essere sempre stato "decisamente contrario al doping ". Ha infatti spiegato ai genitori del ragazzo che gli integratori non c'entrano affatto con quell'elenco di sostanze vietate dalle istituzioni sportive. Né la creatina né gli aminoacidi, infatti, sono compresi in quella lista. Dunque, non sono doping e anzi fanno bene. Un nutrito gruppo di medici direttamente interessati alle vendite di queste sostanze hanno "spiegato" sulle riviste specializzate, nei convegni e nei loro studi privati che esse rappresentano l'alternativa pulita al doping: una sorta di benzina verde, priva di controindicazioni. Sono così comparsi sempre più

13 numerosi e voluminosi, non solo nelle farmacie ma perfino nei negozi di articoli sportivi, i fustini di creatina o di aminoacidi, tipo confezioni di detersivo. Nonostante che nel gennaio 2001, dalla Francia sia giunta la notizia che l'agenzia nazionale per il controllo sanitario degli alimenti, a conclusione di un approfondito studio sulla creatina ne avesse denunciato addirittura il rischio cancerogeno, tuttavia è stata assimilata in larghi strati di praticanti la convinzione che sia indispensabile "aiutarsi", perlomeno con gli integratori, per fare decentemente dello sport. Anche se le pubbliche istituzioni sanitarie, conclude allarmato Donati, dovessero creare sbarramenti verso l'uso indiscriminato a fini sportivi di questo o quel farmaco, le aziende produttrici sposterebbero la produzione verso nuovi prodotti decantandoli come miracolosi negli effetti ed innocui per la salute. La situazione è grave, perché un'attività come quella sportiva, che è nata come strumento individuale e sociale per divertirsi socializzando con i propri simili, nonché per migliorare il proprio stato di salute sviluppando armonicamente le proprie capacità fisiche e psicologiche, si sta trasformando in una situazione a medio e ad alto rischio. Il settore degli integratori alimentari, rappresenta una fonte di preoccupazione non solo per gli sportivi ma anche per la salute dei consumatori in genere perché nuoce alla loro corretta alimentazione. Schematicamente secondo un gruppo di qualificati docenti delle Università toscane, possiamo distinguere tre categorie di integratori alimentari. 1) Integratori suscettibili di produrre effetti tossici. Citiamo, solo a titolo di esempio: le composizioni contenenti cromo picolinato (Carbo Più; Ultra; Chromium Picolinate) e prodotti contenenti composti del cromo non

14 specificati (Carbo Maxi; Hydro Carbo); i prodotti contenenti carnitina (Carbo Più; Carbo Maxi; Carnitine Force; Ultra Cut) e i prodotti contenenti estratto di yohimbe (Ultra Cut; Thermogen). La composizione commercializzata dalla Società Wassen Italia contenente selenio (Selenium A.C.E.). L'uso improprio di combinazioni contenenti selenio, cromo, yohimbina e carnitina possono esplicare effetti dannosi sulla salute umana. E' accertato ad esempio che il cromo provoca il cancro del polmone. 2) Integratori dotati di proprietà farmacologiche per la presenza di principi d'origine vegetale e suscettibili pertanto di interagire con farmaci assunti dal soggetto e/o di provocare comunque effetti collaterali, specie in presenza di specifiche controindicazioni (ad es., donne in gravidanza o bambini). Ad esempio l'uso cronico dei glucosidi antrochinonici contenuti nel rabarbaro, nella frangula e nell'aloe è sconsigliato in quanto contenenti dantrone, una sostanza eliminata dal commercio perché associata all'insorgenza di tumori epatici e intestinali. L'esempio più eclatante riguarda l'estratto di Hypericum perforatum ("erba di S. Giovanni") dalle proprietà anti-depressive per il quale sono stati accertati effetti collaterali dannosi. 3) Integratori che contengono sostanze integrative della dieta, non tossiche né dotate di proprietà farmacologiche e che quindi non suscitano preoccupazioni per la tutela del consumatore. Per queste tre categorie di integratori, talvolta le case produttrici o i distributori diffondono messaggi pubblicitari di natura ingannevole sia sotto il profilo degli effetti benefici sulle funzioni del soggetto (efficienza,

15 concentrazione, resistenza allo sforzo), sia sotto il profilo della presenza di virtù terapeutiche nei confronti di certe malattie. Secondo la psicologa C. Marselli, in questi anni si è assistito a un proliferare di immagini e messaggi pubblicitari che accompagnano la commercializzazione, sempre più diffusa, degli integratori, che possono essere acquistati da chiunque non solo in farmacia in erboristeria ma anche nei supermercati, nelle palestre, nei negozi sportivi, negli istituti di estetica, e perfino tramite internet e per posta. Manca purtroppo un'informazione scientifica corretta per cui è possibile che una persona, non dotata di strumenti critici di lettura o incapace di utilizzarli per i motivi più diversi, interpreti come informazione quella che in realtà non è altro che pubblicità, che ha subito un'abile opera di maquillage comunicativo. Inoltre certi termini (sostengono D.Giachetti e L. Monti) come "integratore alimentare" e "supplemento dietetico" vengono impiegati senza che il consumatore possa distinguere con chiarezza a che genere di prodotti essi si riferiscano. Il termine "supplemento dietetico"deve essere riservato a prodotti alimentari di particolare impiego nutrizionale. e destinati a persone: - il cui metabolismo è perturbato; - che si trovano in condizioni particolari per cui possono trarre benefici dall'assunzione di talune sostanze contenute negli alimenti; - ai lattanti o ai bambini nella prima infanzia, anche se in buona salute. Gli "integratori alimentari" tempo fa erano stati definiti quei prodotti venduti come fonti concentrate di nutrienti, soli o in combinazione fra loro, con lo scopo di integrare l'assunzione di tali nutrienti, come solitamente avviene per mezzo dei normali alimenti vale a dire in buona sostanza, le vitamine e i sali minerali. Nella realtà attuale, invece, quelli che vengono

16 definiti integratori alimentari non contengono solo vitamine e sali minerali, ma anche altre sostanze quali piante medicinali o i loro estratti, amminoacidi, acidi grassi, ecc. Di conseguenza, per gli integratori occorrerebbe comiare una nuova definizione. Ad esempio, si tratta di preparazioni che includono compresse capsule, polveri, liquidi contenenti nutrienti, micronutrienti ed altre sostanze commestibili, consumate in quantità unitarie in aggiunta ad una dieta normale. Il problema degli integratori alimentari non risiede tanto nell'uso delle vitamine e dei sali minerali, quanto nella presenza delle sostanze vegetali. Infatti, molte piante contenute negli integratori alimentari sono medicinali, sulle quali vengono svolte ricerche farmacologiche che dimostrano come siano dotate di azioni terapeutiche accertate nell'uomo. Le sostanze vegetali che possiedono queste caratteristiche non integrano carenze alimentari dovute al deficit di assunzione di determinati nutrienti attraverso la dieta, ma provocano modificazioni a livello dei processi alterati dalla malattia con gli stessi meccanismi con cui lo fanno i farmaci. In Italia non è possibile, come avviene in Francia, distinguere fra le sostanze vegetali che devono essere considerate veri e propri farmaci e quelle che non lo sono. Nel nostro Paese una sostanza vegetale può costituire il principio attivo di una specialità medicinale soggetta a prescrizione medica, avendo ottenuto la prescritta autorizzazione ministeriale alla commercializzazione, e nello stesso tempo costituire il contenuto di integratori alimentari di libera vendita. Questa ambiguità viene sfruttata commercialmente, poiché, benché gli integratori alimentari non possano essere propagandati e venduti con lo scopo di prevenire o curare le malattie, di fatto lo sono, seppure indirettamente (pubblicità maliziosa).

17 Giachetti e Monti mettono in guardia contro il rischio che gli integratori alimentari possano contenere sostanze farmaceutiche vegetali pericolose per la salute con queste motivazioni: - anche se i dosaggi in principi attivi sono inferiori a quelli dei farmaci non esiste garanzia che gli utenti non facciano un consumo esagerato del prodotto (la somma varia di più dosi minime può anche superare la dose ritenuta sicura); - non è vero che le sostanze vegetali siano innocue, potendo indurre importanti effetti tossici al pari dei farmaci convenzionali, se non vengono impiegate in modo che il rischio tossico non superi il beneficio terapeutico atteso.; - esiste la dimostrazione sperimentale che le sostanze vegetali possono interagire con i farmaci convenzionali assunti contemporaneamente per altre patologie diminuendone l'efficacia o aumentandone la tossicità. A conclusione, riportiamo a titolo esemplificativo i danni che perfino le vitamine, se vengono somministrate erroneamente, possono provocare. Ricordiamo che le vitamine sono sostanze che l'organismo non è in grado di produrre da solo e devono perciò essere introdotte con una dieta appropriata. Quando vengono assunte con una alimentazione equilibrata le vitamine non producono effetti collaterali dannosi e non necessitano di supplementazioni sotto forma di prodotti farmaceutici o di integratori. La supplementazione potrebbe infatti determinare un sovradosaggio con conseguenti disturbi (o effetti collaterali) diversi a seconda del tipo di vitamina. Per esempio una eccessiva introduzione di vitamine può determinare:

18 vit.a insonnia, disturbi gastrointestinali, gengiviti, reazioni cutanee, perdita di capelli, ecc. Vit.C >rischio di calcolosi renale, cefalea, disturbi gastrointestinali, ecc. Vit.D perdita di calcio dalle ossa, danni renali, ipertensione, aritmie, ecc. Vit E emorragie, alterazioni del sistema immunitario, alterazioni delle funzioni sessuali, ecc. Vit.K alterazione alle funzioni del fegato. Nei soggetti sani che svolgono un'attività sportiva e che abitualmente seguono una dieta sana ed equilibrata (ricca di frutta e di verdura) non è necessaria alcuna supplementazione vitaminica. I CIBI TRANSGENICI Cosa sono gli organismi modificati geneticamente? Tutte le cellule costituenti un qualsiasi organismo vivente portano in sé una serie di comandi ovvero i geni che vanno a costituire i cromosomi, sede delle informazioni ereditarie. Ogni gene, a sua volta, mediante le proprie molecole di DNA è in grado di ordinare alla cellula di appartenenza di produrre una certa proteina che presiede ad una specifica funzione. L ingegneria genetica, scienza nata circa venti anni fa dalla genetica e dalla biologia molecolare consente di modificare la composizione genetica di un organismo per conferirgli caratteristiche particolari. Per attuare ciò si deve isolare il frammento di DNA che contiene l informazione desiderata (gene) e viene inserito nel DNA dell organismo che si vuole modificare in modo da conferirgli le caratteristiche volute. Se si vuole, ad esempio, che una determinata specie vegetale (pomodoro, patata, cotone) resista all attacco di un insetto o ad un determinato prodotto chimico (erbicida) si inserisce nel

19 suo DNA il gene della resistenza desiderata, si otterrà così una pianta che si autoprotegge e resiste a quel determinato insetto o erbicida. Le tecniche impiegate si basano sulla possibilità di riconoscere e tagliare pezzi di DNA in punti precisi e di reintrodurre il gene modificato nella cellula vegetale o animale; strumenti per tagliare in pezzi il DNA sono particolari enzimi denominati di restrizione prodotti da microrganismi. I possibili benefici dell applicazione dell ingegneria genetica L ingegneria genetica ha avuto in questi ultimi anni notevoli sviluppi nel settore dell agricoltura e delle medicina. Nel caso della medicina le biotecnologie consentono la produzione di farmaci e vaccini molto efficaci e sicuri nell uso. Tra i farmaci l esempio più probante del valore dell ingegneria genetica è rappresentato dalla produzione di insulina umana da parte di batteri geneticamente modificati; altri esempi sono gli ormoni polipeptidici, quali gli ormoni della crescita e l eritropoietina, proteine del sangue che ne facilitano o ne riducono la coagulazione, immunomodulatori e antitumorali, quali gli interferoni e l interleuchina-2 e antibiotici con un efficacia volte superiore a quelli tradizionali. Nel campo dell agricoltura l applicazione delle biotecnologiche per la modificazione genetica di piante destinate all alimentazione è stata prevalentemente finalizzata all ottinemento di varietà di vegetali con specifiche caratteristiche di interesse commerciale, quali la resistenza agli erbicidi (tabacco, mais, soia, colza, cicoria e cotone), ai parassiti (mais, patate, pomodori e cotone), agli stress ambientali (varietà di fragole che resistono al gelo, varietà di cotone e di melone che crescono in ambiente arido e che possono essere irrigati con acque salmastre). Ulteriori finalità

20 che sono state realizzate con l applicazione della biotecnologia al mondo vegetale è stato l ottenimento di piante più conservabili, quali pomodori che dopo la maturazione non si deteriorano, di piante autofertilizzanti attraverso l inserimento di geni batterici che consentono la fissazione dell azoto e di piante di elevate qualità nutrizionale introducendo i geni che producono proteine ricche di metionina, un aminoacido essenziale per l uomo. Nel caso degli animali, le biotecnologie permettono di ottenere specie più redditizie oppure di modificare la composizione dei prodotti, carne, latte, uova, attraverso la formazione di sostanze utili o l eliminazione di sostanze nocive come ad esempio il colesterolo. Potenziali rischi connessi con l applicazione dell ingegneria genetica all agricoltura A fronte di questi aspetti che sembrano particolarmente allettanti, attualmente è in corso un ampio dibattito scientifico sugli effetti a medio e a lungo termine che il trasferimento di geni tra organismi diversi può provocare sull ecosistema, sull ambiente e sugli essere viventi, in particolare sull uomo. Rischi sono stati avanzati per la salute umana, per l ambiente e per l economia. Per quanto riguarda l uomo sono stati ipotizzati pericoli connessi alla resistenza agli antibiotici e ai virus e alla possibilità di una maggiore incidenza della allergie. Qualche anno fa si scoprì che l immissione di un gene della noce brasiliana nella soia aveva trasferito a quest ultima anche il potere allergizzante delle noci. Fortunatamente quella soia fu bloccata prima che entrasse sul mercato. Esiste effettivamente la possibilità che gli alimenti con ingredienti

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato

Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Introduzione 1 Resistenza agli erbicidi e colture OGM I problemi legati al glifosato Luglio 2011 Il glifosato è la sostanza attiva utilizzata in molti erbicidi venduti su scala mondiale, compreso l'ormai

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli