Il ruolo degli integratori nell attività fisica e sportiva: quali, come e perché utilizzarli. Rodolfo Tavana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo degli integratori nell attività fisica e sportiva: quali, come e perché utilizzarli. Rodolfo Tavana"

Transcript

1 Il ruolo degli integratori nell attività fisica e sportiva: quali, come e perché utilizzarli Rodolfo Tavana

2 INTRODUZIONE Secondo un indagine ISTAT presentata nel 2007 sono circa 17 milioni gli italiani che dichiarano di praticare uno sport, il 20% lo pratica in modo continuativo. Altri 16 milioni svolgono attività fisica, come passeggiate, nuoto e bicicletta. In questo numeroso gruppo di praticanti esistono molte e differenziate necessità in termini di allenamento, alimentazione e problematiche generali attinenti la corretta pratica sportiva e quella semplicemente motorio-ricreativa. Esistono però alcuni importanti argomenti che dovrebbero costituire una sorta di patrimonio culturale di base per gli sportivi di vario livello, con l obiettivo di ridurre eventuali rischi e conservare un alto indice di benessere. 4

3 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI Il Comitato Olimpico Norvegese ha voluto che la prevenzione fosse un punto di forza della preparazione atletica del quadriennio (Olimpiadi di Pechino). L incidenza di malattia registrata tra gli atleti nel biennio precedente, vale a dire prima delle Olimpiadi di Atene 2004, era stata, infatti, piuttosto allarmante: 3,7 malattie per atleta probabile olimpico con una media di 14 giorni d allenamento persi per atleta. Quattordici giorni persi in due stagioni sono molti (teoricamente una settimana a stagione) e, se a ridosso di un periodo importante, possono addirittura compromettere una stagione agonistica. Il raffreddore comune, che quando trascurato può complicarsi con una sinusite o una bronchite, è senza dubbio al primo posto tra le affezioni che colpiscono gli atleti. Certamente un clima rigido come quello norvegese espone maggiormente al rischio di malattie da raffreddamento, ma la possibilità di ammalarsi non dipende dalla latitudine. Al secondo posto tra le malattie degli atleti vi è la dissenteria causata da un alimentazione scorretta e la cosiddetta diarrea del viaggiatore. Ricordo un esperienza personale, fui colpito insieme ad altri atleti da una gastroenterite durante un raduno di atletica (nazionale giovanile). Io e altri mezzofondisti trascorremmo due giorni a letto alla vigilia di una gara di cross importante per avere mangiato una torta che non sembrava potesse essere contaminata. Il sistema immunitario di un atleta, anche se amatoriale, al massimo della forma fisica è senza dubbio più debole (e l atleta può ammalarsi più facilmente) di quanto non lo sia quello di un atleta i cui allenamenti siano ridotti e meno intensi. Tutto questo deve indurre a prevenire il più possibile, anche tramite banali ma efficaci attenzioni; innanzitutto con azioni semplici (spesso trascurate per pigrizia!) che numerosi studi scientifici hanno rivelato essenziali per non ammalarsi. È evidente che, se un comitato olimpico come quello norvegese ha pensato di presentare protocolli preventivi in ambito di Congressi Scientifici di Medicina dello Sport, questi semplici consigli si sono rivelati estremamente efficaci. IL CONSIGLIO Lavarsi frequentemente le mani Siamo stati in treno o in aereo o in altro mezzo di trasporto pubblico, logico appoggiare le mani dove capita, magari dove un attimo prima le ha messe un soggetto col raffreddore o l influenza, ed ecco che potremmo essere contagiati. Basterà avvicinare la mano alla bocca o al naso. Lo stesso vale per tutti i luoghi di promiscuità. Laviamoci le mani appena possibile. Anche la malsana pratica di stringere la mano induce facili contagi. Laviamoci spesso! 5

4 Evitare contatti con persone ammalate Potrebbe sembrare un comportamento discriminatorio, ma è necessario tenersi a distanza da chi è affetto da una malattia respiratoria. Dalla bocca di un raffreddato escono agenti infettanti stiamogli a distanza! Riparare la bocca e il naso quando si respira aria gelida Oggi troviamo passamontagna (o copricapo simili) concepiti per correre in qualsiasi clima che proteggono bocca e naso senza far soffocare. Evitare di far asciugare il sudore addosso Al termine di una corsa o di una pedalata c è la brutta abitudine di fermarsi a chiacchierare con gli amici. È sufficiente osservare una gara amatoriale di corsa (in gergo lombardo tapasciata ) o una gran fondo di ciclismo per vedere quante persone si fermano al termine della gara per raccontarsi la performance senza coprirsi, magari in una giornata ventosa. Ho visto qualche runner incorrere in una bronchite post tapasciata per essersi attardato all arrivo! È meglio coprirsi subito. Se poi ci si muove con l autovettura dalla località dove ci si è allenati alla propria abitazione senza essersi potuti recare in uno spogliatoio con doccia, sarebbe utile cambiare la maglietta e, appena arrivati, fare una doccia calda. Bere acqua minerale L acqua inquinata si trova in molti ambienti. Pensate alle toilette degli aerei dove l acqua è notoriamente non potabile. Qualcuno, nei viaggi oltreoceano, magari non la beve ma la utilizza per lavarsi i denti con la probabilità quasi certa di ammalarsi di dissenteria. Ove possibile bere acqua minerale aperta in propria presenza, meglio se gasata perché la gasatura uccide alcuni microbi. La neve dei ghiacciai è altrettanto poco sicura, meglio non utilizzarla per dissetarsi! Fuori dall Europa (magari in un villaggio oltreoceano o in qualunque altra località dove si va a correre o ci si allena in bicicletta) È indispensabile mangiare frutta sbucciata al momento con le proprie mani, ovviamente pulite, evitando quella già sbucciata da altri e propostaci su un piatto. Utilizzare verdura cotta rispetto a quella cruda. Alla prima avvisaglia di un raffreddore È meglio fermarsi un paio di giorni e cercare di guarire. Allenarsi con una malattia significa indebolirsi e soprattutto perdere molti più giorni per le complicazioni che ne derivano. Non prendere farmaci se non prescritti da un medico. All insorgere di disturbi gastrointestinali Diarrea o vomito durante la notte ci devono indurre (ove possibile) a starcene un giorno a riposo. Ho visto spesso atleti sentirsi bene dopo una notte di vomito, allenarsi e a sera stare di nuovo male. Dopo un allenamento Quando si termina l allenamento e si fa la doccia è bene perdere un po di tempo ad asciugare i capelli e utilizzare un cappellino per uscire. 6

5 Vaccinazioni Vaccinarsi contro malattie importanti è per fortuna un obbligo nel nostro Paese. In Italia però si muore ancora di tetano per non essersi vaccinati! Nelle discipline invernali diventa importante vaccinarsi contro l influenza. Oggi questa vaccinazione non ha praticamente effetti collaterali ma salva da una malattia fastidiosa. L influenza dura quattro giorni, ma l indebolimento che ne consegue dura più di una settimana. Il vaccino ci tutela. Ci sono poi vaccinazioni orali (compresse da ingerire che non presentano alcun effetto collaterale) contro tifo e come quelle causate da batteri cosiddetti paratiphy che causano fastidiose dissenterie nei mesi caldi. Basta vaccinarsi ai primi di luglio per ridurre i rischi nel periodo estivo. PREVENIRE GLI INFORTUNI Come le malattie, gli infortuni muscolari o articolari sono in agguato, soprattutto nello sportivo amatoriale poco attento ad inserire misure preventive nella seduta di allenamento. In tutti gli sport dilettantistici o professionistici si sono oggi adottati dei provvedimenti per ridurre i rischi. Prevedere gli infortuni è impossibile, prevenirli sì. IL CONSIGLIO Allenarsi con regolarità Non serve correre 2 ore o pedalare 5 ore alla domenica senza far niente durante la settimana. Si corre il rischio di farsi male e si ottiene poco sul piano del miglioramento della performance. È molto meglio svolgere un attività fisica regolare e allenarsi almeno tre giorni su sette, magari per distanze non eccessive, ma certamente più funzionali a migliori risultati sportivi: una goccia continua può scavare una roccia, una cascata saltuaria no. Riscaldamento e defaticamento Prima di un uscita in bicicletta, prima di una corsa, prima di una sciata è necessario effettuare un buon riscaldamento (e penso che 1 su 100 ciclisti amatoriali lo facciano), lo stesso al termine dell allenamento. Inserire esercizi di ginnastica prima e dopo, iniziare con adeguata progressione sono tutti trucchi per non farsi male. Stretching: se ne parla molto ma pochi lo inseriscono e lo praticano con attenzione. Questa tecnica va eseguita concentrandosi sugli esercizi, rispettando i tempi, sincronizzandola con la respirazione. Troppo spesso si vedono atleti che chiacchierano e si distraggono annullando così i benefici dell esercizio. Core stability: innumerevoli studi scientifici dimostrano la validità di tali esercizi nella prevenzione degli infortuni articolari. È sufficiente dotare l atleta di uno swiss ball e far eseguire tali esercizi anche al di fuori dell allenamento per ridurre i rischi di infortuni a ginocchia e caviglie. 7

6 Esercizi di propriocettività: esercizi in cui si propongono al corpo degli squilibri in modo da abituarlo a situazioni difficili come correre e infilare il piede in una buca, sbandare in bici ed evitare di cadere, ecc. Dopo un infortunio Quando un atleta si infortuna in modo non grave (senza necessità di un intervento chirurgico) spesso trascura la riabilitazione. Un muscolo indebolito e non riabilitato rappresenta un rischio per la salvaguardia delle articolazioni. Se siete reduci da una distorsione di caviglia o da un infortunio muscolare dedicate un po di tempo alla riabilitazione che bene si concilia anche con la ripresa degli allenamenti. I medici che si occupano di infortuni degli sportivi possono fornire tutte le indicazioni su come riprendersi dopo un infortunio, cercate di consultarli. Mantenimento di peso corporeo adeguato (poca massa grassa) Un atleta, qualsiasi sport pratichi, non deve avere un eccesso di grasso. Utile, una volta all anno, una valutazione plicometrica che stabilisca se sussiste un eccesso di grasso sulla percentuale totale del peso corporeo. Se così fosse è bene pensare a un approccio nutrizionale adeguato, consultando uno specialista che si occupi di sportivi, evitando soprattutto il fai da te magari con l apporto di farmaci o integratori acquistati in erboristeria (che poi si rivelano composti da sostanze dopanti). Con il termine integratori alimentari ci riferiamo a prodotti specifici, contenenti principi nutritivi non INTEGRATORI presenti negli alimenti o non sufficientemente presenti così da richiedere una eccessiva assunzione di cibo per poterne soddisfare il fabbisogno. ALIMENTARI Gli integratori vengono consigliati nei casi in cui l organismo abbia carenza di determinati elementi nutritivi: non hanno proprietà terapeutiche, ma servono a integrare un normale regime alimentare completandolo. Per le loro proprietà nutrizionali, devono essere assunti seguendo le raccomandazioni degli specialisti, entro dosaggi di sicurezza (Upper-safe Level, UL), tenendo conto delle RDA (Recommended Dietary Allowances). Gli integratori alimentari includono una vasta gamma di prodotti (sali minerali, vitamine, aminoacidi, proteine, grassi omega 3, ecc.) acquistabili senza ricetta (non sono farmaci) in varie categorie di negozi, anche supermercati. Il loro scopo è quello di far fronte alla scarsità di uno o più elementi nutritivi, a causa di un loro apporto insufficiente attraverso un normale regime alimentare, così da aiutare il corpo a mantenere un adeguato stato di salute e a prevenire l insorgere di carenze dannose. È doveroso evitare un utilizzo ingiustificato soprattutto se consigliato da persone che non siano professionisti sanitari. Le leggi e le direttive in ambito europeo e nazionale sono innumerevoli, come ad esempio la direttiva 2002/45/CE del Parlamento Europeo del 10 giugno 2002 che definisce 8

7 integratori alimentari prodotti alimentari destinati ad integrare la dieta normale e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, sia monocomposti che pluricomposti, in forme di dosaggio, vale a dire in forme di commercializzazione quali capsule, pastiglie, compresse, pillole e simili, polveri in bustina, liquidi contenuti in fiale, flaconi a contagocce e altre forme simili, di liquidi e polveri destinati ad essere assunti in piccoli quantitativi unitari. La direttiva specifica che: l etichettatura, la presentazione e la pubblicità del prodotto non attribuiscono agli integratori alimentari proprietà terapeutiche né capacità di prevenzione o cura delle malattie umane, né fanno altrimenti riferimento a simili proprietà (art. 6, comma 2); nell etichettatura, nella presentazione e nella pubblicità degli integratori alimentari non figurano diciture che affermino o sottintendano che una dieta equilibrata e variata non è in grado di apportare sostanze nutritive in quantità sufficienti in generale (art. 7). I cosiddetti integratori alimentari per lo sport rientrano nell elenco di Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi, per i quali il Ministero della Salute ha emanato specifiche linee guida (circolare 7 giugno 1999, n. 8) che stabiliscono che tutti questi prodotti devono essere formulati in modo confacente alle esigenze nutrizionali per il tipo di attività svolta ed assicurare un ottimale biodisponibilità dei nutrienti apportati e sono collocabili nelle seguenti categorie: 1. prodotti finalizzati ad un integrazione energetica; 2. prodotti con minerali destinati a reintegrare le perdite idrosaline causate dalla sudorazione conseguente all attività muscolare svolta; 3. prodotti finalizzati all integrazione di proteine; 4. prodotti finalizzati all integrazione di aminoacidi e derivati; 5. prodotti contenenti derivati di aminoacidi: creatina; 6. altri prodotti con valenza nutrizionale adattati ad un intenso sforzo muscolare; 7. combinazione dei suddetti prodotti. Erroneamente, in quanto non vi sono sufficienti ricerche scientifiche che supportino tale condotta, molti atleti, o presunti tali, ingeriscono integratori a dosi elevate per migliorare la performance. La performance migliora con un buon allenamento nel rispetto delle proprie potenziali capacità. Sono i nostri geni a determinare le nostre potenziali capacità, gli integratori servono a mantenerci in buona salute così da poter allenarci al meglio. Ad esempio, una carenza di aminoacidi a catena ramificata o di glutammina (evento possibile in chi si allena molto) può indebolire il nostro sistema immunitario ed esporre al rischio di ammalarsi: ricordiamoci che anche un banale raffreddore rallenta il nostro allenamento perché impedisce di allenarsi o perché espone al rischio di complicanze se l allenamento viene comunque eseguito. A conclusione di queste brevi note sugli integratori per lo sport ci sembra opportuno ricordare quanto stabilisce il Codice di Deontologia Medica (capo II, art. 76, dell ottobre 9

8 1998): Il Medico non deve consigliare, prescrivere o somministrare trattamenti farmacologici o di altra natura diretti ad alterare le prestazioni di un atleta, in particolare qualora tali interventi agiscano direttamente o indirettamente, modificando il naturale equilibrio psico-fisico del soggetto e più recentemente la legge n. 376, del Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping (art. 1, comma 2) che definisce come doping la somministrazione o assunzione di farmaci o sostanze biologicamente e farmacologicamente attive o la sottoposizione a pratiche mediche non giustificate da condizioni patologiche ed idonee a modificare le condizioni psicofisiche o biologiche dell organismo al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti. Un atleta di alto livello che si alleni parecchie ore al giorno ha una notevole spesa energetica e dissipa elementi nutritivi e acqua (indispensabile per il mantenimento di una normale temperatura corporea). Utilizzare il cibo come unica risorsa di reintegrazione potrebbe non essere sufficiente. Vi sono atleti amatoriali che, come i campioni, si allenano anche più di due ore al giorno per 6-7 giorni alla settimana. Osservate le strade fuori dai centri urbani nei giorni festivi: pullulano di ciclisti che pedalano diverse ore con percorrenze spesso superiori ai 100 km, pensate che sia per loro sufficiente l acqua che hanno bevuto ai pasti o gli zuccheri ingeriti a colazione per mantenersi idratati e ricchi di risorse energetiche durante simili sforzi? E dopo tali allenamenti non pensate vi sia la necessità di favorire il recupero restituendo al corpo gli elementi nutritivi persi senza necessariamente ingurgitare enormi quantitativi di cibo? È corretto quindi supplementare l alimentazione con integratori secondo una strategia volta a mantenere il corpo in salute, a favorire un recupero fisiologico e a colmare eventuali deficit alimentari. È sbagliato assumere integratori a dosaggi non adeguati, con la volontà di migliorare la performance e con il risultato di fallire in tale direzione e, in taluni casi, arrecando danno alla salute. Tre sedute settimanali di aerobica giustificano una integrazione idrosalina durante lo sforzo ma non integrazioni giornaliere (suggerite dalla convinzione che si sia instaurata una carenza di questi elementi) di vitamine e proteine. Esattamente come portate la vostra autovettura dal meccanico per regolari revisioni, recatevi almeno una volta all anno da un medico specialista in medicina dello sport e fatevi consigliare come alimentarvi al meglio e che tipo di integrazione attuare. Noi cercheremo qui di seguito di fornire adeguate informazioni. Le linee guida del Ministero della Salute suggeriscono che allenamenti intensi necessitano di un adeguata reintegrazione che consente di allenarsi al meglio mantenendosi sani. Una carenza di glutamina, ad esempio, riduce il potenziale delle nostre difese immunitarie facilitando le infezioni. È logico comprendere come in questa situazione sia facile ammalarsi anche di un banale raffreddore, che impedisce comunque di allenarsi per qualche giorno e può esporre a rischio di complicazioni. INTEGRAZIONE IDROSALINA Nel corso di attività fisica in condizioni calde è possibile disidratarsi (perdere liquidi presenti nel corpo attraverso il sudore) a una velocità pari a 1-2 l l ora. 10

9 Anche una minima disidratazione può ridurre la performance. Man mano che l organismo si disidrata la temperatura interna del corpo umano tende pericolosamente ad alzarsi (ipertermia, uno stato simile alla febbre), viceversa se si mantiene un buon stato di idratazione la temperatura resta sotto controllo. Questo è molto importante nella preparazione fisica estiva (corsa, bici, palestra, ecc.) o in giornate calde sui ghiacciai dove comunque si suda. Cosa bere Nella scelta della bevanda è necessario tenere presente: Una buona palatabilità La bevanda ci deve piacere e non essere disgustosa per il nostro palato. Il gusto di una bevanda è soggettivo, inoltre, sotto sforzo, il gusto si modifica rispetto a una condizione di riposo. Occorre provare una bevanda in allenamento e fare una scala di giudizio. Un rapido svuotamento gastrico La bevanda deve superare rapidamente lo stomaco per entrare nell intestino dove avviene l assimilazione (passaggio intestino-sangue). Per accelerare lo svuotamento gastrico è utile che la bevanda non sia troppo concentrata (zuccheri ed elettroliti devono essere presenti in quantità moderata) e sia fresca di temperatura. Le bevande fresche (4-10 C) lasciano lo stomaco più rapidamente di quelle calde, sono più gradevoli e non sembrano determinare effetti negativi durante lo sforzo prolungato. L insorgenza di crampi gastrointestinali sembra avvenire se il volume dei liquidi assunti in un unico rifornimento è decisamente elevato. È preferibile bere ml di liquido a intervalli regolari di circa minuti. Un ottimo assorbimento intestinale L intestino deve cedere i liquidi al sangue e, sotto sforzo, solo un adeguata composizione della bevanda facilita l assorbimento. L assorbimento dei liquidi avviene prevalentemente in corrispondenza del tratto prossimale dell intestino tenue (duodeno e digiuno) e la velocità di assorbimento dipende dalla composizione e dall osmolarità delle bevande ingerite (in chimica l osmolarità misura la concentrazione delle soluzioni). Bevande con adeguate concentrazioni di glucosio e di sodio sono più facilmente assorbite a livello dell intestino tenue rispetto alla semplice acqua. Fornire elettroliti Il sudore fa disperdere sale e occorre evitare di diluire ulteriormente i pochi sali rimasti bevendo solo acqua (fenomeno noto come iponatremia, situazione pericolosa che ha portato alcuni maratoneti al ricovero a fine gara). Fornire un po di carboidrati (zuccheri) necessari a scopo energetico Indicazioni per idratarsi durante lo sport svolto nei mesi estivi Effettuare una corretta idratazione prima dell allenamento 11

10 Bere durante l allenamento Che si giochi a tennis o a calcio è importante interrompere un attimo per bere una bevanda da sport. Se si va in bicicletta la borraccia è facile da trasportare, nella corsa è buona norma, quando la temperatura è particolarmente calda, indossare quelle cinture studiate a tal scopo con una borraccia o tante piccole borraccette inserite. Preferire soluzioni ipo- o isotoniche (ossia con la giusta osmolarità) Avvalersi di bevande fresche e di gusto gradevole. VITAMINE Le vitamine sono composti organici che regolano e facilitano le reazioni chimiche che quotidianamente permettono al corpo umano di vivere. Non forniscono energia direttamente, ma aiutano la scomposizione dei macronutrienti necessaria a produrre energia. Il corpo non è in grado di produrre da solo le vitamine o quanto meno non in quantità sufficienti, per cui occorre recuperarle dal cibo o dagli integratori. Le vitamine essenziali sono tredici e si dividono in due gruppi principali, il primo è costituito dalle vitamine liposolubili (ossia che si sciolgono nel grasso) che il corpo è in grado di assorbire e immagazzinare per settimane o mesi nelle proprie parti grasse, il secondo gruppo è formato dalle vitamine idrosolubili (che si sciolgono nei liquidi corporei) che devono essere integrate ogni giorno perché vengono perse rapidamente. Le vitamine A, D, E e K sono vitamine liposolubili che il fegato e i tessuti adiposi immagazzinano finché il corpo non ne ha bisogno. La carenza di tali vitamine si riscontra soprattutto in quei soggetti che seguono una dieta povera di grassi, in quanto per essere veicolate ed assorbite richiedono la presenza di questi ultimi nella dieta. I principali effetti di queste vitamine sono: vitamina A: ha effetti positivi sulla vista, è necessaria per la crescita e lo sviluppo cellulare, per il mantenimento e l integrità dei tessuti epiteliali (ad esempio quello che costituisce la cute, quello che riveste il tratto respiratorio o il tratto digerente) e nel mantenimento dell efficienza del sistema immunitario; vitamina D: è indispensabile per l assorbimento del calcio e del fosforo quindi per il metabolismo osseo; vitamina E: fondamentalmente è un antiossidante e quindi molto importante nella protezione dai danni dei radicali liberi, interviene nei processi di riparazione dei tessuti e nella regolazione della coagulazione del sangue; vitamina K: interviene nei processi coagulativi del sangue in quanto regola la formazione di protrombina. Occorre essere molto cauti con l assunzione di queste vitamine tramite integratori, perché se introdotte in eccesso possono raggiungere livelli tossici data la loro capacità di accumulo nelle cellule adipose (le cellule di grasso). Le vitamine B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B5 (acido pantotenico), B6 (piridossina), B12 (cobalamina) e C (acido ascorbico), l acido folico e la biotina sono tutte 12

11 vitamine idrosolubili. Questo significa per il nostro organismo una miglior facilità di assorbimento, ma anche una più rapida escrezione con le urine; difficilmente si riesce ad immagazzinarli in quantità sufficienti ed è per questo motivo che è importante assumerne dosi adeguate quotidianamente. Tra tutte le vitamine assolutamente essenziali, anche nei sedentari, per il corretto svolgimento di molte reazioni nell organismo e facilmente rintracciabili in un alimentazione varia e completa, soprattutto se ricca in frutta e verdura, quelle di cui può sicuramente aumentare il fabbisogno in un atleta sono le vitamine del gruppo B. Le vitamine del gruppo B Tra le vitamine del gruppo B è opportuno sottolineare l importanza della piridossina (vitamina B6) e della cianocobalamina (vitamina B12), visto l aumento del turnover proteico e dei processi di resintesi in chi si allena quotidianamente ed in particolare nell atleta che si trova in un periodo di potenziamento delle capacità di forza con incremento, quindi, delle masse muscolari. Si stima che il fabbisogno aumenti in modo proporzionale a quello proteico e sia quindi circa il doppio rispetto ai sedentari. Queste vitamine, insieme all acido folico, risultano ulteriormente importanti se si dovesse instaurare un anemia da carenza di ferro accompagnata da macrocitosi (aumento del volume dei globuli rossi). Le altre vitamine del gruppo B diventano maggiormente richieste negli atleti che abbiano un notevole dispendio energetico globale con incremento dei processi ossidativi a scopo energetico. La vitamina C Una delle sue azioni principali è quella antiossidante. È importante per un atleta per le sue molteplici funzioni, maggiormente richieste in occasione di attività fisica regolare: miglior efficienza dell assorbimento del ferro per sintesi di emoglobina, sintesi di collagene, potenziamento delle difese immunitarie. È necessario associare sempre la vitamina C ad un eventuale reintegrazione di ferro. Ritengo che sia utile assumere un complesso vitaminico tutti i giorni in cui non si riesce ad assumere sufficienti quantità di frutta o verdura, meglio se a cicli di 3-4 settimane. GLI AMINOACIDI Le proteine sono sostanze organiche indispensabili, composte da carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto, che le nostre cellule utilizzano per crescere e riprodursi. Esistono diversi tipi di proteine, ma se osserviamo le loro molecole ci accorgiamo che risultano formate dall unione di molecole più piccole chiamate aminoacidi. Si conoscono una ventina di aminoacidi diversi e, a seconda del numero e dell ordine con cui essi si dispongono, si hanno diversi tipi di proteine. Dei venti aminoacidi solo otto sono considerati essenziali per il nostro organismo che può reperirli solamente dagli alimenti sia di origine animale che vegetale. Gli alimenti 13

12 di origine animale contengono tutti gli otto aminoacidi essenziali (leucina, isoleucina, valina, fenilalanina, lisina, metionina, treonina e triptofano), gli alimenti di origine vegetale sono invece sempre carenti di qualcuno degli aminoacidi essenziali, per questo, se vogliamo aumentare il valore biologico delle proteine vegetali dobbiamo combinare più alimenti per ottenere uno spettro aminoacidico completo. Quanti grammi di aminoacidi ramificati devo assumere? L assunzione consigliata generalmente è di 1 g di aminoacidi ramificati (Branched Chain Amino Acids, BCAA) ogni 10 kg di massa corporea magra. Un uomo di 80 kg, con una percentuale di massa grassa nella media, dovrà assumere quindi 7-8 g di BCCA suddividendo la dose prima e dopo l allenamento. Come possono aiutarmi gli aminoacidi a catena ramificata (BCAA)? Gli aminoacidi ramificati leucina, isoleucina e valina sono per l 80% i costituenti delle proteine contrattili del muscolo. Durante l attività sportiva prolungata i tre aminoacidi vengono degradati e trasformati poi in alanina per produrre glucosio a livello del fegato ed infine energia. Quindi anche le proteine vengono usate come combustibile e giocano un ruolo cruciale nel provvedere a mantenere durante l esercizio una concentrazione vitale di glucosio e nel ripristinare il glicogeno (glucosio di riserva, stipato nei muscoli e in parte anche nel fegato) durante il recupero post-esercizio. Recenti valutazioni suggeriscono che gli aminoacidi forniscono dal 5 al 15% del fabbisogno energetico. I PROTETTORI DELLA CARTILAGINE Le articolazioni (ginocchio, caviglia, ecc.) prevedono l interfacciarsi di due ossa. Nel ginocchio, ad esempio, si interfacciano la parte terminale del femore e quella iniziale della tibia (piatto tibiale). La parte dell osso che si interfaccia all altro osso è avvolta da una sostanza chiamata cartilagine. La cartilagine articolare, che riveste le superfici articolari, è formata da un materiale lucido e liscio che permette lo scorrimento tra le due superfici. Ha uno spessore che va da 0,2 a 6 mm e facilita una più morbida coincidenza dei capi articolari riducendone l usura nelle sollecitazioni fisiologiche e nei microtraumi. È una sorta di foglietto protettivo che avvolge le superfici articolari. Provate a mangiare una coscia di pollo e osservate l osso, vedrete che nella parte arrotondata, al termine dell osso (quella che si articola col sottocoscia), la superficie è differente rispetto al resto: quella è la cartilagine. La cartilagine può rompersi per un trauma diretto come capita nei gravi infortuni sciistici che spesso coinvolgono i menischi e/o i legamenti (in questo caso, solitamente il danno è circoscritto ad una piccola porzione). Oppure può deteriorarsi progressivamente soprattutto se si è stati sottoposti a un intervento di meniscectomia (asportazione di un frammento di menisco), soprattutto se si tratta del menisco laterale, o se si sono subiti numerosi traumi. 14

13 Sarebbe utile, in caso di importanti interventi chirurgici al ginocchio o a seguito di ripetuti infortuni al ginocchio o alle caviglie, integrare la propria alimentazione con prodotti che favoriscano lo stato di salute della cartilagine. Si tratta proprio di integratori (non farmaci) che influiscono positivamente su di essa. Ricordo, ad esempio, la glucosamina e il condroitinsolfato, polisaccaridi ad alto peso molecolare (glicosaminoglicani), che rientrano tra i componenti costituenti della cartilagine articolare. In laboratorio, la glucosamina si è dimostrata in grado di modificare il metabolismo dei condrociti (le cellule che producono la cartilagine) e di svolgere una funzione immunomodulatrice, azione che porterebbe a una riduzione dell infiammazione. Il condroitinsolfato, in condizioni fisiologiche, contribuisce alla elasticità della cartilagine e ne riduce la degradazione. L associazione avrebbe pertanto una funzione sinergica nel rallentare la progressione del danno articolare. Astrand Po, Rodhal K. Textbook of Work Physiology. 4 th edn. Champaign, IL(USA): Human BIBLIOGRAFIA Kinetics Publisher Botrè F, Tranquilli C. Uso e diffusione degli DI RIFERIMENTO integratori in Italia. Opinioni a confronto. Med Sport 2001;54: Commissione delle Comunità Europee. Libro bianco sulla sicurezza alimentare. Bruxelles COM (1999) 719 def. Decreto legislativo 21 maggio 2004, n Attuazione della Direttiva 2002/46/CE relativa agli integratori alimentari. Gazzetta Ufficiale n. 164, 17 luglio Giampiero M. L alimentazione per l esercizio fisico e lo sport. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore Ministero della Salute. Circolare 18 luglio 2002, n. 3. Applicazione della procedura di notifica di etichetta di cui all art. 7 del decreto legislativo 111/92 ai prodotti a base di piante e derivati aventi finalità salutistiche. Gazzetta Ufficiale n. 188, 12 agosto Ministero della Salute. Circolare 25 luglio 2002, n. 4. Problematiche connesse con il settore degli integratori alimentari: indicazioni e precisazioni. Gazzetta Ufficiale n. 215, 13 settembre Ministero della Salute. Decreto 19 novembre Elenco dei prodotti autorizzati ai sensi dell art. 8 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 111, come alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi. Gazzetta Ufficiale n. 297 (suppl. ord. n. 234), 19 dicembre Ministero della Sanità. Circolare 7 giugno 1999, n. 8. Linee guida sugli alimenti adatti ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi. Gazzetta Ufficiale n. 135, 11 giugno Unione Europea. Commissione delle Comunità Europee. Proposta modificata di direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio per il riavvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative agli integratori alimentari. Bruxelles COM (2001) 159 def. Unione Europea. Direttiva 2004/27/CE del Parlamento e del Consiglio del 31/3/2004 concernente la modifica, per quanto riguarda i medicinali vegetali tradizionali, della direttiva 2001/83/CE recante un codice comunitario relativo ai medicinali per uso umano. Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea L. 136/85, 30 aprile World Anti-Doping Agency. The World Anti-Doping Code. The 2004 Prohibited List International Standard. Copenhagen: WADA

14 Rodolfo Tavana nasce a Como nel In gioventù si dedica molto allo sport praticando basket e atletica leggera nella nazionale giovanile. Si laurea in Medicina e Chirurgia e si specializza in Ortopedia e Traumatologia e in Medicina dello Sport presso l Università degli Studi di Milano. Nel 1978 inizia a collaborare con l Istituto di Medicina dello Sport di Milano e con la Federazione Italiana Sport Invernali come medico e coordinatore sanitario. In quegli anni collabora con la Comense basket e con l atletica leggera seguendo campioni plurimedagliati come Cova e Panetta: responsabile medico a due Olimpiadi invernali (Sarajevo e Calgary), a tre Campionati Mondiali nello sci nordico ( ), a un Campionato Mondiale in atletica (Roma 87) e a un Campionato Europeo di atletica (Stoccarda 86). Nel 1987 approda al Milan A.C. come responsabile sanitario e vi resta fino al 2003, periodo ricco di successi: 6 Campionati Italiani, 4 Champions League, 2 Coppe Intercontinentali, 3 Supercoppe Europee, 4 Supercoppe Italiane, 1 Coppa Italia. Negli anni 90 è professore a contratto per l insegnamento di Traumatologia dello Sport presso la specialità di Ortopedia e Traumatologia dell Università di Pavia. Nel 1998, si trasferisce presso la Scuola di Specialità in Medicina dello Sport dell Università dell Insubria (Varese) diretta dal prof. Paolo Cherubino per l insegnamento di Traumatologia nel Calcio. Membro dell American College of Sports Medicine, National Athletic Trainers Association, National Strength and Conditioning Association. Nel 1998 ha ottenuto il titolo di team physician a Orlando (Florida, USA) e lo rinnova nel 2008 a Lofoten Island (Norvegia) nel corso organizzato dalla società scandinava di medicina dello sport. Nel 2006 rientra nella FISI come medico responsabile dello snowboard e dal 2008 anche come responsabile della medicina dello sport per tutte le discipline di scivolamento.

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Momenti di Gloria La medicina incontra lo sport: i muscoli Genova 18 aprile 2013 Alimentazione e sport Luca Spigno La dieta dello sportivo è diversa da quella del soggetto sedentario? Come dobbiamo nutrirci

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO

Sostituisci 1 o 2 dei tre pasti principali giornalieri con altrattanti shake FORMULA 1 PRO SOSTITUTO DEL PASTO PER SPORTIVI Prima dell allenamento, scegli una nutrizione che ti dà sicurezza. Nutrizione bilanciata ricca di carboidrati, proteine, vitamine e minerali, Formula 1 Pro è un sostituto

Dettagli

ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE

ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE ENERVIT CONSIGLI NUTRIZIONALI E DI INTEGRAZIONE Disciplina: Sci Alpinismo Luogo: Aosta Data: 30 Marzo - 1 aprile 2012 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 - GLI INTEGRATORI: che cosa sono e a cosa servono 2 - IDRATAZIONE

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

CONInforma Sport e corretti stili di vita

CONInforma Sport e corretti stili di vita Numero 10 del 15 ottobre 2014 A cura del Dott. Sergio Zita Responsabile sportello CONInforma INTEGRAZIONE IDRICA ENERGETICA MINERALE NELLA PRATICA SPORTIVA Di fondamentale importanza nella pratica sportiva,

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

Integrazione di silice - Benefici riportati

Integrazione di silice - Benefici riportati Integrazione di silice - Benefici riportati Riduzione del dolore e dell infiammazione dei legamenti Migliorata elasticità della pelle Migliorata idratazione della pelle Stimolazione della formazione e

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità

UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità UN LABIRINTO di PRODOTTI fortemente pubblicizzati e di facile reperibilità Guaranà Ginseng siberiano Ma-Huang Tibulus silvestris Creatina Carnitina - Proteine AminoAcidiRamificati (BCAA) Vitamina A Ferro

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

l integrazione sportiva nella pratica della MTB

l integrazione sportiva nella pratica della MTB l i lintegrazione i sportiva nella pratica della MTB Integrazione Sportiva L integrazione sportiva serve a sostenere la PRESTAZIONE dello sportivo nel pieno rispetto dei suoi PROCESSI FISIOLOGICI, con

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI.

ENERGIA CONCENTRATA NEI TUOI MUSCOLI. CARBOIDRATI. I carboidrati rappresentano la principale fonte di energia delle cellule. Essi fungono da combustibile di pronto e facile impiego e di maggior rendimento. I CARBOIDRATI possono essere divisi

Dettagli

Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di

Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Alimenti e integratori nel bambino che pratica sport: ricostituenti o doping Antonietta Marchi Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Scienze Clinico-Chirurgiche, Diagnostiche e Pediatriche Scienze

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

E' arrivata Herbalife24

E' arrivata Herbalife24 E' arrivata Herbalife24 N 3 5 Piuma Road: Malibu, CA 6 Michael O. Johnson Herbalife CEO Sulla maglia, nel corpo! Identità Certificazione Attivazione Herbalife24 filosofia: Completa: 7 prodotti, programma

Dettagli

INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo)

INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo) INTEGRATORI LIFECODE A SUPPORTO DEGLI SPORT DI ENDURANCE (Ciclismo, Nuoto e Corsa sulle medie/lunghe distanze, Triathlon, Escursionismo) Lifecode è un azienda italiana che produce integratori di qualità,

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute.

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. Le nuove scoperte avvenute nel campo scientifico e medico hanno notevolmente aumentato la qualità della vita. Contemporaneamente, l inquinamento,

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO

L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO Andrea Re Andrea Gornati In collaborazione con Prof. Fulvio Marzatico Direttore Laboratorio di Farmacobiochimica Docente di Alimentazione e Nutrizione Umana (Università di

Dettagli

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 Le Vitamine Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Le Vitamine Conosciamo le vitamine dall 800;

Dettagli

Come prepararsi alla maratona Consigli per le quattro settimane prima e dopo la gara

Come prepararsi alla maratona Consigli per le quattro settimane prima e dopo la gara Come prepararsi alla maratona Consigli per le quattro settimane prima e dopo la gara Ogni maratona è un avventura. Tuttavia, se si arriva preparati all appuntamento, l avventura si trasforma in un esperienza

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

I grassi sono un substrato energetico ad elevata capacità ma a bassa potenza.

I grassi sono un substrato energetico ad elevata capacità ma a bassa potenza. Per le performance di lunga durata (prove di ciclismo su strada, maratona, triathlon, prove di marcia, prove di nuoto della categoria fondo) sono previsti dei rifornimenti proprio durante la performance

Dettagli

L alimentazione. Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma. Centro Tecnico Federale FIB

L alimentazione. Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma. Centro Tecnico Federale FIB L alimentazione nella ll disciplina di i li Bocce Erminia Ebner Dietista Specializzata Scienze della Nutrizione Umana Scuola dello Sport C.O.N.I. Roma Centro Tecnico Federale FIB Michelangelo Giampietro

Dettagli

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.).

La termoregolazione. I processi vitali avvengono in condizioni ottimali solo in ambito di temperature molto ristrette (circa 37 c.). Indice La termoregolazione Il metabolismo energetico Lo stress metabolico: significato e possibili conseguenze La corretta alimentazione ed idratazione dello sportivo Il doping Esigenze nutrizionali PRIMA

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Una dieta corretta, unita ad allenamenti adeguati, è infatti in grado di migliorare in modo significativo il rendimento sportivo.

Una dieta corretta, unita ad allenamenti adeguati, è infatti in grado di migliorare in modo significativo il rendimento sportivo. IL CIBO DEGLI ATLETI E ovvio supporre che agli atleti di alto livello venga prescritto un regime alimentare dettato dalle più avanzate conoscenze nutrizionali, affinchè possano esprimere il massimo delle

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

Alimentazione ed integrazione nello sportivo

Alimentazione ed integrazione nello sportivo Alimentazione ed integrazione nello sportivo ITALO GUIDO RICAGNI Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI. per sportivi

INTEGRATORI ALIMENTARI. per sportivi INTEGRATORI ALIMENTARI per sportivi PREWORKOUT! Barattolo da 540 g, 12 porzioni al gusto di arancia. PREWORKOUT! è un integratore alimentare per sportivi, adatto ai vegani, certificato senza glutine, senza

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita I cuccioli hanno un fabbisogno nutrizionale più elevato: non devono solo preoccuparsi del buon funzionamento del loro organismo e di mantenere la giusta temperatura corporea, ma devono anche sviluppare

Dettagli

Herbalife24 è una soluzione completa per lo sportivo, ideata per soddisfare le esigenze dell'atleta 24 ore su 24. Il prodotto base della linea

Herbalife24 è una soluzione completa per lo sportivo, ideata per soddisfare le esigenze dell'atleta 24 ore su 24. Il prodotto base della linea Herbalife24 è una linea completa di nutrizione per lo sport rivolta a tutti: da chi pratica saltuariamente jogging, a chi si reca ogni giorno in palestra, all atleta professionista - Herbalife24 ti offre

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

5 PILASTRI PER UN OTTIMA PREPARAZIONE PRE-GARA 100%

5 PILASTRI PER UN OTTIMA PREPARAZIONE PRE-GARA 100% 01 02 03 5 PILASTRI UN OTTIMA PREPARAZIONE PRE-GARA UN OTTIMA PREPARAZIONE PRE-GARA 01 Perchè una guida? Questa guida è stata creata da Nilox in collaborazione con Ivan Basso. Insieme a Ivan vogliamo fornire

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Che cosa e l allenamento

Che cosa e l allenamento Che cosa e l allenamento teoria Definizione comportamento idoneo a modificare la capacità di prestazione motoria, fisica o psichica (cognitiva) fisiologia eccezione alla regola generale dell omeostasi

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI

INTEGRATORI ALIMENTARI INTEGRATORI ALIMENTARI IL VOSTRO BENESSERE E IL NOSTRO OBIETTIVO! NASCE UNA NUOVA LINEA PRODOTTO In un mondo sempre più frenetico ed esigente... In un ambiente sempre più pericoloso per il nostro organismo

Dettagli

ALIMENTAZIONE E PERFORMANCE SPORTIVA AMATORIALE E PROFESSIONISTICA Prof. IVO PULCINI Prof. ANGELO PULCINI PREMESSA Una dieta sana ed equilibrata spesso non basta a soddisfare le richieste nutrizionali

Dettagli

RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI

RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI RIDUZIONE DEL PESO NEGLI ATLETI: DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE E ASPETTI NUTRIZIONALI INTRODUZIONE L alimentazione dello sportivo deve: Assicurare un apporto di calorie sufficienti a coprire i dispendi energetici.

Dettagli

INTEGRAZIONE IDRO-SALINA: la parola al nutrizionista.

INTEGRAZIONE IDRO-SALINA: la parola al nutrizionista. INTEGRAZIONE IDRO-SALINA: la parola al nutrizionista. Il dott. Francesco Fagnani, nutrizionista ed esperto in alimentazione e integrazione dello sportivo, risponderà alle nostre domande, svelando consigli

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas

Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas Tratto dal libro Come vivere 150 anni Dr. Dimitris Tsoukalas CAPITOLO 18 - Quanto sono sicure le vitamine? Una delle cose che sembrano confondere di più il pubblico e gli scienziati nel campo della salute

Dettagli

Salsomaggiore, 17 ottobre 2009 VI Congresso Nazionale SIAS

Salsomaggiore, 17 ottobre 2009 VI Congresso Nazionale SIAS Salsomaggiore, 17 ottobre 2009 VI Congresso Nazionale SIAS Il ferro nell atleta atleta Enrico Arcelli Dipartimento di Scienze dello Sport, Nutrizione e Salute Università degli Studi di Milano L ANEMIA

Dettagli

CICLISMO E ALIMENTAZIONE

CICLISMO E ALIMENTAZIONE CICLISMO E ALIMENTAZIONE Il ciclismo su strada o pista e la mountain bike sono sport di endurance caratterizzati da un elevato dispendio energetico. Per questo, l alimentazione e l integrazione, dando

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

Alimentazione ed Integrazione nel Nuoto Agonistico Dalla fisiologia alle esigenze nutrizionali dell atleta

Alimentazione ed Integrazione nel Nuoto Agonistico Dalla fisiologia alle esigenze nutrizionali dell atleta Alimentazione ed Integrazione nel Nuoto Agonistico Dalla fisiologia alle esigenze nutrizionali dell atleta Prof. Claudio Ciapparelli Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute Università degli Studi

Dettagli

Funzioni principali. Il ferro è il costituente di:

Funzioni principali. Il ferro è il costituente di: Il ferro è un minerale molto importante per il sangue. E' utilizzato nella produzione dell'emoglobina (una proteina presente nei globuli rossi). In particolare, l'emoglobina è la proteina responsabile

Dettagli

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia.

Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (<2-2.4 kg) malattie gravi durante l infanzia. Fabbisogno energetico in gravidanza Una corretta nutrizione é estremamente importante in gravidanza: bambini nato sottopeso (

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

INTEGRAZIONE NUTRIZIONALE

INTEGRAZIONE NUTRIZIONALE INTEGRAZIONE NUTRIZIONALE Integratori alimentari Gli integratori alimentari sono definiti dalla normativa di settore (Direttiva 2002/46/CE, attuata con il decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169) come:

Dettagli

COME PREPARARE I 10 KM SU STRADA IN 15 GIORNI

COME PREPARARE I 10 KM SU STRADA IN 15 GIORNI COME PREPARARE I 10 KM SU STRADA IN 15 GIORNI CONSIGLI DIETETICI E ALLENAMENTO PER OTTIMIZZARE LA PRESTAZIONE! Che siate atleti già di ottimo livello in cerca del massimo risultato oppure sedentari che

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

Luigi Gratton Vice President, Education Nutrition Advisory Board. Prodotti Potenti = Nutrizione Potente2

Luigi Gratton Vice President, Education Nutrition Advisory Board. Prodotti Potenti = Nutrizione Potente2 Luigi Gratton Vice President, Education Nutrition Advisory Board Prodotti Potenti = Nutrizione Potente2 Un Team Forte Ricerca d avanguardia e passione illimitata -David Heber La forza della Scienza grazie

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

ACQUA ALCALINA IONIZZATA

ACQUA ALCALINA IONIZZATA Dott.ssa M. Chiara Cuoghi ACQUA ALCALINA IONIZZATA... i benefici: IL CORPO UMANO ADULTO E COSTITUITO AL 70% D ACQUA QUANTA acqua si deve introdurre ogni giorno nel corpo per mantenere un adeguata idratazione?

Dettagli

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali Pier Paolo Pasolini Istituto Tecnico Statale Sperimentale ad indirizzi linguistico e turistico Via Bistolfi, 15 20134 Milano, tel.022104001 www.itspasolini.eu Vivere bene con sé e con gli altri 7 maggio

Dettagli

La salute si conquista con il 5!

La salute si conquista con il 5! Nutrirsi di salute - Aprile 2011 La salute si conquista con il 5! È risaputo che frutta e verdura apportano benefici al nostro organismo. Quante porzioni dobbiamo consumarne ogni giorno? Questi preziosi

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

(pubbl. in Gazz. Uff. delle Comunità Europee n. L 183 del 12 luglio 2002). IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA,

(pubbl. in Gazz. Uff. delle Comunità Europee n. L 183 del 12 luglio 2002). IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, Direttiva 2002/46/CE del 10 giugno 2002. Direttiva 2002/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 giugno 2002 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori

Dettagli

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane

SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane SPIANA LA PANCIA & COSTRUISCI MUSCOLI Il tuo programma di 8 settimane Al fine di perdere peso e costruire muscoli in modo efficace, sono necessari cambiamenti nella tua dieta e un adeguato esercizio fisico

Dettagli

Il nostro programma. Le nostre proposte di dieta sportiva

Il nostro programma. Le nostre proposte di dieta sportiva Il nostro programma Le nostre proposte di dieta sportiva Il nostro centro offre programmi dietetico-nutrizionali, scientificamente validati, atti a soddisfare le esigenze personali del soggetto sulla base

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

Marca: GJAV Nome: LIKEPROTEIN! Formato: pilloliera 200 compresse EAN 13: 8057741550051 PARAF: 923206926

Marca: GJAV Nome: LIKEPROTEIN! Formato: pilloliera 200 compresse EAN 13: 8057741550051 PARAF: 923206926 Nome: LIKEPROTEIN! Formato: pilloliera 200 compresse EAN 13: 8057741550051 PARAF: 923206926 LIKEPROTEIN! è un integratore alimentare per sportivi, adatto ai vegani, certificato senza glutine, senza LIKEPROTEIN!

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI. Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano

INTEGRATORI ALIMENTARI. Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano INTEGRATORI ALIMENTARI Prof. Paola Minghetti Facoltà di Farmacia Università degli Studi di Milano Regolamento Claim Alimento Sicurezza per tradizione Novel Food Integratori alimentari Regolamento Claim

Dettagli

Dr. MASSIMILIANO DI MONTIGNY Responsabile Vendite ES Italia Srl

Dr. MASSIMILIANO DI MONTIGNY Responsabile Vendite ES Italia Srl Dr. MASSIMILIANO DI MONTIGNY Responsabile Vendite ES Italia Srl 1 Strategie di idratazione e integrazione per il podista ed il marciatore 2 CONTATTI m.dimontigny@ethicsport.com espertorisponde@ethicsport.com

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food

I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Catalogo 2015. Pet-Food I tuoi amici, sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Catalogo 2015 Pet-Food Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo le

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE U.O.S.D. TERAPIA NUTRIZIONALE Centro di Riferimento Regionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare INRCA IRCCS Ancona Responsabile Dott. Paolo Orlandoni MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Dettagli