QUADERNI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. L informazione alimentare (Parte Quarta)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADERNI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. L informazione alimentare (Parte Quarta)"

Transcript

1 QUADERNI DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 4 L informazione alimentare (Parte Quarta) A CURA DELL UNIONE REGIONALE TOSCANA (U.R.T) DI LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI (LILT) SIENA 2014

2 L AGRICOLTURA BIOLOGICA: CHE COSA DEVE SAPERE IL CONSUMATORE Negli ultimi anni si è assistito ad un rapido sviluppo dell agricoltura biologica, a cui ha contribuito una maggiore consapevolezza dei consumatori dell importanza della salvaguardia e della sicurezza alimentare. Anche se nel 2000 la superficie dedicata al biologico ha rappresentato solo il 3% circa dell intera superficie agricola utilizzata dell Unione Europea, l agricoltura biologica è diventata di fatto uno dei settori agricoli più dinamici in Europa. Tra il 1993 e il 1998 questo comparto è cresciuto di circa il 25% all anno e dal 1998 la sua crescita annuale è aumentata del 30%. In Europa le previsioni stimano che il biologico possa rappresentare il 5% della superficie agricola utilizzata (SAU) nel 2005, il 10% nel 2010 e il 20% nel L Italia, con il 6% di ettari coltivati a biologico, si pone al primo posto nella graduatoria europea ed al secondo nel mondo, dopo gli Stati Uniti, con oltre un milione di ettari ed oltre aziende attive riguardante tutte le filiere produttive. Sempre più spesso il consumatore, al momento dell acquisto degli alimenti, trova, oggi anche nella grande distribuzione, la possibilità di acquistare una ampia gamma di prodotti alimentari con la dicitura da agricoltura biologica dalla orto-frutta ai prodotti derivati dai cereali, quali pane, pasta e prodotti da forno e più recentemente alla carne, latte e prodotti derivati, quali yogurt e formaggi.

3 Il maggior prezzo che, spesso contraddistingue questi prodotti ed una campagna stampa contraddittoria che spesso esalta ed in altri momenti metta sotto accusa questi prodotti impone di fornire al consumatore maggiori certezze e motivazioni, partendo da una maggiore conoscenza di che cosa si intende per agricoltura biologica e di come viene controllato il settore. Che cos è l agricoltura biologica? L agricoltura biologica differisce dagli altri tipi di agricoltura per molti aspetti. Essa favorisce le risorse rinnovabili ed il riciclo, restituendo al suolo i nutrienti presenti nei prodotti di scarto della stessa agricoltura di origine animale e vegetale e non utilizza prodotti di sintesi chimica quali pesticidi, erbicidi, fertilizzanti, ormoni della crescita, antibiotici o manipolazioni genetiche; inoltre rispetta i meccanismi naturali dell ambiente per il controllo delle malattie e degli insetti nocivi. Nell allevamento del bestiame, la produzione di carne e pollame è regolata prestando particolare attenzione al benessere degli animali, nel termine di disporre di adeguati spazi e di preferire, per quanto possibile l allevamento all aperto a quello in stabulazione. In sintesi, l agricoltura biologica fa ricorso, al contrario di quanto si possa pensare non alle antiquate tecniche di allevamento e coltivazioni, ma a quelle innovazioni tecnologiche che contribuiscono al mantenimento degli ecosistemi e alla riduzione dell inquinamento, garantendo una maggiore salvaguardia della salute degli operatori agricoli con la produzione di alimenti caratterizzati dall assenza di residui di sostanze di sintesi chimica che vengono, a norma di legge, impiegati nell agricoltura convenzionale. A tal traguardo, finora, scarse sono le informazioni sulle caratteristiche chimiche e nutrizionali degli alimenti provenienti da agricoltura biologica,

4 ovvero se questi abbiano o meno lo stesso valore nutrizionale e siano più sicuri dei prodotti convenzionali, tanto che la normativa vigente vieta che sull etichetta dei prodotti biologici compaiono scritte che evidenziano una migliore qualità rispetto alla produzione convenzionale. La ricerca della qualità e l Istituto Nazionale di Ricerca per Alimenti e la Nutrizione (INRAN) Al fine di poter fornire risposte certe sulla qualità dei prodotti derivanti dall agricoltura biologica, l INRAN, già da alcuni anni, ha intrapreso una indagine con l obiettivo di individuare, qualora ce ne fossero, indicatori che potessero distinguere la frutta da agricoltura biologica da quella da agricoltura convenzionale. La difficoltà di riprodurre, nell arco degli anni, le stesse condizioni sperimentali e l estrema variabilità che contraddistingue le produzioni vegetali hanno indotto a focalizzare l interesse sui prodotti al momento della raccolta tralasciando quindi tutte le possibili modifiche che possono verificarsi dalla raccolta al momento del consumo: sono stati oggetto dell indagine prodotti biologici e convenzionali coltivati sui campi vicini, cioè nelle stesse condizioni di suolo e clima. A tal riguardo, sono state analizzati per tre stagioni successive campioni di susine, pesche, pere fornite dall Istituto Sperimentale per la Frutticoltura ed arance dall Istituto Sperimentale per l Agrumicoltura. Un dato comune che è stato confermato nelle diverse tipologie di frutta analizzata, in particolare pere, pesche ed arance e nei tre anni di sperimentazione è stata la maggiore concentrazione, nei prodotti biologici, di quelle sostanze ad azione antiossidante che sembrano avere un azione di difesa dalla formazione dei

5 radicali liberi e quindi di prevenzione nell invecchiamento cellulare, nelle malattie cardiovascolari e nella formazione dei tumori. Una ricerca condotta nel 1999 dall Istituto dei Grassi di Siviglia (Spagna) ha inoltre confermato nell olio di oliva quanto ottenuto dall INRAN sulla frutta. L olio di oliva proveniente da agricoltura biologica è risultato di qualità superiore rispetto a quello ricavato da olive convenzionali, in particolare per la resistenza all ossidazione e quindi per la stabilità nel tempo e per la maggiore concentrazione di sostanze ad azione antiossidante, quale la vitamina E. Inoltre, sempre dalla ricerca INRAN citata, è emerso come la maggiore presenza di sostanze antiossidanti sembrerebbe avere un azione di difesa dall attacco delle muffe per cui la frutta biologica sarebbe meno sensibile all attacco di muffe e di funghi e meno suscettibile alla contaminazione di microtossine; una fonte come l Istituto Superiore della Sanità, ente di ricerca che ha effettuato questo tipo di indagine rappresenta una garanzia per l attendibilità di questa informazione. La normativa europea ed italiana nell agricoltura biologica Per garantire l autenticità dei metodi di produzione biologica l Unione Europea ha adottato diversi regolamenti fino a creare un quadro normativo globale di riferimento che abbraccia tutte le colture e gli allevamenti animali biologici, nonché l etichettatura, la trasformazione e la commercializzazione di questo tipo di prodotti. Per gli agricoltori che desiderano ottenere il riconoscimetno ufficiale della loro condizione di produttori biologici è fissato un periodo minimo di conservazione dei loro terreni di due anni prima della semina per le colture annuali e di tre anni per le colture perenni.

6 Più recentemente, sono state adottate le norme sulla produzione, l etichettatura e il controllo delle principali specie animali, prendendo in considerazione il tipo di alimentazione, la profilassi e le cure veterinarie, il benessere degli animali, le pratiche di allevamento e la gestione del letame. Gli organismi modificati geneticamente e i prodotti da essi derivati sono espressamente esclusi dai metodi di produzione biologica. I regolamenti comunitari contemplano anche le importazioni di prodotti biologici da paesi terzi i cui criteri di produzione e i cui sistemi di controllo in materia di agricoltura biologica siano stati riconosciuti dall Unione Europea. Come riconoscere un prodotto da agricoltura biologica In questi ultimi tempi, sono state spesso segnalate dalla stampa frodi nel settore dei prodotti biologici che hanno messo in dubbio la garanzia e la veridicità dei controlli che vengono condotti nei loro riguardi; è importante quindi fornire al consumatore quegli elementi che lo possono tutelare da eventuali frodi al momento dell acquisto. Innanzitutto, i regolamenti europei stabiliscono che tutti i produttori che vogliono conformarsi ai metodi biologici debbono essere registrati, dopo numerose ispezioni, presso uno dei nove organismi nazionali di controllo riconosciuti dal Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ed accreditati presso l Unione Europea e dei quali debbono seguire i relativi disciplinari di produzione. Il controllo è esteso a tutte le fasi del processo di produzione, compresi l immagazzinamento, la trasformazione e l imballaggio. Almeno una volta all anno vengono effettuate ispezioni non preannunciate nelle aziende, controlli in loco ed eventualmente analisi sui prodotti. Le sanzioni vanno

7 dalla radiazione immediata dall albo di quelle aziende biologiche che non hanno rispettato le regole a pene più pesanti nei casi di infrazioni di maggiore gravità. La garanzia che ci si trovi di fronte ad un prodotto biologico è data dall etichettatura che deve quindi essere attentamente controllata dal consumatore all atto dell acquisto. L etichetta dei prodotti biologici, oltre a quanto previsto per i prodotti convenzionali, deve riportare le seguenti indicazioni: - il nome ed il codice di uno dei nove Organismi di Controllo sopracitati; - il nome ed il codice dell Azienda controllata; - il numero di data dell autorizzazione da parte del Ministero per le Politiche Agricole e Forestali. Per quanto riguarda il nome del prodotto, possono essere etichettati come biologici solo quei prodotti che contengono tra il 95% e il 100% di ingredienti bio ed il restante 5% deve comunque essere costituito da sostanze permesse dai Disciplinari di produzione del biologico. Nel caso in cui la percentuale sia più bassa (tra il 70% e il 95%), il prodotto non può definirsi biologico, però gli ingredienti biologici devono essere riportati comunque sull etichetta, con la dizione da agricoltura biologica. Dal marzo del 2000 la Commissione Europea ha introdotto un logo recante la dicitura Agricoltura biologica-regime di controllo CE concepito per essere utilizzato su base volontaria dai prodotti i cui metodi di produzione e i cui prodotti sono stati sottoposti a un controllo e sono risultati conformi alle norme UE. L esigenza da parte dei consumatori di leggere l etichetta al fine di verificare la veridicità dell acquisto pone in essere il problema

8 dell obbligatorietà o meno del confezionamento dei prodotti biologici, soprattutto per quanto riguarda l ortofrutta che spesso viene posta in vendita sfusa. - Al di là delle polemiche in corso sull argomento tra alcuni enti di controllo e certificazione e le associazioni dei consumatori, la raccomandazione che si può dare a chi si accinge ad acquistare prodotti biologici è quello di preferire quelli confezionati o di rifornirsi presso i negozi specializzati che vendono esclusivamente prodotti biologici. In definitiva si può affermare che i prodotti da agricoltura biologica sono prodotti riconosciuti dall Unione Europea e regolamentati da precise normative basate su un controllo che non prende in considerazione sporadiche analisi su pochi campioni e quindi non rappresentativi di tutta la produzione, ma su strumenti come i disciplinari di produzione e la certificazione ed il controllo del processo produttivo che garantiscono il rispetto della qualità di tutta la produzione e tutelano il consumatore da eventuali frodi. Oltre all'agricoltura biologica esiste anche quella integrata. Si tratta di un sistema di produzione alimentare più rispettosa dell'ambiente rispetto a quella che fa uso costante e indiscriminato della chimica. L'agricoltura integrata utilizza sistemi con input chimico sicuramente limitato, ma non ha una certificazione del processo produttivo. Ovvero dal prodotto sulle nostre tavole è impossibile risalire all'appezzamento di terreno dove questo è stato ottenuto. Non ci sono quindi garanzie per il consumatore che il produttore non abbia aggirato le norme. Comunque possiamo considerare l'agricoltura integrata come una strada che consente all'agricoltore di avvicinarsi ai sistemi biologici.

9 Vicino all'agricoltura integrata troviamo i sistemi di coltivazione a lotta guidata. La lotta guidata è riferita ai parassiti che mettono a repentaglio i raccolti e quindi l esistenza stessa delle aziende agricole. Si effettua mettendo, in determinate stagioni dell'anno, delle trappole per il rilevamento dei parassiti nei campi e, qualora se ne rilevi la presenza, si procede con i trattamenti. La lotta integrata pertanto non elimina i trattamenti chimici coi veleni usati per eliminare i parassiti, ma dovrebbe ridurre gli interventi dell'uomo contro le infestazioni, con risparmio per le aziende e minor impatto sui prodotti. Per assurdo, però, se in una stagione le trappole evidenziano una presenza maggiore del consueto di parassiti, anche i trattamenti saranno maggiori e di conseguenza anche l impatto. Un discorso a parte andrebbe dedicato all'agricoltura biodinamica, parola apparentemente difficile per indicare sistemi di coltivazione che si rifanno agli antichi metodi di lavorazione degli alimenti. La luna gli astri, influenzano sia le maree che la crescita di piante e animali. Il profano sorride di fronte a tali affermazioni, ma ancora oggi, come migliaia di anni fa, se si vuole del buon legno da lavorare dobbiamo tagliarlo a luna "dura", sempre che non vogliamo ricorrere alla chimica. Quando l'assenza di tecnologia nei metodi di lavorazione e conservazione costringeva ad accorgimenti per conservare gli alimenti, allora si prestava attenzione alle fasi lunari e degli astri dalla semina alla raccolta, dalla macellazione alla lavorazione dei prodotti animali. In base alla luna esistono momenti più favorevoli a certe azioni ed altri meno. E' ciò che intendevano i nostri nonni quando per seminare o raccogliere consultavano i calendari o gli almanacchi. Seguire questi processi non è semplice. Presuppone la conoscenza degli impulsi dominanti degli astri e le regole che determinano

10 gli equilibri tra i vari elementi. L'acqua, l'aria, la terra ed il fuoco - elementi che costituiscono secondo antiche credenze tutto ciò che si trova intorno a noi ed anche noi stessi - indicano rispettivamente la vigorìa, il fiore, il nutrimento ed il frutto. Saper mantenere in equilibrio questi concetti in agricoltura significa quindi rispettare i processi biodinamici della produzione. Per chi è ancora scettico può essere utile riflettere sull'attenzione che le massaie di qualche lustro fa prestavano alla conservazione dei prodotti fin dalla fase di preparazione. La passata di pomodoro, i legumi, il vino, i salumi erano tutti regolati da delicati processi vitali. Per quanto riguarda i sapori, riallacciandoci a quanto dicevamo all'inizio, possiamo affermare che più sano equivale a sapore più buono. Anche se a prima vista il gusto degli alimenti prodotti con sistema biologico può non convincere, perchè non assomigliano a ciò che troviamo negli scaffali dei supermercati, questo dipende esclusivamente dall'assuefazione che abbiamo ai gusti dei prodotti agroindustriali. Un palato non alterato dai sapori imposti dalla grande distribuzione è in grado di riconoscere un pollo che sappia di pollo, un formaggio caprino o pecorino fatti come si deve, un salame saporito e tanti altri gusti dimenticati. Anche le produzioni zootecniche possono essere condotte nel rispetto delle regole che stanno alla base dell agricoltura biologica. Le aziende agricole che, oltre alle coltivazioni, hanno allevamenti di particolari razze, utilizzando gli alimenti prodotti nelle foraggere o nei boschi in ambiente incontaminato, riescono ad ottenere carni e formaggi di gran pregio. Sia per la salubrità dei sistemi di allevamento che per le insite caratteristiche di queste particolari razze animali (povere di grassi e ricche di sostanze

11 nutritive), sono alimenti sani e quindi tranquillamente utilizzabili per le ricette dietetiche che vi presenteremo. GLI INTEGRATORI ALIMENTARI L'odierno sviluppo della medicina, accanto a tanti effetti positivi, ha comportato una crescente pressione di origine industriale e commerciale sul cittadino per indurlo a consumare i farmaci oltre le proprie reali necessità e a sottoporsi ad analisi frequenti e sempre più costose. Come spiega A.Donati, presidente di una commissione ministeriale per la prevenzione del doping negli studenti, la medicina è entrata in ogni aspetto della vita delle persone: ad esempio, nel controllo del peso corporeo, nella regolazione dell'umore, del sonno, dell'ansia, nell'integrazione dell'alimentazione, nella sfera sessuale, eccetera. Il nostro organismo invece di essere ritenuto fondamentalmente sano e da curare solo nei casi in cui intervenga una malattia, dovrebbe essere considerato fondamentalmente carente o cagionevole. L'intervento della medicina appare di conseguenza indispensabile per riportare e mantenere il proprio organismo ad un livello il più elevato possibile di efficienza e di benessere. Anche una persona che sta perfettamente bene può essere convinta da un medico, intenzionato ad allargare la propria clientela, che "potrebbe stare meglio se." Questo "se" non si manifesta solo sotto forma di consigli per consentire uno stile sano di vita bensì per convincere il soggetto ad assumere farmaci e a effettuare analisi con una frequenza sempre maggiore. Donati sostiene che l'enorme influsso degli interessi commerciali che ruotano oggi intorno alla medicina si esprime con una modalità di comunicazione ancora più raffinata, capace di adattarsi anche alle esigenze

12 delle persone "che hanno compreso l'importanza di uno stile di vita sano", perciò anche alle persone che praticano un'attività sportiva. Ad esse viene consigliato di assumere sostanze e farmaci che "favoriscano il recupero", che "evitino il rischio di carenze", che "ottimizzino" le capacità delle performances. Insomma è sufficiente che il soggetto che pratica sport non fumi, non beva alcolici, non si alimenti in modo sbagliato, non rubi ore al sonno, ma occorre che venga anche "sostenuto" nell'allenamento poiché, gli viene rammentato che si tratta di un'attività particolarmente impegnativa". Il fatto che le aziende farmaceutiche ed una miriade di produttori di integratori alimentari abbiano immesso con successo sul mercato quantità enormi di farmaci e di sostanze che "fanno stare meglio" anche quando si sta bene, rappresenta la dimostrazione più eloquente che questo sistema di condizionare i comportamenti delle persone funziona (almeno per i produttori). Ad esempio un ragazzo che pratica sport, specialmente se vince qualche medaglia, deve per forza avere esigenze particolari. Perfino il suo istruttore, la settimana scorsa, ha consigliato di aiutarlo con gli integratori; dichiarando solennemente di essere sempre stato "decisamente contrario al doping ". Ha infatti spiegato ai genitori del ragazzo che gli integratori non c'entrano affatto con quell'elenco di sostanze vietate dalle istituzioni sportive. Né la creatina né gli aminoacidi, infatti, sono compresi in quella lista. Dunque, non sono doping e anzi fanno bene. Un nutrito gruppo di medici direttamente interessati alle vendite di queste sostanze hanno "spiegato" sulle riviste specializzate, nei convegni e nei loro studi privati che esse rappresentano l'alternativa pulita al doping: una sorta di benzina verde, priva di controindicazioni. Sono così comparsi sempre più

13 numerosi e voluminosi, non solo nelle farmacie ma perfino nei negozi di articoli sportivi, i fustini di creatina o di aminoacidi, tipo confezioni di detersivo. Nonostante che nel gennaio 2001, dalla Francia sia giunta la notizia che l'agenzia nazionale per il controllo sanitario degli alimenti, a conclusione di un approfondito studio sulla creatina ne avesse denunciato addirittura il rischio cancerogeno, tuttavia è stata assimilata in larghi strati di praticanti la convinzione che sia indispensabile "aiutarsi", perlomeno con gli integratori, per fare decentemente dello sport. Anche se le pubbliche istituzioni sanitarie, conclude allarmato Donati, dovessero creare sbarramenti verso l'uso indiscriminato a fini sportivi di questo o quel farmaco, le aziende produttrici sposterebbero la produzione verso nuovi prodotti decantandoli come miracolosi negli effetti ed innocui per la salute. La situazione è grave, perché un'attività come quella sportiva, che è nata come strumento individuale e sociale per divertirsi socializzando con i propri simili, nonché per migliorare il proprio stato di salute sviluppando armonicamente le proprie capacità fisiche e psicologiche, si sta trasformando in una situazione a medio e ad alto rischio. Il settore degli integratori alimentari, rappresenta una fonte di preoccupazione non solo per gli sportivi ma anche per la salute dei consumatori in genere perché nuoce alla loro corretta alimentazione. Schematicamente secondo un gruppo di qualificati docenti delle Università toscane, possiamo distinguere tre categorie di integratori alimentari. 1) Integratori suscettibili di produrre effetti tossici. Citiamo, solo a titolo di esempio: le composizioni contenenti cromo picolinato (Carbo Più; Ultra; Chromium Picolinate) e prodotti contenenti composti del cromo non

14 specificati (Carbo Maxi; Hydro Carbo); i prodotti contenenti carnitina (Carbo Più; Carbo Maxi; Carnitine Force; Ultra Cut) e i prodotti contenenti estratto di yohimbe (Ultra Cut; Thermogen). La composizione commercializzata dalla Società Wassen Italia contenente selenio (Selenium A.C.E.). L'uso improprio di combinazioni contenenti selenio, cromo, yohimbina e carnitina possono esplicare effetti dannosi sulla salute umana. E' accertato ad esempio che il cromo provoca il cancro del polmone. 2) Integratori dotati di proprietà farmacologiche per la presenza di principi d'origine vegetale e suscettibili pertanto di interagire con farmaci assunti dal soggetto e/o di provocare comunque effetti collaterali, specie in presenza di specifiche controindicazioni (ad es., donne in gravidanza o bambini). Ad esempio l'uso cronico dei glucosidi antrochinonici contenuti nel rabarbaro, nella frangula e nell'aloe è sconsigliato in quanto contenenti dantrone, una sostanza eliminata dal commercio perché associata all'insorgenza di tumori epatici e intestinali. L'esempio più eclatante riguarda l'estratto di Hypericum perforatum ("erba di S. Giovanni") dalle proprietà anti-depressive per il quale sono stati accertati effetti collaterali dannosi. 3) Integratori che contengono sostanze integrative della dieta, non tossiche né dotate di proprietà farmacologiche e che quindi non suscitano preoccupazioni per la tutela del consumatore. Per queste tre categorie di integratori, talvolta le case produttrici o i distributori diffondono messaggi pubblicitari di natura ingannevole sia sotto il profilo degli effetti benefici sulle funzioni del soggetto (efficienza,

15 concentrazione, resistenza allo sforzo), sia sotto il profilo della presenza di virtù terapeutiche nei confronti di certe malattie. Secondo la psicologa C. Marselli, in questi anni si è assistito a un proliferare di immagini e messaggi pubblicitari che accompagnano la commercializzazione, sempre più diffusa, degli integratori, che possono essere acquistati da chiunque non solo in farmacia in erboristeria ma anche nei supermercati, nelle palestre, nei negozi sportivi, negli istituti di estetica, e perfino tramite internet e per posta. Manca purtroppo un'informazione scientifica corretta per cui è possibile che una persona, non dotata di strumenti critici di lettura o incapace di utilizzarli per i motivi più diversi, interpreti come informazione quella che in realtà non è altro che pubblicità, che ha subito un'abile opera di maquillage comunicativo. Inoltre certi termini (sostengono D.Giachetti e L. Monti) come "integratore alimentare" e "supplemento dietetico" vengono impiegati senza che il consumatore possa distinguere con chiarezza a che genere di prodotti essi si riferiscano. Il termine "supplemento dietetico"deve essere riservato a prodotti alimentari di particolare impiego nutrizionale. e destinati a persone: - il cui metabolismo è perturbato; - che si trovano in condizioni particolari per cui possono trarre benefici dall'assunzione di talune sostanze contenute negli alimenti; - ai lattanti o ai bambini nella prima infanzia, anche se in buona salute. Gli "integratori alimentari" tempo fa erano stati definiti quei prodotti venduti come fonti concentrate di nutrienti, soli o in combinazione fra loro, con lo scopo di integrare l'assunzione di tali nutrienti, come solitamente avviene per mezzo dei normali alimenti vale a dire in buona sostanza, le vitamine e i sali minerali. Nella realtà attuale, invece, quelli che vengono

16 definiti integratori alimentari non contengono solo vitamine e sali minerali, ma anche altre sostanze quali piante medicinali o i loro estratti, amminoacidi, acidi grassi, ecc. Di conseguenza, per gli integratori occorrerebbe comiare una nuova definizione. Ad esempio, si tratta di preparazioni che includono compresse capsule, polveri, liquidi contenenti nutrienti, micronutrienti ed altre sostanze commestibili, consumate in quantità unitarie in aggiunta ad una dieta normale. Il problema degli integratori alimentari non risiede tanto nell'uso delle vitamine e dei sali minerali, quanto nella presenza delle sostanze vegetali. Infatti, molte piante contenute negli integratori alimentari sono medicinali, sulle quali vengono svolte ricerche farmacologiche che dimostrano come siano dotate di azioni terapeutiche accertate nell'uomo. Le sostanze vegetali che possiedono queste caratteristiche non integrano carenze alimentari dovute al deficit di assunzione di determinati nutrienti attraverso la dieta, ma provocano modificazioni a livello dei processi alterati dalla malattia con gli stessi meccanismi con cui lo fanno i farmaci. In Italia non è possibile, come avviene in Francia, distinguere fra le sostanze vegetali che devono essere considerate veri e propri farmaci e quelle che non lo sono. Nel nostro Paese una sostanza vegetale può costituire il principio attivo di una specialità medicinale soggetta a prescrizione medica, avendo ottenuto la prescritta autorizzazione ministeriale alla commercializzazione, e nello stesso tempo costituire il contenuto di integratori alimentari di libera vendita. Questa ambiguità viene sfruttata commercialmente, poiché, benché gli integratori alimentari non possano essere propagandati e venduti con lo scopo di prevenire o curare le malattie, di fatto lo sono, seppure indirettamente (pubblicità maliziosa).

17 Giachetti e Monti mettono in guardia contro il rischio che gli integratori alimentari possano contenere sostanze farmaceutiche vegetali pericolose per la salute con queste motivazioni: - anche se i dosaggi in principi attivi sono inferiori a quelli dei farmaci non esiste garanzia che gli utenti non facciano un consumo esagerato del prodotto (la somma varia di più dosi minime può anche superare la dose ritenuta sicura); - non è vero che le sostanze vegetali siano innocue, potendo indurre importanti effetti tossici al pari dei farmaci convenzionali, se non vengono impiegate in modo che il rischio tossico non superi il beneficio terapeutico atteso.; - esiste la dimostrazione sperimentale che le sostanze vegetali possono interagire con i farmaci convenzionali assunti contemporaneamente per altre patologie diminuendone l'efficacia o aumentandone la tossicità. A conclusione, riportiamo a titolo esemplificativo i danni che perfino le vitamine, se vengono somministrate erroneamente, possono provocare. Ricordiamo che le vitamine sono sostanze che l'organismo non è in grado di produrre da solo e devono perciò essere introdotte con una dieta appropriata. Quando vengono assunte con una alimentazione equilibrata le vitamine non producono effetti collaterali dannosi e non necessitano di supplementazioni sotto forma di prodotti farmaceutici o di integratori. La supplementazione potrebbe infatti determinare un sovradosaggio con conseguenti disturbi (o effetti collaterali) diversi a seconda del tipo di vitamina. Per esempio una eccessiva introduzione di vitamine può determinare:

18 vit.a insonnia, disturbi gastrointestinali, gengiviti, reazioni cutanee, perdita di capelli, ecc. Vit.C >rischio di calcolosi renale, cefalea, disturbi gastrointestinali, ecc. Vit.D perdita di calcio dalle ossa, danni renali, ipertensione, aritmie, ecc. Vit E emorragie, alterazioni del sistema immunitario, alterazioni delle funzioni sessuali, ecc. Vit.K alterazione alle funzioni del fegato. Nei soggetti sani che svolgono un'attività sportiva e che abitualmente seguono una dieta sana ed equilibrata (ricca di frutta e di verdura) non è necessaria alcuna supplementazione vitaminica. I CIBI TRANSGENICI Cosa sono gli organismi modificati geneticamente? Tutte le cellule costituenti un qualsiasi organismo vivente portano in sé una serie di comandi ovvero i geni che vanno a costituire i cromosomi, sede delle informazioni ereditarie. Ogni gene, a sua volta, mediante le proprie molecole di DNA è in grado di ordinare alla cellula di appartenenza di produrre una certa proteina che presiede ad una specifica funzione. L ingegneria genetica, scienza nata circa venti anni fa dalla genetica e dalla biologia molecolare consente di modificare la composizione genetica di un organismo per conferirgli caratteristiche particolari. Per attuare ciò si deve isolare il frammento di DNA che contiene l informazione desiderata (gene) e viene inserito nel DNA dell organismo che si vuole modificare in modo da conferirgli le caratteristiche volute. Se si vuole, ad esempio, che una determinata specie vegetale (pomodoro, patata, cotone) resista all attacco di un insetto o ad un determinato prodotto chimico (erbicida) si inserisce nel

19 suo DNA il gene della resistenza desiderata, si otterrà così una pianta che si autoprotegge e resiste a quel determinato insetto o erbicida. Le tecniche impiegate si basano sulla possibilità di riconoscere e tagliare pezzi di DNA in punti precisi e di reintrodurre il gene modificato nella cellula vegetale o animale; strumenti per tagliare in pezzi il DNA sono particolari enzimi denominati di restrizione prodotti da microrganismi. I possibili benefici dell applicazione dell ingegneria genetica L ingegneria genetica ha avuto in questi ultimi anni notevoli sviluppi nel settore dell agricoltura e delle medicina. Nel caso della medicina le biotecnologie consentono la produzione di farmaci e vaccini molto efficaci e sicuri nell uso. Tra i farmaci l esempio più probante del valore dell ingegneria genetica è rappresentato dalla produzione di insulina umana da parte di batteri geneticamente modificati; altri esempi sono gli ormoni polipeptidici, quali gli ormoni della crescita e l eritropoietina, proteine del sangue che ne facilitano o ne riducono la coagulazione, immunomodulatori e antitumorali, quali gli interferoni e l interleuchina-2 e antibiotici con un efficacia volte superiore a quelli tradizionali. Nel campo dell agricoltura l applicazione delle biotecnologiche per la modificazione genetica di piante destinate all alimentazione è stata prevalentemente finalizzata all ottinemento di varietà di vegetali con specifiche caratteristiche di interesse commerciale, quali la resistenza agli erbicidi (tabacco, mais, soia, colza, cicoria e cotone), ai parassiti (mais, patate, pomodori e cotone), agli stress ambientali (varietà di fragole che resistono al gelo, varietà di cotone e di melone che crescono in ambiente arido e che possono essere irrigati con acque salmastre). Ulteriori finalità

20 che sono state realizzate con l applicazione della biotecnologia al mondo vegetale è stato l ottenimento di piante più conservabili, quali pomodori che dopo la maturazione non si deteriorano, di piante autofertilizzanti attraverso l inserimento di geni batterici che consentono la fissazione dell azoto e di piante di elevate qualità nutrizionale introducendo i geni che producono proteine ricche di metionina, un aminoacido essenziale per l uomo. Nel caso degli animali, le biotecnologie permettono di ottenere specie più redditizie oppure di modificare la composizione dei prodotti, carne, latte, uova, attraverso la formazione di sostanze utili o l eliminazione di sostanze nocive come ad esempio il colesterolo. Potenziali rischi connessi con l applicazione dell ingegneria genetica all agricoltura A fronte di questi aspetti che sembrano particolarmente allettanti, attualmente è in corso un ampio dibattito scientifico sugli effetti a medio e a lungo termine che il trasferimento di geni tra organismi diversi può provocare sull ecosistema, sull ambiente e sugli essere viventi, in particolare sull uomo. Rischi sono stati avanzati per la salute umana, per l ambiente e per l economia. Per quanto riguarda l uomo sono stati ipotizzati pericoli connessi alla resistenza agli antibiotici e ai virus e alla possibilità di una maggiore incidenza della allergie. Qualche anno fa si scoprì che l immissione di un gene della noce brasiliana nella soia aveva trasferito a quest ultima anche il potere allergizzante delle noci. Fortunatamente quella soia fu bloccata prima che entrasse sul mercato. Esiste effettivamente la possibilità che gli alimenti con ingredienti

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

Cosa sono? Come? Perchè?

Cosa sono? Come? Perchè? Cosa sono? Un organismo vivente si definisce Geneticamente Modificato (OGM), secondo la legislazione nazionale e comunitaria, quando " il materiale genetico è stato modificato in modo diverso da quanto

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito.

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. Biotecnologie ed OGM Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. piante OGM nel mondo. I maggiori produttori di OGM nel mondo sono USA, Argentina, Canada

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Le biotecnologie e l ingegneria genetica 1

Le biotecnologie e l ingegneria genetica 1 Le biotecnologie e l ingegneria genetica 1 Le biotecnologie... Molti prodotti alimentari, come il pane, il vino e lo yogurt, da migliaia di anni presenti sulle nostre tavole, sono vivi, perché nella loro

Dettagli

CLASSE 4^I ANNO 2011/12

CLASSE 4^I ANNO 2011/12 CLASSE 4^I ANNO 2011/12 - CHI SIAMO - COSA SONO - APPLICAZIONI PRATICHE - VANTAGGI - DIBATTITO - ASPETTI NORMATIVI - CONSIGLI DI LETTURA - FONTI Andrea Gasperini Lorenzo Godoli Giacomo Gigliotti Filippo

Dettagli

I QUESITI PIÙ FREQUENTI. 20 domande/risposte riguardanti gli OGM

I QUESITI PIÙ FREQUENTI. 20 domande/risposte riguardanti gli OGM I QUESITI PIÙ FREQUENTI 20 domande/risposte riguardanti gli OGM Cosa sono gli OGM? Gli OGM (Organismi Geneticamente Modificati) sono organismi artificiali, spesso di proprietà privata di una azienda. Sono

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati)

A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) A proposito di... OGM (Organismi Geneticamente Modificati) a cura di: Arpav Area Tel. +39 0422 558515 Fax +39 0422 558516 e-mail: daptv@arpa.veneto.it

Dettagli

A tavola con la genetica. Miglioramento genetico e OGM

A tavola con la genetica. Miglioramento genetico e OGM A tavola con la genetica Miglioramento genetico e OGM MIGLIORAMENTO GENETICO Processo di modifica del patrimonio genetico al fine di migliorare le caratteristiche, utili all'uomo, delle specie coltivate

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Il sistema qualità. Sono obiettivi primari:

Il sistema qualità. Sono obiettivi primari: Il sistema qualità Mangiare a scuola in maniera sana e corretta significa adottare un sistema qualità che offra a bambini e genitori tutte le garanzie di un alimentazione controllata ad ogni livello: dalla

Dettagli

Farine di mais 13. Biscotti al mais 5. Snack al mais 6. Mais dolce per insalate 7. Corn-flakes 2

Farine di mais 13. Biscotti al mais 5. Snack al mais 6. Mais dolce per insalate 7. Corn-flakes 2 + Polo Alimenti In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale degli Alimenti (ex DPR 14/7/95) per l anno 2010, riguardo agli OGM,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE FREDDI MARCELLA MONOENNIO CLASSE 5 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA

IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA IL PANORAMA NORMATIVO IN AGRICOLTURA BIOLOGICA Con il contributo di: Dipartimento 7 Agricoltura e Risorse Agroalimentari AIAB CALABRIA Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Calabria cofinanziato

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE

Dott. Alessandro Bonadonna per SEMI ONLUS L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE L ETICHETTATURA DEI PRODOTTI: LEGGERE PER RI-CONOSCERE 1. Assicurare una corretta e trasparente informazione al consumatore 2. Permettere la libera circolazione delle merci all interno dell Unione Europea

Dettagli

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO

il CRA per i 150 anni dell'unitàd'italia FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO FRUTTA E VERDURA: INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI PER L ACQUISTO, LA CONSERVAZIONE E IL CONSUMO Una sana alimentazione deve prevedere un importante consumo di frutta e verdura, che danno al nostro organismo

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

MOZIONE VOLTA A: Salvaguardare il territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati

MOZIONE VOLTA A: Salvaguardare il territorio comunale dalla coltivazione di organismi geneticamente modificati pagina 1 di 5 Cavriglia,. Ottobre 2014 Al Presidente del Consiglio Comunale e Sindaco di Cavriglia Sig. Leonardo Degl Innocenti o Sanni All assessore con delega all ambiente Sig. Filippo Boni MOZIONE VOLTA

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary

GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary GM Soy: Sustainable? Responsible? Executive summary La consapevolezza crescente che molte moderne pratiche agricole non siano sostenibili spinge a cercare alternative che possano garantire la sicurezza

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA COME

COMMISSIONE EUROPEA COME COMMISSIONE EUROPEA Come leggere Fiocchi di riso e di grano integrale, arricchiti di vitamine (B1, B2, B3, B6, acido folico, B12, C) e ferro Peso netto: DA CONSUMARSI PREFERIBILMENTE ENTRO Cereal Lite

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Background La storia (alcune date ed eventi significativi) Il mercato ed i prodotti

Background La storia (alcune date ed eventi significativi) Il mercato ed i prodotti Background La storia (alcune date ed eventi significativi) La genetica moderna inizia nel 1865 con le leggi formulate da Mendel sull'ereditarietà dei caratteri genetici; nel 1943 il DNA viene riconosciuto

Dettagli

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA

CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA CONTROLLO COMMERCIALE E IGIENICO ANNONARIO DI UN SUPERMERCATO CON ANNESSA MACELLERIA E PESCHERIA Gli orari delle attività commerciali e il turno di riposo settimanale 1.1 Le nuove disposizioni europee:

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

ACQUA ALCALINA IONIZZATA

ACQUA ALCALINA IONIZZATA Dott.ssa M. Chiara Cuoghi ACQUA ALCALINA IONIZZATA... i benefici: IL CORPO UMANO ADULTO E COSTITUITO AL 70% D ACQUA QUANTA acqua si deve introdurre ogni giorno nel corpo per mantenere un adeguata idratazione?

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411 NUTRIZIONE CELLULARE: QUELLO CHE IL TUO MEDICO DEVE SAPERE Parla il Dr. David B. Katzin, M.D., Ph.D. specialista in Scienza della Nutrizione, Fisiologia, Cardiovascolare e Medicina interna (...) Io sono

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

- La indica la legge penale 376 del 2000

- La indica la legge penale 376 del 2000 E TEMPO DI INTERVENTI DI PREVENZIONE CONCERTATI Alessandro Donati Bologna, 10 e 24 gennaio 2010 Il progetto è nato dall esigenza di contrastare la diffusione del doping, oltre che nello sport professionistico

Dettagli

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Il Biologico nella Ristorazione Collettiva Sabato 7 novembre 2009 Sala Botticelli Palazzo dei Congressi Roma EUR IL BIOLOGICO: REALI

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Università degli Studi di Pavia Struttura della presentazione Legame tra alimentazione e livelli di sicurezza

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

ELEMENTI DI NUTRIZIONE SANA E NATURALE

ELEMENTI DI NUTRIZIONE SANA E NATURALE Libera Università del Volontariato e dell'impresa Sociale Corso di formazione ELEMENTI DI NUTRIZIONE SANA E NATURALE Docente: Anna Fata Sito internet: uniluvis.it E-mail: luvis@erbasacra.com Indirizzo:

Dettagli

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da Indice Obiettivi del concorso... 3 Perché partecipare... 3 Quando e come... 3 Interesse didattico... 4 Quali sono le classi interessate... 4 Quali sono

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta?

Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Gli Ogm nella filiera agro-alimentare: una rinuncia ragionata od un opportunità non colta? Organizzato da Istituto Superiore di Sanità Impiego di Ogm nella produzione primaria: il punto di vista degli

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

The Natural Way. La strada indicata dalla Natura è l unica percorribile. Easybarf. La facile alternativa

The Natural Way. La strada indicata dalla Natura è l unica percorribile. Easybarf. La facile alternativa La strada indicata dalla Natura è l unica percorribile Easybarf La facile alternativa L evoluzione naturale fa si che ogni specie animale, qualunque essa sia, si adatti ai vari ed imprevedibili mutamenti

Dettagli

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto

L ETICHETTA ALIMENTARE. Carta d identità del prodotto L ETICHETTA ALIMENTARE Carta d identità del prodotto Alcune informazioni sono obbligatorie e regolamentate per legge e sono molto utili per la sicurezza alimentare Altre sono facoltative o complementari

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI

IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Centro Studi per la Sicurezza Alimentare IMPARIAMO A CONOSCERE L ETICHETTA DEI PRODOTTI ALIMENTARI Una attenta lettura delle etichettature può aiutare a scegliere meglio e a mangiare in modo sicuro. Nella

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Direttore dott. Fausto Aufiero Chef, Naturopata Michele Pentassuglia PROGRAMMA Prima giornata

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Se veramente vuoi disintossicarti e perdere peso questa potrebbe essere la pagina più importante che tu abbia mai letto!

Se veramente vuoi disintossicarti e perdere peso questa potrebbe essere la pagina più importante che tu abbia mai letto! Se veramente vuoi disintossicarti e perdere peso questa potrebbe essere la pagina più importante che tu abbia mai letto! Stai per entrare in contatto con i migliori prodotti per la salute e la bellezza

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Informazioni sugli elementi nutritivi

Informazioni sugli elementi nutritivi Informazioni sugli elementi nutritivi Nella terra e nello spazio Gli zuccheri Gli zuccheri (detti anche glucidi o carboidrati)) sono i composti organici più comuni sulla Terra. Le piante li producono con

Dettagli

10 alimenti per ottenere capelli sani

10 alimenti per ottenere capelli sani I consigli di Ale Per Curarsi al Naturale 10 alimenti per ottenere capelli sani a cura di Irene Ferri 1 Come diceva il filosofo Ralph Emerson... Un erbaccia è solo una pianta di cui non sono ancora state

Dettagli

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Lotto n. 1 Allegato B TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Fasce d età considerate Scuola dell infanzia ANNI 2,5-5,5 Scuola elementare 5,5-10,5 Scuola media * 10,5-14,5 * Nella fascia di età

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Istituto Comprensivo - CASTELBOLOGNESE - Scuola Primaria C. Bassi UN VIAGGIO TRA CIBO GLOBALE E CIBO LOCALE

Istituto Comprensivo - CASTELBOLOGNESE - Scuola Primaria C. Bassi UN VIAGGIO TRA CIBO GLOBALE E CIBO LOCALE UN VIAGGIO TRA CIBO GLOBALE E CIBO LOCALE Scuola Primaria C. Bassi : Classi V A e V B (lavori di gruppo) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELBOLOGNESE Docente Coordinatore: Claudia Cortecchia A proposito di...

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Per poter esaminare in modo specifico questi alimenti, occorre effettuare alcune premesse di ordine legislativo. La Direttiva 398/1989/CE ha inizialmente

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

La normativa sugli OGM

La normativa sugli OGM La normativa sugli OGM A cura della Dott.ssa Gilda Zennaro Breve cronistoria La prima direttiva europea atta a uniformare l approccio degli Stati Membri sulla spinosa questione degli ogm risale al 1990

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli